LA STRATEGIA DI LOTTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA STRATEGIA DI LOTTA"

Transcript

1

2 Indice INTRODUZIONE pag. 3 IL PATOGENO pag. 4 I PRODOTTI pag. 13 DITHANE DG Neotec pag. 14 CURIT linea pag. 18 pag. 22 LA STRATEGIA DI LOTTA pag. 28 BIBLIOGRAFIA pag. 30 2

3 Introduzione Dow Agrosciences nasce da un processo evolutivo comune a molte società che operano nel mercato degli agrofarmaci o più in generale di quello della scienza e tecnologia applicata alle produzioni agricole, così come recita la nostra missione. Una evoluzione che ha visto succedersi nell ultimo decennio, ed oltre, fusioni ed acquisizioni aziendali. Dow Agrosciences è il condensato delle invenzioni, tecnologie e prodotti di diverse società/divisioni (Dow, Elanco, Sanachem, Rohm&Haas) che hanno segnato la storia del comparto sin dalla sua prima caratterizzazione, nel secolo scorso. Dow Agrosciences si presenta oggi con una gamma di prodotti che, pur ancorati alla tradizionale sintesi chimica, si arricchisce di soluzioni derivate da processi di fermentazione naturale (Spinosad-Laser) per poi entrare nell ancora inesplorato mondo delle biotecnologie e delle nuove tecnologie legate alla produzione agricola (vaccini animali, materie prime rinnovabili, ecc..). Dow Agrosciences Italia opera in un mercato caratterizzato da colture ad alto valore aggiunto, tra le quali si segnala, per la sua importanza, la Viticoltura. La gamma prodotti dedicata a questa importante coltura è già oggi ampia ed innovativa: Arius, Dithane, Karathane, Rubigan, Thiocur, Vento tra i fungicidi; Daskor, Dursban, Magister, Laser, Reldan tra gli insetticidi, Goal, Hopper, Kerb, Treflan per terminare con gli erbicidi. Mancava solo una presenza significativa nel segmento più significativo: gli Antiperonosporici Nel colmare tale lacuna, Dow Agrosciences Italia è felice di poter annunciare che la propria gamma Vite si arrichisce di una nuova linea di prodotti antiperonosporici; una soluzione tra le più efficaci oggi presenti sul mercato: la linea Electis Introduzione 3

4 Il Patogeno L agente patogeno della peronospora della vite è la Plasmopara viticola (Berk. et Curt.) Berl. et De Toni. Recentemente, per Vecchia classificazione Regno: Mycota Divisione: Eumycota Classe: Oomycetes Ordine: Peronosporales Famiglia: Peronosporaceae Genere: Plasmopara Specie: viticola Classifi cazione e ciclo biologico la presenza dei caratteristici e peculiari flagelli di cui sono dotate le zoospore, esso è stato riclassificato nel seguente modo: Nuova classificazione Regno: Straminiphila Divisione: Oomycota Classe: Peronosporomycetes Ordine: Peronosporales Famiglia: Peronosporaceae Genere: Plasmopara Specie: viticola CICLO BIOLOGICO DELLA PERONOSPORA DELLA VITE Infezioni primarie Infezioni secondarie P. viticola, per la sua stretta dipendenza dall ospite, è un parassita obbligato ed il suo ciclo biologico si compie attraverso due fasi: INFEZIONE PRIMARIA e INFEZIONE SECONDARIA 4

5 Infezione primaria Fig. 01 SVERNAMENTO All inizio dell autunno, dal micelio fungino, presente nei tessuti delle foglie che si apprestano a cadere, si originano gli organi sessuali maschili (anteridio) e femminili (oogonio), i quali, in seguito al loro accoppiamento, danno origine alle oospore (fig. 1), attraverso le quali il patogeno si conserva durante l inverno. Le oospore, per poter germinare in primavera, hanno bisogno di subire un processo di maturazione, che si conclude tra la fine di novembre e la prima metà di dicembre. Questo processo dipende da fattori endogeni (sintesi di enzimi e rimozione di inibitori) e fattori esogeni (temperatura e pioggia). In particolare, circa questi ultimi, si è accertato che le fluttazioni delle piogge e la loro durata (minimo 40 gg.) sono dei fattori chiave per l inizio del processo di germinazione. In ogni caso, nonostante le oospore siano SEMPRE presenti alla fine di ogni stagione, non si osserva nessuna relazione tra incidenza della malattia durante la stagione e il numero di oospore differenziate in autunno. INFEZIONE PRIMARIA La germinazione delle oospore dà inizio alle infezioni primarie della malattia. Da ultimi studi scientifici risulta che questo processo non avviene solo durante le prime fasi vegetative della coltura, ma Il Patogeno Fig. 02 Fig. 03 si prolunga, con andamento a cascata, fino a primavera inoltrata e, in alcuni casi, anche in estate. L oospora germinata emette uno o più macrosporangi (fig. 2 e 3), detti anche macroconidi, all interno dei quali si originano circa 40 zoospore (fig. 4). Queste, in seguito all azione della pioggia 5

6 Il Patogeno Fig. 04 Le zoospore, in presenza di acqua libera sulla foglia (minimo 1,5-2 ore di bagnatura) e con l aiuto di due piccole ciglia vibratili, raggiungono gli stomi, germinano ed iniziano la penetrazione nei tessuti vegetali (fig. 6). In genere, con temperature ed umidità favorevoli, il processo di germinazione delle zoospore e successiva penetrazione del micelio all interno dei tessuti si compie in circa 24 ore. che schizza sul terreno, e tramite correnti aeree, giungono sulle foglie diffondendo il patogeno (fig. 5). La germinazione delle oospore ha un andamento scalare (può durare da 3 a 14 giorni) e necessita di due eventi piovosi a distanza di almeno 3 giorni: il primo, necessario per la formazione del macrosporangio ed il secondo per la sua dispersione. REGOLA DEI TRE 10 In linea generale si ritiene che, affinché l infezione abbia inizio, è necessario che si verifichino contemporaneamente tre fattori: minimo 10 C di temperatura, minimo 10 mm di pioggia nelle 24/48 ore e che i tralci siano lunghi minimo 10 cm. (Regola dei tre 10). Questa regola, attualmente, ha solo un valore orientativo e deve essere seguita con la necessaria elasticità. Attenersi strettamente a questa regola per approntare una strategia di lotta non sempre garantisce risultati accettabili; in diversi casi, infatti, sono state riscontrate alcune sue eccezioni (es. infezioni primarie su tralci di lunghezza inferiore ai 10 cm.). Inoltre, è sicuramente preferibile considerare la temperatura media di 10 C anziché la minima. Fig. 05 Fig. 06 6

7 Fig. 07 Fig. 08 Il Patogeno INCUBAZIONE Con la penetrazione del fungo nell ospite incomincia il cosiddetto periodo di incubazione. In questa fase il patogeno dà origine dapprima ad un micelio primordiale di forma ampollare, detto premicelio (fig. 7), che successivamente si espande, come micelio vero e proprio, nei tessuti parenchimatici (fig.8). Arrivato a contatto con le cellule, il micelio dà origine a particolari organi, detti austori (fig.9), che gli permettono di assorbire gli elementi nutritivi dai succhi cellulari. La durata del periodo di incubazione è strettamente legata ai valori di temperatura ed umidità (Tab. n 1); esso, in genere, varia da 4 a 15 gg., ma, in determinate condizioni (basse temperature e bassa umidità), può durare anche oltre 20 gg.. La difficoltà di avere dati climatici rappresentativi, per aree omogenee e significative, è il maggiore ostacolo per individuare con esattezza l inizio delle infezioni e quindi il momento ottimale per le applicazioni degli antiperonosporici. Per questo motivo, la lotta a questo patogeno è in larga parte affrontata con un approccio più di tipo preventivo che curativo. Tabella 1 Temperatura media ( C) Durata del periodo di incubazione in giorni Umidità atmosferica bassa Umidità atmosferica alta , ,5 8, , , ,5 4, ,5 23 5, , , ,5 Fonte: Goidanich Fig. 09 7

8 Il Patogeno Infezione secondaria Fig. 10 EVASIONE Il periodo di incubazione dell infezione primaria termina con le sue prime manifestazioni visive, dette macchie d olio (foto 1). In condizioni climatiche favorevoli ed in poco tempo, il fungo inizia la riproduzione asessuale, che termina con la sua evasione dall ospite e quindi con l inizio delle infezioni secondarie. L evasione dall ospite avviene con la fuoriuscita dagli stomi dei rami macrosporangiofori (fig. 10) che rappresentano le fruttificazioni asessuali del patogeno e sui quali si differenziano i macrosporangi estivi (fig.11), detti anche conidi-estivi. Il contenuto di questi ultimi, al momento della germinazione, si suddivide in 5-6 parti, le quali, dotandosi di due ciglie vibratili, si trasformano in zoospore. INFEZIONI SECONDARIE Le zoospore, fuoriuscite in seguito alla rottura dei macrosporangi, arrivano su nuove foglie dando origine alle infezioni secondarie. Durante il periodo vegetativo, le infezioni, sia primarie che secondarie, possono susseguirsi diverse volte ed accavallarsi. Pertanto, la peronospora della vite è definito un patogeno policiclico. Fig. 11 8

9 Sintomatologia Foto 01 Foto 02 Il Patogeno FOGLIE Il primo sintomo dell attacco della peronospora sulla vite si presenta, in genere, sulle foglie con la caratteristica macchia d olio (foto 1). Questa manifestazione, cosi chiamata perché la superficie fogliare si presenta decolorata e con aspetto traslucido, si osserva sulla pagina superiore della foglia. In seguito all evasione dall ospite, alla pagina inferiore, in corrispondenza delle macchie d olio, si forma una tipica muffa bianca (foto 2) di aspetto lanuginoso, che rappresenta le fruttificazioni asessuali del fungo. Quando le infezioni proseguono anche in estate, il patogeno, sulle foglie adulte, si manifesta differentemente sotto forma di peronospora a mosaico (foto 3). Anche in questo caso, in corrispondenza delle macchie, alla pagina inferiore, si ha formazione di muffa bianca (foto 4). TRALCI Oltre alla foglie, il patogeno attacca anche i tralci erbacei della pianta, soprattutto quando la sua diffusione è molto elevata. In questi casi il sintomo è l annerimento e allessamento dei tessuti (foto 5). Foto 03 Foto 04 9

10 Il Patogeno Foto 03 Foto 05 GRAPPOLI Sui grappoli, l infezione può avvenire prima, durante e dopo la fioritura. Prima della fioritura, le infezioni possono partire già dalla fase di grappoli distesi e proseguire in seguito. In questi casi, la presenza del patogeno si manifesta sotto forma di annerimento ed allessamento (simile ad un fagiolino lesso) e, soprattutto, con la tipica conformazione ad S (foto 6). Quest ultimo sintomo, caratteristico e specifico della peronospora, evita di commettere errori nella diagnosi della malattia. Quando la virulenza del fungo è elevata, Foto 06 l infezione sul grappolo può portare alla sua completa distruzione. Se l infezione avviene prima che l acino abbia raggiunto il diametro di tre millimetri, il fungo si manifesta sotto forma di una muffa bianca che ricopre gli organi attaccati (foto 7). PERONOSPORA LARVATA L infezione può originarsi anche su acini già formati e con un diametro superiore ai 2-3 mm. In questi casi, la penetrazione del patogeno avviene attraverso gli stomi presenti sul rachide erbaceo (fig. 12) e il Foto 07 Fig

11 micelio invade l interno dell acino ma non riesce ad evadere. In tal caso resta imprigionato al suo interno, causando quella che viene definita peronospora larvata. L acino, completamente colonizzato dal fungo, non si sviluppa, imbrunisce e dissecca totalmente (foto ). Il Patogeno Foto 08 Fonte: Dr. Guario - OMP Bari Foto 09 Fonte: SAASD - Provincia di Pordenone Foto 10 Fonte: SAASD - Provincia di Pordenone 11

12 12

13 I Prodotti I Prodotti 13

14 Dithane DG Neotec L originalit à della molecola Dithane DG Neotec è un fungicida che contiene Mancozeb puro al 80%. La molecola del Mancozeb è un complesso di ioni di Zinco con unità di etilenbisditiocarbammato (EBDC) di Manganese. Ogni singola particella di DITHANE è costituita da un guscio ricco di Zinco che circonda un nucleo contenente Zinco ed Etilenbisditiocarbammato di Manganese a struttura polimera. La struttura che ne risulta è estremamente stabile grazie ai forti legami tra i diversi atomi. La bassa solubilità del guscio ricco di Zinco funziona come una membrana che controlla il rilascio progressivo e graduale degli EBDC: il lento rilascio che ne consegue determina l alto livello di selettività per le colture e la persistenza di azione del DITHANE. proteine amminoacidi NAD PI PI Guscio ricco di zinco Mancozeb malato ADP 2 NADPH polisaccaridi glucosio piruvato acetil CoA Ciclo di Krebs 1 trasporto di elettroni e fosforilazione ossidativa biosintesi lavoro meccanico trasporto 6 citrato succinato 5 4 ATP O 2 lipidi acidi grassi 3 H 2 O enzimi contenenti SH citoplasma mitocondri citoplasma Dithane DG Neotec Proprietà chimico-fisiche Purezza s.a. (minima) 80% Densità Apparenza Solubilità in acqua (temp. amb.) Pressione di vapore (a 20 C) Coefficiente ripartizione ottanolo/acqua 1,976 g/ml a 22 C Giallo 2-20 mg/l 1,33x10-5 Pa Log Pow = 1,33 Proprietà tossicologiche DL 50 acuta orale ratto DL 50 dermale ratto LC 50 inalazione ratto Irritazione dermale coniglio Irritazione oculare coniglio Sensibilizzazione dermale > 5000 mg/kg > 2000 mg/kg > 5,14 mg/kg non irritante leggermente irritante sensibilizzante Un vero fungicida multisito Il Mancozeb interferisce su sei passaggi metabolici essenziali per lo sviluppo e la crescita dei funghi patogeni. Il Mancozeb diviene tossico quando è metabolizzato in radicale isotiocianato dalla cellula fungina. Viene cosi inattivato il gruppo sulfidrilico degli ammionoacidi e degli enzimi cellulari con conseguente alterazione di importanti processi enzimatici della cellula (es. disgregazione del metabolismo lipidico, inibizione della permeabilità cellulare ed interferenza sulla respirazione mitocondriale). L azione di tipo multisito, ha permesso al Mancozeb di mantenere inalterata la sua attività biologica nonostante il suo impiego continuato per un lungo periodo di anni. Per questo motivo il Mancozeb è il fungicida ideale nelle strategie antiresistenza ed il partner più usato nelle miscele con fungicidi ad azione monosito. 14

15 La formulazione DG Neotec La formulazione del DITHANE DG Neotec è un brevetto esclusivo della Dow AgroSciences. Il sistema produttivo utilizzato permette di ottenere una dimensione molto ridotta e più uniforme delle particelle. Questa proprietà distingue in modo molto marcato la produzione del Dithane DG Neotec da quella degli altri Mancozeb DG generici. Applicazione iniziale di Dithane DG Neotec...la distribuzione è favorita dalla frammentazione delle gocce di soluzione nell impatto con la superficie fogliare......e dalla rugiada... % controllo di P. viticola su foglie mm pioggia 60 mm pioggia Dithane DG NT 64 Mancozeb DG gen Folpet DG Dithane DG Neotec Mancozeb DG generico Dithane DG Neotec...piogge leggere, inoltre, continuano il processo di ridistribuzione sull intera superficie fogliare... 1,7-2,7 µ 1,3-1,5 µ...fino alla totale copertura ed alla completa protezione. Le dimensioni più ridotte ed uniformi delle particelle del Dithane DG Neotec, unitamente alla maggiore adesività della formulazione, conferiscono ad esso una migliore sospensione e distribuzione sulle superfici da difendere ed una più elevata resistenza al dilavamento. Migliore attività biologica 15

16 Dithane DG Neotec La formulazione sottovuoto La Dow AgroSciences è l unica azienda produttrice di Mancozeb DG con un packaging sottovuoto. La confezione sottovuoto mantiene inalterato il prodotto nel tempo, impedisce la degradazione della sostanza attiva e conserva integra la formulazione in granuli. Vita media della sostanza attiva % di sostanza attiva Tempi di stoccaggio (mesi) Confezione sottovuoto Confezione non sottovuoto Migliore sospensibilità del prodotto Migliore copertura della superficie irrorata Maggiore sicurezza per l operatore Maggiore resistenza al dilavamento Qualità costante nel tempo Colture Patogeni controllati Dosi Tempi di carenza Melo e pero Ticchiolatura, Septoria, Ruggine, Alternaria 200 g/hl 28 gg Vite Peronospora, Escoriosi, Marciume nero 200 g/hl 28 gg Pomodoro Peronospora, Alternaria, Septoria, Cladosporiosi g/hl 7 gg Patata Peronospora 200 g/hl 7 gg Efficace anche su Escoriosi e Black rot 16

17 La selettività sui fitoseidi Nel 2003 e 2004 sono state condotte in Italia numerose prove per verificare la selettività del DITHANE DG Neotec verso i fitoseidi. Dai risultati di questi due anni di studi si evince che, anche con un numero di 6 trattamenti in un anno, le popolazioni delle diverse specie dei fitoseidi non sono state alterate numericamente in modo tale da non poter controllare adeguatamente gli acari fitofagi. Selettività su forme mobili (adulti+neanidi) di T. pyri - Fonte: SAGEA Tesi Prodotti Dose/hl Dithane DG Neotec Forum WP Dithane DG Neotec Supracid 20 E N Tratt. 4 N forme mobili (adulti+neanidi)/foglia T+0 T1 T2 T3 T4 T5 T6 2 1,0 a 1,0 a 1,0 ab 2,0 a 7,0 a 8,0 a 2,0 ab ,0 a 1,0 a 1,0 a 2,0 a 8,0 a 11,0 a 3,0 ab ,0 a 0,0 b 0,0 b 0,0 b 0,0 b 0,0 b 0,0 b Dithane DG Neotec 4 Testimone ////////// ////////// 2,0 a 2,0 a 1,0 ab 1,0 a 6,0 a 9,0 a 2,0 ab Date trattamenti: 15/5-25/5-04/6-14/6-26/6-06/7 Intervallo trattamenti: gg. Selettività su forme mobili (adulti) di K. aberrans - Fonte: AGREA Mancozeb (2) - Dimetomorph (4) Dimetomorph (2) - Mancozeb (2) - Dimetomorph (2) Mancozeb (4) - Dimetomorph (2) Date trattamenti: 08/5-17/5-25/5-03/6-14/6-23/6 Intervallo trattamenti: 8-10 gg. Dimetomorph (6) Mancozeb (6) Metidathion (6) Testimone Interferenza NON significativa sui fitoseidi 17

18 Curit Linea Electis Curit Linea Electis Fosetyl Al Il Fosetyl Al è un fungicida utilizzato da lungo tempo in viticoltura. Appartiene alla famiglia chimica dei fosfonati ed è caratterizzato chimicamente da una elevata solubilità in acqua (120 g/l). Ha caratteristiche eco - tossicologiche molto favorevoli ed è selettivo sugli organismi utili più diffusi nel vigneto. La sua alta solubilità in acqua gli permette di essere traslocato negli organi verdi della pianta sia in senso acropeto che basipeto; è considerato quindi un vero fungicida sistemico. La sua azione antiperonosporica è prevalentemente di tipo preventivo ed indiretto; infatti, pur avendo un azione diretta sul patogeno, stimola la vegetazione a produrre sostanze di difesa naturale che permettono un autoprotezione con efficacia crescente trattamento dopo trattamento. Iprovalicarb L Iprovalicarb è un antiperonosporico appartenente ad una nuova famiglia chimica: gli amminoacidi-ammidi-carbammati. E caratterizzato da un favorevole profilo ecotossicologico ed una solubilità in acqua di 17,8 mg/l. E dotato di un ottima selettività sugli organismi utili più diffusi nel vigneto. Nella pianta ha una traslocazione di tipo xilematico ed il suo movimento sistemico si svolge solo in senso acropeto. La sua azione antiperonosporica è di tipo preventivo ed è dotato anche di una buona azione curativa entro le 48 ore dall inizio dell infezione. Il suo meccanismo di azione è nuovo e non completamente descritto: certa è la sua interferenza con la sintesi della parete cellulare con alterazione del metabolismo degli amminoacidi. Fenamidone Il Fenamidone è un recentissimo antiperonosporico appartenente alla famiglia chimica degli imidazolinoni. E caratterizzato da una medio-bassa solubilità in acqua (7,8 mg/l a 20 C) ed ha caratteristiche eco-tossicologiche molto favorevoli. Ha un ottima selettività sui principali organismi utili del vigneto. Le principali caratteristiche di questo fungicida sono la sua capacità di muoversi nei vegetali con movimenti citotropici e traslaminari, non sistemici, ed un ottima affinità con le cere vegetali. In campo ha mostrato un ottima attività antiperonosporica: preventiva, curativa (entro 48 ore dall infezione) ed antisporulante. 18

19 Tre diverse mobilità integrate Fosetyl Al: per la sua caratteristica sistemia e conseguente rapida traslocazione verso gli apici vegetativi, permette una efficace difesa della nuova vegetazione; Iprovalicarb: ha una traslocazione di tipo xilematica in senso acropeto; permette una efficace difesa delle foglie e giovani germogli; Curit Linea Electis Fenamidone: penetra rapidamente all interno degli organi verdi della pianta con spiccata mobilità traslaminare e citotropica. Protegge efficacemente le infiorescenze e i grappoli in via di formazione. Fosetyl Al Iprovalicarb curativo preventivo Fenamidone gg. Le tre molecole sono sempre attive contemporaneamente nel turno applicativo proposto 19

20 Curit Linea Electis Elevata efficacia Nord Italia efficacia su Trebbiano (2000) Testimone: 95% foglie e 59% grappoli infetti Curit linea Electis - 4 appl. + Fenamidone + Cu - 1 appl. Standard 1-8 appl g p.a./hl % foglie infette % grappoli infetti 15 % foglie infette % grappoli infetti 10 5 Lunga persistenza d azione Eccellente attività preventiva: agisce sia direttamente sul patogeno che stimolando la vegetazione a produrre sostanze di difesa naturale che permettono una crescente autoprotezione trattamento dopo trattamento. Ha una persistenza di azione di gg. Buona azione curativa: ha una buona attività curativa quando applicato entro le 48 ore dall inizio dell infezione (pioggia infettante). nonostante eserciti un efficace attività antisporulante, è consigliabile applicare il prodotto solo in modo preventivo. 0 Curit linea Electis - 4 appl. + Fenamidone + Cu - 1 appl. Standard 1-4 appl g p.a./hl Standard 2-5 appl g p.a./hl 20

21 Le caratteristiche del formulato Composizione: Fosetyl Al puro: 52% Iprovalicarb puro 4,8% Fenamidone puro 4% Classe tossicologica: Xi Colture registrate: Vite Curit Linea Electis Dose di impiego: 2,5-3 kg/ha N max di trattamenti: 3 Turno trattamenti: gg. Tempo di carenza: 40 gg. Formulazione: polvere bagnabile Confezioni: astuccio da 1 kg - idrosolubile secchio da 10 kg-(10 sacchetti) Reg. Min. della Salute: n del Curit è un marchio registrato della Bayer Crop Science * Electis è un marchio registrato della DowAgrosciences 21

22 Electis è un nuovo antiperonosporico per la Vite contenente due sostanze attive: Zoxamide puro: 8,3% e Mancozeb puro: 66,7%. Zoxamide è una nuova sostanza attiva, frutto della ricerca Dow AgroSciences, dotata di una spiccata attività biologica preventiva contro i funghi patogeni appartenenti alla famiglia delle Peronosporacee. Electis ZOXAMIDE: la nuova sostanza attiva Cl O N H HCl 3 Cl 2 HCl 3 O HCl 2 Cl H 3 C Caratteristiche chimico-fisiche Famiglia chimica Nome chimico (CA) Benzammidi Formula empirica C 14 H 16 NO 2 Cl 3 Nome comune (ISO) zoxamide Peso molecolare 336,65 Punto di fusione 159,5-160,5 C Solubilità in acqua 0,681 mg/l a 20 C Pressione di vapore (a 20 C) < 1,3 x 10-5 Pa Coefficiente ripartizione ottanolo/acqua Log Pow = 3,76 3,5-Dichloro-N-(3-chloro-1-ethyl-1-methyl- 2-oxopropyl)-4methylbenzamide Cl Zoxamide ha una solubilità in acqua molto bassa, praticamente insolubile. Non ha attività sistemica nei tessuti vegetali. Ha un coefficiente di ripartizione molto alto che gli conferisce una fortissima affinità con le cere. Non mutageno Non cancerogeno Non teratogeno Proprietà tossicologiche DL 50 acuta orale ratto DL 50 dermale ratto LC 50 inalazione ratto Irritazione dermale coniglio Irritazione oculare coniglio > 5000 mg/kg p.c. > 5000 mg/kg p.c. > 5,3 mg/l non irritante non irritante Zoxamide ha caratteristiche ecotossicologiche molto favorevoli. La sua tossicità nei confronti dei mammiferi è molto bassa. Non si accumula nel suolo e nella falde acquifere. La sua bassa volatilità e la rapida degradazione (idrolisi e fotolisi) evitano il suo accumulo nell ambiente e l inquinamento dell aria. Favorevole profilo ecotossicologico 22

23 ZOXAMIDE: il meccanismo d azione Zoxamide presenta un nuovo meccanismo di azione rispetto ai fungicidi antiperonosporici più conosciuti. Zoxamide si fissa in maniera stabile ed irreversibile, con un legame covalente alla ß-tubulina, principale costituente del fuso mitotico durante la divisione cellulare. In tal modo il fuso acromatico viene disorganizzato e la divisione cellulare bloccata. Questo si traduce in una spiccata azione di tipo preventivo sullo sviluppo del fungo, specifica soprattutto nei confronti dei principali Oomiceti quali la Plasmopara viticola e il gen. Phytophtora. Inibizione della divisione cellulare dopo 6 ore dall applicazione Electis Controllo Trattato Zoxamide, per il suo nuovo meccanismo di azione, non presenta resistenza crociata con i principali fungicidi antiperonosporici. Il monitoraggio sistematico di popolazioni di P. viticola e P. infestans da colture trattate per più anni non hanno evidenziato deviazioni nella sensibilità dei vari ceppi. Il profilo di Zoxamide, relativamente al rischio di resistenza, sembra essere molto favorevole. Nonostante ciò, per il suo specifico ed unico sito di azione, e per offrire migliori garanzie applicative, Zoxamide è stata associata ad un fungicida multisito come il Mancozeb. Nuovo meccanismo d azione Specifico per gli Oomiceti 23

24 Electis ZOXAMIDE: la persistenza di azione Zoxamide, una volta applicata, si diffonde rapidamente nelle cere cuticolari mostrando una notevole resistenza al dilavamento. Le cere che rivestono le foglie ed i grappoli rappresentano una vera riserva di Zoxamide stabile nel tempo. Studi dell INRA di Bordeaux hanno dimostrato che l efficacia di Zoxamide non risulta compromessa anche con un regime di tre eventi piovosi consecutivi e ravvicinati (2-3 gg.), ciascuno dei quali prevedeva la distribuzione di 50 mm di acqua. Studi effettuati con Zoxamide marcata con C14 hanno dimostrato che il 54% della dose applicata si trova nelle cere dopo 1-2 ore dall applicazione. Resistenza al dilavamento di Zoxamide su foglie di vite 100% 75% 50% 25% 0% % di prodotto dilavabile % di prodotto assorbito dalle cere Forte affinità con le cere Resistenza al dilavamento % di prodotto penetrato nella foglia Zoxamide, dopo l applicazione sulle foglie e grappoli, penetra rapidamente nelle cere cuticolari e si redistribuisce diffondendosi al loro interno in modo uniforme. Questa caratteristica permette alla Zoxamide di proteggere per lungo tempo i tessuti vegetali, in particolare quelli più ricchi di cere come l acino. Per tale motivo, Zoxamide è un fungicida molto indicato per prevenire la peronospora larvata. Assorbimento Zoxamide Diffusione Mancozeb cere epidermide Efficace sulla peronospora larvata 24

25 : l efficacia biologica Electis è stato saggiato in campo per il controllo della Plasmopara viticola effettuando numerose prove sperimentali in collaborazione con diversi Centri di Saggio ed Enti Ufficiali. In particolare, negli anni 2002 e 2004, quando la peronospora della vite si è manifestata con notevole virulenza, sia nelle aree del Centro-nord che in quelle del Sud, Electis, applicato in modo preventivo, ha dimostrato una elevata azione di controllo della malattia ed una eccellente protezione del grappolo. Controllo di P. viticola su Grappolo (Nord Italia - Anno prove - 8 trattamenti a 8-10 gg.) Electis % efficacia su grappolo , % efficacia su grappolo Rif. D 200 Rif. A 25 Electis 200 Rif. B 250 Prodotti utilizzati e dose (g/hl) Elevata efficacia sulla peronospora del grappolo Azione secondaria su Black rot e B. cinerea Da numerose prove effettuate in laboratorio ed in campo, Electis ha manifestato una buona efficacia sul Black-rot ed un azione secondaria sulla B. cinerea paragonabile a quella del Folpet. Efficacia di Electis su Black-rot 90 Prodotti utilizzati e dose (g/hl) Electis 200 (a 10 gg.) Electis 200 (a 12 gg.) Rif. A 350 Testimone (60% di danno) Rif. C 200 Efficacia di Electis su B. cinerea Prodotto Dose g/hl % efficacia Electis ab Folpet ab Folpet ab Testimone 0.0 c N trattamenti effettuati: 6 Periodo: da post-fioritura ad invaiatura Prova DowAgrosciences 25

26 Electis : la selettività sugli utili Nelle varie prove in campo nelle quali sono stati effettuati n 4 trattamenti con Electis, nella fase che va dalla fioritura alla prechiusura del grappolo, alla dose di 200 g/hl, si è evidenziata una contenuta diminuzione delle forme mobili degli acari fitoseidi presenti. Applicando ripetutamente Electis, la popolazione è sempre rimasta al di sopra della soglia critica di 1-2 fitoseidi per foglia, necessaria al contenimento delle popolazioni degli acari fitofagi. Selettività su K. aberrans 14 GF Adulti/foglia GF Electis Supracid Testimone 2 0 2/5 13/5 6/6 28/6 12/7 25/7 : gli effetti sulla vinificazione Tebano (RA), Anno 2002, 5 applicazioni con turno di 10 giorni Interferenza irrilevante sulle popolazioni di fitoseidi Zoxamide non ha evidenziato effetti negativi sulla crescita di Saccharomyces cerevisiae a confronto con Folpet. Test di fermentazione alcolica con vari formulati commerciali, incluso quello con Mancozeb, (Electis) non hanno manifestato effetti indesiderati. Effetto di Zoxamide sullo sviluppo del lievito Saccharomyces cerevisiae Trattamento ppm Crescita % dal controllo Deviazione standard Zoxamide ± 7.6 Zoxamide ± 8.9 Folpet ± 2.4 Folpet ± 0.0 Nessuna interferenza sulla fermentazione Assenza di residui nel vino 26

27 : caratteristiche del formulato Composizione: Zoxamide puro: 8,33% Mancozeb puro: 66,7% Classe tossicologica: Xi Colture registrate: Vite, Pomodoro, Patata Dose di impiego: 1,5-2 kg/ha N max di trattamenti: 5 (non più di 3 consecutivi) Turno trattamenti: 8-12 gg. Tempo di carenza: 28 gg. su Vite 7 gg. su Pomodoro e Patata Formulazione: granuli dispersibili (DG) Electis Confezioni: astuccio da 1 kg sacco da 10 kg (sottovuoto) * Electis è un marchio registrato della DowAgrosciences 27

28 La strategia di lotta Ripresa vegetativa Formazione grappoli La strategia di lotta Grappoli distesi Inizio fioritura Dithane DG Neotec Curit Linea Electis I punti chiave per una efficace lotta Apertura del calendario delle applicazioni con prodotti ad azione preventiva per contenere le infezioni primarie ed altre eventuali patologie quali Black rot ed Escoriosi. Impiego di prodotti sistemici, con azione preventiva e curativa, a lunga persistenza di azione, durante le fasi di maggior crescita vegetativa e il periodo della fioritura quando il rischio di perdita della produzione è massimo. 28

Affidabilità senza condizioni

Affidabilità senza condizioni NOVITÀ Affidabilità senza condizioni Pergado: fungicida antiperonosporico per la vite Mandipropamid, una molecola dalle caratteristiche innovative Mandipropamid, molecola originale della ricerca Syngenta,

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici M. COLLINA Centro di Fitofarmacia Dipartimento di Scienze Agrarie Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici Incontro tecnico Vite: Problemi fitosanitari e strategie di difesa 27 febbraio,

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

LA DIFESA DELLA VITE NEL BIOLOGICO E NEL CONVENZIONALE

LA DIFESA DELLA VITE NEL BIOLOGICO E NEL CONVENZIONALE Viticoltura a S. Pietro di Feletto Aspetti e problematiche anno 2012 S. Pietro di Feletto, 1 Febbraio 2012 POSSIBILITÀ DI IMPIEGO DELLE TECNICHE DI COLTIVAZIONE BIOLOGICA, BIODINAMICA E INTEGRATA NELLE

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Cosa sono? Conoscenze di base (alcune) Comportamento nell ambiente

Cosa sono? Conoscenze di base (alcune) Comportamento nell ambiente PRODOTTI FITOSANITARI: Cosa sono? Conoscenze di base (alcune) Comportamento nell ambiente 1 DEFINIZIONE: I Prodotti Fitosanitari, definiti dall'art.2 del D. Lgs. n. 194/955 e dall art.2 del DPR 290/01,

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Funghi e micotossine

Funghi e micotossine Funghi e micotossine Roberto Causin, Dipartimento TeSAF, Sezione Patologia Vegetale, Università degli Studi di Padova 1.1 Aspetti generali Si conoscono decine di generi e specie fungine (muffe) in grado

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA DA TICCHIOLATURA, OIDIO E AFIDI IN PRE E POST FIORITURA TICCHIOLATURA FRUTTICOLTURA

IASMA Notizie DIFESA DA TICCHIOLATURA, OIDIO E AFIDI IN PRE E POST FIORITURA TICCHIOLATURA FRUTTICOLTURA IASMA Notizie FRUTTICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige n. 4 IASMA Notizie - n. 14 - Anno VIII - Taxe

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE LAZIO ASSESSORATO ALL AGRICOLTURA AREA SERVIZIO FITOSANITARIO E RISORSE GENETICHE GUIDA AL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Elaborato a cura dell Area Servizio Fitosanitario e Risorse

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici.

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici. 1. Identificazione della miscela e della società 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della miscela e usi sconsigliati Brillantante per impiego industriale a macchina 1.3.

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

: perma High temp. grease SF03

: perma High temp. grease SF03 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010 Antifrogen SOL HT Pagina 1(10) SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome commerciale Antifrogen SOL HT Numero materiale: 232512

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A.

Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Stogit Stoccaggi Gas Italia S.p.A. Sede Operativa di Crema (CR) CENTRALE STOCCAGGIO GAS DI CORTEMAGGIORE (PC) SCHEDA INFORMATIVA SUI RISCHI D INCIDENTE RILEVANTE PER I CITTADINI ED I LAVORATORI ai sensi

Dettagli

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE CAP Arreghini. Cultura della qualità. Un costante processo di evoluzione e di innovazione abbraccia da sempre tutte le attività di CAP Arreghini. L azienda gode infatti

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli