SPURGHI - DISOTTURAZIONI 16/04/ VIDEOISPEZIONI - ARNAD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPURGHI - DISOTTURAZIONI 16/04/1958-2013 VIDEOISPEZIONI - ARNAD"

Transcript

1 d Va A lle os ta e or 4 24 u 2 s EcoVallée SPURGHI - DISOTTURAZIONI VIDEOISPEZIONI Itinerari L ARCO dir. resp. Ennio Jr. Pedrini - Stampa Sarnub Cavaglià (BI) Distr. con mezzi propri - Aut. del Trib. di Torino del 16/04/ Via Nazionale, 9/bis - ARNAD (Ao) Arnad Tel Fax Aosta Tel Cell R RistoShop i nostri servizi... a casa Vostra Catering Gastronomia Artigianale Rosticceria - Pasticceria Prodotti tipici Catering e Banqueting Rinfreschi - Cerimonie Eventi aziendali e privati Fraz. Extraz, 11 ARNAD (Ao) T M. 328 Guide Valle d Aosta Pont-Saint-Martin Donnas, Bard Hone, Arnad Verres, Montjovet Montjovet Fraz. Berriat, 96 Nuova Gestione Generi Alimentari Bazar tel cell Artisti nella Qualità Maestri nella Convenienza il diamante più brillante the most brillant diamond L Orafa Gioielli Via E. Chanoux, 41 Pont Saint Martin (Ao) Tel Bassa Valle copie SETTIMO VITTONE Via Montiglie, 1/A Tel PONT SAINT MARTIN Via Carlo Viola, 71/A - Tel

2 Edil Ancora di Ancora Francesco TUTTO PER L EDILIZIA E CARTONGESSO tinteggiature - cartongesso ristrutturazioni - piastrellature - trasporti Strada Romano - Montalenghe Scarmagno Uff./Fax Cell Mariatè CONFETTERIA BOMBONIERE di Marcelli Anna Maria prodotti Lindt e Caffarel Cioccolatini - Caramelle Confetti - Bomboniere Articoli regalo e cerimonie Via Carlo Viola, 15b Pont-Saint-Martin (Ao) - Tel Disco Bar LA BODEGUITA da Cace e Mich Locale Pont Saint Martin SKY 3D IMPIANTI ELETTRICI PAGANONE CORRADO vendita materiale elettrico e illuminazione INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE Via Roma 9/11 PONT SAINT MARTIN Tel/fax Cell PONT SAINT MARTIN Via Nazionale per Donnas 36/38 PUNTO VENDITA VERRES - Via Circonvallazione, 84 di Sara e Cinzia Verres Pont St. Martin abbigliamento sportivo tempo libero fitness CINZIA FINCO Via E. Chanoux, 54 PONT ST. MARTIN Tel. e Fax di Mascia Oscar Via E. Chanoux, 136 Pont St. Martin Tel-Fax Cell FORNITURE SOCIETA MATERIALE MEDICO SPORTIVO ARTICOLI E ATTREZZATURE ABBIGLIAMENTO uomo bimbo donna Via E. Chanoux n 100 Pont-Saint-Martin (Ao) tel cell LAVORAZIONE MARMI GRANITI - PIETRE ARTE FUNERARIA esclusivista Pavimenti - Rivestimenti - Scale Davanzali in marmo pietre e graniti Lose per tetti - Mosaici - Camini Piani per cucine e bagni esclusivista vendita LOSE KAELI GREY Via Giordano Freydoz, 7 CHAMPDEPRAZ (Ao) Tel Fax Cel

3 editoriale Vivere la bassa Valle d Aosta è conoscere il suo territorio, i suoi aspetti culturali e poetici, la sua natura legata ad un popolo forte, solido, ancorato alle proprie tradizioni, alla sua storia ed ai suoi principi. Certo, conoscere chi sono: gli Challant, i Vallaise, i Baraing, i Peccoz, ecc. è importante, ma non è tutto. La memoria storica che ha segnato la vita della bassa Valle d Aosta si deve fondere necessariamente con il tempo in cui si vive, ed è proprio questo l obiettivo che Itinerari si pone con gli approfondimenti sulla bassa Valle. Oggi, nella congiuntura che attraversa l intera Europa anche la nostra Valle risente di una crisi che attanaglia l intera società. Promuovere la nostra terra, i nostri VIVERE LA NOSTRA TERRA VERRES MONTJOVET HONE ARNAD PONT ST. MARTIN BARD DONNAS Comuni, le nostre bellezze artistiche e storiche, i nostri prodotti dell agricoltura ed in seno lato il nostro patrimonio artistico e culturale, diventa quindi un traino ed un veicolo dalle intenzioni chiare, quello di interessare e rilanciare l intera area nella quale siamo noi oggi i veri protagonisti. Noi, inteso come popolazione nel suo complesso, dove ognuno può e deve fare la propria parte, sia esso operatore turistico, sociale, imprenditore agricolo, o libero professionista. Lo sforzo è teso ad allargare i confini, a stuzzicare i vicini: piemontesi, liguri e lombardi, per fargli conoscere ed apprezzare le nostre proposte turistiche e culinarie, i nostri appuntamenti di grande richiamo tra cui non possiamo esimerci dal ricordarne alcuni: i Carnevali di Pont Saint Martin e Verres, la Sant Orso e le sagre di Donnas, la festa della Micoula ad Hone, il Marché au Fort a Bard, ed una miriade di piccole manifestazioni popolari. In questi appuntamenti sul territorio si riscopre il gusto dello stare insieme, le stesse ancestrali tradizioni che si ripropongono con immutato calore umano, si riscopre la bontà del genuino e degli antichi piatti che ci collegano al nostro passato di ingredienti e prodotti semplici stupendamente mescolati ai colori ed alle stagioni della nostra terra. Ecco quindi che la guida Itinerari, senza alcuna pretesa, diventa un utile mezzo di informazione e proposta sulle bellezze architettoniche e storiche, con il quale ci auguriamo di cogliere gli obiettivi sopra esposti traducendosi in un mezzo rapido ed efficace di consultazione ed indirizzo, con delle ricadute positive sull economia della nostra bassa Valle. Il direttore Ennio Junior Pedrini PROFESSIONISTA IN VISTA Ottica Ardissone Carmen Assortimento lenti a contatto Misurazione vista Occhiali correttivi e da sole Fotografia digitale PONT-SAINT-MARTIN AO Via E. Chanoux, 39 - Tel. e fax panetteria NON SOLO PANE Via Roma, 4/a BANCHETTE Tel vuoi mangiare bene e sano? la risposta è Damiano PANE - FOCACCIA - PIZZA PANINI FARCITI... E TANTO ALTRO CONSEGNA A DOMICILIO SENZA COSTI DI TRASPORTO aperto: da Lunedì a Sabato dalle 6.30 alle La Domenica e Tutte le festività dalle 6.30 alle 13.00

4 Pont St. Martin Altitudine: 345 m. Superficie: 6,88 Km² Coordinate N E Abitanti Densità 585,61 ab./ Km² Nome abitanti Ponsammartinesi Patrono San Lorenzo Giorno festivo 10 agosto Codice postale Prefisso Comuni confinanti: Carema, Donnas, Perloz TERRITORIO Pont-Saint-Martin è situato allo sbocco della Valle di Gressoney, sul cono di deiezione del torrente Lys. Il suo territorio è caratterizzato da forti pendenze che si addolciscono nella fascia superiore per i grandi accumuli morenici. I rilievi montuosi sono per questo di lieve entità: Monte dell Orso (1302 metri), Monte Perassone (1789 metri), Bric de Charme (1929 metri) e Bec di Nona (2085 metri, massima altitudine raggiunta nel comune). Il comune è attraversato dalla Dora Baltea e da due torrenti: il Lys, proveniente dal ghiacciao delmonte Rosa, e il Rechanter, affluente di sinistra del Lys. Occupa una superficie territorialmente ridotta, che colloca Pont-Saint-Martin al penultimo posto tra i comuni valdostani per estensione. Su un area così piccola, in cui la sola superficie urbanizzata rappresenta circa il 18%, la densità di popolazione è invece molto alta: 552 abitanti per kmq, dato superato soltanto da Aosta. STORIA - Nell antichità il luogo fu chiamato dapprima ad pontem, con semplice riferimento al ponte romano, appartenente alla via consolare delle Gallie. Nell XI secolo, in seguito alla costruzione del Castello dei signori di Bard, posto sul roccione sovrastante il paese, venne edificata una cappella, ancora visibile fuori dalle mura, dedicata a San Martino. Il castello prese quindi il nome di Castrum Sancti Martini. Nell atto del 19 giugno 1214, a seguito di un trattato di pace tra i due fratelli di Bard, Ugo e Guglielmo, quest ultimo assunse l appellativo di Dominus Pontis Sancti Martini. Così, per la prima volta, si dette al territorio il nome che si è tramandato fino ai nostri giorni. MONUMENTI: Il Ponte Romano È un manufatto poderoso, con un unico arco a sesto ribassato di ben 31 metri di luce. Le sue spalle, formate da blocchi ben squadrati di gneiss e micascisti reperiti sul luogo, poggiano sulla viva roccia. La massa muraria è alleggerita da alcune parti in pietrame più piccolo, delimitato da cornici che movimentano la sobria facciata. L intradosso dell arcata presenta cinque anelli paralleli a conci squadrati con quattro opportuni solchi intermedi, riempiti di un amalgama di malta e coccio pestato. Nella parte alta i conci sono legati fra loro con insolite graffe di ferro: si tratta, secondo la leggenda, delle tracce lasciate da Satana! Il ponte, la cui costruzione risale al 25 a.c., costituì per secoli l unico passaggio sull impetuoso torrente Lys. Grazie alla sua considerevole altezza (20,25 m.), non subì alcun danno nelle numerose inondazioni di cui è stato oggetto il territorio circostante. Rimase anche miracolosamente intatto, tra un cumulo di rovine, durante il devastante bombardamento aereo alleato del 23 agosto Il Castello Sul promontorio roccioso sovrastante il capoluogo appaiono le rovine del Castello Vecchio. Da qui si ha Pianeta Ricamo Nuovi arrivi Tessuti, Natale, Patchwork e intimo Disney MAGLIERIA DONNA in filati pregiati Servizio sartoria e ricami Via Emile Chanoux, 86 Pont St. Martin info: Ilaria

5 Pont St. Martin un ottima veduta delle cime Bec Renon (2266 metri), Bec delle Strie (2544 metri), Mont Glacier (3186 metri) e Mont Dela (3139 metri). La parte più antica della costruzione è la primitiva cinta muraria esagonale, con porta al livello del suolo: essa conteneva un probabile donjon, ora scomparso, e potrebbe risalire all XI secolo. Entrando nel castello da una porta a tutto sesto protetta da feritoie si può vedere a sinistra un corpo abitativo risalente al XIII-XIV secolo, con grandi finestre a crociera. Nei diversi vani si possono riconoscere resti di camini monumentali, tra cui quello della cucina, la cui volta ora crollata presentava un apertura centrale. A lato della dimora signorile, nel cortile, si trova una cisterna dall intonaco rosato, pressochè intatta. A est un altro corpo di edifici distrutti conserva la prigione in cui, secondo la leggenda, venne lasciato morire il cugino di Caterina di Perloz rapita da Guglielmo di Bard e rinchiusa nella torre d angolo. Casa forte L Castel I signori di Pont-Saint-Martin, prima di trasferirsi nella casa forte, che avevano fatto costruire nel XV secolo (Quattrocento), abitarono per circa tre secoli nel castello arroccato sul roccione all imbocco della valle del Lys. Il casato dei Pont-Saint-Martin discendeva dalla famiglia dei signori di Bard. Il primo signore di Pont- Saint-Martin si chiamava Guglielmo. Dopo una guerra contro il fratello Ugo si erano divisi i beni e il castello di Pont-Saint-Martin era rimasto a Guglielmo. La casa forte detta l Castel che ha subito diverse trasformazioni e rimaneggiamenti che risalgono a un periodo tra il XV e il XVII secolo. E un vasto fabbricato di tre piani (quattro se si considera l interrato) a forma quadrangolare con ampio cortile. La parte più antica risale al Quattrocento e corrisponde al blocco centrale. Questa parte dell edificio aveva al piano terreno la funzione di magazzino o locale per la lavorazione di prodotti agricoli, mentre i due piani superiori sono i piani nobili residenziali. Un terzo, con finestre a sedile, ha le caratteristiche di un locale di abitazione più modesto. Sul lato sud di quest ultimo piano si può ammirare un ballatoio originario del Quattrocento. Nei primi anni del XVII secolo (Seicento) viene edificato un nuovo corpo di fabbrica a ovest, costruito allo scopo di accentuare le caratteristiche di tipo residenziale: i due blocchi vengono unificati, sono modificati i piani pavimentali, vengono realizzate nuove aperture e percorsi interni. La costruzione è inoltre arricchita dalla presenza di grandi camini (al pianterreno e nel salone del soffitto di legno) e da una piccola cappella nella parte sporgente sulla parte ovest del fabbricato seicentesco). Nell Ottocento è stato costruito un nuovo corpo a nord est che conteneva la rampa di scale che nel recente restauro è stata sostituita con quella attuale. Oggi ospita un museo aperto nei weekend e si presenta completamente ristrutturato. MANIFESTAZIONI PRINCIPALI Carnevale Storico Festa delle Cascine Festa patronale di San Lorenzo complementi arredo tessuti, tende, lampade... e tante idee regalo per la casa e non solo!... negozio...etnico &Country MA.SAR. di SARA ION - Via E. Chanoux 21 Pont Saint Martin (AO) Tel Chiuso il lunedì facebook Sara Ion

6 Donnas Altitudine: 322 m. Superficie: 34,24 Km² Coordinate N E Abitanti Densità 75,96 ab./ Km² Nome abitanti donnassesi Patrono San Pietro Giorno festivo 1 agosto Codice postale Cartoleria Articoli Regalo Orologeria Fotografia TERRITORIO Donnas è famosa per un microclima particolare, mite e senza umidità. Sul territorio si possono ammirare alberi che non sono tipici della nostre latitudini, come il Pino Marittimo che cresce da oltre 120 anni davanti alla Chiesa parrocchiale; senza dimenticare la crescita di un agave sulla collina dell Adret e di alcune palme nei giardini del Borgo, sul lato rivolto verso la Dora. La mitezza del clima è ricordata nella Tsanson dou Pay, pubblicata sul Messager valdotain del 1929: nelle note, si spiega il perchè di questo detto: Donnas est appelé la Nice de la Vallée d Aoste. A cause de son climat si doux, les gens y sont la plupart du temps déchaux: ainsi, ils ne peuvent pas avoir les bas dépareillés (Donnas è detta la Nizza della Valle d Aosta. Grazie al suo clima dolce le persone vanno quasi sempre scalze, così non possono avere i calzini spaiati). I due versanti, Adret e Envers, soprattutto durante l inverno, presentano una notevole differenza. Infatti nell envers le gelate persistono a lungo poiché il sole, nascosto dalle montagne, manca totalmente per circa tre mesi, sia nel fondovalle che nel territorio in quota. STORIA - Donnas in epoca romana si trovava lungo il percorso della via delle Gallie, come dimostra il tratto di strada ben conservato all inizio del paese. Un tempo il borgo sorgeva a meno di un chilometro a ovest del Officina Meccanica - Carrozzeria Vercesi Fabrizio Via Roma, 122 DONNAS (AO) Via Roma, 48 DONNAS (Ao) Tel./fax villaggio di Tréby: nel 1176 un enorme frana distrusse il paese e la primitiva chiesa, il borgo fu quindi ricostruito a ridosso della parete rocciosa.fu un importante centro economico e amministrativo fino al termine del XVII secolo, sotto il controllo diretto dei Savoia e dei signori di Pont-Saint-Martin MONUMENTI: Arco e strada Romana I Romani, oltre che per le capacità militari, fuorono conosciuti per la capacità di dotare di strade le zone conquistate e da conquistare. Roma era quindi raggiungibile da veri e propri assi viari, strutturati in pietra, che permettevano di muoversi rapidamente. Uno di questi, votato a superare le Alpi è la Via delle Gallie. All epoca la Dora Baltea usciva spesso dal suo alveo, in maniera rovinosa e, per evitare interruzioni si predililigeva rimanere a mezza costa, in genere sulla sinistra orografica. Ad ovest del Borgo, a pochi metri dalla cappella di Sant Orso, dove la strada inevitabilmente costeggiava il corso della Dora, sorge l arco romano, scavato e tagliato nella roccia e che fa corpo con la montagna come un contrafforte naturale; la via risulta intagliata per 221 metri nella roccia, con un grande arco che testimonia il lavoro ciclopico svolto: il taglio, narrato nella leggenda del fabbro di Donnas, in certi punti supera i dodici metri e sono individuabili nella roccia le CHIUSO LUNEDÌ Specialità Pierrade LA CAPRICCIOSA Bar - Ristorante - Pizzeria - FORNO A LEGNA - DONNAS Via Roma, 75 - Tel

7 Donnas Tel Cell COLORI LOCATELLI INGROSSO VERNICI CARROZZERIA INDUSTRIA tracce dei livelli raggiunti da squadre di scalpellini. L arco, realizzato fra il 31 e il 25 a.c., misura, in spessore e in altezza, circa quattro metri ed ha una luce di tre metri. Nella parete che fiancheggia la strada è ricavata anche la colonna miliare che porta scolpito il numero romano XXXVI, indicante le miglia che si contavano a partire da Aosta (Augusta Praetoria). Si possono anche notare alcuni scalini che in passato servivano per scendere sulla riva del fiume dove era posto un attracco per le barche. Borgo medievale Superata la maestosa porta orientale, interamente in pietra e costituita da un arco a tutto sesto e percorrendo la strada in discesa verso ovest, il Borgo svela la sua unicità, in quanto mantiene ancora oggi immutata l atmosfera dei secoli passati. Le sue antiche date incise sugli architravi in pietra, i suoi affreschi stinti, come quello della Madonna con le mani giunte, gli antichi stemmi, le scale a viret, i camini d epoca, i soffitti a cassettoni, le sue finestre d epoca, come la grande quadrifora situata di fronte alla piazza comunale e i suoi portoni in noce intagliato, sono solo parte di un vastissimo patrimonio storico, culturale e sociale che oggi diventano il perfetto riassunto dello scorrere del tempo. Torre di Pramotton Sul versante destro della Dora Baltea, su uno sperone roccioso che domina il fondovalle, si innalza la Torre di Pramotton o torre d Aviès (ossia d avis, di avvistamento). Torre massiccia, di forma esagonale, con sei merli in corrispondenza di altrettanti spigoli, rappresenta il primo presidio che si incontra arrivando in Valle dal Canavese. L ingresso è posto, per motivi difensivi, ad una altezza di 4 metri da terra. Sono visibili anche i resti di una cortina difensiva. Per il panorama che si gode dal luogo in cui sorge, è conosciuta anche come Tour de Bellegarde. Fu usata probabilmente come punto di controllo e per collegare visivamente i Castelli di Pont-Saint-Martin e Bard, infatti fu sempre presidiata da uomini armati. Edificata nel XIII secolo dai signori di Bard, il cui feudo fu diviso nel 1214, dopo lunghe ed estenuanti lotte tra i fratelli Ugo e Guglielmo, successivamente, nel 1242, con la complicità degli Challant, la famiglia più potente ed influente della Valle, divenne di proprietà del duca Amedeo IV di Savoia. Palazzo Enrielli Il palazzo dei nobili Enrielli, al centro del Borgo, a nord della piazza comunale, ha una torre scalare cilindrica, ultimo segno dell antico rango. Il portale d ingresso, un pò nascosto, ha gli stipiti in pietra lavorata e l architrave decorato con motivo a chiglia rovesciata. L edificio fu acquistato dal conte Marcantonio Enrielli ( ) che vi elesse il proprio domicilio nel 1694 al momento dell investitura del feudo di Donnas. Oggi il palazzo è sede dell istituto musicale del comune. ATTREZZATURE Via Roma, 162 DONNAS (AO) Comuni confinanti: Arnad, Bard, Carema Hone, Perloz, Pont St Martin Pontboset, Quincinetto Trausella, Traversella MANIFESTAZIONI PRINCIPALI Fiera di Sant Orso Festa patronale di Vert Sagra dell Uva Festa della Castagna profumeria Armonie profumeria bigiotteria Via Roma, 44 DONNAS (Ao) Tel articoli regalo VENDITA PROMOZIONALE articoli magazzino!... pavimenti e rivestimenti a prezzi SCONTATISSIMI via Roma, 131 DONNAS (AO) - Tel

8 Hône Altitudine: 364 m. Superficie: 12,50 Km² Coordinate N E Abitanti Densità 93,04 ab./ Km² Nome abitanti honois Patrono San Giorgio Giorno festivo 23 aprile Codice postale TERRITORIO Il Comune di Hône è situato all imbocco della Valle di Champorcher, sulla sponda sinistra del torrente Ayasse, alla destra orografica della Dora Baltea. È collocato in parte sulla piana e sulla conoide alluvionale di fondovalle dell Ayasse, in parte su due versanti assai ripidi e contrapposti, all imbocco della Valle di Champorcher. Il suo perimetro delinea un quadrilatero i cui lati segnano i confini naturali, in esatta corrispondenza con i quattro punti cardinali: Bard ad est, Donnas a sud, Pontboset ad ovest e Arnad a nord. Tutto il territorio è stato interessato da importanti vicende geologiche, data la sua posizione a ridosso della Chiusa di Bard, allo sbocco di una stretta valle di origine glaciale. L intera superficie può così essere suddivisa in tre settori alquanto diversi fra loro per morfologia, altitudine ed esposizione alla luce solare: il primo è costituito da un fondovalle pianeggiante di origine alluvionale; il secondo è formato dai terrazzi e dalle pendici dell adret, il versante volto verso sud, corrispondente all antico alveo del ghiacciaio che scendeva da Champorcher; il terzo, il più esteso, corrisponde infine alla montagna aspra e selvaggia dell envers. STORIA - La presenza umana certa sul territorio di Hône risale alla tarda età del Bronzo e all età del Ferro ( av. Cristo): ciò risulta da alcuni ritrovamenti, oltre che da abitazioni primitive sotto roccia, massi coppellati e tracce di sentieri alpestri risalenti alla preistoria. Studi lavanderia tintoria servizi a secco piccole riparazioni di Bordet Orietta Via E. Chanoux, 48 HONE (Ao) - Tel Fabbri F.lliMoretti Lavorazione ferro e Inox, portoni basculanti, piccoli impianti irrigazione, cancelli, scale e oggetti d arredo interno Via E. Chanoux, 50 HONE (Ao) Paolo Marco recenti sembrano poi avvalorare alcune ipotesi sulla presenza romana in zona, anche se al momento gli indizi e le testimonianze dirette sono ancora insufficienti. Durante il Medioevo Hône appartenne alla Signoria di Bard; nel 1242 il suo territorio fu diviso in due giurisdizioni sottoposte rispettivamente al dominio diretto dei Savoia ed ai signori di Pont-Saint-Martin, originari essi stessi di Bard. Successivamente il duca di Savoia, in data 4 marzo 1592, infeudò la sua parte ai nobili Bruyset e - nel al conte Giovanni Pietro Marelli, sovrintendente generale alle armi e munizioni dello Stato sabaudo. Pochi anni dopo (1689) il conte Marelli fece costruire, di fronte alla Parrocchiale di San Giorgio, un maestoso château à la moderne tuttora esistente ma bisognoso di restauri mirati. La parte di Hône infeudata ai signori di Pont-Saint-Martin, con l estinzione del casato avvenuta nel 1737, fu dapprima devoluta alla Corona e successivamente infeudata ai nobili Gippa. Negli ultimi tre secoli Hône conobbe - accanto alla sua attività agricola tradizionale - un certo sviluppo legato alla valorizzazione dei suoi piccoli insediamenti metallurgici: fonderie e vecchie fucine dislocate lungo il corso dell Ayasse e, più tardi, industrie metallurgiche vere e proprie fra cui - in particolare - la ben nota Fabrique des clous risalente agli inizi del 900 e fondata dall imprenditore svizzero Giacomo Gossweiler; per giungere poi alle attuali aziende di piccola e media grandezza, operanti in settori FERRAMENTA MATERIALE ELETTRICO DANNA ANDREA Via E. Chanoux 21 HONE (AO) Tel AUTORIPARAZIONI meccanico gommista HONE via Chanoux, 50/A (Ao) Viani

9 Hône che impiegano tecnologie decisamente avanzate. La comunità di Hône conserva anche numerose testimonianze riguardanti il suo passato: fra queste ricordiamo gli antichi rus della zona collinare, in particolare quello superiore documentato a partire dal XV secolo e tuttora funzionante, oltre a quello inferiore, risalente alla seconda metà del Come pure al 1600 e 1700 risalgono le cappelle dei villaggi e soprattutto la ricca iconografia barocca presente nella Chiesa parrocchiale di San Giorgio. Da citare, infine, il solido e svettante campanile - ricostruito in stile romanico nella prima metà del nonché il vecchio ponte medioevale che unisce Bard con Hône, profondamente ristrutturato verso la fine di quel secolo. Sul finire del secolo XVII, dopo la guerra di successione spagnola, il duca di Savoia ordinò la fortificazione di numerose alture in Valle d Aosta. In particolare l unico maniero fortificato rimasto in funzione era il castello di Bard, facilmente aggirabile da entrambi i versanti delle montagne che lo circondavano. A monte di Hône, dalla parte dell envers (versante rivolto verso nord), esiste da tempo immemorabile una strada, molto panoramica, che conduce agli alpeggi a monte di Vert (Donnas). Proprio questa splendida visuale sulla rocca di Bard costituiva un punto di importanza militare strategica a servizio del castello stesso e per questo motivo si costruirono sulla strada dei Pians tre serie di fortificazioni, nelle località La Lienta, Lisahon e Pontollet, località quest ultima dove fu eretta una sorta di casermetta, ora diroccata. Sul versante opposto, a monte del villaggio di Courtil, all inizio del secolo scorso si innalzarono altre fortificazioni contro il possibile pericolo francese. All altezza della strada di Charvaz si costruì una larga strada verso i due villaggi altri di Biel e Courtil destinata a far passare i carri che avrebbero poi portato l artiglieria al Col de Courtil e alla Serra di Biel, luogo in cui si scavò un deposito sotterraneo di armi nella roccia e si costruì un altra caserma. Un altra caserma, oggi usata come stalla, fu costruita poco sotto il Col de Courtil a Plan Fiou. Su tutte e due queste alture vennero poi effettivamente piazzate bocche di cannone smantellate in occasione della prima guerra mondiale. MONUMENTI: Nel centro del paese sorge il Palazzo Marelli, definito dal De Tillier Château à la moderne en forme de palais, costruito dal generale Giovali Pietro Marelli dopo aver acquistato la signoria di Hône e Vert. Da Hône partono vari percorsi per raggiungere dei punti panoramici, come il belvedere di Pourcil e la Serra di Biel. Degne di nota le tre Golilles de Hône lungo il sentiero degli orridi scavati dal torrente Ayasse, percorso che attraversa i quattro comuni di Pontboset (Orrido di Ratus), di Champorcher (Goille di Pourtset), di Fontainemore (Gouffre de Guillemore) e di Hône (Golilles de Hône). Comuni confinanti: Arnad, Bard, Donnas Pontboset MANIFESTAZIONI PRINCIPALI Festa delle Micoula Festa patronale di San Giorgio Crazy Style Tutto ti ona di Erika Vaser Parrucchiera unisex Via Mario Colliard, 3 HONE Aosta Tel Cel D di Brunet Donatella ABBIGLIAMENTO PER BAMBINI GIOCATTOLI BIGIOTTERIA PROFUMERIA ACCESSORI MODA Via E. Chanoux, 81 HONE - Tel pizzeria - ristorante Via E. Chanoux, 13 HONE Tel Cell CHIUSO LUNEDÌ SERA

10 Arnad Altitudine: 361 m. Superficie: 28,73 Km² Coordinate N E Abitanti Densità 46,05 ab./ Km² Nome abitanti arnadins Patrono San Martino di Tours Giorno festivo 11 novembre Codice postale STORIA e MONUMENTI: Castello superiore - Risalente al XII secolo, è situato su un promontorio naturale che domina la frazione di Ville, proprio di fianco al Vallone di Machaby. Il Castello superiore di Arnad viene nominato per la prima volta in una bolla papale del 1207 nella quale viene citata la relativa cappella intitolata a santa Maria Maddalena ed a san Michele, ma non ci sono certezze sulle sue origini e sui suoi primi proprietari. Una prima ipotesi storiografica sostiene che il castello fu fatto costruire da Saverio di Arnad (Xavier d Arnad, o in generale dalla famiglia de Arnado) nel XII o forse XIII secolo. Una seconda ipotesi sostiene invece che il castello apparteneva già nel XII secolo ai signori di Bard, e che sia stato Guglielmo di Bard a riceverlo in dono dai Savoia. Secondo questa ipotesi, divenne di proprietà di Guglielmo di Bard insieme al castello di Pont-Saint-Martin dopo le pesanti lotte che lo videro impegnato in scontri armati col fratello Ugo. Castello inferiore di Arnad - detto anche castello Vallaise (Château Vallaise) o palais de la Costetta, si trova a metà della collina sulla quale sorge anche il castello superiore di Arnad. Ha origini medievali ed ha subito numerose modificazioni strutturali e decorative nel tempo. Il palazzo, in questo primo periodo, era composto da due blocchi di edifici ancora distinguibili, che vennero a lungo So.v.a.c. VENDITA BATTERIE PER: AUTO - CAMION INDUSTRIALI - IMPIANTI FOTOVOLTAICI Fraz. Arnad Le Vieux, 45 - ARNAD (AO) Tel Trattoria des Amis ARNAD (AO) Fraz. Extraz, 7 Tel Cell di Lateltin Fabrizio & C. CUCINA CASALINGA SPUNTINI TIPICI VALDOSTANI È GRADITA LA PRENOTAZIONE SABATO CHIUSO occupati da due diversi rami della casata, i Vallaise-Romagnano e i Vallaise-Montalto. Verso la metà dell Ottocento, la casata dei Vallaise era in declino, il ramo maschile della famiglia estinto. Il castello fu residenza fino al 1852 dell ultima Vallaise, Rosalie de Vallaise figlia di Alexandre[3]: poco prima, nel 1848, il castello era stato venduto al commerciante torinese Giacobini, e successivamente passò di mano in mano fino al 1926, quando venne acquistato dagli ultimi proprietari privati, i De Bernardi. Chiesa di San Martino - Costituisce una interessante testimonianza di architettura romanica in valle d Aosta risalente ai secoli XI e XII, nonché delle trasformazioni quattrocentesche avvenute nel contesto culturale dominato dalla figura di Giorgio di Challant. Per scoprire le origini della chiesa occorre risalire verosimilmente al IX secolo quando essa venne edificata nella piana di Arnad-Le-Vieux come cappella del monastero ivi eretto dai benedettini di Fruttuaria[1]. Di tale periodo rimangono tracce nelle fondazioni murarie e nell abside centrale. Nel corso del XI secolo una delle periodiche inondazioni distrusse la parrocchiale dedicata a Saint-Germain di Auxerre situata più a valle. Fu allora deciso di trasformare la cappella del monastero nella nuova parrocchiale del borgo. L antico edificio fu quasi interamente ricostruito ed alimentari ricevitoria tabacchi LATELTIN giornali Fraz. Extraz, 10 ARNAD - AO Onofrio lotto PAGAMENTO IMMEDIATO Compro Oro IVREA (TO) C.so Vercelli, 16 Tel STRAMBINO C.so Torino, 23 Tel RIVAROLO Via Trieste, 28 Tel CASTELLAMONTE L.go Tolentino Tel

11 Arnad ingrandito, ed assunse una struttura basilacale a tre navate che ha poi conservato nel tempo. Le strutture murarie della chiesa romanica realizzate tra i secolo XI e XII sono quasi interamente in pietra: furono impiegati infatti essenzialmente ciottoli di fiume e conci di tufo[2] La copertura della chiesa era probabilmente assicurata da un tetto a capriate sulla navata centrale e da volti a botte su quelle laterali [3]. È verosimile, per comparazione con moltissime altre basiliche romaniche, che sotto la zona absidale fosse presente una cripta. La chiesa era dotata di un campanile di cui sono rimaste oggi le murature romaniche che arrivano fino al livello delle prime monofore (il resto è il risultato di interventi successivi). Santuario di Notre-Dame-des-Neiges - Sorge in località Machaby a 696 m s.l.m. nel comune di Arnad e fa parte degli antichi santuari valdostani posti in località isolate e meta di processioni devozionali. Si sa per certo che il santuario esisteva già nel 1503, ma era di dimensioni molto ridotte rispetto a quelle attuali. Nel 1687 l edificio fu ricostruito mantenendo intatto il vecchio presbiterio; nel 1689 vennero aggiunte le navate laterali e la sacrestia. L architrave della porta d ingresso è datato 1687 ed il portico 1735; il campanile fu costruito nel Il presbiterio presenta una volta a cupola affrescato dai pittori Artari e sorretta da tamburo ottagonale. L edificio è a tre navate suddivise da colonne in pietra e da due pilastri in prossimità dell altare maggiore. Le pareti interne sono ricoperte da ex voto, tra cui un gran numero di stampelle. L altare maggiore, con quattro colonne lisce a base tortile e architrave ad arco spezzato, risale al XVII secolo. Nella nicchia centrale era posta la statua in legno scolpito e dipinto della Madonna, ora conservata nella chiesa parrocchiale di Arnad. Nelle navate laterali si trovano due altari databili al XVIII secolo. Degno di nota è il pulpito in pietra sorretto da colonnine, forse del XVII secolo. In un corpo separato, dietro il santuario, sono affrescati, all interno delle nicchie, i Misteri del Rosario. Nel piazzale antistante vi sono una croce in pietra e le statue litiche di San Grato e di San Girolamo. In prossimità del sagrato si trovano due grandi edifici costruiti nel XIX secolo per ospitare i pellegrini. Ogni anno, il 5 agosto vi si celebra la festa della Madonna delle Nevi. Un antica leggenda vuole che il Santuario sia stato costruito sul luogo in cui fu rinvenuta la statua lignea della Madonna: secondo tale leggenda, i pastori che l avevano trovata in un cespuglio la sistemarono subito nell oratorio del villaggio sovrastante; ma, miracolosamente, il giorno dopo, la statua era di nuovo nel medesimo cespuglio, come ad indicare il luogo prescelto per il sacro edificio Comuni confinanti: Bard, Challand S. Victor, Donnas, Hone, Issime, Issogne, Perloz, Pontboset, Verres MANIFESTAZIONI PRINCIPALI Veillà en Veulla Festa del Lardo di Arnad Festa Patronale di Machaby M.I.M.A. Fraz. Extraz, 23 ARNAD (Ao) Cel di Matteo Cortinovis installazione e manutenzione macchine da bar Specialità Raclette Gelati di produzione propria Merende tipiche (a tutte le ore) Piccole cene Cene di pesce, Fiorentine su prenotazione CHIUSO MERCOLEDÌ S. Statale 26 n 25 ARNAD (Ao) AUTOFFICINA ANSELMO RENÈ CENTRO REVISIONI AUTORIZZATO Riparazione - Vendita Auto Nuove e Usate Frazione Echallod inferiore, 43 - ARNAD (AO) Tel. e Fax FARMACIA BRAMATO DR. PASQUALE Fraz. Clapey, 24 ARNAD (Ao) - Tel

12 Verres Altitudine: 391 m. Superficie: 8,21 Km² Coordinate N E Abitanti Densità 335,93 ab./ Km² Nome abitanti verrezziesi Patrono sant Egidio (St. Gilles) Giorno festivo 1 settembre Codice postale TERRITORIO - Il territorio comunale di Verrès si estende nella bassa valle centrale della Dora Baltea, in corrispondenza dell imbocco della Val d Ayas. STORIA - Verrès fu fondato in epoca romana con il nome di Vitricium. Nel XIII secolo, il suo territorio divenne un feudo dei signori De Verrecio, per essere ceduto in seguito a Ibleto di Challant alla metà del secolo successivo. Fu Ibleto a ordinare la costruzione del castello di Verrès. In questo maniero-residenza, ogni anno ricorre la celebrazione del carnevale storico (vedi oltre), che ricorda le vicende di Caterina di Challant e di Pierre d Introd. A partire dal XI secolo, la storia di Verrès si legò indissolubilmente a quella della Prevostura di Saint-Gilles, il cui complesso ancora oggi sovrasta il paese. MONUMENTI: Il Castello di Verres - Costruito su di un picco roccioso che domina il sottostante borgo, il castello è citato per la prima volta nel 1287 come proprietà dei signori De Verretio. Fu Ibleto di Challant, esponente di una delle principali famiglie nobili valdostane, che nell ultimo decennio del XIV secolo fece assumere al maniero la forma attuale, secondo una tipologia edilizia del tutto innovativa. Il castello, a differenza degli altri esempi valdostani costituiti da diversi edifici chiusi in una cinta di mura, si presenta come un blocco compatto, di circa trenta metri di lato, dal carattere prettamente militare. Il suo interno invece appare meno austero e rigido, grazie alla maestosità e all ariosità dello scalone nel cortile impostato su archi rampanti e alla decorazione delle finestre, delle porte e delle mensole dei camini monumentali, dovuti a eccellenti maestranze. Dalla metà del 1500, in seguito all estinzione della casata, inizia il declino del castello, che culmina con il suo abbandono per più di tre secoli. Alla fine dell 800 la fortezza viene restaurata, grazie all azione svolta da un gruppo di intellettuali piemontesi, tra i quali spiccano Alfredo d Andrade, Vittorio Avondo, Giuseppe Giacosa. La Collegiata di Saint Gilles - Il complesso architettonico della Prevostura di Saint-Gilles sorge all imbocco della valle di Challand-Ayas. Vi si accede dagli angoli della piazza René de Challant, mediante una cordonata doppia che in uno dei suoi rami prende avvio dal primissimo tratto della bastiota. Una tradizione non storicamente provata fa risalire la fondazione del convento di Saint-Gilles ( Sant Egidio) al 912, attribuendola a Gisella (Egidia), moglie di Adalberto I, marchese di Ivrea, e figlia di Berengario I, re d Italia e, dal 915 al 923, imperatore. Un altra tradizione ne sposta la PORRO SANDRO LAVORAZIONE MARMI GRANITI ARTE FUNERARIA Via Glair, 3 VERRES Tel Cel Fax net Vallée service s.r.l. impresa di pulizie civili ed industriali PUNT Le jardin fleuri Composizioni floreali fresche ed essicate NET Cell Tel Fax SERVIZIO INTERFLOWERS oggettistica addobbi per cerimonie Via Duca d Aosta 18 Verres (Ao) - Tel

13 Verres fondazione alla fine di quello stesso X secolo e la attribuisce ai marchesi di Monferrato. In realtà i canonici di Saint-Gilles di Verrès sono citati per la prima volta in un documento redatto verso il Da una bolla indirizzata al prevosto loro superiore, da papa Innocenzo III nel 1207, si apprende che i canonici di Saint-Gilles di Verrès seguivano per la loro vita comunitaria la regola di sant Agostino. La Prevostura di Verrès possedette nel Medioevo anche uno scrittorio ed una scuola per la formazione del clero. Nei primi anni del Quattrocento, Ibleto di Challant, il costruttore del castello, interveniva sul complesso architettonico medievale di Saint-Gilles - oggi illeggibile - per sistemarvi la sua cappella sepolcrale nella cui cripta sarà sepolto nel Verso la metà dello stesso XV secolo altri lavori interessarono la chiesa che si trovava in posizione diversa rispetto a quella attuale. Ma l intervento più importante fu operato dal prevosto Carlo di Challant che, attorno al 1512, fece costruire la grande torre campanaria e l ala ovest del convento. Carlo - fratello del conte Filiberto e cugino di Giorgio, quest ultimo priore di Sant Orso ad Aosta e ricostruttore del castello di Issogne - aveva ricevuto proprio da Giorgio, che vi aveva rinunciato in suo favore, la carica di prevosto di Saint-Gilles. Con Giorgio tale carica era Barbiere Mario (senza appuntamento) Colore 25,00 Taglio 11,00 Piega corta 12,00 tutti i giorni dalle 19 alle 19 - domenica 9-12 Via Circonvallazione 36 - VERRES - tel diventata una commenda, essa cioè non obbligava più il titolare a risiedere nel convento e ad osservarne la regola monastica. Il 25 maggio 1800 il convento di Verrès ospitò, per la notte, Napoleone che con le sue truppe, scendendo dal Gran San Bernardo, attraversava la Valle dando inizio alla sua seconda campagna d Italia. Quello stesso Napoleone, nel 1802, soppresse la comunità di Saint-Gilles che fu ristabilita soltanto nel Ma nel 1855, le leggi Rattazzi con cui lo Stato sardo confisca numerosi beni ecclesiastici mettono di nuovo in gravissime difficoltà la Prevostura di Verrès. La situazione va continuamente peggiorando tanto che, nel 1911, per volere di papa Pio X, i canonici di Saint-Gilles sono uniti ai canonici lateranensi. La Murassa - Nel 1512, anno in cui innalzava la torre campanaria di Saint-Gilles e rinnovava il convento medievale, il prevosto Carlo di Challant faceva edificare, come dipendenza della Prevostura, la cascina Murasse, venutasi oggi a trovare nei pressi del casello autostradale. L edificio della cascina è formato da una cinta muraria merlata su un lato, dalla lunga e bassa costruzione della stalla a volta ribassata e dalla torre colombaia - simile a quella che Giorgio aveva innalzato nei pressi del castello di Issogne. Attualmente viene utilizzata per eventi e manifestazioni. martedì chiuso Comuni confinanti: Arnad, Montjovet, Champdepraz, Issogne Challand St. Victor MANIFESTAZIONI PRINCIPALI Carnevale Storico Festa di San Rocco Festa Patronale di Sant Egidio Mercatino sotto il Castello Festa di Sant Agostino ristorante pizzeria VERRÈS (AO) Via Circonvallazione, 27 tel macelleria Dublanc Franco Carni sempre fresche - Salumi di produzione propria VERRES (AO) - Via Duca d Aosta, 6/a Tel Taglio dal classico alle ultime tendenze a 11,00 Parrucchiera Patrizia PIATTI da ASPORTO agnolotti, lasagne, insalata di mare, insalata russa, pollo, nervetti, vitello tonnato, lingua al verde, roast-beef

14 Montjovet Altitudine: 406 m. Superficie: 18 Km² Coordinate N E Abitanti Densità 102,72 ab./ Km² Nome abitanti montjouvains Patrono Natività della Beata Vergine Giorno festivo 8 settembre Codice postale MANIFESTAZIONI PRINCIPALI Festa Patronale di Montjovet Sagra del Fungo TERRITORIO Si estende su un territorio molto vasto, di oltre 18,7 km² di pianura e di collina, dai 370 m di Plout, al confine con Verrès, fino ai 2174 m del Mont Lyan. La sua posizione strategica tra la bassa e la media valle, sia all envers che all adret, ha da sempre rappresentato una via di transito obbligatorio verso la Francia e la Svizzera; ne sono testimoni numerose e importanti tracce storiche. Il territorio comunale è attraversato dal Rû d Arlaz, uno dei più importanti canali irrigui della Valle d Aosta, scavato nel XV secolo per portare le acque dell Evançon da Challand-Saint- Anselme fino alle zone esposte a sud del fondovalle, più secche. STORIA Pur esistendo tracce di insediamenti umani risalenti al Neolitico (incisioni rupestri in località Chenal e tombe a cista), Montjovet deve la propria toponimia ai Romani, Mons Jovis, il monte di Giove, alla cui divinità avevano dedicato un tempio. Tratto di Via delle Gallie scavato nella roccia e tomba romana lungo la SS 26. Montjovet conobbe il suo splendore nel medioevo, quando ebbe i propri feudatari, per poi passare agli Challant, allorché le gabelle facevano la fortuna delle signorie locali, la cui potenza era materializzata dai castelli di Chenal e di Saint-Germain. La signoria di Montjovet si estendeva agli attuali comuni di Saint-Vincent, Émarèse, Champdepraz, Montjovet e alla frazione di Saint-Germain, che fungevano da tappe obbligate per i viandanti (mercanti, ma anche pellegrini lungo la Via Francigena) ed erano pertanto ricchi di ospizi. Un eredità di quel periodo sono anche le case del borgo (Bourg de Montjovet), con i loro imponenti portali d epoca. L attuale Mongiovetta, tratto della SS26, fu realizzata solo nel 1771, quando il re Carlo Emanuele III migliorò il percorso esistente per facilitare il commercio e lo sfruttamento delle acque termali, come ricorda l incisione sulla lapide che sovrasta i primi tornanti. La leggenda di Giove Il tempio di Giove doveva essere situato a Barmas dove l immagine del re degli Dei sembra essere fissata nella roccia. La leggenda narra infatti che Giove approfittasse della sua onnipotenza per terrorizzare gli abitanti del vallone di Petit- Monde ostruendo con enormi sassi il defluire delle acque del fiume, schiacciando i viandanti, o sradicando il villaggio di Rodoz (pron. Rodò ) per spostarlo sull orlo del burrone. A porre fine allo strapotere ci penso Dio inviando sulla terra due angeli che, messo alle corde il prepotente, non gli lasciarono scampo alla vendetta divina che lo schiacciò contro la roccia sulla quale si sarebbe impressa la sua immagine. Eugenia - dal Borettaz Elena TENDAGGI e TAPPEZZERIE Loc. Lillaz, 3 MONTJOVET (AO) Tel./Fax restaurant irish pub hotel nigra.é Fraz. Berriat, 13 Montjovet (AO) %0166/ chiuso il martedì ti piace vincere facile? Vieni da Christian e Stefano Fraz. Berriat, 6 - MONTJOVET Tel ricevitoria - tabaccheria - edicola - cartoleria scommesse sportive Matchpoint LEO CARAVAN VENDITA CAMPER NUOVI RIMORCHI ACCESSORI CAMPER - NOLEGGIO CAMPER S.S Loc Broccard, 12 MONTJOVET (Ao) Cell

15 Bard Panificio Pasticceria Panificio e grissinificio artigianali produzione propria colombe e panettoni Via Aosta, 49 BORGOFRANCO - Tel TERRITORIO Bard è il comune più piccolo della Valle d Aosta. È situato presso una gola posta vicino all ingresso della valle, dove la valle della Dora Baltea tocca il suo punto più stretto. Nel punto in cui il fiume compie una brusca svolta, si innalza una roccia su cui si situa la fortezza ottocentesca. Tra Verrès e Pont- Saint-Martin, il forte domina lo sperone roccioso che sovrasta il borgo di Bard, passaggio obbligato della via romana consolare delle Gallie. Ai piedi del forte si trova il borgo di Bard, collegato a Hône da un ponte sulla Dora. STORIA La zona attorno all odierno borgo venne abitata sin dal Neolitico, come testimoniano incisioni su pietre molto grandi. Per lungo tempo dominio della signoria dei Bard - il cui influsso si estendeva lungo tutta la vicina valle di Champorcher - Bard, per la sua posizione strategica, al centro di una profonda ed angusta gola, era considerata nell antichità un sicuro baluardo contro le invasioni. Bard, oltre allo storico forte, presenta ancor oggi il tipico assetto urbano del borgo medioevale, con apprezzabili edifici risalenti al XV. e XVI secolo, fra cui la Casa del Vescovo, Casa Valperga, Casa Ciucca e Casa della Meridiana. Di particolare eleganza il palazzo dei nobili Nicole, ultimi conti di Bard, risalente al Settecento. Nel vecchio borgo è possibile visitare anche Casa Challant, quartier generale dei lavori compiuti a fine anni novanta - primi anni duemila, con il contributo della comunità europea, per il recupero del forte e del borgo. Nella piazza ove è situato il moderno edificio del nuovo municipio si erge anche la chiesa parrocchiale, intitolata all assunzione di Maria, la cui storia risale al XII secolo. Nella forma odierna, a pianta rettangolare a una sola navata, preceduta da una scala in pietra e da un porticato, fu realizzata verso la metà del XIX secolo. Il campanile ha mantenuto forme romaniche: esso ha forma di imponente torre quadrata sulla quale si aprono finestre monofore e bifore. Geositi archeologici Sono presenti numerosi segni dell esistenza dell antico ghiacciaio che occupava la valle della Dora Baltea fino a circa anni fa: emergenze rocciose con segni di erosione e dossi modellati dalla pressione della massa glaciale in forme allungate, massi erratici sparsi e marmitte dei giganti (cavità formate dai detriti trasportati dai torrenti subglaciali), tra cui una di circa 7 m di profondità e 4 m di diametro (geosito Archeoparc). IL TUO BANCO AL MERCATO Altitudine: 400 m. Superficie: 3,02 Km² Coordinate N E Abitanti 132 Densità 43,71 ab./ Km² Nome abitanti bardesi Patrono santa Maria Assunta Giorno festivo 15 agosto Codice postale MANIFESTAZIONI PRINCIPALI Marché au Fort Estate al Forte di Bard Noel au Bourg le specialità Loris Simona & Claudio MALZANI...formaggi e salumi tipici MONTALTO DORA Lunedì: Verres - Martedì: Bollengo Mercoledì Montalto Dora Giovedì Hone - Venerdì Ivrea Sabato Pont Saint Martin PRESENTANDO QUESTO TAGLIANDO RICEVERAI 15 IN OMAGGIO PER OGNI 20 GRAMMI D ORO PORTATO SIAMO A: PROMOSIONE NON CUMULABILE CON ALTRE OFFERTE. IVREA - VIA TORINO, 267 TEL: COSSATO - VIALE G. PAJETTA, 6A TEL:

16

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale «L. Vanvitelli» Corso di Caratteri costruttivi dell edilizia storica A.A. 2012/2013 Prof. arch. Francesco Miraglia

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

CHIESE E ORATORI DI RASSA. Chiesa parrocchiale

CHIESE E ORATORI DI RASSA. Chiesa parrocchiale CHIESE E ORATORI DI RASSA Chiesa parrocchiale La parrocchiale anticamente non era che una semplice chiesuola dedicata a S. Maiolo, o direm meglio, questa chiesuola era dove si facevano i divini officii,

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

Alla scoperta del. Museo Archeologico e della Città

Alla scoperta del. Museo Archeologico e della Città Museo Archeologico e della Città Alla scoperta del Una parte del complesso del Priamàr rimane spesso nascosta al visitatore: si tratta di un insieme di gallerie, cunicoli e sale sotterranee, che solo in

Dettagli

Castello di Montecuccolo

Castello di Montecuccolo Castello di Montecuccolo PAVULLO - Modena DOMENICA 26 OTTOBRE 2014 L imponente maniero, arroccato su uno sperone roccioso a guardia della valle dello Scoltenna e delle vie di comunicazione con la Toscana,

Dettagli

Umbria Domus. Il Castello sul Lago. Agenzia Immobiliare. www.umbriadomus.it - info@umbriadomus.it. 430 mq 8 8. Castello di origine medievale.

Umbria Domus. Il Castello sul Lago. Agenzia Immobiliare. www.umbriadomus.it - info@umbriadomus.it. 430 mq 8 8. Castello di origine medievale. Umbria Domus Agenzia Immobiliare Il Castello sul Lago 430 mq 8 8 Tipologia: Contratto: Superficie: Castello di origine medievale Vendita circa 430 mq Piani: 3 Terreno: Piscina: Stato: 65.068 mq no Abitabile

Dettagli

Morano Calabro Chiesa di San Bernardino

Morano Calabro Chiesa di San Bernardino Itinerario stampabile scaricato dal sito Morano Calabro Morano Calabro Chiesa di San Bernardino La chiesa di San Bernardino da Siena e l annesso convento sono un importante esempio di architettura francescana

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

Arco. nella storia, nella natura. Itinerario di visita alla città

Arco. nella storia, nella natura. Itinerario di visita alla città Arco nella storia, nella natura Itinerario di visita alla città La visita ad Arco può cominciare, appena superato il ponte sul fiume Sarca, nella piazzetta San Giuseppe, all inizio di via G. Segantini.

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura San Pietro di Feletto e i suoi dintorni Arte e Cultura Millenaria Pieve di San Pietro La Pieve di San Pietro, eretta intorno all anno Mille, è uno scrigno d arte e di storia. L ampio porticato ed il campanile

Dettagli

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61.

San Benedetto Belbo. altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel. 0173/79.61. PIERO FRIGGERI - Comunità Montana di Bossolasco - Etnografia e Storia San Benedetto Belbo altitudine m. 637 Superficie: km² 4,97 Abitanti: 215 (nel 1961 abitanti 282) Municipio: v. Fratelli Cora, 1 - tel.

Dettagli

UMBRIA. Viaggio d Istruzione. Salve Umbria verde. e TU del puro fonte nume Clitumno!

UMBRIA. Viaggio d Istruzione. Salve Umbria verde. e TU del puro fonte nume Clitumno! UMBRIA Viaggio d Istruzione Salve Umbria verde e TU del puro fonte nume Clitumno! Sento in cuor l antica patria e aleggiarmi su l accesa fronte gl itali iddii. (Giosuè Carducci) Dal 14 al 16 maggio 2014

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Rif 374 - CASTELLO GALLENGA STUART Trattativa Riservata CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Perugia - Perugia - Umbria www.romolini.com/it/374 Superficie: 3500 mq Terreno: 6 ettari Camere: 28 Bagni:

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Si difende ciò che si ama, si ama ciò che si conosce. Progetto Scuole 2015/2016 Delegazione FAI di Torino. FAI la conoscenza

Si difende ciò che si ama, si ama ciò che si conosce. Progetto Scuole 2015/2016 Delegazione FAI di Torino. FAI la conoscenza Si difende ciò che si ama, si ama ciò che si conosce Progetto Scuole 2015/2016 Delegazione FAI di Torino FAI la conoscenza INDICE pag. 3 pag. 4 Obiettivi FAI - La conoscenza della tua città - Torino Romana

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

I GIORNO: Ore 14.30 Arrivo e sistemazione presso la struttura alberghiera Hotel****Casarossa

I GIORNO: Ore 14.30 Arrivo e sistemazione presso la struttura alberghiera Hotel****Casarossa Fondata da coloni Greci provenienti dalla regione dell Acaia alla fine dell VIII secolo a.c., Crotone fu una delle più importanti città della Magna Grecia. Situata sul versante est della Calabria, più

Dettagli

TORRENTE TAMMARECCHIA

TORRENTE TAMMARECCHIA al fine di far conoscere le caratteristiche storiche culturali, ambientali ed economico- produttive del proprio paese e delle zone limitrofe e per valorizzare il territorio. Il nostro paese, ubicato a

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA

GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA GLENDA CASERTA IL RILIEVO DEL CASTELLO DI LIMATOLA 1. Introduzione Ogni indagine storica operata su di un manufatto storico è imprescindibile da un corretto ed accurato rilievo, in particolar modo quando

Dettagli

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato

ELEMENTI DI RISORSA. Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato ELEMENTI DI RISORSA Albero monumentale Filare Piantata Doppio filare / Viale alberato Giardino storico o di pregio Zona boscata / Verde di pregio Macero Siepe Pilastrino Edificio di culto Torre / Ed. fortificato

Dettagli

Complesso Reniccioli

Complesso Reniccioli Complesso Reniccioli Alcune informazioni sui restauri del complesso Reniccioli. Il primo restauro effettuato sotto la direzione dell arch. A. Tosatti, nel 1970 riporta allo splendore iniziale, la villa.

Dettagli

Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di Pistoia

Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di Pistoia Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di Pistoia Con la presente siamo ad inviarvi informazioni riguardanti la nostra rete museale, gestita dall Istituto di Ricerche Storiche e Archeologiche di

Dettagli

Prot. n. 0275 1/3 Torino, 11 maggio 2010. Alle Società di Ginnastica sez. G.R.

Prot. n. 0275 1/3 Torino, 11 maggio 2010. Alle Società di Ginnastica sez. G.R. FEDERAZIONE GINNASTICA D ITALIA COMITATO REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA Via Giordano Bruno, 191-10134 TORINO - Tel. 011/543600 - Telefax 011/533895 e-mail fgicrpv@alma.it sito web www.federginnastica-crpva.it

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3436 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BALBONI, SPECCHIA, ZAPPACOSTA, MULAS, BATTAGLIA Antonio, TOFANI e MORSELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 19 MAGGIO

Dettagli

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone 2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone Sulmona (L Aquila) Introduzione L edificio oggetto dell intervento è situato nella valle del fiume Gizio, alle falde del Monte Morrone e a poca distanza dall

Dettagli

www.valledichamporcher.it

www.valledichamporcher.it ARRIVARE SCOPRIRE ARRIVARE Benvenuti in Valle d'aosta! La Valle di Champorcher si trova in una delle più belle regioni italiane, la Valle d'aosta. La Valle di Champorcher è la prima valle che si incontra

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM

GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM Con il sostegno di ==============================comunicato stampa Torino, 14 febbraio 2013 GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM DOMENICA 17 FEBBRAIO TOUR GUIDATI E GRATUITI CON LE GUIDE TURISTICHE DELL ASCOM

Dettagli

Serravalle Langhe. altitudine m. 762

Serravalle Langhe. altitudine m. 762 PIERO FRIGGERI - Comunità Montana di Bossolasco - Etnografia e Storia Superficie: km² 9,09 Abitanti: 319 (nel 1961 abitanti 499) Municipio: p. Municipio - tel. 0173/74.81.02 Serravalle Langhe altitudine

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

1 > FINIBUS TERRAE ITINERARY Verso Sud, dal Borgo di Specchia al Capo di Leuca

1 > FINIBUS TERRAE ITINERARY Verso Sud, dal Borgo di Specchia al Capo di Leuca Stato/Italy > Area/Provincia di Lecce > Tappe/ Finibus Terrae 1 > FINIBUS TERRAE ITINERARY Verso Sud, dal Borgo di Specchia al Capo di Leuca Posti da visitare > 1.1 Specchia > 1.2 Santa Maria di Leuca

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

L assistenza tecnica è fornita da

L assistenza tecnica è fornita da L assistenza tecnica è fornita da Ai margini del mondo latino, tra vecchi monasteri con i santi, castelli con conti e vampiri, in una natura ancora incontaminata: la Romania una nazione antica alle porte

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

Tour della Liguria e della Toscana

Tour della Liguria e della Toscana Tour della Liguria e della Toscana Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com - info@tasteandslowitaly.com

Dettagli

SPORT & WELLNESS. i 4000 delle Alpi e il Canavese

SPORT & WELLNESS. i 4000 delle Alpi e il Canavese SPORT & WELLNESS i 4000 delle Alpi e il Canavese Splendida vacanza di una settimana nella regione nord occidentale dell Italia, alla scoperta delle cime più belle del Piemonte e della Valle d Aosta. Non

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

Da venerdi 11 a domenica 13 LUGLIO 2014 VIAGGIO AD AOSTA nel bimillenario augusteo

Da venerdi 11 a domenica 13 LUGLIO 2014 VIAGGIO AD AOSTA nel bimillenario augusteo Da venerdi 11 a domenica 13 LUGLIO 2014 VIAGGIO AD AOSTA nel bimillenario augusteo (durata 3 giorni 2 notti) Il nostro ultimo appuntamento dedicato alla ricorrenza del Bimillenario Augusteo, iniziata lo

Dettagli

IL GOTICO. L Inghilterra. Cattedrale di Ely, le volte

IL GOTICO. L Inghilterra. Cattedrale di Ely, le volte IL GOTICO L Inghilterra Cattedrale di Ely, le volte GOTICO INGLESE L Inghilterra aveva stretti contatti con la Normandia poichè era stata conquistata dai Normanni nel 1081 Attraverso questa via arrivò

Dettagli

CAMMINARE NEL CUORE DELL ALTO ADIGE: LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO. un viaggio a piedi di 7 giorni

CAMMINARE NEL CUORE DELL ALTO ADIGE: LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO. un viaggio a piedi di 7 giorni CAMMINARE NEL CUORE DELL ALTO ADIGE: LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO un viaggio a piedi di 7 giorni Nelle ombre delle dolomiti a sud delle Alpi si cammina nel centro dell Alto Adige. Tra Bressanone,

Dettagli

ViaLucmagn Un appassionante viaggio tra Nord e Sud. ViaLucmagn

ViaLucmagn Un appassionante viaggio tra Nord e Sud. ViaLucmagn ViaLucmagn Un appassionante viaggio tra Nord e Sud ViaLucmagn 3 Le capre dell Alp Puzzetta 5 Scendendo verso Sommascona La Via Maestra, che porta dal monastero dei Benedettini di Disentis (GR) a Olivone

Dettagli

Salita e visita alla cupola del Santuario di Vicoforte, capolavoro del Barocco. 1 maggio - 31 ottobre 2015. Santuario di Vicoforte (CN) Italia

Salita e visita alla cupola del Santuario di Vicoforte, capolavoro del Barocco. 1 maggio - 31 ottobre 2015. Santuario di Vicoforte (CN) Italia Salita e visita alla cupola del Santuario di Vicoforte, capolavoro del Barocco 1 maggio - 31 ottobre 2015 Santuario di Vicoforte (CN) Italia L evento La cupola del Santuario di Vicoforte è una delle più

Dettagli

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO Martedì, 1 marzo siamo andati a Palazzo Cisterna di Torino. Questo palazzo, tanti anni fa, era di proprietà di Amedeo I di Savoia, duca d Aosta, re di Spagna e sua moglie

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE PRELIMINARE

RELAZIONE PRELIMINARE IL RIPRISTINO DEL PONTE SEICENTESCO DELLA MADONNA DEL CANALE VILLA DI TRESANA RELAZIONE PRELIMINARE Comune di Tresana Il corso d acqua denominato fosso della Madonna del canale, nel corso del disastroso

Dettagli

VIENNA, BUDAPEST E BRATISLAVA Da venerdì 2 a martedì 6 gennaio 2015 Inizio d anno nella Mitteleuropa

VIENNA, BUDAPEST E BRATISLAVA Da venerdì 2 a martedì 6 gennaio 2015 Inizio d anno nella Mitteleuropa VIENNA, BUDAPEST E BRATISLAVA Da venerdì 2 a martedì 6 gennaio 2015 Inizio d anno nella Mitteleuropa Il bel Danubio blu mette in comunicazione tre dei maggiori centri dell Est Europa. Vicini e diversi,

Dettagli

FOTO. Panorama di Torino. Nel 2008 l'area torinese ha registrato una presenza di 5,3 milioni di turisti. Torino - La Mole Antonelliana

FOTO. Panorama di Torino. Nel 2008 l'area torinese ha registrato una presenza di 5,3 milioni di turisti. Torino - La Mole Antonelliana FOTO Panorama di Torino Capoluogo dell'omonima provincia, con 2,3 milioni di abitanti. È una delle province più estese d'italia oltre ad essere la provincia con il più alto numero di comuni (315). Torino

Dettagli

LA VALLE UMBRA: IL CUORE DEL UMBRIA

LA VALLE UMBRA: IL CUORE DEL UMBRIA LA VALLE UMBRA: IL CUORE DEL UMBRIA Lo scenario di questo viaggio in bicicletta è la verde Valle Umbra, fertile e ricca d'acqua. In questa Valle, circondata da montagne e colline coperte da oliveti e vigneti,

Dettagli

PALAZZINA DELL OROLOGIO

PALAZZINA DELL OROLOGIO Un illustre dimora che gode da secoli di fascino e splendore. In Italia non sono molte le residenze d epoca ricche di charme bellezza e di un glorioso passato come Villa Reale. L eleganza senza tempo dell

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

ATTIVITà DIDATTICHE 2015/2016

ATTIVITà DIDATTICHE 2015/2016 TTIVITà DIDTTICHE 2015/2016 Per le strade e i musei di Torino, dall NTICO EGITTO alla MGI del CINEM, dalle TMOSFERE BROCCHE ai PROTGONISTI del RISORGIMENTO: attività ludico-culturali per bambini e ragazzi

Dettagli

Villa della Cupa. Loc. La Cupa Colle di Nocera Umbra. Prof. Francesco Rambotti Email: info@villadellacupa.com

Villa della Cupa. Loc. La Cupa Colle di Nocera Umbra. Prof. Francesco Rambotti Email: info@villadellacupa.com Villa della Cupa Loc. La Cupa Colle di Nocera Umbra Prof. Francesco Rambotti Email: info@villadellacupa.com RELAZIONE STORICO-DESCRITTIVA Villa della Cupa, nel comune di Nocera Umbra, è il toponimo di

Dettagli

PALAZZO PEPOLI BENTIVOGLIO

PALAZZO PEPOLI BENTIVOGLIO PALAZZO PEPOLI BENTIVOGLIO ZOLA PREDOSA - BOLOGNA il complesso La villa e le pertinenze Il complesso di Palazzo Bentivoglio, antica nobilissima residenza di campagna costruita tra la fine del XV e l inizio

Dettagli

Nuovo Municipio di Camparada (Mi)

Nuovo Municipio di Camparada (Mi) Progetti Roberto Gamba La Brianza, da Monza, si prolunga verso le Prealpi del Comasco e del Lecchese. Il suo nome pare derivi dalle parole celtiche brig e anth, monte e passaggio. Oggi la regione è ricca

Dettagli

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni LA CATTEDRALE 1. CATTEDRALE Tempio greco nel VI sec. a.c., moschea nel IX sec.d.c., chiesa medievale nei secoli seguenti, presenta la facciata barocca aggiunta

Dettagli

Torino, i Laghi Maggiore e d Orta, i castelli del Piemonte e della Valle d Aosta, Le Langhe

Torino, i Laghi Maggiore e d Orta, i castelli del Piemonte e della Valle d Aosta, Le Langhe Torino, i Laghi Maggiore e d Orta, i castelli del Piemonte e della Valle d Aosta, Le Langhe Torino Galleria Subalpina ed arte contemporanea durante Luci d Artista PROGRAMMA 12 giorni 1 giorno: Arrivo a

Dettagli

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65 La Facciata Ci vollero tre secoli per scolpire nella pietra, modellare nel bronzo e figurare con tessere di mosaico il volto del Duomo, delineandolo attraverso un articolato programma narrativo incentrato

Dettagli

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente LA GITA NEL SALENTO La gita autunnale del Club alla scoperta di bellezze artistiche nonché enogastronomiche della nostra penisola sta diventando quasi una tradizione. Quest anno sempre sotto la guida del

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

Residenza Al Castello

Residenza Al Castello Nel centro storico di Bellinzona, capitale del Canton Ticino Residenza Al Castello Il fascino di vivere in centro Vendesi lussuosi attici e appartamenti, consegna aprile 2011 Affittasi 4800 m 2 spazi commerciali,

Dettagli

Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco

Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA 2 1_Grada / su Cancello Grada In seguito ad accordi con alcuni privati, nel 1208 il Comune di Bologna fece costruire una nuova

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

acquarello di Marcella Morlacchi

acquarello di Marcella Morlacchi acquarello di Marcella Morlacchi Anno Domini 1415 2015 La torre del Pennello ha vinto la sfida contro l usura dei secoli e l energia distruttiva del terremoto. Il 5 settembre 2015, a conclusione di un

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

scaricato da www.risorsedidattiche.net

scaricato da www.risorsedidattiche.net Verifica di Geografia (Il Piemonte) Nome e cognome Classe Data 1. Da che cosa deriva il nome Piemonte? 2. Con quali stati e regioni confina? 3. Il Piemonte è una delle regioni italiane che: ha uno sbocco

Dettagli

3.1. Visita Castel Roncolo

3.1. Visita Castel Roncolo 3.1. Visita Castel Roncolo Il castello, situato all imbocco della Val Sarentino, fu costruito nel 1237 e ristrutturato nel XIV secolo: fu in quell epoca che venne arricchito del noto ciclo di affreschi

Dettagli

Cantine partecipanti e programmi in Piemonte Dati aggiornati al 1 settembre 2015

Cantine partecipanti e programmi in Piemonte Dati aggiornati al 1 settembre 2015 Cantine partecipanti e programmi in Piemonte Dati aggiornati al 1 settembre 2015 ALESSANDRIA Camino Monferrato CANTINE PIERINO VELLANO Via Ombra 10-12 tel. 0142-945900 info@casansebastiano.it www.casansebastiano.it

Dettagli

Tour della Valle d'aosta l' imponenza delle montagne, la dolcezza delle Arti 07-13 settembre 2015

Tour della Valle d'aosta l' imponenza delle montagne, la dolcezza delle Arti 07-13 settembre 2015 RAGGIO VERDE INCOMING ITALY Via Sgarbata 298, 44100 Ferrara - Tel. 0532 769833 Fax 0532 798014 e-mail: info@raggioverde.net www.raggioverde.net Tour della Valle d'aosta l' imponenza delle montagne, la

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende 1 GIORNO: partenza dalla Vostra sede alla volta di Pisa, città conosciuta già nel Medioevo grazie alle sue navi che intrattenevano rapporti commerciali con Africa settentrionale, Spagna e Oriente. Incontro

Dettagli

GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA

GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA Quest anno devo dire che stiamo usando tanto la moto, soprattutto perché le temperature miti stanno lottando con l inverno

Dettagli