RELAZIONE GEOLOGICA GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE GEOLOGICA GENERALE"

Transcript

1 STUDIO GEOLOGICO Dott. Geol. Danilo Baroni Via Emilia n Broni tel/fax COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO RELAZIONE GEOLOGICA GENERALE Il tecnico: Dott. Geologo DANILO BARONI O.G.L. Lombardia n 643

2 2 INDICE 1. PREMESSA pag INQUADRAMENTO TERRITORIALE pag INQUADRAMENTO GEOLOGICO STRUTTURALE pag SUCCESSIONE LITOSTRATIGRAFICA pag ASSETTO STRUTTURALE pag INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO pag FORME E PROCESSI MORFOGENETICI pag SETTORE COLLINARE pag SETTORE DI PIANURA pag ASSETTO IDROGEOLOGICO pag LINEAMENTI IDROGEOLOGIGI DEL SETTORE COLLINARE pag LINEAMENTI IDROGEOLOGICI DEL SETTORE DI PIANURA pag PIEZOMETRIA pag LINEAMENTI GEOPEDOLOGICI pag CLASSIFICAZIONE DEI SUOLI pag CARATTERISTICHE CLIMATICHE DELL AMBITO TERRITORIALE pag CLIMATOLOGIA REGIONALE pag CLIMATOLOGIA E METEOROLOGIA LOCALE pag ANALISI DELLE SERIE STORICHE pag Precipitazioni pag Temperature pag EVENTO METEOROLOGICO APRILE 2009 pag. 53

3 3 9. INDAGINE DI DETTAGLIO pag CARTTERIZZAZIONE GEOLOGICO-TECNICA DEL PRIMO SOTTOSUOLO pag ANALISI E VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI SISMICI IN SITO FINALIZZATE ALLA DEFINIZIONE DELL ASPETTO SISMICO NEL PIANO DI GOVENO DEL TERRITORIO pag Premessa pag Pericolosità sismica pag Pericolosità sismica di base pag Pericolosità sismica locale pag VINCOLI pag SINTESI DELLE ANALISI ESEGUITE pag Vulnerabilità dal punto vista idraulico pag Vulnerabilità dal punto vista idrogeologico pag Scadenti o mediocri caratteristiche geotecniche pag Instabilità dei versanti pag BIBLIOGRAFIA pag. 93 ALLEGATI: - Allegato n. 1- Prove penetrometriche statiche - Allegato n. 2- Prove penetrometriche dinamiche - Allegato n. 3- Indagini geognostiche e stratigrafie pozzi

4 4 1. PREMESSA L analisi geologica del territorio comunale di Broni ed il relativo azzonamento è stato svolto facendo riferimento alle seguenti normative: - l.r. 11 marzo 2005 n 12 Legge per il governo del territorio ; - D.G.R. 22 dicembre 2005 N. 8/1566 criteri ed indirizzi per la determinazione della componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio, in attuazione dell art. 57, comma 1, della l.r. 11 marzo 2005 n. 12 ; - D.G.R. 28 maggio 2008 N. 8/7374 Aggiornamento dei criteri ed indirizzi per la determinazione della componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio, in attuazione dell art. 57, comma 1, della l.r. 11 marzo 2005 n. 12, approvati con d.g.r. 22 dicembre 2005, n 8/1566. Con riferimento allo schema metodologico ed alle direttive contenute nella D.G.R. 28 maggio 2008 N. 8/7374, lo studio geologico è stato eseguito secondo le seguenti fasi di lavoro successive: - fase di inquadramento ed analisi delle caratteristiche geologiche, strutturali, geomorfologiche idrogeologiche dell intero territorio comunale, visualizzata nei seguenti elaborati cartografici: TAV. 1 Carta geologica; TAV. 2 Carta geopedologica; TAV. 3 Carta geomorfologica; TAV. 4 Carta idrogeologica e del sistema idrografico; TAV. 5/1 Carta geolitologica applicativa - Nord; TAV. 5/2 Carta geolitologica applicativa - Sud; TAV. 6/1 Carta della pericolosità sismica locale - Nord; TAV. 6/2 Carta della pericolosità sismica locale - Sud; - fase di sintesi/valutazione definita tramite la carta dei vincoli, che individua le limitazioni d uso del territorio derivanti da normative in vigore di contenuto prettamente geologico e la carta di sintesi, che propone una zonazione del territorio in funzione dello stato di pericolosità geologico-geotecnica e della vulnerabilità idraulica e idrogeologica. E sintetizzata nei seguenti elaborati cartografici:

5 5 TAV. 7/1 Carta dei Vincoli - Nord; TAV. 7/2 Carta dei Vincli - Sud; TAV. 8/1 Carta di Sintesi - Nord; TAV. 8/2 Carta di Sintesi - Sud; - fase di proposta definita attraverso la redazione della carta di fattibilità geologica delle azioni di piano e delle norme geologiche di piano e sintetizzata nei seguenti elaborati garfici: TAV. 9/1 Carta di fattibilità delle azioni di piano - Nord; TAV. 9/2 Carta di fattibilità delle azioni di piano Sud.

6 6 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE Il territorio Comunale di Broni, presenta una superficie totale di 20,87 Kmq ed è compreso nei Fogli B7C5-Mezzanino, B8C1-Stradella Ovest, B8C2-Broni della C.T.R. Lombardia alla scala 1: Come ben si evidenzia nella corografia in scala 1:50.000, esso amministrativamente, è limitato a Nord dai territori dei Comuni di Albaredo Arnaboldi, San Cipriano Po e Campospinoso; ad Ovest dai Comuni di Barbianello e Redavalle; a Sud da Pietra de Giorgi, Cigognola e Canneto Pavese e ad Est dal territorio del Comune di Stradella. L area in oggetto può essere suddivisa in due zone con peculiarità ben distinte: un settore di pianura che comprende circa l 80% dell intera superficie comunale ed un settore collinare comprendente il restante 20%. Quest ultimo presenta una forma vagamente triangolare limitata a Nord dal nucleo abitato di Broni e ad Est dall incisione del Torrente Scuropasso. Il confine Est corre lungo il crinale che da Colombarone raggiunge la insellatura di Monte Ariolo ridiscende lungo la valletta che confluisce in Val Maga, segue questa per circa 550 m per poi risalire lungo una seconda valletta all altezza delle Fonti di Recoaro per tagliare, infine, il versante Ovest del rilievo su cui sorgono Monte Bruciato e Rocca Ticozzi raggiungendo località Molinone. In questa fascia le maggiori elevazioni topografiche sono rappresentate dai Monti Ariolo e San Contardo, alti rispettivamente 241,5 e 214,7 m/s.l.m. Rilevante è anche la presenza della incisione di Val Maga che, con un andamento rettilineo Nord-Sud, si insinua profondamente all interno del rilievo collinare. Essa si presenta come una valle molto stretta, larga in alcuni punti poche decine di metri, e con versanti molto ripidi sede di intensa coltivazioni della vite, anche se è da rimarcare il fatto che, rispetto al passato, numerosi sono i poderi incolti divenuti ormai preda della vegetazione spontanea. Disposte in senso ortogonale Ovest-Est, rispetto alla valle principale, sia in versante orografico sinistro che destro, si sviluppano alcune vallette che prendono origine dalle insellature comprese tra colli successivi. Il settore di pianura comprende una fascia di territorio, disposta parallelamente alla collina, larga circa 2,5 Km e lunga circa 6 Km con un lembo comprenden-

7 7 te la tenuta di C.na Pirocco e la Frazione Casottelli che si insinua a Nord fino all altezza della strada che da Albaredo Arnaboldi conduce a San Cipriano Po. Quest area è caratterizzata da una costante ed uniforme diminuzione delle quote topografiche da Sud verso nord, passando dai c.a. 88,00 m/s.l.m. del centro abitato ai c.a. 61,00 m/s.l.m. della Frazione Casottelli. Un altro importante elemento del territorio è rappresentato dal Torrente Scuropasso che, limitatamente per un tratto di 1600 m segna il confine con l adiacente Comune di Cigognola; per altri 3200 m scorre interamente all interno del territorio comunale, prima di entrare in quello di Barbianello. Il tessuto urbanistico è costituito dal nucleo abitato di Broni, ubicato ai piedi dei versanti dei Monti Ariolo e San Contardo, in sponda orografica destra del Torrente Scuropasso in corrispondenza del suo sbocco nella pianura; numerose sono anche le cascine e le frazioni sparse regolarmente ed efficacemente collegate al capoluogo attraverso una fitta rete viaria. Le principali arterie di comunicazione sono rappresentate dalla S.S. n. 10 Padana Inferiore che, disposta su di un tracciato che si sviluppa poche centinaia di metri a Nord del margine pedecollinare, collega il capoluogo comunale rispettivamente con Voghera ed il Piemonte ad Ovest e con Stradella e l Emilia Romagna ad Est. Pavia ed il Nord della provincia sono raggiunte attraverso la S.S. n. 617 Bronese, mentre il Sud dell Oltrepò è collegato a Broni mediante la S.P. n. 198 Per Zavattarello. Infine è da segnalare l attraversamento, in senso Sud-Ovest Nord-Est, del territorio comunale, dell Autostrada A 21 Dei Vini Torino Piacenza e della linea ferroviaria Piacenza-Alessandria, il cui tracciato parte in rilevato e parte in trincea è compreso tra l autostrada e la S.S n.10. Una seconda linea ferroviaria, la linea Broni-Bottarone-Pavia, attraversa in direzione Sud-Est Nord-Ovest l estremo lembo orientale del territorio comunale.

8 8 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO STRUTTURALE I lineamenti geologico strutturali dell area esaminata, sintetizzati nello sche ma geologico di Fig. 1, tratto da Vercesi & Scagni, 1984, sono caratterizzati da: Fig.1 Schema geologico dell area studiata. 1: Quaternario; 2: Conglomerati di Cassano Spinola (a: Membro dei Conglomerati di Rocca Ticozzi; b: Membro delle Arenarie di Monte Arzolo) Miocene Superiore-Pliocene inferiore; 3: Formazione Gessoso-Solfifera (a: lenti di gesso-areniti) Miocene superiore; 4: Marne di S.Agata Fossili, Tortoniano; 5: giacitura degli strati; 6: faglia e sua probabile prosecuzione (i trattini indicano la parte ribassata) (da Vercesi & Scagni, 1984). una struttura sinclinalica con asse circa E-W secondo la direttrice Broni-Mistà, avente al nucleo la successione del Miocene superiore, marnosa alla base (Formazione Gessoso-Solfifera) e prevalentemente clastica nella porzione medio-superiore (Conglomerati di Cassano Spinola ) un substrato costituito da marne grigio-azzurre talora passanti a giallastre, riferibile alle Marne di S. Agata Fossili del Tortoniano. Le marne tortoniane circondano quelle della sinclinale predetta e, a S, all incirca secondo la congiungente Colombarone-Canneto Pavese-Beria, appaiono conformate ad anticlinale con asse E-W. Lineamenti a direzione N-S ed E-W desunti da fotointerpretazione e riscontrati come corrispondenti a faglie sul terreno.

9 9 La giacitura degli strati è all incirca NE con inclinazione di Il territorio esaminato, come già precedentemente indicato, può essere suddiviso in due distinti settori morfologici con peculiari caratteristiche: uno pianeggiante e l altro collinare. Per quanto attiene il primo, esso è parte della pianura oltrepadana pavese, impostata su depositi alluvionali deposti dal Fiume Po e dai suoi affluenti appenninici direttamente sul substrato marino mio-pliocenico. In generale l evoluzione Plio-Quaternaria della Pianura Padana si può, sintetizzare in tre fasi: - Fase di regressione marina e sedimentazione di depositi continentali fluvio-lacustri, deltizi e di pianura costiera su parte della pianura (Pliocene Superiore - Pleistocene Inferiore) - Fase glaciale comprendente le glaciazioni Gunz, Mindel, Riss e Würm (Pleistocene) - Fase post-glaciale caratterizzata dal succedersi di episodi di sedimentazione ed e- rosione dovuti alle variazioni di portata dei corsi d acqua collegati con i mutamenti climatici succedutisi durante l Olocene. In particolare le fasi di erosione sono da mettere in relazione con i periodi di minore apporto detritico, dovuto a precipitazioni meno intense, le fasi deposizionali si situano invece, in corrispondenza di periodi a piovosità più intensa in cui i fiumi portavano a valle una notevole massa di detriti. Nella porzione di territorio esaminato, procedendo da Nord verso Sud, si incontrano dapprima depositi attribuibili alle Alluvioni Recenti (Olocene), separate dai sedimenti alluvionali più antichi del Fluviale Recente (Pleistocene Superiore - Pleistocene Medio), da una scarpata di altezza variabile da 2 m ad 1 m, talora obliterata dall attività antropica. Questi depositi, che si inoltrano anche all interno della Valle del Torrente Scuropasso, rappresentano la formazione più estesa del territorio comunale e costituiscono la Superficie Principale della pianura oltrepadana o Piano Generale Terrazzato. Più a Sud un ulteriore scarpata di terrazzo, con un altezza medi di circa 10 m, sviluppantesi dal confine orientale comunale fino all altezza di Valle di Cima, all interno della Valle Scuropasso, separa i terreni del Fluviale Recente da quelli più antichi ascrivibili al Fluviale Medio e poggianti direttamente sui sedimenti terziari di origine marina che formano i rilievi pedecollinari. Il settore collinare è parte del rilievo costituente l unità morfologica del cosiddetto Sperone di Stradella delimitato ad Ovest dall incisione valliva del Torrente Scuropasso e ad Est dal Torrente Versa. Esso è caratterizzato dalla presenza di

10 10 successioni di origine marina della serie mio-pliocenica su cui si sono deposti i sedimenti alluvionali. Il contatto fra questi terreni è molto evidente ed è segnato dal margine pedecollinare. La serie Mio-Pliocenica è rappresentata dalle seguenti formazioni: - Marne di Sant Agata Fossili (Tortoniano - Messiniano?) - Formazione Gessoso-Solfifera ( Messiniano) - Arenarie di Monte Arzolo ( Messiniano - Pliocene Inferiore) Le Marne di Sant Agata Fossili rappresentano il termine più antico, stratigraficamente e geometricamente sottostante alle altre formazioni. La formazione Gessoso-Solfifera, stratigraficamente e geometricamente sovrastante le Marne di Sant Agata Fossili, compare solo in un limitato lembo e la sua presenza nell area cartografata corrisponde all ipotetica prosecuzione di una lente riconosciuta essenzialmente su basi micropaleontologiche in una sezione tipo nota in letteratura geologica ubicata in località Rocca Ticozzi. La formazione delle Arenarie di Monte Arzolo rappresenta l areale maggiore. Nel limitrofo Fg Voghera della C.G.I. la formazione in questione viene indicata con il termine di Conglomerati di Cassano Spinola,.più noto in letteratura geologica e più ampiamente utilizzato. 3.1 SUCCESSIONE LITOSTRATIGRAFICA La successione litostratigrafica presente nell ambito indagato trova specifica visualizzazione grafica nell allegata Tav. 1 - Carta geologica. Le informazioni sono state desunte, oltre che dai rilievi effettuati in sito, anche dalle seguenti fonti bibliografiche: -) Carta geologica d Italia alla scala 1: , Fg. 59 Pavia -) Carta geologica della Lombardia alla scala 1: Le formazioni affioranti sono le seguenti: Marne di Sant Agata Fossili (Tortoniano - Messiniano?) La formazione è costituita da marne di colore grigio-azzurro o giallastro con locali intercalazioni di livelli centrimetrici di arenaria poco cementata a grana mediofine di colore giallastro passanti verso l alto a marne argillose. La stratificazione di questa formazione, laddove affiorano le marne argillose, non è evidente, solo local-

11 11 mente dove emergono i livelli sabbioso-arenacei è possibile individuarne le caratteristiche giaciturali e geometriche. Trattandosi della formazione più antica affiorante nel settore studiato, il limite inferiore di questa unità non è visibile. Per quanto riguarda il limite superiore, le risultanze di campagna portano all individuazione sia di rapporti stratigrafici che tettonici. Il passaggio alle sovrastanti Formazione Gessoso-Solfifera e Arenarie di Monte Arzolo avviene in continuità di sedimentazione per quasi tutto l areale di affioramento, solo in corrispondenza della parte meridionale di Val Maga si evidenzia un contatto di tipo tettonico con le Arenarie di Monte Arzolo. La elevata componente argillosa, ha favorito la degradazione dei litotipi marnosi e, la copertura eluvio-colluviale presenta uno spessore che è in funzione dell acclività dei versanti. Formazione Gessoso-Solfifera (Messiniano) La peculiarità di questa formazione è quella di presentarsi con diverse facies litologiche: marne e marne argillose-gessifere, arenarie e conglomerati gessiferi, calcari cariati di colore biancastro e calcari brecciati grigiastri e masse di gesso dai grossi cristalli o granulare. Nell area studiata tale formazione affiora con termini marnoso argilloso gessiferi in corrispondenza del versante Nord di Rocca Ticozzi, interposta fra le sottostanti Marne di Sant Agata Fossili e le soprastanti Arenarie di Monte Arzolo denunciando un limite inferiore e superiore di tipo stratigrafico. Arenarie di Monte Arzolo (Messiniano - Pliocene Inferiore) E costituita da due facies caratteristiche: l arenacea e la conglomeratica. La facies arenacea è costituita da arenarie massive poco cementate a grana media di colore giallastro con locali livelli decimetrici di arenarie compatte a grana fine di colore grigio giallastro. La facies conglomeratica è rappresentata da conglomerati costituiti da ciottoli da centrimetrici a decimetrici di varia natura (calcari di colore grigio nerastro tipo Medolo, diaspri, quarziti, graniti, granuliti) e blocchetti marnoso-argillosi di colore marronegiallastro riferibili alle sottostanti Marne di Sant Agata Fossili immersi in una matrice sabbiosa, più o meno cementata, a grana medio fine di colore da giallastro a grigiastro e rari macrofossili rimaneggiati. Il limite inferiore di questa formazione è di tipo stratigrafico con le sottostanti Marne di Sant Agata Fossili e Formazione Gessoso-Solfifera.

12 12 La copertura eluvio-colluviale è costituita da materiale a prevalente componente sabbio-limosa e presenta spessori che sono in funzione dell acclività del versante. Fluviale medio (Pleistocene Medio?) Si tratta di depositi alluvionali terrazzati, dubitativamente attribuiti al Pleistocene Medio affioranti lungo una striscia continua che borda il versante collinare a Nord sino ad incunearsi all interno della Valle Scuropasso fino all altezza di Valle di Cima, costituiti da limi argillosi, localmente sabbiosi con rari livelli ghiaiosi, notevolmente alterati in superficie. Fluviale recente (Pleistocene Medio - Pleistocene Superiore) Si tratta di depositi alluvionali formanti la Superficie Principale della Pianura e costituiti prevalentemente da terreni argillosi-limosi localmente limosi-sabbiosi attribuibili al Pleistocene Recente. Lungo l asta del torrente Suropasso si rinvengono,invece, depositi prevalentemente ghiaiosi o sabbioso-ghiaiosi in subordine. Alluvioni recenti (Olocene) Si tratta di terreni di età Olocenica affioranti all interno delle aree golenali del F. Po e costiutiti da sabbie e limi mescolate in varie proporzioni, con prevalenza delle prime a Nord-Ovest della direttrice Casanova Lonati - Albaredo Arnaboldi - Boffalora. Alluvioni attuali degli alvei attivi dei corsi d acqua Sono quei materiali che ricoprono il letto del T. Scuropasso, fatta eccezione per quei tratti dove l acqua, incanalata in un alveo stretto, scorrendo veloce, asporta il detrito. Tali alluvioni sono a prevalente componente ciottolosa e sabbioso-limosa in relazione alla capacità di trasporto della corrente. I ciottoli sono in genere di natura calcarea, ben arrotondati e spesso appiattiti, con diametro massimo non oltre i cm. Ciottoli arenacei o conglomeratici sono quasi assenti, in quanto vengono rapidamente disgregati. I depositi limosi sono rari, tranne che nei periodi di magra, e localizzati immediatamente a monte di sbarramenti artificiali o naturali.

13 ASSETTO STRUTTURALE Per quanto concerne l assetto strutturale dell area indgata, è opportuno distinguere la tettonica di superficie, relativamente al settore pedecollinare, da quella profonda, che si può evidenziare dai risultati della prospezione geofisica e dalle perforazioni eseguite quasi esclusivamente dall AGIP Mineraria e note in lettaratura geologica. E comunque opportuno sottolineare come la scarsità di affioramenti e le caratteristiche litologiche delle formazioni presenti, abbiano notevolmente limitato l analisi strutturale. Questa fase di lavoro è stata eseguita con l ausilio della fotointerpretazione, con la quale si sono individuate alcune lineazioni e facendo ricorso a considerazioni di carattere generale, quali, ad esempio, la disposizione complessiva delle formazioni. L assetto strutturale generale dell area risulta essere caratterizzato dalla presenza di una blanda anticlinale con al nucleo la formazione più recente delle Arenarie di Monte Arzolo. Questa struttura plicativa è a sua volta interessata da due famiglie di faglie dirette subvberticali: una caratterizzata da lineazioni disposte in senso circa N-S ed una antiappenninica o giudicariense caratterizzata da lineazioni con direzione WSW-ENE. Nel complesso queste due serie di faglie si intersecano fra di loro suddividendo il margine appenninico in un fitto mosaico di blocchi. Nel dettaglio, alla famiglia con direzione N-S appartiene la faglia dello Scuropasso, disposta longitudinalmete alla Valle e riconoscibile sulla base di elementi morfotettonici (facette triangolari a monte dell area studiata). L analisi strutturale ne rivela le componenti orizzontali e verticali: la prima evidenzia una trascorrenza sinistra, responsabile della posizione dello Sperone di Staradella; la seconda indica invece un abbassamneto del blocco ad Est. Parallelamente a questa, procedendo da Ovest verso Est, si possono individuare altre due lineazioni, una disposta lungo la Val Maga, l altra circa 300 m ad Est, con una componente verticale che indica un abbassamento del blocco ad O- vest. Alla famiglia Giudicariense appartiene la faglia che borda il margine collinare tra Broni e Redavalle, mettendo in contatto la Formazione delle Marne di Sant Agata Fossili con i depositi quaternari. Si tratta questo, di un lineamento molto

14 14 evidente sotto il punto di vista morfotettonico (evidenti faccette triangolari), ma che, a causa dell assenza di affioramenti, non trova riscontri sul terreno. Alla stessa serie appartiene anche una linea passante all altezza delle Fonti di Recoaro, evidenziata morfotettonicamente da alcuni allineamenti di selle e che ha trovato riscontro anche sul terreno, giustapponendo fra loro, alla stessa quota, terreni di età diversa. L analisi fotointerpretativa ed alcuni limitati riscontri sul terreno hanno inoltre messo in evidenza due lineazioni con direzione WNW-ESE: una passante all altezza della ex cava di inerti localizata immediatamente a SW di Rocca Ticozzi, dove si è riscontrata la presenza di un probabile specchio di faglia, l altra passante per l insellatura a Sud di Monte Ariolo. La tettonica del settore di pianura è caratterizzata dalla presenza di strutture sepolte rilevate mediante campagne di prospezioni geofisiche e sondaggi profondi eseguite dall AGIP Mineraria per la ricerca di idrocarburi. In tal senso, nella zona in questione, viene segnalata nel quadrante NW una faglia diretta subverticale avente andamento SW-NE lungo la direttrice Casanova Lonati-Fraz. Moranda di Mezzanino, probabilmente responsabile della scomparsa della scarpata di terrazzo morfologico separante le Alluvioni Recenti dal Fluviale Recente all altezza di Casanova Lonati. Parallelamente al margine appenninico, poche centinaia di metri a Nord viene invece segnalata una struttura anticlinalica con asse avente direzione SW-NE. Neotettonica Nell ambito della neotettonica vengono presi in considerazione tutti quei movimenti tettonici verificatisi nell intervallo di tempo compreso tra 5,2 milioni di anni fa ed oggi. Per poter capire l evoluzione neotettonica dell area presa in esame è necessario considerare un settore appeninico più vasto che interessa parte dei F. 59 e 70, oltre che del 71. L intervallo di tempo che va da 5,2 a 3 milioni di anni fa, individua un sollevamento dell area appenninica con intensità diverse nelle varie zone. In modo particolare si verifica un sollevamento dello sperone di Stradella e di Tortona con un ulteriore deformazione del bacino interposto nel quale si impostano fratture di andamento preferenziale NE - SW, mentre cominciano a delinearsi quelle a direzione Nord (frattura dello Scuropasso).

15 15 Nel periodo di tempo compreso tra 3 a 0,7 milioni di anni fa, mentre si attenua l attività tettonica, pur rimanendo evidenti alcuni riscontri morfottettonici, continua il sollevamento dell Appennino Alessandrino e della placca dell Antola (limitata a Nord dalla linea Villalvernia-Varzi). Per quanto riguarda l Appenino Pavese esso risulta essere delimitato a Nord, verso la pianura, da disturbi perimetrali diretti ENE (frattura o flesura di Casteggio), NNW (linea dello Staffora) e NE. Nel lasso di tempo compreso tra 0,7 a 0,018 milioni di anni fa si assiste a sollevamenti differenziati dell area appenninica, in modo particolare: -un maggiore e relativo innalzamento della dorsale marginale piacentina rispetto all Appenino Vogherese, testimoniata dal riattivarsi di fratture a direttrice NNW, WNW in corrispondenza delle quali si impostano il Torrente Rile, il Torrente Schizzola, il torrente Scuropasso e il Torrente Versa; - innalzamenti relativi all Appenino Vogherese con impostazione di motivi sinclinaloidi ed anticlinaloidi. Da 0,018 milioni di anni fa ad oggi si assiste ad un uniforme sollevamento dell area appeninica anche se di intensità minore rispetto al passato. L attività tettonica va in generale attenunadosi anche se rimangono attive alcune strutture con chiare evidenze morfologiche, quali ad esempio la linea del Versa e dello Suropasso.

16 16 4. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO L area di studio può essere suddivisa in due principali settori con caratteristiche geomorfologiche proprie. Il primo, collinare, comprende la porzione di territorio immediatamente a Sud dell abitato di Broni, il secondo, di pianura, si sviluppa più ampiamente verso Nord, in direzione dell asta fluviale del Fiume Po. 4.1 FORME E PROCESSI MORFOGENETICI L evoluzione nel tempo di un territorio è strettamente legata a processi endogeni ed esogeni (che possono determinare situazioni di rischio) nonchè agli impatti delle attività antropiche; geneticamente a ciascun processo corrispondono delle forme: PROCESSI FORME a) Naturali 1) Endogeni Tettoniche, sismiche,vulcaniche 2) Esogeni Di versante, per acque correnti superficiali, glaciali,crionivali, carsiche, eoliche, marine, lagunari e lacustri. b) Antropici Antropiche In particolare nell ambito del territorio comunale sono state individuate forme tettoniche, di versante, per acque correnti superficiali ed antropiche, distinte in base allo stato di attività (attivo, quiescente, non attivo). In accordo con quanto stabilito dal G.N.G.F.G (1987) per i processi naturali si considerano: - attivi: le forme ed i depositi legati a processi in atto all epoca del rilevamento e/o ricorrenti a ciclo breve (stagionali); - quiescenti: le forme ed i depositi per i quali esistono evidenze geomorfologiche o testimonianze (dirette, storiche ecc.) di funzionamento nell attuale sistema morfoclimatico e morfodinamico e che, non avendo esaurito la loro evoluzione, hanno concreta possibilità di riattivarsi; - non attivi: le forme ed i depositi riferibili a condizioni morfoclimatiche e morfodinamiche diverse dalle attuali e quelli che hanno portato a termine la loro evoluzione o non

17 17 possono più continuare ad evolversi (ad esempio nell attuale sistema morfoclimatico una piana alluvionale non più raggiungibile dalle acque fluviali). In definitiva, a prescindere da quelli attivi, si considerano quiescenti tutte le forme, depositi ed i processi di cui non è dimostrabile la non attività. Per quanto concerne lo stato di attività delle forme dei processi e dei depositi antropici si è ritenuto di distinguerli in due categorie: - Attivi: quelli dove si esplica l attività antropica al momento del rilevamento (ad e- sempio terrazzi antropici coltivati); - Non attivi: quelli dove l attività antropica è cessata (ad esempio terrazzi antropici in abbandono). 4.2 SETTORE COLLINARE Nell ambito comunale di Broni tale settore è rappresentato, in destra del T. Scuropasso, dai primi rilievi appenninici immediatamente a ridosso del nucleo abitato e in sinistra da un ridotto lembo di versante circa compreso tra Case Ramati e Vicomune. In generale esso è caratterizzatoda crinali decisamente stretti e versanti acclivi prevalentemente adibiti a vigneto, bosco e/o incolto. Nelle zone collinari le quote massime, pari a 240 m/s.l.m. ca., si raggiungono in corrispondenza del monte Ariolo; l altezza media si aggira attorno ai 150 m/s.l.m. Il limite tra i rilievi e la pianura è piuttosto brusco e risulta solo parzialmente attenuato dalla presenza, alla base dei versanti, di masse di depositi colluviati, attualmente per lo più stabilizzate. L assetto morfologico del margine collinare, presumibilmente conseguente all influenza di strutture tettoniche, rappresenta un carattere peculiare della zona esaminata, che tende a scomparire nelle zone site ad W di Redavalle. Lungo i versanti più prossimi alla pianura (zona ad Ovest dell abitato di Broni compresa tra Monte Spina e Monte Castello) si riconoscono infatti evidenze morfotettoniche particolarmente rappresentative quali il susseguirsi di faccette triangolari, indicative di una attività tettonica relativamente recente (l allineamento di tali elementi morfologici riproduce verosimilmente l andamento di una linea tettonica subparallela a questo margine collinare, terminazione sudoccidentale dello sperone di Stradella ).

18 18 I rilievi presentano pertanto una acclività estremamente accentuata ed una tipica configurazione triangolare. Tra gli elementi morfologici del margine pedecollinare va inoltre segnalata la presenza di un terrazzo di erosione fluviale ben individuabile in sponda destra del T. Scuropasso, estendentesi all incirca dalla località Valle di Cima fino quasi all altezza dell abitato di Stradella. Si tratta del terrazzo che separa il ripiano delle alluvioni del Fluviale medio Auct. (raccordabile con quello del Colle di S. Colombano, in analoga posizione altimetrica) da quello sottostante delle alluvioni che costituiscono la superficie principale della pianura (Fluviale recente). Il salto morfologico tra le sopracitate unità è rappresentato da una scarpata piuttosto discontinua e localmente erosa, che raggiunge altezze massime di 20 m ca. (zona tra Broni e Stradella), riducendosi progressivamente lungo il fondovalle del T. Scuropasso (settore a S di Broni). La morfologia dei rilievi più elevati altimetricamente risulta strettamente connessa sia alla natura litologica dei terreni affioranti in tali aree che alla attività tettonica e neotettonica che interessa il margine appenninico. In particolare, le colline del Bronese si impostano estesamente su litotipi piuttosto coerenti quali le Arenarie di Monte Arzolo Auct., corrispondenti a corpi a- renacei e conglomeratici generalmente a buon grado di stabilità; a ciò peraltro contribuisce la giacitura di questi terreni, per lo più poco inclinata sull orizzontale. Inoltre la natura litoide di tale formazione giustifica l asperità del rilievo e l accentuata acclività dei versanti. Questi ultimi fattori sono poi accentuati da implicazioni morfotettoniche; infatti la maggior parte delle valli secondarie (soprattutto nella zona di Canneto Pavese), nonché la stessa valle del T. Scuropasso, risultano impostate in corrispondenza di linee tettoniche (faglie) ad andamento circa rettilineo. Solo localmente affiorano terreni con caratteristiche geomeccaniche piuttosto scadenti e pertanto maggiormente disposti al dissesto ( Formazione gessososolfifera Auct., Marne di Sant Agata Fossili ). Ad esse corrisponde una morfologia collinare a acclività generalmente meno pronunciata (margine collinare tra Broni e Stradella e versanti del fondovalle del T. Scuropasso). Le forme ed i processi morfogenetici legati all azione della forza di gravità sono esclusivamente localizzati in questo settore collinare. In particolare sono presenti

19 19 tre aree classificate come area di frana satbilizzata ed alcune aree già censite dall IFFI (inventario dei fenomeni franosi italiani) come Area di frana quiescente. In seguito all evento meteorologico del 27/28 aprile 2009 nel settore collinare bronese si sono verificate 115 frane, con una densità di 48 frane per Km 2, che occupano una superficie di circa 0,9 km 2, pari al 37,5 % dell intera area collinare (2,4 km 2 ). Questi eventi franosi sono classificabili come fenomeni franosi per mobilizzazione della coltre superficiale (superfici di rottura frequentemente ubicate all interfaccia suolo-substrato o al contatto tra orizzonti aventi diverse caratteristiche di permeabilità sabbie/conglomerati-marne). Si tratta di processi controllati dalla quantità e dall intensità delle precipitazioni e che si caratterizzano per l alta densità. Tali fenomeni franosi sono contraddistinti da movimenti schematizzabili in due fasi principali: innesco della frana e mobilizzazione del materiale. La fase di innesco avviene secondo meccanismi di tipo traslativo, talora rotazionale. Nella fase di mobilizzazione la massa spostata percorre rapidamente il versante, conservandosi più o meno integra oppure destrutturandosi completamente (colamento) a seconda delle caratteristiche geotecniche del materiale. Nonostante gli spessori e i volumi modesti la particolare pericolosità di questi fenomeni è da mettere in relazione con la loro rapidità di sviluppo (le frane si sono attivate ed esaurite nello spazio di pochi minuti a volte qualche decina di secondi, con la difficoltà di prevederne l ubicazione, gli indizi premonitori sono praticamente assenti o, in genere, immediatamente precedenti il collasso), ma anche con l elevata densità di distribuzione delle singole frane. In base alle caratteristiche del movimento iniziale, al grado di destrutturazione della massa spostata, della copertura vegetale e delle condizioni topomorfiche del pendio sottostante, le frane superficiali innescate dalle intense precipitazioni di fine aprile 2009 nel territorio collinare di Broni si possono suddividere nelle seguenti tipologie (Regione Piemonte, 1998, Cruden e Varnes, 1996): 1. tipo A: porzioni della coltre di alterazione superficiale che seppur delimitate e scomposte da fratture hanno subito traslazioni di limitata entità tali da non e- sporre la superficie di movimento, mantenendo in definitiva una loro originale integrità, pur evidenziando un incipiente sovrascorrimento del bordo inferiore sul piano campagna. Tali fenomeni in molteplici casi sono allo stato incipiente e si manifestano con fratture nel terreno poco continue, spesso deformando la viabilità e creando deboli disallineamenti dei filari di vite. Fenomeni allo stato incipiente sono visibili nella zona del Monte Ariolo (versante NW); essi si evidenziano attraverso fessurazioni longitudinali aperte nella copertura dei terreni conglomeratici.

20 20 2. tipo B (translational earth slide): porzioni della coltre di alterazione superficiale che hanno subito traslazione di entità tale da esporre la superficie di rottura. La massa spostata, nella sua parte preservata è costituita da zolle disunite che hanno mantenuto singolarmente la loro integrità grazie all effetto coesivo svolto dagli apparati radicali. Questa tipologia di frana si localizza in particolare in corrispondenza di vigneti nelle Marne di S.Agata Fossili nella zona di Colombarone. 3. tipo B2: scivolamenti rotazionali in corrispondenza di scarpate stradali

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

GEOLOGO MARCO MARCATO

GEOLOGO MARCO MARCATO GEOLOGO MARCO MARCATO RELAZIONE GEOLOGICA-GEOTECNICA CON INDAGINI GEOLOGICHE. INDICE 1. PREMESSA..... pag. 1 2. QUADRO DEI VINCOLI IDROGEOLOGICI.. 2 3. RELAZIONE GEOLOGICA 3 3.1 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

COMPATIBILITÀ IDROGEOLOGICA E IDRAULICA

COMPATIBILITÀ IDROGEOLOGICA E IDRAULICA COMUNE DI MONDOVÌ Progetto dei lavori di adeguamento e potenziamento dell impianto di depurazione acque reflue del Comune di Mondovì località Longana analisi di compatibilità idraulica e idrogeologica

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti del quadro conoscitivo Studio geologico,idrogeologico e geotecnico finalizzato alla verifica delle condizioni di stabilità e progetto

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE E AMBIENTALI SEDE DI COMO PROGETTO DI DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI IN LOC. FILIPPA DEL COMUNE DI CAIRO MONTENOTTE (SV) Studi e indagini

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC R E G I O N E A U T O N O M A D E L L A V A L L E D A O S T A COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE COMPRENSORIALI IN COMUNE DI LA SALLE A SERVIZIO DELLA COMUNITÀ MONTANA

Dettagli

Studio di Geologia GEODES. Provincia di Lucca Comune di Gallicano Frazione Bolognana

Studio di Geologia GEODES. Provincia di Lucca Comune di Gallicano Frazione Bolognana Studio di Geologia GEODES via Valmaira, 14 55032 Castelnuovo Garfagnana (LU) tel / fax 0583-644096 e.mail : geodes@inwind.it - geodes.studio@gmail.com Provincia di Lucca Comune di Gallicano Frazione Bolognana

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO 5. INQUADRAMENTO GEOTECNICO 1 1. PREMESSA La presente relazione ha come

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... 3 2.2 Caratteristiche geotecniche e coefficiente di permeabilità

Dettagli

INDICE STUDI GEOLOGICI E PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE... 3. Cartografia geologica di regolatore generale... 4. Carta geologica...

INDICE STUDI GEOLOGICI E PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE... 3. Cartografia geologica di regolatore generale... 4. Carta geologica... 2 INDICE STUDI GEOLOGICI E PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE... 3 Cartografia geologica di regolatore generale... 4 Carta geologica... 5 Carta idrogeologica... 5 Carta geomorfologica... 6 Carta del comportamento

Dettagli

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO Dr. Geol. Daniela Alario - Dr. Geol. Ambrogio

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO N. 2 ART. 6 LR N.11/2004 AZIENDA AGRICOLA BERTAGNA E. e SAURO P. Riqualificazione ambientale con demolizione opera incongrua

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE COMUNE DI BARGE Provincia di Cuneo VARIANTE STRUTTURALE AL P.R.G.C. VIGENTE PROGETTO PRELIMINARE Analisi delle previsioni urbanistiche Barge dicembre 2009 STUDIO SERTE ZANELLA dr. geol. EUGENIO Geologia

Dettagli

INDICE 2. UBICAZIONE E INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE...5. 3.1 Prova penetrometrica statica - CPT...5

INDICE 2. UBICAZIONE E INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE...5. 3.1 Prova penetrometrica statica - CPT...5 INDICE 1. PREMESSA...3 2. UBICAZIONE E INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE...5 3.1 Prova penetrometrica statica - CPT...5 3.2 Sondaggi geognostici...6 4. LITOSTRATIGRAFIA...6 5. CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSE:...2 2 INQUADRAMENTO GENERALE:...4 3 METODOLOGIA D INDAGINE:...9 4 RICOSTRUZIONE LITOSTRATIGRAFICA:...10 5 CONCLUSIONI...

SOMMARIO 1 PREMESSE:...2 2 INQUADRAMENTO GENERALE:...4 3 METODOLOGIA D INDAGINE:...9 4 RICOSTRUZIONE LITOSTRATIGRAFICA:...10 5 CONCLUSIONI... 1 SOMMARIO 1 PREMESSE:...2 2 INQUADRAMENTO GENERALE:...4 2.1 Ubicazione:... 4 2.2 Geomorfologia:... 4 2.3 Tettonica e litologia:... 5 2.4 Piezometria ed idrografia:... 5 2.5 Verifica cartografia PAI e

Dettagli

02 - Indagine geologica e idraulica

02 - Indagine geologica e idraulica Rotatoria sulla SR435 Lucchese all intersezione con via Falciano nel Comune di Buggiano Progetto definitivo Relazione geologica ed idraulica 02 - Indagine geologica e idraulica CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni Norma di riferimento: D.g.r. 30 novembre 2011 - n. IX/2616 Aggiornamento dei Criteri

Dettagli

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI)

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) VERIFICHE GEOLOGICHE E IDROGEOLOGICHE A SUPPORTO DELLARICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EX ART. 208 D.LGS. 152/06 SEDE:

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi dell

Dettagli

L opera è finalizzata alla laminazione delle piene del torrente Meduna. Orgnese. Solimbergo. Colle. Ubicazione sbarrament previsto

L opera è finalizzata alla laminazione delle piene del torrente Meduna. Orgnese. Solimbergo. Colle. Ubicazione sbarrament previsto LABORATORIO Livenza 2007 2 Workshop - 29 ottobre 2007 INVASO DI COLLE PER LA LAMINAZIONE DELLE PIENE DEL TORRENTE MEDUNA - COMUNE DI ARBA (PN) Le problematiche geologiche, idrogeologiche e geotecniche

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.)

Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE. Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) REGIONE LOMBARDIA Provincia di Varese COMUNE DI ALBIZZATE Studio del reticolo idrico comunale (D.G.R. del 25-01-02 n 7/7868 e s.m.i.) Dicembre 2011 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO MINORE Studio

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE 1 COMUNE DI VALVERDE Il comune di Valverde si trova in provincia di Pavia e

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

IG INGEGNERIA GEOTECNICA

IG INGEGNERIA GEOTECNICA INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DELLA TORRE DI BARBARESCO (CN) E DEL SOTTOSTANTE COSTONE ROCCIOSO Attività professionali svolte e/o in corso: Progetto esecutivo delle opere di sostegno e di fondazione Località:

Dettagli

Dott. Eraldo Viada Geologo

Dott. Eraldo Viada Geologo Dott. Eraldo Viada Geologo Via Tetto Chiappello, 21D 12017 Robilante (CN) 3404917357 1 Premessa Nella presente relazione sono esposte le risultanze delle indagini geologiche e geotecniche eseguite con

Dettagli

INDICE INDICE DELLE TAVOLE DEL TESTO

INDICE INDICE DELLE TAVOLE DEL TESTO INDICE 1. PREMESSA Pag. 3 2. NOTE ESPLICATIVE ALLA CARTA DELLE MICROZONE OMOGENEE IN PROSPETTIVA SISMICA (LIVELLO1) Pag. 4 3. NOTE ESPLICATIVE ALLA CARTA DELLA FATTIBILITÀ DELLE SCHEDE DELLA VARIANTE Pag.

Dettagli

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7 RELAZIONE INTEGRATIVA PAG 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 NOTE INTEGRATIVE SUL RETICOLO IDRAULICO MINORE...3 2.1 Generalità...3 2.2 Fossi della Piana di San Giovanni...4 2.3 Fosso della Concia e Fosso Carpani...5

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI. 2 7.5.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 il seguente Regolamento: INDICE

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI. 2 7.5.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 il seguente Regolamento: INDICE 2 7.5.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 il seguente Regolamento: SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 aprile 2007, n. 26/R Regolamento

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali INGV - Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

INDICE. 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8

INDICE. 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8 INDICE 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8 2 CARTA DELLA PERICOLOSITÀ IDRAULICA pag. 11 2.1 Analisi qualitativa del rischio. Le casse di espansione e i benefici sulla

Dettagli

Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01

Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01 2007 Tav. O Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01 RELAZIONE GEOLOGICA E ANALISI GEOTECNICA DEL TERRENO Adottato con Del. di C.C. N. 82

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia INDICE 1. PREMESSA pag. 2 2. AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DEI VINCOLI GENERATORI DI RISCHIO pag. 3 2.1 rischio idrogeologico pag. 5 3 CARTA DI SINTESI FINALIZZATA ALL EDIFICABILITA pag. 7 1 1. PREMESSA Per

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

6. Stratigrafia e tettonica

6. Stratigrafia e tettonica Di cosa parleremo Le rocce che costituiscono la crosta terrestre portano scritta al loro interno la storia della regione in cui si trovano. La stratigrafia e la tettonica forniscono le chiavi di lettura

Dettagli

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO"

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO" LAVORI: Intervento n. 36: adeguamento idraulico attraversamenti Rio Galli, copertura ial km 0+000, ponticello

Dettagli

GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO D.Lgs 152/2006; Legge 98/2013 (art.41 e 41 bis)

GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO D.Lgs 152/2006; Legge 98/2013 (art.41 e 41 bis) REGIONE VENETO - PROVINCIA VERONA COMUNE DI MALCESINE PROGETTO: Lavori di adeguamento normativo finalizzati al conseguimento del C.P.I. vie di esodo presso il Castello di Malcesine e realizzazione di una

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

SCHEDA PER IL CENSIMENTO DELLE FRANE

SCHEDA PER IL CENSIMENTO DELLE FRANE SCHEDA PER IL CENSIMENTO DELLE FRANE 1 - DATI GENERALI N di riferimento (1) 001-Sv-d Data di compilazione 12/10/02 Rilevatore Tipo di rilevamento (2) Diretto Coordinate Gauss-Boaga da CTR Latitudine 1478867.53

Dettagli

Relazione geologica ed indagine geotecnica

Relazione geologica ed indagine geotecnica COLLEGAMENTO CICLABILE TRA I COMUNI DI MARACALAGONIS SINNAI E SETTIMO SAN PIETRO PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO Relazione geologica ed indagine geotecnica Indice 1 Premessa... 3 2 Inquadramento geografico...

Dettagli

Variante al PRG parte strutturale

Variante al PRG parte strutturale Settore Governo e Sviluppo del Territorio e dell Economia Settore Servizi Sociali, Culturali e Sportivi alla Persona U.O Urbanistica - U.O Ambiente e protezione civile - U.O Servizi Sportivi e Aree Verdi

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE COMUNALE Comune di Ravenna Compilatore: GEB srl IN SE SR. Piano Emergenza Rischio Idraulico Aggiornato al: 14.09.2009 SCENARI DI EVENTO pag. 2.1 2 SCENARI DI EVENTO Il primo passo nella redazione di un Piano di Emergenza di Protezione Civile si realizza con la creazione degli Scenari di Evento.

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO Allegato B COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE ED ADEGUAMENTO AI SENSI DELLA L.R. 12/05 VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

INDICE. 1 SCOPO DELL INCARICO E GRUPPO DI LAVORO pag. 3. 2 RIFERIMENTO ALLA NORMATIVA pag. 4. 3 ORGANIZZAZIONE GENERALE DELLO STUDIO pag.

INDICE. 1 SCOPO DELL INCARICO E GRUPPO DI LAVORO pag. 3. 2 RIFERIMENTO ALLA NORMATIVA pag. 4. 3 ORGANIZZAZIONE GENERALE DELLO STUDIO pag. INDICE 1 SCOPO DELL INCARICO E GRUPPO DI LAVORO pag. 3 2 RIFERIMENTO ALLA NORMATIVA pag. 4 3 ORGANIZZAZIONE GENERALE DELLO STUDIO pag. 5 4 RILIEVI GEOLOGICI, GEOMORFOLOGICI, IDROGEOLOGICI pag. 6 4.1 Carta

Dettagli

Application: the Giumello Landslide

Application: the Giumello Landslide Application: the Giumello Landslide Extract from a meeting in Lecco about landslides By M. Papini www.engeology.eu LA FRANA DEL GIUMELLO EVENTO ALLUVIONALE Novembre 2002 FINALITA DEL LAVORO Riconoscere

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

COMUNE DI NOVARA VARIANTE GENERALE PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE. ELABORATI GEOLOGICI ai sensi della circolare PRG n.7 LAP del 6 Maggio 1996

COMUNE DI NOVARA VARIANTE GENERALE PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE. ELABORATI GEOLOGICI ai sensi della circolare PRG n.7 LAP del 6 Maggio 1996 COMUNE DI NOVARA VARIANTE GENERALE PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE ELABORATI GEOLOGICI ai sensi della circolare PRG n.7 LAP del 6 Maggio 1996 Elaborato: 19 RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA RELATIVA ALLE

Dettagli

Tav. 2 Planimetria catastale scala 1:2.000. Tav. 3 Carta geolitologica scala 1:10.000

Tav. 2 Planimetria catastale scala 1:2.000. Tav. 3 Carta geolitologica scala 1:10.000 INDICE 1. PREMESSA 3 2. LINEAMENTI GEOMORFOLOGICI, GEOLOGICI E D USO DEL SUOLO 4 2.1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE 4 2.2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO 4 2.3. INQUADRAMENTO IDROGRAFICO 6 2.4. INQUADRAMENTO PEDOLOGICO

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini La distanza di quota tra isoipse è costante e prende il nome di EQUIDISTANZA. Generalmente il valore dell

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI RELAZIONE GEOLOGICA E GEOLOGICO-TECNICA Contenuti: Illustrazione degli

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

REGIONE CALABRIA PROVINCIA DI CROTONE PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE I LIVELLO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PROGETTO PRELIMINARE

REGIONE CALABRIA PROVINCIA DI CROTONE PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE I LIVELLO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PROGETTO PRELIMINARE REGIONE CALABRIA PROVINCIA DI CROTONE COMUNE DI ISOLA DI CAPO RIZZUTO Progetto per la costruzione di un generatore fotovoltaico in località Marina denominato Purena 1 P = 3.000 kwp PROCEDURA DI VALUTAZIONE

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

INDICE INDICE DELLE TAVOLE ALLEGATI. Inquadramento topografico. Tavola 1 Tavola 2. Inquadramento geologico. Tavola 3. Estratti da P.S.

INDICE INDICE DELLE TAVOLE ALLEGATI. Inquadramento topografico. Tavola 1 Tavola 2. Inquadramento geologico. Tavola 3. Estratti da P.S. INDICE 1.PREMESSA... 2 2. UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 2 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO DELL AREA... 3 4. L AREA NEL PIANO STRUTTURALE DI SAN GIULIANO TERME...

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE CARTA GEOMORFOLOGICA

SPECIFICHE TECNICHE CARTA GEOMORFOLOGICA AUTORITÀ DI BACINO REGIONALE SINISTRA SELE Via A. Sabatini, 3 84121 Salerno Tel. 089/236922 - Fax 089/2582774 PORTA ROSA VELIA SPECIFICHE TECNICHE CARTA GEOMORFOLOGICA PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

Dettagli

Bagnasco-Stemma.png 382 500 pixel. http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/4/41/bagnasco-stemma.png. Comune di Bagnasco. Centrale Idroelettrica

Bagnasco-Stemma.png 382 500 pixel. http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/4/41/bagnasco-stemma.png. Comune di Bagnasco. Centrale Idroelettrica Bagnasco-Stemma.png 382 500 pixel http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/4/41/bagnasco-stemma.png 25/10/12 13.40 Pagina 1 di 1 Comune di Bagnasco Istanza di Concessione di Derivazione d acqua Ad Uso

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R.12/2005 DOCUMENTO DI PIANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R.12/2005 DOCUMENTO DI PIANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA Comune di Carimate (CO) PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R.12/2005 DOCUMENTO DI PIANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA ai sensi della D.G.R. n. 8/7374 del 28 maggio 2008 Relazione Area Studi

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale Dati litologici Vengono distinti il substrato e le formazioni superficiali. Per formazioni superficiali si intendono i depositi direttamente collegati con l evoluzione del rilievo attualmente osservabile,

Dettagli

COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE PIANO URBANISTICO COMUNALE PRELIMINARE RELAZIONE GEOLOGICA-GEOMORFOLOGICA- IDROGEOLOGICA

COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE PIANO URBANISTICO COMUNALE PRELIMINARE RELAZIONE GEOLOGICA-GEOMORFOLOGICA- IDROGEOLOGICA STUDIO DI GEOLOGIA DR. GEOL. LIONELLO BELMONTE Via Belgrano, 13-18100 IMPERIA Tel 0183 767551 Cell 335 6843151 Fax 0183 767551 e mail lionello@studiobelmonte.191.it COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE (PROVINCIA

Dettagli

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8

- SCENARI DI RISCHIO - Idrogeologico 1/8 Idrogeologico 1/8 3.2.1 INTRODUZIONE E CONCETTI GENERALI Il rischio idrogeologico è conseguenza di una modificazione geomorfologica e climatica in un tempo più o meno breve e si può definire come dissesto

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE SISTEMAZIONE AREA PER REALIZZAZIONE SCUOLA EDUCAZIONE CINOFILA

COMUNE DI GROTTAMMARE SISTEMAZIONE AREA PER REALIZZAZIONE SCUOLA EDUCAZIONE CINOFILA REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ASCOLI PICENO COMUNE DI GROTTAMMARE COMMITTENTE: COMUNE DI GROTTAMMARE SISTEMAZIONE AREA PER REALIZZAZIONE SCUOLA EDUCAZIONE CINOFILA PROGETTO TAVOLA: SCALA: // ELABORATO TECNICO

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA APPENDICE A Pagina 1 di 29 1 Capoluogo, via degli Imberti Tavola in scala 1:2.000 1 AT1 Area di trasformazione per nuova edificazione ad uso residenziale. calcareniti; suoli di copertura derivati dal disfacimento

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B.

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. ISTRUZIONI TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA L.R. 6 AGOSTO 1997 N. 38 - NORME PER L ESERCIZIO

Dettagli

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma.

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Il 26 marzo 2015, intorno alle ore 12.00, è avvenuto il crollo di una porzione del versante, alto una decina di metri, prospiciente il giardino

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI Provincia di Firenze

COMUNE DI SCANDICCI Provincia di Firenze VIA LA QUERCE, 58/A 50067 RIGNANO SULL ARNO (FI) P.IVA 06003030480 - TEL 3293388892 FAX 0558349364 MICHELECECCHI@DILUVIO.IT COMUNE DI SCANDICCI Provincia di Firenze VARIANTE PEEP BADIA A SETTIMO E SAN

Dettagli

Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano. Scheda 6 Suolo e sottosuolo

Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano. Scheda 6 Suolo e sottosuolo Analisi Ambientale del Distretto Conciario Toscano Scheda 6 Suolo e sottosuolo Indice INQUADRAMENTO GEOLOGICO IDROGEOLOGICO... 146 Siti soggetti ad obbligo di bonifica... 149 145 145 SUOLO E SOTTOSUOLO

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13

D 2 y:\cartella condivisa\seui piano protezione civile\14_seupec_d2_-_rel_tec_idro e idrogeo ed ev_eccez.docm \\save.13 COMUNE DI SEUI PROVINCIA DELL OGLIASTRA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE R EGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE "Disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare

Dettagli