APPENDICE. Procedure in SQL (1)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPENDICE. Procedure in SQL (1)"

Transcript

1 APPENDICE Procedure in SQL Transazioni in SQL Embedded SQL Remote Procedure Call Appendice 1 Procedure in SQL (1) Standard SQL2 permette di definire procedure, associate a singoli comandi SQL, memorizzate all interno del database (vanno a far parte dello schema) Una procedura associa un nome ad un comando e permette il passaggio di parametri Una procedura può essere richiamata dall interno di un programma specificando il valore dei parametri I DBMS permettono in genere la definizione di procedure in modo più sofisticato di quanto previsto dallo standard SQL2 Appendice 2 1

2 Procedure in SQL (2) esempio di procedura standard SQL-2 procedure Assegnacitta (:Dip char(20), :Citta char (20)) update Dipartimento set Città = :Citta where Nome = :Dip; Questa procedura può essere richiamata da un programma nomecitta = Firenze ; nomedip = sistemi ; Assegnacitta ( :nomedip, :nomecitta) Appendice 3 Procedure in SQL (3) estensioni allo standard SQL-2 Esempi di estensioni sono Sequenze di comandi Strutture di controllo (if-then-else) Definizione di variabili locali Ogni sistema da delle possibilità in questo ambito, che però si diversificano anche nella sintassi Alcuni sistemi commerciali forniscono una estensione di SQL che è un vero e proprio linguaggio di programmazione con cui è possibile scrivere intere applicazioni ORACLE: linguaggio PL/SQL Appendice 4 2

3 TRANSAZIONI IN SQL (1) Comandi generali per le transazioni BEGIN TRANSACTION END TRANSACTION COMMIT WORK ROLLBACK WORK I comandi begin transaction e end transaction racchiudono le istruzioni che compongono il corpo della transazione Il comando commit work segnala al sistema che gli effetti sul database devono essere resi permanenti deve essere eseguita uma operazione di commit Il comando rollback work segnala al sistema che gli effetti delle istruzioni eseguite fino a quel momento devono essere annullati deve essere eseguita una operazione di abort La sintassi SQL non prevede tutti questi comandi espliciti Appendice 5 TRANSAZIONI IN SQL (2) Non esistono i comandi begin transaction e end transaction Esistono invece commit e rollback Una istruzione SQL è implicitamente la prima istruzione di una transazione (transazione corrente) se non esiste già una transazione corrente I comandi commit e rollback segnalano anche la fine della transazione Ogni istruzione SQL che segue un commit o un rollback è la prima istruzione di una nuova transazione Il comando set transaction serve ad eventualmente definire le caratteristiche della transazione corrente Appendice 6 3

4 TRANSAZIONI IN SQL (3) comando COMMIT Operazioni eseguite a seguito di un comando COMMIT Viene eseguito un CLOSE implicito per ogni cursore aperto (cfr. embedded SQL) Viene eseguito un SET CONSTRAINTS ALL IMMEDIATE implicito il controllo dei vincoli di integrità può essere INITIALLY DEFERRED al momento della loro definizione (cfr. cicli nei vincoli di integrità referenziale) Viene eseguito un DELETE FROM T per ogni T temporanea per cui era stato specificato un ON COMMIT DELETE Vengono rese permanenti tutte le modifiche effettuate dalla transazione Se qualcuna di queste azioni fallisce (ad es. il controllo dei vincoli) la transazione fallisce e va in rollback Appendice 7 TRANSAZIONI SQL (4) comando ROLLBACK Operazioni eseguite a seguito di un comando ROLLBACK Viene eseguito un CLOSE implicito per ogni cursore aperto (cfr. embedded SQL) Tutte le modifiche effettuate dalla transazione vengono cancellate ( undo ) La transazione è terminata senza successo Appendice 8 4

5 TRANSAZIONI SQL (5) comando SET TRANSACTION (1) Il comando SET TRANSACION viene usato per definire le caratteristiche della transazione che sta per essere avviata riguardo al Modo di accesso Dimensione dell area diagnostica Livello di isolamento Modo di accesso READ ONLY (le modifiche sono proibite) READ WRITE Dimensione dell area diagnostica DIAGNOSTIC SIZE n (n indica il numero di condizioni che vengono mantenute) Appendice 9 TRANSAZIONI SQL (6) comando SET TRANSACTION (2) Livello di isolamento ISOLATION LEVEL SERIALIZABLE Viene garantito che le transazioni concorrenti siano eseguite in modo serializzabile (modo di default) Non può verificarsi nessuna delle seguenti condizioni Dirty read (es: T1 aggiorna una riga, T2 legge quella riga, T1 va in rollback quindi T2 ha un dato non corretto) Nonrepeatable read (es: T1 legge una riga, T2 modifica quella riga, T1 legge di nuovo quella riga quindi ora legge un dato diverso) Phantoms (es: T1 legge un insieme di righe che soddisfano una certa condizione, T2 inserisce una riga che soddisfa quella stessa condizione, T1 legge nuovamente l insieme di righe che soddisfa quella condizione quindi ora vede un fantasma, cioè una riga che prima non esisteva) Appendice 10 5

6 TRANSAZIONI SQL (7) comando SET TRANSACTION (3) Livello di isolamento ISOLATION LEVEL REPEATABLE READ Può verificarsi la condizione phantom Livello di isolamento ISOLATION LEVEL READ COMMITTED Possono verificarsi le condizioni nonrepeatable read e phantom Livello di isolamento ISOLATION LEVEL READ UNCOMMITTED Possono verificarsi le condizioni dirty read, nonrepeatable read e phantom Un sistema che supporta qualcuno di questi tre livelli, di solito fornisce anche un qualche comando di LOCK per gestire autonomamente i possibili conflitti I comandi di LOCK non sono previsti da SQL-2 Appendice 11 SQL Embedded (1) Le istruzioni SQL sono inserite direttamente nel programma sorgente Una istruzione SQL deve essere preceduta da exec SQL terminare con ; La compilazione del programma sorgente deve essere preceduta dal richiamo di un preprocessore che sostituisce le istruzioni SQL con opportune chiamate a librerie Deve quindi essere disponibile un preprocessore opportuno per il linguaggio utilizzato e il DBMS a cui si vuole accedere L integrazione tra SQL e linguaggi di programmazione deve affrontare il cosiddetto impedance mismatch (conflitto di impedenza) SQL opera su intere tabelle, è di tipo set oriented i linguaggi di programmazione accedono ad una tabella una riga alla volta, tuple oriented Appendice 12 6

7 SQL Embedded (2) SQL embedded fornisce un approccio statico alla programmazione che accede a database Il testo della frase SQL è scritto all interno del programma Può essere cambiato solo riprocessando il sorgente Un approccio più dinamico si può avere utilizzando chiamate di funzioni, API, Application Programing Interface In questo caso però il controllo sui comandi SQL (per es. il controllo sintattico) può essere fatto solo al momento dell esecuzione SQl embedded usa il concetto di cursore per recuperare le tuple risultato della select una alla volta Nel caso venga recuperata una sola tupla può essere usata una istruzione alternativa, che fa a meno del cursore, e pone i valori recuperati direttamente in variabili Appendice 13 SQL Embedded (3) Negli esempi facciamo riferimento al linguaggio ospite C Possono essere definite delle variabili condivise fra il programma C e i comandi SQL Le variabili condivise devono essere dichiarate in una opportuna sezione: EXEC SQL BEGIN DECLARE SECTION EXEC SQL END DECLARE SECTION I comandi SQL si riferiscono alle variabili condivise facendole precedere da : SQLCODE e SQLSTATE sono variabili usate dal DBMS per comunicare condizioni di errore o eccezioni, spesso sono campi del record SQLCA Appendice 14 7

8 Esempio 1 procedura C [?] Void VisualizzaStipendiDipart (char NomeDip[]) { exec sql begin declare section; char Nome[20], Cognome [20]; long int Stipendio; exec sql end declare section; exec sql declare ImpDip cursor for select Nome, Cognome, Stipendio from Impiegato where Dipart = :NomeDip; exec sql open ImpDip; exec sql fetch ImpDip into :Nome, :Cognome, :Stipendio; printf ( Dipartimento %s\n, NomeDip); while (sqlca.code == 0) { printf ( L impiegato %s %s, Nome, Cognome); printf ( ha stipendio %d\n, Stipendio); exec sql fetch ImpDip into :Nome, :Cognome, :Stipendio; } exec sql close cursor ImpDip; } Appendice 15 Esempio 2 segmento codice C prompt ( Immettere il nome del dipartimento:, nome_d); EXEC SQL SELECT Numero_d INTO :numero_d FROM Dipartimento WHERE Nome_d = :nome_d; EXEC SQL DECLARE Emp CURSOR FOR SELECT Ssn, Nome_batt, Iniz_int, Cognome, Stipendio FROM Impiegato WHERE N_d = :numero_d FOR UPDATE OF Stipendio; EXEC SQL OPEN Emp; EXEC SQL FETCH FROM Emp INTO :ssn, :nome_batt, :iniz_int, :cognome, :stipendio; while (SQLCODE == 0){ printf ( Il nome dell impiegato è:, nome_batt, iniz_int, cognome); prompt( Immettere l importo dell aumento :, aumento); EXEC SQL} Appendice 16 8

9 Note all esempio Il preprocessore introduce una struttura dati sqlca (SQL Communication Area) in cui ci sono dati di comunicazione fra il programma e il DBMS sqlca.code contiene il codice d errore dell ultimo comando SQL inviato al DBMS ( 0 = OK) exec sql begin/end declare section delimitano le variabili C da utilizzare come parametri per i comandi SQL (variabili host) Un cursore è uno strumento che permette di accedere alle righe di una tabella una alla volta declare definisce un cursore associato ad una interrogazione open manda in esecuzione la query e inizializza il cursore alla prima riga del risultato fetch copia la riga puntata dal cursore nelle variabili e posiziona il cursore sulla riga successiva close chiude il cursore, il risultato della query non è più necessario Appendice 17 Remote Procedure Call (1) Strumento per costruire software di tipo client/server usando una astrazione della tradizionale chiamata a procedura Quando un client chiama una procedura remota, invia un messaggio di richiesta al server attraverso la rete Dopo aver inviato la richiesta, il client si blocca in attesa della risposta Quando il programma remoto (server) riceve una richiesta da un client, invoca la procedura specificata e manda il risultato indietro al client Per implementare l interazione è necessario del software apposito Dalla parte del client gestisce l invio del messaggio sulla rete e l attesa della risposta Dalla parte del server gestisce la ricezione del messaggio, il richiamo della procedura specificata e l invio della risposta Il software aggiuntivo è chiamato communication stub o proxy Appendice 18 9

10 Remote Procedure Call (2) main prog main prog server stub for B proc B client stub for B proc B single computer client server Appendice 19 Remote Procedure Call (3) Il programma usa le procedure call come se fossero locali Se viene fatta una call a una procedura che non è locale Il communication stub intercetta la procedure call Raccoglie i valori degli argomenti (operazione di marshaling ) Invia un messaggio al communication stub sul server Questi usa il tradizionale procedure call per attivare la procedura specifica e invia il risultato indietro al client stub Quando il client stub riceve la risposta, la passa al suo chiamante esattamente come se fosse una procedura locale Le call dal main al client stub e dal server stub alla procedura usano la stessa interfaccia della call convenzionale del main alla procedura Ai client stub può essere dato lo stesso nome della procedura che rimpiazzano, così non viene cambiato il codice del programma originale Appendice 20 10

Capitoli 8 e 9. SQL embedded. Applicazioni tradizionali Applicazioni Internet. Sistemi di basi di dati Raghu Ramakrishnan, Johannes Gehrke

Capitoli 8 e 9. SQL embedded. Applicazioni tradizionali Applicazioni Internet. Sistemi di basi di dati Raghu Ramakrishnan, Johannes Gehrke Capitoli 8 e 9 Applicazioni tradizionali Applicazioni Internet SQL embedded SQL nel codice applicativo I comandi SQL possono essere chiamati dall interno di un programma in un linguaggio ospite (ad esempio

Dettagli

Introduzione. 8- Programmazione di una base di dati attraverso JDBC ESEMPIO

Introduzione. 8- Programmazione di una base di dati attraverso JDBC ESEMPIO 8- Programmazione di una base di dati attraverso JDBC Introduzione ai differenti approcci - JDBC: Architettura e Programmazione Introduzione Nella pratica gli utenti finali accedono al contenuto di una

Dettagli

SQL e linguaggi di programmazione

SQL e linguaggi di programmazione SQL e linguaggi di programmazione Complementi di Basi di Dati 1 SQL e linguaggi di programmazione Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine SQL e linguaggi di programmazione

Dettagli

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS)

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) 1 SQL Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) a.a. 2014/2015 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/basi-dati/bd2014-15.htm Dott.ssa Francesca A. Lisi dott.ssa Francesca A.

Dettagli

SQL e applicazioni. Capitolo 8. SQL e linguaggi di programmazione. Applicazioni ed SQL: architettura. Una difficoltà importante.

SQL e applicazioni. Capitolo 8. SQL e linguaggi di programmazione. Applicazioni ed SQL: architettura. Una difficoltà importante. SQL e applicazioni Capitolo 8 Applicazioni tradizionali In applicazioni complesse, l utente non vuole eseguire comandi SQL, ma programmi, con poche scelte SQL non basta, sono necessarie altre funzionalità,

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

APPLICAZIONI DELLE BASI DI DATI

APPLICAZIONI DELLE BASI DI DATI APPLICAZIONI DELLE BASI DI DATI APPLICAZIONI TRADIZIONALI APPLICAZIONI INTERNET SQL EMBEDDED SQL nel codice applicativo! I comandi SQL possono essere chiamati dall interno di un programma in un linguaggio

Dettagli

DBMS ed Applicazioni Motivazioni

DBMS ed Applicazioni Motivazioni DBMS ed Applicazioni Motivazioni Sin ora abbiamo visto SQL come linguaggio per interrogare DBMS da interfaccia interattiva Nella pratica, un efficace sfruttamento delle potenzialità dei DBMS deriva dalla

Dettagli

TRANSAZIONI DISTRIBUITE TRANSAZIONI

TRANSAZIONI DISTRIBUITE TRANSAZIONI TRANSAZIONI DISTRIBUITE Transazioni distribuite Atomicità di una transazione distribuita Protocollo Two-Phase Commit Gestione dell affidabilità Fallimenti durante il 2PC Gestione della concorrenza Serializzabilità

Dettagli

Transazioni - Parte 1

Transazioni - Parte 1 Basi di dati II Lezione 3 09/10/2008 Caputo Domenico Cosimo, Francesco Pichierri Transazioni - Parte 1 Le transazioni hanno a che fare con la programmabilità delle basi di dati. Prima di trattarle è necessaria

Dettagli

Oracle PL/SQL. Motivazioni

Oracle PL/SQL. Motivazioni Oracle PLSQL Motivazioni Supponiamo che nella gestione del database Azienda ci venga chiesto di apportare le modifiche necessarie a far sì che ad ogni impiegato possa essere assegnato, alla fine di ogni

Dettagli

Funzioni scalari in SQL. Capitolo 5. coalesce. nullif. Altre funzioni scalari. case

Funzioni scalari in SQL. Capitolo 5. coalesce. nullif. Altre funzioni scalari. case Funzioni scalari in SQL Capitolo 5 Costrutti definiti in SQL-2 che estendono la sintassi delle espressioni nella target list coalesce nullif case Prof. Stefano Paraboschi Vengono valutate per ogni riga

Dettagli

BENEDETTI ALESSANDRO Matricola :252805 PROGETTO DI TECNOLOGIA DELLE BASI DI DATI PARTE 2

BENEDETTI ALESSANDRO Matricola :252805 PROGETTO DI TECNOLOGIA DELLE BASI DI DATI PARTE 2 BENEDETTI ALESSANDRO Matricola :252805 PROGETTO DI TECNOLOGIA DELLE BASI DI DATI PARTE 2 Testo: Sviluppare semplici programmi che permettano di verificare i diversi livelli di isolamento previsti da SQL

Dettagli

Dominio applicativo. Progettazione. v SQL incluso in codice applicativo v Embedded SQL v Cursori v Dynamic SQL v JDBC v Stored procedures

Dominio applicativo. Progettazione. v SQL incluso in codice applicativo v Embedded SQL v Cursori v Dynamic SQL v JDBC v Stored procedures Dominio applicativo (Capitolo 6) v SQL incluso in codice applicativo v Embedded SQL v Cursori v Dynamic SQL v JDBC v Stored procedures Basi di dati 1 Docente Claudia Amari 1 Progettazione PROGETTAZIONE

Dettagli

Come trattare il risultato di un comando SQL (relazioni) che

Come trattare il risultato di un comando SQL (relazioni) che USO DI SQL DA PROGRAMMI: PROBLEMI 1 Come collegarsi alla BD Come trattare gli operatori SQL Come trattare il risultato di un comando SQL (relazioni) che Come scambiare informazioni sull esito delle operazioni.

Dettagli

DBMS ED APPLICAZIONI (CAPITOLO 6) SQL incluso in codice applicativo Embedded SQL Cursori Dynamic SQL JDBC Stored procedures

DBMS ED APPLICAZIONI (CAPITOLO 6) SQL incluso in codice applicativo Embedded SQL Cursori Dynamic SQL JDBC Stored procedures 1 DBMS ED APPLICAZIONI (CAPITOLO 6) SQL incluso in codice applicativo Embedded SQL Cursori Dynamic SQL JDBC Stored procedures Progettazione 2 Dominio Applicativo PROGETTAZIONE CONCETTUALE PROGETTAZIONE

Dettagli

SQL nei linguaggi di programmazione

SQL nei linguaggi di programmazione SQL nei linguaggi di programmazione Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi Di Dati Modelli e Linguaggi di Interrogazione, McGraw-Hill Italia, Capitolo 6 SQL in Linguaggi di Programmazione L uso diretto

Dettagli

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati

Che cos è un DBMS? Capitolo 1. Perché usare un DBMS? DBMS. Descrizioni dei dati nei DBMS. Modelli di dati Che cos è un DBMS? Capitolo 1 Introduzione ai sistemi di basi di dati Una collezione integrata molto grande di dati Modella organizzazioni del mondo reale Entità (ad esempio studenti, corsi) Relazioni

Dettagli

Stored Procedures. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma

Stored Procedures. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Stored Procedures Antonella Poggi, Claudio Corona Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi lucidi sono stati

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati

Informatica Generale Andrea Corradini. 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Informatica Generale Andrea Corradini 19 - Sistemi di Gestione delle Basi di Dati Sommario Concetti base di Basi di Dati Il modello relazionale Relazioni e operazioni su relazioni Il linguaggio SQL Integrità

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Introduzione Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Introduzione generale Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di

Dettagli

Procedure memorizzate SQL-2003/PSM. Forma base di PSM. Parametri in PSM

Procedure memorizzate SQL-2003/PSM. Forma base di PSM. Parametri in PSM Procedure memorizzate SQL-2003/PSM Procedure memorizzate nel database Programmazione general-purpose Leggere sezione 8.2 di Garcia-Molina et al. Lucidi derivati da quelli di Jeffrey D. Ullman 1 Una estensione

Dettagli

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS Base di dati (accezione generica) collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione (accezione specifica) collezione di dati

Dettagli

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database Roberto Basili Corso di Basi Di Dati 1 a.a. 2000-2001 Abstract Questa breve dispensa descrive piu etesamente i contenuti della esercitazione del

Dettagli

Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL

Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL Linee guida per la programmazione di transazioni in PL/SQL Giuseppe Berio Giuseppe Berio DI - Unito 1 Esempio La transazione deve registrare l evasione di un ordine, rappresentato su più tabelle specializzate

Dettagli

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza Basi dati attive Triggers Antonella Poggi Domenico Lembo Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2009-2010 Una base di dati

Dettagli

SQL e linguaggi di programmazione Applicazioni ed SQL: architettura

SQL e linguaggi di programmazione Applicazioni ed SQL: architettura SQL e applicazioni Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di dati McGraw-Hill, 1996-2002 Capitolo 5: SQL nei linguaggi di programmazione 21/10/2002 In applicazioni complesse, l utente non vuole eseguire

Dettagli

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC versione base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte uno dei pregi è la completa indipendenza del codice

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Approccio procedurale Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi lucidi

Dettagli

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC di base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte completa indipendenza del codice dal tipo di database o di

Dettagli

Transazioni in SQL. Nicola Vitacolonna Corso di Basi di Dati Università degli Studi di Udine 4 dicembre 2013

Transazioni in SQL. Nicola Vitacolonna Corso di Basi di Dati Università degli Studi di Udine 4 dicembre 2013 Transazioni in SQL Nicola Vitacolonna Corso di Basi di Dati Università degli Studi di Udine 4 dicembre 2013 1 Introduzione Informalmente, una transazione è una sequenza (arbitrariamente lunga) di operazioni

Dettagli

JDBC: Introduzione. Java Database Connectivity (JDBC): parte 1. Schema dei legami tra le classi principali. Principali classi/interfacce di JDBC

JDBC: Introduzione. Java Database Connectivity (JDBC): parte 1. Schema dei legami tra le classi principali. Principali classi/interfacce di JDBC JDBC: Introduzione Java Database Connectivity (JDBC): parte 1 Gianluca Moro DEIS - Università di Bologna gmoro@deis.unibo.it Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali

Dettagli

MySQL Procedure, funzioni, trigger e scheduling

MySQL Procedure, funzioni, trigger e scheduling Corso di Laurea in Informatica Base Dati a.a. 2012-2013 MySQL Procedure, funzioni, trigger e scheduling Laboratorio Ing. G. Laboccetta Dott.ssa. V. Policicchio Definizione di stored procedure Una stored

Dettagli

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database Introduzione Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database implementano un linguaggio standard chiamato SQL (Structured Query Language). Fra le altre cose, il linguaggio SQL consente di prelevare,

Dettagli

Esecuzione concorrente di transazioni

Esecuzione concorrente di transazioni Esecuzione concorrente di transazioni A L B E R T O B E L U S S I P A R T E I I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1-2 0 1 2 Tecniche applicate nei DBMS Le tecniche per il controllo della concorrenza che

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

Basi di dati (8) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1.

Basi di dati (8) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (8) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1.1) 1 Panoramica Trigger Creazione Tipi di trigger Tabelle inserted/deleted Esempi

Dettagli

L architettura di un DBMS

L architettura di un DBMS L architettura di un DBMS sources: Lucidi del corso di Lucidi del corso di Laboratorio di Basi di dati e sistemi informativi, Montesi, Magnani, Corso di laurea in Informatica per il management, Scienze

Dettagli

DB - Cenni sulla gestione delle transazioni

DB - Cenni sulla gestione delle transazioni transazioni Cenni sulla gestione delle transazioni in DBMS transazioni Cenni sulla gestione delle transazioni in DBMS Basato sulle slides di transazioni Cenni sulla gestione delle transazioni in DBMS Basato

Dettagli

SQL e linguaggi di programmazione E possibile eseguire enunciati SQL da un programma scritto in un linguaggio di programmazione quale COBOL, PL/1, RPG, C,... ed avere una interazione tra variabili di programma

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

Applicazioni tradizionali

Applicazioni tradizionali 1 BASI DI DATI Paolo Zirilli Applicazioni tradizionali Concetti di questa lezione SQL nel codice applicativo SQL incluso in codice applicativo Embedded SQL Cursori Dynamic SQL JDBC Stored procedures I

Dettagli

Le transazioni. Dott. Doria Mauro doriamauro@gmail.com

Le transazioni. Dott. Doria Mauro doriamauro@gmail.com Hibernate Le transazioni Dott. Doria Mauro doriamauro@gmail.com Introduzione La demarcazione delle transazioni può essere fatta: In maniera programmatica: demarcazione all interno del codice applicativo.

Dettagli

Basi di dati - Basi di dati e Web

Basi di dati - Basi di dati e Web - e Web Sistemi informativi su Web e Web Il Web è nato come interfaccia di accesso a informazioni distribuite su più siti, ma specificamente predisposte pagine HTML Il Web è divenuto una piattaforma generale

Dettagli

2104 volume III Programmazione

2104 volume III Programmazione 2103 SQLite Capitolo 77 77.1 Utilizzo generale................................. 2104 77.1.1 Utilizzo di sqlite3».......................... 2104 77.1.2 Copie di sicurezza............................ 2106

Dettagli

Corso di Basi di Dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati: Algebra Relazionale

Corso di Basi di Dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati. Linguaggi per basi di dati: Algebra Relazionale Corso di Basi di Dati Linguaggi per basi di dati: lgebra Relazionale Donatella Gubiani Linguaggi per basi di dati Si possono distinguere diversi tipi di linguaggi per la gestione dei dati: Linguaggio di

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI ALCUNE ARCHITETTURE

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI ALCUNE ARCHITETTURE LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI ALCUNE ARCHITETTURE Quattro parti: Gestione dati Client-Server Logica + interfaccia Logica + interfaccia Business rules Sistema di comunicazione Logica applicativa DBMS:

Dettagli

Programmazione delle basi di dati attraverso JDBC

Programmazione delle basi di dati attraverso JDBC Programmazione delle basi di dati attraverso JDBC Dispense di Basi di dati Queste breve note non hanno la pretesa di essere un nuovo libro di testo sulle tecnologie informatiche. Vogliono invece costituire

Dettagli

Gestione delle transazioni. Concetto di transazione

Gestione delle transazioni. Concetto di transazione Dario Maio http://www.csr.unibo.it/~maio/ dmaio@deis.unibo.it Concetto di transazione Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a un insieme di operazioni fisiche elementari (letture/scritture)

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI. Quattro parti: Gestione dati. Business rules. Logica applicativa. Interfaccia utente. Molte possibili architetture

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI. Quattro parti: Gestione dati. Business rules. Logica applicativa. Interfaccia utente. Molte possibili architetture LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI Quattro parti: Gestione dati Business rules Logica applicativa Interfaccia utente Molte possibili architetture L approccio tradizionale: uso di un linguaggio PLSQL 1.1

Dettagli

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 PAG. 1 / 6 LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 T-SQL PROGRAMMAZIONE PARTE SECONDA ROUTINE E PROGRAMMAZIONE In TSQL è possibile definire alcune routine

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger Lezione 8 Metadati, Viste e Trigger Pag.1 Metadati e catalogo di sistema I metadati sono dati a proposito dei dati (quali tabelle esistono?, quali campi contengono?, quante tuple contengono?, ci sono vincoli

Dettagli

Le risposte alle domande a fine capitolo

Le risposte alle domande a fine capitolo Appendice A Le risposte alle domande a fine capitolo Capitolo 1 ORACLE: LA SOCIETÀ E IL SOFTWARE 1. Oracle è stata fondata da Larry Ellison, Bob Miner e. D. Ed Oates 2. In quale anno Oracle ha fornito

Dettagli

Uso dei data bases con PHP. Prof. Francesco Accaino Iis Altiero Spinelli Sesto Sa Giovanni

Uso dei data bases con PHP. Prof. Francesco Accaino Iis Altiero Spinelli Sesto Sa Giovanni Uso dei data bases con PHP Prof. Francesco Accaino Iis Altiero Spinelli Sesto Sa Giovanni MDAC MDAC è l acronimo di Microsoft Data Access Component e fa parte della tecnologia Microsoft denominata Universal

Dettagli

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica

Basi di Dati prof. A. Longheu. 5 Progettazione fisica Basi di Dati prof. A. Longheu 5 Progettazione fisica Progettazione Fisica Per effettuare la progettazione fisica, ossia l implementazione reale del modello logico creato nella fase della progettazione

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 10 Raffaella Gentilini 1 / 46 Sommario 1 Introduzione: DB e Programmazione 2 3 2 / 46 Approcci alla Programmazione di un DB Meccanismi Disponibili 1 Linguaggi

Dettagli

TRIGGER Regole Attive (Trigger) OLD_TABLE NEW_TABLE old new

TRIGGER Regole Attive (Trigger) OLD_TABLE NEW_TABLE old new TRIGGER Regole Attive (Trigger) Programmi attivati automaticamente dal DBMS al verificarsi di determinate condizioni e operazioni sulle tabelle Da un punto di vista generale, in un trigger vengono specificati

Dettagli

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati Azioni Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB Azioni desiderate Inserzione di nuovi dati Aggiornamento di dati Cancellazione di dati Aggiunta di un record insert into utenti(nome,tel,codice_u)

Dettagli

Gestione delle transazioni

Gestione delle transazioni Funzionalità avanzate dei DBMS Prof. Matteo Golfarelli Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Gestione delle transazioni Per approfondimenti: Ciaccia, Maio. Lezioni di basi di dati: pp 439-46 ORACLE

Dettagli

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012 + Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC + Cosa vediamo nella lezione di oggi Oggi analizzeremo insieme una specifica tecnologia Java per l accesso e la manipolazione di basi di dati relazionali

Dettagli

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL Simona Rotolo 2 Questo documento, rivolto a chi sviluppa codice in PL/Sql, è stato redatto al fine di fornire degli standard di sviluppo che aiuteranno

Dettagli

Oracle9i. Sono le dieci di sera, state impazzendo sul database. Indietro nel tempo con. Flashback Query

Oracle9i. Sono le dieci di sera, state impazzendo sul database. Indietro nel tempo con. Flashback Query Nella versione 9i del database più diffuso al mondo sono state aggiunte molte nuove funzionalità, una di queste consente di visualizzare i dati com erano in un determinato istante del passato Indietro

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti

Dettagli

Pag. 1. Gestione delle transazioni. Linguaggio SQL: costrutti avanzati. Esempio applicativo. Gestione delle transazioni. Prelievo. Esempio applicativo

Pag. 1. Gestione delle transazioni. Linguaggio SQL: costrutti avanzati. Esempio applicativo. Gestione delle transazioni. Prelievo. Esempio applicativo Gestione delle transazioni Introduzione Transazioni in SQL Linguaggio SQL: costrutti avanzati 2 applicativo Operazioni bancarie operazione di prelievo dal proprio conto corrente mediante bancomat Gestione

Dettagli

Transazioni. Architettura di un DBMS. Utente/Applicazione. transazioni. Transaction Manager. metadati, statistiche.

Transazioni. Architettura di un DBMS. Utente/Applicazione. transazioni. Transaction Manager. metadati, statistiche. Query/update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura pagine Architettura di un DBMS Utente/Applicazione

Dettagli

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico

Dettagli

Linguaggio SQL: costrutti avanzati

Linguaggio SQL: costrutti avanzati Linguaggio SQL: costrutti avanzati Gestione delle transazioni Introduzione Transazioni in SQL Proprietà delle transazioni 2 Pag. 1 1 Gestione delle transazioni Esempio applicativo Operazioni bancarie operazione

Dettagli

SQL Server. SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server

SQL Server. SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server SQL Server 7.0 1 SQL Server SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server 2 Strumenti per la gestione Enterprise Manager

Dettagli

PHP 5. PHP ed i database. Database e tabelle. Struttura di un DB relazionale. Accesso a database

PHP 5. PHP ed i database. Database e tabelle. Struttura di un DB relazionale. Accesso a database PHP ed i database PHP 5 Accesso a database PHP funziona con molti database relazionale che includono: Oracle Access Postgres SQL Server MySQL Useremo MySQL poiché è semplice da usare, gratuito e molto

Dettagli

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Stored Procedures Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Stored Procedure e User Defined

Dettagli

Laboratorio di reti II: Gestione di database lato server

Laboratorio di reti II: Gestione di database lato server Laboratorio di reti II: Gestione di database lato server Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 23 marzo, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Database 23 marzo, 2009 1 / 32 Uso di database lato

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Architettura MySQL. E Motori MySQL

Architettura MySQL. E Motori MySQL E Motori MySQL Caratteristiche Differente dagli altri DBMS Non perfetta Ma flessibile Gestisce DataWarehouses, OLTP, ecc. Architettura delle Storage Engine Separa il query processing dai task di memorizzazione

Dettagli

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Le Transazioni. Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale

Basi di Dati e Sistemi Informativi. Le Transazioni. Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale Giuseppe Loseto Corso di Laurea in Ing. Informatica Ing. Gestionale Magistrale Struttura DBMS Gestore delle interrogazioni Decide le strategie di accesso ai dati per rispondere alle interrogazioni Gestore

Dettagli

Sviluppo di applicazioni per basi di dati

Sviluppo di applicazioni per basi di dati Sviluppo di applicazioni per basi di dati 1 Sviluppo di applicazioni per basi di dati Quattro parti: Gestione dati Business rules (vincoli di integrità e dati derivati) Logica applicativa Interfaccia utente

Dettagli

Vincoli e Triggers. Vincoli. Tipo di vincoli. Chiavi esterne

Vincoli e Triggers. Vincoli. Tipo di vincoli. Chiavi esterne Vincoli Chiavi esterne Vincoli locali e globali Triggers Leggere capitolo 7 di Garcia- Molina et al. Vincoli e Triggers Un vincolo e una relazione tra dati che il DBMS deve assicurare. Esempio: vincoli

Dettagli

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS)

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) 1 SQL Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) a.a. 2014/2015 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/basi-dati/bd2014-15.htm Dott.ssa Francesca A. Lisi dott.ssa Francesca A.

Dettagli

B.1 Caratteristiche generali di DB2

B.1 Caratteristiche generali di DB2 B Il sistema DB2 DB2 appartiene a una storica famiglia di sistemi di gestione di basi di dati prodotti dalla IBM. Il capostipite di questa famiglia è SQL/DS, uno dei primi prodotti commerciali basati sul

Dettagli

Capitolo 2 -- Silberschatz

Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura dei Sistemi Operativi Capitolo 2 -- Silberschatz Struttura di un sistema operativo Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Chiamate di sistema Tipi di chiamate Programma di sistema

Dettagli

Basi di Dati Distribuite

Basi di Dati Distribuite Basi di Dati Distribuite P. Atzeni, S. Ceri, S. Paraboschi, R. Torlone (McGraw-Hill Italia) Basi di dati: architetture linee di evoluzione - seconda edizione Capitolo 3 Appunti dalle lezioni SQL come DDL

Dettagli

Comprendere ADO.NET. La guida definitiva per comprendere a fondo ADO

Comprendere ADO.NET. La guida definitiva per comprendere a fondo ADO 060-063 Database 3-03-2005 16:23 Pagina 62 DATABASE La guida definitiva per comprendere a fondo ADO Accesso ai DB con Visual Basic.Net 2003 L ultimo articolo che ci aiuterà ad interagire con i database,

Dettagli

Lezione 9. Applicazioni tradizionali

Lezione 9. Applicazioni tradizionali Lezione 9 Applicazioni tradizionali Pag.1 Sommario Concetti trattati in questa lezione: SQL nel codice applicativo Cursori API native ODBC Pag.2 SQL nel codice applicativo I comandi SQL possono essere

Dettagli

Transazioni. Transazioni. Transazioni. Definizione di una transazione. Transazione

Transazioni. Transazioni. Transazioni. Definizione di una transazione. Transazione Transazioni Transazioni Per mantenere le informazioni consistenti è necessario controllare opportunamente le sequenze di accessi e aggiornamenti ai dati Gli utenti interagiscono con la base di dati attraverso

Dettagli

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico

Struttura di un sistema operativo. Struttura dei Sistemi Operativi. Servizi per l utente generico. Servizi per l utente generico Impossibile visualizzare l'immagine. Struttura di un sistema operativo Struttura dei Sistemi Operativi Servizi di un sistema operativo Interfaccia Utente Capitolo 2 -- Silberschatz Chiamate di sistema

Dettagli

Recovery manager Gestore della affidabilità

Recovery manager Gestore della affidabilità Riferimenti Basi di Dati Complementi Parte 2: Tecnologie per DBMS Parte 2.5: Recovery Manager Trasparenze parte Recovery manager Basi di Dati Atzeni et al. - Capitolo 2.1, 2.2 Anche: Garcia Molina, Ullman,

Dettagli

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLd-viste.pdf Sistemi Informativi L-A DB di riferimento

Dettagli

I comandi del linguaggio DDL (Data Definition Language): CREATE E ALTER

I comandi del linguaggio DDL (Data Definition Language): CREATE E ALTER Caratteristiche generali del linguaggio SQL Il linguaggio SQL è il linguaggio usato per la gestione dei database relazionali, cioè dei database creati con un DBMS di tipo relazionale. Esso nacque nella

Dettagli

Tratti dal cap. 9 di: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati II edizione, 1999, McGraw-Hill

Tratti dal cap. 9 di: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati II edizione, 1999, McGraw-Hill /XFLGLVXOFRQWUROORGHOODFRQFRUUHQ]D Tratti dal cap. 9 di: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati II edizione, 1999, McGraw-Hill $QRPDOLD /RVW8SGDWH Si considerino le due transazioni identiche: W1

Dettagli

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate. Versione elettronica: SQLd-viste.pdf

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate. Versione elettronica: SQLd-viste.pdf Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Versione elettronica: SQLd-viste.pdf DB di riferimento per gli esempi Imp Sedi CodImp Nome Sede Ruolo Stipendio Sede Responsabile Citta E001 Rossi S01 Analista

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) La comunicazione tra processi Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Sommario Processi cooperanti La comunicazione tra processi Necessità

Dettagli

Basi di dati. Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1.

Basi di dati. Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: presentazione corso (1.0) - Basi di Dati 1 Materiale didattico Web site: www.andrea.bulgarelli.name/corso

Dettagli

MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali

MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali INTRODUZIONE Il RDBMS MySQL, oltre a fornire un applicazione che abbia un interfaccia user-friendly, ha a disposizione anche un altro client, che svolge

Dettagli

Basi di dati. Il Linguaggio SQL. K. Donno - Il Linguaggio SQL

Basi di dati. Il Linguaggio SQL. K. Donno - Il Linguaggio SQL Basi di dati Il Linguaggio SQL Data Definition Language (DDL) Data Definition Language: insieme di istruzioni utilizzate per modificare la struttura della base di dati Ne fanno parte le istruzioni di inserimento,

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

11. Basi di dati distribuite ed architetture client-server

11. Basi di dati distribuite ed architetture client-server 11. Basi di dati distribuite ed architetture client-server In questa lezione focalizzeremo la nostra attenzione sui Database distribuiti (DDB), i sistemi per la gestione di Database Distribuiti (DDBMS),

Dettagli

PHP 5. Accesso a database

PHP 5. Accesso a database PHP 5 Accesso a database PHP ed i database PHP funziona con molti database relazionali che includono: Oracle Access Postgres SQL Server MySQL Useremo MySQL poiché è semplice da usare, gratuito e molto

Dettagli

APPUNTI SU ADO (ACTIVEX DATA OBJECTS)

APPUNTI SU ADO (ACTIVEX DATA OBJECTS) APPUNTI SU ADO (ACTIVEX DATA OBJECTS) Introduzione ADO (Activex Data Object) è il sistema di accesso a database che noi utilizzeremo in ambiente Microsoft, sia da Visual Basic sia da pagine ASP. Activex

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag. 1/1 Sessione ordinaria 2010 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: INFORMATICA

Dettagli

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC FileMaker 12 Guida ODBC e JDBC 2004 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker, Inc.

Dettagli