Vecchio Lazio: i vocaboli delle pratiche colturali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vecchio Lazio: i vocaboli delle pratiche colturali"

Transcript

1 Logo Lazio Logo Insor Vecchio Lazio: i vocaboli delle pratiche colturali di Ugo R. Gualazzini Quaderno di informazione socio-economica n.14 1

2 REGIONE LAZIO Assessorato all Agricoltura Area A Servizio di informazione socio-economica Via Rosa Raimondi Garibaldi, Roma ISTITUTO NAZIONALE DI SOCIOLOGIA RURALE Via della Stelletta, 20/ Roma Tutti i diritti sono riservati QUADERNI DI INFORMAZIONE SOCIO-ECONOMICA Coordinamento Editoriale: Pier Luigi Cataldi VECCHIO LAZIO: I VOCABOLI DELLE PRATICHE COLTURALI Di: Ugo R. Gualazzini L Istituto Nazionale di Sociologia Rurale ringrazia Pier Luigi Cataldi e Silvano Paone dell Assessorato all Agricoltura della regione Lazio per i contributi recati alla definizione del progetto. 2

3 Indice Prefazione di Daniela Valentini Premessa Parte prima Un tentativo di sintesi regionale Capitolo 1: Una premessa linguistica Capitolo 2: Cerealicoltura, lavorazione del suolo, rotazione agraria Capitolo 3: Leguminose e altre colture Capitolo 4: L allevamento, il pascolo, la macchia Capitolo 5: Attrezzi e mezzi di trasporto Parte seconda Alcuni esempi locali Capitolo 1: La vite nel viterbese Capitolo 2: L ulivo in Sabina Capitolo 3: Le grandi proprietà della Campagna romana e le figure di contadino specializzato Capitolo 4: Castelli Romani: un saggio di vocabolario del lessico vitivinicolo Capitolo 5: Le uve e la mensa contadina in Ciociaria Appendice: Agricoltura e gastronomia reatina in un antica fonte poetica 3

4 Premessa Molte, anzi, moltissime sono le persone cui devo essere grato per il loro prezioso aiuto, a vario livello, nella conduzione e nella stesura di questa ricerca. Non riuscirò neppure a citarle tutte. Il primo pensiero va senza dubbio al professor Corrado Barberis, che ha mostrato grande fiducia nell assegnarmi questo tema e ha saputo incoraggiarmi e guidarmi con paterna dedizione, solidale amicizia, magistrale competenza. L eventuale merito di quest opera va interamente a lui, che l ha voluta, seguita ed attesa con pazienza inimmaginabile. Un caloroso ringraziamento va al dottor Pier Luigi Cataldi ed al dottor Silvano Paone della Regione Lazio i quali, con il professor Barberis, hanno individuato il tema ed hanno deciso di affidarmene lo svolgimento. Un aiuto importante mi è stato fornito dagli archivisti dei diversi Archivi di Stato della regione: voglio ricordare in particolare quelli di Frosinone ed il dottor Augusto Pompeo dell Archivio di Stato di Roma. Un essenziale contributo di segnalazione della bibliografia e di alcuni degli aspetti principali da trattare è venuto da numerosi studiosi di storia laziale di chiara fama: il dottor Italo Arieti, il professor Quirino Galli, il professor Luigi Cimarra, il professor Antonio Parisella; a tutti loro va la più sincera gratitudine. Un debito ho anche nei confronti di alcuni docenti dell Università degli Studi di Firenze, per consulenze specifiche in ambito linguistico ed etruscologico: la dottoressa Elisabetta Bacchereti, il professor Giovannangelo Camporeale, il professor Andrea Dardi, il quale mi ha fornito le basi per poter presentare alcune considerazioni di carattere linguistico, che erano in verità abbondanti nella più ampia stesura iniziale. Grande riconoscenza va alle persone più vicine, che mi hanno sopportato, incoraggiato, consigliato e coadiuvato in tutte le fasi della ricerca: ai miei genitori, in particolare a mia madre, che ha anche condiviso l onere della correzione ed integrazione delle bozze, allo zio Attilio Politi, che mi ha anche accompagnato in alcune delle trasferte laziali, ad Anna Guarneri, al carissimo amico dottor Matteo Morandi, il cui consiglio è stato prezioso nelle fasi iniziali di progettazione del lavoro. Per ultimo, ma solo in senso cronologico, uno speciale ringraziamento 4

5 tengo a rivolgere alle dottoresse Mariachiara Cortesi e Maria Ossola: grazie alla loro riservata gentilezza e dedizione ed alle gradite visite hanno saputo incoraggiarmi e sostenermi al momento di concludere l opera, in un periodo di non lieve malessere fisico. Voglio dedicare il presente volume a cinque docenti che, in tempi diversi e ciascuno nel suo campo, hanno contribuito in modo sostanziale e profondo alla mia formazione. Al professor Gianemilio Vercesi, che ha saputo stimolare e coltivare il mio interesse per la storia negli anni più delicati della formazione, insegnandomi, oltre e più che nozioni, un sicuro metodo di ricerca e di studio ed ancor più le basi ed i meccanismi del ragionamento applicati alle scienze umane. Al professor Giuseppe Ferrami che, negli stessi anni, con un impegno fuori dal comune, ha curato la mia formazione in ambito letterario, insegnando i metodi di analisi del testo e facendo comprendere l importanza del fattore linguistico e lessicale. Egli cercò di migliorare il mio stile espressivo-espositivo, temperando la tendenza ad un periodare prolisso e talvolta involuto. Non gli se ne voglia quando si costaterà qualche ridondanza nel presente scritto: se il suo impegno non ha portato il massimo frutto è sola colpa dell allievo. Al professor Stefano Zamponi, esempio di serietà e disponibilità oltre che luminare nel campo paleografico, archivistico e codicologico. A lui devo gli insegnamenti indispensabili per reperire, decifrare, interpretare, utilizzare e citare correttamente le fonti d archivio, materiale basilare per questo lavoro. Alla professoressa Dinora Corsi, che ha saputo appassionarmi alla storia della Chiesa, la cui conoscenza è indispensabile in ogni studio di storia italiana medievale e moderna. Al professor Guido Vannini, raro esempio di competenza e di cortesia, il quale ha sostenuto la mia formazione nel campo storico e mi ha iniziato con mano sicura ai metodi di ricerca nel campo dell archeologia medievale, della storia del paesaggio e delle comunità rurali, facendo comprendere l importanza delle fonti materiali ed i modi di intersecarne lo studio con quello della documentazione scritta. Tutto ciò è stato essenziale per la presente ricerca. 5

6 PARTE PRIMA: un tentativo di sintesi regionale Una premessa linguistica Oggi qualunque appezzamento, qualunque azienda riceve nel linguaggio corrente il nome di podere: che, un tempo, era riservato solo alle aree di mezzadria viterbese e al massimo sabina. E, anche questo, un aspetto della globalizzazione vissuto dall agricoltura laziale che abbandona le sue specificità contrattuali (patti verolani fra concedente e colono, il patto stucco nei rapporti tra soccidante e soccidario, ecc. ) per adeguarsi ad una realtà nazionale vissuta per così dire all insegna di una globalizzazione. *** Da un punto di vista linguistico, Roma e la ristretta Campagna romana hanno goduto di un isolamento e di una autonomia del tutto eccezionali nella Penisola. Le aree che definiremmo periferiche rispetto al centro-roma, non solo quelle individuate dalla schematica divisione delle storiche province pontificie, ma anche aree subregionali molto più piccole, hanno così subito altre influenze, esterne alla regione. Tali isole si sono create sia a motivo della morfologia del territorio che a causa della presenza o piuttosto assenza di vie di comunicazione destinate agli spostamenti locali, tanto che l assenza di una pianificazione e di una realizzazione viaria rivolta ai collegamenti interni alla regione, fino a tempi recentissimi, ha lasciato distanti e isolati anche comuni e comprensori contigui. L esempio riportato da De Mauro e Lorenzetti 1 è quello dell abbandono dell antichissima strada che metteva in comunicazione i Prelatini di Cora con quelli di Tibur. Così la Tuscia viterbese o Tuscia romana, fin dal nome, palesa l influenza culturale derivata dalla confinante Toscana. L area della Sabina e tutta la zona di confine tra Patrimonio e antico Ducato gravita nell orbita culturale di Umbria e Marche; il Reatino, parte del quale non era laziale sino a tempi recenti, e la zona di Tivoli subiscono 1 De Mauro, T., Lorenzetti, L., 1991, p

7 invece l influenza dell Aquilano; il Frusinate, anche per la sua parte storica, a nord della Terra di Lavoro, e la vecchia provincia di Marittima, a sud di Anzio, sono attratti invece dall area culturale campana. Così l eterogeneità dialettologica del Lazio, concludono ancora i nostri autori, non è altro che la conseguenza della mancata omogeneità antropologico-culturale della regione. Proseguiremo dunque nel delineare rapidamente lo stato degli studi sui dialetti laziali seguendo da vicino il citato contributo di De Mauro - Lorenzetti, oltre che uno stringato articolo di Vignuzzi 2 sulla dislocazione delle diverse aree dialettali e delle isoglosse (le linee di confine tra area e area) che le distinguono. Il Latium vetus è una ristrettissima area, con una sua caratterizzazione specifica, sia etnica che linguistica, che supera appena le porte di Roma. Un imponente contributo lessicale e fonologico viene assorbito dalle lingue delle etnie circostanti fin dai tempi della formazione del Latino che oggi conosciamo come classico, in particolare: etruschismi certi ed altri probabili, concentrati negli ambiti delle istituzioni civili e militari, della politica, abbondantissimi per gli aspetti sacrali e religiosi della società, compresi i nomi di stagioni, presenti nel lessico della letteratura, del teatro, dell architettura; grecismi, alcuni arcaici, altri protostorici, più legati al vocabolario della vita materiale; sabellismi, italicismi e sabinismi, con un influenza talvolta solo di tipo fonologico, che riguardano soprattutto il mondo campestre e contadino, compresa l attività pastorizia. Ciò appare ovvio, dato che tali generi di attività erano largamente prevalenti, per non dire esclusivi, presso queste antiche popolazioni italiche; pure da non dimenticare sono alcuni toponimi. Tale propensione all accoglimento di elementi linguistici esterni rimase una caratteristica del Latino fino ad epoca tarda, con una classe aristocratica romana colta che era bilingue e grecizzante, basti pensare ai Memorabilia dell imperatore Marco Aurelio o alle abbondanti citazioni greche di Apuleio, specie nell Apologia. L accoglimento del Greco anche in Occidente ha infine una tappa fondamentale con la definitiva adesione al Cristianesimo grecizzante, con tutto il suo abbondante portato terminologico. Questa apertura di Roma capitale 2 Vignuzzi, U.,

8 della penisola prima, di un impero che supera i limiti dell Europa in seguito, all accoglimento di elementi linguistici eterogeni va di pari passo con un secondo aspetto, tipico del sistema di controllo che Roma attua nei confronti del territorio che via via viene assogettando. La politica adottata in Italia, fin dalle prime espansioni del dominio romano a spese delle popolazioni confinanti con la costituzione della Lega Latina, prevede non una colonizzazione snazionalizzante, con una conseguente latinizzazione forzata, ma si basa su patti federativi diversificati tra loro, secondo la nota massima divide et impera. La latinizzazione avvenne così gradualmente, convisse con la sopravvivenza degli idiomi locali, ebbe una profondità ed una radicazione diversa a seconda delle aree. Anche le successive conquiste nell Italia settentrionale, nel bacino del Mediterraneo, nell Europa continentale, con la formazione delle diverse province, pur vedendo modificate le modalità politico-amministrative di controllo del territorio conquistato, non comportarono una modificazione della politica culturale e linguistica verso le popolazioni assogettate. E ormai noto che negli ultimi secoli dell Impero d Occidente, sebbene il Latino fosse diffuso ed utilizzato in tutte le province che vi appartenevano, esso si presentava in numerosissime varianti locali o nazionali, soprattutto a livello fonetico, non abbastanza differenti da impedire la comunicazione tra le diverse genti, ma sufficienti per qualificare con certezza la provenienza di un provinciale che si recasse a Roma. Questo fenomeno segna la nascita della proliferazione delle lingue romanze e della selva di dialetti, stigmatizzata da Dante anche per quanto riguarda la penisola italiana. In Italia, paradossalmente, l antichità della colonizzazione, proprio per la sua natura federativa, lascia sopravvivere un sostrato che riemerge con la dissoluzione della struttura statale romana. Su di esso si innesta una successiva evoluzione degli idiomi locali, stimolata anche dal sovrapporsi di elementi linguistici mutuati dalle diverse popolazioni barbariche che via via si stanziano nella Penisola 3, detti superstrati, fino alla creazione dei dialetti odierni. Essi, come è noto, all interno di più vasti ceppi di matrice comune, si sono caratterizzati con infinite varianti, 3 Numerosi sono gli studi specifici: per citare solo un esempio per la dominazione longobarda, forse la più importante per le tracce linguistiche lasciate, si veda: Sabatini, F.,

9 anche lessicali, che distinguono non soltanto il dialetto di un comune da quello del comune vicino, ma addirittura quello del centro urbano da quello della campagna limitrofa, quello di un quartiere cittadino da quello del quartiere vicino. Questa nostra ricerca, sia per il suo carattere preliminare, sia perché occorrerebbero studi molto approfonditi a livello locale, fino ad ora assenti in molte aree, che non potrebbero essere accolti nello spazio di questo volume e che non sarei qualificato per svolgere, si limiterà a considerare alcuni aspetti all interno di questi ceppi, sempre in relazione con quello che rappresenta l elemento di primario interesse di questo studio: la diversa caratterizzazione delle aree subregionali per conformazione geografica, composizione etnicoculturale, conseguenti usi e strumenti dello sfruttamento del territorio nella produzione agraria. Veniamo, dunque, ad un tentativo di identificazione delle differenti aree linguistiche, avvisando fin d ora che non vi è sempre accordo tra gli studiosi, sia nella denominazione che nell individuazione delle medesime e che, come diremo meglio, molte zone sono realmente di confine, presentando di conseguenza caratteristiche miste, proprie di due differenti tipologie linguistiche. Lo spartiacque che identifica la separazione linguistica principale è costituito dalla linea ideale Roma-Ancona, confine linguistico antichissimo, che ricalca abbastanza fedelmente il confine arcaico che divideva l Italia pre-romana in territori di lingua etrusca, non appartenente al ceppo indoeuropeo, a nord, e territori con popolazioni linguisticamente appartenenti al gruppo indoeuropeo, a sud, ovvero Umbri, Sabini, Latini. Si tratta, in realtà, di un percorso medio all interno di un fascio di numerose isoglosse, che segnano il passaggio, per l appunto, da un area linguistica ad un altra, individuando anche il confine settentrionale della latinità umbrosannita o italica 4. Queste linee interessano intensivamente la zona che dai Colli Albani, a sud di Roma, risale il Tevere e lambisce la Sabina, investendola in parte, e termina in buona parte dei casi tra Ancona e Teramo. A nord-ovest del Tevere incontriamo così i dialetti della Tuscia, di stampo umbro-occidentale-toscano, decisamente non- 4 Cfr., ad esempio, la Carta dei dialetti d Italia, a cura di G. B. Pellegrini. 9

10 meridionali. A sud-est si oppongono i dialetti mediani, sabinociociari; essi sfumano, attraverso abbondanti aree di transizione, in quelli di tipo marcatamente meridionale, a partire dalla costa a sud del Circeo. Cercheremo ora di definire un po più precisamente queste tre diverse aree, facendo avvisati, ancora una volta, che le indicazioni fornite hanno puro valore indicativo, anche perché i diversi studiosi, a seconda degli aspetti linguistici e fonetici che privilegiano, ascrivono alcuni dialetti ad un gruppo piuttosto che ad un altro. Ciò è pienamente comprensibile soprattutto se immaginiamo la realtà linguistica regionale non composta da tre blocchi precisamente definiti, ma piuttosto da una caratterizzante gradualità, che vede lo sfumare dell area settentrionale-toscana in quella mediana e, soprattutto, di quella mediana in quella meridionale, in quasi totale assenza di netti confini. Le zone di interscambio tra le tre tipologie sono così molto ampie, con alcuni avamposti di una tipologia insinuati anche piuttosto profondamente nell area di insistenza di un altra. C è inoltre da tenere presente un ulteriore fenomeno, che complica ancora il quadro: la realtà dialettale è in continua evoluzione, il che comporta inevitabilmente che ogni stadio successivo di un dialetto conservi tracce dei precedenti. In questo modo, quando vogliamo esaminare la realtà sincronica del dialetto odierno (o meglio tra XIX e XX secolo, come dicevamo in premessa) in queste vaste zone di transizione, le caratteristiche ibride che possiamo riscontrare non derivano solo dall incontro-scontro di due culture e quindi lingue, ma anche dalle tracce di precedenti spostamenti dell area di espansione dei tipi dialettali in questione. Ciò spiega, almeno in parte, le tracce che riconducono ad una tipologia linguistica diversa presenti talvolta in ristrette zone all interno di un area omogenea; in queste zone, secondo una tendenza nota in linguistica, proprio a causa dell isolamento, si conservano meglio le vestigia di una situazione più arcaica. Uno dei fenomeni più importanti per identificare le tre aree (settentrionale-toscana, mediana, meridionale) è la cosiddetta metafonesi o metafonia delle vocali medie chiuse, che consiste cioè nell influenza esercitata dalla -i ( Ī ) e -u ( Ŭ ) originarie latine della sillaba finale sulla vocale tonica (cioè sulla quale cade l accento) all interno della parola stessa. Facciamo qualche esempio, a 10

11 prescindere dalla diversa morfologia che le parole esaminate possono avere, soprattutto nella finale, all interno delle stesse aree, che per ora non ci interessa. Tipo settentrionale-toscano: vetulus > vècchio -i focus > fòco -i bonum > bòno -i oculum > òcchio -i mortus > mòrto -i venis > vèni Qui, come in Toscano ed in Italiano, la -e- e la -o- medie sono aperte ( -è- ed -ò- ). Tipo mediano (sabino-ciociaro): vetulus > vécchiu -i focus > fócu (fógu) -i bonum > bónu -i oculum > ócchiu -i mortus > mórtu -i venis > vé In questo caso, invece, la -e- e la -o- medie subiscono metafonia, divenendo chiuse ( -é- ed -ó- ). Questo fenomeno determina un effetto tipico dei dialetti appartenenti al tipo mediano: la differenziazione di apertura della vocale media tra maschile, dove la -u finale latina determina la chiusura, e femminile, dove l assenza della -u mantiene invece la vocale aperta. Avremo così, ad esempio, vécchiu -i / vècchia -e < vetulam; bónu -i / bòna -e < bonam; mórtu -i / mòrta -e < mortua, oppure, come nel dialetto di ferentino, mórtu -i = morto / mòrtu = morte, ecc 5. Tipo meridionale (sud-ciociaro e campano): 5 Avvertiamo soltanto del fatto che alcuni linguisti, come Clemente Merlo, fanno derivare l esito metafonetico sabino-ciociaro da un precedente tipo meridionale. 11

12 vetulus > viécchiu -i focus > fuócu -i bonum > buónu -i oculum > uócchiu -i mortus > muórtu -i venis > vié Qui, infine, la metafonia, appartenente al tipo napoletano, produce la dittongazione della vocale media in -jé e -wó (graficamente -ié e -uó). Il fenomeno della metafonesi è, in realtà, molto più complesso ed esteso, ed è soggetto, a seconda delle zone, ad influssi ed assimilazioni, attrazioni che, in casi specifici, danno risultati peculiari ed interessanti. Ad esso si aggiunge, inoltre, tutta una serie di fenomeni legati al vocalismo che sono spesso utili per individuare non tanto le tre tipologie dialettali di cui stiamo parlando, ma piuttosto delle sotto aree, venendo a distinguere in maniera più minuta i dialetti della regione: ad esempio, nel caso del tipo mediano, soccorrono nella distinzione tra il sotto-tipo sabino e quello ciociaro, e ancora, entro di essi, in ulteriori distinzioni con la conseguente individuazione di aree dialettali sempre più piccole. Non è tuttavia, come premesso, argomento di nostro specifico interesse quello, per dir così, della sottile distinzione e classificazione linguistica dei dialetti laziali, con tutte le nozioni specialistiche che l argomento richiederebbe; non saremmo neppure qualificati per un tale compito. Quello che ora ci importa è, invece, dare un idea della estensione e della diffusione dei tre grandi tipi di cui abbiamo detto. La denominazione stessa dei tre tipi non è concordemente accettata dagli studiosi ed anche, ribadiamo, la loro estensione non è da tutti indicata concordemente 6. Noi 6 I nomi che abbiamo utilizzato per individuare i tre tipi dialettali sono accettati, ad esempio, in De Mauro, T., Lorenzetti, L., 1991, che a sua volta cita Vignuzzi, U., 1981, ma non esattamente in Romano, N., Qui l autore preferisce parlare di un area toscana, una laziale (ritenendo, pur con riserve, di poter ricorrere a tale denominazione), una meridionale, con i sottotipi frusinate, sud-ciociaro, campano, oltre, naturalmente, al Romanesco, sorta di quartum genus. Non è, in realtà, solo questione di nomi: le tre aree individuate non coincidono esattamente con quelle da noi preferite, assegnando, ad esempio, buona parte del Viterbese non all area di influenza toscana ma a quella indicata come laziale. 12

13 cerchiamo di seguire le indicazioni degli studi più recenti e ci accontentiamo di quanto detto a proposito della metafonia, il fenomeno linguistico e fonetico sicuramente più considerato per distinguere le tre aree dialettali. Dopo aver dato alcune indicazioni sulla diffusione dei tre esiti metafonici, procederemo dunque a passare in rassegna qualche altro fenomeno utile alla distinzione tipologica. Quanto al fenomeno metafonetico, il tipo settentrionaletoscano, il meno studiato per ciò che riguarda il Lazio e quindi anche quello dai confini più indefiniti, caratterizza approssimativamente il Viterbese, fino ai margini di espansione del Romanesco, che pure ha storica influenza su tutta l area, ovvero fino a Civitavecchia sulla costa ed ai confini della Sabina nell interno. Il tipo mediano, per il quale non introdurremo più specifiche partizioni tra sabino e ciociaro, parte da Rieti ed Antrodoco, confine estremo del Lazio storico, riguarda le valli del Turano e del Salto, con i centri principali di Cittaducale, sulla stessa linea, Petrella Salto e Fiamignano, Pescorocchiano, Borgorose, sino a Poggio Mirteto a nord-ovest ed a Palombara Sabina a sud, ormai in provincia di Roma. Come si può notare, è interessata da questa tipologia quasi tutta la Sabina; i comuni di confine a nord e quelli di nord-ovest lungo il limite della provincia di Viterbo, con a nord Orte, già in questa provincia, risentono invece più marcatamente della tipologia settentrionale-toscana o, al contrario, della tipologia meridionale. E questo il caso di Greccio e, come tracce, della stessa Orte e di Sant Oreste, al di là del Tevere e in provincia di Roma. Ciò dipende, secondo diverse teorie, o da un fatto di colonizzazione linguistica attraverso la Salaria, il che spiegherebbe anche simili influssi nella punta nord della provincia di Rieti, con Amatrice e Leonessa o, più probabilmente, da uno sconfinamento dei caratteri tipici del Teramano, riconducibili, appunto, al tipo meridionale. Greccio, del resto, si trova proprio sulla linea mediana Roma-Ancona nel fascio di isoglosse. Il tipo mediano passa poi dalla Sabina alla Ciociaria, attraverso la valle dell Aniene, da Subiaco e Vallepietra sino a Tivoli, ormai alle porte del comune di Roma e, più a sud, Palestrina e Zagarolo; oggi quest area è interamente in provincia di Roma ed è più o meno intensamente influenzata dal Romanesco, specie nella parte più vicina alla capitale. Procedendo oltre, quasi tutta la Ciociaria è 13

14 caratterizzata da questo tipo, fino alla valle del Liri, con il limite estremo dei comuni di Veroli 7, Sora, Monte San Giovanni Campano, con una punta costituita da Arce, Colfelice, Rocca d Arce, per poi ripiegare verso ovest con Ripi, Ceccano, Amaseno. Attraverso tutta la valle del Sacco la metafonia di tipo mediano si espande verso la costa, attraversando la propaggine sud-orientale della provincia di Roma e giungendo alla provincia di Latina. Così da Anagni, Ferentino, Alatri, Frosinone investe Segni, Montelanico, Carpineto, giungendo sino a Cori e Sezze, a Sonnino che confina con Amaseno, e con due estremi, isolati avamposti nell angolo meridionale della regione: Ausonia, ancora in provincia di Frosinone, e Minturno. Il tipo meridionale, infine, a parte i casi più o meno isolati di Leonessa, Greccio, Sant Oreste (ma con numerose oscillazioni), Amatrice, anche se con forti tracce del tipo sabino (mediano) e, ormai solo come tracce, Orte, dei quali abbiamo già ipotizzato la spiegazione parlando del tipo mediano, e i due avamposti di questo stesso tipo, Ausonia e Minturno, appena citati, è caratteristico dell area meridionale e costiera della regione; essa è in gran parte esterna ai confini storici del Lazio sottoposto allo Stato della Chiesa, essendo appartenuta invece al Regno di Napoli 8. In particolare, il confine del tipo metafonico meridionale in Ciociaria è rappresentato dall alta valle del Liri, con Sora esclusa, ma cominciando da Isola del Liri, Arpino, passando a Ceprano, Pofi, Castro dei Volsci, Vallecorsa, fino a Terracina, in maniera meno compatta, dove è attestato il dittongo -ue-. L esito metafonico meridionale conosce poi una espansione più a nord, verso la costa: in alcuni dei Castelli romani ve ne erano tracce nel XIX secolo, come a Marino o, con maggior vigore, ad Albano, Genzano, Ariccia, ed in altri, Velletri, Nemi, Lanuvio, dove è ancor oggi più evidente, con il passaggio del dittongo -uó- a -ió-, con bióno, nióvo, 7 Qui il fenomeno della metafonesi si restringe soltanto al plurale maschile, divenendone segno distintivo: avremo così vécchi, ócchi e bóni, con chiusura metafonica, contro a vècchiu, òcchiu e bònu che, come si nota, non la presentano. 8 Si rimanda in prima istanza, per una definizione un poco più ampia dei confini storici cui fa riferimento la nostra ricerca, all Atlante storico-politico del Lazio, a cura della Regione Lazio, Assessorato alla Cultura, e del Coordinamento degli Istituti culturali del Lazio, Roma-Bari,

15 ecc. Va detto subito, però, che già nel XIX secolo tutta quest area era fortemente influenzata dal Romanesco e dalle sue peculiari caratteristiche, anche perché, come vedremo meglio in seguito, è compresa nel suo arco di diffusione. E, anzi, molto probabile che tali caratteristiche dipendano non da una diretta derivazione dai dialetti di area meridionale, ma dalla persistenza di caratteri dell antico Romanesco, dialetto di tipo meridionale, che sarebbero sopravvissuti in questa ristretta zona collinare. Esposto, anche se in maniera non esauriente, il tema fondamentale della metafonia come elemento distintivo dei tre tipi dialettali e tentata anche una localizzazione dei tre diversi fenomeni metafonetici, è subito da rilevare che vi sono numerose altre caratteristiche fonetiche, morfologiche, grammaticali, lessicali che identificano questi tre tipi dialettali e la cui diffusione non coincide sempre esattamente con quella di questo primo fenomeno. Questo, come accennavamo, è il principale motivo di parziale discordanza tra gli studiosi che hanno tentato di individuare l estensione dei tre tipi, privilegiando ciascuno fenomeni diversi. Quasi tutti, in ogni modo, concordano apertamente sul fatto che quello metafonico sia l aspetto più qualificante a tale fine. La difficoltà di identificazione di un confine è particolarmente accentuata nella distinzione tra l area di diffusione del tipo mediano e quella invece caratterizzata dal tipo meridionale. Proprio a proposito di questo problema, Romano 9 ha identificato, in Ciociaria, una fascia relativamente vasta che egli chiama di interscambio, nella quale, per così dire, i fenomeni linguistici propri delle due tipologie mediana e meridionale si mescolano e si confondono. Secondo lo stesso autore questa fascia è costituita dai centri immediatamente a nord della media valle del Liri, che per secoli ha di fatto rappresentato un confine tra stati, a sud siamo invece in pieno e definitivo territorio dialettale meridionale, senza compromessi e scambi significativi con i dialetti di tipo centrale [ovvero mediano]. I principali centri interessati da fenomeni di interscambio sarebbero Sora, Veroli, Alatri, Frosinone, Amaseno e l estrema propaggine di Ausonia, cui dobbiamo però aggiungere almeno Ceccano, Arce, Rocca d Arce e Colfelice, 9 Romano, N.,

16 avvisando che questi ultimi tre si trovano in realtà a sud del corso del Liri. Poiché, crediamo, è stata ormai identificata con sufficiente approssimazione l area di diffusione delle tipologie dialettali, passeremo ad elencare rapidamente qualche altro fenomeno linguistico caratteristico e distintivo di esse, secondo l ordine in cui li presenta Ugo Vignuzzi nella sua sintesi 10. Come è ormai evidente, i fenomeni distintivi rispettivamente del tipo mediano e di quello meridionale si ritrovano più o meno compresenti nella fascia che è stata definita di interscambio e non si deve escludere che qualche singolo caso possa riscontrarsi anche al di fuori di tale area e di quella indicata come propria del tipo dialettale di cui sono caratteristici. a) La conservazione delle vocali medie alte originarie latine, che è propria del tipo mediano e di quello meridionale, con un netto confine rappresentato dalla valle del Tevere, essendo assente ad ovest di essa, ma già presente, con tracce più o meno evidenti, nei Castelli Romani nel XIX secolo: casi come vitru < vitrum; i dimostrativi quistu < (ec)cum istum, quillu < (ec)cum illum; munnu < mundum (=mondo). b) Ancora il tratto del Tevere Orte-Roma segna il limite ad occidente della conservazione propria dei tipi mediano della distinzione tra -u ed -o originarie latine in fine di parola, a fronte di una diffusa uniformazione in -o del tipo settentrionale, con l eccezione di S. Oreste che, come si è detto, presenta caratteristiche meridionali pur essendo ad ovest del Tevere. Così troviamo focu < focum; ferru < ferrum, ma quanno < quando; amanno < amando; omo < homo (derivato dal nominativo). Procedendo però verso l area di diffusione del tipo meridionale si hanno delle modificazioni. Sostanzialmente nell area che è stata definita di interscambio, con una lieve 10 Vignuzzi, U., 1981, pp A questa sintesi ancora si rimanda per un approfondimento anche rispetto ai fenomeni che qui veniamo ulteriormente sintetizzando e schematizzando. 16

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

FOCUS ottobre 2014. L agricoltura pugliese attraverso i dati delle rilevazioni censuarie PREMESSA. Fonti: Istat - data warehouse Censimento Generale

FOCUS ottobre 2014. L agricoltura pugliese attraverso i dati delle rilevazioni censuarie PREMESSA. Fonti: Istat - data warehouse Censimento Generale generale, alla direzione dell unità agricola, iii) in altra forma di condizione esempio compartecipanti quando individualmente alcuni soggetti si obbligano a coltivare in compartecipazione un terreno altrui

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

PILLOLE LINGUISTICHE NAPOLETANE

PILLOLE LINGUISTICHE NAPOLETANE PILLOLE LINGUISTICHE NAPOLETANE Parte Sesta di Carlo Iandolo Na croce passata Anche le comuni espressioni dialettali è na croce passata, è nu uajo passato riflettono lontane origini latineggianti. Infatti

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni Cercare le origini Qualunque sia l attività umana studiata il medesimo errore aspetta al varco i ricercatori di origini : confondere

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano

PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano PON I ciclo Educazione Linguistica Italiano Titolo percorso Parole senza frontiere Autore Nicola De Laurentiis Unità teorica di riferimento Modulo 7 Lessico e dizionari dell italiano Nucleo tematico di

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO Storia: introduzione Considerata come fondamentale l acquisizione del senso storico, inteso come consapevolezza dell esistenza, nel tempo, di realtà sociali diverse,

Dettagli

LA RICERCA PARTECIPATA IN AGRICOLTURA

LA RICERCA PARTECIPATA IN AGRICOLTURA Intervento di: SALVATORE CECCARELLI Genetista, Consulente in miglioramento genetico ICARDA (International Center for Agricultural Research in the Dry Areas Aleppo, Siria) LA RICERCA PARTECIPATA IN AGRICOLTURA

Dettagli

LATINO (biennio linguistico)

LATINO (biennio linguistico) LATINO (biennio linguistico) OBIETTIVI (CLASSE I) Al termine della classe prima lo studente dovrà essere in possesso delle seguenti: morfologia e sintassi della lingua italiana (recupero e consolidamento

Dettagli

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi 2011-2012 Modulo 8 Ancora un altra tradizione di ricerca in biologia: Gregor Mendel, gli ibridatori e la riscoperta di Mendel nel Novecento

Dettagli

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:...

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:... Unità 1 Nome... Classe... Data... Prima Osserva la carta dell Europa e prova a rispondere alle seguenti domande: perché appare strano definire l Europa come un continente a sé a differenza di quanto avviene,

Dettagli

Il mercato fondiario in Italia

Il mercato fondiario in Italia FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA PROPRIETA FONDIARIA ASSEMBLEA GENERALE - CICA - Confederazione Internazionale di Credito Agricolo RELAZIONE Il mercato fondiario in Italia Québec, 29-30 settembre 2006 PRESENTAZIONE

Dettagli

Cenni sulla pronuncia dell antico francese

Cenni sulla pronuncia dell antico francese Cenni sulla pronuncia dell antico francese Questa guida si riferisce alla pronuncia dell antico francese intorno ai secoli XII e XIII, periodo in cui la lingua era in evoluzione e dunque non facilmente

Dettagli

I SECOLI DELLA RINASCITA 1000-1300

I SECOLI DELLA RINASCITA 1000-1300 476 d.c. 1000 1492 I SECOLI DELLA RINASCITA 1000-1300 Finiscono le ultime invasioni Migliora il clima Cresce la produzione Rinascono i mercati e le città Intanto l amicizia tra Chiesa e Impero si trasforma

Dettagli

Tra Regno d Italia e Regno delle due Sicilie

Tra Regno d Italia e Regno delle due Sicilie Tra Regno d Italia e Regno delle due Sicilie PRIMO CENSIMENTO GENERALE del neonato Regno d Italia nel 1861 dal testo: Scienza delle Finanze di Francesco Saverio Nitti, economista e statista, Presidente

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Introduzione alla lingua cinese moderna

Introduzione alla lingua cinese moderna Introduzione alla lingua cinese moderna Per lingua cinese moderna si intende la lingua ufficiale, parlata e scritta, nella Repubblica Popolare Cinese, lingua definita dal 1956 Ptnghuà 普 通 话 (letter.: lingua

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI INCASTRI Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella

Dettagli

2. La stima dei fondi rustici

2. La stima dei fondi rustici 2. La stima dei fondi rustici Per fondi rustici si intendono appezzamenti od aziende di diversa dimensione. La valutazione, detta a cancelli aperti, ha lo scopo di determinare il solo valore del capitale

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Localizzazione Immobile

Localizzazione Immobile BL - STRUTTURE SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI - COMUNI DEL LAZIO (ESCLUSA ROMA CAPITALE) - Elenco provvisorio dei Dossier ammissibili senza finanziaria Numero SVLAZ-ES-2013-1323 28/09/2013 COMUNE DI CANTALUPO

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Classe I Sez D Materia : Geografia Docente: Fabio IONNI 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze Comportamento

Dettagli

Francesco Bruni. L'italiano. Elementi di storia della lingua e della cultura UTET LIBRERIA

Francesco Bruni. L'italiano. Elementi di storia della lingua e della cultura UTET LIBRERIA Francesco Bruni L'italiano Elementi di storia della lingua e della cultura UTET LIBRERIA INDICE PARTE PRIMA CAPITOLO I. Il volgare nel periodo delle origini 1. Tre aspetti della diffusione della cultura

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD PERDITA VARIETÀ COLTURE AGRARIE La FAO stima che a oggi il 75% delle varietà per colture agrarie siano andate perdute e che

Dettagli

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA La percentuale di occupati nell industria in Italia, in base al 14 Censimento della popolazione e delle abitazioni (2001), è pari al 33,48%. Quote particolarmente

Dettagli

Presentazione dei dati definitivi Toscana

Presentazione dei dati definitivi Toscana Presentazione dei dati definitivi Toscana Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Toscana, del 5 Censimento dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano le caratteristiche

Dettagli

LE RADICI AL PLURALE DI INTESA SANPAOLO

LE RADICI AL PLURALE DI INTESA SANPAOLO Archivio Storico Intesa Sanpaolo Via Morone 3-20121 Milano archivio.storico@intesasanpaolo.com Direzione Francesca Pino Coordinamento Paola Chiapponi Barbara Costa Ricerca e testi Alessandro Mignone Ricerca

Dettagli

EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE

EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE EDUCAZIONE - TURISMO E DIDATTICA INTERVENTI E FRUIZIONE Angela Natale - Cooperativa COGECSTRE L analisi delle diverse indagini conoscitive effettuate e riportate dai diversi esperti nel Piano di Assetto

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

La sostenibilità incontra i paesaggi italiani PTCP di Prato e di Lecce. Chiara Barattucci

La sostenibilità incontra i paesaggi italiani PTCP di Prato e di Lecce. Chiara Barattucci Università IUAV di Venezia Facoltà di Architettura Clasa - AA 2010-2011 Progettazione urbanistica 1G La sostenibilità incontra i paesaggi italiani PTCP di Prato e di Lecce Chiara Barattucci (Sintesi per

Dettagli

La cupola della Basilica di San Pietro in Vaticano Il cantiere e il sistema costruttivo

La cupola della Basilica di San Pietro in Vaticano Il cantiere e il sistema costruttivo Sapienza Università di Roma Dipartimento di Storia dell Architettura, Restauro e Conservazione dei Beni Architettonici Dottorato di ricerca in Storia e Restauro dell Architettura Sezione B XXI ciclo Barbara

Dettagli

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA In questo volume, frutto del lavoro di dottorato di Federico Cantini, sono presentati i risultati dell elaborazione

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

La Toscana al 6 Censimento Generale

La Toscana al 6 Censimento Generale na regione Toscana ilità diritti Valori innovazione sostenibilità La Toscana al 6 Censimento Generale dell Agricoltura Risultati Provvisori La Toscana al 6 Censimento Generale dell Agricoltura Risultati

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare:

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare: 3. Latino 129 3.1. Significato e finalità formative della disciplina Il latino, lingua del popolo romano, è stato usato per più di dieci secoli nel mondo antico e per altrettanti in quello moderno, e si

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

COSA SONO GLI O.G.M.?

COSA SONO GLI O.G.M.? COSA SONO GLI O.G.M.? Da secoli l uomo cerca di migliorare le specie animali e vegetali presenti nell ecosistema, per poterle utilizzare in maniera economicamente più vantaggiosa. Come allevatore ed agricoltore,

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

ndagine presso le sezioni di corso di Diploma Universitario per Infermiere (studenti del I anno) Università degli Studi di Milano, novembre 1999

ndagine presso le sezioni di corso di Diploma Universitario per Infermiere (studenti del I anno) Università degli Studi di Milano, novembre 1999 S PAZIO UNIVERSITÀ I 2 Indagine Abacus di Giovanni Muttillo Francesco Fanari Laura Aletto Maurizio Neri ndagine presso le sezioni di corso di Diploma Universitario per Infermiere (studenti del I anno)

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

LA MULTIFUNZIONALITÀ DEL SETTORE OLIVICOLO

LA MULTIFUNZIONALITÀ DEL SETTORE OLIVICOLO PIANO OLIVICOLO OLEARIO AZIONE 1.2 - Pacchetti "SPECIFICI" per le olivicolture territoriali e funzionali Elaborazione nuove prospettive LA MULTIFUNZIONALITÀ DEL SETTORE OLIVICOLO WORKING PAPER INEA 2014

Dettagli

TURISMO ARCHEOLOGICO E LA CITTA CONTEMPORANEA Fuori dalla città: strade e campagna

TURISMO ARCHEOLOGICO E LA CITTA CONTEMPORANEA Fuori dalla città: strade e campagna TURISMO ARCHEOLOGICO E LA CITTA CONTEMPORANEA Fuori dalla città: strade e campagna Le strade La realizzazione di strade che collegano diverse città e luoghi sparsi ovunque per l impero sono un altro elemento

Dettagli

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Incontro 29 luglio 2010 - Fiorano Valutazione contesto esistente 1. Quali sono in generale i 3 punti di debolezza attuali del distretto

Dettagli

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante:

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante: L UMBRIA L'Umbria è una regione dell'italia centrale, posizionata nel cuore della penisola. E una tra le più piccole regioni italiane e l'unica non situata ai confini, terrestri o marittimi, della nazione.

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

GARA COMUNITARIA CENTRALI

GARA COMUNITARIA CENTRALI GARA COMUNITARIA CENTRALIZZATA A PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL MULTISERVIZIO TECNOLOGICO E FORNITURA DEI VETTORI ENERGETICI AGLI IMMOBILI IN PROPRIETÀ O NELLA DISPONIBILITÀ DELLE AZIENDE

Dettagli

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi -

Milano. Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado. Anno scolastico 2009 2010. Comune di Milano. - Dati di sintesi - Milano Settore Statistica e S.I.T. Scuole Secondarie di II grado Anno scolastico 2009 2010 Comune di Milano - Dati di sintesi - A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati: Ugo Rosario Maria David

Dettagli

REGIONE LIGURIA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PER IL PERIODO

REGIONE LIGURIA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PER IL PERIODO Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali REGIONE LIGURIA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PER IL PERIODO 2007-2013 ALLEGATO D RIDEFINIZIONE ZONE SVANTAGGIATE La zonizzazione delle

Dettagli

I costi di produzione nelle aziende biologiche

I costi di produzione nelle aziende biologiche I costi di produzione nelle aziende biologiche Alessandro Corsi, Dipartimento di Economia, Università di Torino Questo articolo riporta i risultati della ricerca, finanziata dalla Regione Piemonte, su

Dettagli

TRE PROGETTI PER LE SCUOLE, ASPETTANDO L EXPO

TRE PROGETTI PER LE SCUOLE, ASPETTANDO L EXPO TRE PROGETTI PER LE SCUOLE, ASPETTANDO L EXPO In vista dell Expo 2015 : Nutriamo il pianeta-energia per la vita, proponiamo tre progetti da realizzare nelle scuole. A seconda dello spazio e delle energie

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998

CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 CIRCOLARE N. 332 D. del 25 Maggio1998 OGGETTO: contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione con prestazioni direttamente collegate a fondi di investimento o ad indici azionari o altri valori

Dettagli

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO 1 LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO Il linguaggio è un sistema che mette in relazione significati con suoni. Sistema inteso nel suo significato proprio di dispositivo costituito da più componenti, ciascuna

Dettagli

Friuli-Venezia Giulia

Friuli-Venezia Giulia Presentazione dei dati definitivi Friuli-Venezia Giulia Vengono diffusi oggi i risultati definitivi del 5 Censimento dell agricoltura in Friuli- Venezia Giulia. I dati qui presentati riguardano, in particolare,

Dettagli

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss.

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss. Presentazione Proprio quarant anni fa, dopo un periodo di tempo dedicato allo studio specifico della pubblicità 1 allora, a livello internazionale e non solo italiano, di gran lunga il più importante strumento

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

L Europa mediterranea

L Europa mediterranea L Europa mediterranea Nel bacino del mar Mediterraneo sono nate le grandi civiltà dell uomo: gli egiziano, i fenici, i greci e i romani. Si sono diffuse le grandi religioni monoteiste. Questa zona di frontiera

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 2595 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori PEDRIZZI, BATTAGLIA, VALENTINO, BUCCIERO e CARUSO Antonino COMUNICATO ALLA

Dettagli

COMPETENZA 1 - LA STORIA DEL MONDO CLASSE PRIMA CLASSE SECONDA

COMPETENZA 1 - LA STORIA DEL MONDO CLASSE PRIMA CLASSE SECONDA COMPETENZA 1 - LA STORIA DEL MONDO Comprendere, utilizzando le conoscenze e le abilità acquisite, la complessità delle strutture e dei processi di trasformazione del mondo passato in una dimensione diacronica,

Dettagli

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi

Valle d'aosta. Presentazione dei dati definitivi Presentazione dei dati definitivi Valle d'aosta Vengono diffusi oggi i risultati definitivi, relativi alla Valle d'aosta, del 5 Censimento generale dell agricoltura. Le informazioni presentate riguardano

Dettagli

originale; i mutamenti della struttura prosodica; le indicazioni di scena e le descrizioni paratestuali; i componimenti in versi (sonetti e ballate);

originale; i mutamenti della struttura prosodica; le indicazioni di scena e le descrizioni paratestuali; i componimenti in versi (sonetti e ballate); Introduzione Questo lavoro rappresenta un tentativo di ricostruzione sistematica della storia della ricezione di Molière nei territori di lingua e in quelli di prevalente cultura tedesca nel XVII e XVIII

Dettagli

Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo.

Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo. Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo. 13 marzo 2012 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Gli alimenti sani non sono tutti uguali: imparare a riconoscerne

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOSTORIA

PROGRAMMAZIONE DI GEOSTORIA PROGRAMMAZIONE DI GEOSTORIA FINALITÀ FORMATIVE GENERALI In accordo con le nuove indicazioni normative (Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006, relativa alle competenze

Dettagli

Istituzioni di linguistica. a.a.2014-2015 Federica Da Milano

Istituzioni di linguistica. a.a.2014-2015 Federica Da Milano Istituzioni di linguistica a.a.2014-2015 Federica Da Milano Leo Spitzer, Lettere di prigionieri di guerra italiani 1915-1918 Il più formidabile corpus di testimonianze di appartenenti alle classi popolari

Dettagli

Cosa ci dicono le statistiche sull università

Cosa ci dicono le statistiche sull università Cosa ci dicono le statistiche sull università di Ruggero Paladini Una prima ricognizione sui dati dell Ufficio statistica del Ministero Università e Ricerca,che riguardano studenti, laureati, docenti di

Dettagli

I suoni del sanscrito: alfabeto in trascrizione e pronuncia delle parole. Giulio Geymonat website: www.sanscrito.it

I suoni del sanscrito: alfabeto in trascrizione e pronuncia delle parole. Giulio Geymonat website: www.sanscrito.it I suoni del sanscrito: alfabeto in trascrizione e pronuncia delle parole Giulio Geymonat website: www.sanscrito.it i www.sanscrito.it I suoni del sanscrito: trascrizione e pronuncia ii Indice 1 La trascrizione

Dettagli

In questo primo anno di scuola media il metodo adottato sarà il più vario possibile. Sarà data molta importanza all aspetto orale per abituare gli

In questo primo anno di scuola media il metodo adottato sarà il più vario possibile. Sarà data molta importanza all aspetto orale per abituare gli ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRASANTA 1^ SCUOLA MEDIA SECONDARIA DI 1^GRADO P.E.BARSANTI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ANNUALE DOCENTE: PROF.SSA SILVIA BIBOLOTTI MATERIA: LINGUA FRANCESE CLASSE 1^ A

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti Istituto d Istruzione Superiore Istituto Tecnico Turistico MATERIA: disciplina alternativa alla RC CLASSE IV Sezione I A.S. 2014/15 L educazione un processo continuo Educazione e comunicazione La comunicazione

Dettagli

Piano di lavoro di Storia

Piano di lavoro di Storia Istituto Professionale Statale per l'industria e l'artigianato - Guspini Sede coordinata di Arbus (I.P.S.A.R.) Anno scolastico 2013/2014 Classe: 2 a A Alberghiero Insegnante: Filippo Peddis Piano di lavoro

Dettagli

Indice. Prefazione... Un approccio visuale. Com è organizzato un capitolo di Geografia Umana?... XIII XV XVI. 2.1 La globalizzazione oggi...

Indice. Prefazione... Un approccio visuale. Com è organizzato un capitolo di Geografia Umana?... XIII XV XVI. 2.1 La globalizzazione oggi... Indice V Indice Prefazione... L editore ringrazia... Un approccio visuale. Com è organizzato un capitolo di Geografia Umana?.... XIII XV XVI CAPITOLO 1 CHE COS È LA GEOGRAFIA UMANA... 1 1.1... 4 1.1.1

Dettagli

Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura

Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura Le aziende olivicole nel 6 Censimento Generale dell Agricoltura Nel 21, secondo i risultati del 6 Censimento Generale dell Agricoltura, il settore olivicolo conta 92.75 aziende, in flessione del 19% circa

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2008-2009. Istituto di Istruzione Superiore. Latino e Geografia 1E, 1G, 1H LICEO

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2008-2009. Istituto di Istruzione Superiore. Latino e Geografia 1E, 1G, 1H LICEO Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

CHIARA V. 07/05/2014

CHIARA V. 07/05/2014 CLASSE 2.0 LA TOSCANA GIRO D ITALIA CHIARA V. 07/05/2014 La Toscana. Il territorio: La Toscana Regione amministrativa dell'italia centrale; si affaccia a ovest sul mar Tirreno e confina per breve tratto

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 2 moduli di storia nr. 2 moduli di geografia

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

INTERVENTO DEL CONSIGLIERE SEGRETARIO. (Diario della cerimonia)

INTERVENTO DEL CONSIGLIERE SEGRETARIO. (Diario della cerimonia) INTERVENTO DEL CONSIGLIERE SEGRETARIO (Diario della cerimonia) Inizio con il ringraziare le autorità ed i gentili ospiti che con la loro presenza impreziosiscono questa bella manifestazione. Un saluto

Dettagli

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang.

COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN. Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Incontro di aggiornamento per Genitori COMUNICAZIONE E PRIMO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO IN BAMBINI DOWN 17 Maggio 2008 Relatore: JEAN-ADOLPHE RONDAL, Ph.D., Dr. Sc. Lang. Università di Liegi, Belgio Professore

Dettagli

OGGETTO: L.R. 59/1980. Contributo di gestione per gli asili nido. Spesa di euro 12.290.000,00 - Capitolo H 41514. Esercizio finanziario 2008.

OGGETTO: L.R. 59/1980. Contributo di gestione per gli asili nido. Spesa di euro 12.290.000,00 - Capitolo H 41514. Esercizio finanziario 2008. OGGETTO: L.R. 59/1980. Contributo di gestione per gli asili nido. Spesa di euro 12.290.000,00 - Capitolo H 41514. Esercizio finanziario 2008. IL DIRETTORE VISTO la L.R. n. 6/2002 Disciplina del sistema

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione dei laureati si manifesta una sovrarappresentazione dei figli delle classi avvantaggiate dal punto di vista socioculturale.

Dettagli

SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI

SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI SCUOLA MEDIA GALLO CORDERO FRANK MONDOVI PROGRAMMAZIONE ALFABETIZZAZIONE I LIVELLO II LIVELLO TUTTE LE SEDI TUTTI I DOCENTI DI ALFABETIZZAZIONE ITALIANO MATEMATICA REFERENTE INTERCULTURA: MARIANGELA BERTINO

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. MODULO 1: l Europa feudale PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. Il sistema feudale 1.1 Vassallaggio e beneficio nell Europa carolingia 1.2 I feudi verso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 1 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO e Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 OBIETTIVI GENERALI Le discipline di Storia e Geografia sono finalizzate a Approfondire il legame tra la Geografia e la Storia, portando

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli