SQL. Il linguaggio per le basi di dati CD-ROM PAOLO CAMAGNI MARINO DELLA PUPPA RICCARDO NIKOLASSY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SQL. Il linguaggio per le basi di dati CD-ROM PAOLO CAMAGNI MARINO DELLA PUPPA RICCARDO NIKOLASSY"

Transcript

1 PAOLO CAMAGNI MARINO DELLA PUPPA RICCARDO NIKOLASSY SQL Il linguaggio per le basi di dati CD-ROM

2

3 Paolo Camagni Marino Della Puppa Riccardo Nikolassy SQL Il linguaggio per le basi di dati EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO

4 UN TESTO PIÙ RICCO E SEMPRE AGGIORNATO Nel sito sono disponibili: materiali didattici integrativi; eventuali aggiornamenti dei contenuti del testo. Copyright Ulrico Hoepli Editore S.p.A Via Hoepli 5, Milano (Italy) tel fax Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e a norma delle convenzioni internazionali

5 Indice Presentazione 7 Modulo 1 - Operare con gli archivi 9 U.D. 1 - Archivi Definizione di archivio I dati Definizione di record Operazioni fondamentali sugli archivi I/O standard e su memoria di massa Condivisione Tipi di archivio Tipi di organizzazione Tipi di accesso 23 Esercizi di comprensione 24 Esercizi di applicazione 26 U.D. 2 - Creazione di file di testo Creazione di un file di testo Descrizione delle operazioni Soluzione con Visual Basic Soluzione con C Accodamento Descrizione delle operazioni 36 Esercizi di comprensione 38 Esercizi di applicazione 39 U.D. 3 - Lettura di file di testo Lettura per visualizzazione Descrizione delle operazioni Soluzione con Visual Basic Soluzione con C Lettura per la ricerca di una riga Descrizione delle operazioni Soluzione con Visual Basic Soluzione con C++ 51 Esercizi di comprensione 54 Esercizi di applicazione 55 U.D. 4 - Creazione sequenziale di file di record Creazione Descrizione delle operazioni Soluzione con Visual Basic Soluzione con C Accodamento Descrizione delle operazioni Soluzione con Visual Basic Soluzione con C++ 66 Esercizi di comprensione 70 Esercizi di applicazione 71 U.D. 5 - Lettura sequenziale di file di record Lettura per visualizzazione Descrizione delle operazioni Soluzione con Visual Basic Soluzione con C++ 76 Esercizi di comprensione 80 Esercizi di applicazione 81 Esercizi di fine modulo 82 Modulo 2 - Teoria delle basi di dati 83 U.D. 6 - Introduzione ai database Necessità dei database Funzioni di un DBMS Modellazione dei dati Il modello E-R Istanze e attributi Relazioni Notazione E-R 96 Esercizi 98 U.D. 7 - Progetto di un database Oggetti di un database Entità Attributi Relazioni Nominare gli oggetti La documentazione del progetto Sviluppare lo schema di base Regole di lettura Raffinare lo schema di base 109 Esempi di applicazione 112 Esercizi 114 3

6 Indice U.D. 8 - Chiavi e attributi Chiavi primarie Chiavi esterne Aggiungere attributi al modello Aggiungere le regole di integrità dei dati Regole di inserzione Regole di cancellazione 127 Esercizi di comprensione 131 Esercizi di applicazione 133 U.D. 9 - Database relazionali Struttura dei dati e terminologia Proprietà delle tabelle relazionali Relazioni e chiavi Integrità dei dati Manipolazione di dati relazionali Normalizzazione 149 Esercizi di comprensione 154 Esercizi di applicazione 156 Esercizi di fine modulo 157 Modulo 3 - Il linguaggio SQL 159 U.D I DBMS MySQL e MS Access Caratteristiche delle tabelle di MySQL Architettura di MySQL Tipi di dato L ambiente MySQL Front Creazione di tabelle in modalità grafica con MySQL Front Creazione di tabelle in modalità grafica con MS Access Importare ed esportare tabelle con Front L installazione di MySQL e di Front 173 Esempi di applicazione 176 Esercizi di comprensione 184 Esercizi di applicazione 186 U.D Il linguaggio di definizione dei dati (DDL) Il linguaggio SQL Il formato dei comandi SQL Alcune definizioni La visualizzazione dei database e delle tabelle La definizione dei database La definizione degli indici La definizione delle tabelle I vincoli intra-relazionali I vincoli inter-relazionali Chiavi multiple Eliminazione di record e integrità referenziale La modifica dello schema di una tabella La modifica dei constraints 210 Esempi di applicazione 212 Esercizi di comprensione 224 Esercizi di applicazione 226 U.D Le interrogazioni e la manipolazione dei dati Le interrogazioni Gli operatori di confronto Gli operatori aritmetici Il prodotto cartesiano e l eliminazione delle ripetizioni Il costrutto SELECT e le relazioni Self Join Gli operatori logici Le condizioni complesse L inserimento di nuove righe La sostituzione delle righe L eliminazione di righe L aggiornamento delle righe L aggiunta di record in tabelle esterne 255 Esempi di applicazione 257 Esercizi di comprensione 265 Esercizi di applicazione 268 U.D Le congiunzioni Join Le congiunzioni Natural Join Join esterne Left Join Right Join La congiunzione interna (Inner Join) Le congiunzioni multiple 280 Esempi di applicazione 285 Esercizi di comprensione 292 Esercizi di applicazione 294 4

7 Indice U.D. 5 - I raggruppamenti e gli operatori aggregati Gli operatori aggregati L operatore COUNT Gli operatori MAX e MIN L operatore SUM Gli operatori AVG e STDDEV Le funzioni LOWER, UPPER e LENGTH La clausola GROUP BY Visibilità nei raggruppamenti Condizioni sui gruppi con HAVING I campi nascosti Raggruppamenti e join Distribuzioni di frequenza 316 Esempi di applicazione 318 Esercizi di comprensione 329 Esercizi di applicazione 331 Esempi di fine modulo 333 Esercizi di fine modulo 345 Laboratorio 349 Modulo 4 - Aspetti avanzati di SQL 351 U.D Le query annidate Le operazioni insiemistiche Le query annidate di tipo scalare Query annidate e join Le subquery con operatori aggregati Condizioni su valori non scalari con i quantificatori ALL, ANY e SOME Le query correlate La quantificazione esistenziale 370 Esempi di applicazione 372 Esercizi di comprensione 388 Esercizi di applicazione 390 U.D Caratteristiche delle subquery Alcuni casi particolari La nidificazione su attributi multipli Le query a campi incrociati Le subquery con tabelle derivate Creazione di nuove tabelle con nidificazione Inserimento di nuove righe con nidificazione Aggiornamento dei record con subquery La nidificazione e l eliminazione delle tuple Funzioni matematiche Funzioni stringa Funzioni di manipolazione date Funzioni condizionali 413 Esempi di applicazione 417 Esercizi di comprensione 420 Esercizi di applicazione 422 U.D La sicurezza dei dati La configurazione del server MySQL Le utenze I comandi GRANT e REVOKE Le utenze e i privilegi in MySQL Le utenze e i privilegi in MS Access Le transazioni Le viste 437 Esercizi di comprensione 441 Esercizi di applicazione 443 Esercizi di fine modulo 444 Laboratorio 446 Indice analitico 447 5

8

9 Presentazione SQL si è ormai affermato come linguaggio standard per l accesso ai database relazionali non solo per le operazioni di interrogazione, ma anche per quelle di gestione e manutenzione dei dati. La sua sintassi, infatti, da un lato è sufficientemente intuitiva da consentirne l utilizzo da parte di utenti non esperti, per semplici operazioni di consultazione e aggiornamento dei dati; dall altro è abbastanza potente per l impiego in contesti complessi da parte di specialisti e amministratori di basi di dati. La scelta sempre più diffusa di architetture Client/Server, che presuppongono l utilizzo di SQL per l accesso ai dati, sta rapidamente trasformando questo linguaggio nello standard de facto per l interazione con banche dati contenenti qualsiasi tipo di informazioni. Inoltre, è ormai affermato l utilizzo di SQL come mezzo d accesso a database su Internet. Questo testo si propone di illustrare le caratteristiche di SQL, inserendolo nel contesto delle nozioni relative ai database relazionali. Lo studente sarà rapidamente in grado, seguendo gli esempi, di realizzare interrogazioni sempre più complesse, di manipolare dati, di definire strutture proprie. Il volume presenta, in maniera articolata ed esaustiva, le tecniche fondamentali per la definizione e la gestione dei database relazionali. La struttura dell opera è gerarchica: essa è suddivisa in Moduli composti da Unità didattiche; ogni Unità didattica è composta da paragrafi, ciascuno dei quali tratta un solo argomento. Tale struttura aiuta lo studente a concentrarsi, di volta in volta, su un singolo aspetto del discorso. Inoltre, tutti i concetti presentati sono accompagnati da numerosi esempi, che permettono di verificare concretamente quanto esposto. Al termine di ciascuna Unità didattica sono proposti esercizi di comprensione e di applicazione, mentre per ogni Modulo sono presenti sia esercizi di riepilogo sia proposte per il lavoro in laboratorio. Le Unità didattiche e i Moduli relativi specificamente al linguaggio SQL comprendono alcuni esempi riepilogativi, che sintetizzano con applicazioni concrete gli argomenti trattati. Le finalità e i contenuti dei diversi argomenti affrontati sono descritti dalle indicazioni di apertura Obiettivi generali, Che cosa imparerai a fare e Che cosa dovrai studiare. Queste corrispondono alle tre C (capacità, conoscenze e competenze) utilizzate come criteri di valutazione negli esami di Stato. Il volume si articola in quattro Moduli. Il primo modulo descrive alcuni aspetti dell organizzazione convenzionale degli archivi. Il secondo modulo presenta i principi di base della modellazione Entity-Rela- 7

10 Presentazione tionship, e illustra i criteri fondamentali per la definizione di una base di dati relazionale. Il terzo modulo entra nel dettaglio della sintassi e dell utilizzo del linguaggio SQL. Inizialmente vengono descritti gli ambienti di sviluppo di MySQL-Front e di MS Access; successivamente vengono presentati i costrutti e le clausole di SQL orientati alla definizione e all interrogazione dei dati. Ogni costrutto e ogni clausola del linguaggio sono descritti dalla loro funzione, dalla loro sintassi e da uno o più esempi. Il quarto modulo affronta argomenti più specifici, tra cui la nidificazione delle query, il controllo degli accessi e la gestione delle procedure. Il testo non è legato a un particolare software presente sul mercato o a un particolare ambiente di sviluppo, ma presenta le caratteristiche del linguaggio nella sua forma standard. Tutti i codici degli esempi sono testati sia in Front di MySQL sia in MS Access, con la segnalazione puntuale delle eventuali varianti per i due ambienti. Per permettere allo studente di approfondire i concetti appresi, al volume è stato allegato un CD-ROM che contiene gli esempi più significativi presentati nel libro. In questo modo l alunno può verificare direttamente quanto esposto nel testo e può saggiare le proprie ipotesi di modifica. Questa icona contrassegna gli esempi riportati sul CD-ROM. Gli autori 8

11 Obiettivi generali Modulo 1 Operare con gli archivi Riconoscere l importanza dell archiviazione dei dati Saper organizzare l archiviazione dei dati in modo funzionale rispetto al problema affrontato Capire la necessità degli archivi di dati nelle applicazioni gestionali Distinguere e saper scegliere le diverse organizzazioni dei file Distinguere e saper scegliere i diversi tipi di accesso & Questo modulo contiene U.D. 1 Archivi U.D. 2 Creazione di file di testo U.D. 3 Lettura di file di testo U.D. 4 Creazione sequenziale di file di record U.D. 5 Lettura sequenziale di file di record

12 Unità didattica 1 Archivi CHE COSA IMPARERAI A FARE > Riconoscere gli elementi fondamentali della definizione di un archivio > Definire la struttura di un archivio di dati > Descrivere gli aspetti fondamentali delle operazioni di I/O > Distinguere le caratteristiche fondamentali delle diverse organizzazioni dei file > Distinguere le caratteristiche fondamentali dei diversi tipi di accesso CHE COSA DOVRAI STUDIARE > Definizione di record > Operazioni fondamentali sugli archivi > I/O standard e su memoria di massa > Concetto di condivisione > Tipi di archivio > Tipi di organizzazione > Tipi di accesso

13 Unità didattica 1 Archivi I computer sono parte integrante della nostra vita da diversi anni. La loro integrazione con le nostre attività quotidiane è talmente vasta e radicata che ormai non ci rendiamo nemmeno più conto della loro presenza e di come contribuiscano, nel bene e nel male, alla nostra esistenza. Siamo circondati dai computer praticamente in ogni momento della giornata. Infatti, pensare ai computer solo come alle macchine che siamo abituati a vedere sui nostri tavoli al lavoro o nei laboratori delle scuole e delle università, è piuttosto restrittivo: gran parte degli oggetti che ci circondano possiedono al loro interno un piccolo processore. Nella sola automobile sono presenti, per esempio, diversi computer: la centralina del motore, la centralina degli airbag, la centralina del condizionatore, la centralina degli impianti audio ecc. Oltre ai computer come entità fisiche (l hardware) anche i loro programmi (il software) sono parte integrante della nostra vita: la radiosveglia che ogni mattina interrompe i nostri sogni, infatti, è un piccolo computer con un piccolo programma che si occupa di far scattare la suoneria all ora prestabilita. Gran parte dei programmi esistenti non si limitano però alla semplice gestione di una radiosveglia. Pensiamo, per esempio, ai programmi che gestiscono l anagrafe di un Comune, oppure, più semplicemente, a un programma che tenga aggiornato l elenco dei CD e dei DVD in nostro possesso. Una funzione comune a tutti i programmi di gestione consiste nella memorizzazione, e in seguito nell elaborazione, di grandi quantità di dati. Questi dati vengono raggruppati in archivi, che generalmente sono gestiti attraverso un linguaggio sviluppato ad hoc per interagire con essi: il linguaggio SQL. Gli archivi e il loro trattamento sono l argomento di questo volume. 1.1 Definizione di archivio Una delle prime necessità con cui l informatica ha dovuto confrontarsi è stata la memorizzazione dei dati su un supporto da dove fosse possibile recuperarli in un secondo tempo. Si definisce archivio l insieme dei dati che vengono salvati su un supporto. Un archivio viene anche chiamato generalmente file, che è la parola corrispondente in lingua inglese. È stata di proposito fornita una definizione di archivio molto generale, che può dare adito a dubbi e sollevare domande. Vediamo quindi di approfondire il concetto. Nel mondo reale ci è ben chiaro, per esperienza diretta, in che cosa consista un archivio. In qualsiasi ufficio ci sia capitato di passare, per esempio la segreteria della scuola, avremo sicuramente avuto modo di vedere la classica cassettiera in metallo, che contiene le schede personali degli studenti. Pertanto, un archivio può essere visto e pensato come una struttura metallica con i cassetti. 11

14 Modulo 1 - Operare con gli archivi Negli stessi uffici avremmo però potuto osservare, con la stessa probabilità, uno scaffale pieno di grossi raccoglitori ad anelli con delle etichette sul dorso. In questo caso, i raccoglitori sono archivi di documenti. Il concetto di archivio in sé è, pertanto, un concetto astratto, che può essere adattato a una serie di oggetti fisici anche molto diversi l uno dall altro. Ciò che accomuna tutti gli archivi è lo scopo per cui sono creati: mantenere raccolte le informazioni. Da un punto di vista informatico, un archivio può essere semplicemente pensato come un comunissimo file. Un file è l unità logica di memorizzazione dei dati all interno di un supporto informatico. Per supporto si intende un disco fisso, un floppy, un CD-ROM, un DVD e ogni altra forma di memorizzazione possibile, attuale o futura. Come impareremo nel seguito della trattazione, un singolo file non costituisce una raccolta di dati sufficiente per risolvere un problema di tipo gestionale, ma inizieremo da questo concetto per affrontare il tema della definizione e della strutturazione di una base di dati. 1.2 I dati Ora che abbiamo definito un archivio in ambito informatico, possiamo esaminare gli elementi che può contenere. Abbiamo infatti visto come sia possibile, in generale, pensare a un archivio come a un contenitore di dati. Il concetto di dato è un concetto astratto esattamente come quello di archivio. In pratica, in che cosa consistono i dati che salviamo in un archivio? Si può definire dato una qualsiasi informazione che si vuole registrare o memorizzare all interno di un computer. Ancora una volta, la definizione lascia il campo aperto a molte considerazioni, essendo il concetto molto generale. Vediamo quindi qualche esempio. ESEMPIO Data... Si supponga di voler scrivere un programma che si limiti a salvare su un file la data del giorno in cui è stato eseguito l ultima volta. In questo caso, il dato da salvare è la data di sistema e l archivio consiste in un singolo file di testo, dove ci si limita a scrivere la data.... osservazioni L utilità di un tale programma può sembrare piuttosto limitata. Tuttavia non dobbiamo dimenticare che ogni programma, per quanto piccolo e stupido, può essere parte di un sistema che diventa molto complesso se visto nel suo insieme. Quando si accede a una macchina Unix, per esempio, il sistema indica sul terminale quando l utente si è interfacciato con il sistema l ultima volta. 12

15 Unità didattica 1 - Archivi ESEMPIO Diario... Si supponga di voler scrivere un programma per gestire un diario di bordo. È necessario salvare, per ogni annotazione, la data, l ora e il luogo. Il programma deve poter tenere traccia delle ultime n annotazioni. In questo caso il dato da salvare non è più semplice, ma consiste in diversi pezzi di informazione. Anche in questo caso, tuttavia, possiamo limitarci a salvare le varie parti come se si trattasse di comunissimo testo, separandole tra loro con un carattere di separazione (generalmente la virgola). L archivio, ancora una volta, consiste in un singolo file di testo.... ESEMPIO Studenti... Si supponga di voler scrivere un programma per gestire l elenco degli studenti di una scuola. Il programma deve essere in grado di associare un elenco di studenti con la classe e la sezione a cui essi appartengono. A prima vista, questo caso sembra più semplice dei precedenti. In realtà è leggermente più complesso, poiché a una singola informazione (la classe e la sezione, che consideriamo un unico dato), deve venire associato un elenco più o meno numeroso di nomi (in realtà, dinomi e cognomi che, per semplicità, possiamo pensare come un unico dato). La soluzione più semplice, in questo caso, consiste nel salvare più file, uno per ogni classe, nominandoli con il nome della classe e della sezione (per esempio, 3A). All interno di ogni singolo file, i nomi degli alunni saranno scritti in formato testuale separando i nomi dai cognomi con un semplice spazio (o con un carattere separatore). In questo caso, quindi, l archivio è in realtà suddiviso in molti file (uno per ogni classe dell istituto), e i dati in esso contenuti sono banale testo, che eventualmente comprende anche un carattere separatore.... osservazioni Scopriremo, nel corso della trattazione, che questa soluzione, pur essendo piuttosto pratica, rende molto complicate una serie di operazioni che vengono normalmente eseguite sui dati. In questo momento, tuttavia, può essere una soluzione valida. Ora che sappiamo in che cosa consistono i dati, possiamo approfondire ulteriormente il discorso. 1.3 Definizione di record Come abbiamo visto negli esempi del paragrafo precedente, quando il problema da risolvere diventa appena più complesso, aumenta anche la complessità dei dati e dell archivio che li contiene. Spesso le informazioni che devono essere salvate sono suddivise logicamente in più parti. 13

16 Modulo 1 - Operare con gli archivi L unità macroscopica delle informazioni prende il nome di record. Un singolo record può essere suddiviso logicamente in più parti. Nell esempio Diario del paragrafo precedente, il singolo record è costituito dall insieme di informazioni che sono logicamente raggruppate tra loro, ovvero: data ora luogo annotazione Dal punto di vista grafico, un record può essere pensato come la riga di una tabella: Data Ora Luogo Annotazione Chiaramente, anche le singole unità di informazione che formano un record hanno un nome. Le parti logiche in cui viene suddiviso un singolo record prendono il nome di campi. Normalmente, il nome del campo deriva dal tipo di informazione che è associata al campo stesso. Risulta piuttosto comodo poter fare riferimento ai singoli campi assegnando loro un nome: nell esempio Diario, i nomi dei campi potrebbero essere proprio Data, Ora, Luogo e Annotazione. osservazioni Se volessimo scrivere il contenuto di un archivio, per esempio il diario di bordo, in forma tabellare, i campi sarebbero dati dalle colonne della tabella, mentre i record dalle righe. I nomi dei campi, in questo caso, corrispondono alle intestazioni delle colonne. Torneremo su questa corrispondenza più avanti nel corso della trattazione. ESEMPIO Studenti e classi... Alla luce di quanto appreso in questo paragrafo, trovare un altra soluzione per il problema dell esempio Studenti visto nel paragrafo precedente. Poiché ora siamo in grado di gestire singoli record, possiamo riformulare la soluzione nel modo descritto di seguito. Per ogni iscritto all istituto conosciamo il nome, il cognome, la classe e la sezione. Il record in questo caso è (schematicamente) il seguente: Sezione Classe Nome Cognome A questo punto, l archivio potrà consistere in un unico file, che contiene i record sopra descritti, con i singoli campi separati da un carattere separatore, come per esempio il punto e virgola.... Ora che abbiamo imparato un po di teoria, possiamo passare alla pratica per gestire queste strutture di dati. 14

17 Unità didattica 1 - Archivi 1.4 Operazioni fondamentali sugli archivi Finora ci siamo limitati a pensare a come strutturare i nostri archivi e i nostri record. Tuttavia è necessario pensare anche a come gestire gli archivi e i record nella pratica. Esistono diverse operazioni standard che occorre prevedere per poter gestire i dati; esse possono essere riassunte schematicamente in questo modo: apertura dell archivio (potenzialmente formato da più file); lettura dei record; scrittura dei record; modifica dei record (compresa la cancellazione); chiusura dell archivio. Queste operazioni possono sembrare piuttosto banali, ma ancora una volta una riflessione più attenta potrebbe portarci a riclassificare il problema. Consideriamo, per esempio, la semplice apertura dell archivio. L operazione di apertura dell archivio può cambiare a seconda del tipo e del numero di file che si stanno aprendo. In generale, l operazione è abbastanza semplice e consiste in una chiamata alla funzione di sistema di apertura del file. Per completezza, scriviamo una funzione che apre un file il cui nome viene passato come parametro. ESEMPIO Apertura di un file in C++... int ApriArchivio(char *NomeFile) { int irc = 0; fpos_t ipos; // Apro il file in modalità di scrittura fparchivio = fopen(nomefile, "w"); } if (fparchivio == NULL) { cout << "Errore " << errno << " nell apertura del file di archivio." << endl; return -1; }... ESEMPIO Apertura di un file in Visual Basic... Private Sub btnapri_click() Acquisisci nome file NomeFile = txtnomefile.text On Error GoTo Errore Assegno un numero libero al file dell archivio 15

18 Modulo 1 - Operare con gli archivi NumFile = FreeFile Apro il file in modalità Input Open NomeFile For Output As #NumFile Exit Sub Errore: MsgBox "Errore " & Str(Err.Number) & " " & Err.Description, _ vbokonly, "Apertura del file" End Sub... osservazioni In C++, così come in Visual Basic, è possibile modificare la modalità di apertura di un file. Le due funzioni di esempio riportano il codice di apertura di un file adatto per accodare i dati (o per leggerli), ma non per modificare i dati già scritti. Nelle prossime Unità didattiche vedremo come modificare questa funzione per soddisfare via via le nostre esigenze. Anche l operazione di chiusura è abbastanza semplice e consiste in una chiamata alla funzione di sistema di chiusura del file. Ancora una volta, per completezza, scriviamo una funzione che chiude il file dell archivio. ESEMPIO Chiusura di un file in C++... int ChiudiArchivio() { int irc = 0; //Chiudo il file di archivio irc = fclose(fparchivio); if (irc!= 0) { printf("errore nella chiusura del file.\n"); return -1; } return 0; }... ESEMPIO Chiusura di un file in Visual Basic... Function ChiudiArchivio() As Integer On Error GoTo Errore Chiudo il file con numero dato Close #intarchivio ChiudiArchivio = 0 Exit Function Errore: MsgBox "Errore " & Str(Err.Number) & _ " nella chiusura del file di archivio.", vbokonly) 16

19 Unità didattica 1 - Archivi chiudiarchivio = -1 End Function... osservazioni Nei tre esempi che precedono è stato dato per scontato che ci sia un singolo archivio, il cui puntatore (in C++) o il cui numero (in Visual Basic) sia salvato in una variabile globale (presente nel codice prima della definizione della funzione). Nel caso in cui si debbano aprire più file, occorre semplicemente modificare la funzione di apertura e quella di chiusura per includere tutti i riferimenti ai file. Nel caso in cui si debba lavorare con più file, aprire tutti i file all inizio dell elaborazione e poi chiuderli alla fine non è una buona idea: ogni sistema operativo, infatti, pone un limite al numero di file che possono essere aperti contemporaneamente, e mantenere aperti tutti i file, anche quando non servono, determina un utilizzo non ottimale della memoria. Poiché le risorse del computer (per esempio, la memoria RAM) non sono infinite e vanno suddivise tra tutti i programmi e i processi che sono attivi sulla macchina, è bene non consumarle inutilmente. Per questo motivo spesso i file vengono aperti e chiusi dinamicamente durante l elaborazione. 1.5 I/O standard e su memoria di massa Concettualmente, la lettura e la scrittura dei dati in un archivio sono operazioni semplici. Siamo abituati a leggere e a scrivere fin da bambini, e pertanto i meccanismi di astrazione e i processi mentali che mettiamo in atto per leggere e scrivere ci sono naturali. Chiaramente, non è così quando si tratta di insegnare a una macchina a effettuare le stesse operazioni. Come vedremo nel seguito della trattazione, la semplice operazione di lettura presuppone un organizzazione dei dati all interno dell archivio. Per il momento, limitiamoci a considerare le operazioni di lettura e scrittura nella loro forma più generale. Si dice operazione di lettura (o di input) l operazione che permette di trasferire un dato o un insieme di dati da una unità periferica nella memoria RAM; si dice operazione di scrittura (o di output) il trasferimento di un dato o di un insieme di dati dalla memoria RAM alla periferica. L interazione tra utente e calcolatore avviene principalmente attraverso un terminale composto da una tastiera e un video. Queste due periferiche costituiscono le periferiche standard per le operazioni di input e di output: in particolare, la tastiera viene detta unità per lo standard input, mentre il video è l unità di standard output. Ciò significa che le istruzioni di lettura e scrittura dei dati possono avere due formati: uno senza indicazione specifica della periferica usata (e in questo caso si intende che vengono utilizzate le unità standard); l altro con l indicazione della risorsa (nome file e/o periferica) che viene utilizzata. Per documentare le risorse che vengono impiegate all interno di un applicazione informatica si possono usare i simboli descritti nella tabella sottostante. 17

20 Modulo 1 - Operare con gli archivi RISORSA SIMBOLO NOTE Video Vuole rappresentare un tubo catodico visto di profilo. Tastiera Memoria centrale Memoria di massa Vuole rappresentare un diskpack. Stampante Vuole rappresentare un foglio di carta strappato a metà. Programma Flusso dei dati Utilizzando i simboli descritti sopra, lo standard input e lo standard output sono descritti in questo modo: Output Input Le operazioni di scrittura su memoria di massa e di lettura da memoria di massa sono simboleggiate dagli schemi raffigurati di seguito. Output / scrivi Input / leggi 18

21 Unità didattica 1 - Archivi Nella descrizione delle applicazioni normalmente viene indicato anche il programma, e il terminale viene rappresentato con il simbolo raffigurato di seguito. Se, per esempio, si vuole schematizzare un programma che acquisisce dati da tastiera e li registra su un disco magnetico, si scrive: Registra.exe Dati.dat Dove Registra.exe è il nome del programma e Dati.dat è il nome del file creato dal programma. 1.6 Condivisione Possiamo, fin da subito, dare per scontato il fatto che esiste un archivio e che siamo in grado di accedervi. Ugualmente, possiamo pensare che siamo in grado di leggere e scrivere sull archivio. Facciamo quindi un passo ulteriore di astrazione e vediamo che cosa possiamo insegnare a fare alla macchina. Un metodo che risulta molto comodo consiste nel prendere un modello dall ambiente che ci circonda e trasportarlo così com è nel mondo dell informatica. Per esempio, può succedere che due persone leggano insieme lo stesso testo. Quando questa operazione avviene nel mondo reale, abbiamo fisicamente due persone che leggono dal medesimo foglio. Nel mondo dei computer possiamo avere due processi che leggono dallo stesso archivio. Questa operazione potrebbe sembrare semplice, ma non è che l anticamera di uno dei problemi potenzialmente più complessi che dobbiamo affrontare quando abbiamo a che fare con degli archivi: la condivisione. Un archivio si dice condiviso quando è possibile accedervi contemporaneamente da più processi o programmi. Notate che la definizione che abbiamo appena fornito non fa distinzione tra operazioni di lettura e operazioni di scrittura, bensì considera tutte le operazioni come accessi all archivio. Il problema, nella condivisione delle informazioni racchiuse nell archivio, consiste nella scrittura. Se condividiamo un dato tra più utenti (siano essi programmi, processi, o esseri umani che si interfacciano in qualche modo con l archivio) dobbiamo assicurare che non ci siano errori nella sua condivisione. Facciamo un esempio. Supponiamo che in un magazzino siano presenti 200 pezzi di un determinato articolo e che due rappresentanti ricevano contemporaneamente un ordine per 150 pezzi. Entram- 19

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER

MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER MANUALE DI UTILIZZO SMS MESSENGER (Ultimo aggiornamento 14/05/2014) 2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. INDICE INTRODUZIONE... 1 1.1. Cos è un SMS?... 1 1.2. Qual è la lunghezza di un SMS?... 1 1.3.

Dettagli

Gestione Studio Legale

Gestione Studio Legale Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione dello Studio. Manuale operativo Gestione Studio Legale Il software più facile ed efficace per disegnare l organizzazione

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli