VERBALE RIUNIONE LUOGO UNIVERSITA VERONA DIP BIOTECNOLOGIE DATA ORA INIZIO: ORA FINE: ORE TOT INCONTRO: 6.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE RIUNIONE LUOGO UNIVERSITA VERONA DIP BIOTECNOLOGIE DATA 20.05.2013 ORA INIZIO: 10.00 ORA FINE: 16.30 ORE TOT INCONTRO: 6."

Transcript

1 LUOGO UNIVERSITA VERONA DIP BIOTECNOLOGIE DATA PROGETTO DURATA INCONTRO COMITATO TECNICO SCIENTIFICO TERGEO (CTS) ORA INIZIO: ORA FINE: ORE TOT INCONTRO: 6.30 PARTECIPANTI Vedere allegato foglio presenze SINTESI DEGLI ARGOMENTI TRATTATI SESSIONE PUBBLICA 1. Stefanucci/Rizzotti: comunicazioni della segreteria Tergeo 1.1 Stefanucci -Presentazione nuovi partner: sono a tutti gli effetti entrati fra i partner Tergeo le aziende SCAM S.p.a. e Tebaldi S.r.l. 1.2 Stefanucci - Partecipazione di aziende Tergeo ad International Award of Excellence in Sustainable Winegrowing, organizzato dal Botanical Research Institute of Texas: la richiesta pervenuta dall istituto organizzatore rappresenta un segnale di come Tergeo si stia sempre più internazionalizzando. Qualsiasi azienda può partecipare rispondendo a 18 domande presenti nell application form. La nostra intenzione è quella di promuovere una sorta di selezione fra le aziende che testano per prime la matrice vigneto Tergeo (dato che la proposta di partecipazione è arrivata a Tergeo). La notifica con la documentazione va inviata entro marzo Stefanucci - Partecipazione di Tergeo al CEEV meeting di Madrid per l overview delle iniziative europee di sostenibilità 22/05/13: si tratta di una tavola rotonda europea sulla sostenibilità. Per l Italia partecipano Tergeo e Viva con presentazione condivisa. 1.4 Rizzotti - Stato avanzamento lavori Progetto di indagine sulla sostenibilità delle aziende aderenti a Tergeo : relativamente al sondaggio da svolgersi presso le aziende vitivinicole aderenti a Tergeo per testarne la soddisfazione, si comunica che il Prof. Pomarici ha quasi completato il questionario che a breve sarà diffuso e messo a disposizione delle aziende. Obiettivo: raccolta dati entro Simei Rizzotti - Stato avanzamento lavori Overview dei progetti di sostenibilità in viticoltura ed enologia esistenti in Italia : nell ambito dell iniziativa Forum per la sostenibilità ambientale, UIV-Tergeo si impegnerà per la raccolta dei protocolli messi a punto in Italia dai principali soggetti che a vario titolo hanno elaborato progetti di sostenibilità con l obiettivo di trovare punti in comune e far dialogare i programmi. L indagine partirà a breve e sarà curata dal Prof. Pomarici 1.6 Stefanucci - Scadenza biennio di attività del Comitato Tecnico Scientifico: si ricorda che, secondo il regolamento del Comitato Tecnico Scientifico Tergeo, a settembre scade il biennio di attività del Comitato stesso. I membri attuali potranno essere rieletti. La proposta che verrà formulata sarà quella di chiedere agli attuali membri la conferma dell interesse a partecipare al comitato e di proporre a coloro che non hanno dimostrato interesse e partecipazione alle attività del comitato di fare un passo indietro ed essere sostituiti da colleghi disponibili.

2 Da parte del dott. Rizzotti verrà predisposto il rendiconto delle attività fino ad oggi svolte ed il programma per il futuro. Naturalmente si invitano tutti i membri a contribuire con commenti e proposte. 1.7 Stefanucci - Programmazione prossima riunione: Data: luglio o settembre? Sede: da definire Verrà inviata, come nelle occasioni precedenti, una comunicazione ai membri per valutare la disponibilità della maggioranza. 1.8 Varie ed eventuali: Carlo De Biasi (Casa Vinicola Zonin) è stato recentemente insignito del premio Green Personality of the year da parte della rivista The Drinks Business. De Biasi: la rivista premia ogni anno la persona, il progetto ed il lancio di prodotto dell anno in tema di sostenibilità. Vari premi sono stati vinti da rappresentanti soprattutto di California, Cile, Spagna, Sud Africa, e per questo fa piacere aver rappresentato l Italia. Nelle motivazioni del premio è riportato l impegno profuso presso Casa Vinicola Zonin ma anche nelle attività Tergeo. 2. Presentazione stato di avanzamento rispetto ad incarichi già assegnati. 2.1 Gruppo di lavoro Matrice Tergeo area vigneto - Stato di avanzamento lavori Relatori: Rizzotti (in sostituzione di Lamastra) Come è noto, la prima versione dei capitoli della matrice è stata completata, con il supporto di referee che hanno valutato i capitoli e esposto commenti, suggerimenti ed integrazioni ai due principali referenti (Lamastra e Toninato) e al gruppo di lavoro individuato. Alcuni capitoli (gestione suolo e gestione difesa in particolare) hanno presentato i maggiori momenti di confronto e dibattito e per questi occorrerà a breve che il gruppo di lavoro si riunisca per affrontare insieme i rilievi e completare la redazione. L obiettivo è di giungere a Simei con i risultati del primo test svolto su alcune aziende che si prestano ad applicarla. In tal senso si richiede fin da subito la disponibilità ed il coinvolgimento delle aziende aderenti al comitato. 2.2 Gruppo di lavoro Matrice Tergeo area cantina - Stato di avanzamento lavori Relatori: Tirelli Tirelli: il processo di elaborazione della matrice di sostenibilità per la cantina ha avuto una storia travagliata ; l intenzione iniziale era anche quella di stendere un modello di buone pratiche che andasse a sovrapporsi alla matrice stessa come sua applicazione. La prima finalità del modello era quello di definire buone prassi e, a ricaduta, criteri e modalità di valutazione della sostenibilità nei processi di cantina. Allo scopo la cantina è da considerare come un sistema in cui ci sono flussi di materia e di energia che entrano ed escono lasciando la liberta al manager della cantina di gestire il bilancio complessivo.

3 Possiamo controllare tutti questi scambi (energia, acqua, gas) come flussi che possono impattare sull ambiente rapportando gli stessi al peso totale dell impatto generato dall azienda: Elementi di impatto da considerare: 1. Consumo globale di energia, produzione di gas serra da fonte energetica, modalità smaltimento residui vinificazione, movimentazione prodotti e materie verso l esterno, consumo globale di acqua per finalità produttive. 2. Produzione e smaltimento di additivi e coadiuvanti e loro residui, produzione e smaltimento imballaggi in ingresso e uscita, smaltimento reflui lavorazione e detersione e sanificazione 3. Fattori ad impatto positivo: investimenti economici e strutturali per realizzazione di attività di carattere culturale e di opere a sostegno del territorio/paesaggio e di attività formative Nel bilancio energetico complessivo sono stati considerati anche gli scambi di prodotti fra diverse aziende e quindi il passaggio di oneri fra realtà diverse, mettendo in evidenza anche un aspetto legato alla sostenibilità economica del sistema. Saranno messi a punto anche algoritmi per valutare sia la movimentazione presso punti vendita locali che la movimentazione dei prodotti su lunghe distanze per determinare gli effetti in tal senso sull ambiente esterno Al momento sono stati elaborati i criteri di calcolo per gli elementi del gruppo 1. Se questa proposta di valutazione dovesse essere accolta si procederà anche con quelli del gruppo 2 Questo sistema, considerando tutto come un bilancio complessivo e non mettendo in evidenza i singoli passaggi all interno dell azienda dovrebbe migliorare la gestione da parte del manager aziendale, evidenziando le fasi più critiche per riuscire ad intervenire adeguatamente e porre rimedio alle criticità riscontrate, riuscendo ad andare a compensare fasi e processi che producono impatti diversi fra loro. Stefanucci: In vigneto siamo riusciti a stilare la versione 1.0 del modello di buone prassi e della matrice con identificazione dei punti cardine e con una serie di protocolli di misure che portano ad ottenere un punteggio e connotano i singoli indicatori. La fase di dibattito ha portato a diverse posizioni ma comunque quello che ha caratterizzato l approccio di Tergeo fino ad ora è proprio il fatto di aver identificato una serie di buone prassi, forse basiche ma condivise, e di aver fornito in seguito un protocollo di valutazione delle stesse buone prassi (la matrice). I fattori produttivi indicati dal gruppo di lavoro sono condivisibili, ma l individuazione delle buone prassi è lavoro propedeutico all elaborazione di qualsiasi calcolatore (e per altro di calcolatori correlati a progetti di sostenibilità già ne esistono, mentre non sono noti, in Italia, protocolli di valutazione delle buone prassi). Scrinzi: d accordo con l individuazione dei fattori produttivi proposti ma, concordando con Stefanucci, sottolinea la necessità di definire le principali buone prassi condivise; limitare il lavoro di Tergeo alla sola elaborazione di un calcolatore significherebbe delegare ai responsabili del controllo di gestione il coordinamento delle operazioni inerenti la sostenibilità, cosa che invece dovrebbe coinvolgere attivamente gli enologi. Esempio: considerare il processo dividendolo per fasi o gruppi/tipologia di impatto e per ognuno andare a fornire delle indicazioni (es. acqua: suggerire le pratiche da adottare per migliorarne la gestione)

4 Secchi: il bilancio della CO2 è considerato come grande problematica in fase di fermentazione Tebaldi: esiste il progetto ECO2 per il recupero dell anidride carbonica delle fermentazioni. L ideale sarebbe non fermare l emissione di CO2 derivante dalle fermentazioni ma riadattare la CO2 prodotta, trasformandola in modo da utilizzarla ad esempio come elemento per il raffreddamento. Occorrerebbe però mettere a disposizione una sorta di banca della CO2 (produzione concentrata in un unico picco stagionale) e ovviamente considerare anche l impatto economico di tale produzione (nb: costa più il trasporto che la produzione) Tirelli: la sostenibilità ambientale deve essere parallela a quella economica, ma non possono le due essere considerate come compensative. Failla: la proposta presentata rappresenta la soluzione giusta per arrivare ad un sistema utile, anche se entrare nel merito delle best practices sarà comunque una sfida importante ma necessaria. Tirelli: non è detto che una singola operazione sia sostenibile, ma è possibile comunque trovare un operazione compensativa a livello di sostenibilità. L approccio proposto valuta il sistema nel complesso. Casomai il problema sarà definire i diversi livelli di sostenibilità. Stefanucci: potremmo condividere alcuni capisaldi analizzando i vari interventi nelle diverse fasi produttive e andando a definire i paletti, ma prevedendo le necessarie giustificazioni che rappresentano eventuali percorsi virtuosi intrapresi delle cantine. 3. Presentazione di nuove proposte progettuali Tebaldi Srl: " Vini ad alta concentrazione di salubrità: l esperienza Freewine - Marco Tebaldi Applicativo di tipo formativo volto alla definizione e introduzione di un protocollo per apportare una riduzione della quantità di allergeni nei vini. Torriani: l università di Verona è impegnata da anni nello stringere rapporti fra aziende e ricercatori attraverso bandi con cui le aziende possono promuovere progetti di ricerca applicata. Nell ambito del progetto Free Wine, Tebaldi ha promosso una attività di ricerca durata oltre due anni sull impiego di tecnologie e strumenti alternativi per ridurre l uso di so2. Failla: esprime perplessità nel definire i vini privi di SO2 come salubri, in opposizione agli altri che dovrebbero quindi essere definiti non salubri Tebaldi: non è questo l obiettivo, tant è che si è dato al progetto un nome tale da slegarlo dall attenzione verso il fattore tecnologico e chimico

5 SESSIONE PRIVATA 4. Votazione applicativi proposti nel corso della precedente riunione del comitato 4.1 Vivai Cooperativi Rauscedo So. Coop: Vitigni di nuova generazione resistenti alle malattie - referee: Mario Pezzotti e Giovanni Bigot. applicativo sperimentale e applicativo formativo Principali commenti: Zulian richiede se oggetto delle dimostrazioni saranno varietà già omologate. La precisazione dei referee e di Bianco è che le prove in oggetto potranno essere propedeutiche anche all omologazione a cura della commissione di pertinenza. Mugnai suggerisce di utilizzare il termine tolleranza anziché resistenza visto che sono previsti comunque dei trattamenti per determinate varietà. Vercesi richiede di specificare azienda per azienda quali saranno i protocolli di difesa fitoiatrica da condividere poi anche con Tergeo (indicazione di quanti trattamenti devono essere effettuati e in quali fasi) e valutare in prospettiva il comportamento dei patogeni nel tempo. 9 membri aventi diritto. favorevoli: 9 contrari: 0 Entrambi gli applicativi sono approvati con richiesta di integrazione per l applicativo sperimentale/ dimostrativo: 1. fornire i protocolli di difesa fitoiatrica 2. valutare in prospettiva il comportamento dei patogeni nel tempo 4.2 Scam S.p.A.: Concimazione sostenibile del vigneto mediante fertilizzanti Organo Minerali caratterizzati da Dichiarazione Ambientale di Prodotto Certificata (EPD) - referee: Duilio Porro e Michele Manelli. Porro (portavoce anche per Manelli): il principale aspetto positivo dell applicativo è rappresentato dalla certificazione delle materie prime e delle fasi di lavorazione che permette di ridurre le emissioni di carbonio

6 Applicativo non di assoluta innovazione ma comunque interessante e meritevole di diffusione. 9 membri aventi diritto. favorevoli: 9 contrari: 0 Il progetto è approvato, con richiesta della seguente integrazione: 1. estendere il protocollo analitico ai parametri che saranno indicati dal referee Porro; dato che tale estensione comporterà un lievitare dei costi a carico del partner, si riterrà sufficiente la conduzione dei controlli anche in sole 2 fasi (anziché le 4 previste), purchè esse risultino significative (allegagione e vendemmia). 2. Si richiede inoltre, ma solo ove le aziende che ospiteranno l applicativo fossero attrezzate ed interessate alla cosa, la misurazione del risparmio idrico. 4.3 Bayer CropScience S.r.l.: La cultura della sicurezza: scelta e gestione dei D.P.I. in ambito agricolo - referee: Andrea Colantoni e Anselmo Montermini. Colantoni: i DPI sono da intendersi come strumento residuale che segue tutte le altre misure che il datore di lavoro è obbligato a porre in essere a tutela dei lavoratori La presentazione originariamente fornita dal proponente è stata integrata con vari suggerimenti richiesti dal referee: es. mancata indicazione della manutenzione dei dispositivi, mancata valutazione di eventuali accortezze di tipo economico, riduzione riferimenti alla materia legislativa a favore degli aspetti pratici ed operativi ) Principali commenti: Zulian ritiene fuorviante il titolo dell applicativo, in quanto esso fa riferimento al solo uso dei DPI collegati al solo rischio chimico; richiede inoltre se il corso può essere valido ai sensi di quanto richiesto dal d.lsg 81/08. Colantoni: l azienda vitivinicola potrebbe in effetti utilizzare il corso per ottemperare a parte di quanto richiesto dal citato decreto, previa valutazione del DVR aziendale e opportuna inclusione nei percorsi formativi a cura del RSPP. Ovviamente anche la gestione formale delle relative registrazioni dovrebbe essere curato dalle aziende vitivinicole usufruenti. Zulian suggerisce un cambio del titolo, ad es. scelta e gestione DPI per l uso dei fitofarmaci, suggerendo di togliere il riferimento in ambito agricolo poiché il corso non affronta tutti i rischi e le criticità del settore.

7 Rizzotti: è necessario strutturare in maniera più solida e completa i corsi di formazione e non si dovrebbe avere la presenza solo di personale afferente allo staff del partner ma di un team eterogeneo. Pezzotti lascia la riunione 8 membri aventi diritto. favorevoli: 8 contrari: 0 Il progetto è approvato con richiesta di integrazione: 1. integrazioni DPI con associazione, ove possibile, alle frasi di rischio e codici EN; 2. previsione di un team di docenti non solo di pertinenza del proponente 3. selezionare personale che possa garantire l effettiva validità del corso ai sensi del citato D.lgs. 81/2008; 4. cambio del titolo dell applicativo ( scelta e gestione DPI per l uso dei fitofarmaci ) 4.4 Bayer CropScience S.r.l.: La protezione fitosanitaria con prodotti biologici in viticoltura, relazione a cura del Presidente Piero Attilio Bianco, in quanto i due referee incaricati hanno richiesto di non essere resi noti Bianco: applicativo interessante e in linea con gli obiettivi di Tergeo, ma con necessità di integrazione. Dopo richiesta da parte dei referee, la documentazione iniziale e stata integrata da parte del partner, ma permangono comunque degli aspetti da migliorare: - organizzazione del progetto e chiarezza delle scadenze: non vengono forniti materiali per valutare il corso, non è chiaramente stabilito un programma, non sono definiti i docenti (esterni rispetto al proponente?), non è del tutto chiaro il materiale utilizzato. - adeguatezza dei metodi proposti: sarebbe opportuno usare qualche nuovo strumento di formazione estendere il corso con visite guidate e visite in campo laddove possibile per valutare l efficacia degli argomenti oggetto di formazione. proposta: condiviso l interesse verso l applicativo, se ne propone la ripresentazione a seguito dell elaborazione delle integrazioni richieste, con successiva valutazione da parte di tutti i membri del CTS in tempi rapidi con votazione telematica. Votazione della proposta: 8 membri aventi diritto. favorevoli: 8 contrari: 0

8 L applicativo così come presentato non è approvato, mentre è approvata la proposta di richiedere al partner la sua ripresentazione al comitato a seguito della sua riformulazione ed integrazione come indicato nei commenti 4.5 Sacom S.p.A: SACOM 2 - Linea per migliorare la qualità dei mosti e favorire una produzione adeguata in presenza di Mal dell Esca - referee: Laura Mugnai e Gabriele Posenato Mugnai: l applicativo è una strategia di diversi approcci da utilizzare in maniera congiunta senza però che tale approccio sia stato di fatto testato nel settore viticolo. Non c è un reale sostegno bibliografico a supporto del progetto e nel complesso non ci sono sufficienti elementi scientificamente provati per avvalorarlo 8 membri aventi diritto. favorevoli: 0 contrari: 8 L applicativo non è approvato. 4.5 Sacom S.p.A: SACOM 3 Linea per migliorare la qualità dei mosti controllando i marciumi (marciume acido, Botrytis) - referee: Antonella Bosso e Giovanni Bigot. Bigot: giudizio non del tutto positivo perché vengono riportate affermazioni che non hanno una base scientifica solida e corroborata da dati oggettivi. Principali commenti: Bianco: concorda che queste tematiche risultino da indagare ulteriormente per avvalorarne la valenza scientifica 8 membri aventi diritto. favorevoli: 0 contrari: 6 astenuti: 2 L applicativo non è approvato.

9 4.6 Sacom S.p.A: SACOM 4 Controllo delle microcarenze nella vite - referee: Duilio Porro Ilaria Filippetti Mauro Varner Porro: l applicativo presenta anche in questo caso aspetti di criticità legati all effettiva applicabilità del progetto, che necessita di essere sperimentato in maniera più strutturata. Failla e Vercesi lasciano la riunione e delegano Bianco alla votazione in loro nome 6 membri aventi diritto + 2 deleghe favorevoli: 0 contrari: 7 astenuti: 1 L applicativo non è approvato. 4.7 Sacom S.p.A: SACOM 1 Linea per migliorare l attecchimento in nuovi impianti con inoculi micorrizici - referee: Piero Attilio Bianco Francesco Iacono Bianco: annota la mancanza di bibliografia afferente la vite e la mancanza di sperimentazione documentata (si ricorda che un progetto del genere necessita tra l altro di prove condotte su un arco temporale pluriennale) L applicativo è sicuramente coerente con gli obiettivi di Tergeo, ma ad oggi non sono state presentate sufficienti elementi a supporto della sua valutazione. 6 membri aventi diritto + 2 deleghe favorevoli: 0 contrari: 8 L applicativo non è approvato. Rizzotti: PROPOSTA PER SACOM: Alla luce del fatto che nessun applicativo è presentabile in forma dimostrativa e che gli applicativi Sacom 2 e Sacom 3 non sono trasformabili in altre tipologie di applicativi, si propone di richiedere a Sacom di trasformare gli applicativi Sacom 1 e Sacom 4 in corsi formativi.

10 6 membri aventi diritto + 2 deleghe favorevoli: 7 contrari: 0 astenuti: 1 motivazione astensione: non si conoscono le reali competenze del proponente e quindi la sua capacità ed efficacia a livello formativo per le tematiche in oggetto. AZIONI CONCORDATE RESPONSABILITA SCADENZE Completamento matrice vigneto e test su alcune aziende Completamento modello buone prassi cantina Individuazione referee per nuovo applicativo presentato Gruppo lavoro matrice vigneto e segreteria Tergeo Gruppo lavoro matrice cantina e segreteria Tergeo Presidente /Segreteria 1 mese 2 mesi Asap Richiedere modifiche/integrazioni applicativi ai partner Segreteria Tergeo Asap Sondaggio presso tutti i membri per richiedere preferenza in merito a data e sede della prossima riunione Segreteria Asap NOTE REDAZIONE SEGRETERIA TERGEO DISTRIBUZIONE MEMBRI CTS

Università degli Studi di Torino Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria. Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia

Università degli Studi di Torino Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria. Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia FINALITA Preparare figure professionali, che secondo la legge 129/91 hanno diritto al titolo di Enologo. Compito dell Enologo è quello di soddisfare le esigenze

Dettagli

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER

CORSI UNIVERSITARI. CORSI e MASTER. 270 CORSI e MASTER 1_CORSI_MASTER JB: 10-12-2012 8:35 Pagina 220 CORSI UNIVERSITARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA - Dipartimento di Agraria Corso di Laurea in Scienze e tecnologie viticole ed enologiche L-25 Obiettivi:

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2015/16 LAUREA IN VITICOLTURA ED ENOLOGIA

MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2015/16 LAUREA IN VITICOLTURA ED ENOLOGIA CARATTERISTICHE DEL CORSO DI STUDIO Obiettivi formativi generali e specifici Il corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia impartisce una formazione interdisciplinare sui principi biologici e tecnologici

Dettagli

Laurea in Viticoltura ed enologia. Agraria PIANO DEGLI STUDI

Laurea in Viticoltura ed enologia. Agraria PIANO DEGLI STUDI PIANO DEGLI STUDI Il corso di laurea ha frequenza obbligatoria (minimo 70%) al 2 e al 3 anno di corso per gli insegnamenti obbligatori, ma non per quelli a scelta programmata e autonoma. La percentuale

Dettagli

LE SFIDE DELLA VITICOLTURA SOSTENIBILE

LE SFIDE DELLA VITICOLTURA SOSTENIBILE LE SFIDE DELLA VITICOLTURA SOSTENIBILE Come affrontare in tempi di crisi il problema della produzione di uva nel rispetto dell ambiente, del viticoltore e del consumatore Luca Toninato - AGER Agricoltura

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO

INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO 104 Attività e insegnamenti dell indirizzo Agraria, agroalimentare e agroindustria Articolazione:

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA

Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Corso di Laurea Specialistica in INFORMATICA Finalità Formare laureati specialistici in grado di effettuare la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione dei lavori, la stima, il collaudo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in SICUREZZA E QUALITA AGROALIMENTARE Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

TERRA MADRE - Torino 24 ottobre 2014 Seminario sul tema : Iniziative per la sostenibilità delle filiere agroindustriali La filiera del vino

TERRA MADRE - Torino 24 ottobre 2014 Seminario sul tema : Iniziative per la sostenibilità delle filiere agroindustriali La filiera del vino TERRA MADRE - Torino 24 ottobre 2014 Seminario sul tema : Iniziative per la sostenibilità delle filiere agroindustriali La filiera del vino Prof. Maurizio Cellura Prof. Maurizio Cellura Torino, 24 ottobre

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE Art. 1 Riferimenti Normativi L articolo 21 del Regolamento didattico dell Università degli

Dettagli

AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935

AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935 facoltà di AGRARIA AGRARIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204935 Sistema Gestione Qualità Certificato RINA 10039/03/S Registrazione IQNet IT-33732 Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE

Dettagli

Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I)

Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I) Asse I Competitività Titolo IV (Cap I, Sez. I) QUESTIONARIO PROPOSTO DAL MIPAF Le risposte di COLDIRETTI 1. MISURE PER L ASSE COMPETITIVITA a. Ritenete che il set di misure proposto in questo asse offra

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato Fabrizio Piva e Giuseppe Garcea - CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it ggarcea@ccpb.it Chi Siamo Bologna 1988 Bologna 2004 Certificazione Prodotti

Dettagli

COMMISSIONE RICERCA SCIENTIFICA PROGETTI DI RICERCA E FARI 2011 RELAZIONE

COMMISSIONE RICERCA SCIENTIFICA PROGETTI DI RICERCA E FARI 2011 RELAZIONE COMMISSIONE RICERCA SCIENTIFICA PROGETTI DI RICERCA E FARI 2011 RELAZIONE 1 INTRODUZIONE La presente relazione illustra i criteri e le modalità che sono stati adottati dalla Commissione Ricerca Scientifica

Dettagli

ETTARO ZERO FARE PAESAGGIO, COSTRUIRE NATURA, PRENDERSI CURA DEL SUOLO L agricoltura di fronte alle sfide di oggi e domani

ETTARO ZERO FARE PAESAGGIO, COSTRUIRE NATURA, PRENDERSI CURA DEL SUOLO L agricoltura di fronte alle sfide di oggi e domani ETTARO ZERO FARE PAESAGGIO, COSTRUIRE NATURA, PRENDERSI CURA DEL SUOLO L agricoltura di fronte alle sfide di oggi e domani CONVEGNO Milano, 7 e 8 maggio 2009 Auditorium Giorgio Gaber Palazzo della Regione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Comitato per la Valutazione della Didattica Verbale della riunione del 24 giugno 2008

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Comitato per la Valutazione della Didattica Verbale della riunione del 24 giugno 2008 Oggi in Pavia, alle ore 14.30, presso la Stanza di Napoleone, Laboratorio di Anatomia Comparata, Dipartimento di Biologia Animale, piazza Botta 10, si riunisce il Comitato per la valutazione della didattica.

Dettagli

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4)

MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) 1. Progetti ammissibili e durata dei progetti MODALITA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Piano Nazionale Lauree Scientifiche (DM 976/2014, art. 3 comma 4 e 5 ed art. 4) Per la realizzazione delle azioni previste

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso PROGRAMMA DEL CORSO LA FORMAZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 37 Accordo Stato Regioni del 21/12/2011) Durata del corso 32 ore Segreteria organizzativa

Dettagli

PROGETTO SPECIALE AREA POWER & ECOLOGY. www.e-greenetwork.com

PROGETTO SPECIALE AREA POWER & ECOLOGY. www.e-greenetwork.com PROGETTO SPECIALE AREA POWER & ECOLOGY www.e-greenetwork.com La Missione ègreen è un network di imprese e professionisti il cui obiettivo è convertire l attività umana di progettazione, produzione di beni

Dettagli

Con il contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione europea

Con il contributo dello strumento finanziario LIFE della Commissione europea Entra nella community di ECO Courts www.life-ecocourts.it Scopri come è facile risparmiare acqua, energia e rifiuti domestici riducendo le spese di casa. Con il contributo dello strumento finanziario LIFE

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

IL VINO DELLA SICILIA CORSO DI FORMAZIONE SU MISURA SULLE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 1 edizione 13-28 GIUGNO 2014

IL VINO DELLA SICILIA CORSO DI FORMAZIONE SU MISURA SULLE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 1 edizione 13-28 GIUGNO 2014 IL VINO DELLA SICILIA CORSO DI FORMAZIONE SU MISURA SULLE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 1 edizione 13-28 GIUGNO 2014 Corso di alta formazione CUOA EXECUTIVE EDUCATION Fondazione CUOA Da oltre 50

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

NEWSLETTER n. 39/2013

NEWSLETTER n. 39/2013 Ufficio Stampa - Tel. 049/8293770 - Fax 049/8293754 - Cell. 348/2407427 Viale dell'università n. 14-35020 Legnaro (PD) - Id Skype: venetoagri - www.venetoagricoltura.org ufficio.stampa@venetoagricoltura.org

Dettagli

S.I.A.I.S. Società Italiana dell Architettura e dell Ingegneria per la Sanità Daniela Pedrini President

S.I.A.I.S. Società Italiana dell Architettura e dell Ingegneria per la Sanità Daniela Pedrini President MARTE project Marche RegionTechnical assistance for healthcare buildings Energy retrofit IEE/13/465 S.I.A.I.S. Società Italiana dell Architettura e dell Ingegneria per la Sanità Daniela Pedrini President

Dettagli

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini Quaderni della sicurezza AiFOS n. 4, 2010 Sommario PRESENTAZIONE MicheleLepore 1 INTRODUZIONE PaoloPennesi 5 Ilruolodeiformatorinellaformazioneallasicurezza LorenzoFantini 7 Breviconsiderazionisullaformazioneesuiformatoriinmateriadisaluteesicurezza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Eugenio Pomarici. Miilano, 15 dicembre 2014

Eugenio Pomarici. Miilano, 15 dicembre 2014 Business International Italian Excellence in Wine Mercato del vino e Expo Eugenio Pomarici Dip.to di Agraria Sezione di scienze della vite e del vino Università degli Studi di Napoli Federico II pomarici@unina.it

Dettagli

BANDO. Premi di Ricerca SIOMMMS per giovani ricercatori

BANDO. Premi di Ricerca SIOMMMS per giovani ricercatori BANDO Premi di Ricerca SIOMMMS per giovani ricercatori Regolamento Per il biennio 2014/2016 la SIOMMMS (Società Italiana dell Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie Metaboliche dello Scheletro)

Dettagli

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO

SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO SEMINARIO 5 e 6: I REGISTRI e DOCUMENTI DI TRASPORTO La funzione delle registrazioni consiste: da un lato fornire informazioni sulla consistenza e qualità delle produzioni enologiche, dall altro assicurare

Dettagli

Alimentazione sostenibile: anche una questione di energia

Alimentazione sostenibile: anche una questione di energia Alimentazione sostenibile: anche una questione di energia Corso di Formazione Nazionale per insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado CENTRO RISORSE FRECCIA IISS ANTONIETTA DE PACE LECCE Parco Regionale

Dettagli

Mobilitiamoci. per Kyoto. Giocando attuiamo le buone pratiche per una mobilità sostenibile casa-scuola

Mobilitiamoci. per Kyoto. Giocando attuiamo le buone pratiche per una mobilità sostenibile casa-scuola Mobilitiamoci per Kyoto Giocando attuiamo le buone pratiche per una mobilità sostenibile casa-scuola 1 1. Proponente titolare del progetto: Centro di Educazione Ambientale d interesse regionale IL BOSSO

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi:

INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: CONSORZIO DI TUTELA DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA PROSECCO INDICAZIONI TECNICHE Vendemmia 2015 La denominazione Prosecco in sintesi: PREMESSA (PORRE MOLTA ATTENZIONE AL CONCETTO): in riferimento

Dettagli

DVR Procedure Standardizzate: il 99% sono sbagliati. Scopri perchè!

DVR Procedure Standardizzate: il 99% sono sbagliati. Scopri perchè! DVR Procedure Standardizzate: il 99% sono sbagliati. Scopri perchè! Leggendo una conversazione su un forum online http://ingegneriaforum.it/index.php?topic=3746.0 in cui un utente, tra l'altro cliente

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO COMITATO SCIENTIFICO

ATTO COSTITUTIVO COMITATO SCIENTIFICO Prot. n. 3361/C34a, 10 Ottobre 2015 ATTO COSTITUTIVO COMITATO SCIENTIFICO Art. 1 Natura giuridica del Comitato Scientifico Il Comitato Scientifico è l organismo propositivo e di consulenza scientifica

Dettagli

Abitare sostenibile insieme con un click

Abitare sostenibile insieme con un click Abitare sostenibile insieme con un click Entra nella community di ECO Courts www.life-ecocourts.it Scopri come è facile risparmiare acqua, energia e rifiuti domestici riducendo le spese di casa. Con il

Dettagli

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08

RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 RELAZIONE SULLA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI SULLE ATTIVITÀ DIDATTICHE A.A. 2007/08 Indice 1. Premessa... 2 2. Caratteristiche della rilevazione... 3 2.1. Lo strumento di rilevazione:

Dettagli

Seduta del 12 maggio 2015 Verbale n. 9 Pag. 1. Verbale della riunione della COMMISSIONE AREA INTERNAZIONALE

Seduta del 12 maggio 2015 Verbale n. 9 Pag. 1. Verbale della riunione della COMMISSIONE AREA INTERNAZIONALE Seduta del 12 maggio 2015 Verbale n. 9 Pag. 1 Rep. n. 119 Prot. n. 22787 del 12 agosto 2015 Tit. II cl. 30 Verbale della riunione della COMMISSIONE AREA INTERNAZIONALE Il giorno martedì 12 maggio 2015

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIUSEPPINA DI PALMA Indirizzo Via Balbo,19 Stornarella FG Telefono 3297761618,0885-432023 Fax E-mail giusydipalma.3@libero.it Nazionalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO DEL 5/12/2002

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO DEL 5/12/2002 Oggi in Pavia, alle ore 16.00, presso l Ufficio per gli Studi di Valutazione, si riunisce il Nucleo di Valutazione dell'ateneo. Il Nucleo è stato convocato dal Presidente con lettera del 25/11/2002. Risultano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria. MASTER di II Livello

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria. MASTER di II Livello UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Facoltà di Agraria MASTER di II Livello NUOVE PROFESSIONI: L AMBIENTE COME OPPORTUNITÀ Direttore: Prof. Riccardo Valentini, DISAFRI, Facoltà di Agraria Coordinatore:

Dettagli

GUIDA OIV PER UNA VITIVINICOLTURA SOSTENIBILE: PRODUZIONE, TRASFORMAZIONE E CONDIZIONAMENTO DEI PRODOTTI

GUIDA OIV PER UNA VITIVINICOLTURA SOSTENIBILE: PRODUZIONE, TRASFORMAZIONE E CONDIZIONAMENTO DEI PRODOTTI RISOLUZIONE CST 1/2008 GUIDA OIV PER UNA VITIVINICOLTURA SOSTENIBILE: PRODUZIONE, TRASFORMAZIONE E CONDIZIONAMENTO DEI PRODOTTI L ASSEMBLEA GENERALE Su proposta del Comitato Scientifico e Tecnico dopo

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Riferimenti normativi 2. Informazioni di carattere generale ed economiche 2.1 Dati generali 2.2 Informazioni economiche 2.3 Informazioni commerciali 2.4 Contatti

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl)

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) RIESAME DEL CORSO DI LAUREA SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe L-26 Scienze e tecnologie alimentari Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe:

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

L anidride carbonica di fermentazione: da scarto in opportunità. La Vitivinicoltura 2.0

L anidride carbonica di fermentazione: da scarto in opportunità. La Vitivinicoltura 2.0 + L anidride carbonica di fermentazione: da scarto in opportunità. La Vitivinicoltura 2.0 Rimini 4 novembre 2015 Mario Ragusa Enologo Irvos ragusamario@alice.it + Progetto Vienergy Il progetto si poneva

Dettagli

Protocollo - Punto in Comune

Protocollo - Punto in Comune AVVISO PUBBLICO PER ESPLORAZIONE DI INTERESSE A REALIZZARE SUL TERRITORIO COMUNALE UN POLO FORMAZIONE PER DISABILI SPERIMENTALE. RICHIESTA MANIFESTAZIONE D INTERESSE E SUCCESSIVE OFFERTE TECNICO-GESTIONALI

Dettagli

VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015

VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015 VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015 Il giorno 19 maggio 2015, alle ore 14,30, nei locali dell Aula Magna dell Istituto Roncalli, su convocazione scritta, si riunisce il Collegio

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

Crescita sostenibile e intelligente

Crescita sostenibile e intelligente Crescita sostenibile e intelligente per lo sviluppo locale Per la realizzazione di questo documento sono state utilizzate immagini di: Archivio Parlamento europeo Avete un tesoro verde. Approfittatene.

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

www.protezione-ambientale.it

www.protezione-ambientale.it www.protezione-ambientale.it Chi Siamo Una struttura all avanguardia in grado di offrire un ampia gamma di prestazioni a soggetti pubblici e privati per il corretto adempimento di quanto previsto dalla

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE.

GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. GREEN GLOBE BANKING AWARD 2008 C È UN PATRIMONIO CHE CI STA PARTICOLARMENTE A CUORE. 1 Una Banca attenta all ambiente: la Politica Ambientale Nel quadro delle attività di responsabilità sociale e ambientale,

Dettagli

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol.

Produzione Titolo alcolometrico volumico Vino uva t/ettaro naturale minimo % vol. Riconoscimento della denominazione di origine controllata dei vini Moscato di Pantelleria, Passito di Pantelleria e Pantelleria - D.P.R. 11 agosto 1971 1,2 Art. 1. Denominazione e vini. La denominazione

Dettagli

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale

Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a. Organizzazione. Consiglio di Amministrazione. Direzione Generale Fondazione Edmund Mach Istituto Agrario di San Michele a/a Organizzazione Consiglio di Amministrazione Direzione Generale Centro Istruzione e Formazione Centro Ricerca e Innovazione Centro Trasferimento

Dettagli

> SVILUPPO SOFTWARE PER IL CALCOLO IMPIANTI DI POTENZA

> SVILUPPO SOFTWARE PER IL CALCOLO IMPIANTI DI POTENZA Località Piacenza Doc. n. R 4.1/1 CONSORZIO LEAP Laboratorio Energia Ambiente Piacenza Progetto ECATE Rev. 0 Progetto E.C.A.T.E. Efficienza e Compatibilità Ambientale delle Tecnologie Energetiche > SVILUPPO

Dettagli

EXPO BANDO. entaree. per. 1 di 8

EXPO BANDO. entaree. per. 1 di 8 EXPO MILANO 201 5 BANDO Buone Pratiche di Sviluppo Sostenibile per la Sicurezza Alime entaree 1 di 8 1. PREMESSA Lo Sviluppo Sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle

Dettagli

Corso di Formazione per Giovani Amministratori della Sardegna. Progettazione europea e politiche comunitarie per gli enti locali.

Corso di Formazione per Giovani Amministratori della Sardegna. Progettazione europea e politiche comunitarie per gli enti locali. Corso di Formazione per Giovani Amministratori della Sardegna Progettazione europea e politiche comunitarie per gli enti locali Report finale 1. Premessa Il Corso di formazione, voluto e promosso dal Consiglio

Dettagli

20 febbraio 2013: - Revisione della schedaa1-b e A1-c e impostazione della scheda A2

20 febbraio 2013: - Revisione della schedaa1-b e A1-c e impostazione della scheda A2 Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE BIOLOGICHE Classe: L-13 Sede: UNIVERSITA DI PISA Gruppo di Riesame: Prof.ssa Isabella Sbrana (Responsabile QA per il CdS e Responsabile del Riesame per il Dipartimento

Dettagli

Inspired by the past, built for the future

Inspired by the past, built for the future Inspired by the past, built for the future TONNELLERIE FRANCESE DAL 1838 IL MEGLIO DEL ROVERE L EREDITA DI UN SAVOIR-FAIRE TRADIZIONALE L INVENTORE DEL BOUSINAGE LEADER IN RICERCA&SVILUPPO LA PASSIONE

Dettagli

Siena Carbon Free 2015

Siena Carbon Free 2015 Siena Carbon Free 2015 BANDO DI CONCORSO Provincia di Siena Siena Carbon Free 2015 Premi per idee, progetti ed azioni per un uso efficiente e rinnovabile dell energia finalizzati alla riduzione delle emissioni

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO GENERALE Approvato Napoli, giorno 11 Dicembre 1998, alla fine dell Assemblea Straordinaria convocata per la modifica di Statuto Modificato Roma, Consiglio Direttivo, nella seduta del 26 Marzo

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Bando 2015 FONDAZIONE SOCIAL

Bando 2015 FONDAZIONE SOCIAL Bando 2015 Indice A. Premessa B. Caratteristiche del Bando B.1. Risorse B.2 Obiettivi B.3 Aree di interesse B.4 Ambito di intervento e soggetti beneficiari C. Soggetti proponenti D. Progetti ammissibili

Dettagli

autocertificazione e prezzo sorgente il vino

autocertificazione e prezzo sorgente il vino autocertificazione e prezzo sorgente il vino IL PRODUTTORE Nome produttore/azienda e ragione sociale: Az. Agr. Vitivinicola Antico Convento di Ferretti Enio Indirizzo: Str. Del Convento 1, 15051 Carezzano

Dettagli

PROCEDURA Nr.08 (Ed.03) GESTIONE DELLE MANIFESTAZIONI CULTURALI DELLA SIF

PROCEDURA Nr.08 (Ed.03) GESTIONE DELLE MANIFESTAZIONI CULTURALI DELLA SIF INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. DEFINIZIONI 4. RESPONSABILITA' 5. MODALITA' OPERATIVE 6. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA 7. CONTRIBUTO ECONOMICO DELLA SIF 8. RESOCONTO DELLA MANIFESTAZIONE 9. VALUTAZIONE

Dettagli

RAPPORTO DI RIESAME 2015

RAPPORTO DI RIESAME 2015 RAPPORTO DI RIESAME 2015 Denominazione del Corso di Laurea Magistrale: Lingue e Letterature Moderne Classe: (LM-37) Lingue e Letterature Moderne Europee e Americane Sede: Università della Calabria Dipartimento

Dettagli

Facoltà Teologica del Triveneto Secondo ciclo. Biennio di specializzazione in Teologia Pastorale e Teologia Spirituale

Facoltà Teologica del Triveneto Secondo ciclo. Biennio di specializzazione in Teologia Pastorale e Teologia Spirituale Facoltà Teologica del Triveneto Secondo ciclo Biennio di specializzazione in Teologia Pastorale e Teologia Spirituale Modulistica per la presentazione del Progetto Tesi Ver. 2014.07.17 In questo documento

Dettagli

Il Software che rende semplice ed efficiente il lavoro dell azienda dalla vite alla vendita.

Il Software che rende semplice ed efficiente il lavoro dell azienda dalla vite alla vendita. Il Software che rende semplice ed efficiente il lavoro dell azienda dalla vite alla vendita. Amministrazione e Contabilità. Una suite integrata per la gestione completa delle aziende vitivinicole. Nasce

Dettagli

A. Informazioni generali Ragione sociale: Sede legale 1 : Sede operativa: Prodotto/servizio 2. Referente Azienda: No. Addetti :

A. Informazioni generali Ragione sociale: Sede legale 1 : Sede operativa: Prodotto/servizio 2. Referente Azienda: No. Addetti : Vi chiediamo di compilare la presente scheda informativa necessaria ad istruire la vostra richiesta di certificazione in conformità alla UNI EN ISO 14001:2004. A. Informazioni generali Ragione sociale:

Dettagli

Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di best practices presso gli uffici giudiziari italiani Scheda riassuntiva

Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di best practices presso gli uffici giudiziari italiani Scheda riassuntiva Progetto interregionale/transnazionale Diffusione di best practices presso gli uffici giudiziari italiani Scheda riassuntiva Premessa La presente iniziativa è volta a promuovere, a livello interregionale,

Dettagli

autocertificazione e prezzo sorgente il vino

autocertificazione e prezzo sorgente il vino autocertificazione e prezzo sorgente il vino IL PRODUTTORE Denominazione azienda agricola Alziati Annibale Via frazione Scazzolino 55 Cap 27040 Località Scazzolino Provincia Pavia Telefono 0385\75261 Fax

Dettagli

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale Azienda leader nel campo della nutrizione, della salute e del benessere, Nestlé ambisce a migliorare

Dettagli

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete.

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete. ALLEGATO A BANDO 2014 PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEI PROGETTI PRESENTATI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ISCRITTE ALLA SEZIONE REGIONALE E ALLE SEZIONI PROVINCIALI DEL REGISTRO GENERALE

Dettagli

B A N D O (Selezione Tutor interni)

B A N D O (Selezione Tutor interni) UNIONE EUROPEA FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali Direzione Generale Politiche Regionali MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la

Dettagli

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello Dott. Michele Milano 1 29 novembre

Dettagli

TERRE DI SIENA CREATIVE

TERRE DI SIENA CREATIVE Amministrazione Provinciale di Siena BANDO DI CONCORSO TERRE DI SIENA CREATIVE Data pubblicazione : 1. Oggetto e finalità L Amministrazione Provinciale di Siena e la CCIAA di Siena promuovono il bando

Dettagli

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR

FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020. Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR FONDO EUROPEO AGRICOLO PER LO SVILUPPO RURALE (FEASR) PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Consultazione online del partenariato - Le sottomisure del PSR Indice dei contenuti 1. Premessa 2. Prima fase del percorso

Dettagli

Progetto Life+ UNIZEO: Convegno Finale 27 Marzo 2015 Scuole Salesiane Lombriasco

Progetto Life+ UNIZEO: Convegno Finale 27 Marzo 2015 Scuole Salesiane Lombriasco Progetto Life+ UNIZEO: Convegno Finale 27 Marzo 2015 Scuole Salesiane Lombriasco UNIZEO LIFE10ENV/IT/347 Progetto Life+ UNIZEO: Urea-based nitrogenous fertilizers coated with zeolite: reducing drastically

Dettagli

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure S.Balsotti 18 Maggio 2015 Contenuti 1. Introduzione 2. Descrizione del servizio 3. Scopo

Dettagli

AIPAS con iscritto Sezione Veneto e Friuli Venezia Giulia

AIPAS con iscritto Sezione Veneto e Friuli Venezia Giulia Un ALTRA AGRICOLTURA è POSSIBILE con la SEMINA DIRETTA Maggiore redditività aziendale - Minore consumo di gasolio - Minore usura delle macchine - Rapidità di esecuzione - Minore impiego di fertilizzanti

Dettagli

OPERA. Rapporto sui risultati dell analisi preliminare del livello di Sostenibilità in viticoltura nelle Aziende pilota

OPERA. Rapporto sui risultati dell analisi preliminare del livello di Sostenibilità in viticoltura nelle Aziende pilota OPERA Rapporto sui risultati dell analisi preliminare del livello di Sostenibilità in viticoltura nelle Aziende pilota ViSo_ITA_v7.indd 1 25/02/2012 23.19.51 ViSo_ITA_v7.indd 2 25/02/2012 23.19.54 Ministero

Dettagli

Premio Fondazione Cariplo per la ricerca di frontiera

Premio Fondazione Cariplo per la ricerca di frontiera Premio Fondazione Cariplo per la ricerca di frontiera Nella sua grandezza il genio disdegna le strade battute e cerca regioni ancora inesplorate (Abraham Lincoln) Lo strumento filantropico in breve Il

Dettagli

Regolamentazione delle Tesi di laurea

Regolamentazione delle Tesi di laurea Regolamentazione delle Tesi di laurea Vademecum della Commissione Didattica di Facoltà approvato nel Consiglio di Facoltà del 4 novembre 2009 Premessa. Dal Regolamento Didattico d Ateneo sulle prove finali

Dettagli

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 BANDO per le associazioni socie del Cesvot per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 volontariato ANNO 2015 Pagina 1 1. Chi può presentare Hanno diritto a presentare

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 2 LIVELLO (Corsi di Laurea Magistrale - D.M. 270/04)) Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale

REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 2 LIVELLO (Corsi di Laurea Magistrale - D.M. 270/04)) Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale CdP 20/04/2012 Int. GdS 20/06/2013 REGOLAMENTO DEGLI ESAMI DI LAUREA 2 LIVELLO (Corsi di Laurea Magistrale - D.M. 270/04)) Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale Cap.1 - Commissioni di

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI VILLA Provincia di Como GUARDIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 21 del registro delle deliberazioni Codice ISTAT: 013245 OGGETTO: Approvazione Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Dettagli

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A

Accordo di Rete delle scuole del. XII Municipio di R O M A Rette IIntterscollasttiica dell XIIII Muniiciipiio dii ROMA Accordo di Rete delle scuole del XII Municipio di R O M A Testo approvato dall Assemblea dei Dirigenti nella seduta del 28 Settembre 2010 Accordo

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Agrocllimatollogia e viticolltura Studi di vocazionallità territorialle e zonazioni dii Anttoniino Drrago Assessorato Agriicolltura e Foreste Regiione Siiciilliiana

Dettagli

VERBALE n 06 a.s. 2013/2014 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 16/05/2014

VERBALE n 06 a.s. 2013/2014 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 16/05/2014 VERBALE n 06 a.s. 2013/2014 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 16/05/2014 Il giorno 16 maggio 2014, alle ore 14,30, nei locali dell Aula Magna dell Istituto Roncalli, su convocazione scritta, si riunisce il Collegio

Dettagli