BIMESTRALE DEL COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BIMESTRALE DEL COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI"

Transcript

1 2 BIMESTRALE DEL COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI PIACENZA ANNO XXXIV - MAR/APR 2013 SPED. IN A.P. 70% - Filiale di Piacenza

2 PRODUZIONE, VENDITA E MONTAGGIO DI SERRAMENTI IN LEGNO, LEGNO-ALLUMINIO E VETRATA INTEGRALE Negozio: Via G. da Saliceto 17, Piacenza Tel Cell Ufficio: Strada Trebbia 6/7, Tuna di Gazzola (PC) Tel Fax DOTAZIONI DI SERIE SU TUTTI I SERRAMENTI - tre guarnizioni di tenuta termo-acustica - apertura ad antaribalta, antaribalta controllata - sistema salvamanovra - ferramenta impostata antieffrazione wk2 - piastrina antitrapano - vetro basso emissivo con gas argon - maniglia in ottone lucido o cromo satinato ALTO ISOLAMENTO TERMICO CERTIFICATO dettaglio serramento in legno-alluminio I nostri serramenti garantiscono ottime prestazioni di isolamento termico con un Uw da 1,40 fino a 0,80, grazie allo spessore del serramento disponibile nelle misure da 68, 80, 90 e 110 millimetri. Realizziamo serramenti per case in classe A e classe ORO. Classe energetica obbligatoria dal 01/01/2012! ISOLAMENTO ACUSTICO CERTIFICATO 42 db serramento a vetrata integrale SICUREZZA La dotazione di serie di ferramenta wk2 permette la chiusura della finestra lungo tutto il suo perimetro, ostacolando l'effrazione dall'esterno tramite la forza fisica e utensili quali cacciaviti, pinze e palanchini. Inoltre la piastrina antitrapano impedisce la forzatura della serratura dall'esterno. Possibile predisposizione per antifurto. LAVORAZIONE E COMMERCIO DI OGNI TIPO DI FERRO PER CEMENTO ARMATO RETI ELETTROSALDATE - ACCIAI SPECIALI PER L'EDILIZIA LAFER S.p.A. Strada per Cortemaggiore, PIACENZA TEL FAX

3 SOMMARIO Professione Geometra pag. 2 Mercato immobiliare pag. 8 Avv. Sforza Fogliani: intervista pag. 10 Mutui bancari pag. 13 Antica unità di lunghezza usata nel Piacentino (Trabùc in dialetto, voce registrata dal Vocabolario piacentino-italiano di Lorenzo Foresti. è pari a sei braccia piacentine, cioè 2,81739 metri) ANNO XXXIV - N. 2 MAR/APR 2013 Direttore Responsabile GIAN PAOLO ULTORI Redazione, Amministrazione, Pubblicità impaginazione PUBBLINOVA Via C. Colombo, 99 Piacenza Fax Stampa: Tipolitografia MASERATI s.n.c. Via Zaccarini, 1 S. Nicolò di Rottofreno (PC) Tel Fax Rivista registrata presso il Tribunale di Piacenza al n. 311 del Articoli e foto anche se non pubblicati non si restituiscono Rivalutazione terreni pag. 15 C.D.S. pag. 17 Responsabilità nel cantiere pag. 18 Certificazione energetica pag. 19/27 Risparmio energetico pag. 29 P.E.C. pag. 34 Rischi professionali pag. 35 Assicurazione professionale pag. 35 Imposte e tasse pag. 40 Ispezioni ipotecarie pag. 42 Modifica dichiarazione di successione pag. 46 Condominio pag. 47 Sito Internet del Collegio web master: Stefano Sorice -

4 2

5 3

6 4

7 5

8 Si fa presente a tutti gli iscritti che è stato stipulato un accordo con il Laboratorio BIO-ANALISI s.n.c. di Losi Giuseppe e Merelli Piergiorgio & C. situato a Piacenza in Via Mandelli 13 Tel Fax che prevede uno sconto del 10% a tutti i Geometri iscritti ed ai loro famigliari sulle prestazioni erogate presso la propria struttura (analisi di chimica-clinica, ematologia, analisi delle urine e delle feci, dosaggi ormonali, indagini microbiologiche, marcatori tumorali, ecc). Si fa presente che il laboratorio è aperto dal Lunedì al Venerdì dalle ore 7,30 alle 10,00 per i prelievi e con orario continuato fino alle ore 18,00 per il ritiro dei referti o altro. Previo appuntamento esegue prelievi al Sabato e a domicilio. 6

9 Campionato Italiano di Sci per Geometri Si è svolto nei giorni e 23 Febbraio scorso sulle nevi di Lizzola Valbondione in Provincia di BERGAMO l'ormai tradizionale appuntamento con il Campionato Italiano di Sci per Geometri giunto alla 18 edizione. La manifestazione disputatasi in una località poco conosciuta ma di notevole pregio è stata particolarmente baciata dalla fortuna per la presenza di una grande quantità di neve e per condizioni metereologiche favorevoli. Dell'organizzazione si è occupato direttamente il Collegio dei Geometri di BERGAMO al quale va un plauso particolare per la perfetta coordinazione di tutti gli eventi e per la splendida e generosa ospitalità che hanno riservato a tutti i partecipanti. Il nostro collegio si è presentato all'appuntamento con gli ormai veterani MERLI Roberto, RANZA- NI Giancarlo, BOSELLI Filippo, GUGLIELMETTI Andrea, AVANZINI Gianluca, BIANCHI Marcello oltre ai fratelli BOLZONI Enrico e Giancarlo e con il debuttante ZANETTI Paolo. La competizione, alla quale hanno partecipato circa 20 collegi provenienti da tutta Italia è stata da subito molto serrata e fin dalle prime gare è emerso un testa a testa tra il nostro collegio e quelli di BRESCIA e BERGAMO. Alla fine ne è uscito vincitore il Collegio di BERGAMO che ha preceduto in ordine quello di PIACENZA e quello di BRESCIA. Un ringraziamento particolare va rivolto a MERLI Roberto che si è confermato Campione Italiano Assoluto della gara a Tecnica Libera di Fondo sulla distanza dei IO Km., ed a RANZANI Giancarlo e BOLZONI Enrico che hanno partecipato sia alle gare di fondo che a quelle di discesa portando alla squadra molti punti. L'occasione ci ha permesso di passare tre giorni spensierati di assoluto divertimento in piena allegria, lontani dagli impegni di lavoro quotidiano. L'appuntamento per l'anno prossimo è sulle nevi di Bardonecchia essendosi proposto il Collegio di TORINO per organizzare l'evento. La speranza è quella di aumentare la partecipazione dei colleghi in modo di cercare di portare a casa il Trofeo come accaduto 3 anni fa, sfruttando l'occasione per approfondire la conoscenza e creare nuove amicizie. Notizie 7

10 Mercato Immobiliare da 8 IL 7 Tiene la domanda di appartamenti di grande metratura da ristrutturare e suddividere Immobili rendono di più se divisi in piccole unità Acquistare un appartamento di grande metratura per frazionarlo in unità più piccole da affittare, per intero o solo in parte, o da rivendere. Un investimento che presenta diversi vantaggi per l'acquirente, a patto di seguire alcuni accorgimenti, e che registra un trend positivo, nonostante la crisi delle compravendite (in calo, secondo gli ultimi dati Istat, del 23,1 % nel terzo trimestre del 2012 rispetto allo stesso periodo del 2011). Una domanda che tiene nonostante la crisi. All'interno di un quadro negativo, la richiesta di appartamenti di ampia metratura, cioè a partire dai 200 metri quadri di superficie, tiene. A rivelarlo è il portale Casa. it secondo cui la crescita media è stata del 12,5% su base annua (gennaio 2013/gennaio 2012), con le maggiori richieste registrate a Bologna e a Napoli (rispettivamente +3% e +2,9%); mentre a Milano, Roma e Genova la domanda è cresciuta rispettivamente del 2, dell'1,5 e dell'l,l %. In tutte le grandi città, l'offerta registra tassi di crescita più elevati rispetto alle richieste: a Milano l'incremento risulta maggiore in periferia rispetto al semicentro (7,3% contro 6,2%), a Roma l'offerta cresce del 6,5% in semicentro, mentre in periferia l'aumento è del 4,3%. Torino è invece la città con l'incremento di offerta maggiore nel semicentro (+9,8%). Da sottolineare poi che il prezzo di acquisto di un appartamento di grandi dimensioni sconta un valore inferiore rispetto a un immobile di metratura più piccola situato nello stesso immobile. Per esempio, a Torino e Genova si registra rispettivamente il 15% e il 13% in meno di prezzo medio al metro quadro nelle aree semicentrali; mentre la percentuale si riduce all'li % nelle periferie di Milano e Roma e intorno al 5% nelle rispettive zone semi-centrali. Frazionare per investire. Sul fronte dell'utilizzo di questi immobili, Casa. it stima invece che una percentuale fra il 2,5 e il 5%, delle compravendite dei grandi TRABUCCO / appartamenti sia dovuta a un progetto di frazionamento, spesso in due unità più piccole. Quest'ultimo «rappresenta un'ipotesi valida fra gli acquirenti che hanno la possibilità di effettuare un investimento consistente", sottolinea Daniele Mancini, amministratore delegato di Casa.it. Il proprietario potrà poi «decidere come trarre il maggior profitto attraverso la vendita o l'affitto di entrambi, o di una parte», specifica Mancini. Se si sceglie di percorrere la strada della locazione, in particolare, suddividere un immobile in due alloggi più piccoli presenta due vantaggi: in primis, consente di affittare a un prezzo complessivamente più alto le due abitazioni; in secondo luogo, permette al proprietario di abitare in uno dei due appartamenti e affittare il secondo in modo da recuperare parte dell'investimento attraverso l'affitto. Aspetti da tenere d'occhio. Se si decide di optare per questo investimento, occorre comunque fare attenzione ad alcuni aspetti e seguire alcune accortezze. A questo proposito, Casa.it ha stilato cinque consigli da tenere a mente in modo da ottenere il massimo risultato dall'investimento ed evitare eventuali problematiche. Prima di procedere con l'acquisto occorre innanzitutto assicurarsi che l'immobile non sia vincolato e controllare attentamente la pianta dell'appartamento, tenendo presente che le future unità abitative avranno bisogno ciascuna di un ingresso ed eventualmente dell'aggiunta di nuove finestre per rendere più luminosi gli ambienti; Un altro must prima di acquistare è di verificare che il regolamento condominiale non vieti il frazionamento delle unità abitative. Se la divisione non comporta poi la modifica di parti La nuda proprietà diventa a tempo determinato Con la crisi la nuda proprietà diventa a termine. In tempi di difficoltà economica, infatti, a usufruire di questa soluzione non sono più solo le persone anziane spinte dalla necessità di reperire liquidità, ma anche coppie giovani (tra i 35 e i 50 anni) che non riescono più a pagare le rate del mutuo, oppure hanno dei debiti da saldare o una situazione lavorativa in bilico. E che per questo optano per questa possibilità che consente loro di mantenere un usufrutto a tempo determinato della propria casa (che in media oscilla dai cinque ai dieci anni). Con dei vantaggi anche per l'acquirente che, anche se costretto ad aspettare per entrare in possesso del bene, può usufruire di buone possibilità di sconto: nell'usufrutto di cinque anni, per esempio, la casa viene acquistata al 70% del suo valore, mentre nel caso di un accordo per dieci anni al 50%. comuni e quindi non lede i diritti degli altri condomini, non occorrono autorizzazioni: in questo caso è sufficiente che non vengano modificati gli impianti di riscaldamento condominiali e

11 gli accessi al pianerottolo. In terzo luogo, chi intende frazionare un appartamento non potrà prescindere dalle normative locali, dal Prg e dal Regolamento edilizio. Il primo passo prevede il controllo della conformità urbanistica e catastale, in modo da attivare la richiesta di autorizzazione e il permesso a costruire tramite Scia o Dia. Al termine della ristrutturazione,occorrerà consegnare presso lo sportello unico dell'edilizia il documento di «fine lavori», dove si dichiara che le attività sono state realizzate in conformità al progetto presentato, in modo da procedere alla variazione catastale. In seguito alla divisione, sarà necessario riconteggiare le quote millesimali. Da notare che nel caso in cui si volesse vendere uno dei due appartamenti, si dovrà procedere con la voltura e la registrazione della proprietà attraverso un nuovo atto notarile, in modo da far assegnare l'unità abitativa al compratore. Infine, se l'immobile che si intende frazionare si acquista con un mutuo è bene avvisare prima la banca, perché nel caso in cui si decida di procedere con la vendita, l'istituto di credito dovrà ricalcolare le relative ipoteche e provvedere all'accensione di un nuovo mutuo con relativi costi aggiuntivi, tra cui il notaio che dovrà certificare la modifica sul nuovo finanziamento. Sibilla Di Palma Piccola guida all'acquisto di immobili da frazionare La scelta dell'appartamento Il condominio Occhio a regolamento e normative locali Dopo la divisione Frazionare anche il mutuo Prima di procedere con l'acquisto assicurarsi che l'immobile non sia vincolato e controllare attentamente la pianta dell'appartamento tenendo presente che le future unità abitative avranno bisogno ciascuna di un ingresso ed,eventualmente dell'aggiunta di nuove finestre per rendere più luminosi gli ambienti Prima di acquistare, verificare che il regolamento condominiale non vieti il frazionamento delle unità abitative Controllare la conformità urbanistica e catastale, in modo da attivare la richiesta di autorizzazione e il permesso a costruire tramite Scia o Dia. AI termine della ristrutturazione, consegnare presso lo sportello unico dell'edilizia il documento di "fine, lavori», dove si dichiara che le attività sono state realizzate in,conformità al progetto presentato, in modo da procedere alla variazione catastale Riconteggiare le quote millesimali. Nel caso si volesse vendere uno dei due appartamenti, procedere con la voltura e la registrazione della proprietà attraverso un nuovo atto notarile Se l'immobile che si intende frazionare si acquista con un mutuo è bene avvisare prima la banca, perché nel caso in cui si decida di procedere con la vendita, l'istituto di credito dovrà ricalcolare le relative ipoteche e provvedere all'accensione di un nuovo mutuo con relativi costi aggiuntivi Le variazioni Prezzi di vendita e variazioni % di Domanda e Offerta per appartamenti frazionabili (=/> a 200mq.) nei semicentri e nelle periferie qualificate. Località Prezzi Var. % annua di Domanda e Offerta Domanda Offerta Domanda Offerta Semicentro Periferia Semicentro Periferia TORINO ,2 9,8 2,2 5,2 MILANO ,8 6,2 2,5 7,3 GENOVA ,5 4,2 1,7 5,2 BOLOGNA ,9 5,2 2,8 3,6 FIRENZE ,5 4,7 1,7 4,8 ROMA ,8 6,5 2,2 4,3 NAPOLI ,6 3,5 3,3 3,7 BARI ,7 4,1 0,9 4,2 Fonte centrostudicasa.it 9

12 da Intervista 10 Corrado Sforza Fogliani, presidente di Confedilizia: nessun esecutivo ne parlava da 20 anni Il governo rilancerà l affitto La casa è un volano, non solo un cespite da saccheggiare Enrico Letta ha fatto fare un balzo sulla sedia a Confendilizia, l associazione delle proprietà immobiliare. Parlando alla camera, nel discorso di presentazione del suo programma di governo, il presidente del consiglio ha infatti parlato della sua volontà di incentivare l affitto. «Erano 20 anni che un premier non ne parlava», gioisce al telefono Corrado sforza Fogliani, classe 1938, piacentino, avvocato e leader storico della organizazzione che ha nel suo seno sì i grandi player del mercato immobiliare, come fondi pensione e fondi di investimento, ma associa anche molte decine di migliaia di piccoli proprietari, quella proprietà diffusa, fatta di italiani che hanno messo i loro risparmi nel mattone, pensando magari di trarci la loro pensione affittando. Senonchè, nel frattempo, la locazione è stata gravata di tali e tanti balzelli da rendere l operazione per niente profittevole. Domanda. Presidente, dunque ci sono voluti 20 anni? Risposta. Esatto, l ultimo a fare un affermazione simile in un dicorso programmatico era stato Giuliano Amato. In seguito, della locazione ci si è ricordati solo per andare a tassare. Domanda. Che segnale è quello di Letta? Risposta. Che c è l intenzione di combattere l emergenza sociale perchè la proprietà diffusa, negli anni scorsi, firmando accordi territoriali con le organizzazioni degli inquilini, aveva messo in pista i canoni concordati che avevano dato una casa a tanti italiani non abbienti. Nel frattempo però Imu e fiscalità hanno reso questa disponibilità un capestro. E gli accordi saltano e non si fanno più. Stiamo parlando di 218,891 affitti, quasi il 6% del totale. Qualcosa che riguarda probabilmente oltre un milione di italiani. Domanda. In cosa si potrebbe tradurre l apertura di Letta? Le agevolazioni fiscali costerebbero in tutto poco più di 435 milioni di euro. non sono certo cifre drammatiche Risposta. Lui ha parlato di incentivi per l affitto. Potrebbero essere di carattere fiscale e altri di carattere normativo ma comunque incidendo sui canoni. Si potrebbe usare la leva fiscale abbattendo l Imu per le abitazioni locate con gli affitti concordati, al di sotto livelli mercato. Come si ricorderà, nella primissima versione, l Imu doveva essere al 4 per mille. Poi nella versione cosidetta sperimentale adottata, ai comuni è stata dato mano libera e siamo arrivati al 7-8 per mille. Con questa prima misura per vincere lo sfitto involontario che vediamo in tutte le città. Altrettanto, si potrebbe incentivare l affitto portando a una percentuale ragionevole del canone esente da tassazione, a fronte delle spese che chi affitta una casa deve sostenere. A livello catastale è del 30% la parte esente. Sa quant è a livello fiscale? Domanda. no, mi dica... Risposta. Era del 25%, poi del 15. Col governo Monti la mazzata: siamo arrivati al 5%. Lei si immagini, con tutte le spese cui la gestione immobiliare va incontro, specialmente a ogni cambio di inquilino: rotture, imbiancature, senza contare i costi per morosità, le spese legali conseguente. Senza dimenticare gli sfitti,chè a volte le case restano vuote. Tutto questo starebbe nel 5%? Certo che no, così chi affitta un abitazione paga abbondantemente le tasse sulle spese che sostiene... Domanda. A quanto potrebbero ammontare gli incentivi cui Letta dovrebbe mettere mano, secondo i vostri calcoli? Risposta. Fra canoni concordati potrebbe trattarsi di circa 70 milioni. Un intervento non drammatico ma in grado di rilanciare l affitto che, non dimentichiamelo, è anche un volano della mobilità del lavoro e dello studio. Se i canoni sono inaccessibili, si penalizza anche il lavoro, laddove resiste e dove c è bisogno di attirare maestranze e trovar loro un abilitazione a prezzi

13 accessibili. Domanda. E l ampliamento della quota di canone esente? Risposta. Riportarla al 15% potrebbe valere almeno 365 milioni di euro. Domanda. Potrebbe, una misura del genere aiutare anche il mercato immobiliare con i suoi invenduti? Risposta. Siamo di fronte a un problema più generale ma comunque è chiaro che oggi, con la crisi, chi guarda più all acquisto per investimento, con una tassazione del genere sugli affitti? Diminuire la tassazione aiuterebbe, certo. Domanda. Però l Imu è il dibattito di queste ore: Silvio Berlusconi vuole abolirla o minaccia di andarsene. Risposta. Che cosa abbiano concordato, non lo so. Prendo atto che il presidente Letta ha detto che è stata sospesa la rata di giugno ma per studiare provvedimenti alternativi, per prendere una decisione. Non per abolirla come qualcuno ha detto precipitosamente. Domanda. In pratica, presidente, con la tassazione oggi si ricrea la situazione degli anni 70 con l equo canone che bloccò tutto. Allora non si affittava per i canoni miserrimi e l incertezza, per i proprietari, della disponibilità del bene. Oggi invece? Risposta. Oggi perchè non c è più reddito ovviamente. La legge sull equo canone obbligò gli italiani a diventare proprietari di casa. Fu un fatto dirigistico. Con gli affitti concordati si era data una risposta sociale: non dimentichiamo che l edilizia pubblica è stata un fallimento, negli ultimi anni. E che la gestione è onerossissima: un terzo degli inquilini sono morosi. Letta ha dato un segnale, combattere l emergenza sociale abbattendo i canoni concordati con la riduzione dell Imu Si potrebbe riportare a una quota ragionevole la percentuale della pigione esente da Irpef, ridotta da Monti al 5% Domanda. Nelle nostre città spuntano come funghi cartelli affitasi o vendesi anche i fondi commerciali o i box... Risposta. Sono i cosiddetti usi diversi. Qui lo sfitto involontario dilaga. Basterebbe uscire da una visione romanocentrica che forse la nostra politica ha, per rendersene conto. E vedere appunto quei cartelli che spesso riportano, assieme, la disponibilità a vendere o a mettere in locazione: pur di liberarsi del fondo. Domanda. E in quel caso cosa si potrebbe fare? Risposta. In parte è una situazione figlia della situazione della crisi economica, che colpisce artigiani, commercianti, ma anche la norma ci mette del suo: anche se il canone qui è libero i contratti hanno durate assurde. Si parla di 12 anni o 18 per gli immobili destinati a scopi particolari, come le strutture alberghiere. Con questa crisi si dovrebbero poter fare contratti di anni, sotto l egida delle associazioni della proprietà e degli inquilini o delle categorie, a prezzi equi, in modo da consentire a chi inizia un attività di provare senza farsi spaventare dalle durate eccessive. Domanda. Questo è poi un paese dove la proprietà edilizia viene spesso associata tout court alla rendita. Scontate un bel pregiudizio culturale... Risposta. È vero. Certi politici guardano alla stabilità dell investimento e ne ricavano l idea che sia sperequativo. Come se un immobile rimanesse lì, immutato, per 50 anni, e non ci fossero, di mezzo, manuntezioni, assicurazioni, spese legali. È una ricchezza sì, ma tutt altro che statica. Un pregiudizio duro a morire, quando invece, come ricordava un sindaco di Parigi di fine 800, Martin Nadaud, «quando l edilizia va, tutto va». Sa quanto potrebbe valere il mercato delle ristrutturazioni che, appunto una nuova politica fiscale sulla cassa potrebbe aiutare? Domanda. Avete fatto una stima? Risposta. Le nostre 200 sedi territoriali stimano che ci siano mila unità immobiliari da riattare, con manuntenzioni ordinarie e straordinarie che 11

14 non vengono eseguite perchè appunto non c è redditività. Se solo 500mila di queste fossero ristrutturate, con lavori fra 10-20mila euro per immobile, avremmo 7,5 miliardi. Pensi a quanto lavoro con i nostri artigiani e per le nostre imprese edili. E pensi al gettito fiscale conseguente. Meno tasse favoriranno anche le ristrutturazioni. Con interventi su unità immobiliari, lavori per 7,5 miliardi legislatura. non sapeva neppure di averla. Tanto che, quando è stato in audizione in parlamento, recentamente, quando ha dovuto riferire sul punto, ha chiesto un rinvio come fanno certi avvocati. Poi è arrivata la fine di Domanda. Insomma, ci vogliono delle politiche abitative.. Risposta. Giusto ma sa che fino ad oggi quella delega era sepolta nel superminstero delle infrastrutture? Domanda. In che senso sepolta? Risposta. Che anche il ministro Corrado Passera Domanda. Ora avete Maurizio Lupi. Lo conosce? Risposta. Certo, uno competente. A Milano cominciò proprio come assessore all Edilizia privata in Comune. Uno che oggi sa di avere quella delega. Speriamo che la usi. Goffredo Pistelli 12

15 da Prestiti per ristrutturare solo per importi limitati Se gli interessi sono contenuti,i bonus fiscali restano convenienti. Mutui più vantaggiosi ma per cifre basse non vengono concessi. Gli italiani sono disposti a indebitarsi per migliorare la propria casa:le ristrutturazioni sono infatti in cima nelle motivazioni indicate al momento della richiesta di un prestito. Si chiede un finanziamento per rendere la casa più funzionale, esteticamente appagante ed energeticamente efficiente. Ma si tratta anche di una scelta razionale di convenienza, legata alla possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali su ristrutturazioni e risparmio energetico. i bonus del 50 e 55% a inizio luglio dovrebbero convergere sul 36%, ma la proroga, sembra probabile. Il Conto termico, invece, è accessibile per gli interventi realizzati da gennaio, ma diventerà operativo solo dal 3 giugno e prevede incentivi variabili per circa il 40% del costo. Casa 24 Plus ha confrontato la convenienza di prestiti e mutui per importi da 10mila a 60mila euro su durate di 5 e 10 anni, nell ipotesi che tutta la cifra finanziata sia utilizzata per interventi che godono di agevolazioni fiscali. Se oltre all investimento iniziale si devono anche pagare gli interessi sul prestito, lo sconto offerto dagli incentivi diminuisce, così come si allunga il tempo di ammortamento per interventi che permettono risparmi sulla bolletta. Semplificando, si può affermare che sotto la soglia indicativa di 20-30mila euro gli incentivi continuano a essere convenienti anche se si ricorre a un prestito. Se si riesce ad accedere a un mutuo, la soglia si alza, perchè i tassi d interesse sono molto più bassi di quelli dei prestiti (il mutuo è legato all iscrizione di un ipoteca sull immobile oggetto di finanziamento e gli interessi in caso di prima casa sono detraibili dalle tasse al 19% fino a 2.582,25 euro annui). Tuttavia - come emerge anche dalla ricerca sui portali Prestitionline.it e Mutuionline.it, a cui Casa24 Plus ha chiesto i dati per effettuare la simulazione (vedi tabelle) - le banche difficilmente concedono mutui per importi inferiori a 30-40mila euro. «inoltre - commenta Roberto Anedda, direttore marketing dei due portali - le Mutui Bancari spese notarili per l accensione dell ipoteca su importi bassi hanno un incidenza maggiore e in questi casi la scelta può orientarsi sul prestito anche per la volontà di non impegnare con un ipoteca la propria abitazione e perchè le pratiche sono più veloci». In particolare, nel caso di un finanziamento di 20mila euro a 5 anni o 10 anni non sono risultate disponibili offerte di mutui. Questo non vuol dire che sul mercaro non si possono trovare istituti disposti a trattare questi importi, ma é indicativo del fatto che non siano contratti standard. Sul fronte dei prestiti, il migliore é a 5 anni con un Taeg del 7,22% (Tan 6,95%), il che significa un costo di euro tra interessi e spese. Nell ipotesi tutto sia investito in interventi agevolabili e pagato con gli appositi bonifici parlanti e nel caso del bonus del 50%, l agevolazione al netto degli interessi scende poco sopra il 31%. Bisogna però anche considerare che gli interessi si pagano in 5 anni e la restituzione in dichiarazione dei redditi dura invece 10 (sempre che in questo periodo si paghi un irpef sufficiente a scalare la detrazione) : quindi la convenienza scende ancora. Dall altro lato però il ritorno aumenta se si aggiungono gli eventuali risparmi in bolletta. Nel caso di una villetta che riesca a risparmiare, grazie agli interventi finanziati e agevolati, 1200 euro all anno la quota recuperata (senza tenere conto dell inflazione) risale a circa il 37 %. Nel caso invece a luglio si ritornasse al 36%, il bonus finale (7200 euruo in 10 anni) verrebbe eroso per oltre la metà dagli interessi (3670 euro): il bonus si attesterebbe cosi al 16,6%. Come si nota dalle tabelle, più si allunga (e più si aumenta) il finanziamento, più la convenienza cala. Ad esempio, sempre 20mila euro ma su 10 anni costano 8151 euro, portando a bruciare tutto il bonus (al lordo del risparmio energetico) nel caso del 36%. Resta comunque il fatto che lo stato rimborsa il 26% del costo totale affrontato (7.200 euro su , sommando capitale, 13

16 interessi e spese). Più l importo sale, più entra in campo la convenienza del mutuo: nel caso di 40mila euro a 10 anni, scegliendo il prestito si pagano quasi il doppio di interessi (20mila contro euro). Dato poi che i prestiti sono a tasso fisso, è stato preso in considerazione lo stesso tipo di tasso anche per i mutui. «Ma occorre tener presente - osserva Anedda - che in caso di durate brevi e in questo momento di crisi, il tasso variabile non comporta forti rischi di rialzo della rata, perchè i tassi di riferimento (Euribor e Bce) dovrebbero rimanere bassi ancora per qualche anno. Va considerato infatti che la quota interessi scende molto nella seconda metà del piano di ammortamento, risentendo meno di eventuali sbalzi dei tassi». Le parole chiave Prestito personale Il prestito personale è una forma di finanziamento con cui si può far fronte a esigenza non vincolate a specifiche operazioni (in questo caso, invece, ad esempio per l acquisto a rate di un auto attraverso la mediazione di un concessionario e relativa società finanziaria collegata, si parla di prestito finalizzato). Tuttavia l istituto che eroga il prestito personale in genere chiede di dichiarare come si intende spendere l importo e si riserva di verificarlo; in base a questo possono cambiare le condizioni praticate. Taeg È il Tasso annuo effettivo globale: comprende tutte le spese legate a un prestito o mutuo, dall istruttoria all assicurazione; ed è quindi più elevato del Tan (Tasso annuale nominale) che conteggia solo gli interessi. È il parametro di riferimento da controllare nel confronto dei preventivi. Convenzione con Banca di Piacenza relativa alla ristrutturazione e riqualificazione degli immobili (appartamenti e fabbricati) L'associazione UPA federimpresa visto lo stallo delle attività edili ha ritenuto di poter far fare piccoli passi e tenendo presente che lo Stato attualmente permette di godere di una agevolazione fiscale del 55%, (5,5% all'anno), ha proposto ed ottenuto la possibilità di finanziare al 100x % l'importo dell'intervento senza particolari garanzie reali (ipoteca o deposito titoli). Il finanziamento può essere rimborsato in rate mensili sino a 5/7 anni ad un tasso agevolato di almeno 3 punti % e per un importo massimo di Senza dubbio la convenzione è indirizzata ai privati e alle aziende del settore edile come idraulici e elettricisti associati all'upa federimpresa. La banca esaminerà le richieste solo se i totali di spesa saranno stati preventivamente vistati dall'upa che confermerà l'scrizione dell'impresa. 14

17 Terreni rivalutabili fino al 30 giugno POSSIBILE «AGGIORNARE» LE PARTICIPAZIONI. RIFERIMENTO AI PREZZI DI MERCATO AL 1 GENNAIO 2013 IL PACCHETTO-MANOVRA. LA LEGGE DI STABILITÀ RIAPRE I TERMINI PER PRESENTARE LA PERIZIA ASSEVERATA E PER VERSARE LA PRIMA RATA DELL'IMPO- STA SOSTITUTIVA Nuova riapertura dei termini per la rivalutazione del costo di acquisto di terreni e delle partecipazioni. Infatti l'articolo 1, comma 473, della legge di stabilità 2013 rinnova la facoltà per le persone fisiche, società semplici ed enti non commerciali di procedere alla rideterminazione del valore dei terreni agricoli ed edificabili, nonché delle partecipazioni in società di ogni tipo e oggetto a eccezione di quelle quotate in mercati regolamentati, con riferimento ai beni posseduti e ai valori correnti di mercato alla data del primo gennaio Il termine per l'asseverazione della perizia e per il versamento dell'imposta sostitutiva (o la prima rata) è fissato al 30 giugno Il testo normativo modifica le date nella norma che introdusse la prima proroga e cioè l'articolo 2, del decreto legge 282/2002. Non viene richiamato l'articolo 7, comma 2, del DI 70/2011, che prevede che in caso di rivalutazione ripetuta per i medesimi beni, è consentito detrarre l'imposta sostitutiva già versata nelle precedenti rivalutazioni. Questa disposizione è a regime e quindi si applica anche in questa occasione. Tale norma aveva fatto affermare in dottrina la possibilità di effettuare la rideterminazione del valore al ribasso senza assolvere l'imposta sostitutiva. I codici tributo sono invariati e sono "8055,, per le partecipazioni e "8056,, per i terreni. L'imposta sostitutiva è pari al 4% per i terreni e partecipazioni qualificate (superiori al 20% del capitale sociale per le società di capitali ed al 25% per le società di persone) o del 2% per le partecipazioni non qualificate. La facoltà di rideterminare il valore di acquisto dei terreni edificabili è finalizzata alla riduzione della plusvalenza tassabile in presenza di vendita ai sensi dell'articolo 67 del Testo Unico delle imposte dirette. Si ricorda che la successione o la donazione, anche successiva alla abolizione delle relativa imposta, consente comunque di adottare il valore dichiarato ai fini delle imposte ipotecarie e catastali quale costo iniziale al fine del calcolo della plusvalenza. La rideterminazione del costo fiscale è prevista per le partecipazioni in società non quotate e quindi compresa la società semplice. In caso di cessione di partecipazioni la plusvalenza si determina sottraendo dal corrispettivo il prezzo di acquisto il quale può essere determinato mediante perizia. La riapertura dei termini dopo oltre un decennio di funzionamento di questa disposizione, LE REGOLE Immobili & Fisco 01 I SOGGETTI Persone fisiche, che non agiscono nella sfera dell'impresa, società semplici ed enti non commerciali; tali soggetti possono essere anche non residenti. L'usufruttuario ha titolo per rivalutare i terreni e partecipazioni in quanto in caso di cessione limitatamente al corrispettivo percepito può realizzare plusvalenza tassabile ai sensi dell'articolo 67 del Tuir 02 I COSA RIGUARDA Terreni agricoli (per i quali si prevede l'edificabilità o perché in previsione di essere ceduti prima del quinquennio), aree edificabili e partecipazioni in società di ogni tipo ed oggetto escluse quelle quotate in mercati regolamentati. Tali beni devono essere posseduti alla data del 1 gennaio I ADEMPIMENTI Redazione della perizia da parte di un professionista indicato dalla legge (articolo 5 e 7 della legge n. 448/2001) che deve essere asseverata (notaio, giudice di pace, Tribunale) entro il 1 luglio 2013 essendo 30 giugno domenica). Il perito deve fare riferimento al valore dei beni alla data del 1 gennaio I IMPOSTA SOSTITUTIVA L'imposta sostitutiva è pari al 4% per i terreni e partecipazioni qualificate (superiori al 20% del capitale sociale per le società di capitali ed al 25% per le società di persone) o del 2% per le partecipazioni non qualificate. Il versamento deve essere eseguito entro il 1 luglio 2013 o in due o tre rate uguali di cui la prima deve essere versata entro tale data 15

La certificazione energetica degli edifici

La certificazione energetica degli edifici Nota di approfondimento La certificazione energetica degli edifici Dal 27 dicembre 2012 sarà in vigore il nuovo quadro normativo riguardante la certificazione energetica degli edifici. Con il D.M. 22 novembre

Dettagli

TABELLA LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

TABELLA LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI TABELLA LINEE GUIDA PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Entrata in vigore 25 luglio 2009 Finalità Definire un sistema di certificazione energetica degli edifici che possa essere un chiaro e

Dettagli

U.P. Energia - Regione del Veneto F.A.Q. Certificazione Energetica ultimo aggiornamento: 01 agosto 2013 SOMMARIO

U.P. Energia - Regione del Veneto F.A.Q. Certificazione Energetica ultimo aggiornamento: 01 agosto 2013 SOMMARIO SOMMARIO CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI... 2 Normativa, obblighi e campo di applicazione... 2 Soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici... 3 Modalità di invio... 4 Quesiti

Dettagli

Certificazione energetica degli edifici

Certificazione energetica degli edifici Certificazione energetica degli edifici Cos e la certificazione energetica di un edificio E il processo di analisi dei componenti (muri, pareti, tetto, pavimento, finestre e porte) dell involucro di un

Dettagli

Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica

Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 luglio 2009 il DM 26/06/2009 sancisce la piena attuazione della Direttiva 2002/91/CE- art. 7 e del Dlgs. 192/05-

Dettagli

INFORMATIVA VIA E-MAIL GENNAIO 2014

INFORMATIVA VIA E-MAIL GENNAIO 2014 INFORMATIVA VIA E-MAIL GENNAIO 2014 Illustrissimi soci, confidiamo farvi cosa gradita nel comunicarvi le principali novità giuridiche e fiscali di inizio anno, per la cui elaborazione dobbiamo ringraziare

Dettagli

Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico: le famose detrazione del 36% e del 55% Molti contribuenti hanno già conosciuto e utilizzato le

Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico: le famose detrazione del 36% e del 55% Molti contribuenti hanno già conosciuto e utilizzato le Ristrutturazione edilizia e risparmio energetico: le famose detrazione del 36% e del 55% Molti contribuenti hanno già conosciuto e utilizzato le detrazioni relative alle spese su manutenzioni e ristrutturazioni

Dettagli

Provincia di Ferrara. Direttiva per l adeguamento dei RUE della Provincia di Ferrara -Requisiti-

Provincia di Ferrara. Direttiva per l adeguamento dei RUE della Provincia di Ferrara -Requisiti- Direttiva per l adeguamento dei RUE della Provincia di Ferrara -Requisiti- OTTOBRE 2007 1 Partendo dalla proposta di direttiva per l adeguamento dei RUE, elaborata dal gruppo sull Efficienza Energetica

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Ecoincentivi: interventi sul risparmio energetico e modifiche apportate portate nella finanziaria 2008 per la detrazione

Dettagli

Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica

Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA I principali contenuti delle Linee Guida Nazionali sulla Certificazione Energetica e il modulo dell APE Arch. Luca Raimondo USO CONVENZIONALE L ATTESTATO DI PRESTAZIONE

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA E DELLE PERTINENZE

LE AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA E DELLE PERTINENZE LE AGEVOLAZIONI PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA E DELLE PERTINENZE Chi acquista la prima casa da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) paga l imposta di registro del

Dettagli

L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA

L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA AGENZIA IMMOBILIARE LUNIGIANA 2000 Via Apua 24-26, AULLA (MS) Tel 0187.421400 Fax 0187.424684 Cell 335.5383266 335.1321250 E-mail: lunigiana2000@lunigiana.it Web: www.lunigiana2000.it www.lunigiana2000.com

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 8/2015 LEGGE DI STABILITA PER IL 2015: PRIMI CHIARIMENTI

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 8/2015 LEGGE DI STABILITA PER IL 2015: PRIMI CHIARIMENTI Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 10/02/2015 Ai Signori

Dettagli

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE Dal 1 ottobre 2015 entrano in vigore i nuovi decreti attuativi in materia di prestazione e certificazione energetica. Cosa cambia concretamente?

Dettagli

DOVE SI APPLICA. Si applica sia all edilizia pubblica che a quella privata, anche nel caso di ristrutturazioni di edifici esistenti.

DOVE SI APPLICA. Si applica sia all edilizia pubblica che a quella privata, anche nel caso di ristrutturazioni di edifici esistenti. CORSO TECNICO 2015 UN PO DI STORIA Il D.P.R. n. 59 del 2.4.2009 è uno dei decreti applicativi richiesti per attuare nella pratica il Dlgs. 192 del 2005 sul rendimento energetico e sulla certificazione

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

La riqualificazione energetica

La riqualificazione energetica La riqualificazione energetica Come funzionano le detrazioni CASA DOLCE CASA è un progetto realizzato con il contributo di Che cos è la riqualificazione energetica Si parla di riqualificazione energetica

Dettagli

Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e del Decreto Attuativo del 7 aprile 2008

Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e del Decreto Attuativo del 7 aprile 2008 Pagina 1 di 5 L OPUSCOLO HA CARATTERE PURAMENTE INFORMATIVO, POTREBBE CONTENERE ERRORI O ESSERE MANCANTE DI EVENTUALI AGGIORNAMENTI. Aggiornato sulla base del Decreto Ministeriale dell 11 marzo 2008 e

Dettagli

APE 2015 - VADEMECUM

APE 2015 - VADEMECUM APE 2015 - VADEMECUM Ministero dello Sviluppo Economico Decreti attuativi del 26 giugno 2015 (Supplemento Ordinario n. 39 alla G.U. n. 162 del 15 luglio 2015) Cosa cambia per gli agenti immobiliari in

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CHIARIMENTI IN MATERIA DI EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Decreto

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Oggetto: Proroga delle detrazioni per le spese di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica Con il D.L. 4 giugno 2013, n. 63,

Dettagli

La manovra Monti (DL 6.12.2011 n. 201)

La manovra Monti (DL 6.12.2011 n. 201) La manovra Monti (DL 6.12.2011 n. 201) Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE 1 - Premessa 2 - Detrazione IRPEF del 36% per interventi di recupero edilizio - Messa a regime dal 2012 2.1

Dettagli

Documenti delle Commissioni di Studio

Documenti delle Commissioni di Studio Documenti delle Commissioni di Studio GIUGNO 4, 2013 ANNO 1, NUMERO 4 Segnalazioni Novità Prassi Interpretative COMMISSIONE FISCALITA Edilizia: Proroga delle detrazioni sulle ristrutturazioni e per gli

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 7 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO A TASSO VARIABILE Il presente Foglio Informativo è rivolto ai clienti non Consumatori e ai clienti Consumatori che intendono richiedere

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LA NORMATIVA Legge 373/76 Prima legge sul risparmio energetico Legge 10/91 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia,

Dettagli

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Cessione di immobili. La disciplina fiscale dell acquisto, della vendita, gli oneri e le agevolazioni fiscali Gentile cliente, desideriamo informarla che l Agenzia delle

Dettagli

ACE/APE TRASFERIMENTI DI EDIFICI - ESCLUSIONI DAGLI OBBLIGHI DI ALLEGAZIONE/PRODUZIONE NORME REGIONE LOMBARDIA E NORME NAZIONALI TABELLA 1

ACE/APE TRASFERIMENTI DI EDIFICI - ESCLUSIONI DAGLI OBBLIGHI DI ALLEGAZIONE/PRODUZIONE NORME REGIONE LOMBARDIA E NORME NAZIONALI TABELLA 1 ACE/APE TRASFERIMENTI DI EDIFICI - ESCLUSIONI DAGLI OBBLIGHI DI ALLEGAZIONE/PRODUZIONE NORME REGIONE LOMBARDIA E NORME NAZIONALI TABELLA 1 ESCLUSIONI DALLA DISCIPLINA IN BASE ALLE FATTISPECIE FATTISPECIE

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici in Valle d Aosta - F.A.Q. -

La certificazione energetica degli edifici in Valle d Aosta - F.A.Q. - La certificazione energetica degli edifici in Valle d Aosta - F.A.Q. - Documento aggiornato al 07.07.2011 1. Quando e come fare l attestato di certificazione energetica 1.1. Da quando entra in vigore il

Dettagli

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 293. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 293 07. 09. 2012 I bonus per l edilizia: alcuni casi pratici Il maggiore sconto è attualmente previsto fino a giugno 2013 Categoria: Irpef Sottocategoria:

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Ufficio Tributario Provinciale referentitributarioprovinciale@confartcn.com cuneo.confartigianato.it Proroga Il decreto legge n. 63/2013 ha prorogato

Dettagli

PER CHI COMPRA CASA. 1. Trasferimento della residenza nel Comune in cui si acquista l'immobile

PER CHI COMPRA CASA. 1. Trasferimento della residenza nel Comune in cui si acquista l'immobile per tutti PER CHI COMPRA CASA I. Agevolazioni prima casa 1. Trasferimento della residenza nel Comune in cui si acquista l'immobile 2. Decadenza dalle agevolazioni 3. Credito di imposta II. ICI (Imposta

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 22 del 27 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito

Dettagli

Quando si applica il decreto

Quando si applica il decreto Quando si applica il decreto L applicazione nel caso degli interventi sugli edifici esistenti I fabbricati esclusi dall applicazione del decreto Le disposizioni contenute nel decreto ai fini del contenimento

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000)

RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000) Pag.1 RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA DETRAZIONE FISCALE DEL 50% (SU UNA SPESA MASSIMA DI 96.000) Chi può richiederla? Elenchiamo di seguito i soggetti che hanno la possibilità di richiedere la detrazione fiscale

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia Bonus energia PREMESSA La Finanziaria per il 2007 ha previsto una serie di interventi piuttosto ampia a favore delle persone fisiche e giuridiche che effettuano investimenti volti a ridurre il consumo

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI a) Premessa L incentivo fiscale per il risparmio energetico introdotto con la Finanziaria 2007 è paragonabile per grandi linee

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI

CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI DOCUMENTI LEGISLATIVI DI RIFERIMENTO DLGS 192/05 "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia." così come modificato

Dettagli

Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione).

Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione). 1 di 5 29/12/2013 18.25 (agg.5) Testo in vigore dal: 24-12-2013 Art. 6. (Attestato di prestazione energetica, rilascio e affissione). 1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente disposizione,

Dettagli

Norme in materia di dimensionamento energetico

Norme in materia di dimensionamento energetico Norme in materia di dimensionamento energetico Evoluzione della normativa europea La situazione italiana Le detrazioni fiscali Certificazione e classificazione energetica degli edifici L Attestato e la

Dettagli

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Associazione Nazionale Costruttori di Impianti Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Relatore: Vincenzo Corrado www.assistal.it

Dettagli

SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI è un Organismo di Certificazione Ispezione e di Verifica, accreditato da SINCERT, con Certificati

Dettagli

Il decreto legge n.63 del 4 giugno 2013 ha prorogato al 31 dicembre 2013 la detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica.

Il decreto legge n.63 del 4 giugno 2013 ha prorogato al 31 dicembre 2013 la detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica. 1 Il decreto legge n.63 del 4 giugno 2013 ha prorogato al 31 dicembre 2013 la detrazione fiscale per gli interventi di efficienza energetica. Lo stesso decreto ha innalzato dal 55% al 65% la percentuale

Dettagli

Il regime della cedolare

Il regime della cedolare STUDIO Russo commercialisti Ai Clienti dello Studio RUSSO Il regime della cedolare secca Il calcolo della tassazione agevolata e le modalità di opzione alla luce dei chiarimenti di prassi in materia. Il

Dettagli

Rivalutazione di partecipazioni e terreni

Rivalutazione di partecipazioni e terreni Rivalutazione di partecipazioni e terreni Il Legislatore con l art. 1 commi 376 e 428 della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato,

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Certificazione Energetica degli Edifici Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Bozza DM sulle Linee Guida Nazionali LINEE GUIDA NAZIONALI Bozza DM sulle Linee

Dettagli

L e n u ove d e t r a z i o n i p e r l a c a s a d e l D e c r e t o S v i l u p p o 2 01 2

L e n u ove d e t r a z i o n i p e r l a c a s a d e l D e c r e t o S v i l u p p o 2 01 2 L e n u ove d e t r a z i o n i p e r l a c a s a d e l D e c r e t o S v i l u p p o 2 01 2 Con il Decreto 147 del 26 giugno 2012 convertito in legge ad agosto, sono cambiate le regole inerenti la detrazione

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI: RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE E RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI: RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE E RISPARMIO ENERGETICO S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n. 4 del 22/02/2012

Dettagli

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI 1 RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI ESISTENTI Legge finanziaria 2007 (L.296/2006 art. 1 comma 344-348); prorogata dalla Finanziaria 2008 (ART. 1, COMMA 20 e 24, 286, L.244 del 24 dicembre 2007) DM del

Dettagli

36%. Chiarimenti ministeriali.

36%. Chiarimenti ministeriali. SERVIZIO INFORMATIVO ANGAISA 36%. Chiarimenti ministeriali. Circolare Agenzia Entrate n. 24 del 10.06.2004 Circolare Ministerale - Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa e Contenzioso - 10

Dettagli

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette PIAZZA DELLA VITTORIA, 8/20 16121 GENOVA TEL: 010 553241 FAX: 010 5532460 E-MAIL: studio.genova@stsnet.it C. F. E P. IVA: 03022160109 Ai Signori Clienti Loro Sedi Genova, 2 settembre 2011 CIRCOLARE N.

Dettagli

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE

LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Circolare N. 06 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 gennaio 2010 LA RIAPERTURA DEI TERMINI PER LA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI NON QUOTATE Con la Finanziaria 2010 sono stati

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Spettabili Padova, 21 dicembre 2012 CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Vendita e locazione di immobili nuovi adempimenti fiscali. VENDITA Con la presente Vi informiamo che si applica il meccanismo dell

Dettagli

Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica

Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica Normative, obblighi e procedure per la certificazione energetica La certificazione energetica, oggi, è tra i documenti più importanti e tra quelli obbligatori nel mercato immobiliare. Cosa bisogna sapere?

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di Gennaio 2015 Santa Lucia di Piave, lì 19 gennaio 2015 Oggetto: Finanziaria 2015 NOVITA E CONFERME PER IL 65% ( RISPARMIO ENERGETICO ) E 50 %( RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ) Con la Finanziaria

Dettagli

Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55%

Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55% LA CREAZIONE DI VALORE NEL SETTORE IMMOBILIARE: LE NUOVE OPPORTUNITA PER GLI INGEGNERI GESTIONALI Le detrazioni fiscali al 36% ed al 55% Ordine degli Ingegneri di Napoli Napoli Via del Chiostro 8 SISTEMA

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

Decreto sblocca Italia Sintesi delle principali novità

Decreto sblocca Italia Sintesi delle principali novità Decreto sblocca Italia Sintesi delle principali novità E stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, dopo un attesa di ben 2 settimane e tante modifiche, il Decreto Sblocca Italia, D.L. 133/2014. Dall analisi

Dettagli

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni PRIVATI, tipologia e

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

U.P. Energia - Regione del Veneto F A Q certificazione WEB.doc. ultimo aggiornamento: nov.2010 SOMMARIO

U.P. Energia - Regione del Veneto F A Q certificazione WEB.doc. ultimo aggiornamento: nov.2010 SOMMARIO SOMMARIO CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI... 2 Normativa, obblighi e campo di applicazione.... 2 Soggetti abilitati alla certificazione energetica degli edifici.... 3 Modalità di invio.... 4 Quesiti

Dettagli

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003

OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Direzione Regionale del Piemonte Ufficio Fiscalità Generale Torino, 29/01/2003 Prot. n. 03/5727 OGGETTO: LA DETRAZIONE IRPEF DEL 36% PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE CIRCOLARE N. 1/2003 Premessa È necessario

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA CERTIFICAZIONE ENERGETICA La certificazione energetica è un processo finalizzato a far conoscere al cittadino le caratteristiche energetiche del sistema edificio-impianto che sta per acquistare o per affittare.

Dettagli

Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO

Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO Le regole, la misura e le modalità di fruizione delle detrazioni fiscali sulle RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE e sul RISPARMIO ENERGETICO Relatori: Bazzarello Antonella: Dottore Commercialista e revisore contabile

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE CIRCOLARE Padova, 1^ ottobre 2007 SPETT.LI CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Locazione di immobili e altre problematiche fiscali. Con la presente Vi informiamo che è stata pubblicata la Legge 448/2006, che ha

Dettagli

Provincia di Bologna IMU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

Provincia di Bologna IMU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna IMU REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA INDICE Art. 1 - Oggetto 3 Art. 2 - Abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da

Dettagli

NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA 2013 CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RIVALUTAZIONI DI IMMOBILI E PARTECIPAZIONI. Dott.ssa Giovanna Castelli 1

NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA 2013 CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RIVALUTAZIONI DI IMMOBILI E PARTECIPAZIONI. Dott.ssa Giovanna Castelli 1 NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA 2013 CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA RIVALUTAZIONI DI IMMOBILI E PARTECIPAZIONI Dott.ssa Giovanna Castelli 1 LA LEGGE DI STABILITA 2013 La legge di stabilità 2013

Dettagli

Illumina il tuo futuro

Illumina il tuo futuro Illumina il tuo futuro INTRODUZIONE I contribuenti che sostengono spese per interventi mirati al risparmio energetico possono usufruire di una particolare agevolazione fiscale, avvalendosi di una specifica

Dettagli

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni In un contesto normativo volto al raggiungimento di una maggiore

Dettagli

IL MUTUO E LE SUE DIVERSE TIPOLOGIE:

IL MUTUO E LE SUE DIVERSE TIPOLOGIE: IL MUTUO E LE SUE DIVERSE TIPOLOGIE: DEFINIZIONE: Il mutuo è quel contratto con cui una parte (mutuante) consegna all'altra (mutuatario) una determinata quantità di denaro o di altre cose fungibili, e

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 7 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO A TASSO VARIABILE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale: Via Alessandro Manzoni, 12/14

Dettagli

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 23/06/2015 1 Soggetti Circolare 10 giugno 2004, n. 24/E Nel caso

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L ABITAZIONE TESTO COORDINATO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 64 del

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - 65%

AGEVOLAZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - 65% OGGETTO: Circolare 15.2013 Seregno, 10 settembre 2013 AGEVOLAZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO - 65% Sulle spese sostenute dal 6 giugno 2013 (data di entrata in vigore del Dl 63/2013) al 31 dicembre 2013,

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

organo ufficiale della Federazione Italiana delle Associazioni Sindacali Notarili.

organo ufficiale della Federazione Italiana delle Associazioni Sindacali Notarili. . per tutti organo ufficiale della Federazione Italiana delle Associazioni Sindacali Notarili. PER CHI COMPRA CASA I. Agevolazioni prima casa 1. Trasferimento della residenza nel Comune in cui si acquista

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO LIBRO FONDIARIO CIRCOLARE N.. 5/ 2007 Trento, 26 febbraio 2007 Oggetto: D.Lgs.19.08.2005 n. 192 (modificato dal D.Lgs. n. 311/2006) Certificato energetico L art. 6

Dettagli

Informativa n. 25. La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE. dell 8 ottobre 2008

Informativa n. 25. La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE. dell 8 ottobre 2008 Informativa n. 25 dell 8 ottobre 2008 La proroga al 31.10.2008 della rivalutazione delle partecipazioni non quotate e dei terreni INDICE 1 La proroga della rivalutazione delle partecipazioni e dei terreni...

Dettagli

La certificazione energetica

La certificazione energetica COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Centro Idea Centro di Educazione Alla Sostenibilità PROVINCIA DI FERRARA La COS' E' L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) Patto dei Sindaci Un impegno

Dettagli

ASPESI -Milano 20.05.2008

ASPESI -Milano 20.05.2008 ASPESI -Milano 20.05.2008 LA CERTIFICAZIONE DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI IN REGIONE LOMBARDIA n.24/2006 B.U.R.L. VIII/5773 Relatore : ing. NEVIO ROMELLI Presidente di : S.I.C.I.V. srl Società

Dettagli

del 10 luglio 2012 Il decreto crescita e sviluppo (DL 22.6.2012 n. 83) - Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE

del 10 luglio 2012 Il decreto crescita e sviluppo (DL 22.6.2012 n. 83) - Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE Circolare n. 24 del 10 luglio 2012 Il decreto crescita e sviluppo (DL 22.6.2012 n. 83) - Novità in materia di detrazioni del 36% e del 55% INDICE 1 Premessa... 2 2 Detrazione IRPEF per interventi di recupero

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. La Certificazione Energetica in Lombardia. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. La Certificazione Energetica in Lombardia. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti La Certificazione Energetica in Lombardia Novembre 2011 Cos è l ACE L Attestato di Certificazione Energetica (ACE) è un documento che attesta la prestazione

Dettagli

CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI. Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it. Mini-guida IMU 2012

CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI. Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it. Mini-guida IMU 2012 mod-tribici-015-06.doc5 rev. 6 del 31/05/12 CITTÀ DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA SETTORE TRIBUTI Tel. 030 9994230 E-mail: tributi@comune.desenzano.brescia.it Mini-guida IMU 2012 NOVITA RILEVANTI:

Dettagli

Foglio Informativo n. 61. Mutuo Ipotecario

Foglio Informativo n. 61. Mutuo Ipotecario INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Roma Società Cooperativa fondata nel 1954 Sede Legale, Presidenza e Direzione Generale in Via Sardegna, 129-00187 Roma Tel. 06 5286.1 - Fax 06 5286.3305

Dettagli

Tutti gli incentivi per i cittadini come da:

Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) - Certificati Verdi e le nuove incentivazioni per la produzione di energia elettrica

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2012

NOTA OPERATIVA N. 7/2012 NOTA OPERATIVA N. 7/2012 OGGETTO: ristrutturazioni edilizie, detrazioni 36-50% - Introduzione I lavori di ristrutturazione edilizia consentono alle persone fisiche di beneficiare, ormai da molti anni,

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE Delibera IX/2555 del 24/11/2011 della Giunta regionale della Lombardia L obbligo dell indicazione della classe

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO COMPARATIVO relativo ai MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

FOGLIO INFORMATIVO COMPARATIVO relativo ai MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA DEL SUD S.p.A. Sede legale e amministrativa: VIA CALABRITTO, 20 80121 NAPOLI Recapiti ( telefono e fax) 0819776411, 0817976402 Sito internet:

Dettagli

Chiedi un preventivo ed una consulenza gratuita con i nostri tecnici per la tua abitazione

Chiedi un preventivo ed una consulenza gratuita con i nostri tecnici per la tua abitazione Chiedi un preventivo ed una consulenza gratuita con i nostri tecnici per la tua abitazione www.ondatek.it segreteria@ondatek.it NORME ENERGETICHE PER EDIFICI NUOVI OD OGGETTO DI RISTRUTTURAZIONE Il decreto

Dettagli

Contratto di locazione

Contratto di locazione Contratto di locazione Registrazione Imposte di registro Cedolare secca Tutto quello che c è da sapere Ed_1-Rev_0 del 20 marzo 2014 PREMESSA In generale la locazione costituisce il contratto con il quale

Dettagli

IRPEF: cessione immobili da demolire

IRPEF: cessione immobili da demolire Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 74 12.03.2014 IRPEF: cessione immobili da demolire Per la Cassazione, la cessione di un fabbricato da demolire non può essere riqualificata in

Dettagli

AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016

AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016 435 AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016 30 Ottobre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 1) IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) La Legge di Stabilità 2014 n. 147 del 27 dicembre 2013 (articolo 1 commi da 639 a 731) ha istituito, a partire dal 1/01/2014, l Imposta

Dettagli

Il nuovo APE 2015 Le offerte di vendita e locazione

Il nuovo APE 2015 Le offerte di vendita e locazione ARES Agenzia Regionale per l Edilizia Sostenibile s.r.l. Regione Friuli Venezia Giulia Il nuovo APE 2015 Le offerte di vendita e locazione entrata in vigore 1 L art.6 del Decreto Legislativo 192/2005 stabilisce

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli