2. Lavoro, pensione ed attività casalinghe in età senile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Lavoro, pensione ed attività casalinghe in età senile"

Transcript

1 Andrea Baiguera Altieri, LA TUTELA GERIATRICA E CRIMINOLOGICA DELL' ETA' SENILE IN SVIZZERA A mia Madre Gabriella Altieri Patrizia d' Austria Farfengo di Borgo San Giacomo ( BS ) - Italia INDICE DELLE ABBREVIAZIONI Art. Articolo di Legge A.V.S. Assicurazione sulla Vecchiaia e sui Superstiti B.V. Bundesverfassung der Schweizerischen Eidgenossenschaft cc.dd. Cosiddetti Cost. it. Costituzione italiana ( 1948 ) C.P. Codice Penale ( italiano ) I.N.P.S. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ( Italy ) L.Dis. Legge federale sui disabili ( Svizzera 2002 ) lett. Lettera ( di comma ) P.A. Pubblica Amministrazione P.e. Per esempio StGB Schweizerisches Strafgesetzbuch U.E. Unione Europea U.F.S. Ufficio Federale di Statistica ( Berna ) Questo Articolo intende proseguire il Lavoro di Ricerca condotto in L' autore non intende offrire ai lettori l' idea di una Svizzera paradisiaca in tema di Geriatria. Ciononostante, la Confederazione ospita promettenti nonché innovativi Progetti universitari dai quali, nel breve periodo, sarà possibile attingere nuove tecniche d' approccio al problema medico-forense della tutela dell' anziano/a. Ognimmodo, rimane basilare la coscienza della dignità umana insita ( anche ) nel consociato in età senile. Viceversa, l' odierno efficientismo ateo, palese o meno che sia, potrebbe cagionare un pericoloso ritorno all' eugenetica nazista del Novecento. Entro tale ottica, v' è da riflettere, in Svizzera ed in Europa, con afferenza al diffuso mito di una Medicina onnipotente ed onnicomprensiva 1. Introduzione A prescindere da postulati e corollari criminologici, la nostra Confederazione e, del pari, i

2 singoli Governi cantonali non possiedono strumenti scientifici nonché giuridici idonei ai fini di un serio approccio alla Geriatria negli Anni Duemila. P.e., lo stereotipo dell' anziano debole e malato non coincide ormai più con la nuova tipologia di pensionato attivo e financo socialmente engagé. Anche l' autonomia delle donne in età senile dimostra che l' automedicazione e la diffusione delle cure domiciliari hanno recato ad un deciso miglioramento nelle condizioni di salute in epoca postmenopausale. Inoltre, il nostro Stato ospita molti pensionati per i quali, dopo una vita di Lavoro in Svizzera, un rientro in Patria sarebbe traumatico e privo di senso. Sotto il profilo statistico e demografico, l' Ufficio Federale di Statistica ( U.F.S. ), nel corso di svariati censimenti, ha rilevato che la cifra della popolazione anziana supera di molto il numero degli infra-quindicenni elvetici. Infatti, il Boom demografico registrato dal 1940 al 1960 risulta bruscamente contratto dal 1970 sino a tutt' oggi. Tant' è che, dal punto di vista percentualistico, in epoca odierna si stima 1 bambino/a per ogni donna fertile stabilmente domiciliata nei nostri Cantoni. L' U.F.S. Ha effettuato un interessante calcolo probabilistico proiettato nel trentennio Ai sensi della citata stima, nel 2035 gli ultra 65enni, rispetto all' anno-base 2005, costituiranno ben il 24,4% dei cittadini elvetici, con un incremento, rispetto ad oggi, del 67% ( ovverosia unità in più ). Anche gli ultra 80enni ( nel 2005 ) raggiungeranno, già nel 2030, il numero di elementi, con un aumento dell' 86% in rapporto ai primi Anni Duemila. Viceversa, i minori degli anni 20 d' età caleranno dall' odierno 21,9% ( 2005 ) al 18,4% (2030/5). Sicché, entro i prossimi 20/25 anni, sussisterà un rapporto di 1 anziano/a ogni 2 giovani anziché 1 ogni 4 Del resto, i progressi della Medicina, seppur non onnipotenti, hanno allungato le prospettive di vita. Un maschio 65enne, nel 1991, poteva sperare in 15,5 anni di vita rimanenti, 18 anni nel 2005, e addirittura 20,9 anni nel Anche una donna ultra 65enne vedeva avanti a sé 19,8 anni ancora da fruire nel 1991, 21,5 anni nel 2005 e ben 24,1 anni nel Chi redige rimarca tuttavia che i succitati progressi medici non debbono, tuttavia, recare ad una sorta di idolatria nei confronti delle nuove frontiere geriatriche. In buona sostanza, la divinizzazione delle Scienze mediche costituisce un eccessivo nonché risibile entusiasmo demagogico. Senza dubbio, a prescindere dagli speranzosi numeri e decimali dell' U.F.S., gli anziani degli Anni Trenta del Duemila saranno meno affetti da patologie invalidanti, più agiati dal punto di vista economico, maggiormente scolarizzati. Inoltre, l' odierna moda della convivenza more uxorio recherà forse ad una nuova tipologia di pensionati/e non coniugati/e, separati/e e ( tristemente ) senza prole. HÖPFLINGER & HUMMEL & HUGENTOBLER ( 2006 ) asseriscono che << la futura società svizzera sarà quadrigenerazionale >>, ovvero coabiteranno, nel medesimo nucleo familiare, Bisnonni, Nonni, Genitori, ( Pro)nipoti. Del resto, anche l' U.F.S. Ha censito che, nel 1900, un/a 30enne non aveva più Nonni in vita. Viceversa, nel 2030/5, l' 80% dei trentenni svizzeri avrà Bisnonni vivi e fors' anche non disabili La nostra Confederazione, da circa un Secolo intero, è stata terra di emigranti. Sicché, la Svizzera si distingue, a livello planetario, per la presenza stabile, sul proprio territorio, di pensionati stranieri ormai naturalizzati e socialmente integrati ( WANNER et al ). Anche sotto il profilo statistico e demografico, negli Anni Cinquanta, Sessanta e Settanta, pochi ex lavoratori stranieri morivano i territorio elvetico. Viceversa, dal 1980 al 2008, molti italiani, francesi, slavi o polacchi decidono di terminare i loro ultimi anni di vita entro i nostri confini. In special modo, il Canton Ginevra, il Canton Berna ed il Canton Zurigo ospitano il maggior numero di emigrati definitivamente ed irreversibilmente inseriti nel contesto sociale svizzero. Anche WYSS ( 2005 ) conferma tale crescita esponenziale, specialmente in Canton Ticino, di donne / mogli / figlie / nipoti provenienti da radici etniche ormai pressoché dimenticate. Secondo una pregevole Ricerca di HÖPFLINGER & HUGENTOBLER ( 2003 ), 2 donne 75enni svizzere su 3 sono emigrate esse stesse o, perlomeno, provengono da ceppi parentali non elvetici. I dati numerici sopra enunziati non costituiscono il frutto di astratte elucubrazioni. BALTES ( 1996 ), dopo aver preso atto dell' oggettivo invecchiamento connotante il consorzio collettivo

3 svizzero, esorta ad una nuova e concreta impostazione ermeneutica delle Scienze Geriatriche. L' allungamento della vita media impone un oggettivo riadattamento del Sistema pensionistico. In secondo luogo, dev' essere abbandonata la caricatura teatrale dell' anziano/a disabile e senza strumenti di autodifesa giuridica. Infine, la Geriatria degli Anni Duemila incontra ormai pazienti tendenzialmente più sani, più abbienti e più tutelati, sia sotto il profilo dei diritti soggettivi sia sotto il riguardo degli interessi legittimi. In ultima analisi, BALTES ( ibidem ) esorta il Diritto e la Criminologia a non più utilizzare, per biechi fini propagandistici, lemmi quali << pensionato attivo >>, << vecchio autonomo >>, << solidarietà sociale verso la vecchiaia >> Secondo un' accurata analisi statistica di HÖPFLINGER ( 2005 ), nella Confederazione elvetica più di individui in età senile debbono la loro sopravvivenza ad una cura medicofarmacologica di lunga durata ( si pensi p.e. Alla dialisi; oppure alla prevenzione dell' ictus ). Tuttavia, l' aspetto innovativo del problema è costituito dal fatto che le terapie sono sovente somministrate dalle cc.dd. << reti informali >> ( HÖPLINGER & HUGENTOBLER ; FAUX et al ; SCHÖN-BÜHLMANN ; PREY et al ; WETTSTEIN et al ). Per << reti informali >> si intendono gruppi di parenti e/o di coetanei dell' anziano grazie ai quali non si rende necessario alcun ricovero ospedaliero. Anzi, il trattamento farmacologico viene somministrato nonché monitorato presso l' abitazione del paziente e, soprattutto, senza costi sociali né di rango cantonale né di rango federale. Nei Cantoni cattolici ( p.e. il Ticino ) la rete informale più fruita rimane quella degli Operatori parrocchiali. Alla luce delle Opere Dottrinarie summenzionate, gli Infermieri non professionisti ( figlie, nuore, nipoti, religiosi/e ) prestano circa dalle 6 alle 9 ore giornaliere di cure extra-ospedaliere. Le suddette << reti informali >> sono di fondamentale importanza in tanto in quanto confermano il primato della famiglia e della solidarietà sociale, a discapito della tanto teorizzata onnipotenza dei Servizi Sanitari offerti dalla P.A.. Il calore di una voce amica nella propria casa non può essere sostituito dalle anonime corsie di un Ospedale. Anzi, GUILLEY ( 2005 ) denunzia,tanto nella Svizzera germanofona quanto in quella franco-romanda, il clamoroso e paradigmatico insuccesso delle Strutture Sanitarie pubbliche e, in special modo, dei Centri Diurni per malati di Alzheimer. Entro tali Istituzioni mancano Medici qualificati, oppure il Personale assunto è demotivato a causa della cronica carenza di fondi e sovvenzioni statali. Inoltre, NAGEL DETTLING ( 2006 ) non ha esitato a rilevare la poca attenzione degli Hospices statali verso i pazienti anziani emigrati in Svizzera per Lavoro e non più rimpatriati. Peraltro, la popolazione senile elvetica presenta alcune peculiarità fattuali circa le quali non possono sorgere polemiche o divisioni interpretative. P.e., nella nostra Confederazione, così come del resto nell' intera UE, le donne, dopo il pensionamento, risultano statisticamente meno attinte da patologie invalidanti, giacché tendenzialmente più estranee ad abitudini quali il tabagismo e la sedentarietà. Interessante è pure che, a parere di KÜNZLER & KNÖPFEL ( 2002 ), l' elevato reddito degli ex lavoratori svizzeri consente l' accesso a farmaci ed interventi chirurgici non mutuabili e non accessibili in Stati ove l' Ordinamento pensionistico presenta gravi lacune. Ciò premesso, non si nega tuttavia la natura aleatoria di morbi quali i tumori o d patologie varie incurabili ( CAMENZIND & MEIER 2004 ) Alcuni Autori ( SCHREINER ; WANNER ; BRUNNER ) hanno elogiato le nuove tendenze dell' edilizia popolare nei nostri Cantoni. D' altronde, i disagi correlati alla senilità vengono attutiti da abitazioni idonee alle esigenze della terza età In Svizzera, il 91,5% dei pensionati vive in una casa in proprietà. Prevalgono le coppie sposate, ma sono numerose anche le vedove. Purtroppo, il 33,3% degli intervistati da SCHEINER (ibidem) non ha contatti con il vicinato. In genere, gli anziani elvetici beneficiano di appartamenti comodi, in quartieri senza criminalità, vicino a rivendite di alimentari e, soprattutto, non troppo lontano dalle residenze dei familiari più giovani. Ciononostante, qualora si renda necessaria la carrozzella, le dimore risultano malgestibili a causa di barriere architettoniche strutturali. Sotto il riguardo giuridico, lo Welfare svizzero per più volte si è interessato a forme di

4 incentivo per le case popolari. Dal 1975 al 2001, la P.A. Federale ha locato ad anziani/e non abbienti ben case in affitto con modalità di pagamento agevolato delle pigioni. Dal 2003 al 2007, sono esistite manovre finanziarie per l' incentivo all' eliminazione delle barriere architettoniche ( tot Franchi ). Sono stati post in in essere anche innumerevoli sussidi cantonali e municipali. Si consideri pure che ( caso raro in Europa ) la nuova Legge sui Disabili del 2002 ( L.Dis. ) ha disposto che, in un condominio / complesso residenziale con più di otto alloggi, siano abbattute le cause edili di disagio ai portatori di handicap ( anche ) oltre i 65 anni. Infine, il Governo Federale di Berna, di concerto con il Politecnico di Zurigo, reca tutt' oggi innanzi il Progetto Alter Wohnen Umwelt [ età, alloggi, ambiente ]. Anche la Società svizzera degli Architetti e degli Ingegneri ha manifestato una particolare sensibilità ai problemi abitativi nel periodo senile. Trattasi della tradizionale umanità svizzera, alla luce della quale anche la vecchiaia è parte e non scarto della nostra Heimat 2. Lavoro, pensione ed attività casalinghe in età senile L' anziano contemporaneo, a differenza dei propri coetanei del Novecento, tende a vivere la senescenza in maniera dinamica. Senz' altro egli mantiene ritmi ed orari ridotti; ciononostante, una vita moderatamente attiva contribuisce a non trasformare la terza età in un periodo di solitudine e di inettitudine sociale. Sotto il profilo sociologico, CRANACH & WINKLER ( 2004 ) hanno rilevato che il lavoratore anziano manifesta minor rendimento fisico, limiti nell' apprendimento di nuove tecniche e memorizzazione ridotta. Tuttavia, un prestatore d' opera in età senile può continuare ad offrire al mercato la propria esperienza, lungimiranza strategica e cura della qualità. Come intuibile, d' altra parte, la testé riferita enunciazione di aspetti positivi e negativi è tanto più reale quanto più la Professione svolta possieda caratteristiche intellettuali anziché manuali ( si veda il caso delle Professioni Forensi, delle consulenze mediche o della Docenza ). Sempre con attinenza al tema del Lavoro dopo i 50/55 anni d' età, rimane indubitabile che gli uomini possono / debbono aspirare ad una vita attiva più duratura. Viceversa, è altrettanto intuibile che le lavoratrici donne, anche in Svizzera, tendono ad abbandonare prima la propria Professione extra-domestica, per poter meglio adempiere al fine della cura e della tutela di genitori disabili e/o nipoti in età infantile. Anzi, a livello meta-geografico, è indiscutibile che la mutua assistenza familiare femminile evita ai nuclei familiari più giovani di doversi rivolgere a costose badanti od altrettanto onerosi Infermieri privati. L' intima soddisfazione, specialmente per i lavoratori maschi, di poter rendersi utili, seppur con orari part-time, oltre l' età pensionabile è stata difesa anche de jure condendo. SCHELBERT (2006) teorizza, nel Diritto Civile sostanziale elvetico, la piena ed anzi doverosa tutela del diritto soggettivo, se gradito e richiesto, di lavorare non in nero dopo il raggiungimento dei 65 anni d' età. SCHELBERT ( ibidem ), a livello di ratio, illustra come la posposizione dei benefici pensionistici sia utile all' anziano per << evitare rassegnazione ed insoddisfazione [ e per ] eliminare le discriminazioni legate all' età e ai pregiudizi >>. Il menzionato Autore coordina, dallo 09/12/2005 un accurato Studio Interdipartimentale presso il Consiglio Federale. Il fine legislativo di tale Commissione è quello di creare incentivi per la continuazione di qualsivoglia prestazione lavorativa anche oltre il compimento dei 65 anni. Tuttavia, a parere di chi redige, trattasi, come sovente accade, di un Progetto destinato al limbo delle declamazioni retoriche e dell' astrattezza normativa. Anche il pregevole Censimento Statistico di BALTHASAR & BIERI & GRAU & GUGGISBERG & KÜNZI ( 2003 ) elogia la promozione del Lavoro in età senile. Ciononostante, con l' eccezione di alcuni Regolamenti cantonali, il Diritto Pubblico federale non lascia spazio a troppi entusiasmi. Infatti, nel Diritto Amministrativo della Svizzera, non esiste un concreto interesse legittimo di poter prolungare a proprio piacimento il versamento dell' A.V.S. ( Assicurazione Vecchiaia e Superstiti ). Del pari, mancano, nella Normazione attuale, liste di Collocamento accessibili agli ultra-65enni. Infine, nel nostro Diritto del Lavoro, pare arduo e complesso istituire un Pensionamento parziale

5 abbinato ad alcune ore giornaliere di attività professionale in regola dal punto di vista tributario. Eppure, l' U.F.S. stima che il 20% dei pensionati ed il 15% delle pensionate ricevono una retribuzione fissa non fiscalmente regolare. Del resto, ( PECORARO & WANNER ; MOSER ) esiste una larga fascia di popolazione senile elvetica che necessita di integrazioni di reddito in grado di contrastare l' odierna grave contrazione economica europea. Per tale motivo, dopo il Pensionamento, certune agiatezze pecuniarie risultano accessibili soltanto agli ultra 65/70enni titolari di un sufficiente patrimonio immobiliare. Anche nella Confederazione, terza età e Pensionamento costituiscono un binomio fondamentale. Esigenze di sintesi costringono le Scienze demografiche di matrice Statistica ad escludere da Rapporti, Censimenti e Catalogazioni gli emigrati che, terminata la carriera professionale, tornano nei loro Paesi d' origine sia a fini di ricongiungimento familiare sia per poter massimizzare il potere d' acquisto della propria pensione elvetica L' Ordinamento federale elvetico prevede i cc.dd. << tre Pilastri >>. Il primo Pilastro è equipollente, secondo il gergo giuridico italiano, alla << pensione minima sociale >>. Esso viene alimentato dai contributi A.V.S.. Per calcolare le sovvenzioni dovute dopo il Lavoro, si computa la media dei redditi lucrati lavorando dai 20 ai 65 anni ( 64 per le donne ). Il montante complessivo minimo si aggira sui Franchi / 1 anno ( c.d. << soglia di sopravvivenza >> ). Se la coppia di ex lavoratori è sposata, si valuta la media dei redditi e la si fraziona per 2. Qualora l' ultra-65enne non raggiunga la cifra minima con il primo Pilastro, la Confederazione versa le << prestazioni complementari >> allo scopo d' impedire casi di povertà estrema. Tali rendite supplementari vengono attualmente fruite dal 19,4% dei pensionati maschi e dal 14,4% delle pensionate donne. Il secondo Pilastro, che si assomma al primo, costituisce una forma di previdenza sovraobbligatoria. Ne beneficia chi ha avuto un reddito lavorativo medio annuo compreso tra Franchi e Franchi. Le somme escutibili sono pari al 60% del mensile lavorativo medio prepensionistico Il terzo Pilastro concede di fruire, senza alcuna franchigia o imposizione fiscale aggiuntiva, dei risparmi personali vincolati in previsione della cessazione del Lavoro per raggiunti limiti anagrafici. Si suole parlare, in addenda ai primi tre, pure di un quarto Pilastro, per il quale è necessario il prolungamento della Professione dopo il Pensionamento. Anche in questo caso, più il reddito anteriore è elevato, maggiori sono le probabilità di esercitare a lungo un quarto Pilastro Per quanto la Svizzera abbia saputo e potuto far fronte alla crisi finanziaria dei primi Anni Duemila, il reddito medio dei nostri pensionati rimane tutt' altro che idilliaco. Infatti, il 9,5% dei pensionati elvetici vive al limite della povertà sociale. Inoltre, pur se esistono Nazioni ancor meno virtuose, gli ultra-65enni svizzeri subiscono una contrazione patrimoniale di circa il 40% in raffronto ai lavoratori attivi. Statistiche e Ricerche varie stimano che l' entità ( media ) dei risparmi di due coniugi pensionati si assesta sui Franchi. In ogni caso, raramente si superano i Franchi per coppia. MOSER ( 2006 ) fa notare che gli ex lavoratori più agiati risiedono in Canton Zurigo, ove, tra l' altro, è presente una cospicua comunità di italiani fruitori anch' essi del Sistema Pensionistico dei tre Pilastri. BAUER & STUTZ & SCHMUGGE ( 2007 ) reputano che, ogni anno, i decessi di pensionati mobilitano post mortem un flusso ereditario complessivo di 28 Miliardi di Franchi. Il tutto senza computare le pregresse donazioni tra vivi a beneficio di familiari più giovani ( STUTZ & STRUB 2006 ). Ognimmodo, tutti i Dottrinari sono concordi nell' asserire che il calo delle nascite recherà ben presto, anche in Svizzera, ad uno sbilanciamento dei tre Pilastri, con conseguenze assai simili all' attuale disavanzo dell' Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ( INPS ) in territorio italiano. A titolo di corollario e, peraltro, in sintonia con un recente Studio di MÜNZEL et al. ( 2004), chi redige reputa impagabile, sebbene raramente citata, l' infaticabile assistenza casalinga delle pensionate dai 64 ai 74 anni circa d' età. I lavori di igiene domestica, i piccoli prestiti pecuniari

6 e, soprattutto, l' amorevole custodia dei nipoti consentono ai membri più giovani della famiglia di risparmiare svariate somme di denaro. Il che conferma l' importanza dell' umile eppur basilare supporto nascostamente e quotidianamente fornito dai e ( soprattutto ) dalle parenti in età senile. La famiglia tradizionale mediterranea è dunque il primo e silente strumento di tutela Macroeconomica dello Stato 3. Profili giuridici 3.1 Diritto Penale Lo StGB non contiene alcuna disposizione specificamente finalizzata alla tutela della Parte Lesa in età senile. L' Art. 180 StGB 1, specialmente dopo la parziale novellazione del 18/06/2004, risulta inficiato dal' ipostatizzazione della convivenza more uxorio ( comma 2 lett. a) e a-bis), lemma << partner >> ). Il pansessualismo occidentale, inoltre, ha condotto il Legislatore a statuire gravi sanzioni nell' àmbito delle cc.dd. << unioni gay >> ( lett. b) comma 2 Art. 180 StGB 2 ). In buona sostanza, durante le Riforme del 2003 e del 2004, il nuovo concetto di vis compulsiva si polarizza su omosessuali e non meglio precisati << compagni/e >>, obliando, per tal via, che, in epoca contemporanea, il soggetto in età senile tende ad essere anch' egli vittima dello << spavento e timore >> originariamente descritti, nel 1942, dal comma 1 Art. 180 StGB 3. Ovverosia, nel nome della tutela delle unioni domestiche a-tipiche, si è voluta frettolosamente dimenticare la drammatica eppur quotidiana fragilità degli anziani oggetto di vessazioni da parte dei membri più giovani del nucleo parentale. Del pari, nello StGB elvetico, è assente qualsivoglia criminalizzazione della somministrazione dolosa di psicofarmaci quand' essa è preordinata ad indebolire le legittime reazioni difensive del vecchio ( semi - ) disabile. Anche l' Art. 181 StGB 4 ( Coazione ) patisce la lacunosa nonché grave dimenticanza dei frequenti abusi familiari agìti su componenti in età senile. Pare financo che, de jure condendo, il Consiglio Federale e, unitamente, i Cantoni abbiano obliato 1 Art. 180 StGB Minaccia Chiunque, usando grave minaccia, incute spavento o timore a una persona, è punito, a querela di parte, con una pena detentiva sino a tre anni o con una pena pecuniaria Il colpevole è perseguito d' ufficio se: 1. è il coniuge della vittima e la minaccia è stata commessa durante il matrimonio o nell' anno successivo al divorzio 2. è il partner registrato della vittima o l' ex partner registrato e la minaccia è stata commessa durante l' unione domestica registrata o nell' anno successivo al suo scioglimento 3. è il partner eterosessuale o omosessuale della vittima, a condizione che essi vivevano in comunione domestica per un tempo indeterminato e la minaccia sia stata commessa durante questo tempo o nell' anno successivo alla separazione 2 [ ] è il partner eterosessuale o omosessuale della vittima, a condizione che essi vivevano in comunione domestica per un tempo indeterminato e la minaccia sia stata commessa durante questo tempo o nell' anno successivo alla separazione 3 Art. 180 comma 1 StGB [ ] Chiunque, usando grave minaccia, incute spavento o timore a una persona, è punito, a querela di parte, con una pena detentiva o con una pena pecuniaria 4 Art. 181 StGB Coazione Chiunque, usando violenza o minaccia di grave danno contro una persona, o intralciando in altro modo la libertà d' agire di lei, la costringe a fare, omettere o tollerare un atto, è punito con una pena detentiva sino a tre anni o con una pena pecuniaria

7 che il fondamentale Art. 7 B.V. 5 estende la propria precettività ad ogni consorziato. Viceversa, specialmente per saziare le bizzarrie dell' elettorato, il nostro Legislatore offre una tutela pressoché maniacale ed ossessiva a beneficio di bambini, animali, donne e gay, senza però voler riconoscere la dignità altrettanto sacra recata dalla terza età. Trattasi di uno dei tanti segnali contemporanei della profonda crisi morale di un' Europa buonista alla ricerca di consensi politici avulsi dal contesto della vera Vita quotidiana e concreta. Pur rifuggendo da un' apologia esterofila, è doveroso riconoscere che, in Italia, l' Ordinamento Penale e, soprattutto, la Prassi Forense, tutela meglio l' anziano, nell' ottica di una sana difesa dei tradizionali valori familiari ( mirabile è, del resto, la solare chiarezza insita nell' Art. 31 Cost. it. 6 ). Del resto, un pur breve sguardo ai Quotidiani èditi nella vicina Italia dimostra l' invidiabile sensibilità verso problemi come la violenza privata ( anche ) contro l' anziano ( Art. 610 C.P. 7 ). Pure il sintetico Art. 612 C.P. 8, a differenza dell' omologo Art. 180 StGB, enunzia una ratio applicabile soprattutto in campo geriatrico. Dopodiché, eventuali estensioni normative sono, in Italia, lasciate allo stare decisis giurisprudenziale ed alla Dottrina. In terzo luogo l' Art. 613 C.P commi 1 e 2. 9 reca una struttura sintattica ed un equilibrio semantico idoneo alla protezione ( anche ) degli individui ultra-65enni. L' analisi codicistica testé esposta non mira a sterili polemiche. Né, tantomeno, chi redige intende offrire il miraggio di un' Italia vigorosamente mediterranea. Tuttavia, pare lecito ed anzi opportuno chiedersi, sotto il profilo sociologico e meta-giuridico, perché lo StGB elvetico e le Normative Complementari abbiano ormai posto in ombra il problema del maltrattamento all' anziano/a nel nome di un' avanguardistica divinizzazione dell' infanzia e dell' integrità sessuale pseudo-parafiliaca. Assai probabilmente, la nostra Confederazione mira, pur inconsciamente, a saziare certuni giustizialismi giornalistici e televisivi. Eppure, anche la Svizzera, dal punto di vista costituzionale, formalmente non esclude la vecchiaia dalla lunga catalogazione ex Art. 41 B.V Art. 7 B.V. Dignità umana La dignità umana della persona va rispettata e protetta 6 Art. 31 Cost. it. La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l' adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose Protegge la Maternità, l' infanzia e la gioventù, favorendo gli Istituti necessari a questo scopo 7 Art. 610 C.P. Violenza Privata Chiunque, con violenza o minaccia, costringe altri a fare, tollerare od omettere qualche cosa, è punito con la reclusione fino a quattro anni. La pena è aumentata se concorrono le condizioni prevedute dall' Art Art. 612 C.P. Minaccia Chiunque minaccia ad altri un ingiusto danno, è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a euro 51 Se la minaccia è grave, o è fatta in uno dei modi indicati nell' Articolo 339, la pena è della reclusione fino ad un anno e si precede d' ufficio 9 Art. 613 C.P. Comma 1 e 2 Stato di incapacità procurato mediante violenza Chiunque, mediante suggestione ipnotica o i veglia, o mediante somministrazione di sostanze alcooliche o stupefacenti, o con qualsiasi altro mezzo, pone una persona, senza il consenso di lei, in stato di incapacità d' intendere o di volere, è punito con la reclusione fino ad un anno Il consenso dato dalle persone indicate nell' ultimo capoverso dell' Articolo 579 non esclude la punibilità 10 Art. 41 B.V. Obiettivi sociali A complemento della responsabilità e del' iniziativa private, la Confederazione e i Cantoni si adoperano affinché a. ognuno sia partecipe della sicurezza sociale b. ognuno fruisca delle cure necessarie alla sua salute

8 L' anziano non dovrebbe ridursi, nemmeno sotto il riguardo giuridico, ad una sorta di scarto sociale, vittima delle sfrenatezze edonistiche consumate nelle discoteche dei Cantoni di confine. Il Diritto Penale italiano, all' opposto ha mantenuto un minimo di giuridificazione pratica dei << doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale >> ( Art. 2 Cost. it. ) 3.2 Dottrine criminologiche A differenza di quanto accadeva nella Giurisprudenza e nella Dottrina pre-bellica, oggi l' Autorità Giudiziaria, sotto l' insegnamento della Common Law, ha smaterializzato ogni concetto definitorio di << maltrattamento >> all' anziano/a. Pertanto, all' individuo in età senile è riconosciuto un diritto di protezione non soltanto della propria integrità fisica, ma anche del benessere psichico, affettivo, economico e persino sociale. Siffatta dilatazione precettiva, del resto, ha recato al complesso, eppur fondamentale, criterio del << danno biologico >>. Né, peraltro, si deve pensare ad una tutela ipertrofica nei confronti della vecchiaia; ovverosia, è necessario prendere atto dell' estrema fragilità indifesa connessa agli ultimi anni della vita umana. Del resto, anche senza l' ausilio della Psichiatria Forense, sono universalmente note le frustrazioni mentali e comportamentali cui è esposto l' anziano, specialmente quand' egli è ormai disabile e risiede in un Hospice, lontano dalle sue pregresse abitudini domestiche Gli Autori della Criminologia francofona ( LESSARD HEBERT ; MUCCHIELLI ; LE MOIGNE ; GERGEN ) utilizzano, sotto il profilo sintattico, lemmi tra di loro pressoché equipollenti: << maltraitance >>, << sévices >>, << abus >>, <<négligences >>. Sotto il profilo semantico, le principali Associazioni Geriatriche svizzere concordano nel definire il maltrattamento senile quale atto esplicito / implicito, attivo / omissivo, contro la dignità fisica / morale / sessuale / psichica / materiale / economica dell' anziano/a. Ogni epoca storica è tristemente segnata da violenze sui consociati in età senile. Inoltre, a prescindere dalle circostanze e dalle zone geografiche, l' aggressività sul vecchio, materiale od immateriale che sia, è, dal punto di vista psicodinamico, << un fenomeno circolare >> (ROULET 2002 ). Tale circolarità ( rectius: dualità ) indica ( LORENZ 1969 ) che il soggetto maltrattante vuole, senza dolo, << far capire >> alla vittima che essa deve ubbidire alle regole imposte da badanti, Infermieri o Medici. Tuttavia, nell' istante in cui l' anziano si ribella a dette regole, la vessazione viene reiterata ed anzi aggravata. Ciononostante ( PLOTON 1990 ), l' individuo che commette l' abuso non auto-percepisce l' illegalità della propria condotta aggressiva, la quale è anzi reputata come un mezzo estremo di comunicazione, atto a superare la ( presunta ) demenza senile della Parte Lesa. Pertanto, sarà poi compito di un terzo individuo estraneo ( p.e. uno Psicoterapeuta ) spezzare il circolo vizioso azione-reazione-azione instauratosi tra il paziente ed il prestatore delle cure geriatriche. c. la famiglia sia promossa e protetta quale comunità di adulti e di bambini d. le persone abili al lavoro possano provvedere al proprio sostentamento con un lavoro a condizioni adeguate e. ognuno possa trovare, per se stesso e per la sua famiglia, un abitazione adeguata a condizioni sopportabili f. i fanciulli, gli adolescenti nonché le persone in età lavorativa possano istruirsi e perfezionarsi secondo le loro capacità g. i fanciulli e gli adolescenti siano aiutati nel loro sviluppo, cosicché diventino persone indipendenti e socialmente responsabili, e sostenuti nella loro integrazione sociale, culturale e politica La Confederazione ed i Cantoni si adoperano affinché ognuno sia assicurato contro le conseguenze economiche della vecchiaia, della malattia, dell ' infortunio, della disoccupazione, della maternità, dell' orfanità e della vedovanza La Confederazione ed Cantoni perseguono gli obiettivi sociali nell' àmbito delle loro competenze costituzionali e dei mezzi disponibili Dagli obiettivi sociali non si possono desumere pretese volte ad ottenere direttamente prestazioni dallo Stato

9 Del resto, tanto negli Hospices quanto dentro le pareti domestiche, l' interpretazione del maltrattamento all' anziano è tutt' altro che semplice. Infatti, la Medicina Legale tende a proporre un' esegesi psico-sociale. Tale approccio mira a curare e a capire dove, perché e come la vessazione sia stata consumata. Viceversa, il Diritto si fonda su una ben più severa esegesi giuspenalistica, il cui fine è giudicare, sanzionare ed inibire ogni mancanza di rispetto contro la senescenza. In buona sostanza, la Medicina Geriatrica svolge una Mediazione nel conflitto. All' opposto, il Diritto Penale punisce il reo di maltrattamenti allo scopo di rieducarlo con mezzi ben più drastici in raffronto alla << alliance thérapeutique >> tra curante e curato ( ROULET, ibidem ) In estrema sintesi, la contemporanea Criminologia svizzera ( v. soprattutto l' Università degli Studi di Losanna ) suole dividersi in due opposte correnti di Pensiero. Alcuni Dottrinari ( p.e. HUGON & SEIBEL ) invitano il maltrattante e l' anziano maltrattato a conoscersi, comprendersi, dialogare e, per tal via, risolvere gli stress reciproci. Altri Autori, all' opposto, ( p.e. DUBOST ; BARBIER ) rigettano la predetta epistemologia intellettualoide del <<capirsi per convivere >>. Pertanto, a parere della seconda Scuola di Pensiero, l' unico freno ai maltrattamenti contro la vecchiaia consiste nella repressione giuridica avverso alle condotte violente di parenti più giovani, badanti, Infermieri o Medici Anche se risulta arduo parteggiare per il Metodo Psicosociale anziché per quello Normo- Repressivo, tuttavia i succitati Autori elvetico-francofoni recano tutti l' indiscutibile merito di aver adeguatamente approfondito e smaterializzato la nozione di << danno biologico >>. Ovvero, la Geriatria degli Anni Duemila dovrà sempre più confrontarsi con i maltrattamenti morali e psicologici nei confronti dell' anziano. Si pensi p.e. Al frequente abuso di benzodiazepine al fine di sedare le lamentele del paziente affetto da demenza. Oppure ancora, si ponga mente alla difficile questione dell' uso ( legittimo? ) della forza di fronte al rifiuto del cibo, dei farmaci o di atti d' igiene personale Ognimmodo, la Svizzera contemporanea, nei confronti degli anziani, ha senz' altro perso l' umanità amorevole delle nuore, dei figli e dei nipoti nati e cresciuti nella reverenza verso i propri ascendenti. D' altronde, i sempre più diffusi Hospices hanno conculcato, in tutta l' Europa, i valori giudaico-cristiani della solidarietà familiare inter-generazionale. Dottor Andrea Baiguera Altieri lic. jur. svizzero Cultore di Diritto Penitenziario svizzero e Criminologia comparata italo-elvetica

10 B I B L I O G R A F I A BALTES, Über die Zukunft des Alterns: Hoffnung mit Tauerflor, in BALTES & MONTADA (Hrsg.), Produktives Leben im Alter, Campus Verlag AG, Frankfurt, 1996 BALTHASAR & BIERI & GRAU & GUGGISBERG & KÜNZI, Der Übergang in den Ruhestand Wege, Einflussfaktoren und Konsequenzen, BSV Verlag ( Forschungsbericht Nr. 2/03 ), Bern, 2003 BARBIER, La Recherche-action, Ed. ECONOMIA, Paris, 1996 BAUER & STUTZ & SCHMUGGE, Erben in der Schweiz. Eine Familiensache mit volkswirtschaftlichen Folgen, Rüegger Verlag, Chur, 2007 BRUNNER, Wohnqualität und Wohnzufriedenheit sozialer Gruppen Eine Analyse zum Schweizerischen Haushaltspanel, interner Bericht, BWO Verlag, Grenchen, 2005 CAMENZIND & MEIER ( Hrsg. ), Gesundheitskosten und Geschlecht. Eine genderbezogene Datenanalyse für die Schweiz., Verlag Hans-Huber ( Obsan ), Bern, 2004 CRANACH ( von ) & WINKLER, Ältere Menschen im Unternehmen eine wichtige Ressource, in Fachhochschule Solothurn Nordwestschweiz ( Hrsg. ) WEKA Verlag, Solothurn, 2004 DUBOST, Une analyse comparative des pratiques dites de recherche-action,ed. Connexions, 1984 FUX et al., Pflegen, betreuen und bezahlen. Familien in späteren Lebensphasen, Eidgenössische Koordinationskommission für Familienfragen ( EKFF Verlag ), Bern, 2006 GERGEN, Le constructionnisme social. Une introduction, Ed. Delachaux et Niestlé, Paris 2001 GUILLEY, Das Leben in einem Heim, in: WANNER et al., Alter und Generationen Das Leben in der Schweiz ab 50 Jahren ( Analyse der Eidg. Volkszählung 2000 ), BFS Verlag, Neuenburg, 2005 HÖPFLINGER, Demografische Alterung, Langlebigkeit und Pflegebedürftigkeit, in: Soziale Sicherheit, CHSS Verlag, 5/2005, Bern, 2005 HÖPFLINGER & HUGENTOBLER, Pflegebedürftigkeit in der Schweiz. Prognosen und Szenarien für das 21.Jahrundert, Verlag Hans Huber ( Osan ), Bern, 2003 HÖPFLINGER & HUGENTOBLER, Les soins familiaux, ambulatoires et stationnaires des personnes agées en Suisse, observation et perspectives, Rev. Médecine & Hygiène, Genève, 2005

11 HÖPFLINGER & HUMMEL & HUGENTOBLER, Enkelkinder und ihre Grosseltern. Intergenerationelle Beziehungen im Wandel, Seismo Verlag, Zürich, 2006 HUGON & SEIBEL, Recherches impliquées, recherches action: Le cas de l' education, Ed. Boeck Université, 1988 KÜNZLER & KNÖPFEL, Arme sterben früher, Caritas Verlag, Luzern, 2002 LE MOIGNE, Le constructivisme. 2. Des épistémologies, Ed. ESF, Paris, 1995 LESSARD HEBERT, Recherce qualitative: fondements et pratique, Ed. Agence d' Arc., Montréal, 1990 LORENZ,L' agression. Hisoire naturelle du mal, Ed. Flammarion, Paris, 1969 MOSER, Einkommen und Vermögen der Generationen im Lebenszyklus. Eine Querschnitts -Kohortenanalyse der Zürcher Steuerdaten , statik.info 1/06, Statisches Amt des Kantons Zürich MUCCHIELLI, Dictinnaire des méthodes qualitatives en sciences humaines et sociales, Ed. Colin, Paris, 1996 MÜNZEL et al., Bericht zur Freiwilligenarbeit in der Schweiz. BFS Verlag ( Sozialberichterstattung Schweiz ), Neuenburg, 2004 NAGEL DETTLING, Case Management in der Geriatrie die Suche nach dem Königsweg, in: Managed Care 2006/5 PECORARO & WANNER, La situation économique des Neuchatelois agés de 60 à 70 ans, BSV Verlag ( Forschungsbericht 14/05 ), Bern, 2005 PLOTON, La personne agées. Son accompagnement médical et psycologique et la question de la démence, Ed. Chronique sociale, Lyon, 1990 PREY et al., Zur Situation des Personals in der schweizerischen Langzeitpflege, Rüegg Verlag, Zürich / Chur, 2004 ROULET, Comprendre la maltraitance des personnes agées pour mieux la Prévenir. En: Actualité psycologiques, Cahiers de l' Institut de Psycologie, Ed. de l' Université de Lausanne, Lausanne, 2002 SCHELBERT, Arbeit für Ältere Was richtet der Markt, was soll der Staat? Reflexionen über zwei Studien von Avenir Suisse und der Zürcher Kantonalbank, Zürich, 2006 SCHÖN BÜHLMANN, Unbezahlte Pflegeleistungen von Privatpersonen und -haushalten, in: Soziale Sicherheit CHSS 5/2005,Bern, 2005 SCHREINER, Aktionsräume älterer Menschen in der Freizeit. Räumliche, soziale und biografische Bezüge, in: RaumPlanung 114/115 STUTZ & STRUB, Leistungen der Familien in späteren Lebenphase, in FUX et al., ( ut supra )

12 WANNER et al., Alter und Generationen Das Leben in der Schweiz ab 50 Jahren ( Analyse der Eidg. Volkszählung 2000 ), BFS Verlag, Neuenburg, 2005 WETTSTEIN et al., Belastung und Wohlbefinden bei Angehörigen von Menschen mit Demenz. Eine Interventionsstudie, Rüegger Verlag, Zürich / Chur, 2004 WYSS, Themenmonitoring << Gesundheit in der zweiten Lebenshälfte >>, Obsan Verlag, Bern, 2005

La terza età nella criminologia e nel diritto svizzero di Baiguera Altieri Andrea. Diritto.it

La terza età nella criminologia e nel diritto svizzero di Baiguera Altieri Andrea. Diritto.it La terza età nella criminologia e nel diritto svizzero di Baiguera Altieri Andrea Diritto.it Aspetti normativi delle patologie senili nel Diritto federale svizzero La Legge federale sull assicurazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

Pari opportunità delle persone con disabilità

Pari opportunità delle persone con disabilità 20 Situazione economica e sociale della popolazione 1230-1100 Pari opportunità delle persone con Principali risultati Neuchâtel, 2011 Pari opportunità delle persone con Dal 1999, il principio dell uguaglianza

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

Ingresso e soggiorno in Europa

Ingresso e soggiorno in Europa Ingresso e soggiorno in Europa CH-4501 Soletta Dornacherstrasse 28A Casella postale 246 Telefono 032 346 18 18 Telefax 032 346 18 02 info@ch-go.ch www.ch-go.ch Indice Introduzione... 3 1. Entrata in Europa...

Dettagli

1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale

1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale 1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale La previdenza statale, nell ambito dell AVS/ AI, garantisce il minimo di sussistenza a tutta la popolazione. 1. Contesto In Svizzera la previdenza

Dettagli

3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS

3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS 3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, di uno o di entrambi i genitori,

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI Chi commette violenza, sta commettendo un reato! Spesso si minimizza la gravità di un atto violento ma, per la legge, ogni atto violento va sanzionato e punito. In Italia,

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro

Associazione Nazionale delle Agenzie per il Lavoro www.bollettinoadapt.it, 11 gennaio 2013 Interpelli in sintesi: lavoratori svantaggiati, fondi di solidarietà bilaterale, successione somministrazione e contratto a termine, contributo addizionale Inps

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

Entusiasmo? «Guardo al futuro con tranquillità.» Buone prospettive con la Previdenza privata. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco.

Entusiasmo? «Guardo al futuro con tranquillità.» Buone prospettive con la Previdenza privata. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. Entusiasmo? «Guardo al futuro con tranquillità.» Buone prospettive con la Previdenza privata. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. La Sua Assicurazione svizzera. 1/7 Helvetia PV-Prospetto

Dettagli

3.03 Stato al 1 gennaio 2011

3.03 Stato al 1 gennaio 2011 3.03 Stato al 1 gennaio 2011 Rendite per superstiti dell AVS Rendite per superstiti 1 Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, del padre o della madre, i superstiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI Il Parlamento ha approvato la legge che istituisce l unione civile tra persone dello stesso sesso e disciplina le convivenze di fatto. Per quanto

Dettagli

3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS

3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS 3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS Stato al 1 gennaio 2016 In breve Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, di uno o di entrambi i genitori,

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp 393 8992913

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro.

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro. Azimut Previdenza A ciascuno il suo futuro. con Azimut PrevidenzA il futuro tiene sempre il tuo stesso PAsso. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40/26120 del 25/07/2013 Agli indirizzi in allegato OGGETTO: Applicazione delle agevolazioni contributive e assicurative riconoscibili

Dettagli

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo.

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. SOMMARIO INTRODUZIONE 1. 2. Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. La recente legge di riforma delle adozioni: luci ed ombre. p. 11 18

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015

Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 Allegato A Criteri di accesso e modalità di valutazione anno 2015 1. Premessa Con la D.g.r. 2513 del 17/10/2014 si è data una prima attuazione alla legge regionale n. 18 del 24 giugno 2014 Norme a tutela

Dettagli

Pronti per il futuro. In ogni fase della vita. La previdenza ideale. Per voi che vivete in famiglia, in coppia o da single.

Pronti per il futuro. In ogni fase della vita. La previdenza ideale. Per voi che vivete in famiglia, in coppia o da single. Pronti per il futuro. In ogni fase della vita. La previdenza ideale. Per voi che vivete in famiglia, in coppia o da single. La vostra famiglia ha un futuro. La nostra società è cambiata, e con essa anche

Dettagli

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia

Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso. Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia Criteri di segnalazione nel casi di maltrattamento e abuso Dott. G.B. Camerini Università di Modena e Reggio Emilia ALCUNI ELEMENTI GIURIDICI La segnalazione: chi la effettua La segnalazione all Autorità

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

Venezia Venerdì 20 Novembre

Venezia Venerdì 20 Novembre Venezia Venerdì 20 Novembre LA PREVIDENZA PER IL MEDICO E L ODONTOIATRA: MIRAGGIO O REALTA Sala convegni dell OMCeO Venezia, Via Mestrina 86 - Mestre . Compito dell ordine professionale E anche stimolare

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Malattia incurabile: domande incalzanti

Malattia incurabile: domande incalzanti Malattia incurabile: domande incalzanti Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande, la maggior parte delle quali emotivamente

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola Lo Stato assiste i pazienti oncologici attraverso il riconoscimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BONGIORNO, CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5579 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BONGIORNO, CARFAGNA Modifiche agli articoli 576 e 577 del codice penale, in materia di circostanze

Dettagli

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO.

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. CON AZIMUT PREVIDENZA IL FUTURO TIENE SEMPRE IL TUO STESSO PASSO. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

REGIONE LAZIO. Comune di Campodimele. L.R. n.6/2004 AGGIORNAMENTO 2011. a cura dell Ufficio di Piano

REGIONE LAZIO. Comune di Campodimele. L.R. n.6/2004 AGGIORNAMENTO 2011. a cura dell Ufficio di Piano REGIONE LAZIO Fondi Terracina San Felice Circeo Sperlonga Lenola Monte San Biagio Campodimele Azienda Sanitaria Locale Latina XXII Comunità Montana Ente Capofila Comune di FONDI Comune di Campodimele PIANO

Dettagli

Nutzung von Vorsorgegeldern zur Finanzierung von selbstgenutztem Wohneigentum

Nutzung von Vorsorgegeldern zur Finanzierung von selbstgenutztem Wohneigentum Nutzung von Vorsorgegeldern zur Finanzierung von selbstgenutztem Wohneigentum Eine deskriptive Analyse Prof. Dr. Yvonne Seiler Zimmermann printed in switzerland Gedruckt in der Schweiz stampato in Svizzera

Dettagli

Al Direttore Generale Università di Siena SEDE

Al Direttore Generale Università di Siena SEDE Ufficio gestione risorse umane, relazioni sindacali e procedimenti disciplinari Domanda di ammissione ai permessi art. 33 L. 104/92 (per: - dipendenti portatori di handicap - genitori di figlio portatore

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Quando si parla di previdenza del lavoro autonomo il riferimento normativo ancor oggi

Dettagli

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia Sommario XI Premessa alla nuova edizione Capitolo 1 Solidarietà familiare e sicurezza sociale nell assistenza alla famiglia 1 1. L assistenza (nella e) alla famiglia nel diritto delle persone fisiche 6

Dettagli

Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale

Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale Guida a cura di Marilena Mellone e Roberto Scipioni - Inca Nazionale Ultimo aggiornamento gennaio 2016 I diritti del malato oncologico Tutela previdenziale, assistenziale e sociale La cura e l assistenza

Dettagli

Fiscal Flash N. 308. Il nuovo Isee. La notizia in breve 04.12.2013. Premessa. Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali

Fiscal Flash N. 308. Il nuovo Isee. La notizia in breve 04.12.2013. Premessa. Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali Fiscal Flash La notizia in breve N. 308 04.12.2013 Il nuovo Isee Categoria: Previdenza e lavoro Sottocategoria: Prestazioni sociali Nel Consiglio dei Ministri di ieri 3 dicembre il governo ha approvato

Dettagli

Nuove tipologie di investimento per la previdenza

Nuove tipologie di investimento per la previdenza Nuove tipologie di investimento per la previdenza IL GRUPPO BALOISE Solidità dal 1863 (150 anni) Alto tasso di solvibilità al 277% Capitale proprio di 4,1 Mrd. CHF Rating: A- (S&P) Una delle maggiori compagnie

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli

Luigi Pelliccia PENSIONI E PREVIDENZA 2011

Luigi Pelliccia PENSIONI E PREVIDENZA 2011 Luigi Pelliccia PENSIONI E PREVIDENZA 2011 Luigi Pelliccia Pensioni e previdenza 2011 SINTESI Le pensioni rappresentano una materia apparentemente complessa, ma nella realtà affascinante perché consente

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 PRIMA BOZZA DI OSSERVAZIONI ANCI PIEMONTE SULLA BOZZA DI LEGGE DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA DI PROTEZIONE SOCIALE E CURA DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI (TESTO DEL 6.11.2007)

Dettagli

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento

Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento 27 Parere n. 5 Determinazione dell assegno di mantenimento di Anna Liconti Traccia Tizia si rivolge al suo legale di fiducia manifestando l intenzione di volersi separare dal marito Caio per sopravvenute

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 70 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI NEL CAMPO DEI SERVIZI SOCIALI Premessa

Dettagli

Guida all assicurazione sociale per i dipendenti. Edizione 2015

Guida all assicurazione sociale per i dipendenti. Edizione 2015 Guida all assicurazione sociale per i dipendenti Edizione 2015 Indice Introduzione...3 Cambiamento di impiego...4 Disoccupazione...6 Congedo non pagato, perfezionamento professionale, soggiorni linguistici,

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n.

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. Marca da da bollo bollo 14,62 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. CHIEDE l assegnazione di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica adeguato al proprio

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015

Maternità e paternità. Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 Decreto legislativo n. 80 del 15/06/2015 aggiornato al 22 luglio 2015 (G.U. n. 144 del 24/06/2015) Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell art. 1 comma

Dettagli

A002264 FONDAZIONE INSIEME

A002264 FONDAZIONE INSIEME A002264, 1 A002264 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da ILSOLE24ORE, del 17/1/2012, pag 9 di Carmelo Padalino, giornalista. (perché correlati a questo argomento generale,

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 684 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI Riconoscimento giuridico di diritti, responsabilità e facoltà

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5668 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MONTAGNOLI Modifiche agli articoli 624, 624-bis e 625 del codice penale, concernenti le pene

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

2 1 0 2 E L IA C O S O T N E M A L O G E R REGOLAMENTO SOCIALE

2 1 0 2 E L IA C O S O T N E M A L O G E R REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO SOCIALE 2012 REGOLAMENTO SOCIALE valido a partire dal 1 o gennaio 2012 S U I S A Regolamento sociale 3 Indice 1 Scopo 5 2 Finanziamento della fondazione 5 3 Prestazioni della fondazione 5

Dettagli

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori

Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori Art. 1 Norme in materia di maltrattamenti, violenza sessuale e atti persecutori 1. All articolo 572, secondo comma, del codice penale, dopo la parola: danno le parole di persona minore degli anni quattordici

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Interventi normativi in Europa in materia di unioni omosessuali. G. Gambino

Interventi normativi in Europa in materia di unioni omosessuali. G. Gambino Interventi normativi in Europa in materia di unioni omosessuali G. Gambino Consiglio d Europa Diritto al rispetto della vita privata e familiare (art. 8 CEDU, 1950): tutela antidiscriminatoria dell orientamento

Dettagli

Assicurazioni sociali e lavoro a tempo parziale. assegni famiglia.

Assicurazioni sociali e lavoro a tempo parziale. assegni famiglia. Assicurazioni sociali e lavoro a tempo parziale importanti per tutti coloro che lavorano a tempo parziale e allevano figli o assistono familiari. sull AVS, l AI, la previdenza professionale, nonché sull

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

La vostra vita può cambiare ogni giorno.

La vostra vita può cambiare ogni giorno. La vostra vita può cambiare ogni giorno. Quindi siate pronti ad affrontare anche gli imprevisti. Un offerta esclusiva per gli assicurati della CP FFS! L assicurazione di rischio di Zurich per un futuro

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

COMUNE DI ROVIANO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA SPESA PER IL RICOVERO IN RSA DI PERSONE INDIGENTI

COMUNE DI ROVIANO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA SPESA PER IL RICOVERO IN RSA DI PERSONE INDIGENTI REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE DEL COMUNE ALLA SPESA PER IL RICOVERO IN RSA DI PERSONE INDIGENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 08/04/2014 Articolo 1 Campo di intervento

Dettagli

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI PROTOCOLLO D INTESA Fra i seguenti soggetti: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SPINEA : Responsabile Settore Servizi Ai Cittadini

Dettagli

I.N.P.S. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

I.N.P.S. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale I.N.P.S. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Polo del welfare Unico interlocutore per i servizi di previdenza e assistenza dopo l integrazione di attività e funzioni dell Inpdap e dell Enpals MEDIATO

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA E BENEFICI DELLA LEGGE 104 QUESITO (posto in data 26 marzo 2014) Sono un dirigente medico di sessanta anni, con trentacinque anni di anzianità. In seguito a gravi patologie mi è stata

Dettagli

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA Gruppo Te.M.A. Territoriale Multidimensionale Abuso Il termine Abuso all Infanzia indica ogni forma di violenza fisica e psicologica ai danni

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO In ambienti di lavoro che occupano più di 15 dipendenti, i datori di lavoro sono obbligati ad assumere un numero di dipendenti appartenenti alle categorie protette in base al

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati.

1) T. U. sulla maternità e paternità: permessi ex lege 104/92 e congedo straordinario per figli handicappati. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI A SOSTEGNO DEL REDDITO Roma, 10 luglio 2001 Circolare n. 138 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DELL ENTE BREVE SINTESI DELLE MAGGIORI NOVITÀ INTRODOTTE

NUOVO REGOLAMENTO DELL ENTE BREVE SINTESI DELLE MAGGIORI NOVITÀ INTRODOTTE E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via del Tritone, 169-00187 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 NUOVO

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

La vostra consulenza personale. Il futuro comincia qui.

La vostra consulenza personale. Il futuro comincia qui. La vostra consulenza personale Il futuro comincia qui. Qualunque sia la fase della vita in cui vi trovate, noi vi diamo sicurezza finanziaria. La vostra consulenza personale 3 La vostra consulenza personale

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli