A.N.C.L. - U.P. VICENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.N.C.L. - U.P. VICENZA"

Transcript

1 A.N.C.L. - U.P. VICENZA MASTER 2014 L INVIO DEL PERSONALE ALL ESTERO Trasferta, distacco, trasferimeto e assuzioe i loco. Procedure, autorizzazioi, aspetti fiscali e prevideziali. Relazioe Dott. Giuseppe Pozio Cosulete del Lavoro i Viceza Giovedì 18 settembre 2014 VERGILIUS HOTEL Via Carpaeda, 5- Creazzo (VI)

2 INDICE PRIMA PARTE: CONSIDERAZIONI GENERALI TIPOLOGIE DI RAPPORTO CLASSIFICAZIONE PAESI STRANIERI CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA SICUREZZA SOCIALE ASSUNZIONI ALL ESTERO TUTELA COSTITUZIONALE SECONDA PARTE: PAESI COMUNITARI (E ASSIMILATI) RAPPORTO DI LAVORO SICUREZZA SOCIALE TERZA PARTE: PAESI EXTRACOMUNITARI RAPPORTO DI LAVORO SICUREZZA SOCIALE - PAESI EXTRACOMUNITARI NON CONVENZIONATI - PAESI EXTRACOMUNITARI CONVENZIONATI QUARTA PARTE: DISCIPLINA FISCALE DEL LAVORO ALL ESTERO LE NORME DI RIFERIMENTO DELLA DISCIPLINA FISCALE DEI LAVORATORI ITALIANI ALL'ESTERO LE CONVENZIONI FISCALI PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E IL MODELLO OCSE LA DISCIPLINA FISCALE ITALIANA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE PRODOTTI ALL ESTERO ASSEGNI DI SEDE E INDENNITÀ PER SERVIZI PRESTATI ALL ESTERO (ART. 51, C. 8, TUIR) QUINTA PARTE: TRASFERTA ALL ESTERO NOZIONE DI TRASFERTA LEGISLAZIONE APPLICABILE ADEMPIMENTI DEL DATORE DI LAVORO TRATTAMENTO ECONOMICO DELLE TRASFERTE TRATTAMENTO PREVIDENZIALE E FISCALE DEI RIMBORSI E DELLE INDENNITÀ DI TRASFERTA ESTERO PAG. 2 PAG. 18 PAG. 47 PAG. 66 PAG. 97

3 Creazzo, 18 settembre 2014 U.P. VICENZA L INVIO DEL PERSONALE ALL ESTERO Trasferta, distacco, trasferimeto e assuzioe i loco Procedure, autorizzazioi, aspetti fiscali e prevideziali a cura di Dr. Giuseppe Pozio Cosulete del Lavoro i Viceza 1 PROGRAMMA PRIMA PARTE - CONSIDERAZIONI GENERALI tipologie di rapporto, classificazioe Paesi straieri, cosiderazioi geerali sulla sicurezza sociale, assuzioi all estero e tutela Costituzioale SECONDA PARTE - PAESI COMUNITARI (E ASSIMILATI) rapporto di lavoro sicurezza sociale TERZA PARTE - PAESI EXTRACOMUNITARI rapporto di lavoro sicurezza sociale - Paesi extracomuitari o covezioati - Paesi extracomuitari covezioati QUARTA PARTE- DISCIPLINA FISCALE QUINTA PARTE - TRASFERTA ALL ESTERO a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 1

4 Prima parte Cosiderazioi geerali a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 3 1. Premessa L attuale cotesto ecoomico, caratterizzato da ua crescete globalizzazioe e iterazioalizzazioe delle imprese, iflueza la mobilità trasazioale o solo di quei lavoratori che soo i cerca di u occupazioe all estero per poter godere di codizioi lavorative e di vita migliori, ma coivolge ache coloro che abbiao già u lavoro, quali i lavoratori dipedeti ed i lavoratori autoomi, coloro che percepiscao ua pesioe e coloro che itedao soggiorare all estero per u periodo di formazioe e ricerca. Nel caso di assegazioi all estero del persoale dipedete, chiuque debba gestire u espatrio, deve acquisire ua coosceza approfodita della ormativa itera ed estera applicabile al rapporto di lavoro. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 4 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 2

5 . Premessa E sempre più ecessario, pertato, affrotare le delicate problematiche sottese alla gestioe del persoale italiao all estero, co particolare attezioe alle tipologie cotrattuali, agli aspetti ammiistrativi, prevideziali e fiscali. La presete sitesi, lugi dal voler essere esaustiva su tutti questi delicati e complessi aspetti, mira uicamete a dare u iquadrameto geerale della materia per ciò che attiee ai lavoratori subordiati italiai che si recao all estero, che va poi ecessariamete approfodita caso per caso elle cocrete situazioi che si prospettao. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 5 2. Lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto La scelta della tipologia cotrattuale è la prima problematica che le aziede si trovao ad affrotare. Il lavoratore dipedete può ifatti essere iviato all'estero co ua delle segueti tipologie di rapporto: trasferta distacco, trasferimeto assuzioe all estero Si tratta di u aspetto di o poco coto, dal mometo che dallo stesso dipedoo importati cosegueze di carattere civilistico, ammiistrativo, cotributivo e fiscale. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 6 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 3

6 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto La scelta della tipologia cotrattuale o è arbitraria, ma dipede dal cocreto atteggiarsi della relazioe lavorativa durate il periodo di permaeza del lavoratore all estero: ad esempio dipede dalla durata dell assegazioe, dal soggetto che beeficia della prestazioe e dalla forma giuridica dell etità estera. Diversa sarà ifatti la tipologia del rapporto ad esempio se il lavoratore si reca presso ua società cliete estera per istallare od effettuare ua mautezioe su u macchiario di produzioe della società italiaa, rispetto al caso i cui, ivece, il lavoratore italiao si deve recare all estero per ricoprire il ruolo di direttore geerale di ua società di diritto locale (magari apparteete al medesimo gruppo o cotrollata dalla società italiaa). La scelta della tipologia del rapporto deve essere pertato coerete co le reali esigeze che l ivio del lavoratore 7 all estero deve soddisfare. lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Il lavoratore dipedete può essere iviato all'estero co ua delle segueti forme di rapporto: Trasferta Distacco Trasferimeto Mutameto temporaeo del luogo di lavoro co previsioe certa di rietro ella sede di lavoro di proveieza: cotiuao ad applicarsi ormativa e cotrattazioe collettiva italiae. Mutameto del luogo di lavoro co sospesioe temporaea delle orme cotrattuali e di legge del cotratto origiario di assuzioe: stipula di u cotratto estero che regola il rapporto di distacco. Mutameto defiitivo del luogo di lavoro co stipula di u cotratto estero che regola l'itero rapporto. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 8 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 4

7 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Oltre che co tali istituti cotrattuali, l assegazioe di persoale dipedete all estero può avveire co l assuzioe locale. Il lavoratore si dal mometo dell'assuzioe deve adempiere la propria prestazioe all'estero. Assuzioe all estero Ciò avviee solitamete co l istaurazioe di u rapporto di lavoro subordiato co la società estera (spesso apparteete al medesimo gruppo di quella italiaa). Può accadere ache ua sospesioe del rapporto di lavoro italiao e ua cotestuale assuzioe all estero. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 9 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Trasferta Comporta u mutameto temporaeo della sede di lavoro No è richiesto dalla legge il coseso del lavoratore La prestazioe è svolta a favore del datore di lavoro Il lavoratore è i trasferta quado viee temporaeamete comadato a prestare la propria opera i u luogo diverso da quello i cui deve abitualmete eseguirla metre, ai fii del sorgere di tale diritto, o rilevao la sede aziedale, il luogo di resideza del lavoratore o l'esisteza di ua dipedeza aziedale el luogo di esecuzioe della prestazioe. (Cass. 28 marzo 2008,. 8135). a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 10 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 5

8 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Trasferimeto Comporta u mutameto defiitivo della sede di lavoro No è richiesto dalla legge il coseso del lavoratore ma ragioi teciche orgaizzative o produttive La prestazioe è svolta a favore del datore di lavoro presso altra uità produttiva all estero Art DEL CODICE CIVILE 1. Il prestatore di lavoro.. o può essere trasferito da ua uità produttiva ad u'altra se o per comprovate ragioi teciche, orgaizzative e produttive. 2. Ogi patto cotrario è ullo. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 11 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Distacco Comporta u mutameto temporaeo della sede di lavoro Gli obblighi derivati dal rapporto permagoo i capo al distaccate (datore di lavoro), che deve avere u iteresse produttivo al distacco La prestazioe è svolta a favore del soggetto terzo estero, ossia il distaccatario (ache se fa parte del Gruppo) a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 12 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 6

9 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Distacco orma italiaa Art. 30 del Decreto legislativo , L'ipotesi del distacco si cofigura quado u datore di lavoro (distaccate), per soddisfare u proprio iteresse, poe temporaeamete uo o più lavoratori (distaccato/i) a disposizioe di altro soggetto (distaccatario) per l'esecuzioe di ua determiata attività lavorativa. 2. I caso di distacco il datore di lavoro rimae resposabile del trattameto ecoomico e ormativo a favore del lavoratore. 3. Il distacco che comporti u mutameto di masioi deve avveire co il coseso del lavoratore iteressato. Quado comporti u trasferimeto a ua uità produttiva sita a più di 50 km da quella i cui il lavoratore è adibito, il distacco può avveire soltato per comprovate ragioi teciche, orgaizzative, produttive o sostitutive. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 13 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto La ormativa comuitaria (Dir. CE 96/71/CE) ha discipliato il distacco dei lavoratori ell'ambito di ua prestazioe di servizi trasazioale, allo scopo di coordiare le legislazioi di tutti gli Stati membri ella defiizioe di ua protezioe miima cui deve atteersi il datore di lavoro che distacca dipedeti per svolgere u lavoro a carattere temporaeo el territorio di uo Stato membro dove vegoo prestati i servizi. La legge italiaa ha recepito la direttiva discipliado il distacco i Italia di lavoratori straieri ell'ambito di ua prestazioe di servizi ed estededo a tali ipotesi tutte le disposizioi italiae che regolao il rapporto di lavoro (D. Lgs. 72/2000). a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 14 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 7

10 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Assuzioe locale Comporta u mutameto defiitivo del datore di lavoro (se i precedeza rapporto di lavoro italiao) Il rapporto di lavoro italiao cessa e il lavoratore è assuto presso u soggetto terzo estero. I molti casi vi è l assuzioe già i origie per l estero. La prestazioe è svolta a favore del datore di lavoro estero a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza Classificazioe Paesi straieri Quado ua società assega u dipedete ad ua filiale o a ua propria stabile orgaizzazioe (trasferimeto), o lo distacca presso u'altra azieda i u Paese straiero, al lavoratore iteressato viee applicata ua particolare ormativa, che varia a secoda del Paese presso il quale il lavoratore svolge la sua attività. Ache i caso di assuzioe locale all estero, la disciplia da applicare varia a secoda del Paese di destiazioe. Soo esclusi dalla sfera di applicazioe della ormativa sul lavoro all'estero, i lavoratori iviati al di fuori dei cofii azioali dalla società da cui dipedoo per brevi missioi: trattadosi di semplice trasferta, si applica la ormativa geerale italiaa del rapporto di lavoro co le specifiche erogazioi e ideità. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 16 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 8

11 ... classificazioe paesi straieri I paesi straieri, ai fii degli adempimeti autorizzativi, prevideziali e assisteziali, possoo essere classificati come segue: 1. Paesi dell'uioe europea (UE) Austria, Belgio, Daimarca, Filadia, Fracia, Germaia, Gra Bretaga, Grecia, Irlada, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi (Olada), Portogallo, Spaga, Svezia, Repubblica Ceca, Estoia, Lettoia, Lituaia, Poloia, Repubblica Slovacca, Sloveia, Ugheria, Cipro, Malta, Bulgaria, Romaia e Croazia. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza classificazioe paesi straieri 2. Paesi dello Spazio Ecoomico Europeo (SEE) Islada, Liechtestei e Norvegia Paesi SEE Precisiamo che ai Paesi dello Spazio Ecoomico Europeo (SEE - Accordo di Oporto - L.300/93) si applica la ormativa comuitaria i materia di libera circolazioe delle persoe e di sicurezza sociale (Circ. Ips. 114 del ). Quidi la disciplia dei Paesi comuitari deve essere itesa come applicabile a tutti i Paesi SEE (Islada, Liechtestei e Norvegia). Dal 1 giugo 2012, ai Paesi SEE (Islada, Norvegia e Liechtestei) si applica ifatti il regolameto CE. 883 del 29 aprile (circ. INPS.77/2012). a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 9

12 ... classificazioe paesi straieri 3. Paesi extra uioe europea ma adereti Covezioe europea Turchia Turchia La Turchia è legata all'italia dalla Covezioe Europea di Sicurezza Sociale del , etrata i vigore il No Tale regolameti si applicatuttavia accordo, 987 che e 988/2009, il uovo iclude ache che regolameto prevede disposizioi il CE distacco 883/2004, sicurezza prevideziale attuato dai sociale, di è stato ratificato da Austria, Paesi Bassi, Lussemburgo, Turchia, Portogallo, Spaga, Belgio, Italia. Per i Paesi etrati successivamete a far parte della UE prevale il regolameto comuitario mesi (ota Mi. Lav. aprile 2010). a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza... classificazioe paesi straieri 4. Paesi extra uioe europea ma adereti alla ormativa U.E. i materia di libera circolazioe delle persoe Svizzera Svizzera Le istruzioi operative relative all'applicazioe delle uove disposizioi, i materia pesioistica, sostitutive dei previgeti accordi italo svizzeri, soo state forite dall'inps co il Messaggio. 62 del Dal 1 aprile 2012 si applica il uovo regolameto. 833/2004, attuato dai regolameti. 987/2009 e 988/2009, che prevedoo il distacco prevideziale di 24 mesi (circ. INPS.107,.110 e.111/2012). a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 20 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 10

13 ... classificazioe paesi straieri 5. Paesi extracomuitari covezioati prev. (accordi bilaterali ache parziali) Argetia, Australia, Brasile, Caada e Quebec, Capoverde, Israele, Jersey e altre isole del caale, ex Jugoslavia, Pricipato di Moaco, Sa Mario, Stati Uiti d'america, Città del Vaticao, Tuisia, Uruguay e Veezuela Tutte le covezioi prevedoo l'assicurazioe ifortui co esclusioe di Israele, Jugoslavia e USA. Tutte le covezioi o prevedoo l'applicazioe di CIG, esclusa quella co Israele. 6. Paesi extracomuitari prev. o covezioati i rimaeti 21 Sitesi classificazioe paesi straieri Paesi membri Uioe Europea (28) Austria, Belgio, Daimarca, Filadia, Fracia, Germaia, Gra Bretaga, Grecia, Irlada, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi (Olada), Portogallo, Spaga, Svezia, Repubblica Ceca, Estoia, Lettoia, Lituaia, Poloia, Repubblica Slovacca, Sloveia, Ugheria, Cipro, Malta, Bulgaria, Romaia e Croazia. Paesi dello Spazio Ecoomico Europeo (SEE) Islada, Liechtestei e Norvegia Altri Paesi parzialmete assimilabili Svizzera e Turchia Paesi extracomuitari covezioati previdezialmete Argetia, Australia, Brasile, Caada e Quebec, Capoverde, Israele, Jersey e altre isole del caale, ex Jugoslavia, Pricipato di Moaco, Sa Mario, Stati Uiti d'america, Stato Città del Vaticao, Tuisia, Uruguay e Veezuela Paesi extracomuitari NON covezioati previdezialmete Altri 22 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 11

14 PAESI U.E. Ivio di lavoratori italiai all estero PAESI EXTRA U.E. PREV. CONVENZIONATI PAESI EXTRA U.E. NON PREV. CONVENZIONATI o occorre alcua autorizzazioe Miisteriale È obbligatoria l autorizzazioe Miisteriale prevetiva o è ecessaria l autorizzazioe Miisteriale se il persoale è iviato i trasferta a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza Cosiderazioi geerali sulla sicurezza sociale Gli accordi iterazioali comuitari e le covezioi bilaterali (Paesi extracomuitari covezioati) cosetoo di evitare la duplicazioe degli adempimeti cotributivi, stabiledo l'obbligo di copertura assicurativa del lavoratore el PAESE DI LAVORO (pricipio di territorialità). Esistoo tuttavia accordi che prevedoo deroghe a tale pricipio (es. Covezioe Bueos Aires del 12/04/1961, Covezioe di Washigto del 23/05/1973). I tal modo si determia uivocamete il Paese di assolvimeto degli adempimeti cotributivi e di erogazioe delle prestazioi cosegueti. I deroga a questa regola geerale, gli stessi accordi stabiliscoo peraltro che i lavoratori possao mateere per u determiato periodo la copertura prevideziale el PAESE DI PROVENIENZA, quado il lavoro all'estero abbia durata limitata. 24 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 12

15 cosiderazioi geerali sulla sicurezza sociale Si tratta del cosiddetto regime prevideziale del distacco (o distacco prevideziale), fializzato ad evitare la costituzioe di posizioi assicurative temporaee el Paese di lavoro e la coseguete frammetazioe della cotribuzioe prevideziale. Nel caso di permaeze prolugate, comportati l'assolvimeto dell'obbligo cotributivo sulla base del pricipio geerale di territorialità, gli accordi iterazioali prevedoo comuque u sistema di salvaguardia delle aspettative pesioistiche i preseza di cotribuzioe versata i Paesi diversi. Ifatti co c.d. totalizzazioe, il lavoratore può accedere comuque al pesioameto pur seza aver raggiuto el sigolo ordiameto azioale i requisiti di aziaità cotributiva. 25 cosiderazioi geerali sulla sicurezza sociale I lavoratori italiai occupati i Paesi extracomuitari co i quali o soo i vigore accordi di sicurezza sociale (o covezioati) soo soggetti: - al regime di tutela miima garatita stabilito dalla legislazioe italiaa, - alle disposizioi vigeti el Paese di lavoro. Tale situazioe determia i molti casi la duplicazioe dei cotributi prevideziali e assicurativi. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 26 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 13

16 cosiderazioi geerali sulla sicurezza sociale Cotribuzioe e prestazioi prevideziali Pricipio di territorialità degli obblighi assicurativi (lex loci laboris): soo i geerale discipliate dalla legislazioe del Paese di lavoro (obbligo di copertura assicurativa el Paese di lavoro) i deroga a tale pricipio geerale, soo fatti salvi: gli accordi iterazioali i materia (ad es. le orme sul distacco prevideziale o le covezioi prevideziali) e la tutela miima comuque garatita dal ostro ordiameto 27 al lavoratore italiao all'estero. cosiderazioi geerali sulla sicurezza sociale Disposizioi di tutela dipedoo dal Paese di destiazioe Paesi comuitari e assimilati la ormativa comuitaria cosete di evitare la duplicazioe della cotribuzioe Paesi extracomuitari o covezioati la legislazioe italiaa prevede ua tutela miima a favore dei lavoratori, a prescidere dall'evetuale compreseza di u'aaloga protezioe obbligatoria disposta dalla legislazioe locale Paesi extracomuitari covezioati soo i vigore accordi di sicurezza sociale: i tal caso, la tutela miima disposta dalla legislazioe italiaa iterviee limitatamete alle assicurazioi o cotemplate dalle covezioi a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 28 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 14

17 5. Assuzioe lavoratori italiai all estero Decreto Legislativo 26 maggio 1997,. 152 Attuazioe della direttiva 91/533/CEE cocerete l'obbligo del datore di lavoro di iformare il lavoratore delle codizioi applicabili al cotratto o al rapporto di lavoro Art. 1 -Obbligo di iformazioe 1. Il datore di lavoro pubblico e privato e' teuto a forire allavoratore, etro treta giori (ora: all atto dell assuzioe) dalla data dell'assuzioe, le segueti iformazioi: a) l'idetita' delle parti; b) il luogo di lavoro; i macaza di u luogo di lavoro fisso o predomiate, l'idicazioe che il lavoratore e' occupato i luoghi diversi, oche' la sede o il domicilio del datore di lavoro; c) la data di iizio del rapporto di lavoro; d) la durata del rapporto di lavoro, precisado se si tratta di rapporto di lavoro a tempo determiato o idetermiato; e) la durata del periodo di prova se previsto; f) l'iquadrameto, il livello e la qualifica attribuiti al lavoratore, oppure le caratteristiche o la descrizioe sommaria del lavoro; g) l'importo iiziale della retribuzioe e i relativi elemeti costitutivi, co l'idicazioe del periodo di pagameto; h) la durata delle ferie retribuite cui ha diritto il lavoratore o le modalità di determiazioe e di fruizioe delle ferie; i) l'orario di lavoro; l) i termii del preavviso i caso di recesso. 29 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza. assuzioe lavoratori italiai all estero Decreto Legislativo 26 maggio 1997,. 152 Art. 2 - Prestazioi di lavoro all'estero 1. Le iformazioi di cui all'articolo 1, comma 1, soo forite al lavoratore ivitato a svolgere la sua prestazioe lavorativa all'estero per u periodo superiore a treta giori, prima della parteza e comuque o oltre la scadeza del termie di cui al predetto comma, isieme alle segueti ulteriori iformazioi: a) la durata del lavoro da effettuare all'estero; b) la valuta i cui verrà corrisposta la retribuzioe; c) gli evetuali vataggi i daaro o i atura collegati allo svolgimeto della prestazioe lavorativa all'estero; d) le evetuali codizioi del rimpatrio del lavoratore. 2. L'iformazioe relativa alle idicazioi di cui al comma 1, lettere b) e c), puo' essere effettuata mediate rivio alle orme del cotratto collettivo applicato al lavoratore. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 30 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 15

18 assuzioe lavoratori italiai all estero Datori di lavoro che assumoo lavoratori italiai all estero e Comuicazioe prevetiva al Cetro per l Impiego Il Miistero del Lavoro, co iterpello. 47 del 5 giugo 2009, ha risposto ad u quesito di Cofidustria, i merito alla sussisteza dell obbligo, da parte dei datori di lavoro che assumoo lavoratori italiai all estero, di iviare ai Cetri per l impiego la comuicazioe prevetiva di assuzioe ache per fattispecie discipliate dal D.L.. 317/1987 (cov. dalla L.. 398/1987). La risposta i sitesi del Miistero del lavoro: "... Si ritiee pertato che o sussista u obbligo di comuicazioe ai Cetri per l impiego per rapporti di lavoro costituitisi sul territorio di Paesi straieri, ache se riguardati l assuzioe di u lavoratore di azioalità italiaa. I tali casi, peraltro, la cooscibilità da parte della P.A. della costituzioe del rapporto di lavoro è assicurata dal perfezioameto della procedura di assuzioe presso la Direzioe regioale di iscrizioe del lavoratore iteressato, così come 31 previsto dall art. 1, comma 4, del D.L.. 317/1987. assuzioe lavoratori italiai all estero Datori di lavoro che assumoo lavoratori italiai all estero e autorizzazioe prevetiva Il Miistero del Lavoro, co iterpello. 13 del 26 giugo 2014, rispode al Cosiglio Nazioale dell Ordie dei Cosuleti del Lavoro che aveva avazato istaza di iterpello i merito all obbligo per le aziede straiere co sede legale e operativa i u territorio extra UE, faceti parte di u gruppo di imprese ai sesi dell art c.c., di richiedere il rilascio dell autorizzazioe prevetiva di cui all art. 2 del D.L.. 317/1987 qualora itedao assumere presso la propria sede estera u lavoratore italiao residete i Italia. Il Miistero precisa che dal dettato della citata ormativa può evicersi che soo soggetti alla richiesta dell autorizzazioe i datori di lavoro che itedoo assumere o trasferire all estero u lavoratore italiao, pertato si ritiee irrilevate la circostaza per cui il lavoratore debba essere assuto presso il datore di lavoro localizzato i Paese extra UE e o debba, ivece, essere assuto i Italia per prestare la propria attività all estero, atteso ache che l art. 2 precisa espressamete che sussiste la ecessità dell autorizzazioe sia per l assuzioe all estero del lavoratore italiao 32 sia per il suo trasferimeto. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 16

19 assuzioe lavoratori italiai all estero Datori di lavoro che assumoo lavoratori italiai all estero e autorizzazioe prevetiva e Comuicazioe prevetiva al Cetro per l Impiego Il Miistero del Lavoro, co la Nota prot del 5 agosto 2014, a precisazioe dell iterpello. 13/2014, fa presete che Fermo restado che, come tra l'altro chiarito dall'iterpello, i datori di lavoro, così come idividuati dalla legge (art. 2, DL 317/87 covertito dalla L. 398/87) devoo sottoporre alla scrivete direzioe geerale la richiesta per il rilascio dell'autorizzazioe umerica per l'assuzioe e/o ii trasferimeto di lavoratori italiai o comuitari all'estero, occorre precisare quado tali richieste devoo essere accompagate dalla comuicazioe telematica di assuzioe (o trasferimeto) (1) Qualora il rapporto di lavoro, a prescidere dal luogo d'istaurazioe, è regolato dal diritto azioale, il datore di lavoro è obbligato ad iviare il modello UNIILAV e, prevetivamete, a richiedere l'autorizzazioe al lavoro all'estero. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 33 assuzioe lavoratori italiai all estero Datori di lavoro che assumoo lavoratori italiai all estero e autorizzazioe prevetiva e Comuicazioe prevetiva al Cetro per l Impiego (2) Al cotrario se il rapporto di lavoro si istaura all'estero ed è regolato dal diritto locale o è dovuta é la comuicazioe obbligatoria é, tatomeo, la richiesta di autorizzazioe. (3) È del tutto evidete che ei casi di trasferimeto dall'italia all'estero, è sempre dovuta sia la comuicazioe obbligatoria sia la richiesta di autorizzazioe. Pertato la locuzioe dell'iterpello "si ritiee irrilevate la circostaza per cui il lavoratore debba essere assuto presso il datore di lavoro localizzato i Paese extra UE..." è riferita o già al luogo fisico d'istaurazioe del rapporto di lavoro ma a quello a cui si riferisce il diritto che regola il rapporto di lavoro. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 34 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 17

20 6. Tutela Costituzioale lavoro italiao all estero Costituzioe Repubblica Italiaa Articolo La Repubblica tutela il lavoro i tutte le sue forme ed applicazioi. 2. Cura la formazioe e l'elevazioe professioale dei lavoratori. 3. Promuove e favorisce gli accordi e le orgaizzazioi iterazioali itesi ad affermare e regolare i diritti del lavoro. 4. Ricoosce la libertà di emigrazioe, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge ell'iteresse geerale, e tutela il lavoro italiao all'estero. Nota. A seguito della seteza della Corte costituzioale. 369 del 19 dicembre 1985, la copertura assicurativa per i lavoratori italiai operati all'estero i Paesi extra Uioe europea co i quali o vigoo accordi di sicurezza sociale è stata regolametata dalla L. 398/ Secoda parte Paesi Comuitari (e assimilati) a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 36 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 18

21 1. Il rapporto di lavoro ei Paesi dell'uioe europea (UE) e dello Spazio Ecoomico Europeo (SEE) A) Diritti dei lavoratori: libera circolazioe e o discrimiazioe Foti: art. 45 Trattato CE 25 marzo 1957; Direttiva CE.38/2004; Regolameto CE. 492/2011. Ai lavoratori cittadii di uo Stato membro soo ricoosciuti: - il libero accesso e il libero soggioro (libera circolazioe) i ciascuo degli altri Stati membri per lo svolgimeto di u'attività lavorativa; - la possibilità di lavorare i tutti gli Stati adereti i codizioi di o discrimiazioe rispetto ai lavoratori 37 cittadii dello Stato i cui viee prestata l attività lavorativa. il rapporto di lavoro ei Paesi UE e SEE Per l'assuzioe, il distacco o il trasferimeto di persoale italiao da occupare i Paesi apparteeti all'uioe europea o è pertato ecessaria alcua autorizzazioe da parte del Miistero del lavoro. La libertà di circolazioe di u cittadio dell'uioe o di u suo familiare (qualuque sia la sua cittadiaza), può avere limitazioi esclusivamete per ragioi di ordie pubblico, pubblica sicurezza e saità pubblica. L'igresso ed il soggioro del lavoratore o soo subordiati al prevetivo possesso di u cotratto di lavoro ello Stato membro. Il lavoratore comuitario ha, ifatti, il diritto di rispodere ad offerte di lavoro e la possibilità di spostarsi liberamete a tale scopo el territorio di tutti gli Stati membri. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 38 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 19

22 il rapporto di lavoro ei Paesi UE e SEE Per poter fare igresso ello Stato o è ecessaria come detto - alcua particolare procedura di autorizzazioe o di assuzioe, ma è sufficiete che il lavoratore preseti u documeto di idetità da cui risulti la azioalità di cittadio comuitario. Il diritto di soggiorare per u periodo superiore a tre mesi è soggetto ad alcue codizioi: - esercizio di u'attività i qualità di lavoratore subordiato o autoomo; - dispoibilità di risorse ecoomiche adeguate; - dispoibilità di u'assicurazioe malattia al fie di o diveire u oere a carico dell'assisteza sociale dello Stato membro ospitate durate il soggioro. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 39 il rapporto di lavoro ei Paesi UE e SEE Allo scopo di garatire il diritto di soggioro oltre i tre mesi, per attività lavorativa o ricerca d'occupazioe, è previsto il rilascio di u documeto idetico per tutta la Comuità: la carta di soggioro di cittadio comuitario, avete validità di almeo cique ai. Qualsiasi cittadio dell'uioe acquisisce il diritto di soggioro permaete ello Stato membro ospitate dopo avervi risieduto legalmete per u periodo iiterrotto di cique ai, purché egli o sia stato oggetto di ua misura di allotaameto. Ua volta acquisito il diritto di soggioro permaete si perde solo i caso di u'asseza della durata superiore a due ai cosecutivi dallo Stato membro ospitate. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 40 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 20

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa regioe puglia il lavoro e l iovazioe PO FESR 2007-2013 Asse VI Azioe 6.1.5. idi uove iiziative d impresa Regioe Puglia cosa trovo i questa scheda? Questa scheda cotiee alcue iformazioi sulla Misura Nidi

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Medici Specialisti e Odontoiatri

Medici Specialisti e Odontoiatri ALLEGATO B BOLLO 16,00 P A R T E P R I M A DOMANDA DI INCLUSIONE NELLA GRADUATORIA art. 21 dell Accordo Collettivo Nazioale per la disciplia dei rapporti co i Medici specialisti ambulatoriali, Medici Veteriari

Dettagli

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE PO FESR 2007-2013 Asse VI Azioe 6.1.5. idi uove iiziative d impresa cosa trovo i questa scheda? Questa scheda cotiee alcue iformazioi sulla Misura Nidi - Nuove Iiziative d Impresa della Regioe Puglia i

Dettagli

COMUNE DI SARDARA - SETTORE TECNICO

COMUNE DI SARDARA - SETTORE TECNICO Atti e documeti da allegare all'istaza e (per i procedimeti ad istaza di parte) Strutture itere ed evetuali soggetti esteri coivolti Termii di coclusioe del procedimeto Silezio asseso/coclusioe mediate

Dettagli

ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE STELLA - TURGNANO SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Comune di

ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE STELLA - TURGNANO SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Comune di NON SERVE MARCA DA BOLLO ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE STELLA - TURGNANO SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Comue di SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AFFITTACAMERE (1) l sottoscritto:

Dettagli

(per i cittadini stranieri) Il sottoscritto dichiara di essere titolare di carta di soggiorno ovvero di permesso di soggiorno

(per i cittadini stranieri) Il sottoscritto dichiara di essere titolare di carta di soggiorno ovvero di permesso di soggiorno Al Sidaco del Comue di OSTUNI ATTIVITA FUNEBRE SEGNALAZIONE PER SEDE PRINCIPALE L.R. 34/2008 e L.R. 4/2010 Il sottoscritto Codice fiscale Data di ascita Sesso M F Luogo di ascita: Stato Provicia Comue

Dettagli

Quando lo studente è un lavoratore Gli obblighi e gli adempimen8 a carico della scuola

Quando lo studente è un lavoratore Gli obblighi e gli adempimen8 a carico della scuola Quado lo studete è u lavoratore Gli obblighi e gli adempime8 a carico della scuola A cura di Claudio Zai lombardia-prevezioe@iail.it 1 Articolo 2 - Defiizioi 1. Ai fii ed agli effetti delle disposizioi

Dettagli

contributo di maternità (quota fissa non frazionabile)

contributo di maternità (quota fissa non frazionabile) EPPI 03/2011 Comuicazioe obbligatoria ai sesi del Decreto Legislativo 103/96 da trasmettere all'ete etro e o oltre il 31.07.2012 Piazza della Croce Rossa 3-00161 ROMA Codice Iscritto COGNOME NOME CODICE

Dettagli

Spazio per timbri. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (insegne, targhe, affissi pubblicitari e tende)

Spazio per timbri. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (insegne, targhe, affissi pubblicitari e tende) Spazio per timbri DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (isege, targhe, affissi pubblicitari e tede) Al Servizio Edizia Privata del Comue di PAVIA DI UDINE La D.I.A. va presetata i bollo ( 14,62) quado costituisca

Dettagli

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico?

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico? STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si itede per dao ecoomico? Per dao ecoomico si itede la perdita o la dimiuzioe di valore che u bee subisce a seguito di u siistro ( eveto o prevedibile) o da u fatto doloso

Dettagli

IL SISTEMA DEL DSU IN ITALIA: COME (E PERCHÉ NON) FUNZIONA?

IL SISTEMA DEL DSU IN ITALIA: COME (E PERCHÉ NON) FUNZIONA? Sala Covegi IresPiemote Via Nizza 18 Torio 25 Novembre 2015 CRISI ECONOMICA E BARRIERE ALL ACCESSO UNIVERSITARIO: COME INTERVENIRE? IL SISTEMA DEL DSU IN ITALIA: COME (E PERCHÉ NON) FUNZIONA? FEDERICA

Dettagli

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55

Scritto da Per. Ind. Bruno Orsini Venerdì 21 Giugno 2013 17:41 - Ultimo aggiornamento Domenica 23 Giugno 2013 08:55 La Norma CEI 0-21, la uova regola tecica di coessioe BT Per quato riguarda gli impiati elettrici, oltre alle prescrizioi della Norma CEI 64-8 e successive variati, occorre teere i cosiderazioe u ulteriore

Dettagli

Modifica del regolamento della Cassa pensione Novartis

Modifica del regolamento della Cassa pensione Novartis Modifica del regolameto della Cassa pesioe Novartis Agli assicurati della Cassa pesioe Novartis Il Cosiglio di fodazioe della Cassa pesioe Novartis ha emaato importati modifiche del cocetto e delle prestazioi

Dettagli

Ambito soggettivo Possono fruire dell agevolazione: le società e gli enti indicati nell articolo

Ambito soggettivo Possono fruire dell agevolazione: le società e gli enti indicati nell articolo Co l Ace dedotto dal reddito d impresa il redimeto figurativo del capitale proprio Similitudii co la Dit itrodotta el 1997: ach essa mirava al rafforzameto patrimoiale delle imprese ma il beeficio si esplicava

Dettagli

Deutsche Bank. MiFID

Deutsche Bank. MiFID Deutsche Bak MiFID Traspareza, fiducia, protezioe dell ivestitore. Soo i pricipi a cui Deutsche Bak si è sempre ispirata. Pricipi saciti dalla direttiva europea MiFID (Market i Fiacial Istrumets Directive).

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

VAIO-Link Guida Cliente

VAIO-Link Guida Cliente VAIO-Lik Guida Cliete "Cosideriamo ogi sigola domada del cliete co la massima attezioe e il dovuto rispetto e facciamo del ostro meglio perché il cliete abbia u'ottima impressioe del cetro di assisteza

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO DELL ENTE PUBBLICO: CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICA. 17-19 giugno 2013. www.sdabocconi.it/pa

IL NUOVO BILANCIO DELL ENTE PUBBLICO: CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICA. 17-19 giugno 2013. www.sdabocconi.it/pa Milao Italy IL NUOVO BILANCIO DELL ENTE PUBBLICO: CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICA 17-19 giugo 2013 www.sdaboccoi.it/pa Empower your visio sigifica allargare i propri orizzoti e acquisire solide prospettive

Dettagli

MiFID. A Passion to Perform.

MiFID. A Passion to Perform. MiFID Traspareza, fiducia, protezioe dell ivestitore. Soo i pricipi a cui Deutsche Bak si è sempre ispirata. Pricipi saciti dalla direttiva europea MiFID (Market i Fiacial Istrumets Directive). Deutsche

Dettagli

BANDO E DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE, SOCIETARIA E CONTABILE DELLA SOCIETA. Delibera del C.d.A.

BANDO E DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE, SOCIETARIA E CONTABILE DELLA SOCIETA. Delibera del C.d.A. BANDO E DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA FISCALE, SOCIETARIA E CONTABILE DELLA SOCIETA Distretto tecologico Sicilia Micro e Nao Sistemi società cosortile a r.l ZONA INDUSTRIALE

Dettagli

Stima di un immobile a destinazione alberghiera APPROFONDIMENTI

Stima di un immobile a destinazione alberghiera APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI www.shutterstock.com/vladitto Stima di u immobile a destiazioe alberghiera di Maria Ciua (Ricercatore di Estimo Facoltà di Igegeria dell Uiversità di Palermo) I geere ell expertise immobiliare

Dettagli

Soggetti della prevenzione

Soggetti della prevenzione Materiale didattico per la formazioe dei Rappresetati dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Soggetti della prevezioe Cultura della sicurezza patrimoio comue del modo del lavoro: impresa, lavoratori e parti

Dettagli

Presentazione Convenzione Corpo Volontari Garibaldini e Blu Energy Srl per la promozione delle Energie Rinnovabili www.blu-energy.

Presentazione Convenzione Corpo Volontari Garibaldini e Blu Energy Srl per la promozione delle Energie Rinnovabili www.blu-energy. Presetazioe Covezioe Corpo Volotari Garibaldii e Blu Eergy Srl per la promozioe delle Eergie Riovabili Le pricipali caratteristiche del progetto www.blu-eergy.it Diamo il ostro cotributo Blu Eergy e il

Dettagli

Il Preposto. Soggetti della prevenzione. Materiale didattico per la formazione dei Preposti

Il Preposto. Soggetti della prevenzione. Materiale didattico per la formazione dei Preposti Materiale didattico per la formazioe dei Preposti Il Preposto Soggetti della prevezioe Cultura della sicurezza patrimoio comue del modo del lavoro: impresa, lavoratori e parti sociali. Il testo uico sulla

Dettagli

STIMA DEI DIRITTI REALI SU COSA ALTRUI (CAPP. 15-16-17)) STIMA INERENTI L USUFRUTTO, USO E ABITAZIONE (CAP. 15)

STIMA DEI DIRITTI REALI SU COSA ALTRUI (CAPP. 15-16-17)) STIMA INERENTI L USUFRUTTO, USO E ABITAZIONE (CAP. 15) STIMA DEI DIRITTI REALI SU COSA ALTRUI (CAPP. 15-16-17)) Apputi di estimo STIMA INERENTI L USUFRUTTO, USO E ABITAZIONE (CAP. 15) DIRITTO DI USUFRUTTO Defiizioe di usufrutto L usufrutto è u diritto reale

Dettagli

QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda

QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda QUESTIONARIO STUDENTE - Scuola Secodaria di II grado - Classe Secoda Rilevazioe degli appredimeti Ao Scolastico 2011 2012 QUESTIONARIO STUDENTE Scuola Secodaria di II grado Classe Secoda Spazio per l etichetta

Dettagli

MiFID. Gruppo Deutsche Bank Finanza & Futuro

MiFID. Gruppo Deutsche Bank Finanza & Futuro Gruppo Deutsche Bak Fiaza & Futuro MiFID Traspareza, fiducia, protezioe dell ivestitore. Soo i pricipi a cui Fiaza & Futuro Baca si è sempre ispirata. Pricipi saciti dalla direttiva europea MiFID (Market

Dettagli

La stima per capitalizzazione dei redditi

La stima per capitalizzazione dei redditi La stima per capitalizzazioe dei redditi 24.X.2005 La stima per capitalizzazioe La capitalizzazioe dei redditi è l operazioe matematico-fiaziaria che determia l ammotare del capitale - il valore di mercato

Dettagli

Master in Management Pubblico per la Regione Calabria MMP-RC. MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO 12 mesi 2 a edizione a.a.

Master in Management Pubblico per la Regione Calabria MMP-RC. MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO 12 mesi 2 a edizione a.a. Master i Maagemet Pubblico per la Regioe Calabria MMP-RC MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO 12 mesi 2 a edizioe a.a. 2013-2014 2 Master i Maagemet Pubblico MMP-RC 2 a Edizioe MMP-RC asce dall'esperieza

Dettagli

n n Biologi, Chimici e Psicologi n-- E fotocopia del documento di identità in corso di validità (Prov_) CAP _ RIETI e PROVINCIA

n n Biologi, Chimici e Psicologi n-- E fotocopia del documento di identità in corso di validità (Prov_) CAP _ RIETI e PROVINCIA ALLEGATOB PARTE PRIMA DOMANDA DI INCLUSIONE NELI"A GRADUATORIA art. 21 dell'accordo Collettivo Nazioale per la disciplia dei rapporti co i Medici specialisti ambulatoriaìi, Medici Veteriari ed altre professioalità

Dettagli

Perché è necessaria una riforma della protezione dei dati nell Unione europea?

Perché è necessaria una riforma della protezione dei dati nell Unione europea? Perché è ecessaria ua riforma della protezioe dei dati ell Uioe europea? La direttiva europea del 1995 è ua pietra miliare ella storia della protezioe dei dati persoali. I suoi pricipi fodametali garatire

Dettagli

FONDO CRESCO. Elementi di sintesi. Milano 24 gennaio 2013. Riservato e confidenziale

FONDO CRESCO. Elementi di sintesi. Milano 24 gennaio 2013. Riservato e confidenziale FONDO CRESCO Elemeti di sitesi Milao 24 geaio 2013 Riservato e cofideziale Premessa ed obiettivi del documeto. L obiettivo del presete documeto è quello di presetare il Fodo CRESCO che affiacherà il Fodo

Dettagli

Giocate le carte giuste! Con le carte Visa e MasterCard WWF contribuite a salvaguardare la natura, senza costi aggiuntivi per voi.

Giocate le carte giuste! Con le carte Visa e MasterCard WWF contribuite a salvaguardare la natura, senza costi aggiuntivi per voi. No tutte le carte di credito soo uguali. Le carte Visa e MasterCard WWF vi offroo tutti i vataggi di ua carta di credito tradizioale: potete prelevare cotati i valuta locale, per l importo desiderato,

Dettagli

Guida alla consultazione

Guida alla consultazione VIAGGI PROTETTI 1 Guida alla cosultazioe INFORMAZIONI PRINCIPALI 4 I STRI CONTATTI 5 INFORMATIVA PRECONTRATTUALE INFORMAZIONI SULL IMPRESA DI ASCURAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRATTO INFORMAZIONI SULLE PROCEDURE

Dettagli

STIMA DEL FONDO RUSTCO

STIMA DEL FONDO RUSTCO STIMA DEL FONDO RUSTCO 1) Quali soo gli aspetti ecoomici che possoo essere presi i cosiderazioe ella stima dei fodi rustici? La stima di u fodo rustico può essere fatta applicado i segueti aspetti ecoomici:

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

I conguagli contributivi e fiscali di fine anno

I conguagli contributivi e fiscali di fine anno I coguagli cotributivi e fiscali di fie ao a cura di Gabriele Boati e Michela Magai Sommario I coguagli cotributivi 1. Cotributo aggiutivo IVS 1%...III 2. Decotribuzioe della retribuzioe variabile...v

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Dipartimento di Economia

Dipartimento di Economia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (L-18) Articolo 1 - Deomiazioe PARTE PRIMA Il Corso di laurea i Ecoomia aziedale, attivato presso il Dipartimeto di Ecoomia dell Uiversità

Dettagli

RIDURRE I COSTI DELLA PA: RECUPERARE RISORSE ED EFFICIENZA, GOVERNANDO I TAGLI. 2-4 ottobre 2013. www.sdabocconi.it/pa

RIDURRE I COSTI DELLA PA: RECUPERARE RISORSE ED EFFICIENZA, GOVERNANDO I TAGLI. 2-4 ottobre 2013. www.sdabocconi.it/pa Milao Italy RIDURRE I COSTI DELLA PA: RECUPERARE RISORSE ED EFFICIENZA, GOVERNANDO I TAGLI 2-4 ottobre 2013 www.sdaboccoi.it/pa Empower your visio sigifica allargare i propri orizzoti e acquisire solide

Dettagli

Esercizi riguardanti limiti di successioni

Esercizi riguardanti limiti di successioni Esercizi riguardati iti di successioi Davide Boscaii Queste soo le ote da cui ho tratto le esercitazioi del gioro 27 Ottobre 20. Come tali soo be lugi dall essere eseti da errori, ivito quidi chi e trovasse

Dettagli

CRITERI ED INDIRIZZI GENERALI PER IL REGOLAMENTO DI FOGNATURA

CRITERI ED INDIRIZZI GENERALI PER IL REGOLAMENTO DI FOGNATURA AGENZIA DI AMBITO PER I SERVIZI PUBBLICI DI RAVENNA SII 001 Piazza dei Caduti per la libertà, 2/4 48100 Ravea Tel. 0544/215026 Fax 0544/211728 Rev. 0 ageziaambito@mail.provicia.ra.it - www.racie.ra.it/ageziaambito

Dettagli

Ravenna 2015 21 maggio Workshop U - «Seminario e tavola rotonda sull'attuazione del PNPR»

Ravenna 2015 21 maggio Workshop U - «Seminario e tavola rotonda sull'attuazione del PNPR» Ravea 2015 21 maggio Workshop U - «Semiario e tavola rotoda sull'attuazioe del PNPR» Esempi pratici di protocolli d'itesa co la GDO per la riduzioe dei rifiuti: è possibile u itesa azioale per proporre

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina)

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina) ITIS OMAR Dipartimeto di Meccaica APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE (tratti da A. MONTE Elemeti di Impiati Idustriali Cortia) Si defiisce iteresse il dearo pagato per l'uso di u capitale otteuto i prestito

Dettagli

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI

LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUANTITATIVI Apputi di Statistica Sociale Uiversità ore di Ea LE MISURE DI VARIABILITÀ DI CARATTERI QUATITATIVI La variabilità di u isieme di osservazioi attiee all attitudie delle variabili studiate ad assumere modalità

Dettagli

vecciriaia, INvAr,tottÀ E INABILTTÀ ttll RBGIME u.e.

vecciriaia, INvAr,tottÀ E INABILTTÀ ttll RBGIME u.e. 'KlilPHL$ (questioario) Mod. VO/IO - UE QT]ESTIONARIO DA ALLEGARE ALLE DOMANDE DI PRESTAZIONI DI vecciriaia, INvAr,tottÀ E INABILTTÀ ttll RBGIME u.e. Co il presete questioario I'ENPALS desidera cooscere

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015

BILANCIO PREVENTIVO 2015 BILANCIO PREVENTIVO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CAMERALE N. 12 DEL 18 DICEMBRE 2014 CCIAA FROSINONE PreCosutivo 2014 ALL. A - PREVENTIVO 2015 (previsto dall' articolo 6 - comma 1) PREVENTIVO

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI C U R R I C U L U M V I T A E DI IRENE DUCHI INFORMAZIONI PERSONALI Telefoo 055/3241759. Fax 055/3241799 E-mail iree.duchi@artea.toscaa.it Data di ascita 13/09/1969 INCARICO ATTUALE IN ART A da Dal 01/01/2012

Dettagli

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016

Capitolo 27. Elementi di calcolo finanziario EEE 2015-2016 Capitolo 27 Elemeti di calcolo fiaziario EEE 205-206 27. Le diverse forme dell iteresse Si defiisce capitale (C) uo stock di moeta dispoibile i u determiato mometo. Si defiisce iteresse (I) il prezzo d

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

Indici COMIT Metodologia di calcolo

Indici COMIT Metodologia di calcolo Il presete documeto riassume le regole fodametali per il calcolo e la gestioe degli idici elaborati da Itesa Sapaolo per l itero Mercato Telematico Azioario italiao (MTA) ed il vecchio Nuovo Mercato. Gli

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

ENTE PARCO NAZIONALE ARCIPELAGO DI LA MADDALENA

ENTE PARCO NAZIONALE ARCIPELAGO DI LA MADDALENA dell ' ARCIPELAGO DI LA MADDALENA AVVISO PUBBLICO PER L'AGGIORNAMENTO DELL'ALBO DEI FORNITORI DELL'ENTE PARCO NAZIONALE DELL'ARCIPELAGO DI LA MADDALENA II Direttore, Visti: ild. Lgs 12.04.2006,. 163; il

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Guida alla consultazione

Guida alla consultazione VIAGGI PROTETTI 1 Guida alla cosultazioe INFORMAZIONI PRINCIPALI 3 I NOSTRI CONTATTI 4 INFORMATIVA PRECONTRATTUALE INFORMAZIONI SULL IMPRESA DI ASCURAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRATTO INFORMAZIONI SULLE

Dettagli

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA

DISPENSE DI MATEMATICA FINANZIARIA SPENSE MATEMATA FNANZAA 3 Piai di ammortameto. 3. osiderazioi geerali. U piao di ammortameto cosiste ella restituzioe di u importo preso a prestito mediate il versameto d'importi distribuiti el tempo.

Dettagli

Informazioni e monitoring. Informazioni commerciali e di solvibilità su imprese e privati.

Informazioni e monitoring. Informazioni commerciali e di solvibilità su imprese e privati. Iformazioi e moitorig. Iformazioi commerciali e di solvibilità su imprese e privati. INSIEME CONTRO LE PERDITE. Iformazioi Creditreform. Per ua migliore traspareza. Chi coclude trasazioi commerciali va

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO. DINAMICHE DEMOGRAFICHE : declino (-5000 unità popolazione residente)

ANALISI DI CONTESTO. DINAMICHE DEMOGRAFICHE : declino (-5000 unità popolazione residente) ANALISI DI CONTESTO DINAMICHE DEMOGRAFICHE : declio (-5000 uità popolazioe residete) : poche opportuità lavorative per i giovai = 1)Emigrazioe 2)Ivecchiameto popolazioe LIVELLI ISTRUZIONE : Codizioi soddisfaceti

Dettagli

INVIO DEL PERSONALE ALL ESTERO

INVIO DEL PERSONALE ALL ESTERO A.N.C.L. U.P. PADOVA e ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI PADOVA INVIO DEL PERSONALE ALL ESTERO TRASFERTA, DISTACCO, TRASFERIMENTO E ASSUNZIONE IN LOCO (procedure, autorizzazioi, aspetti fiscali

Dettagli

LISTE DI CONTROLLO VOLUME 1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

LISTE DI CONTROLLO VOLUME 1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO LISTE DI CONTROLLO VOLUME 1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO LISTE DI CONTROLLO VOLUME 1 ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO 1 2

Dettagli

Rendita perpetua con rate crescenti in progressione aritmetica

Rendita perpetua con rate crescenti in progressione aritmetica edita perpetua co rate cresceti i progressioe aritmetica iprediamo l'esempio visto ella scorsa lezioe di redita perpetua co rate cresceti i progressioe arimetica: Questa redita può ache essere vista come

Dettagli

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione

Successioni. Capitolo 2. 2.1 Definizione Capitolo 2 Successioi 2.1 Defiizioe Ua prima descrizioe, più ituitiva che rigorosa, di quel che itediamo per successioe cosiste i: Ua successioe è ua lista ordiata di oggetti, avete u primo ma o u ultimo

Dettagli

AL VIA L ASSISTENZA SANITARIA PER I FERROVIERI

AL VIA L ASSISTENZA SANITARIA PER I FERROVIERI Iformativa del 11 geaio 2013 AL VIA L ASSISTENZA SANITARIA PER I FERROVIERI Arriva al traguardo ua parte importate degli impegi cotrattualmete assuti i tema di welfare aziedale per i dipedeti del Gruppo

Dettagli

SCHEMI DI BILANCIO, TABELLE DELLA NOTA INTEGRATIVA E INDICI

SCHEMI DI BILANCIO, TABELLE DELLA NOTA INTEGRATIVA E INDICI SCHEMI DI BILANCIO, TABELLE DELLA NOTA INTEGRATIVA E INDICI di Massimo FANTINI e Roberto TONELLO MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (classe 5 IT Idirizzo AFM; Articolazioe SIA; Articolazioe RIM; 5 IP Servizi

Dettagli

Dipartimento di Economia

Dipartimento di Economia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING MANAGEMENT (LM-77) Articolo 1 Deomiazioe PARTE PRIMA Il Corso di laurea Magistrale i Marketig Maagemet, attivato presso il Dipartimeto

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

Il project financing e la discrezionalità

Il project financing e la discrezionalità Project fiacig Il project fiacig e la discrezioalità Cosiglio di Stato, sez. V, 10 ovembre 2005,. 6287 - Pres. Elefate - Est. Millemaggi Cogliai Il modulo procedimetale delieato dagli artt. 37-bis e ss.

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

Tante opportunità, un solo protagonista: TU

Tante opportunità, un solo protagonista: TU idi I Fodo dea Regioe Pugia a sostego dee Nuove Iiziative d Impresa Tate opportuità, u soo protagoista: TU Regioe Pugia Area Poitiche per o Sviuppo Ecoomico, i Lavoro e Iovazioe idi è i Fodo creato daa

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE

SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE SUCCESSIONI E SERIE NUMERICHE. Successioi umeriche a. Defiizioi: successioi aritmetiche e geometriche Cosideriamo ua sequeza di umeri quale ad esempio:,5,8,,4,7,... Tale sequeza è costituita mediate ua

Dettagli

IS LEGAL. Contratti e Sistema privacy dall Outsourcing al Cloud Computing. 2-3 Luglio 2013. www.sdabocconi.it/si

IS LEGAL. Contratti e Sistema privacy dall Outsourcing al Cloud Computing. 2-3 Luglio 2013. www.sdabocconi.it/si Milao Italy Cotratti e Sistema privacy dall Outsourcig al Cloud Computig 2-3 Luglio 2013 www.sdaboccoi.it/si Empower your visio sigifica allargare i propri orizzoti e acquisire solide prospettive per sviluppare

Dettagli

Dipartimento di Economia

Dipartimento di Economia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA AZIENDALE (LM-77) Articolo 1 Deomiazioe PARTE PRIMA Il Corso di laurea Magistrale i Ecoomia aziedale, attivato presso il Dipartimeto di

Dettagli

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli:

CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE. Di seguito verranno utilizzati i seguenti simboli: PROPOSTA DI UN PROTOCOLLO DI PROVE PER IL CONTROLLO DELLE CARATTERISTICHE MECCANICHE DI PIETRE NATURALI PER FACCIATE VENTILATE FINALITÀ Nel campo edile l utilizzo di rivestimeti esteri da riportare sulle

Dettagli

SISTEMA D'IMPRESA GESTIONE GESTIONE SISTEMA DELLE OPERAZIONI SIMULTANEE E SUCCESSIVE SI DISPIEGANO DINAMICAMENTE

SISTEMA D'IMPRESA GESTIONE GESTIONE SISTEMA DELLE OPERAZIONI SIMULTANEE E SUCCESSIVE SI DISPIEGANO DINAMICAMENTE SISTEMA D'IMPRESA ORGAIZZAZIOE GESTIOE 1 GESTIOE SISTEMA DELLE OPERAZIOI SIMULTAEE E SUCCESSIVE SI DISPIEGAO DIAMICAMETE PER IL RAGGIUGIMETO DEI FII DELL IMPRESA 2 ORGAIZZAZIOE I SESO AMPIO LA RIUIOE DI

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

I Sistemi ERP e l innovazione aziendale: dalle Funzioni ai Processi, aspetti innovativi ed aspetti progettuali

I Sistemi ERP e l innovazione aziendale: dalle Funzioni ai Processi, aspetti innovativi ed aspetti progettuali I Sistemi ERP e l iovazioe aziedale: dalle Fuzioi ai Processi, aspetti iovativi ed aspetti progettuali Uiversità di L Aquila, 14 maggio 2004 Ig. Nicola Pace I Sistemi ERP e l iovazioe aziedale Uiversità

Dettagli

ARGOMENTI Scopi e caratteristiche dello strumento Tipologie di mutui Il mercato secondario e il ruolo svolto nella crisi finanziaria

ARGOMENTI Scopi e caratteristiche dello strumento Tipologie di mutui Il mercato secondario e il ruolo svolto nella crisi finanziaria MERCATO DEI MUTUI A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@uits.it DEAMS Uiversità di Trieste ARGOMENTI Scopi e caratteristiche dello strumeto Tipologie di mutui Il mercato secodario e il ruolo svolto

Dettagli

Azione di responsabilità dei creditori nei confronti di amministratori di s.r.l.

Azione di responsabilità dei creditori nei confronti di amministratori di s.r.l. Società a resposabilità limitata Azioe di resposabilità dei creditori ei cofroti di ammiistratori di s.r.l. TRIBUNALE DI MILANO 25 geaio 2006 Pres. Ciampi - Rel. Fieccoi - Fallimeto Bareghi s.r.l. c. D.A

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Comune di Milazzo via Francesco Crispi n.1 98057 Milazzo Messina

Comune di Milazzo via Francesco Crispi n.1 98057 Milazzo Messina Committete : Comue di Milazzo via Fracesco Crispi.1 98057 Milazzo Messia Titolo : Eleco degli elabti di progetto Descrizioe : Sistema di videosorvegliaza e moitggio el Comue di Milazzo - PON SICUREZZA

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

DISTRIBUZIONI DOPPIE

DISTRIBUZIONI DOPPIE DISTRIBUZIONI DOPPIE Fio ad ora abbiamo visto teciche di aalisi dei dati per il solo caso i cui ci si occupi di u solo carattere rilevato su u collettivo (distribuzioi semplici). I termii formali fio ad

Dettagli

Progressioni aritmetiche

Progressioni aritmetiche Progressioi aritmetiche Comiciamo co due esempi: Esempio Cosideriamo la successioe di umeri:, 7,, 5, 9, +4 +4 +4 +4 +4 La successioe è tale che si passa da u termie al successivo aggiugedo sempre +4. Si

Dettagli

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni Problemi di Schedulig Defiizioi I problemi di schedulig soo caratterizzati da tre isiemi: Attività (Task) T {T,T 2, T } macchie (Machies) P {P,P 2, P m } Risorse R {R,R 2, R s } Schedulig: assegare m Macchie

Dettagli

Successioni ricorsive di numeri

Successioni ricorsive di numeri Successioi ricorsive di umeri Getile Alessadro Laboratorio di matematica discreta A.A. 6/7 I queste pagie si voglioo predere i esame alcue tra le più famose successioi ricorsive, presetadoe alcue caratteristiche..

Dettagli

Statistica (Prof. Capitanio) Alcuni esercizi tratti da prove scritte d esame

Statistica (Prof. Capitanio) Alcuni esercizi tratti da prove scritte d esame Statistica (Prof. Capitaio) Alcui esercizi tratti da prove scritte d esame Esercizio 1 Il tempo (i miuti) che Paolo impiega, i auto, per arrivare i ufficio, può essere modellato co ua variabile casuale

Dettagli

Condizioni generali di assicurazione. Helvetia Assicurazione costruzioni. Edizione settembre 2013. La Sua Assicurazione svizzera.

Condizioni generali di assicurazione. Helvetia Assicurazione costruzioni. Edizione settembre 2013. La Sua Assicurazione svizzera. Codizioi geerali di assicurazioe Helvetia Assicurazioe costruzioi Edizioe settembre 2013 La Sua Assicurazioe svizzera. Editoriale Egregio cliete, siamo lieti del suo iteressameto per il prodotto Helvetia

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

Marketing della destinazione per meeting, congressi ed eventi

Marketing della destinazione per meeting, congressi ed eventi GENOVA 2-5 SETTEMBRE 2012 IV CORSO RESIDENZIALE FOCUS ON Marketig della destiazioe per meetig, cogressi ed eveti Associazioe azioale delle Imprese pubbliche, private e dei Professioisti della meetig idustry

Dettagli

La matematica finanziaria

La matematica finanziaria La matematica fiaziaria La matematica fiaziaria forisce gli strumeti ecessari per cofrotare fatti fiaziari che avvegoo i mometi diversi Esempio: Come posso cofrotare i ricavi e i costi legati all acquisto

Dettagli

PageScope Enterprise Suite. End to End Printing Administration. Solutions PageScope Enterprise Suite

PageScope Enterprise Suite. End to End Printing Administration. Solutions PageScope Enterprise Suite Eterprise Suite Ed to Ed Pritig Admiistratio Solutios Eterprise Suite Eterprise Suite Gestioe cetralizzata, flessibilità co efficieza assoluta. Nel modo degli affari di oggi, il tempo ha u ruolo esseziale.

Dettagli

Io domani. La tutela del minore e la genitorialità attraverso progetti integrati. Il congegno pensante

Io domani. La tutela del minore e la genitorialità attraverso progetti integrati. Il congegno pensante Io domai. La tutela del miore e la geitorialità attraverso progetti itegrati Il cogego pesate equipe: T. Toscai G. Fracii G. Mote Istituto Terapia Familiare di Bologa Alle Radici del Dao I bambii che restao

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

empower YoUR vision IS LEGAL Contratti e Sistema privacy dall Outsourcing al Cloud Computing 1 e 2 Ottobre 2014 www.sdabocconi.

empower YoUR vision IS LEGAL Contratti e Sistema privacy dall Outsourcing al Cloud Computing 1 e 2 Ottobre 2014 www.sdabocconi. Milao Italy empower YoUR visio IS LEGAL Cotratti e Sistema privacy dall Outsourcig al Cloud Computig 1 e 2 Ottobre 2014 www.sdaboccoi.it/si Empower your visio sigifica allargare i propri orizzoti e acquisire

Dettagli