PAOLO MONTEFAMEGLIO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE CIRCOLARE PRO-MEMORIA PROT. 30/2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PAOLO MONTEFAMEGLIO DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE CIRCOLARE PRO-MEMORIA PROT. 30/2006"

Transcript

1 Bologna, 07 ottobre A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE PRO-MEMORIA PROT. 30/2006 DECRETO LEGGE n. 262 del 3 ottobre 2006 pubblicato nella G.U. n. 230 del collegato alla finanziaria 2007 A pochi mesi dall emanazione del contestato Decreto Legge n. 223 dello scorso 4 luglio (manovra fiscale Prodi-Visco-Bersani), convertito con modificazioni nella Legge 248 dell 11/08/2006, il Governo ha ulteriormente emanato, tramite il ricorso ancora una volta non giustificato allo strumento del Decreto Legge, ulteriori importanti disposizioni anche di natura fiscale che solo in parte si possono ritenere collegate alla Manovra Finanziaria 2007, in quanto in vigore già a partire dall anno Tale Decreto Legge, il n. 262 del 3/10/2006, risulta composto da n. 48 articoli e regolamenta, tra l altro, la lotta all evasione, il nuovo prelievo sulle successioni e donazioni, la tassazione delle auto. Di seguito le novità più rilevanti riguardanti il settore fiscale. ARTICOLO 1 - Misure in materia di accertamento, nonché di contrasto all evasione ed all elusione fiscale, nonché di potenziamento dell amministrazione economico finanziaria. (Comma 1) Obbligo trasmissione dati in via telematica per operatori doganali Saranno stabiliti i tempi e le modalità per la presentazione esclusivamente in forma telematica: (Con provvedimento del direttore dell agenzia delle Dogane, da emanare entro 12 mesi dalla data di entrata in vigore del Decreto Legge) a) dei dati relativi alle contabilità dei seguenti operatori, per l attività svolta nei settori degli oli minerali, dell alcol e delle bevande alcoliche e degli oli lubrificanti e bitumi di petrolio: - depositari autorizzati; - operatori professionali; - rappresentanti fiscali ed esercenti depositi commerciali, b) del documento di accompagnamento previsto per la circolazione dei prodotti soggetti o assoggettati ad accisa e alle altre imposizioni indirette previste dal Testo unico delle accise; c) delle dichiarazioni di consumo per il gas metano e l energia elettrica.

2 (Comma 2) Avvio depositi fiscali: Presentazione comunicazione di congruità a Dogane e Entrate Viene arrecata una modifica all art. 50-bis del D.L. n. 331/1993 e si dispone che i soggetti esercenti le attività di depositi fiscali ai fini IVA, prima dell avvio della operatività come depositi Iva, devono presentare agli uffici delle Dogane e delle Entrate, territorialmente competenti, una apposita comunicazione per la valutazione della congruità della garanzia prestata in relazione alla movimentazione complessiva delle merci. (Comma 3 e 4) Distruzione merci sospette Per adempimenti di regolamento (CE), l ufficio doganale competente, previo consenso del titolare del diritto di proprietà intellettuale e del dichiarante, detentore o proprietario delle merci sospette, può disporre, a spese del titolare del diritto, la distruzione delle merci. Rimane la conservazione di campioni da utilizzare a fini giudiziari. Con decreto del ministro dell Economia e delle finanze saranno definite le modalità ed i tempi della procedura. (Comma 5) Controlli fiscali presso banche e poste ai fini delle Dogane Nell art. 34, co. 4, del D.L. n. 41/1995 vengono inserite delle modifiche. Si stabilisce che le autorizzazioni per l accesso presso gli enti banche e poste sono rilasciate, per l agenzia delle Dogane, dal direttore regionale. (Comma 6) prestazioni di servizi rese dai professionisti domiciliati in Stati o territori non appartenenti all'unione europea aventi regimi fiscali privilegiati Nell art. 110 del T.U.I.R. viene inserito il seguente co. 10-bis, con il quale si dispone che la non deducibilità delle spese si applica anche per le prestazioni di servizi rese dai professionisti domiciliati in Stati o territori non appartenenti all'unione europea aventi regimi fiscali privilegiati. (Comma 7) Trasmissione telematica contratti di sponsorizzazione stipulati da atleti con società di calcio professionistiche Sono arrecate due modifiche nell'art. 35, co. 35-bis, del D.L. n. 223/2006. Per contrastare l'evasione e l'elusione fiscale, le società di calcio professionistiche devono inviare per via telematica all'agenzia delle Entrate, oltre alla copia dei contratti di acquisizione delle prestazioni professionali degli atleti professionisti (con i contratti riguardanti i compensi previsti per tali prestazioni), adesso anche i contratti di sponsorizzazione stipulati da tali atleti per i quali la società percepisce somme per il diritto di sfruttamento dell'immagine. Indi si è previsto che con un provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate verranno stabiliti il contenuto, le modalità e i termini delle trasmissioni telematiche. (Comma 8) Più facile la sospensione della licenza o dell autorizzazione all esercizio dell attività per il mancato rilascio di scontrino o ricevuta fiscale Viene modificato il co. 2 dell'art. 12 del D.Lgs. n. 471/1997; in tal modo la sanzione accessoria, consistente nella sospensione della licenza (da 15 giorni a 2 mesi, o da 2 a 6 mesi, se nel quinquennio siano stati superati, come corrispettivi non documentati

3 ,37) viene irrogata qualora sia definitivamente accertata la violazione dell'obbligo di emettere la ricevuta fiscale o lo scontrino fiscale e non più quando siano state definitivamente accertate, in tempi diversi, tre distinte violazioni dell'obbligo di emettere la ricevuta fiscale o lo scontrino fiscale compiute in giorni diversi nel corso di un quinquennio. (Commi da 9 a 11) F24 per acquisto intracomunitario di autoveicoli Si stabilisce che per immatricolare (o per una successiva voltura) autoveicoli, motoveicoli e loro rimorchi nuovi, acquistati in ambito intracomunitario a titolo oneroso, occorre allegare, alla relativa richiesta, la copia del modello F24 recante, per ciascun mezzo di trasporto, il numero di telaio e l'ammontare dell'iva dovuta durante la prima cessione interna. A tal fine, seguirà un provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate, per apportare in tal senso le necessarie integrazioni al modello F24. Per tali veicoli da importare l'immatricolazione è subordinata alla presentazione della certificazione doganale attestante l'assolvimento dell'iva e contenente l'eventuale riferimento all'utilizzo del plafond da parte dell'importatore. Un successivo provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate fisserà la data a decorrere dalla quale si applicano le neo disposizioni e fornirà i criteri di esclusione dall'applicazione della nuova norma. (Comma 12) Convenzione procedure per la trasmissione dei dati attinenti alla verifica di adempimenti fiscali relativi all'immatricolazione dei veicoli Si stabilisce che la convenzione tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, l'agenzia delle Entrate e l'agenzia delle Dogane è gratuita, ciò ai fini delle procedure per la trasmissione dei dati attinenti alla verifica di adempimenti fiscali relativi all'immatricolazione dei veicoli nuovi e usati provenienti, attraverso circuiti non ufficiali di distribuzione dagli Stati membri dell'unione europea e attraverso canali di importazione non ufficiali da Stati aderenti allo spazio economico europeo. (Comma 13) Trasmissione dati dei risarcimenti dalle imprese di assicurazione all anagrafe tributaria Nell'art. 35, co. 27, del D.L. n. 223/2006, relativo alla trasmissione dei dati delle imprese di assicurazione all anagrafe tributaria per i pagamenti ai danneggiati (obbligo dal ) viene soppresso l utilizzo della posta elettronica certificata. (Comma 14) Lotta all evasione fiscale, al lavoro nero, al gioco illegale e alle frodi intracomunitarie I verificatori dell amministrazione finanziaria, atti a accertare e riscuotere i tributi erariali dovranno impegnarsi verso altre attività operative al fine di ridurre base imponibile evasa e per contrastare l'impiego del lavoro non regolare, del gioco illegale e delle frodi negli scambi intracomunitari e con paesi esterni al mercato comune europeo. Si prevede la concessione di incentivi all'esodo, la concessione di incentivi alla mobilità territoriale, l'erogazione di indennità di trasferta, nonché uno specifico programma di assunzioni di personale qualificato. (Commi da 15 a 18) Regolamento per riordino Agenzie fiscali e Monopoli di Stato

4 Con il regolamento di organizzazione del ministero dell'economia e delle finanze da adottare entro 6 mesi dalla data di entrata in vigore del Decreto Legge, il Governo procederà al riordino delle Agenzie fiscali e dell'amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato. Lo schema di regolamento sarà poi trasmesso alle Camere per l'acquisizione dei pareri delle competenti commissioni parlamentari. Trascorsi 30 giorni senza che le commissioni abbiano espresso i pareri di rispettiva competenza, il regolamento potrà comunque essere emanato. Il ministero dell'economia e delle finanze, al fine del riordino dell'amministrazione economico-finanziaria, si potrà affidare anche a società specializzate, di consulenze, studi e ricerche. Nei nuovi comitati di gestione delle agenzie fiscali vi sarà la metà dei componenti scelti tra i professori universitari e i dipendenti di pubbliche amministrazioni dotati di specifica competenza professionale attinente ai settori nei quali opera l'agenzia. I restanti componenti saranno tra i dirigenti dell'agenzia. ARTICOLO 2 Misure in materia di riscossione (Comma 1) Servizio riscossione tributi affidato a Riscossioni S.p.A. Dal è soppresso il sistema di affidamento in concessione per la riscossione dei tributi, le funzioni sono attribuite all Agenzia delle Entrate che con l INPS procedono a costituire la Riscossioni Sp.A.. In tale contesto, adesso è stata soppressa la parte in cui si prevedeva (nell art. 3, co. 3, del D.L. n. 203/2005) che la maggioranza dei membri del consiglio di amministrazione sia composta da dirigenti dell Agenzia delle Entrate e dell INPS. (Comma 2) Concessionari di riscossione: Procedura di affidamento L'attività di riscossione a mezzo ruolo delle entrate di province e comuni, se esercitata con esclusivo riferimento alla riscossione spontanea, è remunerata con un compenso maggiorato del 25% rispetto a quello ordinariamente previsto. (Comma 3) Concessionari di riscossione: Remunerazione del servizio Viene stabilito che l'aggio per l attività dei concessionari é a carico del debitore nel seguente modo: a) in misura determinata con il decreto valido per un biennio, che comunque non deve superiore il 5% delle somme iscritte a ruolo, in caso di pagamento entro il 60 giorno dalla notifica della cartella di pagamento. In tal caso, la restante parte dell'aggio è a carico dell'ente creditore; b) integralmente, in caso contrario. Nel caso di riscossione spontanea a mezzo ruolo (si tratta di somme iscritte a ruolo non derivanti da inadempimento, ad es. la rata della TARSU, ecc.) l'aggio é carico: a) dell'ente creditore, se il pagamento avviene entro 60 giorni dalla data di notifica della cartella; b) del debitore, in caso contrario. Inoltre, in merito alla remunerazione del servizio di riscossione, in particolare per il rimborso delle spese esecutive spettanti al concessionario ora si dispone (con l aggiunta

5 del co. 7-ter, all art. 17 del D.Lgs n. 112/1999) che sono a carico dell'ente creditore le spese vive di notifica della stessa cartella di pagamento. Le medesime correzioni si prevedono anche nel caso di procedura di discarico per inesigibilità e reiscrizione nei ruoli (art. 20, co. 3 del D.Lgs. 112/99). (Comma 4) Disposizioni in materia di servizio nazionale della riscossione Con l inserimento nell art. 3, del D.L. n. 203/2005, del co. 7-bis, si stabilisce che con l'acquisto dei rami d'azienda delle banche che hanno operato fino ad ora il servizio di riscossione dei tributi, i privilegi e le garanzie di qualsiasi tipo, da chiunque prestate o comunque esistenti a favore del venditore, nonché le trascrizioni nei pubblici registri degli atti di acquisto dei beni oggetto di locazione finanziaria compresi nella cessione, conservano la loro validità e il loro grado a favore dell'acquirente, senza bisogno di alcuna formalità o annotazione, previa pubblicazione di apposito avviso nella G.U.. (Comma 6) Espropriazione del quinto dello stipendio Viene nuovamente modificato l art. 72-bis del D.P.R n. 602/1973 (relativo all espropriazione del quinto dello stipendio); infatti, si dispone che tranne che per i crediti pensionistici (e rimanendo ciò che é previsto dall'art. 545 del C.p.c.), l'atto di pignoramento dei crediti del debitore verso terzi può contenere, in luogo della citazione di cui all'art. 543, co. 2, numero 4), del C.p.c., l'ordine al terzo dì pagare il credito direttamente al concessionario, fino a concorrenza del credito per cui si procede: a) nel termine di 15 giorni dalla notifica dell'atto di pignoramento, per le somme per le quali il diritto alla percezione sia maturato anteriormente alla data di tale notifica; b) alle rispettive scadenze, per le restanti somme. Nel caso di inottemperanza all'ordine di pagamento, previa citazione del terzo intimato e del debitore, si procede secondo le norme del C.p.c.. (Comma 7) Poteri di accessi, ispezioni e verifiche per mancati pagamenti superiori a Si stabilisce che in caso di morosità nel pagamento di importi da riscuotere mediante ruolo complessivamente superiori a , gli agenti della riscossione, con l autorizzazione del direttore generale e al fine di acquisire copia di tutta la documentazione utile all'individuazione dell'importo dei crediti di cui i debitori morosi sono titolari nei confronti di soggetti terzi, possono esercitare le facoltà e i poteri di accesso, ispezioni e verifiche (previsti dall art. 33 del D.P.R. n. 600/1973, ai fini delle imposte dirette, e dall art. 52 del D.P.R. n. 633/1972, ai fini dell I.V.A.). (Comma 8) Disposizioni sui pagamenti delle pubbliche amministrazioni Viene inserito l art. 48-bis nel D.P.R. n. 602/1973, con il quale si stabilisce che le amministrazioni pubbliche (di cui all'art. 1, co. 2, del D.Lgs. n. 165/2001) e le società a prevalente partecipazione pubblica, prima di effettuare, a qualunque titolo, il pagamento di un importo superiore a , devono controllare, anche in via telematica, se il beneficiario è inadempiente all'obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento per un ammontare complessivo pari almeno a tale importo e, in

6 caso affermativo, non devono procedere al pagamento, segnalando la circostanza all'agente della riscossione competente per territorio, ai fini dell'esercizio dell'attività di riscossione delle somme iscritte a ruolo. Verranno stabilite le modalità di attuazione con decreto del ministro dell'economia e delle finanze. (Comma 12) Pagamento mediante compensazione volontaria con crediti d'imposta Viene inserito l art. 28-ter (rubricato pagamento mediante compensazione volontaria con crediti d'imposta) nel D.P.R. n. 602/1973. Alla luce di ciò emerge che nel pagare un rimborso d'imposta, l'agenzia delle Entrate deve verificare se il beneficiario risulta iscritto a ruolo e, in caso affermativo, deve trasmettere in via telematica apposita segnalazione all'agente della riscossione che ha in carico il ruolo, mettendo a disposizione dello stesso, sulla speciale contabilità le somme da rimborsare. Ricevuta la citata segnalazione l'agente della riscossione deve notificare all'interessato una proposta di compensazione tra il credito d'imposta e il debito iscritto a ruolo, sospendendo l'azione di recupero ed invitando il debitore a comunicare entro 60 giorni se intende accettare tale proposta. In caso di accettazione della proposta, l'agente della riscossione movimenta le somme e le riversa entro i limiti dell'importo complessivamente dovuto a seguito dell'iscrizione a ruolo. In caso di rifiuto della predetta proposta o di mancato tempestivo riscontro alla stessa, cessano gli effetti della sospensione e l'agente della riscossione comunica in via telematica all'agenzia delle Entrate che non ha ottenuto l'adesione dell'interessato alla proposta di compensazione. All'agente della riscossione spetta il rimborso delle spese vive sostenute per la notifica dell'invito, nonché un rimborso forfetario maggiorato del 50%, a copertura degli oneri sostenuti per la gestione degli adempimenti attinenti la proposta di compensazione. Con apposito provvedimento saranno approvate le specifiche tecniche di trasmissione dei flussi informativi e saranno stabilite le modalità di movimentazione e di rendiconto delle somme che transitano sulle contabilità speciali, nonché le modalità di richiesta e di erogazione dei rimborsi spese previsti. (Comma 13) Ambito di applicazione dell'art. 28 ter del D.P.R. n. 602/1973 (pagamento mediante compensazione volontaria con crediti d'imposta) Secondo il neo art. 20-bis del DLgs. 46/1999, il pagamento di tutte le entrate iscritte a ruolo dall'agenzia delle Entrate può essere effettuato mediante la suddetta compensazione volontaria. Tuttavia, l'agente della riscossione, una volta ricevuta la segnalazione dall Agenzia delle Entrate, formula la proposta di compensazione con riferimento a tutte le somme iscritte a ruolo a carico del soggetto indicato in tale segnalazione. Le altre Agenzie fiscali e gli enti previdenziali possono stipulare una convenzione con l'agenzia delle Entrate per disciplinare la trasmissione della segnalazione (che deve effettuare la stessa Agenzia delle Entrate) anche nel caso in cui il beneficiario di un credito d'imposta sia iscritto a ruolo da uno dei predetti enti creditori. Con tale convenzione è regolata anche la suddivisione, tra gli stessi enti creditori, dei rimborsi spese spettanti all'agente della riscossione.

7 (Comma 14) L Agenzia di riscossione dei tributi può essere rappresentato dai dipendenti delegati tranne alcune eccezioni Viene pure sostituito il co. 2 dell'art. 41 del D.Lgs. n. 112/1999. A seguito di tale modifica l'agente della riscossione può essere rappresentato dai dipendenti delegati, che possono stare in giudizio personalmente, tranne che non si debba procedere all'istruzione della causa, nei procedimenti relativi: a) alla dichiarazione tardiva di credito di cui all'articolo 101 della Legge fallimentare (R.D. n. 267/1942); b) al ricorso di cui all'art. 499 del C.p.c.; c) alla citazione di cui all'art. 543, co. 2, n. 4, del C.p.c.. (Comma 15) Versamento unitario e compensazione (con modello F24) anche per i contributi di cui alla Legge n. 311/1973 Le disposizioni contenute nell art. 17, co. 1, del D.Lgs. n. 241/1997 (versamento unitario e compensazione delle imposte e dei contributi dovuti agli enti fiscali e previdenziali mediante il modello F24), si applicano anche ai contributi stabiliti nella Legge 4 giugno 1973, n (Comma 16) Rimborso degli oneri sostenuti all Agenzia delle Entrate Infine, si dispone che per il servizio di riscossione dei contributi e premi previsti dal citato art. 17 del D.Lgs n. 241/1997 è dovuto all'agenzia delle Entrate il rimborso degli oneri sostenuti per garantire il servizio di riscossione. Le modalità di trasmissione dei flussi informativi, nonché il rimborso delle spese relativi alle operazioni di riscossione saranno disciplinati con convenzione, stipulata tra l'agenzia delle Entrate e gli enti Interessati. Articolo 3 - Disposizioni per il recupero della base imponibile Comma 1) Interpretazione autentica - Area terreni su cui insistono fabbricati strumentali non deducibile: principio valido anche per la quota capitale del canone di leasing Nell art. 36 del D.L. n. 223/2006 (convertito in L. n. 248/2006) viene allocato il neo co. 7- bis. Pertanto, nella disposizione esistente, ove già si prevedeva che ai fini del calcolo delle quote di ammortamento deducibili, il costo dei fabbricati strumentali deve essere assunto al netto del costo delle aree occupate dalla costruzione e di quelle che ne costituiscono pertinenza, si è aggiunta la novità che stabilisce che tale disposizione si applica anche per la quota capitale del canone dei fabbricati strumentali acquisiti mediante contratti di locazione finanziaria. Resta ancora da chiarire se tale regola valga per tutti gli immobili strumentali ovvero solo per quelli cielo-terra. (Comma 3) Redditi di capitale e diversi Modificato l'art. 2, co. 3, del D.Lgs. n. 461/1997. Ora si stabilisce che al mutuatario e al cessionario a pronti si applica il regime previsto dall'art. 89, co. 2, del T.U.I.R. (gli utili distribuiti non concorrono a formare il reddito in misura del 95% del loro ammontare), soltanto se tale regime sarebbe stato applicabile al mutuante o al cedente a pronti.

8 (Comma 3 e 4) Imposta sulla cessione onerosa di immobili acquistati da meno di 5 anni In caso di cessioni a titolo oneroso di beni immobili acquistati o costruiti da meno di 5 anni e di terreni edificabili, sulla eventuale plusvalenza conseguita si applica la ritenuta sostitutiva dell imposta sul reddito nella misura del 20% e non più del 12,50%. Ciò a decorrere dal (Comma 5) Riporto perdite formate nei primi tre esercizi successivi alla costituzione dell impresa Viene modificato dopo pochissimo tempo anche il co. 13 dell'art. 36 del D.L. n. 223/2006. Ai sensi dell art. 84, co. 2, del T.U.I.R. le perdite dei primi 3 anni dell impresa possono essere riportate nel tempo senza limiti di sorta dalla data della sua costituzione, necessita, quindi, che l impresa sia di nuova costituzione e si riferisca ad una nuova attività produttiva. Con la modifica si dispone che tali disposizioni si applicano alle perdite relative ai primi tre periodi d'imposta formatesi a decorrere dal periodo d'imposta in corso alla data di entrata in vigore del D.L. n. 223/2006. Mentre per le perdite relative ai primi tre periodi d'imposta che si sono formate in periodi precedenti si applica l'art. 37-bis del D.P.R. n. 600/1973 (disposizioni antielusive). (Comma 6) Le perdite fiscali dei soci relative agli esercizi anteriori all'inizio della tassazione per trasparenza non possono essere utilizzate per compensare i redditi imputati dalle società partecipate Con la sostituzione del co. 11 dell'art. 36 del D.L. n. 223/2006 si precisa che le disposizioni relative alle perdite fiscali nella tassazione per trasparenza (co. 9 e 10) hanno effetto con riferimento ai redditi delle società partecipate relativi a periodi dì imposta che iniziano dopo la data di entrata in vigore del D.L. 223/2006. Per i redditi delle società partecipate relativi a periodi di imposta precedenti alla entrata in vigore del citato D.L. rimane l'applicazione delle disposizioni di cui all'art. 37-bis del D.P.R. n. 600/1973 (disposizioni antielusive). (Comma 7) Calcolo del reddito del non residente per l anno 2006 con le vecchie disposizioni prima della modifica effettuata dal D.L. n. 223/2006 Si precisa ora che per l'anno 2006, l'art. 3, co. 1, del T.U.I.R. (base imponibile IRPEF) si applica nel testo vigente alla data del In precedenza, il D.L. n. 223/2006, nel modificare il suddetto art. 3 del T.U.I.R., ha, infatti, disposto l esclusione per i soggetti non residenti delle deduzioni spettanti ai sensi degli articoli 11 e 12 (no-tax area) e delle deduzioni per gli oneri familiari. Per evitare problemi applicativi il co. 7 del neo D.L. rinvia di un anno (al 2007) l applicazione di tale novità più restrittiva per i non residenti. (Comma 8 e 9) Redditi prodotti a Campione d Italia Inserito il neo art. 188-bis nel TUIR. Si stabilisce che ai fini dell'irpef, i redditi delle persone fisiche iscritte nei registri anagrafici del comune di Campione d'italia prodotti in franchi svizzeri nel territorio dello stesso comune di Campione d'italia per un importo complessivo non superiore a franchi sono computati in euro sulla base del cambio del giorno in cui sono stati percepiti

9 (di cui all art. 9, co. 2, del TUIR) ridotto forfettariamente del 20%. Tali soggetti assolvono il loro debito d'imposta in euro. Si considerano iscritte nei registri anagrafici del Comune di Campione d'italia anche le persone fisiche aventi domicilio fiscale nel medesimo comune le quali, già residenti nel comune di Campione d'italia, sono iscritte nell'anagrafe degli italiani residenti all'estero (Aire) dello stesso comune e residenti nel Canton Ticino della Confederazione elvetica. Per l'anno 2006, si applicano le vecchie disposizioni in vigore al nell art. 188 del TUIR (cioè senza le modifiche arrecate dai nuovi decreti legge tra cui il D.L. n. 223/2006). (Comma 10) Ripristinato l art. 188 del TUIR che disciplina i redditi prodotti dai residenti a Campione d Italia Viene ripristinato (poiché cancellato) l art. 188 del TUIR relativo ai redditi prodotti dai residenti a Campione d Italia poiché viene abrogato il co. 31 dell'art. 36 del D.L. n. 223/2006 che aveva cancellato tale art (Comma 11) Campione d Italia: Tasso convenzionale per il 2007 Per l'anno 2007, il tasso convenzionale di cambio di cui al neo art. 188-bis del TUIR è pari a 0,40515 per ogni franco svizzero. (Comma 12) Modifica alla disciplina delle stock option Con la sostituzione del co. 25, dell'art. 36 del D.L. n. 223/2006 si è stabilito che: Nell'art. 51, co. 2-bis del TUIR viene disposto che la lettera g-bis) del co. 2 si rende applicabile esclusivamente quando ricorrano congiuntamente le seguenti condizioni: a) che l'opzione sia esercitabile non prima che siano scaduti tre anni dalla sua attribuzione; b) che, al momento in cui l'opzione è esercitabile, la società risulti quotata in mercati regolamentati; e) che il beneficiario mantenga per almeno i cinque anni successivi all'esercizio dell'opzione un investimento nei titoli oggetto di opzione non inferiore alla differenza tra il valore delle azioni al momento dell'assegnazione e l'ammontare corrisposto dal dipendente. Qualora detti titoli oggetto di investimento siano ceduti o dati in garanzia prima che siano trascorsi cinque anni dalla loro assegnazione, l'importo che non ha concorso a formare il reddito di lavoro dipendente al momento dell'assegnazione è assoggettato a tassazione nel periodo d'imposta in cui avviene la cessione ovvero la costituzione in garanzia. Articolo 4 Disposizioni in materia di agricoltura (contribuenti in franchigia IVA) (Comma 1) modifiche al D.P.R. I.V.A. Vengono apportate alcune modifiche ai contribuenti minimi in franchigia. (Comma da 2 a 8) Banca dati catastale (omissis) Articolo 5 Disposizioni in materia di catasto Commi da 1 a 7 Nelle unità immobiliari censite nelle categorie catastali E/1, E/2, E/3, E/4, E/5, E/6 ed E/9 non possono essere compresi immobili o porzioni di immobili destinati a uso commerciale, industriale, a ufficio privato ovvero a usi diversi, qualora gli stessi presentino autonomia

10 funzionale e reddituale. Le unita immobiliari che richiedono una revisione della qualificazione e quindi della rendita, devono essere dichiarate in catasto da parte dei soggetti intestatari, entro 9 mesi dalla data entrata in vigore del D.L.. In caso di inottemperanza, gli uffici provinciali dell'agenzia del Territorio provvedono, con oneri a carico dell'interessato, applicando le relative sanzioni. Si attende entro 90 giorni l approvazione di un provvedimento operativo. Le rendite catastali dichiarate o attribuite producono effetto fiscale a decorrere dal Decorso inutilmente il termine di nove mesi si rende comunque applicabile l'art. 1, co. 336, della L. n. 311/2004. Dalla data di entrata in vigore del D.L., il moltiplicatore previsto dal co. 5, dell'art. 52, del Testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro, di cui al DPR n. 131/1986, da applicare alle rendite catastali dei fabbricati classificati nel gruppo catastale B, è rivalutato nella misura del 40%. Articolo 6 - Disposizioni in materia di imposte ipotecaria e catastale e di registro: Ritornano le imposte sulle successioni e donazioni 1. Al Testo unico delle disposizioni concernenti le imposte ipotecaria e catastale, di cui al Dlgs. 347/1990, sono apportate le seguenti modifiche: a) nell'art. 10, comma 2, nella fine, è aggiunto il seguente periodo: L'imposta, per ciascun intestatario, è dovuta in misura fissa per le volture relative a donazioni e a altri atti a titolo gratuito, ricorrendo le condizioni di cui all'articolo 1-quater, lettera a), della tariffa fino a concorrenza del valore di e in misura proporzionale per il valore eccedente detto importo. Per le volture conseguenti alla presentazione delle dichiarazioni di trasferimento di beni per causa di morte, limitatamente all'abitazione principale del defunto, la misura fissa dell'imposta si applica, in presenza delle condizioni di cui all'articolo 1-quinquies, lettera a), della tariffa fino a concorrenza del valore di e in misura proporzionale per il valore eccedente detto importo; 2) dopo l'articolo i-bis, sono inseriti i seguenti: 1-ter) Trascrizioni, in favore di soggetti diversi dal coniuge o di parenti in linea retta, di certificati di successione, di donazioni o di altri atti a titolo gratuito che importano il trasferimento di proprietà di beni immobili o la costituzione o il trasferimento di diritti reali immobiliari, anche per quote nonché vincoli di destinazione sugli stessi: 3%: 1-quater) Trascrizioni di donazioni o di altri atti a titolo gratuito che importano il trasferimento di proprietà di beni immobili o la costituzione o il trasferimento di diritti reali immobiliari, anche per quote, nonché vincoli di destinazione sugli stessi: - se eseguite in favore del coniuge o di un parente in linea retta, in possesso dei requisiti e delle condizioni previste in materia di acquisto della prima abitazione dall'art. 1, co. 1, quinto periodo, della tariffa, parte prima, allegata al Testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro, approvato con DPR n. 131/1986: a) fino al valore di euro per ciascun beneficiario in possesso del requisiti: 108; b) oltre il valore di euro : 3%:

11 - in ogni altro caso 1-quinquies) Trascrizione dei certificati di successione di cui all'art. 5 del Testo unico che comportino il trasferimento di proprietà di beni immobili o la costituzione o il trasferimento di diritti immobiliari, anche per quote nonché vincoli di destinazione, sugli stessi: - se relativa alla successione dell'abitazione principale del defunto: a) eseguita in favore del coniuge o di parenti in linea retta, sulla quota di valore fino a di : euro; b) eseguita in favore del coniuge o di parenti in linea retta sulla quota di valore eccedente : 3%; se relativa alla successione di altri beni o diritti reali immobiliari del defunto: 3%. Ai trasferimenti degli immobili o dei diritti sugli stessi per atto a titolo gratuito o per causa di morte non si applicano le disposizioni di cui all'art. 69, co. 3 e 4, della L. n. 342/2000. Al Testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro, di cui al DPR 26 aprile 1986, n. 131, sono apportate le seguenti modifiche: L'imposta dovuta per i trasferimenti per causa di morte è liquidata e versata dagli eredi, dai legatari e dagli altri soggetti obbligati, unitamente agli altri tributi dovuti, entro i termini previsti per la presentazione della dichiarazione. Nella determinazione della base imponibile non si tiene conto delle passività ereditarie che non afferiscono alle aziende né dell'avviamento. Non sono soggetti all'imposta i titoli del debito pubblico, tra i quali si intendono compresi i buoni ordinari del tesoro e i certificati di credito del tesoro, nonché gli altri titoli di Stato, garantiti dallo Stato o equiparati e ogni altro bene o diritto, dichiarati esenti da imposta da norme di legge. f) all'articolo 57, dopo il comma 8, è aggiunto il seguente: «8-bis. Per le dichiarazioni di trasferimento per causa di morte sono obbligati al pagamento dell'imposta i beneficiari dei trasferimenti per quanto a loro perviene a seguito della successione nonché coloro che, a qualsiasi titolo, sono tenuti a presentare la dichiarazione.»; «2-bis. 1. Dichiarazioni di trasferimenti per causa di morte. Se hanno per oggetto beni immobili o diritti reali immobiliari: - devoluti a favore di parenti fino al quarto grado e di affini in linea retta nonché di affini in linea collaterale fino al terzo grado, con esclusione del coniuge e dei parenti in linea retta: 2% - devoluti a favore di altri soggetti: 4%. Se hanno per oggetto aziende, azioni, obbligazioni, altri titoli o quote sociali: - devoluti a favore del coniuge e di parenti in linea retta sul valore complessivo dei beni dichiarati eccedente , tenuto conto del valore di donazioni o di altri atti a titolo gratuito di cui all'articolo 13, comma 2-bis, della legge 18 ottobre 2001, n, 383: 4% - devoluti a lavoro di parenti fino al quarto grado e di affini in linea retta nonché di affini in linea collaterale fino al terzo grado: 6% devoluti a favore di altri soggetti: 8 per conto».

12 Alla legge 18 ottobre 2001, n. 383, contenente disposizioni in materia di primi interventi per il rilancio dell'economia, sono apportate le seguenti modificazioni: a) il comma 2 dell'articolo 13 e sostituito dai seguenti: «2. I trasferimenti per donazione o per altri atti a titolo gratuito di beni immobili e diritti reali immobiliari, compresa la costituzione di vincoli di destinazione, fatti a favore di soggetti diversi dal coniuge e dai parenti in linea retta, sono soggetti all'imposta di registro con le seguenti aliquote: a) se fatti a favore di altri parenti fino al quarto grado e di affini in linea retta nonché di affini in linea collaterale fino al terzo grado: 2%; b) se fatti a favore di altri soggetti: 4%. 2-bis. I trasferimenti per donazione o per altri atti a titolo gratuito di aziende, azioni, obbligazioni, quote sociali, altri titoli e denaro contante, nonché la costituzione di vincoli di destinazione sono soggetti all'imposta di registro con le seguenti aliquote: a) se fatti a favore del coniuge e di parenti in linea retta, sul valore eccedente : 4%; b) se fatti a favore di parenti fino al quarto grado e di affini in linea retta nonché di affini in linea collaterale fino al terzo grado: 6%; c) se fatti a favore di altri soggetti: 8%. Le disposizioni entrano in vigore dalla data di entrata in vigore del D.L. per gli atti pubblici formati, per gli atti a titolo gratuito fatti e per le scritture private autenticate a partire da tale data, per le scritture private non autenticate presentate per la registrazione nonché per le successioni apertesi dalla data medesima. Risulta ovvio come con tale previsione normativa sia di fatto stata reintrodotta la tassazione delle successioni e donazioni, oltretutto con franchigie ed esenzioni ben inferiori a quanto promesso dal Governo durante la campagna elettorale. Al fine di meglio comprendere la portata della norma di seguito si riepiloga:

13 LA NUOVA TASSAZIONE PER LE DONAZIONI E SUCCESSIONI Trasferimenti per successione a causa di morte IMMOBILI Soggetti Imposta di registro Imposta ipotecaria Imposta catastale Altri beni coniuge parenti in linea retta No _ 168 fino a (se abitazione principale del defunto) 168 fino a (se abitazione principale del defunto) 4% con franchigia di % per valore maggiore di (se abitazione principale del defunto) 1% per valore maggiore di ( se abitazione principale del defunto) Parenti fino al 4 grado Affini in linea retta Affini in linea collaterale fino al 3 grado 3% in ogni altro caso 1% in ogni altro caso 2% 3% 1% 6% Altri soggetti 4% 3% 1% 8%

14 Trasferimenti per donazione IMMOBILI Soggetti Imposta di registro Imposta ipotecaria Imposta catastale Altri beni coniuge _ 168 fino a 168 fino a ( se prima parenti in linea retta No casa) (se prima casa) 4% con franchigia di % per valore maggiore di (se prima casa) 1% per valore maggiore di 180,000 ( se prima casa) 3% in ogni altro caso 1% in ogni altro caso Parenti fino al 4 grado Affini in linea retta Affini in linea collaterale fino al 3 grado 2% 3% 1% 6% Altri soggetti 4% 3% 1% 8% Art. 7 Disposizioni in materia di efficienza energetica - auto La grande novità per le auto è la norma che prevede l'esenzione, per due anni, dal pagamento del bollo auto per le nuove vetture Euro 4 o Euro 5, ma solo per chi rottama una Euro0 o una Euro1. Tale esenzione viene estesa ad anni tre qualora l'auto sia inferiore ai cc. Tali agevolazioni resteranno in vigore sino al e non vengono comunque applicate all'acquisto di autovetture di peso oltre i chilogrammi (punto F2 del nuovo libretto di immatricolazione), con esclusione di quelle aventi un numero di posti uguali o maggiori di otto.

15 Allo scopo di favorire il rinnovo del parco autocarri circolante mediante la sostituzione con veicoli a minore impatto ambientale, è concesso un contributo di euro mille per ogni veicolo di portata inferiore a 3,5 tonnellate, immatricolati come euro 4 o euro 5. Il beneficio è accordato a fronte della sostituzione di un veicolo, avente sin dalla prima immatricolazione da parte del costruttore la medesima categoria e portata e immatricolato come euro 1 o euro 0. Dalle immatricolazioni successive al Dl scatta, inoltre, il beneficio a favore delle vetture omologate con alimentazione mista limitatamente alla combinazione benzina+gas metano. Per queste ultime vetture è previsto un contributo statale all acquisto pari a 1.500, elevabili a se le emissioni sono al di sotto di uno standard elevato (Co2 sotto i 120 grammi per km). Anche le predette agevolazioni non si applicano per l acquisto di autovetture di peso complessivo a kg, con esclusione di quelle aventi un numero di posti uguale o maggiore a 8. Giova infatti rammentare, ancorchè tali previsioni siano contenute nel disegno di legge per la finanziaria 2007, in corso di perfezionamento ed approvazione, che dal 1 gennaio 2007 verrà introdotta la soprattassa per i Suv ed altre vetture. La supertassa comporterà l obbligo di pagare un importo aggiuntivo pari a 2 euro, su base annua, per ogni kw di potenza effettiva del motore. L aggravio riguarderà anche qui i veicoli promiscui e le vetture, in entrambi i casi con peso complessivo a pieno carico (f2 del libretto) superiore a Kg 2.600, fatta eccezione per i pulmini con otto o nove posti, nonché per i promiscui con portata superiore a 400 kg. Sono previsti altresì aumenti, (fino al 18% della tariffa base), per tutte le vetture in circolazione: si applicherà ai pagamenti dopo il 1 gennaio 2007 e sarà graduato in funzione del tasso di inquinamento. Per le immatricolazioni Euro 4 non vi saranno aumenti e saranno praticamente confermate le tariffe attuali. Mentre, andando indietro nella data di immatricolazione, si prevederanno livelli tariffari crescenti fino a toccare l aumento massimo pari al 18% per i motori più inquinanti (Euro zero, immatricolati prima degli anni 92-93). Sorprende, infine, la riesumazione, nella bozza di tabella diramata, della soprattassa diesel in versione originaria. I vecchi diesel (Euro zero), che dal 2005 avevano visto scomparire il superbollo, si ritroverebbero invece da gennaio prossimo a dover pagare per intero l importo pieno di tale sovrattassa, in aggiunta, eventualmente alla supertassa Suv, e agli ulteriori aumenti della tariffa base. AUTO AD USO AZIENDALE E PROFESSIONALE RIDOTTI I LIMITI DI DEDUCIBILITA La stretta più significativa contenuta nel decreto legge 262/06 è quella che riguarda la deducibilità dei costi delle auto aziendali. Gli effetti riguardano in particolare tre situazioni:

16 - Le auto concesse in uso promiscuo al dipendente, per cui dalla deducibilità integrale si passa alla possibilità di dedurre un importo pari al benefit tassato in capo al dipendente (7500 Km per tariffa chilometrica Aci); - Le auto normalmente utilizzate per l attività e le spese relative, per le quali dalla deducibilità limitata (50% del costo, senza considerare la parte di costo che eccede i ,99 euro) si passa all impossibilità di dedurre qualsiasi costo (auto di rappresentanza, dell amministratore, per uso commerciale ). - una riduzione alla metà della percentuale riconosciuta ai professionisti (dal 50% al 25%). Solo per gli agenti e i rappresentanti la misura attuale dell 80% resta immutata, così come il limite di ,85. Questo provvedimento va collegato con le recenti evoluzioni della disciplina Iva della auto aziendali e in particolare con il fatto che l Iva sull acquisto è diventata, a seguito della ormai nota pronunzia CE, detraibile. Si tratta di una detraibilità da valutare caso per caso in funzione del rapporto tra utilizzo di impresa e utilizzo per altre finalità del mezzo; a tale proposito si è in attesa di un provvedimento legislativo che determinerà a forfait, per ogni singola categoria di contribuente, percentuali di detrazione forfettaria prestabilite. Art omissis Art. 48 Entrata in vigore Il D.L. n. 262/2006 è entrato in vigore il (giorno della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana). DISEGNO DI LEGGE FINANZIARIA 2007 Ancorché in fase di studio e definizione, di seguito vengono riportate le più rilevanti novità contenute nel disegno di legge della manovra finanziaria 2007 allo studio del Governo; ovviamente quanto segue non risulta ancora norma di legge e potrebbe essere sostanzialmente modificato durante l'iter legislativo. CASA Dovrebbe essere prorogata la detrazione Irpef del 36% sulle ristrutturazioni edilizie. Lo sgravio potrebbe essere maggiore se nelle ristrutturazioni vengono utilizzati pannelli solari o altri materiali ecologici. PENSIONI

17 Il governo e i sindacati si sono accordati nel discutere di riforma da gennaio 2007, quindi le nuove misure entreranno in vigore dal Nel frattempo verrà anticipata a luglio 2007 la riforma del Tfr e l'avvio della previdenza complementare per i lavoratori pubblici e privati. Sempre nel 2007 saranno rimodulate le scadenze delle finestre di uscita per le anzianità, che si ridurranno da 4 a 3, e verranno aumentati i contributi per gli autonomi, i lavoratori parasubordinati e gli apprendisti. ICI Dal catasto arriva la stretta sugli aeroporti, stazioni ferroviarie, ponti comunali a pedaggio, edicole, chioschi per bar, mercati, fabbricati per esercizio di culti, cimiteri che non pagano l'ici. Saranno soggetti all'imposta se comprendono immobili o porzioni di immobili destinati uso commerciale, industriale, a ufficio privato o a usi diversi, qualora presentino autonomia funzionale e reddituale. Nove mesi di tempo per mettersi in regola. MODIFICHE AGLI STUDI DI SETTORE Le novità: Le nuove esclusioni dall applicazione degli studi di settore - Volume d affari superiore a 7,5 milioni di euro; - Inizio o cessazione di attività nel corso dell anno tranne che l attività venga riavviata entro i 6 mesi dalla chiusura o venga proseguita da altri soggetti; - periodo di non normale svolgimento dell attività; Inoltre, anche per i casi in cui non si applicano gli studi di settore (quindi, ad es. per i soggetti esclusi) saranno predisposti indicatori di coerenza e potranno essere richiesti a tali soggetti esclusi i modelli contenenti i dati necessari per l applicazione dell accertamento sulla base degli studi di settore, che annualmente si allegano nel modello Unico. LA NUOVA IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE (I.R.P.E.F.) La nuova struttura degli scaglioni delle aliquote IRPEF sarà la seguente: Fino a % Da a % Da a % Da a % Oltre % Le deduzioni da lavoro dipendente, pensione, lavoro autonomo e altri redditi saranno sostituite dal seguente sistema di detrazioni: (in similitudine a come avveniva prima, come si noterà dalle successive tabelle l attuale non tax area, cioè il limite entro il quale non si pagano le imposte, verrà sostituito con il sistema delle detrazioni, la sostanza sarà la stessa, ma così si dovrebbe evitare ai comuni cittadini la confusione nell applicare la formula della non tax area).

18 Detrazioni per lavoro dipendente Fino a Da a a diminuire con l aumentare del reddito, e spetta fino a massimo di reddito. Oltre ,00 euro. Detrazioni per Pensione Fino a Da a a diminuire con l aumentare del reddito, e spetta fino a massimo di reddito. Oltre ,00 euro Le detrazioni da lavoro dipendente e pensione si rapportano alla percentuale di lavoro svolto o di giorni di pensione durante l anno. Tuttavia, nei redditi da lavoro dipendente fino a e nei redditi da pensione fino a la detrazione non può scendere sotto 690. Quindi, ad es, se un operaio ha lavorato solo 30 giorni comunque la detrazione spetta in misura di 690 e non di 144 (1.725/12). Detrazioni per lavoro non dipendente (autonomo) Fino a Da a a diminuire con l aumentare del reddito, e spetta fino a massimo fino a di reddito. Oltre ,00 euro Inoltre, le deduzioni per carichi familiari vengono sostituite dalle seguenti detrazioni: Detrazioni per familiari a carico Coniuge: 800 a diminuire con l aumentare del reddito e fino a euro di reddito annuo Figli Minori di 3 anni (2): 900 a diminuire con l aumentare del reddito e fino a Maggiori di 3 anni (2): 800 a diminuire con l aumentare del reddito e fino a Altri familiari: 750 a diminuire con l aumentare del reddito e fino a (1) le deduzioni prima si azzeravano a euro. (2) Con più di 3 figli, l importo base della detrazione è aumentato di 200 euro per ogni figlio (compresi i primi 3).

19 In base alla relazione del Governo emerge, altresì, che per ogni figlio portatore di handicap l importo base della detrazione è aumentato di 70 euro. Le detrazioni per figli vengono fruite a metà da ognuno dei genitori. Se separati o divorziati, vengono fruite dal genitore che li ha in carico. La nota governativa fa notare che per il secondo e terzo figlio le detrazioni sono usufruibili, sia pure a scalare (cioè diminuiscono con l aumentare del reddito del dichiarante), rispettivamente fino a e ASSEGNI PER I FIGLI La nota del Consiglio dei ministri evidenzia che gli Assegni familiari per i primi 3 figli diventano, sia nel caso di nuclei familiari con entrambi i genitori che nel caso di nuclei con un solo genitore, i seguenti: Nuclei con 1 figlio Importo annuale dell Assegno Fino a di reddito familiare : 1.650; Da L importo decresce di 9,3 per ogni 100 di maggiore reddito familiare fino a ; - da l importo decresce di 1,2 per ogni 100 di maggiore reddito familiare fino ad azzerarsi a di reddito l anno. Nuclei con 2 figli Importo annuale dell Assegno Fino a di reddito familiare Da L importo decresce di 13 per ogni 100 di maggiore reddito familiare e fino a un reddito di ; da in poi l importo decresce di 2,3 per ogni 100 di maggior reddito familiare fino ad azzerarsi a Nuclei con 3 figli Importo annuale dell Assegno Fino a euro di reddito familiare euro. Da euro in avanti l importo decresce di 11,5 euro per ogni 100 di maggior reddito familiare fino a un reddito di ; da in poi l importo decresce di 4,4 euro per ogni 100 di maggior reddito familiare fino ad azzerarsi a euro (prima si fermavano a euro). Assegno aggiuntivo per nuclei con 3 figli e un solo genitore Importo annuale dell Assegno aggiuntivo Fino a euro di reddito familiare 800 euro. Da euro in avanti l importo dell Assegno aggiuntivo decresce di 8,6 euro per ogni 100 euro di maggior reddito familiare a partire da

20 Per i nuclei familiari con più di 3 figli restano in vigore gli importi previsti dalle regole attuali. Restano infine valide le disposizioni su tutte le altre tabelle relative agli ANF. Detraibilità e deducibilità delle spese per l acquisto di medicinali Viene modificato l art. 10 co. 1 lett. b) e l articolo 15 co. 1 lettera c) del TUIR, in tal modo si stabilisce che, ai fini delle rispettive deducibilità o detraibilità, la spesa sanitaria relativa all acquisto di medicinali deve essere certificata dalla fattura o da scontrino fiscale contenente la specificazione della natura, qualità e quantità dei beni e l indicazione del codice fiscale del destinatario. In atto, invece, viene concesso il beneficio fiscale solo in base al possesso dello scontrino fiscale generico. Pertanto, le farmacie dovranno adeguare i propri registratori di cassa (ove non l avessero già fatto), con la possibilità di inserire anche il codice fiscale del cliente. Autovetture per portatori di handicap Si tratta di modifiche che riguardano principalmente l IVA, l IRPEF e le tasse automobilistiche, per porre un argine al fenomeno elusivo di coloro che acquistano tali veicoli camuffando il nome di un disabile. Per tale scopo, si è previsto che l ufficio rilasci apposito certificato da unire al libretto di circolazione dell autoveicolo e da esibire in occasione della richiesta delle agevolazioni. In tale certificato sono indicati gli estremi identificativi del soggetto beneficiario dell agevolazione e di quelli preposti alla guida del veicolo nonché gli altri dati necessari ai fini del controllo forniti dal contribuente. L accesso alle agevolazioni è subordinato alla preventiva acquisizione del certificato. Si prevede inoltre la perdita dei benefici fiscali, con l obbligo di riversamento dell IVA risparmiata (16%), della detrazione IRPEF indebitamente fruita e delle tasse automobilistiche non corrisposte, per il disabile (o il familiare di cui lo stesso è a carico) che, dopo avere acquistato l auto, la rivenda ad altro soggetto prima del decorso di 2 anni, a meno che non vengano provate le mutate necessità dovute al proprio handicap che rendano di fatto necessario il cambio del veicolo con un altro di caratteristiche diverse. REVERSE CHARGE: Cessione imponibili di immobili e prodotti telefonia Si modifica l art. 17 del DPR 633/1972, relativo alle disposizioni inerenti l applicazione del cosiddetto Reverse charge o inversione contabile. In particolare si dispone che, in deroga alle regole ordinarie, al pagamento dell imposta è tenuto il cessionario, se soggetto passivo di imposta in Italia. Mentre la fattura emessa del cedente senza addebito d imposta deve essere integrata dal suddetto cessionario (cliente soggetto IVA) con l indicazione dell aliquota e della relativa imposta nell apposito registro. Si tratta di una norma che già si applica ad es. per l oro da investimento e che si applicherà anche alle cessioni di personal computer e dei loro componenti ed accessori, alle cessioni di apparecchiature terminali per il servizio pubblico radiomobile terrestre, e alle cessioni di materiali lapidei, nonché ad operazioni individuate con decreto ministeriale. Tuttavia, tali novità si applicheranno dopo che vi sarà l autorizzazione della misura ai sensi

FINANZIARIA 2007 DECRETO COLLEGATO legge 286/06

FINANZIARIA 2007 DECRETO COLLEGATO legge 286/06 FINANZIARIA 2007 DECRETO COLLEGATO legge 286/06 NORMATIVA DL 03/10/2006 n 262 convertito in Legge n.286 del 24/11/2006 (G.U. n.277 del 28/11/2006) In vigore dal 29/11/2006 PRASSI AGENZIA DELLE DOGANE nota

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO-LEGGE 3 ottobre 2006, n. 262. Disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 18/2006 del 30 novembre 2006 Collegato alla Finanziaria 2007 Il 23 novembre è stato convertito in Legge (n. 286/2006) il Decreto Collegato alla Manovra Finanziaria per l anno 2007 (D.L.262/2006).

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.1849 del 06.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.1849 del 06.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Pagina 1 di 7 Quotidiano d'informazione giuridica - n.1849 del 06.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Manovra finanziaria 2007: le disposizioni fiscali per le auto

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

Collegato alla Finanziaria 2007. D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286

Collegato alla Finanziaria 2007. D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286 Collegato alla Finanziaria 2007 D.L. 03.10.2006 n. 262 convertito in Legge il 23.11.2006 n. 286 Mancata emissione scontrino/ricevuta fiscale art. 1 commi da 8 a 8-ter In caso di mancata emissione dello

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

STUDIO TRIBUTARIO E DEL LAVORO. COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI - CONSULENTI DEL LAVORO

STUDIO TRIBUTARIO E DEL LAVORO. COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI - CONSULENTI DEL LAVORO STUDIO TRIBUTARIO E DEL LAVORO. COMMERCIALISTI - REVISORI CONTABILI - CONSULENTI DEL LAVORO Servizio circolari per la clientela Il DL 3.10.2006 n. 262 (c.d. decreto collegato alla Finanziaria 2007) Principali

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI lì, 20 dicembre 2014 Articolo 1 - Dichiarazione dei redditi precompilata Dal 2015, entro il 15 aprile di ciascun anno, l Agenzia delle Entrate renderà disponibile telematicamente

Dettagli

TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI. Imposte dal 1 gennaio 2014

TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI. Imposte dal 1 gennaio 2014 TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI dal 1 gennaio 2014 1. NORME 1.1. DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (GU n.67 del 23-3-2011 )

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE Milano, 19 gennaio 2015 CIRCOLARE CLIENTI N. 5/2015 LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE La Legge n. 190/2014 (la cd Legge di Stabilità 2015 ) ha previsto diverse misure fiscali di interesse

Dettagli

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF Sezione prima - Imposte dirette Struttura della nuova IRPEF STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF I commi da 6 a 9, Legge finanziaria 2007, intervenendo a modifica del TUIR, riscrivono ancora una volta la struttura

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

Legge 21 novembre 2000, n. 342. Misure in materia fiscale

Legge 21 novembre 2000, n. 342. Misure in materia fiscale Legge 21 novembre 2000, n. 342 Misure in materia fiscale Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 276 del 25 novembre 2000 - Supplemento Ordinario Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Art.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 10 aprile 1998, n. 137 DISPOSIZIONI CORRETTIVE DEL DECRETO LEGISLATIVO 15 DICEMBRE 1997, n. 446, CONCERNENTE L'ISTITUZIONE DELL'IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITA' PRODUTTIVE, LA REVISIONE

Dettagli

CONVERTITA IN LEGGE LA MANOVRA CORRETTIVA DEI CONTI PUBBLICI

CONVERTITA IN LEGGE LA MANOVRA CORRETTIVA DEI CONTI PUBBLICI Periodico plurisettimanale Area: TAX & LAW 12 settembre 2006 CONVERTITA IN LEGGE LA MANOVRA CORRETTIVA DEI CONTI PUBBLICI In sede di conversione in Legge del DL 223/2006 (c.d. Decreto Bersani) sono state

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 01/2008 Treviso, 30 gennaio 2008

CIRCOLARE N. 01/2008 Treviso, 30 gennaio 2008 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 01/2008 Treviso, 30 gennaio 2008 OGGETTO: Legge Finanziaria 2008 In data 21 dicembre 2007 è stata definitivamente approvata la legge Finanziaria 2008 che contiene

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle Entrate

Chiarimenti Agenzia delle Entrate Chiarimenti Agenzia delle Entrate 1. Nuova misura dell'imposta sostitutiva sui risultati di gestione. La legge di stabilità del 2015 ha aumentando l'aliquota dell'imposta sostitutiva delle imposte sui

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N.

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. Allegato alla Delib.G.R. n. 63/2 del 15.12.2015 SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE NORME DI ATTUAZIONE ART. 8 DELLO STATUTO DELLA REGIONE SARDEGNA - LEGGE COSTITUZIONALE 26 FEBBRAIO 1948, N. 3 Articolo

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.58 DEL 08-07-2015

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.58 DEL 08-07-2015 Ufficio: TRIBUTI Assessorato: FINANZE E BILANCIO PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.58 DEL 08-07-2015 Oggetto: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) - APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI

Dettagli

8. Successioni e donazioni SUCCESSIONI Chi deve pagarla e quanto si paga ATTENZIONE

8. Successioni e donazioni SUCCESSIONI Chi deve pagarla e quanto si paga ATTENZIONE 8. Successioni e donazioni Con la legge n. 286 del 2006 (di conversione del decreto legge n. 262 del 2006) e la legge n. 296 del 2006 (Finanziaria 2007), è stata reintrodotta nel nostro sistema l'imposta

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU)

I TRIBUTI. Tributi locali (ICI sostituita a far data dall anno 2012 dall IMU) I TRIBUTI I cittadini sono tenuti a concorrere alla spese pubblica in ragione della loro capacità contributiva, come recita l articolo 53 della Costituzione Italiana. I tributi che gravano sui cittadini

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP)

FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) FONDO PENSIONE INTEGRATIVO (FIP) LO SCOPO Il FIP qui descritto è una forma pensionistica complementare individuale di tipo assicurativo, ché ha lo scopo di consentire all aderente di attivare un piano

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 17 Dicembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI Il Decreto Legislativo 21 novembre 2014 nr. 175, cosiddetto Semplificazione fiscale e dichiarazione dei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI CASTEL D ARIO Provincia di Mantova REGOLAMENTO ATTUATIVO DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione allegato

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 31/07/2012 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Pag.

Dettagli

Via Guantai Nuovi, 25 80133 Napoli Tel. 081/5520148 Fax 081/5800322 E-mail: info@studioforlani.it

Via Guantai Nuovi, 25 80133 Napoli Tel. 081/5520148 Fax 081/5800322 E-mail: info@studioforlani.it Ultime novità fiscali Movimentazioni di c/c sospette e falsa fatturazione Sentenza Corte Cassazione 7.4.2009, n. 14933 La presenza sul c/c bancario di movimentazioni sospette, ossia non corrispondenti

Dettagli

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI

IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI IL DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DIVENTA LEGGE : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Il Consiglio dei ministri ha approvato in data 30 ottobre 2014 il Decreto delegato

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

Documento Sul Regime Fiscale

Documento Sul Regime Fiscale 2015 Documento Sul Regime Fiscale Il presente documento illustra sinteticamente il regime fiscale in vigore a decorrere dall 1 gennaio 2007, alla luce delle disposizioni dell Agenzia delle Entrate (Circolare

Dettagli

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 DL Sblocca Italia: le novita dopo la conversione in legge (DL n. 133/2014 convertito con legge n. 16/2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

NOVITA LEGGE FINANZIARIA 2007

NOVITA LEGGE FINANZIARIA 2007 NOVITA LEGGE FINANZIARIA 2007 CONTRIBUTI PER LA ROTTAMAZIONE DI VEICOLI INQUINANTI SENZA ACQUISTO DI UN VEICOLO NUOVO. Rottamazione di un autoveicolo per trasporto promiscuo, immatricolato come euro 0

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 1, comma 91, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quale dispone, tra l altro, che, a decorrere dal periodo di imposta 2015, agli enti di previdenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

STUDIO SESANA ASSOCIATI. Legge 27 dicembre 2006 n. 296

STUDIO SESANA ASSOCIATI. Legge 27 dicembre 2006 n. 296 LEGGE FINANZIARIA per il 2007 Legge 27 dicembre 2006 n. 296 Decreto Legge collegato e Manovra bis anno 2006 Con la presente Circolare è nostra intenzione portare a Vostra conoscenza per grandi linee e

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi.

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi. AGEVOLAZIONI SETTORE AUTOTRASPORTO IMPOSTE SUI REDDITI Deduzione forfettarie (Art. 66 comma 5 TUIR) Alle imprese autorizzate all autotrasporto di merci per conto terzi spetta una deduzione forfettaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE. 1. Il presente Regolamento integra le norme di legge che disciplinano l'imposta

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE. 1. Il presente Regolamento integra le norme di legge che disciplinano l'imposta REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI CAPO I NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO E SCOPO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento integra le norme di legge che disciplinano

Dettagli

CHI DEVE PAGARE L'IMU:

CHI DEVE PAGARE L'IMU: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Il Decreto Legislativo 14 marzo 2011, n. 23, recante disposizioni in materia di federalismo fiscale municipale, ha istituito con gli articoli 8 e 9 la nuova Imposta municipale

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

The Hub Trentino Alto Adige

The Hub Trentino Alto Adige L AVVIO DI UN ATTIVITÀ DI IMPRESA O PROFESSIONALE Aspetti civilistici, fiscali e previdenziali Trento, lì 19 novembre 2014 1 FORME SOCIETARIE: SOCIETÀ PER AZIONI (S.P.A.) SOCIETÀ IN ACCOMANDITA PER AZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE NOVITÀ IN MATERIA DI FISCALITÀ DEI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI Verona, 13 maggio 2014 Rosaria de Michele Responsabile Tributario

Dettagli

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013

CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 CIRCOLARE N. 25 2012/2013 DEL 17 GENNAIO 2013 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2013 dell Ufficio

Dettagli

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI A) VENDITE DI FABBRICATI DA PRIVATI: 1) Prima casa e/o relative pertinenze - vendita da privato - Imposta di registro:

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni In un contesto normativo volto al raggiungimento di una maggiore

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione (allegato

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in regime di contribuzione definita, sono

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI Numero 1 Anno 2008 gennaio/2 FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI La Finanziaria 2008 ha introdotto un nuovo regime fiscale destinato alle persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

Città di Albino. Provincia di Bergamo

Città di Albino. Provincia di Bergamo Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. (Legge 27 dic. 1997 n. 449 e d.lgs. 31

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

ECO-INCENTIVI STATALI 2008 per la sostituzione o trasformazione di veicoli inquinanti e altri contributi a favore della mobilità sostenibile

ECO-INCENTIVI STATALI 2008 per la sostituzione o trasformazione di veicoli inquinanti e altri contributi a favore della mobilità sostenibile ECO-INCENTIVI STATALI 2008 per la sostituzione o trasformazione di veicoli inquinanti e altri contributi a favore della mobilità sostenibile Il decreto milleproroghe (D.L. 248/2007) varato dal Consiglio

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 74 DEL 5 SETTEMBRE 2014 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione Complementare per i Geometri Liberi Professionisti FONDO PENSIONE FUTURA Iscritto al n. 166 all Albo COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 14 del 25 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Ddl stabilità per il 2014: le prime anticipazioni della stampa Premessa Recentemente il Consiglio dei Ministri ha

Dettagli

OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008 (L. n. 244/2007) Novità in tema di IRPEF e ICI

OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008 (L. n. 244/2007) Novità in tema di IRPEF e ICI Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Chiara Valente Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 21 gennaio 2008 Circolare n. 5/2008 OGGETTO: Legge Finanziaria per l anno 2008

Dettagli

Impianti FV oltre i 3 kw accatastabili, presentata interrogazione alla Camera

Impianti FV oltre i 3 kw accatastabili, presentata interrogazione alla Camera casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_17457_rinnovabili-fotovoltaico-fotovoltaico-agenzia-delle-entrate-rendite-catastali-impianti-fvoltre-i-3-kw-accatastabili-presentata-interrogazione-alla-camera.html

Dettagli

L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA

L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA AGENZIA IMMOBILIARE LUNIGIANA 2000 Via Apua 24-26, AULLA (MS) Tel 0187.421400 Fax 0187.424684 Cell 335.5383266 335.1321250 E-mail: lunigiana2000@lunigiana.it Web: www.lunigiana2000.it www.lunigiana2000.com

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA IMU SINTESI DI COME SI APPLICA Riferimenti legislativi Art. 13, DL n. 201/2011 Artt. 8 e 9, D.Lgs. n. 23/2011 D.Lgs. n. 504/92 Art. 4, DL n. 16/2012 Circolare MEF 18.5.2012, n. 3/DF PRESUPPOSTO IMPOSITIVO

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni ed integrazioni recante la disciplina dell imposta di bollo;

Dettagli

OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI ANNO 2013. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI ANNO 2013. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO DELIBERAZIONE N. 168 DEL 10 MAGGIO 2013 UFF. RAGIONERIA OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI ANNO 2013. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO Visto il documento istruttorio

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

prot. n. 31.23 Spett.le LORO SEDI

prot. n. 31.23 Spett.le LORO SEDI Roma 4 settembre 2007 prot. n. 31.23 Spett.le LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI LEGA PROFESSIONISTI DI SERIE C LEGA NAZIONALE DILETTANTI UFFICIO AMMINISTRAZIONE F.I.G.C. LORO SEDI Si trasmette, in allegato,

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo. REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) COMUNE DI ZOGNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente) Regolamento per l Applicazione dell ISEE (Indicatore Situazione Economia Equivalente)

Dettagli

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Agevolazioni ai fini delle imposte sui redditi ARTICOLO

Dettagli