RUVO DI PUGLIA Comune Capofila AMBITO TERRITORIALE N. 3 AUSL BA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RUVO DI PUGLIA Comune Capofila AMBITO TERRITORIALE N. 3 AUSL BA"

Transcript

1 Comuni CORATO TERLIZZI RUVO DI PUGLIA Comune Capofila AMBITO TERRITORIALE N. 3 AUSL BA CAPITOLATO SPECIALE Servizio comunitario a ciclo diurno/notturno - dipendenze patologiche denominato OPEN PARTE PRIMA: ASPETTI PROCEDURALI ARTICOLO 1 Oggetto dell appalto L Appalto ha per oggetto l affidamento della gestione dei servizi comunitari a ciclo diurno/notturno - dipendenze patologiche, progetto denominato OPEN. Tale servizio dovrà realizzarsi sul territorio dei Comuni appartenenti all Ambito Territoriale (Corato, Terlizzi e Ruvo di Puglia), prevedendo i seguenti interventi: 1. centro accoglienza diurna con servizio mensa Girasoli - ubicato nel Comune di Corato; 2. centro accoglienza notturna Fuori Orario - ubicato nel Comune di Terlizzi; 3. centro territoriale Sinergie - ubicato nel Comune di Ruvo di Puglia. Le strutture presso cui realizzare gli interventi suddetti sono meglio specificate nel successivo art. 15 del presente capitolato. Il servizio che costituisce l oggetto dell appalto rientra tra quelli previsti dal Piano Sociale di Zona, triennio ARTICOLO 2 Durata dell appalto La durata dell appalto è di mesi 12 (dodici) con decorrenza dalla data di effettivo inizio del servizio. La stazione appaltante si riserva la facoltà di prolungare la durata del contratto di massimo ulteriori mesi uno nel caso in cui, per cause non imputabili né alla stazione appaltante né all aggiudicataria, non sia stato possibile eseguire parte delle attività oggetto della presente gara nell ambito dell importo del servizio appaltato. ARTICOLO 3 Importo a base d asta L importo complessivo per la realizzazione dei servizi in oggetto, considerati azioni complementari di un unico progetto complessivo d intervento, è di ,00 (centoottontamila/00) oltre IVA nella misura di legge se dovuta. Tale importo è da intendersi comprensivo di tutti gli oneri, le spese di qualsiasi natura e specie e di tutte le prestazioni volte a garantire un efficiente, idoneo, puntuale ed esatto servizio. Dell importo a base d asta sopra determinato, una quota non inferiore al 70% dovrà essere destinata a copertura delle spese del personale, dettagliandone la composizione in sede di 1

2 presentazione del quadro economico che sostiene il progetto tecnico a presentarsi. Il quadro economico dovrà, altresì, presentare in dettaglio i costi di tutte le attività da realizzarsi e riportare il costo da imputare a ciascun mese di attività. Le risorse da utilizzare derivano dal fondo unico di Ambito, in particolare trattasi di risorse a valere sul Fondo Nazionale Politiche Sociali 2006/2009 e su risorse Comunali 2010/2012, secondo quanto previsto dal Piano Sociale di Zona 2010/2012. ARTICOLO 4 Soggetti ammessi alla gara I soggetti ammessi alla gara sono quelli indicati nel disciplinare di gara. ARTICOLO 5 Requisiti di ammissione I requisiti di ammissione, a pena di esclusione, sono quelli indicati, parimenti, nel Disciplinare di gara. ARTICOLO 6 Procedura di gara L appalto viene aggiudicato mediante Procedura Aperta con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi degli artt. 6 e 10 del Regolamento Unico per l affidamento dei servizi sociali a soggetti terzi per i Comuni dell Ambito Territoriale n. 3 (Corato- Terlizzi- Ruvo di Puglia). Saranno escluse dalla gara tutte quelle offerte non presentate nei modi e nei termini stabiliti dal presente capitolato speciale di appalto e nel disciplinare di gara. Sono ammesse solo offerte al ribasso, mentre saranno escluse offerte in aumento o pari alla base di asta. La stazione appaltante, comunque, ha la facoltà di sottoporre a verifica le offerte ritenute anomale rispetto alle prestazioni richieste, secondo quanto previsto dal D.Lgs n. 163/2006 artt. 86 e ss. Ai fini dell individuazione delle offerte anomale l amministrazione si avvarrà della procedura indicata dall art. 86 del D.Lgs n. 163/2006. ARTICOLO 7 Criterio di aggiudicazione e attribuzione dei punteggi L appalto sarà aggiudicato alla concorrente che avrà presentato l offerta economicamente più vantaggiosa, valutabile in base ad elementi diversi (prezzo e qualità), attribuendo, comunque, al criterio del prezzo, coerentemente a quanto stabilito dalla L.R. 19 del 2006 e dal Regolamento Unico per l affidamento dei servizi sociali a soggetti terzi per i Comuni dell Ambito Territoriale n. 3 (Corato- Terlizzi- Ruvo di Puglia), un punteggio non superiore al 30% del punteggio complessivo secondo il seguente prospetto: A. Prezzo: Max = 30 Punti B. Qualità: Max = 70 Punti Aggiudicatario del servizio è il concorrente che, sulla base dei criteri di seguito riportati, otterrà il punteggio maggiore su un totale di punti disponibili pari a 100. Per il punteggio relativo al prezzo si attribuiranno 30 punti alla ditta che presenterà il prezzo più basso, mentre le altre offerte riceveranno il punteggio proporzionalmente ridotto secondo la seguente formula: X= (Prezzo più basso x 30) prezzo offerto dove X è il punteggio da attribuire alla ditta esaminata. Le valutazioni qualitative saranno effettuate con riferimento ai seguenti elementi tecnico qualitativi. 2

3 B.1 QUALITA ORGANIZZATIVA DELL IMPRESA Max punti 30, così articolati: Max punti 4 Presenza di sedi operative nell ambito territoriale di svolgimento del servizio Max Punti 4 Dotazione strumentale Max punti 5 Capacità di contenimento del turn over degli operatori Max punti 5 Strumenti di qualificazione organizzativa del lavoro Max punti 5 Formazione, qualificazione ed esperienza professionale delle figure professionali aggiuntive a quelle previste per l espletamento del servizio 1 Capacità di attivare e collaborare con la rete dei servizi territoriali Max punti 4 Adattabilità e flessibilità nella gestione dei rapporti con gli utenti Max punti 2 Dichiarazione di disponibilità ad utilizzare personale, già operante sul territorio di ciascun comune, nel servizio da appaltare in ragione di almeno il 20% per comune Max punti 1 Non si procederà alla valutazione delle offerte che avranno conseguito un punteggio inferiore a punti 15 su 30 disponibili per la valutazione della qualità organizzativa dell impresa. B.2 QUALITA' DEL SERVIZIO: Max Punti 40, così articolati: Capacità di lettura dei bisogni sociali del territorio Max punti 9 Capacità progettuale adeguata Max punti 15 Innovatività rispetto alla accessibilità dell offerta e alle metodologie di coinvolgimento degli utenti Max punti 6 Modalità e strumenti di monitoraggio e valutazione delle attività e del grado di soddisfacimento dell utenza (precisazione degli strumenti) Max punti 10 Non si procederà alla valutazione delle offerte che avranno conseguito un punteggio inferiore a punti 20 su 40 disponibili per la valutazione della qualità del servizio. I succitati parametri per l'assegnazione del punteggio di Qualità (elementi tecnicoqualitativi) dovranno essere adeguatamente documentati dalla ditta partecipante alla gara. Ad ogni parametro su indicato (da B.1 a B.2) verrà attribuito un punteggio che sarà indicato, dalla Commissione di gara, in apposito verbale. Il punteggio finale relativo alla dimensione qualitativa sarà dato dalla somma dei punteggi attribuiti alle singole componenti l'offerta tecnico-qualitativa, da presentare sotto forma di progetto tecnicoorganizzativo, comprensivo degli elementi di coordinamento e di coesione delle differenti tipologie di servizio, (complessivamente non oltre trenta facciate, formato A4, di righi n. 25, per facciata, oltre alle eventuali schede e fac-simili). ARTICOLO 8 Modalità, compilazione e termini per la presentazione delle offerte La modalità, compilazione e termini per la presentazione delle offerte sono descritte nel disciplinare di gara. ARTICOLO 9 Nomina della commissione e svolgimento della gara Nel giorno fissato per l'apertura dei plichi, la Commissione, nominata con apposito provvedimento dopo la scadenza del termine fissato per la presentazione delle offerte, procederà in 1 l indicazione delle figure professionali aggiuntive deve essere accompagnata da un adeguato progetto di lavoro e di impiego che implementa ed integra i servizi ad oggetto dell appalto 3

4 seduta pubblica all'apertura e alla verifica dei documenti contenuti nella busta A "Documenti per l'ammissione alla gara", proseguirà i lavori in seduta segreta per la valutazione dei documenti contenuti nella busta B "Offerta tecnica" e riprenderà, previo avviso ai soggetti partecipanti, in seduta pubblica per l'apertura della busta C "Offerta economica". La Commissione provvederà alla formulazione di una graduatoria dei soggetti partecipanti stilata per effetto dei punteggi totali complessivi derivanti dalla somma dei fattori suddetti. L'appalto sarà affidato al soggetto partecipante che avrà raggiunto il miglior punteggio complessivo. I soggetti partecipanti classificati al primo e secondo posto dovranno dimostrare il possesso dei requisiti dichiarati in sede di gara. L'aggiudicazione verrà fatta ad un unico concorrente: non verranno prese in considerazione offerte parziali e/o condizionate. Si potrà procedere all'aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta, purché valida. L'aggiudicazione in sede di gara sarà provvisoria. Ad essa seguirà la presa d'atto, con apposito atto dirigenziale, del verbale di gara, da parte del Responsabile Unico dell'ufficio di Piano. L'impegno della stazione appaltante, pertanto, sarà vincolante dalla data di efficacia del suddetto provvedimento, mentre per la ditta aggiudicataria l'impegno sorgerà dal momento dell'offerta. L'amministrazione appaltante si riserva la facoltà di non procedere all'aggiudicazione qualora insorgano motivi di pubblico interesse in tal senso. Alle sedute della commissione in forma pubblica potranno presenziare i legali rappresentanti dei concorrenti, la cui identità dovrà essere dimostrata da apposito documento d'identità, o persona all'uopo delegata, in tal caso dovrà essere prodotta una delega in carta semplice a firma del legale rappresentante del concorrente. ARTICOLO 10 Altre informazioni Il concorrente partecipando alla gara accetta incondizionatamente e senza riserva alcuna quanto stabilito nel presente Capitolato speciale d'appalto e nel disciplinare di gara. Resta espressamente contemplata la clausola speciale in appresso riportata in base alla quale la futura aggiudicazione ed il conseguente contratto di appalto per l'affidamento del servizio di che trattasi deve intendersi sottoposto ad integrale applicazione della Legge Regionale n. 19/2006, nonché degli atti e provvedimenti attuativi della stessa, con ogni conseguenza ed effetto di legge in ordine alla valenza, alle condizioni ed alle modalità del contratto di appalto che sarà stipulato tra la stazione appaltante e il soggetto che risulterà aggiudicatario del servizio, senza che lo stesso possa avanzare nei confronti dell'amministrazione appaltante e degli enti che essa rappresenta (i Comuni dell'ambito territoriale), richieste di risarcimento di danni e spese per qualunque causa e di qualsiasi natura e specie. I soggetti offerenti dovranno, altresì, assoggettarsi a mente dell art. 69 del D.lgs n. 163/2006, alle condizioni particolari che la stazione appaltante esigerà, come da articolazione successiva, con special riguardo all applicazione analogica del combinato disposto agli art. 114 e 132 della citata norma. La gara avrà inizio nell'ora e nel giorno stabilito anche se nessuno dei concorrenti fosse presente nella sala. L'amministrazione appaltante si riserva la facoltà insindacabile di non dar luogo alla gara o di prorogarne la data di scadenza, dandone comunicazione ai concorrenti, senza che gli stessi possano accampare pretese al riguardo. Si riserva, altresì, la facoltà insindacabile di non aggiudicare la gara qualora nessuno dei concorrenti raggiunga i punteggi minimi di qualificazione. 4

5 Rimane inteso che chiunque partecipi alla gara autorizza l'amministrazione appaltante ad utilizzare i propri dati per fini istituzionali. Tutti i dati forniti, o comunque acquisiti in virtù della presente procedura, saranno trattati nel rispetto della normativa vigente. Il trattamento dei dati di cui sopra è finalizzato esclusivamente alla gestione del procedimento di aggiudicazione in oggetto e del successivo rapporto contrattuale. I dati stessi non saranno comunicati ad altri soggetti, se non in ottemperanza ad obblighi di legge ed in accoglimento di richieste di accesso agli atti del procedimento espresse dagli interessati ai sensi della L. n. 241/90. La definitiva aggiudicazione è subordinata agli adempimenti previsti dalle vigenti disposizioni di legge. L'aggiudicazione pronunciata vincolerà immediatamente il concorrente aggiudicatario, ma non impegnerà l'amministrazione appaltante se non dopo che tutti gli atti concernenti l'appalto saranno divenuti efficaci. Le autocertificazioni, le certificazioni, i documenti e l'offerta devono essere redatti in lingua italiana o corredati di traduzione giurata. Gli offerenti avranno la facoltà di svincolarsi dalla propria offerta decorsi 180 giorni naturali consecutivi dalla data di scadenza fissata per la ricezione delle offerte. PARTE SECONDA: CARATTERISTICHE DEI SERVIZI OGGETTO D'APPALTO ARTICOLO 11 Obiettivi L area di bisogno urgente cui si intende rispondere con il servizio oggetto del presente capitolato è rappresentata dalle problematiche che riguardano i soggetti affetti da dipendenze patologiche per i quali è necessario promuovere azioni di accoglienza finalizzata al recupero e all integrazione. Gli obiettivi cui tendere, pertanto, sono i seguenti: collaborare fra servizi pubblici e privati; raggiungere le fasce sommerse di soggetti affetti da dipendenze diverse; sostenere ed accompagnare gli utenti ed i loro familiari presso servizi specialistici del territorio; sostenere utenti nel cambiamento, promuovendo stili di vita positivi; potenziare la crescita delle proprie capacità personali e professionali, favorendo processi di integrazione sociale e lavorativa; formare adeguatamente figure adulte che hanno responsabilità educativa verso bambini, adolescenti e giovani (prevenzione primaria); favorire interventi a bassa soglia sui giovani nei loro contesti aggregativi; abbassare la soglia di fruibilità dei servizi riducendo il periodo di latenza fra il primo uso e il primo trattamento. Gli obiettivi di cui sopra, pertanto, saranno perseguiti con l attivazione sui territori comunali dell Ambito dei servizi elencati nel successivo articolo 12. ARTICOLO 12 Tipologia dei Servizi Il progetto Open è inteso come servizio a carattere prevalentemente sociale e a bassa intensità sanitaria finalizzato all accoglienza temporanea di persone affette da dipendenze patologiche e problemi ad esse correlati, carenti e/o privi di validi riferimenti familiari, che necessitino di affiancamento nei percorsi di emancipazione dalle dipendenze e di sostegno nel recupero e/o mantenimento del livello di autonomia, nell inserimento o reinserimento sociofamiliare e/o lavorativo. 5

6 Tale servizio si realizzerà attraverso: 1. un centro accoglienza diurna con servizio mensa Girasoli ; 2. un centro accoglienza notturna Fuori Orario ; 3. un centro territoriale Sinergie. Il Centro Accoglienza Diurna con servizio mensa denominato Girasoli è una struttura finalizzata all accoglienza temporanea di persone con dipendenze patologiche e problemi ad esse correlati che abbiano intrapreso o intendano intraprendere un percorso di emancipazione dalle dipendenze. Il Centro, in sinergia con i Servizi Territoriali preposti, costituisce un luogo di incontro che risponde a specifici bisogni, e permette di tessere la rete di riferimento familiare e sociale che sostiene l utente, senza estrapolarlo dal contesto di appartenenza. Si caratterizza come uno spazio dove ripensare e ripensarsi in quanto individui attivi della propria storia, ritrovando quei significati e quelle connessioni che erano venute a mancare. Il Centro di accoglienza notturno denominato Fuori Orario garantisce l accoglienza notturna temporanea dei soggetti affetti da dipendenze patologiche, con problematiche di tipo familiare e/o senza fissa dimora. Il Centro notturno dovrà rispondere al bisogno primario dell utente di trovare ospitalità notturna, ma anche al bisogno di integrazione al fine di dare risposte concrete al disagio rappresentato dalla dipendenza. Il Centro Territoriale denominato Sinergie si caratterizza come struttura territoriale intermedia a carattere socio riabilitativo per persone con dipendenze patologiche che hanno intrapreso e/o terminato un percorso trattamentale presso i servizi pubblici e del privato sociale (SERT, Comunità terapeutiche). Tale servizio si prefigge di realizzare interventi educativi di animazione che possano aiutare gli utenti a riscoprire le proprie capacità creative e possano sperimentarsi con nuove metodologie espressive attraverso le quali poter scoprire relazioni nuove di gruppo. Si prefigge, altresì, la realizzazione di percorsi finalizzati all inserimento lavorativo e percorsi informativi e formativi finalizzati alla prevenzione (primaria) rivolti agli adulti che hanno la responsabilità educativa (genitori, insegnanti, istruttori sportivi, etc ) e ai ragazzi/giovani per la promozione di sili di vita positivi attraverso l educazione tra pari (peer-education e long life education). Le attività svolte dalle suddette strutture dovranno essere fortemente integrate tra di loro per rispondere ai diversi bisogni delle persone accolte e presentare una forte connessione di rete con i Servizi pubblici e privati del territorio. ARTICOLO 13 DESTINATARI I destinatari del servizio sono persone affette da dipendenze patologiche e/o problemi ad esse correlati che abbiano intrapreso o intendano intraprendere un percorso di emancipazione dalle dipendenze. In particolare per il servizio, articolato come descritto nel precedente art. 12, il numero di soggetti da prendere in carico è pari a: - per il centro di accoglienza diurna con servizio mensa Girasoli n. 14; - per il centro di accoglienza notturna Fuori Orario n. 6 - per il centro territoriale Sinergie n. 20 da inserire nei vari laboratori, oltre ai destinatari delle attività di prevenzione primaria. Si precisa che il numero dei soggetti a cui i tre servizi sono rivolti è puramente indicativo e potrà essere suscettibile di variazioni in base alle reali esigenze espresse dal territorio ed al progetto assistenziale ed educativo individualizzato. 6

7 L inserimento dei soggetti dovrà avvenire su invio formale da parte del Servizio Sociale professionale dei Comuni dell Ambito, anche su segnalazione dei altri Servizi Territoriali (Ser.T, UEPE, CSM, ecc.), fatte salve le situazioni di estrema urgenza per le quali potrà essere data, in via del tutto eccezionale, ospitalità temporanea con successiva e tempestiva comunicazione al Servizio Sociale professionale del Comune di provenienza del soggetto interessato per la conseguente presa in carico. Nell accesso agli interventi di cui sopra, sarà data priorità ai cittadini residenti nei Comuni dell Ambito. Nei casi di urgenza ed avendo disponibilità di posti, potrà essere data ospitalità temporanea a cittadini provenienti da altri Comuni, fermo restando l obbligo dell aggiudicataria di darne immediata comunicazione al Servizio Sociale professionale del Comune di provenienza, per l immediata presa in carico del caso. Tutto quanto innanzi stabilito è valido anche per i soggetti già in carico ai Centri, per i quali dovrà essere valutato la continuità dell inserimento e/o eventuali dimissioni sulla base di quanto disciplinato nel presente capitolato. ARTICOLO 14 ATTIVITÀ Centro Accoglienza Diurna con servizio mensa denominato Girasoli Le principali attività da garantire all interno del centro sono: 1) accoglienza; 2) servizio mensa; 3) orientamento ed accompagnamento dell utenza; 4) affiancamento nei percorsi di emancipazione dalle dipendenze; 5) attività ludico-ricreative e socio-culturali a carattere terapeutico e riabilitativo (cineforum, teatroterapia, danzaterapia, arti grafiche e manuali, musicoterapia, sport., ecc) in stretta sinergia con gli operatori dei Servizi territoriali compententi; 6) attività di counselling e gruppi di auto-aiuto; 7) attività di reinserimento sociale e lavorativo. Centro di accoglienza notturno denominato Fuori Orario Le principali attività da garantire all interno del centro sono: 1) accoglienza notturna e prima colazione; 2) orientamento ed accompagnamento dell utenza. Centro Territoriale denominato Sinergie 1) accoglienza; 2) orientamento ed accompagnamento dell utenza; 3) attività socio-culturali a carattere terapeutico e riabilitativo (cineforum, teatroterapia, danzaterapia, arti grafiche e manuali, musicoterapia, sport., ecc) in stretta sinergia con gli operatori dei Servizi territoriali competenti (Ser.T. ecc); 4) laboratorio di falegnameria finalizzato all inserimento lavorativo; 5) attività di counselling e gruppi di auto-aiuto; 6) percorsi informativi e formativi finalizzati alla prevenzione (primaria), rivolti ad adulti che hanno la responsabilità educativa (genitori, insegnanti, istruttori sportivi, etc ) e ai ragazzi/giovani per la promozione di stili di vita positivi attraverso l educazione tra pari (peer-education e long life education). Tali attività saranno realizzate in stretta sinergia con i Servizi territoriali competenti. 7

8 Per ogni soggetto inserito in uno o più Centri di cui sopra dovranno essere garantite le seguenti ulteriori attività: 1) valutazione multidimensionale a cura dell équipe di progetto e degli operatori dei Servizi coinvolti; 2) presa in carico; 3) elaborazione di un Progetto Assistenziale Individualizzato (P.A.I.) condiviso con i servizi territoriali coinvolti (Servizio Sociale Professionale; Ser.T., U.E.P.E., ecc.). Tutte le attività progettuali devono essere inserite in un programma terapeutico e di reinserimento sociale più ampio, condiviso con i servizi competenti, l utente e la famiglia, ove presente. Le attività, presentate in sede di offerta, dovranno essere meglio dettagliate e potranno variare nel corso di realizzazione dell intervento ed essere sostituite con attività analoghe, in termini di costi e durata, qualora dovesse verificarsi che le stesse non siano in linea con le propensioni e le problematiche dei soggetti frequentanti i Centri. Tali variazioni, d intesa con i Servizi Territoriali, dovranno essere concordate con l Ufficio di Piano. ARTICOLO 15 TEMPI - RISORSE UMANE MODALITA ORGANIZZATIVE - SEDI DELLE ATTIVITA TEMPI: Centro Accoglienza Diurna con servizio mensa denominato Girasoli Il servizio ha durata pari a dodici mesi. Il Centro dovrà essere aperto nell orario diurno per ciascun giorno della settimana, per almeno 6 ore giornaliere. Centro di accoglienza notturno denominato Fuori Orario Il servizio ha durata pari a dodici mesi. Il Centro notturno sarà aperto nell orario serale e notturno per ciascun giorno della settimana per almeno 10 ore. Centro Territoriale denominato Sinergie Il servizio ha durata pari a dodici mesi. Il centro sarà aperto dal lunedì al venerdì, per almeno n 3 ore giornaliere RISORSE UMANE: Tale servizio sarà assicurato dalle seguenti figure professionali: - un coordinatore-responsabile tecnico unico del servizio denominato Open, in possesso di laurea almeno triennale o di diploma di maturità con esperienza nel ruolo specifico di coordinatore di struttura o servizio non inferiore a tre anni. - operatori sociali (operatori di strada, operatori di comunità, formatori) in possesso di titolo di laurea adeguato al servizio oggetto dell appalto, o in possesso di diploma di scuola media superiore con comprovata esperienza, almeno triennale, nel settore delle dipendenze patologiche. Deve essere programmata, fra gli operatori, la presenza di un assistente sociale; - un supervisore; - maestri d arte; - esperti di laboratori socio-culturali e ludico-ricreativi; - volontari con documentata esperienza nel settore; - operatori ausiliari. MODALITA ORGANIZZATIVE: Il modello operativo è improntato al lavoro di équipe, costituita dalle figure professionali coinvolte, in stretta collaborazione con i servizi territoriali competenti. 8

9 SEDI DELLE ATTIVITA : Il Centro Notturno a Bassa Soglia sarà localizzato in Terlizzi presso l immobile di proprietà del Comune sito in Corso Dante n. 68. La Comunità Semi-Residenziale sarà localizzata in Corato presso l immobile di proprietà del Comune sito in Via S. Di Giacomo n. 1. Il Centro Territoriale Diurno sarà localizzato in Ruvo di Puglia presso l immobile di proprietà del Comune sito in Via Martiri delle Foibe n.21/23 (pal. B). Tali strutture, di proprietà comunale, saranno messe a disposizione dell aggiudicatario che dovrà stipulare apposita polizza assicurativa per eventuali danni connessi all utilizzo della stessa struttura. ARTICOLO 16 SPESE DI GESTIONE E UTENZE L importo posto a base d asta è comprensivo dei costi di gestione e funzionamento delle strutture per l intera durata dell appalto e, pertanto, rientrano nei suddetti costi anche quelli relativi al consumo di energia elettrica, gas, acqua e fogna, eventuale attivazione di impianto telefonico e relativa utenza. Detti costi potranno essere sopportati direttamente dal gestore in fattispecie di volturazione delle utenze e/o allaccio, comprendendovi, quindi, le spese di voltura, ovvero sotto forma di rimborso all amministrazione procedente, ove impossibilità od opportunità tecniche richiedano di non procedere alle volturazioni, in tal caso prevedendo le spese di impianto di contatori divisionali a carico del gestore medesimo. Le spese di gestione che non possono essere superiori al 30% dell importo a base d asta comprendono, altresì, quelle di acquisto delle derrate alimentari per il servizio mensa e materie prime per la realizzazione dei vari laboratori. Le spese di gestione comprendono, altresì, quelle di leasing o nolo di tutte le apparecchiature e le attrezzature utili alla realizzazione dei laboratori e di ogni altra attività di cui all articolo 14, che il gestore metterà a disposizione senza alcun onere per la stazione appaltante, per tutta la durata dell appalto. Di tale dotazione dovrà essere dato elenco completo ed analitico in uno all offerta tecnica. ARTICOLO 17 CONSEGNA DELLE STRUTTURE Al momento della consegna delle strutture e prima dell inizio del servizio verrà effettuata una verifica in contraddittorio, di cui sarà redatto apposito verbale a cura degli Uffici Tecnici dei singoli Comuni dell Ambito, per verificare lo stato delle stesse. A conclusione dell appalto, le strutture dovranno essere riconsegnate in buono stato di manutenzione e con le attrezzature funzionanti, salvo il normale deperimento d uso. ARTICOLO 18 PERSONALE Il personale da impiegare nel servizio dovrà essere in possesso delle professionalità richieste dal presente appalto, secondo gli standard e i contenuti professionali previsti dalla vigente normativa di settore. Entro 15 giorni dalla comunicazione di aggiudicazione definitiva della gara, la ditta aggiudicataria dovrà inviare al Responsabile dell'ufficio di Piano l'elenco del personale da impegnare su ogni territorio dell'ambito stesso, con specifica qualifica e relativi curricula. Entro giorno 15 dalla sottoscrizione del contratto con la stazione Appaltante, l aggiudicatario dovrà consegnare al Responsabile dell Ufficio di Piano i contratti stipulati con gli operatori da impegnare nelle attività progettuali e di cui all elenco precedente. Ogni variazione a detto elenco dovrà essere comunicata tempestivamente allo stesso. 9

10 L'aggiudicatario si impegna a garantire la massima continuità nell'utilizzo del personale individuato, assumendo iniziative organizzative di contrasto e prevenzione del turn-over. Si impegna, altresì, a fornire tempestivamente personale utile a coprire straordinarie esigenze di servizio sulla base di documentate richieste dell'ufficio di Piano. Nel caso di eventuale eccessivo turn-over degli operatori impiegati, fermo restando il rispetto delle professionalità previste, il Responsabile Unico dell'ufficio di Piano, potrà attivare una verifica per valutare nel merito la situazione secondo le modalità espresse nel presente Capitolato. L'aggiudicatario dovrà garantire, inoltre, l'immediata sostituzione del personale assente, per qualsiasi motivo dal servizio, con altro in possesso dei medesimi titoli, dandone immediata comunicazione al Responsabile Unico dell'ufficio di Piano, nonché del personale che dovesse risultare inidoneo, a giudizio del Responsabile Unico dell'ufficio di Piano, fermo restando il costo complessivo a base d asta. Nel caso l'aggiudicatario intenda avvalersi di volontari per integrare il servizio e renderlo più rispondente ai bisogni degli utenti, dovrà richiedere la preventiva autorizzazione dell'ufficio di Piano, indicando ruolo, ambito e modalità di utilizzo. Le prestazioni del volontariato sono in ogni caso aggiuntive ed ulteriori rispetto a quelle contrattualmente previste. L'utilizzo dei volontari dovrà avvenire nel rispetto della normativa vigente e, pertanto, deve essere considerato non sostitutivo, ma integrativo dei parametri di impegno degli operatori e le loro prestazioni non potranno concorrere nella determinazione dei costi del servizio. Anche per i volontari, nel caso in cui essi non operino in maniera ritenuta idonea, l'ente appaltante potrà richiedere l'allontanamento o la sostituzione senza che l'aggiudicatario possa avanzare riserve di sorta. ARTICOLO 19 Coordinatore - Responsabile tecnico unico del servizio L'affidatario dovrà nominare un responsabile tecnico unico (coordinatore tecnicoorganizzativo) delle attività, scelto tra persone con requisiti di professionalità e comprovata esperienza specifica nel settore oggetto dell'appalto ed in possesso di laurea, almeno triennale, o di diploma di maturità, con comprovata esperienza nel ruolo specifico di coordinatore di struttura o servizio, non inferiore a tre anni. Il responsabile tecnico sarà tenuto alla vigilanza sul regolare svolgimento dei servizi, in particolare parteciperà alle verifiche periodiche previste e sarà tenuto a comunicare trimestralmente all Ufficio di Piano tutte le informazioni inerenti le prestazioni effettuate. Egli fungerà da tramite tra la ditta aggiudicataria, il Responsabile Unico dell'ufficio di Piano, i Dirigenti degli Uffici Servizi Sociali, il Servizio Sociale professionale dei Comuni facenti parte dell'ambito e i referenti degli altri Servizi Territoriali. ARTICOLO 20 Disciplina dei rapporti di lavoro, rispetto dei contratti ed ulteriori garanzie e responsabilità L'appaltatore dovrà utilizzare, per lo svolgimento del servizio, personale assunto secondo le disposizioni di legge in vigore e nel rispetto, inoltre, del R.R. n. 31/2009, applicando condizioni contrattuali, normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dal contratto collettivo nazionale di lavoro, assolvendo, altresì, a tutti i conseguenti oneri previdenziali, assicurativi e similari. Qualora l'appaltatore benefici di eventuali agevolazioni di carattere nazionale o regionale dovrà espressamente farvi menzione indicando il riferimento legislativo. L'aggiudicatario si impegna, inoltre, a: - assumere a proprio carico le spese connesse agli spostamenti degli operatori, laddove tali 10

11 spostamenti richiedano l'utilizzo di autoveicolo; - fornire strumenti e materiale occorrente per l'erogazione del servizio conformi alla normativa vigente; - predisporre un programma di lavoro giornaliero e/o settimanale nel rispetto dei piani personalizzati predisposti per ciascun utente; - garantire la partecipazione degli operatori del servizio agli incontri di coordinamento e verifica mensili previsti; - individuare ed utilizzare, in stretta collaborazione con l Ufficio di Piano, strumenti per la valutazione dell'organizzazione interna e dell'efficacia degli interventi messi in atto; - fornire all'ufficio di Piano dettagliata nota operativa sulle attività svolte dai singoli operatori dei servizi; - rendere disponibili, in qualsiasi momento, i registri di presenza degli operatori impegnati; - inviare relazione trimestrale all'ufficio di Piano circa l'andamento del servizio, proponendo ogni eventuale innovazione tendente a migliorarne la qualità. Nella relazione dovranno essere documentati gli interventi, le attività realizzate, il numero di utenti che partecipano alle diverse attività; - favorire e sostenere la partecipazione attiva degli utenti, delle loro famiglie, in forma singola e/o attraverso le loro associazioni di rappresentanza e tutela; - garantire la stabilità dell'équipe di operatori limitando il turn-over, assicurando la stabilità della relazione lavoratore/utente; - favorire le necessarie attività di aggiornamento e qualificazione professionale dei soci e dei dipendenti; - dotare il personale di cartellino di riconoscimento che riporti fotografia, nome, cognome, qualifica, perfettamente visibili e leggibili; - garantire la massima riservatezza sui dati degli utenti e dei loro familiari e conservare in modo corretto, ordinato e in luogo adeguato il materiale recante informazioni circa gli utenti e i loro familiari; - somministrare, secondo la tempistica concordata con il Responsabile Unico dell'ufficio di Piano, le schede di valutazione della soddisfazione degli utenti e delle famiglie. Tale documentazione verrà allegata alla relazione conclusiva; - proporre, entro trenta giorni dall'avvio del servizio per la successiva adozione da parte dell'ambito, la Carta dei Servizi. ARTICOLO 21 Assicurazione ed obbligo di risarcimento del danno L'affidatario provvederà a sottoscrivere polizza assicurativa per se stesso e per il personale impegnato nei servizi, relativa all'eventuale responsabilità civile verso terzi, nonché per gli utenti, esonerando l'amministrazione da qualsiasi responsabilità per danni derivanti da sinistri che dovessero verificarsi nell'espletamento del servizio oggetto dell'appalto. L'affidatario presenterà al Responsabile Unico dell'ufficio di Piano copia conforme della polizza sottoscritta prima dell'inizio del servizio in argomento. La stessa è tenuta a fornire, su richiesta dello stesso Responsabile, la documentazione comprovante il rispetto dei contratti di lavoro e di ogni onere a carico dei soggetti impiegati nel servizio. Eventuali inoperatività delle polizze assicurative (comprese franchigie, scoperti e quant'altro) sono totalmente a carico della ditta affidataria. L'affidatario solleva la stazione appaltante da ogni responsabilità civile e penale, eventualmente derivante da azioni od omissioni, negligenza ed imperizia del personale nei confronti degli utenti. 11

12 ARTICOLO 22 Rispetto della normativa in materia di miglioramento e tutela della salute dei lavoratori L'affidatario è tenuto all'osservanza delle disposizioni del D.Lgs n. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni. Esso dovrà comunicare al Responsabile Unico dell'ufficio di Piano, al momento della stipula del contratto, il nominativo del responsabile della sicurezza. ARTICOLO 23 Rispetto della normativa in tema di trattamento e protezione dei dati personali L aggiudicataria deve mantenere riservati e non deve divulgare a terzi estranei i documenti e i dati di cui verrà a conoscenza nell esecuzione del contratto, non deve impiegare i medesimi in modo diverso da quello occorrente per realizzare l attività contemplata o la cui divulgazione non sia precedentemente autorizzata dalla stazione appaltante. L aggiudicataria si impegna, altresì, a non utilizzare ai fini propri o, comunque, non connessi ai fini dell appalto, i dati personali venuti in suo possesso nel corso dell esecuzione del contratto. L'aggiudicataria è tenuta all'osservanza del Codice in materia di protezione dei dati personali, D. Lgs. 196/03 e successive modificazioni ed integrazioni, indicando il responsabile della protezione dei dati personali. ARTICOLO 24 Controlli e verifiche I controlli sullo svolgimento del servizio saranno svolti quadrimestralmente dai componenti dell Ufficio di Piano, ciascuno per quanto di competenza. Nel corso delle verifiche si constaterà il regolare funzionamento del servizio, l'efficienza e l'efficacia della gestione. Ai fini di tale controllo la ditta aggiudicataria è tenuta a garantire l accesso alla struttura e a fornire tutta la documentazione necessaria inerente la gestione del servizio. Resta facoltà delle amministrazioni comunali richiedere, in qualsiasi momento, informazioni sul regolare svolgimento del servizio ed attivare l'ufficio di Piano per i conseguenti controlli. Il Responsabile dell'ufficio di Piano potrà richiedere all'affidatario, in qualsiasi momento, e, comunque, con cadenza almeno trimestrale, l'esibizione di tutta la documentazione necessaria a verificare la corretta attuazione degli obblighi inerenti il trattamento dei lavoratori. ARTICOLO 25 Implementazione del servizio e del progetto La stazione appaltante si riserva in ogni caso, così come già previsto nell articolato precedente, la possibilità di richiedere all aggiudicataria, durante l esecuzione del servizio, di riprogettare le attività dedotte in contratto laddove le stesse non dovessero risultare rispondenti alle esigenze degli utenti. Altresì le eventuali economie di gara potranno essere oggetto di implementazione dei servizi oggetto del presente capitolato. ARTICOLO 26 Cauzione provvisoria All'atto di partecipazione alla gara la ditta concorrente dovrà produrre una garanzia provvisoria, sotto forma di cauzione o fideiussione, a scelta dell'offerente, pari al 2% dell'importo presunto dell'appalto. La cauzione può essere costituita nelle forme di cui all'art. 75, comma 1 del D. Lgs. 163/2006. La fideiussione, a scelta dell'offerente, può essere bancaria o assicurativa o rilasciata dagli intermediari finanziari iscritti nell'elenco speciale di cui all'art. 107 del D.Lgs. 385/1993, che svolgono in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie a ciò autorizzati dal Ministero dell'economia e delle Finanze. La garanzia deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all'eccezione di cui all'art comma 2 del Codice Civile, nonché l'operatività della garanzia medesima entro 15 (quindici) giorni a semplice richiesta scritta 12

13 dell'amministrazione appaltante. Tale garanzia deve avere validità per almeno 180 giorni dalla data di presentazione dell'offerta. Deve, inoltre, prevedere, a pena di esclusione, l'impegno di un fideiussore, individuato tra i soggetti di cui all'art. 75, comma 3, D.Lgs. 163/2006, a rilasciare la garanzia fidejussoria per l'esecuzione del contratto, di cui all'art. 113 del D. Lgs. 163/2006, qualora l'offerente risultasse aggiudicatario. ARTICOLO 27 Cauzione definitiva L'aggiudicatario, al momento della sottoscrizione del contratto, è obbligato a costituire una garanzia fideiussoria del 10% dell'importo netto contrattuale per l'intero periodo di affidamento del servizio quale garanzia per l'esatto e puntuale adempimento degli obblighi contrattuali. La cauzione sarà prestata nelle forme e modalità previste nel precedente articolo 26 per la cauzione provvisoria, che qui si intendono integralmente riportate. La mancata costituzione della garanzia fideiussoria determina la revoca dell'affidamento e l'acquisizione della cauzione provvisoria da parte del soggetto appaltante. Detta garanzia fideiussoria deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro 15 (quindici) giorni a semplice richiesta del Comune appaltante. La restituzione della cauzione definitiva sarà disposta su richiesta dell'aggiudicatario non prima di 180 giorni dalla scadenza del contratto, quando questi avrà adempiuto a tutti gli obblighi previsti e sottoscritti, previo parere favorevole del Responsabile Unico dell'ufficio di Piano dell'ambito Territoriale. ARTICOLO 28 Modalità di pagamento dei corrispettivi Ad avvenuta sottoscrizione del contratto la stazione appaltante erogherà all aggiudicatario un importo pari al 10% dell importo appaltato. L'affidatario provvederà ad emettere fattura mensile posticipata sulla base dell articolazione mensile del piano economico allegato alla proposta progettuale, al netto del 10%. L importo delle fatture mensili dovrà corrispondere al quadro economico allegato alla proposta progettuale per ciascun mese di attività. In uno alla fattura l affidatario dovrà presentare l elenco dettagliato degli utenti fruitori dei servizi. Unitamente alla fattura del 4 mese, del 7 mese, del 10 mese e del 12 mese l affidatario dovrà trasmettere all Ufficio di Piano la rendicontazione economico-finanziaria relativa al trimestre precedente già espletato, nonché relazione tecnica sull andamento delle attività e dei progetti educativi individualizzati e sulla partecipazione degli utenti. Qualora la rendicontazione riveli difformità rispetto agli importi liquidati a seguito di fattura, le somme erogate in misura maggiore rispetto agli importi effettivamente spesi e risultanti dalla rendicontazione saranno decurtate sull importo della fattura del mese successivo. Di tale decurtazione l affidataria sarà informata con nota scritta a firma del Responsabile dell Ufficio di Piano, cui seguirà l invio da parte dell affidataria di nota credito di pari importo. Il prezzo determinato in sede di gara rimarrà fisso per tutta la durata del contratto. Il corrispettivo si intende comprensivo di qualsiasi costo sopportato dall'affidatario per l'erogazione del servizio. Le fatture mensili saranno pagate entro 30 giorni dalla data di presentazione delle stesse risultante dal timbro di arrivo al protocollo del Comune di Corato o, se spedita per posta, dal timbro postale apposto sulla busta di spedizione, previa liquidazione del Responsabile dell'ufficio di Piano. 13

14 ARTICOLO 29 Divieto di cessione o subappalto La Ditta aggiudicataria non può cedere o subappaltare il servizio assunto, pena la risoluzione immediata del contratto. ARTICOLO 30 Inadempienze e irregolarità del servizio Ciascuna contestazione di avvenuta omissione del servizio comporta una penalità di importo compreso tra lo 0,1 per cento ed il 15 per cento del corrispettivo complessivo, al netto di IVA, fatturato nel mese precedente la contestazione, da determinare in relazione alla gravità delle conseguenze dell'omissione stessa ed alla reiterazione delle mancanze. L'importo delle penalità è addebitato sui crediti della impresa dipendenti dal contratto cui essi si riferiscono o, nel caso in cui questi non siano sufficienti, su quelli dipendenti da altri contratti che l'impresa ha stipulato con l'amministrazione, se presenti. Mancando crediti o essendo insufficienti, l'ammontare delle penalità viene addebitato sulla cauzione. In tali casi, l'integrazione del relativo importo deve avvenire nei termini previsti dal contratto. Le penalità sono notificate all'impresa in via amministrativa, restando escluso qualsiasi avvio di costituzione in mora ed ogni atto o procedimento giudiziale. ARTICOLO 31 Stipula del contratto e spese contrattuali L'aggiudicatario si obbliga a sottoscrivere con l'amministrazione appaltante, successivamente di aggiudicazione, e nelle forme stabilite dalle vigenti disposizioni di legge, apposito contratto. Il rapporto contrattuale si intende instaurato a far tempo dalla data di sottoscrizione del contratto. Gli effetti negoziali proseguiranno per tutto il periodo di durata previsto dall'appalto, fatti salvi gli eventuali inadempimenti da parte dell'aggiudicatario che determinano la risoluzione del contratto. La ditta aggiudicataria è tenuta al pagamento di tutte le spese contrattuali dovute secondo le leggi in vigore. Nel contratto l'aggiudicatario dovrà dichiarare di aver preso visione del presente Capitolato e di accettarne, ai sensi dell'art del Codice Civile, tutte le condizioni in esso contenute. Il Capitolato viene allegato al contratto quale parte integrante e sostanziale. L'inadempienza degli obblighi di cui al presente articolo fa sorgere a favore dell'amministrazione appaltante il diritto di affidare il servizio al concorrente che segue immediatamente nell'ordine di graduatoria, ovvero di procedervi a proprio carico, con salvezza delle azioni di tutela e rivalsa. Sono a carico dell'inadempiente le maggiori spese sostenute dalla stazione appaltante. ARTICOLO 31 Risoluzione del contratto Qualora si verificassero da parte dell'aggiudicatario inadempienze tali da rendere insoddisfacente il servizio, o in caso di recidiva delle mancanze di cui ai precedenti articoli, l'amministrazione appaltante potrà, previa intimazione scritta del Responsabile Unico dell'ufficio di Piano, risolvere il contratto anche prima della scadenza, procedendo nei confronti dell'aggiudicatario alla determinazione dei danni eventualmente sofferti, rivalendosi sull'incameramento della cauzione e, ove ciò non bastasse, agendo per il pieno risarcimento dei danni subiti. L'aggiudicatario può chiedere la risoluzione del contratto in caso di impossibilità ad eseguire il contratto, in conseguenza di causa non imputabile alla stessa, secondo il disposto dell'art del Codice Civile 14

15 ARTICOLO 32 Modalità ed effetti della risoluzione La risoluzione del contratto viene disposta con determinazione dirigenziale del Responsabile Unico dell'ufficio di Piano. Della emissione di tale provvedimento è data comunicazione all'aggiudicatario con notificazione a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento. Con la risoluzione del contratto sorge nell'amministrazione il diritto di affidare a terzi il servizio. Qualora si rendesse necessario ricorrere alla sostituzione dell'aggiudicatario in caso di risoluzione del contratto, si procederà ad affidare il servizio al concorrente risultato in seconda posizione nella graduatoria, ovvero si procederà a carico della stazione appaltante e tramite altri soggetti, con salvezza delle azioni di tutela e rivalsa. Sono a carico dell'inadempiente le maggiori spese sostenute dalla stazione appaltante. Nel caso di risoluzione del contratto, in relazione all'ipotesi di cui agli artt. 27 e 29 del presente Capitolato, viene riconosciuto alla ditta il pagamento delle prestazioni fino allora maturate in proporzione del prezzo pattuito e del deposito cauzionale. Qualora per causa di forza maggiore il servizio dovesse essere interrotto dall'amministrazione appaltante nulla sarà dovuto all'aggiudicatario da parte dei Comuni dell'ambito territoriale. ARTICOLO 33 Controversie Ogni controversia tra le parti nell'applicazione del contratto che non dovesse essere risolta tra le parti, sarà devoluta all'autorità giudiziaria ordinaria il cui foro competente è il Tribunale di Trani. ARTICOLO 34 Responsabile del procedimento Responsabile del procedimento: Dott. Vitantonio PATRUNO ARTICOLO 35 Rinvii normativi Per tutto quanto non previsto dal presente capitolato speciale d'appalto, si fa esplicito rinvio alle leggi e regolamenti vigenti in materia. IL DIRIGENTE F.F. DEL V SETTORE (DOTT. VITANTONIO PATRUNO) 15

16 16

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

I-Roma: Servizi di pulizia di uffici 2010/S 139-214139 BANDO DI GARA. Servizi

I-Roma: Servizi di pulizia di uffici 2010/S 139-214139 BANDO DI GARA. Servizi GU/S S139 21/07/2010 214139-2010-IT Stati membri - Appalto di servizi - Avviso di gara - Procedura aperta 1/4 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:214139-2010:text:it:html I-Roma:

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CITTA DELLA DISFIDA Medaglia d oro al merito civile e militare

CITTA DELLA DISFIDA Medaglia d oro al merito civile e militare COMUNE DI BARLETTA CITTA DELLA DISFIDA Medaglia d oro al merito civile e militare BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA N. 1/2009 Il Comune di Barletta, in esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO R E G I O N E V E N E T O R E J O N V E N E T O P R O V I N C I A D I B E L L U N O P R O V I N Z I A D E B E L U N COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO CAP 32043 Corso Italia, 33 Tel. 0436 4291

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Il Presidente. Pavia, 15 aprile 2015. EB/dc Prot. Spett.le. Alla cortese attenzione Sig. via fax. anticipata via mail a

Il Presidente. Pavia, 15 aprile 2015. EB/dc Prot. Spett.le. Alla cortese attenzione Sig. via fax. anticipata via mail a Il Presidente Pavia, 15 aprile 2015 EB/dc Prot. Spett.le Alla cortese attenzione Sig. via fax anticipata via mail a OGGETTO: Procedura negoziata per l affidamento del servizio di copertura assicurativa

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli