R01 COMUNEDIVESTONE,LAVENONEEIDRO COSTRUZIONEDEVIANTE DAVESTONENORDAIDROSUD- S.P.BS237"DELCAFFARO"-TRATTIINGALLERIA-PROGETTOPRELIMINARE TITOLO:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "R01 COMUNEDIVESTONE,LAVENONEEIDRO COSTRUZIONEDEVIANTE DAVESTONENORDAIDROSUD- S.P.BS237"DELCAFFARO"-TRATTIINGALLERIA-PROGETTOPRELIMINARE TITOLO:"

Transcript

1 DOTT. GEOL. MICHELE CONTI DOTT. GEOL. ANTONIO CONTI DOTT. ING. FRANCESCO BOCCHIO VIA BENAMATI, TOSCOLANO MADERNO (BS). TEL FA REGIONELOMBARDIA PROVINCIADIBRESCIA COMUNEDIVESTONE,LAVENONEEIDRO TITOLO: COSTRUZIONEDEVIANTE DAVESTONENORDAIDROSUD S.P.BS237"DELCAFFARO"TRATTIINGALLERIAPROGETTOPRELIMINARE OGGETTO: RELAZIONEGEOLOGICA RELAZIONEGEOMECCANICA RELAZIONESISMICA COMMITTENTE: ProvinciadiBresciaSettoreManutenzioneeViabilità R01 DOCUMENTO 00 23/05/14 V.G. A.C. M.C. REV DATA DESCRIZIONE REVISIONE REDATTO VISTO APPROVATO COMMESSA FILE COMMITENTE 144 :\WORK\000144_14_VALSABBIA_GALLERIA_PROVINCIA_BRESCIA

2 INDICE 1 Premessa Ricerca storica e bibliografica Normativa di riferimento e software utilizzati per elaborazioni e calcoli Descrizione sommaria dell opera di progetto RELAZIONE GEOLOGICA 5 Inquadramento meteoclimatico Precipitazioni medie, minime e massime annuali Stima delle curve di possibilità pluviometrica Adattamento dei dati di pioggia alle distribuzioni di probabilità Tempo di ritorno e curva di possibilità pluviometrica Accertamenti preliminari (vincoli e fattibilità geologica) Vincoli inerenti agli aspetti geologici Fattibilità geologica Inquadramento litologicostratigrafico e tettonico Cenni di carattere paleogeografico e paleoambientale Caratterizzazione litostratigrafica Assetto tettonico Inquadramento geomorfologico, idrologico e idrogeologico Caratteristiche e dinamiche geomorfologiche Caratterizzazione preliminare del fenomeno di caduta massi Caratteristiche idrologiche e idrografiche Aspetti idrogeologici dell area in esame...56 RELAZIONE SUI RILIEVI E SULLE INDAGINI 9 Considerazioni preliminari Riepilogo indagini per lo studio preliminare Piano di dettaglio della campagna di indagini Sintesi delle risultanze delle indagini in sito e di laboratorio Indagini e rilievi in sito Prove geotecniche di laboratorio Prove geotecniche di laboratorio (aggregati)...85 CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA E GEOMECCANICA 10 Aspetti generali Classificazione caratterizzazione ammasso roccioso Rilievi geomeccanici di dettaglio Classificazione degli ammassi rocciosi Caratterizzazione degli ammassi rocciosi Definizione dei cinematismi di rottura Schede Tecniche ammassi rocciosi Modellazione geotecnica geomeccanica di previsione Tratti in galleria naturale Imbocchi RELAZIONE SULLA PERICOLOSITÀ SISMICA 13 Relazione sulla pericolosità sismica Valutazione della pericolosità sismica di base Categorie di sottosuolo Valutazione amplificazione sismica locale (d.g.r. 28/05 n. 8/7374) Determinazione del periodo proprio del terreno e stima di Fa Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare 1

3 Tabelle Tabella 1 (Software utilizzati) Tabella 2 Valori pluviometrici delle stazione di Idro e Lavenone Tabella 3 Curve di possibilità climatica valori dei coefficienti a ed n (Rete pluviometrica BS ) Tabella 4 Curve di possibilità climatica valori dei coefficienti a ed n (PAI) Tabella 6 parametri della simulazione Tabella 7 risultati analisi scendimento massi Tabella 8 Principali informazioni sulle singole unità idrogeologiche Tabella 9 Riepilogo indagini e prove Tabella 10 Indagini e rilievi in sito Tabella 11 Detrminazioni/prove geotecniche in sito sondaggio Tabella 12 Detrminazioni/prove geotecniche in sito sondaggio Tabella 13 Detrminazioni/prove geotecniche in sito sondaggio Tabella 14 Prove geotecniche in sito (caratterizzazione smarino) sondaggio Tabella 15 Prove geotecniche in sito (caratterizzazione smarino) sondaggio Tabella 16 Prove di permeabilità (Lugeon) S Tabella 17 Prove di permeabilità (Lugeon) S Tabella 18 Prove di permeabilità (Lugeon) S Tabella 20 Prove dilatometriche S1, S Tabella 21 Prove di creep S1, S Tabella 22 estratto informazioni sulle indagine sismiche ed elettriche Tabella 23 output indagini sismica Tromino Tabella 19 Prova di taglio diretta sui giunti S1, 2 e Tabella 24 Prove geotecniche di laboratorio Tabella 25 Determinazione della massa volumetrica dei granuli e dell assorbimento d acqua Tabella 26 Determinazione della resistenza al gelodisgelo Tabella 27 Determinazione della resistenza alla frammentazione Los Angeles Tabella 28 Tabella riassuntiva dei parametri geomeccanici Tabella 29 stima del valore GSI Tabella 30 Proiezioni stereografiche reticolo di Schmidt relative ai rilievi geomeccani Tabella 31 stralcio carta della P.S.L Tabella 32 Ubicazione indagini e profile Vs Tabella 33 Stima fattore di amplificazione Fa Figure Figura 1 Schema semplificato planimetria e sezione delle opera di progetto Figura 2 Stralci delle carte delle precipitazioni rispettivamente medie, minime e massime annue Figura 3 Stralcio carta del dissesto con legenda uniformata PAI e vincoli Figura 4 Schema tettonico del settore centrale delle Alpi Meridionali Figura 5 Sequenza stratigrafica generale Figura 6 Stralcio della carta geologica strutturale del trentino Figura 7 Modello 3D del terreno (tecnologia LIDAR) Figura 8 Stralcio della cartografia CTR con l indicazione approssimativa delle strutture tettoniche Figura 9 Fiume Chiese Figura 10 Carta idrogeologica della parte meridionale delle Prealpi Bresciane Figura 11 Stralcio Carta idrogeologica con elementi idrologici (T06) Figura 12 Correlazione Q RMR Figura 13 Parametri relativi alla caratterizzazione geomeccanica Figura 14 Stratigrafia schematic S Figura 15 Valori RQD S Figura 16 Sezione litologica e geotecnica geomeccanica Galleria Monte Antegolo I imbocco Figura 17 Parametri geotecnici e geomeccanica Galleria Monte Antegolo I imbocco Figura 18 Stratigrafia schematic S Figura 19 Valori RQD S Figura 20 Sezione litologica e geotecnica geomeccanica Galleria Monte Antegolo II imbocco Figura 21 Parametri geotecnici e geomeccanica Galleria Monte Antegolo II imbocco Figura 22 Stratigrafia schematic S Figura 23 Sezione litologica e geotecnica geomeccanica Galleria Monte Coste I e II imbocco Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

4 Figura 24 Parametri geotecnici e geomeccanica Galleria Monte Coste I e II imbocco Figura 25 Valotre massimo PGA Figura 26 Grafico di disaggregazine Figura 27 raggruppamento dei comuni all interno delle fasce individuate sulla base degli accelerogrammi. 132 Foto Foto 1 Affioramento Arenaria Val Sabbia Foto 2 Arenaria della Val Sabbia Foto 4 Area sorgente caduta massi Foto 3 massi di dimensioni dell ordine di 23 mc Foto 6 Affluente Fiume Chiese Foto 7 (sorgente Case Maer ) Foto 8 ubicazioni tomografie sismiche e elettriche Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

5 ELENCO GENERALE DEGLI ELABORATI DOCUMENTI E RELAZIONI Relazione geologica geomorfologica e modello geotecnico R1 Allegati: Output analisi scendimento massi in corrispondenza del I imbocco galleria Monte Antegolo Stratigrafia e documentazione fotografica dei sondaggi A1 Certificati indagini geotecniche in sito Certificati prove geotecniche di laboratorio Tomografia elettrica e sismica ELABORATI GRAFICI Planimetria stato di fatto con inserimento opere di progetto, ubicazione T01 indagini (sondaggi, rilievi geomeccanici, indagini geoelettriche e sismiche, sezione analisi scendimento massi) T02 Modello 3D del terreno con documentazione fotografica dello stato di fatto T03 Carta del dissesto con legenda uniformata PAI e vincoli T04 Carta della fattibilità geologica T05 Carta geologica T06 Carta idrogeologica con elementi idrologici T07 Carta geomorfologica dell area T08 Sezione geologica T09 Profilo geomeccanico di previsione 4 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

6 COSTRUZIONE DEVIANTE DA VESTONE NORD A IDRO SUD S.P. BS 237 DEL CAFFARO RELAZIONE GEOLOGICA, GEOTECNICA E SISMICA PER I TRATTI IN GALLERIA PROGETTO PRELIMINARE GRUPPO DI LAVORO Coordinamento generale Dott. Geol. M. Conti Dott. Geol. A. Conti Coordinamento area tecnica Dott. Geol. V. Giannone Elaborazioni grafiche Ing. A. Campagnolo; N. Conti T. Conti 5 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

7 Maderno, 26 maggio Premessa Il presente lavoro è stato realizzato su incarico e per conto dell Amministrazione provinciale di Brescia e ha come scopo la caratterizzazione geologica, geomorfologica, idrogeologica e la modellazione geotecnicageomeccanica per i lavori di Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO progetto preliminare per i tratti in galleria". Durante questa fase di studio, oltre ai numerosi sopralluoghi e ai rilievi geologici di dettaglio sono state realizzate indagini geognostiche e prove geotecniche per la caratterizzazione dei terreni presenti lungo il tracciato delle nuove opere di progetto. Ad integrazione delle suddette indagini ne sono state utilizzate altre precedentemente eseguite in corrispondenza dell area oggetto di studio (indagini dirette e indirette). Per l'espletamento dell'incarico si è proceduto nel modo seguente: raccolta dati ed esame preliminare della documentazione esistente; sopralluoghi, esame critico e revisione della cartografia geologica già prodotta e di tutti gli studi specialistici a disposizione, analisi e studio delle foto aeree in possesso dell'amministrazione Provinciale; revisione generale del materiale secondo i criteri standard di lavoro per le zone sismiche (Determinazione del rischio sismico in LombardiaCNR e Regione Lombardia L.r. 12/05 e s.m.i.); rilevamento di dettaglio ad integrazione della cartografia ufficiale per la definizione dell'assetto geologico, geomorfologico idrogeologico e geomeccanico dell'area e la conseguente stesura delle carte tematiche; sondaggi geognostici e prove geotecniche di laboratorio per la classificazione caratterizzazione litologica dei terreni e definizione di un modello geologico geotecnico e geomeccanico delle zone interessate dalle opere di progetto; prove geotecniche di laboratorio per la definizione di alcune importanti caratteristiche qualitative e fisicomeccaniche degli inerti. 6 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

8 Relativamente alle attività descritte all ultimo punto, si precisa che le prove di laboratorio sono state effettuate su campioni di inerti ottenuti dalla frantumazione di spezzoni di carote prelevate direttamente dalle cassette catalogatrici dei materiali provenienti dai sondaggi geognostici S1 e S2, eseguiti in corrispondenza degli imbocchi della galleria Monte Antegolo. Tali prove sono da intendere come accertamenti preliminari per la valutazione delle caratteristiche qualitative e prestazionali dei materiali di smarino, al fine di verificarne la possibilità di impiego nell ambito della realizzazione delle strutture di progetto. Le prove eseguite, di cui si riportano nei capitoli successivi i principali risultati acquisiti e si allegano alla presente le relative certificazioni rilasciate dal laboratorio incaricato, sono le seguenti: analisi granulometrica mediante setacciatura, per via umida, in accordo con lo standard UNI EN 9331:1999; Prove per determinare le proprietà meccaniche e fisiche degli aggregati Determinazione della massa volumica dei granuli e dell assorbimento d acqua UNI EN 10976:2002; Prove per determinare le proprietà termiche e la degradabilità degli aggregati Determinazione della resistenza al gelo e disgelo UNI EN 13671, Parte 1; Prove per determinare le proprietà termiche e la degradabilità degli aggregati Determinazione della resistenza al gelo e disgelo in presenza di sale (NaCl) UNI EN 13676:2008, Parte 6; Prove per determinare le proprietà meccaniche e fisiche degli aggregati Metodi per la determinazione della resistenza alla frammentazione e misurazione della variazione percentuale del coefficiente Los Angeles (UNI EN 10972), di cui alcune determinazioni su campioni precedentemente sottoposti a determinazioni della sensibilità al gelo e disgelo (UNI EN 13671:2001). Tutte le prove sono state effettuate seguendo scrupolosamente le prescrizioni e le modalità operative previste dalle norme di riferimento. Il numero delle prove eseguite e le indicazioni specifiche sui campioni prelevati sono riportati nel capitolo relativo alla descrizione di dettaglio sui rilievi e sulle indagini (.). 7 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

9 Un altra importante attività condotta in questa fase nell ambito degli studi per la progettazione preliminare delle opere previste riguarda la realizzazione di un modello digitale della superficie e del terreno con la realizzazione di ortofotopiano, per un area di circa 4.28 km2 nei pressi della località Pievevecchia (tecnologia LIDAR). Gli elaborati prodotti grazie ai dati acquisiti mediante l impiego della suddetta tecnologia di rilievo sono i seguenti: DTM GB Ovest ortometrico in formato (.xyz,.tif); DTM TIN GB Ovest ortometrico in formato dwg; DTM grid1m GB Ovest ortometrico in formato dxf; DTM grid10m GB Ovest ortometrico in formato dxf; DSM GB Ovest ortometrico in formato (.xyz,.tif); DSM grid1m GB Ovest ortometrico in formato dxf; DSM grid10m GB Ovest ortometrico in formato dxf; Nuvola Colorata (LasRGB) GB Ovest ortometrico in formato.las; Curve di Livello 1m GB Ovest ortometrico in formato dxf; Orthophoto GB Ovest 10 cm/pixel, formato geotif + tfw; Progetto 3d in format LaserWeb e in format Las rgb compatibile con software QTreader. Le informazioni acquisite e i modelli realizzati sono stati di estrema importanza nelle varie fasi di riconoscimento e rappresentazione su base cartografica di alcuni important elementi di natura geomorfologica e geologicostrutturale. 8 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

10 2 Ricerca storica e bibliografica Per il presente lavoro è stata svolta una ricerca storica e bibliografica finalizzata alla acquisizione di una conoscenza il più approfondita possibile del territorio in esame. In particolare sono stati consultati: gli studi disponibili in bibliografia, il Sistema Informativo Territoriale regionale e provinciale, gli studi di tipo geologico per gli strumenti di pianificazione territoriale con le relative cartografie tematiche disponibili al momento della stesura della presente relazione, le pubblicazioni effettuate da vari Centri di ricerca ed Enti Territoriali. Gli studi presi in esame nell ambito del presente lavoro sono di seguito elencati: AA.VV. Carta geologica d'italia, Foglio 47 Brescia; Atti del convegno ricerca e protezione delle risorse idriche sotterranee delle aree montuose promosso dall ASM e dalla Fondazione Bresciana per la Ricerca Scientifica Volume 1 e 2; Avanzini M. et al (.);Carta idrogeologica della parte meridionale delle Prealpi Bresciane; Baroni C. et al. (1986) Depositi fluvioglaciali Wurmiani connessi a rotte glaciali in Val Sabbia (BS); Baroni C. et al., (1994) Nuovi dati sull assetto geologico e sull evoluzione paleogeografica giurassica del M. Coro (Val Sabbia, Brescia). BARONI C., VERCESI P.L. (1987) Neotettonica del territorio bresciano: stato delle conoscenze. Fondazione Bresciana per la Ricerca Scientifica, Ed. Ramperto, Brescia. BONI A. & CASSINIS G. (1973) Carta geologica delle Prealpi Bresciane a sud dell'adamello (note illustrative della legenda stratigrafica). Atti Ist. Geol. Univ. Pavia. BONI A., PELOSO G.F. (1982) Dati sulla neotettonica dei fogli 34 "Breno", 47 "Brescia", di parte dei fogli 35 "Riva" e 48 "Peschiera del Garda". In: C.N.R. "Contributi conclusivi per la realizzazione della Carta neotettonica d'italia", pubbl.506 P.F. Geodinamica. BOSCHI E., FAVALI P., SCALERA G., SMIRIGLIO G. (1995) Massima intensità macrosismica risentita in Italia. Carta scala 1: , I.N.G. 9 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

11 Brack, P. (1993). Towards a better definition of the Anisian/Ladinian boundary: new biostratigraphic data and correlations of boundary sections from Southern Alps. Eclogae geologicae Helvetiae 86 (2): BRACK, P., RIEBER, H., and MUNDIL, R., The Anisian/Ladinian boundary interval at Bagolino Southern Alps, Italy): I. Summary and new results on ammonoid horizons and radiometric age dating. Albertiana 15: BRACK, P., and RIEBER, H. (1986). Stratigraphy and ammonoids from the lower Buchenstein Beds in the Brescian Prealps and Giudicarie and their significance for the Anisian/Ladinian boundary. Eclogae geologicae Helvetiae 79 (1): Carta delle Grotte e delle sorgenti delle Prealpi Bresciane a cura della Società Speleologica Italiana e dell Azienda Servizi Municipalizzati Brescia; Carta geologica delle Prealpi bresciane a Sud dell Adamello (1: Università di Pavia); Cassinis G. (1982) Note geologiche sull area all intersezione ta Linea delle Giudicarie Sud e Linea della Val Trompia; Cassinis G. et al. (1982) Il settore della Linea delle Giudicarie Sud: evoluzione paleo tettonica permotriassica ed assetto strutturale attuale CASSINIS G., PEROTTI C.R., VERCESI P.L. (1990) Prealpi bresciane a sud dell'adamello: breve sintesi delle conoscenze geologiche ed ulteriori temi di ricerca. In :"Attualità dell'opera di Arturo Cozzaglio nel 40 della scomparsa". Atti del Convegno Nazionale, Ateneo di Brescia. Castellarin A. et al. (1986) Structural and Kinematic analysis of the Giudicarie deformation belt. Implications for compressional tectonics of Soutern Alps; Castellarin A. et al. (1982) Geologia della Linea delle Giudicarie Sud (tra Pieve di Bono e Tione); Castellarin A. et al. (1982) Introduzione alla geologia struttura le del Sudalpino; Componente geologica, idrogeologica e sismica per il Piano di Governo del Territorio (D.G.R. n. 8/1566 del 22/12/2005 e D.G.R. n. 8/7374 del 28/05/2008) dei Comuni interessati; 10 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

12 Inventario delle frane e dei dissesti idrogeologici della Regione Lombardia note illustrative e relativa cartografia in scala 1: (Regione Lombardia, 2002). Jadoul F. et al. (1982) Evoluzione paleogeograficostrutturale e vulcanismo triassico nella Lombardia centroorientale; Picotti V. (1991) LadiniaCarnian evolution of the Barghe structural high (Val Sabbia, Southern Alps); Picotti V. et al., (1988) Tettonica sinsedimentaria norica del settore compreso fra il Lago d Idro e il Lago di Garda; Progetto S3 Scenari di scuotimento in aree di interesse prioritario e/o strategico Responsabili: Francesca Pacor (INGVMI) e Marco Mucciarelli (Unibas)TASK 4 GARDA DELIVERABLE D13 SCENARI DI SCUOTIMENTO AL BEDROCK A VARI LIVELLI DI COMPLESSITÀ 11 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

13 3 Normativa di riferimento e software utilizzati per elaborazioni e calcoli Nell ambito del presente lavoro si è fatto riferimento alle principali normative vigenti in materia di pianificazione territoriale, tutela ambientale, costruzioni di opere e interventi di ingegneria nelle zone sismiche. Tra queste, assumono una certa importanze le seguenti: Circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 2 febbraio 2009, n.617 recante Istruzioni per l'applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al decreto ministeriale 14 gennaio 2008; NTC 2008 "Norme tecniche per le costruzioni" D.M. 14 Gennaio 2008; Criteri ed indirizzi per la definizione della componente geologica, idrogeologica e sismica del piano di governo del territorio, in attuazione dell'art. 57, comma 1, della L.R. n. 12 del marzo 2005.e D.G.R. 28 maggio 2008, n. 8/7374; Ordinanza 3519 Criteri generali per l'individuazione delle zone sismiche e per la formazione e l'aggiornamento degli elenchi delle medesime zone G.U. n. 108 dell' ; Nuova classificazione sismica della OPCM 3274 ZONE 1234 Art.104 DPR 380/2001 in vigore dal 24/10/2005; Delibera della Giunta Regionale della Regione Lombardia del n.6/10350: Regolamento per i termini e le modalità di controllo da effettuarsi sulle costruzioni in zone sismiche regionali. I software utilizzati per l analisi e l interpretazione dei dati presentati in questo elaborato sono i seguenti: Tabella 1 (Software utilizzati) Software / modulo di calcolo Produttore Ambito / finalità Parametri sismici Slide, Vers Dips 6.0 Swedge Roc plane Autocad, Vers. 11 Geostru Rocscience Rocscience Rocscience Rocscience Autodesk Analisi dati e parametri caratteristici Verifiche di sicurezza Geomeccanica Verifiche di sicurezza Verifiche di sicurezza Elaborazioni grafiche varie Arc Gis, Vers RocLab Roc Fall Vers ESRI Rocscience Rocscience Elaborazione carta geologica Mecc. Rocce Analisi scendimento massi 12 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

14 4 Descrizione sommaria dell opera di progetto La S.P. ex S.S. 237 DEL CAFFARO, una delle strade ex statali trasferite alla Provincia di Brescia con D. Lgs. n. 1112/1998, rappresenta la via di collegamento più breve tra le città ricadenti nella pianura lombarda e due importanti poli turistici (il Lago d'idro e Madonna di Campiglio). Lungo questo tragitto l arteria si snoda tra vari centri abitati della Val Sabbia e delle Giudicarie, una zona molto importante anche dal punto di vista economico per le numerose attività produttive sparse su tutto il territorio. Ne consegue un intenso traffico, anche di mezzi pesanti, con ripercussioni negative sulla viabilità per carenze in termini dimensionali, strutturali e di livelli di servizio, che rappresentano la motivazione di fondo dei lavori di costruzione di una variante a scorrimento veloce connessa alla Strada Statale 45 bis Gardesana Occidentale, parte della quale è già in esercizio. La tratta di variante all attuale tracciato da Vobarno a Ponte Re di Barghe è stata già aperta mentre il completamento della tratta fino a Idro è in fase di progettazione. Per garantire la continuità funzionale con le opere richiamate è stata prevista la costruzione di tratti di arteria in variante, che consentano di risolvere in prima istanza il nodo strategico di Nozza di Vestone e le strozzature di Vestone e Lavenone, rendendo in tal modo maggiormente scorrevole il traffico verso il lago d Idro e più funzionale il collegamento con le ipotesi progettuali in corso di elaborazione, da parte della Provincia Autonoma di Trento, di variante alla tratta trentina della ex S.S Nell ambito del presente lavoro si è posta particolare attenzione all individuazione e alla valutazione delle numerose variabili di tipo geologico, geomorfologico idrogeologico, geotecnico e geomeccanico necessari per la realizzazione delle opere lungo il nuovo tracciato di progetto alternativo a quello precedentemente ipotizzato. Tale proposta scaturiva dalla necessità di evitare l attraversamento della zona ai piedi del Monte Antegolo interessata da scenari di pericolosità/vulnerabilità legati alla presenza di pareti a tratti strapiombanti caratterizzate da imponenti fenomeni di crollo con caduta massi, spesso accompagnati da instabilità delle coperture detritiche superficiali. 13 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

15 Le perplessità riscontrate sin dalle prime fasi di studio finalizzate all approfondimento dei fenomeni connessi alla dinamica geomorfologica locale sono state ampiamente suffragate dalle evidenze riscontrate mediante le indagini geofisiche e geoelettriche condotte in sx orografica del Fiume Chiese, dalle quali è emerso che i materiali presenti oltre ad avere caratteristiche fisicomeccaniche tendenzialmente scadenti, inglobano massi e blocchi lapidei di notevoli dimensioni compatibili con l assetto geomorfologico descritto. Un ulteriore fattore negativo era rappresentato dalla presenza di scenari di pericolosità/vulnerabilità legati a problematiche idrauliche (cartografia PAI), in corrispondenza dell ubicazione delle opere di progetto, censiti nella cartografia ufficiale delle aree a pericolosità idrogeologica molto elevate (ex 267/98) e aree PAI e di conseguenza recepiti negli elaborati di pianificazione territoriale a scala comunale ( T03 Carta del dissesto con legenda uniformata PAI e vincoli). Il presente studio, pertanto, viene realizzato per il progetto preliminare dei lavori di Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO, relativamente ai tratti in galleria. Nella fattispecie, le opere previste sono: galleria Monte Antegolo e galleria Monte Coste. Dalle prime ipotesi progettuali si evince che la galleria Monte Antegolo avrà una lunghezza complessiva di ca 890 m, mentre la galleria Monte Coste si svilupperà su un tratto di ca 245 m. Le lunghezze indicate si rireriscono ai tratti di galleria naturale e quindi non comprendono eventuali tratti esterni gallerie artificiali. Sulla base del tracciato preliminare fornito dalla stazione appaltante, nel tratto Monte Antegolo la copertura avrà uno spessore massimo pari a ca 100 m, mentre nel tratto Monte Coste non dovrebbe superare i 30 m. Nella pagina seguente si riporta uno schema per la rappresentazione semplificata dello sviluppo planimetrico e in sezione delle opere di progetto (Figura 1). 14 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

16 Figura 1 Schema semplificato planimetria e sezione delle opera di progetto 15 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

17 RELAZIONE GEOLOGICA ( progetto preliminare) 5 Inquadramento meteoclimatico Una delle tematiche affrontate nell ambito del presente studio riguarda la caratterizzazione geomorfologica, idrologica e idrografica dei principali bacini individuati nell area interessata dalle opere di progetto. Essendo i fenomeni idrologici, geomorfologici e idrogeologici strettamente connessi alle caratteristiche meteoclimatiche del territorio in esame, si ritiene che il primo passo da compiere consista nella definizione dei parametri delle curve di possibilità pluviometriche medie. Nell ambito di questo lavoro sono state raccolte alcune informazioni per un inquadramento delle condizioni pluviometriche che caratterizzano l area, prendendo a riferimento i dati delle seguenti stazioni: Idro, Lavenone. 5.1 Precipitazioni medie, minime e massime annuali Presso la Regione Lombardia è stata redatta una pubblicazione intitolata Carta delle precipitazioni medie, minime e massime annue del territorio alpino lombardo [10]. L iniziativa di questa pubblicazione si colloca nel quadro delle azioni volte a mitigare il rischio idrogeologico sul territorio regionale. L elaborato, oltre ad essere una base di partenza per una sistematica acquisizione dei dati idrometeorologici, costituisce uno strumento di grande utilità per quanti operano nel campo territoriale ed ambientale intorno a problematiche che richiedono lunghi periodi di osservazione (ad esempio variazioni di falda, derivazioni idroelettriche e bilanci idrologici). Per la realizzazione delle carte delle precipitazioni medie, massime e minime annue sono stati utilizzati i dati pubblicati negli Annali Idrologici parte prima del Servizio Idrografico, Ufficio Idrografico del Po, dal 1913 al 1983 e nella Pubblicazione n 24 Precipitazioni medie mensili ed annue e numero dei giorni piovosi per il trentennio 1921/1950 Bacino del Po ; e solo per alcune aree particolarmente significati16 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

18 ve i dati sono stati integrati fino al 1990 con il reperimento diretto degli stessi presso aziende idroelettriche (AEM, ENEL Sondel) e presso il Servizio Idrografico stesso. Particolare cura è stata riservata nel reperimento dei dati antecedenti il 1913 con un attenta ricerca condotta essenzialmente nel Volume II Bacino Imbrifero del Po Osservazioni Pluviometriche raccolte a tutto l anno 1915 Roma 1922, sempre del Servizio Idrografico. Da un osservazione sommaria della carta delle precipitazioni medie, massime e minime annue si può notare come partendo dalla Pianura Padana, o meglio dal corso del fiume Po, le precipitazioni medie annue tendono progressivamente ad aumentare spostandosi verso nord, cioè verso i rilievi prealpini. In riferimento all area di interesse vengono considerate le due stazioni pluviografiche precedentemente citate: Idro e Lavenone. La seguente tabella contiene i valori desunti dalla pubblicazione sopra indicata (Tabella 2). Tabella 2 Valori pluviometrici delle stazione di Idro e Lavenone Stazione Quota (m s.l.m.) Inizio Fine Anni Media Min Max Idro Lavenone Nelle figura seguente (Figura 2) sono riportati stralci delle carte delle precipitazioni rispettivamente medie, minime e massime annue riguardanti la zona di interesse. 17 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

19 Figura 2 Stralci delle carte delle precipitazioni rispettivamente medie, minime e massime annue. CARTA DELLE PRECIPITAZIONI CARTA DELLE PRECIPITAZIONI CARTA DELLE PRECIPITAZIONI MEDIE ANNUE MINIME ANNUE MASSIME ANNUE 5.2 Stima delle curve di possibilità pluviometrica La previsione quantitativa delle piogge in una determinata località viene effettuata attraverso la determinazione della curva di possibilità pluviometrica; tale relazione lega l altezza di precipitazione (h) alla sua durata (t) e consente per un assegnato tempo di ritorno (T) di determinare statisticamente l altezza di acqua precipitata per un evento di durata variabile. Il tempo di ritorno T è definito come il numero di anni in cui h, nella durata d viene superata in media una sola volta. Per altezza di precipitazione si intende l altezza d acqua che si formerebbe al suolo su una superficie orizzontale ed impermeabile nella durata di precipitazione considerata. La curva di possibilità pluviometrica è comunemente espressa da una legge di potenza del tipo: 18 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

20 h(t ) a t p n dove h(t) rappresenta l altezza di pioggia [mm] e tp il tempo di pioggia in ore Adattamento dei dati di pioggia alle distribuzioni di probabilità Lo scopo è quello di cercare distribuzioni di probabilità che ben descrivano gli eventi di pioggia di diversa durata; si devono perciò determinare i parametri fondamentali delle già note e collaudate distribuzioni di probabilità usando i molteplici metodi di stima e scegliendo i risultati migliori con un opportuno test. Si è scelto di utilizzare le sole distribuzioni Lognormale e di Gumbel poiché l esperienza conferma la loro particolare validità per l elaborazione dei dati pluviometrici. Le rette di distribuzione si ottengono direttamente dalla legge probabilistica di Gumbel: ( h u ) P ( h ) e e dalla quale per interpolazione si ricava la curva di possibilità climatica connessa all'assegnato tempo di ritorno. Per quello che riguarda la stima dei parametri delle distribuzioni adottate si sono utilizzati i seguenti metodi di stima: metodo dei momenti, metodo dei minimi quadrati ed il metodo della massima verosimiglianza. Il metodo dei momenti si basa sull ipotesi di equivalenza tra i momenti della popolazione ed i momenti di pari ordine del campione di dati a disposizione. Il metodo dei minimi quadrati permette di interpolare i dati misurati con una curva che assicura il minimo scarto. Il metodo della massima verosimiglianza permette la stima dei parametri della distribuzione massimizzando la funzione di verosimiglianza in relazione ai parametri stessi. Infine, con il test di Pearson o più comunemente denominato test del c2, si è stabilito quali risultati fossero più attendibili, ossia quali tra i parametri stimati fornissero le distribuzioni di probabilità che meglio si adattassero al campione di dati a disposizione Tempo di ritorno e curva di possibilità pluviometrica Dalle operazioni svolte sono note le varie distribuzioni di probabilità p(hmax) per le precipitazioni di massima intensità di durata 1, 3, 6, 12, 24 ore. 19 Costruzione deviante da Vestone Nord a Idro Sud S.P. BS 237 DEL CAFFARO Relazione geologica, geotecnica e sismica per i tratti in galleria progetto preliminare

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

La cartografia della successione triassico-giurassica. F. Jadoul

La cartografia della successione triassico-giurassica. F. Jadoul IL TERRITORIO DI BERGAMO NELLA NUOVA CARTOGRAFIA GEOLOGICA Museo Civico di Scienze Naturali BERGAMO La cartografia della successione triassico-giurassica F. Jadoul Foglio Lecco Foglio Clusone Foglio Breno

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO Allegato B COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE ED ADEGUAMENTO AI SENSI DELLA L.R. 12/05 VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2

Dettagli

1. PREMESSA... 1 2. ASPETTI RELATIVI ALLA SIMICITÀ... 3 2.1. - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3

1. PREMESSA... 1 2. ASPETTI RELATIVI ALLA SIMICITÀ... 3 2.1. - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 1. PREMESSA... 1 2. ASPETTI RELATIVI ALLA SIMICITÀ... 3 2.1. - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2. - METODOLOGIA PER L ANALISI DELLA RISPOSTA SISMICA... 3 2.3. - ANALISI DI PRIMO LIVELLO - CARTA DELLA PERICOLOSITÀ

Dettagli

VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO

VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO Sede : via T. Nani, 7 23017 Morbegno (SO) Tel 0342 610774 Fax: 0342 1971501 VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO STUDIO DI APPROFONDIMENTO AI SENSI DELL ALLEGATO 2 ALLA D.G.R. 30 NOVEMBRE 2011

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia INDICE 1. PREMESSA pag. 2 2. AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DEI VINCOLI GENERATORI DI RISCHIO pag. 3 2.1 rischio idrogeologico pag. 5 3 CARTA DI SINTESI FINALIZZATA ALL EDIFICABILITA pag. 7 1 1. PREMESSA Per

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

L Indagine geologica ai sensi della DGR 2649/99 e successive modifiche e integrazioni

L Indagine geologica ai sensi della DGR 2649/99 e successive modifiche e integrazioni Corso di Aggiornamento Professionale I CONTENUTI DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA ALLA LUCE DELLA NORMATIVA VIGENTE Roma, 29 novembre 2012 Parco Regionale dell Appia Antica Via Appia

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

A-2 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER IL PIANO DELLE REGOLE

A-2 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER IL PIANO DELLE REGOLE A-2 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER IL PIANO DELLE REGOLE PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER IL PIANO DELLE REGOLE L intero territorio di Onore è stato oggetto di uno studio delle sue peculiari caratteristiche geologiche,

Dettagli

I.2 Inquadramento geomorfologico

I.2 Inquadramento geomorfologico I.2 Inquadramento geomorfologico I.2.1 Domini geologici e lineamenti strutturali principali Il territorio della Provincia Autonoma di Trento è caratterizzato dal punto di vista geologico dalla presenza

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs)

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs) AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 2508 Rovato (Bs) Cedimenti differenziali e fessurazioni vasca di ossidazione linea 2 ed annesso magazzino Depuratore comunale acque reflue di Chiari (Bs) INDAGINE GEOLOGICA

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Prescrizioni delle NTC (2008)

Prescrizioni delle NTC (2008) La progettazione di fondazioni di edifici in terreni ad alta instabilità Prescrizioni delle NTC (2008) Stefano Aversa Università degli studi di Napoli Parthenope Associazione Geotecnica Italiana Bologna

Dettagli

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 OGGETTO: Competenze del Geologo in materia di progettazione,

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA Dott. Geol. Antonio Forini Dott. Geol. Sara Serena Fabris Dott. Geol. Carlo Ricci PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA PIANO

Dettagli

Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO

Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROGETTO DEFINITIVO R.2.1 Relazione geologica-geotecnica Rovato,

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

02 - Indagine geologica e idraulica

02 - Indagine geologica e idraulica Rotatoria sulla SR435 Lucchese all intersezione con via Falciano nel Comune di Buggiano Progetto definitivo Relazione geologica ed idraulica 02 - Indagine geologica e idraulica CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA

Dettagli

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA APPENDICE A Pagina 1 di 29 1 Capoluogo, via degli Imberti Tavola in scala 1:2.000 1 AT1 Area di trasformazione per nuova edificazione ad uso residenziale. calcareniti; suoli di copertura derivati dal disfacimento

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

VERIFICA DI COMPATIBILITA IDROGEOLOGICA DELLE VARIANTI DI PGT ATR3 E ATP2 ALLO STUDIO GEOLOGICO COMUNALE VIGENTE

VERIFICA DI COMPATIBILITA IDROGEOLOGICA DELLE VARIANTI DI PGT ATR3 E ATP2 ALLO STUDIO GEOLOGICO COMUNALE VIGENTE 1 VERIFICA DI COMPATIBILITA IDROGEOLOGICA DELLE VARIANTI DI PGT ATR3 E ATP2 ALLO STUDIO GEOLOGICO COMUNALE VIGENTE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, n.

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R.12/2005 DOCUMENTO DI PIANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R.12/2005 DOCUMENTO DI PIANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA Comune di Carimate (CO) PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO L.R.12/2005 DOCUMENTO DI PIANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA ai sensi della D.G.R. n. 8/7374 del 28 maggio 2008 Relazione Area Studi

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI)

DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) DI GABBIA ADOLFO E FIGLIO S.R.L. Via dello Struggino 24 loc. Picchianti 57121 Livorno (LI) VERIFICHE GEOLOGICHE E IDROGEOLOGICHE A SUPPORTO DELLARICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE EX ART. 208 D.LGS. 152/06 SEDE:

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO"

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO" LAVORI: Intervento n. 36: adeguamento idraulico attraversamenti Rio Galli, copertura ial km 0+000, ponticello

Dettagli

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura Comune di Cigole PROVINCIA DI BRESCIA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO NORME GEOLOGICHE 1 Caratterizzazione geotecnica del territorio All'interno del territorio comunale, possono essere distinte 3 diverse

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI

RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN BOCCIODROMO RELAZIONE GEOTECNICA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI Sommario GENERALITÀ... 3 1 DESCRIZIONE DELL AREA... 4 2 DESCRIZIONE DELL OPERA E

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

Application: the Giumello Landslide

Application: the Giumello Landslide Application: the Giumello Landslide Extract from a meeting in Lecco about landslides By M. Papini www.engeology.eu LA FRANA DEL GIUMELLO EVENTO ALLUVIONALE Novembre 2002 FINALITA DEL LAVORO Riconoscere

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA

STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Commissione tecnica per la microzonazione sismica (articolo 5, comma 7, OPCM 13 novembre 2010, n. 3907) STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA Microzonazione sismica Linee guida per l

Dettagli

6. Stratigrafia e tettonica

6. Stratigrafia e tettonica Di cosa parleremo Le rocce che costituiscono la crosta terrestre portano scritta al loro interno la storia della regione in cui si trovano. La stratigrafia e la tettonica forniscono le chiavi di lettura

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione COMUNE DI NOCERA INFERIORE Sala Polifunzionale della Galleria Maiorino Nocera Inferiore 14 aprile 2011 Incontro informativo sul rischio da frana a Nocera Inferiore Valutazione del rischio, sistemi di allertamento

Dettagli

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE

Procedura Tecnica Realizzazione del prodotto. Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni U.RP.T087 INDICE Realizzazione del prodotto Procedura tecnica relativa al Sistema informativo dei fenomeni Revisione Data Oggetto Revisione 1 13/02/2008 Prima emissione INDICE 1. Scopo ed Obiettivi 2. Campo di applicazione

Dettagli

Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9. Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche. Ciclo Integrato Acque SETTORE 2

Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9. Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche. Ciclo Integrato Acque SETTORE 2 Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9 Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche Ciclo Integrato Acque SETTORE 2 CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOMORFOLOGICI PER I DIFFERENTI

Dettagli

INDICE CARATTERISTICHE GENERALI DELLO STUDIO 2. Premessa 2. Ubicazione dell area 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO 3

INDICE CARATTERISTICHE GENERALI DELLO STUDIO 2. Premessa 2. Ubicazione dell area 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO 3 INDICE CARATTERISTICHE GENERALI DELLO STUDIO 2 Premessa 2 Ubicazione dell area 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO 3 Caratteristiche geomorfologiche e geologiche 3 Caratteristiche

Dettagli

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA PROCEDURE AUTOMATICHE 1D - 2D - 3D Dario Flaccovio Editore Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Procedure automatiche 1D - 2D - 3D ISBN 978-88-579-0051-3

Dettagli

Il ruolo attuale del geologo nella progettazione delle grandi opere idrauliche. Case history in Oman

Il ruolo attuale del geologo nella progettazione delle grandi opere idrauliche. Case history in Oman Il ruolo attuale del geologo nella progettazione delle grandi opere idrauliche. Case history in Oman Geol. Guido Paliaga, PhD Geol. Luciano Minetti CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI Fino all ultima goccia

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI Le opere oggetto della presente relazione si riferiscono alla realizzazione di un edificio per n. 4 alloggi, da realizzarsi a Copertino (LE), in Via Pirro

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli

Relazione geologica ed indagine geotecnica

Relazione geologica ed indagine geotecnica COLLEGAMENTO CICLABILE TRA I COMUNI DI MARACALAGONIS SINNAI E SETTIMO SAN PIETRO PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO Relazione geologica ed indagine geotecnica Indice 1 Premessa... 3 2 Inquadramento geografico...

Dettagli

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE TERRACQUAMBIENTE LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE Fondata nel 1992, Sinergeo è una struttura indipendente con sede a Vicenza. Essa riunisce figure professionali altamente qualificate,

Dettagli

Indagini di Microzonazione Sismica

Indagini di Microzonazione Sismica Indagini di Microzonazione Sismica Standard di Informatizzazione Carta delle Indagini Carta Geologico-Tecnica Carta Microzone Omogenee in Prospettiva Sismica, MOPS (1 livello) Carta di Microzonazione Sismica

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI BAGOLINO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO CONSULENZA OPERATIVA COMPONENTE GEOLOGICA dott. Pietro GIUBBINI dott. Angelo DE PASCALIS IL SINDACO DELIBERA DI

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

REALIZZAZIONE DI FABBRICATO AD USO MAGAZZINI E PREDISPOSIZIONE POSA IMPIANTO PER GESTIONE E LAVORAZIONE INERTI. Merlet Fabrizio

REALIZZAZIONE DI FABBRICATO AD USO MAGAZZINI E PREDISPOSIZIONE POSA IMPIANTO PER GESTIONE E LAVORAZIONE INERTI. Merlet Fabrizio Regione Autonoma Valle d Aosta Comune di AYAS Région Autonome Vallée d Aoste Commune de AYAS Progetto REALIZZAZIONE DI FABBRICATO AD USO MAGAZZINI E PREDISPOSIZIONE POSA IMPIANTO PER GESTIONE E LAVORAZIONE

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 189 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 6.1 Premessa Il Sistema Informativo

Dettagli

INDICE. 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8

INDICE. 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8 INDICE 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8 2 CARTA DELLA PERICOLOSITÀ IDRAULICA pag. 11 2.1 Analisi qualitativa del rischio. Le casse di espansione e i benefici sulla

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini D. Albarello, E. Lunedei, D. Pileggi, UniSI - DST; C. Copioli, Comune di Rimini; M. Filippini,

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848)

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848) COMUNE DI BARLASSINA Provincia di MILANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/1566/05 Integrazione

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 2 2 BREVI CONSIDERAZIONI SULLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE 3 3 BREVI CONSIDERAZIONI SULLA PRESENZA DI ELEMENTI ANTROPICI 5

INDICE 1. PREMESSA 2 2 BREVI CONSIDERAZIONI SULLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE 3 3 BREVI CONSIDERAZIONI SULLA PRESENZA DI ELEMENTI ANTROPICI 5 INDICE 1. PREMESSA 2 2 BREVI CONSIDERAZIONI SULLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE 3 3 BREVI CONSIDERAZIONI SULLA PRESENZA DI ELEMENTI ANTROPICI 5 4. POZZO ACQUEDOTTISTICO 6 5. COMPONENTE IDROGEOLOGICA SEZIONE

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale Il servizio nazionale di protezione civile è regolato dalla legge 225/92 (modificata in seguito dal D. Lgs. 112/98 e dalla L. 152/2005), la quale - assegna al Sindaco il compito della prima emergenza sul

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi

Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi Comune di Concesio Provincia di Brescia Committente GIELLE COSTRUZIONI S.r.l. Via G. Galilei, 54 25068 Sarezzo (BS) COMPLESSO EDILIZIO PROGETTO CONVENZIONE LOTTO LIBERO 9 Via Monteverdi VERIFICHE DI COMPATIBILITÀ

Dettagli

LAVORI DI CONSOLIDAMENTO DI UN TRATTO DI SCARPATA A VALLE DI VIA FONTANA ORO CON RIPRISTINO DELLA VIABILITA

LAVORI DI CONSOLIDAMENTO DI UN TRATTO DI SCARPATA A VALLE DI VIA FONTANA ORO CON RIPRISTINO DELLA VIABILITA Regione Piemonte PREMESSA A seguito di incarico determinazione del Responsabile del Servizio n. 538/132 del 06.12.2012 ( è stato redatto il seguente progetto DEFINITIVO ESECUTIVO dopo l approvazione del

Dettagli

La geologia del Trentino: lo studio del territorio fra esplorazione e nuove tecnologie. Modulo 1: cartografia e geomorfologia Parte II

La geologia del Trentino: lo studio del territorio fra esplorazione e nuove tecnologie. Modulo 1: cartografia e geomorfologia Parte II Trento, 1 ottobre 2009 La geologia del Trentino: lo studio del territorio fra esplorazione e nuove tecnologie Modulo 1: cartografia e geomorfologia Parte II Dott. Paolo Ferretti Le carte geologiche La

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Relatore: Prof. Luigi Carmignani. Tesi di Laurea di: Virginia Strati. Correlatore: Dr. Fabio Mantovani

Relatore: Prof. Luigi Carmignani. Tesi di Laurea di: Virginia Strati. Correlatore: Dr. Fabio Mantovani UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Analisi del contenuto di radioattività delle principali

Dettagli

INDICE. 1. PREMESSA Riferimenti progettuali e Normativi...2 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3

INDICE. 1. PREMESSA Riferimenti progettuali e Normativi...2 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 INDICE 1. PREMESSA Riferimenti progettuali e Normativi...2 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.2 Metodologia di lavoro e Contenuti ai sensi della L.R. 12/05 ed alla D.G.R. 9/2616/2011... 5 2. INTERVENTO DI

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

Il rischio idrogeologico nel Lazio

Il rischio idrogeologico nel Lazio Il rischio idrogeologico nel Lazio Geol. Tiziana Guida Consigliere dell Ordine dei Geologi del Lazio Il territorio della Regione Lazio, per la sua conformazione morfologica, si presta a varie tipologie

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 03/09

VARIANTE STRUTTURALE 03/09 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTANERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE STRUTTURALE 03/09 (ai sensi art. 1 L.R. 1/07) RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA SULLE AREE DII NUOVA ESPANSIIONE

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO BACINO TERZIARIO PIEMONTESE RISCHIO IDROGEOLOGICO

CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO BACINO TERZIARIO PIEMONTESE RISCHIO IDROGEOLOGICO CAI COMITATO SCIENTIFICO LIGURE PIEMONTESE VALDOSTANO BACINO TERZIARIO PIEMONTESE RISCHIO IDROGEOLOGICO 1 RISCHIO IDROGEOLOGICO In geologia con il termine rischio idrogeologico si designa il rischio connesso

Dettagli