Programma PBD Svizzera

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma PBD Svizzera"

Transcript

1 Programma PBD Svizzera Il presente programma non intende fornire risposte a tutte le questioni di attualità politica. Vengono riportati principi formulati in maniera molto concisa con relativi commenti e approfondimenti. In aggiunta a questi principi, il PBD stabilisce in un piano d azione da aggiornare periodicamente quali sono le iniziative concrete da intraprendere nella politica attuale e quali posizioni devono essere assunte riguardo a idee e progetti (leggi, iniziative, ecc.) nei parlamenti (Confederazione, cantoni, comuni) e nel dibattito pubblico. L ordine in cui sono riportati i singoli punti non è da intendere come ordine d importanza.

2 1 novembre 2008

3 1 Lo Stato assicura un sistema educativo di qualità superiore alla media che garantisce pari opportunità a tutti. È un fatto risaputo: il nostro Paese è povero di materie prime e deve quindi puntare con forza sulle capacità dei suoi cittadini. Ciò significa che dobbiamo fare notevoli sforzi nell ambito dell istruzione, della formazione, dello sviluppo e della ricerca. Allo stesso tempo dobbiamo anche misurarci con i crescenti progressi ottenuti da altri popoli in tutto il mondo. L istruzione e la capacità innovativa sono fattori decisivi per affermarsi nella competizione globale. Anche se possiamo essere orgogliosi dell ottimo sistema educativo di cui disponiamo in Svizzera, dobbiamo però mantenere un atteggiamento autocritico. Tutti devono poter ricevere una buona e solida istruzione, anche le persone più deboli. Tuttavia abbiamo bisogno anche di élite, di persone con capacità superiori alla media e che vogliono ottenere risultati d eccellenza. Queste persone devono essere sostenute in modo particolare, essendo determinanti per il benessere futuro dell intera popolazione. La meritocrazia nell istruzione è un fatto positivo. Consideriamo estremamente importanti gli sforzi per armonizzare la scuola obbligatoria a livello nazionale. Con l evolversi della società e la crescente divisione del lavoro nell economia, è necessario che i genitori siano sostenuti dalla comunità nell adempimento della loro responsabilità privata indispensabile per l educazione e la crescita dei giovani. Gli insegnanti e le scuole devono ottenere un maggiore riconoscimento e sostegno dalla politica e dall economia. A tutti i livelli dell istruzione devono essere imposte chiare regole come espressione di un sistema di valori democraticamente riconosciuto. Anche in futuro, i diversi percorsi della formazione professionale (formazione di base e formazione professionale superiore/formazione dei quadri) dovranno essere promossi in modo particolare nel nostro Paese. Per tenere il passo nella competizione internazionale determinate università e scuole universitarie professionali devono essere sostenute maggiormente dallo Stato e dall economia di quanto è stato fatto finora. Insieme, lo Stato e i privati uniti ottengono ottimi risultati (vedi attuale formazione professionale). Il PBD è critico nei confronti di una privatizzazione delle scuole pubbliche. Per rafforzare la scuola statale è necessario favorire la competizione interna. La mescolanza sociale nella scuola pubblica riveste un importanza socio-politica e quindi anche nazionale. In un quadro ben definito, le scuole private devono avere la possibilità di evolvere a livello della scuola pubblica. Il PBD intende promuovere i sostenitori privati nel livello secondario II e nel settore terziario. 2 Il PBD si impegna per una politica della sicurezza forte e credibile e sostiene la missione dell esercito. L organizzazione, la formazione e l equipaggiamento devono essere conformi a questa missione. Eventuali impieghi all estero in base ai principi applicati finora devono essere possibili anche in futuro. Il PBD si impegna per un esercito credibile con incarichi chiari: l esercito difende la Svizzera e la sua popolazione. Inoltre sostiene le autorità civili quando i loro mezzi non risultano più sufficienti e fornisce contributi per promuovere la pace internazionale. Questi tre incarichi sono fissati nella Costituzione federale e nella Legge militare e sono stati confermati dalle elettrici e dagli elettori. Un attacco militare appare oggi poco probabile, ma non può essere escluso per sempre. L esercito deve quindi essere in grado di reagire in tempi utili a un eventuale attacco militare. Per questo devono essere assegnati i mezzi finanziari necessari, e il PBD si impegna con forza perché ciò sia garantito. Gli interventi di sostegno da parte dell esercito a favore della popolazione civile nazionale devono avvenire solo in modo sussidiario ed essere limitati nel tempo e circoscritti ai grandi eventi. L invio di contingenti dell esercito svizzero nell ambito della promozione internazionale della pace deve limitarsi all Europa. La cooperazione rimane la giusta strategia di politica della sicurezza, sia all interno del Paese che verso l esterno. La sicurezza interna è garantita dalla collaborazione tra i vari livelli (comuni, cantoni, Confederazione) e i vari corpi (polizia, esercito, protezione civile, e altri). Vogliamo collaborare a livello internazionale, ma solo fin dove la nostra neutralità lo consente. L adesione a un alleanza di difesa è esclusa. Non deve cerarsi una separazione tra popolazione e esercito, e per questo è necessario rimanere fedeli al nostro sistema di milizia. Questo sistema garantisce all esercito un forte radicamento nella popolazione e la possibilità di usufruire delle conoscenze e della capacità dei cittadini. 2/10

4 3 Il PBD è per uno Stato forte dai limiti chiaramente definiti e una società capace di affrontare le sfide del futuro. Per raggiungere questo obiettivo intendiamo impegnarci con altre forze politiche. Nel sistema della democrazia svizzera risulta più che singolare quando un partito si dichiara per principio come partito d opposizione. Nella democrazia diretta ciò non ha senso. In molti paesi fondati sulla democrazia parlamentare una chiara divisione tra governo e opposizione risulta invece utile: mentre gli uni assumono per un periodo limitato il potere e possono quindi attuare le proprie decisioni, l opposizione controlla, critica e cerca di conquistare il favore degli elettori offrendo idee migliori per il futuro. La Costituzione svizzera non contempla questa possibilità, ma prevede espressamente che sia il popolo a esprimersi in modo diretto sulle leggi. Ovviamente anche da noi si può presentare la situazione in cui un partito o due partiti strettamente legati tra loro detengono la maggioranza e definiscono addirittura un programma vincolante, mentre gli altri costituiscono la minoranza e possono anche non essere rappresentati nel governo. Le maggioranze di questo tipo nel governo e nel parlamento non hanno tuttavia alcuna garanzia che il popolo approvi le varie leggi. In passato ci sono state più volte maggioranze variabili e così sarà anche in futuro. Il PBD è disposto a collaborare in maniera costruttiva con altri partiti e rifiuta qualsiasi atteggiamento intransigente. Quando facciamo opposizione, noi del PBD ci limitiamo caso per caso in modo assolutamente concreto alle singole questioni, motivando la nostra posizione e proponendo idee migliori. 4 La libertà, la responsabilità personale e la disponibilità a impegnarsi costituiscono le basi fondamentali per la crescita e il benessere. Gli interessi e la promozione delle PMI e dei dipendenti con spirito d iniziativa stanno particolarmente a cuore al PBD. La libertà e l economia di mercato sono basi irrinunciabili per uno sviluppo economico e sociale positivo. La società liberale concede la massima libertà possibile e richiede ai cittadini una notevole dose di iniziativa propria e di responsabilità personale. Ogni libertà ha però dei limiti: la propria libertà finisce laddove inizia la libertà degli altri. Libertà e responsabilità sono termini indissolubili. Lo Stato provvede a creare regole e condizioni chiare, comprensibili ed eque. Il PBD è particolarmente attento alle persone che pensano e agiscono secondo i valori della classe media. Un ceto medio forte con il maggior numero possibile di aziende indipendenti (soprattutto PMI) e quadri qualificati è della massima importanza per la stabilità della nostra economia e società. Il modo di pensare e di agire di questo ceto medio è caratterizzato da un solido comportamento finanziario attento alle generazioni future, ma anche da un forte spirito d iniziativa e dalla consapevolezza della propria responsabilità nei confronti della comunità. È a questo ceto medio che rivolgiamo in particolare la nostra attenzione. Intendiamo difenderlo attivamente dagli oneri crescenti e promuovere gli sgravi laddove è possibile. 5 Politica estera significa per il PBD rappresentare gli interessi del nostro Paese rifiutando espressamente gli obiettivi ideologici di sinistra o della destra nazionalista. Numerosi accordi internazionali servono a garantire la nostra sicurezza e in particolare anche la certezza del diritto internazionale (diritto commerciale, diritto internazionale, ecc.). Questa sicurezza è della massima importanza e utilità per un paese come la Svizzera, povero di materie prime e senza sbocchi sul mare, con una popolazione non molto numerosa ma con relazioni economiche in tutto il mondo. Le attività di politica estera sono perciò estremamente importanti per la Svizzera, anche se la loro utilità non viene sempre riconosciuta immediatamente. Una politica estera con una diplomazia di elevato livello qualitativo serve a rappresentare gli interessi della Svizzera e offre in aggiunta l opportunità di dare prova della nostra solidarietà con il mondo; una solidarietà di cui noi stessi abbiamo particolarmente bisogno. Con l avanzare della globalizzazione, il valore della politica estera assume per il nostro Paese un importanza crescente in vari ambiti. In molti settori la politica estera si sovrappone infatti già a quella interna e questa tendenza è destinata ad accentuarsi ulteriormente. Nell interesse della nostra popolazione, Il PBD intende perciò dare una particolare attenzione alla politica estera. 3/10

5 6 Il PBD si impegna per una partecipazione attiva della Svizzera all ONU e sostiene gli accordi di Schengen/Dublino e la rappresentanza in varie organizzazioni internazionali. La Svizzera deve rimanere neutrale. Con il progresso continuo della scienza e della tecnologia i confini nazionali sono diventati, che si voglia o no, inevitabilmente più permeabili. I flussi di informazioni (Internet...!), la digitalizzazione, la mobilità, le enormi capacità di trasporto e gli ingenti spostamenti di capitali costringono gli stati nazionali tradizionali a una maggiore cooperazione. A tutela dei propri interessi, la Svizzera fa quindi bene a impegnarsi in numerose organizzazioni e istituzioni che operano in tutto il mondo. Anche se molte organizzazioni internazionali non sono particolarmente efficienti e si perdono spesso in dibattiti interminabili, non devono essere sottovalutati i meriti, ad esempio dell ONU e di molte delle sue organizzazioni subordinate (accertamento delle evoluzioni in corso, scambio di informazioni e di opinioni, ecc.). Contribuire alle scelte è sicuramente preferibile che non limitarsi a seguire le decisioni altrui. Con la partecipazione attiva possiamo non solo contribuire a individuare soluzioni utili per risolvere problemi internazionali, ma possiamo anche far presente e sostenere richieste specifiche del nostro Paese. Del resto la politica estera è anche uno strumento per rappresentare i propri interessi. Riuscire tramite la creazione di dipendenze reciproche a impedire le guerre o perlomeno a ostacolarle il più possibile, è non solo un dovere nei confronti dell umanità intera ma è importante anche per noi stessi. Gli accordi di Schengen/Dublino sono utili per la sicurezza del nostro Paese. Un isolamento nello scambio di informazioni e nella collaborazione nell ambito dell operato della polizia a livello europeo costituirebbe a lungo termine un notevole svantaggio per il nostro Paese. La Svizzera deve mantenere la propria tradizionale neutralità, riconosciuta a livello internazionale, e metterla a frutto per una politica estera attiva. 7 Il PBD è contrario all adesione all Unione europea, ma sostiene in modo chiaro e inequivocabile la via bilaterale ed è favorevole agli accordi sulla libera circolazione delle persone con l UE. La Svizzera fa parte della grande famiglia delle nazioni e degli stati europei. Abbiamo molti punti in comune che ci caratterizzano come europei: democrazia, diritti dell uomo, Stato di diritto, economia sociale di mercato e valori cristiani. Dal punto di vista economico il nostro Paese è fortemente legato a questa Europa. Il destino dell'europa è quindi della massima importanza anche per il nostro futuro. Indipendentemente dal fatto che l Unione europea quale progetto dell Europa venga apprezzata o meno, la Svizzera deve e vuole intrattenere nel proprio interesse rapporti solidi, pragmatici e amichevoli con la UE. A lungo termine non possiamo permetterci conflitti senza fine con la UE. L Europa può se necessario fare a meno della Svizzera, ma la Svizzera difficilmente può fare a meno dell Europa. Questa consapevolezza non deve tuttavia impedirci di rappresentare i nostri interessi con forza e convinzione. La nostra politica europea deve sostenere gli sforzi per garantire la stabilità economica e sociale nel nostro continente, anche nell interesse del nostro Paese e della sua autodeterminazione. La pace e la stabilità in Europa sono infatti il presupposto e il fondamento per il nostro libero sviluppo. Un adesione all UE non rappresenta dalla prospettiva del PBD un obiettivo della politica estera svizzera. Attualmente e anche nel prossimo futuro i rapporti con l UE possono essere gestiti in modo sufficiente senza l adesione. Questa posizione dovrà essere progressivamente riesaminata, non con un atteggiamento nazionalistico inflessibile, ma tenendo sempre a mente il bene e gli interessi della nostra popolazione e del nostro Paese. Per tutti i problemi che si presentano, sia la collaborazione con la UE che la tutela dei nostri interessi devono avvenire innanzitutto nel quadro di accordi bilaterali. 4/10

6 8 La politica deve essere trasparente e finalizzata alle soluzioni concrete. Il PBD attribuisce una grande importanza al dialogo costruttivo con tutte le forze del Paese e rispetta coloro che hanno opinioni diverse. Consideriamo il dibattito e il confronto politico come una disputa di idee per arrivare alla migliore soluzione possibile. Il termine greco polis significa comunità dei cittadini. Noi non facciamo politica per puri interessi personali. Ovviamente il singolo può anche compiacersi del proprio ruolo politico. Un politico può lottare per la propria elezione/rielezione o per la propria posizione e manifestare in modo inequivocabile le proprie idee su un determinato argomento. Fare politica è anche una questione personale in cui vengono alla luce i lati positivi e negativi del proprio carattere. È tuttavia nostro dovere essere sempre consapevoli del nostro obiettivo, ossia quello di individuare la migliore soluzione per la convivenza e il funzionamento della comunità. Nello scontro politico assumiamo una posizione chiara. Vogliamo affermare le idee di cui siamo convinti, lottando e impegnandoci con intelligenza e passione. Per questo è fondamentale mantenere un comportamento autenticamente democratico e portare avanti azioni appropriate. Quando riusciamo a imporci siamo ovviamente felici e quando perdiamo senz altro delusi. Ma né la vittoria né la sconfitta ci autorizzano a un atteggiamento distruttivo e in nessun caso al disprezzo, alla denigrazione o alla derisione di coloro che hanno idee politiche diverse dalle nostre. Il rispetto degli altri, delle idee diverse e degli altri partiti sono l essenza di una vera cultura democratica. Anche se il nostro motto non è nuovo, esso rimane comunque molto importante e sempre attuale: decisi nell azione, leali nei rapporti. 9 Democrazia e Stato di diritto sono strettamente legati. Il PBD si oppone con decisione a qualsiasi tentativo di separarli. Lo Stato di diritto è l arma della democrazia. Esso garantisce l applicazione corretta della volontà popolare. Il PBD si impegna perciò per uno Stato di diritto ben funzionante e per il rafforzamento dei pilastri su cui si fonda. In una democrazia liberale è compito dello Stato di diritto garantire la sicurezza a tutti. Non possono essere tollerati vuoti giuridici in cui il diritto non venga rispettato. Oltre ai pericoli che ne conseguono, le insicurezze connesse destabilizzano la nostra democrazia; i cittadini che sono vittime di attacchi in queste zone fuori legge perdono la fiducia nelle nostre autorità. Il PBD si impegna perciò con decisione per garantire la sicurezza a tutela delle libertà. Vogliamo un'amministrazione efficiente, al servizio dei cittadini. Il PBD sostiene gli sforzi per il miglioramento dell efficienza nell amministrazione mediante processi di garanzia della qualità (p.es. certificazione ISO). Siamo favorevoli alle aperture di mercato, a condizione che il tipo di servizio lo consenta (p. es. posta pacchi, telefonia mobile). In una democrazia lo Stato di diritto garantisce ai propri cittadini un elevato grado di partecipazione. Lo Stato è tenuto a dare seguito alla volontà popolare. Il PBD chiede perciò dall amministrazione un grande rispetto delle decisioni popolari insieme a un impegno alla massima oggettività. La divisioni dei poteri in potere giudiziario, legislativo ed esecutivo garantisce il buon funzionamento della nostra democrazia. Le decisioni dei tribunali devono essere rispettate. Il PBD è convinto che non sia compito né del potere legislativo né del governo dare istruzioni ai tribunali o addirittura pronunciare giudizi nel loro campo di competenza. Dall altro lato in Svizzera abbiamo una lunga tradizione federale. L intesa tra le varie autorità a livello comunale, cantonale e federale è complessa e richiede dai partiti politici degli sforzi di coordinamento particolari. 10 Lo Stato di diritto deve combattere sistematicamente la violenza nei luoghi pubblici e la criminalità e proteggere così i propri cittadini in modo convincente. I cittadini della Svizzera devono potersi muovere di giorno e di notte senza paura nei nostri luoghi pubblici. La sicurezza pubblica è uno dei pilastri principali del nostro Stato. Sono le forze pubbliche a dovervi provvedere. Le attività e i comportamenti che mettono a rischio la sicurezza pubblica devono essere contrastati. Le dimostrazioni non autorizzate non sono tollerate e vengono impedite dai responsabili politici e dalla polizia. La violenza e il danneggiamento di cose nei luoghi pubblici vengono puniti in modo rigoroso. I colpevoli vengono consegnati alle autorità inquirenti. Chi si mostra in pubblico a viso coperto viene denunciato. La possibilità di divieti di accattonaggio deve essere verificata. Chi degrada i luoghi pubblici con sporcizia, rifiuti o graffiti se ne deve assumere la responsabilità. Siamo consapevoli del fatto che ciò richiede più personale di polizia. Noi ci assumiamo questa responsabilità e siamo disposti a trarne le conseguenze finanziarie. 5/10

7 11 Gli interessi dei giovani sono importanti per il PBD. Il futuro appartiene a loro e devono quindi essere coinvolti nei processi decisionali. I giovani cittadini costituiscono la spina dorsale della nostra futura società. La visione politica che trasmettiamo loro oggi si rifletterà nella politica di domani. Vogliamo essere d esempio ai nostri giovani membri portando avanti una politica della responsabilità e del rispetto reciproco, una politica che si basa sulla responsabilità personale e sull accettazione di chi ha opinioni diverse dalle nostre. Un'ideologia che intende trasmettere tutte le responsabilità sociali possibili allo Stato compromette il futuro tanto quanto un sistema dell esclusione e dell intolleranza. Lo strato più giovane della popolazione deve farsi carico di oneri sociali sempre maggiori. Per evitare che il contratto generazionale possa incrinarsi, i giovani devono essere sensibilizzati ai loro compiti. Dall altro canto la società non può accollare gli oneri sociali sempre più ai giovani. Devono essere piuttosto individuati sistemi di finanziamento in grado di alleggerire in modo crescente i giovani, in particolare le giovani famiglie, anche per quanto concerne i contributi sociali. Offriamo ai giovani interessati la possibilità di impegnarsi attivamente e in modo diretto nel PBD e di assumersi delle responsabilità. 12 Le donne devono avere pari opportunità nelle cariche pubbliche e nelle posizioni dirigenziali. Ciò vale anche per noi stessi. Il PBD intende sostenere le donne in modo consapevole e mirato. Si tratta di un obbligo concreto per tutti gli organismi e tutti i rappresentanti del partito. Il PBD e i suoi rappresentanti devono attivarsi per cogliere le opportunità che si presentano di portare delle donne qualificate in posizioni dirigenziali o di eleggerle per delle cariche pubbliche. Siamo decisamente contrari all applicazione di quote. Una donna non può ovviamente essere preferita a un uomo solo per il fatto di essere donna; il criterio della qualifica deve valere per entrambi i sessi. Secondo noi ci sono però ancora troppo poche donne nelle posizioni dirigenziali. Con la propria esperienza di vita le donne portano con sé altri valori e altre caratteristiche. Una rappresentanza equilibrata dei sessi, possibilmente a tutti i livelli, deve diventare con il tempo un fatto del tutto normale. Tutti ne trarranno vantaggio. Alcune donne non sono talvolta disposte, nonostante la loro ottima qualifica, a intraprendere una carriera, e questo per vari motivi. Non intendiamo insistere e forzare, ma incoraggiare. Ciò comprende anche l impegno sistematico del PBD per la parità salariale. Questo obiettivo non deve essere raggiunto con ulteriori norme statali, ma con un lavoro di convincimento e con azioni concrete. IL PBD intende attuare questa politica anche nelle proprie fila e farsi giudicare per i risultati raggiunti. 13 Le famiglie e le altre comunioni domestiche sono della massima importanza per lo sviluppo e la stabilità della nostra società. Il PBD si impegna per il loro rafforzamento. Il PBD considera il matrimonio e la famiglia tradizionale come istituzione molto solida e collaudata della comunione domestica privata e come nucleo della società. Riconosciamo però anche che si sono verificati nel corso degli ultimi decenni dei cambiamenti profondi in questo ambito. Queste nuove forme di comunione domestica devono essere rispettate e riconosciute come realtà sociali: famiglie con un solo genitore e famiglie senza matrimonio tradizionale. L importante è che le persone che vivono in comunioni domestiche private anche molto piccole si sentano a loro agio, abbiano un comportamento solidale, offrano ai bambini un luogo di protezione, trasmettano loro valori e insegnino loro un corretto comportamento sociale. I bambini e le comunioni domestiche in cui vivono devono quindi disporre delle migliori condizioni possibili. Lo Stato ha il dovere di fornire dei contributi mirati. Ma anche l economia deve offrire agli uomini e alle donne con nuove forme di vita la possibilità di dedicarsi sia ai compiti familiari che a quelli professionali. In questo senso il PBD si impegna per il rafforzamento e il miglioramento della situazione di vita delle famiglie e dei bambini. Per quanto concerne le imposte, il PBD intende eliminare lo svantaggio per le coppie sposate e impegnarsi per un maggior alleggerimento di coloro che provvedono ai figli.

8 14 Il PBD sostiene un agricoltura produttiva sostenibile che contribuisce in maniera determinante alla sicurezza dell alimentazione e alla cura del paesaggio rurale nel nostro Paese. L agricoltura svizzera rifornisce la popolazione con prodotti alimentari sani di elevata qualità che vengono prodotti rispettando gli animali e l ambiente. Essa contribuisce in misura essenziale alla sicurezza alimentare e all occupazione decentralizzata del territorio. Inoltre provvede a dare ai paesaggi rurali un aspetto gradevole e curato, contribuendo così non solo al turismo ma anche alla prevenzione dei danni ambientali. L introduzione di forme aziendali moderne consente una produzione agricola che tiene conto anche dell aspetto dell economicità. In Svizzera le possibilità di produzione sono fortemente limitate dalle condizioni climatiche e topografiche. Inoltre la competitività di un settore, la cui produzione è legata al 100% al territorio nazionale, è penalizzata dal livello elevato dei costi e dei salari svizzeri. I servizi dell agricoltura a tutela dell ambiente e per il bene comune devono perciò essere ricompensati anche in futuro in proporzione alle spese sostenute. I cambiamenti strutturali devono avvenire con un ritmo sostenibile sia dal punto di vista sociale che tecnico. Le perdite di reddito dovute a eventuali accordi commerciali devono essere compensate. La capacità concorrenziale deve essere migliorata con un chiaro obbligo di dichiarazione e una riduzione delle norme che tendano a far aumentare i costi. La conservazione del suolo coltivato come importante base di produzione deve essere assicurata con un appropriata legislazione sulla pianificazione del territorio. 15 Il PBD dedica la massima attenzione all ambiente. Il partito è disposto a contribuire con spirito creativo alla definizione di misure di protezione efficaci. Il principio del chi inquina paga e i sistemi d incentivazione hanno la priorità rispetto alle misure statali. L ambiente e la natura costituiscono il nostro spazio vitale comune. È necessaria tutta la nostra attenzione per garantire che gli straordinari risultati di milioni di anni di evoluzione ed erosione rimangano conservati anche per le prossime generazioni. Siamo consapevoli dei cambiamenti delle condizioni ambientali provocati dal riscaldamento del clima globale. Consideriamo la necessità d intervento a tutela del nostro ambiente come un investimento per le generazioni future. Devono essere adottate in modo mirato tutte le misure protettive necessarie, cercando allo stesso tempo di limitarle all essenziale. La protezione del paesaggio e dell aspetto degli abitati non deve avere la precedenza sui progetti legati alle energie rinnovabili. L utilità economica della produzione energetica nel settore delle energie rinnovabili merita tutta la nostra attenzione. I progetti innovativi per l uso di fonti energetiche alternative (energia solare, eolica, idrica, ecc.) devono essere agevolati, fornendo con opportuni allentamenti della legislazione in materia edilizia e di protezione i necessari margini di libertà per la loro realizzazione. La promozione delle energie rinnovabili è una scelta che ci consente di mantenere in larga misura le attività economiche nelle nostre regioni. L uso delle materie prime energetiche naturali presenti nel nostro Paese garantisce una notevole disponibilità e offre alla Svizzera un settore di reddito aggiuntivo. 16 La sicurezza dell approvvigionamento energetico è di importanza fondamentale. Oltre a un uso più efficiente dell energia deve essere incrementata anche la produzione di energia nel nostro Paese. Allo stesso tempo occorre tenere conto degli obiettivi di riduzione del CO2. Per la Svizzera un approvvigionamento energetico ben funzionante è di importanza fondamentale. La nostra vita non è più immaginabile senza energia, in particolare senza energia elettrica. Entrambe sono indispensabili sui posti di lavoro nell industria, nel commercio, nel settore dei servizi e nell agricoltura, ma anche nelle nostre case e nel tempo libero. Un approvvigionamento energetico sufficiente, economico, diversificato e rispettoso dell ambiente è perciò la premessa per uno sviluppo prosperoso dell economia nazionale. Noi sosteniamo le strategie energetiche del Consiglio federale che intende promuovere le energie rinnovabili e l efficienza energetica. La produzione nazionale di energia deve avere la priorità. Non è auspicabile basare l approvvigionamento energetico sull importazione, perché con questa soluzione gli investimenti e le opportunità economiche vengono trasferite all estero e nei momenti critici si possono creare problemi di approvvigionamento. 7/10

9 17 I centri economici urbani sono di grande importanza per lo sviluppo futuro del nostro Paese. È necessario rafforzare la loro capacità concorrenziale. I centri economici urbani sono i motori dello sviluppo economico. Si tratta di creare le premesse perché possano sopravvivere nella lotta concorrenziale nazionale e internazionale. Ne trae vantaggio anche l hinterland più povero di strutture. I centri economici dinamici fanno da traino per l insediamento di nuove imprese e favoriscono così la creazione e la conservazione dei posti di lavoro. Ciò riesce particolarmente bene quando le sedi e i centri decisionali di gruppi industriali e grandi imprese, aziende di ricerca, aziende di alta tecnologia e scuole universitarie professionali o università si trovano nei centri economici. Una condizione essenziale per lo sviluppo dinamico dei centri economici sono i buoni collegamenti alla rete di trasporto ferroviaria e stradale. È indispensabile garantire un accesso agevole alle regioni chiave dal punto di vista economico. Allo stesso tempo devono essere realizzate delle circonvallazioni in modo che le agglomerazioni non vengano intralciate nel loro sviluppo economico da condizioni del traffico insostenibili e ingorghi continui. Una ricca offerta per il tempo libero e culturale contribuisce all attrattività dei centri economici. La sicurezza per i settori destinati alla cultura e agli incontri è molto importante. Assumono anche una funzione di modello per un politica sociale stabile e integrativa. Occorre promuovere in modo mirato condizioni idonee ai bambini e alle famiglie con offerte formative di ottima qualità nelle scuole, con strutture di assistenza affidabili e flessibili e garantendo un ambiente sicuro e offerte abitative accessibili. 18 Il PBD si impegna per l occupazione decentralizzata del territorio svizzero e per le misure connesse. Un punto di forza essenziale della società svizzera è la collaborazione tra le varie regioni oltre i propri confini geografici. Questo valore di fondo deve essere conservato. Un autentica occupazione decentralizzata del territorio garantisce la varietà culturale e contribuisce alla conservazione delle molte tradizioni della nostra società. Noi ci impegniamo per la promozione delle regioni rurali, sostenendo in modo mirato i punti di forzi delle rispettive aree. Allo stesso tempo siamo attenti a un uso efficiente dei mezzi. Conservando l insediamento decentralizzato di importanti infrastrutture pubbliche, provvediamo a garantire la dinamicità dei centri regionali. In questi centri devono essere disponibili ottime offerte di formazione e di perfezionamento. Nel quadro delle riforme strutturali nel settore agricolo, in futuro numerosi edifici non saranno più utilizzati a fini produttivi. La legislazione in materia di pianificazione del territorio deve essere adeguata in modo da consentire un rapido cambio della destinazione d uso di questo patrimonio edilizio, senza intralci burocratici. Con misure mirate promuoviamo la comprensione e collaborazione reciproca delle regioni rurali e dei centri urbani. 19 Il settore pubblico gestisce i propri mezzi finanziari con cura e si attiene a regole severe. Per garantire il benessere della popolazione, un paese deve avere un economia ben funzionante. L economia ha bisogno di condizioni politico-finanziarie stabili con ottimi servizi pubblici e imposte possibilmente contenute. Lo Stato deve quindi rimanere allo stesso tempo efficiente e snello. A causa dell evoluzione demografica i sistemi di sicurezza sociale e i bilanci pubblici saranno tuttavia messi sempre più a dura prova. Allo stesso tempo la competizione nazionale e internazionale esige che lo Stato crei degli spazi di manovra per poter reagire ai nuovi sviluppi. Sono necessari in particolare mezzi per l attuazione di politiche rivolte al futuro, soprattutto nell ambito della formazione, della ricerca, dei trasporti, dell ambiente e della sicurezza. Solo con bilanci pubblici in buona salute si può far fronte a queste numerose sfide senza penalizzare le generazioni future accumulando debiti. È quindi necessaria un ulteriore sensibile riduzione dell indebitamento della Confederazione e dei cantoni. Una politica che segue il principio della riduzione sistematica del debito rafforza la fiducia e la disponibilità dei cittadini e delle imprese a investire nel proprio Paese. I debiti di oggi sono le imposte di domani. Il benessere del nostro Paese viene messo a rischio se a lungo termine le spese dello Stato superano le entrate. Dal punto di vista dell equità generazionale, un indebitamento eccessivo dello Stato è da considerare antisociale. 8/10

10 20 La mobilità è di importanza fondamentale per lo sviluppo economico e culturale. Il trasporto privato e pubblico sono complementari. I mezzi di trasporto, il luogo di lavoro, la casa e il tempo libero sono temi che riguardano direttamente tutti i cittadini. Ogni cittadino si muove quotidianamente lungo vari percorsi, spostandosi in media per oltre un ora. Vengono utilizzati sentieri, piste ciclabili ma anche strade e rotaie per il trasporto pubblico o privato, viaggiando in treno o con l auto. Oggi i sistemi di trasporto nelle agglomerazioni svizzere hanno ormai raggiunto i propri limiti di capacità. In questa situazione si pone quindi il problema di assicurare la mobilità in tutto il Paese. Le città e le agglomerazioni come punti di congestionamento ben noti sia nel nostro Paese che all estero creano difficoltà sul piano economico e limitano la qualità di vita delle popolazioni interessate. Solo un infrastruttura di trasporto efficiente è in grado di assicurare crescita economica e opportunità di lavoro. Di conseguenza devono essere messi costantemente a disposizione mezzi sufficienti per l ampliamento dell infrastruttura di trasporto. Il trasporto pubblico e quello privato devono essere promossi in misura equivalente. Un indebolimento dell uno porterebbe a un indebolimento del sistema complessivo. Occorre rivolgere l attenzione a tutti i partecipanti al traffico e soggetti economici e assicurare così un'utile convivenza tra trasporto pubblico e privato. Le barriere ideologiche non devono impedire di assicurare la mobilità necessaria allo sviluppo economico. Allo stesso tempo occorre favorire la mobilità delle persone con disabilità. Infine occorre promuovere soluzioni di trasporto che riducano il più possibile l inquinamento come Park and Rail, i treni auto e altre offerte combinate. 21 Le opere sociali devono essere finanziariamente sostenibili per consentire anche alle generazioni future di usufruirne. Vogliamo conservare il sistema dei tre pilastri che ha dimostrato la propria validità. Proponendo la creazione progressiva di incentivi per lavorare oltre il limite di età, l eliminazione dei disincentivi per l assunzione di lavoratori più anziani e modelli salariali, di lavoro e di orario di lavoro più flessibili intendiamo impegnarci per adeguate riforme in tal senso. Il PBD vuole mantenere gli elementi fondamentali del sistema e i suoi punti di forza, ossia il sistema a ripartizione e la solidarietà tra i gruppi di reddito nell AVS, la copertura del capitale garantita dalla LPP e il regime obbligatorio nell assicurazione malattia. Per il finanziamento dell AVS e della LPP occorre respingere in ogni caso un ulteriore aumento degli oneri sui salari, perché in questo modo si compromette la competitività internazionale della nostra economia. Il numero dei beneficiari di rendite aumenta in proporzione alle persone che lavorano. I mezzi necessari per far fronte a queste spese non devono essere unicamente a carico dei lavoratori. Lo strumento del tasso di conversione nel secondo pilastro deve essere maggiormente spiegato alla popolazione ed essere applicato a seconda dell evoluzione della situazione. Il PBD intende fare tutto il possibile per rafforzare il contratto generazionale e ripartire in modo possibilmente equo gli oneri tra Stato, economia, lavoratori e anziani. Le spese dello Stato nell ambito sociale non devono crescere ulteriormente in rapporto al PIL. La previdenza privata deve essere invece promossa maggiormente e a lungo termine. 22 La politica sanitaria assicura a tutti l assistenza e la cura e promuove la medicina di punta. È necessario creare condizioni quadro che consentano la competizione tra fornitori di prestazioni pubblici e privati. L assistenza e cura medica di base ambulatoriale e ospedaliera devono essere assicurate a tutti i gruppi di assicurati. Noi chiediamo condizioni quadro che promuovano quale servizio irrinunciabile un assistenza medica qualitativamente elevata da parte dei medici di famiglia. I medici di famiglia assumono un ruolo centrale nell assistenza di base e la loro posizione deve essere quindi rafforzata. L introduzione di criteri di qualità e di costo appropriati facilita nell ambito degli ospedali pubblici e privati le decisioni strutturali oggettivamente motivabili e offre ai cittadini una maggiore trasparenza. Sosteniamo lo sviluppo delle medicina di punta entro chiare linee guida etiche. Per motivi qualitativi e di costo consideriamo importante creare una rete delle cliniche universitarie svizzere e dei paesi confinanti e concentrare le offerte altamente specializzate in un numero di centri più ristretto rispetto a oggi. La cura negli ospedali, nelle case di cura, ma anche e soprattutto a domicilio (Spitex) richiederà in futuro maggiori risorse di personale. Intendiamo perciò dedicare una particolare attenzione alla formazione nelle professioni sanitarie. 9/10

11 23 La politica degli stranieri prevede regole chiare e di facile applicazione. L immigrazione di forze di lavoro qualificate è necessaria per la nostra economia. L integrazione deve essere pretesa e praticata attivamente. La gestione dell immigrazione deve tener conto innanzitutto delle esigenze del mercato del lavoro. Le forze di lavoro qualificate devono essere reclutate in primo luogo dall area UE/AELS. Il reclutamento da altre zone è ammesso solo in caso di mancata disponibilità nell intera area europea citata. Non deve essere possibile per principio reclutare forze di lavoro meno qualificate fuori dall area UE/AELS. Eventuali eccezioni devono essere regolamentate per legge. Nella politica in materia di asilo è necessario punire severamente qualsiasi abuso. Per questo occorre attuare le misure appropriate, anche se possono risultare impopolari. Il diritto legittimo all asilo deve essere rafforzato con una lotta sistematica agli abusi. La Svizzera deve ovviamente offrire protezione agli stranieri la cui vita e integrità fisica sono minacciate nel proprio paese. La Svizzera deve fare il possibile per portare avanti una stretta collaborazione con i paesi confinanti e le istituzioni europee nell ambito della politica d asilo. I flussi migratori sono un problema mondiale e soprattutto anche europeo che sta diventando sempre più esplosivo. Di conseguenza anche in questo campo è necessaria e importante la partecipazione attiva della Svizzera nell elaborazione di standard internazionali. Le misure d integrazione devono essere imposte dallo Stato. Da parte degli stranieri deve essere preteso uno sforzo attivo per la propria integrazione. Chi non intende consapevolmente integrarsi o rispettare la nostra Costituzione non ha diritto di essere ospitato nel nostro Paese. 24 Il turismo è un settore economico di estrema importanza per lo sviluppo e il rafforzamento di molte regioni e sostiene in questo modo gli sforzi per un insediamento decentralizzato del nostro territorio. Con oltre 25 miliardi di franchi il turismo realizza in Svizzera oltre il tre per cento del PIL, di cui più della metà è da attribuire all esportazione. Il PBD intende sostenere questo settore in modo consapevole. Innanzitutto occorre garantire che le regioni turistiche possano continuare a ottenere aiuti dallo Stato per la realizzazione delle infrastrutture. Ciò consente innanzitutto di rafforzare l area rurale. La cura dei paesaggi e la loro accessibilità aumenta l interesse economico del nostro Paese, dando così indirettamente un forte contributo al rafforzamento dell economia complessiva. 10/10

12

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE Si ringrazia il governo italiano (Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo) per avere fornito la versione italiana di questo rapporto. AZIONE

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Quanto vale una donna?

Quanto vale una donna? Quanto vale una donna? Sotto esame: Maggior equità nel settore degli appalti pubblici 7 marzo 2014 L'Equal Pay Day è un'iniziativa di BPW Switzerland che ha luogo in tutta la Svizzera. Dobbiamo imparare

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo della Commissione europea, in occasione del 2007 - Anno europeo delle

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ACQUISIZIONE/POSSESSO GIURIDICO DELLA CITTADINANZA benessere cittadinanza prestazionale civiltà con valenza inclusiva

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi (LIPIn) 831.26 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli