C O M U N E D I C A R I M A T E (Provincia di Como) REGOLAMENTO I.C.I. (IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C O M U N E D I C A R I M A T E (Provincia di Como) REGOLAMENTO I.C.I. (IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI)"

Transcript

1 C O M U N E D I C A R I M A T E (Provincia di Como) REGOLAMENTO I.C.I. (IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI) APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. n. 4 del

2 I N D I C E TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento... Pag. 3 Art. 2 - Definizione di fabbricati ed aree...» 3 Art. 3 - Determinazione delle aliquote e detrazioni d'imposta...» 4 TITOLO II AGEVOLAZIONI ED ESENZIONI Art. 4 - Abitazione principale...» 4 Art. 5 - Riduzioni di imposta...» 5 Art. 6 - Esenzioni...» 6 TITOLO III DENUNCE, ACCERTAMENTO, CONTROLLI Art. 7 - Denunce...» 6 Art. 8 - Versamenti...» 7 Art. 9 - Liquidazioni e Accertamenti...» 7 Art Attività di controllo...» 7 Art Rimborsi...» 8 Art Contenzioso...» 8 TITOLO IV DISPOSIZIONI FINALI Art Norme di rinvio...» 9 2

3 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina l'applicazione dell'imposta comunale sugli immobili nel Comune di Carimate, nell'ambito della potestà regolamentare prevista dagli artt. 52 e 59 del decreto legislativo , n. 446, e da ogni altra disposizione normativa. Art. 2 - Definizione di fabbricati ed aree 1. Gli immobili soggetti ad imposta ai sensi dell'art. 1 del D. Lgs. 504/1992 sono così definiti: - fabbricato: l'unità immobiliare iscritta o che deve essere iscritta nel catasto edilizio urbano, considerandosi parte integrante del fabbricato l'area occupata dalla costruzione e quella di pertinenza; il fabbricato di nuova costruzione è soggetto ad imposta a partire dalla data di ultimazione dei lavori ovvero, se antecedente, dalla data in cui è comunque utilizzato o accatastato; - area fabbricabile: l'area utilizzabile a scopo edificatorio in base agli strumenti urbanistici generali o attuativi ovvero in base alle possibilità effettive di edificazione determinate secondo i criteri previsti agli effetti dell'indennità di espropriazione per pubblica utilità. L'edificabilità dell'area non deve necessariamente discendere da piani urbanistici particolareggiati, essendo sufficiente che tale caratteristica risulti da un piano regolatore generale. Al fine di ridurre al minimo l'insorgenza del contenzioso, i valori venali minimi in comune commercio delle aree fabbricabili, come stabiliti dal comma 5 dell'art. 5, del decreto legislativo n. 504/1992, per zone omogenee, ai fini dell'applicazione dell'imposta comunale sugli immobili, vengono determinati come specificato dalla seguente tabella: VALORE MINIMO EURO/MQ ZONA P.R.U.G. ANNO 2007 DOPO ADEGUAMENTO ISTAT (1,7%) 3 VALORE MINIMO EURO/MQ ANNO 2008 DOPO ADEGUAMENTO ISTAT (1,6%) A1 - A2 57,88 58,81 B1 65,67 66,72 B2 63,43 64,44 C1 - C2 - C3 - C4 75,67 76,88 D1 68,99 70,09 D2 66,78 67,85 D3 65,67 66,72 Aree soggette a vincolo di uso pubblico con vocazione edificatoria (es. fascia di rispetto 12,25 12,45 stradale, fascia di rispetto pozzi per acqua, ecc.) Per le aree inserite in Piani Attuativi si applica una riduzione dei valori sopra riportati pari al 5%. 2. L'area di pertinenza di immobili esistenti non è sottoposta al pagamento dell'imposta: a) Nel caso di superficie residua residenziale, se il volume residuo edificabile, non supera i 200 mc; b) Nel caso di superficie residua produttiva e/o terziaria-commerciale, l'area residua edificabile non superi il 10% dell'area edificata. In caso di superamento di detti limiti, l'imposta sarà dovuta per l'eccedenza. Non sono sottoposti a rettifica i valori delle aree fabbricabili quando l'importo sia stato versato sulla base di un valore non inferiore a quello predeterminato.

4 I valori come sopra determinati potranno essere variati, con deliberazione dell Ente, da adottare entro la data fissata per la deliberazione del bilancio di previsione,salvo diversa disposizione di legge, ed avranno vigore a decorre dal 1 gennaio dell anno di riferimento del Bilancio di Previsione. In assenza di modifiche i predetti valori si intendono confermati anche per l'anno successivo". Sono tuttavia considerati terreni agricoli quelli posseduti e condotti da coltivatori diretti o imprenditori agricoli che esplicano la loro attività a carattere principale, sui quali persiste l'utilizzazione agro silvo pastorale mediante l'esercizio di attività dirette alla coltivazione del fondo, alla funghicoltura, all'allevamento di animali, se si verificano le seguenti condizioni: a) la condizione del soggetto passivo quale coltivatore diretto o imprenditore agricolo deve essere confermata dall'iscrizione negli appositi elenchi comunali dei coltivatori diretti, mezzadri e coloni appartenenti ai rispettivi nuclei familiari, previsti dall'art. 1 della legge , n. 9, con obbligo di assicurazioni per invalidità, vecchia e malattia; b) il lavoro effettivamente dedicato all'attività agricola da parte del soggetto passivo e dei componenti il nucleo familiare deve fornire un reddito pari al 70% del reddito complessivo imponibile IRPEF determinato per l'anno precedente; - terreno agricolo: il terreno adibito all esercizio delle attività indicate nell art del codice civile. Art. 3 - Determinazione delle aliquote e detrazioni d'imposta 1. Le aliquote e detrazioni d'imposta sono approvate annualmente dall organo competente con deliberazione adottata entro la data fissata da norme statali per la deliberazione del bilancio di previsione e comunque antecedentemente all effettiva approvazione del bilancio di previsione. 2. Con la medesima deliberazione con la quale vengono approvate le aliquote e le detrazioni, possono essere stabilite le misure di eventuali maggiori detrazioni, e le categorie che ne possono beneficiare. TITOLO II AGEVOLAZIONI ED ESENZIONI Art. 4 - Abitazione principale 1. Si intende abitazione principale quella nella quale il soggetto passivo dell imposta, persona fisica residente nel Comune ed i suoi familiari dimorano abitualmente, considerando tale, fino a prova contraria, quella di residenza anagrafica. 2. Sono considerate altresì abitazioni principali : a) abitazione utilizzata dai soci delle cooperative edilizie a proprietà indivisa; b) alloggio regolarmente assegnato da Istituto autonomo per le case popolari o ALER; c) Abitazione concessa in uso gratuito dal possessore ai parenti fino al secondo grado sia in linea retta che collaterale, o al coniuge a condizione che gli stessi risultino residenti nell immobile. I contribuenti che intendono applicare la detrazione per abitazione principale e l aliquota ridotta eventualmente deliberata dovranno presentare su appositi modelli predisposti dal Comune comunicazione relativa all ubicazione dell immobile, e agli identificativi catastali. La comunicazione dovrà essere presentata, a pena di decadenza, entro la data del 1 versamento dovuto, le eventuali variazioni andranno comunicate entro il termine di presentazione delle dichiarazioni di variazione. 3. L Amministrazione comunale ha facoltà di prevedere con apposita deliberazione, per le unità immobiliari adibite ad abitazione principale le seguenti agevolazioni: aliquota ridotta, non inferiore al 4 per mille, ai sensi dell'art. 4 del D.L , n. 437, convertito con L , n. 556; 4

5 detrazione d'imposta, l'ammontare della detrazione è determinata a norma di legge, e si applica sull'imposta dovuta per l'abitazione principale e relative pertinenze, fino a concorrenza del suo ammontare; se l'abitazione è utilizzata da più soggetti la detrazione spetta a ciascuno di essi in ragione della quota di utilizzo, indipendentemente dalla quota di possesso. 4. Il Comune ha facoltà di aumentare l'importo della detrazione, con deliberazione annuale adottata con le modalità ed i termini di cui al comma precedente; in alternativa può prevedere una riduzione percentuale dell'imposta dovuta. 5. Le agevolazioni sopra descritte sono rapportate al periodo dell'anno durante il quale permane la destinazione dell'unità immobiliare ad abitazione principale. 6. Sono considerate parti integranti dell'abitazione principale le sue pertinenze, ancorché iscritte distintamente in catasto, pertanto si applicherà la stessa aliquota stabilita per l abitazione principale. Si intende per pertinenza il garage o box o posto auto, la soffitta, la cantina, che sono ubicati nello stesso immobile o comunque entro il raggio di mt. 200 dall abitazione principale. 7. Sono considerate pertinenze dell abitazione principale le aree che, a richiesta del proprietario e con atto pubblico non revocabile, vengono asservite, in tutto o in parte, al fabbricato, in base all art. 817 del codice civile. Tali aree non potranno più essere conteggiate ai fini degli indici di edificabilità.. Art. 5 - Riduzioni d'imposta 1. L'imposta è ridotta del 50 per cento per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell'anno durante il quale sussistono tali condizioni. L'inagibilità o inabitabilità deve consistere in un degrado fisico sopravvenuto (fabbricato diroccato, pericolante, fatiscente) non superabile con interventi di manutenzione ordinaria. Il fabbricato può essere costituito da una o più unità immobiliari (unità immobiliari individuate secondo le vigenti procedure di accatastamento), anche con diversa destinazione d'uso, ove risulti inagibile o inabitabile l'intero fabbricato o le singole unità immobiliari. In quest'ultimo caso le riduzioni d'imposta dovranno essere applicate alle sole unità immobiliari inagibili o inabitabili e non all'intero edificio. 2. Si intendono tali i fabbricati o le unità immobiliari con le sottodescritte caratteristiche: Immobili che necessitino di interventi di restauro e risanamento conservativo e/o di ristrutturazione edilizia, ai sensi dell'art. 31, comma 1, lett. c) e d), della legge 5 agosto 1978, n. 457 ed ai sensi delle disposizioni contenute nel vigente Regolamento Edilizio comunale e che, nel contempo, risultino diroccati, pericolanti e fatiscenti. A titolo esemplificativo, si possono ritenere tali se ricorrono le seguenti condizioni: a) strutture orizzontali (solai e tetto di copertura) con gravi lesioni che possano costituire pericolo a cose o persone, con rischi di crollo; b) strutture verticali (muri perimetrali o di confine) con gravi lesioni che possano costituire pericolo e possano far presagire danni a cose o persone, con rischi di crollo parziale o totale; c) edifici per i quali è stata emessa ordinanza sindacale di demolizione o ripristino atta ad evitare danni a persone; d) edifici che per le loro caratteristiche intrinseche ed estrinseche di fatiscenza non siano compatibili all'uso per il quale erano destinati, quali la vetustà della costruzione accompagnata dalla mancanza delle parti ornamentali e di finitura del fabbricato (mancanza di infissi, di allaccio alle opere di urbanizzazione primaria, ecc.); 3. L'inagibilità o inabitabilità viene accertata per ogni periodo di imposta: a) mediante perizia tecnica da parte dell'ufficio tecnico comunale, con spese a carico del proprietario; b) da parte del contribuente con dichiarazione sostitutiva ai sensi della legge , n La dichiarazione di inagibilità dovrà essere presentata anteriormente al primo versamento nel quale venga applicata la riduzione. 5. Il Comune si riserva comunque di verificare la veridicità della dichiarazione presentata dal contribuente ai sensi del successivo comma, mediante l'ufficio Tecnico comunale, ovvero mediante tecnici liberi professionisti all'uopo incaricati. 5

6 Art. 6 - Esenzioni 1. Oltre alle esenzioni previste dall art. 7 del D. Lgs. 504/1992, si applica l esenzione prevista al punti i) dell art. 7 del D.L.gs. 504/1992, concernente gli immobili utilizzati da enti non commerciali, soltanto ai fabbricati a condizione che gli stessi, oltre che utilizzati, siano posseduti dall'ente non commerciale utilizzatore. TITOLO III DENUNCE, ACCERTAMENTO, CONTROLLI Art. 7 - Denunce 1. Ai sensi dell art. 37 comma 53 del D.L. 223/2006, a decorrere dall'anno 2007 e' soppresso l'obbligo di presentazione della dichiarazione ai fini dell'imposta comunale sugli immobili (ICI), di cui all'articolo 10, comma 4, del decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, ovvero della comunicazione prevista dall'articolo 59, comma 1, lettera l), n. 1),del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n Ai sensi dell art. 1 comma 174 della Legge 296 del 27/12/2006, resta fermo l'obbligo di presentazione della dichiarazione nei casi in cui gli elementi rilevanti ai fini dell'imposta dipendano da atti per i quali non sono applicabili le procedure telematiche previste dall'articolo 3-bis1 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 463, concernente la disciplina del modello unico informatico (M.U.I.). 3. La dichiarazione, laddove e come prevista dal precedente comma, debitamente sottoscritta, può essere presentata direttamente al Comune, che rilascia ricevuta, oppure inviata per posta mediante raccomandata senza ricevuta di ritorno entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi 4. Ai sensi dell art.1 comma 173 lettera c) della legge 296/2006 mutano i termini previsti dal comma 6 dell art.10 del D. Lgs. 504/92 e precisamente : Per gli immobili compresi nel fallimento o nella liquidazione coatta amministrativa il curatore o il commissario liquidatore, entro novanta giorni dalla data della loro nomina, devono presentare al comune di ubicazione degli immobili una dichiarazione attestante l'avvio della procedura. Detti soggetti sono, altresi', tenuti al versamento dell'imposta dovuta per il periodo di durata dell'intera procedura concorsuale entro il termine di tre mesi dalla data del decreto di trasferimento degli immobili 5. La dichiarazione, laddove e come prevista dal comma 1, in presenza di più contitolari soggetti passivi dell imposta, può essere presentata in un unico modello, purché riporti tutti i dati relativi ai contitolari stessi. 1 DECRETO LEGISLATIVO 18 gennaio 2000, n.9 Disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 18 dicembre 1997, n 463, e n. 466, in materia, rispettivamente, di utilizzazione di procedure telematiche per la semplificazione degli adempimenti tributari in materia di atti immobiliari e di ulteriori interventi di riordino delle impostepersonali sul reddito al fine di favorire la capitalizzazione delle imprese. Art. 3-bis (Procedure telematiche, modello unico informatico e autoliquidazione) Alla registrazione di atti relativi a diritti sugli immobili, alla trascrizione, all'iscrizione e all'annotazione nei registri immobiliari, nonche' alla voltura catastale, si provvede, a decorrere dal 30 giugno 2000, con procedure telematiche. Con decreto del Ministero delle finanze, di concerto con il Ministero della giustizia, e' fissata la progressiva attivazione del servizio, anche limitatamente a determinati soggetti, a specifiche aree geografiche, e a particolari tipologie di atti, nonche' l'eventuale attribuzione di un codice unico immobiliare. 2. Le richieste di registrazione, le note di trascrizione e di iscrizione nonche' le domande di annotazione e di voltura catastale, relative agli atti per i quali e' attivata la procedura telematica, sono presentate su un modello unico informatico da trasmettere per via telematica unitamente a tutta la documentazione necessaria. Con lo stesso decreto di cui al comma 1, puo' essere prevista la presentazione del predetto modello unico su supporto informatico, nonche' la data a decorrere dalla quale il titolo e' trasmesso per via telematica. 3. In caso di presentazione del modello unico informatico per via telematica, le formalita' di cui al comma 2 sono eseguite previo pagamento dei tributi dovuti in base ad autoliquidazione. In caso di irregolare funzionamento del collegamento telematico, fermo il predetto obbligo di pagamento, la trasmissione per via telematica e' sostituita dalla presentazione su supporto informatico. 4. Nei comuni nei quali vige il sistema del libro fondiario di cui al regio decreto 28 marzo 1929, n. 499, la presentazione del modello unico informatico rileva unicamente per gli adempimenti connessi alla registrazione e alla voltura catastale." 6

7 6. Sono esclusi dall obbligo della dichiarazione gli immobili esenti dall imposta ai sensi dell art. 7 del D.Lgs. 504/ In conformità a quanto previsto dalla Legge n. 383 del , per gli immobili inclusi nella dichiarazione di successione gli eredi ed i legatari non sono obbligati a presentare la dichiarazione. L ufficio presso il quale è presentata la dichiarazione di successione ne trasmette una copia al comune competente per ubicazione degli immobili. Art. 8 - Versamenti 1. Si considerano regolari i versamenti effettuati da un contitolare anche per conto degli altri qualora i nominativi e le percentuali di possesso vengano comunicati all Ufficio tributi del Comune e purché il versamento corrisponda all'intera proprietà dell'immobile condiviso. 2. La comunicazione, su appositi modelli predisposti dal Comune, dovrà essere antecedente alla prima rata del versamento unitario. 3. L'imposta può altresì essere versata autonomamente da ogni soggetto passivo. 4. Nell ambito della ricerca di forme di gestione e riscossione dell imposta più efficienti ed economiche, il Comune adotta la gestione delle riscossioni ICI in economia utilizzando a tal fine le modalità di incasso consentite dalla legge. Art. 9 - Liquidazioni e Accertamenti 1. Ai sensi del comma 161 legge 296 del 27/12/2006, l Ente procede alla rettifica delle dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonché all'accertamento d'ufficio delle omesse dichiarazioni o degli omessi versamenti, notificando al contribuente, anche a mezzo posta con raccomandata con avviso di ricevimento, un apposito avviso motivato. Gli avvisi di accertamento in rettifica e d'ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati. Entro gli stessi termini devono essere contestate o irrogate le sanzioni amministrative tributarie, a norma degli articoli 16 e 17 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, e successive modificazioni 2. Ai sensi dei comma 158 e 159 dell art. 1 della legge 296/2006 per la notifica degli atti di accertamento dei tributi, nonché degli atti di invito al pagamento delle entrate extratributarie dei comuni, ferme restando le disposizioni vigenti, il funzionario dell'ufficio competente, con provvedimento formale, può nominare uno o più messi notificatori; i messi notificatori possono essere nominati tra i dipendenti dell'amministrazione comunale, tra i dipendenti dei soggetti ai quali l'ente locale ha affidato, anche disgiuntamente, la liquidazione, l'accertamento e la riscossione dei tributi e delle altre entrate ai sensi dell'articolo 52, comma 5, lettera b), del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, e successive modificazioni, nonche' tra soggetti che, per qualifica professionale, esperienza, capacita' ed affidabilita', forniscono idonea garanzia del corretto svolgimento delle funzioni assegnate, previa, in ogni caso, la partecipazione ad apposito corso di formazione e qualificazione, organizzato a cura dell'ente locale, ed il superamento di un esame di idoneita'. Art Attività di controllo 1. La Giunta Comunale ed il Funzionario responsabile della gestione del tributo curano il potenziamento dell'attività di controllo mediante collegamenti con i sistemi informativi del Ministero delle Finanze e con altre banche dati rilevanti per la lotta all'evasione. 7

8 2. Ai fini dell esercizio dell attività di accertamento i contribuenti possono essere invitati, indicandone il motivo, a trasmettere atti e documenti; nel caso di accertamenti relativi a condomini la richiesta può essere presentata all amministratore dell immobile relativamente alle indicazioni dei proprietari ed inquilini del condominio e delle rendite catastali degli immobili amministrati. 3. In caso di mancata presentazione della documentazione richiesta si applicano le sanzioni previste dall art. 14 del D.Lgs. 504/92 e dal Regolamento comunale in materia. 4. La Giunta Comunale verifica le potenzialità della struttura organizzativa, disponendo le soluzioni necessarie agli uffici per la gestione del tributo ed il controllo dell'evasione, perseguendo obiettivi di equità fiscale. 5. I maggiori proventi conseguenti il recupero di evasione consentiranno la copertura delle spese relative al potenziamento della struttura organizzativa ed ai collegamenti con banche dati utili. 6. Ai sensi dell art lettera P - del D.Lgs n. 446 viene attribuito un compenso incentivante, al personale addetto all attività di accertamento, in misura pari all 8% della maggiore imposta incassata e delle relative sanzioni ed interessi al netto dei costi di riscossione. La liquidazione del predetto compenso avverrà sulla base di apposita nota predisposta dal Funzionario Responsabile dell Imposta, ferme restanti le limitazioni delle disposizioni legislative in materia e di quanto stabilito dal Regolamento di ripartizione incentivo ICI; 7. Tenuto conto delle attività istruttorie e di accertamento da effettuare per pervenire alla riscossione, anche coattiva del tributo, nonché degli oneri da sostenere per svolgere le suddette attività e nel rispetto del principio dell economicità dell azione amministrativa, si dispone l esonero dal versamento qualora l importo relativo ad un singolo anno d imposta, non sia superiore ad 12, Il limite previsto nel comma 7 non rappresenta una franchigia e deve intendersi riferito all ammontare complessivo del debito tributario, ancorché comprensivo di sanzioni e di interessi. 9. Laddove l importo risulti non superiore al predetto limite, l ufficio tributi è esonerato dal compiere i relativi adempimenti e, pertanto, non procede alla notificazione di avvisi di accertamento o alla riscossione coattiva e non dispone rimborsi. 10. Nel caso in cui l importo complessivamente dovuto sia superiore al suddetto limite, anche con riferimento a più annualità, permane l obbligo del versamento e della riscossione, anche coattiva e del rimborso. 11. Le disposizioni di cui al presente comma non si applicano nell ipotesi di ravvedimento operoso e nel caso di definizione della sanzione ai sensi, rispettivamente, degli articoli 13, 16 e 17 del D.lgs n. 472, del 18 dicembre Art Rimborsi 1. Ai sensi del comma 164 legge 296 del 27/12/2006, Il rimborso delle somme versate e non dovute deve essere richiesto dal contribuente entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento, ovvero da quello in cui e' stato accertato il diritto alla restituzione. L'Ente provvede ad effettuare il rimborso entro centottanta giorni dalla data di presentazione dell'istanza. 2. Non è riconosciuto il diritto al rimborso dell imposta versata per aree che successivamente sono divenute in edificabili, per prevalente interesse pubblico, a seguito di atti amministrativi, quali varianti apportate agli strumenti urbanistici generali o attuativi, nonché di vincoli istituiti ai sensi delle vigenti leggi che impongano la inedificabilità dei terreni per i quali è stata corrisposta l imposta Art Contenzioso 1. Contro l'avviso di accertamento e di liquidazione, il ruolo, l ingiunzione di pagamento, l'avviso di mora, il provvedimento di irrogazione di sanzioni, il diniego di rimborso, può essere proposto ricorso alla 8

9 Commissione Tributaria competente per territorio, entro 60 giorni dalla data di notificazione dell'atto impugnato, secondo le disposizioni del D. Lgs , n TITOLO IV DISPOSIZIONI FINALI Art Norme di rinvio 1. Per quanto non previsto dal presente regolamento si applicano le disposizioni generali previste dalle vigenti leggi per l'applicazione dell'imposta I.C.I. e dai Regolamenti relativi all attività di accertamento, riscossione, sanzioni e contenzioso. 9

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SANGUINETTO COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) (approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29.09.2012) 2 INDICE Articolo

Dettagli

COMUNE DI GUARDIA LOMBARDI Provincia di Avellino

COMUNE DI GUARDIA LOMBARDI Provincia di Avellino COMUNE DI GUARDIA LOMBARDI Provincia di Avellino C.F. 82000410645 Piazza Vittoria P. I.V.A. 01668940644 e-mail: ragioneria@comune.guardialombardi.av.it tel. 0827 41002 fax 0827 41440 UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI TRIVENTO (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI TRIVENTO (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI TRIVENTO (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.45 del 31-10-2012 INDICE Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Allegato 1) COMUNE DI MIRANO (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU 1 INDICE Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 2 DETERMINAZIONE DELL ALIQUOTA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) COMUNE DI DORIO Provincia di Lecco REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) Il presente Regolamento è stato adottato con deliberazione C.C. n. 4 del 24.3.2009,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 61 del 26/06/2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17 del

Dettagli

COMUNE DI CORIO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI

COMUNE DI CORIO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI COMUNE DI CORIO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ICI REGOLAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (ICI) Art. 1. Ambito di applicazione l. Il presente regolamento, adottato

Dettagli

Regolamento sull imposta municipale propria (IMU)

Regolamento sull imposta municipale propria (IMU) Regolamento sull imposta municipale propria (IMU) Approvato con Deliberazione del C.C. n. 47 del 25.09.2012 Modificato con Deliberazione del C.C. n. 36 del 25.06.2013 Indice Articolo 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 Abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari Art. 3 Abitazioni concesse

Dettagli

COMUNE DI PRECENICCO

COMUNE DI PRECENICCO COMUNE DI PRECENICCO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI - Approvato con deliberazione C.C. n.73 del 23.12.1998 come modificato con C.C. n.5 del 4.2.1999

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI ROSTA P r o v i n c i a d i T o r i n o Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta(TO) c.fisc/p.iva 01679120012 Tel. 011 9568811- Fax 011 9540038 www.comune.rosta.to.it E-Mail protocollo@comune.rosta.to.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. INDICE ART. 1 - FINALITA ART. 2 - ABITAZIONE PRINCIPALE ART. 3 PERTINENZE ART. 4 - FABBRICATI NON ULTIMATI, COLLABENTI O SOGGETTI AD

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 30.10.2012 CON DELIBERAZIONE N. 60/121562) INDICE Art. 1 Oggetto..pag. 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

Comune di Livorno GUIDA PER IL CONTRIBUENTE TASI 2014. numero verde: 800 585678

Comune di Livorno GUIDA PER IL CONTRIBUENTE TASI 2014. numero verde: 800 585678 Comune di Livorno UNITA' ORGANIZZATIVA ENTRATE TASI 2014 GUIDA PER IL CONTRIBUENTE UNITÀ ORG.VA ENTRATE Via Marradi, 118 57126 - LIVORNO L'ufficio è aperto al pubblico: il lunedì e il venerdì dalle ore

Dettagli

COMUNE DI PORTOMAGGIORE (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Disciplina del tributo sui servizi indivisibili (TASI)

COMUNE DI PORTOMAGGIORE (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Disciplina del tributo sui servizi indivisibili (TASI) COMUNE DI PORTOMAGGIORE (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Disciplina del tributo sui servizi indivisibili (TASI) Anno 2014 TASI Testo adottato con delibera C.C. n. 13 del

Dettagli

Comune di Grosseto REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

Comune di Grosseto REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Comune di Grosseto REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del..2012 Indice Articolo 1 Oggetto del regolamento, finalità ed

Dettagli

COMUNE DI BAGNO A RIPOLI (Provincia di Firenze)

COMUNE DI BAGNO A RIPOLI (Provincia di Firenze) COMUNE DI BAGNO A RIPOLI (Provincia di Firenze) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 37 Del 9.4.2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Parte II: TASSA SUI SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CUPRA MARITTIMA Anno 2012

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CUPRA MARITTIMA Anno 2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CUPRA MARITTIMA Anno 2012 Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 31 del 25/09/2012. INDICE Art. 1 - Oggetto 3 Art. 2 - Presupposto

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI GROTTE DI CASTRO (Provincia di VITERBO) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.

Dettagli

COMUNE DI ODALENGO PICCOLO

COMUNE DI ODALENGO PICCOLO COMUNE DI ODALENGO PICCOLO Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento, finalità ed ambito di applicazione Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 17 del 3.10.2012 COMUNE DI SINDIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA 1 INDICE Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO, FINALITA ED

Dettagli

COMUNE DI GIUSSAGO (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI GIUSSAGO (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI GIUSSAGO (Provincia di Pavia) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 24 del 26/09/2012 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA 1 SOMMARIO Articolo 1 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) Adottato con delib. C.C. n. 04 del 16/02/2005 - Modificato con delib. C.C. n. 16 del 20/03/2007 Modificato con delib. C.C. n. 09 del 27/03/2008 Modificato con delib. C.C. n. 03 del 24/02/2010 Modificato

Dettagli

Comune di Sala Comacina (Provincia di Como)

Comune di Sala Comacina (Provincia di Como) Comune di Sala Comacina (Provincia di Como) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) Approvato con deliberazione consiliare n. 26 del 04.10.2011 INDICE TITOLO I - Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI LAURIA (PZ)

COMUNE DI LAURIA (PZ) COMUNE DI LAURIA (PZ) Guida ICI per il contribuente CHI DEVE PAGARE L ICI Ai sensi del D.lgs n.504/92, devono pagare l ICI i proprietari (o titolari di altro diritto come, usufrutto, uso o abitazione,

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI ACQUAPENDENTE (Provincia di VITERBO) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 18

Dettagli

Comune di San Marco La Catola

Comune di San Marco La Catola Comune di San Marco La Catola Provincia di Foggia REGOLAMENTO GESTIONE I.C.I Data Delibera: 30/04/1999 Numero Delibera: 10 Data entrata in vigore: 01/01/2000 Note: Il Comune di S.Marco la Catola ha adottato,in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con deliberazione di C.C. n 39 del 15/05/2014 Modificato con deliberazione

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con deliberazione di C.C. n 39 del 15/05/2014 Modificato con deliberazione REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con deliberazione di C.C. n 39 del 15/05/2014 Modificato con deliberazione di C.C. n 59 del 26/06/2014 SOMMARIO Articolo 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI CASCIANA TERME LARI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. del INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo

Dettagli

COMUNE DI APPIGNANO DEL TRONTO (Provincia di Ascoli Piceno) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI APPIGNANO DEL TRONTO (Provincia di Ascoli Piceno) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI APPIGNANO DEL TRONTO (Provincia di Ascoli Piceno) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA 1 SOMMARIO Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo

Dettagli

COMUNE DI MOMPANTERO. (Provincia di Torino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI MOMPANTERO. (Provincia di Torino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI MOMPANTERO (Provincia di Torino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.14 del 27.09.2012 SOMMARIO Articolo 1 Articolo

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA (I.M.U.)

IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA (I.M.U.) IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL IMPOSTA (I.M.U.) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 24 del 20/05/2014 1 SOMMARIO Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO, FINALITA

Dettagli

Approvato con Delibere C.C. n. 94 del 30.10.98 e n. 119 del 24.12.98. Esecutivo dal 1.1.1999 ai sensi dell'art.31 della Legge n.

Approvato con Delibere C.C. n. 94 del 30.10.98 e n. 119 del 24.12.98. Esecutivo dal 1.1.1999 ai sensi dell'art.31 della Legge n. R E G O L A M E N T O IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ( I.C.I.) Approvato con Delibere C.C. n. 94 del 30.10.98 e n. 119 del 24.12.98 Esecutivo dal 1.1.1999 ai sensi dell'art.31 della Legge n. 448/98 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI COMUNE DI MASSERANO (Provincia di Biella) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale, n. 20 del 05/07/2014 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA (Provincia di OLBIA TEMPIO ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con atto deliberativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE UNICA (I.M.U.).

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE UNICA (I.M.U.). COMUNE DI BINAGO (Provincia di COMO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE UNICA (I.M.U.). Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 25 settembre 2012-4 - SOMMARIO Articolo

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 08/09/2014. Sommario Art.

Dettagli

UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI BOJANO (Provincia di Campobasso) IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato Consiglio Comunale delibera n... del../../2014 INDICE

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO (Provincia di VERONA) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO (Provincia di VERONA) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO (Provincia di VERONA) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 46 Del : 08 settembre

Dettagli

COMUNE DI GROTTAFERRATA (Provincia di ROMA)

COMUNE DI GROTTAFERRATA (Provincia di ROMA) COMUNE DI GROTTAFERRATA (Provincia di ROMA) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.11 del 26.3.2008 NUOVO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI 1 Art. 1 INDICE OGGETTO

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU)

PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) COMUNE DI PALLARE PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 28 settembre 2012 SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO IMU. CASTRONUOVO DI SANT ANDREA Provincia di POTENZA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO IMU. CASTRONUOVO DI SANT ANDREA Provincia di POTENZA IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CASTRONUOVO DI SANT ANDREA Provincia di POTENZA REGOLAMENTO IMU IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.16 del 27/09/2012 Il Responsabile del Servizio -Rag.Pinuccia

Dettagli

Servizio Tributi REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU)

Servizio Tributi REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) Servizio Tributi REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 30 del 13 aprile 2015 1 Sommario DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART.

Dettagli

COMUNE DI QUASSOLO (Provincia di TORINO )

COMUNE DI QUASSOLO (Provincia di TORINO ) COMUNE DI QUASSOLO (Provincia di TORINO ) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 27 Del 29/07/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) SOMMARIO Articolo

Dettagli

COMUNE DI FORCHIA (Provincia di Benevento) C.A.P. 82011 VIA UMBERTO I TEL. 0823/950316 FAX 0823/950857 C.F. 80001140625 UFFICIO TRIBUTI

COMUNE DI FORCHIA (Provincia di Benevento) C.A.P. 82011 VIA UMBERTO I TEL. 0823/950316 FAX 0823/950857 C.F. 80001140625 UFFICIO TRIBUTI COMUNE DI FORCHIA (Provincia di Benevento) C.A.P. 82011 VIA UMBERTO I TEL. 0823/950316 FAX 0823/950857 C.F. 80001140625 UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato

Dettagli

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo. Regolamento comunale per l applicazione dell imposta municipale propria

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo. Regolamento comunale per l applicazione dell imposta municipale propria Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Regolamento comunale per l applicazione dell imposta municipale propria Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 35 del 29/10/2012 I N D IC E

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A P R O V I N C I A D I P E R U G I A REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con deliberazione del C.C. n. 10 del 06.03.2012 1 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI UTA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI UTA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI UTA (Provincia di Cagliari) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 30 del 04/10/2012 Modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 44 del 28/11/2013 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI F O R M I A. Provincia di Latina

COMUNE DI F O R M I A. Provincia di Latina COMUNE DI F O R M I A Provincia di Latina Piazza Municipio 0771/7781 - fax 0163/771680 2012 PREMESSA Il Comune di Formia, con la presente informativa, intende fornire al Cittadino/Contribuente uno strumento

Dettagli

COMUNE DI GADESCO PIEVE DELMONA. Regolamento per l istituzione e l applicazione della IUC componente TASI (Tributo sui servizi indivisibili)

COMUNE DI GADESCO PIEVE DELMONA. Regolamento per l istituzione e l applicazione della IUC componente TASI (Tributo sui servizi indivisibili) COMUNE DI GADESCO PIEVE DELMONA PROVINCIA DI CREMONA Regolamento per l istituzione e l applicazione della IUC componente TASI (Tributo sui servizi indivisibili) Approvato con Deliberazione di consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.)

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) VI RIPARTIZIONE-SETTORE ENTRATE TRIBUTARIE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) Approvato con Delibera C.C. n. 19 del 27 marzo 1999 N.B.: Nel presente testo gli emendamenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI MOLTENO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. del 1 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE

IMPOSTA UNICA COMUNALE COMUNE DI BEINASCO Provincia di Torino Piazza Alfieri 7-10092 BEINASCO (TO) tel. 01139891 - telefax 0113989382 Posta Elettronica Certificata: protocollo@comune.beinasco.legalmail.it IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

Comune di Empoli Provincia di Firenze. Imposta Unica Comunale IUC Regolamento per la disciplina del tributo sui servizi indivisibili TASI

Comune di Empoli Provincia di Firenze. Imposta Unica Comunale IUC Regolamento per la disciplina del tributo sui servizi indivisibili TASI Comune di Empoli Provincia di Firenze Imposta Unica Comunale IUC Regolamento per la disciplina del tributo sui servizi indivisibili TASI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del..2014 Articolo

Dettagli

PER QUALI IMMOBILI SI PAGA

PER QUALI IMMOBILI SI PAGA L art. 13 del Decreto Legge n. 201 del 6 dicembre 2011 cd Manovra Monti o decreto salva Italia convertito con modificazioni dalla Legge n. 214 del 22 dicembre 2011 - ha anticipato l istituzione dell Imposta

Dettagli

Comune di Trecchina. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

Comune di Trecchina. Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Comune di Trecchina Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) (ai sensi dell art. 1 co. 639 L. 147/ 2013) Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CARTIGNANO (Provincia di CUNEO) Regolamento per l applicazione TRIBUTO PER SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI CARTIGNANO (Provincia di CUNEO) Regolamento per l applicazione TRIBUTO PER SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) ALLEGATO A) COMUNE DI CARTIGNANO (Provincia di CUNEO) Regolamento per l applicazione TRIBUTO PER SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n.13 del 24-06-2014 Articolo 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO

Dettagli

COMUNE DI ALBA ADRIATICA (Provincia di Teramo)

COMUNE DI ALBA ADRIATICA (Provincia di Teramo) COMUNE DI ALBA ADRIATICA (Provincia di Teramo) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. Del REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Parte II: TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) componente patrimoniale dell Imposta Unica Comunale (IUC)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) componente patrimoniale dell Imposta Unica Comunale (IUC) COMUNE DI POLIGNANO A MARE 70044 PROVINCIA DI BARI Settore Finanza - Programmazione - Personale SEZIONE TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) componente patrimoniale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA COMUNE DI FANO (Provincia di Pesaro e Urbino) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 30 DEL 4.2.1999 MODIFICATO CON DELIBERAZIONI CONSILIARI:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI PRADAMANO (Provincia di UDINE) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 47 Del 27/11/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) 1 CAPO I L IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI SAN CASCIANO IN VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI SAN CASCIANO IN VAL DI PESA PROVINCIA DI FIRENZE ALLEGATO"!" COMUNE DI SAN CASCIANO IN VAL DI PESA REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 26.04.2012,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO (PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale N. 11 del 14/02/2012 e

Dettagli

IMPOSTA MUNICIPALE UNICA LINEE GUIDA PER I CITTADINI

IMPOSTA MUNICIPALE UNICA LINEE GUIDA PER I CITTADINI IMPOSTA MUNICIPALE UNICA LINEE GUIDA PER I CITTADINI Con l approvazione dell Art.13 del D.L 201/2011 detto Decreto salva Italia, entrerà in vigore in via sperimentale, già a partire dal 01/01/2012, l IMU

Dettagli

C O M U N E DI S O M M A T I N O ( Provincia di Caltanissetta ) REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE L'IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

C O M U N E DI S O M M A T I N O ( Provincia di Caltanissetta ) REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE L'IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI C O M U N E DI S O M M A T I N O ( Provincia di Caltanissetta ) REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE L'IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente

Dettagli

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 8 del 10/04/2014 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI MORSANO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Componente: TASI - TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI Adottato con delibera del C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. Approvato con Deliberazione della Commissione Straordinaria N. 16 del 24/07/2014 INDICE GENERALE Disciplina generale IUC (Imposta Unica

Dettagli

Si fa presente che i casi elencati sono indicativi di situazioni per le quali permane l obbligo dichiarativo.

Si fa presente che i casi elencati sono indicativi di situazioni per le quali permane l obbligo dichiarativo. DICHIARAZIONE ICI A partire dal 1 gennaio 2008 è soppresso l obbligo della presentazione della dichiarazione ICI per coloro che acquistano o vendono immobili. Coloro che nell anno 2007 hanno acquistato

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI)

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) COMUNE di MARRADI CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 50 del 22.07.2015 INDICE ART.

Dettagli

COMUNE DI FANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. (Provincia di Pesaro e Urbino)

COMUNE DI FANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI. (Provincia di Pesaro e Urbino) COMUNE DI FANO (Provincia di Pesaro e Urbino) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 30 DEL 4.2.1999 MODIFICATO CON DELIBERAZIONI CONSILIARI:

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI CAPANNORI PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) ALLEGATO B COMUNE DI CAPANNORI PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Risultante dalle seguenti deliberazioni: deliberazione di C.C. n. 14 del 27/03/2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) PER LE AREE FABBRICABILI

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) PER LE AREE FABBRICABILI REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) PER LE AREE FABBRICABILI Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, adottato in applicazione delle disposizioni dell

Dettagli

Regolamento Comunale per la disciplina dell IMPOSTA UNICA COMUNALE Componente patrimoniale Imposta Municipale Propria (IMU)

Regolamento Comunale per la disciplina dell IMPOSTA UNICA COMUNALE Componente patrimoniale Imposta Municipale Propria (IMU) COMUNE DI MOTTA SANT ANASTASIA P. I.V.A. 00575910872 Regolamento Comunale per la disciplina dell IMPOSTA UNICA COMUNALE Componente patrimoniale Imposta Municipale Propria (IMU) Approvato con delibera del

Dettagli

COMUNE DI AYAS REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI AYAS REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI AYAS REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA INDICE TITOLO I 3 DISPOSIZIONI GENERALI 3 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 3 ART. 2 DETERMINAZIONE DELLE ALIQUOTE E DELLE DETRAZIONI

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

COMUNE DI BEREGAZZO CON FIGLIARO. (Provincia di COMO)

COMUNE DI BEREGAZZO CON FIGLIARO. (Provincia di COMO) COMUNE DI BEREGAZZO CON FIGLIARO (Provincia di COMO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA MUNICIPALE IUC Testo unico e coordinato dei regolamenti IMU TASI e TARI Approvato con delibera del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL I.MU.P. (Imposta MUnicipale Propria)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL I.MU.P. (Imposta MUnicipale Propria) COMUNE DI SEGUSINO P r o v i n c i a d i T r e v i s o REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL I.MU.P. (Imposta MUnicipale Propria) (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 18, del 31.05.2014)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Allegato alla Deliberazione Consiliare.., n. TITOLO I Art. 1 Oggetto del Regolamento Finalità ed Ambito di applicazione Il presente regolamento, adottato

Dettagli

COMUNE DI MONTONE UFFICIO TRIBUTI. INFORMATIVA Imposta Municipale Propria IMU Anno 2015 SCADENZE DI VERSAMENTO DELL IMPOSTA IMU 2015

COMUNE DI MONTONE UFFICIO TRIBUTI. INFORMATIVA Imposta Municipale Propria IMU Anno 2015 SCADENZE DI VERSAMENTO DELL IMPOSTA IMU 2015 COMUNE DI MONTONE UFFICIO TRIBUTI INFORMATIVA Imposta Municipale Propria IMU Anno 2015 SCADENZE DI VERSAMENTO DELL IMPOSTA IMU 2015 RATA 1 - ACCONTO RATA 2 - SALDO TERMINI DI VERSAMENTO Rata in acconto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMUNE DI DEIVA MARINA PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

REGOLAMENTO DEL COMUNE DI DEIVA MARINA PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) REGOLAMENTO DEL COMUNE DI DEIVA MARINA PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 27 del 28/03/2014 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Soggetto

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO. Guida per i contribuenti all applicazione dell Imposta Municipale Propria (IMU)

COMUNE DI CASOREZZO. Guida per i contribuenti all applicazione dell Imposta Municipale Propria (IMU) COMUNE DI CASOREZZO Provincia di Milano Per qualsiasi chiarimento, informazione e delucidazione in merito l Ufficio Tributi è a disposizione negli orari di apertura al pubblico tel 029010012 fax 0290296960

Dettagli

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO COMUNE DI BAREGGIO Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO Con la legge di Stabilità 2014 (L. 147 del 27/12/2013) è stata istituita, con decorrenza 1 gennaio 2014, la I.U.C. (Imposta

Dettagli

La dichiarazione IMU

La dichiarazione IMU La dichiarazione IMU Fonti legislative: art. 10, comma 6, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504; art. 9, comma 6, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23; art. 13, comma 12ter, del decreto

Dettagli

COMUNE DI SAN LEO Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI SAN LEO Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI SAN LEO Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del / /2014 INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI COLLE DI VAL D ELSA (Provincia di Siena) REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE - I.U.C. -

COMUNE DI COLLE DI VAL D ELSA (Provincia di Siena) REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE - I.U.C. - COMUNE DI COLLE DI VAL D ELSA (Provincia di Siena) REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE - I.U.C. - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 59 del 31.07.2014 COMUNE DI COLLE DI VAL D ELSA (Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI Allegato alla delibera di C.C. n. 25 del 29.07.2014 Comune di Casalserugo Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI TASI Approvato con atto di C.C. n.25 del

Dettagli

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena)

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena) COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA (Provincia di Modena) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 17 del 20/03/2014 Modificato

Dettagli

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE

PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE PARTE QUARTA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELLA TASI INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo Art. 3. Indicazione analitica dei

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI. Provincia di Siena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI POGGIBONSI. Provincia di Siena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) ANNO 2014 INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Soggetto attivo Art. 3 Presupposto impositivo

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Comune di CAMPIGLIONE FENILE

Comune di CAMPIGLIONE FENILE IMU 2014 Imposta Municipale Unica GUIDA AL CALCOLO E VERSAMENTO DELL'IMU Decreto Salva Italia - art. 13 D.L. n. 201 del 06.12.2011, convertito con Legge n. 214 del 23.12.2011 -Legge di stabilità 2014 n.

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini PROPOSTA DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 33 del 23/04/2013 SETTORE: SERVIZIO: DIRIGENTE RESPONSABILE: # IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la deliberazione del Consiglio

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 51 del 29/07/2014, in vigore

Dettagli

PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I. Disposizioni generali TITOLO II. Presupposto e soggetti passivi

PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE TITOLO I. Disposizioni generali TITOLO II. Presupposto e soggetti passivi Art. 1. Oggetto del Regolamento Art. 2. Soggetto attivo PARTE TERZA Regolamento per l istituzione e l applicazione della TASI INDICE Art. 3 Indicazione analitica dei servizi indivisibili TITOLO I Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI TREVISO IUC

COMUNE DI TREVISO IUC COMUNE DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC (Approvato con Deliberazione Consiliare n del ) 1 PREMESSA - Imposta Unica Comunale (IUC) L imposta Unica Comunale, di seguito

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 7 del 21/05/2014 SOMMARIO L IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO,

Dettagli

C O M U N E D I O L I V E T O L U C A N O PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC

C O M U N E D I O L I V E T O L U C A N O PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC C O M U N E D I O L I V E T O L U C A N O PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 17.5.2014 Indice

Dettagli

Città di Portici Ufficio Tributi Tel. 0817862564 fax 081470711 e mail: a.visone@comune.portici.na.it

Città di Portici Ufficio Tributi Tel. 0817862564 fax 081470711 e mail: a.visone@comune.portici.na.it Città di Portici Ufficio Tributi Tel. 0817862564 fax 081470711 e mail: a.visone@comune.portici.na.it GUIDA PRATICA ALL IMPOSTA MUNICIPALE UNICA DAL 2012 Con le ultime modifiche apportate dal D.L. 16 Semplificazioni

Dettagli