VERBALE RIUNIONE LUOGO UNIVERSITA VERONA DIP BIOTECNOLOGIE DATA ORA INIZIO: ORA FINE: ORE TOT INCONTRO: 6.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE RIUNIONE LUOGO UNIVERSITA VERONA DIP BIOTECNOLOGIE DATA 20.05.2013 ORA INIZIO: 10.00 ORA FINE: 16.30 ORE TOT INCONTRO: 6."

Transcript

1 LUOGO UNIVERSITA VERONA DIP BIOTECNOLOGIE DATA PROGETTO DURATA INCONTRO COMITATO TECNICO SCIENTIFICO TERGEO (CTS) ORA INIZIO: ORA FINE: ORE TOT INCONTRO: 6.30 PARTECIPANTI Vedere allegato foglio presenze SINTESI DEGLI ARGOMENTI TRATTATI SESSIONE PUBBLICA 1. Stefanucci/Rizzotti: comunicazioni della segreteria Tergeo 1.1 Stefanucci -Presentazione nuovi partner: sono a tutti gli effetti entrati fra i partner Tergeo le aziende SCAM S.p.a. e Tebaldi S.r.l. 1.2 Stefanucci - Partecipazione di aziende Tergeo ad International Award of Excellence in Sustainable Winegrowing, organizzato dal Botanical Research Institute of Texas: la richiesta pervenuta dall istituto organizzatore rappresenta un segnale di come Tergeo si stia sempre più internazionalizzando. Qualsiasi azienda può partecipare rispondendo a 18 domande presenti nell application form. La nostra intenzione è quella di promuovere una sorta di selezione fra le aziende che testano per prime la matrice vigneto Tergeo (dato che la proposta di partecipazione è arrivata a Tergeo). La notifica con la documentazione va inviata entro marzo Stefanucci - Partecipazione di Tergeo al CEEV meeting di Madrid per l overview delle iniziative europee di sostenibilità 22/05/13: si tratta di una tavola rotonda europea sulla sostenibilità. Per l Italia partecipano Tergeo e Viva con presentazione condivisa. 1.4 Rizzotti - Stato avanzamento lavori Progetto di indagine sulla sostenibilità delle aziende aderenti a Tergeo : relativamente al sondaggio da svolgersi presso le aziende vitivinicole aderenti a Tergeo per testarne la soddisfazione, si comunica che il Prof. Pomarici ha quasi completato il questionario che a breve sarà diffuso e messo a disposizione delle aziende. Obiettivo: raccolta dati entro Simei Rizzotti - Stato avanzamento lavori Overview dei progetti di sostenibilità in viticoltura ed enologia esistenti in Italia : nell ambito dell iniziativa Forum per la sostenibilità ambientale, UIV-Tergeo si impegnerà per la raccolta dei protocolli messi a punto in Italia dai principali soggetti che a vario titolo hanno elaborato progetti di sostenibilità con l obiettivo di trovare punti in comune e far dialogare i programmi. L indagine partirà a breve e sarà curata dal Prof. Pomarici 1.6 Stefanucci - Scadenza biennio di attività del Comitato Tecnico Scientifico: si ricorda che, secondo il regolamento del Comitato Tecnico Scientifico Tergeo, a settembre scade il biennio di attività del Comitato stesso. I membri attuali potranno essere rieletti. La proposta che verrà formulata sarà quella di chiedere agli attuali membri la conferma dell interesse a partecipare al comitato e di proporre a coloro che non hanno dimostrato interesse e partecipazione alle attività del comitato di fare un passo indietro ed essere sostituiti da colleghi disponibili.

2 Da parte del dott. Rizzotti verrà predisposto il rendiconto delle attività fino ad oggi svolte ed il programma per il futuro. Naturalmente si invitano tutti i membri a contribuire con commenti e proposte. 1.7 Stefanucci - Programmazione prossima riunione: Data: luglio o settembre? Sede: da definire Verrà inviata, come nelle occasioni precedenti, una comunicazione ai membri per valutare la disponibilità della maggioranza. 1.8 Varie ed eventuali: Carlo De Biasi (Casa Vinicola Zonin) è stato recentemente insignito del premio Green Personality of the year da parte della rivista The Drinks Business. De Biasi: la rivista premia ogni anno la persona, il progetto ed il lancio di prodotto dell anno in tema di sostenibilità. Vari premi sono stati vinti da rappresentanti soprattutto di California, Cile, Spagna, Sud Africa, e per questo fa piacere aver rappresentato l Italia. Nelle motivazioni del premio è riportato l impegno profuso presso Casa Vinicola Zonin ma anche nelle attività Tergeo. 2. Presentazione stato di avanzamento rispetto ad incarichi già assegnati. 2.1 Gruppo di lavoro Matrice Tergeo area vigneto - Stato di avanzamento lavori Relatori: Rizzotti (in sostituzione di Lamastra) Come è noto, la prima versione dei capitoli della matrice è stata completata, con il supporto di referee che hanno valutato i capitoli e esposto commenti, suggerimenti ed integrazioni ai due principali referenti (Lamastra e Toninato) e al gruppo di lavoro individuato. Alcuni capitoli (gestione suolo e gestione difesa in particolare) hanno presentato i maggiori momenti di confronto e dibattito e per questi occorrerà a breve che il gruppo di lavoro si riunisca per affrontare insieme i rilievi e completare la redazione. L obiettivo è di giungere a Simei con i risultati del primo test svolto su alcune aziende che si prestano ad applicarla. In tal senso si richiede fin da subito la disponibilità ed il coinvolgimento delle aziende aderenti al comitato. 2.2 Gruppo di lavoro Matrice Tergeo area cantina - Stato di avanzamento lavori Relatori: Tirelli Tirelli: il processo di elaborazione della matrice di sostenibilità per la cantina ha avuto una storia travagliata ; l intenzione iniziale era anche quella di stendere un modello di buone pratiche che andasse a sovrapporsi alla matrice stessa come sua applicazione. La prima finalità del modello era quello di definire buone prassi e, a ricaduta, criteri e modalità di valutazione della sostenibilità nei processi di cantina. Allo scopo la cantina è da considerare come un sistema in cui ci sono flussi di materia e di energia che entrano ed escono lasciando la liberta al manager della cantina di gestire il bilancio complessivo.

3 Possiamo controllare tutti questi scambi (energia, acqua, gas) come flussi che possono impattare sull ambiente rapportando gli stessi al peso totale dell impatto generato dall azienda: Elementi di impatto da considerare: 1. Consumo globale di energia, produzione di gas serra da fonte energetica, modalità smaltimento residui vinificazione, movimentazione prodotti e materie verso l esterno, consumo globale di acqua per finalità produttive. 2. Produzione e smaltimento di additivi e coadiuvanti e loro residui, produzione e smaltimento imballaggi in ingresso e uscita, smaltimento reflui lavorazione e detersione e sanificazione 3. Fattori ad impatto positivo: investimenti economici e strutturali per realizzazione di attività di carattere culturale e di opere a sostegno del territorio/paesaggio e di attività formative Nel bilancio energetico complessivo sono stati considerati anche gli scambi di prodotti fra diverse aziende e quindi il passaggio di oneri fra realtà diverse, mettendo in evidenza anche un aspetto legato alla sostenibilità economica del sistema. Saranno messi a punto anche algoritmi per valutare sia la movimentazione presso punti vendita locali che la movimentazione dei prodotti su lunghe distanze per determinare gli effetti in tal senso sull ambiente esterno Al momento sono stati elaborati i criteri di calcolo per gli elementi del gruppo 1. Se questa proposta di valutazione dovesse essere accolta si procederà anche con quelli del gruppo 2 Questo sistema, considerando tutto come un bilancio complessivo e non mettendo in evidenza i singoli passaggi all interno dell azienda dovrebbe migliorare la gestione da parte del manager aziendale, evidenziando le fasi più critiche per riuscire ad intervenire adeguatamente e porre rimedio alle criticità riscontrate, riuscendo ad andare a compensare fasi e processi che producono impatti diversi fra loro. Stefanucci: In vigneto siamo riusciti a stilare la versione 1.0 del modello di buone prassi e della matrice con identificazione dei punti cardine e con una serie di protocolli di misure che portano ad ottenere un punteggio e connotano i singoli indicatori. La fase di dibattito ha portato a diverse posizioni ma comunque quello che ha caratterizzato l approccio di Tergeo fino ad ora è proprio il fatto di aver identificato una serie di buone prassi, forse basiche ma condivise, e di aver fornito in seguito un protocollo di valutazione delle stesse buone prassi (la matrice). I fattori produttivi indicati dal gruppo di lavoro sono condivisibili, ma l individuazione delle buone prassi è lavoro propedeutico all elaborazione di qualsiasi calcolatore (e per altro di calcolatori correlati a progetti di sostenibilità già ne esistono, mentre non sono noti, in Italia, protocolli di valutazione delle buone prassi). Scrinzi: d accordo con l individuazione dei fattori produttivi proposti ma, concordando con Stefanucci, sottolinea la necessità di definire le principali buone prassi condivise; limitare il lavoro di Tergeo alla sola elaborazione di un calcolatore significherebbe delegare ai responsabili del controllo di gestione il coordinamento delle operazioni inerenti la sostenibilità, cosa che invece dovrebbe coinvolgere attivamente gli enologi. Esempio: considerare il processo dividendolo per fasi o gruppi/tipologia di impatto e per ognuno andare a fornire delle indicazioni (es. acqua: suggerire le pratiche da adottare per migliorarne la gestione)

4 Secchi: il bilancio della CO2 è considerato come grande problematica in fase di fermentazione Tebaldi: esiste il progetto ECO2 per il recupero dell anidride carbonica delle fermentazioni. L ideale sarebbe non fermare l emissione di CO2 derivante dalle fermentazioni ma riadattare la CO2 prodotta, trasformandola in modo da utilizzarla ad esempio come elemento per il raffreddamento. Occorrerebbe però mettere a disposizione una sorta di banca della CO2 (produzione concentrata in un unico picco stagionale) e ovviamente considerare anche l impatto economico di tale produzione (nb: costa più il trasporto che la produzione) Tirelli: la sostenibilità ambientale deve essere parallela a quella economica, ma non possono le due essere considerate come compensative. Failla: la proposta presentata rappresenta la soluzione giusta per arrivare ad un sistema utile, anche se entrare nel merito delle best practices sarà comunque una sfida importante ma necessaria. Tirelli: non è detto che una singola operazione sia sostenibile, ma è possibile comunque trovare un operazione compensativa a livello di sostenibilità. L approccio proposto valuta il sistema nel complesso. Casomai il problema sarà definire i diversi livelli di sostenibilità. Stefanucci: potremmo condividere alcuni capisaldi analizzando i vari interventi nelle diverse fasi produttive e andando a definire i paletti, ma prevedendo le necessarie giustificazioni che rappresentano eventuali percorsi virtuosi intrapresi delle cantine. 3. Presentazione di nuove proposte progettuali Tebaldi Srl: " Vini ad alta concentrazione di salubrità: l esperienza Freewine - Marco Tebaldi Applicativo di tipo formativo volto alla definizione e introduzione di un protocollo per apportare una riduzione della quantità di allergeni nei vini. Torriani: l università di Verona è impegnata da anni nello stringere rapporti fra aziende e ricercatori attraverso bandi con cui le aziende possono promuovere progetti di ricerca applicata. Nell ambito del progetto Free Wine, Tebaldi ha promosso una attività di ricerca durata oltre due anni sull impiego di tecnologie e strumenti alternativi per ridurre l uso di so2. Failla: esprime perplessità nel definire i vini privi di SO2 come salubri, in opposizione agli altri che dovrebbero quindi essere definiti non salubri Tebaldi: non è questo l obiettivo, tant è che si è dato al progetto un nome tale da slegarlo dall attenzione verso il fattore tecnologico e chimico

5 SESSIONE PRIVATA 4. Votazione applicativi proposti nel corso della precedente riunione del comitato 4.1 Vivai Cooperativi Rauscedo So. Coop: Vitigni di nuova generazione resistenti alle malattie - referee: Mario Pezzotti e Giovanni Bigot. applicativo sperimentale e applicativo formativo Principali commenti: Zulian richiede se oggetto delle dimostrazioni saranno varietà già omologate. La precisazione dei referee e di Bianco è che le prove in oggetto potranno essere propedeutiche anche all omologazione a cura della commissione di pertinenza. Mugnai suggerisce di utilizzare il termine tolleranza anziché resistenza visto che sono previsti comunque dei trattamenti per determinate varietà. Vercesi richiede di specificare azienda per azienda quali saranno i protocolli di difesa fitoiatrica da condividere poi anche con Tergeo (indicazione di quanti trattamenti devono essere effettuati e in quali fasi) e valutare in prospettiva il comportamento dei patogeni nel tempo. 9 membri aventi diritto. favorevoli: 9 contrari: 0 Entrambi gli applicativi sono approvati con richiesta di integrazione per l applicativo sperimentale/ dimostrativo: 1. fornire i protocolli di difesa fitoiatrica 2. valutare in prospettiva il comportamento dei patogeni nel tempo 4.2 Scam S.p.A.: Concimazione sostenibile del vigneto mediante fertilizzanti Organo Minerali caratterizzati da Dichiarazione Ambientale di Prodotto Certificata (EPD) - referee: Duilio Porro e Michele Manelli. Porro (portavoce anche per Manelli): il principale aspetto positivo dell applicativo è rappresentato dalla certificazione delle materie prime e delle fasi di lavorazione che permette di ridurre le emissioni di carbonio

6 Applicativo non di assoluta innovazione ma comunque interessante e meritevole di diffusione. 9 membri aventi diritto. favorevoli: 9 contrari: 0 Il progetto è approvato, con richiesta della seguente integrazione: 1. estendere il protocollo analitico ai parametri che saranno indicati dal referee Porro; dato che tale estensione comporterà un lievitare dei costi a carico del partner, si riterrà sufficiente la conduzione dei controlli anche in sole 2 fasi (anziché le 4 previste), purchè esse risultino significative (allegagione e vendemmia). 2. Si richiede inoltre, ma solo ove le aziende che ospiteranno l applicativo fossero attrezzate ed interessate alla cosa, la misurazione del risparmio idrico. 4.3 Bayer CropScience S.r.l.: La cultura della sicurezza: scelta e gestione dei D.P.I. in ambito agricolo - referee: Andrea Colantoni e Anselmo Montermini. Colantoni: i DPI sono da intendersi come strumento residuale che segue tutte le altre misure che il datore di lavoro è obbligato a porre in essere a tutela dei lavoratori La presentazione originariamente fornita dal proponente è stata integrata con vari suggerimenti richiesti dal referee: es. mancata indicazione della manutenzione dei dispositivi, mancata valutazione di eventuali accortezze di tipo economico, riduzione riferimenti alla materia legislativa a favore degli aspetti pratici ed operativi ) Principali commenti: Zulian ritiene fuorviante il titolo dell applicativo, in quanto esso fa riferimento al solo uso dei DPI collegati al solo rischio chimico; richiede inoltre se il corso può essere valido ai sensi di quanto richiesto dal d.lsg 81/08. Colantoni: l azienda vitivinicola potrebbe in effetti utilizzare il corso per ottemperare a parte di quanto richiesto dal citato decreto, previa valutazione del DVR aziendale e opportuna inclusione nei percorsi formativi a cura del RSPP. Ovviamente anche la gestione formale delle relative registrazioni dovrebbe essere curato dalle aziende vitivinicole usufruenti. Zulian suggerisce un cambio del titolo, ad es. scelta e gestione DPI per l uso dei fitofarmaci, suggerendo di togliere il riferimento in ambito agricolo poiché il corso non affronta tutti i rischi e le criticità del settore.

7 Rizzotti: è necessario strutturare in maniera più solida e completa i corsi di formazione e non si dovrebbe avere la presenza solo di personale afferente allo staff del partner ma di un team eterogeneo. Pezzotti lascia la riunione 8 membri aventi diritto. favorevoli: 8 contrari: 0 Il progetto è approvato con richiesta di integrazione: 1. integrazioni DPI con associazione, ove possibile, alle frasi di rischio e codici EN; 2. previsione di un team di docenti non solo di pertinenza del proponente 3. selezionare personale che possa garantire l effettiva validità del corso ai sensi del citato D.lgs. 81/2008; 4. cambio del titolo dell applicativo ( scelta e gestione DPI per l uso dei fitofarmaci ) 4.4 Bayer CropScience S.r.l.: La protezione fitosanitaria con prodotti biologici in viticoltura, relazione a cura del Presidente Piero Attilio Bianco, in quanto i due referee incaricati hanno richiesto di non essere resi noti Bianco: applicativo interessante e in linea con gli obiettivi di Tergeo, ma con necessità di integrazione. Dopo richiesta da parte dei referee, la documentazione iniziale e stata integrata da parte del partner, ma permangono comunque degli aspetti da migliorare: - organizzazione del progetto e chiarezza delle scadenze: non vengono forniti materiali per valutare il corso, non è chiaramente stabilito un programma, non sono definiti i docenti (esterni rispetto al proponente?), non è del tutto chiaro il materiale utilizzato. - adeguatezza dei metodi proposti: sarebbe opportuno usare qualche nuovo strumento di formazione estendere il corso con visite guidate e visite in campo laddove possibile per valutare l efficacia degli argomenti oggetto di formazione. proposta: condiviso l interesse verso l applicativo, se ne propone la ripresentazione a seguito dell elaborazione delle integrazioni richieste, con successiva valutazione da parte di tutti i membri del CTS in tempi rapidi con votazione telematica. Votazione della proposta: 8 membri aventi diritto. favorevoli: 8 contrari: 0

8 L applicativo così come presentato non è approvato, mentre è approvata la proposta di richiedere al partner la sua ripresentazione al comitato a seguito della sua riformulazione ed integrazione come indicato nei commenti 4.5 Sacom S.p.A: SACOM 2 - Linea per migliorare la qualità dei mosti e favorire una produzione adeguata in presenza di Mal dell Esca - referee: Laura Mugnai e Gabriele Posenato Mugnai: l applicativo è una strategia di diversi approcci da utilizzare in maniera congiunta senza però che tale approccio sia stato di fatto testato nel settore viticolo. Non c è un reale sostegno bibliografico a supporto del progetto e nel complesso non ci sono sufficienti elementi scientificamente provati per avvalorarlo 8 membri aventi diritto. favorevoli: 0 contrari: 8 L applicativo non è approvato. 4.5 Sacom S.p.A: SACOM 3 Linea per migliorare la qualità dei mosti controllando i marciumi (marciume acido, Botrytis) - referee: Antonella Bosso e Giovanni Bigot. Bigot: giudizio non del tutto positivo perché vengono riportate affermazioni che non hanno una base scientifica solida e corroborata da dati oggettivi. Principali commenti: Bianco: concorda che queste tematiche risultino da indagare ulteriormente per avvalorarne la valenza scientifica 8 membri aventi diritto. favorevoli: 0 contrari: 6 astenuti: 2 L applicativo non è approvato.

9 4.6 Sacom S.p.A: SACOM 4 Controllo delle microcarenze nella vite - referee: Duilio Porro Ilaria Filippetti Mauro Varner Porro: l applicativo presenta anche in questo caso aspetti di criticità legati all effettiva applicabilità del progetto, che necessita di essere sperimentato in maniera più strutturata. Failla e Vercesi lasciano la riunione e delegano Bianco alla votazione in loro nome 6 membri aventi diritto + 2 deleghe favorevoli: 0 contrari: 7 astenuti: 1 L applicativo non è approvato. 4.7 Sacom S.p.A: SACOM 1 Linea per migliorare l attecchimento in nuovi impianti con inoculi micorrizici - referee: Piero Attilio Bianco Francesco Iacono Bianco: annota la mancanza di bibliografia afferente la vite e la mancanza di sperimentazione documentata (si ricorda che un progetto del genere necessita tra l altro di prove condotte su un arco temporale pluriennale) L applicativo è sicuramente coerente con gli obiettivi di Tergeo, ma ad oggi non sono state presentate sufficienti elementi a supporto della sua valutazione. 6 membri aventi diritto + 2 deleghe favorevoli: 0 contrari: 8 L applicativo non è approvato. Rizzotti: PROPOSTA PER SACOM: Alla luce del fatto che nessun applicativo è presentabile in forma dimostrativa e che gli applicativi Sacom 2 e Sacom 3 non sono trasformabili in altre tipologie di applicativi, si propone di richiedere a Sacom di trasformare gli applicativi Sacom 1 e Sacom 4 in corsi formativi.

10 6 membri aventi diritto + 2 deleghe favorevoli: 7 contrari: 0 astenuti: 1 motivazione astensione: non si conoscono le reali competenze del proponente e quindi la sua capacità ed efficacia a livello formativo per le tematiche in oggetto. AZIONI CONCORDATE RESPONSABILITA SCADENZE Completamento matrice vigneto e test su alcune aziende Completamento modello buone prassi cantina Individuazione referee per nuovo applicativo presentato Gruppo lavoro matrice vigneto e segreteria Tergeo Gruppo lavoro matrice cantina e segreteria Tergeo Presidente /Segreteria 1 mese 2 mesi Asap Richiedere modifiche/integrazioni applicativi ai partner Segreteria Tergeo Asap Sondaggio presso tutti i membri per richiedere preferenza in merito a data e sede della prossima riunione Segreteria Asap NOTE REDAZIONE SEGRETERIA TERGEO DISTRIBUZIONE MEMBRI CTS

Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole

Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole Progetto sperimentale VSQ - Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole Premessa Nel quadro delle azioni del Ministero da attuare in coerenza con i principi generali contenuti nel Decreto legislativo

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

BANDO PUBBLICO PROGRAMMA INMP 2015 PER PROGETTI DI SANITÀ PUBBLICA IN TEMA DI SALUTE, MIGRAZIONE E POVERTA

BANDO PUBBLICO PROGRAMMA INMP 2015 PER PROGETTI DI SANITÀ PUBBLICA IN TEMA DI SALUTE, MIGRAZIONE E POVERTA BANDO PUBBLICO PROGRAMMA INMP 2015 PER PROGETTI DI SANITÀ PUBBLICA IN TEMA DI SALUTE, MIGRAZIONE E POVERTA RAZIONALE Il progetto interregionale 2014 prevede, al paragrafo E.5, che l INMP persegua i propri

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

BANDO. Premi di Ricerca SIOMMMS per giovani ricercatori

BANDO. Premi di Ricerca SIOMMMS per giovani ricercatori BANDO Premi di Ricerca SIOMMMS per giovani ricercatori Regolamento Per il biennio 2014/2016 la SIOMMMS (Società Italiana dell Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie Metaboliche dello Scheletro)

Dettagli

Coopstartup FarmAbility

Coopstartup FarmAbility Coopstartup FarmAbility Bando per la selezione di idee di impresa cooperativa innovativa nell agroalimentare Art. 1 Contesto e obiettivi Coopstartup FarmAbility è un progetto sperimentale per favorire

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC.

OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC. PAG. 1 OGGETTO: Partecipazione all iniziativa ZERO EMISSION DAY nell ambito del progetto City_SEC. L anno duemilaundici, addì due del mese di marzo in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 9,00 Convocata

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Protocollo d intesa tra. Regione Toscana e. Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus)

Protocollo d intesa tra. Regione Toscana e. Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus) Protocollo d intesa tra Regione Toscana e Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus) Consolidamento e sviluppo della collaborazione per attività cooperazione internazionale nel settore dell'accesso

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

BANDO. Premi di Ricerca SIOMMMS per giovani ricercatori

BANDO. Premi di Ricerca SIOMMMS per giovani ricercatori BANDO Premi di Ricerca SIOMMMS per giovani ricercatori Regolamento Per il biennio 2015/2017 la SIOMMMS (Società Italiana dell Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie Metaboliche dello Scheletro)

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 2 Ricerca applicata in campo medico 2015/2016 Istruzione Universitaria e Ricerca 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca U.R.S.T. - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL COORDINAMENTO E GLI AFFARI ECONOMICI SERVIZIO PER L AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI Prot.: 1216 Roma, 8/8/2003 Ai Rettori delle Università LORO

Dettagli

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE 1. Modalità di svolgimento dell esame di Laurea Magistrale Ai sensi dell art.29, comma 2 del Regolamento Didattico di Ateneo, lo

Dettagli

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto

Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Comitato nazionale per la gestione della direttiva 2003/87/CE e per il supporto nella gestione delle attività di progetto del protocollo di Kyoto Deliberazione n. 27/2012 ADEMPIMENTI DI CUI AL REGOLAMENTO

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

Siena Carbon Free 2015

Siena Carbon Free 2015 Siena Carbon Free 2015 BANDO DI CONCORSO Provincia di Siena Siena Carbon Free 2015 Premi per idee, progetti ed azioni per un uso efficiente e rinnovabile dell energia finalizzati alla riduzione delle emissioni

Dettagli

TIROCINI FORMATIVI DI GIOVANI LAUREATI

TIROCINI FORMATIVI DI GIOVANI LAUREATI Città di Vignola seconda edizione INVITO ALLE IMPRESE A PRESENTARE PROGETTI AL COMUNE DI VIGNOLA PER OSPITARE TIROCINI FORMATIVI DI GIOVANI LAUREATI A SUPPORTO DI ATTIVITA DI RICERCA SCIENTIFICA, TECNOLOGICA,

Dettagli

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE cosa stai cercando? riflessioni sulla ricerca sanitaria dall idea all application: come descrivere un progetto di ricerca e chiedere un finanziamento Regione Liguria Terzo

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLE RETI D IMPRESA In data tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio premesso che Con l'art. 3, comma 4-ter, del

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO PREPOSTO AL BENESSERE DEGLI ANIMALI (OPBA) PER LO STABULARIO DEL DIPARTIMENTO DI MEDICINA MOLECOLARE E TRASLAZIONALE

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO PREPOSTO AL BENESSERE DEGLI ANIMALI (OPBA) PER LO STABULARIO DEL DIPARTIMENTO DI MEDICINA MOLECOLARE E TRASLAZIONALE Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DELL ORGANISMO PREPOSTO AL BENESSERE DEGLI ANIMALI (OPBA) PER LO STABULARIO DEL DIPARTIMENTO DI MEDICINA MOLECOLARE E TRASLAZIONALE Pagina 2 di 7 Articolo 1 (Istituzione) In applicazione

Dettagli

HEATING DESIGN & effettonido IN COLLABORAZIONE PROPONGONO IL PRIMO CONCORSO 5 p ints INDICE 1. Soggetto Banditore 2. Oggetto del Concorso 3. Soggetti ammessi alla partecipazione 4. Modalità di svolgimento

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS Come usare lo strumento di auto-valutazione della Certificazione di Qualità La scuola sarà valutata sulla base della raccolta e dell analisi delle prove scritte seguite o dalla visita della scuola, intervista

Dettagli

Elementi di progettazione europea L elaborazione di un progetto europeo: modalità di partecipazione

Elementi di progettazione europea L elaborazione di un progetto europeo: modalità di partecipazione Elementi di progettazione europea L elaborazione di un progetto europeo: modalità di partecipazione Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Il bando di gara La candidatura

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Fondazione Istituto Andrea Devoto

Fondazione Istituto Andrea Devoto Fondazione Istituto Andrea Devoto Istituto di ricerca sulle marginalità e polidipendenze ONLUS Allegato al verbale del Consiglio di Amministrazione del Preambolo. Ai sensi dell articolo 11, lettera m e

Dettagli

PROGETTO SPECIALE AREA POWER & ECOLOGY. www.e-greenetwork.com

PROGETTO SPECIALE AREA POWER & ECOLOGY. www.e-greenetwork.com PROGETTO SPECIALE AREA POWER & ECOLOGY www.e-greenetwork.com La Missione ègreen è un network di imprese e professionisti il cui obiettivo è convertire l attività umana di progettazione, produzione di beni

Dettagli

Ufficio Pubblica Istruzione Sport- Turismo-Spettacolo Percorsi di Legalità

Ufficio Pubblica Istruzione Sport- Turismo-Spettacolo Percorsi di Legalità BANDO DI CONCORSO Il tuo sapere a servizio della città Premio per tesi di laurea AVVISO PUBBLICO Il Comune di Mesagne, ha inteso istituire, con Delibera n. 46 del 23.2.2012, un premio annuale alla migliore

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

CONCORSO START CUP CAMPANIA EDIZIONE 2010 BANDO DI CONCORSO

CONCORSO START CUP CAMPANIA EDIZIONE 2010 BANDO DI CONCORSO CONCORSO START CUP CAMPANIA EDIZIONE 2010 BANDO DI CONCORSO Articolo 1 E' indetto il Concorso Start Cup Campania, competizione fra Progetti d'impresa che si propongono di sviluppare prodotti e/o processi

Dettagli

PIATTAFORMA DELLE RESISTENZE CONTEMPORANEE 2015 Sezione Percorsi BANDO

PIATTAFORMA DELLE RESISTENZE CONTEMPORANEE 2015 Sezione Percorsi BANDO PIATTAFORMA DELLE RESISTENZE CONTEMPORANEE 2015 Sezione Percorsi BANDO Art.1 - OGGETTO La Piattaforma delle Resistenze Contemporanee è un grande progetto culturale che ha come obiettivo l'attivazione di

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale - Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale - Ufficio VI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale - Ufficio VI Formazione del Personale Scolastico e Innovazione Tecnologica nelle

Dettagli

Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group

Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group Regolamento Interno del CAE di UniCredit Group Il Comitato Aziendale Europeo UniCredit Group (CAE UniCredit Group) nella sua seduta del... ha deliberato, secondo quanto previsto dall Accordo del 26.1.2007

Dettagli

Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana

Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana Documenti dello Schema Rev. 02 Committente: FIPE CONFCOMMERCIO Piazza G. C. Belli, 2 00153 ROMA Tel. 06/588.10.12 Fax 06/581.86.82

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 15 giugno 2007 - Deliberazione N. 1006 - Area Generale di Coordinamento N. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - "Istituzione dell'albo delle strutture

Dettagli

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte 2 a EDIZIONE Bando per la partecipazione ad un programma di internship all estero per favorire l occupabilità e la conoscenza di competenze linguistiche specifiche Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO REGIONE TOSCANA ALLEGATO 2 Bando - POR CREO FESR 2007-2013 - LINEA DI INTERVENTO 1.5.d "Bando per la presentazione delle domande di aiuti alle imprese per investimenti in materia di ricerca industriale

Dettagli

Inspired by the past, built for the future

Inspired by the past, built for the future Inspired by the past, built for the future TONNELLERIE FRANCESE DAL 1838 IL MEGLIO DEL ROVERE L EREDITA DI UN SAVOIR-FAIRE TRADIZIONALE L INVENTORE DEL BOUSINAGE LEADER IN RICERCA&SVILUPPO LA PASSIONE

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

7 a edizione. Bando di concorso. Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6

7 a edizione. Bando di concorso. Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6 7 a edizione Bando di concorso Bando Premio Impresa Ambiente 7 edizione 1 di 6 Art.1 Finalità, soggetti promotori e obiettivi Il Premio Impresa Ambiente è promosso dalla Camera di Commercio di Roma - Asset

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot. n. 560 Bari, 25 gennaio 2012 Il Dirigente : Anna Cammalleri BANDO per la selezione di proposte progettuali per attività di ricerca azione in rete verticale tra istituti di istruzione secondaria di

Dettagli

Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione.

Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione. Bandi di concorso e regolamenti Regolamento per la concessione dei contributi per le attività culturali e ricreative, per soggiorni di studio e /o ricerca e per viaggi di istruzione. In applicazione dell

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4)

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) 1. Progetti ammissibili e durata dei progetti MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) Per la realizzazione delle azioni previste

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

SOCIETÀ AGRICOLA SALCHETO

SOCIETÀ AGRICOLA SALCHETO SOCIETÀ AGRICOLA SALCHETO dove in bottiglia oltre al vino si trova tanta sostenibilità Nel basso Senese, nel distretto del Vino Nobile di Montepulciano, un azienda votata alla produzione di vino e sostenibilità

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER

Dettagli

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO BANDO MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Fondo Crescita: bandi per progetti di R&S nei settori ICT e Industria Sostenibile Il Ministero dello Sviluppo Economico, con decreto del 15 ottobre 2014, pubblicato nella

Dettagli

STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA 10 GIORNATE DI AULA E 3 MESI IN AZIENDE INNOVATIVE 1

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE Circolo 25 Aprile del Partito Democratico di Bareggio INDICE PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE (approvato nella seduta del coordinamento del Giorno 14-11.2013) 1. Oggetto 2. Funzioni

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

SESSIONE ANTICIPATA PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI. 17-31 marzo 2015. Informazioni e istruzioni. per gli Studenti

SESSIONE ANTICIPATA PER GLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI. 17-31 marzo 2015. Informazioni e istruzioni. per gli Studenti Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche VERIFICA DELLE CONOSCENZE PER L INGRESSO SESSIONE ANTICIPATA

Dettagli

La promozione del Benessere organizzativo nelle organizzazioni sanitarie. Progetto regionale avviato con D.G.R. n.22-7777. Salute e benessere

La promozione del Benessere organizzativo nelle organizzazioni sanitarie. Progetto regionale avviato con D.G.R. n.22-7777. Salute e benessere La promozione del Benessere organizzativo nelle organizzazioni sanitarie Progetto regionale avviato con D.G.R. n.22-7777 Salute e benessere Sul significato del termine «salute» si possono rintracciare

Dettagli

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE

DISCIPLINARE POLI DI INNOVAZIONE Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Misura I.1.3 Innovazione e PMI F.E.S.R. 2007/2013 DISCIPLINARE per l accesso ai finanziamenti

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 3177 Prot. n. 124-2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Accordo di programma con l'istituto per la Valorizzazione del Legno e delle

Dettagli

Finanziamento di Progetti di Ricerca in Oncologia. Bando interno per l anno 2013

Finanziamento di Progetti di Ricerca in Oncologia. Bando interno per l anno 2013 < Finanziamento di Progetti di Ricerca in Oncologia Bando interno per l anno 2013 La Direzione Scientifica emana per l anno 2013 un bando interno per finanziare mediante il budget della Ricerca Corrente

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FESR 2007/2013 ******************** Il Comitato di Sorveglianza del Programma Operativo Regionale FESR Sicilia

Dettagli

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009

Gestione della documentazione del Sistema Qualità. PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 ISTITUTO PROFESSIONALE per i SERVIZI ALBERGHIERI e della RISTORAZIONE Gestione della documentazione del Sistema Qualità PR04.01 in Revisione 03 del 15/04/2009 Documento preparato da Responsabile Sistema

Dettagli

Verso Expo 2015. Quale banca per lo sviluppo dell economia Green Made in Italy?

Verso Expo 2015. Quale banca per lo sviluppo dell economia Green Made in Italy? 8 GREEN GLOBE BANKING CONFERENCE - 23 Ottobre 2014 Milano Verso Expo 2015. Quale banca per lo sviluppo dell economia Green Made in Italy? MARIO SCOLARI Direttore 2 1. Il sondaggio: caratteristiche e metodologia

Dettagli

La formazione in materia di sicurezza sul lavoro

La formazione in materia di sicurezza sul lavoro Maggio 2015, anno IX N. 5 La formazione in materia di sicurezza sul lavoro Fasi e ruoli specifici per pianificare, organizzare e gestire l attività formativa di Alessandro Cafiero 1 La sicurezza fra contesto

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Azione 1: Partecipazione a programmi comunitari di ricerca e/o di cooperazione

Azione 1: Partecipazione a programmi comunitari di ricerca e/o di cooperazione DISCIPLINA SPECIFICA DELLE AZIONI RELATIVE AI CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITÀ INTERNAZIONALI DELL ATENEO Il presente documento detta la disciplina specifica delle seguenti azioni istituite

Dettagli

Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo. Il processo di budget

Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo. Il processo di budget Servizio Controllo di Gestione Strumenti di programmazione, monitoraggio e controllo Il processo di budget Il processo ho la scopo di garantire il raggiungimento dei risultati annuali previsti dalla Direzione

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007 OGGETTO: CONVENZIONE TRA LA COMUNITÀ MONTANA ED I COMUNI ADERENTI ED ALTRI ENTI PER LA GESTIONE UNIFICATA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE Struttura organizzativa: Direzione Amministrativa Processo di riferimento: Acquisizione Risorse

Dettagli

La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda.

La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda. Ambienti di lavoro sani e sicuri Lavoriamo insieme per la prevenzione dei rischi www.healthy-workplaces.eu INVITO

Dettagli

Regolamento di ammissione e di funzionamento dell Incubatore Universitario d Impresa di Sassari

Regolamento di ammissione e di funzionamento dell Incubatore Universitario d Impresa di Sassari Allegato al punto E3) Regolamento di ammissione e di funzionamento dell Incubatore Universitario d Impresa di Sassari REGOLAMENTO Art. 1 Premesse L Università degli Studi di Sassari (di seguito l Università

Dettagli