Da cenerentola a principessa Nell ambito della gravissima. Gli italiani primi in Europa per le tasse. Se il carico. settimanale regionale di attualità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Da cenerentola a principessa Nell ambito della gravissima. Gli italiani primi in Europa per le tasse. Se il carico. settimanale regionale di attualità"

Transcript

1 A PAG. 5 Catania - anno XXXI - n luglio Euro 0,60 - Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/ 2004 n o 46) art. 1, c. 1, DCB - Fil. di CT - Taxe perçue - Tassa riscossa - ISSN: settimanale regionale di attualità In caso di mancato recapito rinviare al CMP/CPO di Catania, per la restituzione al mittente previo addebito. Il mittente si impegna a pagare la tariffa vigente PAPA FRANCESCO E LA PEDAGOGIA DELLE TRE PAROLE I tesori nascosti del Mare Nostrum un valore in euro, tante volte di più del nostro debito nazionale di 350 miliardi di euro! Allora di quale Grexit ci parlano i nostri amici dell Unione Europea? Il Gas naturale che abbiamo a sud di Creta, può fornire l Europa per 50 anni! I posti di lavoro che si creeranno per il popolo greco, quando cominceranno i lavori per le perforazioni saranno Così i nostri giovani troveranno un lavoro e non saranno costretti a partire dalla loro Patria. Ma dalla sua interessantissima conferenza, alla quale era presente anche il vicepresidente della Camera dei deputati e della quale ci ha inviato una breve sintesi tradotta in italiano, lingua che conosce bene, emergono altri dati sconvolgenti: Al nord della Grecia -egli continua- esistono giacimenti minerari, le Terre rare, che valgono, coi prezzi di oggi, 400 miliardi di euro! Allora il nostro debito nazionale passa tutto... dalle Terre rare del nord della Grecia! La Cina ha il monopolio di questi giacimenti minerari e controlla il 97% di tutto il mondo! E noi in Grecia ne FESTA della MADONNA del CARMINE a CATANIA a pagina 7 CARMENˮ al IV TAORMINA Opera FESTIVAL Da cenerentola a principessa Nell ambito della gravissima crisi che ha colpito la Grecia s inserisce un concreto messaggio di ottimismo lanciato dal geologo greco Se il carico fiscale del nostro Paese fosse in linea a quello medio europeo, ogni italiano risparmierebbe 904 euro all anno di tasse e contributi. Lo ha affermato l Ufficio studi della CGIA che ha messo a confronto la pressione fiscale dei principali Paesi Ue registrata nel 2014: successivamente, l analisi dell Ufficio Studi ha definito il differenziale di tassazione degli italiani rispetto ai contribuenti degli altri Paesi europei. Il risultato, come era facilmente prevedibile, vede gli italiani occupare le primissime posizioni della graduatoria dei contribuenti più tartassati d Europa. Tra i principali Paesi dell Unione presi in esame, la pressione fiscale più elevata si riscontra in Francia. A Parigi, il peso complessivo di imposte, tasse, tributi e contributi previdenziali è pari al 47,8 per cento del Pil. Seguono il Belgio, con il 47,1 per cento, la Svezia, con il 44,5 per cento, l Austria, con il 43,7 per cento e, Emilio Dasyras, nel corso di una conferenza tenuta nel mese di maggio presso l Università di Atene. Dal 1982 il noto scienziato e ricercatore ha fatto studi approfonditi sui al quinto posto, l Italia. L anno scorso la pressione fiscale nel nostro Paese si è fermata al 43,4 per cento del Pil. La media dei 28 Paesi che compongono l Ue, invece, si è stabilizzata al 40 per cento; 3,4 punti in meno che da noi. Nella comparazione, l Ufficio studi della CGIA ha deciso di calcolare anche i maggiori o minori versamenti che ognuno di noi sconta rispetto a quanto succede altrove. Ebbene, se la tassazione nel nostro Paese fosse in linea con la media europea, ogni italiano l anno scorso avrebbe risparmiato 904 euro. Effettuando il confronto con la Germania, invece, si giacimenti degli idrocarburi, sottomarini, in particolare ad ovest della Grecia e a sud dell isola di Creta, dove risiede. I risultati -egli asserisce- attribuiscono a questi giacimenti Fisco: ogni italiano paga 904 euro all anno in più rispetto alla media europea evince come i tedeschi paghino mediamente euro all anno in meno rispetto a noi. Analogamente, gli italiani pagano euro in più rispetto agli olandesi, euro in più dei portoghesi, euro in più degli inglesi, euro in più degli spagnoli e ben euro in più rispetto agli irlandesi. Sempre rispetto al livello italiano di tassazione, si nota come gli austriaci abbiano pagato 80 euro in più rispetto a noi, gli svedesi 292 euro in più, i belgi 984 euro in più e, infine, i francesi, con ben euro in più. Dalla CGIA ricordano che il dato della pressione fiscale abbiamo tanti al nord!. Ed ancora aggiunge: Abbiamo giacimenti di Gli italiani primi in Europa per le tasse Antonino Blandini (segue a pag. 2) italiana relativa al 2014 non tiene conto dell effetto del cosiddetto Bonus Renzi. L anno scorso, infatti, gli 80 euro restituiti ai redditi medio bassi dei lavoratori dipendenti sono costati alle casse dello Stato 6,6 miliardi di euro. Quest ultimo importo è stato contabilizzato nel bilancio della nostra Amministrazione pubbli- Maxwell (segue a pag. 2) a pagina 11 ALL ORTO BOTANICO di CATANIA INCONTRO FAI a pagina 12

2 2 Prospettive - luglio 2015 sommario al n. 29 PRIMO PIANO Guidare e seguire sono atti di fede autentica 3 La teologia del Card. Giacomo Biffi 4 Indietro nel tempo intervistando il principe di Butera 5 Nicolosi V edizione della rassegna Etna in giallo 5 INFORMADIOCESI Notizie in breve 6 DIOCESI I Consultori d Ispirazione Cristiana 6 A Belpasso Simposio internazionale di scultura in pietra lavica 6 Il gruppo musicale mauriziano Zenfants des Ziles 20 anni a Catania 7 È tornato alla Casa del Padre Nicola Cavallaro 8 Concerto La fragilità umana La misericordia di Dio 9 Ambasciatori Gran Galà di chiusura della stagione Blueverse 11 Museo diocesano tra attività didattiche, festive ed estive 12 Direzione amministrazione e redazione: via Etnea, Catania Redazione e amministrazione: tel fax Editrice ARCA s.r.l. via Etnea, Catania Iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC) n Direttore responsabile Giuseppe Longo Grafica e impaginazione: Vera Cannavò Abbonamenti: ordinario Euro 40,00 ridotto (scuole, associazioni, confraternite, etc.) Euro 30,00 versamento su c/c postale n intestato a: ARCA s.r.l. via San Giuseppe al Duomo 2/ Catania Pubblicità: a mod. (1 colonna x 41mm). Commerciali Euro 27,11 a mod. Redazionali Euro 1,55 a mm Annunci immobiliari e R.P.Q. Euro 0,21 a parola (min. 10 parole) Legali/istituzionali/finanziari Euro 48,80 Manchettes commerciali Euro 81,34 cadauna Stampa a colori maggiorazione 10% Iscritto al Registro della Stampa del Tribunale di Catania al n. 665 del La testata percepisce contributi statali diretti ex L. 7/8/1990 nr. 250 Stampa: GRAFICHE COSENTINO sas L I T O G R A F I A Zona Industriale - C.da Balchino S. Maria Poggiarelli Caltagirone (CT) - Telef / Unione Stampa Periodica Italiana Settimanale associato alla F.I.S.C. (Federazione Italiana Settimanali Cattolici) Questo numero è stato chiuso alle ore di mercoledì 24 luglio 2015 Il 23 anniversario della strage di via D Amelio tra veleni e scottante attualità Adistanza di ventitré anni la verità appare ancora irrintracciabile: ostacoli, depistaggi, strani silenzi, occultamenti si oppongono tenacemente contro chi ha urlato a gran voce giustizia, di fronte a quei corpi dilaniati, le auto in fiamme ed i palazzi sventrati. Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina hanno sacrificato la loro vita in nome della giustizia e dello Stato, lo stesso che non ha mai fatto fino in fondo chiarezza sui veri mandanti e su quell oscura e torbida trattativa tra esponenti deviati del potere e la criminalità organizzata. Così come Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Rocco Di Cillo, Antonio Montinari, Vito Schifani non hanno (continua da pag. 1) DA CENERENTOLA... (continua da pag. 1) GLI ITALIANI... ancora giustizia, quella stessa ricercata con ogni sforzo ed instancabilmente fino agli ultimi istanti della sua vita da Borsellino, proprio per questo considerato presenza scomoda dai carnefici. Non una commemorazione, bensì un ricordo, perché gli insegnamenti di questi grandi uomini sono stati recepiti e la loro battaglia ancora oggi è combattuta da chi sente il dovere morale e civico di lottare per una società fondata sui valori della legalità. Le recenti notizie di cronaca ci rivelano un anniversario ancora intriso di veleni, oro e siamo il quarto Paese dell Europa in quantità di oro. Abbiamo uranio 235, che vale euro solo un grammo. Abbiamo un rarissimo minerale, l osmio che vale un grammo euro! Allora con tutta questa ricchezza che esiste nella terra del nostro Paese è logico essere sempre minacciati di un Grexit dall Unione monetaria dell Europa? Noi sappiamo bene che l Europa ha molto bisogno di questi minerali perché servono per la produzione dei missili, delle macchine, degli armamenti e tante altre cose...allora con tutto questo Tesoro naturale perché ci minacciano...perché trascinano il popolo ellenico per un debito di 350 miliardi di euro? Io sono sempre a disposizione per offrire i miei studi e le mie ricerche per il bene dei nostri carissimi Paesi che vivono un periodo molto difficile non perché non esistono fondi ma perché questi tesori sottomarini del Mare Nostrum non sono sfruttati. Questi sono argomenti -prosegue Dasyras- che io ho sempre messo sulla tavola utilizzando non solo la carta stampata ma anche la radio e la televisione, ma non arrivano riscontri! Tra alcuni anni si esauriranno i giacimenti di gas naturale della Svezia che forniscono la nostra Europa: allora perché non s interessano i capi per i tanti giacimenti che si trovano a sud di Creta, ad ovest della Grecia, ad est della Sicilia, vicino Catania e nel mare ad est della penisola italiana? Siamo Paesi che ci troviamo in E.U. e possiamo fornire il continente europeo per più di cento anni senza nessun pericolo. Ad una richiesta di chiarimento su quanto appena asserito lo studioso conferma: Si! Sono sempre sicuro che esistono giacimenti idrocarburi sottomarini dalla parte di Catania ed anche nel golfo di Taranto. Sono sicuro che i miei colleghi saranno pronti a cominciare le loro ricerche geofisiche, come stiamo facendo noi, per trovare i posti precisi e cominciare le perforazioni! Io continuando a fare le mie ricerche e gli studi geologici, studiando la stratigrafia e l influenza delle plaghe continentali sulla regione ovest di Creta, ho trovato un grande interesse anche su queste parti del mare! Se i vostri scienziati conoscono ed hanno fatto degli studi-ricerche su questa parte del vostro territorio nazionale mi farebbe piacere saperlo, altrimenti vi posso dare delle indicazioni per fare anche voi le ricerche geofisiche per essere sicuri dell esistenza di questi giacimenti petroliferi. Se queste ricerche avranno un buon risultato, come immagino, sarà molto interessante dal punto di vista economico per Catania e la Sicilia. Il mare-lago Mediterraneo nasconde grandi quantità di tesori sottomarini e per questo tutti noi dobbiamo proteggere il Mare Nostrum e non sporcarlo coi rifiuti nucleari ed i prodotti chimici delle guerre. A tal proposito il dr. Dasyras, il 16 gennaio 2014 ha indirizzato una lettera al Presidente, pro tempore, del Parlamento europeo, Martin Schulz, ca come spesa aggiuntiva. Pertanto, se si ricalcola la pressione fiscale considerando questi 6,6 miliardi di euro che praticamente sono un taglio delle tasse, anche se contabilmente vanno ad aumentare le uscite, la pressione fiscale scende al 43 per cento. In relazione a questa precisazione, la CGIA ha redatto anche una comparazione che tiene conto di questa specificità. Per pagare meno tasse dichiara Paolo Zabeo della CGIA è necessario che il Governo agisca sul fronte della razionalizzazione della spesa pubblica; con tagli agli sprechi, agli sperperi e alle inefficienze della macchina pubblica. Inoltre, questa operazione dovrà essere realizzata molto in fretta. Entro il prossimo 30 settembre, infatti, a seguito della mancata autorizzazione dell Unione europea all estensione del reverse charge alla grande distribuzione, il Governo dovrà reperire 728 milioni di euro, altrimenti è previsto un aumento delle accise sui carburanti di pari importo. Nella foto Manfredi Borsellino e Sergio Mattarellaa LA COMMEMORAZIONE di una strage ancora senza verità e giustizia con al centro presunte pressioni rivolte alla figlia del magistrato, Lucia Borsellino. Sembra quasi di rivedere delle scene già viste in passato. Ma la memoria di quello che è stato indelebilmente ed irrimediabilmente si intreccia confondendosi con il presente. Ed in molti ancora oggi preferiscono soltanto girarsi da un altra parte e lasciare che il tempo e l indifferenza facciano il suo corso: e la scarsa partecipazione alle iniziative organizzate in questi giorni a per protestare contro la scelta della zona di acque internazionali tra Creta, Malta, Italia, Libia per la distruzione delle armi chimiche in Siria perché il Mediterraneo non è in realtà un mare ma un lago ed un eventuale incidente durante l idrolisi distruggerebbe tutta la vita marina nella zona. In data 3 marzo 2015 il presidente Scultz risponde al dr. Dasiras ringraziandolo per la lettera e confermando che in data 6 febbraio 2014 il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione sulla situazione in Siria, compresa la distruzione delle armi chimiche per il cui processo di distruzione e gestione dei rifiuti restanti bisogna prestare particolare attenzione alla sicurezza ambientale. L Agenzia per la proibizione delle armi chimiche in Siria supervisiona tutte le attività relative alla distruzione della armi chimiche in Siria perché nessuna sostanza chimica venga scaricata in mare, come stabilisce il diritto internazionale. L U.E. si è impegnata a sostenere OPCW e le Nazioni Unite per l attuazione del piano d emergenza e far rispettare le norme di protezione dell ambiente. Riconoscendo l importanza di tale missione l U.E. si è impegnata a contribuire con 12 milioni di euro per il fondo speciale OPCV per distruggere queste sostanze chimiche. Il vicepresidente della Camera dei deputati ha ringraziato l illustre scienziato per la dotta conferenza e per i documenti che l hanno arricchita, mentre un docente della Facoltà d ingegneria del Politecnico ha detto E per evitare un nuovo aumento delle imposte, l Esecutivo dovrà sterilizzare una serie di clausole di salvaguardia estremamente impegnative. Sebbene il ministro Padoan abbia in più di un occasione scongiurato un nuovo aumento del carico fiscale, con la prossima legge di stabilità dovrà trovare oltre 16 miliardi per evitare un aumento delle entrate di pari importo per l anno venturo. Tagli che dovranno salire a 25,4 miliardi nel 2017 e a 28,2 nel Palermo ne è un chiaro segno. Di fronte a quell albero che occupa oggi la voragine provocata dall autobomba di fronte a quelle agende rosse alzate con fermezza di fronte a quel silenzio che scandisce con forza i nomi di quegli eroi..palermo non c è, la gente non c è. E non ha alcun senso cercare di strumentalizzare questi ricordi, date che hanno profondamente segnato un solco nel corso del tempo e della storia, ed attaccare chi tenacemente lotta per portare avanti le stesse battaglie di chi non c è più: non sono passerelle di ostentazione di un antimafia di facciata o almeno non lo sono per chi in quella strage ha perso un padre, un marito, un fratello, un congiunto. A distanza di anni quella sottile trama che permeava la società nei suoi angoli più bui non è venuta alla luce: ha cambiato volti, ha cambiato nomi, ma si è sempre alimentata di nuova linfa. E quel sacrificio reclama ancora verità e giustizia. A.Di.G. che bisogna iniziare al più presto i lavori che riguardano i giacimenti di idrocarburi. La grande attualità del tema trattato ha sollecitato svariati interventi. Da tanti anni l illustre scienziato, che è anche il presidente della Federazione delle Associazioni cattoliche in Grecia, viaggia in tutto il mondo per mettere i suoi studi e le sue ricerche a beneficio dei Paesi che hanno bisogno di aiuto: come per esempio in Afganistan, dove ha trascorso 20 giorni con la tribù dei Kalasch che si credono discendenti dei soldati di Alessandro Magno, quando è andato in India ed in Pakistan per trovare acque sotterranee, in Africa, in America Latina e a Cuba dove si reca ogni anno presso le Università di L Avana e di Ciego de Avila per studiare come diminuire la salinità delle loro acque e dove insegna agli studenti dell ultimo anno di Ingegneria come fare le perforazioni e la protezione delle acque sotterranee dalla salinità: cioè lezioni di Idrogeologia applicata. A fine giugno ha partecipato a Milano, presso il Padiglione dell Expo Alessandro Rosso, al Seminario internazionale Fede, Agricoltura, Cibo e Ambiente: una nuova idea di sviluppo per vincere la fame ed affrontare le sfide del terzo millennio nel corso del quale ha tenuto una conferenza ed è stato invitato in India ed in Uganda per un aiuto scientifico di ricerca per le acque. Domenica 16 ottobre 2011, a Catania, presso la sede di via San Nullo della Società San Paolo ha tenuto una conferenza video sul tema: Difficoltà delle minoranze cristiano-cattoliche nei paesi a regime comunista o musulmano da lui visitati (Cina, Cuba, Pakistan, India, Egitto, Israele, Iran, Palestina,ecc) e Grecia. La cosa che mi sta molto a cuore - conclude il vulcanico geologo- è poter entrare in contatto con i colleghi geologi italiani in modo che entrambe le nostre Nazioni possano collaborare per un grande piano di ricerca degli Idrocarburi che la nostra madre Mediterraneo ci offre con tanta abbondanza per vivere bene ed andare avanti.

3 Prospettive - luglio Papa Francesco all Angelus di domenica scorsa si sofferma sullo sguardo viscerale di Gesù PEDAGOGIA delle tre parole Non ho la penna facile e, pertanto, mi è costato mettere insieme queste righe di riflessione ispirate dall amore alla Chiesa così come, ritengo, siano dettate dallo stesso amore riflessioni trasversali a questa. Siamo ancora, del resto, nella fase interlocutoria, di parresia: nella libertà di ciascuno a dire quel che sente, come auspicato da Papa Francesco. Si tratta del Sinodo sulla famiglia e, in particolare, del problema dei divorziati risposati nonché della discussa apertura a concedere loro, usando la medicina della misericordia, l accesso alla comunione sacramentale di cui si è fatto autorevole fautore il card. Walter Kasper nella sua relazione presentata al concistoro straordinario del febbraio Fra le cose dette, egli annota: Molti curatori d anime sono convinti che tanti matrimoni, celebrati in forma religiosa, non sono stati contratti in maniera valida. Infatti, come sacramento della fede, il matrimonio presuppone la fede e, a tal proposito, il porporato si chiede scettico: nella situazione attuale possiamo presupporre che gli stessi sposi condividono la fede? Sebbene sia l ultimo autorizzato a dire la mia, anch io condivido questa analisi. Anzi, impregnato per dirla col linguaggio del Papa dell odore delle pecore, grazie ai cinquanta Ascoltando le omelie di Papa Francesco si rinnova ogni volta la medesima sensazione di dovere riportare a casa tre pietruzze, tre pensieri, tre messaggi. Ancora una volta nell Angelus della calda domenica del 19 luglio il commento al Vangelo è stato incardinato su tre verbi: vedere, avere compassione, insegnare. I verbi del Pastore sintetizzano la regola pedagogica del saper guardare tutti e osservare ciascuno, dell entrare in relazione e quindi assicurare efficacia all insegnamento. L immagine descritta dall evangelista con singolare intensità, fotografando gli occhi del Messia cogliendo i sentimenti del suo cuore di fronte alla grande folla riunita come pecore senza pastore. La sequenza dei fotogrammi descrive un procedimento ordinato e consequenziale. Le caratteristiche di attenzione di sensibilità pedagogiche e di relazione diventano anche codice e regolamento di azione pedagogica. Allo sguardo di Gesù che non è lo sguardo di un sociologo o di un fotoreporter, corrisponde la capacità del suo saper guardare: Gesù, infatti, guarda sempre con gli occhi del cuore ed il suo sguardo penetra e conquista come per il giovane ricco: Lo guardò e lo amò. In un fortunato saggio: Gesù di Nazaret, centro del cosmo e della storia lo scomparso cardinale Giacomo Biffi tracciava l identikit umano del Nazareno a partire dai racconti dei suoi contemporanei, dalle testimonianze di chi l ha conosciuto, dai dati storici che sono in nostro possesso e lo riguardano. Dalla descrizione dell aspetto esteriore di Gesù: era molto bello e aveva occhi quasi magnetici, capaci di guardare in alto, verso il Padre e di penetrare in profondità il cuore delle persone che incontrava, Biffi passa a delineare la psicologia del Maestro: era uno con le idee chiare, aveva una volontà di ferro ed era pienamente identificato con la sua missione (fino quasi a non sentire la stanchezza); non trascurava le piccole cose, i dettagli della quotidianità, di cui intesseva poi le sue parabole. Aveva un animo sensibile e al tempo stesso agiva del tutto libero dal giudizio degli altri. La pedagogia del Buon Pastore è stata anche ben analizzata da Gesualdo Nosengo, fondatore dell UCIIM, il quale legge nelle azioni di Gesù, che conosce le sue pecore, le chiama per nome e va in cerca della pecorella smarrita, dà la vita per le sue pecore e non vuole che nessuna di esse vada perduta. Che io non perda nessuno di quelli che mi sono stati affidati non è soltanto un espressione evangelica, ma una regola pedagogica che non consente che ci siano degli studenti che restino indietro o che smarriscano la retta via. Ciascuna delle notazioni che caratterizzano l agire del Buon Pastore descrive un comportamento educativo, e diventano regola e norma di pedagogia di comunicazione e di contatti relazionali non sempre e non da tutti messi in atto. Guardare tutti ed osservare ciascuno regola d oro della pedagogia dell attenzione verso l altro trova nel Buon Pastore il modello che s incarna in Gesù Maestro, attento ai piccoli e capace di dialogare e di insegnare, producendo reali apprendimenti resi manifesti dal cambiamento del modo di pensare, di sentire e di agire. È l amore la sorgente di ogni atto educativo e il Buon Pastore con la sequenza dei gesti dell ordinarietà detta le regole per l educatore di oggi, docente, catechista e genitore. Quando l evangelista racconta che Gesù ebbe compassione e vede la folla come un gregge senza pastore si comprende bene che la sua compassione, non è solo un sentimento umano, ma è la commozione del Messia in cui si fa carne e manifesta tenerezza di Dio. Insegnare, nutrire la folla con il pane della sua Parola come ha sottolineato Papa Francesco, diventa compito e missione, impegno e servizio. Occorre oggi, in risposta all emergenza educativa, tanta passione scaturita dalla consapevolezza di un bisogno urgente e prioritario e dalla necessità di non far passare invano dei tempi preziosi dell età evolutiva, anni di ministero in parrocchia, sento di potermi spingere oltre e di affermare, addirittura, che supera il 75% il numero degli stessi battezzati che vivono non di fede ma di religiosità naturale o pagana espressa, tuttavia, con nomenclatura cristiana. Pertanto io come, anche, i miei confratelli presbiteri ci troviamo non a gestire fede ma paganesimo; a essere guardati, da oltre il 75% dei battezzati, più come stregoni, sciamani, ufficiali di riti magici, che come apostoli della Parola; più come sacerdo- che, una volta superati, comportano difficoltà maggiori di adattamenti e modifiche. Insegnare ed educare non possono essere considerati come un mestiere, bensì come una vocazione e missione ed in quanto tale comporta una risposta di assenso ad una proposta d invito che s inserisce nel piano di Dio, Afferma Cousinet: L essenza della vocazione pedagogica consiste in una urgente necessità interiore di trasmettere ad altri il proprio sapere, le personali esperienze fatte attraverso lo studio e le conquiste ottenute nel campo delle condotte morali e delle abitudini virtuose. In ogni pagina del Vangelo si scopre una regola di vita ed una cellula di verità cui s ispira ogni gesto educativo. ciò che fa di un uomo un maestro è il fatto che egli possiede e trasmette la verità e l arte di farne entrare in possesso anche gli altri. Restare un gregge senza pastore, o seguire le ideologie che hanno un capo, ma non un maestro è il rischio del nostro tempo e, mettendo in atto la compassione di Gesù si potrà dare risposta ad un bisogno, Nel mondo secolarizzato la sacramentalizzazione non basta bisogna ripartire dall annuncio della Parola Guidare e seguire sono atti di fede autentica ti di Zeus che di Cristo. Ma per tornare, ancora, alle parole del card. Kasper c è da chiedersi. Se è vero, come è vero, che in tanti matrimoni non c è il presupposto della fede ammissione onesta, reale e drammatica - di quali soggetti in sofferenza o che chiedono aiuto o che sono bisognosi di misericordia stiamo parlando se non, in genere, di pagani? Termine, questo, affatto offensivo poiché i pagani sono molto religiosi (Atti 17,22), aperti all Assoluto, credenti in Dio (Atti 10,2), con profonde esigenze a compiere atti di culto (Atti 8,28) e a rivolgersi, quindi, agli uomini del sacro. Ora, per questi pagani in reale sofferenza per la mancanza in loro della fede, per questi uomini devoti da tutte le nazioni che sono sotto il cielo (Atti 2,6), il problema non dovrebbe riguardare l accesso ai sacramenti della Chiesa che, come evidenzia il cardinale, presuppongono già la fede. Il loro reale anche se inconscio bisogno è, piuttosto, di entrare nella Chiesa sacramento. E come? Se non attraverso la porta (segue a pagina 4) Foto L Osservatore Romano (www.photo.va) / SIR luce e guida ad un percorso, soluzione positiva ad un emergenza. Quando Gesù vede che la gente non ha pastore, si offre come guida. Riprende ad insegnare. Guida la moltitudine che altrimenti sarebbe smarrita nel deserto della vita. L annuncio della Buona Novella mostra che Gesù si muove con sollecitudine e che è spinto dalla compassione, scaturita dalla passione per il Padre e per la gente povera ed abbandonata della sua terra. Elemento primario dell azione educativa è, infatti, il servizio alla verità in se stessa e quindi in Dio e poi il cercare la verità, meditarla, studiarla, penetrarla, e viverla. La fedeltà alla verità e ai valori, infatti, non s insegna, non passa dalla ripetizione di parole e formule ma si testimonia con la vita, espressione di un adesione personale e convinta. L azione educativa, dettata dal desiderio di promuovere dottrina, virtù e vitalità tra i giovani, va condotta con gioia e amore, secondo le giuste regole e con sincerità d intenzione. È necessario, infatti, essere contenti di stare con i ragazzi. Basta che siate giovani perché io vi ami, diceva Don Bosco e quindi mettere in movimento un atto intenzionale di promozione e di guida, di sostegno e di stimolo, per dare completezza e pienezza alla forma umana attraverso il progetto di formazione integrale dell uomo e del cittadino. La gente di Galilea era impressionata dal modo di insegnare di Gesù, perché era di fronte a un insegnamento nuovo! Dato con autorevolezza! L evangelista San Marco per più di quindici volte scrive che Gesù insegnava e anche se non viene esplicitato il contenuto dell insegnamento è ben chiaro: trasmettere la verità, che penetra nel cuore della gente. Il contenuto che Gesù trasmetteva non emerge solo dalle parole, ma anche nei gesti e dal modo in cui entrava in rapporto con le persone. Il contenuto, la Buona Novella, infatti, non è mai separato dalla persona che lo comunica. I fotogrammi descritti da Papa Francesco appaiono distanti e difformi alle immagini che trasmettono le televisioni e i social media di oggi. Al cristiano il compito di raddrizzare l obiettivo e recuperare l umano dell uomo. Giuseppe Adernò

4 4 PRIMOPIANO Prospettive - luglio 2015 La teologia del Card. Giacomo Biffi e la fiaba di Pinocchio Il Padre crea e attira tutti a sé Ricordo con particolare emozione l incontro con il Card. Giacomo Biffi ( ) recentemente scomparso, all età di 87 anni. L ho incontrato a Bergamo in occasione della presentazione del volume Contro Maestro Ciliegia. Commento teologico a Le avventure di Pinocchio e rimasi colpito dalla lettura teologica che ha intrecciato al racconto di Carlo Collodi. Il senso del mistero creativo, la paternità, l ubbidienza, le prove, le tentazioni, i pericoli, la fedeltà, le promesse, tutti valori nascosti tra le righe del racconto che il Cardinale, da abile educatore fa emergere e vibrare con spirituale candore e fascino, cogliendo anche il valore simbolico della Redenzione nel costante intervento della fata, che con la dolcezza femminile conquista e guida sulla via del bene. «Quella di Pinocchio è la sintesi dell avventura umana, dice il Card. Biffi, comincia con un artigiano che costruisce un burattino di legno chiamandolo subito, sorprendentemente, figlio. E finisce con il burattino che figlio lo diventa per davvero. La storia del racconto-fiaba è identica, nella struttura, alla storia sacra: c è una fuga dal padre, c è un tormentato e accidentato ritorno al padre, c è un destino ultimo che è partecipazione alla vita del padre. Il tutto grazie a una salvezza data per superare la distanza incolmabile, con le sole forze del burattino. Le avventure di Pinocchio raccontano la vera storia dell uomo, che è la storia cristiana della salvezza. La struttura oggettiva del racconto è sotto gli occhi di tutti ed è perfettamente conforme alla vicenda salvifica proposta dal cristianesimo ed esiste un oggettiva concordanza di struttura tra la fiaba e l ortodossia cattolica. Pinocchio, racconta il Cardinale, è stato il mio primo libro, me lo comprò mio padre alla fiera di sant Ambrogio, a Milano, quando avevo 7 anni e da allora non se n è più distaccato. Quando venne a Bergamo per la presentazione del volume, edito da Jaka Book, per iniziativa di Comunione Liberazione, ci si preparava al grande convegno ecclesiale Evangelizzazione e promozione umana, la voce del Profeta del nostro secolo, maestro e pastore della chiesa bolognese, costituiva un punto di riferimento di sicura dottrina. Le sette verità fondamentali di Pinocchio illuminano tutta la vicenda umana dall origine dell artefice creatore. Pinocchio, creatura legnosa, è costruito come una cosa, ma dal suo creatore è chiamato subito figlio. C è qui l arcano di un alterità di natura, superata da un gratuito, imprevedibile amore. Il burattino, chiamato sorprendentemente a essere figlio, fugge dal padre. E proprio la fuga dal padre è vista come la fonte di tutte le sventure; così come il ritorno al padre è l ideale che sorregge Pinocchio in tutti i suoi guai, costituendo infine l approdo del tormentato viaggio e la ragione della raggiunta felicità. L incontro e la scoperta del male interiore ed esteriore vede Pinocchio quale espressione della incapacità dell uomo a lottare contro il maligno e ad operare secondo giustizia: «Non compio il bene che voglio, ma il male che non voglio» (Rm.7,19). Lo straordinario personaggio della Fata dai capelli turchini è posto appunto a indicare l esistenza di questa salvezza che è donata dall alto e può guidare a lieto fine la tragedia della creatura ribelle. Queste sette convinzioni, dice il Card. Biffi in un documentario intervista, sono affermate e conclamate dal libro, e non so come sia possibile con qualche ragionevolezza dubitarne. La lezione di Carlo Lorenzini, detto Collodi, ed il «caso» letterario de Le avventure di Pinocchio seguono il sentiero della verità e le sette fondamentali verità della visione cristiana, e cioè: L origine da un Creatore e la nostra vocazione a diventare suoi figli; Il peccato originale e la decadenza della nostra volontà che da sola non sa resistere al male; Il demonio, creatura intelligente e malvagia, che lavora alla nostra rovina; La mediazione salvifica di Cristo, come unica possibilità di salvezza; Il senso di Dio, fondamento della dignità umana e della nostra libertà di fronte a qualsivoglia oppressione; Il dono della vita di grazia, che ci fa partecipi della natura di Dio; I due diversi destini eterni tra i quali siamo chiamati a decidere, costituiscono una lezione di vita che possiamo imparare: le ideologie possono servire per far politica, per arricchire, per far carriera, ma non servono all uomo, come ha affermato recentemente anche Papa Francesco durante il viaggio apostolico in America Latina. Per la salvezza occorre la verità: la verità sulla vita e sulla morte, sul senso dell esistenza e sulla sua insignificanza, sulla felicità e sul dolore, sulla possibilità di speranza e sulla disperazione, sulla nostra origine e sul nostro ultimo destino. Il magistero dell anziano pastore della Chiesa di Bologna, diventa oggi patrimonio per tutta la Chiesa, la sua acutissima intelligenza, unita al suo grande umorismo, sempre tanto benefico e costruttivo, è un grande segno di quell unità interiore che in lui era visibile nel vivere centrato su Gesù e nell amore per la Chiesa, come ha detto il card. Angelo Bagnasco, presidente della Cei, al termine del funerale. La cultura dell evangelizzazione per il card. Biffi coincide con il dialogo, ed egli aveva un concetto molto alto del dialogo, da non dover ridurre tutti a un minimo comune denominatore o al perditempo della chiacchiera da salotto. Anche sul tema dell immigrazione le sue posizioni sono chiare ed intervenendo al Seminario di studi «Vangelo, lavoro e migrazioni» organizzato dalla Fondazione Migrantes, dalla Caritas italiana e dalla Cei, il 13 settembre 2000 ha detto: Il mio compito è evangelizzare i musulmani. Il compito dello Stato laico è invece tenere presenti tutte le difficoltà d inserimento dei musulmani nella vita civile». Purtroppo fedeli dell Islam «nella stragrande maggioranza vengono da noi risoluti a restare estranei alla nostra umanità», dunque «ben decisi a restare sostanzialmente diversi in attesa di farci diventare tutti sostanzialmente come loro. Scavando nella miniera dei suoi scritti emergeranno tante perle preziose che è bene mettere in luce a vantaggio di una formazione cristiana fedele allo spirito della Chiesa di ieri e di sempre, per non restare una testa di legno, piccoli burattini senza anima. Giad (continua da pag. 3 ) GUIDARE E SEGUIRE... della fede (Atti 14,27) che san Paolo esorta a tenere aperta mediante la predicazione (Rm 10,14ss)? Se lo stesso Sinodo, nella relazione finale del 18/10/2014, riconosce che all origine della crisi matrimoniale e della famiglia sta la crisi della fede (nn. 5 e 32) e che, per converso, dinanzi ad una fede forte l imposizione di talune prospettive culturali che indeboliscono la famiglia non ha incidenza (n.32) perché continuiamo a pensare che il problema dei divorziati risposati e non solo il loro ma anche quello della base, ossia, di oltre il 75% dei battezzati - sia proprio l accesso o meno ai sacramenti? Vorrà dire che ci si preoccupa di aver cura dei sintomi e non della malattia, di fasciare le ferite ma non di medicarle, di trasportare sine die in ospedale gli intossicati anziché riparare il buco del tubo da cui fuoriesce il gas velenoso; vuol dire che, a oltre cinquanta anni dal Concilio Vaticano II, siamo ancora arenati nella prassi pastorale preconciliare della sacramentalizzazione che continuata, purtroppo, fino ad oggi ha favorito il processo di scristianizzazione di intere nazioni occidentali! Le lasciamo sacramentalmente morire di fame? Si domanda, poi, Kasper riferendosi alle coppie divorziate risposate. Certamente no! Ma qual è il vero cibo quando la carenza è la fede? Se non, unicamente, quello della Parola? La Fede viene dall ascolto e l ascolto riguarda la Parola di Cristo (Rom 10,17)! Noi presbiteri pretenderemmo oggi radunare, col semplice accesso ai sacramenti, quella parte di gregge allontanatosi in questi ultimi 50 anni dalla buona novella di Gesù e la cui dispersione è imputabile, innanzitutto, alla colpevole forte carenza evangelizzatrice? (Contro di te, sacerdote, muovo l accusa muore il mio popolo perché non mi conosce e voi sacerdoti rifiutate di farmi conoscere. Osea 4,4ss). Ci si è, infatti, adagiati e cullati - e si continua ancora - in una fugace e debole catechesi presacramentaria impartita, nella fascia 7/12 anni (Fascia che i vescovi italiani, nell ultimo documento Incontriamo Gesù, n. 62, hanno riconosciuto come vero nodo pastorale da sciogliere con una adeguata attenzione e proposte pastorali anche per ragazzi di anni e per gli adolescenti di 15-18), a ragazzi distratti e insofferenti e destinata ad essere travolta e annientata dai potenti caterpillar dei massmedia, internet, ambiente familiare, scuole superiori dell obbligo - impregnate, queste, di laicismo - ove ha inizio un vero processo di scristianizzazione, distacco dalla fede e omologazione dei nostri ragazzi, inutilmente sacramentalizzati, a tutti i pseudo valori anticristiani. È proprio questo, mi chiedo ancora, ossia l accesso alla comunione sacramentale, l atto di misericordia che il momento storico e la spesso invocata antropologia chiedono alla Chiesa? E questa deve ripiegarsi, adeguarsi al nuovo fenomeno antropologico e socio-culturale in materia di gender, embrione, aborto, omosessualità, rapporti prematrimoniali, divorzio, eutanasia, tipo di famiglia, matrimoni civili, convivenze, etc. o è chiamata, invece, a rimboccarsi le maniche per fare ripartire, con l umiltà degli inizi e forte solo della Parola e dello Spirito che rinnova, il processo di un antropologia e un umanesimo cristiani? Oggi si invoca, da qualche parte, una coraggiosa riformulazione dottrinale e disciplinare per venire incontro con amore e misericordia al problema sollevato dai vissuti complessi dei divorziati risposati. Ma la vera misericordia da praticare verso l odierna realtà ecclesiale ferita, sofferente non deve, forse, ispirarsi solo al misereor super turbam (Mc 8,2) di Gesù che sceso dalla barca, come racconta Marco, vedendo la grande folla, ebbe compassione di loro perché erano come pecore senza pastore e si mise a insegnare loro molte cose (Mc 6,34), che percorreva tutte le città e villaggi insegnando (Mt 9,35) (I termini insegnare e istruire, detestati da taluni catecheti, non rimandano affatto ad aridi nozionismi se è vero che Gesù insegnava nella sinagoga e la gente rimaneva stupita. Mt 13,54!) e che vedendo le folle, ne sentì compassione perché erano stanche e sfinite e allora parlò ai discepoli della messe grande che aveva bisogno di operai (Mt 9,36)? Sì, di questi c è bisogno, di operai! Che portano il peso della giornata e il caldo (Mt 20,12). Di presbiteri segregati (Atti 32,2) per il Vangelo, la predicazione, la catechesi e non per altre sterili opzioni o fatiche. L amore di una coppia è sfinito per sua naturale debolezza a causa del peccato originale.da qui il ritorno involutivo, oggi, come ai tempi stessi di Gesù, a divorziare e risposarsi. Ora Gesù visse il caso, ne sentì compassione, si lasciò toccare dalle condizioni di vita e di speranza dei suoi ascoltatori. Ma non facendo, come Mosè, concessioni alla debolezza del cuore bensì curando, da unico e vero Salvatore, il cuore; dando, con la Parola di vita, prima, e il Sacramento nuziale poi, nutrimento e forza all amore umano stanco. Fino alla capacità del sempre! Quel sempre insito nella natura umana come dimostra la sorprendente, stupenda e diffusa moda giovanile dei lucchetti appesi sui ponti con su incisi i nomi dei due innamorati, poi richiusi e le chiavi gettate nelle sottostanti acque del fiume a suggello dell amore eterno. Se non vogliamo proporre una falsa misericordia ma quella evangelica occorre continuare l opera del Maestro. La gente del nostro tempo è stanca e sfinita perché da tempo va errando nel deserto e non è stata condotta ai pascoli, alle sorgenti della Parola; perché non le è stata annunciata la Buona Novella di Gesù - che ancora resta tale e non un fardello - compresa quella sul Matrimonio; perché non le è stata resa giustizia, le è stata rubata la speranza contenuta nella Parola. Abbiamo reso debole il gregge. Se fosse stato forte non avrebbe subito l imposizione di talune prospettive culturali (odierne n.d..r.) che hanno indebolito la famiglia (citata Relazione finale del Sinodo n. 32). La misericordia si impone ma, innanzitutto, quella dovuta per primordiale giustizia: Andate (Mc 16,15)! Sì, l atteggiamento in uscita, tanto caro al Papa e insegnato da Gesù con la parabola del seminatore che uscì a seminare.la Parola (Mc 4,3.14), del seminatore, cantato dal salmista, che nell andare se ne va e piange portando la semente da gettare, ma nel tornare viene con giubilo portando i suoi covoni (Salmo 25,5 ss)! Nunzio Galati Giordano presbitero

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

"Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale

Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale "Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale Uno dei catechismi più invidiati nel mondo redatto da una delle

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

PRESENTAZIONE. Cfr. CEI, Il matrimonio canonico, n. 2.

PRESENTAZIONE. Cfr. CEI, Il matrimonio canonico, n. 2. PRESENTAZIONE È urgente dovere della Chiesa accompagnare la famiglia nelle diverse tappe della sua formazione e del suo sviluppo 1. Questo lavoro del dottor don Omar Larios Valencia, nato dall esperienza

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E

UNA COMUNITÁ EDUCANTE E PREMESSA Con questo scritto introduciamo in Parrocchia, una nuova tradizione: consegnare a tutta la nostra Comunità, le linee di pastorale che ci impegneranno durante il prossimo anno. Esse ricalcano e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 25 gennaio 2015 S. Famiglia ore 18.00 18.00 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare della Festa

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno SETTORE ADULTI PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI anno PRESENTAZIONE #Viaggiando sull esempio di Maria, per essere uomini e donne che camminano «lungo la vita», luogo teologico in cui Dio si fa presente

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Centro Familiare CASA della TENEREZZA PROGRAMMA 2015/2016

Centro Familiare CASA della TENEREZZA PROGRAMMA 2015/2016 Centro Familiare CASA della TENEREZZA PROGRAMMA 2015/2016 Il Centro Familiare Casa della Tenerezza e il Giubileo della Misericordia Tematiche del Programma generale 2015-16 (titoli provvisori) Come desidero

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

INCONTRO DI FORMAZIONE NUOVI DIRETTORI DIOCESANI DELLA PASTORALE MISSIONARIA (Centri Missionari Diocesani e Pontificie Opere Missionarie) Roma, 16 18 18 giugno 2009 Dal Vangelo secondo Matteo (28,19-20)

Dettagli

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica PROGETTO dell ORATORIO di Zanica Gennaio 2015 2 Premessa a. Comunità cristiana e oratorio L oratorio è il luogo in cui la comunità cristiana esprime l attenzione e la cura per l accoglienza, l educazione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

La preparazione remota dei giovani alla formazione delle famiglie cristiane Note su un esperienza. Consiglio Pastorale Diocesano Roma, 5 maggio 2005

La preparazione remota dei giovani alla formazione delle famiglie cristiane Note su un esperienza. Consiglio Pastorale Diocesano Roma, 5 maggio 2005 La preparazione remota dei giovani alla formazione delle famiglie cristiane Note su un esperienza Consiglio Pastorale Diocesano Roma, 5 maggio 2005 Fabio e Tiziana PANCI Parrocchia dell Assunzione di Maria

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA SS. TRINITÀ PARROCCHIALE PARITARIA P.E.I. Progetto Educativo d Istituto Via Bernardi, 14-35135 Padova (PD) tel. 049 610071 fax 049 8642207 e-mail: direzione@scuolagesumaria.191.it

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli