Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo"

Transcript

1 Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi xilematici per la stima della traspirazione delle colture arboree irrigue: risultati del monitoraggio dei due casi studio siciliani Antonio Motisi Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

2 FAO 56 Flux measurements: transpiration is a primary component of ecosystem water flow

3 Domanda traspirativa dell ambiente Environmental demand Architettura idraulica della pianta Plant hydraulic architecture Disponibilità idrica nel terreno Soil water availability

4 Ohm s law analogy and tree architecture Ψ = E r E = 1 E = 1/2 E = 1 or Ψ = 2 Ψ = 1 Ψ = 1 E = 1 Ψ = 1 r r r

5 Regola di Leonardo Hydraulic architecture

6 Hydraulic architecture and allometric relationships Power curve Y = a x b Number of nodes Portinnesto GF 677 MrS 2/ Diameter of stem element (cm)

7

8 Produzione (yield) kg/vine kg/vine ,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 1,2 1, ,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 1,2 1, Water supply (fraction of consumption) Water supply (fraction of consumption) Legno di potatura (pruning wt) 6 0,8 5 0,6 4 0,4 0,2 kg/vine 3 2 kg/vine 0-0,2 0,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 1,2 1,4 1-0,4 0 0,0 0,2 0,4 0,6 0,8 1,0 1,2 1,4-0,6-0,8 Water supply (fraction of consumption) Water supply (fraction of consumption)

9 Effetti del regime irriguo sulla produttività dell olivo Effects of irrigation regime on olive yield R 2 = 0,973 Fruit Yield (kg/ha) Accumulated Yield ,2 0,3 0,4 0,5 0,6 0,7 0,8 0,9 Source: Girona et al., 2000 Water supply (fraction of consumption) Kc

10

11 Effetti dell irrigazione a deficit idrico controllato sulla crescita del frutto (pero) Effects of RDI irrigationon fruit growth (pear)

12 La traspirazione al livello di pianta: flusso xilematico

13

14 Termografia del campo di calore in seguito ad un impulso termico (vista radiale)

15 Sap flow sensors

16

17

18

19 Heat Field Deformation method (HFD)

20 V = *K ^ Sensori TDP (Thermal disspation probes)

21 Heat balance

22 Calibrazione

23 Equazione di Marshall (1958) Soluzione analitica dell equazione di Marshall (1958) Solo in theoria!!

24 effetto ferita Teoria (eq di Marshall) Dati osservati

25 Coefficienti di correzione

26 Radial distribution of xylem sap flow

27 3 Integrazione della velocità di flusso sull intera sezione interessata al flusso xilematica

28

29

30

31

32 Raffronto con misure lisimetriche

33 Calibration by gas-exchange measurement

34

35 Stime della traspirazione al livello di impianto osservazioni a lungo termine su olivo

36 E stato eseguito un confronto fra il consumo idrico valutato a livello di albero e oliveto: 1 - Approccio ecofisiologico (sensori sap-flow); H Approccio micrometeorologico (eddy covariance). Sono stata eseguiti inoltre delle determinazioni indipendenti di Evapotraspirazione attraverso l uso dell Equazione n 69 (dual crop coefficient approach), contenuta nel quaderno numero 56 Della FAO (Irrigation and drainage paper): Etc = Eto * (K bc + K e ) Oliveto commerciale (cv. Nocellara del Belice) Localizzato in Sicilia CO 2 Scambi di CO 2 misurati a livello di oliveto: eddy covariance

37 Caratteristiche Vegetative Dell oliveto Appezzamento Plot D (NW) Plot D D (NW) Plot D (NW) Stazione eddy covariance Plot C (NE) Appezzamento Plot C (NE) C (NE) Plot C (NE) La percentuale media di copertura del suolo da parte degli alberi è del 45% N Appezzamento Plot B (SW) Plot B (SW) B (SW) Plot B (SW) Sensori sap flow Plot A (SE) Appezzamento Plot A (SE) A (SE) Plot A (SE) Appezzamento (plot) Età (Anni) Densità d impianto (m) Area sezione del tronco (cm 2 ) Area della proiezione della chioma (m 2 ) Altezza albero (m) A 12 5 x B 16 5 x C x D 12 5 x

38 Posizione degli alberi campione lungo il footprint della torre EC

39 CONFRONTO FRA I DATI (SCAMBI DI ACQUA) RILEVATI A LIVELLO DI PIANTA (SENSORI SAP FLOW) CON QUELLI A LIVELLO DI OLIVETO (EDDY COVARIANCE) Appezzamento Plot D (NW) Plot D D (NW) Plot D (NW) Stazione eddy covariance Plot C (NE) Appezzamento Plot C (NE) C (NE) Plot C (NE) N Appezzamento Plot B (SW) Plot B (SW) B (SW) Plot B (SW) Plot A (SE) Appezzamento Plot A (SE) A (SE) Plot A (SE) Sensori sap flow 1- Operazione di scaling all interno del plot A (sap flow) utilizzando l area della sezione del tronco (AST) come variabile; 2- Operazione di scaling fra i vari plot considerando le caratteristiche vegetative rilevate negli altri 3 plot e i valori di direzione prevalente del vento (intervallo di 30 min)

40 Sensori Sap flow (Green and Clothier 1988) Plot: A Età (anni): 12 distanza fra alberi (m): 5 x 8 Area media sezione tronco (AST): 321 cm 2 (valore misurato su 40 piante) Percentuale media di copertura del suolo: 40% Due sensori sap flow per pianta sono stati applicati su 3 piante, individuate queste come rappresentative dell intero del plot (A): (AST = 154 cm 2 ; 316 cm 2 ; 412 cm 2 )

41 CALIBRAZIONE DEI SENSORI SAP FLOW Sistema aperto Sessioni di misura giornaliere del flusso di linfa (sensori sap flow) e traspirazione

42 Regression between daily water consumption measured by the sap flow sensors and by open system balloon on the three trees and during the two calibration sessions. L/day (Balloon) Winter session y = 1.02 x R 2 = 0.99 TREE A B C L/day (sap flow) Summer session correction factor for 2.6 mm wound width

43 Olivo, cv. Nocellara del Belice Effetto dell intervento irriguo sui valori di flusso xilematico su 3 piante 6 Intervento Irriguo Traspirazione (litri/ora) P44 P60 P

44 Dinamica oraria dei flussi xilematici (olivo, cv. Nocellara del Belice) 3000 Irrigazione ORA GIORNO P Irrigazione

45 Procedura di scaling dal livello albero a livello del plot A Consumo idrico giornaliero (litri/giorno) y = x R 1 2 = (albero più piccolo) 20 AST = 154 cm Area della sezione del tronco (cm 2 ) 2 3 Per ogni giorno è stata determinata la relazione tra l area della sezione del tronco e il consumo idrico giornaliero, a mezzo di regressione lineare Area media della sezione del tronco (plot A): 321 cm 2 (valore ottenuto da 40 piante) (albero più grande) AST = 412 cm2 Count PLOT A Proportion per Bar Area della sezione del tronco (cm 2 )

46 Scaling up operations among plots (From Plot A to plots B, C and D), of transpiration data from sap flow sensors Sap flow Plot Age (years) Tree spacing (m) Trunk cross sectional area (cm 2 ) Canopy land area projected on the ground (m 2 ) Tree height (m) A 12 5 x B 16 5 x C x D 12 5 x Tree leaf area (m 2 ) Old trees (Plot C) Young trees (Plot A,B and D) Trunk cross sectional area (cm 2 ) Scaling up operation from plot A to plot B and D (young plots): use of multipliers obtained from plot mean trunk cross sectional area ratios: From Plot A to B, use of 1,4 as multiplier (460/320); From Plot A to D, use of 0,7 as multiplier (220/320) Scaling up operation from plot A to plot C (old plot): use of multiplier obtained from orchard leaf area (LAI2000) ratio: From Plot A to D, use of 1,2 as multiplier (0,91/0,75).

47 Operazione di scaling fra i vari plot Stazione Eddy covariance Plot B (SO) Plot D (NO) Plot D (NW) covariance station Plot D (NW) Direzione del vento: Sud - ovest Plot B (SW) Plot B Copertura suolo = 58% K cb = 0.46 Sap flow sensors Plot C (NE) Plot C (NE) Plot C (NE) Direzione vento Sud - est Plot A (SE) Plot A (SE) Copertura suolo = 40% K cb = 0.4 Plot A (SE) Per ogni intervallo di tempo (30 minuti), caratterizzato da una definita direzione del vento, gli scambi di vapor d acqua misurati dalla stazione eddy covariance (intero oliveto), sono stati confrontati con i valori di scambio di ciascun plot: 1 - Confronto dati da Eddy Covariance (intero oliveto) con sensori sap flow: caratteristiche vegetative rilevate nei 4 plot direzione del vento 2 - Confronto dati da Eddy Covariance (intero oliveto) con la Etc (FAO): differenti K cb direzione del vento

48 Perdite di acqua dovuto a rotture dell impianto di irrigazione Irrigazione a goccia Eventi piovosi 6 5 mm/giorno Eddy covariance Etc (sapflow) Giorno dell anno

49 6 5 4 Sap flow plus soil evaporation Eddy Covariance Etc FAO mm/day / / Day of year

50 Questione di scala: delimitare il sistema!!! Individuare l acqua in gioco!!! livello di impianto livello territoriale

51 Agrumi

52 Traspirazione (L/ora) aprile 2010 Luglio 2010 x$sapflowtree_s Sapflow - anno: 2010 DOY: 120 x$sapflowtree_s Sapflow - anno: 2010 DOY: :00 06:00 11:00 16:00 21:00 02:00 07:00 12:00 17:00 22:00

53 ora del giorno Giorni dall'1 gennaio Z ora del giorno Giorni dall'1 gennaio Z ora del giorno Giorni dall'1 gennaio Z Traspirazione/albero (L/ora)

54 Giorno dell'anno Traspirazione (L/giorno)

55 Traspirazione (stimata da sapflow) nel giorno di massimo consumo idrico n. piante / ha 450 Trasp/albero (L/giorno) 100 mc/ha/giorno 45 mm/giorno 4,5

56

Sensori di flusso xilematico per la stima della traspirazione delle piante arboree da frutto

Sensori di flusso xilematico per la stima della traspirazione delle piante arboree da frutto Sensori di flusso xilematico per la stima della traspirazione delle piante arboree da frutto Antonio Motisi Dipartimento di Colture Arboree, Università di Palermo Domanda traspirativa dell ambiente Environmental

Dettagli

Un analisi dell uso dell acqua nel vivaismo ornamentale e possibili strategie per una maggiore efficienza dell irrigazione e della fertilizzazione

Un analisi dell uso dell acqua nel vivaismo ornamentale e possibili strategie per una maggiore efficienza dell irrigazione e della fertilizzazione Seminario tecnico La razionalizzazione dell irrigazione e della fertilizzazione nel settore vivaisttico Ce. Spe. Vi., 5 giugno 2008 Un analisi dell uso dell acqua nel vivaismo ornamentale e possibili strategie

Dettagli

Applicazione della tecnica eddy covariance per la misura dei flussi di evapotraspirazione e di CO 2 : casi di studio in Italia.

Applicazione della tecnica eddy covariance per la misura dei flussi di evapotraspirazione e di CO 2 : casi di studio in Italia. FEDERICA ROSSI IBIMET - CNR Bologna Applicazione della tecnica eddy covariance per la misura dei flussi di evapotraspirazione e di CO 2 : casi di studio in Italia. I sistemi agrari input output Le piante

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Perché risparmiare acqua in agricoltura? Non è un bene infinito Riduzione riserva terrestre acqua dolce Scioglimento dei ghiacci competizione utilizzatori (aumento

Dettagli

Bilancio del carbonio in ecosistemi frutticoli

Bilancio del carbonio in ecosistemi frutticoli Bilancio del carbonio in ecosistemi frutticoli Prof. Paolo Inglese Dipartimento di Colture Arboree, Università degli Studi di Palermo Flussi di carbonio in un frutteto Carbonio accumulato (fotosintesi,compost)

Dettagli

Evapotraspirazione potenziale ETP

Evapotraspirazione potenziale ETP Evapotraspirazione potenziale ETP Modello - calcolo dell evapotraspirazione Pagina 1 Calcolo dell'evapotraspirazione potenziale Il concetto di evapotraspirazione potenziale (ETP) espresso intorno al 1950

Dettagli

dilenab@arssa-mail.it

dilenab@arssa-mail.it dilenab@arssa-mail.it Introduzione L Aridità è una caratteristica climatica determinata dalla contemporanea scarsità di piogge e dalla forte evaporazione che sottrae umidità al terreno (UNEP 1997- http://www.unep.org/geo/geo1/ch/toc.htm)

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrera - Cremona Pipeline which

Dettagli

EVAPOTRASPIRAZIONE. Marco Acutis. Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde

EVAPOTRASPIRAZIONE. Marco Acutis. Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde EVAPOTRASPIRAZIONE Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L evapotraspirazione EVAPOTRASPIRAZIONE = CONSUMI IDRICI DI UNA COLTURA EVAPORAZIONE DAL SUOLO

Dettagli

Impatto del cambiamento climatico sul ciclo idrologico e gli scambi tra superficie terrestre ed atmosfera in ambiente alpino

Impatto del cambiamento climatico sul ciclo idrologico e gli scambi tra superficie terrestre ed atmosfera in ambiente alpino La ricerca scientifica italiana nel campo dell idraulica: presentazione dei risultati dei progetti PRIN 2008 Ferrara, 24-25 gennaio Università di Ferrara Impatto del cambiamento climatico sul ciclo idrologico

Dettagli

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE L applicazione realizzata si propone la stima dei consumi idrici delle colture attraverso l integrazioni di più moduli

Dettagli

Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40

Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40 giunta regionale Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40 PSR - REGIONE DEL VENETO. MISURA 214/i AZIONE 3 (alternativa 1, 2 e 2bis) PER GLI IMPEGNI DI Riduzione del 25% dei volumi irrigui per

Dettagli

Riteniamo importante affrontare in questo contributo alcune delle criticità

Riteniamo importante affrontare in questo contributo alcune delle criticità ECONOMIA E TECNICA Suggerimenti per il migliore utilizzo di sistemi esperti per l irrigazione Bartolomeo Dichio* - Giuseppe Montanaro - Cristos Xiloyannis Dip.to delle Culture Europee e del Mediterraneo:

Dettagli

MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018)

MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018) Centro Trasferimento Tecnologico MIGLIORAMENTO DEI SISTEMI D IRRIGAZIONE E DELLE TECNICHE COLTURALI (2015-2018) Stefano Pedò Franco Michelotti Riva del Garda - 26 febbraio 2016 Premesse Premessa La riorganizzazione

Dettagli

STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA

STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA STRUMENTI di SUPPORTO alle DECISIONI per l USO IRRIGUO dell ACQUA Seminario: La gestione delle acque nel territorio agricolo Ordine Dottori Agronomi e Dottori Forestali della Provincia di Padova Marco

Dettagli

MONITORAGGIO DELLO STRESS IDRICO DEL MELONE MEDIANTE SENSORI DI TEMPERATURA FOGLIARE. L. Vergni 1, A. Vinci 1

MONITORAGGIO DELLO STRESS IDRICO DEL MELONE MEDIANTE SENSORI DI TEMPERATURA FOGLIARE. L. Vergni 1, A. Vinci 1 Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. MONITORAGGIO DELLO STRESS IDRICO DEL MELONE MEDIANTE SENSORI DI TEMPERATURA FOGLIARE

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE E SIMULAZIONI NUMERICHE. M. Pirastru 1, M.

VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE E SIMULAZIONI NUMERICHE. M. Pirastru 1, M. Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. VALUTAZIONE DELLA RICARICA DELLA FALDA IN UN FONDOVALLE ALLUVIONALE: MONITORAGGIO AMBIENTALE

Dettagli

INDICATORI ECONOMICI

INDICATORI ECONOMICI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA INDICATORI ECONOMICI Alessandro Massi Pavan Energia per il futuro dal 2013 al 2020... e oltre! Sesto Val Pusteria 24-28 giugno 2013 LEVELIZED COST OF ENERGY LCOE

Dettagli

DETERMINAZIONE DI FRACTIONAL COVER DA SCANSIONE LASER SU COLTURE SPERIMENTALI DI BARBABIETOLA

DETERMINAZIONE DI FRACTIONAL COVER DA SCANSIONE LASER SU COLTURE SPERIMENTALI DI BARBABIETOLA Workshop CITIMAP: il Telerilevamento per un agricoltura sostenibile DETERMINAZIONE DI FRACTIONAL COVER DA SCANSIONE LASER SU COLTURE SPERIMENTALI DI BARBABIETOLA Franco COREN(*), Alessandro PAVAN(*), Carla

Dettagli

Politecnico di Milano. MOPI-Centro Epson Meteo. M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani, L. Boscarello, G.

Politecnico di Milano. MOPI-Centro Epson Meteo. M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani, L. Boscarello, G. Previsione meteo idrologica per la gestione irrigua Pre.G.I. Politecnico di Milano Alessandro Ceppi MOPI-Centro Epson Meteo Raffaele Salerno M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani,

Dettagli

Sviluppare strumenti per analizzare e gestire sistemi colturali

Sviluppare strumenti per analizzare e gestire sistemi colturali Il progetto 2011/12: GAIA-PocketLAI Sviluppare strumenti per analizzare e gestire sistemi colturali In collaborazione con: Analisi di sistemi colturali attraverso Misure dirette Capacità di spiegare Modellistica

Dettagli

FRUTTO DI PESCO: COMPRENDERE COME CRESCE PER MIGLIORARNE LA QUALITA

FRUTTO DI PESCO: COMPRENDERE COME CRESCE PER MIGLIORARNE LA QUALITA FRUTTO DI PESCO: COMPRENDERE COME CRESCE PER MIGLIORARNE LA QUALITA Brunella Morandi, Pasquale Losciale, Luigi Manfrini, Marco Zibordi e Luca Corelli Grappadelli Dipartimento Colture Arboree Università

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2009-2010 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Rho - Malpensa Pipeline

Dettagli

M. Conte 1,2 D. Contini 1, A. Donateo 1, A. Dinoi 1, F. Belosi 3. 100 o Congresso Nazionale SIF, Pisa, 22-26 settembre 2014

M. Conte 1,2 D. Contini 1, A. Donateo 1, A. Dinoi 1, F. Belosi 3. 100 o Congresso Nazionale SIF, Pisa, 22-26 settembre 2014 Analisi dei flussi di particolato atmosferico ultrafine e della sua distribuzione dimensionale durante eventi di formazione e crescita di nuove particelle M. Conte 1,2 D. Contini 1, A. Donateo 1, A. Dinoi

Dettagli

Introduzione. Strategie per ridurre l impatto ambientale delle colture fuori suolo 05/10/2011. Sommario: Le colture in serra in EU

Introduzione. Strategie per ridurre l impatto ambientale delle colture fuori suolo 05/10/2011. Sommario: Le colture in serra in EU Workshop EUPHOROS Donnalucata, Ragusa (Italia), 6 ottobre 2011 Strategie per ridurre l impatto ambientale delle colture fuori suolo Alberto Pardossi (alberto.pardossi@agr.unipi.it) Università di Pisa,

Dettagli

Scenario Piemonte: foreste, stock di carbonio e gestione sostenibile

Scenario Piemonte: foreste, stock di carbonio e gestione sostenibile Scenario Piemonte: foreste, stock di carbonio e gestione sostenibile Franco Gottero Pier Giorgio Terzuolo Istituto per le Piante da Legno e l Ambiente - IPLA S.p.A Torino Mercati locali del carbonio e

Dettagli

GESTIONE TERRITORIALE DEL BILANCIO IDRICO

GESTIONE TERRITORIALE DEL BILANCIO IDRICO 73 CRITERIA - UN SISTEMA PER LA GESTIONE TERRITORIALE DEL BILANCIO IDRICO di Franco Zinoni, Vittorio Marletto e Giorgio Ducco ARPA Emilia-Romagna, Servizio Meteorologico Regionale, Bologna Riassunto CRITERIA

Dettagli

Installazione delle stazioni di monitoraggio sul campo

Installazione delle stazioni di monitoraggio sul campo LIFE+10 ENV/IT/00321 Water pollution reduction and water saving using a natural zeolitite cycle LIFE+ Environmental Policy and Governance 2010 Installazione delle stazioni di monitoraggio sul campo Campo

Dettagli

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente

Dettagli

Managing water is managing life

Managing water is managing life USO EFFICIENTE DELLE RISORSE IDRICHE IN AGRICOLTURA, STRUMENTI E PROSPETTIVE The new way to design Managing water is managing life Workshop Camera di Commercio 22/10/2014 Palermo 1 Irrigazione e uniformità

Dettagli

QUANDO E QUANTO IRRIGARE

QUANDO E QUANTO IRRIGARE QUANDO E QUANTO IRRIGARE Il bilancio idrico della coltura - ossia il calcolo, continuamente aggiornato, della quantità d acqua presente nello strato di terreno occupato dalle radici - costituisce un ottima

Dettagli

6. L acqua e la tecnica dell irrigazione

6. L acqua e la tecnica dell irrigazione Sansavini_p145-172_c06 24/03/2005 08:58 Pagina 145 6. L acqua e la tecnica dell irrigazione CristosXiloyannis, Rossano Massai, Bartolomeo Dichio 6.1. Il ruolo dell acqua nella pianta L acqua è il costituente

Dettagli

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PSR CAMPANIA 2007/2013 MISURA 124 ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO www.consulenzairrigua.it PROGETTO REALIZZATO

Dettagli

Inquinamento, scambi gassosi aria-pianta, ed equilibri fragili

Inquinamento, scambi gassosi aria-pianta, ed equilibri fragili Inquinamento, scambi gassosi aria-pianta, ed equilibri fragili Un impegno scientifico ma anche politico Da tempo si sà che gli inquinanti dell aria non danneggiano soltanto la salute umana, ma anche la

Dettagli

L uso razionale dell acqua in vigneto A

L uso razionale dell acqua in vigneto A Irrigazione soprachioma in un vigneto nell area di Soave (VR). Il metodo di somministrazione dell acqua implica forti perdite per evaporazione. L uso razionale dell acqua in vigneto A livello globale,

Dettagli

Architetture e strumenti di analisi per il monitoraggio multi vettore dei consumi e per l efficienza energetica

Architetture e strumenti di analisi per il monitoraggio multi vettore dei consumi e per l efficienza energetica Architetture e strumenti di analisi per il monitoraggio multi vettore dei consumi e per l efficienza energetica A. Farnetani (1), G. Fiorito (3), S. Grillo (2), S. Massucco (2), M. Salomone (1), F. Silvestro

Dettagli

RAPPORTI ACQUA-PIANTA EVAPOTRASPIRAZIONE

RAPPORTI ACQUA-PIANTA EVAPOTRASPIRAZIONE Dipartimento di Agraria - Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Alimentari (L26) - - Corso integrato Agronomia e colture erbacee e arboree industriali - - Modulo Agronomia e colture erbacee industriali

Dettagli

Misure Di Volatilizzazione D ammoniaca A

Misure Di Volatilizzazione D ammoniaca A Misure Di Volatilizzazione D ammoniaca A Seguito Di Spandimento Di Effluenti Zootecnici - Incontro tecnico di aggiornamento sull applicazione in Lombardia Mercoledì 26 maggio 2010 Marco Carozzi Di.Pro.Ve

Dettagli

Misura della radiazione solare UV nelle regioni polari: l'esperienza dell'isac-cnr

Misura della radiazione solare UV nelle regioni polari: l'esperienza dell'isac-cnr Misura della radiazione solare UV nelle regioni polari: l'esperienza dell'isac-cnr Vito VITALE e Boyan PETKOV Istituto t di Scienze dell'atmosfera e del Clima (ISAC-Bologna) Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Monitoraggio su basi ecofisiologiche della funzionalità degli ecosistemi forestali

Monitoraggio su basi ecofisiologiche della funzionalità degli ecosistemi forestali Monitoraggio su basi ecofisiologiche della funzionalità degli ecosistemi forestali Giorgio Matteucci, CNR-ISAFOM Giuseppe Scarascia Mugnozza, CRA - DAF Matteucci G., Scarascia Mugnozza G. Monitoraggio

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

copritunnel - rincalzatunnel cover-tunnel - Adjustable ridger for small tunnels

copritunnel - rincalzatunnel cover-tunnel - Adjustable ridger for small tunnels copritunnel - rincalzatunnel cover-tunnel - Adjustable ridger for small tunnels Copritunnel registrabile per piccoli tunnels (portato) Il copritunnel è stato ideato per la realizzazione di piccoli tunnel

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM Raffineria di Livorno Darsena Petroli (Italy) Pipeline YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM Fuel Transmission Pipeline HEL.PE El Venizelos Airport YEAR: 2001-2006 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak

Dettagli

LA VARIABILITÀ DELLA TEMPERATURA E DELLA PRECIPITAZIONE COME FATTORE AGRICOLO

LA VARIABILITÀ DELLA TEMPERATURA E DELLA PRECIPITAZIONE COME FATTORE AGRICOLO 67 LA VARIABILITÀ DELLA TEMPERATURA E DELLA PRECIPITAZIONE COME FATTORE AGRICOLO C.Pona 1, G.Fontana 2, G.Sourkova 3 (1) ENEA, CR Casaccia, Via Anguillarese 301, 00060 S.Maria di Galeria, Roma (2) Master

Dettagli

STIMA DEL BILANCIO IDRICO A DIVERSE SCALE SPAZIALI E TEMPORALI

STIMA DEL BILANCIO IDRICO A DIVERSE SCALE SPAZIALI E TEMPORALI 15 Russel G., Wilson G.W., 1994. An agro pedo - climatological knowledge base of wheat in Europe, Joint Research Centre, Report EUR 15789 EN. WMO, 1980. Guide to meteorological instruments and methods

Dettagli

CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione delle colture ortive di pieno campo

CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione delle colture ortive di pieno campo Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Conferenza delle regioni e delle provincie Autonome Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione

Dettagli

LA VALIDAZIONE AUTOMATICA DEI DATI METEOROLOGICI Maria Elena Nicolella CSI (Consorzio Sistemi Informativi) Piemonte

LA VALIDAZIONE AUTOMATICA DEI DATI METEOROLOGICI Maria Elena Nicolella CSI (Consorzio Sistemi Informativi) Piemonte 42 L VLIDZIONE UTOMTI DEI DTI METEOROLOGII Maria Elena Nicolella SI (onsorzio Sistemi Informativi) Piemonte Riassunto L obiettivo del lavoro è quello di descrivere una procedura per il controllo di qualità

Dettagli

Gestione Sostenibile dell Irrigazione. Massimo Rocchitta. Bari 4 Febbario 2011

Gestione Sostenibile dell Irrigazione. Massimo Rocchitta. Bari 4 Febbario 2011 Gestione Sostenibile dell Irrigazione Paola Ugas Massimo Rocchitta Bari 4 Febbario 2011 Gestione Sostenibile dell Irrigazione Paola Ugas - L acqua è un elemento di sviluppo economico e sociale - Fino agli

Dettagli

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer

SUNWAY M PLUS. Inverter solare monofase con trasformatore. Single-phase solar inverter with transformer Inverter solare monofase con trasformatore ngle-phase solar inverter with transformer La soluzione migliore nel caso in cui esigenze normative o funzionali di modulo, d impianto o di rete, richiedano la

Dettagli

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM

ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM ENVIRONMENTAL CONTROL & LEAK DETECTION SYSTEM YEAR: 2011 CUSTOMER: THE PROJECT Il Progetto S.E.I.C. developed the Environmental Control & Leak Detection System (ecolds) for Ferrara-Ravenna Pipeline located

Dettagli

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore

Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati. Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Acquisizioni 2005 da sensori satellitari ed aereotrasportati Massimo Vincini CRAST - Università Cattolica del Sacro Cuore Attività generali le finalità del centro saranno perseguite mediante le seguenti

Dettagli

COSTRUZIONI CONSTRUCTIONS REAZIONE REACTION 0247/DC/REA/10_1 14.04.2010. Product Name. Elastomeric foam insulation

COSTRUZIONI CONSTRUCTIONS REAZIONE REACTION 0247/DC/REA/10_1 14.04.2010. Product Name. Elastomeric foam insulation COSTRUZIONI CONSTRUCTIONS REAZIONE REACTION 0247/DC/REA/10_1 14.04.2010 1 Nome commerciale...: Product Name Descrizione / Description...: K-Flex ST Isoante elastomerico espanso Elastomeric foam insulation

Dettagli

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Docente: Ing. Demetrio Antonio Zema Lezione n. 11: Generalità sugli impianti irrigui Anno Accademico 2011-2012 2012 1 Metodi irrigui 2 Metodi irrigui Modalità

Dettagli

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale Il monitoraggio ambientale Qualità dell aria Obiettivo primario: garantire a tutto il territorio livelli di qualità dell aria compatibili con la salute umana e dell ambiente Il monitoraggio della qualità

Dettagli

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Il caso della Piana di Marjayoun Khiam Arianna Facchi Unità di Ingegneria Agraria CICSAA INQUADRAMENTO GEOGRAFICO LIBANO SIRIA ISRAELE GIORDANIA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L acqua Fondamentale

Dettagli

Macchine irroratrici: criteri di scelta, regolazione e controlli funzionali per la riduzione della deriva e il miglioramento dell efficienza

Macchine irroratrici: criteri di scelta, regolazione e controlli funzionali per la riduzione della deriva e il miglioramento dell efficienza Macchine irroratrici: criteri di scelta, regolazione e controlli funzionali per la riduzione della deriva e il miglioramento dell efficienza Cristiano Baldoin Dip. Territorio e Sistemi Agro-forestali Università

Dettagli

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI

SCHEDA INSEGNAMENTO RIFERIMENTI GENERALI Pag. 1 di 5 RIFERIMENTI GENERALI Corso di laurea: Scienze e Tecnologie Agroalimentari Curriculum: Tecnologie Agroalimentari Anno di Corso: 2 Semestre: 1 Insegnamento: AGRONOMIA E ARBORICOLTURA I Modulo:

Dettagli

LA PRESTAZIONE ENERGETICA DI FACCIATE E COPERTURE VERDI: PARAMETRI CARATTERIZZANTI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO

LA PRESTAZIONE ENERGETICA DI FACCIATE E COPERTURE VERDI: PARAMETRI CARATTERIZZANTI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO LA PRESTAZIONE ENERGETICA DI FACCIATE E COPERTURE VERDI: PARAMETRI CARATTERIZZANTI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO Valentina Serra Politecnico di Torino Dipartimento di Energetica, TEBE Research Group

Dettagli

Differenziazione ambientale e gestionale in ambiente irriguo della qualità dell'uva nell'oasi Norte del Rio Mendoza (Argentina)

Differenziazione ambientale e gestionale in ambiente irriguo della qualità dell'uva nell'oasi Norte del Rio Mendoza (Argentina) Workshop CITIMAP Piacenza, 20 aprile 2006 Il Telerilevamento per un agricoltura sostenibile Differenziazione ambientale e gestionale in ambiente irriguo della qualità dell'uva nell'oasi Norte del Rio Mendoza

Dettagli

www.autoleak.eu Autoleak DMS - A tool to decide if, when and where leakage detection is worthwhile Ing. Claudio Serrani

www.autoleak.eu Autoleak DMS - A tool to decide if, when and where leakage detection is worthwhile Ing. Claudio Serrani www.autoleak.eu Autoleak DMS - A tool to decide if, when and where leakage detection is worthwhile Ing. Claudio Serrani Italian DHI Conference 201 ..... Bisogno di Integrazione PROBLEMA 1 I dati sono spesso

Dettagli

STIMA DEI FABBISOGNI IRRIGUI OTTIMALI DEI CONSORZI DI BONIFICA UTENTI DEL LAGO DI GARDA

STIMA DEI FABBISOGNI IRRIGUI OTTIMALI DEI CONSORZI DI BONIFICA UTENTI DEL LAGO DI GARDA Consorzio di Bonifica Colli Morenici del Garda Consorzio di Bonifica Fossa di Pozzolo Consorzio di Bonifica Sud Ovest Mantova STIMA DEI FABBISOGNI IRRIGUI OTTIMALI DEI CONSORZI DI BONIFICA UTENTI DEL LAGO

Dettagli

VALVOLE IDROPNEUMATICHE IN MATALLO / METAL DIAPHRAGM VALVES LINEA DI PRESSIONE LINE PRESSURE CAMERA SUPERIORE UPPER CHAMBER

VALVOLE IDROPNEUMATICHE IN MATALLO / METAL DIAPHRAGM VALVES LINEA DI PRESSIONE LINE PRESSURE CAMERA SUPERIORE UPPER CHAMBER VALVOLE IDROPNEUMATICHE IN MATALLO / METAL DIAPHRAGM VALVES CARATTERISTICHE GENERALI: Le valvole nella versione standard sono normalmente aperte. Il coperchio ed il corpo valvola sono in ghisa. La membrana

Dettagli

Hard Disk Drive Duplicator Dock USB 3.0 to SATA HDD Duplicator. StarTech ID: SATDOCK22RU3

Hard Disk Drive Duplicator Dock USB 3.0 to SATA HDD Duplicator. StarTech ID: SATDOCK22RU3 Hard Disk Drive Duplicator Dock USB 3.0 to SATA HDD Duplicator StarTech ID: SATDOCK22RU3 The SATDOCK22RU3 USB 3.0 to SATA Hard Drive Duplicator Dock can be used as a standalone SATA hard drive duplicator,

Dettagli

Ciclo idrologico nel bacino

Ciclo idrologico nel bacino Condensazione Evapotraspirazione Precipitazione Evaporazione Suolo Falda Precipitazione Intercettazione Ruscellamento Infilotrazione Ipodermico Ricarica Traspirazione Flusso di base Portata del fiume Evaporazione

Dettagli

GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA

GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA GRUPPO RICICLA La gestione della frazione organica dei rifiuti con digestione anaerobica: energia e fertilizzanti rinnovabili GRUPPO RICICLA Università degli Studi di Milano via Celoria 2, 20133 Milano

Dettagli

Tomografo FaKopp 3D. Tomografo FaKopp 3D. La tomografia

Tomografo FaKopp 3D. Tomografo FaKopp 3D. La tomografia La tomografia Il tomografo FAKOPP 3D sfrutta le proprietà della diffusione del suono nel legno per produrre una fotografia dell interno dei tronchi, un immagine che riporta le parti di legno sano, le cavità

Dettagli

IRRIGAZIONE. Diffusione di portinnesti deboli, Infittimento sesti d impianto, Nuove tecniche irrigue

IRRIGAZIONE. Diffusione di portinnesti deboli, Infittimento sesti d impianto, Nuove tecniche irrigue IRRIGAZIONE Nei nuovi impianti fin dall inizio si installa l impianto d irrigazione. In passato l irrigazione era riservata agli agrumi e specie coltivate in zone siccitose. Motivi dello sviluppo dell

Dettagli

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio.

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. Per una migliore caratterizzazione del bacino idrologico dell area di studio, sono state acquisite

Dettagli

SCHEDA TECNICA LAVATRICI RC/LS IM8 TECHNICAL DATA SHEET IM8 RC/LS WASHING MACHINES

SCHEDA TECNICA LAVATRICI RC/LS IM8 TECHNICAL DATA SHEET IM8 RC/LS WASHING MACHINES SCHEDA TECNICA LAVATRICI RC/LS IM8 TECHNICAL DATA SHEET IM8 RC/LS WASHING MACHINES MODELLO MODEL CAPACITA CAPACITY DIAMETRO CESTO DRUM DIAMETER PROFONDITA CESTO DRUM DEPTH DIAMETRO DI CARICO LOAD DIAMETER

Dettagli

METODI DI IRRIGAZIONE ANTIBRINA TRADIZIONALI E INNOVATIVI

METODI DI IRRIGAZIONE ANTIBRINA TRADIZIONALI E INNOVATIVI METODI DI IRRIGAZIONE ANTIBRINA TRADIZIONALI E INNOVATIVI A CONFRONTO. LE ESPERIENZE IN TRENTINO E IN EMILIA. A COMPARISON OF TRADITIONAL AND NOVEL METHODS OF ANTIFROST IRRIGATION. EXPERIENCES IN TRENTINO

Dettagli

La gestione dell acqua in risaia

La gestione dell acqua in risaia Institute for Protection and Security of the Citizen La gestione dell acqua in risaia 1 Clima - risaie italiane Effetto volano dell acqua di sommersione Ne parleremo meglio quando affronteremo i sistemi

Dettagli

Distretto Rurale della Maremma

Distretto Rurale della Maremma XXXIX Convegno SIA Roma 22 settembre 2010 Le emissioni dei gas serra nella fase agricola della filiera dei prodotti agroalimentari: il caso del vino nel Distretto Rurale della Maremma Simona Bosco, Claudia

Dettagli

L intervento è finalizzato all installazione di aerogeneratori ( nel seguito denominati WTG) in

L intervento è finalizzato all installazione di aerogeneratori ( nel seguito denominati WTG) in 1. Introduzione L intervento è finalizzato all installazione di aerogeneratori ( nel seguito denominati WTG) in località Posta Puttana e Cocco nel Comune di Casalnuovo Monterotaro (Fg), su incarico della

Dettagli

Sistema di monitoraggio e gestione irrigua basato su tecnologie SBUS e wireless. o 2013. 28 Marzo. Pescia 2. p GARA. Worksho

Sistema di monitoraggio e gestione irrigua basato su tecnologie SBUS e wireless. o 2013. 28 Marzo. Pescia 2. p GARA. Worksho Pescia 2 28 Marzo o 2013 P. Battista Istituto di Biometeorologia CNR, Firenze W Worksho p GARA ANTES: daalla teoria alla praatica Sistema di monitoraggio e gestione irrigua basato su tecnologie SBUS e

Dettagli

Salinità delle acque. Ecw: conducibilità elettrica dell acqua. Unità di misura: 1 mmho/cm = 1 ds/m = 0,1s/m = 100 ms/m = 1ms/cm = 1000 μs/cm

Salinità delle acque. Ecw: conducibilità elettrica dell acqua. Unità di misura: 1 mmho/cm = 1 ds/m = 0,1s/m = 100 ms/m = 1ms/cm = 1000 μs/cm Salinità delle acque Ecw: conducibilità elettrica dell acqua Unità di misura: 1 mmho/cm = 1 ds/m = 0,1s/m = 100 ms/m = 1ms/cm = 1000 μs/cm Limiti di accettabilità per la salinità delle acque secondo la

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

La coltivazione fuori suolo: aspetti impiantistici e gestionali

La coltivazione fuori suolo: aspetti impiantistici e gestionali La coltivazione fuori suolo: aspetti impiantistici e gestionali F. Giuffrida, C. Leonardi francesco.giuffrida@unict.it UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA La coltivazione fuori suolo: cosa è? La coltivazione

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

EVAPOTRASPIRAZIONE DA SPECCHIO LIQUIDO E VEGETAZIONE E BILANCIO RADIATIVO ALLA SUPERFICIE TERRESTRE

EVAPOTRASPIRAZIONE DA SPECCHIO LIQUIDO E VEGETAZIONE E BILANCIO RADIATIVO ALLA SUPERFICIE TERRESTRE EVAPOTRASPIRAZIONE DA SPECCHIO LIQUIDO E VEGETAZIONE E BILANCIO RADIATIVO ALLA SUPERFICIE TERRESTRE A cura di Pierluigi Claps e Paola Allamano Politecnico di Torino Ver. 1.. Ott 011 Basato su: Handbook

Dettagli

ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE

ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE ASPETTI GENERALI Si fa riferimento a quanto riportato nel documento Principi e criteri generali per le pratiche agronomiche della produzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali TESI

Dettagli

Il metodo del Soil Conservation Service (S.C.S.) : Curve Number(CN)

Il metodo del Soil Conservation Service (S.C.S.) : Curve Number(CN) Il metodo Numero di Curva (CN), sviluppato dal Soil Conservation Service (SCS) del Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti 1, viene considerato come uno dei più importanti modelli non deterministici

Dettagli

TECNICHE INNOVATIVE DI IRRIGAZIONE E FERTIRRIGAZIONE

TECNICHE INNOVATIVE DI IRRIGAZIONE E FERTIRRIGAZIONE presenta: TECNICHE INNOVATIVE DI IRRIGAZIONE E FERTIRRIGAZIONE PER IMPIANTO E GESTIONE DELL ALBICOCCHETO 15 MARZO 2013 Scanzano J.co (MT) OBIETTIVI DI UNA CORRETTA GESTIONE IDRICA Gli apporti idrici tramite

Dettagli

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U.

A cura di: Capuano P., La Rocca A., Obrizzo F., Pingue F.,Pinto S., Russo A., Tammaro U. Rete Mareografica (area Vesuviana) 11 Il monitoraggio dei movimenti verticali del suolo è effettuato, oltre che con le tecniche geodetiche classiche e satellitari, anche tramite l uso dei mareografi che

Dettagli

Acquedotti: La stima dei fabbisogni

Acquedotti: La stima dei fabbisogni Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05 www.dica.unict.it/users/costruzioni Acquedotti: La stima dei fabbisogni Ing. Antonino Cancelliere

Dettagli

Stima del patrimonio di carbonio forestale e rurale: le prospettive per la Regione Sardegna

Stima del patrimonio di carbonio forestale e rurale: le prospettive per la Regione Sardegna Lotta ai Cambiamenti Climatici: Il Ruolo delle Aree Agro-Forestali Cagliari, 27 Febbraio 2007 Stima del patrimonio di carbonio forestale e rurale: le prospettive per la Regione Sardegna Donatella Spano

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

POMPA PNEUMOIDRAULICA PNEUMOHYDRAULIC PUMP VERSIONE PER OLIO E PER ACQUA OIL AND WATER WORKING APPLICATION

POMPA PNEUMOIDRAULICA PNEUMOHYDRAULIC PUMP VERSIONE PER OLIO E PER ACQUA OIL AND WATER WORKING APPLICATION POMPA PNEUMOIDRAULICA PNEUMOHYDRAULIC PUMP VERSIONE PER OLIO E PER ACQUA OIL AND WATER WORKING APPLICATION VERSIONE MANUALE CON VOLANTINO MANUAL VERSION WITH HANDWHEEL VERSIONE CON COMANDO PNEUMATICO A

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile!

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click IRRIMET Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Il primo sistema che fornisce in tempo reale mappe dell irrigazione e previsioni meteo

Dettagli

Bisogna che il mondo impari a centellinare l acqua

Bisogna che il mondo impari a centellinare l acqua 2 PRIMO PIANO L EVAPOTRASPIRAZIONE NEGLI STUDI CONGIUNTI DELLE UNIVERSITÀ DI VALENCIA E BASILICATA C è acqua nel respiro della terra Rocco Pezzano Bisogna che il mondo impari a centellinare l acqua che

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

SISTEMA COMPLETO DI ILLUMINAZIONE VANO LAMPADA A LED TIPO ILV24 s. COMPARTMENT SYSTEM LIGHTING COMPLETE LED LAMP TYPE ILV24 s

SISTEMA COMPLETO DI ILLUMINAZIONE VANO LAMPADA A LED TIPO ILV24 s. COMPARTMENT SYSTEM LIGHTING COMPLETE LED LAMP TYPE ILV24 s SISTEMA COMPLETO DI ILLUMINAZIONE VANO LAMPADA A LED TIPO ILV24 s COMPARTMENT SYSTEM LIGHTING COMPLETE LED LAMP TYPE ILV24 s Caratteristiche generali Mean features Lampade a bassa tensione (24Vcc) Lamps

Dettagli

RADIASOL MANUALE TECNICO

RADIASOL MANUALE TECNICO RADIASOL SCAMBIATORI SOLARI TERMICI SERIE T MANUALE TECNICO Entia non sunt multiplicanda sine necessitate (William of Ockham, 1288-1349) È il principio che, attraverso anni di appassionata ricerca e lo

Dettagli

Quick start manual Manuale rapido. Version 3.0

Quick start manual Manuale rapido. Version 3.0 Quick start manual Manuale rapido Version 3.0 1 Scope of delivery Contenuto della fornitura CITREX Mini USB cable, power cable Cavo di alimentazione Mini USB Plug-in power supply Alimentatore per rete

Dettagli

CALCOLO INFORMATIZZATO DEL BILANCIO IDRICO DEL SUOLO

CALCOLO INFORMATIZZATO DEL BILANCIO IDRICO DEL SUOLO «NATURA BRESCIANA» Ann. Mus. Civ. Sc. Nat., Brescia, 33, 2003: 209-216 CALCOLO INFORMATIZZATO DEL BILANCIO IDRICO DEL SUOLO STEFANO ARMIRAGLIO 1, BRUNO CERABOLINI 2, FABIO GANDELLINI 3, PIERMARCO GANDINI

Dettagli

ESCo solari termiche: criteri progettuali e strumenti a disposizione

ESCo solari termiche: criteri progettuali e strumenti a disposizione ESCo solari termiche: criteri progettuali e strumenti a disposizione Luca Colasuonno Dipartimento di Energetica Indice 2 1. Il progetto in modalità ESCo solare Studio di prefattibiltà Studio di fattibilità

Dettagli