VERBALE RIUNIONE LUOGO UNIVERSITA VERONA DIP BIOTECNOLOGIE DATA ORA INIZIO: ORA FINE: ORE TOT INCONTRO: 6.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE RIUNIONE LUOGO UNIVERSITA VERONA DIP BIOTECNOLOGIE DATA 20.05.2013 ORA INIZIO: 10.00 ORA FINE: 16.30 ORE TOT INCONTRO: 6."

Transcript

1 LUOGO UNIVERSITA VERONA DIP BIOTECNOLOGIE DATA PROGETTO DURATA INCONTRO COMITATO TECNICO SCIENTIFICO TERGEO (CTS) ORA INIZIO: ORA FINE: ORE TOT INCONTRO: 6.30 PARTECIPANTI Vedere allegato foglio presenze SINTESI DEGLI ARGOMENTI TRATTATI SESSIONE PUBBLICA 1. Stefanucci/Rizzotti: comunicazioni della segreteria Tergeo 1.1 Stefanucci -Presentazione nuovi partner: sono a tutti gli effetti entrati fra i partner Tergeo le aziende SCAM S.p.a. e Tebaldi S.r.l. 1.2 Stefanucci - Partecipazione di aziende Tergeo ad International Award of Excellence in Sustainable Winegrowing, organizzato dal Botanical Research Institute of Texas: la richiesta pervenuta dall istituto organizzatore rappresenta un segnale di come Tergeo si stia sempre più internazionalizzando. Qualsiasi azienda può partecipare rispondendo a 18 domande presenti nell application form. La nostra intenzione è quella di promuovere una sorta di selezione fra le aziende che testano per prime la matrice vigneto Tergeo (dato che la proposta di partecipazione è arrivata a Tergeo). La notifica con la documentazione va inviata entro marzo Stefanucci - Partecipazione di Tergeo al CEEV meeting di Madrid per l overview delle iniziative europee di sostenibilità 22/05/13: si tratta di una tavola rotonda europea sulla sostenibilità. Per l Italia partecipano Tergeo e Viva con presentazione condivisa. 1.4 Rizzotti - Stato avanzamento lavori Progetto di indagine sulla sostenibilità delle aziende aderenti a Tergeo : relativamente al sondaggio da svolgersi presso le aziende vitivinicole aderenti a Tergeo per testarne la soddisfazione, si comunica che il Prof. Pomarici ha quasi completato il questionario che a breve sarà diffuso e messo a disposizione delle aziende. Obiettivo: raccolta dati entro Simei Rizzotti - Stato avanzamento lavori Overview dei progetti di sostenibilità in viticoltura ed enologia esistenti in Italia : nell ambito dell iniziativa Forum per la sostenibilità ambientale, UIV-Tergeo si impegnerà per la raccolta dei protocolli messi a punto in Italia dai principali soggetti che a vario titolo hanno elaborato progetti di sostenibilità con l obiettivo di trovare punti in comune e far dialogare i programmi. L indagine partirà a breve e sarà curata dal Prof. Pomarici 1.6 Stefanucci - Scadenza biennio di attività del Comitato Tecnico Scientifico: si ricorda che, secondo il regolamento del Comitato Tecnico Scientifico Tergeo, a settembre scade il biennio di attività del Comitato stesso. I membri attuali potranno essere rieletti. La proposta che verrà formulata sarà quella di chiedere agli attuali membri la conferma dell interesse a partecipare al comitato e di proporre a coloro che non hanno dimostrato interesse e partecipazione alle attività del comitato di fare un passo indietro ed essere sostituiti da colleghi disponibili.

2 Da parte del dott. Rizzotti verrà predisposto il rendiconto delle attività fino ad oggi svolte ed il programma per il futuro. Naturalmente si invitano tutti i membri a contribuire con commenti e proposte. 1.7 Stefanucci - Programmazione prossima riunione: Data: luglio o settembre? Sede: da definire Verrà inviata, come nelle occasioni precedenti, una comunicazione ai membri per valutare la disponibilità della maggioranza. 1.8 Varie ed eventuali: Carlo De Biasi (Casa Vinicola Zonin) è stato recentemente insignito del premio Green Personality of the year da parte della rivista The Drinks Business. De Biasi: la rivista premia ogni anno la persona, il progetto ed il lancio di prodotto dell anno in tema di sostenibilità. Vari premi sono stati vinti da rappresentanti soprattutto di California, Cile, Spagna, Sud Africa, e per questo fa piacere aver rappresentato l Italia. Nelle motivazioni del premio è riportato l impegno profuso presso Casa Vinicola Zonin ma anche nelle attività Tergeo. 2. Presentazione stato di avanzamento rispetto ad incarichi già assegnati. 2.1 Gruppo di lavoro Matrice Tergeo area vigneto - Stato di avanzamento lavori Relatori: Rizzotti (in sostituzione di Lamastra) Come è noto, la prima versione dei capitoli della matrice è stata completata, con il supporto di referee che hanno valutato i capitoli e esposto commenti, suggerimenti ed integrazioni ai due principali referenti (Lamastra e Toninato) e al gruppo di lavoro individuato. Alcuni capitoli (gestione suolo e gestione difesa in particolare) hanno presentato i maggiori momenti di confronto e dibattito e per questi occorrerà a breve che il gruppo di lavoro si riunisca per affrontare insieme i rilievi e completare la redazione. L obiettivo è di giungere a Simei con i risultati del primo test svolto su alcune aziende che si prestano ad applicarla. In tal senso si richiede fin da subito la disponibilità ed il coinvolgimento delle aziende aderenti al comitato. 2.2 Gruppo di lavoro Matrice Tergeo area cantina - Stato di avanzamento lavori Relatori: Tirelli Tirelli: il processo di elaborazione della matrice di sostenibilità per la cantina ha avuto una storia travagliata ; l intenzione iniziale era anche quella di stendere un modello di buone pratiche che andasse a sovrapporsi alla matrice stessa come sua applicazione. La prima finalità del modello era quello di definire buone prassi e, a ricaduta, criteri e modalità di valutazione della sostenibilità nei processi di cantina. Allo scopo la cantina è da considerare come un sistema in cui ci sono flussi di materia e di energia che entrano ed escono lasciando la liberta al manager della cantina di gestire il bilancio complessivo.

3 Possiamo controllare tutti questi scambi (energia, acqua, gas) come flussi che possono impattare sull ambiente rapportando gli stessi al peso totale dell impatto generato dall azienda: Elementi di impatto da considerare: 1. Consumo globale di energia, produzione di gas serra da fonte energetica, modalità smaltimento residui vinificazione, movimentazione prodotti e materie verso l esterno, consumo globale di acqua per finalità produttive. 2. Produzione e smaltimento di additivi e coadiuvanti e loro residui, produzione e smaltimento imballaggi in ingresso e uscita, smaltimento reflui lavorazione e detersione e sanificazione 3. Fattori ad impatto positivo: investimenti economici e strutturali per realizzazione di attività di carattere culturale e di opere a sostegno del territorio/paesaggio e di attività formative Nel bilancio energetico complessivo sono stati considerati anche gli scambi di prodotti fra diverse aziende e quindi il passaggio di oneri fra realtà diverse, mettendo in evidenza anche un aspetto legato alla sostenibilità economica del sistema. Saranno messi a punto anche algoritmi per valutare sia la movimentazione presso punti vendita locali che la movimentazione dei prodotti su lunghe distanze per determinare gli effetti in tal senso sull ambiente esterno Al momento sono stati elaborati i criteri di calcolo per gli elementi del gruppo 1. Se questa proposta di valutazione dovesse essere accolta si procederà anche con quelli del gruppo 2 Questo sistema, considerando tutto come un bilancio complessivo e non mettendo in evidenza i singoli passaggi all interno dell azienda dovrebbe migliorare la gestione da parte del manager aziendale, evidenziando le fasi più critiche per riuscire ad intervenire adeguatamente e porre rimedio alle criticità riscontrate, riuscendo ad andare a compensare fasi e processi che producono impatti diversi fra loro. Stefanucci: In vigneto siamo riusciti a stilare la versione 1.0 del modello di buone prassi e della matrice con identificazione dei punti cardine e con una serie di protocolli di misure che portano ad ottenere un punteggio e connotano i singoli indicatori. La fase di dibattito ha portato a diverse posizioni ma comunque quello che ha caratterizzato l approccio di Tergeo fino ad ora è proprio il fatto di aver identificato una serie di buone prassi, forse basiche ma condivise, e di aver fornito in seguito un protocollo di valutazione delle stesse buone prassi (la matrice). I fattori produttivi indicati dal gruppo di lavoro sono condivisibili, ma l individuazione delle buone prassi è lavoro propedeutico all elaborazione di qualsiasi calcolatore (e per altro di calcolatori correlati a progetti di sostenibilità già ne esistono, mentre non sono noti, in Italia, protocolli di valutazione delle buone prassi). Scrinzi: d accordo con l individuazione dei fattori produttivi proposti ma, concordando con Stefanucci, sottolinea la necessità di definire le principali buone prassi condivise; limitare il lavoro di Tergeo alla sola elaborazione di un calcolatore significherebbe delegare ai responsabili del controllo di gestione il coordinamento delle operazioni inerenti la sostenibilità, cosa che invece dovrebbe coinvolgere attivamente gli enologi. Esempio: considerare il processo dividendolo per fasi o gruppi/tipologia di impatto e per ognuno andare a fornire delle indicazioni (es. acqua: suggerire le pratiche da adottare per migliorarne la gestione)

4 Secchi: il bilancio della CO2 è considerato come grande problematica in fase di fermentazione Tebaldi: esiste il progetto ECO2 per il recupero dell anidride carbonica delle fermentazioni. L ideale sarebbe non fermare l emissione di CO2 derivante dalle fermentazioni ma riadattare la CO2 prodotta, trasformandola in modo da utilizzarla ad esempio come elemento per il raffreddamento. Occorrerebbe però mettere a disposizione una sorta di banca della CO2 (produzione concentrata in un unico picco stagionale) e ovviamente considerare anche l impatto economico di tale produzione (nb: costa più il trasporto che la produzione) Tirelli: la sostenibilità ambientale deve essere parallela a quella economica, ma non possono le due essere considerate come compensative. Failla: la proposta presentata rappresenta la soluzione giusta per arrivare ad un sistema utile, anche se entrare nel merito delle best practices sarà comunque una sfida importante ma necessaria. Tirelli: non è detto che una singola operazione sia sostenibile, ma è possibile comunque trovare un operazione compensativa a livello di sostenibilità. L approccio proposto valuta il sistema nel complesso. Casomai il problema sarà definire i diversi livelli di sostenibilità. Stefanucci: potremmo condividere alcuni capisaldi analizzando i vari interventi nelle diverse fasi produttive e andando a definire i paletti, ma prevedendo le necessarie giustificazioni che rappresentano eventuali percorsi virtuosi intrapresi delle cantine. 3. Presentazione di nuove proposte progettuali Tebaldi Srl: " Vini ad alta concentrazione di salubrità: l esperienza Freewine - Marco Tebaldi Applicativo di tipo formativo volto alla definizione e introduzione di un protocollo per apportare una riduzione della quantità di allergeni nei vini. Torriani: l università di Verona è impegnata da anni nello stringere rapporti fra aziende e ricercatori attraverso bandi con cui le aziende possono promuovere progetti di ricerca applicata. Nell ambito del progetto Free Wine, Tebaldi ha promosso una attività di ricerca durata oltre due anni sull impiego di tecnologie e strumenti alternativi per ridurre l uso di so2. Failla: esprime perplessità nel definire i vini privi di SO2 come salubri, in opposizione agli altri che dovrebbero quindi essere definiti non salubri Tebaldi: non è questo l obiettivo, tant è che si è dato al progetto un nome tale da slegarlo dall attenzione verso il fattore tecnologico e chimico

5 SESSIONE PRIVATA 4. Votazione applicativi proposti nel corso della precedente riunione del comitato 4.1 Vivai Cooperativi Rauscedo So. Coop: Vitigni di nuova generazione resistenti alle malattie - referee: Mario Pezzotti e Giovanni Bigot. applicativo sperimentale e applicativo formativo Principali commenti: Zulian richiede se oggetto delle dimostrazioni saranno varietà già omologate. La precisazione dei referee e di Bianco è che le prove in oggetto potranno essere propedeutiche anche all omologazione a cura della commissione di pertinenza. Mugnai suggerisce di utilizzare il termine tolleranza anziché resistenza visto che sono previsti comunque dei trattamenti per determinate varietà. Vercesi richiede di specificare azienda per azienda quali saranno i protocolli di difesa fitoiatrica da condividere poi anche con Tergeo (indicazione di quanti trattamenti devono essere effettuati e in quali fasi) e valutare in prospettiva il comportamento dei patogeni nel tempo. 9 membri aventi diritto. favorevoli: 9 contrari: 0 Entrambi gli applicativi sono approvati con richiesta di integrazione per l applicativo sperimentale/ dimostrativo: 1. fornire i protocolli di difesa fitoiatrica 2. valutare in prospettiva il comportamento dei patogeni nel tempo 4.2 Scam S.p.A.: Concimazione sostenibile del vigneto mediante fertilizzanti Organo Minerali caratterizzati da Dichiarazione Ambientale di Prodotto Certificata (EPD) - referee: Duilio Porro e Michele Manelli. Porro (portavoce anche per Manelli): il principale aspetto positivo dell applicativo è rappresentato dalla certificazione delle materie prime e delle fasi di lavorazione che permette di ridurre le emissioni di carbonio

6 Applicativo non di assoluta innovazione ma comunque interessante e meritevole di diffusione. 9 membri aventi diritto. favorevoli: 9 contrari: 0 Il progetto è approvato, con richiesta della seguente integrazione: 1. estendere il protocollo analitico ai parametri che saranno indicati dal referee Porro; dato che tale estensione comporterà un lievitare dei costi a carico del partner, si riterrà sufficiente la conduzione dei controlli anche in sole 2 fasi (anziché le 4 previste), purchè esse risultino significative (allegagione e vendemmia). 2. Si richiede inoltre, ma solo ove le aziende che ospiteranno l applicativo fossero attrezzate ed interessate alla cosa, la misurazione del risparmio idrico. 4.3 Bayer CropScience S.r.l.: La cultura della sicurezza: scelta e gestione dei D.P.I. in ambito agricolo - referee: Andrea Colantoni e Anselmo Montermini. Colantoni: i DPI sono da intendersi come strumento residuale che segue tutte le altre misure che il datore di lavoro è obbligato a porre in essere a tutela dei lavoratori La presentazione originariamente fornita dal proponente è stata integrata con vari suggerimenti richiesti dal referee: es. mancata indicazione della manutenzione dei dispositivi, mancata valutazione di eventuali accortezze di tipo economico, riduzione riferimenti alla materia legislativa a favore degli aspetti pratici ed operativi ) Principali commenti: Zulian ritiene fuorviante il titolo dell applicativo, in quanto esso fa riferimento al solo uso dei DPI collegati al solo rischio chimico; richiede inoltre se il corso può essere valido ai sensi di quanto richiesto dal d.lsg 81/08. Colantoni: l azienda vitivinicola potrebbe in effetti utilizzare il corso per ottemperare a parte di quanto richiesto dal citato decreto, previa valutazione del DVR aziendale e opportuna inclusione nei percorsi formativi a cura del RSPP. Ovviamente anche la gestione formale delle relative registrazioni dovrebbe essere curato dalle aziende vitivinicole usufruenti. Zulian suggerisce un cambio del titolo, ad es. scelta e gestione DPI per l uso dei fitofarmaci, suggerendo di togliere il riferimento in ambito agricolo poiché il corso non affronta tutti i rischi e le criticità del settore.

7 Rizzotti: è necessario strutturare in maniera più solida e completa i corsi di formazione e non si dovrebbe avere la presenza solo di personale afferente allo staff del partner ma di un team eterogeneo. Pezzotti lascia la riunione 8 membri aventi diritto. favorevoli: 8 contrari: 0 Il progetto è approvato con richiesta di integrazione: 1. integrazioni DPI con associazione, ove possibile, alle frasi di rischio e codici EN; 2. previsione di un team di docenti non solo di pertinenza del proponente 3. selezionare personale che possa garantire l effettiva validità del corso ai sensi del citato D.lgs. 81/2008; 4. cambio del titolo dell applicativo ( scelta e gestione DPI per l uso dei fitofarmaci ) 4.4 Bayer CropScience S.r.l.: La protezione fitosanitaria con prodotti biologici in viticoltura, relazione a cura del Presidente Piero Attilio Bianco, in quanto i due referee incaricati hanno richiesto di non essere resi noti Bianco: applicativo interessante e in linea con gli obiettivi di Tergeo, ma con necessità di integrazione. Dopo richiesta da parte dei referee, la documentazione iniziale e stata integrata da parte del partner, ma permangono comunque degli aspetti da migliorare: - organizzazione del progetto e chiarezza delle scadenze: non vengono forniti materiali per valutare il corso, non è chiaramente stabilito un programma, non sono definiti i docenti (esterni rispetto al proponente?), non è del tutto chiaro il materiale utilizzato. - adeguatezza dei metodi proposti: sarebbe opportuno usare qualche nuovo strumento di formazione estendere il corso con visite guidate e visite in campo laddove possibile per valutare l efficacia degli argomenti oggetto di formazione. proposta: condiviso l interesse verso l applicativo, se ne propone la ripresentazione a seguito dell elaborazione delle integrazioni richieste, con successiva valutazione da parte di tutti i membri del CTS in tempi rapidi con votazione telematica. Votazione della proposta: 8 membri aventi diritto. favorevoli: 8 contrari: 0

8 L applicativo così come presentato non è approvato, mentre è approvata la proposta di richiedere al partner la sua ripresentazione al comitato a seguito della sua riformulazione ed integrazione come indicato nei commenti 4.5 Sacom S.p.A: SACOM 2 - Linea per migliorare la qualità dei mosti e favorire una produzione adeguata in presenza di Mal dell Esca - referee: Laura Mugnai e Gabriele Posenato Mugnai: l applicativo è una strategia di diversi approcci da utilizzare in maniera congiunta senza però che tale approccio sia stato di fatto testato nel settore viticolo. Non c è un reale sostegno bibliografico a supporto del progetto e nel complesso non ci sono sufficienti elementi scientificamente provati per avvalorarlo 8 membri aventi diritto. favorevoli: 0 contrari: 8 L applicativo non è approvato. 4.5 Sacom S.p.A: SACOM 3 Linea per migliorare la qualità dei mosti controllando i marciumi (marciume acido, Botrytis) - referee: Antonella Bosso e Giovanni Bigot. Bigot: giudizio non del tutto positivo perché vengono riportate affermazioni che non hanno una base scientifica solida e corroborata da dati oggettivi. Principali commenti: Bianco: concorda che queste tematiche risultino da indagare ulteriormente per avvalorarne la valenza scientifica 8 membri aventi diritto. favorevoli: 0 contrari: 6 astenuti: 2 L applicativo non è approvato.

9 4.6 Sacom S.p.A: SACOM 4 Controllo delle microcarenze nella vite - referee: Duilio Porro Ilaria Filippetti Mauro Varner Porro: l applicativo presenta anche in questo caso aspetti di criticità legati all effettiva applicabilità del progetto, che necessita di essere sperimentato in maniera più strutturata. Failla e Vercesi lasciano la riunione e delegano Bianco alla votazione in loro nome 6 membri aventi diritto + 2 deleghe favorevoli: 0 contrari: 7 astenuti: 1 L applicativo non è approvato. 4.7 Sacom S.p.A: SACOM 1 Linea per migliorare l attecchimento in nuovi impianti con inoculi micorrizici - referee: Piero Attilio Bianco Francesco Iacono Bianco: annota la mancanza di bibliografia afferente la vite e la mancanza di sperimentazione documentata (si ricorda che un progetto del genere necessita tra l altro di prove condotte su un arco temporale pluriennale) L applicativo è sicuramente coerente con gli obiettivi di Tergeo, ma ad oggi non sono state presentate sufficienti elementi a supporto della sua valutazione. 6 membri aventi diritto + 2 deleghe favorevoli: 0 contrari: 8 L applicativo non è approvato. Rizzotti: PROPOSTA PER SACOM: Alla luce del fatto che nessun applicativo è presentabile in forma dimostrativa e che gli applicativi Sacom 2 e Sacom 3 non sono trasformabili in altre tipologie di applicativi, si propone di richiedere a Sacom di trasformare gli applicativi Sacom 1 e Sacom 4 in corsi formativi.

10 6 membri aventi diritto + 2 deleghe favorevoli: 7 contrari: 0 astenuti: 1 motivazione astensione: non si conoscono le reali competenze del proponente e quindi la sua capacità ed efficacia a livello formativo per le tematiche in oggetto. AZIONI CONCORDATE RESPONSABILITA SCADENZE Completamento matrice vigneto e test su alcune aziende Completamento modello buone prassi cantina Individuazione referee per nuovo applicativo presentato Gruppo lavoro matrice vigneto e segreteria Tergeo Gruppo lavoro matrice cantina e segreteria Tergeo Presidente /Segreteria 1 mese 2 mesi Asap Richiedere modifiche/integrazioni applicativi ai partner Segreteria Tergeo Asap Sondaggio presso tutti i membri per richiedere preferenza in merito a data e sede della prossima riunione Segreteria Asap NOTE REDAZIONE SEGRETERIA TERGEO DISTRIBUZIONE MEMBRI CTS

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER 1_CORSI_MASTER JB: 10-12-2012 8:35 Pagina 220 CORSI UNIVERSITARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - Dipartimento di Agraria Corso di Laurea in Scienze e tecnologie viticole ed enologiche L-25 Obiettivi:

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

SOCIETÀ AGRICOLA SALCHETO

SOCIETÀ AGRICOLA SALCHETO SOCIETÀ AGRICOLA SALCHETO dove in bottiglia oltre al vino si trova tanta sostenibilità Nel basso Senese, nel distretto del Vino Nobile di Montepulciano, un azienda votata alla produzione di vino e sostenibilità

Dettagli

Università degli Studi di Torino Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria. Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia

Università degli Studi di Torino Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria. Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia FINALITA Preparare figure professionali, che secondo la legge 129/91 hanno diritto al titolo di Enologo. Compito dell Enologo è quello di soddisfare le esigenze

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

COMMISSIONE RICERCA SCIENTIFICA PROGETTI DI RICERCA E FARI 2011 RELAZIONE

COMMISSIONE RICERCA SCIENTIFICA PROGETTI DI RICERCA E FARI 2011 RELAZIONE COMMISSIONE RICERCA SCIENTIFICA PROGETTI DI RICERCA E FARI 2011 RELAZIONE 1 INTRODUZIONE La presente relazione illustra i criteri e le modalità che sono stati adottati dalla Commissione Ricerca Scientifica

Dettagli

ETTARO ZERO FARE PAESAGGIO, COSTRUIRE NATURA, PRENDERSI CURA DEL SUOLO L agricoltura di fronte alle sfide di oggi e domani

ETTARO ZERO FARE PAESAGGIO, COSTRUIRE NATURA, PRENDERSI CURA DEL SUOLO L agricoltura di fronte alle sfide di oggi e domani ETTARO ZERO FARE PAESAGGIO, COSTRUIRE NATURA, PRENDERSI CURA DEL SUOLO L agricoltura di fronte alle sfide di oggi e domani CONVEGNO Milano, 7 e 8 maggio 2009 Auditorium Giorgio Gaber Palazzo della Regione

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2015/16 LAUREA IN VITICOLTURA ED ENOLOGIA

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2015/16 LAUREA IN VITICOLTURA ED ENOLOGIA CARATTERISTICHE DEL CORSO DI STUDIO Obiettivi formativi generali e specifici Il corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia impartisce una formazione interdisciplinare sui principi biologici e tecnologici

Dettagli

SCHEDA RELAZIONE FUNZIONE STRUMENTALE

SCHEDA RELAZIONE FUNZIONE STRUMENTALE SCHEDA RELAZIONE FUNZIONE STRUMENTALE (art. 37 CCNI 31/08/1999) DOCENTE: GAIMARRI Elisabetta Funzione Strumentale AREA 5 Profilo Docente incaricata per la Funzione Strumentale Area Intercultura Coordinamento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Studi Umanistici Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria

Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Studi Umanistici Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA DEL 9 DICEMBRE 2014 Il Consiglio di si è tenuto il giorno martedì 9 dicembre 2014 alle ore 9:30 presso l Aula 5A (Corpo aggiunto) della

Dettagli

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A Rette IIntterscollasttiica dell XIIII Muniiciipiio dii ROMA Accordo di Rete delle scuole del XII Municipio di R O M A Testo approvato dall Assemblea dei Dirigenti nella seduta del 28 Settembre 2010 Accordo

Dettagli

INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO

INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO 104 Attività e insegnamenti dell indirizzo Agraria, agroalimentare e agroindustria Articolazione:

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

Piano strategico quinquennale 2015-2019. Piano strategico dell OIV 2015-2019

Piano strategico quinquennale 2015-2019. Piano strategico dell OIV 2015-2019 Piano strategico dell OIV 2015-2019 1 Indice Introduzione... 3 Linee strategiche... 4 1. Promuovere una vitivinicoltura sostenibile... 4 a. Considerare e reagire alla sfida del cambiamento climatico...

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini Quaderni della sicurezza AiFOS n. 4, 2010 Sommario PRESENTAZIONE MicheleLepore 1 INTRODUZIONE PaoloPennesi 5 Ilruolodeiformatorinellaformazioneallasicurezza LorenzoFantini 7 Breviconsiderazionisullaformazioneesuiformatoriinmateriadisaluteesicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO 05 GESTIONE DEL SETTORE VITIVINICOLO: TRASFORMAZIONE UVE

REGOLAMENTO 05 GESTIONE DEL SETTORE VITIVINICOLO: TRASFORMAZIONE UVE REGOLAMENTO 05 GESTIONE DEL SETTORE VITIVINICOLO: TRASFORMAZIONE UVE 1 31/10/2014 Variazione ruoli aziendali Rev Data Descizione Approvato Pagina 1 di 7 INDICE DEL REGOLAMENTO 1 Scopo 2 Campo di applicazione

Dettagli

Bando 2015 FONDAZIONE SOCIAL

Bando 2015 FONDAZIONE SOCIAL Bando 2015 Indice A. Premessa B. Caratteristiche del Bando B.1. Risorse B.2 Obiettivi B.3 Aree di interesse B.4 Ambito di intervento e soggetti beneficiari C. Soggetti proponenti D. Progetti ammissibili

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

A SERVIZIO DELL UOMO E DELL IMPRESA Faccia il cielo che ognuno eserciti il mestiere che conosce! (Aristofane) La nostra missione aziendale......superare i vincoli per farli diventare opportunità di miglioramento.

Dettagli

BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE

BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE BANDI 2015 CULTURA, FORMAZIONE, ARTE Premessa La Fondazione Monte dei Paschi di Siena, soggetto giuridico di diritto privato senza fine di lucro e con piena autonomia statutaria e gestionale, in coerenza

Dettagli

Partecipano alla riunione i soggetti riportati nel documento Allegato 1 e per la Regione Umbria:

Partecipano alla riunione i soggetti riportati nel documento Allegato 1 e per la Regione Umbria: DISEGNO DI LEGGE: "NORME PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI E LA BONIFICA DELLE AREE INQUINATE. Verbale del Comitato di Indirizzo e sorveglianza del Patto per lo sviluppo dell Umbria del 26 gennaio

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

REVI & PARTNERS di A. Grö bner & C. s.a.s.

REVI & PARTNERS di A. Grö bner & C. s.a.s. REVI & PARTNERS di A. Grö bner & C. s.a.s. SOCIETA DI REVISIONE LEGALE- WIRTSCHAFSTPRÜFER Relaziöne di trasparenza Ex Art. 18 D. Lgs. n 39/2010 Per l esercizio sociale chiuso al 31 dicembre 2013 1 1. Forma

Dettagli

Consumi amici del clima: capire i cambiamenti climatici facendo di conto

Consumi amici del clima: capire i cambiamenti climatici facendo di conto Consumi amici del clima: capire i cambiamenti climatici facendo di conto Giovanna Ranci Ortigosa*, Giorgio Guariso*, Antonio Bossi** * Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano,

Dettagli

Siena Carbon Free 2015

Siena Carbon Free 2015 Siena Carbon Free 2015 BANDO DI CONCORSO Provincia di Siena Siena Carbon Free 2015 Premi per idee, progetti ed azioni per un uso efficiente e rinnovabile dell energia finalizzati alla riduzione delle emissioni

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

Prot. n. 7317/A35h Dalmine, 4 novembre 2015

Prot. n. 7317/A35h Dalmine, 4 novembre 2015 Prot. n. 7317/A35h Dalmine, 4 novembre 2015 Al Sito Web della scuola All Albo dell Istituto A tutti gli interessati Pubblicato sul sito il 04/11/2015 OGGETTO: Avviso pubblico per il reclutamento del Medico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM. Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI DI SNAM Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 12 dicembre 2013, disciplina la composizione e la nomina, le modalità di

Dettagli

Verbale della riunione del Consiglio Direttivo SIMTREA del 9 luglio 2008

Verbale della riunione del Consiglio Direttivo SIMTREA del 9 luglio 2008 Verbale della riunione del Consiglio Direttivo SIMTREA del 9 luglio 2008 Il giorno 9 luglio 2008, alle ore 15.30, il Consiglio Direttivo della SIMTREA si è riunito presso la Sezione di Microbiologia Generale

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA Approvato in data con deliberazione consiliare n. Premesso che la Legge 5 Febbraio 1992 n.

Dettagli

La salubrità del vino. l esperienza del progetto Freewine a contatto con il mercato

La salubrità del vino. l esperienza del progetto Freewine a contatto con il mercato La salubrità del vino l esperienza del progetto Freewine a contatto con il mercato Secondo una tabella redatta da J. Masquelier (Natural products as medicinal agents, HippoKrat, Verlag, 1981) il vino è:

Dettagli

Laurea in Viticoltura ed enologia. Agraria PIANO DEGLI STUDI

Laurea in Viticoltura ed enologia. Agraria PIANO DEGLI STUDI PIANO DEGLI STUDI Il corso di laurea ha frequenza obbligatoria (minimo 70%) al 2 e al 3 anno di corso per gli insegnamenti obbligatori, ma non per quelli a scelta programmata e autonoma. La percentuale

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013)

PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) PATTO DI WELFARE TERRITORIALE LOCALE -- ASL DI LECCO (Guido Agostoni - Legnano 19 aprile 2013) Dopo gli interventi di questa mattina e gli altri del pomeriggio, alcuni veramente di alto livello, devo premettere

Dettagli

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato Fabrizio Piva e Giuseppe Garcea - CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it ggarcea@ccpb.it Chi Siamo Bologna 1988 Bologna 2004 Certificazione Prodotti

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Allegato A RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Allegato A RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Allegato A RIORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Attuale organigramma della sicurezza in ARPA Datore di Lavoro Direttore Generale - Dott. Umberto Benezzoli Medico Competente coordinatore:

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ

OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ DICHIARAZIONE DI VERIFICA (ISO 14064-3) 23 febbraio 2015 Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Linea di finanziamento per attività di formazione e promozione del volontariato Scadenze: 30 aprile 2016 COME PRESENTARE LE PROPOSTE FORMATIVE

Linea di finanziamento per attività di formazione e promozione del volontariato Scadenze: 30 aprile 2016 COME PRESENTARE LE PROPOSTE FORMATIVE APRILE 2016 Linea di finanziamento per attività di formazione e promozione del volontariato Scadenze: 30 aprile 2016 SOMMARIO COME PRESENTARE LE PROPOSTE FORMATIVE 1. Ruolo della Non Profit Network - CSV

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA SULLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE TRA. CONFINDUSTRIA - Confederazione Generale dell Industria Italiana

PROTOCOLLO D INTESA SULLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE TRA. CONFINDUSTRIA - Confederazione Generale dell Industria Italiana PROTOCOLLO D INTESA SULLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE TRA CONFINDUSTRIA - Confederazione Generale dell Industria Italiana E ANIA - Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici Confindustria,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376)

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) Premessa Nell ambito del programma di mandato 2014-2019 La città delle opportunità,

Dettagli

CENTRO DI RICERCA SUL MADE IN ITALY (MADEINT)

CENTRO DI RICERCA SUL MADE IN ITALY (MADEINT) CENTRO DI RICERCA SUL MADE IN ITALY (MADEINT) Presso l Università degli Studi internazionali di Roma (Facoltà di Economia) è istituito il Centro di Ricerca sul Made In Italy (MADEINT). A tal fine, onde

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

COMUNE DI SANREMO SETTORE SICUREZZA SOCIALE RESIDENZA PROTETTA CASA SERENA

COMUNE DI SANREMO SETTORE SICUREZZA SOCIALE RESIDENZA PROTETTA CASA SERENA Allegato 7 COMUNE DI SANREMO SETTORE SICUREZZA SOCIALE RESIDENZA PROTETTA CASA SERENA DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI PER ATTIVITA DI COORDINAMENTO RELATIVO ALLE ATTIVITA DI GESTIONE

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

Domanda 1 Poiché non specificato, se l'invio della domanda è per raccomandata, valgono ora e data sul timbro?

Domanda 1 Poiché non specificato, se l'invio della domanda è per raccomandata, valgono ora e data sul timbro? TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE INIZIATIVE Poiché non specificato, se l'invio della domanda è per raccomandata, valgono ora e data sul timbro? Non fanno fede il timbro della data e dell ora della spedizione.

Dettagli

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore di Studi Penitenziari,

Dettagli

Protocollo d intesa tra. Regione Toscana e. Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus)

Protocollo d intesa tra. Regione Toscana e. Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus) Protocollo d intesa tra Regione Toscana e Water Right and Energy Foundation Onlus (W.E.R.F. Onlus) Consolidamento e sviluppo della collaborazione per attività cooperazione internazionale nel settore dell'accesso

Dettagli

VERSO LA COMUNITA DI PRATICA :

VERSO LA COMUNITA DI PRATICA : Evento di formazione VERSO LA COMUNITA DI PRATICA : uno strumento inclusivo per condividere la conoscenza nel campo della comunicazione scientifica pubblica con e tra i cittadini 3 Dicembre 2015 Presso

Dettagli

Faq Aster. Possono prendere parte al partenariato anche aree particolarmente svantaggiate?

Faq Aster. Possono prendere parte al partenariato anche aree particolarmente svantaggiate? Faq Aster Possono prendere parte al partenariato anche aree particolarmente svantaggiate? Certamente sì, uno dei principali scopi di ASTER è quello di creare nuova imprenditorialità e nuova occupazione.

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.)

PROTOCOLLO D INTESA. TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.) PROTOCOLLO D INTESA TRA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BELLUNO (da ora in avanti U.S.P.) e CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI BELLUNO (da ora in avanti C.S.V. ) Protocollo d intesa

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell articolo 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera 17221 del 12 marzo 2010, e successive

Dettagli

nuove sfide per il volontariato

nuove sfide per il volontariato Povertà plurali, povertà invisibili: nuove sfide per il volontariato Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra cittadini e associazioni di volontariato 1. Premessa L Associazione Non Profit Network,

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Pagina 1 di 6 BANDO PER IL SOSTEGNO DEI PROGETTI SOCIALI PROPOSTI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Premessa Il Centro di Servizio al volontariato CESAVO emana il presente bando finalizzato al sostegno

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Paoloni Silvana Indirizzo Telefono Ufficio +39 0718063788 Fax Ufficio +39 0718063049 E-mail silvana.paoloni@regione.marche.it Nazionalità

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE Art. 1 Riferimenti Normativi L articolo 21 del Regolamento didattico dell Università degli

Dettagli

IL MODELLO SICUREZZA IN CATTEDRA

IL MODELLO SICUREZZA IN CATTEDRA INIZIATIVE ED ATTIVITÀ PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO, NELLE SCUOLE E TRA I GIOVANI LAVORATORI cellulare: 349-5724637 e-mail: cescofrare@reteagenziesicurezza.it

Dettagli

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali pubblicato il 29 gennaio 2016 budget complessivo: 80.000 euro termine per la presentazione dei progetti: 15 aprile 2016 contenuti:

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica nel settore delle scienze biomediche con il coinvolgimento di giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica nel settore delle scienze biomediche con il coinvolgimento di giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica nel settore delle scienze biomediche con il coinvolgimento di giovani ricercatori budget complessivo del bando 900.000 termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

COMUNE DI FRANCAVILLA BISIO PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI FRANCAVILLA BISIO PROVINCIA DI ALESSANDRIA DELIBERAZIONE N. 5 COMUNE DI FRANCAVILLA BISIO PROVINCIA DI ALESSANDRIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: EEA: CERTIFICAZIONE ENERGETICA EUROPEA PER I COMUNI. ADESIONE AL PROGETTO

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare

Progetto PercoRSI. Rete responsabile. Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Progetto PercoRSI Rete responsabile Cambiamento = Apertura = Saper Co. COnnettersi, COndividere, COllaborare, COprogettare Con il contributo di: Partner operativo Finalità generali di PercoRSI Dal 2004

Dettagli

TERRE DI SIENA CREATIVE

TERRE DI SIENA CREATIVE Amministrazione Provinciale di Siena BANDO DI CONCORSO TERRE DI SIENA CREATIVE Data pubblicazione : 1. Oggetto e finalità L Amministrazione Provinciale di Siena e la CCIAA di Siena promuovono il bando

Dettagli

Con il contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione europea

Con il contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione europea Entra nella community di ECO Courts www.life-ecocourts.it Scopri come è facile risparmiare acqua, energia e rifiuti domestici riducendo le spese di casa. Con il contributo dello strumento finanziario LIFE

Dettagli

Corso di Formazione per Giovani Amministratori della Sardegna. Progettazione europea e politiche comunitarie per gli enti locali.

Corso di Formazione per Giovani Amministratori della Sardegna. Progettazione europea e politiche comunitarie per gli enti locali. Corso di Formazione per Giovani Amministratori della Sardegna Progettazione europea e politiche comunitarie per gli enti locali Report finale 1. Premessa Il Corso di formazione, voluto e promosso dal Consiglio

Dettagli

Il Software che rende semplice ed efficiente il lavoro dell azienda dalla vite alla vendita.

Il Software che rende semplice ed efficiente il lavoro dell azienda dalla vite alla vendita. Il Software che rende semplice ed efficiente il lavoro dell azienda dalla vite alla vendita. Amministrazione e Contabilità. Una suite integrata per la gestione completa delle aziende vitivinicole. Nasce

Dettagli

DELIBERA N. 122 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERA N. 122 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 122 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (V.A.S.) AVVIO DEL PROCESSO E DESIGNAZIONE AUTORITÀ COMPETENTE E PROCEDENTE PER LA V.A.S.

Dettagli

ACCORDO DI RETE SICURSCUOLAVERONA

ACCORDO DI RETE SICURSCUOLAVERONA ACCORDO DI RETE SICURSCUOLAVERONA PREMESSO CHE l art. 7 del D.P.R. 8 marzo 1999, n. 275 prevede la facoltà per le istituzioni scolastiche di promuovere accordi di rete per il raggiungimento delle proprie

Dettagli

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS Come usare lo strumento di auto-valutazione della Certificazione di Qualità La scuola sarà valutata sulla base della raccolta e dell analisi delle prove scritte seguite o dalla visita della scuola, intervista

Dettagli

WORLD DUTY FREE S.P.A.

WORLD DUTY FREE S.P.A. WORLD DUTY FREE S.P.A. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI E CORPORATE GOVERNANCE È istituito presso World Duty Free S.p.A. ( WDF ) un Comitato per il controllo interno, la gestione

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

Scuola a.s. 2016/17_. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola a.s. 2016/17_. Piano Annuale per l Inclusione Scuola a.s. 2016/17_ Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) 22

Dettagli

Disciplina del corso di formazione per Operatore Socio Sanitario

Disciplina del corso di formazione per Operatore Socio Sanitario Allegato parte integrante Allegato 2 - Disciplina del corso di formazione per Operatore socio sanitario Allegato 2 Disciplina del corso di formazione per Operatore Socio Sanitario Articolo 1 (Principi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Comitato per la Valutazione della Didattica Verbale della riunione del 24 giugno 2008

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Comitato per la Valutazione della Didattica Verbale della riunione del 24 giugno 2008 Oggi in Pavia, alle ore 14.30, presso la Stanza di Napoleone, Laboratorio di Anatomia Comparata, Dipartimento di Biologia Animale, piazza Botta 10, si riunisce il Comitato per la valutazione della didattica.

Dettagli

PROCEDURE ERASMUS+ RIUNIONE PER I COORDINATORI ERASMUS DI DIPARTIMENTO valide dall a.a. 2014/15 PRIMA DEL SOGGIORNO

PROCEDURE ERASMUS+ RIUNIONE PER I COORDINATORI ERASMUS DI DIPARTIMENTO valide dall a.a. 2014/15 PRIMA DEL SOGGIORNO PROCEDURE ERASMUS+ RIUNIONE PER I COORDINATORI ERASMUS DI DIPARTIMENTO valide dall a.a. 2014/15 Con la presente relazione ci si propone di riassumere brevemente quanto trattato in occasione della riunione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI ALL. A) PROVINCIA DELL OGLIASTRA ASSESSORATO Lavoro Politiche Giovanili e Femminili e Formazione Professionale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA

SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA REGIONE SICILIANA PRESIDENZA DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE INTERREG IIIC - ZONA SUD OPERAZIONE QUADRO REGIONALE TREND COMPOSANTE 4 - PROGETTI DIMOSTRATIVI SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA 1 Soggetto

Dettagli

Prot. n 9134/A40 Gavorrano, 19/11/2015 BANDO PER ATTIVITA DI RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE. Il Dirigente Scolastico

Prot. n 9134/A40 Gavorrano, 19/11/2015 BANDO PER ATTIVITA DI RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE. Il Dirigente Scolastico 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI GAVORRANO Via delle Scuole n. 14 58023 Gavorrano (GR) 0566/844265 0566/846721 GRIC81800E@istruzione.it Gric81800e@pec.istruzione.it Prot. n 9134/A40 Gavorrano, 19/11/2015 CIG

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO GENERALE Approvato Napoli, giorno 11 Dicembre 1998, alla fine dell Assemblea Straordinaria convocata per la modifica di Statuto Modificato Roma, Consiglio Direttivo, nella seduta del 26 Marzo

Dettagli

Parte Generale. Art.1 Chi siamo e quali obiettivi ci poniamo

Parte Generale. Art.1 Chi siamo e quali obiettivi ci poniamo REGOLAMENTO GAS MALATESTA Parte Generale Art.1 Chi siamo e quali obiettivi ci poniamo Finalità del GAS MALATESTA è provvedere all acquisto di beni e servizi cercando di realizzare una concezione più umana

Dettagli

NEWSLETTER n. 39/2013

NEWSLETTER n. 39/2013 Ufficio Stampa - Tel. 049/8293770 - Fax 049/8293754 - Cell. 348/2407427 Viale dell'università n. 14-35020 Legnaro (PD) - Id Skype: venetoagri - www.venetoagricoltura.org ufficio.stampa@venetoagricoltura.org

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4)

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) 1. Progetti ammissibili e durata dei progetti MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) Per la realizzazione delle azioni previste

Dettagli

LE SFIDE DELLA VITICOLTURA SOSTENIBILE

LE SFIDE DELLA VITICOLTURA SOSTENIBILE LE SFIDE DELLA VITICOLTURA SOSTENIBILE Come affrontare in tempi di crisi il problema della produzione di uva nel rispetto dell ambiente, del viticoltore e del consumatore Luca Toninato - AGER Agricoltura

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli