IL PROBLEMA DELLA RICCHEZZA NEL PENSIERO ECONOMICO DI GIUSEPPE TONIOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROBLEMA DELLA RICCHEZZA NEL PENSIERO ECONOMICO DI GIUSEPPE TONIOLO"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia e Commercio Tesi di Laurea IL PROBLEMA DELLA RICCHEZZA NEL PENSIERO ECONOMICO DI GIUSEPPE TONIOLO Relatore: Chiar.mo Prof. PAOLO PECORARI Laureando: ANDREA DE VIDO ANNO ACCADEMICO 2001/2002

2 4 INDICE ABBREVIAZIONI 6 BIBLIOGRAFIA 7 INTRODUZIONE 22 I. PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELLA RICCHEZZA NEL PENSIERO ECONOMICO DI METÀ OTTOCENTO 1. I classici La divisione del lavoro Il fattore demografico La rendita ricardiana Economia positiva ed economia normativa I marginalisti Tre maestri 55 II. LA PRODUZIONE DELLA RICCHEZZA NEL PENSIERO ECONOMICO DI GIUSEPPE TONIOLO 1. I fattori della produzione La produzione in atto La triplice legge del progresso produttivo e le industrie territoriali L industria agricola Nell ordinamento tecnico Nell ordinamento professionale Nell ordinamento economico-giuridico L industria manifatturiera Nell ordinamento tecnico Nell ordinamento professionale Nell ordinamento economico-giuridico 133

3 5 III. LA DISTRIBUZIONE DELLA RICCHEZZA NEL PENSIERO ECONOMICO DI GIUSEPPE TONIOLO 1. L oggetto e i soggetti del processo distributivo Salario e interesse Rendita e profitto Le leggi della distribuzione Norme Deviazioni Rimedi 175 NOTA BIOGRAFICA 180

4 6 1 ABBREVIAZIONI TTE G. TONIOLO, Trattato di economia sociale e scritti economici, I-V, prefazione di F. VITO, Città del Vaticano TRF G. TONIOLO, Dei remoti fattori della potenza economica di Firenze nel Medio Evo e scritti storici, prefazione di S. MAJEROTTO, Città del Vaticano PTD P. PECORARI, Toniolo Giuseppe, in Dizionario storico del movimento cattolico in Italia ( ), diretto da F. TRANIELLO-G. CAM- PANINI, II, I protagonisti, Casale Monferrato 1982, pp

5 7 2 BIBLIOGRAFIA ALESSI R., Enfiteusi, in Enciclopedia giuridica, XII, Roma 1989, pp (paginazione per voce). ARDIGÒ A., Toniolo: il primato della riforma sociale per ripartire dalla società civile, Bologna ASSANTE F., Alle origini della società industriale, in Storia dell economia mondiale (secc. XVIII-XX), Bologna 1995, pp BAIROCH P., Agricoltura e rivoluzione industriale ( ), in Storia economica d Europa, diretta da C. M. CIPOLLA, III, Torino 1980, pp BAIROCH P., Le politiche commerciali in Europa dal 1815 al 1914, in Storia economica Cambridge, VIII/1, Le economie industriali, a cura di P. MATHIAS-S. POLLARD, Torino 1992, pp BARBER W.J., Storia del pensiero economico, Milano BARBIERI G., Riflessioni su Toniolo storiografo ed economista, in Attualità del pensiero di Giuseppe Toniolo, a cura di M. L. FORNACIARI DAVOLI-G. RUSSO, Milano 1982, pp BARBIERI G., Introduzione al convegno, in Giuseppe Toniolo tra economia e società, a cura di P. PECORARI, Udine 1990, pp BARUCCI P., Introduzione, in Contributi alla conoscenza del pensiero di Giuseppe Toniolo. Atti del convegno Economia e società nella crisi dello Stato moderno: il pensiero di Giuseppe Toniolo, Pisa dicembre 1981, Pisa 1984, pp

6 8 BARUCCI P., Storia, scienza economica e messaggio salvifico, in P. BARUCCI-A. MAGLIULO, L insegnamento economico e sociale della Chiesa ( ). I grandi documenti sociali della Chiesa cattolica, Milano 1996, pp BOF F., Genesi e primi sviluppi delle Raiffeisenkassen nella Marca ( ), in Un secolo di cooperazione di credito nel Veneto, le casse rurali ed artigiane, a cura di G. ZALIN, Roma 1985, pp BOF F., Le casse rurali nella marca trevigiana tra 800 e 900. Alle origini della cooperazione cattolica di credito nelle campagne venete, Treviso BOF F., La cassa rurale di Orsago. Cent anni di vita nella storia del movimento cooperativo dell Alto trevigiano , Pordenone BOF F., Economia, mutualità e credito a Vicenza intorno al 1866: le origini della Banca popolare, in Storia della Banca popolare vicentina, a cura di G. DE ROSA, Roma-Bari 1997, pp BOF F., Economia e società nei riformisti «lombardo-veneti» ( ), in Amicitiae causa. Scritti in memoria di mons. Luigi Pesce, a cura di P. PECORARI, Treviso 2001, pp BORLA T., L Opera dei Congressi e la Democrazia Cristiana nel pensiero di Giuseppe Toniolo, in Il pensiero economico-sociale di Giuseppe Toniolo, a cura di R. MOLESTI-S. TRUCCO, Pisa 1990, pp BRUCCOLERI P. A., Giuseppe Toniolo, il milite della democrazia cristiana, in Raccolta di scritti in memoria di Giuseppe Toniolo nel decennio della sua morte, Milano 1929, pp BURGALASSI S., Statistica e sociologia in Giuseppe Toniolo, in Il pensiero economico-sociale di Giuseppe Toniolo, a cura di R. MOLESTI-S. TRUCCO, Pisa 1990, pp

7 9 CAFARO P., Per una storia della cooperazione di credito in Italia. Le casse rurali lombarde ( ), Milano CAMPANELLA F., Salario, in Dizionario di economia politica, diretto da G. LUN- GHINI, XI, Torino 1986, pp CANDELORO G., Il movimento cattolico in Italia, Roma CARDINI A., Gustav Schmoller e l Italia: la cultura e l opera degli economisti funzionari ( ), in Gustav Schmoller e il suo tempo: la nascita delle scienze sociale in Germania e in Italia, a cura di P. SCHIERA-F. TENBRUCK, Bologna-Berlin 1988, pp CAVALLI A.-TABBONI S., La divisione del lavoro, Torino CERVELLI I., Lo storicismo economico tedesco dell Ottocento nei suoi rapporti con la storiografia, in Contributi alla conoscenza del pensiero di Giuseppe Toniolo, Atti del convegno Economia e società nella crisi dello Stato moderno: il pensiero di Giuseppe Toniolo, dicembre 1981, Pisa 1984, pp CHISHOLM M., Geografia dello sviluppo economico, Bologna CIANI A., Affitto di fondi rustici, in Enciclopedia giuridica, I, Roma 1988, pp (paginazione per voce). CIGARINI G. P., Mezzadria, in Enciclopedia giuridica, XX, Roma 1990, pp (paginazione per voce). COMANDUCCI P., Il diritto nella formazione di Giuseppe Toniolo, in Contributi alla conoscenza del pensiero di Giuseppe Toniolo, Atti del convegno Economia e società nella crisi dello Stato moderno: il pensiero di Giuseppe Toniolo, dicembre 1981, Pisa 1984, pp CORBINO E., Annali dell economia italiana ( ), 4, Milano 1982.

8 10 COSSA L., Saggi di economia politica, Milano CUSUMANO V., Le scuole economiche della Germania in rapporto alla quistione sociale, Napoli DARDI M., Il giovane Marshall: accumulazione e mercato, Bologna DASGUPTA A. K., La teoria economica da Smith a Keynes, Bologna DE ROSA G., Luigi Sturzo, in Dizionario del movimento cattolico in Italia ( ), diretto da F. TRANIELLO-G. CAMPANINI, II, I protagonisti, Casale Monferrato 1982, pp DE ROSA G., Il movimento cattolico in Italia. Dalla Restaurazione all età giolittiana, Roma-Bari DEANE P., La rivoluzione industriale in Inghilterra, in Storia economica d Europa, diretta da C. M. CIPOLLA, IV, Torino 1980, pp DOVRING F., La trasformazione dell agricoltura europea, in Storia economica Cambridge, VI/2, La rivoluzione industriale e i suoi sviluppi, a cura di H.J. HA- BAKKUK-M. POSTAN, Torino 1974, pp FANFANI A., Storia delle dottrine economiche, Milano FAPPANI A., Miglioli Guido, in Dizionario del movimento cattolico in Italia ( ), diretto da F. TRANIELLO-G. CAMPANINI, II, I protagonisti, Casale Monferrato 1982 pp FAUCCI R., Esiste un caso Schmoller? (con notizie sulla Scuola storica in Italia), in Gustav Schmoller oggi: lo sviluppo delle scienze sociali in Germania e Italia, a cura di M. BOCK-H. HOMANN-P. SCHIERA, Bologna-Berlin 1989, pp

9 11 FOHLEN C., La rivoluzione industriale in Francia, in Storia economica d Europa, diretta da C. M. CIPOLLA, IV, Torino 1980, pp GABURRO G.-CRESSOTTI G., Un approccio personalistico all economia politica fondato sull etica sociale cristiana, in Etica ed economia, pensatori cattolici del XX secolo, a cura di G. GABURRO, Roma 1993, pp GIORGETTI G., Contadini e proprietari nell Italia moderna. Rapporti di produzione agrari dal secolo XVI a oggi, Torino GLASS D. V., La popolazione mondiale dal 1800 al 1950, in Storia economica Cambridge, VI/1, La rivoluzione industriale e i suoi sviluppi, a cura di H. J. HABBAKKUK-M. POSTAN, Torino 1974, pp GRAZIANI A., Teoria economica, prezzi e distribuzione, Napoli GRILLO M.-SILVA F., Impresa, concorrenza e organizzazione. Lezioni di economia e politica industriale, Roma GROENEWEGEN D. P.-VAGGI G., Il pensiero economico. Dal mercantilismo al monetarismo, Roma GUZZETTI G. B., Il movimento cattolico italiano dall unità ad oggi, Napoli HOBSBAWN E. J., Le rivoluzioni borghesi , Roma-Bari JESURUM G., Note sulla teoria del valore nella Ricchezza delle nazioni di Adam Smith, in Prezzi relativi e distribuzione del reddito, a cura di P. SYLOS LABINI, Torino 1973, pp LAMPERTICO F., Economia dei popoli e degli Stati. Introduzione, Milano LANDES D. S., Prometeo liberato. Trasformazioni tecnologiche e sviluppo industriale nell Europa occidentale dal 1750 ai giorni nostri, Torino 1978.

10 12 LANDRETH H.-COLANDER D. C., Storia del pensiero economico, Bologna LEGRAND G., Principi e realizzazioni nell opera di Giuseppe Toniolo, in Raccolta di scritti in memoria di Giuseppe Toniolo nel decennio della sua morte, Milano 1929, pp LOMBARDINI S., Il metodo della scienza economica: passato e futuro, Torino LOMBARDINI S. Economia politica, Torino LORIA A., Corso di economia politica, Torino LUZZATTI L., Le perturbazioni economiche, ristampato in ID., L ordine sociale, Bologna 1952, pp LUZZATTI L., Le odierne controversie economiche nelle loro attinenze colla protezione e col socialismo, ristampato in ID., L ordine sociale, Bologna 1952, pp LUZZATTI L., La diffusione del credito e le banche popolari, a cura di P. PECO- RARI, Venezia LUZZATTO G., Storia economica dell età moderna e contemporanea, I, L età contemporanea, Padova MAGLIULO A., I grandi documenti della Chiesa cattolica, in P. BARUCCI-A. MA- GLIULO, L insegnamento economico e sociale della Chiesa ( ). I grandi documenti sociali della Chiesa cattolica, Milano 1996, pp MALTHUS T. R., Saggio sul principio di popolazione, introduzione di G. PRATO, Torino MARCONCINI F., Profilo di Giuseppe Toniolo economista, Milano 1930.

11 13 MARSHALL A., Principi di economia, a cura di A. CAMPOLONGO, Torino MEOLI U., Lineamenti di storia delle idee economiche, Torino MESSEDAGLIA A., Della teoria della popolazione principalmente sotto l aspetto del metodo. Malthus e dell equilibrio della popolazione colle sussistenze, Verona 1858, ristampato in ID., Opere scelte di economia e altri scritti, I, Verona 1920, pp MESSEDAGLIA A., Della scienza nell età nostra ossia dei caratteri e dell efficacia dell odierna cultura scientifica, ristampato in ID., Opere scelte di economia e altri scritti, I, Verona 1920, pp MICHELINI L., Marginalismo e socialismo: Maffeo Pantaleoni ( ), Milano MILL J. S., Principi di economia politica, I, a cura di B. FONTANA, introduzione di G. BECATTINI, Torino MOLESTI R., La teoria del valore nelle dottrine economiche, Milano MOLESTI R., Il pensiero economico-sociale di Giuseppe Toniolo, in Il pensiero economico-sociale di Giuseppe Toniolo, a cura di R. MOLESTI-S. TRUCCO, Pisa 1990, pp MOLESTI R., L economia sociale di Giuseppe Toniolo: il trattato, in Giuseppe Toniolo tra economia e società, a cura di P. PECORARI, Udine 1990, pp MOTTA L., Credito popolare e sviluppo economico, l esperienza di una banca locale lombarda fra il 1874 e il 1907, Milano MUSU I., Alle soglie del duemila: tra efficienza economica e giustizia sociale, in Etica ed economia, atti del convegno «L enciclica Sollicitudo rei socialis e i

12 14 problemi economici del nostro tempo», Udine 4-5 novembre 1988, a cura di P. TIBERI VIPRAIO, Padova 1990, pp NAZZANI E., Del profitto. Saggio, Milano NAZZANI E., Sunto di economia politica, Torino O BRIEN D. P., Gli economisti classici, Bologna PASINETTI L., Lezioni di teoria della produzione, Bologna PAVANELLI G., Valore, distribuzione, moneta. Un profilo di storia del pensiero economico, Milano PECORARI P., Ketteler e Toniolo. Tipologie sociali del movimento cattolico in Europa, prefazione di A. MONTICONE, Roma PECORARI P., Giuseppe Toniolo e il socialismo. Saggio sulla cultura cattolica tra 800 e 900, prefazione di G. GUDERZO, Bologna PECORARI P., Toniolo Giuseppe, in Dizionario storico del movimento cattolico in Italia ( ), diretto da F. TRANIELLO-G. CAMPANINI, II, I protagonisti, Casale Monferrato1982, pp PECORARI P., Luigi Luzzatti e le origini dello «statalismo» economico nell età della Destra storica, Padova PECORARI P., Economia e riformismo nell Italia liberale. Studi su Giuseppe Toniolo e Luigi Luzzatti, Milano PECORARI P., Sull opera economica del giovane Toniolo, in Giuseppe Toniolo, tra economia e società, a cura di ID., Udine 1990, pp PECORARI P., Toniolo, un economista per la democrazia, Roma 1991.

13 15 PECORARI P., Il solidarismo possibile, Torino PECORARI P., Orientamenti della cultura cattolica sul prestito a interesse nel secolo XIX, in UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE, Chiesa, usura e debito estero. Giornata di studio su «Chiesa e prestito a interesse, ieri e oggi» in occasione del cinquantennio della Facoltà di Economia, Milano 19 dicembre 1997, Milano 1998 pp PECORARI P., L economia virtuosa. Orientamenti culturali dei cattolici italiani dall Unità alla seconda Repubblica, Roma PECORARI P., Etica ed economia: alcuni aspetti di un problema controverso, in Amicitiae causa. Scritti in memoria di mons. Luigi Pesce, a cura di ID., Treviso 2001, pp PECORARI P., Epistemologia della conoscenza scientifica e sapere economico nel carteggio Messedaglia-Luzzatti, in corso di stampa. PICHETTO M. T., John Stuart Mill, Milano RICARDO D., Principi di economia politica e dell imposta, a cura di P. L. PORTA, Torino RICCA-SALERNO G., La teoria del salario nella storia delle dottrine e dei fatti economici, Palermo RICOSSA S., Dizionario di economia, Torino RICOTTILLI M., Teoria dello sviluppo economico, Urbino ROBBIATI A., Portaluppi Ambrogio, in Dizionario del movimento cattolico in Italia ( ), diretto da F. TRANIELLO-G. CAMPANINI, II, I protagonisti, Casale Monferrato 1982, pp

14 16 ROLL E., Storia del pensiero economico, Torino RONCAGLIA A.-SYLOS LABINI P., Il pensiero economico. Temi e protagonisti, Roma-Bari RUSSO G., Giuseppe Toniolo a Modena, in Attualità del pensiero di Giuseppe Toniolo, a cura di M. L. FORNACIARI DAVOLI-G. RUSSO, Milano 1982, pp SALTARI E., Profitto, in Dizionario di economia politica, diretto da G. LUNGHINI, XI, Torino 1986, pp SCHUMPETER J.A., Storia dell analisi economica, I-III, Torino SCOPPOLA P., Dal neoguelfismo alla democrazia cristiana, Roma SCREPANTI E., Distribuzione del reddito, in Dizionario di economia politica, diretto da G. LUNGHINI, VI, Torino 1983, pp SEN A., Etica ed economia, Bari SMITH A., La ricchezza delle nazioni, a cura di A. BAGIOTTI-T. BAGIOTTI, Torino SORRENTINO D., Giuseppe Toniolo. Una chiesa nella storia, Cinisello Balsamo SORRENTINO D., Giuseppe Toniolo. Una biografia, Cinisello Balsamo SORRENTINO D., L economista di Dio. Giuseppe Toniolo, Roma SPADOLINI G., L opposizione cattolica da Porta Pia al 98, Milano SPICCIANI A., Giuseppe Toniolo, un economista storico, in Contributi alla conoscenza del pensiero di Giuseppe Toniolo, Atti del convegno Economia e società

15 17 nella crisi dello Stato moderno: il pensiero di Giuseppe Toniolo, Pisa dicembre 1981, Pisa 1984, pp SPICCIANI A., Giuseppe Toniolo tra economia e storia, Napoli SPICCIANI A., Per un diritto italiano del lavoro. Il pensiero e l opera di Giuseppe Toniolo, premessa di G. PERA, Pisa STALEY C.E., A History of Economic thought: from Aristotele to Arrow, Cambridge TATTARA G., Interesse, in Dizionario di economia politica, diretto da G. LUN- GHINI, V, Torino 1982, pp TAVIANI P. E., La teoria del profitto nella scuola smithiana, Firenze TIBERI VIPRAIO P., I distretti industriali e l economia politica, in UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE, Atti del convegno Problemi e prospettive dei distretti industriali in Friuli-Venezia Giulia, Udine 11 aprile 1997, a cura di ID., Udine 1997, pp TIBERI VIPRAIO P., Dal mercantilismo alla globalizzazione. Lo sviluppo industriale trainato dalle esportazioni, Bologna TODESCAN F., Giuseppe Toniolo e il problema della democrazia, Vicenza TONIN C., Il contributo del Toniolo alla questione femminile, in Economia capitalistica, economia umana? Giuseppe Toniolo: uno studioso a servizio dell uomo, Atti del Convegno per il XXX anniversario del decreto sull eroicità delle virtù di G. Toniolo, Cison di Valmarino (TV), 10 novembre 2001, Roma 2002, pp

16 18 TONIOLO G., Il salario. Saggio di una esposizione sistematica delle sue leggi, «Giornale degli economisti», 7 (1870), pp , ; 8, pp , ristampato in TTE, IV, pp TONIOLO G., Sull importanza delle banche agricole, «Rivista periodica dei lavori della R. Accademia di scienze, lettere e arti in Padova», 20 (1871), pp , ristampato in TTE, V, pp TONIOLO G., Dei fatti fisici e dei fatti sociali nei riguardi del metodo induttivo, «Archivio giuridico» 10 (1872), pp , ristampato in TTE, II, pp TONIOLO G., Dell elemento etico quale fattore intrinseco delle leggi economiche, Padova 1874, ristampato in TTE, II, pp TONIOLO G., Sulla distribuzione della ricchezza. Lezioni, Verona-Padova 1878, ristampato in TTE, IV, pp TONIOLO G., Dei remoti fattori della potenza economica di Firenze nel Medio Evo, Milano 1882, ristampato in TRF, pp TONIOLO G., Recensione del libro di F. Lampertico «Il credito», «Archivio giuridico» 33 (1884), pp , ristampato in TTE, V, pp TONIOLO G., Cenni commemorativi: Guglielmo Roscher, «Rivista internazionale di scienze sociali e discipline ausiliarie», 5 (1894), pp , ristampato in TRF, pp TONIOLO G., Recensione al libro di L. Luzzatti «Le odierne controversie economiche nelle loro attinenze con la protezione e col socialismo», «Rivista internazionale di scienze sociali e discipline ausiliarie» 7 (1895), pp , ristampato in TTE, II, pp TONIOLO G., Recensione al libro di L. Luzzatti «Saggio sulle dottrine dei precursori religiosi e filosofici dell odierno fatalismo statistico», «Rivista internaziona-

17 19 le di scienze sociali e discipline ausiliarie», 10 (1895), pp , ristampato in TTE, II, pp TONIOLO G., Riforme del sistema tributario, in UNIONE CATTOLICA PER GLI STUDI SOCIALI IN ITALIA, Atti e documenti del secondo congresso cattolico italiano degli studiosi di scienze sociali tenutosi in Padova nei giorni 26, 27, 28 agosto 1896, Padova 1897, ristampato in TTE, V, pp TONIOLO G., Criteri scientifici etico-economici intorno al credito dal punto di vista cristiano, in UNIONE CATTOLICA PER GLI STUDI SOCIALI IN ITALIA, Atti e documenti del secondo congresso cattolico italiano degli studiosi di scienze sociali tenutosi in Padova nei giorni 26, 27, 28 agosto 1896, Padova 1897, ristampato in TTE, V, pp TONIOLO G., Cenni commemorativi: Angelo Messedaglia, «Rivista internazionale di scienze sociali e discipline ausiliarie», 25 (1901), pp , ristampato in TRF, pp TONIOLO G., Cenni commemorativi: Fedele Lampertico, «Rivista internazionale di scienze sociali e discipline ausiliarie», 40 (1906), pp , ristampato in TRF, pp TONIOLO G., Il pensiero filosofico-scientifico di Fedele Lampertico, in Scritti in omaggio a Fedele Lampertico, a cura di S. RUMOR, Vicenza 1924, pp , ristampato in TRF, pp TONIOLO G., Trattato di economia sociale e scritti economici, I-V, prefazione di F. VITO, Città del Vaticano TONIOLO G., Lettere, I ( ); II ( ); III ( ), raccolte da G. ANICHINI, ordinate e annotate da N. VIAN, Città del Vaticano TONIOLO G., Il compito economico dell avvenire, in ID., Saggi politici, a cura di S. MAJEROTTO, Roma 1980.

18 20 TRAMONTIN S., L intransigentismo cattolico e l Opera dei Congressi, in Storia del movimento cattolico in Italia, diretta da F. MALGERI, I, Milano 1981, pp VALARCHÉ J. M., L insegnamento pontificio a carattere economico nei documenti dei vescovi, in Etica, economia e sviluppo. L insegnamento dei vescovi dei cinque continenti, a cura di R. BERTHOUZOZ-R. PAPINI-R. SUGRANYES DE FRANCH, Bologna 1994, pp VALASSINA G., La teoria della rendita nella storia del pensiero economico, Milano VERCESI E., Le origini del movimento cattolico in Italia, , Milano VILLANI A., Gli economisti, la distribuzione, la giustizia. Adam Smith e John Stuart Mill, Milano VISMARA P., Valori Morali e autonomia della coscienza. Il dibattito sul prestito a interesse nella Chiesa moderna, in UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE, Chiesa, usura e debito estero. Giornata di studio su «Chiesa e prestito a interesse, ieri e oggi» in occasione del cinquantennio della Facoltà di Economia, Milano 19 dicembre 1997, Milano 1998 pp VISTALLI F., Giuseppe Toniolo, Roma WALRAS L., Elementi di economia politica pura, traduzione di A. BAGIOTTI, introduzione di G. PALOMBA, Torino WEBER M., L etica protestante e lo spirito del capitalismo, Firenze ZAGARI E., Storia dell economia politica. Dai marginalisti alla nuova macroeconomia classica, Torino

19 21 ZAMAGNI S., Economia politica, Urbino ZENEZINI M., Rendita, in Dizionario di economia politica, diretto da G. LUNGHI- NI, VI, Torino 1983, pp

20 22 3 INTRODUZIONE Giuseppe Toniolo può essere considerato «il maggiore esponente del pensiero cristiano-sociale tra 800 e 900» 1. Dalla fine degli anni 70 la sua figura è stata oggetto di un processo di riscoperta e valorizzazione, testimoniato da alcuni convegni di studio e dalla pubblicazione di una consistente letteratura specialistica tendente a ricostruirne il pensiero economico, giuridico, storico, teologico, sociale e politico 2. Sulla scia di tale rinnovato interesse, questa tesi vuole indagare un aspetto specifico e, forse, non ancora sufficientemente approfondito dell opera tonioliana: quello della produzione e della distribuzione della ricchezza. Quando il Toniolo prende a occuparsi della produzione della ricchezza, altri autori ne hanno già trattato. Ecco perché si è ravvisata l opportunità di inserire nel primo capitolo una breve ed essenziale traccia sul pensiero economico in materia fino a metà Ottocento. Nel primo paragrafo si accenna all opera degli economisti della scuola classica e, segnatamente, agli apporti di alcuni dei suoi principali esponenti (Smith, Malthus, Ricardo e Mill). Analogo criterio ha guidato la stesura del secondo paragrafo sulla scuola neoclassica, concentrando l attenzione su Marshall, autore in più occasioni citato dal Toniolo. Il terzo paragrafo vuole chiarire la natura del debito culturale del Toniolo nei confronti dei suoi maestri Angelo Messedaglia, Luigi Luzzatti e Fedele Lampertico. È un debito essenzialmente metodologico, che fa della ricerca scientifica un procedimento volto a conseguire l unità del sapere, nella consapevolezza che tra le varie discipline intercorrono molteplici legami. I tre maestri gli insegnano inoltre la necessità di verificare la corrispondenza tra i teoremi formulati in maniera astratta e la realtà storica, l urgenza di considerare l uomo quale soggetto dei processi economici, la consapevolezza dello stretto legame che unisce etica ed economia. Il secondo capitolo tratta in modo specifico della produzione della ricchezza. Nel primo paragrafo sono analizzati i singoli fattori della produzione (l uomo, la natura e il capitale) e vengono chiariti quali legami intercorrono tra essi. Contestualmente viene anche riconosciuto che l azione umana è guidata dal- 1 P. PECORARI, Toniolo, un economista per la democrazia, Roma 1991, p A tal proposito rimando al bilancio bibliografico contenuto in PECORARI, Toniolo, un economista per la democrazia, pp

21 23 la «suprema legge edonistica», tendente a ottenere il massimo effetto utile col minimo dispendio di mezzi. Fin da subito emerge che tale principio direttivo non si manifesta mai nella sua dimensione puramente edonistica, bensì è arricchito e guidato dall etica e condizionato dalle situazioni storiche, frutto dell interazione tra l uomo, la società e l ambiente. Il secondo paragrafo analizza le modalità di esercizio dell attività produttiva, soffermandosi sulla genesi e sullo sviluppo delle imprese, sul ruolo dell imprenditore e sulle cause del progresso produttivo (le conoscenze scientifiche applicate all industria, l educazione morale e civile dei produttori e l intervento dello Stato). Secondo il Toniolo, le leggi economiche non sono conoscibili per deduzione, bensì devono essere frutto dell osservazione dei fatti e dell indagine storica. Con un simile procedimento egli individua nella storia dei fenomeni costanti che considera leggi del progresso produttivo. In tal senso la divisione del lavoro, l utilizzo delle macchine e il fatto che l attività produttiva da individuale tenda a farsi collettiva non si configurano più come leggi universali. Nel terzo paragrafo sono enunciate le norme che attengono al funzionamento dei gruppi di imprese che presentano caratteristiche di omogeneità, ossia le industrie. Sulla base dell esperienza storica, il Toniolo rinviene tre leggi che ne guidano lo sviluppo: 1) la legge di specificazione, secondo la quale ogni industria tende a differenziarsi dalle altre; 2) la legge di incremento, in base alla quale la potenza produttiva delle industrie segue un trend ascendente; 3) la legge di integrazione, che descrive i rapporti tra le singole industrie. Per meglio analizzare il dispiegarsi delle tre leggi, le industrie vengono distinte in territoriali (paragrafo terzo), agricole (paragrafo quarto) e manifatturiere (paragrafo quinto); si specifica infine come le tre leggi operino nell ordinamento tecnico, professionale ed economico-giuridico. Il terzo capitolo tratta del processo distributivo della ricchezza prodotta. Nel primo paragrafo sono studiati il reddito oggetto di distribuzione e i requisiti per partecipare al suo riparto, evidenziando, da un lato, la necessità di attribuire una quota parte del reddito totale in base all apporto dato da ciascuno alla produzione e, dall altro, l esigenza di garantire un equa distribuzione sorretta dall etica, anche a favore di chi non può partecipare al processo produttivo. Sulla scia del dettato milliano si considera pure la particolare natura delle leggi che governano il processo distributivo, essendo queste ultime dotate di caratteri antropologici estranei a quelle della produzione. Il secondo paragrafo tratta del sa-

22 24 lario e dell interesse. Tali porzioni del reddito totale sono determinate dall interazione di una legge normale e di una legge commerciale. La legge normale determina il salario in funzione del costo di produzione, ossia in base alla somma dei sacrifici (passati e attuali) sostenuti dal lavoratore, e l interesse in base ai sacrifici necessari per formare e mettere a disposizione della produzione un certo capitale. Le risultanze della legge commerciale, invece, dipendono dalle condizioni dei rispettivi mercati e dall azione delle forze della domanda e dell offerta. Non vengono tralasciati il ruolo delle organizzazioni sindacali e la questione della libertà di contrattazione contestualmente all analisi dei sistemi che storicamente si sono alternati: quello della totale riprovazione dell interesse, quello della limitazione legale del suo importo e quello della piena libertà di contrattazione. Il terzo paragrafo considera la natura della rendita, rinvenendo i suoi elementi costitutivi nell utilità e nella limitazione del fattore natura. Considera altresì le leggi che regolano il profitto e che fanno di esso un reddito unico, vale a dire non considerato come un insieme di remunerazioni (prestazione di lavoro e impiego di capitale). Infine, il quarto paragrafo studia i nessi tra la legge del progresso economico e la distribuzione, soffermandosi sulle dinamiche che sovrintendono al processo di evoluzione dei salari, degli interessi, delle rendite e dei profitti. Il Toniolo sa che possono verificarsi delle situazioni patologiche le quali investono le norme che governano la distribuzione della ricchezza. Nascono così le crisi sociali che vedono contrapporsi, da un lato, le classi dei capitalisti e dei proprietari terrieri e, dall altro, quelle dei lavoratori. La causa principale di siffatto stato di cose risiede nel disequilibrio economico tra capitale e lavoro, ma non devono essere dimenticati la sproporzione esistente tra il progresso dell industria manifatturiera e quello dell industria agricola, nonché il depauperamento delle condizioni economiche, sociali e politiche del lavoratore. I rimedi alla crisi sociale, al pari delle sue cause scatenanti, sono particolarmente complessi e investono i più disparati ambiti d indagine, da quello economico a quello religioso. A giudizio del Toniolo, per far fronte a tali fenomeni è necessario introdurre la cooperazione, il patronato industriale e un adeguata legislazione sociale.

23 25 4 Capitolo I PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELLA RICCHEZZA NEL PENSIERO ECONOMICO DI METÀ OTTOCENTO 1. I classici 1.1. La divisione del lavoro Nel volume sulla produzione della ricchezza, il Toniolo, considerando le leggi che regolano il progresso produttivo delle imprese e riferendosi in particolare al loro ordinamento interno e alla loro gestione, individua degli «indirizzi» a suo giudizio «costanti nella storia» 3 (vere e proprie leggi del progresso produttivo, appunto) tra i quali rientra la divisione del lavoro 4. L autore che per primo ha esaminato il problema in termini criticamente adeguati è Adam Smith 5. Nel suo Ricerche sopra la natura e le cause della ricchezza delle nazioni (1776) 6, egli af- 3 TTE, III, p Sul pensiero del Toniolo in merito alla divisione del lavoro come legge del progresso produttivo, v. infra, cap. II, par Se è vero che il Toniolo riprende, al tema di divisione del lavoro, concetti già espressi da Smith e gli riconosce il merito di averne «determinato il pregio nel dominio economico» (cfr. TTE, III, pp ), non può certo affermarsi che l economista italiano condivida le basi della teoria smithiana tanto da indicarne i difetti e, primo fra tutti, quello di disconoscere «l autorità superiore dell etica, facendo della morale un prodotto del sentimento umano al pari dell utile e quindi immedesimandola con questo» (cfr. TTE, I, pp ; TTE, II, p. 397). Il Toniolo non risparmia certo le critiche al sistema smithiano capace di insinuare, «specialmente nelle classi dominanti», lo «spirito di cupidigia» giungendo a considerare «l uomo come mezzo della ricchezza e non viceversa», un sistema fautore di «una concorrenza frenata» a scapito dei più deboli, interessato soltanto «alla produzione indefinita della ricchezza [ ] con pregiudizio dell equa ripartizione»: in una espressione causa non ultima di una vera e propria «crisi sociale» (TTE, I, p. 242). 6 J. A. SCHUMPETER (Storia dell analisi economica, I, Torino 1959, p. 227) sostiene che sebbene l insegnamento di Smith «non contenga nulla di originale, [ ] nessuno, né prima né dopo Smith, ha mai pensato di accollare un peso simile alla divisione del lavoro» arrivando a definirlo «l unico fattore del progresso economico». Le indicazioni iniziali di Smith circa l importanza della divisione del lavoro e l affermazione dello Schumpeter sopra riportata potrebbero indurre a concludere che il fattore determinante la ricchezza di una nazione sia la stessa divisione del lavoro. A ben vedere, come in seguito specifica lo stesso Smith, la causa della ricchezza è l accumulazione del capitale. Le due determinanti immediate del progresso della ricchezza sono la produttività del lavoro e la proporzione tra lavori produttivi e improduttivi. Queste ultime sono però dipendenti in ultima istanza dall accumulazione del capitale. A. SMITH (La ricchezza delle nazioni, a cura di A. BAGIOTTI-T. BAGIOTTI, Torino 2001, p. 388) sostiene, infatti, che «la divisione del lavoro può progredire soltanto in proporzione alla preventiva e graduale accumulazione del capitale». Il saggio di crescita dell economia dipende pertanto dalla ripartizione del prodotto totale tra beni di consumo e accumulazione di capitale, essendo positivamente correlato con quest ultima. Lo stesso Smith (ivi, p. 456) continua affermando che «il valore del prodotto annuale della terra e del lavoro di ogni nazione

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale Prof. Benedetto Vertecchi che cosa! impareremo? 1-2 Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale 1 quali apporti concorrono a definire la conoscenza educativa? 3-4 la pedagogia sperimentale!

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare.

Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. CALL FOR PAPERS Il dono: le sue ambivalenze e i suoi paradossi. Un dialogo interdisciplinare. 18-19 settembre 2008 Università di Milano-Bicocca L analisi del dono risulta sempre più presente nel dibattito

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE

DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE Significato dei termini DECRETO Inter mirifica SUGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE SOCIALE INTRODUZIONE 1. Tra le meravigliose invenzioni tecniche che, soprattutto nel nostro tempo, l ingegno umano è riuscito,

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli