PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 Liceo Giorgione IN FUTURA PROSPECTUM INTENDE Liceo Classico - Liceo Scientifico Liceo Scientifico Scienze applicate Liceo Linguistico - Liceo Musicale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo Ginnasio Statale Giorgione Via Giuseppe Verdi n Castelfranco Veneto (TV) Tel Fax Cod.MIUR TVPC02000B Cod.fiscale POF PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

2 LICEO CLASSICO E SCIENTIFICO GIORGIONE Via Verdi CASTELFRANCO VENETO (TV) Tel: Fax: Sito Web:www.liceogiorgione.tv.it ANNO SCOLASTICO I - IL LICEO GIORGIONE Il Liceo Classico e Scientifico Giorgione raggiunge l autonomia nel 1959 come Liceo Ginnasio Statale, dopo essere stato a lungo una sezione staccata del Liceo Ginnasio Canova di Treviso, ricollegandosi ad una tradizione che affonda le sue radici fino al 1782, mantenuta e rafforzata da Castelfranco nel corso della sua storia. Dal 1964 occupa l edificio che ancora oggi costituisce la sua sede principale e che fu costruito per lo scopo. Nel 1967 introduce anche l indirizzo Scientifico. Da allora il numero degli alunni e l offerta formativa sono cresciuti senza interruzioni, di pari passo, fino all attuale dimensione che comprende le classi dei nuovi indirizzi della riforma assegnati alla Scuola: Liceo Classico Nuovo Ordinamento; Liceo Scientifico Ordinario; Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate; Liceo Linguistico; Liceo Musicale e Coreutico. In totale le classi sono quarantacinque. Esauriti invece, con il passato anno scolastico, i corsi tradizionali che avevano contraddistinto il Liceo Giorgione fin dalla sua nascita. Negli ultimi dieci anni, per effetto di spiccate sinergie elettive tra la Scuola ed il suo territorio, il Liceo Classico ed il Liceo Scientifico erano stati attualizzati con innumerevoli sperimentazioni, sia nazionali, come il Liceo PNI, che autonome, le quali, in molti casi, hanno saputo anticipare ed accompagnare l evoluzione delle riforme ministeriali. Oltre alle innumerevoli minisperimentazioni, ricordiamo il Liceo Scientifico d Europa (con bilinguismo, ECDL, CLIL e laboratori virtuali e digitali) ed il Nuovo Liceo Scientifico Autonomia ad Indirizzo Musicale, avviato per la prima volta nell anno scolastico , con il patrocinio del Comune, in convenzione con il Conservatorio A. Steffani, la Fondazione Morello di Castelfranco V.to e l Accademia Voce Arte e Comunicazione; la sperimentazione autonoma aveva preceduto e consentito l assegnazione alla nostra Scuola del Liceo Musicale e Coreutico della Riforma. La vocazione del Liceo Giorgione all innovazione viene tuttavia confermata oggi dall implementazione di una classe digitale nel terzo anno del Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate: alunni e docenti sfruttano la completa dotazione di strumenti digitali per una didattica ed uno studio interattivi; si affiancano anche numerose iniziative di potenziamento dell offerta formativa di tutti gli indirizzi. Il territorio: sulla tradizionale struttura a prevalenza agricola e artigianale della Castellana sono cresciute numerose piccole e medie aziende, sia industriali che commerciali, caratterizzate da invidiabile vivacità economica e dinamismo molto pronunciato. Castelfranco è il fulcro di questo sviluppo, avendo confermato e rafforzato il ruolo di centro dei servizi amministrativi, commerciali, sanitari, scolastici e della comunicazione, che da sempre gli viene riconosciuto; la sua posizione è 1

3 naturalmente baricentrica rispetto a tutti i capiluogo di provincia del Veneto Centro-Orientale: Belluno, Venezia, Treviso, Padova e Vicenza; a Castelfranco confluiscono i flussi viari dell intero territorio, da Asolo a Loreggia, sull asse dell antica Aurelia e lungo l asta del Muson dei Sassi, e da Vedelago a Galliera Veneta, lungo l antica via Postumia. Facile ed efficace, inoltre, il suo raccordo con la rete regionale e nazionale delle comunicazioni, stradali e ferroviarie, compresa la metropolitana di superficie, in fase di avanzata realizzazione. La sede principale, in via Verdi n. 25, è stata costruita appositamente per il Liceo, che la occupa stabilmente dall 1 gennaio E situata nell area Est del Centro storico, in Borgo Treviso, appena a Sud della statale per Treviso, fra la Stazione Ferroviaria, Parco Bolasco e il nuovo viale che conduce a Piazza Serenissima e al Centro Commerciale. E una costruzione a due piani, che negli ultimi anni ha ricevuto ristrutturazioni ed interventi decisivi per la sua messa in sicurezza; contiene i laboratori, le palestre, gli impianti sportivi esterni, la biblioteca, l aula magna, la sala docenti, la presidenza, gli uffici di segreteria, le aule internet e multimediali, le quali rendono possibile un attività didattica e amministrativa completa e ricca. Il perdurante e cospicuo aumento delle iscrizioni di questi anni ha tuttavia costretto il Liceo ad utilizzare prima una sede succursale ed in seguito due, cui si aggiunge la dislocazione di due classi presso l ITCG Martini, per un totale di 16 classi complessive esterne alla Sede Centrale. Continua, in collaborazione con la Provincia di Treviso, la ricerca di una soluzione strutturale unica e definitiva, di cui l esigenza cresce col crescere della Scuola, con l aumentare delle sue funzioni e delle aspettative del territorio. E stata comunque mantenuta elevata la qualità della proposta formativa, grazie soprattutto all ottimizzazione degli orari degli insegnanti e dei turni di accesso ai laboratori e alle palestre presso la Sede Centrale; quando non è stato possibile intervenire diversamente, sono state adottate iniziative di offerta formativa suppletiva finalizzate al miglioramento del servizio scolastico per le classi delle sedi staccate. L utenza, nel medio periodo, è passata velocemente da circa seicento alunni ai più di mille attuali, cospicuamente distribuiti nelle classi dei nuovi ordinamenti istituiti con la Riforma, che quest anno per la prima volta raggiungono le classi quinte, dopo l esaurimento, nel passato anno scolastico, dei corsi dei vecchi ordinamenti e delle sperimentazioni autonome condotte dall Istituto. Gli studenti del Giorgione provengono dal Comune di Castelfranco, dai Comuni del Distretto (Altivole, Castello di Godego, Loria, Resana, Riese Pio X, Vedelago) e in parte dagli altri Comuni limitrofi, che tradizionalmente vedono Castelfranco come il centro naturale di un territorio, il quale supera i limiti amministrativi degli stessi Distretto e Provincia. In particolare, vi confluiscono, per interesse ed elezione, anche i giovani dell Alta Padovana (Loreggia, Piombino Dese, S. Martino di Lupari, Tombolo, Galliera ) e delle zone a questa collegate (Noale, ad esempio). Scelgono il Liceo, mediamente, giovani motivati e ben preparati: oltre il 50% degli iscritti, infatti, si presenta al primo anno con valutazioni di eccellenza o ottime; la percentuale dei non ammessi alla classe successiva nel Biennio si è apprezzabilmente ridotta col passare del tempo, mentre cresce, invece, la qualità della preparazione riscontrata attraverso i test nazionali Invalsi, che ci collocano tra le migliori scuole in assoluto. Negli ultimi anni, più dell 80% degli allievi iscritti alla prima classe ha completato regolarmente il proprio corso liceale e ha raggiunto il diploma con buoni risultati. Le iniziative adottate hanno consentito di portare con progressività al calo della percentuale degli abbandoni e delle insufficienze. Anche nell Esame di Stato 2014, come avviene ormai con regolarità da diverse sessioni, i nostri studenti interni hanno ottenuto prevalentemente buone valutazioni: la maggioranza ha conseguito 2

4 infatti punteggi rientranti nella fascia da 80/100 a 100/100; il 10% con il massimo dei voti, comprendendo più casi con la lode; tutti gli allievi ammessi hanno conseguito il titolo finale. Gli studenti che escono dal nostro Liceo si iscrivono, nella quasi totalità, a corsi universitari di Laurea, consapevoli di possedere un adeguato livello di formazione personale ed un bagaglio di competenze culturali fra le più complete e le più solide. Alcuni scelgono anche, come avviene da qualche anno, percorsi di Laurea Breve. In ogni caso, sia negli studi che nelle attività professionali, chi ha frequentato con impegno il percorso liceale sa far valere, oltre che le sicure competenze acquisite, soprattutto quelle capacità di intelligenza e di autonomia, le quali sono oggi richieste in tutte le mansioni professionali di buon livello. Gli studi statistici di settore, condotti dagli enti con i quali il Giorgione è in relazione, attestano che la percentuale di dispersione scolastica in ambito universitario, relativa ai giovani diplomati presso il nostro Istituto, è minima, confermando il particolare valore formativo della nostra Scuola. Drasticamente migliorata anche la situazione relativa agli ingressi per superamento di test selettivi in Facoltà notoriamente difficili, per le quali il Liceo predispone esercitazioni on line, incontri in loco ed altre attività preparatorie e di orientamento. Qualità: cominciò nel 2003 il programma di interventi che ha interessato tutte le procedure burocratiche e di erogazione del servizio nel Liceo Giorgione, con una politica della qualità sempre orientata al potenziamento e al miglioramento dell offerta formativa e dei processi gestionali che la sostengono, oltre che, naturalmente, delle vitali funzioni amministrative. Il Programma per la Qualità ha consentito sintesi e coerenza razionale per quanto progettato e realizzato all interno della Scuola, fino al raggiungimento, nel giugno del 2005, della certificazione UNI EN ISO: L impegno del Giorgione è stato poi coronato con il conseguimento del Premio Qualità-Scuola del Veneto, nel maggio 2006, unica tra le scuole superiori della Provincia di Treviso. Il Giorgione ha inoltre partecipato alle quattro fasi sperimentali di sviluppo del sistema di Autovalutazione Invalsi, sempre con risultati di vertice, dal 2002 al 2006; ha conseguito quattro volte il Premio Cento Scuole della Fondazione San Paolo di Torino, nel 2005, nel 2007, nel 2008 e nel 2009; nel 2008 ha rinnovato la certificazione con l SGS; nel 2009 ha superato la fase di selezione del concorso Formez Premiamo il Merito, è stato segnalato quindi per merito ed ha perciò ricevuto la visita dei Valutatori, i quali hanno verificato i risultati degli enti pubblici italiani ammessi, secondo i termini del bando del Ministero per l Innovazione, conseguendo la menzione in sede nazionale. Il Progetto Qualità ricerca quindi la risposta possibile per l evoluzione costante di una società sempre più dialettica e più dinamica, consentendo, tra l altro, investimenti idonei nelle risorse umane, tecniche e finanziarie, alla ricerca del miglioramento continuo anche nel quadro della Riforma ultima. Conclusa ormai l esperienza con l SGS, da quest anno il Liceo Giorgione si propone di studiare attentamente modelli di autovalutazione di Istituto, secondo le modalità del Progetto Vales, in modo da poter essere pronti a soddisfare le richieste del nuovo Sistema di Valutazione che sta organizzando l INVALSI. Vale la pena di ricordare, comunque, che Qualità per la Scuola è per noi, in ogni caso: progettualità-monitoraggio-miglioramento, laboratorialità, metodologia didattica, diritto di cittadinanza, apertura all Europa e alla Mondialità, flessibilità organizzativa, sicurezza, prevenzione del disagio, stare bene a Scuola, ben-essere dell individuo attraverso la formazione e la sua preparazione alla società contemporanea, strategie di sostegno e recupero efficaci, limitazione della dispersione scolastica e miglioramento continuo; contemperare innovazione e tradizione in una proposta formativa coerente e concretamente efficace per il futuro dei nostri giovani e delle loro famiglie; armonizzare la ricerca dell eccellenza con la garanzia dello sviluppo formativo per tutti, nell ambito di una piena e viva corresponsabilità tra le diverse componenti della Scuola. 3

5 ORGANIGRAMMA INTERNO DIRIGENTE SCOLASTICO DOTT. GIUSEPPE CECCON Docenti: n. 106 (di cui 75 a tempo indeterminato) Insegnante tecnico-pratico: n. 1 (Fisica) Assistenti tecnici di laboratorio: n. 3 (1 di Scienze, 2 di Informatica) Bibliotecaria: n. 1 Personale ATA: n. 27 COLLABORATORI DEL DIRIGENTE COORDINATORI SEDE STACCATA SARTO Prof.ssa Sara Ganeo: con funzione vicaria (con semiesonero) e compiti di istruzione degli atti e documentazione utile agli Organi Collegiali della Scuola; raccordo relazionale ed operativo tra Collegio dei Docenti e Dirigenza; tutoring dei docenti neoassunti; funzionamento generale: giustificazioni degli alunni, sostituzioni e supplenze degli insegnanti, applicazione del calendario impegni degli allievi e dei docenti, coordinamento generale di staff; coordinamento dei docenti responsabili di funzione strumentale, di progetti e dei coordinatori di classe; monitoraggio degli allievi per indagini conoscitive, scrutini ed esami; Prof.ssa Giuliana Lo Giudice: referente per il progetto e- Government/e-Learning in rete territoriale; referente per proposte e per programmi relativi alle tecnologie informatiche applicate alla didattica e dei sistemi rivolti al miglioramento del rendimento dei servizi e dell organizzazione del lavoro; referente per la partecipazione del Liceo a manifestazioni fieristiche; predisposizione dell orario delle lezioni; Segretaria del Collegio dei Docenti; funzione vicaria in caso di assenza del Dirigente e della collaboratrice vicaria; Prof.ssa ANNA LATINI Prof. FRANCO SARETTA Prof.ssa SONIA BENETTON COORDINATORE SEDE STACCATA DI VIA SERATO Responsabile del trattamento dei dati personali Responsabile per il rispetto del divieto di fumo Responsabile sicurezza (RSPP) Rappresentante lavoratori (RLS) FUNZIONI STRUMENTALI Prof.ssa TIZIANA SPONTI Prof.ssa STEFANIA SARTORI Dirigente Scolastico: dr. GIUSEPPE CECCON Dirigente Scolastico: dr. GIUSEPPE CECCON Prof. VITTORIO CARACUTA Sig. ERNESTO CAMPAGNOLO 1 POF: Prof. Vittorio Caracuta 2 CITTADINANZA BEN-ESSERE SUCCESSO FORMATIVO RECUPERO: Prof. Attilio Baccarin 3 - FORMAZIONE DOCENTI - NUOVE TECNOLOGIE: Prof. Roberto Marazzato 4 ORIENTAMENTO IN ENTRATA ED IN ITINERE: prof.ssa Silvia Barbato 5 ORIENTAMENTO IN USCITA: Prof. P.Paolo Del Pra 4

6 DIRETTORE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI Signor Francesco Verduci Addetti alla Segreteria: n. 9, di cui 1 a tempo determinato e 2 part time. Collaboratori scolastici: n. 14, di cui 3 part-time, più 3 con contratto a tempo determinato (più servizi in appalto esterno). COORDINATORI E SEGRETARI DI DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO COORDINATORE SEGRETARIO MATEMATICA FISICA INFORMATICA LO GIUDICE RAMAZZINA SCIENZE NATURALI FASSINA PATRIGNANI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA E CULTURA LATINA LINGUA E CULTURA GRECA STORIA E GEOGRAFIA FAVARO PENELLO FORATO VERCESI STORIA E FILOSOFIA TRENTIN NICOLETTI LINGUE E CULTURA STRANIERA VALENTINI NIERO RELIGIONE CATTOLICA ANDRETTA BRUNATI DISEGNO E STORIA DELL ARTE STORIA DELL ARTE CARLASSARA STOCCO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PILOTTO CIMADOR MUSICA ACOLEO MARCUGLIA MUSICA MATERIE TEORICHE QUAGGIOTTO SARETTA 5

7 COORDINATORI E SEGRETARI DI INDIRIZZO INDIRIZZO COORDINATORE SEGRETARIO LICEO MUSICALE LATINI ACOLEO LICEO LINGUISTICO OBAYA VALLONE LICEO CLASSICO SIVIERO NICOLETTI LICEO SCIENTIFICO ORDINARIO MARAZZATO PENELLO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE GANEO BARBATO COORDINATORI E SEGRETARI DEI CONSIGLI DI CLASSE 1 1^ALC SIVIERO CANZIAN 2 2^A LC SIVIERO VERCESI 3 3^ ALC VERCESI TURCATO 4 Liceo Classico 4^A LC ZANATTA MUTTI 5 5^ALC ZANATTA NICOLETTI 6 1^ASO MONICO PAOLIN 7 1^BSO ZANELLATO MICHIELIN 8 1^CSO GIONCO VALENTINI 9 2^ ASO BACCARIN SPONTI 10 Liceo Scientifico 2^ BSO DE GRANDIS E. PENELLO 11 Ordinario 2^ CSO DE GRANDIS A. CIMADOR 12 3^ASO MIOTTO CECCHETTI 13 3^BSO FAVARO OROFINO 14 3^CSO DE GRANDIS A. LUCCHETTA 15 4^ASO FAVARO CARACUTA 16 4^BSO PENELLO CASELLA 17 4^CSO PIVA CARLASSARA 18 5^ASO GALLO RAMAZZINA 19 5^BSO DE MATTEIS MARCOLONGO 20 5^CSO PIVA TARRICONE 21 5^DSO FORATO FASSINA 22 1^ASA GALLO PATRIGNANI 23 1^BSA SPONTI SACCARDI 24 2^ ASA FABIAN CANZIAN 25 2^ BSA MONICO STOCCO 26 Liceo Scientifico 3^ ASA CONTE BATTAGLIA 27 Op. Scienze Applicate 3^BSA BARBATO ONGARO 28 4^ASA DE MATTEIS TORRESAN 29 4^BSA PASQUALETTO VALENTINI 6

8 30 5^ASA LO GIUDICE GANEO 31 5^BSA ZAMPERONI POZZEBON 32 1^ALL FORATO TURRIN 33 1^BLL VALLONE PONTIN 34 Liceo Linguistico 2^ALL CARLON PAOLIN 35 2^BLL GORGATI SIMEONI 36 3^ALL MIOTTO SLONGO 37 3^BLL VALLONE BAGGIO 38 4^ALL SARTORI COLONNA 39 4^BLL ANTONELLO PILOTTO 40 5^ALL OBAYA MANZETTI 41 1^ALM BENETTON QUAGGIOTTO 42 Liceo Musicale 2^ALM LATINI FERRONATO 43 3^ALM SARETTA PERISELLO 44 4^ALM NIERO DELLA VENTURA 45 5^ALM CONTE AMBROSI COMMISSIONI 1 COMITATO TECNICO LICEO MUSICALE 2 SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE 3 COMMISSIONE ORARIO 4 COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE 10 COMMISSIONE FORMAZIONE CLASSI 11 COMMISSIONE DI GARANZIA 12 COMMISSIONE ELETTORALE DIRIGENTE SCOLASTICO: dr. GIUSEPPE CECCON ALESSANDRA CONTE PAOLA ACOLEO DIRIGENTE SCOLASTICO: dr. GIUSEPPE CECCON VITTORIO CARACUTA MARIO PERISELLO ERNESTO CAMPAGNOLO DIRIGENTE SCOLASTICO: dr. GIUSEPPE CECCON GIULIANA LO GIUDICE SARA GANEO SARA GANEO BENEDETTA VALENTINI FLAVIA GIONCO ROBERTO MARAZZATO SILVIA BARBATO VITTORIO CARACUTA GIULIANA LO GIUDICE ATTILIO BACCARIN DIRIGENTE SCOLASTICO: dr. GIUSEPPE CECCON DSGA: FRANCESCO VERDUCI PRESIDENTE DEL CdI STUDENTE ROBERTO MARAZZATO DIRIGENTE SCOLASTICO: dr. GIUSEPPE CECCON DOCENTI: VITTORIO MANZETTI GENITORE STUDENTE ATA: ERNESTO CAMPAGNOLO DOCENTE: VITTORIO MANZETTI DOCENTE: GIANPIER NICOLETTI GENITORE: CRISTINA RIELLO STUDENTE DEL C.d.I. ATA: MARIA FAVASULI 7

9 12 COMMISSIONE TECNICA COLLAUDI 13 COMMISSIONE BORSE DI STUDIO 14 COMMISSIONE RECUPERO POTENZIAMENTO COGESTIONE DSGA: FRANCESCO VERDUCI FLORIANO SPECIA ERNESTO CAMPAGNOLO DIRIGENTE SCOLASTICO: dr. GIUSEPPE CECCON DSGA: FRANCESCO VERDUCI DOCENTE: GILIANA ZANATTA STUDENTE DIRIGENTE SCOLASTICO: dr. GIUSEPPE CECCON COLLABORATORI: GANEO LO GIUDICE ATTILIO BACCARIN FABIO POZZEBON RESPONSABILI LABORATORI - AULE E SPAZI SPECIALI - MATERIALI LABORATORIO INFORMATICA Prof. Fabio Pozzebon LABORATORIO SCIENZE Prof. Attilio Baccarin LABORATORIO FISICA Itp. Paolo Del Prà LABORATORIO LINGUISTICO Prof.ssa Maria Antonello IMPIANTI SPORTIVI Prof. Mario Perisello INTERNET POINT Prof. Lorena Obaya BIBLIOTECA Prof.ssa Emanuela Negro AULA MAGNA/AUDIOVISIVI Tecnico Ernesto Campagnolo RESPONSABILI AREE DI PROGETTO 1. Prof. Vittorio Caracuta POF 2. Prof. Silvia Barbato Orientamento in entrata Funzione Strumentale 3. Prof. Roberto Marazzato Formazione Docenti Nuove tecnologie 4. Prof. Paolo Del Pra Orientamento in uscita 8

10 5. Prof. Attilio Baccarin Cittadinanza/Ben-essere/Successo formativo/recupero 6. Prof.ssa B. Valentini Certificazioni 7. Prof.ssa Lorena Obaya Lettorato 8. Prof.ssa Daniela Turcato Conferenze in lingua 9. Prof.ssa P. Acoleo / Prof. N. Ruffato Progetto Liceo Musicale / Orientamento-Promozione 10. Prof. Gianpier Nicoletti Quotidiano in classe 11. Prof.ssa Giuliana Lo Giudice ECDL 12. Proff.F. Pasqualetto / R. Michielin Ambiente e Salute 13. Prof. Attilio Baccarin Progetto Galileo 14. Prof.ssa Giliana Zanatta Centro Informazione e Consulenza (CIC) Prof.ssa E. Borlina 15. Prof.ssa Annalisa Brunati Volontariato Mercatino equo-solidale 16. Prof. Vittorio Caracuta Progetto Sicurezza (RSPP) 17. Prof.ssa Silvia Gallo Diritti Umani e Cittadinanza 18. Prof. Gianpier Nicoletti Progetto Europa 19. Prof. Renato Carlassara Progetto CAD 20. Proff.ri Ramazzina / Favaro Progetto Biblioteca 21. Prof.ssa Giuliana Lo Giudice Progetto Lauree Scientifiche 22. Prof. Vittorio Manzetti Progetto Giochi Fisica 23. Prof. Claudia Zamperoni Progetto Giochi e Matematica 24. Prof.ssa Alessandra Colonna Progetto Olimpiadi della Chimica 25. Prof.ssa Marta Pilotto Avviamento alla pratica sportiva 26. Prof. Patrizia Vercesi Teatro 27. Prof.ssa Flavia Gionco Mobilità studentesca 28. Prof. Attilio Baccarin Progetto Balli Popolari 29. Prof.ssa Manuela Piva Concorsi letterari 30. Prof.ssa Novella Turrin Responsabile studenti con BES 31. Prof.ssa Claudia Zamperoni Alternanza Scuola-Lavoro COMITATO DI VALUTAZIONE SUPPLENTI COMITATO DI VALUTAZIONE 1 Prof. Fabio Pasqualetto Prof.ssa Manuela Piva 2 Prof.ssa Maria Antonello Prof.ssa Tiziana Sponti 3 Prof. Roberto Melchiori 4 Prof. Simone Marcolongo 9

11 REFERENTI DI RETE RETE EPICT - VENETO SICUREZZA RETE MUSICA LAUREE SCIENTIFICHE DIRITTI UMANI E CITTADINANZA RETE ORIONE / ORIENTAMENTO FONDAZIONE BERRO RETE ORIONE/ORIENTAMENTO RETE MUSICA RETE SCUOLE DI PACE RETE STRANIERI REFERENTI LORENA OBAYA VITTORIO CARACUTA FRANCO SARETTA GIULIANA LO GIUDICE SILVIA GALLO SILVIA BARBATO DIRIGENTE SILVIA BARBATO SARETTA SILVIA GALLO SILVIA GALLO COMPONENTI DEL CONSIGLIO D ISTITUTO PRESIDENTE (RAPPRESENTANTE GENITORI) DIRIGENTE SCOLASTICO RAPPRESENTANTI PERSONALE DOCENTE RAPPRESENTANTE PERSONALE ATA RAPPRESENTANTI GENITORI RAPPRESENTANTI STUDENTI ROSANNA BORTOLON GIUSEPPE CECCON CARLASSARA RENATO NEGRO EMANUELA MELCHIORI ROBERTO OBAYA LORENA GIONCO FLAVIA ANDRETTA GIOVANNI GANEO SARA PIVA EMANUELA GUIDOLIN NORINA CAMPAGNOLO ERNESTO RIZZI TIZIANO MIATELLO ANGELO BELLIN FILIPPO MAZZARIOL GIACOMO SCARIN LEONARDO ZURLO LORENZO STOCCO GIOVANNI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA PRESIDENTE DSGA DOCENTE ATA GIUSEPPE CECCON FRANCESCO VERDUCI RENATO CARLASSARA ERNESTO CAMPAGNOLO 10

12 GENITORE STUDENTE TIZIANO RIZZI GIOVANNI STOCCO STUDENTI CONSULTA PROVINCIALE MURAROTTO ANDREA PAULETTO MARCO RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITE R.S.U. GIANPIER NICOLETTI ERNESTO CAMPAGNOLO ORGANIGRAMMA SICUREZZA RSPP: Vittorio Caracuta SPP LICEO GIORGIONE: Vittorio Caracuta, Mario Perisello (riferimento SPP Sc. Sarto), Fabio Pozzebon, Tiziana Sponti (riferimento SPP via Serato), Pierpaolo Del Prà, Monica Varagnolo. RLS: Ernesto Campagnolo SEDE CENTRALE ADDETTI ANTINCENDIO V.Caracuta - E. Campagnolo - R. Carlesso - S. Ganeo - G. Lo Giudice - V. Manzetti - M. Perisello (turni) P. Pontin - M. Siviero (turni) - L. Piovesan M. Varagnolo (turni) ADDETTI PRIMO SOCCORSO A. Baccarin (turni) - V. Caracuta - S. Ganeo - E. Gorgati (turni) - R. Marazzato - M. Perisello (turni) E. Ramazzina (turni) - P. Valentini - G. Zanatta - F. Pasqualetto (turni) - L.Piovesan - P. Vercesi (turni) M. Siviero (turni) - R. Comacchio - A. De Masi - F. Specia - R. Carlesso V. Cecchetto G. Cazzaro A. Bergamin (turni) G. Giacomazzi M. Favasuli G. Masaro 11

13 ADDETTI ALL EMERGENZA (per turni e per ruoli da piano di emergenza): P. Valentini R. Carlesso A. De Masi R. Comacchio F. Specia G. Bugin G. Masaro M. Varise G. Cazzaro V. Cecchetto M. Favasuli G. Giacomazzi A. Bergamin P. Varuni L. Piovesan - Addetti AI e Addetti P.S. ADDETTI ANTINCENDIO S. Fabian N. Guidolin SEDE VIA SERATO ADDETTI PRIMO SOCCORSO A. Baccarin (turni) - S. Fabian E. Gorgati (turni) - N. Guidolin ADDETTI ALL EMERGENZA (per turni e per ruoli da piano di emergenza): S. Fabian - N. Guidolin T. Sponti S. Sartori - Addetti AI e Addetti P.S. SEDE SC. M. Sarto ADDETTI ANTINCENDIO M. Perisello (turni) - G. Nobile M. Varagnolo (turni) ADDETTI PRIMO SOCCORSO A. Bergamin (turni) - G. Nobile - F. Pasqualetto (turni) - M. Perisello (turni) ADDETTI ALL EMERGENZA (per turni e ruoli da piano di emergenza): A. Latini F. Saretta - A. Bergamin G. Nobile C. Coletto M. Varagnolo - Addetti AI e Addetti P.S. CLASSI SEDE A. MARTINI ADDETTI ANTINCENDIO M. Perisello (turni) - M. Siviero (turni) Personale di riferimento dell ITCG A. Martini ADDETTI PRIMO SOCCORSO M. Perisello (turni) M. Siviero (turni) E. Ramazzina (turni) - P. Vercesi (turni) Personale di riferimento dell ITCG A. Martini ADDETTI ALL EMERGENZA Personale di riferimento dell ITCG A. Martini 12

14 ALTRI INCARICHI COERENTI CON LA SICUREZZA: 1) Addetti portineria sedi (procedura di ricevimento e registrazione-compiti piano emergenza e sorveglianza sicurezza): Paola Valentini, Regina Carlesso, Anna De Masi, Renato Comacchio (Centrale); Norina Guidolin (via Serato); Giovanna Nobile (Sc. Sarto); tutti gli addetti emergenza per turni e ruoli nelle varie sedi (v. piano emergenza); 2) Componenti SPP e coordinatori delle sedi succursali: Prof.ssa Tiziana Sponti (Via Serato); prof. Mario Perisello (Aspp Sc. Sarto); prof.ssa Anna Latini (sc. Sarto); prof. Franco Saretta (sc. Sarto); prof.ssa Sonia Benetton (sc. Sarto); 3) Responsabili dei laboratori e delle palestre: Laboratorio di Fisica: Pierpaolo Del Prà; Laboratorio di Scienze: prof. Attilio Baccarin; Laboratorio N.O.I. : Floriano Specia; Laboratorio Multimediale Informatica: prof. Fabio Pozzebon; Laboratorio Multimediale Linguistico: prof.ssa Maria Antonello; Impianti Sportivi (materiali e procedure): prof. Mario Perisello; Internet Point: prof.ssa Lorena Obaya; Aula Magna/Audiovisivi: Ernesto Campagnolo; 4) Responsabile manutenzioni: Ernesto Campagnolo; 5) Responsabile gestione dei materiali: DSGA Francesco Verduci; 6) Responsabile rapporto ditte esterne per pulizia etc.: DSGA Francesco Verduci; 7) Responsabile della privacy: DSGA Francesco Verduci; 8) Coordinatori dei CC (consegnatari per moduli evacuazione; responsabili assegnazione ruoli per l evacuazione; consegnatari dotazioni di sicurezza nelle classi; referenti comportamenti a rischio); 9) Responsabile degli acquisti: DSGA Francesco Verduci; 10) Responsabile dei collaudi: DSGA Francesco Verduci; 11) Responsabile sorveglianza alunni: prof.ssa Sara Ganeo; 12) Responsabile per il corretto uso dei DVI: DSGA Francesco Verduci. 13

15 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 1 - Carta dei Servizi della Scuola, deliberata dal Consiglio d Istituto il 29 marzo 1996, adeguata alla nuova realtà della Scuola il In essa sono indicati: I principi fondamentali cui si ispira il servizio; Informazioni all utenza sulla programmazione; I servizi amministrativi offerti dalla Scuola; Le condizioni ambientali; Le procedure dei reclami e la valutazione del servizio. 2 - Regolamento Interno, deliberato dal Consiglio d Istituto il 20 dicembre 1999, aggiornato nel corso dell anno scolastico , riformulato secondo le nuove normative durante l anno scolastico In esso sono indicati: Gli organi collegiali: formazione e competenze; Le assemblee degli studenti e il loro Comitato; Le norme disciplinari e l Organo Interno di Garanzia; I regolamenti dei laboratori; Le attività complementari e integrative; Regolamento viaggi e visite d istruzione. 3 - Statuto del Comitato Studentesco, adottato in data 30 settembre Statuto delle Studentesse e degli Studenti della Scuola Secondaria, del 21 dicembre 2007, DPR 245/2007: aggiorna e integra il precedente Statuto, indicando principi, valori e diritti-doveri basilari per la vita scolastica. 5 Patto Educativo di Corresponsabilità, contiene principi, valori e diritti-doveri, quali fondamento della vita della Scuola, condivisi tra le diverse componenti del Liceo. E sottoscritto da Scuola, Studente e Famiglia contestualmente all iscrizione degli alunni ai corsi ed è aggiornato anno per anno, seguendo appropriata procedura. 6 - Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell Integrazione, stabilita con Decreto del Ministero dell Interno del , raccoglie e declina i principi della Costituzione Italiana e delle principali carte europee e internazionali in materia di diritti umani, individuando nella Scuola il luogo privilegiato per promuovere la conoscenza e l integrazione tra tutti i ragazzi, il superamento dei pregiudizi e la crescita comune dei giovani evitando divisioni e discriminazioni. 14

16 PIANO DEI SERVIZI DELIBERATO DAL CONSIGLIO D ISTITUTO 1) Servizi generali e funzionamento a) II calendario scolastico è adottato dal Consiglio d Istituto su proposta del Collegio dei Docenti (in conformità con le disposizioni nazionali e regionali); b) i servizi sono organizzati secondo criteri di efficienza ed efficacia, in riferimento al POF, ai progetti ed alle determinazioni degli OO.CC., su proposta della Dirigenza; c) le strutture, i laboratori, gli impianti, le risorse strumentali, le tecnologie sono utilizzati il più possibile corrispondendo ai bisogni del territorio, compatibilmente con le necessità di funzionamento didattico e applicando il regolamento della Provincia per quanto di competenza; d) i servizi di sicurezza nelle diverse articolazioni sono garantiti per quanto previsto dalle norme vigenti, nei limiti delle competenze e aggiornando anche il Piano dei Rischi di Istituto; e) i processi di verifica e valutazione del programma annuale vengono applicati garantendo trasparenza e correttezza funzionali al servizio della didattica ed all'efficacia operativa, in coerenza con gli standard del Sistema di Qualità; f) logistica: la Provincia, per le classi che la sede centrale non può contenere, ha predisposto n. 9 aule prefabbricate nell area dell Istituto Tecnico "Martini"; n. 5 aule sono invece dislocate presso il Patronato Borgo Pieve; le altre classi sono distribuite nei vari reparti della Sede, come disposto dal Dirigente Scolastico, sulla base di criteri deliberati dal Consiglio d Istituto. 2) Orario di Servizio E ispirato ai seguenti criteri generali: a) Personale A.T.A. : o articolazione che garantisca l'apertura della scuola in orario antimeridiano e pomeridiano, nel rispetto delle esigenze di servizio; o ore aggiuntive in caso di bisogno con recuperi o retribuzioni; o ricevimento del pubblico secondo le esigenze di funzionamento dell utenza; o adeguata sorveglianza in tutti i reparti; o utilizzazione anche di personale esterno per le pulizie dei locali, come da convenzione stipulata dal Dirigente. b) Personale Docente, nel rispetto delle norme vigenti: o semiesonero per il collaboratore vicario del Dirigente; o orario scolastico curricolare: ore : - entrate ed uscite anticipate per i non avvalentisi dell'irc, quando coincidente con la prima e con l'ultima ora; altrimenti attività alternativa, autonoma o assistita, nei locali dell'istituto; - possibilità di uscita anticipata o di entrata posticipata per i maggiorenni in caso di carenza di supplenti; - possibilità di interrompere la regolare attività didattica per improvvisa difficoltà di servizio, per esigenze personali, famigliari o di salute: in qualsiasi momento per gli studenti maggiorenni; gli studenti minorenni invece possono lasciare l Istituto soltanto se presi in consegna direttamente dai genitori o da loro delegati; o orario delle lezioni: predisposto tempestivamente sulla base dei criteri deliberati dal Collegio dei Docenti e condiviso con le classi, previa consultazione; 15

17 o o viaggi e visite d'istruzione preventivamente autorizzati dai Genitori con declaratoria onnicomprensiva, quando trattasi di attività integrative da svolgersi nell'arco di una giornata, previa comunicazione preventiva alle famiglie; liberatoria inclusa all atto dell iscrizione per l uso dell immagine degli studenti nelle pubblicazioni dell Istituto (Annuario) e nelle esercitazioni didattiche. 3) Servizi o o o o o o II personale di Segreteria assicura la presenza dalle 7.45 alle nell'arco dell'intera settimana e nelle giornate di lunedì e giovedì dalle ore alle ore 17.00; l'orario di funzionamento dello sportello per l'utenza interna ed esterna è dalle ore alle ore 12,30; per gli studenti l'orario di ricevimento coincide con l'intervallo; il Dirigente Scolastico riceve su appuntamento; i docenti ricevono alla mattina i genitori per un ora alla settimana, su prenotazione, e due volte all'anno con colloqui pomeridiani generali, durante il primo quadrimestre e a metà del secondo semestre; informazione costante scuola-famiglia tramite libretto personale; comunicazioni e convocazioni scritte e/o telefoniche dei genitori; una valutazione intersemestrale con pagellina (nel secondo periodo dell'anno scolastico); o sospensione dei ricevimenti un mese prima della fine delle lezioni; o comunicazione diretta alle famiglie degli esiti negativi degli scrutini, con possibilità di colloquio per informazioni; o ottimizzazione delle risorse professionali interne ed eventuale ricorso ad interventi esterni in caso di bisogno per attività di supporto e/o di sviluppo, di sperimentazione, ecc. ; o comunicazione dettagliata sui bisogni e indicazioni specifiche per il recupero di debiti formativi; o corsi gratuiti di recupero e sostegno per il saldo dei debiti durante tutto l anno scolastico (settembre/agosto); o disponibilità di pacchetti orari in gestione dei Consigli di Classe per interventi mirati al sostegno degli alunni durante l anno scolastico; o sportelli di orientamento e rimotivazione allo studio a carattere individuale, coinvolgendo anche i genitori degli alunni interessati; o sportelli di consulenza e d informazione (C.I.C.) per sostenere gli alunni in situazione di disagio psicologico. 4) Reti e Convenzioni Allo scopo di creare le opportune sinergie, d intesa tra gli OO.CC., l Istituto è partner delle seguenti Reti: a) Rete Sicurezza - Capofila ITIS "Plank" di Lancenigo di Villorba, per coordinamento e sviluppo attività di settore; b) Progetto ORIONE - Capofila IPSIA "Galilei" di Castelfranco V.to, per coordinamento e promozione attività di orientamento alunni in ingresso; d) Rete Stranieri - Capofila I.T.C.G. "Martini", per favorire l integrazione degli allievi extracomunitari; e) Rete e-content - Progetto EPICT (Patente Pedagogica Europea) - Capofila Università di Genova-DIST, in partnership con il Liceo 16

18 "Giorgione"; f) Rete Biblioteche Capofila Provincia di Treviso, per la gestione on line del patrimonio librario delle biblioteche aderenti; g) Rete Interistituzionale E-PICT Veneto Capofila Liceo Giorgione, per la diffusione della didattica innovativa con le T.I.C. nel Veneto; h) Rete Educare all Europa - Capofila Liceo Brocchi di Bassano del Grappa, per l implementazione degli obiettivi previsti da Lisbona 2000-Europa dell Istruzione ; i) Rete Nazionale per l Educazione Musicale e i Licei Musicali con il MIUR: Qualità e Sviluppo nei Licei Musicali e Coreutici ; j) Fondazione Berro per l Arte e la Cultura il Liceo Giorgione ne è socio fondatore dal 31 gennaio 2008, condividendo così la finalità e le iniziative della Fondazione voluta dall ex allievo ing. Paolo Berro; k) Rete di Istituti Superiori ed Inferiori del Veneto per l Educazione Tecnologica e l Innovazione dell insegnamento della Matematica Simpatica ; l) Rete per le attività di Educazione alla Salute-Rete Ben-Essere in partenariato con ASL n.8 Castelfranco Vto-Asolo; m)rete Regionale per l Educazione ai Diritti Umani, Liceo Giorgione capofila Istituti Superiori (polo dell U.S.R. per Treviso) n) Rete per la promozione del Neo-Greco, con l ex I.R.R.E.V, la Comunità Greca di Venezia e l Università di Venezia. Il Liceo ha anche attivato specifiche Convenzioni con i seguenti soggetti esterni, al fine di acquisire servizi e di sviluppare la qualità dell offerta formativa: 1) Università di Padova Orientamento; 2) Università di Venezia Orientamento; 3) Università di Verona Tirocinio Formativo Attivo; 4) Conservatorio Steffani, Fondazione Morello di Castelfranco V.to e Accademia Voce, Arte e Comunicazione di Riese Pio X Liceo Scientifico Musicale; 5) Movimento Federalista Europeo, Sez. di Castelfranco V.to Educazione all Europa; 6) Coordinamento Associazioni di Volontariato di Treviso Sportello Volontariato e Mercatino Equo-Solidale; 8) C.I.S. (Centro Sportivo Italiano) Circolo Culturale Sportivo; 9) Banca di Credito Cooperativo di Vedelago- Istituto Cassiere; 10)A.I.C.A.-DIDASCA Test center patente informatica E.C.D.L. ; 11) Università di Genova Corsi perfezionamento E-PICT; 12) Convenzione tra Ufficio Scolastico Provinciale, Comune di Castelfranco e alcune scuole della Castellana per l Educazione alla Cittadinanza Attiva; 13) Convenzione per lo smaltimento dei rifiuti con il Bacino TV3; 14) Convenzione con la Ditta F.lli Danieli per il trasporto scolastico nelle Visite d Istruzione con durata di una giornata; 15) Lettera d Intenti con Università di Padova per l utilizzo delle risorse logistiche del Liceo; 16) Fondo Volpato per il sostegno ai viaggi d istruzione per gli studenti bisognosi (lascito finalizzato dalla famiglia del defunto prof. Mario Volpato); 17) Istituto cassiere dell U.S.R. per il Veneto per le attività regionali inerenti l Educazione alla Pace e Diritti Umani; 17

19 18) Università di Padova per il monitoraggio degli studenti provenienti dal Liceo Giorgione, in entrata, in itinere, in uscita presso i corsi universitari; 19) Protocollo d Intesa con il Liceo di Pegnitz (Germania) per reciproci scambi culturali; 20) Ditta NIKAL Servizi srl. di Roma per appalto esterno dei servizi di pulizia di parte dei locali scolastici (triennale); 21) Protocollo d Intesa con la Prefettura di Treviso per la prevenzione e il contrasto alla devianza giovanile; 22) Corsi F.S.E. nell ambito della Rete Orione, per favorire l orientamento in uscita. 5) Criteri generali per la formazione delle classi Per quanto riguarda la formazione delle classi prime, vengono adottati e applicati i seguenti criteri: 1. Equa distribuzione fra le classi parallele del medesimo indirizzo, per sesso, e sulla base della votazione riportata da ciascuno all'esame di Licenza Media; 2. Possibilità di inserimento nella medesima classe, a richiesta scritta dei genitori, di tutti gli iscritti interessati; tuttavia: - il gruppo deve essere composto da un massimo di tre studenti; - non vengono prese in considerazione le richieste di gruppi da parte di studenti residenti nel comune di Castelfranco V.to.; - possibilità di inserimento dello studente, a richiesta dei genitori, nella sezione già frequentata da un fratello; 3. Per situazioni personali, gravi e delicate, va fatta richiesta scritta e motivata al Dirigente Scolastico; 4. E' ammessa un'unica opzione per cui i richiedenti rinunciano ad eventuali altre opzioni cui avrebbero diritto; 5. Residenza nell'ambito distrettuale e provinciale. Gli alunni ripetenti possono esprimere le loro preferenze, altrimenti vengono inseriti d ufficio nelle classi disponibili. Per ogni altro caso (fusione di classi parallele, accorpamenti, etc.) il Consiglio d Istituto prevederà specifici criteri da applicare, coerentemente con le normative vigenti. 6) Criteri generali per l assegnazione delle classi nelle sedi Le classi vengono assegnate alle tre sedi dell Istituto secondo i seguenti criteri stabiliti dal Consiglio d Istituto: 1. Le classi del Triennio possibilmente nella sede centrale, dove sono concentrati anche tutti i principali servizi di supporto alla didattica (laboratori, palestre, impianti di atletica etc.); 2. Sede Scuola Sarto, preferenzialmente alle classi dell indirizzo musicale per la maggiore comodità di accesso alle strutture del Conservatorio e la possibilità di allestimento di laboratori aggiuntivi; 3. Sede in via Serato e presso il Patronato di Borgo Pieve alle classi del Biennio che non hanno spazio in sede centrale; 4. In sede centrale va garantita di norma, preferenzialmente, la sistemazione delle classi dell indirizzo Liceo Classico. L assegnazione delle aule alle classi terrà conto del rapporto spazio-alunno, come previsto dalla normativa vigente, e delle esigenze di funzionamento del servizio, con il criterio di avvicendare le eventuali penalizzazioni, ove possibile. 18

20 7) Criteri per l accoglienza delle domande d iscrizione presso il Liceo Giorgione Le domande di iscrizione ai diversi corsi presenti all interno del Liceo Giorgione vengono accolte in ordine ai seguenti criteri di precedenza deliberati dal Consiglio d Istituto: 1. Residenza nel Distretto Scolastico di Castelfranco Veneto; 2. avere fratelli/sorelle frequentanti il Liceo; 3. residenza nel comuni limitrofi al Distretto Scolastico (confinanti) della Provincian di Treviso; 4. residenza nei Comuni confinanti con Castelfranco Veneto, ma in provincia diversa, procedendo per sorteggio, se necessario; 5. residenza nei comuni esterni alla cintura limitrofa, anche extra Provincia, procedendo per sorteggio se necessario. I criteri di accoglienza devono comunque rispettare le scelte di indirizzo (Classico e Scientifico) e concorrere alla formazione delle classi in modo equilibrato. Vanno anche salvaguardate le scelte che non hanno equivalenti sul territorio. Per il Liceo Musicale, l ammissione ai corsi è subordinata al superamento dell esame di idoneità previsto in normativa. 19

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

IPOTESI DI TRA PREMESSO

IPOTESI DI TRA PREMESSO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16. L'anno 2015 il

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15.

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15. Istituto Tecnico Statale Settore Tecnologico Via Tronconi, 22-31100 Treviso tel. 0422.430310 fax 0422.432545 mail: pallad@tin.it dirigente@palladio-tv.it pec: itspalladio@pec.palladio-tv.it url: www.palladio-tv.it

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli