RIVALUTAZIONE PER BENI D IMPRESA L

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIVALUTAZIONE PER BENI D IMPRESA L"

Transcript

1 del News RIVALUTAZIONE PER BENI D IMPRESA L agevolazione nella legge di stabilità (di M. Mobili, pag.14) Una nuova rivalutazione dei beni d impresa e dei capannoni, così come nel rispetto degli equilibri di bilancio, una possibile proroga dell ecobonus per l acquisto di mobili, arredi ed elettrodomestici. Mentre sul taglio del cuneo fiscale, da portare al tavolo con le parti sociali, le opzioni in campo sarebbero due: un intervento strutturale ma più leggero, oppure un intervento di tipo congiunturale ma più pesante. Non solo. Per potenziare la dote della legge di stabilità, che potrebbe attestarsi sempre più sui 10 miliardi di euro, ci sarebbe allo studio anche l ipotesi di bloccare soltanto in parte l aumento di 2 miliardi dei ticket sanitari previsto dal 1 gennaio. CACCIA ALLE IMPOSTE NON PAGATE NELGI ANNI PASSATI La ripresa del prelievo potrà riguardare Ici, Imu e tasse sui rifiuti (di L. Lovecchio, pag.2) Le rilevazioni per scoprire gli immobili fantasma sono state fatte dall agenzia del Territorio in base all art.2. co.36 del D.L. n.262/06. In forza di tale disposizione, l Agenzia ha quindi pubblicato sul proprio sito l elenco degli immobili che, sulla base di verifiche anche da telerivelamento, non risultano iscritti in Catasto. Questa pubblicazione ha avuto la funzione di sollecitare i proprietari ad aggiornare i dati catastali, procedendo alla determinazione della rendita attraverso la procedura

2 Docfa. In caso di inerzia dei proprietari, in base all art.19, co.10 del D.L. n.78/10, il Territorio era abilitato a determinare una rendita provvisoria, con spese a carico dell interessato, anche avvalendosi di convenzioni con professionisti del settore. L efficacia delle rendite retroagisce al 1 gennaio dell anno successivo a quello in cui l immobile avrebbe dovuto essere denunciato in catasto ovvero, se tale anno non è accertato, al 1 gennaio dell anno in cui l esistenza del fabbricato fantasma è stata pubblicata nei modi di legge. L imposta più strettamente correlata agli immobili fantasma è l Ici e, a partire dal 2012, l Imu. Ma non è escluso che il recupero riguardi anche il prelievo sui rifiuti (Tarsu o Tia). REGISTRAZIONI PIÙ FACILI PER GLI AFFITTI Semplificazioni: entro fine anno sarà completata l agenda (di G. Costa, pag.24) Entro fine anno, o al massimo dei primi mesi del 2014, le Entrate completeranno il cammino intrapreso sulla strada delle semplificazioni fiscali attuabile attraverso provvedimenti amministrativi. Vale a dire: registrazione più semplice per i contratti di locazione e comunicazione automatica per i dati assicurativi. Lo ha confermato ieri Federico Monaco, direttore centrale aggiunto per i servizi ai contribuenti delle Entrate. LA TARGA DELL AUTO NON SFUGGE AL 22% (di M. Caprino, pag.23) L aumento dell Iva al 22% ha colpito anche le targhe per i veicoli. Non era mai accaduto prima, nei vari inasprimenti dell aliquota ordinaria degli ultimi decenni. Stavolta però la Motorizzazione, su indicazione del Ministero dell Economia, ha informato che gli aumenti colpiscono anche in questo ambito. OMESSI VERSAMENTI IVA SOTTO TIRO Dopo le sentenze dei giudici di merito e di legittimità la parola va alla Consulta (di A. Iorio, pag.23) Il reato di omesso versamento Iva resta sempre sotto tiro. Dopo le sentenze dei giudici di merito favorevoli al contribuente e il confronto sulla riduzione delle fattispecie rilevanti penalmente ora arriva l ipotesi di sospetta incostituzionalità per il reato di omesso versamento Iva fino al 2010, se l importo non versato non ha superato i euro, cioè la soglia di punibilità prevista in passato per la dichiarazione infedele. A sollevare la questione è il Tribunale di Bergamo con un ordinanza del 17 settembre PIÙ FACILE SANARE GLI ERRORI FISCALI Deve essere però un imprecisione materiale come quella su un codice tributo (di G. Negri, pag.27) Correzioni ampie sugli errori fiscali. L imprecisione nell utilizzare un codice al posto di un altro nel modello F24, può essere sanata infatti anche in sede di contenzioso. Lo sottolinea la Corte di Cassazione con la sentenza n della Sezione tributaria depositata ieri. Lavoro INTERVALLI A DURATA LIBERA Le pause possono essere ridotte, annullate o incrementate (di M. Prioschi, pag.26) Gli intervelli minimi tra due contratti a termine, fissati dal D.L. n.76/13 in 10 e 20 giorni, possono essere ridotti, azzerati o incrementati. A precisarlo è la nota 31/ del Ministero del Lavoro datata 4 ottobre.

3 SCONTO GIOVANI DISPONIBILE IN EMILIA (di M. Prioschi, pag.26) Le domande inviate finora dai datori di lavoro per beneficiare del bonus per le assunzioni under 30 in Emilia Romagna corrispondono a circa metà del budget disponibile. Non sono dunque già esauriti i fondi a copertura dell incentivo. Questo perché fanno sapere dall Inps, l importo per finanziare i bonus richiesti nel 2013, ma che si estendono anche nel 2014, sarà coperto con i fondi delle due annualità e non solo con quelli del Varie SULLE LICENZE PAROLA AI COMUNI Possibile sanare le costruzioni senza titolo realizzate prima del settembre 1967 (di M.T. Farina e G. Saporito, pag.2) Si apre un nuovo capitolo per tutte le attività edilizie che, passate al setaccio attraverso i rilievi aerei, sono state accatastate d ufficio o spontaneamente dai proprietari. Il legislatore, all art.19, co.8 e 9 del D.L. n.78/10 (L. 122) prevede che, all indomani della registrazione degli atti di aggiornamento, i dati vengano resi disponibili ai Comuni per i controlli di conformità uanisticoedilizia. Poiché la maggior parte degli immobili emersi sono fuori dai centri abitati, si può tenere presente che prima del settembre 1967 (L. n.765) nelle zone esterne ai centri abitati non era in genere prevista la necessità di una licenza edilizia. Se non vi è alcuna possibilità di sostenere che il manufatto accatastato è anteriore al settembre 1967, rimane la possibilità di chiedere una sanatoria edilizia a norma dell art.36 del DPR n.380/01 secondo il quale, fino all irrogazione di sanzioni amministrative, il proprietario dell immobile può ottenere un permesso in sanatoria se vi è la cosiddetta doppia conformità. AMMESSI AL REGISTRO 3MILA NEO-COMMERCIALISTI (di G. Costa, pag.27) I circa 3mila giovani dottori commercialisti in attesa di entrare nel Registro dei revisori legali bloccati dalla riforma del D.Lgs. n.39/10 ora potranno iscriversi. Con tante scuse da parte del Governo per le complicazioni sorte a seguito dell applicazione parziale della riforma che, di fatto, verrà disapplicata. E anche la partita dell equipollenza (che secondo il ministero della Giustizia e la Commissione Ue doveva essere negata ai dottori commercialisti) si riapre. Lo ha annunciato ieri alla Camera il viceministro dell Economia, Stefano Fassina, rispondendo a un interrogazione. Approfondimenti ESCLUSIONE DELLA PUNIBILITÀ CON PROVA A OSTACOLI (di A. Iorio, pag.23) La sentenza n delle Sezioni Unite in tema di omessi versamenti Iva sembra aprire uno spiraglio all esclusione della punibilità penale in presenza di particolari e importanti crisi di liquidità che hanno riguardato il periodo antecedente la scadenza del penalmente rilevante. In particolare sembra dedursi che i giudici di legittimità riconnettano l esclusione della punibilità a due concomitanti circostanze da dimostrare: la crisi di liquidità in cui verte l azienda; la prova che l omesso versamento non sia dipeso da una scelta dell imprenditore. Concludendo in modo di verso, ossia nel senso di escludere sempre e comunque la crisi di liquidità, mal si comprenderebbe il senso della locuzione ove non si dimostri che la stessa non dipenda, espressa nella pronuncia. Non sembra poi determinante il richiamo a una precedente sentenza (la n.10120/10), nella quale si riteneva irrilevante la difficoltà economica, ai soli fini della costituzione della fattispecie penale. Si tratta pertanto di individuare in concreto alcune ipotesi che rispettino il principio obiettivamente non molto chiaro, enunciato dalle Sezioni unite. L autore prosegue con l analisi della fattispecie e l individuazione di alcune esimenti.

4 TEMPI LUNGHI PER IL REDDITOMETRO I passaggi confermano l impossibilità di raggiungere il traguardo di 35mila verifiche (di C. Nocera, pag.24) Che il grosso dei controlli e degli accertamenti tributari fondati sul nuovo art.38 del DPR n.600/73 riguardasse ormai il 2014 era scontato: l obiettivo dei 35mila accertamenti inizialmente previsti per l anno in corso, con il trascorrere del tempo, è diventato, così, impossibile da raggiungere. La ragione va ricercata nel fatto che il nuovo strumento, ancora ai blocchi di partenza agli inizi di ottobre, consta di un procedimento dispendioso in termini di tempo: le diverse disposizioni che lo disciplinano, infatti, giocano a favore di una gestione del singolo controllo che comporta perlomeno giorni per le parti in causa. Il tutto, peraltro, a partire dalla notifica del questionario e quindi senza contare quella fase di selezione che non coinvolge affatto il contribuente: in ogni caso visto che il nuovo accertamento sintetico è destinato ad essere applicato a decorrere dal periodo di imposta 2009, gli uffici hanno tempo sino alla fine del prossimo anno per notificare gli atti impositivi. L autore prosegue descrivendo il complesso iter accertativo. IL BONUS VERDE PREMIA LE IMPRESE LOCATRICI Superabile la differente interpretazione delle Entrate (di L. De Stefani, pag.26) La detrazione Irpef ed Ires del 55-65% spetta anche agli imprenditori individuali e alle società di persone o di capitali che effettuano gli interventi per il risparmio energetico su immobili non di proprietà ma ricevuti in locazione da terzi. Viceversa, se l impresa proprietaria effettua i lavori sul fabbricato locato a terzi, essa non può beneficiare del bonus verde secondo l interpretazione dell agenzia delle Entrate (R.M. 340/E/08), la quale però è stata contraddetta sul punto da tutte le sentenze delle Commissioni tributarie provinciali che hanno trattato il tema. L autore prosegue con l analisi della fattispecie alla luce della giurisprudenza di merito.

5 News SUCCESSIONI ALLEGGERITE Dichiarazione telematica e precompilata (di V. Stroppa, pag.27) Una dichiarazione di successione telematica e precompilata. Niente più documenti cartacei e accessi fisici ai diversi sportelli per registrazioni, volture catastali e trascrizioni immobiliari. Rispondendo a una serie di domande poste dal computer, il software produrrà il modello già pronto, che il contribuente dovrà solo ricontrollare e trasmettere al fisco via web. Ad anticipare la novità, in partenza dal 2014, è Federico Monaco, direttore aggiunto della Direzione centrale servizi ai contribuenti dell'agenzia delle entrate. Monaco è intervenuto ieri a Rimini al IV congresso nazionale dei tributaristi Int. TOBIN TAX OK CODICI PER L F24 (pag.27) Fissati i codici tributo per il versamento della Tobin Tax (alla cassa il 16 ottobre) con il modello F24. A pensarci è stata l'agenzia delle Entrate, con la R.M. n.62/e di ieri, avente appunto a oggetto «Istituzione dei codici tributo per il versamento, tramite modello F24, dell'imposta sulle transazioni finanziarie di cui all'art.1, co.491, 492 e 495 della L. n.228/12 - attivazione del codice identificativo da indicare nel modello F24».

6 RETI, L AUTONOMIA È A RISCHIO L impresa aderente può dover rispondere direttamente (di F.G. Poggiani, pag.28) Rete di imprese versatile. Ma anche in presenza di una propria «soggettività giuridica» le imprese aderenti potrebbero essere chiamate a rispondere direttamente con il proprio patrimonio per gli impegni presi da chi agisce per conto della stessa rete. Questo il rischio evidenziato nella nota operativa n.11/213 della Fondazione accademia romana di ragioneria «Giorgio Di Giuliomaria», intervenuta sul tema della gestione contabile e fiscale della rete di imprese, di cui all'art.3, co.4-ter e seguenti, L. n.33/09, come in seguito modificati e integrati. INTERESSI SEMPRE DEDUCIBILI (di V. Stroppa, pag.29) La disparità di trattamento sugli interessi passivi lede il principio della libera circolazione dei capitali sancito dall'art.56 del Trattato Ce. È contraria alla disciplina comunitaria, quindi, una normativa che consideri indeducibili gli interessi pagati da una società Ue a un soggetto extra-ue e riferiti alla quota di indebitamento ritenuta eccessiva, consentendone invece la deduzione laddove gli interessi siano corrisposti a una società europea. È quanto ha stabilito la Corte di giustizia Ue con la sentenza nella causa C-282/12. SOCIETÀ, L ATTIVITÀ È SPARTIACQUE L impresa che esercita non può essere ritenuta di comodo (di F.G. Poggiani, pag.26) Con l'esercizio di attività d'impresa, la società non può mai essere ritenuta di comodo. Tale deve essere dichiarata soltanto la società i cui beni sono concessi in godimento ai soci o ai familiari dell'imprenditore che li utilizzano nella sfera giuridico-patrimoniale privata. Così i giudici della CTP di Pistoia che, con la sentenza n.218/2/13, depositata il 24 settembre scorso, hanno affermato un principio sostanziale, sul tema della disciplina sulle «società di comodo», di cui all'art.30, L. n.724/94. IL CASONE RURALE NON È DI LUSSO Metri quadri insufficienti per definirlo tale (di B. Fuoco e N. Fuoco, pag.31) In un'abitazione di tipo agricolo, la sola superficie maggiore di 240 metri quadrati non è sufficiente a renderla «abitazione di lusso»; il solo riferimento alla superficie della casa, infatti, non può far rientrare un immobile agricolo tra quelli di lusso. Sono le conclusioni raggiunte dalla CTP di Cremona, che si leggono nella sentenza n.62/2/13 depositata in segreteria il 19 luglio scorso. Lavoro INTERVALLO TRA CONTRATTI, PREVALE SEMPRE LA LEGGE Gli effetti dei rapporti sindacali sui contratti a termine (di D. Cirioli, pag.32) La contrattazione collettiva non può incrementare con efficacia normativa la durata degli intervalli tra due contratti a termine, fissata per legge a 10/20 giorni. Se lo fa, ciò vincola le parti stipulanti (i sindacati) ma non produce effetti sul piano «obbligatorio» (quindi sanzionatorio con la conversione del rapporto a tempo indeterminato). Lo precisa il ministero del lavoro nella nota prot. n.5426 di ieri.

7 Varie COMMERCIALISTI E REVISORI Fassina (Mef): vale ancora lo stesso esame (di B. Pacelli, pag.32) Il registro dei revisori riapre le porte degli accessi automatici per i dottori commercialisti. Con una risposta che sgombra il campo da interpretazioni confuse che hanno animato recentemente il dibattito in materia di revisione legale, il viceministro all'economia Stefano Fassina detta la linea per la prima iscrizione al registro dei revisori e riporta a galla la normativa previgente (D.Lgs. n.88/92), poi sostituita dal D.Lgs. n.39/10. Almeno fino a quando il governo non porterà a compimento, «nei tempi più rapidi possibili», il nuovo e organico quadro normativo in materia. La posizione del rappresentante dell'economia è arrivata a seguito di un'interrogazione parlamentare. Approfondimenti PERDITA SISTEMICA, SLALOM SULLA NON OPERATIVITÀ (di A. Pratesi, pag.26) Il contrasto all'evasione e la prevenzione dell'elusione fiscale non legittimano una legislazione tributaria che, di fatto, viola i precetti del codice civile, ossia di una fonte normativa che regola puntualmente anche la materia del diritto societario. Le società in «perdita sistemica» possono evitare di essere considerate «non operative» se sono in liquidazione e chiedono, con impegno assunto nella dichiarazione dei redditi, la cancellazione dal Registro delle imprese entro il termine di presentazione del successivo modello Unico. Tale causa di disapplicazione «copre» il periodo di imposta nel corso del quale è preso l'impegno, il precedente e il successivo, oppure l'unico periodo di imposta compreso fra l'inizio e la fine della liquidazione. Ciò premesso, si ritiene che l'eventuale mancata cancellazione, nei termini citati, non sia di impedimento alla disapplicazione di una disciplina che, per certi aspetti, è paradossale. L autore prosegue nell analisi esponendo le proprie motivazioni.

8 del News CATASTO, LA RIFORMA SCALDA I MOTORI ASPETTANDO LA DELEGA L operazione richiederà quattro o cinque anni (di S. Fossati, pag.3) I piani per il nuovo Catasto sono pronti, o almeno ben delineati. Ad allungare i tempi, se mai, sarà l assenza di un via libera ufficiale e l oggettiva complessità di un operazione che dovrà riguardare tutto il patrimonio edilizio italiano. La riforma del Catasto è inserita nel DDL per la riforma fiscale, approvato nei giorni scorsi dalla Camera e ora alla commissione Finanze del Senato. Se non parte la delega fiscale, non parte neppure la riforma del Catasto, meno di uno stralcio della revisione degli estimi; ipotesi che al momento, comunque, non pare all ordine del giorno. Il secondo fattore che allungherà i tempi della riforma del Catasto è quello legato alla natura stessa dell operazione: si tratta, infatti, di attribuire una rendita catastale agli oltre 60 milioni di unità immobiliari registrati dalle statistiche catastali, tra cui 33 milioni di abitazioni. PIÙ CHANCE PER SOSPENDENRE LA SENTENZA L Agenzia suggerisce agli uffici di non sollevare l inammissibilità sullo stop all esecuzione (di L. Ambrosi, pag.1 N&T) Più chance per la sospensione delle sentenze impugnate. Nonostante i chiarimenti della Consulta e della Cassazione, gli uffici dell amministrazione finanziaria hanno rilevato finora l inapplicabilità di una richiesta di sospensione della sentenza di primo grado o di appello al processo tributario. ma una recente direttiva della direzione centrale Affari legali sembra risolvere definitivamente la questione. Il documento invita espressamente gli uffici a non opporsi alle istanze di sospensione proposte nei successivi gradi di giudizio, proprio in recepimento dei principi affermati dalla

9 giurisprudenza. Tuttavia, precisa che è necessario prestare particolare attenzione alle prove fornite dal contribuente per attestare l esistenza dei requisiti necessari affinché la sospensione possa essere accordata. SOLO LA DATA CERTA BLOCCA L AVVISO Il preliminare privo di registrazione non prova un prezzo di vendita inferiore (di F. Falcone, pag.4 N&T) Il preliminare senza data certa non blocca la rettifica sulla plusvalenza immobiliare. È quanto emerge dalla sentenza n.68/01/2013 della CT di secondo grado di Trento. IL RIMBORSO DELL IRPEF ALL EX RIENTRA NELLA DEDUZIONE (di A. Tomassini, pag.4) La deduzione per il mantenimento comprende anche il rimborso dell Irpef versata dal coniuge che beneficia dell assegno. È quanto emerge dalla sentenza 6/01/2013 della Lombardia. STRADA SBARRATA AL RICALCOLO DEI COSTI SU PIÙ ESERCIZI (di L. Amborsi, pag.4 N&T) Stop alla rideterminazione dei costi pluriennali in una cessione di ramo d azienda in quanto non si tratta di beni trasferibili a terzi. Ad affermarlo è la sentenza 89/01/2013 della CTP di Reggio Emilia. LA PRATICA GRATUITA AD AMICI E PARENTI NON È IN NERO (di R. Acierno, pag.4 N&T) L amministrazione finanziaria non può rettificare maggiori compensi sulla base della presunzione secondo cui i professionisti non sono soliti prestare i propri servizi a titolo gratuito. È plausibile, infatti, che un professionista possa svolgere durante l anno parte della propria attività senza percepire alcun compenso e soltanto per ragioni di amicizia o di pura convenienza. A precisarlo è la sentenza n.365/04/2013 della CTP di Cosenza. LEGITTIMA L IPOTECA SUL BENE NEL FONDO PATRIMONIALE È legittima l ipoteca sull immobile in un fondo patrimoniale se non si dimostra che il debito tributario non è stato contratto per i bisogni della famiglia ma per esigenze di natura voluttuaria o caratterizzate da interessi speculativi. E questo anche se le passività scaturiscono dall attività imprenditoriale svolta. A precisarlo è la sentenza 98/2/2013 della CT di primo grado di Bolzano. Approfondimenti IL BONUS PER CHI RICAPITALIZZA È ANCORA TROPPO COMPLESSO I limiti dell attuale meccanismo previsto per l Ace (di L. Gaiani, pag.3) Ace in cerca di un accelerazione. L aiuto ala crescita economica introdotto dal decreto salva-italia di fine 2011 per le imprese che aumentano il patrimonio mediante apporti dei soci o utili trattenuti in azienda è caratterizzato da un meccanismo che consente di ottenere benefici significativi solo nel lungo periodo. L attuale meccanismo dell Ace ha impedito all agevolazione di funzionare come un vero e proprio incentivo alla ricapitalizzazione. Le imprese sfruttano si il beneficio, ma non sono generalmente indotte ad accantonare utili o ad aumentare il capitale proprio per ottenere lo sconto, il quadro è solo quello di medio periodo. Un forte incentivo alla patrimonializzazione si avrebbe invece se la percentuale fosse notevolmente aumentata, con un impatto però solo sugli incrementi di ogni singolo esercizio e non su tutto lo stock accumulato progressivamente dal al tempo stesso si potrebbe prevedere la restituzione del bonus già fruito se, entro un certo numero di anni, le riserve utilizzate per la detassazione vengono distribuite.

10 TRA ATTUAZIONI E CHIARIMENTI IN BILICO LE DIFESE DA EQUITALIA Manca il decreto del Mef per la dilazione a 10 anni (di L. Lovecchio, pag.3) Il dossier in materia di riscossione è un cantiere ancora aperto, con molte opere da terminare. Il decreto del fare (D.L. n.69/13) ha apportato diverse modifiche alla riscossione tramite ruolo. Tra le principali, ci sono l estensione a otto rate non pagate, anche non consecutive, della condizione di decadenza dalla rateazione e l impignorabilità dell abitazione principale, a determinate condizioni. È stata inoltre prevista l estensione del periodo massimo di rateazione a 120 rate mensili, rispetto alle 72 attuali. Per rendere operativa la novità, però, occorre un decreto attuativo del ministero dell Economia, che avrebbe dovuto essere pubblicato entro 30 giorni dall entrata in vigore della legge di conversione del D.L. del fare. PRESTAZIONI GRATUITE: NIENTE TASSAZIONE SUL RIMBORSO SPESE Non si configura un reddito diverso in Unico e il committente evita la ritenuta d acconto (di G. Ferranti, pag.2) I rimborsi spese percepiti dai lavoratori autonomi occasionali non sono tassabili come redditi diversi se la prestazione è a titolo gratuito. La semplificazione prevista dalla R.M. n.49/e/13 on si applica, però, se la prestazione è remunerata o le spese effettivamente sostenute sono inferiori, anche di poco, all importo rimborsato: in tali casi, quindi, il committente deve effettuare la ritenuta e il percipiente è obbligato a dichiarare quale reddito diverso la differenza tra il compenso e le spese. Il principio di favore non riguarda, inoltre, gli esercenti arti e professioni, per i quali i rimborsi delle spese diverse da quelle anticipate in nome e per conto del cliente sono sempre assimilati ai compensi. L apertura della risoluzione è un primo passo sulla strada della semplificazione dei complessi adempimenti relativi ai rimborsi spese. Il DDL sulle semplificazioni (atto Senato 958) all esame in prima lettura di Palazzo Madama prevede che le prestazioni di vitto e alloggio sostenute direttamente dal committente non costituiscono compensi in natura per il professionista e non possono essere dedotte in dichiarazione dei redditi: principio che si ritiene estendibile anche ai lavoratori autonomi occasionali. L IVA PER CASSA DRIBBLA L ALIQUOTA DEL 22% Le operazioni effettuate prima del 1 ottobre ma non ancora pagate mantengono il vecchio prelievo (di G. Gavelli, M. Sirri e R. Zavatta, pag.3) Chi ha scelto di entrare nel regime dell Iva per cassa previsto dall art.32-bis del D.L. n.83/12 non deve temere (non più degli altri operatori, almeno) l incremento dell aliquota Iva ordinaria (dal 21 al 22%) in vigore dal 1 ottobre. Infatti, chi ha aderito al sistema dell esigibilità differita al momento dell incasso non deve rettificare l Iva sulle operazioni effettuate prima del termine di decorrenza della nuova aliquota e per cui non ha ancora incassato il corrispettivo a tale data. Gli autori proseguono con l analisi degli effetti dell aumento dell aliquota ordinaria per tale regime. Lavoro APPRENDISTI CON FORMAZIONE LIGHT Dal 1 ottobre il piano è obbligatorio solo per i corsi in azienda previsti dagli accordi collettivi (di G. Falasca, pag.12) È appena entrata a regime, dal 1 ottobre, la nuova riforma dell apprendistato, scaturita dal D.L. n.76/13 e dalla sua legge di conversione (la L. n.99/13). La chiusura del cantiere legislativo è un fatto positivo, perché ogni riforma, prima che sia completata, determina una situazione di incertezza nel mercato del lavoro, che frena il ricorso a questo contratto. Con il superamento della scadenza dl 30 settembre, per l inerzia delle Regioni, che avrebbero potuto approvare linee guida ad hoc sull apprendistato professionalizzante ma hanno rinunciato, sono entrate in vigore tre

11 innovazioni legislative previste dal decreto n.76/13: l eliminazione del piano formativo per la formazione trasversale, l adozione di un modello unificato per la tenuta del libretto formativo, la centralizzazione delle regole della formazione su una sola regione per le imprese multi localizzate. L autore prosegue analizzando le novità entrate a regime.

12 News CONFISCA, NON SERVE PATTEGGIARE Le pene accessorie si applicano a discrezione del giudice (di A. Felicioni, pag.8) Il patteggiamento non salva dalla confisca per equivalente. Il reato di omesso versamento dell'iva fa scattare la confisca (anche se non preceduta da sequestro conservativo) per l'equivalente dell'imposta evasa (profitto del reato), anche se il giudizio si è concluso con un patteggiamento tra le parti. Ciò perché le pene accessorie e l'applicazione della confisca non sono disponibili dalle parti ma vanno applicate o meno a discrezione del giudice. La Corte di Cassazione, Terza sezione penale, con la sentenza n.3758 depositata il 13 settembre scorso ha preso posizione su un tema scottante che riporta in primo piano gli effetti dell'applicazione anche ai reati tributari della confisca per equivalente. FINZIONE ANTIFISCO: INESISTENZA SOLO CON SUPERPROVA (di B. Fuoco e N. Fuoco, pag.12) Per disconoscere la deducibilità dei costi relativi a operazioni soggettivamente inesistenti, l'agenzia erariale deve fornire idonea dimostrazione che il soggetto accertato era a conoscenza di partecipare a un'operazione fraudolenta; non si verifica, infatti, alcuna inversione dell'onere della prova, atteso che si tratterebbe di una prova negativa (dimostrare di «non sapere») dai connotati diabolici. Con queste conclusioni, rese dalla CTR di Milano nella sentenza n.92/45/13 del 23 maggio, è stato definitivamente bocciato un accertamento emesso a carico di una società meneghina, che aveva dedotto dal reddito fiscale dei costi sostenuti nei confronti di una company di Dublino, rivelatasi poi inesistente agli occhi delle autorità irlandesi.

13 ATTORI, CONTA IL TENORE DI VITA (di B. Fuoco e N. Fuoco, pag.12) Quando si esegue un accertamento bancario indirizzato a un personaggio che proviene dal mondo dello spettacolo, non può non tenersi conto del tenore di vita nonché delle situazioni connesse a uno stile di vita particolare, anche nell'ottica di protezione della propria immagine pubblica e del valore artistico. Questi i principi che si leggono nella sentenza n.298/22/13 della CTR di Roma, depositata lo scorso 7 agosto nella segreteria capitolina. CTP LODI: LA VENDITA FITTIZIA ABBATTE LA PRESUNZIONE (di B. Fuoco e N. Fuoco, pag.12) Un contribuente sottoposto ad accertamento sintetico può sganciarsi dalla presunzione di reddito relativa all'acquisto di un immobile (incremento patrimoniale) dimostrando che la compravendita è stata simulata e che non ha sostenuto alcun esborso effettivo. Sono le singolari, ma interessanti, conclusioni a cui giunge la CTP di Lodi nella sentenza n.55/02/13, con cui il collegio tributario ha annullato degli accertamenti fondati sui coefficienti redditometrici e sugli incrementi patrimoniali. Varie MUTUI FONDIARI, BASTA L IPOTECA Va rifiutata la richiesta di garanzie ulteriori all iscrizione (di A. Ciccia, pag.13) Stop alla richiesta di garanzie ulteriori all'ipoteca quando si chiede un mutuo per la casa; attenzione alla cointestazione dei conti correnti: possono diventare un boomerang e si rischia di pagare senza limiti i debiti dell'altro intestatario. Queste le criticità emerse nel corso del convegno «Conti Correnti e Mutui Fondiari: le principali cause di contenzioso nei rapporti con i privati e clausole vessatorie» organizzato da Odcec di Milano con la Commissione Banche, Intermediari finanziari e Assicurazioni venerdì 20 settembre ABITAZIONE, DIRITTO OPPONIBILE Il titolare non è suscettibile di espropriazione forzata (di B. Pagamici, pag.14) Vendere la proprietà della casa riservandosi il diritto di abitazione. È una soluzione che i proprietari di alloggi stanno sempre più perseguendo in questo periodo di crisi. Con il vantaggio che il diritto di abitazione non è suscettibile di espropriazione. Pertanto, il creditore del titolare del diritto di abitazione non può sottoporre ad espropriazione forzata il diritto di abitazione spettante al proprio debitore. Per quanto riguarda invece il creditore del proprietario di un'immobile su cui gravi un diritto di abitazione da parte di un terzo (opponibile allo stesso creditore o meno) non vi è dubbio che si possa sempre procedere coattivamente nei confronti del suddetto proprietario, pignorando la proprietà del bene. Queste sono alcune delle caratteristiche che contraddistinguono l'istituto negoziale previsto dall'art.1022 e segg. c.c., a cui se ne aggiungono altre di natura più articolata, come evidenziato dallo studio /E pubblicato lo scorso 16 settembre 2013 sul sito del Consiglio nazionale del Notariato. Approfondimenti ACQUISTI, L ALIQUOTA IVA AL 21% RIMANE IN SCENA ANCORA UN PO Ecco come funziona l aumento (di F. Ricca, pag.9) L'aumento dell'aliquota Iva dal 21 al 22%, scattato per effetto delle disposizioni dell'art.40 del D.L. n.98/11, riguarda le operazioni «effettuate» dal 1 ottobre In base al principio generale

14 dettato dall'art.93 della direttiva 2006/112/Ce, «l'aliquota applicabile alle operazioni imponibili è quella in vigore nel momento in cui si verifica il fatto generatore dell'imposta», ovverosia, tradotto nel linguaggio della normativa nazionale, nel momento in cui la cessione di beni o la prestazione di servizi si considera effettuata. A tal fine, occorre fare riferimento ai criteri stabiliti nell'art.6 del DPR n.633/72 (invero, non del tutto coincidenti con le regole fissate dagli artt.63 e seguenti della direttiva), nonché in altre disposizioni settoriali. L articolo prosegue con l individuazione caso per caso delle conseguenze dell incremento dell aliquota ordinaria. ERRORI DI BILANCIO SANABILI SE CI PENSA IL CONTRIBUENTE Gli effetti della circolare delle Entrate sulla mancata imputazione di costi e ricavi (di F. Cornaggia e N. Villa, pag.21) Errori sulla competenza sanabili negli anni successivi con il recupero delle imposte. La mancata imputazione di costi e anche di ricavi se corretta autonomamente dal contribuente comporta pochi danni da un punto di vista fiscale. Questo è la linea indicata dalla prassi con la C.M. n.31/e/13 sul tema della correzione degli errori in bilancio e dei conseguenti effetti sull'imputazione temporale dei componenti del reddito d'impresa. La circolare completa le indicazioni amministrative sul tema che erano già intervenuti con tre prese di posizione: la C.M. n.23/e/10 (in cui per la prima volta la prassi aveva ammesso che a decorrere dalla data in cui si è reso definitivo l'obbligo a carico del contribuente di versare l'imposta conseguente all'indebita deduzione del componente negativo per difetto di competenza, al fine di evitare la doppia imposizione sul medesimo, il contribuente può ottenere il riconoscimento della maggiore imposta versata nel periodo di corretta imputazione), la C.M. n.35/e/12 (in cui si è evidenziato come il riconoscimento è ottenibile anche con riguardo ai componenti positivi) e la C.M. n.31/e/12 (in cui si è aperta la strada alla compensazione in sede di adesione tra errore e nuova imputazione).

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE. COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA I.C.I. art. 16 bis del regolamento comunale ICI

ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE. COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA I.C.I. art. 16 bis del regolamento comunale ICI ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA ICI art 16 bis del regolamento comunale ICI Il sottoscritto Nato a il CF Residente a in via tel con riferimento

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli