Sviluppo di applicazioni per basi di dati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppo di applicazioni per basi di dati"

Transcript

1 Sviluppo di applicazioni per basi di dati 1

2 Sviluppo di applicazioni per basi di dati Quattro parti: Gestione dati Business rules (vincoli di integrità e dati derivati) Logica applicativa Interfaccia utente Molte possibili architetture 2

3 Architetture Client-Server Logica + interfaccia Logica + interfaccia Sistema di comunicazione DBMS: dati e business rules Thin Client Interfaccia Interfaccia Sistema di comunicazione DBMS+application server: logica, dati e business rules 3

4 Architetture Three Tiers Client: Interfaccia Client: Interfaccia application server: logica applicativa DBMS server: dati e business rules 4

5 Il problema Scrivere un applicazione che visualizzi una schermata, raccolga dei dati, effettui elaborazioni, segnali eventuali inconsistenze con i dati nella BD oppure inserisca nuovi dati Serve un linguaggio che possa: Effettuare I/O Effettuare interrogazioni Controllare il flusso in un modo che dipende dal risultato dell interrogazione Effettuare aggiornamenti 5

6 Il problema SQL permette di accedere ai dati memorizzati in una base di dati e di aggiornarli Per scelte progettuali, il suo potere espressivo è però limitato (rispetto a quello di un generico linguaggio di programmazione) Questo significa che non tutte le elaborazioni che possiamo volere applicare ai dati possono essere espresse in SQL In particolare, SQL non è: computazionalmente completo, né operazionalmente completo 6

7 Completezza computazionale E relativa alla capacità di esprimere nel linguaggio tutte le computazioni teoricamente possibili In SQL mancano costrutti tipici dei generici linguaggi di programmazione (imperativi) quali il costrutto di scelta o quello di iterazione 7

8 Completezza operazionale E relativa alla capacità di esprimere nel linguaggio operazioni che richiedono una comunicazione diretta con il sistema operativo e, attraverso di esso, con l hardware e le periferiche: In SQL mancano, ad esempio, costrutti per scrivere in un file, stampare, sviluppare un interfaccia utente 8

9 Soluzione Per le due motivazioni viste nei lucidi precedenti è necessario estendere il potere espressivo di SQL Idea: combinare SQL con un linguaggio di programmazione generico: SQL: consente accesso ottimizzato ai dati Linguaggio di programmazione: garantisce completezza computazionale ed operazionale 9

10 Approcci all integrazione Accoppiamento interno Estensioni procedurali di SQL SQL viene esteso con gli usuali costrutti dei linguaggi di programmazione Può essere utilizzato all interno del DBMS, per definire funzioni e procedure richiamabili da qualunque applicazione Permette di garantire la completezza computazionale ma non sempre garantisce la completezza operazionale Lo standard SQL propone un estensione procedurale (SQL/PSM), ma la sintassi varia sensibilmente tra i vari DBMS 10

11 Approcci all integrazione Accoppiamento esterno Un linguaggio di programmazione esistente (es. C, Java) viene integrato con SQL Il codice viene eseguito in un ambiente esterno al DBMS La completezza (computazionale e operazionale) è garantita Due approcci principali: Librerie di funzioni SQL ospitato 11

12 Librerie di funzioni Viene resa disponibile per il linguaggio una libreria di funzioni (API) che definisce l interfaccia di comunicazione tra il DBMS ed il linguaggio di programmazione: Funzioni per la connessione alla base di dati e l esecuzione di comandi SQL Oltre alle librerie proprietarie dei vari DBMS, esistono anche librerie standard, che garantiscono interoperabilità (es. ODBC, JDBC) 12

13 SQL ospitato I comandi SQL vengono utilizzati direttamente all interno di un linguaggio di programmazione Uno speciale pre-compilatore, dato un programma nel linguaggio esteso, produce un programma interamente scritto nel linguaggio ospite In genere, i comandi SQL vengono sostituiti con chiamate al DBMS tramite interfacce di connessione standard o proprietarie 13

14 Approcci all integrazione L accoppiamento esterno (più diffuso) è scelta ovvia quando applicazioni esistenti devono essere estese per interagire con un DBMS Accoppiamente interno utilizzato da nuove applicazioni che richiedono una forte interazione con il DBMS Approccio più diffuso: combinazione dei due Con soluzione ad accoppiamento interno, si definiscono procedure e funzioni relative alle operazioni più frequenti sulla base di dati Tali procedure e funzioni sono poi richiamate da applicazioni sviluppate con approccio ad accoppiamento esterno 14

15 Accoppiamento esterno L accoppiamento esterno richiede l integrazione di due linguaggi: SQL ed linguaggio di programmazione generico Impedance mismatch dovuto alle differenze tra i due linguaggi Due differenze principali: Differenze nei tipi di dato: necessità di binding tra i tipi di dato del linguaggio e quelli di SQL (es. VARCHAR String per Java) Differenze nella modalità di elaborazione: setoriented per SQL, tuple-oriented per linguaggi di programmazione 15

16 Accoppiamento esterno È necessario tradurre il risultato di un interrogazione SQL (relazione) in una struttura dati del linguaggio di programmazione Se l interrogazione restituisce solo una tupla: Il numero di informazioni da analizzare è noto a tempo di compilazione e pari al numero degli attributi della relazione E possibile definire variabili di comunicazione da utilizzare per inserire i valori degli attributi della tupla restituita Se l interrogazione restituisce più tuple: La dimensione del risultato può non essere nota o troppo grande per essere memorizzata in memoria principale E necessario un meccanismo (cursore) che permetta di muoversi sulle tuple del risultato, una ad una, e manipolarle 16

17 Cursore Un cursore è un puntatore ad una tupla contenuta nel risultato di un interrogazione SQL Un cursore è quindi associato alla valutazione di un interrogazione In ogni momento, la tupla puntata dal cursore, e quindi i valori degli attributi di tale tupla, possono essere letti ed inseriti in una struttura dati del linguaggio ospite I cursori sono utilizzati anche nelle soluzioni ad accoppiamento interno quando è necessario iterare sulle tuple risultato di un interrogazione 17

18 Cursore 18

19 Cursore Operazioni sui cursori: Dichiarazione: associa un cursore ad un interrogazione Apertura: esegue l interrogazione associata al cursore e lo inizializza Posizionamento: sposta il cursore sulla tupla successiva o precedente rispetto a quella correntemente puntata (o sulla prima o sull ultima tupla del risultato) Chiusura: disabilita il cursore 19

20 Flusso di esecuzione Qualunque sia l approccio scelto, il programma deve eseguire i seguenti passi fondamentali: 1. Connessione alla base di dati 2. Esecuzione dei comandi SQL 3. Chiusura della connessione 20

21 Connessione Affinché un'applicazione possa utilizzare una base di dati, deve aprire una connessione verso il DBMS su cui la base di dati risiede Nelle soluzioni ad accoppiamento interno, tale connessione è già implicitamente aperta (l'applicazione viene eseguita direttamente da un DBMS server) Nelle soluzioni ad accoppiamento esterno, è necessario specificare il server con cui vogliamo aprire la connessione, fornendo: Stringa di locazione Credenziali di accesso (nome utente e password) 21

22 Chiusura della connessione Quando l'interazione con la base di dati è terminata, la connessione con il DBMS dovrebbe essere chiusa I DBMS ammettono infatti un numero massimo di connessioni contemporaneamente attive Chiudere una connessione dà la possibilità ad altre applicazioni di accedere al DBMS In genere, la terminazione di un'applicazione comporta la chiusura automatica di tutte le connessioni aperte 22

23 Esecuzione di comandi SQL Per ogni comando SQL, l'interazione tra il linguaggio di programmazione ed il DBMS coinvolge tre passi: Preparazione del comando: generazione delle strutture dati necessarie per la comunicazione con il DBMS ed eventuale compilazione ed ottimizzazione del comando da parte del DBMS Esecuzione del comando: il comando viene eseguito utilizzando le strutture dati e le informazioni generate durante la fase di preparazione Manipolazione del risultato: il risultato del comando, tradotto nelle strutture del linguaggio di programmazione, viene manipolato secondo la logica dell applicazione 23

24 Esecuzione di comandi SQL Il risultato dell esecuzione di un comando SQL è: Un insieme di tuple per le interrogazioni Un valore numerico per INSERT/UPDATE/DELETE e comandi del DDL Spesso la fase di preparazione e la fase di esecuzione di un comando SQL sono disaccoppiate Un comando SQL può essere preparato, in modo separato dalla sua esecuzione, durante la compilazione o l'esecuzione dell'applicazione che lo contiene Il disaccoppiamento è molto utile nel caso in cui lo stesso comando SQL debba essere eseguito più volte, magari cambiando solo i valori di alcuni parametri 24

25 Esempio Applicazione che vuole determinare più volte il numero medio dei noleggi per un particolare genere di film, preso in input: Il comando SQL da eseguire è sempre lo stesso La fase di preparazione permette di determinare il piano più efficiente per l'esecuzione dell'operazione, indipendentemente dal valore del parametro Tale piano di esecuzione può poi essere utilizzato in tutte le elaborazioni del comando nel contesto della stessa esecuzione dell'applicazione 25

26 SQL statico e dinamico SQL statico: Uso di comandi SQL noti a tempo di compilazione SQL dinamico: Uso di comandi SQL noti solo a tempo di esecuzione Esempio: clausola WHERE in un comando SELECT che cambia (ad es. contiene o meno un determinato congiunto) in relazione al fatto che una certa condizione (che può dipendere da valori presi in input) sia vera o falsa Facilita lo sviluppo di applicazioni on-line 26

27 Esempio Applicazione che: Prende in input il titolo ed il regista di un film Se la valutazione del film è minore od uguale a 1, allora ritira dal noleggio (e quindi cancella dalla base di dati) tutti i video relativi al film Se la valutazione del film è maggiore od uguale a 4, rimpiazza i video di tipo vhs con video di tipo dvd Negli altri casi, seleziona il titolo, il regista e la valutazione di tutti i film 27

28 SQL dinamico Se le richieste che possono essere immesse da terminale sono poche e note a priori, è possibile ``cablarle'' nel programma applicativo, utilizzando una logica a casi Il comando SQL che verrà ``effettivamente'' eseguito sarà noto solo al momento dell'esecuzione, quando l'utente preciserà la sua richiesta Non sempre è però possibile prevedere tutte le possibili richieste in ingresso (o il loro insieme può essere molto grande): Ad esempio lo stesso comando SQL, o parte di esso, può essere fornito direttamente in input 28

29 SQL dinamico I comandi SQL dinamici comportano maggiori problemi in termini di ottimizzazione, compilazione ed esecuzione Per questo motivo alcuni approcci di accoppiamento non ne permettono l'esecuzione Un comando SQL statico può essere preparato durante la compilazione del programma ed il risultato della preparazione può essere utilizzato un numero arbitrario di volte, nel contesto di esecuzioni distinte Un comando SQL dinamico può invece essere preparato soltanto durante l'esecuzione del programma, con un conseguente aumento del tempo di risposta 29

30 Libreria di funzioni 30

31 Librerie di funzioni L accesso alla base di dati avviene tramite un interfaccia chiamata Call Level Interface (CLI) Ogni CLI è una libreria per uno specifico linguaggio La maggioranza dei DBMS offre soluzioni di questo tipo, che però sono proprietarie e quindi vanno bene solo per uno specifico DBMS Lo standard SQL prevede SQL/CLI Standard de facto: ODBC, JDBC 31

32 JDBC/ODBC La portabilità a livello di eseguibile è ottenuta attraverso driver Un driver è un programma che traduce tutte le chiamate ODBC/JDBC in chiamate specifiche per un DBMS Nel seguito ci concentreremo su JDBC 32

33 JDBC: Architettura di riferimento 33

34 Driver Manager È una classe che gestisce la comunicazione tra applicazione e driver Risolve problematiche comuni a tutte le applicazioni: Quale driver caricare, basandosi sulle informazione fornite dall applicazione Caricamento driver Chiamate alle funzioni dei driver L applicazione interagisce solo con il driver manager 34

35 DBMS Il DBMS sostanzialmente rimane inalterato nel suo funzionamento Riceve sempre e solo richieste nel linguaggio supportato Esegue il comando SQL ricevuto dal driver e invia i risultati 35

36 JDBC JDBC è una API Java standard per interagire con basi di dati da Java Cerca di essere il più semplice possibile rimanendo al contempo flessibile Permette di ottenere una soluzione pure Java per l interazione con DBMS Indipendenza dalla piattaforma 36

37 Driver JDBC Esistono quattro tipi di driver I driver si differenziano per come interagiscono con la base di dati Il più semplice è il JDBC-ODBC Bridge che utilizza ODBC per connettersi alla base di dati 37

38 Applicazione Un applicazione è un programma che chiama specifiche funzioni API per accedere ai dati gestiti da un DBMS Flusso tipico: Caricamento driver Selezione sorgente dati (DBMS e specifico database) e connessione Invio statement SQL Recupero risultati e elaborazione Disconnessione 38

39 Esempio 1 39

40 import java.sql.*; import java.io.*; class examplejdbc {public static void main (String args []) { Connection con = null; try{ String my_department = "research"; Class.forName ("sun.jdbc.odbc.jdbcodbcdriver"); con =DriverManager.getConnection("jdbc:odbc:my_DB", "my_login", "my_password"); Statement st = con.createstatement(); Esempio 2 ResultSet rs = st.executequery("select AVG(salary) FROM employee"); 40

41 rs.next(); if (rs.getbigdecimal(1) < 1000) st.executeupdate("update employee SET salary = salary*1,05"); else st.executeupdate("update employee SET salary = salary*0,95"); PreparedStatement pst = con.preparestatement("select name,salary FROM employee WHERE department =?"); pst.setstring(1,my_department); rs = pst.executequery(); while (rs.next()) System.println("Name: "+rs.getstring(1)+ "Salary:"+rs.getInt(2)); con.close(); } 41

42 catch(java.lang.classnotfoundexception e) { System.err.print("ClassNotFoundException: "); System.err.println(e.getMessage());} catch (SQLException e) {while( e!=null) { System.out.println("SQLState: " + e.getsqlstate()); System.out.println(" Code: " + e.geterrorcode()); System.out.println(" Message: " + e.getmessage()); e = e.getnextexception(); }}}}} 42

43 SQL Ospitato 43

44 Concetti di base I comandi SQL vengono direttamente inseriti in programmi scritti in un estensione di un linguaggio di programmazione, chiamato linguaggio ospite Il linguaggio ospite permette di utilizzare SQL senza il bisogno di funzioni di interfaccia I comandi SQL (embedded SQL) possono apparire in ogni punto in cui può comparire un istruzione del linguaggio ospite 44

45 Concetti di base Lo standard SQL definisce come SQL possa essere ospitato in un insieme di linguaggi di programmazione, tra cui: C, COBOL Pascal, Fortran Anche se Java non è incluso nei linguaggi previsti, dopo lo sviluppo di JDBC è stata proposta una specifica ANSI/ISO per incapsulare comandi SQL in programmi Java: SQLJ (SQL Java) sviluppato dall SQLJGroup 45

46 Concetti di base Ogni istruzione SQL deve essere chiaramemente identificabile nel testo del programma: Preceduta da un prefisso e seguita da un terminatore Per molti linguaggi (C, Pascal, Fortran, Cobol): Prefisso = EXEC SQL Terminatore = ; SQLJ: Prefisso = #sql Terminatore = ; 46

47 Architettura di riferimento L esecuzione dei programmi avviene in tre passi: precompilazione, compilazione, esecuzione Precompilazione: Il programma viene passato ad un precompilatore (specifico del linguaggio ospite) Il precompilatore elimina i comandi SQL sostituendoli con chiamate al DBMS espresse nella sintassi del linguaggio ospite Il risultato è un programma scritto completamente nel linguaggio ospite Compilazione: Il programma risultato della fase precedente viene compilato utilizzando un compilatore per il linguaggio ospite 47

48 Esempio 1 48

49 import java.sql.*; import java.io.*; import java.math.*; import sqlj.runtime.*; import sqlj.runtime.ref.*; import oracle.sqlj.runtime.*; import java.sql.*; Esempio 2 class examplesqlj { #sql iterator Name_Salary_Iter(String name, int salary); public static void main (String args []) { try{ BigDecimal avg_sal; String my_department = "research"; oracle.connect("jdbc:odbc:my_db","my_login", "my_password", false); 49

50 #sql{select AVG(salary) INTO :avg_sal FROM employee}; if (avg_sal > 1000) #sql{update employee SET salary = salary*1,05}; else #sql{update employee SET salary = salary*0,95}; Name_Salary_Iter my_iter = null; #sql my_iter ={SELECT name,salary FROM employee WHERE department = :my_department}; while (my_iter.next()) System.println("Name: "+my_iter.name()+ "Salary:"+my_iter.salary()); } 50

51 catch(java.lang.classnotfoundexception e) { System.err.print("ClassNotFoundException: "); System.err.println(e.getMessage());} catch (SQLException e) { while( e!=null){ System.out.println("SQLState: " + e.getsqlstate()); System.out.println(" Code: " + e.geterrorcode()); System.out.println(" Message: " + e.getmessage()); e = e.getnextexception();}}}}} 51

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java

Fondamenti di Informatica. Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Fondamenti di Informatica Dichiarazione, creazione e gestione di array in Java Array in Java - creazione La creazione fa una inizializzazione implicita: num = new int[10]; con valore 0 per int e double,

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C.:luxx:. PREMESSE In questa guida non verranno trattati i costrutti di flusso, le funzioni, o comunque le caratteristiche del linguaggio, che si danno come presupposte.

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Le Liste Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Cos è una Lista Una lista è una collezione di elementi omogenei che: potrebbero

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in

MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI. Luca Carnini. Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in MODELLO AD OGGETTI PER LE BASI DI DATI E ANALISI DI PRODOTTI COMMERCIALI di Luca Carnini Tesina presentata per la discussione del diploma di laurea in Ingegneria informatica Politecnico di Milano sede

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero ---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero delle variabili a cui possono essere assegnati gli indirizzi

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

APPLICAZIONI SU PIU FILE

APPLICAZIONI SU PIU FILE APPLICAZIONI SU PIU FILE Serve poter sviluppare applicazioni su piú file: - alcune funzioni e alcune definizioni di dati in un file - altre funzioni e dati in file diversi Perché?? 1. Se il programma è

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages Il linguaggio Java I packages Concetti base Un package è una collezione di classi ed interfacce correlate che fornisce uno spazio dei nomi ed un controllo sugli accessi Un package facilita il reperimento

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli