STUDIO DI GEOLOGIA TECNICA E AMBIENTALE REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNITA' MONTANA DI VALLE SABBIA COMUNE DI VESTONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO DI GEOLOGIA TECNICA E AMBIENTALE REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNITA' MONTANA DI VALLE SABBIA COMUNE DI VESTONE"

Transcript

1 Dr. Geologo GIOVANNI FASSER REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNITA' MONTANA DI VALLE SABBIA COMUNE DI VESTONE COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (ai sensi dell'art. 57 della L.R. 11 marzo 2005, N. 12) RELAZIONE GEOLOGICA Responsabile del progetto : Dr. Geol. Giovanni Fasser Rilevatori : Dr. Geol. Lara Rossi Dr. Geol. Giovanni Fasser Brescia, 03 febbraio 2009 STUDIO: Viale Piave, BRESCIA - Tel. 030/ Fax 030/ Cell. 339/ stampato su carta riciclata (cer no CQ-COQ-09)

2 2

3 Indice generale 1. PREMESSA RIFERIMENTI NORMATIVI ALLEGATI CATOGRAFICI: ALLEGATI GRAFICI E TABELLE : INQUADRAMENTO GEOGRAFICO SINTESI DEI DATI ESISTENTI MAPPA STORICA DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO BIBLIOGRAFIA INQUADRAMENTO GEOLOGICO UNITA' LITOLOGICHE CALCARE DI ANGOLO (Anisico) FORMAZIONE DI BUCHENSTEIN (LADINICO INF.) FORMAZIONE DI WENGEN (LADINICO SUP.) PORFIRITI LADINICHE CALCARE DI ESINO (Ladinico) ARENARIA DI VAL SABBIA (Carnico inf.-medio) DEPOSITI FLUVIOGLACIALI DEPOSITI ALLUVIONALI DI FONDOVALLE E DI CONOIDE DEPOSITI DI VERSANTE (COPERTURE COLLUVIALI ED ELUVIALI) ACCUMULO DI FRANA RELITTA, QUIESCENTE, ATTIVA Terreno di riporto PEDOLOGIA UNITA LITOTECNICHE Substrato roccioso Coperture ELEMENTI DI DINAMICA GEOMORFOLOGICA ELEMENTI METEO-CLIMATICI GEOMORFOLOGIA A - FORME E DEPOSITI DI TIPO GRAVITATIVO B - FORME LEGATE ALLO SCORRIMENTO DELLE ACQUE SUPERFICIALI C - FORME DI ORIGINE GLACIALE d - FORME ANTROPICHE carta inventario movimenti franosi (Scala 1:10.000) GEOIFFI CARTOGRAFIA PTCP SISTEMA IDROGRAFICO DESCRIZIONE DEI PRINCIPALI ELEMENTI DEL SISTEMA IDROGRAFICO RETICOLO IDRICO PRINCIPALE RETICOLO IDRICO MINORE...32 BACINO DEL FIUME CHIESE BS BACINO DEL TORRENTE NOZZA BS BACINO DEL TORRENTE DEGNONE BS BACINO DEL TORRENTE GORGONE BS Aree periodicamente allagate per tracimazione dei corsi d acqua CARATTERISTICHE IDROGEOLOGICHE DEL TERRITORIO

4 7.1 Unità idrogeologiche Caratteristiche degli acquiferi FONTI DI APPROVVIGIONAMENTO IDRICO PUBBLICHE E PRIVATE QUALITÀ DELLE ACQUE SOTTERRANEE CAPTATE DALLE SORGENTI COMUNALI VULNERABILITA NATURALE DEGLI ACQUIFERI VULNERABILITA DELLE FALDE SUPERFICIALI VULNERABILITA DELLE FALDE IN RETE SISMICITA' PERICOLOSITA' SISMICA LOCALE ANALISI DI 1 LIVELLO ANALISI DI 2 LIVELLO CARTA DEI VINCOLI ESISTENTI CARTA DI SINTESI AREE PERICOLOSE DA UN PUNTO DI VISTA DELL'INSTABILITA' DEI VERSANTI AREE VULNERABILI DAL PUNTO DI VISTA IDRAULICO AREE CON TERRENI CHE PRESENTANO CARATTERISTICHE GEOTECNICHE SCADENTI CARTA DI FATTIBILITA' GEOLOGICA DELLE AZIONI DI PIANO CLASSE 4 - FATTIBILITA' CON GRAVI LIMITAZIONI a - Area di pertinenza del corso d acqua soggetta a fenomeni erosivi collegati all attività idrica b Aree di frana attiva e/o quiescente, coni e falde di detrito attive c Aree a potenziali crolli o caduta massi d Aree di franosità attiva diffusa, fenomeni di creep, soliflusso e Aree già allagate in occasione di precedenti eventi alluvionali (non è definito un tempo di ritorno) f Aree a pericolosità H3-H4-H5 per crolli e H4-H5 per scivolamenti CLASSE 3 - FATTIBILITA' CON CONSISTENTI LIMITAZIONI a Aree interessate da trasporto in massa e flusso di detrito su conoide (Cn) b - Aree di frana inattiva c Aree a pericolosità H2 per crolli e H2-H3 per scivolamenti d Aree allagate in occasione di eventi meteorici eccezionali, con modesti valori di di velocità ed altezze d'acqua e Aree di possibile ristagno f Aree a pericolosità potenziale legata alla possibilità di innesco frane e/o colate di terreno, valutate in base alla pendenza CLASSE 2 - FATTIBILITA' CON MODESTE LIMITAZIONI a - Aree con versanti da debolmente a mediamente inclinati, situate sulla fascia pedemontana, stabili b - Aree a pericolosità H1 sia per crolli, sia per scivolamenti CONCLUSIONI

5 1. PREMESSA Su incarico dell Amministrazione Comunale di Vestone (Determinazione Dirigenziale n. 25/07 del 22/08/2007) è stato eseguito uno studio per la componente geologica, idrogeologica e sismica del Piano di Governo del Territorio, in attuazione dell'art. 57 della L.r. 11 marzo 2005, n. 12, secondo i criteri ed indirizzi per la definizione della componente geologico, idrogeologica e sismica del piano di Piano di Governo del Territorio (D.G.R. 22 dicembre 2005 N. 8/1566 e 24 maggio 2008 N. 8/7374). Lo studio è stato programmato sulla scorta dei dati esistenti e dei vari studi geologici precedenti (a cura dello Studio Geologia Ambiente, Dr. Geol. Laura Ziliani, ) e della documentazione geologica e geotecnica fornita dall'amministrazione Comunale. Si è tenuto conto dello studio specifico per la definizione del reticolo idrico minore dell'intero territorio comunale (ai sensi della L.r. 1/2000), effettuato dallo scrivente. Sono state analizzate le caratteristiche geologiche, geomorfologiche, idrogeologiche e ambientali del territorio comunale, allo scopo di evidenziare la presenza di problematiche di tipo geologico che possono condizionare o limitare l'uso del territorio. Lo studio si è avvalso inoltre degli studi e del materiale cartografico disponibili relativamente alla zona in esame, compreso quelli contenuti nel SIT della Regione Lombardia (carte geoambientali e dei suoli, ERSAF, carte inventario dei fenomeni franosi a scala 1:10.000, carte GEOIFFI a cura della Struttura Rischi Idrogeologici della Regione Lombardia, ecc.) e dei dati di letteratura. Sono state consultati inoltre i documenti del Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Brescia. E stato effettuato un rilevamento di campagna del territorio comunale che ha consentito di aggiornare i dati esistenti sulle caratteristiche geomorfologiche, litologiche, pedologiche e idrogeologiche. I dati geologici rilevati e quelli esistenti, uniti all'interpretazione e al controllo delle fotografie aeree hanno permesso la redazione della cartografia di inquadramento prodotta in scala 1: (CARTA LITOLOGICA, CARTA GEOMOROFLOGICA). E' stato inoltre aggiornato il quadro idrogeologico del territorio comunale, sulla base degli studi esistenti (dati riguardanti i pozzi e le sorgenti, pubblici e privati, nel territorio comunale ed in quelli limitrofi, in particolare quelli forniti di dati tecnici). I dati idrogeologici rilevati sono riportati sulla CARTA IDROGEOLOGICA CON ELEMENTI IDROGRAFICI E VULNERABILITA' in scala 1: Si è quindi proceduto all'analisi del rischio sismico per poter valutare la risposta sismica locale rispetto sia alle condizioni morfologiche sia alle condizioni litologiche, che può influenzare l'accelerazione sismica di base per effetti di sito. La risposta sismica locale è stata analizzata applicando la procedura dell'allegato 5 della D.G.R. 22 dicembre 2005 N. 8/1566 e 24 maggio 2008 N. 8/7374. E' stata realizzata la CARTA DI PERICOLOSITA' SISMICA DI I LIVELLO (SCALA 1: ). Quindi si è passati all'analisi di II livello per la definizione del Fattore di Amplificazione Sismica. 5

6 A tale scopo sono state programmate ed eseguite indagini geofisiche (prospezioni sismiche a rifrazione con misura delle onde P e S e onde superficiali MASW) in alcuni siti significativi da un punto di vista geologico e urbanistico, che hanno permesso di elaborare, anche sulla base dei dati geologici e geotecnici disponibili, il modello geofisico del sottosuolo. Dalla successiva elaborazione dei dati acquisiti e di altri dati esistenti è stata costruita la CARTA DI PERICOLOSITA' SISMICA DI II LIVELLO (SCALA 1: 5.000). E' stata quindi elaborata la CARTA DEI VINCOLI ESISTENTI, a scala 1: nella quale sono evidenziati i diversi ambiti di vincolo. Dalla valutazione incrociata dei risultati emersi dallo studio geologico, sismico e dei vincoli esistenti è stata prodotta la CARTA DI SINTESI in scala 1:5.000, in cui vengono evidenziati gli elementi principali che concorrono alla realizzazione della CARTA DI FATTIBILITA' GEOLOGICA PER LE AZIONI DI PIANO, in scala 1:5.000 e 1: Tale carta puntualizza, per tutto il territorio comunale, le limitazioni di tipo geologico rispetto alla fattibilità degli interventi previsti dal piano. Infine la relazione geologica è composta, secondo le direttive della D.G.R. 22 dicembre 2005 N. 8/1566 e 24 maggio 2008 N. 8/7374, da due elaborati : relazione geologica illustrativa, nella quale sono evidenziati e descritti tutti gli aspetti geologici, geomorfologici, idrogeologici, oltre a dati sul reticolo idrico, meteorologia e di amplificazione sismica; Norme Geologiche di Piano, nelle quali sono indicate le limitazioni corrispondenti alle varie classi di fattibilità geologica. 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI Lo studio in esame è stato effettuato in ottemperanza all'art. 25 della L.R. 11 marzo 2005, n. 12, secondo i criteri ed indirizzi per la definizione della componente geolo gico, idrogeologica e sismica del piano di Piano di Governo del Territorio ( D.G.R. 22 dicembre 2005 N. 8/ maggio 2008 N. 8/7374). Altri codici e normative di riferimento, che sono stati tenuti in conto nella realizzazione dello studio, sono i seguenti : L.R. n 41/97, Prevenzione del rischio geologico, idrogeologico e sismico mediante strumenti urbanistici generali e loro varianti; D.G.R. 29 ottobre 2001n 7/6645 Direttive regionali in attuazione dell art. 3 della l.r. 41/97, per lo studio geologico a supporto del P.R.G., allegati 3 e 4; PAI o Adozione del Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico per il bacino di rilievo nazionale del Fiume Po (Deliberazione dell'autorità di Bacino n. 18 del 26/04/2001) e D.P.C.M. 24/05/2001; L.R. 1/2000 D.G.R. N. 7/7868 e successive modifiche, attribuzione ai comuni dei compiti di Polizia Idraulica sul reticolo idrico minore; 6

7 Ordinanza del P.C.M. n del 20/03/2003 e successive modificazioni e integrazioni, seguita dalla D.G.R. 07/11/2003 N. 7/4964, che inseriscono il territorio comunale di Vestone in Zona 2; d.d.u.o. n del 21/11/2003, con l'elenco delle tipologie di edifici classificabili come strategici e rilevanti; L.R. 11 marzo 2005, n. 12 Legge per il governo del territorio; D.M. 14/09/2005 Testo Unitario sulle Costruzioni, che sancisce l'obbligo di effettuare la progettazione antisismica nelle zone 1-2-3, mentre nella zona 4 l'obbligo vale soltanto per gli edifici strategici o rilevanti; D.G.R. 22 dicembre 2005 N. 8/1566 Criteri ed indirizzi per la definizione della componente geologico, idrogeologica e sismica del piano di Piano di Governo del Territorio (art. 57, comma 1 della l.r. 11 marzo 2005, n. 12). D.Lgs. n.152/2006 e ss mm ii, norme tecniche in materia ambientale (criteri di qualità e tutela delle acque); Ordinanza del P.C.M. n del 28/04/ criteri generali per l'individuazione delle zone sismiche e per la formazione e l'aggiornamento degli elenchi delle medesime zone (G.U. n.108 del 11/05/2006); D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche sulle Costruzioni, che sancisce l'obbligo di effettuare la progettazione antisismica nelle zone 1-2-3, mentre nella zona 4 l'obbligo vale soltanto per gli edifici strategici o rilevanti; D.G.R. 24 maggio 2008 N. 8/7374 Aggiornamento dei Criteri ed indirizzi per la definizione della componente geologico, idrogeologica e sismica del piano di Piano di Governo del Territorio (art. 57, comma 1 della l.r. 11 marzo 2005, n. 12). 7

8 1.2 ALLEGATI CATOGRAFICI: - TAV. 1 CARTA GEOLITOLOGICA (scala 1: 5.000); TAV. 2 CARTA GEOMORFOLOGICA (scala 1: 5.000); TAV. 3 CARTA IDROGEOLOGICA CON ELEMENTI IDROGRAFICI E VULNERABILITA' DEGLI ACQUIFERI (scala 1: 5.000); TAV. 4 CARTA DI PERICOLOSITA' SISMICA DI I LIVELLO (scala 1:10.000); TAV. 5 CARTA DI PERICOLOSITA' SISMICA DI II LIVELLO (scala 1: 5.000); TAV. 6 CARTA DEI VINCOLI ESISTENTI (scala 1: 5.000). TAV. 7 CARTA DI SINTESI (scala 1: 5.000). TAV. 8 CARTA DI FATTIBILITA GEOLOGICA PER LE AZIONI DI PIANO (scala 1: 5.000). DELIMITAZIONE DELLE AREE DI DISSESTO (PAI) (scala 1: ). 1.3 ALLEGATI GRAFICI E TABELLE : - SCHEDE SORGENTI COMUNALI; TABELLE ANALISI CHIMICHE E MICROBIOLOGICHE; STRATIGRAFIE DEI SONDAGGI; CERTIFICATO PROVE GEOTECNICHE DI LABORATORIO; SCHEDE SISMICHE DI VALUTAZIONE EFFETTI DI SITO; 8

9 2. INQUADRAMENTO GEOGRAFICO Il comune di Vestone (BS) si trova a circa 53 Km dal capoluogo di provincia, nella media Valle Sabbia, occupa una superficie complessiva di 12,93 Km 2 con quote altimetriche variabili tra 304 m e 920 m s.l.m.. La popolazione è di abitanti, con una densità di 326,8 abitanti/km2 (dati ISTAT 2001). I confini amministrativi sono : - a nord con il comune di Pertica Alta e Pertica Bassa; - a ovest con Mura e Casto; - a sud con i comuni di Preseglie e Barghe; - a est con il comune di Provaglio Val Sabbia, Treviso Bresciano e Lavenone; I confini comunali, partendo da sud, corrono lungo il torrente Sercola, passa la Costa Pirla e la media valle del Rio Carnevali fino alla zona industriale lungo il torrente Nozza. Risale quindi in località Torenno, corre sotto il crinale del Dosso Cornicello e scende nella valle del Degnone, da dove risale lungo la Corna delle Ventitrè. Verso nord attraversa il canale della Regna e quindi scende nel fondovalle del fiume Chiese, dove c'è una zona artigianale in località Romanese. Infine risale in località polito, Dosso del Gallo, interseca la valle del torrente Gorgone e prosegue in mezza costa fino a sud. La viabilità principale è costituita dalla : - SPSB 237 (ex SS 237 del Caffaro), che attraversa l'abitato provenendo da sud (Barghe) verso nord-est (Lavenone); - SP III a ovest, che da Nozza porta a Casto e Mura; - SP 50 a ovest, che da Nozza porta a Pertica Alta; - SP 55 verso nord, che dal centro di Vestone porta a Levrange, Forno d'onopertica Alta; - SP 56 verso nord-est, che da Vestone conduce a Treviso Bresciano o a Idro. 9

10 La viabilità secondaria, ad esclusione dei percorsi interni all'abitato, è composta da strade comunali, non sempre asfaltate, che si snodano attraverso le valli laterali a campagna in diverse direzioni. Carta IGM 1891 e recente (da Atalante Italiano) Il territorio in esame si sviluppa lungo il fondovalle del fiume Chiese, abbastanza ampio, con terrazzi fluvioglaciali in gran parte urbanizzati, e dei suoi tributari principali (torrente Nozza, torrente Degnone, Torrente Gorgone) che presentano valli fluviali più strette ed incise. Inoltre si hanno versanti montuosi in genere ad acclività elevata, spesso coperti da boschi di alto fusto e incisi da torrenti minori, ma con vallecole ben incise. Lungo i versanti si hanno alcune frane antiche o relitte, alcune di notevoli dimensioni, con una morfologia ondulata, spesso irregolare, con contropendenze o incisioni accentuate, frequentemente occupate da pascoli o prati. 10

11 3. SINTESI DEI DATI ESISTENTI Lo studio si è avvalso innanzi di tutti dati disponibili in letteratura derivanti da studi di carattere generale o locale e del materiale cartografico (Aerofotogrammetrico comunale, IGM, CTR 1: carte catastali, ecc) disponibili sulla alla zona in esame. Estratto della carta austro-ungarica del 1891 Estratto carta del Lombardo -veneto 1871 Estratto carta del Quadrilatero 11

12 Lo studio delle caratteristiche litologiche, geomorfologiche e geotecniche ha previsto una prima fase in cui sono stati considerati anche i dati rilevati da indagini geognostiche eseguite sul territorio comunale di Vestone e limitrofi. Per i dati pedologici si ha fatto riferimento in generale alla cartografia pedologica e ambientale dell ERSAF (Regione Lombardia). L analisi del sistema idrografico e della circolazione idrica sotterranea è stata effettuata mediante l esame degli studi precedenti (Politecnico di Milano-ASM, ecc.), della cartografia disponibile (anche storica), delle foto aeree, degli studi del PAI e PTCP, delle carte inventario dei fenomeni franosi e delle carte IFFI-Regione Lombardia. 3.1 MAPPA STORICA DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO La geologia può ricavare dai documenti storici elementi di valutazione ed indicazioni, che, integrate con i dati di campo litologici, strutturali e morfologici, permettono l individuazione delle zone a rischio idrogeologico. E solo dalla metà circa del secolo XVIII che iniziano ad essere annotate, ad opera di alcuni Autori, vicende meteorologiche e relativi effetti in termini sufficientemente sistematici; tuttavia è possibile osservare accenni anche in documenti riferiti ad epoche precedenti. I dati forniti dalla ricerca storica, infatti, rappresentano un precedente utile al riconoscimento della tipologia e, entro certi limiti, dell entità e della distribuzione territoriale del rischio. I dati a nostra disposizione sono tratti dalla ricerca storica e dai documenti (testo di G. Berruti Levandosi fiumi sopra le rive Ed. Grafo.), dalla letteratura scientifica e divulgativa, essendoci stati nella storia diversi eventi significativi da un punto di vista idrogeologico o sismico. Secolo VI 564 d.c. Territorio bresciano Lunghj e frequenti piogge danno luogo ad inondazioni nel Bresciano. Secolo XI 1083 Territorio bresciano Forti piogge e inondazioni colpiscono il territorio bresciano. Mancano indicazioni puntuali sulle zone interessate dall'evento Territorio bresciano Inondazioni in varie zone del Bresciano, peraltro non specificate. Secolo XII 1118 Le cronache registrano un altro terremoto Territorio bresciano fine inverno Dopo una stagione invernale caratterizzata da estese e consistenti nevicate, un forte disgelo 12

13 provoca gravi inondazioni nel territorio bresciano. Non vengono fornite tuttavia indicazioni territoriali puntuali. Secolo XIII 1204 Valli bresciane Inondazioni con danni generali colpiscono la Valle Camonica. Vengono inoltre segnalate esondazioni di diversi fiumi bresciani nonché esondazioni dei principali laghi bresciani Territorio bresciano, comprese zone della pianura luglio Piogge insistenti e prolungate determinano l'insorgere di estese inondazioni che riguardano l'intera Lombardia oltre che il territorio bresciano, in particolare zone della pianura. Sono inoltre registrate anche esondazioni di laghi bresciani e lombardi, non puntualmente indicati dagli AA. Secolo XIV 1361 Territorio bresciano dal 10 ottobre a tutto dicembre Tante piogge e conseguenti inondazioni nel Bresciano, senza indicazioni sulle zone interessate. Secolo XV ottobre Terremoto ricordato e descritto da Corradino Palazzo Val Degnone (Valle Sabbia) Insistenti e forti piogge e di particolare intensità che interessa tutta la Val degnone, con gravissimi danni. A Forno d' Ono, in particolare, venne distrutti mulini e fucine Valli Camonica, Trompia, Sabbia 23 maggio Piogge intensissime determinano fenomeni alluvionali nelle tre valli bresciane. Nel contempo vengono segnalate alluvioni attribuite ai fiumi Po, Brenta ed Adige Valli Camonica, Trompia, Sabbia aprile e maggio Piogge continue determinano manifestazioni alluvionali nelle tre principali valli : non vengono tuttavia forniti elementi di dettaglio Valli Camonica e Sabbia 31 maggio I fiumi Oglio e Chiese esalveano inondando le due Valli. Anche il fiume Adige esalvea, inondando l'abitato di trento Valli Trompia e Sabbia, Brescia maggio L'area più interessata da una pesante alluvione è la città di Brescia a causa dell'inondazione del fiume Mella che raggiunge e allaga le fosse della città, le vie e molte case tanto che queste ultime devono essere raggiunte con barche Valli Camonica, Trompia, Sabbia primavera 13

14 Continue e grandissime piogge provocano inondazioni in tutte le tre Valli. In particolare il lago d'idro exargina, il fiume Mella inonda la media e la bassa V. Trompia, allagando infine le fosse della cinta muraria di Brescia. Secolo XVI 1527 Valli Trompia e del Garza, Brescia, Botticino e Val Sabbia 1 maggio Omissis..L'area interessata dalle precipitazioni che diedero origine ai fenomeni alluvionali si estende anche a oriente del bacino del Garza e della città di Brescia. Esonda infatti anche il fiume Chiese anche se non si dispone di dati specifici. E' comunque il caso di riportare quanto scrisse un cronista coevo degli eventi, il Brunelli : la grazia, la mella, lo Cisso (Chiese), lo linverno o Lifretto [oggi cartografato con la denominazione di rio Rino] a Botechino [Botticino] feno crepar le montagne e tutto guastò...con tanta ruina de aque che tante fossine [fucine] e tanti edifici ruinò Valli Camonica, del Garza, Sabbia 25, 26 e 27 ottobre Gli eventi ebbero inizio mercoledì 25 ottobre. Il cronista anonimo scrive : diluvij d'acqua grandissimi nel Bresciano, nelle Valli, ripiti edifici ad opera dei fiumi Oglio e Chiese. Le località più interessate, anche in rapporto all'entità dei danni, sono : Palazzolo sull'oglio... Gavardo viene travolto e distrutto il ponte sul fiume Chiese; Brescia Valli Camonica, Trompia, Sabbia 27, 28 e 29 ottobre L'evento in esame si inquadra senza dubbio in una complessa quanto estesa manifestazione meteorologica che interessò zone diverse non soltanto della provincia di Brescia, ma anche fasce del Cremonese e del Mantovano. Un quadro generale ancorchè sintetico ci è offerto dal manoscritto di Ormanico : Diluvio d'acque grandiss. dal Cielo che fecero danni grandissimi nella Valle Camonica con molte rovine di case, e di Ville, vi rimase poco meno che sommersa la Terra d'artogne. Patì Valtrompia, Valsabbia : Mantova similmente rimase quasi sommersa, così Casalmaggiore....omissis... Gli autori non forniscono dati puntuali per le altre Valli bresciane. E' tuttavia utile citare il testo che ci propone il cronista Mercanda : tanta inundation de acque che li fiumi vennero fora de li suoi vasi, et molti edifici et fosine [fucine] in bressana furno da essa aqua ruinati. Secolo XVII 1617 Territorio bresciano Aquae immensae inundationes : così recita la molto sommaria annotazione contenuta nella Chronologia ab anno 1598 etc di Ormanico ottobre Scossa di terremoto sentita in tutto il territorio Vestone e Val Degnone (Valle Sabbia) 30 maggio Nello stesso giorno in cui si manifestano gli eventi indicati per Brescia e dintorni, le piogge 14

15 consistenti provocano la piena del torrente Degnone, alle spalle dell'abitato di Vestone. Lungo la Val Degnone ha luogo un deciso movimento franoso. Sia nella valle del torrente Degnone che in Vestone vengono distrutte alcune fucine, cinque case di abitazione con un numero imprecisato di vittime. Anche il ponte sul fiume Chiese, a Vestone, risulta trtavolto. Secondo la fonte - ancora una volta il prezioso Notaio Bianchi - gravi danni sono arrecati ai forni del Fusio : ciò fa pensare che l'evento sia esteso anche all'alta valle del torrente Tovere, a occidente della valle del torrente Degnone Territorio bresciano autunno Piogge grandissime interessano il territorio bresciano nel suo complesso, anche se la fonte non denuncia effetti dannosi Valle Sabbia e Valle Trompia maggio Precipitazioni intense e ed una successiva inondazione danno luogo alla distruzione di forni da ferro, fucine, mulini ed edifici nel Savallese, a Odolo nonché nelle zone di Pertica alta e Pertica bassa. La fonte segnala una contemporanea inondazione in valle Trompia senza fornire indicazioni sugli eventuali danni Valle del Garza, Brescia, fiumi Mella e Chiese (Val Sabbia) 28 maggio L'anno 1689 fu turbato da piogge e inondazioni a tal punto che il notaio Bianchi ha motivo di annotare : Quest'anno sono state piogge e tempo cattivi così in longo...che delle sei parti dell'anno cinque sono state di continua pioggia e di conseguenti inondazioni. Le zone particolarmente colpite sono : Brescia. Gavardo il fiume Chiese supera il livello del ponte, vengono distrutte case di abitazione e alcune fucine. In questa località gli eventi risultano avvenuti il 13 agosto. Secolo XVIII 1738 Valli Camonica, Trompia, Sabbia dal 18 ottobre ai primi di novembre Tutte e tre le principali valli bresciane vengono contemporaneamente investite da una durissima serie di inondazioni che si susseguono per circa 15 giorni. In Valle Camonica.....omissis... In Valle Trompia, in Valle Sabbia e in alcune località della pianura orientale bresciana attraversata dal fiume Chiese i danni derivati dalle inondazioni non sono meno gravi che in Valle Camonica. Risultano distrutti in molti comuni numerosi edifici civili, mulini e fucine. Esteso il fenomeno dell'inghiaiamento dei prati e di molti coltivi....omissis... La violenza delle acque del fiume Chiese è tale da estendere i suoi effetti oltre i consueti limiti della Valle Sabbia, al punto che risultano distrutti i ponti di : Ponte San Marco, Calcinato e Montichiari Levrange (Val Sabbia) Scoscendimenti diffusi in quasi tutto il perimetro dell'abitato : alcuni edifici non reggono allo sforzo loro imposto dai movimenti del terreno e crollano. E' da ritenere si tratti di un prece- 15

16 dente sostanzialmente analogo se non identico all'evento verificatosi in questo secolo e che venne fatto oggetto di indagini geologiche Riuscito l anno 1778 grandemente piovoso e terminato con lunghe e abbondanti piogge incominciò l anno 1779 col bel sereno,... Secolo XIX 1839 Valle Sabbia autunno Comune di Lavenone, loc. Rovine, e Comune di Barghe, loc. San Gottardo :danni ai muri della strada della Valle Sabbia Valle Sabbia 6 settembre Il fiume Chiese raggiunge il livello di massima piena e inonda gli abitati di buona parte della Valle. Non è certo, questo, né il primo né l'ultimo caso di una sostanziale contemporaneità in aree diverse e talora non contigue (come l'alta Valle Camonica, ad esempio, e la valle Sabbia), sia di eventi meteorologici che di livello di intensità degli effetti Vestone (Valle Sabbia) 14 gennaio La fonte da cui ricaviamo la notizia è certamente attendibile : non può tuttavia non essere sottolineata l'anomalia di una alluvione alla metà del mese di gennaio Vestone (Valle Sabbia) 25 giugno Precipitazioni forti ma di rilievo locale danno luogo ad una piena del torrente Gorgone in conseguenza della quale risultano distrutti quattro ponti. Sono allagati i coltivi e anche la strada comunale. Contemporaneamente il torrente della val Degnone raggiunge anch'esso un alto livello di piena, tanto che vengono totalmente distrutti tre ponti Vestone (Valle Sabbia) 10 giugno A tre anni di distanza dall'alluvione dei torrenti Gorgone e della val Degnone, è ora il fiume Chiese che allaga l'abitato della località Castello di Vestone Vestone (Valle Sabbia) 16 e 17 marzo I torrenti Gorgone e Degnone rinnovano gli eventi del giugno 1876, seppure con risultati meno dannosi. Merita di essere rilevato, anche in questo caso, l'elemento della contemporaneità delle precipitazioni idriche e dei relativi effetti in termini di dissesto in una zona ben definita. Nel caso in questione trattasi di valli minori pressoché frontistanti su opposti versanti Vestone (Valle Sabbia) 17 maggio Il fiume Chiese inonda parte dell'abitato di Vestone : non si registrano tuttavia danni di particolare entità. 16

17 Secolo XX 1926 Vestone (Valle Sabbia) 16 maggio Danneggiata la strada costeggiante il fiume in località Isola per una lunghezza di 280 m, franata in un punto la strada in località Santa Lucia ed asportata la massiccciata in un altro punto. Al ponte, sul ramo maggiore raccordante l'abitato con la strada su sponda sinistra del fiume è stato asportato il pilone centrale, il ponte sul secondo ramo del Chiese è stato danneggiato con asportazione di un piccolo pilone laterale. Danni ai terreni per una superficie di mq Valle Sabbia 25 ottobre Da Nozza a Vobarno campagna sommersa Valle Sabbia 23 settembre A Ponte Caffaro allagamenti; ponti distrutti in Val Daone e Pieve di Bono. Comune di Vestone : il torrente Degnone ha distrutto parte dei capannoni della SAIVE; frana di circa 60 mc sulla strada Vestone-Forno d'ono; frane anche sulla strada Nozza-Livemmo e Vestone-Treviso Bresciano. Tra Odolo e Lavenone sulla s.s. 237 franamenti con asportazione di parte del corpo stradale. Nei comuni di Anfo e Vestone ostruzione delle luci dei ponti. L'ammontare dei danni stradali è di circa 2 miliardi di lire Valle Sabbia 4 novembre Il Chiese ha straripato in più punti... Allagamenti a Vobarno, crollo di un ponticello sulla strada Barghe-Provaglio Val Sabbia; crollo del muro di sostegno sulla strada provinciale Vestone-Forno d'ono. Nel tratto Brozzo-Lodrino-Casto crollo del muro di sostegno e numerose frane lungo la strada per Nozza; straripamenti a Gavardo e Sopraponte. a Vobarno campagna sommersa Valle Sabbia 5 novembre Il livello del Chiese supera di 58 cm quello della concessione e sfiora le paratoie d'idro e cresce di 2,5 cm/h Valle Sabbia 12 giugno Nelle 24 ore sono caduti mm di pioggia portando così le acque del Chiese e torrenti a scaricare 350 mc/sec. Il lago d'idro non ha potuto contenere le acque e si sono dovute alzare le paratoie; A Ponte Caffaro, Lavenone e Vestone rottura degli argini con conseguente allagamento delle campagne tra Nozza e Barghe; Comune di Vestone, frazione Mocenigo, smottamenti e allagamenti; Comune di Casto : il torrente Nozza ha invaso due officine, divelto i muri, le arginature e la pavimentazione stradale; a Pertica Bassa frane sulla strada provinciale per Vestone, più di un metro di terra e sassi; 1976 Valle Sabbia 3 ottobre Il Caffaro tracimante, Coste di S. Eusebio ostruite da frane, allagamenti a gavrdo e Vobarno, frane sulla provinciale tra Nozza e Casto e a Ponte Prada prima di Bagolino; a Nozza scop- 17

18 pio di tubazioni; allagamenti a Sabbio Chiese; 1976 Valle Sabbia 4 ottobre Frane sulla strada di Lavenone verso Presegno; 1981 Valle Sabbia 27 maggio Da Lavenone fino a Vobarno smottamenti e inondazioni. Isolati Vobarno e Sabbio. Comune di Pertica bassa : il torrente Degnone ha deviato il suo corso investendo con tutta la massa d'acqua la strada per Pertica Bassa. -5 Km della S.P. 55 sono stati distrutti. Interrotto il collegamento con Vestone e con le frazioni di Levrange e Ono degno che permangono isolate. Comune di Vestone, frazioni di Casto e Mura : tonnellate di materiale riversate sulle strade; frazione di Forno d'ono: il letto del torrente Degnone si è alzato di 5 m. L'acqua si è riversata per le strade dell'abitato portando massi e detriti. Spazzata via un'officina. Demolito un ponte. Danneggiate alcune decine di case. Comune di Bagolino, frazione di Ponte Caffaro : il lago d'idro, dopo la chiusura delle saracinesche alla periferia di Idro si è alzato notevolmente di livello invadendo buona parte della campagna della zona, compromettendo il raccolto di ghrano e graoturco. Danni ingenti anche al campeggio Valle Sabbia 29 settembre Comune di Vestone : il Chiese tracima sulla strada Nozza-Casto. Allagate alcune cascine. Frazione Malpaga : allagati strade e scantinati. Comune di Sabio Chiese : allagamenti diffusi. Scoppio di una fognatura a Sabbio Sopra. Le quote di massimo invaso del Lago d'idro (> 370,00 m) sono state registrate in autunno negli anni : 1937, 1939, 1951, 1952, 1966, 1976, in estate : 1940, 1946, 1960, in primavera : 1972,

19 3.2 BIBLIOGRAFIA AA.VV. Dispense di Geografia Fisica. Appunti del corso tenuto dal Prof. S. Belloni, Milano, CLUED, AA.VV. Ricerca e protezione delle risorse idriche sotterranee delle aree montuose. Quaderni di sintesi a cura dell'asm Brescia Baroni C. - Vercesi P.L., Neotettonica del territoiro brewsciano : stato delle conoscenze. In Fondazione Bresciana per la Ricerca Scientifica : I rischio sismico nel bresciano. Elementi per una valutazione. Ed. Ramperto, Brescia Baroni C. - Vercesi P.L., Carta geologica delle prealpi bresciane tra la val Vrenda e il M. Pizzoccolo (con note illustrative), Atti Tic. Sc. Terra, Pavia, Boni A.- Cassinis G., Carta Geologica delle Prealpi Bresciane a Sud dell'adamello a scala 1:50.00 (con note illustrative), Atti dell'istituto geologico dell'università di Pavia, Cassini G. & E. Forcella, in Castellarin A. a cura di (1981) Carta tettonica delle Alpi Meridionali a scala 1: , CNR Progetto Finalizato Geodinamica, Castello B., Selvaggi G., Chiarabba C., Amato A., CSI Catalogo della sismicità italiana , versione 1.1. INGV-CNT, Roma. Web : Castiglioni G.B., GEOMORFOLOGIA, Torino, UTET, E. Denti, S. Lauzi, P. Sala, L. Scesi (1988) Studio idrogeologico della pianura bresciana compresa tra i fiumi Oglio e Chiese Milano. G.P.Beretta (1992) Idrogeologia per il disinquinamento delle acque sotterranee Pitagora Editrice Bologna. G. Berruti (1998) - Levandosi fiumi sopra le rive - Grafo (BS). M. Civita, C. De Regibus (1995) Sperimentazione di alcune metodologie per la valutazione della vulnerabilità degli acquiferi Pubbl. N GNDCICNR U.O. 41 (Dipartimento Georisorse e Territorio, Politecnico di Torino). Servizio Geologico d Italia - Carta Geologica d Italia scala 1: Foglio n.43 - Breno e note illustrative. Istituto Poligrafico dello Stato, Napoli. Servizio Geologico d Italia - Carta Geologica d Italia scala 1: Foglio n.47 - Brescia e note illustrative. Istituto Poligrafico dello Stato, Napoli. Venzo S. (1965) Rilevamento geologico dell'anfiteatro morenico frontale del Garda dal Chiese all'adige. Mem. Soc. It.Sc.Nat. E Museo Civ.St.Nat., Milano. Castello B., Selvaggi G., Chiarabba C., Amato A., CSI Catalogo della sismicità italiana , versione 1.1. INGV-CNT, RomaWeb : 19

20 4. INQUADRAMENTO GEOLOGICO ll territorio in esame si inquadra nel Bacino Lombardo del Sudalpino, a sud delle Linee Orobica e Gallinera, interessato da una serie di scaglie tettoniche sudvergenti, costituite da terreni triassici intensamente ripiegati e deformati, sovrascorsi a loro volta sugli stessi depositi di età coeva. In particolare l'area si trova a sud della giunzione tra le linee tettoniche regionali Giudicarie Sud e della Val Trompia. In generale le linee tettoniche osservabili nella zona in esame sono riconducibili alle direttrici regionali sopra menzionate : Sistema giudicariense (Linea delle Giudicarie e strutture associate) con orientamento NE-SW o NNE-SSW; Linea della Val Trompia, con direzioni E-W e ENE-WSW le dislocazioni legate a tale movimento hanno dato origine a strutture tettoniche locali che hanno interessato la successione permo-triassica. Il substrato roccioso si presenta quindi intensamente fratturato prevalendo nei termini litologici più competenti un comportamento di tipo fragile, con conseguenti strutture dominate da faglie e fratture e solo localmente blande ondulazioni. I termini caratterizzati da una certa plasticità al contrario presentano uno stile tettonico con pieghe accentuate, talora anche molto serrate. Tra le linee strutturali importanti nella zona in esame si hanno : Accavallamento di Forno d'ono (Val Degnone) : a decorso E-W (allineati verso nord con gli accavallamenti del M. Ario e Corna Blacca) sono caratterizzati dalla sovrapposizione della zolla settentrionale su quella meridionale, questi ultimi con terreni di età più recente. Caratteristico in essi è lo scollamento avvenuto al- 20

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

Risultati e considerazioni

Risultati e considerazioni 6. RISULTATI E CONSIDERAZIONI L elaborazione e la validazione del modello di suscettibilità consentono di ottenere due risultati principali. In primo luogo, sono state identificate con precisione le aree

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Parisi e Associati studio di progettazione Giannelli, Parisi, Rondini Via S. Saloni n. 49 53024 Montalcino (SI) Tel /Fax +39 0577 849245 posta@studio-progetti.com P.I. C.F. 01308570520 COMUNE DI MONTALCINO

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011

P.R.G.C. DI MATTIE - REL. ILLUSTRATIVA - VAR. IN ITINERE ALLA VAR. STRUTTUR. E DI ADEG. AL P.A.I. - D.C.C.20/ 28.09.2011 0 INDICE RELAZIONE ILLUSTRATIVA RI 2 1) PRESENTAZIONE. 3 2) LO STRUMENTO URBANISTICO DEL COMUNE DI MATTIE.. 3 3) LE MOTIVAZIONI DELLA VARIANTE ATTUALE. 4 4) I REQUISITI FORMALI DEGLI ATTI Dl VARIANTE.

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA

DOTTORATO DI RICERCA Università degli Studi di Cagliari DOTTORATO DI RICERCA Difesa e Conservazione del suolo, Vulnerabilità ambientale e Protezione Idrogeologica Ciclo XXII Settore/i scientifico disciplinari di afferenza

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli