2 massimo colombo. 7 valentina origlia. nelle case degli iscritti da 12 anni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 massimo colombo. 7 valentina origlia. www.filctemcuneo.it. nelle case degli iscritti da 12 anni"

Transcript

1 anno duemilaundici - num. tre - marzo nelle case degli iscritti da 12 anni Ciclostilato in proprio via M. Coppino, 2/bis -CGIL Cuneo - Gli articoli 2 massimo colombo -ultime dallo stabilimento 3 massimo colombo -salario che guadagno 4 valentina origlia -CF: incontro Direzione-RsU-C.E. 5 sergio ghibaudo -sicurezza: obblighi dei lavoratori 7 valentina origlia - super ricchi o super poveri 8 la redazione - trasmissione certificato telematico di malattia: diritto dei lavoratori Gli allegati - prenotazione compilazione orari uffici INCA - convenzione CGIL-UNIPOL - detassazione lavoro notturno - documenti compilazione contributi diritto allo studio - accordo contratto integrativo - locandina sciopero generale -locandina iscrizione alla cgil

2 -massimo colombo-.componente c.e. filctem-cgil michelin. Ultime dallo stabilimento N ei mesi di Aprile, Maggio e Giugno si terranno all interno dello stabilimento delle giornate denominate Giornate Qualità previste dall accordo firmato lunedì 21 marzo 11 tra la Direzione del Personale e il C.E. della RSU in seguito alla trattativa che ha portato il raggiungimento del Premio di Risultato 2010 per la linea prodotto TCE all 80%, premio che aveva soprattutto nell obiettivo IQP, legato alla qualità, il suo punto più critico. L accordo prevede 1 ora di formazione/sensibilizzazione per tutti i Lavoratori del servizio O, ora da farsi fuori il normale orario di lavoro, dalle 14,00 alle 15,00 per il 1 turno e dalle 13,00 alle 14,00 per il 2 turno. In quella giornata, oltre alle maggiorazioni previste per lo straordinario (25%) è stata concordata 1 ora di fuori orario. Venerdì 25 marzo 11 alla presenza della Direzione del Personale l Ing. Carosso, responsabile dell Ufficio Sicurezza e Ambiente del sito di Cuneo, ha presentato ai RLS ed al Comitato Esecutivo il nuovo piano di formazione sulla sicurezza e ambiente che si terrà a Cuneo e che coinvolgerà tutti i dipendenti del sito. Ogni singolo Lavoratore verrà interessato personalmente e singolarmente in un esercizio che servirà a procurare un attestato con lo scopo di sensibilizzare sempre di più su quello che è l obiettivo primario: la Sicurezza tutti i dipendenti. Tutto quello che viene proposto e si fa per evitare anche il più piccolo infortunio e tutto quello che si fa per migliorare l ambiente di lavoro, deve diventare obiettivo primario di tutti. E se l Azienda ha il dovere di rendere i posti e i macchinari di lavoro i più sicuri e vivibili possibili, così tutti hanno il dovere di rispettare le disposizioni in materia per la propria e altrui sicurezza. redazione il giornalino & segreteria rsu filctem-cgil michelin claudio benino sergio ghibaudo valentina origlia ce filctem-cgil michelin massimo colombo aniello feroce antonino guarino enrico menardi gianni lo nigro rls filctem-cgil michelin adriano revello adriana riccio sergio ghibaudo scrivici redazione il giornalino C.E. & RSU Le ultime settimane di marzo hanno visto al servizio Z un rallentamento della produzione di mescole dovute ad un momentaneo mancato approvvigionamento di materie prime, in particolare del nero fumo. Questo ha causato la fermata dei reparti operanti sui 21t e 19t nelle domeniche 27 marzo e 3 aprile, con una gestione concordata tra il C.E., la Direzione del Personale e il Servizio che ha dato la possibilità ai Lavoratori interessati di poter scegliere tra più opportunità. marzo 2011

3 -massimo colombo-.componente c.e. filctem-cgil michelin. Salario che guadagno? Il rinnovo del contratto integrativo di 2 livello ha portato come aumento salariale l adeguamento delle cifre fisse del sabato, domenica e festivi e l incremento del vecchio premio di 300 nei tre anni di vigenza del contratto. Va però ricordato come la discussione del rinnovo del premio di risultato, al contrario del rinnovo del CCNL, parta sempre da zero, anche se come si era detto nelle assemblee di presentazione della piattaforma, in questa occasione si è tenuto conto del vecchio premio di Ma cosa porta ai lavoratori in termini di montante salariale questo rinnovo? 1. L aumento in percentuale di circa il 18% del Premio di Risultato e di un valore variabile dal 30% al 36% delle cifre fisse. 2. L aumento di 100 all anno porta a tutti un montante di 600 a règime e per i lavoratori sui e 21t un montante dovuto all adeguamento delle cifre fisse di circa 700 cosi definiti: 414 per i 18t, 538 per i 19t e 1014 per i 21t. Si ottiene così un aumento medio mensile nel periodo che va dal 1 aprile 2011 al 31 dicembre 2013, comprensivo dell adeguamento delle cifre fisse e dell aumento del Premio di Risultato, di circa 31 per i 18t, 35 per i 19t e 49 per i 21t. Questi calcoli sono puramente teorici e prendono come base i calendari 2009 e 2010 con una media di circa sabati e domeniche; e non possono essere fatti per altri tipologie di orari non calendarizzati. Ricordo anche che il nuovo Premio di Risultato che per l anno 2011 è pari a 1772, per il 2012 è pari a 1872 e per il 2013 è pari a 1972 rimane sempre legato al raggiungimento del 100% degli obbiettivi; questo deve essere di stimolo a partire dall Azienda, RSU e tutti i Lavoratori ad operare con impegno e continuità per ottenere i risultati attesi, per evitare di trovarsi in situazioni di difficoltà, come ad esempio il Ritengo l esito di questo rinnovo, specialmente in relazione a quanto ottenuto sulla normativa, più che buono e soprattutto in previsione futura un ottimo piedistallo su cui fare affidamento per i prossimi impegni che vedranno partecipi sia la RSU che i Lavoratori tutti. Un risultato ottenuto grazie innanzitutto all impegno e ai sacrifici dimostrati da tutti i Lavoratori di Alessandria, Cuneo e Torino e dalla risolutezza di tutta la componente sindacale, a partire dagli Attivisti, dalla RSU e dalle Segreterie Provinciali,Regionali e Nazionali della Filctem/CGIL cui va la mia personale riconoscenza con un grazie particolare a Michele. Così come ritengo che, se anche con qualche mal di pancia, i Lavoratori di Cuneo debbano riconoscere che sia sul rinnovo del contratto di 2 livello e sia sulla soluzione del Premio di Risultato del 2010 la RSU di Stabilimento unitamente alle Segreterie abbia svolto un ottimo lavoro. marzo 2011

4 -valentina origlia-. rsu e segreteria filctem michelin. Incontro in direzione per il reparto CF Il giorno 29 marzo 2011 si è tenuto un incontro tra la Direzione del Personale e il Comitato Esecutivo con oggetto l andamento del reparto CF. Alla riunione hanno partecipato anche il nuovo Capo-reparto, l ing. Davide Bersezio e gli RSU del reparto CF. L ing. Bersezio si è presentato ed ha espresso un giudizio positivo sul reparto che è passato sotto la sua gestione dal 1 febbraio Per quel che riguarda gli impianti al Polo Taglio Tele è terminata la messa in marcia della GL3 e della CAI DLR3, impianti che presentano ancora qualche criticità e che necessitano ancora di qualche accorgimento per essere completamente performanti. Verrà risistemata la CAI 3 tradizionale, sulla quale verrà ufficializzato un incentivo. Al settore GOMMA verranno avviate le trafile 1 e 5, e verrà arrestata la trafila 2. E prevista, inoltre, l installazione di una nuova macchina CBL per la fabbricazione della BL a partire da agosto 2011 (termine previsto per febbraio 2012). Impianto che, a regime, darà lavoro a 8 9 persone in più. Gli investimenti e la riorganizzazione del reparto non sono ancora completamente acquisiti, ma il grosso del lavoro dovrebbe considerarsi concluso. Dal punto di vista degli impianti quindi il reparto sarebbe in grado di fornire prodotti per la fabbricazione di / pneumatici al giorno. Teoricamente però, perché nella pratica, al momento, non c è ancora la capacità per fare questi numeri. Soprattutto a causa degli organici, che se al Polo sono pressoché completi, alla Gomma invece non sono sufficienti. Inoltre al Polo si dovrà rivedere la riorganizzazione generale dei carrellisti. Il Caporeparto ha comunicato che a partire dal prossimo mese riprenderanno le riunioni RPP mensili, dove verrà presentato anche l andamento della O.R. e i motivi per cui non si è ancora raggiunta la fase 2. La RSU ha lamentato il problema della scarsa formazione che i numerosi nuovi addetti hanno ricevuto e il rischio legato quindi alla sicurezza sul posto di lavoro. In seguito ad alcuni dubbi sollevati dalla RSU sulle pause-riposo, secondo cui circolavano voci che si dovesse lasciare la macchina 5 minuti prima della fine del turno, l ing. Bersezio ci ha confermato che non cambierà nulla sulle macchine individuali (senza cambi). I riposi sono due, oltre la pausa mensa di 30 minuti, e l ultimo quarto d ora si fa a fine turno per andarsi a cambiare. Sugli impianti automatici con due addetti dove sono previsti i cambi invece ci sarà l avvicendamento per il cambio a fine turno, e l ultimo riposo verrà effettuato prima. La RSU ha posto una domanda sull organizzazione dei fumoirs, che al momento risultano essere sottodimensionati rispetto al gran numero di lavoratori anche provenienti da altri reparti che li frequentano. Il Capo-reparto ha risposto che la soluzione attuale non piace neanche a lui e che cercherà di risolvere la questione nel più breve tempo possibile. A mio avviso questi tipi di incontri sono molto proficui proprio perché permettono un confronto diretto tra i rappresentanti dei lavoratori che operano sugli impianti e la maîtrise. Mi auguro quindi che questo metodo di lavoro possa continuare. Durante la riorganizzazione della preparazione, che ha visto il reparto rivoltato come un calzino, i lavoratori hanno sopportato parecchi disagi, a causa dei numerosi cantieri aperti con i quali si è convissuto con non poche difficoltà. Ora si dovrebbe andare verso una stabilizzazione della situazione, nella speranza di trovare un equilibrio che permetta di lavorare in un contesto più normale. marzo 2011

5 -sergio ghibaudo-. rsu, rls e segreteria filctem michelin. Obblighi dei lavoratori Come correttamente ha sottolineato Massimo Colombo nel suo articolo di pagina 2 (parlando di sicurezza sul lavoro e, in particolare, degli obblighi del datore di lavoro di adottare tutte le misure per far sì che il posto di lavoro sia il più possibile sano e sicuro), è bene ricordare che anche noi lavoratori abbiamo degli obblighi da rispettare su questo tema, così come previsto dall articolo 20 del decreto legislativo 81/08 comunemente detto Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro. E giusto quindi, per completezza di informazione, riportare i vari commi di questo articolo. Art.20 obblighi dei lavoratori 1. Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria salute e sicurezza e di quella delle altre persone presenti sul luogo di lavoro, su cui ricadono gli effetti delle sue azioni o omissioni, conformemente alla sua formazione, alle istruzioni e ai mezzi forniti dal datore di lavoro. 2. I lavoratori devono in particolare: a) Contribuire, insieme al datore di lavoro, ai dirigenti e ai preposti, all adempimento degli obblighi previsti a tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro; b) Osservare le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro, dai dirigenti e dai preposti, ai fini della protezione collettiva ed individuale; i. Il lavoratore è sanzionato per la violazione di questa lettera con arresto fino ad un mese o ammenda da 200 a 600. c) Utilizzare correttamente le attrezzature di lavoro, le sostanze ed i preparati pericolosi, i mezzi di trasporto, nonché i dispositivi di sicurezza; i. Il lavoratore è sanzionato per la violazione di questa lettera con arresto fino ad un mese o ammenda da 200 a 600. d) Utilizzare in modo appropriato i dispositivi di protezione messi a loro disposizione; i. Il lavoratore è sanzionato per la violazione di questa lettera con arresto fino ad un mese o ammenda da 200 a 600. e) Segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei mezzi e dei dispositivi di cui alle lettere c) e d), nonché qualsiasi eventuale condizione di pericolo cui vengano a conoscenza, adoperandosi direttamente, in caso di urgenza, nell ambito delle proprie competenze e possibilità e fatto o salvo l obbligo di alla lettera f) per eliminare o ridurre le situazioni di pericolo grave ed incombente, dandone notizia al Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS); continua a pag 6 marzo 2011

6 .segue da pag 5 i. Il lavoratore è sanzionato per la violazione di questa lettera con arresto fino ad un mese o ammenda da 200 a 600. f) Non rimuovere o modificare senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo; i. Il lavoratore è sanzionato per la violazione di questa lettera con arresto fino ad un mese o ammenda da 200 a 600. g) Non compiere di propria iniziativa operazioni o manovre che non sono di loro competenza ovvero che possono compromettere la sicurezza propria o di altri lavoratori; i. Il lavoratore è sanzionato per la violazione di questa lettera con arresto fino ad un mese o ammenda da 200 a 600. h) Partecipare ai programmi di formazione e di addestramento organizzati dal datore di lavoro; i. Il lavoratore è sanzionato per la violazione di questa lettera con arresto fino ad un mese o ammenda da 200 a 600. i) Sottoporsi ai controlli sanitari previsti dal presente decreto legislativo o comunque disposti da medico competente. i. Il lavoratore è sanzionato per la violazione di questa lettera con arresto fino ad un mese o ammenda da 200 a I lavoratori di aziende che svolgono attività in règime di appalto o subappalto, devono esporre apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l indicazione del datore di lavoro. Tale obbligo grava anche in capo ai lavoratori autonomi che esercitano direttamente la propria attività nel medesimo luogo di lavoro, i quali sono tenuti a provvedervi per proprio conto. i. Il lavoratore è sanzionato per la violazione di questa lettera con sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a 300. ii. Il lavoratore autonomo è sanzionato per la violazione di questa lettera con sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a a cura di valentina origlia-. rsu e segreteria filctem michelin. Super ricchi o super poveri (Di Emiliano Fattipaldi - tratto da L Espresso del 17 marzo 2011 ) La Ferrari FF è stata presentata alla stampa qualche giorno fa. Costa 250 mila euro, quanto un appartamento, ed è la prima super-car di Maranello pensata per le famiglie: nel bolide ci sono quattro posti confortevoli ed un bagagliaio enorme. Luca Cordero di Montezemolo ha detto che entro il 2011 si ipotizza di venderne 800. Ce la faranno con la crisi? «Sono state vendute tutte a gennaio, prima ancora che la macchina finisse sotto i flash dei fotografi al salone di Ginevra». segue a pag 7 marzo 2011

7 .segue da pag 6 Sul mercato italiano la Ferrari è una delle pochissime case che nel 2010 ha piazzato più macchine rispetto all anno precedente. Insieme alla Dacia, la casa low-cost sotto-marca della Renault che vende modelli base a euro. Che cosa sta succedendo in Italia? «La crisi economica sta aggravando uno schiacciamento delle classi medie, quelle composte soprattutto da impiegati, artigiani, piccoli commercianti e tute blu. A vantaggio della base e del vertice della piramide sociale», ragiona Giacomo Vaciago, economista e professore all Università Cattolica di Milano, «negli ultimi anni in molti hanno perso posizioni, ma molti altri ne hanno guadagnate». In sintesi: ricchi sempre più ricchi e poveri sempre più poveri. Un fenomeno che gli studiosi più attenti avevano già individuato all inizio degli anni Duemila, certificato poi dall Ocse in uno studio di due anni fa, che puntava il dito sugli effetti devastanti della crisi economica dei primi anni Novanta. Il gap, scrivevano gli esperti, è stato colmato attraverso l aumento delle tasse sulle famiglie e il boom della spesa per prestazioni sociali, in primis scuola e sanità. Ora la nuova stagnazione rischia di far precipitare la situazione: l Italia della crescita zero e dei governi Berlusconi non si comporta come una livella, ma mostra i difetti di una modernizzazione zoppa che può farci avvitare in una dinamica tipica da Terzo mondo, dove la distanza tra chi ha di più e chi ha di meno diventa siderale. Dei trenta Paesi che aderiscono all Ocse l Italia è già oggi il sesto nella classifica dei più diseguali dell Occidente. I dati sull impoverimento e sulla vulnerabilità sociale dilagante vengono snocciolati ormai a ritmo quotidiano. Solo dall inizio di marzo si è avuta notizia del boom di prestiti e del calo dei conti correnti (Bankitalia), della crisi delle immatricolazioni delle università (Almalaurea ha rivelato che i laureati sono sempre meno e sempre meno pagati), dello stato del commercio e della nuova fiammata dell inflazione (l Istat mette sul banco degli imputati i rincari di benzina e alimentari). L Italia, ripetono gli economisti, ha un problema strutturale di mancata crescita, e un combinato disposto di tasse alte e stipendi tra i più bassi d Europa. Come ricorda Marco Panara ne La malattia dell Occidente, sono vent anni che nella formazione del nostro prodotto interno lordo sempre più soldi vanno a vantaggio del capitale. Operai, insegnanti e impiegati dipendenti soffrono (sono tornati ad avere lo stesso reddito dell anno di grazia 1993), ma almeno hanno goduto di sussidi e cassa integrazione. I precari che non hanno visto riconfermato il loro contratto a tempo e le piccole partite Iva che navigano nel mare periglioso del mercato libero senza nessuna rete di protezione, infatti, se la vedono ancora peggio: migliaia e migliaia di loro sono sul lastrico, e non pochi sono finiti nei centri di assistenza cattolica sparsi sul territorio. Le contromisure degli esecutivi di centro-destra nell ultimo decennio non sembrano efficaci: l indennità di disoccupazione è stata osteggiata sia dal Ministro dell Economia Giulio Tremonti sia da quello del Lavoro Maurizio Sacconi, la social card è stata un fallimento. «Non è stata presa nessuna seria misura di sostegno al reddito», sostiene il sociologo Antonio Schizzerotto: «Di fatto, è l agenzia famiglia a funzionare come sistema di welfare per i figli e per i soggetti più deboli. Ma di questo passo tra pochi anni gli anziani non potranno più sopperire alle manchevolezze dei governanti. E allora saranno guai seri». Se la massa deraglia verso il baratro del declino, in tanti continuano a brindare a champagne nei quartieri alti. I liberi professionisti e gli imprenditori negli ultimi 15 anni hanno incrementato il loro reddito del 25 per cento. Nel 2009 le 600 mila famiglie super-ricche hanno accresciuto il loro patrimonio totale rispetto all anno precedente. A parte i miliardari, sono in tanti ad aver accresciuto i loro conti in banca. Innanzitutto le professioni non liberalizzate, quelle che sfruttano i regimi di semi o totale monopolio: notai, farmacisti, gli imprenditori che lavorano nel settore delle concessionarie di Stato e delle grandi utilities dell energia. continua a pag 8 Fascia Quota famiglie % di Reddito annuo 1 26, , , , , , , , , , medio marzo 2011

8 .segue da pag 7 Qualche studioso dice che non c è nulla di nuovo, e che il nostro indice Gini, quello che misura le diseguaglianze, è fermo, immobile da decenni. Fatto sta che nel 2008 l 1 per cento degli italiani controlla il 13 per cento della ricchezza. Il governo i dati dei maggiori istituti di ricerca li conosce bene, ma finora Berlusconi e Tremonti hanno solo tamponato le falle: per favorire una redistribuzione più equa delle risorse ci vorrebbe altro. La leva classica è quella del fisco. Per ora l aumento dell imposizione sulle rendite finanziarie non è nemmeno oggetto di dibattito, mentre l abolizione dell Ici ha avvantaggiato chi una casa l aveva già. Le liberalizzazioni sono ferme al palo, gli assegni familiari idem, mentre gli affitti (con il Fondo sociale cancellato con l ultima Finanziaria) e le spese per l energia sono in crescita costante. Sono voci che mangiano la metà del reddito delle fasce meno benestanti. Anche la lotta all evasione non è mai decollata: la pressione fiscale su dipendenti e imprese sarebbe dovuta diminuire grazie ai proventi della battaglia contro i furbi, ma finora il bottino è troppo magro. E se in Italia i servizi garantiti da scuole e ospedali pubblici hanno tradizionalmente ridotto le disuguaglianze di reddito, negli ultimi due anni i tagli rischiano di aumentare il gap. Ma il pericolo è che la società italiana, senza una sterzata, si divarichi sempre di più e segua il modello Trenitalia. Che da un po di tempo ha cancellato la seconda classe dalle sue offerte, piazzando i ricchi sull Alta velocità e la massa dei poveri sugli Intercity e sui Regionali. -la redazione- Trasmissione telematica certificato di malattia: diritto del lavoratore ad avere copia cartacea. A seguito di un confronto con il dottor Golino della Direzione Centrale Prestazioni a sostegno del reddito-inps circa il quesito di cui al titolo del presente articolo, è emerso quanto segue: L'art. 3 del D.M. 26 febbraio 2010 prevede che il medico che trasmette il certificato di malattia telematico all'inps rilascia al lavoratore, al momento della visita, copia cartacea del certificato di malattia e dell'attestato di malattia. Il successivo art. 4 stabilisce che il lavoratore del settore privato è tenuto, entro due giorni, a trasmettere l'attestazione di malattia al proprio datore di lavoro "salvo il caso in cui quest'ultimo richieda all'inps la trasmissione in via telematica della suddetta attestazione. L'Istituto, con apposite circolari, ha dato attuazione al suddetto decreto fornendo specifiche indicazioni agli utenti. Inoltre, con la circolare n. 21/2011, cui si rinvia, ha fornito chiarimenti circa l'art. 25 della legge n. 183/2010 (Estensione al settore privato del meccanismo previsto per il settore pubblico in materia di assenze per malattia). Pertanto, fatti salvi i casi in cui il medico sia oggettivamente impossibilitato a stampare copia del certificato e dell'attestato di malattia (nel qual caso comunicherà al lavoratore solo il numero di protocollo del documento), il medico è tenuto a fornire al lavoratore la suddetta copia (art. 3, n. 2 D.M ). Si precisa, altresì, che tale adempimento ha anche lo scopo di ricordare al lavoratore la sua responsabilità in merito alla corretta indicazione dei dati anagrafici e soprattutto dell'indirizzo di reperibilità. Infatti, è onere del lavoratore verificare l'esistenza di eventuali errori od omissioni circa il suddetto indirizzo dai quali poi potrebbe scaturire l'impossibilità ad eseguire la visita medica di controllo domiciliare e la conseguente applicazione delle sanzioni. Si precisa, infine, che anche nel caso in cui il datore di lavoro venga obbligato per legge a richiedere l'abilitazione alla visualizzazione o alla ricezione tramite PEC degli attestati di malattia dei propri dipendenti, liberando in tal modo il lavoratore dall'onere di trasmettere l'attestato stesso alla propria azienda, possono presentarsi particolari situazioni (ad esempio di tipo tecnico) in cui lo stesso datore di lavoro, eventualmente impossibilitato temporaneamente a visualizzare l'attestato, chieda legittimamente al lavoratore di trasmettergliene copia cartacea. Pertanto si conferma che il medico oltre all'obbligo dell'invio telematico del certificato e dell'attestato di malattia ha, anche, l'obbligo di rilasciarne relativa copia al lavoratore. marzo 2011

9 Mod. 730/2011 DICHIARAZIONE DEI REDDITI ALTRI SERVIZI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA ISEE PER LA RICHIESTA DI PRESTAZIONI ASSISTENZIALI O DI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA LEGATI ALLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL NUCLEO FAMILIARE ELABORAZIONE MODELLO. RED PER CERTIFICARE IL PROPRIO REDDITO ALL INPS PRATICHE DI SUCCESSIONE DAL 21 MARZO AL 31 MAGGIO 2011 PRENOTA SUBITO PRESSO LE NOSTRE SEDI E POTRAI FAR REDIGERE IL TUO mod. 730, RICHIEDERCI L ICI ED ALTRI SERVIZI Sedi CAAF a cui potrai rivolgerti CUNEO Via Coppino 2/bis 0171/ Prenot MONDOVI P.zza Battisti, / Prenot SALUZZO Via Bagni, / Prenot ALBA Via San Teobaldo, 5/a 0173/ Prenot BRA Via Umberto I, / Prenot FOSSANO Via Garibaldi, /62259 Prenot SAVIGLIANO C.so Roma, /726007Prenot I numeri VERDI servono per fare la prenotazione

10 ORARI UFFICI INCA CGIL PROVINCIA DI CUNEO al 01/01/2011 UFFICIO INCA GIORNO APERTURA MATTINO APERTURA POMERIGGIO CUNEO LUNEDI Senza appuntamento Su appuntamento VIA M.COPPINO 2/bis MARTEDI Senza appuntamento Su appuntamento Tel.0171/ Fax MERCOLEDI Senza appuntamento Su appuntamento GIOVEDI CHIUSO CHIUSO Dirett.Giancarlo Tocchi VENERDI Su appuntamento Senza appuntamento Operatori INCA SABATO CHIUSO CHIUSO Simona AUDINO Monica MUSSO Ornella CAMPANA Fabrizia VIGNA ALBA LUNEDI chiuso per istrutt.pratiche VIA S.TEOBALDO 5/a MARTEDI Permanenza CANALE Permanenza NARZOLE Tel.0173/ Fax MERCOLEDI Aperto su appuntamento GIOVEDI chiuso per istrutt.pratiche Operatore INCA VENERDI Enti Vari Aperto su appuntamento Andrea PROGLIO SABATO Chiuso il 1 SABATO di Ogni MESE BRA LUNEDI CHIUSO CHIUSO VIA UMBERTO 117 MARTEDI chiuso per istrutt.pratiche Aperto su appuntamento Tel.0172/ Fax MERCOLEDI chiuso per istrutt.pratiche GIOVEDI Inps BRA Operatore INCA VENERDI Aperto su appuntamento12/14 Elisabetta Servetti SABATO CHIUSO CHIUSO FOSSANO LUNEDI chiuso per istrutt.pratiche CHIUSO VIA GARIBALDI 10 MARTEDI chiuso per istrutt.pratiche Tel.0172/60024 Fax MERCOLEDI CHIUSO GIOVEDI CHIUSO Operatore INCA VENERDI Aperto su appuntamento CHIUSO Marina BARGE SABATO CHIUSO CHIUSO MONDOVI LUNEDI Enti vari CUNEO chiuso per istrutt.pratiche P.ZA C.BATTISTI 2 MARTEDI Senza appuntamento Su appuntamento Senza appuntamento Tel.0174/43945 Fax MERCOLEDI Perm.GARESSIO e CEVA chiuso per istrutt.pratiche GIOVEDI chiuso per istrutt.pratiche Senza appuntamento Operatore INCA VENERDI Su appuntamento Su appuntamento Senza appuntamen. Loris EMANUEL SABATO CHIUSO CHIUSO SALUZZO LUNEDI Enti vari CUNEO Chiuso per istrutt.pratiche VIA BAGNI 10 MARTEDI Aperto su appuntamento Tel.0175/44546 Fax MERCOLEDI Enti vari SALUZZO GIOVEDI Permanenza BARGE Operatore INCA VENERDI chiuso per istrutt.pratiche Aperto su appuntamento Fulvia GARNERO SABATO CHIUSO SAVIGLIANO LUNEDI Enti vari SAVIGLIANO CHIUSO VIA ROMA 29 MARTEDI CHIUSO Tel.0172/31505 Fax MERCOLEDI CHIUSO GIOVEDI Perm. Racconigi il 1 e il 3 di ogni mese CHIUSO Operatore INCA VENERDI Aperto su appuntamento Elio ISAIA SABATO CHIUSO CHIUSO

11 Convenzione nazionale tra CGIL e UNIPOL Assicurazione LA CONVENZIONE CGIL e UNIPOL stabiliscono che i beneficiari della presente Convenzione Nazionale sono tutte le lavoratrici, i lavoratori, le pensionate ed i pensionati iscritti alla Confederazione, titolari della tessera sindacale dell'anno in corso o di quello precedente all'anno di sottoscrizione della polizza, purché, in questo ultimo caso, tale sottoscrizione avvenga entro il giorno 30 aprile. I prodotti in Convenzione e le relative condizioni sono riservati ai familiari conviventi del lavoratore iscritti. CGIL ed Unipol considerano la qualità del servizio agli iscritti come elemento distintivo del presente accordo e ribadiscono che la convenzione nazionale dovrà caratterizzarsi, oltre che per il valore dei prodotti offerti, per il livello professionale della consulenza assicurativa, per l'efficacia dei processi distributivi, per la correttezza e tempestività del servizio di liquidazione dei sinistri. Gli iscritti alla CGIL dispongono inoltre di alcuni servizi telematici evoluti che da tempo UNIPOL ha realizzato proprio con l'intento di rendere sempre più agevole e lineare il rapporto fra la Compagnia e i suoi clienti. Di particolare rilevanza i servizi UNIPOL SERTEL e Carrozzerie Convenzionate, finalizzati a semplificare le modalità di denuncia dei sinistri Auto e a riparare i danni senza esborso anticipato da parte del cliente; il servizio UNIPOL RISPONDE, linea telefonica a disposizione degli Assicurati per informazioni, orientamenti nell'uso della Convenzione e reclami; il servizio PREVITEL, unico in Italia a disposizione degli aderenti ai Fondi Pensione aperti per accedere on-line, tramite password, a tutte l informazioni sulla propria posizione previdenziale complementare. Un completo servizio di orientamento sui contenuti e i vantaggi della Convenzione Nazionale è inoltre disponibile consultando i siti internet agli indirizzi e Tutte le informazioni le troverai presso le Agenzie UNIPOL. LINEA RISCHI AUTO Comprende tariffe R.C. Auto ed Auto Rischi Diversi con significative riduzioni di premio riservate in esclusiva ai destinatari delle Convenzioni nazionali; per l'r.c.auto tali riduzioni variano a seconda della classe di merito cui l'assicurato appartiene. Inoltre UNIPOL, attenta alle aspettative degli utenti per un contenimento dei costi delle assicurazioni auto ed in coerenza con lo spirito del Protocollo d'intesa siglato a fine 2003 fra il Ministero delle Attività Produttive, le Associazioni dei Consumatori e l'ania, ha lanciato due polizze di tipo innovativo denominate UNIBOX e FRANCHIGIA FRUTTUOSA. Tali prodotti, nuovi per il mercato italiano, consentono di abbinare, ad un sensibile risparmio sui premi, una maggiore tutela degli Assicurati. Gli sconti previsti dalla presente Convenzione, uniti alla convenienza propria delle nuove forme tariffarie, producono per gli iscritti alla CGIL un rilevante contenimento del costo complessivo dell'assicurazione auto. RC Auto Sconto del 3% sulle tariffe fino alla 14.a classe di merito; ulteriore sconto del 2% fino alla 2.a classe di merito. Auto protetta Sconto del 20% sulle garanzie a protezione dell auto e di chi la guida: incendio, furto, atti vandalici, grandine, tutela giudiziaria, ritiro patente ed infortuni del conducente.

12 RC motocicli e ciclomotori Sconto del 3% sulle tariffe per tutte le classi di merito; ulteriore sconto del 2% fino alla 2.a classe di merito. LINEA RISCHI PERSONA Questa linea di coperture è mirata a tutelare, con strumenti semplici e personalizzati, il tenore di vita e il benessere fisico delle persone assicurate e delle loro famiglie e comprende l'intera gamma delle polizze UNIPOL nei rami infortuni e malattia, riservando agli iscritti condizioni di premio ancora più vantaggiose rispetto a quelle previste dal precedente accordo. Per specifiche aree di rischio quali la circolazione stradale, le attività domestiche, la sicurezza della donna e i grandi rischi sanitari, sono stati predisposti pacchetti assicurativi a taglio fisso, chiari nelle condizioni e particolarmente convenienti nel prezzo. Infortuni e Malattia E' riconosciuto uno sconto del 20% sulle polizze Malattia e fino al 25% su quelle Infortuni. Multigaranzie per la persona È un prodotto flessibile che, con la copertura infortuni 24 ore su 24, tutela sul lavoro e durante le attività del tempo libero. Inoltre si possono acquistare le garanzie Responsabilità Civile del nucleo familiare, Scippo e Rapina, Rimborso Spese per Psicoterapia. Soluzioni assicurative dedicate Per specifiche aree di rischio quali la circolazione stradale, il lavoro domestico, la sicurezza della donna e i grandi rischi sanitari, sono stati predisposti pacchetti assicurativi a taglio fisso, chiari nelle condizioni e particolarmente vantaggiosi nel prezzo. Tutte le coperture sono integrabili con un servizio di assistenza sanitaria all intero nucleo familiare, attivo 24 ore su 24. LINEA RISCHI ABITAZIONE Per la copertura di tutti i possibili rischi connessi all'acquisto, alla proprietà ed alla conduzione dell'abitazione familiare, la Convenzione CGIL - UNIPOL prevede ora una linea di prodotti sia di tipo modulare che a taglio fisso. L'abitazione ed il suo contenuto possono essere assicurati con un'unica polizza multirischi che, insieme alla tutela dei beni, preserva l'intero nucleo familiare dalle richieste di risarcimento derivanti da responsabilità civile dei suoi componenti. In considerazione della particolare utilità sociale di tali coperture assicurative, la presente Convenzione prevede sconti sensibilmente più elevati sui premi di tariffa. LINEA RISPARMIO E PREVIDENZA Per questa importante linea di offerta CGIL ed UNIPOL hanno convenuto di ricondurre le proposte alle tre fondamentali aree del risparmio protetto e garantito, del risparmio gestito assicurativo e del risparmio con finalità previdenziali. Per la prima area l'accordo prevede ora specifiche tariffe Vita dedicate esclusivamente alle Convenzioni nazionali con una struttura dei costi semplice e conveniente. Per la seconda area l'offerta ricomprende l'intera gamma dei prodotti Unit- linked proposti in convenzione a costi ridotti. In materia di risparmio previdenziale CGIL ed UNIPOL confermano, anche alla luce di quanto previsto dalla legge di riforma, la scelta strategica che assegna al sistema dei Fondi negoziali il compito di dare un'efficace risposta al crescente bisogno di previdenza complementare. Per tutti i casi in cui al lavoratore iscritto ed ai suoi familiari sia precluso l'accesso a forme previdenziali di tipo collettivo, la presente Convenzione propone con i Fondi Pensione di UNIPOL soluzioni idonee ad assicurare sia la sicurezza dell'investimento che l'indispensabile contenimento dei costi di gestione.

13 SOCIETA SERVIZI CGIL PIEMONTE SUD SRL DETASSAZIONE NOTTURNO, STRAORDINARIO, PRODUTTIVITA L Agenzia delle Entrate con la risoluzione n.83/e del 17/8/2010 ha chiarito che il lavoro dipendente prestato in base ad un orario su turni, il lavoro notturno e le prestazioni di lavoro straordinario rientrano nell agevolazione dell imposta sostitutiva del 10%, purché rispettino le condizioni previste dall art.2 D.L. 93/2008 cioè che siano connessi a reali incrementi di produttività, innovazione ed efficienza organizzativa. VERIFICA SUL TUO MODELLO CUD 2011 se alla sezione SOMME EROGATE PER L INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO sono indicati degli importi sotto la voce: redditi 2008 (punto 97) e/o redditi 2009 (punto 99) : In questo caso, per poter richiedere il rimborso della tassazione ordinaria degli importi indicati, è necessario presentare la dichiarazione dei redditi. Per consentire il calcolo del rimborso spettante, i lavoratori interessati dovranno presentare apposita documentazione: LAVORATORI CHE HANNO PRESENTATO DICHIARAZIONE DEI REDDITI PER GLI ANNI D IMPOSTA 2008 E/O 2009 Modello 730 o Modello Unico con tutta la documentazione utilizzata Redditi prodotti nel 2007 LAVORATORI CHE NON HANNO PRESENTATO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI PER GLI ANNI D IMPOSTA 2008 E/O 2009 Modelli CUD redditi 2009 Modelli Cud redditi 2008 Redditi prodotti nel 2007 Prenota la tua dichiarazione dei redditi al Caaf CGIL, telefonando presso la sede più vicina al tuo domicilio. Per prenotazioni: CUNEO N.VERDE MONDOVI N.VERDE SALUZZO N.VERDE ALBA BRA FOSSANO SAVIGLIANO N.VERDE N.VERDE N.VERDE N.VERDE Società Servizi CGIL Piemonte Sud srl CF e PI Convenzionata con CAAF CGIL Piemonte e Valle d Aosta

14 LE ALTRE CONVENZIONI PER GLI ISCRITTI ALLA CGIL Autocarrozzeria CARS Applica uno Sconto del 15% agli Iscritti CGIL Di Raffo Claudio & C. s.a.s. Via Torino 216/b Madonna dell Olmo Tel Levabolli senza verniciatura Applica uno Sconto del 15% agli Iscritti CGIL Di Beppe e Ivano. Via Torino 216/b Madonna dell Olmo Unipol La Convenzione Cgil - Unipol Gruppo Finanziario Assicurazioni offre a tutti gli Iscritti al sindacato e ai loro familiari la possibilità di usufruire dei migliori prodotti assicurativi alle migliori condizioni. Unipol offre una vasta scelta di soluzioni personalizzabili che sono lo strumento più efficace per garantire serenità a se stessi e alla propria famiglia. Per informazioni chiama la filiale Unipol della tua città. Trenitalia Se hai compiuto 60 anni presentando la tessera sindacale Cgil e la credenziale 201 con il codice (Cgil nel campo codice promozione), puoi richiedere alle biglietterie Trenitalia o nelle agenzie di viaggio la carta d'argento con lo sconto del 25%. La tessera garantisce per un anno lo sconto del 15% sui prezzi del biglietto base di 1 e 2 classe per tutti i treni nazionali, del 10% sui biglietti per i servizi cuccette e vagoni letto (esclusi collegamenti internazionali). Agos Ducato AGOS DUCATO la società finanziaria nata dall'unione AGOS e DUCATO da più di venti anni presenti sul mercato italiano. Attraverso una rete di oltre 240 filiali distribuite su tutto il territorio, AGOS DUCATO offre a tutti gli iscritti CGIL prestiti personali fino ad un massimo di euro, restituibili con rate fino a 120 mesi. Per ulteriori informazioni chiamare il numero verde Elastys Elastys azienda del gruppo Agos Prestito personale Flessibile Destinatari speciali di questa offerta sono: Immigrati Lavoratori atipici Persone con una storia creditizia non eccellente Per informazioni telefona al numero verde (anche dal cellulare)

15 Documentazione per la consegna del 730 DOCUMENTI NECESSARI: Documento d'identità valido del dichiarante e quello del coniuge (se fa la dichiarazione dei redditi) Codice fiscale/tessera sanitaria (anche del coniuge e dei familiari a carico) 730/2010, UNICO/2010 o ultima dichiarazione presentata Dati completi dell'attuale datore di lavoro, se nel 2011 diverso dal precedente: denominazione, codice fiscale, indirizzo, telefono/fax/ Per gli iscritti: tessera CGIL 2011 Documenti relativi ai redditi percepiti nel 2010: Mod. CUD 2011 di lavoro dipendente, pensione, collaborazioni, cassa edile, ecc... Mod. CUD 2011 INPS per redditi di cassa integrazione, mobilità, disoccupazione, ecc... Mod. CUD 2011 INAIL per redditi da infortunio Assegni periodici a seguito di separazione/divorzio (ricevute di pagamento, sentenza Tribunale) Assegni e/o certificati redditi di fonte estera, certificato annuale/cedolini mensili pensioni estere Certificati redditi percepiti da fallimenti o per borse di studio Certificati redditi da capitale (es. azioni) Certificati ritenuta d'acconto redditi di lavoro autonomo occasionale, diritti d'autore, associazione in partecipazione o altri redditi. Documenti relativi ad attestati di versamento: Acconti IRPEF versati nel 2010 con F24 Comunicazione dell'azienda relativa al mancato conguaglio del 730 (es. crediti non rimborsati o debiti non trattenuti) Mod. F24 se ci sono eccedenze compensate per pagare altre imposte. Documenti relativi a fabbricati e terreni: Visura catastale, eventuale valore dell'area edificabile ai fini del calcolo ICI Atti di acquisto/vendita per immobili acquistati/venduti nel 2010 Dichiarazione di successione, domande di voltura per immobili ereditati (in tale ipotesi serve anche la visura catastale) Contratto di locazione registrato (se in regime concordato Legge 431/98 art. 2 comma 3). Documenti relativi all'acquisto/ristrutturazione/costruzione dell'abitazione principale: Copia contratto di mutuo, fattura del notaio relativa alla stipula dello stesso, imposte pagate, spese di istruttoria Copia contratto nuovo mutuo, se estinto precedente, fattura notaio stipula nuovo mutuo, spese di istruttoria e altre spese inerenti il nuovo mutuo, certificazione rilasciata dalla banca capitale residuo mutuo precedente Copia atto di acquisto dell'immobile, relativi oneri accessori (costi di intermediazione, fattura notaio per l'atto d'acquisto) Copia provvedimento amministrativo che autorizza la costruzione o la ristrutturazione, fatture e quietanze per le spese sostenute (opere di urbanizzazione, spese per professionisti, acquisto materiali, ecc...) Quietanze di pagamento degli interessi passivi e relativi oneri accessori e quote di rivalutazione Imposta ipotecaria, spese di istruttoria o eventuali penalità pagate per l'estinzione del mutuo Credito d'imposta riacquisto prima casa: atti notarili 1 immobile ceduto e 2 immobile acquistato. Documenti relativi alle detrazioni 36-41% per interventi di ristrutturazione immobili e detrazione arredi: Per le spese di ristrutturazione immobile di proprietà: fatture o ricevute fiscali (le fatture devono contenere il costo della manodopera); ricevute del bonifico bancario; ricevuta della raccomandata inviata al Centro Operativo di Pescara per la comunicazione di inizio lavori Per le spese di ristrutturazione del condominio: dichiarazione dell'amministratore o tutta la documentazione attestante le spese; tabella millesimale delle quote di proprietà dei condomini Per l'acquisto di box pertinenziale: oltre ai documenti precedenti, dichiarazione dei costi di costruzione Per l'acquisto di immobili ristrutturati: atto di acquisto nel quale risulti il diritto alla detrazione

16 Per la detrazione arredi: fattura e ricevuta del bonifico bancario o postale da cui risulti la causale del versamento Documenti attestanti la ristrutturazione immobiliare (vedi paragrafi precedenti) Documenti relativi alla detrazione 55% per riqualificazione energetica degli edifici: Bonifico bancario e fattura attestante la spesa, asseverazione e attestato di certificazione o qualificazione energetica, ricevuta di trasmissione all'enea. Detrazione 55% per riqualificazione energetica degli edifici: bonifico bancario e fattura attestante la spesa, asseverazione e attestato di certificazione/qualificazione energetica, ricevuta di trasmissione all'enea; eventuale scheda allegato E/F; comunicazione A.E. per prosecuzione lavori. Documenti relativi alle spese sostenute dagli inquilini: Canoni locazione abitazione principale (durata 4 + 4): contratto di locazione registrato Legge 431/98 art. 2, comma 1, ovvero contratto di locazione anche se non fa riferimento alla Legge 431/98 perché rinnovato tacitamente con reddito complessivo fino a ,41 Canoni locazione abitazione principale (durata 3 + 2): contratto di locazione registrato Legge 431/98 art. 2, comma 3, art. 4, comma 2 e 3 (regime convenzionato), con reddito complessivo fino a ,41 Canoni locazione abitazione principale per lavoratore dipendente che trasferisce la residenza per motivi di lavoro: contratto di locazione registrato Legge 431/98 qualsiasi sia la tipologia del contratto con reddito complessivo fino a ,41 Canoni locazione abitazione principale per giovani tra 20 e 30 anni: contratto di locazione registrato Legge 431/98 con reddito complessivo fino a ,70 Canoni di locazione per gli studenti universitari fuori sede: contratto di locazione registrato e ricevute di pagamento canone. Lo studente deve essere iscritto ad un corso di laurea presso un'università ubicata in una provincia diversa da quella di residenza ed in un comune distante almeno 100 km. Documenti relativi alle spese sostenute nel 2010: Spese destinate alla pratica sportiva dei minori di età tra 5 e 18 anni: bollettino bancario o postale, fattura, ricevuta o quietanza di pagamento Sostituzione di frigoriferi e congelatori almeno di classe A+: fattura o scontrino parlante, documentazione comprovante l'avvenuta sostituzione Acquisto/installazione motori ad elevata efficienza di potenza elettrica e variatori di velocità: fattura, ricevuta di trasmissione all'enea Spese mediche: ricevute, fatture, quietanze, ticket, prescrizione medica, scontrini dei medicinali Spese per acquisto medicinali sia da banco sia con prescrizione medica: scontrino c.d. parlante contenente quantità, natura, nome del prodotto o codice AIC, codice fiscale, data e costo (per i medicinali acquistabili con ricetta medica non è necessario produrre copia della stessa) Acquisto o spese per veicolo destinato a portatore di handicap: ricevuta/fattura di pagamento (se rateizzata, anche se sostenuta in anni precedenti) Spese mediche/assistenza per i portatori di handicap: fatture/ricevute comprovanti la spesa e documento di invalidità o autocertificazione di invalidità Spese acquisto cani guida per non vedenti: ricevuta di pagamento (se rateizzata, anche se sostenuta in anni precedenti) Spese per istruzione, spese per asili nido, spese funebri, spese veterinarie: fatture, ricevute di pagamento Spese per assicurazioni vita, infortuni: attestato di pagamento del premio, polizza o attestato dell'assicurazione e contratto Spese previdenza complementare individuale: attestato di pagamento del premio e contratto stipulato con la società autorizzata a costituire il fondo Erogazioni liberali alle ONLUS, ONG, alle società di mutuo soccorso, alle società sportive dilettantistiche, ai partiti politici: ricevute di pagamento Contributi previdenziali obbligatori, facoltativi, CSSN su Rc Auto, colf e badanti: quietanza versamenti, delega F24, bollettino C/C postale Assegno periodico al coniuge separato/divorziato: codice fiscale del coniuge, ricevute di versamento, sentenza del tribunale Spese per soggetti non autosufficienti: ricevuta rilasciata dal soggetto che presta assistenza, certificato medico attestante la condizione di non autosufficienza Spese per interessi bancari mutui ipotecari

17 COMUNICATO STAMPA Oggetto: contributi per il diritto allo studio (Libri di testo, borse di studio, assegni di studio) a.s. 10/11 scadenza presentazione domande: 6 maggio Sono usciti i bandi regionali relativi alle provvidenze economiche previste in materia di diritto allo studio. Con un'unica domanda (da presentare in Comune a Cuneo) è possibile accedere a tutti i benefici previsti (libri di testo, borse di studio, assegni di studio). Ecco il quadro riepilogativo degli interventi: GRADO DI SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SECONDARIA DI SECONDO GRADO (e corsi di formazione professionale finalizzati all assolvimento dell obbligo) ISEE tra 0 ed ,94 Borsa di studio statale Assegno di studio Libri di testo Borsa di studio statale Assegno di studio Libri di testo Borsa di studio statale con integrazione regionale Assegno di studio ISEE tra ,95 ed ,00 Assegno di studio Assegno di studio Borsa di studio regionale Assegno di studio ISEE tra ,01 ed ,00 Assegno di studio Assegno di studio Assegno di studio Assegni di studio Gli assegni di studio possono essere richiesti dai genitori di studenti delle scuole primarie e secondarie di I e II grado che abbiano un ISEE inferiore a ,00. La domanda riguarda la spesa presunta, per l'a.s. 2010/11, riferita a: - SPESE DI ISCRIZIONE E FREQUENZA. - SPESE PER TRASPORTO, ATTIVITA' INTEGRATIVE POF, LIBRI DI TESTO. E' possibile presentare domanda solo per una delle due tipologie di spesa sopra indicate. Questa domanda è complementare a quella per borse di studio e libri di testo: si possono presentare le domande congiuntamente sul modello unificato e cumulare i relativi benefici. Borse di studio e libri di testo L assegnazione di borse di studio a sostegno della spesa delle famiglie per l istruzione e di contributi libri di testo per gli alunni delle scuole statali, paritarie e non statali risulta analoga a quanto stabilito già negli anni scorsi, e non prevede valutazione sul merito del rendimento scolastico. Ecco i requisiti occorrenti: B o r s a d i s t u d i o R E Q U I S I T I Li b r i d i t e s t o Sei uno studente che: - nell a.s. 2010/2011 frequenta una scuola elementare, media o superiore statale o paritaria o un corso di formazione professionale in istituzioni accreditate dalla Regione; - ha sostenuto una spesa per l istruzione di almeno 51,65 relativamente a frequenza, trasporto, mensa, sussidi scolastici (ad esempio materiali e attrezzature informatiche, ausili didattici), attività integrative scolastiche, viaggi e visite di istruzione, esclusi i libri di testo - nell a.s. 2011/2012 frequenterà una scuola media o superiore statale o paritaria o un corso di formazione professionale in istituzioni accreditate dalla Regione;

18 Sappi che: - la borsa di studio non è legata al merito scolastico; - la spesa minima deve essere documentata, conservando le pezze giustificative (scontrini, fatture) per eventuali controlli. - il contributo libri di testo è erogato esclusivamente per l acquisto dei libri di testo nuovi o usati. - la spesa per i libri deve essere documentata conservando le pezze giustificative (scontrini, fatture) per eventuali controlli. Borse di studio per la scuola secondaria di 2 ^ grado Per alunni che nell a.s. 2010/2011 frequentano la scuola secondaria di 2^ grado statale, paritaria ed i corsi di formazione professionale/obbligo di istruzione con un I.S.E.E. compresa tra ,95 e ,00. Cosa occorre fare: Occorre presentare la dichiarazione sostitutiva unica (D.S.U.) per ottenere l attestazione I.S.E.E. La dichiarazione può essere presentata al Comune di residenza, ai CAF - Centri di assistenza fiscale convenzionati e all INPS. Con l attestazione I.S.E.E. si può compilare la domanda unica valida per i benefici cui si ha diritto a seconda del valore dell'i.s.e.e.: se inferiore a ,94 per i libri di testo e le borse di studio, se inferiore a ,00 per le borse di studio delle superiori, se inferiore a ,00 per gli assegni di studio. Dove presentare la domanda? per gli alunni residenti nel Comune di Cuneo La domanda va presentata esclusivamente presso l'ufficio Scuola del Comune di Cuneo: Settore Socio Educativo, via Roma, 2 (piano terra) Orario: lunedì, mercoledì, venerdì: ore 8,30 12,30 martedì: ore 8,30 16,30 giovedì: ore ore 8,30 12,30; 14 16,30 e per quelli non residenti Il ritiro del modulo di domanda e la consegna della stessa potrà essere effettuato sia presso la Segreteria della scuola frequentata sia al Comune di Cuneo. Scadenza per la presentazione delle domande: 6 maggio 2011 Per ogni informazione è possibile rivolgersi presso: - la Segreteria della scuola frequentata - gli Uffici del Comune di Cuneo Settore Socio Educativo [tel /506; fax ; mail: -

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO

CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO CONTRIBUTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE A TORINO Fino al 6 maggio 2011 è possibile presentare la domanda per accedere ai contributi a sostegno delle famiglie per le spese di istruzione

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

In caso di mancato inserimento, lo studente sarà collocato d'ufficio nella fascia massima di contribuzione.

In caso di mancato inserimento, lo studente sarà collocato d'ufficio nella fascia massima di contribuzione. Gli studenti immatricolati ed iscritti in corso e fuori corso che ritengono di essere nelle condizioni economiche per poter ottenere la riduzione delle tasse possono rivolgersi gratuitamente agli uffici

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO

NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO Dal 2015 l Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti il modello 730 parzialmente precompilato; conterrà infatti i dati del reddito da lavoro

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente

I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente D.P.C.M. 5 Dicembre 2013 n. 159 G.U n. 19 del 24 Gennaio 2014 LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI I QUESITI SONO STATI RACCOLTI DALLA CONSULTA

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli