Oggi Palazzo Chigi vara il provvedimento che alleggerisce i meccanismi della burocrazia italiana. IL DOSSIER. Le misure del governo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Oggi Palazzo Chigi vara il provvedimento che alleggerisce i meccanismi della burocrazia italiana. IL DOSSIER. Le misure del governo."

Transcript

1 2 ECONOMIA LA CRISI FINANZIARIA Oggi Palazzo Chigi vara il provvedimento che alleggerisce i meccanismi della burocrazia italiana Sempre più spazio al ruolo di Internet Passera: raccolti i suggerimenti delle aziende e dei consumatori IL DOSSIER. Le misure del governo Il decreto Certificati in tempo reale Via oltre 300 leggi inutili e torna la social card Semplificata così la vita di cittadini e imprese LUISA GRION Dopo una consultazione lampo con i consumatori e le aziende, il governo è pronto a varare il decreto che dovrebbe semplificare, liberare la vita degli italiani. Monti punta sulla Rete. Chi vorrà partecipare ad un concorso manderà la candidatura via Internet, il docente verbalizzerà per via telematica l esame dello studente. Ma anche gli uffici pubblici saranno tenuti ad un dialogo digitale, così da accelerare la concessone dei certificati come residenza o matrimonio. Spazzate via 333 leggi inutili se non dannose (alcune del 1947, altre relative ai rapporti tra Italia e Zimbawe). Sarà possibile vendere il pane fresco la domenica e guidare il proprio Tir di sabato (via i divieti). In tempi di vacche magrissime, il decreto trova 50 milioni per rifinanziare la social card. Più agevole per le piccole aziende ottenere il bollino verde, mentre le automobili rinnoveranno quello blu solo in coincidenza con la revisione Il web Università, libretto online domanda web per i concorsi LA STRADA per battere la burocrazia ed eliminare lunghi e inutili passaggi passa attraverso la Rete. E online infatti la parola magica sulla quale il governo punta per avviare la semplificazione delle procedure. Una delle misure più importanti prevede che tutte la trasmissione di dati fra enti pubblici avvenga «esclusivamente tramite modalità telematica». Telematico sarà anche il libretto universitario, visto che la trascrizione dei risultati dell esame sarà online. Un salto tecnologico è richiesto anche ai candidati dei concorsi pubblici banditi dalla amministrazioni dall entrata in vigore del decreto: addio cartelle e foglietti, tutta la documentazione richiesta per avervi accesso dovrà essere trasmessa alla amministrazione solo per via telematica. Stessa procedura per le prove selettive. Anche alle imprese sarà richiesto di adeguarsi in fretta ai nuovi canali: entro il 30 giugno di quest anno, se già non lo hanno fatto, dovranno dotarsi di un indirizzo di posta elettronica certificata al registro delle imprese. I certificati Stato civile e residenza documenti senza attese Imprese e lavoro Lavoratori extra-comunitari l assunzione è velocizzata Le panetterie Pane fresco la domenica salta l obbligo di chiusura UN TAGLIO netto ai certificati: ci avevano provato diversi anni fa i decreti Bassanini, ora il governo torna all attacco con una nuova ondata di semplificazioni. Il fatto che le singole amministrazioni debbano dialogare in rete permetterà di eliminare i tempi di attesa per certificati di matrimonio, residenza e quant altro. Ci sarà meno burocrazia per le persone disabili: il decreto elimina inutili duplicazioni di documenti e di adempimenti nelle certificazioni sanitarie per l'accesso ai vari benefici. Si accorciano i tempi per ottenere il cambio di residenza: il passaggio, grazie alla comunicazione informatica fra le amministrazioni, avverrà in tempo reale e quindi sarà reso immediatamente applicabile. Più facile anche ricordarsi di rinnovare il proprio documento di identità, perché basterà far riferimento al compleanno: la carta avrà infatti una validità maggiore rispetto ad oggi, la scadenza sarà estesa fino alla data di nascita del titolare nell anno successivo. LE IMPRESE avranno un anno di tempo per attivare percorsi sperimentali di semplificazione amministrativa, ma la partecipazione è volontaria e riguarderà ambiti delimitati. Le aziende coinvolte in un progetto di ricerca potranno individuare una capofila, una sorta di regista, che rappresenta le altre nei rapporti con la Pubblica Amministrazione. In materia di appalti, arriva poi la responsabilità solidale tra datore di lavoro, appaltatore ed eventuali subappaltatori. Mentre le piccole e medie aziende potranno avvalersi della dichiarazione unica ambientale. Controlli meno asfissianti e soprattutto più trasparenti: le amministrazioni dovranno pubblicare sul proprio sito e su la lista dei controlli a cui sono assoggettate le imprese. Si semplifica la procedura per l astensione anticipata delle donne dal lavoro in caso di gravidanze più complesse. Così come le procedure per l assunzione di lavoratori extraeuropei. PANE e panettieri liberati. L obbligo di chiusura domenicale, che ci toglieva il piacere della pagnotta fragrante nella giornata della festa, viene a cadere. E non solo. Sarà anche più facile vendere cibi e bevande alle sagre di paese. L avvio delle attività commerciali in occasione proprio di feste e sagre viene profondamente liberalizzato. Per questi particolari eventi, il provvedimento del governo Monti cancella l articolo 71 di un decreto legislativo del 2010 (il numero 59). L effetto è che anche «delinquenti abituali», condannati per delitto non colposo grave, ricettatori, rapinatori potranno esercitare «l attività commerciale di vendita e somministrazione». Resta da capire, adesso, se siano autorizzati ad aprire un chiosco o un bancarella nel paesini due categoria di ex malfattori: i pluri condannati per frode nella preparazione o nel commercio degli alimenti e i responsabili di reati contro l igiene e la sanità pubblica.

2 3 Patroni Griffi: il provvedimento va alla Camera per evitare interferenze con quello sulle liberalizzazioni ELLEKAPPA Patroni Griffi Il ministro della Funzione Pubblica: Lo scambio dei dati tra le amministrazioni per via telematica consentirà di avere in tempo reale alcuni importanti certificati, come ad esempio il cambio di residenza Passera Secondo il ministro dello Sviluppo Economico, con il decreto semplificazioni verrà resa più facile la vita a cittadini e imprese. Tutti i ministeri hanno dato il loro contributo Profumo Per il ministro dell Istruzione, Francesco Profumo, il decreto servirà tra l altro a sburocratizzare, a rendere l'italia un Paese normale in grado di confrontarsi con i competitors più alti La social card Stanziati 50 milioni di euro per aiutare i meno abbienti TORNA la «social card»: la carta acquisti, messa a disposizione dei meno abbienti per contrastare il fenomeno della povertà in crescita, sarà di nuovo «sperimentata», per 12 mesi, nei Comuni con più di 250 mila abitanti. Il progetto sarà finanziato con 50 milioni di euro. Entro novanta giorni dalla entrata in vigore del decreto il Ministero del Lavoro assieme a quello dell Economia dovrà stabilire i criteri per identificare chi - attraverso i Comuni - avrà diritto all aiuto. Un decreto varato ad hoc stabilirà anche il valore della carta stessa; le modalità attraverso le quali le amministrazioni potranno distribuirla; la data di avvio della sperimentazione. L anno in cui lo strumento resterà in vigore permetterà al governo di capire se la social card potrà essere in futuro «generalizzata» come strumento di contrasto alla povertà assoluta. Per valutarne il funzionamento è previsto che i Comuni raccolgano informazioni sull uso e effettuino controlli sui beneficiari. Il progetto ha come fine anche l inclusione sociale del titolare. Le leggi Cancellate norme senza senso la più vecchia è del 1947 IL DECRETO sulle semplificazioni che oggi sarà varato dal governo mette in conto di tagliare 333 leggi considerate ormai inutili. Fra quelle destinate a scomparire - nella bozza in 66 articoli che entrerà stamattina al Consiglio dei ministri - la più vecchia risulterebbe essere una datata al 1946, che dettava «disposizioni concernenti l'ente nazionale di previdenza e di assistenza per i lavoratori dello spettacolo». L abrogazione più recente riguarderebbe invece un provvedimento entrato in vigore solo cinque anni fa, nel 2006, riguardante «la convocazione dei comizi per le elezioni di Camera e Senato». Il pacchetto di tagli voluto dal ministro della Semplificazione Patroni Griffi va ad aggiungersi a quello dettato dall ex ministro Calderoli. Molti dei tagli riguardano la burocrazia legata all attività imprenditoriale, al lavoro e all artigianato. Si cancellano anche norme che abrogavano altre norme. Come, ad esempio, il decreto del '79 che cancellava un altro decreto che proibiva rapporti economici con l attuale Zimbabwe. «Abbiamo raschiato il fondo del barile», ha commentato il ministro. I Tir Camion, anche di sabato libertà di circolazione L ambiente Per le piccole aziende agevole il bollino verde La scuola Atenei, iscrizione telematica pagelle per tutte le Facoltà Il commissario Un controllore ad hoc contro i ritardi degli uffici TIR sulle autostrade anche di sabato, anche di lunedì. Il decreto del governo Monti cancella il divieto che impediva ai camion di viaggiare il giorno prima e il giorno dopo il festivo. Le aziende del trasporto potranno organizzare diversamente il loro lavoro, le autostrade saranno forse meno sicure in quelle giornate. Novità anche per il bollino blu delle auto. Oggi questo lasciapassare ecologico rilasciato dalle officine autorizzate - è obbligatorio ogni anno. Va rifatto, insomma, ogni 12 mesi a scadenza. E tanti cittadini lo richiedono per ottenere delle agevolazioni (come il permesso di parcheggiare sotto casa, rilasciato dal Comune). Una volta approvato il decreto del nuovo governo, il bollino blu andrà fatto solo al momento della revisione della macchina. La vettura nuova, in base alle norme del Codice della Strada, è tenuta alla prima revisione dopo i primi 4 anni di vita. Poi la revisione diventa biennale. SARÀ più facile e meno costoso per le piccole e medie imprese ottenere la certificazione ambientale. Un regolamento del governo, da adottare entro sei mesi, disciplinerà l autorizzazione unica ambientale che dovrà essere rilasciata da un unico ente e non più da una serie di burocrazie. Inoltre l autorizzazione sostituirà ogni altro «atto di comunicazione notifica ed autorizzazione previsto dalla legislazione ambientale vigente» e al tempo stesso il nuovo regolamento abolirà tutte le norme e le leggi collegate finora in vigore. Un occhio anche ai tempi e ai costi per le Pmi devono sostenere per adeguarsi alle norme ambientali: le richieste della pubblica amministrazione devono essere «proporzionali» alle dimensioni delle imprese e non prevedere nuovi oneri. Semplificazioni anche per settori inquinanti come i produttori di olii usati e di pneumatici il cui sistema autorizzativo viene delegato alle regioni UNA buona parte del decreto sulle semplificazioni riguarda la materia scolastica: il valore legale delle lauree sarà ridotto (non del tutto annullato), il che significa - in concreto - che nei concorsi pubblici sarà attribuito minor peso al voto conseguito o che cadranno le distinzioni fra lauree dello stesso genere (per esempio potranno essere ammessi alle stesse prove sia i laureati in scienze politiche che quelli in giurisprudenza). L iscrizione all Università potrà avvenire usando solo per via telematica. Grazie ad un sistema di valutazione mutuato dall «Invalsi» sarà possibile stilare una graduatoria sulla qualità degli atenei. Novità per il corpo docente: nelle scuole sarà introdotta una dotazione extra di «organico di rete» composta da supplenti o docenti di sostegno messi a disposizione di più istituti. Previsti anche interventi a sostegno dell edilizia scolastica: le imprese private potranno ristrutturare edifici in disuso e metterli a reddito fornendo in cambio alle scuole nuove strutture. LA BUROCRAZIA, si sa, è dura a morire: per evitare che, come già avvenuto in passato le buone intenzioni vadano ad infrangersi contro il muro dell indifferenza e dell ignoranza delle novità introdotte, il decreto prevede un organo di controllo ad hoc messo a disposizione del cittadino. In caso di lungaggini ingiustificate da parte della amministrazione il privato «vessato» potrà infatti rivolgersi ad un commissario. Sotto controllo saranno anche le singole amministrazioni: l articolo 3 della bozza di decreto che entra oggi al Consiglio dei ministri prevede infatti che entro il 31 gennaio di ogni anno gli enti debbano trasmettere a Palazzo Chigi una relazione «sul bilancio complessivo degli oneri amministrativi, a carico di cittadini e imprese, introdotti o eliminati» nell anno precedente. Ciò permetterà di monitorare - e controllare se siano o meno indispensabili - le richieste fatte in termini di «produzione, trasmissione e conservazione dei dati richiesti».

3 4 ECONOMIA LA CRISI FINANZIARIA Nel 2011 aumenti medi in busta paga all 1,8%. Nello stesso periodo il costo della vita è cresciuto del 2,8% Gli italiani lavorano sempre di più solo per coprire le spese base: casa, auto, bollette e alimentari IL DOSSIER. Il potere d acquisto degli italiani Il reddito Divario salari-prezzi al record dal 1995 le retribuzioni sono ai minimi da 12 anni VALENTINA CONTE SALARI che crescono poco. Prezzi che crescono troppo. E lo spread che si allarga fino ad arrivare ai livelli degli anni 90 quando c era la lira, l Italia rischiava il default, i conti erano disastrati e le manovre lacrime e sangue mettevano le mani nelle tasche (e nei conti correnti) degli italiani. Situazione non così lontana dall Italia di oggi che l Eurispes ritrae come un Paese depresso. DIVARIO RECORD Buste paga sempre più povere e inflazione galoppante ci riportano dunque indietro di tre lustri. E tutto nei numeri diffusi ieri dall Istat. Nel mese di dicembre le retribuzioni, ferme rispetto a novembre, salgono solo dell 1,4% rispetto allo stesso mese del 2010, più che doppiate dai prezzi (+3,3%), la distanza maggiore dall agosto del La musica non cambia se si considera l intero anno: in tutto il 2011 i salari aumentano di appena l 1,8% sul 2010, mai così poco dagli albori del Giubileo (1999), mentre l inflazione beatamente si impenna del 2,8%, segnando anche in questo caso uno scarto record tra salari-prezzi, più forte di quello registrato nel POTERE D ACQUISTO AI MINIMI Cosa significa tutto questo? Quale impatto sulla vita di tutti i giorni? Innanzitutto, una for- cessione. Le imprese chiudono e licenziano. Salari e consumi fermi. Una situazione meglio assimilabile alla fine degli anni 70, allo shock energetico». SALARI TROPPO BASSI Negli ultimi sedici anni, in realtà lo spread retribuzioniprezzi ha colpito poco. Solo nei primi anni duemila (dal 2000 al 2003) la forbice si è invertita a sfavore dei lavoratori, ma di pochi decimali di punto. Grazie all euro, l inflazione è stata domata e le buste paga in media sono cresciute del 3% e dunque il potere d acquisto preservato, seppur senza sfarzo. Poi la crisi ha cambiato tutto e ci ha riportati al 1995, quando i prezzi correvano del 5,4%, ben più dei salari. Anno che ora addirittura superiamo. Non sono i prezzi oggi, quindi, a decidere la partita. Quanto gli stipendi sempre più bassi. Che giustificano l indicatore della fiducia dei consumatori stabile a 91,6 a gennaio (come dicembre), il valore più basso dal ESEMPI La Cgia di Mestre ha confrontato due anni chiave (1995 e 2011) per valutare l impatto del costo della vita sulle decisioni di spesa degli italiani, ovvero quanti giorni o mensilità di reddito occorrono per comprare le cose. Il risultato (vedi grafico in pagina) è abbastanza confortante per quanto riguarda il carrello della spesa, le bollette, abbigliamento e calzatu- te erosione di potere d acquisto e dunque la possibilità di comprare meno cose con lo stesso stipendio. Come conseguenza, consumi ancora più depressi, Pil ancora più basso, ammontare di debito pubblico più difficile da scalfire. «L inflazione è molto elevata per la forte componente energetica. E questo che genera la forbice. E in un anno di recessione, come il 2012, mi aspetto che le retribuzioni crescano ancora meno», spiega Luigi Guiso, economista e docente allo European University Institute di Firenze. «Ma attenzione. Il paragone con il 1995 regge fino a un certo punto. In comune c è la forte inflazione determinata da uno shock esterno: lì dovuta alla svalutazione del cambio (che però ci aiutava nelle esportazioni), ora tassa occulta pagata ai Paesi produttori di petrolio. Ma nel 1995 uscivamo da una grave crisi, già avviati verso la ripresa. Qui usciamo dalla stagnazione per rituffarci nella re- re, istruzione. Meno su altre voci. Ad esempio nel 2011 occorrono 5,3 paghe mensili in media per acquistare un utilitaria contro le 4,8 nel Mentre servono 80 mensilità, quasi sette anni, rispetto alle 55 degli anni Novanta per un appartamento di circa 90 metri quadri.

4 10 CRONACA LA RIVOLTA DEI CAMIONISTI La Fiat ferma per il terzo giorno. Bloccati anche gli stabilimenti al Sud di Barilla e Coca-Cola Da Roma a Napoli, aumenti ingiustificati del carburante: il diesel arriva a due euro IL DOSSIER. Le conseguenze dello stop La protesta PAOLO BERIZZI Tir, chiudono le fabbriche e sui prezzi di frutta e benzina ora dilaga la speculazione Interviene la Finanza. Banchi vuoti nei mercati Fabbriche chiuse e lavoratori in cassa integrazione, rincari di frutta e benzina con speculazione, truffe, denunce delle associazioni dei consumatori e interventi della Guardia di Finanza. Banchi vuoti nei mercati ortofrutticoli e scaffali sguarniti nei supermercati di tutta Italia. Rifiuti in strada a Napoli. È l effetto a catena della protesta degli autotrasportatori. Quasi tutti i blocchi autostradali sono stati sciolti o sgomberati, ma molti Tir restano fermi e la mancanza di materie prime mette in crisi molti settori dell economia. In particolare quello degli alimenti. SARÀ il vuoto intorno e l aria da vita sospesa che si respira tra i padiglioni. Sarà che le poche cassette che arrivano, sopravvissute ai forconi, alla trincee autostradali, ai bestioni ancora accasciati sui caselli e comunque la merce proviene in larga parte dal Nord vengono accolte come fossero scorte di cui fare incetta: i blocchi dei Tir sono in via di scioglimento o di sgombero, è vero, ma non sai ancora come andrà a finire e l Italia, al quarto giorno di proteste, è un Paese sotto sopra. Un immagine del caos sono i box mezzi deserti e i bancali sguarniti dell Ortomercato di Milano, il più grande d Italia coi suoi 120 grossisti e i 300 camion che ogni giorno si infilano in questo gigantesco suk dove in 72 ore è stato bruciato un milione di euro. Hanno contato 70 Tir in due giorni, roba da minimo storico, frutta e verdura sono rimaste al Sud, bloccate dall embargo imposto dagli autotrasportatori. Che adesso rilascia tutto il suo effetto impazzito: supermercati e negozi sguarniti e prezzi dei prodotti alimentari alle stelle; pompe di benzina a secco con code, incidenti e truffe diffuse a macchia di leopardo; grandi aziende ferme; nuova emergenza rifiuti per la mancata raccolta e lo smaltimento a singhiozzo. I disagi riguardano soprattutto il Sud, ma la paralisi dei collegamenti e lo stop delle merci hanno messo in seria difficoltà anche le regioni del Nord. «La situazione si sta lentamente risolvendo, in due giorni si tornerà alla normalità», fa sapere Federdistribuzione. Quella di ieri, però, è stata un altra giornata critica. I FURBETTI DELLA BENZINA Uno dei problemi maggiori riguarda le scorte di carburante. La carenza provocata dallo sciopero dei Tir ha innescato il tipico effetto domino con conseguenze da sciopero selvaggio: lunghe code di automobilisti per fare rifornimento alle pompe di benzina. E speculazioni da parte di alcuni benzinai che hanno approfittato della situazione per alzare Gli arresti 13 Gli arresti tra gli autotrasportatori nelle ultime 48 ore, 5 le denunce I danni economici 200 milioni Il danno all'intera filiera agroalimentare per lo sciopero dei tir 1 milione Le perdite quotidiane al Porto di Genova Produzioni ferme 100 mila I lavoratori impegnati nella raccolta, nel confezionamento e nel magazzinaggio rimasti a casa 30 milioni il valore delle retribuzioni perse Coca-Cola HBC e FIAT hanno fermato o ridotto la produzione il prezzo del carburante. Su richiesta del Codacons la Guardia di Finanza è intervenuta in diverse città, pizzicando e multando i furbetti. C è chi ha venduto la benzina anche a 2 euro al litro (Roma e provincia, Massa Carrara e Napoli) e chi ha aperto depositi abusivi con prezzi scontati (Caiazzo, nel casertano). Riscontrate mediamente differenze di 4-5 centesimi tra le tariffe esposte sui cartelli e quelle sulle pompe. Il prefetto di Crotone in Calabria le riserve di carburante sono al minimo con un ordinanza ha dovuto riservare un deposito per permettere ai mezzi delle forze dell ordine e di soccorso di potersi rifornire. A Catanzaro le Poste hanno messo in congedo parte del personale perché non arriva corrispondenza. Scorte della polizia per le cisterne di carburante in viaggio a Napoli e provincia, mentre a Catania e Palermo due persone sono rimaste Rifornimenti ridotti Diminuita del 40 % la distribuzione di prodotti deperibili (carne, ortofrutta, formaggi) ai supermercati 30% Il rincaro medio dei prodotti ortofrutticoli nei mercati 29 distributori su 124 controllati a Roma scoperti a vendere benzina a prezzi più alti di quelli indicati ustionate per l esplosione di scorte di benzina. GLI SCAFFALI VUOTI Molti prodotti di largo consumo sono spariti dagli scaffali di negozi e supermercati: sia al Nord che al Sud. Soprattutto uova, farina, e altri prodotti deperibili come carne e formaggi. Per tutti gli altri generi alimentari non ci sono garanzie di rimpiazzi a breve termine. banchi di frutta e verdura, in molti esercizi di Napoli, sono vuoti. Scarseggia anche il latte fresco. A Roma si teme che le derrate alimentari nei magazzini di piccoli e grandi punti vendita non possano bastare a coprire il week end. Altrovei disagi sono più limitati: la consegna delle merci nei negozi di Coop adriatica, ad esempio, è tornata quasi alla normalità. Sono stati ripristinati i rifornimenti nei 171 tra ipercoop e supermercati in Emilia Romagna, Veneto, Marche e Abruzzo. I blocchi ancora attivi o parzialmente attivi riguardano soprattutto il centro Italia che danneggia anche parte del

5 Spariti dagli scaffali uova, farina, latte e formaggi. A Firenze listini ritoccati del 30 per cento Il caso Federdistribuzione: situazione migliore, due giorni per tornare alla normalità L Ue: l Italia risolva il problema oggi sciopero dei mezzi pubblici FABIO TONACCI ROMA L Italia è a un passo dall apertura di una procedura d infrazione da parte dell Unione Europea. «Intervenite subito per risolvere rapidamente il problema e assicurare la libera circolazione delle merci», ha detto ieri il vicepresidente della Commissione Antonio Tajani al ministro dell Interno Annamaria Cancellieri in una telefonata, la seconda dall inizio della protesta dei tir. Bruxelles alza la voce dopo quattro giorni di manifestazioni. È vero che i disagi alla circolazione, Sud a parte, si stanno affievolendo, ma rimangono gravi gli effetti: fabbriche ferme, arresti ai presidi (13 negli ultimi due giorni), carenze di carburante, prezzi gonfiati. «In un paio di giorni prevede Federdistribuzione, l associazione che sta monitorando l andamento della consegna delle Il ministro Cancellieri merci si tornerà alla normalità». Il terreno di scontro si sposta dalle autostrade alla politica. Il segretario della Cgil Susanna Camusso invita tutti a «ragionare con serenità sul fatto che la protesta è giusta e legittima, ma i modi devono sempre essere rispettosi dell esistenza collettiva del Paese». La Lega Nord fa un passo verso gli autotrasportatori in rivolta. Alla Camera Umberto Bossi si è incontrato con una delegazione di camionisti di Trasportounito. Sarà costituito un tavolo tecnico e la Lega «si farà portatrice si legge nel comunicato emesso dopo l incontro degli emendamenti della conversione del decreto per risolvere i problemi dell autotrasporto in Italia ed in Padania». Oggi, in concomitanza con lo sciopero generale di 24 ore proclamato dai sindacati di base (disagi previsti nel trasporto pubblico, metropolitane e autobus), dovrebbe essere l ultima giornata di mobilitazione dei tir. Anche se Trasportounito, con un comunicato sibillino, lascia intendere qualcos altro: «Faremo il possibile perché il fermo rientri scrivono ma quello che succederà per strada non lo sappiamo perché questo Governo non ha avuto il buon senso di ascoltarci». I SUPERMERCATI Nella grande distribuzione mancano soprattutto beni deperibili come frutta, verdura, carne e latte fresco Nord e la Liguria: in particolare il porto di Genova dove le perdite si aggirano sul milione al giorno. «Il danno all economia portuale avrà conseguenze per diversi giorni», denuncia il presidente dell Autorità portuale di Genova, Luigi Merlo. Il Codacons intanto lancia l allarme-prezzi. «In tutto il Paese spiega Carlo Rienzi registriamo aumenti anomali dei listini al dettaglio del settore alimentare, con incrementi che raggiungono anche il 50% in più». LO STOP DELLE GRANDI AZIENDE L ondata di proteste e di blocchi forzati degli autotreni si sta ripercuotendo anche sulle grandi aziende. Gli stabilimenti Fiat di Melfi, Cassino, Pomigliano Mirafiori e Sevel sono stati fermi anche ieri (terzo giorno di stop) e lo saranno anche oggi, al primo turno. La mancata consegna dei componenti da assemblare nelle linee di produzione ha avuto effetti pesanti: in tutto sono le auto non prodotte in questi giorni di stop forzato. Si ferma anche Coca-Cola Hbc Italia: bloccati gli impianti di Marcianise (Caserta) e Rionero in Volture (Potenza), 130 dipendenti, perché i blocchi sulla Napoli-Brindisi impediscono l arrivo delle materie prime. Un altra industria in forte difficoltà è Barilla: in tutti i nove stabilimenti si va a rilento, soprattutto al Sud. Produzione bloccata a Melfi e a Foggia. Nella città pugliese e anche a Caserta l azienda è stata costretta a avviare le procedure di cassa integrazione per i lavoratori (su Melfi si deciderà nei prossimi giorni). E comunque: se i Tir continueranno a scarseggiare fanno sapere dalla sede di Barilla si potrebbe arrivare anche al blocco di tutti i siti produttivi. In generale, le ripercussioni di Tir Selvaggio sui lavoratori sono decisamente pesanti. In particolare nel settore alimentare. Dice Sergio Marini, presidente di Coldiretti: «Sono almeno 100mila gli addetti impegnati nella raccolta, nel confezionamento, nel magazzinaggio e nella trasformazione dei prodotti deperibili come i fiori e la frutta e la verdura che non hanno potuto recarsi al lavoro a causa del blocco della circolazione. Al danno economico aggiunge salito a 150 milioni per l agroalimentare Made In Italy, si aggiunge quello occupazionale che colpisce particolarmente giovani e immigrati, ovvero buona parte dei lavoratori impegnati nel settore, a tempo determinato». A RISCHIO FRUTTA E VERDURA Cinquantamila tonnellate di prodotti alimentari deperibili che rischiano di essere buttati, ogni giorno, perché rimangono fermi nei camion, nei campi, nelle stalle, nei magazzini delle industri e dei mercati generali. Sono le stime che Colidiretti fa dell effetto stop-trasporti. Nei principali mercati ortofrutticoli italiani Milano, Fondi, Vittoria per citarne solo alcuni a causa del blocco dei Tir le consegne di frutta e verdura sono crollate del 40-60%. Il che, ovviamente, ha fatto lievitare i prezzi. Al mercato di Firenze aumenti medi del 30%. Così come a Milano e Vittoria. Nel caos generale c è da registrare che il mercato di Fondi da ieri è tornato alla normalità. In tutto, secondo la Cia (Confederazione italiana agricoltori), i danni per il settore agroalimentare ammonterebbero a 200milioni. I RIFIUTI IN STRADA A NAPOLI Rifiuti fermi in strada, smaltimento a rilento: la nuova emergenza (che nuova non è), adesso, soprattutto a Napoli e provincia, potrebbe essere quella della monnezza. In città non sono state raccolte 600 tonnellate di rifiuti e 50 sono gli autocompattatori in coda in attesa di scaricare agli impianti (22 mezzi lunedì scorso hanno subito il taglio delle gomme). Il Comune ha previsto un piano straordinario di raccolta per riuscire a recuperare le quantità rimaste sull asfalto da quando i Tir hanno iniziato la loro protesta.

6 I COSTI DELLA POLITICA 13 La riduzione colpirà inizialmente chi incassa per le presidenze delle varie commissioni da 1000 a 4000 euro Evitato il paradosso dell aumento di stipendio netto legato al passaggio dal vitalizio al sistema contributivo IL DOSSIER. Le misure Il Parlamento Taglio del 15% alle indennità di 200 onorevoli vip ma ora il deputato non vuole più finanziare il partito CARMELO LOPAPA Taglio del 15% per tutte le indennità aggiuntive percepite da circa 200 parlamentari, tra componenti degli uffici di presidenza di Camera e Senato, presidenti, vice e segretari di commissioni e giunte. L input di Gianfranco Fini ieri pomeriggio è stato recepito dai collegi dei questori dei due rami del Parlamento, riuniti per mettere a punto le misure che lunedì saranno varate in via definitiva. Si parte da subito col taglio ai più privilegiati tra i privilegiati (da mille a 4 mila euro al mese in più). Ma nel vertice è stato anche deciso che il rimborso per il portaborse resterà forfettario per il 50 per cento, senza bisogno di alcuna «pezza giustificativa». Nonostante la marcia indietro rispetto alla stretta iniziale, in Transatlantico monta il malessere in tutti i gruppi. Perché a quel budget i deputati hanno attinto finora per versare il contributo ai rispettivi partiti. Ora che duemila euro andranno coperti da contratti e bollette veri, gli onorevoli non vogliono più devolvere i restanti ai loro tesorieri. Confermato invece il passaggio dal vitalizio al sistema contributivo, evitando però il conseguente aumento del netto in busta paga che già più di un imbarazzo stava provocando in tempi di magra. Il varo ufficiale a Montecitorio è previsto lunedì, a Palazzo Madama slitta a martedì. Doppi incarichi Presidenti, questori, segretari ecco la sforbiciata sugli extra È LA novità delle ultime ore nella cura dimagrante pianificata da Montecitorio e Palazzo Madama, in procinto di essere varata e annunciata in pompa magna la prossima settimana. Taglio con ogni probabilità del 15 per cento per i 140 deputati e cento senatori che ricoprono cariche particolari nelle due Camere. Costituiscono il 20 per cento del totale e incassano tra i mille euro mensili di un segretario di commissione e i 4 mila di un 240 I GRADUATI presidente di Camera e Senato. Rientrano nel novero infatti, oltre alla se- Sono 140 alla Camera e circa conda e terza carica dello 100 al Senato i Stato, anche gli otto vicepresidenti, i sei questori, i parlamentari con cariche e indennità 25 segretari. E poi i presidenti, i vice e i segretari aggiuntive, dai mille ai 4 mila euro delle 28 commissioni dei due rami, i vertici delle tre bicamerali e delle cinque giunte. Un esercito. A Palazzo Madama avrebbero preferito limitare per ora il taglio ai soli componenti del consiglio di presidenza e rinviare per le commissioni. L accelerazione di Montecitorio (e di Fini) ha avuto la meglio. Non fosse altro perché si tratta di colpi di forbici da 250 a euro al massimo, commisurati all indennità aggiuntiva e non al totale della retribuzione del parlamentare. Le quote ai partiti Calano i contributi per i portaborse e in molti si ribellano alla tassa I vitalizi Sistema contributivo per tutti ed età pensionabile a 65 anni Nelle commissioni Diaria solo con presenza firmata il Senato si adegua alla Camera L effetto-irpef Con le imposte limitate all indennità prelievo sul lordo ridotto del 53% I PARLAMENTARI del Pd versano ogni mese euro al partito. Come i loro colleghi dell Udc. Alla Lega la quota sale a euro. Più light la tassa nel Pdl, 800 euro solo su base volontaria. Ora però la scure sul contributo per il portaborse, divenuto contributo per l esercizio del mandato (3.690 euro alla Camera, al Senato), sta per spaccare parlamentari e loro gruppi di appartenenza. Il taglio alla 1.500euro fine sarà inferiore al previsto, gli onorevoli do- AI GRUPPI È quanto versano vranno giustificare con ai gruppi i contratti e bollette solo la parlamentari di Pd metà di quel budget, dunque continueranno a es- e Udc (nella Lega 1.800), attingendo sere corrisposti loro a forfait tra i 1800 e i 2000 euro al budget per i portaborse al mese. Ma è poco più della cifra che dovrebbero continuare a corrispondere ai loro partiti. Molti sono pronti ad aprire il caso. Intanto, come spiega il questore del Senato Benedetto Adragna, la figura del portaborse sarà disciplinata da un ddl messo a punto dagli stessi questori o dagli uffici di presidenza, non da iniziative individuali (vedi Moffa). In ogni caso, sarà esclusa la possibilità di ricorrere al giudice del lavoro per i collaboratori ai quali non viene rinnovato il contratto. I QUESTORI di Camera e Senato hanno confermato l adeguamento delle nuove pensioni (col sistema contributivo e non più vitalizi) alle figure «non contrattualizzate» della pubblica amministrazione. Ovvero a magistrati, prefetti e generali dell esercito. Come pure viene confermato lo slittamento dell età pensionabile ai 60 anni (con più legislature) o 65 (con una sola) sia nell uno 18 che nell altro ramo del RICORSI Parlamento. Misura Sono i ricorsi drastica che fa scivolare contro la anche di un decennio la cancellazione del quiescenza per una generazione di cinquan- vitalizio presentati alla Camera. tenni. Infatti alla Camera pendono già 18 ricor- Saranno esaminati il primo febbraio si che il Consiglio di giurisdizione interna, presieduto da Giuseppe Consolo (Fli), esaminerà il primo febbraio. Se i ricorsi, per lo più di ex parlamentari, saranno accolti, altre decine se non centinaia ne seguiranno. I collegi dei questori hanno messo nero su bianco anche il passaggio al sistema contributivo per tutto il personale delle rispettive amministrazioni. Il presidente del Senato Schifani ha già varato un decreto in materia. DEPUTATI e senatori continueranno a percepire i loro euro netti mensili a titolo di diaria, per le spese di mantenimento a Roma. Adesso anche il Senato, come già la Camera da qualche mese, introduce il registro delle presenze che consentirà di penalizzare con una decurtazione da euro ogni assenza del parlamentare in commissione. Finora la penalità era in vigore solo per quelle in aula. Il nuovo sistema entrerà in vigore a MENSILI febbraio e comporterà La somma prevista anche a Palazzo Madama come diaria per il il ricorso appunto a un registro da firmare. Da soggiorno a Roma. Ne hanno diritto quando il meccanismo è anche quanti stato adottato a Montecitorio, in autunno, le pre- risiedono nella capitale senze alle riunioni di commissione fino ad allora al lumicino sono aumentate in misura esponenziale. Molto probabile che il fenomeno si ripeta al Senato. Così come la diaria, anche l indennità netta di circa 5 mila euro mensili resta comunque intatta. Voci che sommate alla quota forfaittaria rimasta a titolo di rimborso per il portaborse (1.800 alla Camera, 2000 al Senato), compongono uno stipendio netto che per gli onorevoli si aggirerà adesso attorno ai euro. DIARIA e rimborso spese esentasse. Deputai e senatori pagano l Irpef solo sull indennità in senso stretto, una delle tre voci del loro stipendio. Di conseguenza, si avvantaggiano di un risparmio del 53 per cento rispetto agli altri contribuenti. La stima è stata elaborata da Fiscoequo.it, sito dell associazione per la legalità e l equità fiscale. «Per i parlamentari si legge nello studio il benefit è sempre esentasse. Grazie ad una interpretazione estensiva della nor- TASSAZIONE Un deputato versa ma da parte dei due rami di Irpef del Parlamento ogni anno deputati e senatori euro. Se fossero tassate anche le incassano circa somme extra euro senza pagare l Irpef, con un risparmio si arriverebbe a oltre d imposta di circa 95 mila euro euro. Il deputato tipo riceve in un anno complessivamente euro (indennità lorda annua di euro e altri benefits pari a ) e subisce una tassazione ai fini Irpef pari a Euro. Se le stesse somme, a titolo di stipendio e di benefit, fossero corrisposte a qualsiasi altro cittadino, manager o alto dirigente, l imposta Irpef dovuta ammonterebbe a Euro». Conclusione: «Un risparmio di imposta di euro».

7 VENERDI 27 GENNAIO POLITICA E INTERNA GIUSTIZIA Il primo presidente Lupo: È venuto meno il malcelato intento di ridurre il controllo di legalità sul potere Arduo accertare responsabilità penali prima che i tempi scadano, anche per reati che creano grave allarme sociale IL DOSSIER. I dati della Cassazione L anno giudiziario Prescrizione più lunga, carcere extrema ratio L apertura dei magistrati: c è un clima nuovo PRESCRIZIONE troppo breve e carcere disumano. Due gravi falle della giustizia italiana. Il primo presidente della Cassazione Ernesto Lupo apre l anno giudiziario, in un impeccabile aula magna della Suprema Corte, davanti a Napolitano e Monti. La sua è una denuncia ferma: «È arduo accertare le responsabilità penali con sentenza definitiva di condanna prima che maturi la prescrizione per molti reati anche di grave allarme sociale». A Repubblica il vice presidente del Csm Michele Vietti ha dichiarato: «La prescrizione è una sconfitta dello Stato». Berlusconi è alle spalle, l Anm vede «un clima nuovo», Lupo plaude alla Costituzione «in salvo». L ARRETRATO Quei nove milioni di processi che schiacciano i giudici SONO ben nove milioni i processi penali (5,5) e civili (3,4) che, al 30 giugno del 2011, secondo le statistiche, gravavano sui giudici italiani. «Una montagna che li schiaccia», secondo il primo presidente Ernesto Lupo, nonostante essi «detengano primati di produttività più alti tra i loro colleghi europei». Questo risulta, come ha scritto il vice presidente del Csm Michele Vietti, dal rapporto della Commissione europea per l efficienza della giustizia (Cepej) che documenta come, nel 2008, essi abbiano smaltito «un milione di processi in più rispetto ai colleghi francesi e spagnoli». IL CARCERE Stipati 68 mila in celle per 45 mila così viene violata la Costituzione VA CONTRO l articolo 27 della Costituzione, che vieta «trattamenti contrari al senso di umanità», e alla Convenzione per i diritti umani, «stipare 68mila detenuti in condizioni logistiche adeguate per 45mila persone». Questo denuncia Lupo, per il quale «siamo di fronte a un limite che attiene al senso di umanità e, dunque, a quel minimo che va rispettato perché il nostro Paese conservi il suo posto tra le nazioni civili». La colpa del legislatore sta in una «concezione panpenalistica che assegna alla risposta penale la sanzione di ogni comportamento deviante». GLI AVVOCATI 240 mila legali sono troppi incentivano il contenzioso UN ANOMALIA italiana. Il presidente Lupo definisce così la presenza in Italia di ben 240 mila avvocati: è il numero più alto in Europa se paragonato a quello degli abitanti. Di questi ben 50 mila sono anche abilitati ad esercitare in Cassazione. Il numero, come rivelano le statistiche, cresce ogni anno. Secondo Lupo «questo numero esorbitante, se non costituisce un diretto fattore di incentivazione del contenzioso, certamente non contribuisce a deflazionarlo, giacché risulta del tutto insufficiente l attività di filtro della classe forense». Il dubbio da chiarire è se effettivamente questo numero risponda a una reale esigenza di giustizia. I numeri MAGISTRATI MANCANTI Su un organico sulla carta di magistrati, quelli mancanti sono ben 1.375, di cui negli uffici giudiziari. Idem per gli amministrativi, rispetto ai del MEDIAZIONE Dal marzo a novembre 2011 tanti sono stati i casi di mediazione civile definiti. Ne restano contrasti di locazione, bancari, sulle assicurazioni LEGGE PINTO A 208 milioni ammonta, a giugno 2011, il debito dello Stato per indennizzare chi ha subito un processo irragionevolmente lungo e ha fatto causa. Ma sono solo 20 i milioni disponibili NOTIZIE DISCIPLINARI Tante sono le segnalazioni giunte al pg della Suprema corte per possibili comportamenti anomali delle toghe. Il 93% è stato archiviato. Il 7% va sotto processo disciplinare IL GOVERNO RISPONDA SUBITO LIANA MILELLA E ADESSO, sulla prescrizione, bisogna passare subito dalle parole ai fatti. Senza perdere un giorno, visto che proprio ogni giorno muoiono per scadenza della prescrizione decine e decine di processi. Due istituzioni, il Csm e la Cassazione, hanno parlato con una voce sola, che è poi quella dell Europa. L Italia, se vuole garantire l esercizio dell azione penale, deve congelare, o quantomeno allungare, i termini della prescrizione. Che, tocca ricordarlo, furono dimezzati da Berlusconi con la legge Cirielli del Adesso urge una marcia indietro. Il contenitore è già disponibile: il ddl anti corruzione, firmato da Alfano ma nel freezer da due anni, può essere emendato. Il Pd ha già proposto come farlo. Manca all appello solo la volontà politica. E qui i segnali si fanno inquietanti. Il governo invece di tacere, si muova. Anziché considerare la giustizia soltanto un terreno su cui non andare allo scontro, prenda atto dell emergenza. La Severino, invece, sembra non voler prendere ancora posizione. Riservatamente si accapiglia con il collega Patroni Griffi, reo di aver promosso una commissione per rendere il ddl anticorruzione non un vuoto simulacro, ma uno strumento idoneo a contrastare un antica e costante piaga italiana. La commissione chiude i lavori e propone di allungare la prescrizione, visto che per reati scoperti a distanza di molto tempo la prescrizione breve equivale a un impunità permanente. Ma poi l idea scompare. Invece ora è tempo di mettere le carte sul tavolo e dire subito un sì o un no. Altrimenti parlare di «clima nuovo sulla giustizia» e «di sintonia tra governo e toghe» significa solo fare propaganda. LA PRESCRIZIONE Italia contro gli standard Ue grave anomalia delle leggi QUANDO ogni anno vanno in fumo 169mila processi vuol dire che c è «un ulteriore anomalia negativa nell ordinamento italiano». Lupo cita espressamente la legge Cirielli del 5 dicembre 2005, che ha tagliato a metà i tempi della prescrizione. Ma una sentenza della Corte dei diritti umani del marzo 2011 affronta «la compatibilità del sistema italiano di prescrizione dei reati con gli standard internazionali di tutela dei diritti fondamentali» e rileva l anomalia del nostro Paese. L Ocse, il 12 gennaio 2011, ci raccomanda di «realizzare un adeguato prolungamento dei termini della prescrizione». I PROCESSI Tanti 3 milioni, urge depenalizzare di più ne celebra solo la Russia IL DATO è scioccante. In Italia 50 milioni di abitanti, in Russia 143 milioni. Ma il nostro Paese è al secondo posto dopo la Russia per il numero di processi che sopravvengono in primo grado. Ecco le cifre: poco più di dieci milioni in Russia, quasi tre milioni in Italia. Il Rapporto Cepej del 2010 ci assegna il secondo posto. Colpa di una mancata e adeguata depenalizzazione che adesso viene invocata come assolutamente indispensabile dal vice presidente Vietti, il quale si augura che venga messa da parte l idea che «introdurre nuovi reati sia l unica risposta per far fronte all emergenza totale». GLI UFFICI Duemila sedi, un costo alto che lo Stato non può reggere SARÀ la sfida prossima ventura del Guardasigilli Paola Severino. Trasformare la mappa della geografia giudiziaria italiana e ridurre gli uffici. Dice Vietti: «Duemila uffici ospitati in tremila edifici rappresentano un costo insostenibile». Si augura Lupo: «L interesse generale alle resistenze localistiche che non mancheranno da parte di ambienti politici, forensi e anche giudiziari non sia anteposto al mantenere l impegno». La Severino promette che «entro pochi mesi la nuova geografia prenderà il via con l esercizio della delega per ridurre e razionalizzare gli uffici». Ma il Parlamento molti parlamentari scalpitano e si oppongono.

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Adesso una Italia nuova. Si può fare. www.partitodemocratico.it

Adesso una Italia nuova. Si può fare. www.partitodemocratico.it L ITALIA NEL MONDO CHE CAMBIA 1. L Italia del PD sceglie il multilateralismo: per le missioni internazionali di pace, contro il riarmo convenzionale e nucleare; per i diritti umani, contro il riscaldamento

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Un operaio guadagna mediamente 23 mila euro lordi

Un operaio guadagna mediamente 23 mila euro lordi loro, i superpagati Da una parte i fortunati della casta che, nonostante gli ultimi tagli, continuano a incassare cifre imbarazzanti. Dall altra i lavoratori delle aziende che fanno funzionare l economia

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli