NOTIZIE DAL COMUNE TRA UN LAVORO PUBBLICO E L ALTRO...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIE DAL COMUNE TRA UN LAVORO PUBBLICO E L ALTRO..."

Transcript

1 COMUNE di CASELLA Marzo Anno II - Numero 1 Periodico di informazione della Pubblica Amministrazione NOTIZIE DAL COMUNE TRA UN LAVORO PUBBLICO E L ALTRO... Proseguendo nel programma di riqualificazione urbanistica e di sicurezza pedonale di Casella, l amministrazione comunale si appresta a varare un nuovo lotto di lavori che interesseranno presto l area prospiciente il rinnovato palazzetto sportivo. Questo intervento prevede l adeguata sistemazione degli spazi antistanti al palazzetto, realizzando aiuole piantumate al posto degli attuali sarcofagi in cemento, un adeguato impianto d'illuminazione dell'ingresso dell'impianto sportivo e un marciapiede realizzato con cordolo di contenimento tipo granito grigio e piano di calpestio in listelli tipo cotto, materiali scelti nell'ottica della continuità estetica e per economicità dei costi. Il nuovo marciapiede, rea-lizzato secondo i criteri di abbatti-mento delle barriere architettoniche, inizierà dall'incrocio con Viale Euro-pa, risalendo senza interruzioni sino in prossimità dell'ingresso della Scuola Media. Viene così ampliato il sistema di percorrenze pedonali convergenti sulla piazza adeguatamente riqualificato dimensionato e sicuro. I lavori di riqualificazione urbanistica, la cui realizzazione è prevista entro la tarda primavera, saranno completamente finanziati dai fondi ottenuti ( ) con la rinegoziazione di oneri di urbanizzazione secondaria. SOMMARIO INIZIATIVE CULTURALI DI PRIMAVERA IL NUOVO PIANO TRASPORTI Teatro stabile, un nuovo RIPARTE IL SITO DEL COMUNE ALLE SOGLIE DEL MICRONIDO E DELLA NUOVA SEDE DELLA CROCE VERDE consuntivo una compostiera in primavera cross a casella

2 IL NUOVO PIANO TRASPORTI Lo scorso 16 febbraio l'assessore Provinciale ai Trasporti Rosario Amico ha illustrato alle amministrazione comunali del bacino F la riprogettazione degli orari delle autolinee sia per il servizio diretto di collegamento con Genova, sia per la tratta da e per la stazione di Busalla. L'argomento, oggetto di discussione nel corso di recenti consigli comunali, è il primo passo concreto che risponde ad una petizione presentata da una nutrita rappresentanza di utenti e potenziali fruitori del servizio. In estrema sintesi la proposta Provinciale prevede un sostanziale incremento delle corse dirette da e per Genova (vedi la tabella seguente) ed un leggero ridimensionamento dei viaggi sulla tratta per Busalla FS ove vengono comunque mantenute le coincidenze con i treni. Da una prima analisi la proposta risponde in gran misura alle attese dei firmatari la petizione, una rappresentanza dei quali ha incontrato il Sindaco per esaminarne i contenuti. La nota dolente e di non facile soluzione è rappresentata dal maggior costo a carico dei quattro comuni interessati (oltre a Casella, Savignone, Montoggio e Valbrevenna) che ammonta a circa 50 mila euro l'anno e che la Provincia si è detta disponibile a coprire, ma solo per il primo anno di servizio, in misura del 50% circa. Indubbiamente l'impegno finanziario a carico delle amministrazioni locali e dunque dei cittadini è quanto mai gravoso ed è tal riguardo che, prima di rispondere alla proposta provinciale, abbiamo chiesto un confronto al competente assessorato regionale che ci attendiamo possa avvenire a breve. L argomento sarà oggetto di discussione ed approfondimento nei prossimi Consigli Comunali. Sui prossimi numeri del notiziario verrete aggiornati sugli sviluppi. Partenze da Genova PD Vittoria - destinazione Casella Orario proposto 5,15 6,25 7,10 11,00 13,10 13,40 17,15 18,20 21,20 Orario attualmente in vigore 5,15 7,10 13,20 18,00 21,20 Partenze da Casella - destinazione Genova PD Vittoria Orario proposto 6,45 6,45 7,45 9,00 12,25 13,45 14,45 17,05 18,45 20,05 22,40 Orario attualmente in vigore 6,45 9,15 14,45 17,15 20,05 22,40 QUASI EURO DA REGIONE E PROVINCIA PER LA CASA COMUNALE Due bersagli centrati, per la Giunta Comunale, quelli ottenuti con due domande di finanziamento, entrambe relative ad un progetto articolato di riorganizzazione della casa comunale e dei pubblici uffici. Come noto, in primavera la P.A. Croce Verde completerà il trasferimento nella nuova sede ed il Comune entrerà in possesso dei locali fino ad oggi occupati dalla benemerita. Muovendosi su due fronti di finanziamenti, il Comune ha ottenuto un contributo di circa /00 per l'acquisto di nuovi arredi per la biblioteca, un primo lotto che consentirà di iniziare ad allestire i nuovi locali nell'attuale garage della Croce, opportunamente adattati. Il contributo, per l'esattezza pari a 9.945/00, è stato assegnato dalla Regione Liguria a fine dicembre 2005, come comunicato dall'assessore Fabio Morchio. È stato invece il presidente Burlando a comunicare a fine novembre il buon esito della domanda presentata sia in Regione che in Provincia per la ristrutturazione dei locali ex Croce Verde, che 2 consentiranno, tra l'altro, l'abbattimento delle barriere architettoniche per l'accesso all'ufficio più a contatto col pubblico, quello demografico. Anche la Biblioteca Comunale, ripensata come luogo di lettura e non solo di prestito veloce, sarà più accessibile, mentre l'ufficio di Polizia Locale andrà a sostituire l'attuale anagrafe. Complessivamente, si tratta di circa /00 di contributi e di fondi comunali di compartecipazione per /00. I lavori verranno cantierati in autunno.

3 Servizi sociali informano: Nuovi regolamenti Nel Consiglio Comunale tenuto il 30 gennaio sono stati approvati due nuovi regolamenti che serviranno per avere più equità nella fornitura dei servizi sociali. Essi sono: Regolamento per l erogazione dei contributi integrativi delle rette di ricovero Definizione Il contributo integrativo della retta di ricovero dell'anziano in struttura protetta è l'intervento di natura economica che il Comune pone a proprio carico a favore di anziani residenti sul territorio del comune ed inseriti nella rete dei servizi socio sanitari. L'integrazione ha luogo solo nel caso in cui l'anziano, con i propri redditi e patrimoni mobiliari ed immobiliari, non sia in grado di provvedere al pagamento integrale della retta dovuta per la prestazione di ricovero ed assistenza di cui fruisce. Finalità L'erogazione del contributo integrativo della retta di ricovero ha lo scopo di garantire all'anziano non autosufficiente, ovvero a rischio di non autosufficienza, che versi in condizioni economiche di bisogno, il corretto e completo percorso assistenziale di cui necessita, nel rispetto del principio di eguaglianza dell'intervento assistenziale a parità di bisogni. Regolamento per l accesso delle prestazioni sociali agevolate attraverso l indicatore della situazione economica Per prestazioni sociali agevolate si intendono le prestazione, i servizi sociali o assistenziali non destinati alla generalità dei soggetti o comunque collegati nella misura o nel costo a determinate situazioni economiche. Per l'erogazione di tali prestazioni si applicano le seguenti disposizioni di legge. Dlgs 109/98 Dpcm 221 del 7/05/99, Dpcm 452 del 21/12/2000 e il Dpcm 18/05/2001. I suddetti regolamenti sono reperibili sul sito ALLE SOGLIE DEL MICRONIDO E DELLA NUOVA SEDE DELLA CROCE VERDE Il Comune ha recentemente stipulato con la P.A. Croce Verde Casellese una convenzione per l'utilizzo di alcune parti della nuova sede che la P.A. sta ultimando in via Aldo Moro. Grazie a tale accordo, il Comune potrà utilizzare una porzione (pari a circa 60 mq) dei locali posti al primo piano ove si prevede di attivare entro l'anno un servizio alla prima infanzia nell'ambito del progetto regionale Liguria Famiglie. Educatrici familiari accudiranno per l'intero arco della giornata otto bimbi di età compresa tra 1 e 3 anni. L iniziativa è parte di un progetto di più ampio respiro che prevede la realizzazione di analoghe strutture in altri comuni della nostra vallata - Isorelle è già attivo dal febbraio e che permetterà di dare una risposta concreta alla domanda di asili nido. La Pubblica Assistenza, da parte sua, riceve dal Comune l'utilizzo della porzione di terreno antistante la nuova sede che verrà gestito ed attrezzato quale spazio verde custodito di pubblica utilità. Questa convenzione rafforza l'intesa 3 e la collaborazione esistente tra Croce Verde e Comune volta a garantire alla popolazione la fruizione di spazi e servizi pubblici atti al miglioramento della vita cittadina. ERRATA CORRIGE Nell ultimo numero di Notizie dal Comune abbiamo indicato i CAF del territorio accreditati per la certificazione ISEE e, per un errore involontario, non abbiamo citato il CENTRO SERVIZI UIL che ha sede in Busalla, Via Fraconalto 2, a cui è possibile rivolgersi per servizi di patronato, assistenza fiscale e naturalmente per la dichiarazione ISEE. Ci scusiamo con i lettori e con la UIL per la precedente, involontaria omissione.

4 POLIZIA LOCALE INFORMA: CINTURE DI SICUREZZA E BAMBINI Tra le innovazioni al Codice della Strada inserite dal D.lgs. 23 febbraio 2006 c è l'obbligo di assicurare al sedile i bambini di statura inferiore a m 1,50 facendo uso di un cuscino sollevatore ed adattatore che permetta al bambino di essere trattenuto dalle stesse cinture di sicurezza previste per gli adulti. I bambini sino a 3 anni non possono viaggiare su veicoli vecchi sprovvisti di cinture di sicurezza, mentre quelli di età superiore e di altezza fino a m 1,50 non possono occupare un sedile anteriore. Vietata anche l'installazione di seggiolini per bambini rivolti contromarcia sui posti protetti da airbag, a meno che non sia possibile disinserire l airbag. RIPARTE IL SITO DEL COMUNE Dopo una lunga stagione di restyling sta ripartendo a pieno regime il sito ufficiale del comune Nell'era della telematica un buon sito è la cartina al tornasole di una Pubblica Amministrazione. Nei prossimi mesi le pagine verranno arricchite ulteriormente, e verranno pubblicati i testi ufficiali delle più significative delibere della Giunta e del Con-siglio. Visitatelo, e comunicate i vostri suggerimenti all'indirizzo di posta elettronica CIMITERO, TERZO LOTTO AL VIA Sono stati appaltati i lavori per la realizzazione del terzo lotto del Cimitero. L importo dei lavori è quasi di ,00. LUCIANO SPEZIOTTO REVISORE Il Consiglio Comunale, nella prossima seduta, sarà chiamato ad approvare la nomina a Revisore dei Conti per il triennio di una persona notissima, il cui rientro nella Pubblica Ammini-strazione di Casella è accolto con piacere da tutto il Comune. Si tratta dell'ex Sindaco (ed ex Segretario della Provincia di Genova) Cav. Luciano Speziotto, che ha offerto la propria disponibilità e competenza. Al nuovo revisore il migliore augurio di buon lavoro e di proficua collaborazione! UN ACQUISTO ECCEZIONALE: AREA VERDE AL COMUNE? Da oltre un ventennio le varie amministrazioni che si sono succedute alla guida del Comune avevano inserito all'interno dei loro programmi l'acquisizione dell'area di proprietà demaniale in concessione precaria al Comune ove nel corso degli anni sono state realizzate importanti opere pubbliche (campo sportivo, parcheggi, la maggior parte di Via Aldo Moro, la parte conclusiva di Via Municipio, il parco giochi dei bambini, il magazzino comunale e l'area verde) che,a stretto rigore, sono edificate su terreno altrui. La pratica di acquisizione ha sempre incontrato un iter difficile e lungo, tale da non condurre ad una sua finalizzazione. Ma spesso accade che quando accantoni un'idea, la stessa può tuo malgrado diventare fattibile. Infatti in base alla legge 311/2004 lo scorso anno il demanio ha informato il Comune dell'intenzione di alienare l'area e chiedeva l'eventuale interessamento in forma non vincolante. Pur trattandosi di un enorme impegno finanziario, che non rientrava tra le priorità del programma amministrativo in corso per l'evidente fatto che sarebbe caduto in un contesto quale quello attuale, caratterizzato da forti ristrettezze economiche, la proposta del Demanio merita di essere valutata con estrema attenzione. La questione è stata introdotta a titolo informativo nel corso dell'ultimo Consiglio Comunale e sarà ripresa nel prossimo quando dovrebbero conoscersi in dettaglio i termini specifici dell'offerta di acquisto del Demanio. Certo è che, qualora si decidesse di concretizzare un impegno di queste dimensioni, occorrerà rivedere la fattibi-lità di alcuni altri punti del programma amministrativo che potrebbero, come conseguenza, mancare di copertura finanziaria. 4 Consci però del fatto che al sacrificio attuale corrisponderebbe un notevole incremento del patrimonio pubblico di cui il nostro Paese potrà disporre a beneficio dei cittadini di oggi, ma soprattutto delle generazioni future. Per dare un'idea dei termini della questione (non ci sono al momento offerte formali e le cifre che seguono sono la sintesi di quanto emerso dagli incontri e dai sopralluoghi effettuati) l'ordine di grandezza dell'operazione può essere stimato tra i 400 e i 500 mila euro per un'area di circa mq. sulla quale graverebbero vincoli sia di destinazione d'uso che di alienazione. In caso di accordo il Comune potrebbe affrontarne l'acquisto esclusivamente attraverso il ricorso a debiti di lunga durata, quali l'accensione di un mutuo ventennale, per il quale si pone il problema di reperire le somme da restituire ogni anno e che ad oggi non sono reperibili nel bilancio comunale.

5 Iniziative Culturali di Primavera Sono tanti gli appuntamenti previsti nei prossimi mesi. Ne diamo una breve panoramica. GIOVEDÌ 6 APRILE, in Biblioteca, alle ore 10, per tutti ma specialmente per le Scuole, Gabriella Vercesi, presidente del Gruppo Storico Fieschi, traccerà le linee fonda-mentali della storia dei Fieschi a Casella, nell ambito degli eventi inseriti nell'viii Settimana della Cultura promossa dal Ministero dei Beni Culturali. DAL 21 AL 23 APRILE per la prima volta Casella ospita un raduno di camperisti. Il progetto è stato presentato dalla sezione di Genova e Monferrato del Camper Club La Granda, attraverso l'impegno del concittadino Cesare Bosio. La sera del 22 serata danzante col gruppo Advance. Il 23 APRILE si terrà anche la tradizionale FIERA DI SAN GIOR- GIO. Doppio passaggio del Giro dell'appennino da Busalla verso le e da S. Olcese verso le SABATO 6 MAGGIO in Biblioteca, nell'ambito delle occasioni per la Giornata Internazionale del Libro e del Diritto d'autore, alle ore la casa editrice busallese La Lontra, diretta da Fabrizio Fazzari, propone un incontro con alcuni degli autori che stanno impreziosendo i prodotti librari di questa giovane casa. Tra gli altri, Sergio Rossi e Sergio Pedemonte. DOMENICA 21 MAGGIO, alle ore 15.30, il Gruppo Storico Fieschi accoglie nella corte di Palazzo Fieschi le comitive turistiche che giungeranno attraverso la Ferrovia Genova-Casella e gli altri vettori; da lì muoverà un breve giro turistico del paese, nell'ambito della III edizione di Piccolagrandeitalia, giornata nazionale dei piccoli comuni patrocinata dal Presidente della Repubblica e coordinata da Legambiente. TEATRO STABILE, UN PRIMO CONSUNTIVO Il numero 1 dell'anno 2006 del Notiziario esce quando il giro di boa del cartellone teatrale proposto dall'accordo tra Comune e Teatro Stabile di Genova è lontano, e mancano solo due spettacoli alla chiusura della stagione, forse uno solo. Un'esperienza giudicata con entusiasmo da tutti. Dal Comune, innanzitutto, che si è visto premiato con una bella promozione sui giornali e con la graditissima visita di Lello Arena il 18 febbraio scorso in Biblioteca. Poi, dal Teatro, che è rimasto molto colpito dall'organizzazione che è tutto meno che semplice, lo diciamo a lode dell'ufficio preposto e dalla bella risposta in termini di adesioni: da un pullman a due e fino a tre! Quasi centotrenta persone per la rappresentazione della Bisbetica domata di Shakespeare con Tullio Solenghi, che si è compiaciuto dell'iniziativa e ha voluto salutare, pur brevemente, dietro le quinte il gru ppone che lo aveva applaudito. Ma quel che fa piacere più di ogni altra cosa è il clima che si respira durante le trasferte. Clima di incontro, di condivisione, di bella gita. La comodità del trasporto, un prezzo agevolato, begli spettacoli, grandi attori, poltrone in posizioni quasi sempre ottimali, un servizio ATP (ex ALI) preciso e disponibile. 5 Insomma, un piacere da coltivare e ripetere. L'Assessorato alla Cultura sta già impostando coi vertici del Teatro le novità per la stagione 2006/2007, cercando di contemperare le esigenze, le proposte, i suggerimenti degli affezionati di quest'anno. Se poi, come sembra, altre valli vorranno emulare il nostro sforzo, saremo felicissimi di aver dato il calcio d inizio ad una nuova diffusione del Teatro nell entroterra! NEL PROSSIMO NUMERO ANCHE IL CARTELLONE DELLA NUOVA STAGIONE CASELLAESTATE 2006

6 PROVINCIA, PASSI CARRABILI I passi carrabili lungo le strade provinciali dovranno essere regolarizzati improrogabilmente entro 30 giugno I passi carrabili oggetto di regolarizzazione sono: i passi carrabili sprovvisti di autorizzazione; i passi carrabili autorizzati nell'anno 1977 ed anni antecedenti la cui concessione della durata di 29 anni risulta quindi scaduta il 31 dicembre 2005; i passi carrabili autorizzati, ma realizzati in difformità alle prescrizioni stabilite. Per informazioni i soggetti interessati possono rivolgersi, dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle 12,00, ai seguenti uffici della Provincia: Ufficio Concessioni Stradali area 12 largo F. Cattanei 3 Genova Quarto (numero verde ); Ufficio Relazioni con il Pubblico Piazzale Mazzini 2 Genova (numero verde Le informazioni sono anche reperibili sul sito internet con il quale è anche possibile scaricare il fac-simile della domanda di 6 regolarizzazione. Il fac-simile della domanda, con le modalità relative all'inoltro della stessa, è reperibile anche presso l'ufficio di polizia locale del Comune di Casella. Si rammenta altresì che l'art. 22, comma 11, del D.Lgs. 30 aprile 1992 e successive modifiche (Codice della Strada) stabilisce che chiunque mantiene in esercizio accessi carrabili su strade pubbliche, quindi anche comunali, è obbligato alla relativa regolarizzazione. Il Comune di Casella dovrà pertanto procedere ad analogo censimento per il quale verrà data preventiva ed ampia informazione. UNA COMPOSTIERA IN PR IMAVERA! Come illustrato nel precedente numero del notiziario l'amministrazione comunale ha avviato alcune iniziative finalizzate a migliorare il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani. La novità di prossima introduzione riguarda la partenza di un programma sperimentale per la promozione del compostaggio domestico. Il compostaggio è un processo del tutto naturale con il quale è possibile trasformare i propri rifiuti organici (scarti della cucina, sfalci d'erba, potature e foglie secche) in un ottimo prodotto, il compost, utile per la concimazione organica di vasi, orti e giardini. Questo tipo di attività permette l'eliminazione completa dei costi di discarica per la frazione compostata, riducendo nel contempo i costi del personale e dei mezzi impiegati se praticata da un congruo numero di nuclei familiari. Per sostenere l'iniziativa l'amministrazione provvederà ad organizzare corsi teorico-pratici gratuiti corredati dalla distribuzione di compostiera, una piccola pattumiera aerata per la raccolta dei rifiuti compostabili ed un manuale operativo per il corretto INVERNO VERO A CASELLA Siamo a marzo e in genere l'inverno non fa più paura, ma quest'inverno verrà ricordato come quello che: erano anni che non ne veniva uno così. Abbiamo avuto di tutto: ghiaccio, neve, galaverna, temperature a lungo e abbondantemente sotto zero. La macchina comunale, coordinata dall'ufficio Tecnico, è stata impegnato al massimo per molti giorni. Il Comune si avvale di cinque operai, che nei giorni di maggior bisogno hanno lavorato anche dodici ore continuative. Il Sindaco, l'assessorato competente, l'amministra-zione tutta ringraziano per l'impegno l'ufficio Tecnico, la squadra operai e le aziende appaltatrici. Le scorte di sale preventive approntate sono state sufficienti per affrontare l'eccezionale situazione climatica. Come al solito per una parte di cittadini si poteva fare meglio Ci preme ricordare che alcune richieste, pur comprensibilissime, non possono essere esaudite. In particolare non può essere rimossa dal Comune la neve dalle strade private né su quelle provinciali. La neve residua che dalle strade pubbliche viene addossata davanti a cancelli privati o ingressi privati va rimossa dai cittadini proprietari dell'area. utilizzo della compostiera stessa. Durante il primo anno d'attività della compostiera il cittadino potrà avvalersi gratuitamente dell'aiuto di un esperto del settore. Sono previste inoltre agevolazione sulla tassa sui rifiuti per le famiglie che aderiranno all'iniziativa. Chiunque fosse interessato all'iniziativa è pregato di compilare il modulo di preadesione non vincolante allegato e consegnarlo presso l'ufficio Tecnico entro il 29 aprile UN BREVE SALUTO, AD UN AMICO Mandiamo in stampa il notiziario il giorno successivo alle esequie del Reverendo Parroco di Casella, Don Mario Beroldo. Vorremmo scrivere pagine e pagine per ricordarlo, e salutarlo. Ma non basterebbero, per dire tutto quello che il Don è stato per Casella. E non abbiamo la lucidità per farlo, troppo commossi e colpiti. Il Comune tutto, nella sua veste più bella, di rappresentanza istituzionale dell'intera cittadinanza, ti saluta con rimpianto enorme, affidandosi al tuo amore celeste. Ciao Don, Grazie.

7 LA PROTEZIONE CIVILE HA UN ARMA IN PIU Un nuovo mezzo antincendio fa parte dei mezzi che abbiamo a disposizione per fronteggiare le emergenze. Casella ha aderito al C.I.O. (Comitato Intercomunale Organizzato) di cui fanno parte anche Savignone, Montaggio e Isola del Cantone. La Regione, attraverso la Comunità Montana sovrintende le attività del C.I.O. Il mezzo in questione è un Nissan P.K dotato di Modulo Antincendio Boschivo con vasca in acciaio. Assegnato in comodato d'uso gratuito, è coperto dalle spese di tassazione e assicurazione e richiede da parte dell'amministrazione le sole spese di manutenzione. Il veicolo verrà utilizzato, laddove si ritenesse necessario, sul Territorio di Casella e ad ampio raggio in caso di emergenza nella valle e oltre. Verrà gestito dalla squadra antincendio che opera dal 1978 a difesa del territorio, composta oggi da 25 volontari che curano la loro preparazione attraverso corsi di aggiornamento tenuti dalla Provincia. Si coglie l'occasione per rinnovare l'invito i cittadini volenterosi ad aderire alle squadre antincendio! MEDICINA SPORTIVA, UN BATTESIMO PER CASELLA Il 10 marzo 2006, dentro la sala consiliare del comune di Casella, si è tenuto un incontro patrocinato dalla Provincia di Genova sulla medicina e lo sport. Questa iniziativa, pensata e voluta fortemente dal consigliere Paolo Mangroni insieme all'assessore allo sport Pasquale Schellino, è nata dalla collaborazione con il neo Comitato Sportivo Avosso. Il tema della serata è stato introdotto dall'assessore allo sport della Provincia di Genova Angelo Giulio Torti; sono intervenuti come relatori la dott.ssa Monica Lazzarotti (medicina dello sport), il dott. Sergio Setti (cardiologo) e il dott. Mauro Percivale (dietologo). Ha condotto il dibattito Vittorio Dorigo, direttore tecnico sportivo dell'u.s. Nuoto Valle Scrivia. Anche l'assessore regionale dello sport Fabio Morchio ha portato il suo contributo ad inizio di serata. Nuoto Valle Scrivia. Anche l'assessore regionale dello sport Fabio Morchio ha portato il suo contributo ad inizio di serata. La serata ha registrato una buona affluenza di pubblico, vista anche l'attualità dell'argomento che interessa sia i tecnici del settore sia i giovani che praticano un'attività sportiva, agonistica o dilettantistica. Domenica 26 febbraio scorso l'area verde e le zone adiacenti sono state teatro della corsa podistica Primo Cross a Casella organizzato dal G.S. Maratoneti dl Tigullio CROSS A CASELLA sezione di Casella in collaborazione col C.S. Sport pe Tutti. In campo maschile si è imposto quale vincitore assoluto Unaj Castrillejo del CUS Genova mentre per le donne la vittoria è andata a Susanna Scaramucci dell'atletica Varazze. Gli oltre 150 atleti partecipanti si sono dimostrati entusiasti del percorso e delle potenzialità della zona tutta, al punto di indurre gli organizzatori a pensare un 7 pò più in grande per il prossimo anno: elevare la manifestazione a carattere regionale. Lo stesso percorso, con partenza ed arrivo sull'anello circostante del campi di calcio e con il guado del rio S. Stefano era stato predisposto per la gara regionale di ciclocross, prevista per il 28 gennaio scorso ed annullata a causa dell'eccezionale nevicata. La prossima manifestazione podistica sarà la seconda edizione della Stracasella in programma per il prossimo 19 maggio.

8 Forse alcuni lettori del Secolo XIX hanno avuto la ventura di leggere, nel numero di mercoledì 22 febbraio, un articolo relativo all'attività della Ferrovia Genova-Casella, in cui, tra l'altro, l'amministratore unico Alberto Villa dice: e si realizzerà al più presto quella nuova stazione a Casella, al di là del campo sportivo con un ponte nuovo di zecca sul fiume Scrivia, di cui si parla da tanto tempo. Parole che non si può lasciare cadere. Marco Baffetti ha preso carta e penna, esponendo il suo personale pensiero alla FGC. Vi riportiamo alcuni passaggi della sua nota: Dal 2004 ad oggi ci siamo incontrati più volte per discutere di diverse questioni; ed ogni volta hai messo sul tavolo l'importanza di riprendere la discussione relativa alla costruzione del famoso nuovo ponte. Così come è certo che i nostri ragionamenti sono partiti dalla deliberazione del precedente Consiglio Comunale di Casella che, a maggioranza, si era dichiarato favorevole al progetto. Altrettanto vera è la imprescindibile constatazione che nel frattempo il Consiglio Comunale di Casella è cambiato in tredici dei suoi diciassette componenti.pur comprendendo le legittime motivazioni tecniche che hanno condotto alla progettazione, ti ribadisco la mia assoluta contrarietà alla progettualità approvata dalla Marco Baffetti scrive alla Ferrovia Genova-Casella precedente Amministrazione e alla conseguente ipotesi di accordo E questa mia posizione non nasce oggi, né è mutata nel volgere degli anni. Ciò non mi ha impedito nel corso del precedente mandato amministrativo di essere proattivo tanto da riconoscermi tra gli artefici del percorso che ha via via mutato i contenuti del progetto originale sia avuto riguardo alla tipologia costruttiva (dal ponte rialzato al ponte a sfioro) sia alle opere accessorie di cui il Comune avrebbe beneficiato e non previste nelle prime stesure del progetto Al solo fine di permettere al Consiglio di valutare una progettualità completa, devono prioritariamente essere soluzionati alcuni aspetti di fondamentale importanza, fino ad ora non adeguatamente studiati, ed in assenza dei quali ogni discussione sarebbe vana. Mi riferisco a: la ridefinizione dell'assetto viario che interessa l'attuale incrocio con la tangenziale la riqualificazione degli spazi attualmente occupati dalla sede ferroviaria (tratto promiscuo, ponte Vittorio Veneto e Viale Europa) e dei manufatti ivi esistenti la ridefinizione delle opere da realizzarsi nella cosiddetta area verde Tutto ciò considerato, comunque: Il ponte a sfioro è condizione imprescindibile di partenza le tipologie costruttive di un ponte, sicuramente ad alto impatto ambientale, previste dall'ultimo progetto (cemento armato) non sono accettabili Le caratteristiche progettuali della nuova stazione vanno attentamente ridiscusse e non possono prescindere da un insieme di interventi sull'assetto viario dell'area. Questo il Sindaco, in data 4 marzo. Tuttavia, un argomento di questa portata necessita di numerosi passaggi: un confronto in maggioranza e, a maggior ragione, nella preposta sede consiliare. E da ultimo, ma solo in ordine di tempo, in un incontro pubblico con il paese. Questo laddove la questione assumesse i toni della concretezza. In tal caso l'amministrazione valuterà di indire una riunione pubblica, che potrebbe anche configurarsi come il primo esperimento di consiglio comunale aperto. Allora, se ci saranno state le condizioni, saranno stati svolti i passaggi di confronto su progetti e problematiche all'interno della Giunta e del gruppo di maggioranza. E poi, parola alla cittadinanza! Notizie dal Comune (ANNO II N. 1) Periodico del Comune di Casella (GE) in distribuzione gratuita. Articoli redazionali. Sede: Via Municipio 1, Casella Responsabile: Marco Baffetti. Articoli a cura di Filippo Caranci, Mariarosa Firpo, Mauro Malnati, Giuseppe Puci. ESCE COME E QUANDO PUO Stampato presso Tipografia Ambrosiana - Busalla (GE) 8

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014.

ROMA CAPITALE. 1 9 ùi C Z013 31/01/2014. ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici. Giovani e Pari Opportunità Direzione de i Se rvizi Educativi e Sco lastici U.O. Serv,zi d, Supporto al sist ema educativo e scolastico RO M A

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI

LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI LEGGE 28 Gennaio 1977, N. 10 - (Bucalossi) (G.U. 29-1-1977, N. 27) NORME PER LA EDIFICABILITA' DEI SUOLI Art. 1. (trasformazione urbanistica del territorio e concessione di edificare) Ogni attività comportante

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli