Premessa...1. Abstract Introduzione Obiettivi del lavoro di tesi Metodologia Piano della tesi...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa...1. Abstract...5. 1. Introduzione...6 1.1. Obiettivi del lavoro di tesi...7 1.2. Metodologia...8 1.3. Piano della tesi..."

Transcript

1 - 5 - Lavoro di tesi: Gli Anziani della Città di Bellinzona Indagine sulla situazione di autonomia delle persone ultra 70enni che vivono sole al proprio domicilio Studente: Riccardo Lüthi Relatrice: Prof. Wilma Minoggio Direttrice SUPSI-DSAS Bellinzona, aprile 2006

2 Indice Premessa...1 Abstract Introduzione Obiettivi del lavoro di tesi Metodologia Piano della tesi Oggetto di studio La popolazione di Bellinzona Il Dicastero previdenza sociale della Città Panoramica dell'offerta socio-sanitaria a Bellinzona Le pietre miliari della politica in favore degli anziani Parte empirica Presentazione dell'inchiesta Il questionario Analisi dei dati Considerazioni sugli aspetti salienti dell'indagine Conclusioni I risultati La metodologia dell inchiesta Riflessioni e proposte operative I prossimi passi...59 Bibliografia...66 Allegato...67

3 Premessa Premessa La salvaguardia e il miglioramento della salute hanno da sempre rivestito un ruolo importante nella nostra società poiché sempre più godere di buona salute significa benessere e garanzia di longevità. Questa naturale e legittima esigenza di donne e uomini di ogni ceto sociale, ha dato un grande valore culturale e politico a tutti quei provvedimenti atti a migliorare le condizioni igieniche, mediche e alimentari riconosciuti come elementi basilari per una buona salute. Garanzia di approvvigionamento di acqua potabile in ogni dove e di evacuazione delle acque luride nel rispetto dei corsi d acqua e dei laghi, prevenzione e cura medica a tutto campo, come pure un'alimentazione sana ed equilibrata, sono solo alcuni dei fattori che hanno migliorato nel corso dei decenni le condizioni di salute della nostra popolazione. La carta tornasole che dimostrava e che dimostra tutt oggi l efficacia di queste misure sono le curve demografiche che riportano e testimoniano una costante e crescente speranza di vita. Nel 1970 sono stati censiti 61 ultracentenari a livello nazionale mentre nel 2000 se ne contavano già 787. Maggiore longevità da un lato e minore natalità dall altra, hanno innescato una mutazione lenta ma inarrestabile delle scale demografiche. Mutazioni che, con il passare degli anni, sono divenute uno dei piatti forti della politica sociale ed economica. Infatti, quella che un tempo era definita la piramide demografica ha cominciato a mutare acquisendo sempre più le sembianze di una tozza piramide rovesciata. Le basi della società sono dunque divenute più piccole e allo stesso tempo fragili per il crescente peso che le sovrasta. Oggi, da un lato ci si rallegra di quanto ottenuto a favore della salute pubblica e dall altro si comincia a preoccuparsi seriamente di quel basamento che rischia di cedere sotto il peso del risultato di tanto benessere. Detto altrimenti, è forte e tangibile la preoccupazione su come le nuove generazioni riusciranno a sostenere solidalmente le grandi generazioni di anziani. Soprattutto in un momento in cui l economia mostra di non riuscire a garantire lo standard sociale sin qui raggiunto e in continua crescita, emergono forti preoccupazioni che proprio questa solidarietà venga meno e che gli anziani si troveranno a dover far fronte ai loro bisogni sociali unicamente con i propri mezzi. Oltre a questo fenomeno vi è il tema dei costi della salute che viene dibattuto in ogni ambito, da quello privato, a quello professionale, fino ad arrivare in ambito politico. Il tema 1

4 Premessa forte che si ripropone puntualmente ogni anno è sicuramente l aumento dei premi delle assicurazioni malattia. All aumentare dei costi della salute si risponde puntualmente con un sostanziale aumento dei premi per gli assicurati. Per contrastare questa tendenza, negli ultimi anni si parla però anche di quali prestazioni eliminare dalla copertura assicurativa. In sostanza si sta praticando una cura dimagrante ai costi della salute, snellendo la paletta di prestazioni sanitarie a carico dell assicurazione malattia e, nel contempo, obbligando coloro che necessitano o desiderano una prestazione sanitaria non riconosciuta a pagarla di tasca propria. Questo fenomeno porta inesorabilmente ad una sanità a più velocità nella quale unicamente chi ha i mezzi finanziari può beneficiare di determinati servizi. A questo si aggiungono i controversi principi del bonus e malus, che penalizzano i malati e premiano i sani, come pure il concetto della franchigia alta con premio mensile basso, attraente soprattutto per i giovani sani che in questo modo non partecipano solidalmente a coprire i costi globali della salute. Uno degli obiettivi primari della politica degli anziani 1 nel nostro Canton Ticino è la promozione dell autonomia, ritenuto un importante fattore di benessere, di integrazione sociale e di valorizzazione delle risorse accumulate in conoscenza e in esperienza di vita. La Legge anziani prima e la Legge sull assistenza e cura a domicilio poi, hanno creato degli strumenti che servivano ai fini del raggiungimento di questo ambizioso obiettivo. La Legge anziani 2, ossia la legge concernente il promovimento, il coordinamento e il sussidiamento delle attività sociali a favore delle persone anziane, ha consentito la realizzazione di case per anziani, di centri diurni ricreativi, di centri diurni terapeutici e di servizi di assistenza e cura a domicilio, contribuendo alla creazione di una rete socio-sanitaria che venisse in aiuto alla persona anziana che perdeva la propria autonomia o che veniva colpita da malattia invalidante. La Legge sull assistenza e cura a domicilio 3 ha dal canto suo posto le basi per il potenziamento dei servizi volti a consentire all anziano di rimanere a casa propria, rinviando nel tempo un eventuale trasferimento in Casa per anziani ed evitando quanto possibile ricoveri ospedalieri. 1 DSS: La politica degli anziani ieri, oggi, domani 2 Legge cantonale concernente il promovimento, il coordinamento e il sussidiamento delle attività sociali a favore delle persone anziane (25 giugno 1973) 3 Legge cantonale sull assistenza e cura a domicilio (16 dicembre 1997) 2

5 Premessa Questi provvedimenti sono la logica risposta alla volontà unanime della nostra società che ha chiesto alla scienza, alla politica e all economia di poter vivere il più a lungo e nelle condizioni di salute migliori possibili. Il dilemma che accompagna perennemente la politica sociosanitaria verte attorno alla qualità che si vuole e che si può offrire con i mezzi finanziari a disposizione, fattore questo tutt altro che banale, in particolare di questi tempi in cui le risorse finanziarie sono generalmente scarse e in cui il dibattito su quanto la sanità possa e debba costare è più attuale e vivo che mai. Il parallelismo tra maggiore longevità e maggiori costi della salute, è sempre stato a conoscenza di tutti, ma al di là dell aspetto economico, non ci si è mai resi veramente conto dell impegno umano e della solidarietà che sono necessari mobilitare, affinché i nostri anziani possano veramente godere degli anni guadagnati, grazie in particolare ai progressi medico-sanitari. Nella nostra realtà sociale e territoriale il valore della famiglia è ancora sentito e gli anziani possono ancora contare su una rete primaria che interviene a loro sostegno. Laddove invece questo supporto è venuto a mancare, una rete sociale composta da enti e associazioni di vario genere, unitamente a svariati movimenti di volontariato e la sensibilità del vicinato, contribuiscono sostanzialmente alla permanenza al proprio domicilio delle persone anziane. Malgrado questa situazione generalmente positiva, non mancano però segnali che ci inducono a meglio e costantemente valutare quanto viene offerto, infatti sentiamo ancora le notizie dell anziano deceduto in solitudine e ritrovato solo dopo alcune settimane, degli anziani ricoverati in ospedale poiché denutriti o disidratati, degli anziani scoperti a vivere in pessime condizioni igieniche e costrette ad alloggiare in abitazioni senza riscaldamento, per citarne solamente alcuni. Queste notizie ci colpiscono, riportandoci alle carenze ancora esistenti in fatto di assistenza sociale e dandoci una sensazione di fallimento e soprattutto sollevando interrogazioni tra la gente e a livello politico. Cantone e Comuni si adoperano per evitare questi eventi. Svariate strategie vengono messe in atto, si creano servizi sociali e sportelli multifunzionali, ai cittadini vengono ripetutamente inviati fogli informativi, elenchi dei servizi e altra documentazione utile in caso di bisogno e tutte queste iniziative migliorano il benessere sociale del singolo e della comunità. 3

6 Premessa Ciò nonostante è forte la convinzione, e i numerosi colloqui avuti nell allestimento di questo lavoro di tesi hanno rafforzato questo sentimento, che potremo attuare qualsiasi stratagemma ma malgrado i nostri sforzi rivivremo di tanto in tanto la sensazione della disfatta, quando apprenderemo di un nuovo caso di persona anziana che è cascata fra le fitte maglie della nostra rete sociale. E allora ci troveremo soli con la nostra frustrazione e con le gratuite accuse di non adempienza dei doveri nei confronti dei concittadini anziani. 4

7 Abstract Abstract Con l obiettivo di fotografare la situazione dello stato di autonomia delle persone anziane ultra 70enni che vivono sole in Città e di dotarsi di uno strumento che gli permetta di valutare modalità e necessità di un intervento a favore della popolazione bersaglio, il Municipio di Bellinzona ha lanciato un inchiesta con l invio di un questionario alla popolazione in oggetto e che è stata svolta nell estate Lo studio quantitativo ha voluto esplorare il grado di autonomia nel soddisfare i bisogni primari e secondari delle persone, esplorando gli ambiti seguenti: i contatti personali con famigliari, parenti e conoscenti, le conoscenze e la frequenza dei servizi sociosanitari operanti sul territorio, l autonomia nello svolgimento delle attività della vita quotidiana, lo stato di salute, la valutazione della qualità di vita e le prospettive future. Statisticamente lo studio si è svolto su un campione casuale semplice di 700 persone che è stato estratto utilizzando la tecnica dell estrazione con reimmissione su una popolazione totale di 922 persone. L analisi statistica è poi stata effettuata su dati ponderati. I risultati salienti emersi sono l importante presenza della famiglia quale entità di riferimento, quale aiuto primario in caso di bisogno e per lo svolgimento delle attività della vita quotidiana, laddove l autonomia è venuta a mancare. Un esigua percentuale di intervistati dichiara di non poter chiamare nessuno in caso di bisogno. Si osserva inoltre la relativamente scarsa conoscenza dei Servizi sociosanitari operanti sul territorio e allo stesso tempo lo scarso utilizzo degli stessi. Oltre allo studio specifico, questo lavoro presenta pure l evoluzione demografica di Bellinzona, l assetto organizzativo della Previdenza sociale della Città unitamente ad una breve comparazione con altri Comuni ticinesi, come pure una panoramica sui Servizi sociosanitari offerti sul territorio. Il lavoro si conclude con delle riflessioni, unitamente a proposte di intervento all indirizzo del Municipio, affinché vi siano degli elementi di discussione concreti riguardo ad eventuali interventi da attuare e per la rivalutazione della Previdenza sociale cittadina in generale. 5

8 Introduzione 1. Introduzione A Bellinzona, durante la legislatura l allora Municipale e Capo Dicastero degli istituti sociali, sensibile per vissuti personali al problema degli anziani, ha iniziato ad interessarsi alla condizione di autonomia della popolazione anziana che viveva sola in Città. Così facendo ha cominciato a raccogliere dati e informazioni che permettessero di dare una prima immagine sulla situazione e di osservare quanto avveniva in altri Comuni del Cantone. Il Comune di Mendrisio è sicuramente quello che ha destato la maggiore attenzione in quanto promotore di un concetto ambizioso per il monitoraggio e per l assistenza dei suoi anziani. Il Servizio anziani soli si è dotato di un database informatizzato sugli anziani e, con la collaborazione della Polizia comunale ed in particolare degli agenti di quartiere, segue e assiste gli anziani che ne fanno richiesta. È così che anche all interno del Municipio di Bellinzona si è cominciato a parlare dei propri anziani e delle loro condizioni di vita. In particolare è sorto l interrogativo su quali fossero le loro necessità. Allo stesso tempo e a più riprese, sono giunte al Municipio interrogazioni di cittadini indicanti scenari che avrebbero mostrato come anziani di Bellinzona vivano in condizioni e- stremamente precarie o addirittura di indecenza e abbandono, tanto da morire in solitudine tra le proprie mura di casa, all insaputa e nell indifferenza della società. A queste interrogazioni sono anche seguite alcune prese di posizione sui quotidiani che accusavano tra l altro il Municipio di inadempienza, cosa che ha portato ad un sentimento di insicurezza soprattutto fra la popolazione anziana. Valutato il modello di Mendrisio si è giunti alla conclusione che, allo stato attuale, non era possibile implementare un simile servizio a Bellinzona in quanto il Servizio sociale era sotto dotato e non disponeva di un collegamento alla rete informatica. Inoltre la Polizia comunale non prevedeva il ruolo dell agente di quartiere. Con il rinnovo dei poteri comunali nel 2004, vi è stato un cambio a capo del Dicastero socialità e salute e nel contempo hanno cominciato a giungere le prime interrogazioni ed interpellanze da parte di Consiglieri comunali che chiedevano un monitoraggio sulla condizione degli anziani della Città, come pure maggiori interventi a loro favore. A questo punto il Municipio ha deciso di prendere l iniziativa e, per definire la via da percorrere, è stato creato un gruppo di lavoro composto dal Capo Dicastero della Socialità e 6

9 Introduzione della Salute, dalla Vicesegretaria comunale, dall assistente sociale della Città e dal sottoscritto, Direttore della Casa Anziani Comunale. Il gruppo di lavoro si è riunito due volte per definire gli obiettivi e il modo di procedere, ritenendo poco sensata l implementazione di uno qualsiasi dei modelli applicati nelle altre città del Cantone, senza aver dapprima definito la situazione di Bellinzona, che non deve necessariamente rivelarsi identica ad una delle altre Città. Su mia richiesta, visto il contesto formativo in cui mi trovo e data la pertinenza sociale di questo tipo di lavoro, il gruppo ha conferito al sottoscritto mandato per la coordinazione e la realizzazione del progetto Obiettivi del lavoro di tesi Considerata l ipotesi di grave disagio per la popolazione anziana della Città, formulata dagli interpellanti e valutato quanto emerso dagli incontri del gruppo di progetto, mi è possibile formulare due obiettivi generali che il lavoro di tesi intende raggiungere: - disporre di una fotografia della situazione riguardante lo stato di autonomia delle persone anziane ultra 70enni che vivono sole in Città, - dotare il Municipio di uno strumento che gli permetta di valutare la necessità e la modalità di un intervento a favore della popolazione bersaglio e dare un primo riscontro alle domande di cittadini e Consiglieri comunali rimaste fino ad oggi senza risposta. 7

10 Introduzione 1.2. Metodologia Per lo studio si è scelto un approccio quantitativo. Con una inchiesta, tramite invio di un questionario, si è deciso di procedere ad una indagine che coinvolgesse il maggior numero di persone ultra 70enni che vivono sole in Città. La scelta di fotografare la situazione degli ultra 70enni è dettata dal fatto che i 70 anni sono l età generalmente condivisa, per definire la persona anziana. Alla base della decisione di raggiungere con l inchiesta unicamente le persone sole, vi è la riflessione che nelle economie domestiche in cui l anziano vive in coppia, l autonomia è più facilmente garantita e in caso di crisi o pericolo di uno dei conviventi, l altra persona potrebbe intervenire o comunque organizzare un intervento da parte di terzi, contattando famigliari, conoscenti, enti d appoggio o unità di primo soccorso. Con la partecipazione delle collaboratrici del Servizio sociale della Città, si è allestito il formulario inchiesta che avrebbe permesso di ottenere una fotografia sulla situazione di autonomia ed in particolare sulla soddisfazione dei bisogni primari e secondari della popolazione ultra 70enne che vive sola in Città Definita la popolazione bersaglio e la modalità d approccio, vista l importanza del progetto e dato il pericolo che il lavoro potesse venire criticato per una mancanza di professionalità e scientificità, si è richiesta la collaborazione di ricercatori della SUPSI. In particolare, il loro coinvolgimento è stato necessario per valutare la pertinenza del questionario, definire la strutturazione dell inchiesta e per il lavoro di ripresa e di valutazione dei dati. Il Municipio ha quindi conferito formale incarico alla SUPSI ed in particolare al Dipartimento delle Scienze Aziendali e Sociali, diretto dalla Professoressa Wilma Minoggio. Parallelamente all inchiesta vera e propria, si sono raccolte informazioni su diverse esperienze svolte in altre realtà del Cantone che mi hanno permesso di fare un primo sommario confronto fra le varie offerte nell ambito della previdenza sociale indirizzata agli anziani. Nel contempo si è approfondito l assetto organizzativo del Dicastero opere sociali della Città, cercando contatti con enti e associazioni operanti sul territorio e svolgendo vari colloqui con persone attive nel ramo. Ciò ha permesso di conoscere la tematica e la problematica da varie angolazioni e sotto aspetti diversi. Grazie al mondo web, è stato possibile attingere con una certa rapidità a documenti che hanno permesso di conoscere meglio la realtà sociale e politica che regola il mondo degli anziani e approfondire confronti fra la nostra e altre realtà. 8

11 Introduzione 1.3. Piano della tesi Il lavoro prevede dapprima la presentazione dell oggetto di studio in cui viene descritta la popolazione anziana di Bellinzona sulla base di dati demografici, che aiutano a comprendere la dimensione della situazione analizzata. La descrizione dell assetto organizzativo del Dicastero opere sociali della Città, permette di osservare e valutare l attuale organizzazione che si occupa di informare, aiutare ed assistere gli anziani della Città in caso di bisogno, e di illustrare brevemente come altri Comuni del Cantone gestiscono la situazione dei loro anziani. La panoramica dell offerta sociosanitaria a Bellinzona ha lo scopo di mostrare quali altri enti vi operano. La parte empirica prevede la presentazione dell inchiesta, in particolare per quanto riguarda la forma e il contenuto del questionario, la presentazione dettagliata dell analisi dei dati rilevati e delle considerazioni sugli aspetti ritenuti ricchi di significato. L analisi completa dei dati ripresi ed analizzati dalla SUPSI è allegata al presente lavoro sotto forma di CD. Il capitolo conclusivo si china dapprima sui risultati emersi dall indagine, evidenziando i dati salienti e ritenuti significativi per la riflessione che il Municipio dovrà fare in merito al pianeta anziani della Città. Al contempo, i vissuti personali e le osservazioni raccolte durante questo percorso, consentono di proporre una riflessione più ampia rispetto all oggetto in questione. Dopo una valutazione e critica rispetto alla metodologia adottata per lo studio, il lavoro si conclude con riflessioni e proposte operative concrete, le quali possono venire valutate e riprese dal Municipio quali possibili strumenti per rispondere alle esigenze dei nostri anziani emerse dall analisi effettuata. 9

12 Oggetto di studio 2. Oggetto di studio I soggetti di questo lavoro sono i cittadini di Bellinzona ed in particolare chi ha superato i 70 anni e vive solo al proprio domicilio. In questo capitolo s intende descrivere in modo specifico questa popolazione nel contesto storico e con dati demografici. Di seguito, per una migliore comprensione del contesto locale, sarà presentato l assetto i- stituzionale della previdenza sociale cittadina, come pure la rete socio-sanitaria attiva sul territorio per le persone anziane. Al fine di poter aprire una finestra su altre realtà comunali del Cantone, saranno brevemente illustrati alcuni assetti organizzativi riguardanti la previdenza sociale di alcuni Comuni ticinesi La popolazione di Bellinzona fig. 1 La storia di Bellinzona è lunga nel tempo e ci permette di capire meglio il passato e nello stesso momento di accrescere le nostre conoscenze sul presente. Per la gente che nel corso dei millenni ha valicato le Alpi, la strettoia di Bellinzona rappresentava un passaggio obbligato tra la fertile pianura della Lombardia e le impervie vallate alpine. A Bellinzona si stabilirono agricoltori preistorici, legioni romane, guerrieri germanici, truppe milanesi e confederafig. 1 Immagine contenuta nella rubrica storia del sito: 10

13 Oggetto di studio te; vi passarono re e imperatori alla testa dei loro eserciti, ambasciatori, mercanti, viandanti, avventurieri e pellegrini diretti a Roma. Oggi transitano i turisti che seguono le moderne vie di comunicazione. Le lotte secolari per il possesso di questo borgo a guardia delle vallate a nord della Lombardia coinvolsero dapprima le due città italiane di Como e Milano. Bellinzona si affermò come centro di importanza strategica, come nodo di transito negli scambi commerciali, come modesto ma vivace insediamento con una popolazione operosa. Dopo alterne vicende, il borgo bellinzonese passò agli Svizzeri. Fortunatamente i castelli sono ancora lì e non finirono distrutti o in rovina come per altri casi. 1 Ricercatori e archeologi hanno scoperto che Bellinzona è il più antico nucleo abitativo stabile del Ticino sin dalla preistoria e più precisamente dal periodo neolitico. Fino ad oggi vi si sono insediati diversi popoli fra cui i Romani, i Longobardi, i Milanesi e i Comaschi, fino a giungere all arrivo dei confederati Svizzeri verso l anno Da allora Bellinzona ha continuato a svilupparsi fino ai giorni nostri. La Città conta oggi circa 17'300 abitanti ripartiti in sei circondari e quattro frazioni. I dati dei censimenti federali dal 1850 al 2000 mostrano che la popolazione di Bellinzona è quintuplicata nell arco di 150 anni (tab. 1). Popolazione di Bellinzona dal 1850 al '000 15'000 10'000 5'000 tab Abitanti 3'209 3'462 3'950 4'038 5'553 8'255 10'406 10'232 10'706 10'948 12'060 13'435 16'979 16'743 16'849 16'463 1 Testo contenuto nella rubrica storia del sito: tab. 1 Dati estrapolati dal sito: 11

14 Oggetto di studio In realtà questa crescita è avvenuta in 130 anni poiché dal 1970 al 2000 il numero di abitanti è addirittura diminuito. Mentre la popolazione totale è calata di circa 500 unità dal 1970 al 2000, la categoria della popolazione ultra 70enne è dal canto suo più che raddoppiata, passando da 1122 a 2329 unità. In altri termini, le persone con più di 70 anni rappresentavano nel 1970 il 7% della popolazione totale, mentre nel 2000 era del 14% (tab. 2). In controtendenza a questa evoluzione è la popolazione fino ai 30 anni, che nello stesso periodo è diminuita di ben un terzo, passando da 7600 a 5200 unità. Popolazione ultra 70enne dal 1970 al '500 2'000 1'500 1' anni e più anni anni 811 1'179 1'271 1'376 tab. 2 Dalle cifre fornite dall Ufficio controllo abitanti della Città alla fine di febbraio 2004, risulta che 2420 cittadini avevano più di 70 anni e che 1089 di questi vivevano sole al proprio domicilio. Quasi 500 persone di questa fascia d età (circa il 20%) risulta essere al beneficio delle prestazioni complementari. La cifra di 2420 persone ultra 70enni, che corrisponde circa al 15% della popolazione totale, è un dato che rientra perfettamente nella media nazionale ma che lascia comunque in uno stato latente di preoccupazione coloro che sono chiamati a trovare soluzioni future riguardanti l assistenza, le cure e il finanziamento dell assicurazione vecchiaia. tab. 2 Dati estrapolati dal sito: 12

15 Oggetto di studio Anche se la Svizzera sta vivendo l'invecchiamento della popolazione tra i più lenti d Europa, lo stesso avanza inesorabilmente. L'Ufficio federale di statistica ha riscontrato un rallentamento del fenomeno tra il 1990 e il 2000, grazie ai figli della generazione del "baby boom", ma già a partire dal 2005 si prevede una sensibile ripresa. L'effetto di questa tendenza è una radicale modifica della morfologia dei grafici rappresentanti la demografia di una popolazione, allontanandoli dalla nota forma piramidale in cui figurano numerose le fasce di età giovani e, con l aumentare dell età, la numerosità diminuisce progressivamente Il Dicastero previdenza sociale della Città Nella complessa struttura organizzativa di un Municipio, e nel nostro caso di quello della Città di Bellinzona, le responsabilità per la gestione dei vari Servizi comunali sono ripartite in aree di competenza, a loro volta suddivise in Dicasteri. L'area di competenza Socialità e Salute comprende il Dicastero previdenza sociale ed è composto dai servizi dell Agenzia comunale AVS, dallo Sportello LAPS e dal Servizio sociale. I tre uffici, indipendenti per la loro funzione, sono coordinati per quanto riguarda la gestione delle risorse umane, dalla Vicesegretaria comunale. Dicastero Previdenza sociale Responsabile: Vicesegretaria Comunale Agenzia Comunale AVS Sportello LAPS Servizio Sociale 13

16 Oggetto di studio All'Agenzia comunale AVS ci si rivolge per tutte le questioni riguardanti le prestazioni dell'assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS), dell'assicurazione invalidità (AI) e gli assegni famigliari di base per lavoratori dipendenti (AF). Questo servizio si occupa pure della gestione del Fondo comunale d'assistenza che presta un aiuto momentaneo per spese necessarie eccezionali e non sopportabili, quali ad esempio malattie, ricoveri ospedalieri, denti, occhiali, trasloco e funerali. Lo Sportello LAPS 1 consiglia e presta aiuto a persone o famiglie che hanno disponibilità finanziarie costantemente inferiori al minimo vitale. Inoltre vi è la possibilità di richiedere aiuti famigliari (API/AFI), assistenziali (USSI) o contributi per persone al beneficio di rendite AVS/AI (prestazione complementare). Il Servizio sociale assiste i cittadini su richiesta diretta degli interessati. In particolare si occupa di: - informare i cittadini sulla portata e sul genere di prestazioni offerte, su diritti e obblighi che ne conseguono, sui rischi e le possibilità esistenti, in modo che essi possano farsi un'idea precisa della situazione; - incoraggiare le persone ad organizzare e sviluppare le proprie attività tenendo conto delle risorse di cui dispongono, nel rispetto dei loro diritti e doveri; - aiutare coloro che si trovano in difficoltà, disposti a collaborare, a trovare delle soluzioni adeguate, a mantenere la propria autonomia, ad amministrarsi convenientemente e a fare delle scelte responsabili. I tre servizi sono per loro competenza attenti ai bisogni delle persone anziane e si attivano per tutelare i loro interessi. Dall'organigramma non è però evidente intravedere la funzionalità della coordinazione di tutto l'apparato e allo stesso tempo delle sinergie e della collaborazione esistente fra i tre servizi. Questa difficoltà diventa ancora più sensibile osservando la dislocazione sul territorio dell'ufficio di coordinazione e dei tre servizi. Unica- 1 Legge cantonale sull'armonizzazione e il coordinamento delle prestazioni sociali (5 giugno 2000) 14

17 Oggetto di studio mente l'agenzia comunale AVS e lo sportello LAPS si trovano sotto lo stesso tetto. I quattro uffici sono in sostanza collocati in tre differenti sedi, benché poco distanti tra loro. L anziano raggiunge questi Servizi senza che vi sia stato indirizzato da uno sportello d accoglienza specifico. In pratica egli si rivolge agli Uffici su consiglio di conoscenti, indicazione di altri operatori, Servizi o Enti attivi nel contesto sociosanitario locale, o perché si è rivolto alla Cancelleria comunale o alla ricezione di una delle Case Anziani della Città. Ci è parso interessante illustrare, seppur brevemente, altre realtà cantonali per verificare le modalità di consulenza e di aiuto previsto per l anziano. Mendrisio ha dotato il suo Dicastero Istituzioni Sociali del Servizio per anziani soli. Una operatrice sociale, affiancata da cinque agenti di quartiere della Polizia comunale, si occupano di ascoltare i bisogni degli anziani ultra70enni, visitandoli mensilmente al proprio domicilio. Annualmente vengono contattati per la prima volta i cittadini che compiono i 70 anni ai quali viene presentato il Servizio Anziani Soli (SAS), unitamente all invio di un breve questionario, chiamato tecnicamente questionario di esplorazione del rischio mediante il quale si rilevano i contatti di riferimento della persona, le dipendenze per aiuti a svolgere le attività quotidiane e i bisogni per i quali non si hanno delle soluzioni. Inoltre viene indagato l interesse verso il Servizio Anziani Soli. Chi risponde affermativamente riceverà la visita dell Operatrice sociale; gli altri verranno ricontattati regolarmente ogni tre anni. Il Servizio Anziani Soli si è dotato di una banca dati elettronica, in rete fra i servizi interessati, in grado di raccogliere non solo i dati personali degli anziani ma le date delle visite effettuate dall Operatrice sociale o dall Agente di quartiere, lo stato di salute e dei bisogni specifici dell anziano. A Lugano il portale per le persone anziane è costituito dagli Istituti Sociali i quali hanno al loro interno due sedi del Servizio Accompagnamento Sociale (SAS), due sedi dell Ufficio Intervento Sociale (UIS) e cinque strutture per anziani. I quattro Servizi sono dislocati sul territorio della Città e fungono nel contempo da sportelli polifunzionali al servizio dei cittadini. 15

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Rimborso delle spese di viaggio nell AI

Rimborso delle spese di viaggio nell AI 4.05 Stato al 1 gennaio 2008 Rimborso delle spese di viaggio nell AI In generale 1 L assicurazione invalidità (AI) rimborsa le spese di viaggio giudicate appropriate e necessarie all attuazione dei provvedimenti

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011

Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Rapporto di indagine con interviste ai volontari delle associazioni partecipanti a Riguardiamoci il Cuore 2011 Presentazione Si presenta l indagine qualitativa, effettuata con interviste, nel mese di luglio

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli