RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI AL BILANCIO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO 2008.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI AL BILANCIO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO 2008."

Transcript

1 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI AL BILANCIO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO Il bilancio consuntivo per l'anno 2008 si chiude con un risultato positivo prima delle imposte per Euro ed un utile di esercizio di Euro ; confermando l andamento positivo del bilancio degli ultimi esercizi. L esercizio 2008 è stato contrassegnato dall applicazione, sebbene in regime transitorio, delle nuove disposizioni della Legge Regionale 28 novembre 2007, n. 27, in materia di determinazione dei canoni di locazione e valorizzazione del patrimonio. Le maggiori risorse resesi disponibili con l incremento del gettito dei canoni, sebbene nei limiti quantitativi delle stesse, hanno consentito di affrontare le esigenze manutentive del patrimonio con un diverso approccio rispetto al passato. Già in fase di stesura del bilancio di previsione, a partire dal 2008 e nel rispetto del dettato normativo, si è avviato un nuovo percorso metodologico mirato ad integrare l attività manutentiva ordinaria di tipo riparativo con un attività manutentiva programmata di tipo preventivo definita in relazione al quadro esigenziale complessivo articolato secondo un ordine di priorità. La programmazione della manutenzione è stata effettuata nel 2008 sulla scorta di informazioni sul patrimonio attinte da una base dati non strutturata ma che verrà supportata in futuro dalle risultanze di un censimento diagnostico manutentivo e da strumenti di analisi multi criterio che costituiscono peraltro uno specifico progetto anch esso avviato nel corso del In prospettiva si attende, in esito alla messa a regime del nuovo dettato normativo prevista per il 2011, un miglioramento della situazione economica che dovrebbe consentire di dare risposte sempre più efficaci alle istanze degli assegnatari migliorando, sotto il profilo manutentivo, la qualità del patrimonio. Positivo in tal senso è risultato essere anche il risparmio fiscale conseguente alle diposizioni di legge inerenti all abolizione dell ICI sulla prima casa che 1 di 20

2 ha consentito, nell esercizio 2008, di integrare il maggior gettito da canoni destinando ai fini manutentivi ulteriori risorse per un ammontare complessivo di circa euro sessantamila. Sul fronte della valorizzazione del patrimonio, nel 2008 si è provveduto all approvazione di un piano di vendita e reimpiego ai sensi dell art. 11 bis della L.R. 20 aprile 1985, n. 31 e alla definizione dei criteri generali per la formazione del piano di valorizzazione ai sensi della L.R. 27/2007 che mira, tramite il reperimento di nuove risorse, alla riqualificazione del patrimonio ed allo sviluppo dello stesso con nuove iniziative. Nella difficoltà di sviluppare attività diversificate per contribuire a migliorare la redditività complessiva dell azienda, stante anche l'attuale quadro normativo che limita l'operatività dell'ente nell'ambito di attività che comportano concorrenzialità con soggetti terzi sul libero mercato, i canoni di locazione rimangono e rimarranno sostanzialmente la principale e pressoché unica entrata che sino ad oggi è risultata criticamente insufficiente per garantire un adeguato programma manutentivo del patrimonio al punto di costringere l azienda, per ragioni di bilancio, a ponderare con estrema oculatezza ogni esigenza manutentiva limitando l operatività sostanzialmente agli interventi più urgenti e indifferibili. A tale proposito è significativo evidenziare che ancora per il 2008 e verosimilmente anche nel futuro, nonostante l incremento del gettito da canoni, le risorse disponibili ai fini della manutenzione, conservazione e riqualificazione del patrimonio non saranno pienamente sufficienti per rispondere in tempi brevi al reale fabbisogno tenuto conto anche del forte impegno finanziario dell azienda sul fronte delle nuove realizzazioni pianificate in ragione del crescente fabbisogno abitativo e della opportunità di attingere a contributi regionali. Nelle pagine che seguono si analizzano in dettaglio le principali componenti dell attività dell Azienda. A tal fine è importante analizzare per macroaree i componenti positivi e negativi di reddito comparando, in particolare, l esercizio 2008 con il trascorso di 20

3 Commentando le principali voci di bilancio, si rileva quanto segue: - un decremento delle spese generali determinato principalmente alla riallocazione di alcune voci di spesa in altre poste del bilancio, secondo quanto prevede lo schema regionale al fine di garantire uniformità di lettura in tutte le Aler della Lombardia. In particolare si rileva un incremento di Euro 9.300,00 per spese di cancelleria; di Euro 3.197,00 dovuto alla partecipazione di seminari e convegni, al fine di garantire ai dipendenti l aggiornamento necessario al mutamento delle varie normative tecniche; di Euro 4.423,00 per spese telefoniche; di Euro ,00 per la riformulazione delle garanzie assicurative, in seguito a nuova gara d appalto, che ha comportato un aumento delle spese per l assicurazione Responsabilità Civile verso terzi aziendale; di Euro 8.269,00 dovuto al rinnovo di alcuni contratti di assistenza ed alla formulazione di nuovi contratti per le attrezzature dell Ufficio Relazioni con il Pubblico; di Euro 4.067,00 per buoni pasto dovuto all aumento dell organico aziendale e infine per Euro ,00 per consulenze dovute alla sostituzione del responsabile Centro Elaborazioni Dati in maternità con il responsabile del medesimo servizio all Aler di Cremona e per altre consulenze riferite all istituzione ed organizzazione del servizio di recupero crediti e alla formazione (e passaggio di consegne) del nuovo responsabile del servizio Contabilità e Finanza. - un incremento delle spese relative all amministrazione degli stabili determinata sostanzialmente dall allocazione in questa sezione di alcune voci di spesa che in precedenza si trovavano nella sezione delle spese generali. In particolare si evidenzia un aumento di spesa per studi tecnici riferiti al servizio S.1. di implementazione e organizzazione dell archivio patrimoniale cartaceo e informatico effettuato dal nuovo Global Service ed un aumento di Euro per le assicurazioni dei fabbricati. A parziale contropartita di questi incrementi si rileva un decremento delle spese per affidamento ad avvocati esterni del recupero crediti, in quanto nel 2008 è stato organizzato un servizio di 3 di 20

4 recupero crediti interno all azienda; un decremento delle spese di amministrazione corrisposte ad amministratori esterni; - la sezione altre gestioni rileva un decremento rispetto al 2007 sostanzialmente in quanto a partire dal luglio 2008 è terminato il contratto di manutenzione per il Parco Tecnologico Padano; - un aumento delle spese di manutenzione stabili, rispetto al 2007, pari a circa Euro 6.000,00 dovuto a all aumento delle spese reversibili che rimangono in carico all Azienda in quanto riferite ad alloggi sfitti ed alle manutenzioni straordinarie capitalizzate su diversi immobili per un importo complessivo di Euro ,00; - le spese per i servizi a rimborso sono aumentate di circa Euro principalmente a causa dei rincari dei prodotti energetici; tali spese trovano però una contropartita nella corrispondente voce di ricavo; - le spese per il personale dipendente sono aumentate di circa Euro ,00 ciò è dovuto sia al nuovo schema di pianta organica che ha comportato avanzamenti di carriera per alcuni dipendenti, sia in relazione alle nuove assunzioni effettuate in corso d anno: una per il servizio URP, una (a tempo determinato) relativa ad un tecnico per l effettuazione della voltura del patrimonio, una per il servizio utenza, nonché un assunzione a termine per sostituzione di personale in maternità relativa al servizio ragioneria; - gli accantonamenti al fondo per rischi su crediti si incrementano di Euro , al netto dell utilizzo di circa per passaggi a perdita, in quanto dalle valutazioni effettuate sui crediti risulta congruo tale importo; - l accantonamento al fondo manutenzioni future è stato effettuato quest anno per la prima volta in attuazione dell art. 5 della L.r. n. 27/07; tale accantonamento è stato fatto in base alle risultanze dei prospetti 4 e 4 bis degli allegati al bilancio; 4 di 20

5 - la sezione relativa agli ammortamenti ha registrato un incremento dovuto principalmente all acquisto di nuove apparecchiature elettroniche per l Ufficio relazioni con il Pubblico, all acquisto della nuova auto in fringe benfit al direttore generale ed agli ammortamenti degli immobili sia in diritto di superficie che in proprietà dovuto all allineamento, nell ambito dell attività di censimento patrimoniale, della consistenza immobiliare risultante in bilancio a quella presente del data base del sistema informativo gestionale; - nella sezione imposte e tasse diverse si rilevano incrementi dovuti all imposta di bollo e di registro sui contratti a seguito del rinnovo di un elevato numero di contratti di locazione in scadenza; - nei ricavi da canoni di locazione si registra un incremento di circa Euro determinato da un incremento di Euro del gettito canoni degli alloggi dovuto all aggiornamento canoni stabilito dalla L.R. n. 27/2007 e di Euro degli affitti di box ed altre unità immobiliari dovuto al censimento reddituale degli utenti; - la gestione finanziaria presenta un saldo negativo di Euro ciò e dovuto principalmente alla forte esposizione dell Azienda verso il capitale di debito per permettere la realizzazione di nuovi interventi costruttivi e di sviluppo patrimoniale; inoltre gli interessi sui mutui hanno registrato nel corso del 2008 una forte spinta verso l alto gravando appunto la gestione finanziaria dell Azienda; - la gestione straordinaria presenta un saldo negativo di Euro ,00 dovuto principalmente a sopravvenienze portate a conto economico per la rettifica di alcune poste di bilancio degli anni scorsi; - le imposte di esercizio ammontano a Euro , composte per Euro ,00 da Ires e per Euro ,00 da Irap, al netto delle imposte anticipate di Euro Con riferimento al D.Lgs. 32/2007 si fa presente che già a partire dal bilancio consuntivo 2007 l azienda elabora una serie di indicatori finanziari e di indicatori di efficienza 5 di 20

6 gestionale/operativa sulla base di specifiche indicazioni fornite dalla Regione in particolare dettate con decreto dirigenziale n del 21/12/2007 in attuazione della d.g.r. VIII/3872 del 20/12/2006. I suddetti indicatori di natura finanziaria costituiscono specifico allegato al presente bilancio d esercizio mentre gli indicatori di efficienza gestionale/operativa vengono di seguito riportati: INDICATORI DI EFFICIENZA GESTIONALE/OPERATIVA COSTO PROGETTAZIONE QUALITA ALLOGGI IN NUOVE COSTRUZIONI O INSERITI IN RISTRUTTURAZIONI DI INTERI STABILI danneggiamenti per vizi di esecuzione danneggiamenti volontari VALUTAZIONE DELLA PROGETTAZIONE IN RELAZIONE AI COSTI INDOTTI SULLA MANUTENZIONE immobili di nuova costruzione stabili interamente ristrutturati TEMPO MEDIO EVASIONE PRATICA Ampliamenti Disdette Ricorsi/Revisioni Subentri Ospitalità temporanea n. 1 n. 2a n. 2b n. 3a n. 3b n. 4a n. 4b n. 4c n. 4d n. 4e RISULTATO RISULTATO ,21 0,78 42,11 0,42 5,26 0,05 0,00 0,00 0,00 0,00 Non rilevato 119,55 Non rilevato 0,00 Non rilevato 37,21 Non rilevato 16,39 Non rilevato 55,83 6 di 20

7 INDICATORI DI EFFICIENZA GESTIONALE/OPERATIVA TEMPO MEDIO DI RIPRISTINO MANUTENTIVO E RIMESSA A NORMA ALLOGGI DISDETTATI TEMPO MEDIO COMPLESSIVO DI RITORNO IN DISPONIBILITA' TEMPO MEDIO DI RIASSEGNAZIONE ALLOGGI EFFICACIA INTERVENTI n. 5a n. 5b n. 5c n. 5d RISULTATO RISULTATO ,17 * 114,00 164,64 * 124, ,00 0 0,00 Non rilevato 0,89 n. 6 COEFFICIENTE MOROSITA Per il 2007, in fase di prima applicazione, alcuni indicatori non sono stati rilevati ed in particolare i dati contrassegnati con l apice * si riferiscono unicamente all ultimo trimestre. Per meglio comprendere la natura e la modalità di rilevazione e calcolo dei suddetti indicatori si rimanda alla lettura del decreto dirigenziale sopra richiamato. CONTO ECONOMICO RICLASSIFICATO A VALORE AGGIUNTO VALORE DELLA PRODUZIONE COSTI OP. ESTERNI VALORE AGGIUNTO COSTO DEL LAVORO MARGINE OPERATIVO LORDO AMMORTAMENTI, SVALUTAZ. ED ACCANTONAMENTI REDDITO OPERATIVO di 20

8 GEST. FINANZIARIA GEST. STRAORD IMPOSTE RESIDUO ECONOMICO INDICATORI DEL PERSONALE: Numero dipendenti al 31/12/ UOMINI DONNE UOMINI DONNE UOMINI DONNE DIRIGENTI QUADRI IMPIEGATI CONTRATTISTI TOT Numero dipendenti per età al 31/12/08 TRA 25 E 29 ANNI TRA 30 E 39 ANNI TRA 40 E 49 ANNI TRA 50 E 59 ANNI UOMINI DONNE UOMINI DONNE UOMINI DONNE UOMINI DONNE DIRIGENTI 1 1 QUADRI 2 IMPIEGATI CONTRATTISTI 1 Numero dipendenti per anzianità al 31/12/2008: FINO A 5 ANNI TRA 6 E 10 ANNI UOMINI DONNE UOMINI DONNE DIRIGENTI 1 1 QUADRI 2 IMPIEGATI di 20

9 CONTRATTISTI 1 Numero dipendenti per titolo di studio: UOMINI assoluto % DONNE LAUREATI DIPLOMATI MEDIA INFER TOT Costo della formazione al personale per categoria: FORMAZIONE MANAGERIALE FORMAZIONE GENERALE/DI BASE FORMAZIONE SPECIFICA ALTRO TOTALE Fra i fatti gestionali più significativi del 2008 si ritiene opportuno evidenziare: sul fronte del sistema qualità: Nel dicembre 2006 è stato conseguito il rinnovo triennale della certificazione del sistema qualità ed in particolare in tale occasione sono stati definiti alcuni macro obbiettivi per il triennio successivo che sono stati declinati in progetti di miglioramento. Nel corso del 2008 sono stati avviati e sviluppati i seguenti progetti: DIREZIONE: adozione nuovo assetto organizzativo interno e istituzione di un servizio legale interno finalizzato al recupero crediti 9 di 20

10 implementazione del controllo di gestione con adozione di indicatori di efficienza avvio della procedura finalizzata all adeguamento del modello organizzativo aziendale di controllo e di gestione alle esigenze espresse dal D.Lgs. 231/2001 valorizzazione del patrimonio redazione del primo BILANCIO di MISSIONE SOCIALE 2007 SERVIZIO UTENZA costituzione ed avviamento dell URP Ufficio Relazioni con il Pubblico SERVIZIO MANUTENTIVO: miglioramento efficienza gestionale dei servizi al fabbricato e della manutenzione estensione dei servizi al fabbricato con nuovi servizi finalizzati al conseguimento di un maggior livello di sicurezza censimento diagnostico manutentivo del patrimonio finalizzato alla programmazione della manutenzione strutturazione di un sistema efficace di controlli del nuovo fornitore di servizi tecnico manutentivi SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LAVORI implementazione controllo di gestione commesse lavori con specifico software Str promozione strategie di sviluppo interventi Erp laboratorio di progettazione permanente CDQ Sant Angelo Lodigiano SERVIZIO CONTABILITA e FINANZA elaborazione del Bilancio di Missione Sociale controllo gestione finanziaria - gestione ordinaria (cash flow gestionale) controllo gestione finanziaria commesse lavori (cash flow cantieri) SERVIZIO CED 10 di 20

11 l azienda ha provveduto nei termine di legge all aggiornamento del Documento Programmatico sulla Sicurezza in materia di Privacy - DPS - ai sensi del D.Lgs. n.196/2003. sul fronte amministrativo recupero morosità Con deliberazione CDA n. 5/LO/08 del , le funzioni aziendali sono state ripartite in servizi e i servizi maggiormente complessi in aree. In particolare l area amministrativa (ridenominata servizio utenza) è stata ripartita in due aree: - area recupero crediti riscossione vendite - area contratti - bandi erp Per effetto del conseguimento di titoli abilitanti alla professione d avvocato, vi è stato un ampliamento delle mansioni amministrative del responsabile che ha riguardato l internalizzazione della gestione delle pratiche legali prima affidata a professionisti esterni, e una conseguente parziale riorganizzazione dei carichi di lavoro in capo alle risorse, nell ambito del settore. Tale scelta ha portato indicativamente ad una economia immediata nell esercizio di circa ,00 stimata in relazione alle spese legali sostenute nell anno 2007 per onorari liquidati ai professionisti esterni. ANALISI DELLA MOROSITA La morosità ( emesso incassato in un dato periodo ) che si genera in capo all Aler viene classificata in: - morosità su utenti ATTIVI (con contratto di locazione in essere e compresi proprietari ex L. 560/93 con pagamento rateizzato) - morosità su utenti CESSATI (con contratto risolto a seguito di disdetta) 11 di 20

12 Morosità su utenti ATTIVI = morosità che si forma a seguito di ogni nuova bollettazione, di recente formazione ( 3/6 mesi ) Morosità su utenti CESSATI = morosità formata da pratiche all incaglio, originata da crediti per canoni e spese impagati a seguito di rilascio spontaneo dell alloggio. Morosità su utenti ATTIVI I legali esterni dal 2002 al 2007 si sono occupati esclusivamente della fase giudiziaria, mentre la fase stragiudiziale relativa al recupero crediti è stata gestita dagli uffici. Nella tabella sottoindicata sono riassunti i dati relativi agli invii delle lettere di sollecito, di messa in mora e degli impegni di pagamento rateali suddivisi per data di estrazione della morosità e sino al Data estrazione morosità N solleciti N messe in mora N rateizzazioni 11/ / / / / / / / / Si riportano altresì di seguito anno per anno a far data dal 2002 e sino al 2007, il numero di posizioni debitorie affidate al legale con i relativi importi: 12 di 20

13 Novembre 2002 affidate a legale esterno - nr. 120 pratiche per ,00 Novembre 2003 affidate a legale esterno - nr. 37 pratiche per ,00 Novembre 2004 affidate a legale esterno nr. 9 pratiche per ,00 Dicembre 2005 affidate a legale esterno nr. 31 pratiche per ,00 Settembre 2006 affidate a legale esterno nr. 19 pratiche per ,00 Novembre 2007 affidate a legale esterno nr. 9 pratiche per ,00 Nell anno 2008, a seguito della deliberazione CDA n. 5/LO/08 del , l ufficio interno ha trattato dal (decorrenza inizio attività legale interna) sino a fine anno n. 30 situazioni debitorie per un totale conferimenti di ,00. La percentuale di recupero è stata pari a circa il 25%. Al si rileva una morosità totale su utenti attivi (conduttori) di ,55 di cui n. 84 posizioni al legale per ,63 e una morosità totale su proprietari (rate mutuo impagate ) di ,16, di cui n.1 posizione al legale per ,62 Morosità su utenti CESSATI La morosità su utenti CESSATI = morosità formata da pratiche all incaglio, originata da crediti per canoni e spese impagati a seguito di rilascio spontaneo dell alloggio, viene di seguito rappresentata attraverso l analisi della sua stratificazione per numero posizioni e importo anno per anno a far data dal 1997 : ANNO > 1500 IMPORTO morosità , ,67 13 di 20

14 , , , , , , , , , ,93 TOTALE ,38 I dati si riferiscono a tutte le posizioni contabili con fine locazione nel corso di ogni anno con incassi al Se un lato si evince un costante monitoraggio e trattamento della morosità su utenti attivi che dall anno 2002 è divenuta di anno in anno maggiormente efficace, ma che necessita stante i numeri crescenti delle posizioni debitorie (che si attestano tra il 2008 e 2009 sulle 140 nuove posizioni da conferire al legale) di un adeguamento e regolamentazione della struttura interna, dall altro si rileva sul fronte degli utenti cessati una criticità di gestione da attribuirsi alla natura pubblica dell Ente ed alla natura dei corrispondenti crediti. E di tutta evidenza l attenzione posta dall azienda sul perseguimento di morosità con maggior grado di recuperabilità in capo a utenti attivi. Stante le considerazioni esposte e le percentuali di recupero dei crediti ad un anno dall avvio della nuova attività, sussistono i presupposti per l allineamento dell Ente alle direttive regionali, in forza delle quali il contenimento della nuova morosità e il recupero della 14 di 20

15 morosità consolidata sono collocati tra gli obiettivi regionali cardinali in relazione dell ingresso delle Aler nel Sistema Regione per effetto della L.R. 30/2006. Mobilità nell ambito del contratto di quartiere in Sant Angelo Lodigiano: nel corso del 2008 è stato completato il secondo lotto ed avviato il terzo lotto di mobilità degli utenti residenti negli alloggi interessati dai lavori di riqualificazione del Contratto di Quartiere nel comune di Sant Angelo Lodigiano, che hanno comportato rispettivamente il rientro/assegnazione in alloggi ristrutturati di complessivi n. 16 nuclei familiari e lo spostamento in via provvisoria in alloggi parcheggio di ulteriori n. 30 nuclei; approvazione del regolamento per l erogazione del contributo di solidarietà di cui alla L.R. 27/2007: a maggio 2008 è stato approvato lo schema del regolamento per l erogazione del contributo di solidarietà di cui all art. 7 della L.R. 27/2007 e lo stesso è stato trasmesso per la conseguente approvazione e/o eventuali osservazioni a tutti i 47 comuni della provincia con presenza di alloggi di proprietà dell azienda; soltanto 22 amministrazioni comunali hanno provveduto all approvazione del regolamento entro il 2008 e pressoché tutte a ridosso dell ultimo trimestre e ciò non ha consentito i necessari tempi di istruttoria delle pratiche per le rispettive commissioni e la conseguente erogazione di contributi. sul fronte degli interventi: manutenzione: - sono stati conclusi i lavori di adeguamento degli impianti elettrici ed affini relativi al 3 e ultimo lotto, che chiude complessivamente il programma di messa a norma degli impianti elettrici di tutto il patrimonio; 15 di 20

16 - nel corso del 2008 è entrato a pieno regime il nuovo appalto per la fornitura di servizi, l esecuzione di lavori e forniture con posa in opera, inerenti alla gestione tecnico manutentiva del patrimonio immobiliare di proprietà ed in gestione dell A.L.E.R. di Lodi aggiudicato nel 2007; in particolare per quanto concerne la manutenzione riparativa e programmata del patrimonio, con il nuovo appalto sono entrate a regime alcune modalità innovative di gestione che hanno consentito un significativo miglioramento dei tempi di intervento nonché un miglioramento dello standard qualitativo dei lavori attraverso strumenti di governo del contratto e articolate modalità di controllo. A titolo indicativo si rileva che nel corso dell esercizio sono stati effettuati circa 1350 interventi di manutenzione su richiesta e circa 700 interventi di manutenzione programmata. Per una classificazione di dettaglio degli interventi e conforme alle indicazioni fornite dalla Regione (d.g.r. 8/9203 del 30/03/2009) si rimanda agli specifici prospetti del programma di manutenzione. In particolare nell appalto sono stati inseriti alcuni servizi manutentivi di competenza diretta dell utenza, quali il servizio di manutenzione annuale degli impianti termici autonomi, la pulizia periodica di canne fumarie singole, lo sgombero neve e lo spargimento sale, attivabili facoltativamente da ogni singolo assegnatario, con l obiettivo di offrire agli utenti l opportunità di avvalersi dell Aler quale struttura di controllo, di un risparmio rispetto ai prezzi di mercato, in ragione dell economia di scala generata dall appalto complessivo, e di conseguire, in tal senso, una maggiore garanzia in termini di sicurezza; nuove costruzioni: - nel 2008, concluse le fasi di affidamento si è proceduto ad avviare e a concludere i lavori dei seguenti interventi programmati nell ambito del PREP 2002/04: 16 di 20

17 Interventi Stato costruzione nel Comune di Ospedaletto Lodigiano di n. 16 alloggi a canone sociale e 8 alloggi a canone moderato rep. 0028; CONCLUSI I LAVORI ed ASSEGNATI GLI ALLOGGI costruzione nel Comune Lodi di n. 16 alloggi a canone sociale e un unità destinata a servizi pubblici rep. 0033; CONCLUSI I LAVORI costruzione nel Comune di Sant Angelo lodigiano di una palazzina di n. 18 alloggi di edilizia residenziale sociale e di n. 2 uffici ad uso pubblico - rep. 0034; intervento di manutenzione straordinaria di n. 86 alloggi nel Comune di Sant Angelo lodigiano rep 0035; riqualificazione delle aree esterne pertinenziali agli edifici e di uso pubblico nel Comune di Sant Angelo lodigiano rep 0036; CONCLUSI I LAVORI CONCLUSI I LAVORI E ASSEGNATI GLI ALLOGGI DEL PRIMO E SECONDO LOTTO REP. 0035/C, 0035/d, AVVIATI I LAVORI DEL TERZO LOTTO 0035/a APPROVATA LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA costruzione nel Comune Codogno di n. 26 alloggi di ers e n. 3 uffici rep. 0037; CONCLUSI I LAVORI ed ASSEGNATI GLI ALLOGGI recupero dell ex caserma dei carabinieri di Codogno (immobile acquisito dalla Provincia di Lodi) per la realizzazione di quattro case a schiera e sei alloggi di APPROVATA LA PROGETTAZIONE edilizia convenzionata in vendita rep 0038; DEFINITIVA riqualificazione delle aree esterne contigue di Via Tondini in Comune di Codogno rep 0039; APPROVATA LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - sempre nel 2008, in risposta ai bandi regionali attuativi del PRERP 2007/09 si è provveduto alla progettazione dei seguenti nuovi interventi: Interventi In ntervento di nuova costruzione per la realizzazione di n. 32 alloggi di edilizia residenziale a canone sociale nel PEEP MOLAZZE nel Comune di Casalpusterlengo (LO) Lotti n. 6 e 11 - rep Intervento di nuova costruzione per la realizzazione di n. 10 alloggi a canone sociale in via Leopardi nel comune di Lodivecchio (LO)- rep Stato C CONCLUSA LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E AVVIATA LA PROCEDURA DI AFFIDAMENTO DEI LAVORI APPROVATA LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA Intervento per la realizzazione di n. 14 alloggi di edilizia residenziale a canone sociale nel piano di recupero di Via Vigoni/Via Battisti nel comune di Somaglia (LO) rep APPROVATA LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA 17 di 20

18 Intervento per la realizzazione di n. 24 alloggi di edilizia residenziale a canone sociale su di un area del Comparto Secondina, in Via Amendola nel comune di Lodi rep. 0052/a Intervento per la realizzazione di n. 42 alloggi di edilizia convenzionata in vendita su di un area del Comparto Secondina, in Via Amendola nel comune di Lodi rep. 0052/b APPROVATA LA PROGETTAZIONE PRELIMINARE APPROVATA LA PROGETTAZIONE PRELIMINARE sul fronte dei servizi servizi al patrimonio e all utenza con il nuovo appalto per la fornitura di servizi, l esecuzione di lavori e forniture con posa in opera inerenti alla gestione tecnico manutentiva del patrimonio immobiliare di proprietà ed in gestione dell A.L.E.R. di Lodi, sono state rivedute rispetto al passato le modalità di gestione dei servizi in relazione all obbiettivo di migliorare efficienza ed efficacia degli stessi nonché la trasparenza rendicontativa nei confronti degli utenti per i servizi posti a loro carico; servizi per le amministrazioni locali: - nel corso del 2008 l azienda si è convenzionata per la gestione amministrativa e tecnico manutentiva del patrimonio ERP comunale con i Comuni di Tavazzano e Castiglione d Adda; altri servizi: - sul fronte della diversificazione delle attività, nell esercizio 2008 si è provveduto a dare ulteriore sviluppo al progetto per l attività di amministrazione condominiale. Per tale attività, l azienda ha costituito nel 2006 un nuovo servizio specificatamente dedicato, che alla data del 31 dicembre 2008 ha conseguito l acquisizione di n. 21 gestioni condominiali esterne pari al 28% sul totale di quelle costituite. Con riferimento al nuovo quadro normativo dell'erp delineato dalle recenti modifiche al regolamento regionale per gli accessi e con la L.R. n. 27/2007, il Consiglio di Amministrazione è 18 di 20

19 chiamato a proseguire nell obbiettivo di accompagnare l'azienda verso la piena attuazione dei nuovi indirizzi regionali con tutti gli atti e tutti gli sforzi possibili tesi ad assicurare una gestione sempre più efficiente ed efficace perseguendo altresì una politica di miglioramento continuo. L obbiettivo dovrà essere raggiunto assicurando l equilibrio dei costi e dei ricavi. Il Consiglio dovrà anche intraprendere, come per altro già avviato nel corso del 2008, tutte le iniziative possibili atte ad aprire sbocchi e creare opportunità diverse di crescita per l'azienda. Con riferimento alla L.R. 30/2007 che inserisce a pieno titolo le Aler nel sistema regionale, l azione di questo Consiglio dovrà inoltre essere orientata a tradurre sempre di più gli indirizzi regionali nei propri obiettivi alla ricerca di una sempre maggior sinergia con tutte le istituzioni e gli enti del sistema regionale nonché con le istituzioni e gli enti del territorio. A tal proposito si da atto che già nella definizione degli obbiettivi aziendali strategici per il 2009 il Consiglio ha ritenuto di recepire gli indirizzi regionali per le Aler benché fossero allora noti in via ufficiosa e solo successivamente siano stati resi oggetto di uno specifico provvedimento con la d.g.r. VIII/8705 ad oggetto Determinazioni per i soggetti del sistema regionale di cui all articolo 1. allegato A L.R. 30/2006. Questo Consiglio è inoltre chiamato ad intervenire per dare seguito all'iniziativa intrapresa e promossa dalla struttura di ampliare il patrimonio gestito con l'inclusione del patrimonio immobiliare ERP degli enti locali, con l'indubbio vantaggio per l'azienda di ripartire su di un numero più ampio i costi fissi di gestione che risultano oggi sostanzialmente incomprimibili, sensibilizzando gli amministratori locali sulle ragioni di opportunità connesse alla proposta e sui vantaggi che la stessa riveste in termine di interesse pubblico. Particolare attenzione dovrà poi essere dedicata all evoluzione del quadro normativo che si va prospettando sia a livello regionale sia a livello centrale in ordine all emergenza abitativa. 19 di 20

20 In considerazione del fatto che l Azienda ha già stanziato ogni accantonamento previsto, l utile dell esercizio verrà destinato interamente a copertura delle perdite pregresse. Lodi, giugno 2009 IL PRESIDENTE Dott. Carlo Facca 20 di 20

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO ANNO 2015

RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO ANNO 2015 RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO ANNO 2015 ANDAMENTO DELLA GESTIONE Attività costruttiva e gestione del patrimonio immobiliare. Nel corso dell esercizio sono continuati i lavori relativi alla costruzione

Dettagli

Collegio IPASVI di Varese

Collegio IPASVI di Varese Collegio IPASVI di Varese Via Pasubio n. 26 21100 Varese Approvati rispettivamente dal Consiglio Direttivo il giorno 18 febbraio 2013 con atto deliberativo n 39 Assemblea ordinaria il giorno 15/03/2013

Dettagli

PIANO DEGLI INDICATORI DI AREA

PIANO DEGLI INDICATORI DI AREA Allegato alla Delib.G.R. n. 6/10 del 14.2.2014 PIANO DEGLI INDICATORI DI Quadro normativo: Delib.G.R. n. 34/15 del 2011 PREMESSA Punto di partenza per l elaborazione del sistema di indicatori sono la mission

Dettagli

PIANO DEI CONTI Conto economico 2014 Situazione al 31/12/2014 Situazione al 31/12/2013 4 RICAVI DI ESERCIZIO 4.414.285

PIANO DEI CONTI Conto economico 2014 Situazione al 31/12/2014 Situazione al 31/12/2013 4 RICAVI DI ESERCIZIO 4.414.285 A.R.T.E. Imperia Prospetto Conto Economico 2014 4 RICAVI DI ESERCIZIO 4.414.285 5.233.762 41 A) Valore della produzione 4.236.580 3.522.864 41.1 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni 2.866.596 2.669.004

Dettagli

Relazione sulla gestione

Relazione sulla gestione PIANORO CENTRO SPA SOCIETA' DI TRASFORMAZIONE URBANA Sede legale: PIAZZA DEI MARTIRI 1 PIANORO (BO) Iscritta al Registro Imprese di BOLOGNA C.F. e numero iscrizione: 02459911208 Iscritta al R.E.A. di BOLOGNA

Dettagli

AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA

AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA Reg. Gen n. 171 del 22 aprile 2015 AREA DEI SERVIZI ALLA PERSONA OGGETTO: EROGAZIONE CONTRIBUTO RELATIVO AL FONDO REGIONALE FINALIZZATO ALLA INTEGRAZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE AI NUCLEI FAMILIARI IN

Dettagli

COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO

COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO ABITATIVO NON COMPRESI NELL E.R.P. Il giorno. del mese di dell anno 2013 TRA Il

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-AMMINISTRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2015

RELAZIONE TECNICO-AMMINISTRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2015 RELAZIONE TECNICO-AMMINISTRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2015 Il Bilancio di Previsione dell esercizio 2015 (All.A), è stato redatto in conformità alle norme contenute nel regolamento di cui al D.M.

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 Nel bilancio di previsione 2013, il precedente direttivo aveva previsto un

Dettagli

Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Campania Il Revisore Unico

Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Campania Il Revisore Unico Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Campania Il Revisore Unico VERBALE N. 11 L anno 2011, il giorno ventiquattro del mese di novembre alle ore 10,00, presso la sede dell Ordine Professionale

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. Cernusco sul Naviglio

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. Cernusco sul Naviglio Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 74 Cernusco sul Naviglio Cernusco sul Naviglio Cernusco sul Naviglio 75 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della

Dettagli

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano Adelante Dolmen società cooperativa sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo delle

Dettagli

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP Documento preliminare 1. Inquadramento normativo La materia dell edilizia residenziale pubblica comprende il complesso delle attività delle

Dettagli

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo

Dettagli

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila. Piano delle Performance 2014 (preventivo)

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila. Piano delle Performance 2014 (preventivo) Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale della Provincia dell Aquila Piano delle Performance 2014 (preventivo) In caso l Amministrazione o la Direzione Generale assegni obiettivi in corso d anno

Dettagli

ORDINE DEI GIORNALISTI Consiglio Regionale delle Marche Via G. Leopardi, 2-60122 Ancona - tel 071/57237 fax 071/2083065

ORDINE DEI GIORNALISTI Consiglio Regionale delle Marche Via G. Leopardi, 2-60122 Ancona - tel 071/57237 fax 071/2083065 ORDINE DEI GIORNALISTI Consiglio Regionale delle Marche Via G. Leopardi, 2-60122 Ancona - tel 071/57237 fax 071/2083065 Bilancio consuntivo chiuso il 31/12/2014 A) STATO PATRIMONIALE ATTIVITA' 2014 2013

Dettagli

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA SOMMARIO Premesse:... 2 I fattori di contesto... 2 Gli immobili facenti parte del patrimonio

Dettagli

Enti e Aziende del SSN

Enti e Aziende del SSN Allegato A Enti e Aziende del SSN PERCORSI ATTUATIVI DELLA CERTIFICABILITA Ministero della Salute Ministero dell Economia e delle Finanze 48 1. Premessa Ai sensi di quanto disposto dall articolo 2 del

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI BOLOGNA RENDICONTO GENERALE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31/12/2008 - Rendiconto Finanziario al 31/12/2008 - Conto Economico Consuntivo al 31/12/2008

Dettagli

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Area Pianificazione urbana, Tutela ambientale e Casa Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Servizio Housing sociale e Piani di Zona Servizio Patrimonio ed Inventari Servizio Casa

Dettagli

Proposta di titolario di ente pubblico economico per l edilizia residenziale integrato con piano di conservazione

Proposta di titolario di ente pubblico economico per l edilizia residenziale integrato con piano di conservazione Proposta di titolario di ente pubblico economico per l edilizia residenziale integrato con piano di conservazione Titolo I. Amministrazione generale, organi di governo e gestione Il titolo riguarda i documenti

Dettagli

ARTE - LA SPEZIA TABELLA TERMINI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. Provvedimento di autorizzazione. Provvedimento di autorizzazione

ARTE - LA SPEZIA TABELLA TERMINI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI. Provvedimento di autorizzazione. Provvedimento di autorizzazione ARTE LA SPEZIA TABELLA TERMINI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICO BILANCIO CONTABILITA' ECONOMATO NORMA INIZIO PROC. ISTRUTTORIA ATTO FINALE tempi TERMINE O Budget L.R. 10/2008 Apertura conti Piano triennale

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO ALMALAUREA Relazione contabile al Rendiconto Finanziario Conto Consuntivo 2014

CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO ALMALAUREA Relazione contabile al Rendiconto Finanziario Conto Consuntivo 2014 CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO ALMALAUREA Relazione contabile al Rendiconto Finanziario Conto Consuntivo 2014 I saldi per titoli del Conto Consuntivo 2014, risultano essere i seguenti. ENTRATE Descrizione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

RELAZIONE CONTO CONSUNTIVO 2013

RELAZIONE CONTO CONSUNTIVO 2013 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, UNIVERSITA E RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA ARISTIDE LEONORI 74 Via Aristide Leonori,74-00142 Roma C.M. RMIC8FF00E - C.F.

Dettagli

SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013

SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013 SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013 238 SOCIETA, ENTI ED ORGANISMI PARTECIPATI OBIETTIVI GESTIONALI 2013 (art. 147-quater del D.Lgs. n. 267/2000 e artt. 19-20-21 del regolamento

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi BILANCIO DI PREVISIONE 2016 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Antonio Catricalà

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

allegati A) e B) dall allegato C)

allegati A) e B) dall allegato C) AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA RELAZIONE DEL COMMISSARIO AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Il Bilancio di Previsione per l anno 2015 (di seguito

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLA GESTIONE DELL'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 Il rendiconto

Dettagli

Gestione del contratto di locazione immobili

Gestione del contratto di locazione immobili DATA EMISSIONE 04/10/2006 1^ REVISIONE 18/04/2007 2^ REVISIONE 09/06/2008 3^ REVISIONE APPROVAZIONE Responsabile Servizio Rapporti Utenza AUTORIZZAZIONE Direttore Generale Visto Responsabile Operativo

Dettagli

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio Relatore Daniele Marchesini Marchesini dott. Daniele 1 Introduzione IL RENDICONTO CONDOMINIALE DOPO LA RIFORMA ESEMPI DI RENDICONTO E DI

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MODENA BILANCIO PREVENTIVO DELL ANNO 2016

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MODENA BILANCIO PREVENTIVO DELL ANNO 2016 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MODENA BILANCIO PREVENTIVO DELL ANNO 2016 1. Preventivo finanziario gestionale; 2. Quadro generale riassuntivo della gestione finanziaria;

Dettagli

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2010 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2009

ORDINE ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale del Lazio Roma, 31 marzo 2010 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2009 Roma, 31 marzo 2010 NOTA INTEGRATIVA E RELAZIONE SULLA GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2009 PREMESSA Il Rendiconto Generale che viene presentato al Consiglio Regionale dell Ordine degli Assistenti Sociali

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI - descrizione oggetto della proposta e contesto di riferimento Ottimizzazione economica degli interventi edilizi necessari alla realizzazione dei piani

Dettagli

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013

Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2013 ESATTO S.P.A. Sede legale in Piazza unità d'italia 4, cap 34121 Trieste Capitale Sociale euro 1.800.000,00 i.v. Iscritta al Registro delle Imprese di Trieste 01051150322 Codice Fiscale 01051150322 Relazione

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO 2015 2 INDICE Conto economico preventivo annuale Proiezione triennale del Conto economico preventivo

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento 1. Premessa e scopo Il Comparto Plus del Fondo Investimenti per la Valorizzazione (FIV Plus

Dettagli

NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2008. Valori espressi in unità di Euro

NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2008. Valori espressi in unità di Euro NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 28 Valori espressi in unità di Euro Premesse Ai sensi degli artt. 1 e 4 dello Statuto l Istituto Italiano della Donazione ( di seguito denominato Istituto

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA BILANCIO CONSUNTIVO ANNO 2010

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA BILANCIO CONSUNTIVO ANNO 2010 BILANCIO CONSUNTIVO ANNO 2010 Sede Legale Via Vincenzo Giuffrida, 202 - Catania CT cod.fiscale 80000750879 p.iva 04808830873 2010 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE:

COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE: COMUNICATO STAMPA ASCOPIAVE: Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati dei primi nove mesi del 2010. Utile e margini operativi in forte crescita. Ricavi Consolidati: Euro 620,9 milioni (+11,3%

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

RELAZIONE DEL TESORIERE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE PER L ANNO 2014

RELAZIONE DEL TESORIERE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE PER L ANNO 2014 RELAZIONE DEL TESORIERE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE PER L ANNO 2014 Il presente bilancio è stato redatto in linea con le indicazioni deliberate dal Consiglio e tiene conto delle disposizioni

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 6 febbraio 2014. Sisma regione Abruzzo - Ricostruzione degli immobili privati - Assegnazione delle somme stanziate dal decretolegge n.

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 ..... Bilancio e contabilità... Armonizzazione contabile degli enti territoriali Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 di Stefano Ranucci

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA

PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA COMUNE DI DOLO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA Approvato con delibera C.C. n. 77 del 22.11.2012 Modificato con

Dettagli

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente:

L ordine del giorno, pubblicato nei termini e modi di legge, in data 6 luglio 2015, è il seguente: SINTESI SOCIETA DI INVESTIMENTI E PARTECIPAZIONI S.p.A. Sede in Milano, Via Carlo Porta n. 1 Capitale sociale sottoscritto e versato Euro 721.060,67 Registro delle Imprese di Milano n. 00849720156 Sito

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L utile di periodo evidenzia un sostanziale pareggio, al netto dell accantonamento per 87,5 /milioni a Fondo Rischi Finanziari Generali, destinato alla copertura del

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA'

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 17.12.2001 1 CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA X LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro del Tesoro (AMATO) N. 1443/21 ANNESSO 13 di concerto col Ministro del Bilancio e della Programmazione Economica (FANFANI)

Dettagli

N.202 - VERBALE DI SEDUTA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE TENUTASI IL GIORNO 15/02/2011 N. 202 IN ORDINE PROGRESSIVO DAL SUO INSEDIAMENTO.

N.202 - VERBALE DI SEDUTA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE TENUTASI IL GIORNO 15/02/2011 N. 202 IN ORDINE PROGRESSIVO DAL SUO INSEDIAMENTO. N.202 - VERBALE DI SEDUTA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE TENUTASI IL GIORNO 15/02/2011 N. 202 IN ORDINE PROGRESSIVO DAL SUO INSEDIAMENTO. Cagliari,15/02/2011. Convocato mediante lettera del 11/02/2011

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

Rendiconto O.U.A. 2013. Il rendiconto OUA 2013 presenta un risultato di sostanziale pareggio, sia in termini economici che

Rendiconto O.U.A. 2013. Il rendiconto OUA 2013 presenta un risultato di sostanziale pareggio, sia in termini economici che Rendiconto O.U.A. 2013 Premessa Il rendiconto OUA 2013 presenta un risultato di sostanziale pareggio, sia in termini economici che finanziari. È opportuno precisare che tale risultato, dipeso anche dall

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Crema

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Crema Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Crema Circoscrizione del Tribunale di Crema BILANCIO DI PREVISIONE 2012 Assemblea generale degli Iscritti 25nov11 Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

g. Oneri ed impegni finanziari stimati e stanziati in bilancio, derivanti da contratti relativi a strumenti finanziari derivati.

g. Oneri ed impegni finanziari stimati e stanziati in bilancio, derivanti da contratti relativi a strumenti finanziari derivati. COMUNE DI CHIARAVALLE (Provincia di Ancona) Allegato 26 al bilancio di previsione pluriennale 2015-2017 Nota integrativa allegata al progetto di bilancio di previsione pluriennale 2015-2017 approvato dalla

Dettagli

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico:

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico: AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede in Milano, Bastioni di Porta Nuova n. 21, capitale sociale Euro 5.500.000,00 sottoscritto e versato, R.E.A. Milano n. 239479, Numero Registro delle Imprese di Milano

Dettagli

Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario

Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario Linee Guida per la redazione del Piano economico-finanziario LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Con la presente nota l Amministrazione Comunale fornisce alcune linee guida per

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA'

REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA' Centro Residenziale per Anziani Umberto Primo (CRAUP) di Piove di Sacco REGOLAMENTO INTERNO DI CONTABILITA' in esecuzione all'articolo 8, comma 2, Legge Regionale 23 novembre 2012, n. 43 (approvato con

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

Il Comune di Rosignano Marittimo

Il Comune di Rosignano Marittimo OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

Preventivo Economico Finanziario anno 2015

Preventivo Economico Finanziario anno 2015 Preventivo Economico Finanziario anno 2015 1 Risultato della gestione patrimoniale individuale 720.000 2 Dividendi e proventi assimilati: 250.000 a) da società strumentali b) da altre immobilizzazioni

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Pianificazione e Controllo Fondi Immobiliari

Pianificazione e Controllo Fondi Immobiliari STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Sergio Beretta Pianificazione e Controllo Fondi Immobiliari Attività di pianificazione e controllo di un fondo immobiliare L attività di Pianificazione

Dettagli

ORDINE FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA

ORDINE FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA ORDINE FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - ENTRATE 2015 PREVENTIVO FINANZIARIO GESTIONALE - ENTRATE Prev. Iniz. Variaz. prev. Prev. finale Preventivo 2015 Quote Iscritti

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA RELAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO AL 31/12/2014 Per l esame del conto finanziario è opportuno precisare, al fine di agevolare la lettura e l interpretazione

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

VIII ROBERTO FORMIGONI LUCA DANIEL FERRAZZI

VIII ROBERTO FORMIGONI LUCA DANIEL FERRAZZI VIII ROBERTO FORMIGONI GIOVANNI ROSSONI Vice Presidente DAVIDE BONI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI MASSIMO BUSCEMI RAFFAELE CATTANEO ROMANO COLOZZI LUCA DANIEL FERRAZZI ROMANO LA RUSSA STEFANO MAULLU

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

PREVENTIVO ECONOMICO PREVENTIVO ECONOMICO ANNO 2013

PREVENTIVO ECONOMICO PREVENTIVO ECONOMICO ANNO 2013 ORDINE DEGLI ARCHITETTI,PIANIFICATORI,PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TERAMO CORSO DE MICHETTI 35 64100 TERAMO C.F. 92000630670 PROVENTI PREVENTIVO ECONOMICO ANNO 2013 Descrizione Previsioni

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA al Bilancio chiuso al 31/12/2013

NOTA INTEGRATIVA al Bilancio chiuso al 31/12/2013 CITTADINANZATTIVA Onlus Via Cereate, 6-00183 - Roma C.F.: 80436250585 P.I. : 02142701008 NOTA INTEGRATIVA al Bilancio chiuso al 31/12/2013 L Associazione Cittadinanzattiva Onlus predispone un bilancio

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADEGUAMENTO AI PRINCIPI GENERALI DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLA SPESA DELL AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO

REGOLAMENTO PER L ADEGUAMENTO AI PRINCIPI GENERALI DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLA SPESA DELL AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO REGOLAMENTO PER L ADEGUAMENTO AI PRINCIPI GENERALI DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLA SPESA DELL AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO FERMO Adottato con Delibera del Consiglio Direttivo del 18/12/2013

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Allegato 10

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Allegato 10 RELAZIONE TECNICA DI ACCOMPAGNAMENTO ALL ASSESTAMENTO DEL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 E PLURIENNALE PER GLI ESERCIZI FINANZIARI 2012-2014. Con l Assestamento del Bilancio

Dettagli

Relazione del Consigliere Tesoriere. all Assemblea degli iscritti del giorno 11 maggio 2016 ***

Relazione del Consigliere Tesoriere. all Assemblea degli iscritti del giorno 11 maggio 2016 *** C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A Relazione del Consigliere Tesoriere all Assemblea degli iscritti del giorno 11 maggio 2016 *** Colleghe e Colleghi, Il

Dettagli

Pag. 1/6. Esercizio 2013. 11 dicembre 2013

Pag. 1/6. Esercizio 2013. 11 dicembre 2013 Pag. 1/6. DELIBERA N. 81 82 - Impianto organizzativo di ER.GO: stato di attuazione per l anno 2014 Il PRESIDENTE sottopone all'attenzione del Consiglio la seguente proposta di deliberazione IL CONSIGLIO

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA. TOSCANA SERVIZI S.c.p.a. PER L'ANNO 2004 *** I dati relativi alla gestione di Toscana Servizi Scpa per l anno 2004

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA. TOSCANA SERVIZI S.c.p.a. PER L'ANNO 2004 *** I dati relativi alla gestione di Toscana Servizi Scpa per l anno 2004 RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA TOSCANA SERVIZI S.c.p.a. PER L'ANNO 2004 *** Signori soci I dati relativi alla gestione di Toscana Servizi Scpa per l anno 2004 segnano il consolidamento del fatturato e

Dettagli

I piani aziendali prevedono, per il primo semestre dell'esercizio 2007, di cedere il 75% del lotto di terreno ad uso civile.

I piani aziendali prevedono, per il primo semestre dell'esercizio 2007, di cedere il 75% del lotto di terreno ad uso civile. NOTA DI RICLASSIFICAZIONE Come si evince dai prospetti di bilancio, l'azienda è proprietaria di un appezzamento di terreno: per il 50% è adibito ad uso industriale, mentre la restante parte ha destinazione

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO

COMUNE DI SASSARI. Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO COMUNE DI SASSARI Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DELLA PERDITA E DELLA MANCANZA DI REQUISITI PER LA CONDUZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R.P.) DI PROPRIETA

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA

ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA BILANCIO DI ESERCIZIO 2011 Indice: Analisi economica Analisi patrimoniale finanziaria Conto economico riclassificato a valore aggiunto (tabella 1) Stato Patrimoniale riclassificato

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

RELAZIONE SUL BILANCIO ANNO SOCIALE 1/9/2013-31/8/2014. Stato Patrimoniale

RELAZIONE SUL BILANCIO ANNO SOCIALE 1/9/2013-31/8/2014. Stato Patrimoniale RELAZIONE SUL BILANCIO ANNO SOCIALE 1/9/2013-31/8/2014 L'anno sociale 2013-14 è il terzo dell'attività di Centro Coscienza dopo la fusione del Centro di Cultura Spirituale e di Coscienza - Unione per lo

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI, CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI RAVENNA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI, CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI RAVENNA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI, CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI RAVENNA BILANCIO PREVENTIVO E RELAZIONI ESERCIZIO 2013 - BILANCIO PREVENTIVO - RELAZIONE ILLUSTRATIVA - RELAZIONE DEL

Dettagli

8. ORGANIZZAZIONE, PERSONALE E GESTIONE FINANZIARIA

8. ORGANIZZAZIONE, PERSONALE E GESTIONE FINANZIARIA 8. ORGANIZZAZIONE, PERSONALE E GESTIONE FINANZIARIA FUNZIONAMENTO E ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI 213 Le norme che disciplinano l organizzazione interna sono state adottate in base all autonomia che la legge

Dettagli