Carta dell integrazione del FIMM Svizzera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carta dell integrazione del FIMM Svizzera"

Transcript

1 FORUM FÜR DIE INTEGRATION DER MIGRANTINNEN UND MIGRANTEN FORUM POUR L INTEGRATION DES MIGRANTES ET DES MIGRANTS FORUM PER L INTEGRAZIONE DELLE MIGRANTI E DEI MIGRANTI Carta dell integrazione del FIMM Svizzera ITALIANO

2

3 Indice Introduzione 4 La Charta dell integrazione del FIMM Svizzera 7 Basi per l azione 11

4

5 «La nostra patria è l essere umano, è ad esso che appartiene la nostra lealtà» Max Frisch ( ) La Carta del FIMM Svizzera specifica i valori essenziali attraverso i quali il FIMM Svizzera definisce la sua identità collettiva nelle relazioni che deve sviluppare con: le popolazioni svizzere, le comunità di migranti, il proprio ambito sociale, culturale e politico-amministrativo. Il FIMM Svizzera si aspetta dai propri organi e da tutti i suoi membri che facciano riferimento a tali valori e li mettano in pratica attraverso il loro impegno e le loro azioni. I valori generali che orientano l attività del FIMM Svizzera relativi all integrazione sono: il rispetto dei Diritti dell Uomo, la Democrazia, lo Stato civico, la Laicità, il rispetto dell Altro e la salvaguardia dell Ambiente. Tali valori, fondamentali per le comunità di migranti, sono contemplati nella Costituzione federale, nella Carta dei Diritti dell Uomo dell ONU, nella Convenzione Internazionale sulla Protezione dei Diritti di tutti i Lavoratori e dei membri delle loro famiglie del 1990 e nella Carta Europea dei Diritti dell Uomo. Per il FIMM Svizzera, il rispetto di tali valori richiede una politica d integrazione attiva che si pone come obiettivo la parità dei diritti. FIMM Svizzera 3

6 Introduzione La Svizzera, fino alla fine del XIX secolo, fu un Paese d emigrazione. Stato federale composto di una comunità di persone di lingue e culture diverse, la Svizzera è diventata nel corso del tempo un Paese d accoglienza di flussi migratori di origini molteplici. In Svizzera risiedono attualmente 1,8 milioni di persone di nazionalità straniera, mentre più di svizzeri vivono e lavorano all estero. Nel corso degli ultimi decenni il fenomeno migratorio in Svizzera ha acquisito dimensioni tali da ripercuotersi non solo sul piano demografico ed economico, ma anche su quello politico. La globalizzazione, le crisi economiche, le guerre e la violenza hanno alimentato flussi migratori di origini diverse. La presenza delle popolazioni migranti, considerata come un fenomeno provvisorio, è divenuta un elemento costitutivo della società svizzera. I migranti si sono insediati. Hanno messo radici. Taluni si sono integrati e addirittura naturalizzati. La Svizzera è diventata incontestabilmente un Paese d immigrazione e una società pluralista. La diversità delle popolazioni caratterizza la società svizzera del XXImo secolo. Come tutte le nazioni europee, la Svizzera è oggi percorsa da tensioni causate da una realtà sociale fatta di diversità, ma anche di disuguaglianze. Sul piano politico, la questione della coabitazione di persone di origini diverse e molteplici e la questione sociale non possono più essere dissociate. L immigrazione e le sfide poste dalla precarietà sociale, economica e politica aprono una riflessione sul modo del vivere insieme. Noi, membri del FIMM Svizzera, riteniamo che vivere insieme significhi essere pienamente cittadini insieme. In questa prospettiva la politica d integrazione appare al FIMM Svizzera come una via di cresta, una via stretta, ma necessaria tra due concezioni estreme: La prima considera il Paese d accoglienza come una pagina già scritta e stampata, come una terra le cui leggi, convinzioni religiose, i cui valori ecc. sono stati fissati e stereotipati una volta per tutte e alle immigrate e agli immigrati non resta altro che conformarsi o ripartire. FIMM Svizzera 4

7 I movimenti xenofobi, utilizzando la questione dell immigrazione come risorsa politica, in un contesto di aggravamento delle disuguaglianze e di ascesa dell individualismo, riducono arbitrariamente l identità svizzera come oggetto statico che serve a definire un inter nos supposto, minacciato dalla presenza degli stranieri. La seconda porta a considerare il Paese d accoglienza come una pagina bianca, dove chiunque possa scrivere ciò che gli pare, o peggio, come un territorio selvaggio sul quale chiunque possa insediarsi con armi e bagagli senza nulla cambiare nelle proprie abitudini. Tale attitudine può causare un ripiegamento idenditario su se stessi e comportare una reazione di difesa da parte della società d accoglienza. Per il FIMM Svizzera, queste due piste sono simmetriche, ma conducono alla stessa destinazione: la negazione dell Altro. Esse devono essere rifiutate. Se escludiamo subito queste due concezioni, la questione politica maggiore posta dalla presenza di popolazioni d origine, di condizione sociale e di culture diverse diventa semplice da formulare: come possono individui di identità sociale e culturale diverse e con risorse sociali disuguali vivere insieme in una società democratica? Per il FIMM Svizzera la risposta alla domanda di frammentazione sociale e di ascesa della xenofobia e del razzismo passa attraverso una nuova concezione della cittadinanza che associa lo Stato sociale a una democrazia integrativa. FIMM Svizzera 5

8

9 La Carta dell integrazione del FIMM Svizzera A. L integrazione Il FIMM Svizzera s impegna con convinzione per l integrazione delle migranti e dei migranti nella società svizzera attraverso la parità dei diritti e la partecipazione civica e politica. Integrazione non significa assimilazione. L assimilazione suppone l adesione completa delle popolazioni migranti alle norme e ai costumi della società d accoglienza, attraverso una conversione totale della mentalità e dei comportamenti. L integrazione riconosce innanzitutto il posto che la migrante e il migrante occupano nell economia, nel quadro sociale o culturale, pur conservando la loro identità d origine, le loro peculiarità culturali e il loro modo di vivere. È un processo che richiede la partecipazione attiva delle migranti e dei migranti alla comunità elvetica, pur accettando la sussistenza delle peculiarità e nella consapevolezza del principio che l insieme si arricchisce di questa diversità nel quadro di un codice di convivenza. B. Il ruolo pubblico del FIMM Svizzera Il Forum per l integrazione delle migranti e dei migranti in Svizzera (FIMM Svizzera) è il rappresentante delle organizzazioni delle migranti e dei migranti in Svizzera. Il FIMM Svizzero s impegna in tutti i campi d intervento, nei dibattiti pubblici che possono riunire persone di origini diverse per favorire la mutua comprensione e l integrazione delle comunità migranti sotto l aspetto economico, sociale, culturale, civico e politico. Il FIMM Svizzero partecipa al processo d integrazione impegnandosi nei dibattiti sul futuro della società svizzera a livello comunale, cantonale e federale. Rivendica il riconoscimento di mandatario politico nelle procedure di consultazioni. FIMM Svizzera 7

10 C. Codice della convivenza Il FIMM Svizzera rivendica un codice della convivenza che permette la costruzione di una relazione di coesistenza e di riconoscimento reciproco delle popolazioni di tutte le origini sui posti di lavoro e in tutti gli altri settori della vita. Questo codice si fonda sui principi di autonomia, di universalità, di partenariato e di impegno civico. Universalità e solidarietà Conformemente ai valori contemplati nella Dichiarazione dei Diritti dell Uomo, tutti i bambini, tutte le donne e tutti gli uomini che vivono sulla Terra sono uguali e «legali». Nessun Essere umano può essere reso «illegale» da una politica, un regolamento o una legge discriminatori, xenofobi o razziali. Una società solidale è una società più giusta, capace d integrare le differenze e più forte per affrontare le sfide attuali e future Impegno civico Il FIMM Svizzera è animato dalla forte volontà di costruire il legame sociale fra tutte le comunità e la popolazione svizzera, sia sul piano collettivo sia sul piano individuale al fine di contribuire al rafforzamento della democrazia. L impegno civico del FIMM Svizzera si basa su tre principi fondamentali, tre regole del «savoir-vivre» in una democrazia integrativa: Il principio della reciprocità e della corresponsabilità La presa in considerazione della diversità culturale non può avvenire a scapito dei riferimenti comuni della maggioranza. La venerazione della diversità non deve tenere le popolazioni lontane le une dalle altre. Nessuna società può funzionare in modo durevole senza un determinato numero di riferimenti comuni. Il pluralismo culturale è un mezzo concreto per vivere l integrazione, per riconoscere a ciascuno il proprio posto e per promuovere la corresponsabilità di tutti. Il principio del primato dei diritti individuali sui diritti comunitari La concessione dei diritti collettivi (comunitari) non deve limitare il rafforzamento dei diritti individuali (principio della parità dei diritti e dei doveri del- FIMM Svizzera 8

11 le persone). Il principio di una «discriminazione positiva», di «diritti speciali» a favore dei gruppi minoritari non può essere accettato come un esigenza permanente. I «diritti speciali» hanno un semplice ruolo di compensazione di fronte a disuguaglianze spesso significative. Le garanzie temporali che tali diritti possono rappresentare per alcune popolazioni indebolite devono essere subordinate al rigoroso rispetto della parità dei doveri e dei diritti individuali. Il principio di trasversalità dell azione collettiva La riconoscenza delle peculiarità culturali nel quadro di una politica d integrazione deve essere strettamente articolata nella messa in atto di una politica preventiva della povertà e dell esclusione a favore dei gruppi di popolazioni più precarizzate, indipendentemente che esse siano svizzere o migranti. Il FIMM Svizzera considera l integrazione di tutti svizzeri e immigrati e il rafforzamento del legame sociale come un bene pubblico. Intende mettere le proprie forze e risorse di cui dispone al servizio di tutti per affrontare in tutta la loro complessità le grandi sfide collettive: politiche della famiglia, educazione e formazione, impiego e lavoro, mobilità professionale, vita sociale e tempo libero, partecipazione politica. Partenariato Lo sviluppo delle attività del FIMM Svizzera si realizza nel rispetto della sua missione e dell impegno con i propri partner. La Commissione federale degli stranieri, l Ufficio Federale delle Migrazioni, i Delegati all integrazione, la CDIP sono dei partner privilegiati del FIMM Svizzera. I partiti politici, le chiese, le altre comunità religiose, i sindacati, le ONG e altre organizzazioni che operano per l integrazione, costituiscono dei partner naturali dell azione a favore dell integrazione. Autonomia Il FIMM Svizzera afferma la sua completa autonomia nei confronti delle istituzioni politiche, sindacali, economiche e religiose del Paese d accoglienza e dei Paesi di provenienza delle migranti e dei migranti. FIMM Svizzera 9

12 L autonomia rivendicata dal FIMM Svizzera esige una forte responsabilità dei propri organi e dei suoi membri nell utilizzo delle proprie risorse e nel rispetto di tutti. Le strutture interne del FIMM Svizzera garantiscono a tutti i membri la libertà d espressione e la libertà d organizzazione. Il FIMM Svizzera rispetta la libertà di coscienza e delle convinzioni religiose di tutte e di tutti nel rispetto delle regole collettive e democratiche. FIMM Svizzera 10

13 Basi per l azione L integrazione è un processo attraverso il quale gli individui ottengono l accesso alle risorse economiche, culturali, sociali e politiche della società, che assicurano la loro autonomia e la partecipazione alla vita collettiva. Il FIMM Svizzera intende partecipare attivamente ai dibattiti che la società svizzera conduce al suo interno sul futuro del Paese e delle popolazioni che vi risiedono stabilmente. Se le popolazioni migranti vogliono integrarsi, se vogliono avere gli stessi diritti, devono fare in modo che la loro partecipazione ai dibattiti pubblici sia qualificata. L integrazione che abbia come base la parità, la si può costruire solo se, nei diversi settori della vita collettiva, le migranti e i migranti agiscono a nome proprio e secondo principi trasparenti e conformi ai valori generali che ad essi appartengono. Nel rivelare le carenze della società nei principi d uguaglianza e parità dei diritti, il FIMM Svizzera vuole contribuire a organizzare la critica costante che la società esercita su se stessa in una prospettiva di rafforzamento della democrazia. Il richiudersi in se stesse da parte delle comunità non può rappresentare una risposta pertinente alla xenofobia. Attraverso la sua azione, il FIMM Svizzera vuole contribuire a far emergere un nuovo concetto di cittadinanza. 1. Scuola, formazione e integrazione L educazione, l accesso alla formazione, costituiscono le sfide maggiori per l integrazione. Favoriscono la mobilità professionale e diminuiscono i rischi di precarietà. Il FIMM Svizzera rileva delle differenze, particolarmente marcate nell accesso alla formazione superiore o che permette di raggiungere una migliore qualifica, tra una parte di giovani migranti (giovani donne, giovani provenienti dalle nuove popolazioni di migranti, giovani sfavoriti) e gli altri. Il FIMM Svizzera ritiene che l educazione e la formazione siano un elemento significativo dell integrazione. Esse devono essere politicamente ancorate come parti di una politica d integrazione che garantisce la parità delle opportunità e l abbattimento di qualsiasi discriminazione dovuta al sesso, all estrazione sociale o all origine nazionale. L educazione appartiene FIMM Svizzera 11

14 a tutti. L accesso alla scuola, l educazione, la formazione sono considerati un diritto universale. La scuola pubblica ha l obbligo di vegliare affinché ogni bambino, indipendentemente dalla natura del soggiorno (legale o illegale) dei suoi genitori, sia scolarizzato e acceda a una formazione prescolare e professionale. 2. Occupazione, lavoro e integrazione Il lavoro permane uno dei grandi integratori delle società moderne. Esso è sorgente di reddito, conferisce un identità personale e rappresenta un fattore di riconoscimento sociale. Il FIMM Svizzera rileva grandi differenze, disparità e discriminazioni, sia tra gli indigeni e i migranti, sia tra i diversi gruppi di migranti con diversi permessi di residenza, di genere e di provenienza diversa. Esse si traducono dal punto di vista dei livelli salariali, della precarietà e del rischio di disoccupazione. Il FIMM Svizzera si batte a favore di una politica d integrazione che vincoli strettamente i partner sociali (le associazioni padronali e i sindacati), le istituzioni e i formatori. Si batte per una politica d integrazione che si ponga come obiettivo il rispetto della parità dei diritti e delle opportunità di tutti nell ambito del lavoro e della formazione permanente. Quest ultima deve essere assunta sia dai servizi pubblici sia dall economia privata. La creazione d imprese, di piccole e medie imprese, da parte dei migranti è un fenomeno in costante aumento. Una migliore politica d integrazione di queste ultime nelle organizzazioni padronali non può che sfociare in una migliore valorizzazione degli investimenti e produrre un maggiore ritorno economico e sociale. 3. Alloggio, habitat e integrazione La politica dell habitat, dell urbanizzazione e della gestione del territorio è un elemento importante di una politica d integrazione. La situazione dell habitat costituisce il segno più visibile dell insuccesso dell integrazione. In Svizzera, la giustapposizione dei fenomeni di precarietà sociale e la forte connotazione etnica di determinati quartieri o comuni mostra una tendenza all amplificazione delle divisioni sociali e culturali dello spazio dei grandi agglomerati urbani. FIMM Svizzera 12

15 Le concentrazioni etniche si producono laddove gli inquilini, che hanno i mezzi necessari, lasciano le abitazioni e gli spazi di minore qualità residenziale. Il FIMM Svizzera si rifiuta di considerare la segregazione residenziale come fatalità. Il FIMM Svizzera invita le Autorità a mettere in atto politiche dell abitazione e di miglioramento della qualità delle condizioni di vita nei centri e nelle zone suburbane che prevengano la concentrazione dei fenomeni di precarietà sociale, di stigmatizzazione e di squalifica degli spazi residenziali. 4. Salute, accesso alle cure mediche, prestazioni sociali e integrazione Lo stato di salute è determinante nel processo d integrazione. Viceversa, l isolamento, la precarietà dei permessi di residenza e l insicurezza economica e sociale provocano problemi di salute. Le barriere linguistiche e culturali possono aggravare tali processi. Il FIMM Svizzera constata che la salute di una parte della popolazione migrante è esposta a rischi ingenti. Le migranti e i migranti anziani sono molto fragili e maggiormente esposti ai rischi della povertà. L accesso al sistema sanitario è spesso più difficile per alcuni gruppi della popolazione straniera, in particolare per i «Sans-papiers». Il FIMM Svizzera chiede alla Confederazione, ai cantoni, ai comuni, alle organizzazioni specializzate e alle reti associative di impegnarsi al fine di assicurare a tutti i residenti le stesse opportunità all interno del sistema sanitario svizzero. L attribuzione delle prestazioni sociali è legata alla residenza sul territorio svizzero senza alcuna discriminazione d origine e di permesso. Il principio di parità dei diritti regge l insieme delle prestazioni del sistema sanitario, assicurativo e dell assistenza sociale. Tutta la popolazione, deve avere accesso ad un consiglio psicologico sociale e disporre di un accompagnamento adeguato. L apertura interculturale deve essere un criterio di qualità dei servizi sanitari e sociali. Il sistema di previdenza sociale (AVS-AI,Casse pensioni,assegni familiari) deve garantire l uguaglianza di trattamento, indipendentemente dal paese d origine del migrante. L uguaglianza di trattamento può essere realizzata sia con accordi bilaterali tra Stati sia con l adeguamento delle leggi e dei regolamenti del sistema svizzero. FIMM Svizzera 13

16 5. Interculturalismo, valori collettivi e valori individuali Il progetto d integrazione poggia sul riconoscimento delle identità culturali proprie delle diverse popolazioni, ivi comprese le convinzioni e le pratiche religiose e culturali, cosi come le identità e i valori individuali di tutti gli esseri umani. L integrazione interroga anche il modo in cui possiamo superare i particolarismi per costruire un avvenire comune. Nessuna appartenenza è definitiva. L integrazione richiede un clima d apertura sul piano interculturale. Il FIMM Svizzera rifiuta le visioni teocratiche della vita della Polis, il rapporto violento con la politica, ma anche ogni forma di chiusura identitaria e d intransigenza in contraddizione con i valori democratici. Il FIMM Svizzera afferma la preminenza dei Diritti dell Uomo sui particolarismi etnici e religiosi. È indispensabile affermare con forza la parità totale dei diritti e dei doveri fondamentali per tutti gli individui, indipendentemente dalla loro appartenenza etnica, culturale o religiosa. Il FIMM Svizzera milita a favore di una laicità tollerante, aperta al dialogo interculturale in ambito privato, ma anche pubblico, capace di costruire le condizioni che permettono alle persone di origini culturali e d appartenenza diverse di vivere gli uni con gli altri, anziché gli uni a fianco degli altri. Il FIMM Svizzero riconosce il particolare ruolo che svolgono le coppie binazionali e le loro famiglie, così come le associazioni pluriculturali nella costruzione del legame sociale. 6. Comunicazione e informazione L informazione è un mezzo importante per la realizzazione di una buona conoscenza reciproca delle diverse comunità, è un elemento decisivo per una buona integrazione della società. Le popolazioni svizzere e migranti sono confrontate con la sfida dell integrazione in modo solidale. I mezzi di comunicazione ci rimandano troppo spesso un immagine negativa delle migranti e dei migranti, attribuendo maggior peso ai fatti relativi ai fallimenti dell integrazione, anziché a quelli sui comportamenti, le aspirazioni, le speranze e i sogni dei migranti. Il FIMM Svizzera condanna le inciviltà, la delinquenza e la violenza, chiunque ne sia l autore. Condanna altresì la strumentalizzazione della paura e lo sfruttamento dei comportamenti insensati, reali o inventati di persone di origine straniera da parte degli ambienti xenofobi. FIMM Svizzera 14

17 Il FIMM Svizzera invita gli organi di comunicazione a un atteggiamento responsabile e critico e all apertura di un dialogo con le organizzazioni di rappresentanza delle migranti e dei migranti con l obiettivo di prevenire i rischi di stigmatizzazione delle minoranze migranti e a creare un clima di fiducia e di solidarietà. Il FIMM Svizzero s impegna a promuovere una giusta presenza delle migranti e dei migranti quali produttori e consumatori d informazione nei media finanziati da contributi pubblici e dal canone pagato dai privati. Il FIMM Svizzero si propone quale partner ai Media Svizzeri per una migliore diffusione di un informazione positiva sulle azioni e sulla politica d integrazione in Svizzera. 7. Migrazione, integrazione e cooperazione per uno sviluppo durevole Le popolazioni migranti costituiscono una risorsa sia per i Paesi d origine, sia per i Paesi d accoglienza, apportando a questi ultimi la loro forza lavoro e le loro competenze. Per i Paesi d origine, i migranti costituiscono una fonte importante di valuta troppo spesso mal valorizzata sotto l aspetto dello sviluppo interno. Il FIMM Svizzera è convinto della necessità di una politica di Cooperazione allo sviluppo durevole coordinata tra tutti gli attori coinvolti, per favorire una stabilizzazione dei flussi migratori internazionali: le autorità dei Paesi d origine e dei Paesi d accoglienza, i partner economici e sociali, le ONG e i rappresentanti delle organizzazioni rappresentative dei migranti. Il FIMM Svizzera sostiene tutti gli sforzi di cooperazione che puntano a valorizzare le risorse economiche prodotte dai migranti, le loro nuove competenze professionali, tecniche e sociali acquisite durante il loro percorso migratorio e le loro conoscenze delle realtà del Paese d origine. Il FIMM Svizzera auspica di essere coinvolto nella concezione, programmazione e realizzazione della politica di Cooperazione della Confederazione per uno sviluppo durevole e solidale. FIMM Svizzera 15

18 8. Cittadinanza, nazionalità e diritti politici: stranieri e cittadini La nazionalità è un legame giuridico individuale, che unisce una persona, un territorio e uno Stato. La cittadinanza è una costruzione sociale fondata sulla pari dignità di tutti. Per il FIMM Svizzero comprende le principali dimensioni seguenti: Dimensioni individuali Rispetto dell individuo, indipendentemente dalla sua origine sociale, dal suo status economico ecc... Dimensioni sociali Garanzia del livello di vita, di sicurezza sociale, dell accesso al sistema educativo ecc Dimensione civile Libertà di pensiero, di parola, di pensiero religioso, di contrattare ecc Dimensione politica Diritto di voto, di eleggibilità ecc Fino ad oggi, i poteri pubblici, nel trattare il «problema degli stranieri», hanno distinto la partecipazione degli stranieri alla vita economica dalla partecipazione a quella politica. Il FIMM Svizzera è convinto che questa politica è giunta ai suoi limiti. L integrazione sarà rafforzata dai progressi in materia di concessione del diritto di voto e di eleggibilità. Il FIMM Svizzera si batte a favore di una Nuova Cittadinanza, plurale, fondata sul diritto del suolo, distaccata dall ideologia dell assimilazione, dissociata dall idea di nazionalità. FIMM Svizzera 16

19 FIMM Svizzera 2012 Nota: In caso di discrepanze o contraddizioni tra la versione italiana, tedesca e francese della presente Carta dell integrazione, fa fede la versione francese.

20 FIMM Svizzera Speichergasse 39 CH-3011 Berna Tel

Carta dell integrazione del FIMM Svizzera

Carta dell integrazione del FIMM Svizzera Carta dell integrazione del FIMM Svizzera Progetto Forum per l integrazione delle migranti e dei migranti Indice Introduzione 4 La Charta dell integrazione del FIMM Svizzera 7 Basi per l azione 11 FIMM

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: STORIA, CITTADINANZA E COSTITUZIONE; DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Richiesta di finanziamento per sedute informative sul tema Migrazione e vecchiaia 2013 in Svizzera Romanda e in Ticino.

Richiesta di finanziamento per sedute informative sul tema Migrazione e vecchiaia 2013 in Svizzera Romanda e in Ticino. Richiesta di finanziamento per sedute informative sul tema Migrazione e vecchiaia 2013 in Svizzera Romanda e in Ticino. Incontri informativi per far conoscere la guida Invecchiare in Svizzera. Guida alla

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ

CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ CURRICULUM EDUCAZIONE AL BEN ESSERE SCUOLA SECONDARIA CLASSE 1ˆ PERIODO TEMATICA DALLA CARTA DELLA TERRA 1 q. ED. ALIMENTARE Sviluppo di una coscienza alimentare. Conoscere e riconoscere i sapori. Apprezzare

Dettagli

Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti

Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti Chi sono gli immigrati? Noi non chiamiamo immigrati gli stranieri provenienti dai paesi ricchi E neppure i benestanti, o

Dettagli

CARTA EUROPEA DELLO SPORT

CARTA EUROPEA DELLO SPORT CONSIGLIO D EUROPA CDDS Comitato per lo Sviluppo dello Sport 7^ Conferenza dei Ministri europei responsabili dello Sport Rodi, 13 15 maggio 1992 CARTA EUROPEA DELLO SPORT Articolo 1 Scopo della Carta Articolo

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA Documento Assemblea 27 marzo 2003 INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA II Rapporto a cura

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste

IOM- OIM I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste I criteri di equita : le associazioni di migranti protagoniste Firenze, Villa La Quiete 4 Luglio 2014 Rossella Celmi - rcelmi@iom.int 1 Organizzazione Internazionale per le Migrazioni Fondata nel 1951,

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Obiettivi strategici 2016 2020 del Consiglio federale per la fondazione Pro Helvetia

Obiettivi strategici 2016 2020 del Consiglio federale per la fondazione Pro Helvetia Obiettivi strategici 2016 2020 del Consiglio federale per la fondazione Pro Helvetia 1 Situazione iniziale 1.1 Basi Pro Helvetia è una fondazione di diritto pubblico dotata di personalità giuridica e contabilità

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE

LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE CURRICOLO PER L ORA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Presentazione LA CULTURA DEI DIRITTI UMANI PER UNA SOCIETÀ POSSIBILE Secondo la delibera del Collegio dei Docenti tenutosi in data 3 ottobre 2013

Dettagli

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ACQUISIZIONE/POSSESSO GIURIDICO DELLA CITTADINANZA benessere cittadinanza prestazionale civiltà con valenza inclusiva

Dettagli

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point Anno Europeo dei Cittadini 2013 Rita Sassu Europe for Citizens Point Base giuridica Decisione n. 1093/2012/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 Basata sulla Proposta della Commissione

Dettagli

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Un iniziativa dell Unione europea apple I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom sono diretti sia ai politici sia ai professionisti

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

"Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni"

Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni "Empowerment dei pazienti: il ruolo delle associazioni" Mario Melazzini Direttore Scientifico Centro Clinico NeMo, Fondazione Serena, Azienda Ospedaliera Niguarda Ca Granda, Milano Il punto di partenza

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Decisioni del Consiglio degli Stati dell 11.12.2013 Legge federale sugli stranieri

Decisioni del Consiglio degli Stati dell 11.12.2013 Legge federale sugli stranieri Decisioni del Consiglio degli Stati dell 11.12.2013 (LStr) (Integrazione) e-parl 08.01.2014 15:39 Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Diritti umani versus diritti culturali. Ivana Padoan Università Cà Foscari

Diritti umani versus diritti culturali. Ivana Padoan Università Cà Foscari Diritti umani versus diritti culturali Ivana Padoan Università Cà Foscari Diritti culturali I diritti culturali, rappresentano il diritto di accesso alle risorse culturali appropriate, e in questo, designano

Dettagli

Le linee direttrici del SOS

Le linee direttrici del SOS Le linee direttrici del SOS La nostra visione La nostra organizzazione umanitaria s impegna per la giustizia sociale, politica ed economica nella società. Noi sosteniamo le persone bisognose nella realizzazione

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL SOMMARIO PREMESSA: PERCHÉ UN CODICE ETICO 1. I VALORI DI RIFERIMENTO A. Responsabilità di rendere conto dell impatto delle nostre attività sulla società, ambiente,

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico

Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Concetto linguistico Alta scuola pedagogica dei Grigioni Concetto linguistico Marzo 2015 1 Indice Basi legali... p. 2 1. Introduzione... p. 2 2. Lingue e plurilinguismo nella formazione di base 2.1 Le prime lingue... p. 4

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA PACE, DEI DIRITTI UMANI E DELLA SOLIDARIETA'

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA PACE, DEI DIRITTI UMANI E DELLA SOLIDARIETA' Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA PACE, DEI DIRITTI UMANI E DELLA SOLIDARIETA' Approvato con deliberazione consiliare n. 51 del 20 maggio 1996 Modificato con deliberazione

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S.

CARTA D IDENTITA V.I.D.E.S. Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Volontariat International Femme Education Développement International Volunteerism Organization for Women, Education, Development ONG con Statuto Consultivo

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI codice intervista: Sezione A) DATI RELATIVI ALL ASSOCIAZIONE E A CHI RISPONDE AL QUESTIONARIO.A00 Denominazione Associazione Nome e Cognome Numero di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

primokiz 1 primokiz Come può essere integrato il sostegno iniziale?

primokiz 1 primokiz Come può essere integrato il sostegno iniziale? primokiz 1 primokiz Come può essere integrato il sostegno iniziale? 2 Primokiz Cosa è Primokiz? Primokiz è un programma della Fondazione Jacobs per lo sviluppo di una concezione integrata della formazione,

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi PREMESSA DALL INFORMAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE: UN PERCORSO PER LA DEMOCRAZIA AD ACI BONACCORSI Il Comune

Dettagli

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ CONVENZIONE DELLE NAZIONI UNITE SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità è stata adottata il 13 dicembre 2006 durante la sessantunesima sessione

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE 2014. di cui al punto 4.3.4 lett. a) e b) Obiettivo generale 5 Asse 3 Educazione alla cittadinanza globale

PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE 2014. di cui al punto 4.3.4 lett. a) e b) Obiettivo generale 5 Asse 3 Educazione alla cittadinanza globale ALLEGATO B Regione Toscana Direzione generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali D.C.R. n. 26 del 04/04/2012 Piano Integrato delle attività internazionali PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Carta del Traduttore

Carta del Traduttore Carta del Traduttore Testo adottato dal Congresso della FIT a Dubrovnik nel 1963 e modificato ad Oslo il 9 luglio 1994. La Federazione Internazionale dei Traduttori, constatando che la traduzione nel mondo

Dettagli

PICTURES ON HUMAN RIGHTS

PICTURES ON HUMAN RIGHTS Luciano Nadalini ISBN 978-88-97046-01-1 euro 9,90 (i.i.) 9 788897 046011 CAMERA CHIARA EDIZIONI 4 Articolo 1 Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA C 333/12 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 10.12.2010 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte EAC/57/10 Programma «Gioventù in azione» 2007-2013 (2010/C

Dettagli

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

VADEMECUM ASSOCIAZIONE LAVORATORI STANIERI MCL

VADEMECUM ASSOCIAZIONE LAVORATORI STANIERI MCL VADEMECUM ASSOCIAZIONE LAVORATORI STANIERI MCL L Immigrazione Il fenomeno migratorio rappresenta una dimensione importante delle trasformazioni sociali dell'ultimo secolo per l'elevato impatto sia sulla

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

Carta sulla qualità di vita delle persone con handicap nelle istituzioni sociali

Carta sulla qualità di vita delle persone con handicap nelle istituzioni sociali Carta sulla qualità di vita delle persone con handicap nelle istituzioni sociali Nell adempimento dei loro compiti le istituzioni sociali associate a INSOS Svizzera seguono i seguenti leitmotiv che caratterizzano

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

L aiuto umanitario della Confederazione. salvare vite, alleviare la sofferenza

L aiuto umanitario della Confederazione. salvare vite, alleviare la sofferenza L aiuto umanitario della Confederazione salvare vite, alleviare la sofferenza Mandato «L aiuto umanitario deve contribuire, mediante misure preventive e di soccorso, a preservare la vita umana in pericolo

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof.

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof. GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA Prof. Daniel Navas Vega 1 SCHEMA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI? LE CARATTERISTICHE DELLO

Dettagli

PROVINCIA di Arezzo Servizio Politiche Sociali. Progetto Le Città plurali - Fondo UNRRA 2008

PROVINCIA di Arezzo Servizio Politiche Sociali. Progetto Le Città plurali - Fondo UNRRA 2008 PROVINCIA di Arezzo Servizio Politiche Sociali Progetto Le Città plurali - Fondo UNRRA 2008 Report Integrazione e accesso ai servizi dei migranti in provincia di Arezzo Principali elementi di riflessione

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE Attività del gruppo GUE/NGL nella commissione per i diritti delle donne e l uguaglianza di genere del Parlamento europeo Uguaglianza di genere, solidarietà, azione

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DEI MIGRANTI NELLE COMUNITA

LA PARTECIPAZIONE DEI MIGRANTI NELLE COMUNITA LA PARTECIPAZIONE DEI MIGRANTI NELLE COMUNITA E.Serrano Cittadinanza attiva diritto di voto e partecipazione I modi e le forme della partecipazione degli immigrati alla vita pubblica locale sono molto

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

Legge federale sulla politica regionale

Legge federale sulla politica regionale Legge federale sulla politica regionale Disegno del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 103 della Costituzione federale 1 ; visto il messaggio del Consiglio federale del

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013

Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013 Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013 LE(g)ALI AL SUD: UN PROGETTO PER LA LEGALITÀ IN OGNI SCUOLA" Obiettivo Convergenza - Progetto nell'ambito dell'obiettivo C: "Migliorare i livelli

Dettagli

Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti

Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore della rivista Mondi migranti Chi sono gli immigrati? ONU: L immigrato è una persona che si è spostata in un paese diverso da quello di residenza abituale

Dettagli

Diritti umani e disabilità: pari opportunità, non discriminazione e presa in carico

Diritti umani e disabilità: pari opportunità, non discriminazione e presa in carico Diritti umani e disabilità: pari opportunità, non discriminazione e presa in carico Consiglio Nazionale sulla Disabilità 35 Associazioni Nazionali Rappresentante Italia presso il Forum Europeo sulla Disabilità

Dettagli

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Paola Degani Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli PARITÀ UOMO-DONNA NELL'UE IL CONTESTO

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Migrazioni internazionali: cause e flussi

Migrazioni internazionali: cause e flussi Migrazioni internazionali: cause e flussi Aspetti definitori La mobilità è attitudine della popolazione a spostarsi sul territorio Non esistono in genere società statiche Gli spostamenti - anche temporanei

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado IL NOSTRO TEAM Il nostro team è composto da avvocati, una psicologa, una educatrice,

Dettagli