A.N.C.L. - U.P. VICENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.N.C.L. - U.P. VICENZA"

Transcript

1 A.N.C.L. - U.P. VICENZA MASTER 2014 L INVIO DEL PERSONALE ALL ESTERO Trasferta, distacco, trasferimeto e assuzioe i loco. Procedure, autorizzazioi, aspetti fiscali e prevideziali. Relazioe Dott. Giuseppe Pozio Cosulete del Lavoro i Viceza Giovedì 18 settembre 2014 VERGILIUS HOTEL Via Carpaeda, 5- Creazzo (VI)

2 INDICE PRIMA PARTE: CONSIDERAZIONI GENERALI TIPOLOGIE DI RAPPORTO CLASSIFICAZIONE PAESI STRANIERI CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA SICUREZZA SOCIALE ASSUNZIONI ALL ESTERO TUTELA COSTITUZIONALE SECONDA PARTE: PAESI COMUNITARI (E ASSIMILATI) RAPPORTO DI LAVORO SICUREZZA SOCIALE TERZA PARTE: PAESI EXTRACOMUNITARI RAPPORTO DI LAVORO SICUREZZA SOCIALE - PAESI EXTRACOMUNITARI NON CONVENZIONATI - PAESI EXTRACOMUNITARI CONVENZIONATI QUARTA PARTE: DISCIPLINA FISCALE DEL LAVORO ALL ESTERO LE NORME DI RIFERIMENTO DELLA DISCIPLINA FISCALE DEI LAVORATORI ITALIANI ALL'ESTERO LE CONVENZIONI FISCALI PER EVITARE LE DOPPIE IMPOSIZIONI E IL MODELLO OCSE LA DISCIPLINA FISCALE ITALIANA SUI REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE PRODOTTI ALL ESTERO ASSEGNI DI SEDE E INDENNITÀ PER SERVIZI PRESTATI ALL ESTERO (ART. 51, C. 8, TUIR) QUINTA PARTE: TRASFERTA ALL ESTERO NOZIONE DI TRASFERTA LEGISLAZIONE APPLICABILE ADEMPIMENTI DEL DATORE DI LAVORO TRATTAMENTO ECONOMICO DELLE TRASFERTE TRATTAMENTO PREVIDENZIALE E FISCALE DEI RIMBORSI E DELLE INDENNITÀ DI TRASFERTA ESTERO PAG. 2 PAG. 18 PAG. 47 PAG. 66 PAG. 97

3 Creazzo, 18 settembre 2014 U.P. VICENZA L INVIO DEL PERSONALE ALL ESTERO Trasferta, distacco, trasferimeto e assuzioe i loco Procedure, autorizzazioi, aspetti fiscali e prevideziali a cura di Dr. Giuseppe Pozio Cosulete del Lavoro i Viceza 1 PROGRAMMA PRIMA PARTE - CONSIDERAZIONI GENERALI tipologie di rapporto, classificazioe Paesi straieri, cosiderazioi geerali sulla sicurezza sociale, assuzioi all estero e tutela Costituzioale SECONDA PARTE - PAESI COMUNITARI (E ASSIMILATI) rapporto di lavoro sicurezza sociale TERZA PARTE - PAESI EXTRACOMUNITARI rapporto di lavoro sicurezza sociale - Paesi extracomuitari o covezioati - Paesi extracomuitari covezioati QUARTA PARTE- DISCIPLINA FISCALE QUINTA PARTE - TRASFERTA ALL ESTERO a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 1

4 Prima parte Cosiderazioi geerali a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 3 1. Premessa L attuale cotesto ecoomico, caratterizzato da ua crescete globalizzazioe e iterazioalizzazioe delle imprese, iflueza la mobilità trasazioale o solo di quei lavoratori che soo i cerca di u occupazioe all estero per poter godere di codizioi lavorative e di vita migliori, ma coivolge ache coloro che abbiao già u lavoro, quali i lavoratori dipedeti ed i lavoratori autoomi, coloro che percepiscao ua pesioe e coloro che itedao soggiorare all estero per u periodo di formazioe e ricerca. Nel caso di assegazioi all estero del persoale dipedete, chiuque debba gestire u espatrio, deve acquisire ua coosceza approfodita della ormativa itera ed estera applicabile al rapporto di lavoro. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 4 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 2

5 . Premessa E sempre più ecessario, pertato, affrotare le delicate problematiche sottese alla gestioe del persoale italiao all estero, co particolare attezioe alle tipologie cotrattuali, agli aspetti ammiistrativi, prevideziali e fiscali. La presete sitesi, lugi dal voler essere esaustiva su tutti questi delicati e complessi aspetti, mira uicamete a dare u iquadrameto geerale della materia per ciò che attiee ai lavoratori subordiati italiai che si recao all estero, che va poi ecessariamete approfodita caso per caso elle cocrete situazioi che si prospettao. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 5 2. Lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto La scelta della tipologia cotrattuale è la prima problematica che le aziede si trovao ad affrotare. Il lavoratore dipedete può ifatti essere iviato all'estero co ua delle segueti tipologie di rapporto: trasferta distacco, trasferimeto assuzioe all estero Si tratta di u aspetto di o poco coto, dal mometo che dallo stesso dipedoo importati cosegueze di carattere civilistico, ammiistrativo, cotributivo e fiscale. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 6 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 3

6 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto La scelta della tipologia cotrattuale o è arbitraria, ma dipede dal cocreto atteggiarsi della relazioe lavorativa durate il periodo di permaeza del lavoratore all estero: ad esempio dipede dalla durata dell assegazioe, dal soggetto che beeficia della prestazioe e dalla forma giuridica dell etità estera. Diversa sarà ifatti la tipologia del rapporto ad esempio se il lavoratore si reca presso ua società cliete estera per istallare od effettuare ua mautezioe su u macchiario di produzioe della società italiaa, rispetto al caso i cui, ivece, il lavoratore italiao si deve recare all estero per ricoprire il ruolo di direttore geerale di ua società di diritto locale (magari apparteete al medesimo gruppo o cotrollata dalla società italiaa). La scelta della tipologia del rapporto deve essere pertato coerete co le reali esigeze che l ivio del lavoratore 7 all estero deve soddisfare. lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Il lavoratore dipedete può essere iviato all'estero co ua delle segueti forme di rapporto: Trasferta Distacco Trasferimeto Mutameto temporaeo del luogo di lavoro co previsioe certa di rietro ella sede di lavoro di proveieza: cotiuao ad applicarsi ormativa e cotrattazioe collettiva italiae. Mutameto del luogo di lavoro co sospesioe temporaea delle orme cotrattuali e di legge del cotratto origiario di assuzioe: stipula di u cotratto estero che regola il rapporto di distacco. Mutameto defiitivo del luogo di lavoro co stipula di u cotratto estero che regola l'itero rapporto. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 8 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 4

7 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Oltre che co tali istituti cotrattuali, l assegazioe di persoale dipedete all estero può avveire co l assuzioe locale. Il lavoratore si dal mometo dell'assuzioe deve adempiere la propria prestazioe all'estero. Assuzioe all estero Ciò avviee solitamete co l istaurazioe di u rapporto di lavoro subordiato co la società estera (spesso apparteete al medesimo gruppo di quella italiaa). Può accadere ache ua sospesioe del rapporto di lavoro italiao e ua cotestuale assuzioe all estero. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 9 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Trasferta Comporta u mutameto temporaeo della sede di lavoro No è richiesto dalla legge il coseso del lavoratore La prestazioe è svolta a favore del datore di lavoro Il lavoratore è i trasferta quado viee temporaeamete comadato a prestare la propria opera i u luogo diverso da quello i cui deve abitualmete eseguirla metre, ai fii del sorgere di tale diritto, o rilevao la sede aziedale, il luogo di resideza del lavoratore o l'esisteza di ua dipedeza aziedale el luogo di esecuzioe della prestazioe. (Cass. 28 marzo 2008,. 8135). a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 10 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 5

8 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Trasferimeto Comporta u mutameto defiitivo della sede di lavoro No è richiesto dalla legge il coseso del lavoratore ma ragioi teciche orgaizzative o produttive La prestazioe è svolta a favore del datore di lavoro presso altra uità produttiva all estero Art DEL CODICE CIVILE 1. Il prestatore di lavoro.. o può essere trasferito da ua uità produttiva ad u'altra se o per comprovate ragioi teciche, orgaizzative e produttive. 2. Ogi patto cotrario è ullo. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 11 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Distacco Comporta u mutameto temporaeo della sede di lavoro Gli obblighi derivati dal rapporto permagoo i capo al distaccate (datore di lavoro), che deve avere u iteresse produttivo al distacco La prestazioe è svolta a favore del soggetto terzo estero, ossia il distaccatario (ache se fa parte del Gruppo) a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 12 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 6

9 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Distacco orma italiaa Art. 30 del Decreto legislativo , L'ipotesi del distacco si cofigura quado u datore di lavoro (distaccate), per soddisfare u proprio iteresse, poe temporaeamete uo o più lavoratori (distaccato/i) a disposizioe di altro soggetto (distaccatario) per l'esecuzioe di ua determiata attività lavorativa. 2. I caso di distacco il datore di lavoro rimae resposabile del trattameto ecoomico e ormativo a favore del lavoratore. 3. Il distacco che comporti u mutameto di masioi deve avveire co il coseso del lavoratore iteressato. Quado comporti u trasferimeto a ua uità produttiva sita a più di 50 km da quella i cui il lavoratore è adibito, il distacco può avveire soltato per comprovate ragioi teciche, orgaizzative, produttive o sostitutive. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 13 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto La ormativa comuitaria (Dir. CE 96/71/CE) ha discipliato il distacco dei lavoratori ell'ambito di ua prestazioe di servizi trasazioale, allo scopo di coordiare le legislazioi di tutti gli Stati membri ella defiizioe di ua protezioe miima cui deve atteersi il datore di lavoro che distacca dipedeti per svolgere u lavoro a carattere temporaeo el territorio di uo Stato membro dove vegoo prestati i servizi. La legge italiaa ha recepito la direttiva discipliado il distacco i Italia di lavoratori straieri ell'ambito di ua prestazioe di servizi ed estededo a tali ipotesi tutte le disposizioi italiae che regolao il rapporto di lavoro (D. Lgs. 72/2000). a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 14 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 7

10 lavoratore dipedete italiao all estero e tipologia del rapporto Assuzioe locale Comporta u mutameto defiitivo del datore di lavoro (se i precedeza rapporto di lavoro italiao) Il rapporto di lavoro italiao cessa e il lavoratore è assuto presso u soggetto terzo estero. I molti casi vi è l assuzioe già i origie per l estero. La prestazioe è svolta a favore del datore di lavoro estero a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza Classificazioe Paesi straieri Quado ua società assega u dipedete ad ua filiale o a ua propria stabile orgaizzazioe (trasferimeto), o lo distacca presso u'altra azieda i u Paese straiero, al lavoratore iteressato viee applicata ua particolare ormativa, che varia a secoda del Paese presso il quale il lavoratore svolge la sua attività. Ache i caso di assuzioe locale all estero, la disciplia da applicare varia a secoda del Paese di destiazioe. Soo esclusi dalla sfera di applicazioe della ormativa sul lavoro all'estero, i lavoratori iviati al di fuori dei cofii azioali dalla società da cui dipedoo per brevi missioi: trattadosi di semplice trasferta, si applica la ormativa geerale italiaa del rapporto di lavoro co le specifiche erogazioi e ideità. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 16 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 8

11 ... classificazioe paesi straieri I paesi straieri, ai fii degli adempimeti autorizzativi, prevideziali e assisteziali, possoo essere classificati come segue: 1. Paesi dell'uioe europea (UE) Austria, Belgio, Daimarca, Filadia, Fracia, Germaia, Gra Bretaga, Grecia, Irlada, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi (Olada), Portogallo, Spaga, Svezia, Repubblica Ceca, Estoia, Lettoia, Lituaia, Poloia, Repubblica Slovacca, Sloveia, Ugheria, Cipro, Malta, Bulgaria, Romaia e Croazia. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza classificazioe paesi straieri 2. Paesi dello Spazio Ecoomico Europeo (SEE) Islada, Liechtestei e Norvegia Paesi SEE Precisiamo che ai Paesi dello Spazio Ecoomico Europeo (SEE - Accordo di Oporto - L.300/93) si applica la ormativa comuitaria i materia di libera circolazioe delle persoe e di sicurezza sociale (Circ. Ips. 114 del ). Quidi la disciplia dei Paesi comuitari deve essere itesa come applicabile a tutti i Paesi SEE (Islada, Liechtestei e Norvegia). Dal 1 giugo 2012, ai Paesi SEE (Islada, Norvegia e Liechtestei) si applica ifatti il regolameto CE. 883 del 29 aprile (circ. INPS.77/2012). a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 9

12 ... classificazioe paesi straieri 3. Paesi extra uioe europea ma adereti Covezioe europea Turchia Turchia La Turchia è legata all'italia dalla Covezioe Europea di Sicurezza Sociale del , etrata i vigore il No Tale regolameti si applicatuttavia accordo, 987 che e 988/2009, il uovo iclude ache che regolameto prevede disposizioi il CE distacco 883/2004, sicurezza prevideziale attuato dai sociale, di è stato ratificato da Austria, Paesi Bassi, Lussemburgo, Turchia, Portogallo, Spaga, Belgio, Italia. Per i Paesi etrati successivamete a far parte della UE prevale il regolameto comuitario mesi (ota Mi. Lav. aprile 2010). a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza... classificazioe paesi straieri 4. Paesi extra uioe europea ma adereti alla ormativa U.E. i materia di libera circolazioe delle persoe Svizzera Svizzera Le istruzioi operative relative all'applicazioe delle uove disposizioi, i materia pesioistica, sostitutive dei previgeti accordi italo svizzeri, soo state forite dall'inps co il Messaggio. 62 del Dal 1 aprile 2012 si applica il uovo regolameto. 833/2004, attuato dai regolameti. 987/2009 e 988/2009, che prevedoo il distacco prevideziale di 24 mesi (circ. INPS.107,.110 e.111/2012). a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 20 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 10

13 ... classificazioe paesi straieri 5. Paesi extracomuitari covezioati prev. (accordi bilaterali ache parziali) Argetia, Australia, Brasile, Caada e Quebec, Capoverde, Israele, Jersey e altre isole del caale, ex Jugoslavia, Pricipato di Moaco, Sa Mario, Stati Uiti d'america, Città del Vaticao, Tuisia, Uruguay e Veezuela Tutte le covezioi prevedoo l'assicurazioe ifortui co esclusioe di Israele, Jugoslavia e USA. Tutte le covezioi o prevedoo l'applicazioe di CIG, esclusa quella co Israele. 6. Paesi extracomuitari prev. o covezioati i rimaeti 21 Sitesi classificazioe paesi straieri Paesi membri Uioe Europea (28) Austria, Belgio, Daimarca, Filadia, Fracia, Germaia, Gra Bretaga, Grecia, Irlada, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi (Olada), Portogallo, Spaga, Svezia, Repubblica Ceca, Estoia, Lettoia, Lituaia, Poloia, Repubblica Slovacca, Sloveia, Ugheria, Cipro, Malta, Bulgaria, Romaia e Croazia. Paesi dello Spazio Ecoomico Europeo (SEE) Islada, Liechtestei e Norvegia Altri Paesi parzialmete assimilabili Svizzera e Turchia Paesi extracomuitari covezioati previdezialmete Argetia, Australia, Brasile, Caada e Quebec, Capoverde, Israele, Jersey e altre isole del caale, ex Jugoslavia, Pricipato di Moaco, Sa Mario, Stati Uiti d'america, Stato Città del Vaticao, Tuisia, Uruguay e Veezuela Paesi extracomuitari NON covezioati previdezialmete Altri 22 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 11

14 PAESI U.E. Ivio di lavoratori italiai all estero PAESI EXTRA U.E. PREV. CONVENZIONATI PAESI EXTRA U.E. NON PREV. CONVENZIONATI o occorre alcua autorizzazioe Miisteriale È obbligatoria l autorizzazioe Miisteriale prevetiva o è ecessaria l autorizzazioe Miisteriale se il persoale è iviato i trasferta a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza Cosiderazioi geerali sulla sicurezza sociale Gli accordi iterazioali comuitari e le covezioi bilaterali (Paesi extracomuitari covezioati) cosetoo di evitare la duplicazioe degli adempimeti cotributivi, stabiledo l'obbligo di copertura assicurativa del lavoratore el PAESE DI LAVORO (pricipio di territorialità). Esistoo tuttavia accordi che prevedoo deroghe a tale pricipio (es. Covezioe Bueos Aires del 12/04/1961, Covezioe di Washigto del 23/05/1973). I tal modo si determia uivocamete il Paese di assolvimeto degli adempimeti cotributivi e di erogazioe delle prestazioi cosegueti. I deroga a questa regola geerale, gli stessi accordi stabiliscoo peraltro che i lavoratori possao mateere per u determiato periodo la copertura prevideziale el PAESE DI PROVENIENZA, quado il lavoro all'estero abbia durata limitata. 24 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 12

15 cosiderazioi geerali sulla sicurezza sociale Si tratta del cosiddetto regime prevideziale del distacco (o distacco prevideziale), fializzato ad evitare la costituzioe di posizioi assicurative temporaee el Paese di lavoro e la coseguete frammetazioe della cotribuzioe prevideziale. Nel caso di permaeze prolugate, comportati l'assolvimeto dell'obbligo cotributivo sulla base del pricipio geerale di territorialità, gli accordi iterazioali prevedoo comuque u sistema di salvaguardia delle aspettative pesioistiche i preseza di cotribuzioe versata i Paesi diversi. Ifatti co c.d. totalizzazioe, il lavoratore può accedere comuque al pesioameto pur seza aver raggiuto el sigolo ordiameto azioale i requisiti di aziaità cotributiva. 25 cosiderazioi geerali sulla sicurezza sociale I lavoratori italiai occupati i Paesi extracomuitari co i quali o soo i vigore accordi di sicurezza sociale (o covezioati) soo soggetti: - al regime di tutela miima garatita stabilito dalla legislazioe italiaa, - alle disposizioi vigeti el Paese di lavoro. Tale situazioe determia i molti casi la duplicazioe dei cotributi prevideziali e assicurativi. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 26 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 13

16 cosiderazioi geerali sulla sicurezza sociale Cotribuzioe e prestazioi prevideziali Pricipio di territorialità degli obblighi assicurativi (lex loci laboris): soo i geerale discipliate dalla legislazioe del Paese di lavoro (obbligo di copertura assicurativa el Paese di lavoro) i deroga a tale pricipio geerale, soo fatti salvi: gli accordi iterazioali i materia (ad es. le orme sul distacco prevideziale o le covezioi prevideziali) e la tutela miima comuque garatita dal ostro ordiameto 27 al lavoratore italiao all'estero. cosiderazioi geerali sulla sicurezza sociale Disposizioi di tutela dipedoo dal Paese di destiazioe Paesi comuitari e assimilati la ormativa comuitaria cosete di evitare la duplicazioe della cotribuzioe Paesi extracomuitari o covezioati la legislazioe italiaa prevede ua tutela miima a favore dei lavoratori, a prescidere dall'evetuale compreseza di u'aaloga protezioe obbligatoria disposta dalla legislazioe locale Paesi extracomuitari covezioati soo i vigore accordi di sicurezza sociale: i tal caso, la tutela miima disposta dalla legislazioe italiaa iterviee limitatamete alle assicurazioi o cotemplate dalle covezioi a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 28 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 14

17 5. Assuzioe lavoratori italiai all estero Decreto Legislativo 26 maggio 1997,. 152 Attuazioe della direttiva 91/533/CEE cocerete l'obbligo del datore di lavoro di iformare il lavoratore delle codizioi applicabili al cotratto o al rapporto di lavoro Art. 1 -Obbligo di iformazioe 1. Il datore di lavoro pubblico e privato e' teuto a forire allavoratore, etro treta giori (ora: all atto dell assuzioe) dalla data dell'assuzioe, le segueti iformazioi: a) l'idetita' delle parti; b) il luogo di lavoro; i macaza di u luogo di lavoro fisso o predomiate, l'idicazioe che il lavoratore e' occupato i luoghi diversi, oche' la sede o il domicilio del datore di lavoro; c) la data di iizio del rapporto di lavoro; d) la durata del rapporto di lavoro, precisado se si tratta di rapporto di lavoro a tempo determiato o idetermiato; e) la durata del periodo di prova se previsto; f) l'iquadrameto, il livello e la qualifica attribuiti al lavoratore, oppure le caratteristiche o la descrizioe sommaria del lavoro; g) l'importo iiziale della retribuzioe e i relativi elemeti costitutivi, co l'idicazioe del periodo di pagameto; h) la durata delle ferie retribuite cui ha diritto il lavoratore o le modalità di determiazioe e di fruizioe delle ferie; i) l'orario di lavoro; l) i termii del preavviso i caso di recesso. 29 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza. assuzioe lavoratori italiai all estero Decreto Legislativo 26 maggio 1997,. 152 Art. 2 - Prestazioi di lavoro all'estero 1. Le iformazioi di cui all'articolo 1, comma 1, soo forite al lavoratore ivitato a svolgere la sua prestazioe lavorativa all'estero per u periodo superiore a treta giori, prima della parteza e comuque o oltre la scadeza del termie di cui al predetto comma, isieme alle segueti ulteriori iformazioi: a) la durata del lavoro da effettuare all'estero; b) la valuta i cui verrà corrisposta la retribuzioe; c) gli evetuali vataggi i daaro o i atura collegati allo svolgimeto della prestazioe lavorativa all'estero; d) le evetuali codizioi del rimpatrio del lavoratore. 2. L'iformazioe relativa alle idicazioi di cui al comma 1, lettere b) e c), puo' essere effettuata mediate rivio alle orme del cotratto collettivo applicato al lavoratore. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 30 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 15

18 assuzioe lavoratori italiai all estero Datori di lavoro che assumoo lavoratori italiai all estero e Comuicazioe prevetiva al Cetro per l Impiego Il Miistero del Lavoro, co iterpello. 47 del 5 giugo 2009, ha risposto ad u quesito di Cofidustria, i merito alla sussisteza dell obbligo, da parte dei datori di lavoro che assumoo lavoratori italiai all estero, di iviare ai Cetri per l impiego la comuicazioe prevetiva di assuzioe ache per fattispecie discipliate dal D.L.. 317/1987 (cov. dalla L.. 398/1987). La risposta i sitesi del Miistero del lavoro: "... Si ritiee pertato che o sussista u obbligo di comuicazioe ai Cetri per l impiego per rapporti di lavoro costituitisi sul territorio di Paesi straieri, ache se riguardati l assuzioe di u lavoratore di azioalità italiaa. I tali casi, peraltro, la cooscibilità da parte della P.A. della costituzioe del rapporto di lavoro è assicurata dal perfezioameto della procedura di assuzioe presso la Direzioe regioale di iscrizioe del lavoratore iteressato, così come 31 previsto dall art. 1, comma 4, del D.L.. 317/1987. assuzioe lavoratori italiai all estero Datori di lavoro che assumoo lavoratori italiai all estero e autorizzazioe prevetiva Il Miistero del Lavoro, co iterpello. 13 del 26 giugo 2014, rispode al Cosiglio Nazioale dell Ordie dei Cosuleti del Lavoro che aveva avazato istaza di iterpello i merito all obbligo per le aziede straiere co sede legale e operativa i u territorio extra UE, faceti parte di u gruppo di imprese ai sesi dell art c.c., di richiedere il rilascio dell autorizzazioe prevetiva di cui all art. 2 del D.L.. 317/1987 qualora itedao assumere presso la propria sede estera u lavoratore italiao residete i Italia. Il Miistero precisa che dal dettato della citata ormativa può evicersi che soo soggetti alla richiesta dell autorizzazioe i datori di lavoro che itedoo assumere o trasferire all estero u lavoratore italiao, pertato si ritiee irrilevate la circostaza per cui il lavoratore debba essere assuto presso il datore di lavoro localizzato i Paese extra UE e o debba, ivece, essere assuto i Italia per prestare la propria attività all estero, atteso ache che l art. 2 precisa espressamete che sussiste la ecessità dell autorizzazioe sia per l assuzioe all estero del lavoratore italiao 32 sia per il suo trasferimeto. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 16

19 assuzioe lavoratori italiai all estero Datori di lavoro che assumoo lavoratori italiai all estero e autorizzazioe prevetiva e Comuicazioe prevetiva al Cetro per l Impiego Il Miistero del Lavoro, co la Nota prot del 5 agosto 2014, a precisazioe dell iterpello. 13/2014, fa presete che Fermo restado che, come tra l'altro chiarito dall'iterpello, i datori di lavoro, così come idividuati dalla legge (art. 2, DL 317/87 covertito dalla L. 398/87) devoo sottoporre alla scrivete direzioe geerale la richiesta per il rilascio dell'autorizzazioe umerica per l'assuzioe e/o ii trasferimeto di lavoratori italiai o comuitari all'estero, occorre precisare quado tali richieste devoo essere accompagate dalla comuicazioe telematica di assuzioe (o trasferimeto) (1) Qualora il rapporto di lavoro, a prescidere dal luogo d'istaurazioe, è regolato dal diritto azioale, il datore di lavoro è obbligato ad iviare il modello UNIILAV e, prevetivamete, a richiedere l'autorizzazioe al lavoro all'estero. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 33 assuzioe lavoratori italiai all estero Datori di lavoro che assumoo lavoratori italiai all estero e autorizzazioe prevetiva e Comuicazioe prevetiva al Cetro per l Impiego (2) Al cotrario se il rapporto di lavoro si istaura all'estero ed è regolato dal diritto locale o è dovuta é la comuicazioe obbligatoria é, tatomeo, la richiesta di autorizzazioe. (3) È del tutto evidete che ei casi di trasferimeto dall'italia all'estero, è sempre dovuta sia la comuicazioe obbligatoria sia la richiesta di autorizzazioe. Pertato la locuzioe dell'iterpello "si ritiee irrilevate la circostaza per cui il lavoratore debba essere assuto presso il datore di lavoro localizzato i Paese extra UE..." è riferita o già al luogo fisico d'istaurazioe del rapporto di lavoro ma a quello a cui si riferisce il diritto che regola il rapporto di lavoro. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 34 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 17

20 6. Tutela Costituzioale lavoro italiao all estero Costituzioe Repubblica Italiaa Articolo La Repubblica tutela il lavoro i tutte le sue forme ed applicazioi. 2. Cura la formazioe e l'elevazioe professioale dei lavoratori. 3. Promuove e favorisce gli accordi e le orgaizzazioi iterazioali itesi ad affermare e regolare i diritti del lavoro. 4. Ricoosce la libertà di emigrazioe, salvo gli obblighi stabiliti dalla legge ell'iteresse geerale, e tutela il lavoro italiao all'estero. Nota. A seguito della seteza della Corte costituzioale. 369 del 19 dicembre 1985, la copertura assicurativa per i lavoratori italiai operati all'estero i Paesi extra Uioe europea co i quali o vigoo accordi di sicurezza sociale è stata regolametata dalla L. 398/ Secoda parte Paesi Comuitari (e assimilati) a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 36 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 18

21 1. Il rapporto di lavoro ei Paesi dell'uioe europea (UE) e dello Spazio Ecoomico Europeo (SEE) A) Diritti dei lavoratori: libera circolazioe e o discrimiazioe Foti: art. 45 Trattato CE 25 marzo 1957; Direttiva CE.38/2004; Regolameto CE. 492/2011. Ai lavoratori cittadii di uo Stato membro soo ricoosciuti: - il libero accesso e il libero soggioro (libera circolazioe) i ciascuo degli altri Stati membri per lo svolgimeto di u'attività lavorativa; - la possibilità di lavorare i tutti gli Stati adereti i codizioi di o discrimiazioe rispetto ai lavoratori 37 cittadii dello Stato i cui viee prestata l attività lavorativa. il rapporto di lavoro ei Paesi UE e SEE Per l'assuzioe, il distacco o il trasferimeto di persoale italiao da occupare i Paesi apparteeti all'uioe europea o è pertato ecessaria alcua autorizzazioe da parte del Miistero del lavoro. La libertà di circolazioe di u cittadio dell'uioe o di u suo familiare (qualuque sia la sua cittadiaza), può avere limitazioi esclusivamete per ragioi di ordie pubblico, pubblica sicurezza e saità pubblica. L'igresso ed il soggioro del lavoratore o soo subordiati al prevetivo possesso di u cotratto di lavoro ello Stato membro. Il lavoratore comuitario ha, ifatti, il diritto di rispodere ad offerte di lavoro e la possibilità di spostarsi liberamete a tale scopo el territorio di tutti gli Stati membri. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 38 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 19

22 il rapporto di lavoro ei Paesi UE e SEE Per poter fare igresso ello Stato o è ecessaria come detto - alcua particolare procedura di autorizzazioe o di assuzioe, ma è sufficiete che il lavoratore preseti u documeto di idetità da cui risulti la azioalità di cittadio comuitario. Il diritto di soggiorare per u periodo superiore a tre mesi è soggetto ad alcue codizioi: - esercizio di u'attività i qualità di lavoratore subordiato o autoomo; - dispoibilità di risorse ecoomiche adeguate; - dispoibilità di u'assicurazioe malattia al fie di o diveire u oere a carico dell'assisteza sociale dello Stato membro ospitate durate il soggioro. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 39 il rapporto di lavoro ei Paesi UE e SEE Allo scopo di garatire il diritto di soggioro oltre i tre mesi, per attività lavorativa o ricerca d'occupazioe, è previsto il rilascio di u documeto idetico per tutta la Comuità: la carta di soggioro di cittadio comuitario, avete validità di almeo cique ai. Qualsiasi cittadio dell'uioe acquisisce il diritto di soggioro permaete ello Stato membro ospitate dopo avervi risieduto legalmete per u periodo iiterrotto di cique ai, purché egli o sia stato oggetto di ua misura di allotaameto. Ua volta acquisito il diritto di soggioro permaete si perde solo i caso di u'asseza della durata superiore a due ai cosecutivi dallo Stato membro ospitate. a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 40 a cura di Dr. Giuseppe Pozio - Cosulete del Lavoro i Viceza 20

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario

Benvenuti in Ontario. Guida ai programmi e ai servizi per i nuovi arrivati in Ontario Beveuti i Otario Guida ai programmi e ai servizi per i uovi arrivati i Otario Idice Vivere i Otario........................................... 2 Come otteere l aiuto di cui avete bisogo.....................................

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE

LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE 1 LA GESTIONE DEL PERSONALE ALL ESTERO: TIPOLOGIE E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE TIPOLOGIE DI ASSEGNAZIONE ALL ESTERO: LA TRASFERTA

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Oggetto: obbligo contribuzione Enasarco per gli agenti che operano all estero.

Oggetto: obbligo contribuzione Enasarco per gli agenti che operano all estero. INTERPELLO N. 32/2013 Roma, 19 novembre 2013 Direzione generale per l Attività Ispettiva A Confimi Impresa Confederazione dell Industria Manifatturiera Italiana e dell Impresa Privata prot. 37/0020183

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale Aggiornamento 2010 Disposizioni UE sulla sicurezza sociale I diritti di coloro che si spostano nell Unione europea ANNI di coordinamento UE in materia di sicurezza sociale Commissione europea Disposizioni

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica

per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Milao Italy Master i Maagemet per lo Spettacolo masp CANDIDATI 2014 MASP X Sotto l Alto Patroato del Presidete della Repubblica Lettera del Direttore Il Maestro Bertolt Brecht diceva che lo spettacolo

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri

Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri 2 Linee Guida Expo Milano 2015 in materia di ingresso e soggiorno degli stranieri Il presente documento 1 è stato predisposto dal progetto La Mobilità Internazionale del Lavoro in collaborazione con il

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro Lo smart working è una modalità di lavoro innovativa basata su un forte elemento di flessibilità, in modo particolare di orari e di sede. Il futuro dell organizzazione del lavoro passa necessariamente

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) LE ASSUNZIONI CONGIUNTE IN AGRICOLTURA. Il settore agricolo, in particolar modo per quel che concerne la gestione degli operai

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle

Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle Bilateralità e fiscalità di Eugenio della Valle 1) Premessa. Con le lenti del tributarista il tema della bilateralità può essere affrontato avendo riguardo ai seguenti tre aspetti: (i) la natura, commerciale

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli