ATLAS HLT/DAQ Stato e prospettive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATLAS HLT/DAQ Stato e prospettive"

Transcript

1 CSN1 Settembre 2005 ATLAS HLT/DAQ Stato e prospettive Valerio Vercesi

2 Outline Pre-series Status in USA15/SDX1 Commissioning and exploitation Large Scale Test Activities, experiences Lessons learnt Activities Finance Monitoring, ROD Crate DAQ Algorithms development and deployment Accounting 2006 requests CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 2

3 CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 3 S. Falciano (Roma1) Coordinatore Commissioning HLT A. Negri (Pavia) Coordinatore Event Filter Dataflow A. Nisati (Roma1) TDAQ Institute Board chair e Coordinatore Muon Slice PESA F. Parodi (Genova) Coordinatore b-tagging PESA V. Vercesi (Pavia) Deputy HLT leader e Coordinatore PESA (Physics and Event Selection Architecture) Attività italiane Trigger di Livello-1 muoni barrel (Napoli, Roma1, Roma2) Trigger di Livello-2 muoni (Pisa, Roma1) Trigger di Livello-2 pixel (Genova) Event Filter Dataflow (LNF, Pavia) Selection software steering (Genova) Event Filter Muoni (Lecce, Napoli, Pavia, Roma1) DAQ (LNF, Pavia, Roma1) Monitoring (Cosenza, Napoli, Pavia, Pisa) Pre-series commissioning (LNF, Pavia, Roma1)

4 ATLAS TDAQ system CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 4 Latency ~2 ms ~10 ms ~ 1 s TDAQ Rates 40 MHz ~75 khz LVL2 farm ~2 khz ~200 Hz LVL1 RoI LVL2 Muon ROD ROD ROD ROB EF farm ~1000 CPUs Calo ROB Event builder network EF Storage: ~ 300 MB/s Inner ROB Pipeline Memories Readout Drivers Readout Buffers ~ selected event every million LEVEL-1 TRIGGER Hardware-Based Coarse granularity from calorimeter & muon systems LEVEL-2 TRIGGER Regions-of-Interest seeds Full granularity for all subdetector systems Fast Rejection steering EVENT FILTER Possibly seeded by Level 2 Full event access Algorithms inherited by offline High-Level Trigger

5 TDAQ CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 5 Trigger e Data Acquisition hanno da sempre in fase di commissioning un doppio ruolo Come server per il commissioning dei rivelatori Come client per utilizzare le informazioni realistiche dell esperimento per i propri studi di funzionalità e performance La situazione si è già presentata durante il Combined Testbeam 2004 Il TDAQ di ATLAS è un progetto in piena evoluzione in cui development/commissioning/exploitation sono ancora fasi molto miscelate Presentazione di risultati e indicazione delle prospettive Maggiore enfasi alle componenti con forte partecipazione italiana Descrizione del piano di commissioning generale

6 CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 6 Pre-series design Module-0 of final system 8 racks (~10% of final dataflow)

7 Pre-series reality CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 7 ROS rack LVL2 rack 6 racks SDX1 Switch rack Online rack EF rack

8 Commissioning and exploitation Fully functional, small scale, version of the complete HLT/DAQ Equivalent to a detector s module 0 Purpose and scope of the pre-series system Pre-commissioning phase To validate the complete, integrated, HLT/DAQ functionality To validate the infrastructure, needed by HLT/DAQ, at point-1 Note it will be provisionally installed at point 1 (USA15 and SDX1) Commissioning phase To validate a component (e.g. a ROS) or a deliverable (e.g. a Level-2 rack) prior to its installation and commissioning TDAQ post-commissioning development system Validate new components (e.g. their functionality when integrated into a fully functional system) Validate new software elements or software releases before moving them to the experiment. CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 8

9 Pre-Series Commissioning CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 9

10 Commissioning LVL2+ROS CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 10 First measurements with full LVL2 rack feeded by ROS data Using separate Control and Data networks

11 Commissioning EF CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 11

12 Pre-series Status in USA15/SDX1 Commissioning and exploitation Large Scale Test Activities, experiences Lessons learnt Activities Finance Monitoring, ROD Crate DAQ Algorithms development and deployment Accounting 2006 requests CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 12

13 Large Scale Tests CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 13 Pre-serie work will help understanding the TDAQ system in terms of functionality Forms the basis for future deployments/exploitations Complexity of ATLAS TDAQ system arises also from the size of bulk components involved Topology of communications, size of LVL2/EF farms, software, Test scalability of HLT system using presently available large installations Understand issues like configuration, startup time, communication, control, error reporting, UCB/TRIUMF WestGrid Cluster (http://www.westgrid.ca) 60 racks x 14 nodes = 840 Dual-CPU nodes (3 GHz CPUs / 2-4 GB RAM) CERN LXSHARE Cluster (http://batch.web.cern.ch/batch) Up to ~700 nodes (various flavours) Reference page for all tests

14 Success, problems, High test activity at both system and component level Problem finding solving or workaround find new problems General feeling that We are well advancing in the understanding of the system on a large scale In some areas we have come further than hoped (HLT offline) A lot remains to be done for final Atlas Repeated questions: when are the next large scale tests planned? Comprehensive report is planned to be available for the Atlas Week in October CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 14

15 State transitions CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 15 RUNNING USR_RUNNING_TIME (default is 30 s) CONFIGURED Luke Warm Start Luke Warm Stop Configure Unconfigure INITIAL Boot Cold Start Cold Stop Shutdown ABSENT Setup Close configure: load configure start: prepareforrun starttrigger stop: stoptrigger stopfrontend stopdatacollection stopeventfilter stoprecording unconfigure: unconfigure unload

16 State transistion timing quite acceptable LVL2 transition times No significant differences between 2 and 3 tier Run Control 2 Tier Run Control Time (secs) Configuration Id (# L2PU nodes 8 -> 256) setup boot conf start wait stop unconf shutdown close CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 16

17 EF LST CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 17 config. / total times, s time, s EF TrigMoore with Oracle/MySQL config Oracle config MySQL Total test Oracle Total test MySQL Number of processes (1EFD+2PTs) Timings HelloWorld / TrigMoore config HelloWorld config TrigMoore MySQL backend setup HelloWorld backend setup TrigMoore MySQL Number of processes (1EFD+2PTs) Effect of realistic algorithm: TrigMoore vs HelloWorld EF standalone 1EFD+2PTs / node up to 200 nodes MySQL as geometry DB used significant slow down due to access/reading geom. DB MySQL vs Oracle DB in TrigMoore EF standalone, 1EFD+2PTs / node Oracle DB up to 160 nodes MySQL DB up to 200 hosts MySQL works faster at small scales, while Oracle looks better at higher scales - to be investigated more not able to on higher than 200 nodes with any of both partitions to be investigate further (do we need to replicated DBs?)

18 Pre-series Status in USA15/SDX1 Commissioning and exploitation Large Scale Test Activities, experiences Lessons learnt Activities Finance Monitoring, ROD Crate DAQ Algorithms development and deployment Accounting 2006 requests CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 18

19 Cosmics Tile setup MobiDAQ (Mobile DAQ): read out of 8 drawers in the pit with temporary RODemu but real TDAQ (tdaq ), tests of electronics, cosmic muons runs CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 19

20 GNAM Monitoring chain Framework per monitoring on-line a basso livello Status Core: trasporto di eventi, istogrammi e comandi Plugin dinamici: decodifica e istogrammazione Possibilita di correlazione fra diversi rivelatori Comandi asincroni (reset, rebin, update) Incluso in TDAQ da aprile Utilizza i servizi disponibili per il monitoring Validato al CTB04; in uso in alcuni siti di commissioning

21 GNAM al commissioning CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 21 Acquisizione dati nell ambito del software TDAQ Commissioning di MDT usa GNAM per monitoring online ed analisi dati Sampling completo a livello di ROS [~2 KHz per noise test, ~200 Hz per pulser] Integrazione di librerie: completato per MDT, in via di sviluppo per RPC Stato del monitoring MDT: Richiesta minimale di informazioni allo shifter (nomi camere) Output: file di istogrammi e file di testo con risultati di analisi dati per ciascuna camera e per ciascun run In sviluppo: ottimizzazione dell analisi dati on-line installazione del presenter per la visualizzazione degli istogrammi on-line event display

22 PMP Presenter Visualizzazione asincrona on-line di istogrammi Status Interattivo (reset, rebin, zoom, fitting, ecc...) Operazioni grafiche su istogrammi (ROOT canvas) Grafica configurabile Incluso in TDAQ da settembre Utilizza i servizi disponibili per il monitoring Pienamente funzionale al CTB04 Riprogettato per nuove funzionalità e maggiore scalabilità CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 22

23 GNAM PMP GNAM&PMP: sviluppi futuri Completare l integrazione nel framework del TDAQ Configurazione di Core e librerie dal database del TDAQ Messaggistica e gestione degli errori software Supporto per la generazione di allarmi automatici Livelli di severità, routing Verifica delle prestazioni e delle risorse necessarie CPU, Memoria, Banda Studio della scalabilità Completare la nuova versione Minimizzazione del traffico di rete Adattamento della IGUI alla nuova struttura Generazione allarmi Plugin di analisi degli istogrammi CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 23

24 ROD Crate DAQ CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 24 RCD is used as interface with the RODs for Control Configuration Monitoring Statistics Event sampling Data readout (through VME) User guide for detectors developers available Validation system in Bld. 40 DAQ Commissioning Phase 1: The ROD Emulator system will be used in order to validate all common RCD software and infrastructure After adding and validating the detector sw and hw specific items, multi crate event building will be used in the absence of the full DAQ chain ROD Emulator R C C VMEbus memory + CORBO = M C Config & Control E O M O R Data readout Y Memory + Registers + Interrupt capability R B O R E B R O S Event Fragments

25 RCD exploitation Experience from Combined Testbeam extremely useful Recall almost all detector used it in the CTB Successful workshop to put forward new requirements As a consequence, several improvements during last months Configurable interrupt handling Simplified user interface to access ordered event fragments Data driven event building for multicrate acquisition in the commissioning phase Simplified ROD emulation Hardware trigger distribution All sub-detector commissioning (but LAr ) sites use RCD MDT and RPC on the forefront BB5 integration, Point 1 with MROD, Lab testing with ROD emulators CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 25

26 Algorithms: Muon slice CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 26 LVL1 simulation is the fundamental input for the measurement of the full muon vertical slice performance LVL2 and EF Muon algorithms have been extensively tested on data simulated in ATLAS Rome Physics Workshop: June 2005 LVL2: µfast Confirm the LVL1 trigger with a more precise P T estimation within a Region of Interest (RoI) Global pattern recognition, track fit, fast P T estimate via Look Up Table (LUT) with no use of time consuming fit methods Event Filter: TrigMoore Based on offline reconstruction algorithm Moore Can run seeded (reconstruction starting from RoI of previous levels) Precise P T determination General goal is now to achieve more realistic estimate of trigger selections and corresponding rates Real geometry, configuration and conditions database usage,

27 Athena release Low p T 6 GeV Threshold LVL1 Coincidence Windows Efficiency curve Low-pT Inefficiency map CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 27

28 CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 28 MuFast Radius approach Barrel, Muon layout Q Use of curvature radius instead of sagitta investigated More suitable for the endcap, recover efficiency in the barrel Same algorithm across ± 2.4 in η Tail extension over 2 σ: 6 GeV 20 GeV 100 GeV misposition of the fit segment w.r.t. the MDT wire, increases tails at higher p T. η < 1.1 Standard sectors All sectors

29 CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 29 Early stages of project Endcap differs from Barrel M and O station are outside B field Inhomogeneous B field bending is local Algorithm MuFast endcap extension eta Event display # Pattern recognition and fit in TGC position and slope in EM Extrapolate segment into MDT EM/EO Roads in EM/EO, find hits, fit Z TGC TGC SP MDT EM MDT EO ROI Forward Endcap Next 0.00E E E E E E E E-05 pattern recognition and fit in MDT as in mfast not done yet Extrapolation into EI and LUT Slope PT

30 MuFast: : MDT miscalibration Commissioning the algorithms: realistic approach to data handling The plot shows the mufast resolution for two different scenarios: the correct MDT r-t function is used, red points a systematic shift of mm is added to the radius returned by the correct r-t function, blue points +10% 50 GeV, to be compared with a + 5% expected by a naive calculation CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 30

31 TrigMOORE updates A check on the detectors hash ids selected by RoIs is now performed in order to avoid duplicated Moore tracks, that can be reconstructed twice if starting from equal or similar RoIs. The RegionSelector can be initialised with maps from MDT, RPC, TGC for different layouts CSC recently added: checks in progress TrigMoore can be seeded in the barrel and in the endcaps Work in progress to establish robustness and fake rate in presence of cavern background CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 31

32 TrigMoore: : MDT miscalibration Single muons (with p T = 6, 10, 20, 40, 100 GeV/c, produced for the Rome Initial Layout) have been reconstructed in two different scenarios Using the correct MDT r-t relation function (red squares in pictures) Applying a systematic +0.2 mm shift on the radius obtained with the correct MDT r-t function (blue circles in pictures) The relative degradation in σ(p T ) is +5% for muons with a 6 GeV/c transverse momentum, increases to +13% around 50 GeV/c p T resolution (Moore) This MDT miscalibration leaves almost unaffected η resolutions. CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 32

33 LVL2 tracking: SiTrack CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 33 Preliminary results obtained on DC1 b-jet samples at initial luminosity

34 LVL2 CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 34 Results obtained with the standard SiTrack algorithm on DC1 data b-tagging: likelihood ratio using transverse and longitudinal impact parameters Upgraded version to be tested soon: should improve both efficiency and track parameters resolution and hence significantly improve the b-tagging performance

35 Algorithms steering CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 35 g60hy isg60 gisol60 l2g60i EM60Hy EM60 T2Calo Cluster60 eg60hy eg60 EMtrackHard TrackHardEM e60hy ise60 eisol60 l2e60i g25hy isg25 gisol25 l2g25i EM25Hy EM25 T2Calo Cluster25 eg25hy eg25 EMtrackSoft TrackSoft25EM e25hy ise25 eisol25 l2e25i EMROI g20hy isg20 gisol20 l2g20i EM20Hy EM20 T2Calo Cluster20 eg20hy eg20 EMtrackSoft TrackSoft02EM e20hy ise20 eisol20 l2e20i g15hy isg15 eisol15 l2e15i EM15Hy EM15 T2Calo Cluster15 eg15hy eg15 EMtrackSoft TrackSoft15EM e15hy ise15 eisol15 l2e15i

36 ATLAS Commissioning Phases CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 36 Commissioning means bringing ATLAS systems from just installed to operational. It is broken in 4 phases Subsystem standalone commissioning Integrate subsystems into full detector Cosmic rays, recording data, analyze/understand, distribute to remote sites Single beam, first collisions, increasing rates, etc A consistent part of commissioning activities will be done during the installation itself Phases will overlap since different systems may be at different development levels For the barrel calorimeter commissioning will start soon Tile calorimeter is already taking data

37 HLT Commissioning CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 37 Commissioning is a set of activities which spans the time interval from the installation of the HLT racks and nodes A rack is the elementary unit for commissioning OS, Dataflow and Online software are installed... to the phase when the HLT is filtering physics data and recording them HLT selection algorithms are installed and running stably The complete trigger menu (at least for early physics) is configured The trigger selection efficiencies and background rejection rates are understood and can serve as input for physics measurements Phase-1 Commissioning definition is the most urgent Heavily use the Pre-series to exercise the procedures for installation and commissioning Important steps will cover the integration of detectors into full system Involve operations that have a very strong coupling with the offline commissioning activities Development of specific algorithms looking at simple data decoding (cabling, ) Final commissioning phases extend far beyond the data-taking startup (interface with run coordinator team)

38 Cosmic muons in ATLAS CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 38 Concrete Air Surface building PX14/16 shielding (2.5 g/cm 3 ) PX16 PX14 (12.6 m Inner Ø ) (18.0 m Inner Ø) Rock ~ Silicon 600m x 600m x 200m deep (2.33 g/cm 3 ) ATLAS Geant Simulation Initial detector

39 Outlook A lot of work during this year, system entering phase of complete deployment Purchase plan proceeding as scheduled, with some minor delays (Wo)manpower situation not always healthy More help and support welcome Three big tasks awaiting us in the next months Commissioning the pre-series and extract a coherent and complete set of system performance measurements Based on previous experiences and on already established partial results On-line trigger selections evaluation (rates, efficiencies, physics coverage, ) evolving towards more realistic approach Calibration, geometry as installed, mis-alignment, error handling, complete trigger menus, physics analysis based on trigger objects Prepare for cosmic run next year Cosmic slices and trigger menu (Tile, LVL1, digital LVL2) CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 39

40 Pre-series Status in USA15/SDX1 Commissioning and exploitation Large Scale Test Activities, experiences Lessons learnt Activities Finance Monitoring, ROD Crate DAQ Algorithms development and deployment Accounting 2006 requests CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 40

41 Accounting CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 41 Contributo INFN alla Pre-serie Read-Out System: 51 kchf (ROS Racks) Online Computing System: 40 kchf (Monitoring, Operations) Online Network System: 44 kchf (Switches, FileServer) Inviati al CERN a Dicembre 2004 VV riceve in copia tutte le fatturazioni dei singoli acquisti ed un sommario mensile dello stato finanziario Contributo CORE 2005 Online Computing System: 45 kchf (Monitoring, Operations) Inviati al CERN a Maggio 2005 Già acquisiti due file server Read-Out System: 275 kchf (ROS Racks) Questo acquisto si espleta secondo una gara e non con un semplice market survey o price inquiry come fino ad ora avvenuto Richiesta alla Giunta l autorizzazione per partecipare alla gara Grazie a Speranza che si è prodigata per espletare le pratiche necessarie Il CERN preferisce gestire la gara su un periodo di due anni Omogeneità dei componenti vs miglioramento delle prestazioni Si sommano i 275 kchf del 2006

42 Cost Profile (kchf) CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia Total Pre-series Detector R/O LVL2 Proc Event Builder Event Filter Online Infrastructure INFN Total TDR Total INFN Percentage(%)

43 LNF Pavia Roma1 Missioni Estere Commissioning HLT/DAQ Pre-serie e pit: 6 m.u. Ferrer, Kordas (+ Miscetti, Giovannella) VV coordinatore PESA e duputy HLT: 1 m.u. Negri A. responsabile Event Filter: 1 m.u. Scannicchio D. commissioning HLT: 2 m.u. Speranza responsabile commissioning HLT: 2 m.u. Leandro chair IB, coordinatore slice mu: 1 m.u. ROD crate DAQ e HLT/DAQ muoni : 4 m.u. Pasqualucci, Di Mattia, CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 43

44 Milestones CSN1 Settembre 2005 V. Vercesi - INFN Pavia 44 30/06/2005 TDAQ - Installazione, test e uso della "Pre-serie" (~ 10% TDAQ slice) ragionevolmente raggiunta: ritardi accumulati soprattutto sugli acquisti delle componenti 24/12/2005 TDAQ - Installazione e test dei ROS di Pixel, LAr, Tile, Muon (interfacciamento al ROD Crate e integrazione nel DAQ) Parte del piano di commissioning in esecuzione: piccola dipendenza dalla data di consegna dei ROS 30/04/2006 Completamento dei test sulla pre-serie e definizione delle funzionalità per il supporto al commissioning TDAQ 31/08/2006 Commissioning delle slice di ROS dei rivelatori utilizzando le funzionalità della pre-serie (modulo-0 del sistema finale) 31/12/2006 Presa dati integrata dei rivelatori nel pozzo con raggi cosmici

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER

RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER RIF 101 TECNA, MECA MULTINEEDLE ROTATIVE HOOK LOCK STITCH QUILTER Price ExWorks Gallarate 60.000,00euro 95 needles, width of quilting 240cm, 64 rotative hooks, Pegasus software, year of production 1999

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

SOHO IP-PBX - ETERNITY GE IP-PBX per mobilità senza confini e connettività universale

SOHO IP-PBX - ETERNITY GE IP-PBX per mobilità senza confini e connettività universale SOHO IP-PBX - ETERNITY GE 1 ETERNITY GE è un sistema di comunicazione avanzato e flessibile, che offre servizi e funzionalità utili alle grandi imprese, in linea con le loro richieste. La sua affidabile

Dettagli

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE.

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE. UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIR 3 RVIZI ALITALIA. MPR DI PIÙ, PR T. FAT TRACK. DDICATO A CHI NON AMA PRDR TMPO. La pazienza è una grande virtù. Ma è anche vero che ogni minuto è prezioso. Per questo

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Studio del decadimento B s φφ emisuradelsuobranching r

Studio del decadimento B s φφ emisuradelsuobranching r Studio del decadimento B s φφ e misura del suo branching ratio acdfii Relatore Correlatore dott.ssa Anna Maria Zanetti dott. Marco Rescigno Giovedì, 18 Dicembre (pag 1) Scopo dell analisi Lo scopo dell

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

LA DIFFERENZA È NECTA

LA DIFFERENZA È NECTA LA DIFFERENZA È NECTA SOLUZIONI BREVETTATE PER UNA BEVANDA PERFETTA Gruppo Caffè Z4000 in versione singolo o doppio espresso Tecnologia Sigma per bevande fresh brew Dispositivo Dual Cup per scegliere il

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

PREREQUISITI WEBGATE400

PREREQUISITI WEBGATE400 PREREQUISITI WEBGATE400 V7 1 PREREQUISITI MINIMI TECNICI 1.1 Scopo del documento Il presente documento intende definire alcune linee guida per la configurazione minima del Server (System I) e del client

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

SAP Solution Manager 7.1 sp4

SAP Solution Manager 7.1 sp4 SAP Solution Manager 7.1 sp4 Basic steps wizard configuration guide Table of Contents Post installation checks... 2 SPAM Level... 2 Missing objects... 2 Remote logon for SAP Support... 3 Documentazione...

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

Il Ruolo del TSRM come Amministratore di Sistema II Modulo - Gestione dei Sistemi Informativi RIS/PACS

Il Ruolo del TSRM come Amministratore di Sistema II Modulo - Gestione dei Sistemi Informativi RIS/PACS GESIRAD Il Ruolo del TSRM come Amministratore di Sistema II Modulo - Gestione dei Sistemi Informativi RIS/PACS Copyright Siemens AG Healthcare Sector 2009. For internal use only. Roma, 8 marzo 2011 Pellegrini

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli