LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE Scheda di lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE Scheda di lavoro"

Transcript

1 Retroscena La libera circolazione delle persone con l UE Tra tutti gli accordi bilaterali stipulati dalla Confederazione con il suo più importante partner commerciale, l Unione europea, quello che ha certamente destato maggior interesse nella popolazione svizzera è stato l accordo sulla libera circolazione delle persone, e ciò per due motivi principali. Primo, il saldo migratorio netto con l estero (definito come il numero di immigrati meno il numero di emigrati) tra il 2007 e il 2011, pari a persone, è stato superiore alle aspettative. Secondo, stando alle conclusioni di uno studio pubblicato a fine marzo 2011 dall Ufficio federale di statistica («Scenario dell evoluzione demografica»), nel 2035 potrebbero risiedere in Svizzera circa 10 milioni di persone. Nel frattempo è aumentato lo scetticismo in molti ambienti. Il direttore di Avenir Suisse, Gehard Schwarz, in un articolo pubblicato sull Handelszeitung il 19 maggio 2011 dichiara per esempio: se il ritmo e il volume dell immigrazione diventano eccessivi e/o se gli immigrati non raggiungono un sufficiente grado d integrazione, si hanno ripercussioni non solo sui costi delle abitazioni e sulla loro disponibilità, sui salari e sulle possibilità di carriera, bensì anche sulle istituzioni politiche e sull identità stessa del Paese. Grodona Mijuk e Michael Fuger, sul NZZ am Sontag del 17 aprile 2011, evidenziano invece i disagi derivanti dall affollamento dei treni, dall aumento degli affitti, dalle tensioni sul mercato del lavoro, dall aumento del traffico stradale e dall incremento nel numero di studenti stranieri iscritti alle università svizzere. L accordo sulla libera circolazione delle persone non ha effetti solo sull immigrazione, sul mercato del lavoro e sul sistema di previdenza sociale, ma anche sullo sviluppo economico, sociale e culturale del paese, con conseguenze a livello di pianificazione del territorio e ripercussioni sull infrastruttura di trasporto, sul mercato immobiliare, sul sistema educativo, sull integrazione e sulla sicurezza pubblica. In quest unità didattica discuteremo e analizzeremo gli effetti più importanti della libera circolazione delle persone da diversi punti di vista. La libera circolazione delle persone come parte degli accordi bilaterali 1 Dopo il rifiuto nel 1992 del popolo svizzero a entrare nello spazio economico europeo (SEE), la Svizzera ha deciso di intraprendere la strada degli accordi bilaterali con l UE. Bilaterale significa che sono coinvolte nella trattativa solo due parti contraenti. L obiettivo era di regolamentare le principali aree di collaborazione tra la Svizzera e l UE. Il popolo svizzero ha approvato la prima tranche di accordi bilaterali nel 2000 con una percentuale di voti favorevoli del 67%. Gli accordi bilaterali 1 sono entrati in vigore il 1 giugno 2002 e riguardano i seguenti ambiti: trasporto terrestre trasporto aereo libera circolazione delle persone agricoltura barriere tecniche al commercio appalti pubblici ricerca Versione settembre 2013 Autore: Peter Eisenhut, in collaborazione con iconomix 1 10

2 Le convenzioni stipulate sono legalmente vincolate alla cosiddetta «clausola ghigliottina», secondo cui la disdetta di un singolo accordo da parte di uno dei contraenti rende nulli, nell arco di sei mesi, tutti gli altri. Con questa clausola si è voluto evitare che il pacchetto degli accordi potesse perdere importanza con la disdetta, in un secondo tempo, di alcuni di essi (regola che vale anche per l UE). Quando nel 2004 altre 10 nazioni hanno aderito all Unione Europea, gli accordi bilaterali già stipulati tra Svizzera e UE sono stati estesi anche a questi nuovi stati membri. L estensione è stata automatica per sei dei setti accordi bilaterali, mentre quello sulla libera circolazione delle persone ha dovuto, per ragioni di diritto pubblico, essere approvato dal parlamento svizzero. Contro la decisione positiva del parlamento è stato indetto un referendum, che ha portato a una votazione popolare. Il 25 settembre 2005 gli svizzeri hanno approvato l estensione dell accordo sulla libera circolazione delle persone con una maggioranza del 56%. Nel febbraio 2009 il popolo svizzero è stato nuovamente chiamato alle urne per pronunciarsi sull estensione dell accordo alla Romania e alla Bulgaria. Con una maggioranza del 59.6% esso si è espresso a favore della prosecuzione dell accordo dopo il 2009 e della sua estensione ai suddetti paesi. L accordo sulla libera circolazione delle persone in dettaglio L accordo sulla libera circolazione delle persone è senz altro il più importante, tra tutti gli accordi bilaterali stipulati, per le prospettive future dell economia svizzera. Esso permette ai cittadini in provenienza dai paesi dell UE di risiedere e lavorare nella Confederazione. Altrettanto vale per i cittadini svizzeri che desiderano abitare e lavorare in uno dei paesi dell UE. L accordo si applica alle persone in possesso di un contratto di lavoro valido o che svolgono un attività indipendente oppure, se non esercitano alcuna attività lucrativa, che dispongono comunque di mezzi finanziari sufficienti per sovvenire alle proprie necessità. L attuazione dell accordo è avvenuta in modo progressivo. Esso si è applicato fin dall inizio ai 15 «vecchi» stati membri dell UE, più Cipro e Malta, mentre è entrato in vigore solo il 1 maggio 2011 per i nuovi otto stati membri dell area baltica e dell Europa orientale (EU-8, si veda la spiegazione nel grafico). Nei confronti di questi ultimi vige fino al 31 maggio 2014 la cosiddetta clausola di salvaguardia, la quale consente alla Svizzera di limitare il numero dei permessi di soggiorno concessi qualora si verifichi un ingente flusso migratorio (superiore del 10 per cento alla media dei tre anni precedenti). Per Bulgaria e Romania continuano a valere le disposizioni transitorie (contingentamento dei permessi di soggiorno, priorità ai residenti, controllo delle condizioni di lavoro e salariali). Versione settembre 2013 Autore: Peter Eisenhut, in collaborazione con iconomix 2 10

3 Il grafico seguente riassume l entrata in vigore dell accordo sulla libera circolazione delle persone e delle disposizioni transitorie: Legenda: BG/RO: Bulgaria e Romania. Estensione dell accordo sulla libera circolazione delle persone nel Fino al 2019 è possibile, grazie alla clausola di salvaguardia, limitare l immigrazione in provenienza da questi paesi subordinatamente a determinate condizioni. UE-8: Slovenia, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Lettonia, Lituania, Estonia. Estensione dell accordo sulla libera circolazione delle persone nel Dal maggio 2014 varrà la libera circolazione incondizionata, senza possibilità di ricorso alla clausola di salvaguardia. UE-15: «vecchi» stati membri dell Unione europea. A questo gruppo appartengono Germania, Francia, Lussemburgo, Belgio, Olanda, Regno Unito, Irlanda, Spagna, Portogallo, Italia, Grecia, Cipro, Malta, Austria, Danimarca, Svezia e Finlandia. La libera circolazione delle persone rispetto a queste nazioni è stata introdotta nel A causa dell esiguità in termini di popolazione, Malta e Cipro sono state incluse nel gruppo dei vecchi stati membri dell UE cui l accordo si applica dal 2005 (l UE-15 più Malta e Cipro è denominata UE-17). Anche per questo gruppo di paesi, dal maggio 2014 varrà la libera circolazione incondizionata, senza possibilità di ricorso alla clausola di salvaguardia. Al fine di permettere l attuazione concreta del principio della libera circolazione delle persone, l accordo prevede anche un coordinamento dei sistemi di previdenza sociale. In questo modo è garantito che la copertura assicurativa continui ad esistere in caso di spostamento del posto di lavoro da un paese all altro, e che i diritti acquisiti non vadano persi. Un altro elemento costitutivo dell accordo è il reciproco riconoscimento dei diplomi e dei titoli di formazione professionale. Versione settembre 2013 Autore: Peter Eisenhut, in collaborazione con iconomix 3 10

4 Per esempio, un infermiera diplomata in Germania può esercitare la sua professione in Svizzera anche se non ha conseguito un diploma nella Confederazione. Il riconoscimento è tuttavia subordinato al fatto che fra i diplomi esteri e svizzeri esista un effettiva corrispondenza nei livelli formativi. Nell accordo sulla libera circolazione delle persone sono inoltre regolamentati i servizi transfrontalieri a tempo determinato. Relazioni economiche tra la Svizzera e l UE in cifre Con l ingresso nell UE di Bulgaria e Romania, il mercato unico europeo ha raggiunto i 500 milioni di persone acquistando ancora più importanza come partner commerciale della Svizzera. L interscambio di beni e servizi tra la Svizzera e l UE ammonta a più di 1 miliardo di CHF al giorno. Quasi due terzi delle esportazioni svizzere (2011: circa 118 mdi di CHF) sono assorbiti dai paesi dell UE, mentre quattro quinti delle importazioni svizzere (2011: circa 144 mdi di CHF) provengono dalla stessa area geografica. La Svizzera è il terzo mercato più importante per i prodotti dell UE (2009). Negli ultimi dieci anni il commercio tra Svizzera e UE è cresciuto in media del 6% l anno. Soprattutto i mercati dei paesi dell Europa orientale hanno mostrato un eccezionale potenziale di crescita: nell ultimo decennio il commercio con i dieci stati entrati a far parte dell UE nel 2004 è aumentato in media al ritmo sostenutissimo del 13%. L incremento ha superato addirittura il 15% con la Romania e la Bulgaria, paesi che hanno aderito nel 2007 ( ). Anche nel campo degli investimenti diretti l UE è il partner principale della Confederazione: più dell 80% del capitale estero investito in Svizzera proviene dall UE (2010: circa 430 mdi di CHF), mentre circa 40% del capitale svizzero diretto all estero è investito nell UE (2010: circa 375 mdi CHF). L organico che le ditte svizzere impiegano nell area dell UE supera l 1,2 milioni di persone. Anche per quanto concerne le forze di lavoro, le relazioni con l UE sono particolarmente intense: a fine 2011 oltre cittadini svizzeri vivevano e lavoravano nell UE. Per converso, cittadini dell UE vivevano in Svizzera; a questi si aggiungono più di frontalieri in provenienza dalla stessa area geografica. Altri indicatori dell intensità dello scambio tra i due partner sono le autovetture, i camion e l 1,3 milioni di persone che quotidianamente attraversano il confine svizzero in entrambe le direzioni. Fonte: Ufficio dell integrazione DFAE/DFE Conseguenze dell apertura del mercato del lavoro in cifre Nei dieci anni trascorsi dall apertura del mercato del lavoro con l UE ( ) l immigrazione netta in Svizzera è stata di circa persone, di cui quasi il 60% in provenienza dall UE-27 e dall AELS. Nello stesso periodo l economia svizzera è cresciuta in media a un tasso reale annuo del 2,0% a livello aggregato e dell 1,1% pro capite. Nei nove anni precedenti l apertura del mercato ( ) la crescita media reale dell economia era stata pari all 1,4% in termini aggregati e allo 0,7% pro capite. Dal 2003 la quota media di cittadini dell UE residenti in Svizzera che svolgono un attività lucrativa è salita dall 80% a quasi l 84%, ossia esattamente allo stesso livello degli svizzeri. Questo parametro tuttavia non dice nulla circa il tipo di lavoro che essi svolgono nel nostro paese. Un indicazione a riguardo può essere fornita dalle statistiche sul grado di formazione. L 86% degli immigrati in provenienza dall UE tra il 2002 e il 2010 aveva conseguito come minimo un diploma di formazione professionale (tra gli svizzeri la quota del 2010 era di circa l 87%), e il 54% aveva conseguito un titolo universitario o un diploma di formazione professionale superiore (34% tra gli svizzeri). Il flusso sorprendentemente importante di immigrati degli ultimi anni ha temporaneamente allentato le pressioni per una riforma dell AVS. In effetti, nel 2010 gli immigrati in provenienza dall area dell UE hanno versato il 22% dei contributi dell AVS e hanno ricevuto da essa il 16% delle prestazioni. Queste cifre rappresentano tuttavia solo la situazione del momento. Fonte: Seco Bericht «Auswirkungen der Personenfreizügigkeit auf den Schweizer Arbeitsmarkt», 25. Mai Versione settembre 2013 Autore: Peter Eisenhut, in collaborazione con iconomix 4 10

5 Esercizi Domanda 1 L accordo sulla libera circolazione delle persone ha creato un mercato del lavoro di circa 500 milioni di persone, che possono scegliere liberamente dove lavorare senza sottostare a restrizioni nei movimenti transfrontalieri. Dall entrata in vigore dell accordo sulla libera circolazione delle persone con l UE nel 2002, la Svizzera fa anch essa parte di questo mercato del lavoro. a. Considerate quali vantaggi e svantaggi comporta l accordo sulla libera circolazione delle persone per i lavoratori svizzeri. b. Secondo le statistiche sugli stranieri pubblicate dall Ufficio federale della migrazione il saldo migratorio con l estero degli ultimi anni è evoluto come segue: 2007: : : : : Questi dati mostrano che dall approvazione dell accordo sulla libera circolazione delle persone (ossia dal giugno 2007 per i «vecchi» stati dell UE, e dal maggio 2011 per i nuovi membri dell Europa dell est) vi è stato un forte aumento dell immigrazione in Svizzera. Consultate il documento che riporta i dati aggiornati sull immigrazione (disponibile solo in lingua tedesca: «Monitor Zuvanderung» o francese: «Bulletin immigration») seguendo il percorso Pagina iniziale DFGP Temi Migrazione > Libera circolazione delle persone Svizzera- UE/AELS > Bollettino immigrazione (Monitor Zuvanderung)). Fate riferimento al documento più recente e commentate l andamento dei dati aiutandovi con il grafico e la tabella che troverete al punto 3 («Einwanderung, Auswanderung und Wanderungsbilanz» o «Immigration, émigration et bilan migratoire»). Versione settembre 2013 Autore: Peter Eisenhut, in collaborazione con iconomix 5 10

6 c. Che impatto ha l immigrazione sulla crescita del PIL, sui prezzi degli immobili e sul mercato generale del lavoro in particolare su disoccupazione, produttività del lavoro e salari? Nel rispondere alla domanda ricordate che la libera circolazione delle persone con l UE ha generato essenzialmente un immigrazione di manodopera qualificata e altamente qualificata. Crescita del PIL Prezzi degli immobili Disoccupazione Versione settembre 2013 Autore: Peter Eisenhut, in collaborazione con iconomix 6 10

7 Produttività del lavoro Salari Versione settembre 2013 Autore: Peter Eisenhut, in collaborazione con iconomix 7 10

8 Domanda 2 Dal punto di vista dei contribuenti è particolarmente interessante capire in quale misura gli immigrati fruiscono delle prestazioni sociali e in quale misura le finanziano con imposte, tasse e contributi. Secondo voi quali sono gli effetti prodotti dall immigrazione sulle finanze pubbliche? Elencate (senza indicarne l importo) le singole voci di entrata e di spesa, facendo una distinzione tra trasferimenti monetari e servizi. Prestazioni pubbliche Contributi fiscali Versione settembre 2013 Autore: Peter Eisenhut, in collaborazione con iconomix 8 10

9 Domanda 3 Mentre prima dell introduzione dell accordo sulla libera circolazione delle persone il dibattito politico si concentrava sui controversi effetti che esso avrebbe avuto sul mercato del lavoro, negli ultimi tempi l attenzione si è spostata sulle implicazioni generali dell accordo. Un numero crescente di schieramenti politici è dell opinione che si debba intervenire per frenare la forte immigrazione. Nell aprile 2011 anche alcuni parlamentari hanno fatto pressione tramite una mozione al Consiglio federale, affinché venisse posto un freno all immigrazione. Leggete la mozione «Brändli» (www.parlament.ch > Ricerca: « » Mo. Consiglio degli Stati (Brändli): Aggiustare il tiro della politica migratoria) e indicate in forma sintetica le argomentazioni dei suoi promotori e le prese di posizione del Consiglio federale. Versione settembre 2013 Autore: Peter Eisenhut, in collaborazione con iconomix 9 10

10 Domanda 4 Di fronte alle crescenti preoccupazioni sulle conseguenze dell immigrazione i maggiori partiti politici, nonché le associazioni dei datori di lavoro e i sindacati hanno preso posizione. L organizzazione ambientalista Ecopop ha lanciato addirittura un iniziativa popolare. Quali provvedimenti sono proposti dalle diverse organizzazioni? Leggete le rispettive argomentazioni, fatevi un opinione personale e redigete un breve rapporto. Versione settembre 2013 Autore: Peter Eisenhut, in collaborazione con iconomix 10 10

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Riassunto dei principali risultati dello studio Oggetto dello studio L inizio della crisi economica, nel 2008, in Svizzera

Dettagli

La Confederazione Svizzera, di seguito denominata «la Svizzera», da una parte, l Unione europea,

La Confederazione Svizzera, di seguito denominata «la Svizzera», da una parte, l Unione europea, Questo Protocollo III è stato tradotto in lingua italiana ai fini di informazione e non ha validità formale giuridica. Determinante e la versione siglato del Protocollo III in versione francese e inglese.

Dettagli

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it

Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale C l o e D ll Aringa Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Una simulazione degli effetti della riforma previdenziale Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Un analisi fondata su coorti e tempo Età nell anno t: Anno Nascita 2004 2011 2020 1950 54 61 70 1955

Dettagli

Indicatori del mercato del lavoro 2013

Indicatori del mercato del lavoro 2013 Dipartimento federale dell interno DFI Ufficio federale di statistica UST Attualità UST 3 Lavoro e reddito Neuchâtel, Luglio 213 Indicatori del mercato del lavoro 213 Risultati commentati per il periodo

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

142.203 Ordinanza. Sezione 1: Oggetto e campo d applicazione

142.203 Ordinanza. Sezione 1: Oggetto e campo d applicazione Ordinanza concernente l introduzione graduale della libera circolazione delle persone tra la Confederazione Svizzera e l Unione europea 1 e i suoi Stati membri nonché gli Stati membri dell Associazione

Dettagli

EURES vi aiuta ad assumere in Europa

EURES vi aiuta ad assumere in Europa EURES vi aiuta ad assumere in Europa Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES vi aiuta ad assumere in Europa State cercando di formare una forza lavoro

Dettagli

3000 Bern 14. Geschäftsstelle. Sicherheitsfonds BVG. Postfach 1023

3000 Bern 14. Geschäftsstelle. Sicherheitsfonds BVG. Postfach 1023 Sicherheitsfonds BVG Geschäftsstelle Postfach 1023 3000 Bern 14 Tel. +41 31 380 79 71 Fax +41 31 380 79 76 Fonds de garantie LPP Organe de direction Case postale 1023 3000 Berne 14 Tél. +41 31 380 79 71

Dettagli

Prime stime dei costi del lavoro in Svizzera

Prime stime dei costi del lavoro in Svizzera Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Swiss Federal Statistical Office COMMUNIQUÉ DE PRESSE MEDIENMITTEILUNG COMUNICATO STAMPA

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015

LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego. Laura Robustini EURES Adviser. 04 Marzo 2015 LAVORARE IN EUROPA: la rete EURES, il servizio europeo per l impiego Laura Robustini EURES Adviser 04 Marzo 2015 IL LAVORO IN EUROPA EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i

Dettagli

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L

IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L IL NOSTRO MERCATO DEL LAVORO È IL MENO EFFICIENTE D EUROPA L Italia è 136esima a livello mondiale e ultima in Europa: dal 2011 siamo retrocessi di 13 posizioni. Continuano a pesare la conflittualità tra

Dettagli

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane

Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane Il sintomatico caso degli stage alla Commissione europea e della massiccia presenza di candidature italiane di Francesca Fazio Uno stage presso la Commissione europea? È il sogno di molti ragazzi italiani

Dettagli

Chi è autorizzato a seguire una formazione professionale di base in Svizzera?

Chi è autorizzato a seguire una formazione professionale di base in Svizzera? Promemoria 205 Migrazione Se decidete di offrire un posto di tirocinio a una persona immigrata o domiciliata in una zona limitrofa alla Svizzera, dovete considerare diverse condizioni legali. Oltre alle

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA Credo che sia molto importante parlare di formazione degli insegnanti in generale ed in particolare credo che sia importante fare un confronto tra la nostra situazione

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO Premesso che per effettuare qualsiasi autotrasporto

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese Luciano Camagni Condirettore Generale Credito Valtellinese LA S PA S PA: area in cui i cittadini, le imprese e gli altri operatori economici sono in grado di eseguire e ricevere, indipendentemente dalla

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

Ampliamento e riforma dei Fondi strutturali: prospettive di policy e implicazioni di bilancio

Ampliamento e riforma dei Fondi strutturali: prospettive di policy e implicazioni di bilancio Ampliamento e riforma dei Fondi strutturali: prospettive di policy e implicazioni di bilancio Sintesi 1. INTRODUZIONE In un contesto caratterizzato da una fase di ampliamento, l Unione Europea sta per

Dettagli

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti

Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Migrazioni e statistiche demografiche dei migranti Questo articolo presenta le statistiche dell'unione europea (UE) in materia di migrazioni internazionali, la popolazione di cittadini autoctoni e stranieri

Dettagli

Protocollo 2004-2004 5253

Protocollo 2004-2004 5253 Protocollo all Accordo tra la Confederazione Svizzera, da una parte, e la Comunità europea e i suoi Stati membri, dall altra, sulla libera circolazione delle persone, relativo alla partecipazione, in qualità

Dettagli

I DIRITTI DI SICUREZZA SOCIALE DELLE PERSONE CHE ESERCITANO IL DIRITTO DI LIBERA CIRCOLAZIONE NEL TERRITORIO DELLA COMUNITÀ

I DIRITTI DI SICUREZZA SOCIALE DELLE PERSONE CHE ESERCITANO IL DIRITTO DI LIBERA CIRCOLAZIONE NEL TERRITORIO DELLA COMUNITÀ Rosa Maria Morrone Coordinatore regionale Convenzioni Internazionali Direzione regionale Piemonte rosamaria.morrone@inps.it I DIRITTI DI SICUREZZA SOCIALE DELLE PERSONE CHE ESERCITANO IL DIRITTO DI LIBERA

Dettagli

IP/07/584. Bruxelles, 27 avril 2007

IP/07/584. Bruxelles, 27 avril 2007 IP/07/584 Bruxelles, 27 avril 2007 Sicurezza stradale: il programma d azione europeo continua a registrare buoni risultati l obiettivo di salvare 25 000 vite sulle strade d Europa può essere raggiunto

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

Svizzera UE Libera circolazione delle persone. Salari, immigrazione, AVS/AI Domande e risposte

Svizzera UE Libera circolazione delle persone. Salari, immigrazione, AVS/AI Domande e risposte Svizzera UE Libera circolazione delle persone Salari, immigrazione, AVS/AI Domande e risposte Di cosa tratta questo opuscolo? Quanto sono importanti le relazioni tra la Svizzera e l UE? Le relazioni tra

Dettagli

Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio,

Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio, Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio per motivi di lavoro studio o vacanza è diventato più semplice grazie alla tessera sanitaria europea

Dettagli

NOI E L UNIONE EUROPEA

NOI E L UNIONE EUROPEA VOLUME 1 PAGG. IX-XV MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE NOI E L UNIONE EUROPEA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: paese... stato... governo...

Dettagli

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI COS È SOLVIT? Scegliere liberamente in quale paese europeo vivere, lavorare o studiare è un diritto fondamentale per i cittadini dell Unione europea. Anche le imprese hanno il diritto di stabilirsi, fornire

Dettagli

Bando Erasmus + per l assegnazione di borse per la mobilità degli studenti ai fini di studio - A.A. 2015-2016 I - INFORMAZIONI GENERALI

Bando Erasmus + per l assegnazione di borse per la mobilità degli studenti ai fini di studio - A.A. 2015-2016 I - INFORMAZIONI GENERALI Bando Erasmus + per l assegnazione di borse per la mobilità degli studenti ai fini di studio - A.A. 2015-2016 I - INFORMAZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità È indetta una selezione per l assegnazione di

Dettagli

L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione

L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione L Unione Europea e le sue istituzioni: un introduzione un po di storia le istituzioni e gli organi dell UE alcune informazioni di base sui paesi membri PAUE 05/06 I / 1 Cronologia dell Unione Europea 1951

Dettagli

Sistemi scolastici europei

Sistemi scolastici europei Sistemi scolastici europei La durata complessiva degli studi nell Unione Europea A partire dalla fine del secolo scorso, con il terzo governo della cosiddetta seconda Repubblica (governo Prodi 1, con Luigi

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Libera circolazione delle persone Svizzera UE. Riconduzione dell Accordo dopo il 2009 ed estensione alla Bulgaria e alla Romania

Libera circolazione delle persone Svizzera UE. Riconduzione dell Accordo dopo il 2009 ed estensione alla Bulgaria e alla Romania Libera circolazione delle persone Svizzera UE Riconduzione dell Accordo dopo il 2009 ed estensione alla Bulgaria e alla Romania Edito da Ufficio federale della migrazione UFM Quellenweg 6 CH-3003 Berna-Wabern

Dettagli

Modernised EU Social Security Coordination

Modernised EU Social Security Coordination Modernised EU Social Security Coordination La nuova regolamentazione comunitaria PARTE GENERALE DISPOSIZIONI COMUNI 1 Campo di applicazione soggettivo o ratione personae I nuovi regolamenti si applicano

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

AZIONE KA1 MOBILITA PER L APPRENDIMENTO INDIVIDUALE. Formazione oltre i confini per crescere insieme

AZIONE KA1 MOBILITA PER L APPRENDIMENTO INDIVIDUALE. Formazione oltre i confini per crescere insieme AZIONE KA1 MOBILITA PER L APPRENDIMENTO INDIVIDUALE Formazione oltre i confini per crescere insieme SELEZIONE CANDIDATURE PAESE SELEZIONE CANDIDATURE FORMAZIONE FRANCIA 12 3 Formazione Esabac 3 Formazione

Dettagli

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO E RELATIVA EQUIPOLLENZA. I

Dettagli

Informazioni utili per il soggiorno in Svizzera

Informazioni utili per il soggiorno in Svizzera Informazioni utili per il soggiorno in Svizzera CH-4501 Soletta Dornacherstrasse 28A Casella postale 246 Telefono 032 346 18 18 Telefax 032 346 18 02 info@ch-go.ch www.ch-go.ch Indice Introduzione... 3

Dettagli

Cosa è il Volontariato?

Cosa è il Volontariato? VOLONTARIATO Cosa è il Volontariato? Attività all'interno di una organizzazione strutturata Aree di intervento: ambiente, arte, cultura, conservazione del patrimonio culturale, disabilità, disagio sociale,

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

Libera circolazione delle persone con la Croazia: consultazione sui risultati dei negoziati

Libera circolazione delle persone con la Croazia: consultazione sui risultati dei negoziati Le autorità federali della Confederazione Svizzera Libera circolazione delle persone con la Croazia: consultazione sui risultati dei negoziati Berna, 28.08.2013 - La libera circolazione delle persone tra

Dettagli

10.01 Stato al 1 gennaio 2012

10.01 Stato al 1 gennaio 2012 10.01 Stato al 1 gennaio 2012 Salariati che lavorano o sono domiciliati all estero e i membri della loro famiglia Persone interessate 1 Questo promemoria offre ragguagli sull obbligo assicurativo sulle

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

INDICE. Premessa... Pag. 1. Nota informativa...» 5. Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11

INDICE. Premessa... Pag. 1. Nota informativa...» 5. Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11 Premessa... Pag. 1 Nota informativa...» 5 Trattato che adotta una Costituzione per l Europa...» 11 Preambolo...» 13 Parte I...» 15 Titolo I - Definizione e obiettivi dell Unione...» 15 Titolo II - Diritti

Dettagli

ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO SI PREGA DI LEGGERE LE SEGUENTI ISTRUZIONI CON LA MASSIMA ATTENZIONE Anche per il 2016 è prevista la raccolta di informazioni

Dettagli

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA.

IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. IL CONCETTO DI SCAMBIO INTERCULTURALE: UNA GRANDE RISORSA. COME STUDIARE ALL ESTERO Per studiare all estero, le università italiane, in accordo con i progetti europei e con i trattati internazionali, rendono

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali

Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE PER I RAPPORTI CON L'UNIONE EUROPEA E PER I RAPPORTI INTERNAZIONALI UFFICIO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ATTENZIONE: LA PRESENTE SCHEDA RIGUARDA LA SCUOLA PRIMARIA E LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SI PREGA DI LEGGERE LE SEGUENTI ISTRUZIONI CON LA MASSIMA ATTENZIONE Anche per il 0 è prevista la raccolta

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.7.2012 COM(2012) 385 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI sull attuazione

Dettagli

Creditreform Italia Gruppo Creditreform 2011 Company_2011 1

Creditreform Italia Gruppo Creditreform 2011 Company_2011 1 Creditreform Italia 1 Creditreform in Europa Creditreform nata in Germania nel 1879 Servizi di Informazioni Commerciali, Recupero Crediti e Marketing 543.000.000 fatturato totale 170.000 clienti 200 sedi

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

Trovare lavoro nell Europa allargata

Trovare lavoro nell Europa allargata Trovare lavoro nell Europa allargata Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali CMI/Digital Vision Commissione europea 1 Dove posso cercare lavoro? La libera circolazione delle persone

Dettagli

www.idescat.cat Cifre della Catalogna Generalitat de Catalunya Governo della Catalogna

www.idescat.cat Cifre della Catalogna Generalitat de Catalunya Governo della Catalogna www.idescat.cat Cifre della Generalitat de Catalunya Governo della POPOLAZIONE Popolazione (1.000) (1) 7 479 46 704 505 730 uomini 49,3 49,3 48,8 donne 51,0 50,8 51,2 Struttura () 0-14 anni 15,9 15,2 15,6

Dettagli

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014.

Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php. Dati di maggio 2014. Statistiche matrimonio e divorzio Da Eurostat - Statistics Explained http://ec.europa.eu/eurostat/statistics-explained/index.php Dati di maggio 2014. Questo articolo presenta gli sviluppi che hanno avuto

Dettagli

IL PROGRAMMA ERASMUS+ Mobilità a fini di studio Tutto quello che si deve sapere sull Erasmus (o quasi)

IL PROGRAMMA ERASMUS+ Mobilità a fini di studio Tutto quello che si deve sapere sull Erasmus (o quasi) IL PROGRAMMA ERASMUS+ Mobilità a fini di studio Tutto quello che si deve sapere sull Erasmus (o quasi) Che cosa è il Programma Erasmus+? L'Erasmus+ è il programma di mobilità voluto e finanziato dall Unione

Dettagli

Votazione popolare del 21 maggio 2000. Spiegazioni del Consiglio federale. Accordi bilaterali con l UE

Votazione popolare del 21 maggio 2000. Spiegazioni del Consiglio federale. Accordi bilaterali con l UE Votazione popolare del 21 maggio 2000 Spiegazioni del Consiglio federale Accordi bilaterali con l UE 2 Accordi bilaterali tra la Svizzera e l Unione europea La domanda che figura sulla scheda è la seguente:

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015.

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche Circolare n. 28 Roma, 6 febbraio 2015 Al Ai Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli

Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016

Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016 Bando Erasmus+ Mobilità per Studio 2015/2016 Il Programma Erasmus+ permette di vivere esperienze culturali all'estero, di conoscere nuovi sistemi di istruzione superiore e di incontrare giovani di altri

Dettagli

ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE

ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE parte riservata: CODICE data Alla Direzione Patrimonio Immobiliare Appalti Ufficio Acquisti richiedente struttura RITENUTE l inserimento Si chiede cortesemente di provvedere

Dettagli

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT

CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT CONSULTAZIONE SUL TRASFERIMENTO TRANSFRONTALIERO DELLA SEDE SOCIALE - Consultazione della DG MARKT Introduzione Avvertenza preliminare: Il documento che segue è stato redatto dai servizi della direzione

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

Convenzione europea sull equivalenza dei periodi di studi universitari

Convenzione europea sull equivalenza dei periodi di studi universitari Traduzione 1 Convenzione europea sull equivalenza dei periodi di studi universitari 0.414.31 Conclusa a Parigi il 15 dicembre 1956 Approvata dall Assemblea federale il 6 marzo 1991 2 Istrumento di ratificazione

Dettagli

Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa Bando Free Mover a.a. 2015/2016

Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa Bando Free Mover a.a. 2015/2016 DIPARTIMENTO DI STUDI PER L ECONOMIA E L IMPRESA IL DIRETTORE Via E. Perrone, 18 28100 Novara NO Tel. 0321 375 521- Fax 0321 375 512 direttore.disei@unipmn.it Dipartimento di Studi per l Economia e l Impresa

Dettagli

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale LOGO MLPS/MIUR ALLEGATO B N di Protocollo ATTO DI CANDIDATURA ESPERTI INDIPENDENTI NEL QUADRO DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME: NOME(I): DATA DI NASCITA (GG/MM/AAAA): / /

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE BORSE ERASMUS+ per mobilità a fini di studio A.A. 2015/2016

AVVISO DI SELEZIONE BORSE ERASMUS+ per mobilità a fini di studio A.A. 2015/2016 U.R.I. I L R E T T O R E VISTO VISTA il regolamento n. 1288 dell 11 dicembre 2013 del Parlamento e del Consiglio europei che istituisce Erasmus+ programma dell Unione nel campo dell istruzione, la formazione,

Dettagli

Stage in un azienda in Europa con il programma europeo Leonardo da Vinci

Stage in un azienda in Europa con il programma europeo Leonardo da Vinci Stage in un azienda in Europa con il programma europeo Leonardo da Vinci Dipartimento dell educazione del Canton Ticino Servizio Lingue e stage all estero (LSE) Casella postale 70 6952 Canobbio Tel: 091

Dettagli

L EUROPA E I GIOVANI. EURES: una rete per il lavoro. Laura Robustini EURES Adviser. 14 ottobre 2013

L EUROPA E I GIOVANI. EURES: una rete per il lavoro. Laura Robustini EURES Adviser. 14 ottobre 2013 L EUROPA E I GIOVANI EURES: una rete per il lavoro Laura Robustini EURES Adviser 14 ottobre 2013 L EUROPA E I GIOVANI EURES promuove la mobilità geografica ed occupazionale sostenendo i cittadini dell

Dettagli

Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue

Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue Il recepimento della direttiva servizi negli altri Paesi dell Ue Torino, 1 luglio 2011 Matteo Carlo Borsani STRUTTURA DELLA PRESENTAZIONE Stato ed attuazione della Direttiva servizi (Direttiva 2006/123/CE)

Dettagli

Programma di mobilità ERASMUS + PER STUDIO. Rocco S., University of Reading, Inghilterra, a.a. 2014/2015

Programma di mobilità ERASMUS + PER STUDIO. Rocco S., University of Reading, Inghilterra, a.a. 2014/2015 Programma di mobilità ERASMUS + PER STUDIO Rocco S., University of Reading, Inghilterra, a.a. 2014/2015 Quali opportunità con Erasmus+ per studio? Francesca P., Universität zu Köln, Colonia, Germania,

Dettagli

Sondaggio di opinione L Unione europea e i suoi cittadini promosso da OGI Osservatorio sulle relazioni tra Germania e Italia

Sondaggio di opinione L Unione europea e i suoi cittadini promosso da OGI Osservatorio sulle relazioni tra Germania e Italia Sondaggio di opinione L Unione europea e i suoi cittadini promosso da OGI Osservatorio sulle relazioni tra Germania e Italia Gentile partecipante, La invitiamo ad aderire al presente sondaggio, realizzato

Dettagli

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia

LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA. L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA L INTEGRAZIONE EUROPEA: 50 anni di storia Che cos è l'unione europea L Ue èun soggetto politico a carattere sovranazionale ed intergovernativo Èformato da 27paesi membri indipendenti

Dettagli

- i costi di viaggio; - i costi di soggiorno (vitto, alloggio, trasporti urbani, comunicazione, assicurazione del viaggio).

- i costi di viaggio; - i costi di soggiorno (vitto, alloggio, trasporti urbani, comunicazione, assicurazione del viaggio). ESTRATTO DELL ALLEGATO VI HANDBOOK ERASMUS A.A. 2008/2009 Estratto della Guida per le Agenzie Nazionali per l implementazione del Programma LLP, dell Invito a presentare proposte 2008 e della Guida del

Dettagli

Istruzioni per le immatricolazioni e riconoscimento titoli di studio accademici

Istruzioni per le immatricolazioni e riconoscimento titoli di studio accademici - MODALITA IMMATRICOLAZIONE Per conoscere le modalità per l'immatricolazione ai corsi di laurea di cittadini stranieri collegati al sito: http://www.miur.it/0002univer/0023studen/0059studen/0619docume/4794dispos.htm

Dettagli

Cittadini stranieri e riconoscimento dei titoli di studio e professionali: che fare?

Cittadini stranieri e riconoscimento dei titoli di studio e professionali: che fare? Cittadini stranieri e riconoscimento dei titoli di studio e professionali: che fare? Documentazione e Glossario - 1 - Livello internazionale: I diversi livelli normativi: internazionale, europeo, italiano

Dettagli

Il differenziale retributivo in Europa

Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo di genere gender pay gap, misura la differenza relativa alle retribuzioni delle donne e degli uomini, ovvero il risultato delle discriminazioni

Dettagli

L articolazione del sistema scolastico e la durata complessiva degli studi nell Unione Europea

L articolazione del sistema scolastico e la durata complessiva degli studi nell Unione Europea L articolazione del sistema scolastico e la durata complessiva degli studi nell Unione Europea Riportiamo i grafici relativi alle strutture dei sistemi educativi europei così come l Unione Europea attraverso

Dettagli

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Econpubblica - Centre for Research on the Public Sector La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Giampaolo Arachi Università del Salento e Econpubblica Alberto Zanardi, Università di Bologna

Dettagli

La C arta sociale in breve

La C arta sociale in breve LaCarta in breve sociale La Carta sociale europea Diritti umani, insieme, tutti i giorni La Carta sociale europea (qui di seguito denominata «la Carta») è un trattato del Consiglio d Europa che enuncia

Dettagli

INGHILTERRA (REGNO UNITO) Docenti età 3-11. Laurea triennale/quadriennale +1 anno di formazione professionale MODELLO CONSECUTIVO

INGHILTERRA (REGNO UNITO) Docenti età 3-11. Laurea triennale/quadriennale +1 anno di formazione professionale MODELLO CONSECUTIVO Formazione iniziale Cercare tra le buone prassi Abbiamo più volte sottolineato come ogni sistema di istruzione sia un unicum storicamente determinatosi, e quindi come non sia possibile, né auspicabile,

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari)

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari) IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO Intervento a Urbanpromo 2012 di Mario Breglia (Presidente di Scenari Immobiliari) OTTOBRE 2012 1 1. Introduzione Il termine social housing è difficile

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI ALLEGATO B Compilare l atto di candidatura, stamparlo, firmarlo ed inviarlo all Agenzia Nazionale LLP Italia per posta, o a mezzo fax nelle modalità specificate nell Invito a presentare candidature ESPERTI

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

Le Istituzioni dell UE

Le Istituzioni dell UE Le Istituzioni dell UE Il Parlamento europeo 754 Membri del Parlamento Potere legislativo condiviso con il Consiglio Potere di bilancio condiviso con il Consiglio Potere di controllo politico Il Consiglio

Dettagli

Direzione degli affari europei DAE L Unione europea

Direzione degli affari europei DAE L Unione europea Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione degli affari europei DAE L Unione europea Giugno 2015 Contenuto 1. Grandi linee 2. Funzionamento 3. Trattati 4. Organi e istituzioni European Union,

Dettagli

PROGRAMMA Lifelong Learning - ERASMUS

PROGRAMMA Lifelong Learning - ERASMUS . p.1/10 Università della Calabria PROGRAMMA Lifelong Learning - ERASMUS Dr. Antonio Fuduli (Corso di Laurea in Informatica) Dr. Gennaro Infante (Corso di Laurea in Matematica) . p.2/10 Lifelong Learning

Dettagli

Libera circolazione delle persone

Libera circolazione delle persone Libera circolazione delle persone Giugno 2014 L Accordo sulla libera circolazione delle persone (ALC) concede agli Svizzeri e ai cittadini degli Stati membri dell Unione europea (UE) il diritto di scegliere

Dettagli

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011

Obiettivi. Priorità permanenti. Priorità annuali 2011 Gioventù in Azione 2007-20132013 INIZIATIVE GIOVANI Agenzia Nazionale per i Giovani Priorità ed obiettivi del programma Obiettivi Cittadinanza attiva Solidarietà e tolleranza tra i giovani Comprensione

Dettagli

UNISCITI ORA AI MIGLIORI PARRUCCHIERI D EUROPA

UNISCITI ORA AI MIGLIORI PARRUCCHIERI D EUROPA UNISCITIORAAIMIGLIORIPARRUCCHIERID EUROPA 10dicembre2012 Gentile, Tuttiipaesieuropeidispongonodiproprisisteminazionaliperlaformazioneelaqualificadiparrucchieri

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013

AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013 AUMENTO ALIQUOTA IVA DAL 1 OTTOBRE 2013 pagina 1 di 14 Aliquota IVA dal 21 al 22 % Aumento solo per aliquota ordinaria Decorrenza: martedì 1 ottobre 2013 Invariate aliquote ridotte (4 e 10%) e di compensazione

Dettagli

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica Osservatorio Energia Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica L impatto della nuova politica energetica europea sulla crescita economica e l occupazione in Italia Giuseppe Travaglini

Dettagli

Conservatorio di Musica G. Verdi di Como BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO

Conservatorio di Musica G. Verdi di Como BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO Prot. n. 291c23b del 27.01.2015 Conservatorio di Musica G. Verdi di Como ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO premessa PROGRAMMA

Dettagli