COMUNE DI CORNALE (PV) P.G.T. Piano Governo del Territorio I N D I C E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CORNALE (PV) P.G.T. Piano Governo del Territorio I N D I C E"

Transcript

1 I N D I C E 1. METODOLOGIA E CONTENUTI DELLO STUDIO Pag INQUADRAMENTO GEOGRAFICO Pag LINEAMENTI CLIMATICI Pag CARATTERISTICHE GEOAMBIENTALI Pag Riferimenti bibliografici Pag Geologia e geomorfologia Pag Pedologia Pag Idrografia e rischio idraulico Pag Idrogeologia Pag Vulnerabilita della falda Pag PRIMA CARATTERIZZAZIONE LITOLOGICA E GEOTECNICA DEI TERRENI Pag CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO E ASPETTI NORMATIVI Pag PERICOLOSITA SISMICA LOCALE Pag PIANIFICAZIONE PAESISTICA, IDROGEOLOGICA, Pag. 35 IDRAULICA SOVRACOMUNALE 9. FATTIBILITA GEOLOGICA PER LE AZIONI DI PIANO Pag. 40

2 1. METODOLOGIA E CONTENUTI DELLO STUDIO La presente relazione illustra e commenta i risultati delle indagini geologiche, geomorfologiche, idrogeologiche e sismiche condotte nel territorio comunale di Cornale ai fini della predisposizione del Piano di Governo del Territorio P.G.T. secondo quanto previsto dall art.57 della L.R. 11 marzo n 12. Lo studio fa esplicito riferimento ai criteri e agli indirizzi della DGR n 8/7374 del 28 maggio 2008, Aggiornamento dei Criteri ed indirizzi per la definizione della componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio, in attuazione dell art.57, comma 1, della L.R. 11 marzo 2005, n 12, approvati con d.g.r. 22 dicembre 2005, n 8/1566. In particolare è stato seguito lo schema metodologico indicato nella suddetta delibera regionale che individua tre fasi successive: fase di analisi, fase di sintesi/valutazione e fase di proposta. Tali fasi sono state eseguite preliminarmente allo sviluppo del progetto urbanistico. Fase di analisi: ricerca storica bibliografica, inquadramento e analisi delle caratteristiche geologiche, geomorfologiche, idrogeologiche, idrauliche e sismiche del territorio comunale con realizzazione dei sotto elencati elaborati cartografici. E stato recepito il Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI-DPCM 24 maggio 2001) che ricomprende anche il precedente Piano Stralcio delle Fasce Fluviali (PSFF-DPCM luglio 1998) attuati dall Autorità di Bacino del fiume Po ai sensi della Legge 183/89 che individua nel territorio comunale la Fascia A (fascia di deflusso della piena), la Fascia B (fascia di esondazione) e la Fascia C (area di inondazione per piena catastrofica). Per il T. Curone si è fatto riferimento ai seguenti studi idraulici redatti dal Prof. Ing. Luigi Natale: Studio idrologico-idraulico del bacino del T. Curone, 1994, e Progetto di massima della sistemazione dell alveo del torrente Curone nel territorio della Regione Lombardia, Tav. DP.G.01 - Inquadramento territoriale e confini amministrativi scala 1: Tav. DP.G.02 - Carta geologica e geomorfologica scala 1:5.000 Tav. DP.G.03 - Carta geopedologica scala 1:5.000 Tav. DP.G.04 - Carta idrogeologica scala 1:5.000 Tav. DP.G.05 - Carta della pericolosità sismica locale PSL scala 1:5.000 Pagina 1

3 Fase di sintesi/valutazione la fase di sintesi/valutazione è definita tramite la carta dei vincoli, che individua le limitazioni d uso del territorio derivanti da normative in vigore di contenuto prettamente geologico, e la carta di sintesi che propone una zonazione del territorio in funzione dello stato di pericolosità geologico-geotecnico e della vulnerabilità idraulica e idrogeologica. Tav. DP.G.06 - Carta dei vincoli scala 1:5.000 Tav. DP.G.07 - Carta di sintesi scala 1:5.000 Fase di proposta è definita attraverso la redazione della carta della fattibilità geologica delle azioni di piano e delle norme geologiche di piano. Al fine di garantire omogeneità e obbiettività nelle valutazioni di merito tecnico tale fase prevede modalità standardizzate di assegnazione della classe di fattibilità agli ambiti omogenei per pericolosità geologica e geotecnica e vulnerabilità idraulica e idrogeologica individuati nella fase di sintesi. Alle classi di fattibilità individuate sono stati sovrapposti gli ambiti soggetti ad amplificazione sismica locale (cfr Cap.7) che non concorrono a definire la classe di fattibilità, ma ai quali è associata una specifica normativa che si concretizza nelle fasi attuative delle previsioni del P.G.T.. In relazione al rischio idraulico/idrogeologico ed ai vincoli sovra comunali il territorio comunale risulta molto penalizzato e di conseguenza sulla base anche di quanto indicato dalla normativa regionale, sono state utilizzate solo le classi di fattibilità geologica III Fattibilità con consistenti limitazione e IV Fattibilità con gravi limitazioni. La Classe III è stata suddivisa in tre sottoclassi e la Classe IV in sei sottoclassi come specificato al Cap. 9 a cui si rimanda. A completamento della fase di proposta sono state redatte le Norme geologiche di Piano. Tav. DP.G.08 - Carta della fattibilità geologica per le azioni di piano scala 1:5.000 Tav. DP.G.09 - Carta della fattibilità del centro abitato scala 1:2.000 Tav. DP.G.10 - Carta della fattibilità geologica per le azioni di piano CTR scala 1: Le carte della fattibilità geologica per le azioni di piano DP.G.08 e DP.G.09 e le Norme geologiche di Piano sono parti integranti del P.G.T. in quanto costituiscono i documenti di base e di riferimento delle scelte progettuali dello stesso P.G.T. pertanto per la loro modifica sarà sempre necessario adottare la procedura tecnico-amministrativa prevista per le varianti urbanistiche. Pagina 2

4 2. INQUADRAMENTO GEOGRAFICO Il territorio comunale di Cornale è situato nel settore sud-ovest della provincia di Pavia al confine con la regione Piemonte è completamente pianeggiante ed ha una superficie di circa 1.9 km 2. Confina a nord e nord-est con il comune di Mezzana Bigli (PV) a ovest, sud e nord-est con quello di Casei Gerola (PV) ad ovest con Isola di S.Antonio (AL) ed infine ad est con Bastida de Dossi tramite un limite naturale rappresentato dal T.Curone. Nella Carta Tecnica Regionale in scala 1: il territorio comunale è ricompreso nelle sezioni A8d2 e A8e2. L altitudine varia da una quota minima di 65 m s.l.m. in corrispondenza dell alveo del Fiume Po ad una quota massima di 75.8 m s.l.m. al margine sud-est. Nel territorio oltre al Fiume Po sono presenti il T. Scrivia nel settore centrale ed il T. Curone lungo il confine orientale. L agglomerato urbano si sviluppa interamente ad est della S.P. n 206 sopraelevato rispetto alla zona di divagazione e di deflusso della piena del F. Po. 3. LINEAMENTI CLIMATICI Per la valutazione delle condizioni termopluviometriche del territorio comunale si sono utilizzati gli studi eseguiti da Rossetti R., Ottone C.,1979 Esame preliminare delle condizioni pluviometriche dell Oltrepo Pavese e dei valori critici delle precipitazioni in relazione ai fenomeni di dissesto franoso, Aquater-Tecneco, 1988 Piano per il riassetto territoriale dell Oltrepo Pavese - Climatologia e bilanci idrici e ERSAL, 2001 Climi e suoli lombardi e i dati del periodo dell Istituto Tecnico Agrario C. Gallini di Voghera. Il clima dell Oltrepo Pavese si avvicina a quello tipico delle zone continentali, con inverno rigido ed estate calda. Subisce poco l influenza mitigatrice del mare per la presenza dei rilievi appenninici e ad un periodo di freddo secco (gennaio-marzo) segue una primavera mediamente piovosa che passa da un clima freddo-umido ad un clima caldo-umido per poi sfociare in un estate calda-secca caratterizzata da temperature medie dell'aria piuttosto elevate. Pagina 3

5 Con l'arrivo dell'autunno si assiste ad un comportamento differente da mese a mese, e si passa da un settembre a clima caldo-secco ad un ottobre con clima generalmente caldo e precipitazioni frequenti che raggiungono il loro valore massimo medio mensile in novembre. In dicembre le temperature si abbassano e permangono precipitazioni di media intensità. Il bacino intrinseco del fiume Po evidenzia una netta differenziazione tra il clima della parte settentrionale della regione e quello dell Oltrepo. In particolare è evidente l inversione dei minimi di pioggia che in quest area avvengono in estate mentre nel resto della Lombardia si verificano d inverno. Rifacendosi alla classificazione climatica di Pinna (1970) le due parti (pianura e collina) rientrano sotto l influenza del clima temperato sub-continentale. Per quanto riguarda i principali parametri climatici si è fatto riferimento ai dati dell Istituto Tecnico Agrario Statale Carlo Gallini di Voghera riferiti al periodo Nelle figure di seguito riportate sono visualizzati in forma tabellare i dati meteorologici mensili dal 1997 al 2009 registrati alla stazione di Voghera. Nelle figure 1 e 2 sono riportati i grafici relativi alle temperature massime e minime mensili del periodo tra il 1997 e il 2009 sempre riferite alla stazione di Voghera. Anno 1997 Pagina 4

6 Anno 1998 Anno 1999 Pagina 5

7 Anno 2000 Anno 2001 Pagina 6

8 Anno 2002 Anno 2003 Pagina 7

9 Anno 2004 Anno 2005 Pagina 8

10 Anno 2006 Anno 2007 Pagina 9

11 Anno 2008 Anno 2009 Pagina 10

12 gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Temperatura C gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Temperatura C COMUNE DI CORNALE (PV) Fig. 1 Temperature massime mensili 40,00 35,00 30,00 25,00 20,00 15,00 10,00 5,00 0, Fig. 2 Temperature minime mensili 28,00 24,00 20,00 16,00 12,00 8,00 4,00 0,00-4,00-8, Pagina 11

13 gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Temperatura C COMUNE DI CORNALE (PV) Nella Fig.3 è indicato un confronto tra le temperature medie mensili assolute nel periodo e le temperature medio-massime e medio-minime nello stesso periodo. Dal grafico si evince che la temperatura media assoluta varia da un minimo di 2 nel mese di gennaio ad un massimo di circa 24 nel mese di luglio. Fig. 3 Temperature medie assolute e dal 1997 al 2009 riferite alla stazione di Voghera 35,00 30,00 25,00 Medio max Medio min Media assoluta 20,00 15,00 10,00 5,00 0,00-5,00 L analisi delle precipitazioni medie mensili rilevate nel periodo nella stazione di Voghera indica la presenza di due massimi e di due minimi ben marcati che caratterizzano la distribuzione delle precipitazioni dell'anno medio. Dei massimi il principale cade a novembre, il secondo ad aprile, i minimi sono posizionati nei mesi di febbraio e luglio (cfr. Fig.4 e Fig.5). La distribuzione delle precipitazioni indica un regime pluviometrico di tipo appenninico. Pagina 12

14 gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Precipitazioni [mm] gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Precipitazioni [mm] COMUNE DI CORNALE (PV) Fig. 4 Precipitazioni mensili nel periodo riferite alla stazione di Voghera Fig. 5 Precipitazioni medie mensili nel periodo riferite alla stazione di Voghera Pagina 13

15 4. CARATTERISTICHE GEOAMBIENTALI 4.1 Riferimenti bibliografici Le caratteristiche geologiche, geomorfologiche, pedologiche e idrogeologiche del territorio visualizzate nelle Tav. DP.G.02, DP.G.03 e DP.G.04 sono state definite con rilievi diretti in sito, e utilizzando le seguenti pubblicazioni: [1] L. Pellegrini, P.L. Vercesi Considerazioni Morfoneotettoniche sulla zona sud del Po tra Voghera (PV) e Sarmato (PC), 1995; [2] Carta Geologica d Italia Foglio 58 Mortara e note illustrative; [3] Ente regionale di Sviluppo Agricolo della Lombardia ERSAL - Progetto Carta Pedologica I suoli dell Oltrepo Pavese, 2001 ; [4] Regione Lombardia-ENI Geologia degli Acquiferi Padani della Regione Lombardia ; [5] G.Marchetti, F. Cavanna, P.L. Vercesi, Fondazione Lombardia per l Ambiente - Il caso della pianura dell Oltrepo Pavese e del relativo margine collinare Idrogeomorfologia e insediamenti a rischio ambientale, 1998; [6] S. Cotta Ramusino, G.F. Peloso e altri La falda freatica nella pianura oltrepadana pavese ed in quella alessandrina: considerazioni sulla vulnerabilità potenziale, 1988; [7] S. Cotta Ramusino Caratteri idrogeologici della prima falda acquifera nella zona di pianura dell Oltrepo Pavese, 1983; [8] A. Ghezzi Inquadramento generale delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Pavia in Contributi preliminari al programma per la conservazione, il recupero e la gestione del patrimonio idrico provinciale, 1976; [9] Braga G., Cerro A. Le strutture sepolte della pianura pavese e le relative influenze sulle risorse idriche sotterranee ; [10] G.Pilla, E. Sacchi, G. Ciancetti - Studio idrogeologico, idrochimico ed isotopico delle acque sotterranee del settore di pianura dell Oltrepo Pavese (pianura lombarda meridionale) [11] Regione Lombardia Programma di Tutela e Uso delle Acque - All.10 alla relazione generale. Pagina 14

16 4.2 Geologia e geomorfologia (cfr. Tav. DP.G.02) Dal punto di vista geomorfologico il territorio comunale di Cornale è caratterizzato dalla presenza di due distinti ripiani di genesi alluvionale (cfr. Fig. 6): quello delle Alluvioni medioantiche appartenenti al ripiano principale della pianura a sud del Po, morfologicamente più rilevato e più antico su cui sorge l abitato e quello più basso e recente delle Alluvioni recenti ed attuali che occupa la restante parte del comune di origine post-glaciale che rappresenta la fascia di divagazione olocenica del F.Po come evidenziato dalle diverse tracce di paleomeandri fluviali ad andamento più o meno arcuato che caratterizzano tutta l area golenale tra i quali il più evidente è quello dove si è impostato il corso del Colatore Calvenza. Fig. 6 Assetto geomorfologico generale del territorio Tratta da [5] Depositi attuali e recenti Depositi medio-antichi ripiano principale della pianura a sud del Po Pagina 15

17 Fig. 7 Principali elementi geomorfologici del territorio Tratta da [5] Pagina 16

18 L origine del ripiano principale della pianura è connessa all imponente attività deposizionale esercitata dal Fiume Po e dai suoi affluenti tra cui il T. Scrivia e il T. Curone nel corso dell ultima fase di espansione glaciale pleistocenica (Wurm). E caratterizzato da una superficie pianeggiante, solo localmente interessata da blande ondulazioni, con una debole pendenza generale verso N-NE. I suddetti ripiani risultano separati da una scarpata di erosione fluviale che risulta ben evidente ad ovest della S.P. n 206 dove raggiunge un altezza di circa 3 m, mentre nel settore a nord-est della S.P.25-Via Cavour i depositi più antichi degradano dolcemente verso il ripiano inferiore. Tale scarpata assume un caratteristico andamento a tratti arcuati che ricalca quello meandriforme di antichi precorsi del F. Po nell ambito del ripiano alluvionale più basso e recente. Nella cartografia geologica ufficiale rappresentata dal Foglio 58 Mortara (cfr. Fig.8) i depositi alluvionali su cui sono modellati i suddetti ripiani vengono distinti in Alluvioni terrazzate ghiaiose-sabbiose o limose recenti e attuali a 3 (Olocene) e in Alluvioni medio-antiche appartenenti al ripiano principale della pianura a sud del Po a 1 fl w (Olocene- Pleistocene) Fig. 8 Stralcio Carta Geologica d Italia, Foglio 58 Mortara a 3 a 1 fl w Pagina 17

19 Dal punto di vista litostratigrafico le alluvioni attuali e recenti del Fiume Po e dei torrenti Scrivia e Curone sono rappresentate da sabbie, sabbie limose e in subordine ghiaie, sciolte o scarsamente addensate, mentre le alluvioni medio-antiche sono costituite da alternanze di sabbie, ghiaie e in subordine limi argillosi con presenza in superficie di un livello limoso argilloso con spessore dell ordine di 5-6 m. 4.3 Pedologia (cfr. Tav. DP.G.03) I caratteri geopedologici visualizzati nella Tav. DP.G.03 sono stati desunti dalla carta pedologica I suoli dell Oltrepo Pavese 2001 a cura dell ERSAL. La suddetta carta fornisce una zonizzazione basata sull attitudine dei suoli agli usi agricolo ed estrattivo. Escludendo le aree urbanizzate, i corsi d acqua, i depositi fluviali attivi e le cave, all interno del territorio comunale di Cornale si distinguono le unità cartografico-pedologiche di seguito descritte. Unità cartografica n 28 GOD1 Suoli della superficie principale della pianura a sud del Po. Suoli molto profondi (> 150 cm) su substrato limoso, a tessitura da moderatamente fine a media, calcarei, a reazione molto alcalina e drenaggio buono. Sono dotati di capacità di cambio cationico C.S.C. e tasso di saturazione in basi T.S.B. elevati. L uso del suolo è a seminativo con prevalenza di frumento e mais. Classificazione USDA 1994 Udifluventic Ustocrhepts, fine silty, mixed, mesic Classificazione FAO 1990 Calcaric cambisols Classe di capacità d uso IIs moderate limitazioni d uso dovute principalmente alla tessitura dell orizzonte superficiale e richiedono un opportuna scelta delle colture praticabili e/o moderate pratiche conservative. Attitudine dei suoli allo spandimento agronomico di liquami adatti Attitudine dei suoli a ricevere fanghi di depurazione urbana adatti Capacità protettiva dei suoli nei confronti delle acque sotterranee moderata Capacità protettiva dei suoli nei confronti delle acque superficiali elevata Valore naturalistico basso Pagina 18

20 Unità cartografica n 52 ISN2 Suoli delle aree golenali del fiume Po a rischio d inondazione molto elevato (Fascia A). Sono suoli molto profondi (> 150 cm), su substrato sabbioso e limoso, a tessitura media, calcarei, a reazione alcalina o molto alcalina e drenaggio mediocre. Sono dotati di capacità di cambio cationico C.S.C. media e tasso di saturazione in basi T.S.B. elevato. Uso del suolo prevalente pioppeti e vegetazione naturale. Classificazione USDA 1994 Oxyaquic Ustifluvents, coarse silty, mixed, (calcareous) mesic Classificazione FAO 1990 Calcaric fluvisols Classe di capacità d uso Vw limitazioni d uso dovute all elevato rischio d inondazione Attitudine dei suoli allo spandimento agronomico di liquami non adatti Attitudine dei suoli a ricevere fanghi di depurazione urbana non adatti Capacità protettiva dei suoli nei confronti delle acque sotterranee moderata Capacità protettiva dei suoli nei confronti delle acque superficiali bassa Valore naturalistico basso Unità cartografica n 53 ISN1 Suoli appartenenti alla Fascia B con rischio di inondazione elevato. Sono suoli molto profondi (> 150 cm), su substrato sabbioso e limoso, a tessitura media, calcarei, a reazione alcalina o molto alcalina e drenaggio mediocre. Sono dotati di capacità di cambio cationico C.S.C. media e tasso di saturazione in basi T.S.B. elevato. Uso del suolo pioppeti e seminativi. Classificazione USDA 1994 Oxyaquic Ustifluvents, coarse silty, mixed, (calcareous) mesic Classificazione FAO 1990 Calcaric fluvisols Classe di capacità d uso IIIws severe limitazioni d uso dovute al rischio d inondazione ed alla fertilità dell orizzonte superficiale che riducono la scelta delle colture o richiedono particolari pratiche di conservazione. Attitudine dei suoli allo spandimento agronomico di liquami moderatamente adatti Attitudine dei suoli a ricevere fanghi di depurazione urbana poco adatti Capacità protettiva dei suoli nei confronti delle acque sotterranee moderata Capacità protettiva dei suoli nei confronti delle acque superficiali moderata Valore naturalistico basso Pagina 19

21 4.4 Idrografia e rischio idraulico (cfr. Tav. DP.G.04) Il territorio comunale di Cornale risulta interessato oltre che dal F.Po da due corsi d acqua di importanza interregionale e cioè il T.Curone e il T.Scrivia. Pur interessando con il suo corso solo il margine nord-occidentale, il F.Po influenza con il suo regime idrografico l intero territorio comunale il quale risulta soggetto a rischio idraulico per esondazione e il Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI-DPCM 24 maggio 2001) che ricomprende anche il precedente Piano Stralcio delle Fasce Fluviali (PSFF-DPCM luglio 1998) attuato dall Autorità di Bacino del fiume Po ai sensi della Legge 183/89, individua nel territorio comunale le fasce fluviali A, B e C. Il T. Scrivia scorre con direzione WSW-ENE per un breve tratto (circa 600 m) ad ovest della S.P. n 206 e all altezza del depuratore comunale assume direzione SE-NW confluendo nel Fiume Po. Il T. Curone scorre lungo il confine orientale del territorio comunale con direzione da sud verso nord e confluisce nel F. Po, circa tre km a nord-est all altezza di Corana. Il suddetto corso d acqua ha in passato esondato più volte soprattutto nel territorio comunale di Casei Gerola. A seguito dell alluvione del 1993 la Regione Lombardia commissionò al Prof. Ing. Luigi Natale dell Università di Pavia uno studio idrologico-idraulico (Studio idrologicoidraulico del bacino del T. Curone, 1994) e successivamente una progettazione di sistemazione dell alveo (Progetto di massima della sistemazione dell alveo del torrente Curone nel territorio della Regione Lombardia, 1995). Sulla base dei suddetti studi la Regione Lombardia nel 2001 (Lavori di sistemazione idraulica sul T. Curone nei comuni di Casei Gerola, Bastida dè Dossi e Cornale) e l A.I.PO nel (Lavori di sistemazione idraulica del tratto terminale del T. Curone) eseguivano lavori di sistemazione idraulica riducendo notevolmente il rischio idraulico per esondazione diretta del T. Curone. Rimane invece un rischio reale di esondazione in una porzione di territorio a confine con il comune di Casei Gerola la quale risulta allagabile per fenomeni di rigurgito del F.Po come più volte accaduto in passata in occasione di eventi alluvionali importanti. Tale possibile situazione è stata tenuta in considerazione nella fattibilità geologica assegnando all area una classe di fattibilità IV. Pagina 20

22 Per quanto riguarda l idrografia minore è presente un solo corso d acqua che rappresenta la prosecuzione per un tratto di circa 860 m del Colatore o Fosso Calvenza. In origine il colatore Calvenza interessava solo il comune di Casei Gerola con sbocco nel F.Po. Nella Tav.DP.G.06 è indicato con il colore azzurro il tratto originario nel comune di Casei Gerola (iscritto nell elenco delle acque pubbliche della Provincia di Pavia con il numero 108) e con il colore rosso il tratto realizzato successivamente nei comuni di Casei Gerola e Cornale fino alla nuova foce, rappresentata dal T.Scrivia più o meno all altezza del depuratore comunale. 4.5 Idrogeologia (cfr. Tav. DP.G.04) L assetto idrogeologico è fortemente condizionato dalla presenza del Fiume Po e della sua area di divagazione nonché dalle caratteristiche litostratigrafiche del sottosuolo. Nell ambito del territorio comunale sulla base della composizione litologica dei terreni più superficiali e di quelli più profondi, desunta da alcune indagini geognostiche eseguite nell abitato e dalla stratigrafia del pozzo ad uso idropotabile ubicato in via Giuseppe Garibaldi (cfr. Fig.9), si possono distinguere due principali unità idrogeologiche con diversa permeabilità superficiale (cfr. Fig.10 e Tav. D.P.G.04). Unità idrogeologica a permeabilità superficiale primaria medio-alta per porosità: è rappresentata dai depositi alluvionali recenti ed attuali che si sviluppano a ridosso dell asta fluviale del Fiume Po e sono litologicamente costituiti da sabbie, sabbie limose, limi sabbiosi e in subordine ghiaie in scarsa matrice sabbioso-limosa. In tale unità rientrano anche i depositi costituiti dalle alluvioni recenti ed attuali del T.Scrivia e del T. Curone. Unità idrogeologica a permeabilità superficiale primaria medio-bassa ed elevata in profondità: è costituita dai depositi alluvionali medio-antichi, sempre prevalentemente di natura grossolana (sabbie e ghiaie con locali e discontinue intercalazioni lenticolari di argille o limi argillosi), sui quali è modellata la superficie principale della pianura, alla cui sommità è presente una coltre di copertura limoso argillosa ( limi di stanca ) con spessore variabile da 6 a 8 m (cfr. Fig.11) che rende generalmente ridotta la permeabilità superficiale. Pagina 21

23 Fig. 9 Stratigrafia pozzo idropotabile (filtri da 26 a 32 m e da 56 a 62 m da p.c.) m dal piano campagna 0.00 Argilla 6.00 Ghiaia, ghiaietto Lignite Ghiaia e ghiaietto con sabbia grossa Ghiaia e sabbia fine Ghiaia e ghiaietto e ciottoli con sabbia media Argilla cenere Ghiaia e ghiaietto con sabbia grossa Ghiaia e ghiaietto con poca sabbia Argilla con lignite Sabbia Sabbia grossa con ghiaia e ghiaietto Sabbia grossa con tracce di ghiaietto Argilla Pagina 22

24 Fig. 10 Unità idrogeologiche Tratta da [5] Pagina 23

25 Fig. 11 Carta della copertura del primo acquifero Isopache della litozona superficiale limoso-argillosa Tratta da [5] Pagina 24

26 Se in termini di permeabilità/litologia superficiale è possibile fare la suddetta distinzione, per gli strati più profondi, almeno fino a 60 m circa, non è più possibile fare una vera distinzione in quanto i terreni sono sempre a granulometria grossolana e le intercalazioni di livelli limoargillosi sono di scarso o nullo significato idrogeologico in quanto la loro discontinuità areale non consente l istaurarsi di falde diversificate. Si è quindi si è in presenza di un unico acquifero di tipo freatico idraulicamente non differenziato ed in diretta relazione con il F.Po con il senso di deflusso generale verso N-NE, e gradiente piezometrico dell ordine di 1 2 e quote variabili nell ambito del territorio comunale da 69 a 67 m s.l.m. (cfr. Fig. 12). Data l assenza di un numero adeguato di punti di misura per la definizione della piezometria media della falda all interno del territorio comunale riportata nella Tav. DP.G.04 si è fatto riferimento ai dati indicati nelle pubblicazioni precedentemente menzionate e a misure dirette eseguite in alcuni pozzi presenti nel comune di Case Gerola. Fig. 12 Carta delle isopiezometriche (Febbraio 2005) Tratta da [10] Pagina 25

27 Dall esame del campo di moto si osserva come il Fiume Po esercita costantemente, un azione drenante nei confronti delle acque sotterranee ad eccezione di brevi periodi di piena durante i quali si assiste ad un temporaneo innalzamento della superficie freatica con valori prossimi al piano campagna nella zona golenale. Le variazioni dei livelli piezometrici si mantengono entro valori abbastanza modesti, generalmente inferiori al metro; in particolare essi raggiungono il loro massimo all inizio della primavera e poi decrescono fino al mese di ottobre, prima di risalire di nuovo, grazie alle precipitazioni autunnali; i minimi piezometrici si rinvengono normalmente nel mese di dicembre. In generale la soggiacenza minima (minima distanza della superficie piezometrica dal piano campagna) assume valori dell ordine di 6 m nel settore più elevato del territorio comunale, ossia quello interessato dall agglomerato urbano, ed è prossima al piano campagna in quello più ribassato coincidente con la piana golenale del fiume Po. 4.6 Vulnerabilità della falda La vulnerabilità di un acquifero è legata alla possibilità di penetrazione e propagazione di un eventuale inquinante nell acquifero stesso, per cui dipende principalmente dall attitudine di un deposito a farsi attraversare da parte di un eventuale inquinante legata a diversi fattori fra cui i principali risultano essere lo spessore del non saturo e la litologia che lo caratterizza. Per la valutazione preliminare della vulnerabilità dell acquifero si è fatto riferimento a quanto riportato nell Allegato 10 alla relazione generale del Programma di Tutela e Uso delle Acque della Regione Lombardia. In tale studio la vulnerabilità intrinseca dell acquifero viene valutata attraverso le caratteristiche idrogeologiche del sottosuolo (soggiacenza della falda e spessore dei litotipi a bassa permeabilità presenti all interno della zona insatura) e della capacità protettiva dei suoli. Come visualizzato nella Fig. 13 la zona di divagazione ed esondazione del F. Po dove la soggiacenza della falda è ridotta, i terreni sono permeabili ed è assente una coltre di copertura limoso argillosa la vulnerabilità è alta (colore giallo), nell abitato dove è presente una coltre di copertura limoso argillosa con spessore variabile da 6 a 8 m che riduce la permeabilità superficiale la vulnerabilità è media (verde scuro). Pagina 26

28 Fig. 13 Carta della vulnerabilità degli acquiferi Tratta da [11] Pagina 27

29 5. PRIMA CARATTERIZZAZIONE LITOLOGICA E GEOTECNICA DEI TERRENI La caratterizzazione litostratigrafica e geotecnica di massima dei terreni del territorio comunale è stata eseguita utilizzando la stratigrafia del pozzo idrico (cfr. Fig.9 ) e i risultati di alcune prove penetrometriche statiche CPT realizzate dallo scrivente e da altri Autori nell abitato di Cornale e nella zona circostante. Sulla base dei suddetti dati i terreni di diretto interesse ai fini urbanistici (primi 10 m) risultano costituiti nel settore più elevato del territorio comunale, ossia quello interessato dall agglomerato urbano, da uno strato limoso-argilloso di media consistenza con spessore dell ordine di 5 6 m e cui seguono sabbie e sabbie ghiaiose, mentre nel settore più ribassato, coincidente con la piana golenale del Fiume Po, i terreni sono prevalentemente sabbiosi limosi poco addensati con ridotti valori di resistenza al taglio e di deformabilità. 6. CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO E ASPETTI NORMATIVI Il panorama legislativo in materia sismica è stato profondamente trasformato dalle recenti normative nazionali ovvero dalle Ordinanze PCM n 3274/2003 che è entrata in vigore dal 25 ottobre 2005 data coincidente con la pubblicazione della prima stesura delle norme tecniche per le costruzioni. La riclassificazione sismica del territorio nazionale prevede che tutto il territorio sia classificato sismico definendo la Mappa di Pericolosità Sismica del Territorio Nazionale espressa in termini di accelerazione massima del suolo con probabilità di eccedenza del 10% in 50 anni riferiti a suoli rigidi (cfr. Fig. 14). In relazione alla pericolosità sismica, il territorio nazionale è stato suddiviso in quattro classi (cfr. Fig. 15) con livelli decrescenti di pericolosità in funzione a quattro differenti valori di accelerazione orizzontale massima al suolo a g475, ossia quella riferita al 50esimo percentile, ad una vita di riferimento di 50 anni e ad una probabilità di superamento del 10% riferiti a suoli rigidi caratterizzati da Vs 30 > 800 m/s. Zona 1 a g g Zona < a g g Zona < a g g Zona 4 a g475 < 0.05g Pagina 28

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE

MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE MINISTERO DELL AMBIENTE, DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE GENERALE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO E DELLE RISORSE IDRCHE DOCUMENTO CONCLUSIVO DEL TAVOLO TECNICO STATO REGIONI INDIRIZZI OPERATIVI

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(*" ))*))( *!* %*& ($,0$. *%

#$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) % //(*%(* ))*))( *!* %*& ($,0$. *% !" " //(*%(*" ))*))( *!* *(*/-*%(*2,&2 %*&!" #$%&$'%'&%% ($)&*$%% +* ($) %,%,-.%*" ($)&*$/% ')( ($,0$. *% ($,1% 2 ...4 #$%...4 &...5...6...7...8 Le aree estrattive provinciali... 8 Il contesto territoriale...

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

GTT S.p.A. GRUPPO TORINESE TRASPORTI METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO LINEA 1 PROGETTO PRELIMINARE GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA

GTT S.p.A. GRUPPO TORINESE TRASPORTI METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO LINEA 1 PROGETTO PRELIMINARE GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA GTT S.p.A. GRUPPO TORINESE TRASPORTI METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO LINEA 1 TRATTA FUNZIONALE PROLUNGAMENTO OVEST PROGETTO PRELIMINARE GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA RELAZIONE TECNICA REV. REDAZIONE

Dettagli

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA LEGGI FONDAMENTALI DELLE NORMESISMICHE SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME SISMICHE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA Giacomo Di Pasquale, Dipartimento della Protezione

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero. (Rev. 2c)

Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero. (Rev. 2c) 1/43 LIFE06/ENV/IT/000255 A.S.A.P. Actions for Systemic Aquifer Protection The A.S.A.P. project is partially funded by the European Union LIFE Programme Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) adottano un approccio prestazionale alla progettazione delle strutture nuove e alla verifica

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

Studio di suscettività d uso dei suoli

Studio di suscettività d uso dei suoli Studio di suscettività d uso dei suoli Schema idrico del Flumineddu per l alimentazione irrigua della Marmilla Studio di dettaglio sulle aree oggetto dell intervento Distretto irriguo della Bassa Marmilla

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga

Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga REPORT FINALE Valutazione dei rischi legati all'ambiente nell'intorno della diga Davide Damato Alessio Colombo Luca Lanteri Rocco Pispico Arpa Piemonte, DT Geologia e Dissesto geologia.dissesto@arpa.piemonte.it

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

REGIONE MOLISE ASSESSORATO ALL'EDILIZIA RESIDENZIALE SETTORE EDILIZIA RESIDENZIALE

REGIONE MOLISE ASSESSORATO ALL'EDILIZIA RESIDENZIALE SETTORE EDILIZIA RESIDENZIALE DIRETTIVA REGIONALE per l'applicazione della legge regionale 6 giugno 1996, n. 20, contenente le "Norme per lo snellimento delle procedure di cui alla legge 2 febbraio 1974 n.64 in attuazione dell'articolo

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DEFINITIVO (Quadro di riferimento progettuale)

1. DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROGETTO DEFINITIVO (Quadro di riferimento progettuale) Allegato 3 CONTENUTI DELLO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE La Giunta regionale con Del. n. 2002/1238 del 15/7/2002 ha approvato la 'Direttiva generale sull'attuazione della disciplina procedura valutazione

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli