Adelaide Toffoletto 4 E 1 Liceo Lugano 2 LAVORO DI MATURITÀ. La distribuzione della ricchezza: -working poors e salari minimi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Adelaide Toffoletto 4 E 1 Liceo Lugano 2 LAVORO DI MATURITÀ. La distribuzione della ricchezza: -working poors e salari minimi"

Transcript

1 Adelaide Toffoletto 4 E 1 Liceo Lugano 2 LAVORO DI MATURITÀ La distribuzione della ricchezza: -working poors e salari minimi

2 Indice 1) Premessa 2) Introduzione 3) Distribuzione del reddito tra le classi sociali: David Ricardo Teoria del salario di sussistenza La tesi di Ricardo La legge ricardiana dei salari Riflessioni 4) Una distribuzione disuguale dei redditi Ripartizione delle economie domestiche secondo il livello dei redditi Ripartizione delle economie domestiche secondo le classi dei redditi nel 1998 Concentrazione dei redditi delle economie domestiche (curva di Lorenz) 5) Chi sono i working poors? Quali fattori hanno fatto aumentare i working poors? In Ticino il tasso dei working poors è inferiore alla Svizzera Le spese delle famiglie ticinesi Come recuperare le spese eccessive 6) Salari da poveri Differenza dei salari minimi per personale qualificato e non nel settore economico Molte famiglie sulla soglia della povertà Redditi delle famiglie sotto la lente Bilancio delle economie domestiche ticinesi Le statistiche sono chiare: i veri poveri in Svizzera sono le famiglie con i figli a carico 7) Possibili soluzioni per limitare e migliorare la situazione dei salariati Se un salario non basta si raddoppia Quali sono le ragioni di questo fenomeno Disparità salariali fra uomini e donne Nessun compromesso per migliorare la situazione dei salariati Un'imposta negativa per i working poor Rilanciare il dibattito su un salario minimo legale Salari minimi Prima misura: legge sui lavoratori distaccati all'estero Seconda misura: facilitazione dell'obbligatorietà generale dei contratti collettivi di lavoro Terza misura: salari minimi stabiliti a livello statale Quarta misura: commissioni tripartite Art. 356 del CO Art. 10 del CO: salari minimi (per il 1 gennaio 2001 risp. stagione estiva 2001) Art. 11 del CO: salario minimo per praticanti 8) Resta acceso ancora oggi il dibattito sul tema sociale ed economico 9) Conclusioni e opinione personale 10) Allegati Legge federale concernente il conferimento del carattere obbligatorio generale al contratto collettivo di lavoro (del 28 settembre 1956 e stato del 1 febbraio 2000) Contratto collettivo nazionale di lavoro dell'industria alberghiera e della ristorazione 11) Bibliografia e ringraziamenti 2

3 1) Premessa. Ho scelto il lavoro di maturità in economia e diritto inerente al tema La distribuzione della ricchezza perché la situazione di povertà che c è in Svizzera e in Ticino a causa dei redditi insufficienti per vivere è evidente. Chi nella propria famiglia a mai sentito parlare di salario minimo, accordi bilaterali, insurrezione dei sindacati, ecc? Ogni qualvolta leggiamo il giornale troviamo un articolo che riporta questi fenomeni ed é per questo che voglio chiarire questi termini affinché ognuno di noi si renda conto della povertà che c'è nel nostro paese pur essendo ritenuto uno dei paesi più ricchi. 2) Introduzione Si è già sentito parlare del fenomeno dei working poors, ossia dei lavoratori il cui reddito è insufficiente per arrivare alla fine del mese. Per definire chi sono questi lavoratori poveri prenderò in considerazione il concetto di povertà basato sul rapporto tra bisogni e reddito a livello nazionale. Questo problema ha influenzato i salari e una dimostrazione è data dai contratti collettivi che hanno voluto migliorare la situazione dei salariati. Partendo dalla teoria dei salari di sussistenza di Ricardo cercherò di metterla in relazione ai salari di sussistenza che sono stati studiati affinché ci sia un minimo di salario uguale per tutti. Nelle famiglie si è dovuti ricorrere al doppio reddito per far fronte all aumento del costo della vita. Si lavora per vivere e garantire una vita dignitosa per sé e alla propria famiglia ma ben un decimo della popolazione svizzera che svolge un attività lavorativa è considerata povera. Per stabilire la soglia di povertà sono stati scelti i parametri della Conferenza svizzera degli statuti d azione sociale, secondo i quali per una famiglia composta da un solo individuo il minimo vitale è di 2100 franchi al mese e di per una famiglia di quattro persone (affitti e casse malati escluse). Una famiglia è considerata povera se il suo reddito, dopo la deduzione delle quote sociali e delle imposte, è inferiore alla soglia di povertà. 3) La distribuzione del reddito tra le classi sociali: David Ricardo Il problema della ripartizione del reddito nazionale fra salari e profitti ha ricevuto particolare attenzione da parte degli economisti. Una delle più importanti teorie sul salario è quella formulata nel primo decennio dell 800 da David Ricardo (esponente della scuola classica inglese); esse hanno influenzato sia l evoluzione del pensiero, sia le concrete decisioni della politica economica. David Ricardo si è interessato delle leggi che ne regolano la distribuzione tra proprietari terrieri, capitalisti e lavoratori. Il risultato a cui giunse è che lo sviluppo economico comporta inevitabili conflitti tra le classi sociali. Teoria del salario di sussistenza Ricardo ritenne che anziché cercare di stabilire legge riguardanti le quantità occorresse piuttosto indagare sulle proporzioni nelle quali il prodotto sociale si suddivide tra le tre classi della comunità che hanno contribuito a produrlo: il proprietario della terra (cui viene assegnata la rendita), il possessore del capitale necessario alla sua coltivazione (cui spetta il profitto), e i lavoratori (che percepiscono il salario). Pert anto la determinazione delle leggi che regolano questa distribuzione è il problema fondamentale dell economia politica. 1 Infatti Ricardo segue una tradizione affermata: i salari corrispondono al consumo di beni necessario (dati gli usi e le abitudini del tempo) affinché i lavoratori possano vivere e riprodursi (salario di sussistenza). La tesi di Ricardo Secondo Ricardo, se il salario è inferiore al livello di sussistenza 2 peggiora il livello di vita dei lavoratori, con la conseguenza di un aumento della mortalità e una diminuzione della natalità dei lavoratori. Il risultato è la diminuzione dell offerta di lavoro, che provoca un aumento del salario fino al livello di sussistenza. Quando invece il salario è superiore al livello di sussistenza, le migliorate condizioni di vita dei lavoratori fanno diminuire la mortalità e aumentare la natalità e quindi l offerta di lavoro, finché il livello dei salari scende al livello di 1 precisazione di Ricardo nella prefazione alla sua opera principale Principi dell economia politica e della tassazione del definito come il livello minimo dei consumi, al di sotto del quale i lavoratori non possono sopravvivere 3

4 sussistenza Legge ricardiana dei salari Il valore normale dei salari tende a collocarsi al livello di sussistenza dei lavoratori. Riflessioni Ricardo fu il primo a parlare di salario naturale (distinto da quello corrente determinato dalla domanda e dall'offerta), ma che forze insite nel sistema oggi riconducono lo stesso salario naturale come determinato da quanto è necessario al mantenimento e alla riproduzione del complesso della manodopera esistente senza aumenti e diminuzioni (livello minimo di sussistenza fisiologico), ma legato alle abitudini e ai costumi di ogni popolo. 4) Una distribuzione disuguale dei redditi L Ufficio federale di statistica ha utilizzato la Curva di Lorenz come un analisi teorica e pratica della distribuzione disuguale dei redditi delle economie domestiche svizzere nel In effetti, un quarto delle econom ie domestiche svizzere dispone di meno di franchi al mese. Per circa un altro quarto delle economie domestiche, il totale dei redditi mensili oscilla tra i e i franchi. All altro estremo si trova il 25% delle economie domestiche che notificano redditi superiori a franchi al mese: il 3% di esse percepisce redditi mensili superiori a franchi. Per farsi un immagine di questa ripartizione disuguale basta considerare le due estremità della scala dei redditi: le economie domestiche più svantaggiate (25% del totale) totalizzano appena il 10% dell insieme dei redditi, mentre quelle più fortunate (25%) dispongono del 45% dei redditi totali. 3 Ripartizione delle economie domestiche secondo il livello di reddito Più di franchi Tra e franchi Meno di franchi Tra e franchi 3 per reddito, si intende tutto ciò che è percepito dall economia domestica sotto forma di salari, interessi, rendite, pensioni, rimborsi, ecc. sia in denaro che in natura (regali, prodotti del giardino, ecc.). Inoltre vi è la distinzione tra redditi da lavoro (dipendente o indipendente), redditi della sostanza, e redditi provenienti da trasferimenti (rendite AVS/AI, casse pensioni, ecc.) 4

5 Ripartizione delle economie domestiche secondo le classi dei redditi nel 1998 Ripartizione delle economie domestiche secondo le classi di reddito nel % 10.0% 8.0% 6.0% 4.0% 2.0% 0.0% % e più Da questo grafico risulta chiara la situazione che l'11% delle economie domestiche percepisce un reddito che oscilla tra i e i franchi al mese mentre circa il 2% riceve un reddito che al di sotto della soglia di povertà, ossia tra i e i 2 999, o che si trova ad avere un reddito disponibile al di sopra dei franchi mensili. Queste differenze sono notevoli, al giorno d'oggi le famiglie che fanno parte dell'11% rischiano di diventare povere in quanto è un reddito che basta a malapena ad arrivare alla fine del mese 4. 4 cfr. capitolo "Le statistiche sono chiare: i veri poveri in Svizzera sono le famiglie con figli a carico" 5

6 Concentrazione dei redditi delle economie domestiche (curva di Lorenz) La curva di Lorenz serve per misurare la concentrazione della distribuzione dei redditi. Se ogni economia domestica ricevesse lo stesso reddito, la curva di Lorenz sarebbe la diagonale rappresentata su questo grafico. Più la ripartizione è disuguale, più la curva si allontana dalla diagonale e diventa incurvata. Esempio: al 25% delle economie domestiche detiene il 10% di tutti i redditi; in compenso un quarto delle economie domestiche meglio favorite dispone del 45% dei redditi totali. 5) Chi sono i working poors? Per definire i working poors si usano due metodi diversi; il primo è applicato a livello internazionale mentre il secondo è applicato in Svizzera. A livello nazionale si può dire che una persona appartenente a una famiglia che vive al di sotto della soglia di povertà è povera mentre sul piano internazionale il fenomeno è dal punto di vista dei salari; si perla di persone occupate che contribuiscono almeno alla metà del reddito famigliare, ma che guadagnano meno del 50% di un salario medio: Es: In Ticino, secondo l ufficio federale di statistica nel 1999, il salario mediano era di , quindi era considerato un working poors chi guadagnava meno di franchi In genere vengono anche definiti lavoratori poveri non considerando il salario netto, ma il reddito disponibile residuo, ossia al netto dei trasferimenti, valgono a dire del pagamento delle tasse, delle quote per le assicurazioni sociali e prendendo in considerazione i sussidi d aiuto sociale. In Ticino, secondo le ultime statistiche dell Ufficio federale di statistica effettuate nel 1999, vi erano lavoratori che restavano sotto la soglia di povertà sebbene ricevevano aiuti di varia natura, come i sussidi per i premi dell assicurazione malattia (in Ticino circa ), l assistenza sociale (3.500), gli assegni integrativi per i figli, e via dicendo. 6 In Svizzera nel 1999 vi erano lavoratori poveri (ossia il 60% di tutti i poveri in età lavorativa), di cui 5 per mediano s intende che metà dei salariati percepisce uno stipendio inferiore a franchi e l altra metà superiore 6 Dati emanati dall Ufficio federale di statistica nel

7 a tempo pieno e a tempo parziale; in genere sono lavoratori fra i 20 anni e i 59 anni d età. 7 Questi working poors in genere sono lavoratori poco qualificati, gli indipendenti senza impiegati, le persone occupate a tempo parziale e i lavoratori occupati in settori dove i salari sono relativamente bassi (alberghiera, ristorazione, commercio al dettaglio e nelle economie domestiche). Quali fattori hanno fatto aumentare i working poors? il cambiamento del mercato del lavoro: dal 1995 al 1996 sono aumentati dal 20% al 32% i lavoratori indipendenti senza impiegati ed é aumentato il lavoro temporaneo L evoluzione generale dei salari che sono diminuiti dal 1991 al 1996 del 2% La progressione del numero dei divorzi e l evoluzione della famiglia nella società moderna, le categorie maggiori sono le famiglie monoparentali(il 30% dei working poors) e le coppie con tre o più figli 8 L evoluzione del costo della vita e il forte aumento delle spese incompressibili In Ticino il tasso di working poors è inferiore alla Svizzera Il Ticino nel 1999, sebbene abbia avuto un reddito mediano inferiore rispetto a quello nazionale(4.442 franchi contro franchi), ha avuto un tasso di lavoratori poveri leggermente inferiore alla media svizzera; ossia la percentuale del Ticino era del 7,4 % del totale dei lavoratori contro il 7,5% a livello svizzero. 9 Il nostro cantone ha saputo applicare una politica sociale che sappia limitare i working poors; questo processo avviene grazie a quattro fattori importanti: nel nostro cantone vige un livello d imposizione più basso rispetto alla media nazionale, e questo già prima dei recenti sgravi fiscali il livello delle pigioni in genere è inferiore alla media svizzera, il che favorisce le famiglie in difficoltà il Ticino applica una politica più generosa nel campo dei sussidi per il pagamento dei premi delle assicurazioni malattia per le famiglie a basso reddito; vi sono circa persone che ne usufruiscono(senza gli anziani e gli invalidi beneficiari di prestazioni complementari) nel campo degli assegni famigliari, sulla base della legge cantonale entrata in vigore nel luglio 1997, vi sono l assegno integrativo e l assegno di prima infanzia che aiutano in modo determinante le famiglie monoparentali. Uno studio del 1999 effettuato dall Ufficio degli studi della politica del lavoro e della politica sociale (BASS) ha rivelato che in Ticino circa 1800 famiglie ricevono gli assegni famigliari, per un totale di 22,2 milioni di franchi; questi aiuti diretti alle famiglie con figli sono più efficaci sia sul piano della ridistribuzione della ricchezza sia su quello della riduzione del tasso di povertà. 7 Dati presi dall articolo de la vie économique nell uscita dell agosto 2001 Les travailleurs pauvres en Suisse 8 Dati presi dall articolo de la vie économique nell uscita dell agosto 2001 Les travailleurs pauvres en Suisse 9 Dati presi dall articolo de la vie économique nell uscita dell agosto 2001 Les travailleurs pauvres en Suisse 7

8 Le spese delle famiglie ticinesi Ticino Totale ED Salariati Distribuzione delle ED in % 100,00 62,44 Numero di persone per ED 2,48 2,68 Spese mensili medie per ED in Fr Spese di consumo 61,5 61,8 Prodotti alimentari e bevande analcoliche 8,9 8,5 Bevande alcoliche e tabacchi 1,2 1,2 Indumenti e calzature 4,0 4,1 Abitazione ed energia 16,6 16,2 Apparecchi domestici e manutenzione corrente 3,0 3,0 Sanità 3,5 2,8 Trasporti 7,1 7,8 Comunicazioni 2,0 2,0 Tempo libero e cultura 6,3 6,8 Insegnamento 0,3 0,3 Ristoranti ed alberghi 6,2 6,5 Altri beni e servizi 2,4 2,5 Spese di trasferimento 38,5 38,2 Assicurazioni sociali dedotte dal salario 8,9 12,2 Assicurazioni sociali degli indipendenti 0,7 0,1 Assicurazione malattia di base 6,0 5,6 Assicurazioni malattia e incidenti complementari 1,9 1,6 Altre assicurazioni 5,1 5,2 Imposte e tasse 11,8 11,3 Contributi, offerte e altre girate 4,0 2,3 La situazione dei redditi famigliari determina in larga misura il comportamento in materia di consumi. Le economie domestiche ticinesi hanno speso in media nel franchi al mese per beni di consumo, servizi e trasferimenti (imposte, assicurazioni e contributi vari) che sono il 25% della spesa media complessiva e solo l 8,6% é destinato al risparmio. Le spese di trasferimento sono aumentate in tutte le loro voci, ma decisivi sono stati l esplosione dei costi dell assicurazione malattia (+7,8 %), l incremento dei contributi per le assicurazioni sociali e delle imposte. Tra le spese che incidono maggiormente nei consumi dei redditi famigliari economicamente più deboli figurano le spese per abitazione ed energia e quelle legate alla cura della salute (per la salute e assicurazioni malattia i redditi più bassi arrivano a pagare il 20% del loro budget). Ne deriva che le spese crescono con l aumentare del numero di persone facenti parte dell economia domestica, che ovviamente non apportano altri significativi redditi ma che incidono sulla borsa della spesa. Quindi meno possibilità di risparmio in quanto per le economie domestiche composte da una persona e quelle con cinque persone spendono in media tutto il loro salario mensile, mentre quelle delle categorie intermedie consacrano una parte importante del reddito al risparmio, fino a una quota pari al 12,6% del reddito per le economie domestiche composte da tre persone. Le spese che più contribuiscono alle spese di consumo sono quelle legate all alimentazione, ai trasporti e all abitazione (gli affitti sono relativamente più cari per piccoli appartamenti rispetto ad appartamenti più grandi, da qui il peso maggiore nelle economie domestiche di dimensioni ridotte). 10 Dati dell inchiesta sui redditi e sui consumi delle economie domestiche svolta dall Ufficio federale di statistica nel Fonte: Ufficio federale di statistica, elaborazione Ustat 8

9 Come recuperare le spese eccessive 1) La rivalutazione dei salari: rivalutare i contratti collettivi di lavoro e combattere la precarietà nel lavoro 2) Una più equa ripartizione degli oneri assicurativi: per le famiglie con figli s impone un alleggerimento del carico derivante dai premi per l assicurazione malattia, la gratuità dei premi per i figli, l introduzione di un limite massimo dei premi sul reddito imponibile (8%) e la deducibilità fiscale degli oneri assicurativi. 3) Affitti più contenuti: rafforzare il peso degli inquilini per raggiungere affitti più sopportabili, tenuto anche conto degli effetti contraddittori del sistema dei sussidi individuali per l alloggio. 4) Un minore carico fiscale: aumentare le deduzioni nella famiglia per i figli e figli agli studi, sul principio di deducibilità fiscale dei premi per l assicurazione malattia (con una deduzione crescente in base al numero dei figli) e, in particolare per i pensionati, la deducibilità dei premi per l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni, come pure correggere la posizione dei contribuenti invalidi e in AVS. 5) Assegni famigliari: rivalutare l assegno di base, di prima infanzia, integrativo e di formazione. 6) Salari da poveri Nella pubblicazione di uno studio da parte dell Ufficio federale di statistica (UST) dedicato ai salari minimi fissati nei contratti collettivi di lavoro (CCL) e della loro evoluzione tra il 1999 ed il 2001 n è conseguito che sono soprattutto i lavoratori e le lavoratrici non qualificati a beneficiare delle disposizioni relative ai salari minimi. Un esempio è stata la campagna sui bassi salari nella grande distribuzione, condotta (attorno alla campagna sulla rivendicazione del salario minimo a franchi) in alcuni cantoni del movimento sindacale o nella Svizzera tedesca nella quale si è rivelato che la manodopera non qualificata (cioè che non ha conseguito un tirocinio) è assai numerosa. Vi sono stati dei reali progressi che hanno potato ad aumenti dei salari minimi. Lo stesso si può dire per alti settori dove vi sono molti lavoratori non qualificati, ad esempio, il settore principale della costruzione che ha potuto beneficiare di un aumento dei minimi salariali. L inchiesta dell UST rivela come solo il 34% dei salariati dell economia privata in Svizzera fosse sottoposta ad un contratto collettivo di lavoro che fissa un salario minimo garantito, ossia per due terzi dei lavoratori e delle lavoratrici di questo paese attivi nel settore privato non vi sono disposizioni contrattuali che fissino in qualche modo un salario minimo al quale possano avere diritto. Tra i settori che godono di un CCL forte ve ne sono alcuni con una debole presenza sindacale. Il che equivale ad affermare che questi minimi salariali, pertanto fissati in CCL e spesso pure decretati d obbligatorietà generate (vale a dire con lo stesso valore di una disposizione di legge), motto spesso non trovano concreta applicazione nella realtà. Valga ad esempio quanto succede nel settore alberghiero e della ristorazione, dove le disposizioni contrattuali non sono rispettate per più del 50% del personale. La mancanza di un vero sindacato di settore, con una sua presenza ed un organizzazione sui luoghi di lavoro, ha un influenza decisiva su quest evoluzione. Nel settore alberghiero e della ristorazione, però, vi sono decine e decine di migliaia di lavoratori e lavoratrici che lavorano in nero ed è uno dei settori più attivi a mantenere elevato il numero dei lavoratori clandestini in questo paese. E certo la condizione di questi lavoratori e lavoratrici non li mette nella migliore condizione per richiedere il rispetto nei salari minimi. 9

10 Differenza dei salari minimi per personale qualificato e non nel settore economico0 Settore economico Personale non qualificato Personale qualificato Agricoltura e annessi Industria alimentare Edizione, stampa Metallurgia Costruzione mobili Edilizia Ristorazione, alberghi Trasporti terrestri Trasporti aerei Salute ed attività sociali Intermediazione finanziaria In questa tabella fornita dall UST, con tutti limiti insiti in questo tipo d analisi, le medie dei salari minimi dei lavoratori qualificati oscillano attorno ai 3500 franchi mensili. E questo in settori molto importanti quali quello della metallurgia e della salute. Altri importanti settori, come ad esempio quello del settore alberghiero e della ristorazione, è ampiamente al di sotto di questa soglia. Lo stesso discorso vale per i lavoratori non qualificati. Qui possiamo constatare addirittura come tali medie in molti settori importanti (ristorazione ed alberghi, trasporti aerei e terrestri, costruzione) siano ancora sotto ai 3000 franchi. Molte famiglie sulla soglia della povertà L analisi della dinamica della povertà rende evidente un paradosso apparente: nella maggior parte dei casi lo stato di povertà è momentaneo, persistono però delle situazioni di povertà di lungo termine difficili da estirpare. Gli episodi di povertà di breve durata corrispondono per lo più a un deterioramento passeggero della situazione delle persone che hanno un reddito sufficiente per un lungo periodo. Per contro le situazioni in cui la povertà è persistente è strettamente associata all assenza d attività in un nucleo famigliare e ai nuclei con figli a carico dove non c è che un solo adulto, si specifica nel rapporto dell Ocse. Ed è proprio quest ultima la categoria di famiglie con le maggiori difficoltà, infatti, le persone che passano un anno intero in uno stato di povertà, conoscono generalmente parecchi anni di povertà. C è dunque il rischio che la povertà sia trasmessa da una generazione all altra. La forte incidenza della povertà nelle famiglie in cui vi sono persone attive professionalmente mostra che vi è la necessità di mettere in opera delle politiche che possano migliorare la posizione di un lavoratore. Si pensava che la strada della deregolamentazione nel campo di lavoro fosse la chiave per l aumento dell occupazione. Il rapporto dell Ocse evidenzia che, sebbene una certa flessibilità sia necessaria, è solo il lavoro qualificato a produrre nuove opportunità e quindi a poter assicurare il bilancio delle molte famiglie in difficoltà. 10

11 Redditi delle famiglie sotto la lente Tra il 1998 e il 2000 il reddito delle economie domestiche è progredito in Svizzera del 4,1%, passando da a franchi in media. Nello stesso periodo, le spese dei nuclei famigliari sono aumentate del 2,9%, salendo da a franchi: un incremento che segue da vicino il rincaro, pari al 2,3%. Lo indica l Ufficio federale di statistica (UST) in un comunicato diffuso il 18 aprile La struttura dei redditi per l insieme delle economie domestiche è rimasta quasi invariata nel lasso di tempo considerato. Il 72,4% del reddito deriva dall attività lavorativa, il 22,3% da trasferimenti, in particolare da rendite dell AVS/AI e delle casse pensioni, e il 5,3% dal capitale e dalla proprietà d immobili. Questi risultati riflettono la composizione socioeconomica delle economie domestiche, infatti, nei tre quarti dei nuclei famigliari, la persona che contribuisce in maggior misura al reddito svolge un attività dipendente o indipendente, oppure è agricoltore, mentre nel quarto restante si tratta di un beneficiario di rendite, di un disoccupato o di uno studente. 13 Ticino Totale ED Salariati Distribuzione delle ED in % ,44 Numero di persone per ED 2,48 2,68 Redditi mediani in franc hi Redditi medi in franchi Categorie dei redditi ripartizione in % 12 Redditi da lavoro 73,5 87,3 Redditi della sostanza 5,3 3,1 Redditi provenienti da trasferimenti 21,2 9,6 Svizzera Distribuzione delle ED in % ,29 Numero di persone per ED 2,43 2,56 Redditi mediani in franchi Redditi medi in franchi Categorie dei redditi ripartizione in % Redditi da lavoro 72,5 86,1 Redditi della sostanza 5,9 2,9 Redditi provenienti da trasferimenti 21,6 10,9 Le economie domestiche che hanno una persona di riferimento che lavora come dipendente o indipendente sono le più favorite, con redditi medi mensili rispettivamente di e franchi; se la persona è beneficiaria di una rendita il reddito mensile è di franchi. Osservando i dati secondo i tipi d economia domestica, si rivela che ha disporre dei redditi più bassi sono le persone sole (5.700 franchi) e le famiglie monoparentali (6.900). Infine, il livello di reddito di una coppia senza figli (9.500) è lievemente inferiore a quello di coppie con uno o più figli (da a franchi). Anche la struttura delle spese è cambiata solo lievemente tra il 1998 e il L esborso per l acquisto di beni e servizi è progredito del 3,1%. La quota di queste spese sul totale corrisponde al 63%. Il resto deriva da spese di trasferimento (assicurazioni, imposte, contributi), uscite che hanno superato un incremento del 2,6%. L abitazione (17,6% del budget delle economie domestiche) rappresenta la voce principale delle spese dei nuclei famigliari, Seguono i generi alimentari e bevande (9,6%) e trasporti (7,5%) che hanno consolidato la loro posizione a scapito della voce tempo libero, svago e cultura (6,7%). L esborso per le cure mediche e i costi per la salute (esclusi i premi dell assicurazione malattie) è aumentato del 30%: di conseguenza la loro quota nel budget delle economie domestiche passa dal 3,1 al 4%. Sempre secondo l Ufficio federale di statistica, tra le spese di trasferimento, le assicurazioni sociali (AVS, AI, casse pensioni, assicurazione malattie di base) e le 12 la ripartizione percentuale è calcolata sulla media. Eventuali differenze rispetto al 100% sono dovute ad arrotondamenti 13 Fonte: Ufficio federale di statistica, elaborazione Ustat 11

12 imposte continuano ad occupare i primi posti, con quote rispettivamente del 14,3 e 13,6%. Peraltro, i premi delle assicurazioni, senza distinzione, costituiscono il 20,7% del budget delle economie domestiche. Bilancio delle economie domestiche ticinesi Reddito mensile: 4500 Reddito mensile: 6600 Reddito mensile: 9000 (c) Single Single Single SPESE OBBLIGATORIE Affitto e spese (a) (a) Elettricità Telefono,TV,radio Casse (b) malati,assicurazioni (b) Tasse (com.,cant.,fed.) Spese di trasporto Oneri sociali RIMANENZA PARZIALE SPESE DELLA FAMIGLIA Alimenti e bibite Detersivi e articoli per la pulizia personale RIMANENZA PARZIALE ALTRE SPESE Abbigliamento Giornali e libri Ospitalità Regali Ferie e divertimento Auto(benzina,assicurazi one,ammortamento) Dentista e imprevisti Argent de poche figli Argent de poche moglie Argent de poche marito RISPARMIO FINALE a) riceve sussidi di 300 franchi al mese b) riceve sussidi per la cassa malati dal cantone c) reddito mediano dell'economia domestica ticinese per l'ust Considerando la tabella ci sono tre fasce di reddito differenti considerate in funzione del reddito mediano: una fascia bassa di franchi, quella mediana di e infine quella alta di franchi. Sulla base di tali dati e con il supporto degli esempi di budget famigliari preparati dall ASB (Arbeitsgemeinschaft Schweizerischer Budgetberatungsstellen) e considerand o soltanto il minimo vitale è stato costruito il bilancio delle famiglie tipo. I risultati sono evidenti e chiarissimi: con un reddito globale di franchi una coppia con uno o due figli, non si ritrova un granché nel portafoglio a fine mese. Il discorso potrebbe essere esteso anche alle famiglie con redditi più alti visto che con un reddito disponibile di franchi una famiglia di quattro persone a fine mese, tirando la cinghia, risparmia solo 780 franchi. Anche i circa franchi risparmiati dall economia domestica di tre persone con un reddito di franchi potrebbero essere insufficienti quando il figlio magari è iscritto all università, o qualora vi siano particolari imprevisti. 12

13 Insomma è semplice arrivare alla conclusione che per sempre più famiglie ticinesi il doppio salario o la soluzione per far quadrare il bilancio famigliare e ciò vale non solo per le famiglie meno fortunate, ma pure per quelle di fasce più benestanti che possono rientrare nel cosiddetto ceto medio. Le statistiche sono chiare: i veri poveri in Svizzera sono le famiglie con figli a carico Le statistiche riportate nella tabella meritano alcune considerazioni. Innanzitutto il reddito delle economie domestiche è al lordo sia delle deduzioni sociali sia di quelle di cassa pensione. Al netto sono invece le spese. Da questa prima considerazione deduciamo che se la media del reddito (lordo) è di franchi e la media delle spese (al netto) è di 7.650, le possibilità di risparmio sono in concrete nulle, anzi, è possibile che la media delle economie domestiche fatichi ad arrivare alla fine del mese. Non per niente il credito al consumo diventa in Svizzera un fenomeno sempre più praticato. La seconda considerazione è che la media di franchi dei redditi per le persone sole, è un buon reddito. È pure relativamente cospicuo il reddito medio mensile di franchi per le coppie senza figli. È invece problematico il reddito medio di franchi di una coppia con figli a carico. Per le famiglie con due figli, gli assegni mensili (che non sono inclusi nei franchi) servono, infatti, appena per pagare le casse malati e, per figlio, in media, la spesa mensile è di almeno 500 franchi. Dalle cifre risulta dunque che i veri poveri in Svizzera sono oggi le famiglie con due o più figli a carico. Per questo motivo è importante e decisivo che le autorità fiscali intervengano con pacchetti fiscali mirati ad alleviare il peso fiscale di questa categoria di cittadini. 7) Possibili soluzioni per limitare e migliorare la situazione dei salariati Se un salario non basta si raddoppia Negli ultimi anni per un numero sempre maggiore di famiglie il ricorso al doppio salario della coppia è stata l unica soluzione per poter far fronte all aumento del costo della vita. Questa soluzione è nata spontaneamente da parte dei lavoratori in quanto l aumento dei premi delle casse malati e del costo delle assicurazioni sociali e lo stagnare dei salari hanno obbligato un numero sempre maggiore di donne- casalinghe a intraprendere una nuova carriera nel mondo del lavoro. Quello dei doppi salari è un fenomeno sviluppatosi negli scorsi decenni che ha toccato il suo massimo negli ultimissimi anni con l avvento della ripresa economica nella seconda metà degli anni Novanta nel cantone Ticino. Nello spazio di poco meno di trent anni infatti in Ticino è più che raddoppiato il numero di famiglie, dove non solo per necessità, sia l uomo che la donna sono impegnati professionalmente. Tra il biennio 1977/1978 e il 1993/1994 (ultimo biennio per il quale son o disponibili dei dati dell Ufficio di statistica del cantone Ticino) la percentuale di famiglie beneficiarie di doppi redditi è passata dal 17 al 31 per cento, cioè da coppie (su un totale di ) si è passati a coppie (su un totale di oltre ). In molti casi si tratta magari di impieghi a tempo parziale, comunque spesso la decisione di riprendere a lavorare è dovuta anche al fatto che il reddito medio globale mensile di una famiglia di franchi si è fatto cosi troppo risicato per le necessità. di un nucleo famigliare con uno o due figli. Un salario mediano di franchi troppo spesso è insufficiente. Quali sono le ragioni di questo fenomeno? Sicuramente negli ultimi decenni è cresciuto il numero di donne sposate diplomate o laureate che hanno cercato una giusta soddisfazione personale che le ha parzialmente allontanate dalla tradizionale attività di donna casalinga. Le cause di questo fenomeno sono però soprattutto da imputare alla crescente difficoltà delle famiglie ticinesi ad arrivare alla fine del mese con un solo stipendio il crescere del costo di alcune voci del bilancio famigliare, vedi casse malati o assicurazioni sociali in particolare, ha inciso sui risparmi delle economie domestiche ticinesi al punto che molte donne sono state obbligate a cercare un posto di lavoro. In effetti il salario lordo mensile mediano di un ticinese non è altissimo, non supera i franchi. Mentre il salario mediano lordo mensile percepito dal sesso femminile è inferiore al franchi per la precisione secondo l Ufficio di statistica del Cantone. Una disparità quella dei salari percepiti da uomini e donne che oltretutto è andata ampliandosi negli ultimi anni. 13

14 Disparità salariali tra uomini e donne In certi casi come nel settore del commercio al dettaglio la differenza di salario tra uomo e donna tra il 1998 e quest anno è aumentata del 12%. I salari inferiori delle donne non penalizzano solo il sesso femminile, ma anche la famiglia. Salari In Franchi CH TI CH TI CH TI Donne Uomini Totale * salario lordo mensile standardizzato (mediana) Inoltre, si può affermare che i salari maschili e femminili in Ticino sono inferiori alla media Svizzera che è di franchi mensili (vedi tabella qui sopra) e molte famiglie ticinesi non possono che risentirne. Il reddito globale mediano mensile lordo di una economia domestica (dati dell Ufficio di statistica) in Ticino è di franchi che comprendono tutti i redditi che in un modo o nell altro costituiscono un apporto al budget dell economia domestica: allora non vi è soltanto il salario, ai salari, bisogna contare anche le pensioni, le rendite AVS, i rimborsi delle assicurazioni, rendite immobiliari, e via dicendo. È evidente quindi che tra i franchi di un salario percepito da un uomo, e ancor più tra i franchi percepiti da una salariata, e i franchi di un reddito mediano mensile di una famiglia vi è un bello scarto che in molti casi viene chiaramente colmato soltanto se in una famiglia si può fare ricorso a un doppio stipendio. Nessun compromesso per migliorare la situazione dei salariati Gli ultimi anni hanno regalato più delusioni che altro a molte famiglie ticinesi per via della stagnazione dei salari e per il rincaro di molte voci del bilancio famigliare quali le casse malati o le assicurazioni sociali. L'anno scorso quasi tutte le federazioni affiliate all'uss avevano rivendicato aumenti salariali del 5% per il 2002, con un aumento medio cioè pari a 250 fr mensili i risultati sono stati miseri; infatti la rivendicazione questa volta è più moderata di quella dello scorso anno: il 3% contro il 5% già chiesto. Secondo i dati dell'ufficio federale di Statistica (UST) gli aumenti nominali 14 validi per il 2002 sono stati mediamente del 2,5%. Inoltre gli aumenti generalizzati 15 si sono fermati all'1,3%: il resto, cioè l'1,2%, è andata ad aumenti individuali, cioè legati al merito, alle prestazioni di ogni singolo dipendente e quindi in nessun caso rivendicabili come tale da ogni singolo lavoratore. Il bilancio aritmetico per lo scorso anno è quindi subito fatto: partiti con una richiesta del 5% si è ottenuto poco più dell'1%. La prospettiva per il 2003 risulta assai negativa: il rischio reale è che i salari non solo subiscano aumenti di alcun genere, ma che complessivamente i salari reali possano diminuire. In questo modo l'offensiva salariale annunciata in pompa magna lo scorso anno (5%) rischia di concludersi, dopo due anni, sicuramente non con aumenti dell'8% dei salari, ma con salari effettivi complessivamente stagnanti se non addirittura più bassi. In questo modo non solo i salariati non saranno riusciti ad approfittare della seppur breve ripresa congiunturale degli anni 2002 e 2001 per recuperare una parte del potere d'acquisto perso negli anni '90; ma si ritroveranno all'inizio di una nuova fase recessiva e con un movimento dei salari di nuovo verso il basso. Una ulteriore dimostrazione della bancarotta politica delle attuali direzioni sindacali. 14 vale per i lavoratori sottoposti ad un contratto collettivo di lavoro, i quali sono una minoranza in Svizzera 15 vale a dire quegli aumenti che tutti i lavoratori hanno diritto a ricevere 14

15 Un'imposta negativa per i working poor Per lottare contro il fenomeno dei working poor lo Stato ha usato come strumento dei modelli basati sull'imposta negativa (sconti fiscali che si trasformano in pratica in sussidi a beneficio del contribuente) danno risultati migliori di quelli basati sul reddito minimo. 16 Le persone che pur essendo perfettamente integrate nel mondo del lavoro percepiscono salari talmente bassi da vivere in condizioni di povertà devono spesso ricorrere all'aiuto sociale, che da parte sua non é pensato per fornire un sostegno prolungato. Nel primo modello sviluppato dai professori Gerfin e Leu, tutte le famiglie riceverebbero esattamente l'importo necessario a colmare il divario con il livello della soglia di povertà. "Il solo inconveniente di questo modello è il fatto che può trasformarsi in un incitamento a ridurrei l tempo di lavoro", scrivono gli autori. Il secondo modello mira a spronare la gente a lavorare: dal momento in cui il reddito è superiore ad un dato importo, il sussidio fiscale viene diminuito di 70 centesimi per ogni franco guadagnato in più: in tal modo l'importo continuerebbe a progredire anche con l'aumento dell'attività professionale. Lo studio ha valutato anche gli effetti dell'introduzione di un salario minimo uniforme di franchi netti. Secondo lo studio, pur applicando questo postulato sindacale famiglie nel 1999 ( persone) continuerebbero a vivere al di sotto della soglia di povertà, malgrado un tempo di lavoro minimo di 40 ore. Secondo i ricercatori l'efficacia di un sistema basato sull'imposta negativa è nettamente maggiore. Esso ha inoltre il vantaggio di poter essere finanziato attraverso l'imposizione generale. Inoltre i sussidi fiscali possono essere versati anche ai lavoratori indipendenti. resta invece ancora da determinare quali delle due varianti di imposta negativa sia preferibile per altri gruppi come le famiglie monoparentali o i disoccupati di lunga durata. In ogni modo l'importo dell'imposta negativa non dovrebbe essere troppo bassa, in modo da garantire l'efficacia dello strumento, ma nemmeno troppo alto, per evitare che diminuisca lo stimolo per lavorare. Rilanciare il dibattito su un salario minimo legale Questa soluzione è sorta do po un dibattito tra datori e lavoratori infatti secondo un inchiesta del Credit Suisse condotta l anno scorso il 79% dei cittadini e delle cittadine di questo paese pensano che sarebbe necessario introdurre un salario minimo legale. Certo il dibattito sul salario minimo legale non è facile. Le incognite sono molte e le esperienze all estero non sempre delle più felici ed invitanti. Ma all epoca della flessibilità e della precarizzazione, della divisione ed atomizzazione dei salariati, della esternalizzazione e della destrutturazione dei collettivi salariali, la necessità di regole il più universali possibili s impone con forza. E disposizioni legali in materia salariale, come appunto l introduzione di un salario minimo intercategoriale, appaiono oggi sempre più necessarie. Accordi bilaterali: le quattro misure d'accompagnamento Pascal Couchepin ha affermato che un rapporto sulle misure da prendere per lottare contro il fenomeno dei cosiddetti working poors concretamente sarebbe l introduzione dei salari minimi. A questo proposito i sindacati hanno proposto quattro misure d accompagnamento per la libera circolazione che sono state approvate dalle due camere l 8 ottobre 1999 assieme agli accordi bilaterali. Il Parlamento ha adottato una legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali. Le quattro misure d accompagnamento sono: Prima misura: legge sui lavoratori distaccati all estero Questa legge, che si basa sulla corrispettiva direttiva dell Unione Europea, vale esclusivamente per lavoratori che vengono mandati in Svizzera da una ditta straniera e prevede che le disposizioni svizzere di protezione del lavoro e gli elementi più importanti dei contratti collettivi di lavoro debbano essere rispettati. Questo però è possibile soltanto se esiste un contratto collettivo di lavoro valido per tutti. Perché questi diritti per i lavoratori distaccati siano esigibili per vie legali, anche in Svizzera viene modificata la legge federale sul diritto privato internazionale e rivisto il corrispondente accordo internazionale: Il primo imprenditore (impresa generale) risponde in modo solidale per l osservanza della legge La Confederazione acquisisce la facoltà di indennizzare gli organi di controllo Sanzioni in caso d infrazione (compreso l immediato divieto di lavorare) 16 Studio realizzato dai professori Michael Gerfin e Robert Leu dell'università di Berna su mandato del Dipartimento federale dell'economia (DFE) 15

16 Seconda misura: facilitazione dell obbligatorietà generale dei contratti collettivi di lavoro La normale procedura per l obbligatorietà generale dei contratti collettivi di lavoro non è stata modificata. Questo vuol dire che fondamentalmente la condizione necessaria per l obbligatorietà generale rimane il raggiungimento dei tre quorum del 50%, laddove la regolamentazione consentiva già finora di prescindere dal terzo quorum (minimo 50% di percentuale d organizzazione del lavoratore). In caso d abuso ora i quorum possono essere abbassati al 30% il Consiglio Nazionale e la commissione del Consiglio degli Stati si sono accordati sulla formulazione del Consiglio Federale, secondo la quale questa situazione si verifica se ci sono ripetuti abusi sui salari e sugli orari di lavoro. Terza misura: salari minimi stabiliti a livello statale Ora le autorità competenti a livello federale e cantonale possono emanare salari minimi obbligatori nell ambito di un contratto di lavoro normale. Anche qui la condizione è data se ci sono ripetuti abusi sui salari (abbassamento illecito dei salari). Quarta misura: commissioni tripartite La Confederazione istituisce in ogni Cantone una commissione tripartita. Essa ha il compito di osservare il mercato del lavoro e di intervenire in caso d abuso. La commissione paritetica può richiedere la dichiarazione d obbligatorietà generale facilitata di un contratto collettivo di lavoro o un contratto di lavoro normale con salari minimi. Tuttavia prima di emanare dei salari minimi si deve ricercare l accordo con il datore di lavoro in questione. Per il controllo dei contratti di lavoro normale la commissione tripartita ha il diritto d ispezione nelle imprese, le organizzazioni dei lavoratori hanno il diritto d azione come associazioni (dietro accertamento). L istituzione di commissioni tripartite in tutti cantoni può portare progressi, migliorare il controllo e far affermare delle disposizioni minime, soprattutto in settori dove non ci sono organi di controllo previsti in via contrattuale. Le misure proposte mirano ad impedire che l introduzione della libera circolazione delle persone provochi un dumping sociale e salariale a scapito dei lavoratori attivi in Svizzera. Le misure d accompagnamento negoziate portano innovazioni positive al diritto del lavoro elvetico: per la prima volta vi saranno salari minimi obbligatori a livello statale, non solo per i lavoratori esteri; bensì per tutti i salariati. Questa possibilità faciliterà la lotta contro i salari bassi nei settori non coperti da contratti collettivi di lavoro (agricoltura, commercio al dettaglio e altri). A tale scopo, la legge definisce un nucleo centrale di norme intese a tutelare i lavoratori; data la loro rilevanza per mantenere un mercato del lavoro equilibrato, queste disposizioni debbono essere osservate da tutti gli operatori economici, indipendentemente dal loro Paese d origine o dal loro domicilio, tenuto conto della loro impostazione decentralizzata e considerato il ruolo rilevante che queste misure d accompagnamento affidano agli interlocutori sociali, esse mirano ad essere uno strumento che offra al tempo stesso la necessaria flessibilità nonché le garanzie di prossimità che permettono di tenere conto per il meglio delle specificità dei vari settori economici interessati e delle diversità esistenti fra i vari Cantoni. Le misure d accompagnamento costituiscono un giusto compromesso tra l interventismo statale e la necessità di tutelare i lavoratori attivi nel nostro Paese. Un altro esempio lo troviamo nel Codice delle Obbligazioni con l articolo 356 inerente al contratto collettivo emanato il 25 giugno 2002: Art. 356 del CO I. Definizione, contenuto, forma e durata 1. Definizione e contenuto 1 Mediante contratto collettivo di lavoro, datori di lavoro o loro associazioni, da una parte, e associazioni di lavoratori, dall altra, stabiliscono in comune disposizioni circa la stipulazione, il contenuto e la fine dei rapporti individuali di lavoro tra i datori di lavoro e i lavoratori interessati. 2 Il contratto collettivo può contenere anche altre disposizioni che concernono i rapporti fra i datori di lavoro e i lavoratori, o limitarsi a queste disposizioni. 3 Il contratto collettivo può inoltre disciplinare i diritti e gli obblighi delle parti contraenti, come pure il controllo e l esecuzione delle disposizioni previste nei capoversi precedenti. 16

17 4 Se più associazioni di datori di lavoro o, dall altra parte, più associazioni di lavoratori sono vincolate dal contratto per averlo conchiuso o per avervi, con il consenso delle parti contraenti, aderito ulteriormente, esse stanno fra loro in un rapporto di diritti e obblighi uguali; è nullo qualunque accordo contrario. Questo esempio è lampante in quanto è importante sapere che anche nel nostro sistema giudiziario i lavoratori sono tutelati e che datori di lavoro e sindacati prendano in comune le disposizioni di tali contratti affinché non vi siano abusi. In allegato ho messo l intera legge federale ( ) concernete il conferimento del carattere obbligatorio generale al contratto collettivo di lavoro emanato il 28 settembre 1956 e ritrattato il 1 febbraio 2000; inoltre ho allegato il contratto collettivo cosi da vedere come viene stipulato e con quali clausole vi ene presentato. Qui di seguito ho messo l Art.10 e l Art.11 del Codice delle obbligazioni nei quali si parla dei salari minimi: Art. 10 del CO: Salari minimi (per il 1 gennaio 2001 risp. Stagione estiva 2001) 1) Salari lordi minimi mensili per collaboratori a tempo pieno (anno 2002-anno 2003): - Collaboratori senza apprendistato professionale Fr Fr Se il collaboratore non presta un lavoro qualificato secondo la cifra 2, si può pattuire un salario minimo inferiore del 10% se l'azienda è sita in una regione che necessita di promozione ai sensi della Legge federale sull'aiuto agli investimenti nelle regioni montane (vedi allegato 1). - Collaboratori con apprendistato professionale o formazione equivalente Fr Fr Collaboratori con formazione professionale superiore o particolare responsabilità Fr Fr a) Esame professionale giusta l'art. 51 ss. LFP b) Apprendistato con 7 anni di esperienza settoriale (compreso il periodo di formazione) c) Quadri ai quali è regolarmente sottoposto almeno 1 collaboratore (compresi apprendisti o lavoratori a tempo parziale) d) Collaboratori con formazione o funzione di quadro equivalente. Salari precedenti I a) , , I b) , , II , , III , , Dal 1 gennaio 2002 le categorie I a) e I b) saranno unite nella categoria I. IV Quadri ai quali é regolarmente sottoposto un numero di collaboratori giusta la lettera c) o esame professionale superiore secondo l'art. 51 ss. LFP Anno 2002 Anno 2003 a) - Quadri ai quali sono regolarmente sottoposti collaboratori giusta la lettera c) - funzione di quadro equivalente Fr , Fr b) - Esame professionale superiore giusta l'art. 51 ss. LFP - Quadri ai quali sono regolarmente sottoposti collaboratori giusta la lettera c) da almeno 5 anni - funzione di quadro o formazione equivalente Fr , Fr c) Numero di collaboratori sottoposti giusta le lettere a) e b): Settore cucina 4 Settore servizio 6 Settore hall/réception 3 Settore economia domestica aziendale 6 Altri settori 3 d) I salari giusta le lettere IV a) e b) possono anche essere inferiori, se stipulato per iscritto in un contratto di lavoro, indipendentemente dallo stato di residenza del collaboratore. Salari precedenti IV a) IV b) ) Per attività professionale qualificata di cui al cpv. 1 cat. l si intende una regolare attività o funzione in un settore o in una parte di esso, svolta di regola da professionisti, o che non si può qualificare come lavoro subalterno. Nel settore cucina rientra in tale definizione l'impiego di collaboratori senza formazione professionale per la preparazione e la produzione di pietanze in settori parziali, che di regola rientrano nelle competenze di un cuoco o di un pasticciere. In tale definizione rientra anche l'attività nel settore servizio. 17

18 3) Per i dipendenti senza formazione del settore servizio si può pattuire per l'anno 2002, per un periodo d'introduzione della durata massima di 6 mesi, un salario minimo inferiore del 10% al massimo, per l'anno 2003 un salario minimo inferiore del 5% al massimo rispetto alla cifra 1 categoria I, a condizione che l'accordo avvenga per iscritto sotto forma di contratto di lavoro individuale. Se, in precedenza, il collaboratore non ha mai lavorato nell'industria alberghiera e della ristorazione e se non svolge alcun lavoro qualificato, il salario minimo nell'anno 2002 può essere pattuito applicando una riduzione massima del 10% per i primi 6 mesi, nell'anno 2003 una riduzione massima del 5%. Fino al compimento del 17 anno d'età, il salario minimo secondo cifra 1 categoria I può essere pattuito con una riduzione del 20% al massimo. Le riduzioni del salario minimo non sono cumulabili. 4) Determinante per l'attribuzione ad una determinata categoria è l'effettivo settore di responsabilità, rispettivamente la qualifica professionale e non la semplice definizione del genere di attività svolta. 5) In caso di contestazione, la Commissione paritetica di sorveglianza decide circa l'attribuzione di un collaboratore ad una categoria, così come il riconoscimento di una formazione professionale o di una funzione. Art. 11 del CO: Salario minimo per praticanti 1) Praticanti di scuole professionali alberghiere domiciliate in Svizzera che assolvono la parte pratica del programma di formazione hanno diritto ad un salario mensile lordo di almeno Fr ) I contributi che l'azienda versa alla scuola professionale non costituiscono parte integrante del suddetto salario minimo. 3) Dal salario del praticante non si possono effettuare deduzioni a favore della scuola. In questi due articoli si possono ben vedere le differenze di salario cui sono sottoposti i lavoratori; essi vengono retribuiti secondo il loro grado di formazione. Il minimo attribuito a un lavoratore senza apprendistato è di al mese, con apprendistato professionale 3 350, e man mano che si è maggiormente formati professionalmente i salari aumentano. Comunque questi dati restano teorici in quanto si è visto che nell inchiesta dell UST il salario minimo per del personale non qualificato è al di sotto della soglia dei 3 000; ossia Questi abusi 17 sono dovuti a una mancanza di sindacato di settore che faccia valere i diritti dei lavoratori e faccia rispettare le norme contenute nel contratto collettivo infatti è anche per questo motivo che in questo settore vi siano molte persone che lavorano in nero e che non li mette nella condizione per richiedere il rispetto dei salari minimi. Resta acceso ancora oggi il dibattito sul tema sociale ed economico Il dibattito sul tema sociale ed economico del salario è in corso da molto tempo ma ultimamente è caratterizzato da elevate tensioni inflazionistiche accompagnate da un aumento della disoccupazione. Le nuove teorie hanno preso atto della diversa situazione in cui le parti sociali si trovano ad operare: le teorie tradizionali sono state respinte, sia per la loro insufficienza sul terreno della giustizia sociale, sia perché è tramontato il contesto concorrenziale in cui sono state formulate. In una situazione di concorrenza perfetta, il salario veniva determinato dall incontro della domanda e dell offerta: oggi, radicalmente mutata la situazione di mercato, la contrattazione collettiva dei salari avviene in regime di monopolio bilaterale; e quindi assumono particolare rilievo i rapporti di forza fra le contrapposte organizzazioni dei lavoratori e degli imprenditori. In Svizzera la disoccupazione registrata in lieve calo a partire dalla seconda metà degli anni 90 sta lasciando il posto ad un nuovo incremento delle persone in cerca d impiego. 18 Lo stesso discorso può essere fatto per quel che riguarda le persone inoccupate recensite dall Ufficio federale di statistica. Da questi dati risulta inoltre che sono notevolmente aumentate le persone sottooccupate 19. L ufficio di statistica sostiene che una persona su 10 non ha abbastanza lavoro, di queste sono inoccupate e sono invece sottooccupate. in totale queste persone rappresentano il 10,8% della popolazione attiva 20. I mutamenti del mercato hanno influenzato anche l andamento del livello dei salari. In generale, se si osservano i salari reali, si nota come questi siano 17 cfr capitolo salari da poveri 18 Segretariato di Stato all economia (SECO), La chômagne en Suisse, Berna per persone sottoccupate si intende qui lavoratori che hanno un impiego a tempo parziale, ma desidererebbero lavorare di più 20 ufficio federale di statistica (UST), Rivelamento delle forze lavoro in Svizzera(Rifos), Neuchâtel

19 tendenzialmente rimasti stabili, se non addirittura diminuiti. esistono chiaramente differenze all interno dei singoli settori economici e tra i diversi lavoratori. Rimane comunque il fatto che oggi il 21% dei salariati svizzeri ha uno stipendio inferiore ai franchi netti e l 1,2% ha invece un salario superiore ai franchi. Anche le forme di remunerazione sono state direttamente toccate dalla flessibilità: in molti settori sono stati introdotte forme di remunerazione legate all andamento dell impresa o al merito del dipendente 21. Sul finire degli anni 90 è poi emerso in modo evidente il fenomeno dei cosiddetti lavoratori poveri, che pur avendo un impiego non raggiungono un minimo vitale. Si calcola che in Svizzera i working poor siano , il 7,5% delle persone occupate. L emergere delle nuove povertà è legato ai processi di riorganizzazione del mercato del lavoro. I lavoratori a tempo parziale, con orari flessibili e con contratti a tempo determinato sono più a rischio di diventare lavoratori poveri. Particolarmente rilevante è poi la quota di lavoratori indipendenti che sono poveri. Anche le interruzioni di carriera possono rappresentare un elemento di caduta nella povertà. Si osserva poi che i nuovi impiegati in una stessa azienda o funzione hanno più possibilità di diventare poveri rispetto a coloro che vi lavorano da molto tempo 22. È in questo quadro che s inserisce l inchiesta svolta in Ticino sul rapporto tra le nuove forme di lavoro e la qualità di vita. Un contesto nel quale la flessibilità del mercato del lavoro, in tutte le sue forme, ha assunto dimensioni importanti, ponendo all ordine del giorno nuove problematiche. Molti salariati (67%) dichiarano di essere costretti a fare sacrifici per vivere e pochi sono coloro che riescono ad accantonare regolarmente quote di risparmio. risulta poi chiaramente come l affitto sia la spesa che maggiormente incide sul bilancio famigliare, seguito dalle assicurazioni (cassa malati, ecc.) e dalle imposte. La quasi totalità degli intervistati ammette di essere costretto a rinunciare ad alcune spese, la maggior parte rinuncia alle vacanze. Una piccola parte (9%) sostiene di risparmiare sulle cure mediche; si tratta di una minoranza ma comunque significativa dei problemi che il lavoro precario può generare. Le fasce d età più basse e quelle più alte rappresentano anche redditi inferiori. Le classi d età intermedie (25-45 anni) mostrano una situazione finanziaria meno difficile. Le persone sposate o separate lamentano una situazione finanziaria peggiore. Una soluzione potrebbe essere data da un intervento di politica sociale che non può unicamente limitarsi a contenere le conseguenze sociali legate alla flessibilità del lavoro, ma deve cercare anche di contenere la tipologia della flessibilità. Questo obiettivo appare importante soprattutto in vista di un prevedibile ulteriore aumento della forza lavoro precaria che comporterebbe un aumento considerevole delle persone soggette ai rischi stessi della flessibilità. Da questo punto di vista sarebbe importante avviare una riflessione sulla legge sul collocamento e il prestito del personale promuovendo l introduzione di alcune clausole di maggiore tutela dei lavoratori stessi (come ad esempio l obbligo per le agenzie di collocamento di rispettare tutti i contratti di lavoro e i regolamenti delle aziende e non solo i contratti decretati di obbligatorietà generale) e misure di controllo e di contenimento dell utilizzo all interno delle aziende del lavoro temporaneo (vincoli all utilizzo del lavoro temporaneo in alcuni settori, per tipo di professione o di tempo, ecc.). Alla povertà delle famiglie il nostro cantone ha risposto in buona misura con la legge sugli assegni di famiglia, con l assegno integrativo e quello di prima infanzia, recentemente consolidata ed adeguata dal Gran Consiglio con la prima revisione della legge. Con questa legge il Ticino a trasferito l intervento a favore delle famiglie povere dall assistenza sociale all assicurazione sociale (una vera e propria politica sociale). A livello federale acquista sempre più peso l idea che il fenomeno dei working poor si possa rispondere con delle misure che discendono da due politiche pubbliche: la politica del mercato del lavoro e la politica famigliare. Il Ticino con la sua politica famigliare ha pure risposto al problema dei lavoratori poveri, padri e madri di famiglia, ed ha risposto alla crescente femminilizzazione della povertà, diminuendo il numero delle mamme povere. La prima revisione della legge sugli assegni di famiglia, adegua la legge anche ai modi di lavorare ed introduce le misure di appoggio 23 per le famiglie povere, che hanno lo scopo, soprattutto per le mamme di conciliare l attività famigliare con quella professionale. Comunque, più in generale, la centralità del lavoro, come fonte di reddito e di integrazione sociale, presuppone per tutti i genitori, non solo quelli poveri, la ricerca di una migliore compatibilità fra famiglia e professione. La partecipazione delle donne al mercato del lavoro e l accresciuta flessibilità del mondo del lavoro sollecitano nuove risposte. Il nuovo disegno di legge per le famiglie, approvato dal Governo lo scorso 25 giugno, considera queste mutate esigenze. 21 Ufficio federale di statistica (UST), Enquête suisse sur le salaires 1999, Neuchâtel 1999; (UST) Differences de rémunération du travail très marquée selon les secteures économiques et le catégories salariés, Neuchâtel (UST), Working poor in der Schweiz, Neuchâtel se il genitore che percepisce un assegno di prima infanzia esercita un attività lavorativa può beneficiare del rimborso delle spese di collocamento dei figli in un asilo nido riconosciuto ed autorizzato o presso una mamma diurna riconosciuta 19

20 9) Conclusioni Come abbiamo visto il fenomeno dei working poors riguarda circa il 7.5% della popolazione a livello svizzero, mentre quello della povertà ne coinvolge il 10%. Questi fenomeni sono analizzabili da molteplici punti di vista per esempio considerando la teoria di David Ricardo o semplicemente studiando le statistiche relative all occupazione ed ai relativi redditi. Il comune denominatore sembra essere quello di un impossibilità, o insufficiente incisività nel combattere questi allarmanti fenomeni. Da quanto si è presentato risulta chiaro che è fondamentale riferire il concetto di povertà, come pure quello di working poor, al livello del costo della vita in quanto un solo indice numerico del reddito percepito non è in grado di fornire utili indicazioni: un reddito che in Svizzera viene considerato a livello della soglia di povertà, in altri Stati può essere sopra o sotto tale limite. Quanto visto sembra dimostrare che il fenomeno della povertà coinvolga maggiormente le famiglie con figli a carico, mentre l altro fenomeno, quello dei working poors, colpisce in particolar modo le persone con una scarsa formazione, prevalentemente giovani e gli indipendenti; bisogna considerare che questa situazione risulta, ad un analisi superficiale, quasi inesistente, proprio per il fatto che queste persone percepiscono un regolare stipendio a seguito di un regolare lavoro. Da quanto emerso, i tentativi di contrastare il fenomeno della povertà hanno assunto molteplici forme, dal sostegno ai redditi bassi, alle deduzioni come pure a forme d intervento privato mediante fondazioni; non da ultimo bisogna ricordare che le stesse famiglie hanno adottato delle strategie volte ad incrementare il livello delle entrate. Quella più evidente è il sempre maggior ricorso al doppio lavoro o a lavori al di fuori della normale giornata lavorativa, con notevoli conseguenze a livello di relazioni sociali in quanto il tempo libero a disposizione risulta sempre inferiore. Con le quattro misure d accompagnamento presentate negli accordi bilaterali, si potrebbe attenuare il fenomeno dei working poors, in particolare una maggior diffusione dei contratti collettivi di lavoro permetterebbe di ottenere dei minimi salariali in grado di garantire un livello adeguato di reddito. Necessariamente bisogna istituire una commissione in grado di vigilare sui contratti collettivi e correggere eventuali abusi. La domanda che rimane aperta, visto che un simile sistema non è ancora stato applicat o, è quella riguardante il funzionamento di un imposta negativa sul reddito. Io credo che affrontare i temi connessi con il lavoro e la povertà, il mercato del lavoro e la distribuzione della ricchezza, il diritto del lavoro e la sicurezza sociale, significa uscire dalle logiche settoriali infatti la lotta contro la povertà presuppone un complesso di diritti fondamentali che garantiscono un minimo esistenziale 24, le cure sanitarie e l'inserimento/reinserimento professionale e sociale. Questa protezione fondamentale a livello svizzero non è ancora del tutto efficiente seppure vi siano stati dei miglioramenti delle prestazioni famigliari e di maternità 25. A questa protezione si aggiunge quella specifica, che interessa i lavoratori; in particolare l'indennità giornaliera in caso di malattia (legale o convenzionale), d'infortunio, di servizio militare o civile, le prestazioni in caso d'infortunio o malattia professionale, la previdenza professionale obbligatoria e facoltativa, l'assicurazione contro la disoccupazione. La popolarità delle prestazioni condiziona l'adeguamento del nostro sistema di sicurezza sociale, ed è importante per uno stato federale come la Svizzera, dove è necessario suddividere i ruoli ed essere consci delle competenze. L'adeguamento del sistema, in particolare delle assicurazioni sociali, è competenza della Confederazione, mentre la politica è soprattutto di competenza dei cantoni. Penso che sia importante rivedere il rapporto tra lavoro e sicurezza sociale poiché il lavoro non è più l'unica fonte di reddito importante ma è un mezzo per la realizzazione personale e d inserimento sociale determinante. L'adeguamento continuo e durevole della sicurezza sociale è premessa dai cambiamenti del lavoro e costituisce la spinta per migliorare la qualità di vita dei cittadini, ma soprattutto dei lavoratori. 24 l'avs con le PC e gli assegni famigliari ticinesi di complemento (AFI ed API) sono gli esempi svizzeri migliori 25 l'iniziativa Triponex, approvata dal Consiglio Nazionale, propone un'assicurazione maternità per le madri salariate ed indipendenti nell'ambito della legge sull'indennità per perdita di guadagno in caso di servizio militare e civile 20

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro 2.07 Contributi Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La procedura di conteggio semplificata rientra nel quadro della legge federale concernente

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione 2.08 Contributi Contributi all assicurazione contro la disoccupazione Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve L assicurazione contro la disoccupazione (AD) è un assicurazione sociale svizzera obbligatoria come

Dettagli

Quanto vale una donna?

Quanto vale una donna? Quanto vale una donna? Sotto esame: Maggior equità nel settore degli appalti pubblici 7 marzo 2014 L'Equal Pay Day è un'iniziativa di BPW Switzerland che ha luogo in tutta la Svizzera. Dobbiamo imparare

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

Promemoria 21. Maggiore età

Promemoria 21. Maggiore età Promemoria 21 Molte persone in formazione compiono 18 anni durante la formazione professionale di base, diventando quindi maggiorenni. Questo comporta diversi cambiamenti a livello giuridico, sia per le

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

CONVENZIONE SUL LAVORO FORZATO E OBBLIGATORIO, 1930 1

CONVENZIONE SUL LAVORO FORZATO E OBBLIGATORIO, 1930 1 Convenzione 29 CONVENZIONE SUL LAVORO FORZATO E OBBLIGATORIO, 1930 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione dell Ufficio

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS

3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS 3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS Stato al 1 gennaio 2015 In breve I beneficiari di rendite di vecchiaia e di prestazioni complementari all AVS/AI che risiedono in Svizzera e sono

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi (LIPIn) 831.26 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune IV/ MINISTERO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DEGLI AFFARI SOCIALI Centro di assistenza sociale I dati vanno scritti con lettere maiuscole. Prima di compilare il modulo leggere attentamente le istruzioni

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli