Verbale n 3 - Collegio dei Docenti del giorno 20 maggio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verbale n 3 - Collegio dei Docenti del giorno 20 maggio 2014"

Transcript

1 Verbale n 3 - Collegio dei Docenti del giorno 20 maggio 2014 Il giorno martedì 20 maggio 2014 alle ore si riunisce, nell Aula Magna della sede succursale, il Collegio dei Docenti dell Istituto Magistrale A. Cairoli di Pavia, in seduta plenaria, per discutere del seguente ordine del giorno: 1. Lettura ed approvazione verbale precedente; 2. Presentazione Progetto ASL; 3. Delibera adozione libri di testo a.s. 2014/2015; 4. Delibera attività di recupero per studenti con debito; 5. Delibera progetto settimana sportiva indirizzato a tutte le classi 2^; 6. Delibera sperimentazione nell indirizzo Scienze Umane; 7. Delibera criteri formazione classi; 8. Delibera criteri assegnazione docenti alle classi; 9. Valutazione in itinere dei percorsi attuati dalle Figure Strumentali e dalle Figure di sistema; 10. Delibera criteri per la valutazione degli allievi nel corso degli scrutini finali; 11. Pianificazione insegnamento discipline non linguistiche da impartire nelle classi terminali di lingua straniera; 12. Proposte di modifica del regolamento; 13. Analisi Piano Annuale Inclusione; 14. Ipotesi dei criteri per la formazione dell orario a.s. 2014/2015; 15. Ipotesi progetto Potenziamento Inglese classi 5^linguistico; 16. Varie ed eventuali. Risultano presenti tutti i docenti tranne i seguenti, che sono assenti giustificati: si rimanda alla consultazione del foglio firme conservato nell archivio cartaceo 1. Lettura ed approvazione verbale precedente. Il verbale della seduta precedente è approvato con un voto contrario. La prof.ssa Maino giudica il documento un po grossolano, perché il verbale compie una sintesi brutale di alcune parti della discussione. La prof.ssa non chiede alcuna integrazione a margine del documento. Si astengono perché assenti alla seduta precedente 6 docenti. 2. Presentazione Progetto ASL. Il D.S. propone al Collegio il progetto Unplugged dell ASL di Pavia riguardo la prevenzione all uso di alcool, droghe, fumo e altre dipendenze, che potrebbe raccogliere le iniziative svolte nell ambito dell educazione alla salute. Il progetto affronta dal punto di vista di ogni disciplina il problema del condizionamento tra pari nei comportamenti trasgressivi, fornendo un manuale per i docenti e per gli studenti. Il lavoro laboratoriale ed esperienziale è finalizzato allo sviluppo dell autonomia decisionale da parte di ogni ragazzo, il quale dovrebbe essere portato a rifiutare consapevolmente droghe e altre sostanze stupefacenti. Il progetto occupa un monte ore di 14 ore suddivise tra le varie discipline e è articolato su due giorni interi o quattro mezze giornate; perché una classe aderisca al progetto occorre l adesione e la condivisione di tutto il Consiglio di Classe, perché esso è condotto 1

2 unicamente dagli insegnanti, che dovranno essere disponibili a sostenere una formazione iniziale metodologica. Il progetto è finanziato dalla UE ed è già avviato in sette Paesi. Qualora il Collegio aderisse, la formazione metodologica sarebbe inserita nel piano di formazione dell Istituto. Si allega presentazione del progetto. (allegato 1) Il D.S. chiede al Collegio di esprimersi, ma non di deliberare, poiché l approvazione necessita la presa visione precisa del documento di presentazione. Se il Collegio si dichiara interessato, il D.S. prevede l intervento degli esperti dell ASL al prossimo Collegio per un approfondimento sul tema. La prof.ssa Razzini chiede se il progetto è spendibile su tutte le classi. Il D.S. risponde che tale progetto non è il lavoro di un anno, perché i risultati si raccolgono su un lavoro di un ciclo, quindi potrebbe essere ipotizzato su classi inniziali del biennio (1^) o del triennio (3^). I docenti dovranno ragionare sulle due eventualità. Il Collegio si dichiara disponibile all approfondimento della proposta da parte del team dell ASL. 3. Delibera adozione libri di testo a.s. 2014/2015. Il D.S. ricorda che la circolare ministeriale ha tolto il blocco delle adozioni per un periodo di tempo prolungato, tuttavia egli vuole sottolineare alcune criticità evidenziate dal documento, di cui i docenti devono tenere conto nella scelta dei testi da adottare: a. limitare il costo per le famiglie. L adozione di un testo unico per indirizzo viene incontro a tale esigenza perché i respinti o i fratelli possono usufruire dei testi già acquistati in precedenza. b. l adozione deve essere coerente con il POF nella strategia didattica e nei contenuti. c. gli Istituti possono elaborare materiale didattico digitale attraverso piattaforme o manuali autoprodotti. Il D.S. ricorda che se qualche Consiglio di Classe volesse sperimentare tale strada potrebbe essere utile rifletterci. La prof.ssa Protti chiede se non c è la possibilità di usare Argo come piattaforma didattica per le classi. Il D.S. risponde che Argo attualmente ha evidenziato qualche disfunzione a causa di un eccessiva espansione del prodotto; quindi preferirebbe mantenere una memoria locale dei dati inseriti in piattaforma, per non dipendere da enti esterni. L ipotesi avanzata potrebbe essere un evoluzione successiva nel momento in cui la maggior parte dei docenti si sia impratichita nell uso degli strumenti informatici. d. il tetto di spesa è ridotto del 10% rispetto all anno precedente, se si adotta il formato misto, del 30% nel caso di adozione digitale. Lo sforamento del 10% del tetto è possibile, ma va motivato dal Collegio e deliberato dal Consiglio di Istituto. e. le nuove adozioni sono previste per le prime e le terze e per specifiche materie per le quinte. I libri si possono cambiare solo dopo che un testo è stato usato per un ciclo intero. f. le nuove adozioni devono essere o digitali o misti. g. i libri di testo non possono essere messi tra i consigliati. Il D.S. apprezza lo sforzo di tutti i dipartimenti per uniformare le adozioni per ogni indirizzo. Dall analisi delle proposte avanzate, si nota che esistono solo due situazioni particolari: filosofia e storia dell arte, disciline che propongono due cambi in quarta; i docenti hanno cambiato il testo di terza e vorrebbero uniformare alla nuova scelta il manuale attualmente in uso in quarta e quinta. La circolare prevede che solo in casi gravi il testo possa essere cambiato prima del termine del ciclo. Se il Collegio approvasse la variazione, 2

3 deve essere consapevole di esporsi a un eventuale ricorso. Le motivazioni apportate per la variazione soddisfano tutte le altre indicazioni ministeriali, poiché costano meno degli altri, sono in forma mista, sono coerenti con il POF, quindi la variazione anrebbe a vantaggio dell utenza. La prof.ssa Castellani precisa che il testo di filosofia, proposto per l adozione in quarta, è scritto dagli stessi autori che hanno elaborato una forma più snella per i licei che hanno subito una riduzione dell orario disciplinare. Per le future quinte si è voluto proporre l anticipazione di un cambiamento che sarebbe effettuato il prossimo anno scolastico. Il Collegio delibera all unanimità l approvazione delle adozioni dei libri di testo proposti dai dipartimenti. (delibera n 14) 4. Delibera attività di recupero per studenti con debito L Istituto ha acquisito nuovi finanziamenti per il FIS e ha acquisito i fondi provenienti da fonti esterne che il Consiglio di Istituto dopo opportuna contrattazione con le RSU - ha stabilito di destinare alle attività di recupero, in modo da poter operare su tutte le discipline. I fondi permettono di organizzare 312 ore di recupero debiti suddivise in pacchetti di 8 ore. La prof.ssa Emilia Vercesi propone di portare da 6 a 8 ore i corsi tradizionali e di prevedere corsi di 6 ore per le materie di indirizzo. Con il monte ore previsto si potrebbero attivare una quarantina di corsi, incrementando notevolmente il monte ore disponibile per gli studenti. Il periodo di recupero sarà compreso tra il 25 giugno/10 11 luglio. Il periodo è dilatato per rendere possibile agli alunni con più debiti di seguire tutte le lezioni. È possibile svolgere ancora delle ore di workshop per le classi quinte in vista della preparazione degli esami di Stato. La prof.ssa Emilia Vercesi ricorda di farle pervenire i rendiconti delle ore del progetto Minerva e dei corsi per stranieri già svolti nel corso dell anno scolastico in corso. Per le prove di settembre si chiede di fornire i testi entro il prossimo collegio docenti in modo da averle pronte per lo svolgimento degli esami. I testi delle prove integrative sono da preparare e consegnare entro i termini medesimi. I responsabili di dipartimento sono invitati a controllare i contenuti minimi e i facsimili di verifica e a inviare eventuali aggiornamenti in formato.doc o.pdf in file separati al gestore del sito e alla prof.ssa Emilia Vercesi, senza indicare l anno scolastico. La prof.ssa Musatti precisa che si deve chiarire alle famiglie che la preparazione per il saldo del debito non deve limitarsi allo studio dei contenuti pubblicati sul sito, ma deve riferirsi al programma consegnato da ogni insegnante di classe coerente con i contenuti minimi. La prof.ssa Vercesi dichiara che sarà preparata e divulgata una comunicazione con precise indicazioni di lavoro e di preparazione degli esami di settembre. Contestualmente si preciserà che ogni alunno dovrà ritirare in segreteria il programma da svolgere e che tutte le discipline prevedono prove scritte e prove orali. 5. Delibera progetto settimana sportiva indirizzato a tutte le classi 2^ La prof.ssa Angelini presenta un progetto di settimana sportiva svolto a Bibbione a cui aderiscono molte scuole in Italia; l offerta formativa dell Istituto Cairoli comprende stage, scambi e laboratori perciò potrebbe essere arricchita con un esperienza residenziale di beach volley in lingua inglese aperta agli alunni di 2^; essi non partecipano ancora a scambi o stage di altro tipo, perciò tale esperienza potrebbe essere un utile arricchimento dell offerta anche in chiave propoedeutica a esperienze già consolidate nel triennio. Durante la settimana è previsto un allenamento di tre ore di Beach Volley ogni giorno e di 9 ore di inglese, piscina, hip hop e altro durante la settimana. 3

4 La prof.ssa Musatti chiede quale sia il costo. La prof.ssa Angelini risponde che il costo previsto 250 tutto compreso: insegnamento lingua, vitto e alloggio in villaggio sportivo, composto da casette da quattro cinque posti, attività sportiva e viaggio in pullman. La prof.ssa Invernizzi chiede se c entra la Riso Scotti. La prof.ssa Angelini risponde che non c entra nulla, perché non è una proposta locale ma nazionale. La prof.ssa Sacchi chiede di chiarire a chi è proposto. La prof.ssa Angelini risponde che la proposta è rivolta a tutti gli alunni di seconda interessati, tuttavia non è necessario aderire come classe. La prof.ssa Antoninetti chiede cosa accadrebbe se aderissero alunni di classi, a cui in seguito sarebbero proposte scambi. Gli alunni dovrebbero rinunciare allo scambio con l estero? La prof.ssa Angelini risponde che l adesione è volontaria e non preclude altre iniziative. La prof.ssa Maggipinto chiede a quanti ragazzi sarà proposto. La prof.ssa Angelini risponde che per ora si prevedono 30 ragazzi, per riempire il pullman e limitare il costo del viaggio. L iniziativa sarà attivata con un minimo di 30 aderenti e potrà accogliere al massimo 90 richieste. Tutti i docenti di scienze motorie sono disponibili a accompagnare i partecipanti nel rapporto di 1/15. Dal punto di vista organizzativo il progetto dovrebbe essere approvato oggi per partire a settembre, in modo da raccogliere le adesioni entro la fine di maggio e poter essere pronti a settembre (la proposta prevede la partenza dei partecipanti il 16 settembre). La prof.ssa Maggipinto chiede se incontreranno altre classi. La prof.ssa Angelini risponde che lo faranno di certo, perché il villaggio ospita alunni provenienti da tutta Italia La prof.ssa Maggipinto chiede se non sarebbe meglio portare classi intere. La prof.ssa Angelini risponde che dal punto di vista organizzativo sarebbe più complesso e si limiterebbe la possibilità di partecipazione per l eventuale mancata adesione unanime del gruppo classe. La prof.ssa Bonvecchio sottolinea che l iniziativa potrebbe interessare alunne che già praticano la pallavolo. La prof.ssa Antoninetti sottolinea che gli scambi per le seconde non sono esclusi perché scambi verso la Francia sono stati già realizzati durante il secondo anno di corso. La prof.ssa Brocchetta propone che l attività sia proposta agli altri indirizzi e non al linguistico. La prof.ssa Sacchi propone che, nel caso in cui una classe intera accettasse, si limiti a tale partecipazione la progettualità annuale della classe, per evitare di attivare troppe attività extracurricolari per i medesimi alunni. La prof.ssa Angelini risponde che, oltre a questo, il dipartimento di Scienze Motorie proporrà le attività già avviate (Campus Aquae, campionati studenteschi, Corripavia etc.). La prof.ssa Este sostiene che l adesione aperta è un elemento positivo, ma non deve essere preclusiva alla partecipazione dell intero gruppo classe alla partecipazione di un progetto caratterizzante l indirizzo. Il D.S. prende la parola per evidenziare che l organizzazione delle attività nel corso dell anno sono deliberate dal Consiglio di Classe; è vero che in alcuni casi le attività extracurriclari sono state eccessive, ma esse sono sempre state tutte deliberate dal Consiglio di Classe stesso. 4

5 Alcuni docenti non identificati rumoreggiano: si intuisce che il loro confuso intervento concerne la giornata della creatività, la quale a loro parere non è stata approvata dai Consigli di Classe dei partecipanti. Il D.S. risponde che la giornata della creatività è stata organizzata dalla Consulta degli Studenti, organismo coordinato dal personale dell UST. La partecipazione a tale attività è sollecitata da tale organismo, il D.S. ha posto solo un vincolo che prevedeva la adesione dei ragazzi a condizione di un previo accordo con i docenti. (il Collegio rumoreggia). Il D.S. ribadisce che dopo l accordo con i docenti, gli alunni dovevano confermare la presenza all iniziativa con un tagliando da consegnare al vicepreside. Al termine di una discussione che sula dal punto all ordine del giorno il D.S. propone di fissare un tetto di attività di ore di attività extracurricolari per ogni classe, in quanto occorre trovare un equilibrio tra le uscite e il rifiuto di ogni uscita; occorre creare una graduatoria di interesse delle attività in relazione all indirizzo liceale e ai valori della proposta. Nella richiesta di uscita il docente che organizza l uscita didattica firma che l attività proposta rientra nelle deliberazioni del Consiglio di Classe. La prof.ssa Vigo propone di creare dei criteri per le attività che coprano la programmazione quinquennale. La prof.ssa Masseroli evidenza che le attività extracurricolari sono debordanti rispetto all impegno curricolare al di là dell indiscussa validità educativa delle proposte; semplicemente il rischio di esondare è molto forte per l adesione a tutte le attività culturali, sportive, formative offerte al territorio. La prof.ssa Bonvecchio dice che non si può rinunciare alle offerte. La prof.ssa Brocchetta dice che a volte manca l informazione e la comunicazione delle iniziative. La prof.ssa Castellani conferma tale enunciato. Il prof. Sercia provoca subbuglio nell assemblea, ma sottolinea una situazione di disagio delle Scienze Motorie nello svolgimento delle attività dell anno derivato dalle carenze strutturali dell istituto. I docenti di Scienze Motorie hanno dovuto riorganizzare le attività disciplinari a causa della mancanza di strutture, perciò chiede la collaborazione del Collegio per poter svolgere in modo significativo le attività disciplinari, anche prevedendo uscite presso strutture esterne. Il D.S. ricorda che quanto discusso fino ad ora non c entra nulla con la proposta della prof.ssa Angelini, perciò richiama la discussione al punto all ordine del giorno. La prof.ssa Milani propone di riservare la proposta alle Scienze Umane o al LES per limitare il numero dei partecipanti ed evitare problemi con gli scambi di francese. La prof.ssa Angelini ribatte che l imposizione di un numero chiuso a determinati indirizzi potrebbe provocare malumore tra gli alunni. La prof.ssa Poma chiede quali siano i criteri di esclusione di eventuali esuberi. Il D.S. rimanda al dipartimento di Scienze Motorie ogni aspetto organizzativo. La prof.ssa Invernizzi chiede se la proposta è solo per il prossimo anno scolastico o procederà anche ai successivi. Il D.S. dichiara che la proposta e il progetto vanno valutati dopo la sperimentazione. Il Collegio delibera con 10 voti contrari e 16 astenuti di acconsentire all attività proposta dalla prof.ssa Angelini da svolgersi a Bibbione a settembre per gli alunni aderenti delle classi seconde. (delibera n 16) 6. Delibera sperimentazione nell indirizzo Scienze Umane La prof.ssa Castellani, alla luce dell incarico assegnato dal Collegio Docenti, riferisce che la commissione da lei coordinata ha redatto il progetto, che prevede l aggiunta di ore di 5

6 Scienze Umane al LSU, perché la disciplina ha assunto un impianto molto più teorico rispetto alla tradizione metodologica dei preesistenti indirizzi. L insegnamento delle Scienze Umane ha la necessità di un approccio empirico ai contenuti e dell uso di strumenti informatici, che possono essere svolti adeguatamente solo con un ora in più alla settimana. La proposta prevede di aggiungere un ora di Scienze Umane al biennio per consentire agli alunni di svolgere attività di metodologia della ricerca e di rielaborare i dati raccolti in modo progettuale mediante le TIC, spaziando anche a strategie comunicative abitualmente non contemplate a scuola. Si propone dunque di aggiungere un ora laboratoriale al monte ore disciplinare di Scienze Umane nelle classi prime e seconde del LSU. In tal modo le ore settimanali diventerebbero 28, al posto di 27. (allegato 2). Il prof, Casella chiede di precisare che l aumento del monte ore è vincolato alla concessione di risorse aggiuntive da parte dell USR. Il Collegio delibera la presentazione del progetto all USR con tre voti contrari e nove astenuti. (delibera n 15). La prof.ssa Protti chiede se è possibile proporre un potenziamento delle lingue straniere al liceo linguistico, scorporando l ora di lettorato da quelle disciplinari. Il D.S. dichiara di riservarsi di parlare a parte di tale proposta perché riguarda una riorganizzazione delle risorse interne, senza avere costi aggiuntivi. Occorre vedere se nell ordinamento non siano vincolate le ore di lettorato a quelle di lingua straniera. In questa sede si può ipotizzare di avviare un tale progetto considerando tutte le variabili normative e organizzative che si possono presentare. Il D.S. invita a presentare una proposta articolata e dettagliata per il prossimo Collegio dei Docenti. 7. Proposta criteri formazione classi Il D.S. ricorda che le delibere su formazione classi e assegnazione dei docenti alle classi sono fatte annualmente, tenendo conto dei riferimenti di legge. Il Collegio è chiamato a proporre in modo non vincolante i criteri da presentare al Consiglio di Istituto, il quale delibererà i criteri stessi. Infine il D.S. dispone in materia nel rispetto delle norme, salvo motivazione esplicita. L RSU interviene nei casi di controversia. Per la formazione classi si confermano i criteri passati (scelta di indirizzo, omogeneità, stesso numero di ripetenti o stranieri, presenza BES). Il D.S. evidenzia che alcune voci vanno definite in modo più preciso e significativo; ad esempio occorre chiarire il concetto di omogeneità, così come è necessario chiarire il concetto di area di provenienza e di provenienza culturale; inoltre bisogna chiarire quali sono gli elementi oggettivi e misurabili che rendono le classi omogenee. Il prof. Milite chiede che le scelte delle famiglie dovrebbero essere limitate all indirizzo di studio e non prevalere nell assegnazione alla sezione. Il docente chiede di scrivere il criterio in modo da ufficializzarlo. 8. Proposte di criteri assegnazione docenti alle classi Il D.S. elena le esigenze da porre all attenzione del Collegio relativamente ai criteri di assegnazione dei docenti alle classi: a. continuità didattica nei limiti dovuti alla costituzione di cattedre da parte dell UST. b. fatta salva la continuità, nell ultimo anno di ogni ciclo è consentita un assegnazione che tiene conto la competenza dei docenti a svolgere attività considerate obbligatorie da norme vincolanti (ad esempio CLIL). c. una compensazione delle classi che hanno avuto situazioni disagiate (quali discontinuità didattica reiterata). 6

7 d. compensazione anche tra corsi e gli indirizzi al fine di distribuire il personale supplente in maniera equa. e. Possibilità del D.S. su posti disponibili. f. Possibilità di spostamenti a domanda qualora si creassero posti disponibili. 9. Delibera criteri per la valutazione degli allievi nel corso degli scrutini finali Il D.S. propone di mantenere i criteri di valutazione approvati nel 2010 e inseriti nel POF, perché non è possibile modificare i criteri ad anno scolastico quasi concluso. Il D.S. ricorda di applicarli rigorosamente ed equamente in tutte le classi. Successivamente il Colelgio dovrà valutare dai risultati di quest anno l eventualità di cambiamenti dopo l analisi della situazioni che si sono verificate. 10. Proposte di modifica del regolamento Il D.S. evidenzia l esigenza di accorciare i tempi per l erogazione delle sanzioni, in particolare di quelle meno pesanti, al fine di essere puntuali nel provvedimento disciplinare ed educativo. Si può pensare a una commissione formata dal coordinatore, dal D.S. e dallo staff di dirigenza per formare un un organismo collegiale ristretto, che possa riunirsi velocemente. Tale organismo dovrebbe costituire un livello intermedio tra il Consiglio di Classe e il D.S. così che possa intervenire tempestivamente. Per le sanzioni gravi si lascerebbe la competenza al Consiglio di Classe secondo le attuali procedure. 11. Ipotesi dei criteri per la formazione dell orario a.s. 2014/2015 Il D.S. è responsabile della formulazione dell orario, egli solitamente delega senza assunzione di responsabilità a una commissione. Perciò stabilisce di affidare la formulazione dell orario allo staff di dirigenza; il programma è di definire l orario a luglio e proporre ai supplenti la scansione organizzativa predisposta. La prof.ssa Sorgetti dice che i lettori di conversazione possono prendere da supplenti solo spezzoni, quindi dovrebbero rinunciare a supplenze su un orario già vincolato. Il D.S. prevede un minimo di flessibilità, ma non si può prevedere un prolungamento eccessivo della situazione di instabilità organizzativa, in quanto legato a ciò c è anche la possibilità di organizzare lo scadenziario annuale. La necessità di controllare l orario da parte di coloro che sono direttamente in contatto con il D.S. prevede l avocazione della funzione allo staff di dirigenza. Il D.S. propone i seguenti criteri: occorre assegnare un peso ad ogni disciplina in maniera che le giornate di scuola siano equilibrate per gli alunni. nei limiti del possibile non assegnare un carico quotidiano di cinque ore consecutive ai docenti Il prof. Lunati interviene, interrompendo l enunciazione dei criteri, per sottolineare che ha appreso in questo momento della sua estromissione dalla commissione per la formulazione dell orario; manifesta costernazione di fronte a tale notizia. La prof.ssa Maggipinto esprime la medesima sensazione, sostenendo che avrebbe desiderato essere avvisata in anticipo come membro della precedente commissione orario. Il D.S. risponde che quanto ha sostenuto riguarda una sua linea di condotta di 7

8 organizzazione della scuola, su cui i docenti sono chiamati a ragionare per poter deliberare al prossimo Collegio Docenti. Il Collegio per il D.S. è la sede per esprimere tali linee programmatiche per poter rendere ufficiali le sue affermazioni. La prof.ssa Maggipinto chiede maggiore attenzione ai rapporti umani esistenti nella scuola e alle relazioni interpersonali di collaborazione attiva e di lunga durata. Il D.S. ribadisce che dal punto di vista organizzativo lui desidera strutturare la scuola in modo professionale e funzionale, così da poter controllare i processi e poter intervenire per modificarli. Non ritiene che le questioni organizzative debbano essere discusse in separata sede, essendo prettamente professionali. Riprende l enunciazione dei criteri: considerare lo spostamento dalla sede alla succursale sempre con interruzione di un ora. I desiderata devono essere considerati solo desiderio, che può essere espresso quale semplice preferenza senza ipotesi subalterne e senza alcun vincolo da parte dell amministrazione di essere accolto. Il D.S. esemplifica in relazione alle richieste di sabato libero. L enunciazione è nuovamente interrotta dalla prof.ssa Benhke, che propone che lavorino di sabato coloro che avevano il giorno libero di sabato. Riprende l enunciazione dei criteri: Rotazione annuale dei giorni liberi assegnati. Il prof Lunati interviene affermando che risulta sconveniente assegnare i giorni liberi di sabato e lunedì senza conoscere la composizione dei Consigli di Classe, perché in alcune situazioni il sabato libero potrebbe essere assegnato a tutti coloro che lo desiderano. Riprende l enunciazione dei criteri: Definizione di un contingente massimo di docenti per ogni giorno libero. L orario sarà organizzato a partire dalla distribuzione delle ore di Scienze motorie considerati i vincoli di spazio attuali. L orario sarà organizzato a partire dalla distribuzione delle ore di religione considerati i vincoli delle richieste degli alunni. Il sabato ed il lunedì non si potrà costituire un orario con peso troppo basso. Pertanto Italiano e matematica e le lingue straniere saranno presenti in raggruppamenti di due discipline almeno. Sarà possibile effettuare una distribuzione non casuale nelle prime e nelle ultime ore solo se i docenti saranno disponibili a una compensazione sia con colleghi sia in ragione del miglioramento dell orario della classe. Le regole stabilite e deliberate dal Collegio saranno derogate solo su richiesta scritta del docente con opportuna documentazione valutata dal D.S. che assumerà la relativa decisione. Distribuzione delle ore disciplinari nella settimana, per evitare accumulo di ore in giorni contigui. 8

9 Il D.S. chiede al Collegio di esprimere un parere riguardo a tali proposte. La prof.ssa Torti sottolinea che il vincolo per l ora di religione può valere solo se la classe intere non si avvale, altrimenti non può essere stabilito. Un docente non identificato chiede quale sia l ipotesi di orario di settimana corta. Il D.S. risponde che non è possibile attualmente formulare un ipotesi riguardo a un panorama di estrema incertezza. Se l Amministrazione provinciale costringerà alla chiusura, si valuterà una proposta organizzativa. Il D.S. afferma che si era ipotizzato una giornata scolastica fino alle ore senza rientri pomeridiani. Le ore sarebbero state recuperate nei giorni di sabato delle prime settimane di scuola. La prof.ssa Protti ragiona sull ipotesi di settimana corta chiedendo di riflettere sulla concessione dei permessi di uscita anticipata, per evitare di far uscire la maggioranza degli alunni all ultima ora. Il D.S. risponde di aspettare l imposizione dell Amministrazione Provinciale, che dovrà riorganizzare i servizi di trasporto altrimenti non è realizzabile alcun cambiamento. La prof.ssa Boselli ricorda di mantenere le due ore consecutive per le prove scritte. La pro.ssa Maino chiede di abbinare gli insegnamenti doppi (Matematica, fisica o storia e filosofia) nell assegnazione dei docenti alle classi per favorire la gestione didattica delle discipline. Il D.S. risponde che nel corso degli anni si andrà migliorando l impianto organizzativo dell orario, perché i cambiamenti sono sempre graduali. La prof.ssa Masseroli esprime un ringraziamento alla commissione orario uscente per come ha operato con professionalità e competenza (applausi) La pro.ssa Invernizzi interviene a difesa dell operato passato della commissione orario, che ha sempre lavorato a suo parere secondo i criteri appena enunciati. I punti non trattati sono rimandati al prossimo collegio dei docenti.! Valutazione in itinere dei percorsi attuati dalle Figure Strumentali e dalle Figure di sistema.! Pianificazione insegnamento discipline non linguistiche da impartire nelle classi terminali di lingua straniera.! Analisi Piano Annuale Inclusione.! Ipotesi progetto Potenziamento Inglese classi 5^linguistico. Alle ore la seduta è tolta. Allegati 1. Presentazione del progetto Unplugged 2. Progetto di sperimentazione di un ora aggiuntiva nel biennio di Scienze Umane. Letto, approvato e sottoscritto Il Dirigente Scolastico dr. Francesco Rubiconto Il segretario prof. Luca Pirola 9

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET VERBALE n. 8 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO dell Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet di Abbiategrasso in data 11 ottobre 2013 Il giorno 11 ottobre 2013 alle ore 18.00 nella Sala Professori dell Istituto,

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO FUNZIONE STRUMENTALE. AREA SERVIZI E SOSTEGNO AI DOCENTI e GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO

RELAZIONE FINALE PROGETTO FUNZIONE STRUMENTALE. AREA SERVIZI E SOSTEGNO AI DOCENTI e GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO RELAZIONE FINALE AREA SERVIZI E SOSTEGNO AI DOCENTI e GESTIONE REGISTRO ELETTRONICO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 DOCENTE: Maria Rosaria Sebastiani DATA: 12 giugno 2013 FIRMA Il presente progetto è stato rivolto

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012 MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Betty Ambiveri Sede: Via C. Berizzi, 1 24030 Presezzo (BG) 035/610251 Fax 035/613369 Cod. Fisc. 82006950164 http://www.bettyambiveri.it

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

FAQ sul corso serale

FAQ sul corso serale FAQ sul corso serale di A. Lalomia Premessa Si presenta in questa sede una serie di domande e risposte relative ad un corso serale pubblico, frutto dell esperienza più che decennale maturata in questi

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricadono durante degli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

CIRCOLARE n. 37 Roma, 13 aprile 2010 Prot. n. AOODIP/1228 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

CIRCOLARE n. 37 Roma, 13 aprile 2010 Prot. n. AOODIP/1228 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n. 37 Roma, 13 aprile 2010 Prot. n. AOODIP/1228 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI e p.c. al Gabinetto del Ministro SEDE OGGETTO: Dotazioni organiche del personale

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 Comun.n. O g g e t t o 1. Convenzione per l'acquisto abbonamento annuale ATAF con sconto 2. Desiderata a.s. 2013/14 3. Orario funzionamento classi dal 11.09.13 al 14.09.13

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli