IPSEMA, DIECI ANNI RIVOLTI AL FUTURO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IPSEMA, DIECI ANNI RIVOLTI AL FUTURO"

Transcript

1

2 IPSEMA, DIECI ANNI RIVOLTI AL FUTURO Antonio Parlato Son passati dieci anni dalla costituzione dell Istituto. E non sono passati invano. Iniziò l attuazione del viatico legislativo che fondeva le tre Casse Marittime (quella Adriatica, quella Tirrenica e quella Meridionale) il primo presidente, Rocco Familiari. Familiari si trovò dinanzi alla difficile e impegnativa impresa di coagulare in un insieme coeso d identità, risorse professionali ed economiche, disparate esperienze e procedure ed utenze diverse. E ci riuscì. Tanto da poter consegnare a Gian Maria Fara, che gli successe nella presidenza dell IPSEMA, un Ente che poggiava in sintonia con la tripartita sua articolazione originaria su un unico basamento. Fara consolidò questo insieme complesso e dette il via ad un processo di stabilizzazione anche economica e finanziaria dell Istituto, compiendo scelte fondamentali tra le quali meritano particolare evidenza, per la loro ulteriore attualità, quelle che riguardarono l assetto comunicazionale dell Istituto con la fondazione anche di questo stesso bimestrale e l istituzione di una Direzione che si occupasse specificamente della Prevenzione. A chi scrive è stato più facile partire da queste basi per dar luogo al rilancio dell Istituto, anche nel quadro della candidatura dell IPSEMA a divenire l Istituto assicurativo degli infortuni e delle malattie professionali non solo della "gente di mare" ma dell intero comparto dei Trasporti. Come annunciato a suo tempo dal precedente CIV retto dal presidente Franco Paganini e confermato dall attuale Consiglio di Indirizzo e Vigilanza, presieduto da Giancarlo Fontanelli, nell ambito delle linee strategiche dettate per il quadriennio in corso. Linee, devo sottolinearlo, che hanno portato, insieme alle "priorità" fissate, ad un progetto pienamente condiviso dagli Organi di Gestione e dal direttore generale Maria Clotilde Calamita, che hanno avuto la possibilità di esprimersi liberamente e pienamente in ordine ai loro contenuti durante la fase di elaborazione, vedendo raccolti e poi accolti gli elementi che avevano formato oggetto della loro riflessione, pur nella autonomia dei rispettivi ruoli. Sul piano meramente "interno", l IPSEMA ha istituito la Consulta della Presidenza costituita da 20 tra docenti universitari, dirigenti statali e professionisti esperti che formuleranno per due anni, a titolo meramente gratuito, pareri agli Organi e che già sta dando luogo al riesame dell Ordinamento dei Servizi che dovrà contenere gli aspetti emergenti del processo produttivo e della "nuova missione" e ha dato il via a talune innovazioni fondamentali che riguardano il personale: introduzione della comunicazione interna per i collaboratori dell IPSEMA; ottenimento di agevolazioni di viaggio da parte degli armatori; politiche di adeguamento (sulle quali occorre ancora lavorare, nei limiti di bilancio) dei benefici assistenziali loro destinati (mutui ipotecari, prestiti al personale ed altro); primi indirizzi rivolti al migliore benessere organizzativo, comprendenti nuovi spazi logistici nell ampliata sede centrale e più

3 funzionali e soddisfacenti condizioni lavorative dappertutto. Infine, la costituzione e istituzione del Comitato Pari Opportunità che ha presentato proprio in questi giorni alla Direzione Generale, per poi inviarle al Ministro del Lavoro anche per ottenere un eventuale finanziamento, due proposte: una riguardante un volontario e riservato screening dei collaboratori di entrambi i sessi d intesa con l Istituto Nazionale dei Tumori; l altra riguardante una ricerca, nell ottica della prevenzione e della soddisfazione dell utenza, sulla condizione delle "Donne-marinaio". Il primo "bilancio sociale" dell IPSEMA terrà conto poi anche degli aspetti, rilevati al 2003, riguardanti i lavoratori dell Istituto. In questo quadro dei sostegni al personale vanno anche inserite le iniziative assunte per dar luogo alle "sponsorizzazioni" delle attività dell Istituto il cui ricavo è destinato per la metà ad alimentare il Fondo per le retribuzioni accessorie. Ancora sul piano interno, l Istituto sta dando luogo alla costituzione della sua Biblioteca e ad un Centro di Documentazione di cui era privo, mentre, dopo la sperimentazione, è in partenza il teleforum, la dotazione informatica dei servizi dell Avvocatura Centrale, che è in fase di riassetto e di rilancio e che dovrà permettere un adeguato monitoraggio del contenzioso e la trasmissione d indirizzi di difesa ai legali interni ed esterni. In questa stessa prospettiva, l Istituto ha dato luogo ad un convegno della sua Avvocatura centrato sul tema dell amianto e si appresta a realizzarne un altro sulla ipoacusia. Allo stesso tempo, proprio nella direzione della soddisfazione dell utenza, l Istituto va predisponendo, sulla base dei primi contatti avuti con l Istituto italiano di medicina sociale, un esame delle condizioni delle famiglie dei marittimi lontani da casa per mesi e mesi e sta definendo le linee di un altra imminente iniziativa comunicazionale diretta alla "gente di mare" coperta dall IPSEMA (e che si vorrebbe allargare anche ai marittimi extracomunitari presenti a bordo ma non assicurati con l Istituto) per svolgere le funzioni informative in materia di diffusione dei diritti e dei doveri dei componenti l equipaggio, specie sotto il profilo della prevenzione dei sinistri e delle malattie professionali. Sul rilevante tema della prevenzione, che vedrà l Istituto dotato alla fine di quest anno delle nuove codifiche europee ESAW che censiscono otto variabili nel prodursi degli infortuni, l IPSEMA ha avviato un lungo, complesso percorso di incontri e di contatti (tra gli altri, con il Ministero della Difesa, la Lega Navale, l Ucina, l Assonave, l Insean, le Capitanerie di Porto, l O.I.L.) per poter svolgere appieno le funzioni assegnatele con il D.L.vo 271 grazie all immenso patrimonio dei dati di cui dispone e che possono consentire all Istituto di offrire, previa approfondita analisi, elementi conoscitivi utili per l innovazione in materia di architettura navale finalizzata alla maggiore sicurezza o in termini di diversa organizzazione del lavoro. In proposito, l Istituto ha già presentato due istanze al Ministero del Lavoro per altrettante ricerche: una sul rapporto tra infortuni ed età anagrafica dei marittimi e l altra sulle diverse casistiche degli infortuni per cadute di vario tipo che rappresentano, a fronte della instabilità insita nella nave, una quota rilevante dei sinistri. 2

4 Si iscrive nella direzione dell incremento delle attività di prevenzione e in quella della ottimale erogazione delle prestazioni, anche il protocollo d intesa sottoscritto molto di recente dall Istituto con il Comando Generale delle Capitanerie di Porto, finalizzato ad un approfondimento delle procedure e ad un reciproco, collaborativo sostegno alle rispettive attività istituzionali. Ma già qualche mese fa era stato concordato che le conclusioni delle inchieste svolte dalle Capitanerie pervenissero anche alla Sede Centrale dell Istituto: i documenti che stanno giungendo, opportunamente analizzati, stanno avendo positive ricadute che investono sia il riscontro di legittimità delle erogazioni riguardanti gli infortuni verificatisi nel corso di sinistri marittimi sia l avvio, al riguardo, di eventuali azioni di rivalsa e la realizzazione di politiche di prevenzione. Una documentazione, questa, funzionale allo scopo di costruire nel prossimo anno un Osservatorio dei sinistri e degli infortuni marittimi del quale si stanno ponendo le basi e che dovrà intrecciarsi con le attività di altri centri di studio e analisi delle emergenze-mare. Ancora in tema di prevenzione vanno sottolineate le ipotesi di iniziative in avanzata fase di studio, da avviare quest anno, per il 2004, Anno del Cuore, d intesa con il Cirm, Confitarma e il Ministero della Salute, per prevenire le malattie cardiovascolari che colpiscono i marittimi. Le attività di comunicazione dell Istituto hanno assunto ulteriore rilievo, come dimostrato dal significativo incremento, quantomeno triplicata rispetto al 2003, della presenza sulla stampa, dalla sua partecipazione al Forum della P.A. e dai numerosi convegni cui ha preso parte, tra i quali quelli di Confitarma, dell Università di Foggia, della Società italiana di Medicina del lavoro, del Salone nautico di Genova, della Conferenza nazionale sull amianto, del Propeller, dell Atacan e del Workcongress. L IPSEMA, inoltre, sta per dare il via al suo rinnovato sito web, nel quadro di una sua modernizzazione che ricomprenda sia le sue missioni istituzionali sia l intero mondo del mare, sviluppando l interesse e l accessibilità al sito; è presente una volta la settimana su Radioazzurra con una rubrica intitolata Gente di Mare nella quale intervengono i componenti del CdA, quelli del CIV e la Dirigenza dell IPSEMA e si stanno predisponendo le condizioni per l accesso alle reti radiofoniche e televisive pubbliche. Infine, grande impulso è stato dato alle politiche di CSR, quelle cioè della Responsabilità Sociale d Impresa, sia nei confronti del personale sia dell utenza servita e della comunità esterna. Testimoni di questo nuovo profilo sono l imminente pubblicazione del suo primo "bilancio sociale", secondo solo - tra gli enti previdenziali- a quello dell INAIL, una delibera riguardante l abbattimento delle barriere architettoniche nelle sedi dell Istituto, l adozione di misure di tipo sociale e ambientale, l adesione al Global Compact Italia, e un protocollo d intesa, in avanzata fase di elaborazione, con la Federazione del mare alla quale l IPSEMA aderisce insieme a tutte le altre componenti del cluster marittimo italiano. Scopo del protocollo è quello di dare ulteriore corpo a iniziative in difesa del mare, dopo un primo lavoro di ricerca condotto dal RINA per conto della Federazione e al quale 3

5 l Istituto ha partecipato, censendo le iniziative proattive in materia ambientale realizzate o in programma da parte del componenti del cluster. Inoltre, in estrema sintesi, l IPSEMA, si è proposta quale patrocinante morale del restauro e della riapertura dell antichissima chiesa napoletana di S.Maria di Portosalvo, innalzata nel 1551 da armatori e marinai, intrecciando raccordi istituzionali con la Curia, il Comune di Napoli, l Autorità Portuale e la Soprintendenza. Questo, nel 2004, nell anno del decimo anniversario della sua istituzione, è stato il lavoro compiuto, d intesa con il CIV, dalla gestione commissariale e, normalizzati gli organi, dal Consiglio di Amministrazione. Non spetta a chi scrive esprimersi sulla quantità e la qualità delle azioni svolte. Ma certamente gli è consentito affermare che esse sono state assunte nella consapevolezza e nella responsabilità di quanti - dalla Presidenza al Consiglio di Amministrazione, dal Consiglio di Indirizzo e Vigilanza sino alla Dirigenza e a tutti i collaboratori dell Istituto- sono impegnati nel dare ulteriore futuro all IPSEMA, facendolo navigare a vele spiegate e in mare aperto. 4

6 PESCA MARITTIMA, UN REBUS DA SCIOGLIERE Paolo Fantini La riforma della pesca ha rappresentato un grande passo in avanti per la qualità dello sviluppo di questo settore ma non ha ancora risolto tutti i problemi: dai conflitti di competenze alla ripartizione delle risorse. Dopo oltre vent'anni dalla legge n. 41 del 1982, l ultima ad occuparsi in maniera organica del settore, la pesca ha finalmente una nuova normativa. L ordinamento precedente era unanimemente considerato ormai inadeguato a rispondere sia alle esigenze che nel corso del tempo erano andate via via maturando sia ai problemi che lo sviluppo tecnico, la maggiore attenzione all ambiente, la nuova politica comunitaria e il mutato assetto istituzionale hanno cominciato a porre con sempre maggiore insistenza. La nuova normativa, approvata dal consiglio dei ministri nelle scorse settimane, è ora affidata a due decreti legislativi di riforma concernenti, fra l altro, la razionalizzazione dell'attività di pesca marittima e del sistema dei relativi controlli, nonché la modernizzazione del settore della pesca e dell'acquacoltura. Un rinnovamento radicale che si basa soprattutto sulla semplificazione nello svolgimento dell attività. Abbiamo voluto tener conto proprio della principale istanza dei lavoratori di categoria fornendo strumenti in funzione delle loro reali esigenze ha sottolineato il ministro delle Politiche agricole e forestali, Gianni Alemanno - La nuova normativa, eliminando molti comitati e sottocomitati pletorici, riconosce il ruolo delle imprese, dei sindacati dei lavoratori e della cooperazione, a cui viene anche assegnato un fondamentale ruolo di sussidiarietà a sostegno dell'azione della Pubblica Amministrazione commisurata alla loro effettiva rappresentanza. Va però anche detto che non tutte le aspettative dei soggetti interessati sono state esaudite. Questo ha già portato in poco tempo alla nascita di una discussione sull opportunità di mettere mano ad un restyling delle nuove norme, tanto più che c è ancora da attivare il confronto per la messa a punto dei decreti attuativi. Un confronto che, visti i precedenti, potrà certamente contare sulla massima collaborazione da parte di tutti ma anche sulla determinazione di ognuno di non cedere nella difesa dei propri interessi. La discussione che si aprirà, inoltre, non potrà prescindere dalle polemiche che hanno accompagnato la definizione del Piano nazionale per la pesca 2004, specie in relazione alla distribuzione delle risorse fra Stato e Regioni, e che sicuramente faranno da contorno anche alla messa a punto dell attesissimo Piano triennale Vediamo in sintesi gli aspetti principali della nuova legislazione. Il d.lgs. n. 153/2004 indica tra le sue finalità e obiettivi la razionalizzazione della disciplina e del sistema dei controlli sulla pesca marittima svolta dagli imprenditori ittici, dai pescatori e dagli altri soggetti per i quali è responsabile, direttamente e unitariamente, lo Stato italiano secondo le pertinenti norme comunitarie ed internazionali. La razionalizzazione del

7 sistema pesca è ispirata, altresì, ai principi di sviluppo sostenibile e di pesca responsabile al fine di coniugare le attività economiche di settore con la tutela degli eco-sistemi. Viene considerata pesca marittima l'attività diretta alla cattura o alla raccolta di organismi acquatici in mare per finalità professionali o sportive e quanti intendono esercitarla professionalmente devono conseguire l'iscrizione all apposito registro dei pescatori marittimi istituito presso le Capitanerie di porto. Sono tenuti all'obbligo dell iscrizione nel registro delle imprese di pesca, anch esso istituito presso ogni Capitaneria di porto, gli imprenditori ittici che esercitano la pesca marittima e viene specificato che l'armatore è solidalmente e civilmente responsabile con il comandante della nave da pesca per le sanzioni amministrative pecuniarie inflitte ai propri ausiliari e dipendenti per illeciti commessi nell'esercizio della pesca marittima. L'iscrizione non è invece richiesta per coloro che esercitano la pesca scientifica e appartengono a organizzazioni o istituti di ricerca riconosciuti o espressamente autorizzati dal ministero delle Politiche agricole e forestali. E inoltre disposto che le navi e i galleggianti abilitati alla navigazione, ai sensi dell'articolo 149 del codice della navigazione, per l'esercizio della pesca professionale devono essere muniti di licenza di pesca e per esse, previa richiesta dell'armatore, l'autorità marittima periferica, delegata dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, può autorizzare che il personale di bordo sia composto anche da cittadini extracomunitari, tranne che per la qualifica di comandante. Infine, fermo restando il divieto comunitario di sbarco, trasporto, trasbordo e commercializzazione di esemplari di specie ittiche al di sotto della taglia minima prevista dai regolamenti comunitari, non è sanzionabile la cattura accidentale o accessoria di tali esemplari, realizzata con attrezzi conformi alle norme comunitarie e autorizzati dalla licenza di pesca. Viene invece sanzionata con la sospensione dell'esercizio commerciale da cinque a dieci giorni la commercializzazione di questi prodotti. Al riguardo, viene anche disposto che l'attività amministrativa legata alla vigilanza e controllo sulla pesca marittima è esercitata dal ministero delle Politiche agricole e forestali, che si avvale per questo scopo del Corpo delle Capitanerie di Porto, e dalle regioni, province e comuni. Ulteriori specifiche sono contenute nel secondo provvedimento, il d.lgs. n.154/2004, riferito principalmente alla modernizzazione del sistema pesca, comprendente l'acquacoltura, in cui l'integrazione tra le misure di tutela delle risorse acquatiche e dell'ambiente e la salvaguardia delle attività economiche e sociali, deve essere basata su criteri di sostenibilità. Per la determinazione degli obiettivi e delle linee generali della politica nazionale della pesca e dell'acquacoltura, nonché per la concertazione permanente, viene istituito il Tavolo azzurro, coordinato dal Ministro delle Politiche agricole e forestali o dal Sottosegretario di Stato delegato, è composto dagli assessori alla pesca e all'acquacoltura delle regioni e delle province autonome, dai presidenti di ciascuna associazione nazionale delle cooperative della pesca, delle imprese di pesca, delle imprese di acquacoltura, dai segretari generali di ciascuna organizzazione sindacale maggiormente rappresentativa a livello nazionale, da un rappresentante del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio. Resta di

8 competenza della Commissione consultiva centrale per la pesca e l'acquacoltura la consulenza sui decreti finalizzati alla tutela e gestione delle risorse ittiche. Il provvedimento definisce poi con particolare precisione gli obiettivi, gli interessi e gli interventi pubblici di carattere generale da perseguire attraverso il Programma nazionale: perseguire la durabilità delle risorse ittiche per le generazioni presenti e future e tutela della biodiversità; perseguire lo sviluppo sostenibile e valorizzazione della produzione della pesca, dell'acquacoltura e delle attività connesse, anche attraverso la promozione dei piani di gestione delle risorse ittiche e dei programmi di sviluppo dell'acquacoltura adottati dalle associazioni, organizzazioni di produttori e consorzi riconosciuti in conformità con le norme comunitarie; sviluppare le opportunità occupazionali, il ricambio generazionale delle attività economiche e delle tutele sociali anche attraverso l'incentivazione della multifunzionalità, la promozione della cooperazione, dell'associazionismo e delle iniziative in favore dei lavoratori dipendenti; tutela del consumatore in termini di rintracciabilità dei prodotti ittici, valorizzazione della qualità della produzione nazionale e della trasparenza informativa; tutela della concorrenza sui mercati internazionali e razionalizzazione del mercato interno; sviluppo della ricerca scientifica applicata alla pesca e all'acquacoltura secondo i principi della Programmazione nazionale della ricerca; semplificazione delle procedure amministrative relative ai rapporti tra imprese ittiche e pubbliche amministrazioni, anche attraverso l'istituzione di organismi per lo svolgimento di servizi al settore; promuovere l'aggiornamento professionale e la divulgazione dei fabbisogni formativi del comparto della pesca e dell'acquacoltura ed i conseguenti interventi di formazione continua e permanente; sostenere l'economia ittica delle regioni, al fine di rendere applicabili gli indirizzi nazionali e comunitari nei rispettivi territori. Dando poi seguito alle sempre più numerose sollecitazioni rivolte negli ultimi anni alle forze politiche, il provvedimento prende in esame e certifica anche particolari attività connesse a quelle di pesca come il pescaturismo, ovvero l imbarco di persone non facenti parte dell'equipaggio su navi da pesca a scopo turisticoricreativo, e l ittiturismo, indicata come attività di ospitalità, ricreative, didattiche, culturali e di servizi, finalizzate alla corretta fruizione degli ecosistemi acquatici e vallivi, delle risorse della pesca e dell'acquacoltura, e alla valorizzazione degli aspetti socio-culturali delle imprese ittiche e di acquacoltura, esercitata da imprenditori, singoli o associati, attraverso l'utilizzo della propria abitazione o di struttura nella disponibilità dell'imprenditore stesso. Particolare rilevanza viene quindi data alla ricerca scientifica e tecnologica applicata alla pesca e all'acquacoltura definendo la possibilità per il ministero di avvalersi della collaborazione, oltre che del Comitato per la ricerca, di istituti scientifici, compresi i consorzi nazionali di settore promossi dalle associazioni nazionali delle cooperative della pesca. Sono ovviamente indicate le misure per la conservazione e gestione delle risorse ittiche, anche mediante l'incentivazione di Piani di protezione e Piani di gestione. Le misure di sostenibilità, razionalizzazione dello sforzo di pesca e capacità della flotta

9 nazionale sono fondate principalmente sulla regolamentazione dei sistemi di pesca, tempi di pesca, caratteristiche tecniche delle imbarcazioni e degli attrezzi di pesca, delle aree di pesca e dei quantitativi pescati. Per questo, è promosso lo studio di piani di protezione delle risorse ittiche e l'adozione di piani di gestione della pesca da parte delle associazioni, organizzazioni di produttori e consorzi di imprenditori ittici. Allo stesso modo, al fine di garantire la corretta gestione delle risorse biologiche acquatiche con effetti sulla conservazione degli ecosistemi marini, l'amministrazione centrale, di concerto con le amministrazioni regionali, dovrà definire i principi per lo sviluppo dell'acquacoltura marina responsabile e il controllo delle interazioni tra acquacoltura e attività di pesca, favorendo la sostenibilità delle integrazioni produttive. In relazione, infine, alle attività di acquacoltura marina, esercitate in ambienti costieri di particolare rilievo ecologico per la conservazione della biodiversità e delle risorse biologiche, con riflessi sulla pesca marittima, come stagni, lagune costiere, valli salse da pesca del Nord Adriatico (Comacchio, Delta del Po, Lagune di Venezia, Marano e Grado), sono previsti particolari provvedimenti finalizzati al controllo dell'impatto ambientale e alla tutela delle attività dall'inquinamento. Non potevano mancare indicazioni per quanto riguarda il sostegno creditizio e assicurativo per il quale si è provveduto all istituzione del Fondo di solidarietà nazionale della pesca e dell'acquacoltura le cui risorse sono destinate a interventi finanziari in favore sia di imprenditori ittici che abbiano subito gravi danni alle strutture, compreso l'affondamento del natante, o alla produzione, conseguenti a calamità, avversità metereologiche e meteo-marine di carattere eccezionale sia degli eredi diretti dei marittimi imbarcati sulle navi da pesca o di addetti agli impianti di acquacoltura in mare, deceduti per cause di servizio o a seguito di affondamento per avversità meteo marine dell'unità da pesca o asservita agli impianti. Infine, si è pensato alla promozione della cooperazione e dell associazionismo affidando al Programma nazionale il finanziamento di corsi di aggiornamento e riqualificazione per i soci e per i dipendenti delle cooperative della pesca e dell'acquacoltura e loro consorzi; di iniziative volte a favorire la cooperazione tra i pescatori, gli acquacoltori, i consorzi tra cooperative della pesca e dell'acquacoltura; di contratti di programma, progetti sperimentali e convenzioni per la fornitura di servizi al settore, finalizzati al rafforzamento del ruolo della cooperazione nel più ampio contesto del processo di sviluppo dell'economia ittica. Inevitabile che le reazioni più immediate e puntuali fossero proprio quelle delle associazioni che non hanno mancato di rilevare gli aspetti positivi della riforma ma anche di sottolineare come varie questioni non abbiano ricevuto una risposta soddisfacente, lasciando così insoluti molti problemi. Finalmente, con la riforma della pesca, si mette la parola fine ad una vicenda lunga e tormentata, che ha rischiato, come per altri versi è avvenuto, di emarginare il ruolo delle cooperative a favore di altre forme imprenditoriali, certamente meno rappresentative è stato il commento unitario di AGCI Pesca, Federcoopesca, Lega Pesca ed UNCI Pesca - Invece, in sede di esame dei testi, l esecutivo ha previsto, come peraltro nella legge

10 delega agricola, la peculiarità della forma d impresa mutualistica riconoscendo alle nostre cooperative il ruolo di imprenditore ittico che prima non avevano. Questa decisione è frutto della logica conseguenza della presenza fortemente maggioritaria della formula cooperativa all interno dell intero sistema pesca. L analisi prosegue: Il testo, largamente modificato rispetto a quello che le centrali cooperative hanno esaminato insieme nei mesi passati contiene un preminente ruolo delle regioni, che va dalla creazione del Tavolo azzurro all ampliamento della Commissione Consultiva centrale, che vedrà la presenza di un rappresentante per ogni regione. Inoltre, saranno ricreate commissioni consultive a livello locale, istituite dalle singole regioni, in modo da garantire il coordinamento con l Autorità marittima. Forti perplessità, come detto, permangono su diversi punti: dalla non reciprocità tra le funzioni del ministero dell Ambiente e quello delle Politiche Agricole e Forestali nel Tavolo Azzurro, al consistente allargamento della Commissione Consultiva Centrale a scapito della rappresentanza della cooperazione; al nuovo ruolo delle commissioni consultive locali, che passano dal controllo delle Capitanerie di porto a quello delle regioni, senza garanzie di un adeguata rappresentanza della cooperazione e delle altre categorie economiche, con problemi di coordinamento a livello nazionale e con il rischio di contraddizioni e di diversità di trattamento fra le varie aree. Altro punto controverso è quello della ricerca scientifica, la cui Programmazione nazionale sarà ad esclusivo appannaggio delle componenti istituzionali escludendo, dopo oltre vent anni, la cooperazione e il mondo della produzione. Altri elementi di insoddisfazione riguardano le misure di sostegno creditizio ed assicurativo (viene a mancare la funzione del Fondo centrale che garantisce l erogazione dei contributi in conto interessi sui mutui), nelle quali, peraltro, non è contemplato alcun coinvolgimento, con propri fondi di bilancio, delle regioni. Il ruolo della cooperazione nella pesca, per quanto riconosciuto e importante, registra con questi decreti un inversione di tendenza. Ci auguriamo almeno che la forte apertura alle regioni, che anticipa una revisione degli scenari costituzionali sulla materia, venga condivisa e ritenuta sufficiente da queste perché nel quadro poco chiaro della divisione di competenze tra Stato ed enti locali la formula trovata possa garantire l equilibrio dei rispettivi ruoli, mettendo fine ad un periodo di paralisi ed elevato contenzioso è la conclusione di AGCI Pesca, Federcoopesca, Lega Pesca e UNCI Pesca - Adesso, comunque, parte il lavoro più stringente ed efficace, ossia la messa a punto dei regolamenti di esecuzione delle nuove norme sui quali, se ci verrà data la possibilità, saremo pronti fin d ora a fornire il nostro contributo per trovare il giusto completamento di un quadro rinnovato, ma non ancora del tutto messo a punto. Speriamo che attraverso la messa a punto dei regolamenti di attuazione l intero sistema compia ulteriori passi avanti, ridando alla cooperazione quella centralità in linea con la sua storia e con i più moderni scenari europei ed internazionali.

11 L INTERVISTA UNA RIFORMA DA DIFENDERE IN EUROPA a cura di Paolo Fantini Al termine di una lunghissima attesa e un serrato confronto fra le parti, finalmente ha visto la luce la riforma della pesca. Si apre così un capitolo nuovo per un settore che da sempre rappresenta per il nostro paese un importante risorsa economica e sociale. Ma, come sempre accade quando si innova una legislazione, non tutto sembra essere stato affrontato e risolto compiutamente. Si affacciano così nuovi problemi e nuove questioni vengono messe sul tavolo. Una situazione che lascia intravedere uno scenario di ulteriori dibattiti, confronti, discussioni in cui continuerà ad essere centrale il ruolo e la funzione del Ministero per le Politiche Agricole e forestali. Ne abbiamo parlato con il Sottosegretario Paolo Scarpa Bonazza Buora, considerato ormai, in Italia e in Europa, come un vero e proprio ministro del mare. L approvazione della riforma della pesca marittima era stata salutata dall intero settore come un passo in avanti positivo. Adesso, pochi mesi dopo, quelle stesse norme sembrano tornare in discussione e ancora non è stato avviato il confronto per i decreti attuativi. Come intende affrontare questi due problemi? Ci sono indubbiamente alcuni aspetti che meritano una riflessione ulteriore per la quale la disponibilità del ministero è nota da sempre alle parti. Inoltre, sopratutto in coerenza con i più recenti orientamenti comunitari, si sta già valutando la necessità di adeguare alcune norme dei decreti stessi. I tempi ce lo consentono in maniera più che adeguata visto che il termine entro il quale il governo può proporre modifiche ai due decreti legislativi scade il 29 marzo Inoltre, la legge 27 luglio 2004, n.186 recante, tra l altro, la rideterminazione di deleghe legislative, all art.2, comma 11, ha prorogato di un anno il termine di delega al governo, a norma dell articolo 1, comma 2, della legge 7 marzo 2003, n.38, per l adozione di uno o più decreti legislativi al fine di completare il processo di modernizzazione dei settori agricolo, della pesca, dell acquacoltura, agroalimentare, dell alimentazione e delle foreste. Quanto si dovrà attendere, invece, per i decreti attuativi? Il decreto legislativo n.154/04 prevede norme attuative per il Fondo di solidarietà nazionale della pesca e dell acquacoltura, così come definito dall art.14 del decreto stesso. Ebbene, tale norma è in fase di predisposizione e seguirà l iter previsto dall art.14 del citato decreto legislativo. Verrà quindi sentita la Commissione consultiva centrale per la pesca e l'acquacoltura e, previa intesa con le regioni e le province autonome, saranno individuati i criteri di attuazione in base al principio di adeguatezza, differenziazione e sussidiarietà di cui all'articolo 118 della Costituzione.

12 Quanto alle norme attuative del decreto legislativo 153/04, esse riguardano la modifica del regolamento di attuazione n. 1639/ 68 della legge n.963/65. Anche tale decreto è in fase di predisposizione e seguirà l iter procedurale dell art.10 del decreto legislativo stesso che indica in un anno dall entrata in vigore il termine per la presentazione. Il prossimo piano triennale sarà il primo varato nell ambito del nuovo quadro normativo del settore. Ci saranno elementi di discontinuità rispetto alle precedenti programmazioni e, se sì, quali? Innanzitutto, il prossimo Piano triennale dovrà tenere necessariamente conto delle modifiche legislative intervenute con i citati decreti legislativi 154 e 153 del 2004, che hanno rispettivamente abrogato: il primo, la legge 41/82, la legge 72/92, la legge 963/65, limitatamente agli articoli 2,3,4,5,6,7 e 8; il secondo, la legge 963/65 limitatamente agli articoli 1,9,10,11,12,13,16,17,18,20,30 e 33. Dovrà, inoltre, recepire gli orientamenti comunitari vigenti e in corso di programmazione, e individuare obiettivi di sostenibilità compatibili con le norme comunitarie ed internazionali vigenti. Tale Piano avrà, pertanto, connotati fortemente innovanti. Ritiene fondata la preoccupazione, avanzata con forza da più parti, che si finisca per creare 15 sistemi locali diversi, tanti quante sono le regioni costiere? Il timore appare infondato in quanto la programmazione regionale dovrà essere in linea con gli obiettivi e i contenuti del Programma nazionale, ai sensi degli articoli 4 e 5 del decreto legislativo 154/04, anche in considerazione della concertazione nell ambito del Tavolo azzurro che si esprime sui criteri e le strategie del Programma nazionale medesimo. Anche quest anno si pone il problema della ripartizione delle risorse e del decentramento delle competenze. Crede che possa essere risolto senza le polemiche degli scorsi anni? Soprattutto, senza dover tornare indietro rispetto alle intese raggiunte? Conosco la posizione di molte Regioni sulla questione del decentramento delle competenze in materia di pesca. Ho anche preso atto del parere negativo espresso dalle Regioni sui decreti legislativi che hanno fortemente innovato il settore. Io, in quanto Sottosegretario alla Pesca, attualmente non mi occupo di massimi sistemi né, quindi, dell organizzazione dei poteri dello Stato, ma mi debbo evidentemente limitare a governare la pesca italiana sulla base del vigente ordinamento. Da quest ovvia considerazione discende l orientamento della nostra amministrazione in relazione alla questione dell allocazione delle risorse finanziarie. Ma tenga presente il fatto che, comunque, prevale su ogni altra cosa: per il futuro dei nostri pescatori sarà indispensabile assicurare loro un ventaglio di proposte finanziarie e assicurative che naturalmente avranno una congrua dotazione finanziaria.

13 Il nuovo commissario europeo Joe Borg si ritrova sul tavolo gli stessi problemi del suo predecessore. Quale sarà l atteggiamento dell Italia? Oggi abbiamo un Commissario che, in quanto maltese, ha dimostrato grande sensibilità verso le problematiche del Mediterraneo e si è detto disponibile a effettuare aggiustamenti che risultino funzionali alle legittime esigenze e aspirazioni dei Paesi del bacino. Del resto, è ben noto che la proposta di Regolamento per la disciplina della pesca comunitaria nel Mediterraneo presentata dall ex Commissario Fischler, non ha certamente riscosso il consenso del nostro governo né, tanto meno, quello delle Organizzazioni rappresentative dei ceti pescherecci italiani. Abbiamo già chiaramente ribadito il convincimento che le misure da adottare debbono necessariamente corrispondere alle specificità socio-economiche e biologiche del bacino del Mediterraneo ed è argomento innegabile che queste sono profondamente diverse da quelle delle Regioni settentrionali della Comunità. Difatti, se adottate nella loro redazione attuale, le misure tecniche proposte determinerebbero, per la nostra pesca, un ulteriore immotivato ridimensionamento le cui conseguenze economiche sul tessuto sociale delle comunità costiere sarebbero davvero pesanti. Non possiamo accettare l atteggiamento ideologico che la Commissione ha fin qui ribadito, in quanto è basato solo su rigidi principi di conservazione e di precauzione che, non tenendo conto del sistema economico sul quale vanno ad incidere, non sono in grado di assicurare al nostro comparto ittico sufficienti margini di competitività e di efficienza economica. Bruxelles ha sempre sostenuto l obbligo della compatibilità con i regolamenti comunitari delle normative degli stati membri: una posizione spesso contestata dall Italia come da altri paesi. Ritiene che la prossima programmazione di settore possa essere l occasione per l affermazione di una specifica visione italiana e mediterranea? Il Regolamento comunitario, in quanto tale, è legge e lo Stato membro non può legiferare in modo contrario. Pertanto, per quanto concerne la programmazione di settore, nella fattispecie il Piano triennale, è evidente che anche questo non può non essere in sintonia con la regolamentazione comunitaria. Il tema di rilievo, quindi, è proprio quello che già abbiamo affrontato, ovvero l esigenza di rendere la normativa comunitaria più consona alle esigenze del bacino del Mediterraneo, più calibrata secondo i bisogni e le aspettative dei nostri pescatori. Le faccio un esempio: il dibattito d orientamento che, in sede europea, stiamo svolgendo sul nuovo Fondo unico per la pesca. A tal riguardo, il testo della Commissione non prevede aiuti pubblici per il rinnovo delle flotte, ma la flotta italiana ha in media più di 25 anni e opera quasi esclusivamente nel nostro bacino, quindi in competizione con le flotte dei Paesi terzi dove sono invece in atto programmi di rafforzamento ed espansione. Appare chiaro che senza la previsione di un ragionevole sostegno al rinnovo delle imbarcazioni, l Italia corre il rischio di assistere alla destrutturazione della propria flotta con conseguenze che sarebbero assolutamente inaccettabili sia sotto il profilo dell impatto sociale che di quello economico. E quindi evidente che è proprio in

14 sede comunitaria che bisogna ribadire la necessità che si affermi anche una visione mediterranea della politica della pesca.

15 Aumentare iscritti e competenze Giancarlo Fontanelli Presidente Civ IPSEMA Questa nostra iniziativa rappresenta la prima uscita all esterno del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza per illustrare le linee del programma, le linee di indirizzo strategico 2004/2008. Ciò che il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza ritiene opportuno che si realizzi in questi 4 anni, per favorire lo sviluppo dell ente, il suo consolidamento, una maggiore efficienza, una maggiore attenzione ai problemi, definiamoli così, in generale, dell utenza. Un ente, l IPSEMA, che tutti quanti, o almeno molti, a partire dal Ministro Maroni, dichiarano, sostengono, si tratti di un ente con peculiarità e specificità tali per cui se ne considera indispensabile la presenza fra gli enti previdenziali. Io dico che, siccome sono un buon credente, ma fino ad un certo punto, sarà bene che alle parole seguano i fatti, perché già è importante che si dica che è un ente peculiare, indispensabile, ha delle specificità, e però occorrono poi degli atti concreti perché questo ente sia messo in condizioni di marciare a pieno ritmo e a pieno regime, altrimenti si rimane a livello di impegno verbale. Ovviamente questo riguarda il Governo, riguarda il Parlamento, riguarda le forze politiche, riguarda le forze sociali, in modo tale che ci sia chiarezza di obiettivi e coerenza di comportamenti, perché le due cose devono camminare congiuntamente. Gli obiettivi che ci proponiamo, e che nella sua relazione preciserà meglio il collega consigliere Franco Paganini, che è il Coordinatore della Commissione Programmazione, riguardano sostanzialmente il rafforzamento della presenza, del ruolo e delle funzioni dell Istituto nel settore di propria competenza, quello, cioè, previdenziale e di assistenza infortunistica agli aventi diritto, agli iscritti. E evidente che il primo problema che abbiamo, come lo abbiamo definito, è quello dell allargamento della platea, vale a dire l allargamento degli iscritti all Istituto. E anche qui occorre coerenza, senza sgomitare perché ad ogni gomitata, è come la legge di Archimede, poi corrisponde una gomitata pari e contraria. Senza sgomitare, quindi, però ci sono una serie di attività che sono svolte da altri enti, pubblici ma anche privati: l Inail che fa alcune cose, l Inps che ne fa altre, le assicurazioni private altre ancora. A questo punto, bisognerà pur prendere una decisione chiedendoci se non sia giusto che si faccia riferimento ad un unico ente. Questo che cosa prefigura? La costituzione dell ente unico dei trasporti? Anche se il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza che mi ha preceduto lo ha indicato come obiettivo, e il Consiglio di Indirizzo e Vigilanza che presiedo, lo ha ribadito come tale, io lo lascio sullo sfondo, sapendo che su questo argomento continua ad essere aperta una dialettica. Benissimo, discutiamone, però discutiamone per arrivare ad una conclusione, perché continuando a rimanere in trincea, prima o poi si rimane o feriti o morti. Quindi o si esce fuori, si punta all obiettivo, si realizza l obiettivo, altrimenti i problemi si incancreniscono. Credo che questi siano aspetti fondamentali, ma va anche affrontata e risolta, senza chiedere, anche qui, la luna nel pozzo, la questione delle competenze in materia

16 sanitaria. Nessuno vuole stravolgere la riforma sanitaria, ma alcune competenze all IPSEMA dovranno pur essere riconosciute. Oppure l IPSEMA deve continuare ad essere un ufficiale pagatore, a pie di lista, su decisioni che assumono altri, senza avere nessun potere di incidere su queste decisioni? Questa è una domanda che ci dobbiamo porre tutti. Credo che sarebbe opportuno che, su certe scelte, la voce dell IPSEMA possa esprimere un proprio giudizio, un proprio parere, e anche con una certa forza, derivante dal fatto che è l ente che poi finanzia anche le prestazioni. Certo, raccoglie i contributi, ma poi finanzia le prestazioni. Quindi, sul problema della sanità senza, ripeto, creare dissapori o competizioni inutili col ministero della Salute, apriamo un tavolo di confronto, sul quale e all interno del quale affrontare alcuni problemi e individuarne le soluzioni. Non si pensi però che siamo qui a difendere posizioni di privilegio: dobbiamo discutere della questione nell interesse più generale del Paese. Prima di dare la parola al presidente Amoruso, vorrei ringraziarlo, unitamente alla Commissione, qui rappresentata oggi anche dall On. Gasperoni, per aver immediatamente convocato i quattro Presidenti dei Consigli di Indirizzo e Vigilanza. E stato così possibile affrontare alcune tematiche che riguardano il problema dell autonomia degli enti e quello della loro organizzazione. Sul problema della autonomia degli enti, ribadiamo che o questa autonomia si esplica in modo corretto, e anche in modo coerente, o altrimenti, diciamo subito, c è il rischio che si ritorni ai vecchi tempi in cui chi decide è il Ministero del Lavoro. Ora, che il Ministero del Lavoro decida di prendere una matita rossa e blu per segnare gli errori, più o meno gravi, che gli enti possono commettere quando scrivono delle circolari, mi sembra, francamente, un percorso non del tutto ammissibile, non del tutto accettabile, anzi proprio non accettabile. Lasciamoli sbagliare questi enti, se sbagliano; piuttosto, e lo dico con franchezza, non sarebbe male che almeno al Ministero del Lavoro si leggessero le delibere che gli vengono inviate da parte dei CIV, e magari anche un occhiatina alle linee di indirizzo: una sessantina di pagine per cinque istituti fanno 300 pagine. Ecco sarebbe bello se qualcuno, al ministero, le leggesse e magari intervenisse, quando è opportuno intervenire, e anche con strumenti, se vogliamo, per così dire sanzionatori. Quanto all organizzazione degli enti, credo che siamo d accordo, il problema c è: il sistema duale è un sistema imperfetto. Però, fra dire che il sistema è imperfetto, e dire, come ho sentito spesso, che il sistema è superato, beh, c è una bella differenza. Allora, se è imperfetto bisogna perfezionarlo, sapendo che comunque le parti sociali hanno un ruolo insostituibile in questi enti; se è superato, mi si deve far capire che cosa significa, che cosa c è dopo. Ma se, per superare il sistema duale, qualcuno avesse in mente di riconfermare Consigli di Amministrazione, Presidenti, un Amministratore Delegato e, perché no, un bel Civ onnicomprensivo di Inps, Inail, Inpdap, IPSEMA, Enpals, poi se ce ne abbiamo qualcun altro ce lo mettiamo pure, ritengo che si faccia una grande stupidaggine, perché il concetto della dualità viene sì totalmente superato, ma viene anche abbandonata l ipotesi di un sistema allargato sia al pubblico sia al privato, peraltro indicata anche dall Ue.

17 Quindi problemi, come vedete, ce ne sono, ce ne sono tanti, saranno meglio focalizzati, e poi avremo anche noi quattro anni per cercare, nei limiti del possibile, dando il nostro contributo a creare le condizioni per poterli affrontare, con l apporto ed il supporto anche delle nostre organizzazioni di riferimento, siano esse datoriali, siano esse sindacali.

18 L occasione della previdenza complementare Francesco Maria Amoruso Presidente della Commissione Bicamerale sugli enti di Previdenza Accolgo volentieri le sollecitazioni del presidente Fontanelli per i problemi indicati che peraltro sono già all attenzione della Commissione e che avevamo già evidenziato, condiviso e segnalato anche al Parlamento e al Governo. In particolare, ci siamo soffermati sulla questione dell autonomia, anche interpretativa della legge, perché noi siamo fortemente convinti che sia una delle garanzie che deve essere data agli enti, per un funzionamento che sia efficiente, efficace, e capace di incidere. In caso contrario, se ogni cosa deve essere autorizzata, veramente non ci siamo più, non ci sono più gli enti, si fa un dipartimento del Ministero e basta. Quindi, ci siamo dati l impegno di poter continuare questo lavoro che è, appunto, quello del sistema dei controlli. Noi vogliamo, attraverso un lavoro che la Commissione farà, individuare un sistema che possa garantire un meccanismo di controllo, sia degli enti pubblici sia degli enti privati, in maniera tale che non ci sia una dannosa sovrapposizione di organi. Faccio un esempio: noi, come Commissione, siamo obbligati a verificare i bilanci preventivi e consuntivi degli enti ma se ci dovessimo attenere, scrupolosamente, a quelli che sono i tempi previsti dalla legge, faremmo i controlli tre anni dopo, e questo, chiaramente, non avrebbe senso e non avrebbe significato. E questo vale anche per quello che si è detto del sistema duale che indubbiamente oggi presenta qualche problema. Deve quindi essere rivisto ma, prima ancora, occorre fornire un indicazione precisa di funzioni e ruoli. Questa potrebbe già essere una strada utile e necessaria per dare una maggiore capacità di funzionamento, di miglior funzionamento di un sistema che, ripeto, presenta dei lati che vanno rivisti in una logica di maggior capacità di intervento. Noi, come Commissione, abbiamo la conoscenza degli enti attraverso l esame dei loro dati gestionali, cioè attraverso i bilanci presuntivi e consuntivi, ed è quindi per noi importante cercare di capire verso dove gli enti intendono muoversi, quali sono gli scenari di riferimento, all interno dei quali formano le loro previsioni di medio e lungo periodo, e quali le politiche che, sulla base delle prospettive di sviluppo dei relativi settori produttivi, intendono adottare. A questo punto io voglio inserire delle piccole osservazioni che riguardano l ultima gestione dell IPSEMA dove abbiamo apprezzato un progressivo miglioramento della situazione economica finanziaria, tornata negli ultimi anni ad attestarsi su valori positivi, grazie anche ad un buon processo di risanamento che è stato condotto dall Istituto. Positivi sono stati anche i risultati della gestione per cui non ci sono situazioni di criticità, e si apprezza in maniera particolare anche il fatto che, nonostante ci sia stato un incremento del numero degli eventi indennizzati, non vi è stata una crescita in modo proporzionale al numero degli eventi della spesa, collegata all indennizzo delle ferie. Questo vuol dire che c è stato un buon impegno nel controllo, sia degli eventi stessi, sia da parte della Commissione medico-legale, che vuol dire che avrà operato, e che certamente ha operato in maniera attenta. Poi ci sono i risultati della gestione del patrimonio dove

19 l Istituto ha particolarmente ottenuto dei risultati positivi, soprattutto nella gestione immobiliare, dove addirittura, forse unico tra gli enti, ha prodotto una redditività dell 8,8 per cento. Un dato eccezionale per quelle che, vi posso garantire, sono redditività che a volte non superano il 3-3,5 per cento. Va apprezzata, inoltre, l attenzione alla razionalizzazione dei costi, e al funzionamento, anche attraverso una politica di aperture di nuovi sedi, una maggiore presenza sul territorio, che indubbiamente è servita a dare una risposta alle esigenze dei contribuenti che, a volte, erano costretti a doversi spostare anche di centinaia di chilometri per poter arrivare a una sede IPSEMA. Con riferimento a quelle che sono le linee strategiche adottate dall IPSEMA, vorrei svolgere essenzialmente un paio di osservazioni. Anzitutto, ho apprezzato in maniera molto particolare l attenzione che l Istituto ha prestato ad uno dei temi che in più occasioni ho sottolineato essere cruciale per la vita degli enti: la sostenibilità nel medio e lungo periodo, che va opportunamente monitorata, in relazione all evoluzione dello scenario macro-economico, e quindi, dei fattori che influenzano la consistenza della platea degli assicurati. E indubbia, infatti, l interdipendenza fra scenario produttivo, nella fattispecie il settore marittimo, e l equilibrio della gestione. In questo senso, dalla lettura delle linee guida emerge chiaramente come l Istituto stia svolgendo, e intenda proseguire in questa direzione, anche un ruolo attivo e propositivo nella promozione di misure che possano sostenere o quantomeno non ostacolare lo sviluppo del settore. L IPSEMA, inoltre, nella definizione della propria politica previdenziale, dimostra particolare attenzione affinché gli interventi da porre in essere non si traducano, e questo è importante, in aumenti dei costi organizzativi e finanziari della tutela, con conseguente rischio che le imprese armatoriali possano decidere di uscire dal sistema italiano. E questo è un dato molto importante, anche in riferimento a quella che è la politica della Confitarma. Sul punto delle linee di indirizzo si legge espressamente, infatti, l IPSEMA deve proseguire nella ricerca di soluzioni che migliorino l attenzione complessiva verso i propri assicurati, migliorando la tutela senza costi organizzativi e finanziari aggiuntivi, che finirebbero per ricadere negativamente sul settore produttivo e sulla sua competitività. Ecco, io penso che, se si riesce ad attuare questo principio, noi avremo fatto un grande servizio, voi avrete fatto un grande servizio a quegli che sono gli interessi e dei lavoratori, ma anche dell imprenditoria, che vuole rimanere legata al nostro Governo, al nostro Stato. Altro aspetto sul quale intendo soffermarmi è quello della cartolarizzazione dell immobile. Noi sappiamo, con le ormai famose operazioni Scip 1 e Scip 2, realizzate in forza alla Legge 410, che gli enti previdenziali del comparto pubblico hanno visto dismettere, in alcuni casi quasi interamente, come è avvenuto per l IPSEMA, il proprio portafoglio immobiliare. Per effetto del trasferimento dei beni immobili alla società di cartolarizzazione, gli enti, se da una parte sono stati costretti a rinunciare alla loro attività di gestione di ingenti patrimoni immobiliari, dall altra, però, hanno acquistato una significativa disponibilità liquida. Io qui non entro nel merito della validità o meno delle cartolarizzazioni, su cui, come Commissione, già da tempo abbiamo espresso, diciamo così, una certa scetticismo, non solo per quello che riguarda la scelta dell impostazione, cioè della

20 cartolarizzazione, ma anche per come è stata la gestione dei costi. Dobbiamo capire meglio quello che è stato il costo reale delle operazioni di cartolarizzazione, e se questa è stata, alla fine, veramente un vantaggio o uno svantaggio, oltre che per gli enti, anche per lo Stato. Ma, a prescindere da questo, va chiarito cosa potrà fare l Istituto una volta che saranno entrate nella sua disponibilità le risorse liquide che ammontano a 16,1 milioni di euro per la Scip 1 e di 34,5 milioni di euro per la Scip 2. Noi sosteniamo che sarebbe opportuno prevedere che gli enti possano fare delle operazioni, certamente garantite, certamente tutelate, certamente indirizzate in maniera sicura, tali da poter garantire una redditività che possa essere sostitutiva di quella che era la redditività che davano gli immobili. In alcune realtà, come l IPSEMA e come anche l Inail, quei fondi e quelle proprietà non erano soltanto un qualcosa che serviva all ente stesso per avere una sua disponibilità, per garantire il suo funzionamento, ma tornavano utili in alcune forme assicurative, come fondo di garanzia, come riserva tecnica. Ove questo non venisse garantito, infatti, la cartolarizzazione si tradurrebbe, certamente, in un danno economico per l ente. Condivido quindi ampiamente e pienamente l obiettivo che si è posto l IPSEMA, di valutare forme di investimento, chiaramente coerenti con i profili di rischio propri di un ente previdenziale pubblico, che consentano, a livello di conto economico, di recuperare, appunto, il reddito generato dalla gestione del patrimonio immobiliare. Vorrei soffermarmi su altri due aspetti. Il primo, riguarda i rapporti col Ministero della Salute, e io qui vi chiedo di trovare un interlocuzione per risolvere situazioni che devono essere assolutamente risolte, per andare incontro alle esigenze dell utenza. Io faccio un esempio semplice: io ho la fortuna-sfortuna di venire da un territorio nel quale l IPSEMA ha una sua valenza e una sua presenza importante, quello della marineria pugliese, e vi dico che se un utente ha, per esempio, un problema di natura odontoiatrica deve fare, nella migliore delle ipotesi, 250 chilometri per poter avere un assistenza a Napoli o Venezia. Noi stiamo vivendo le stesse problematiche con l Inps, per quanto riguarda il problema dell invalidità civile: la pratica viene istruita dal Comune, l accertamento viene fatto dalle ASL, la liquidazione viene fatta dall Inps che, a quel punto, non conosce niente, e se l utente fa un ricorso, come avviene per il 90% dei casi, il ricorso poi lo deve gestire l Inps, che non conosce né chi ha accertato i fatti né chi li ha istruiti né perché sono stati istruiti e accertati in una certa maniera. E chiaro che tutto questo crea delle incongruenze che riguardano la gestione, in modo particolare, dei rapporti con il Ministero della Salute, senza con questo voler dire che si vuol fare una nuova riforma sanitaria, però, una razionalizzazione dei rapporti dei servizi, può essere un fatto utile e necessario. L altro aspetto fondamentale è quello di ridare una spinta forte a questo ente che, nel suo piccolo, dimostra come i servizi, quando vengono ben gestiti e ben curati, con attenzione verso una categoria che, tra l altro, ha delle particolarità importanti e molto specifiche, funziona bene. Perché, allora, non insistere su quella strada che era stata tracciata e che viene riportata nelle stesse linee di indirizzo di un ente unico dei trasporti? Su questo la Commissione non è stata unanime ma c è stato un voto

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli