lavoro Non è tutto oro... pagina 11 2 Nuove aziende o piccole enclavi lombarde? Prossimo numero: 18 settembre 2014 Riequilibrare il mercato del lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "lavoro Non è tutto oro... pagina 11 2 Nuove aziende o piccole enclavi lombarde? Prossimo numero: 18 settembre 2014 Riequilibrare il mercato del lavoro"

Transcript

1 lavoro Giornale dell Organizzazione cristiano-sociale ticinese 4 settembre Anno LXIX - N.13 - CHF G.A.A Lugano Prossimo numero: 18 settembre 2014 pagina 3 Libera circolazione Riequilibrare il mercato del lavoro pagina 4 Scuola Politica scolastica al servizio di allievi e docenti pagina 5 Benetton Bullismo imprenditoriale pagina 7 Disoccupazione Non rassegnamoci! pagina 11 2 Non è tutto oro... Nuove aziende o piccole enclavi lombarde? Redazione Il Lavoro - Via Balestra Lugano Tel Fax

2 2 Sindacato Attualità 4 settembre 2014 il Lavoro Nuove aziende in Ticino Non è tutto oro quello che MEINRADO ROIANI I l 7 agosto la stampa ha dato risalto ai dati sulla creazione di nuove aziende, divulgati da una società privata di informazioni economiche. Emerge in particolare che il Ticino corre ad un ritmo molto superiore a quello nazionale grazie in particolare al ruolo svolto da imprenditori provenienti dall Italia. Questa tendenza, di per sé positiva, non è priva di insidie. L attualità di questo tema induce a ribadire la necessità che la creazione di nuove aziende (e soprattutto di quelle che giungono dalla vicina Italia nella scia della libera circolazione) sia adeguatamente seguita, analizzata e incanalata affinché sia un effettivo fattore di crescita e non inietti al contrario germi disgreganti nel mercato del lavoro locale. Insidie e pericoli Alla libera circolazione si tende perlopiù ad addebitare le pressioni di natura occupazionale e salariale che scompaginano oggi il mercato del lavoro. Ubicato a ridosso della frontiera e soprattutto di una regione la Lombardia - dalle dimensioni nettamente sovrastanti, il Ticino è tanto più esposto all afflusso da oltre confine di manodopera e di lavoro distaccato. Rimane al contrario un po nell ombra l insediamento vero e proprio di aziende che la libera circolazione ha parimenti agevolato. Benché il fenomeno sfugga tuttora a un rilevamento preciso, sono numerose le imprese venute e che vengono ad insediarsi nel nostro Cantone. È soprattutto il caso nel settore terziario dove l avvio di un attività imprenditoriale ad opera di persone d oltre frontiera o il trasferimento al di qua del confine di un attività già esistente è relativamente agevole, non necessitando di investimenti ragguardevoli. A prima vista interessante poiché arricchisce il tessuto delle imprese e incrementa i posti di lavoro, questo fenomeno non è esente da insidie e pericoli. Analogamente a quanto si attua sul versante della manodopera, occorre vigilare allo scopo di prevenire contraccolpi dannosi. Nuove aziende o piccole enclavi lombarde? Gli operatori economici d oltre confine guardano con interesse al Ticino poiché ritengono di potere conseguire un duplice obiettivo. L insediamento nel nostro Cantone consente in primo luogo di sottrarsi ai noti condizionamenti e lacci che intralciano l attività delle imprese nello Stato di provenienza. Ha poi il pregio di potere usufruire dei rilevanti spazi e margini di manovra concessi dal regime di libera circolazione. Si avverte poi sovente il desiderio di combinare i vantaggi del territorio ticinese (stabilità politica e sociale, livello favorevole di imposizione fiscale, amministrazione efficiente, servizi bancari e assicurativi di ottimo livello, ubicazione lungo gli assi internazionali di traffico e trasporto, disponibilità di manodopera, buoni livelli formativi ) con una politica retributiva calcata sui livelli lombardi. Non ci si cura affatto (conoscendolo poco) di considerare il fabbisogno locale dal profilo dell occupazione e dei livelli retributivi. Si tende del resto a privilegiare la manodopera frontaliera poiché è in tal modo possibile mantenersi vicini o scostarsi in misura ridotta dai livelli retributivi d oltre frontiera. Le imprese diventano in tal modo delle piccole enclavi lombarde in territorio ticinese. Si è radicalmente discosti da considerazioni di attenzione verso il territorio di accoglienza e di responsabilità verso la collettività locale. Nelle relazioni sociali si è conseguentemente lungi dal recepire e aprirsi alla cultura del dialogo e della collaborazione tra le parti sociali, che è patrimonio del territorio. In questo modo si iniettano con elevata frequenza nel mercato del lavoro germi di distorsione e fattori sfavorevoli alla manodopera locale. Un sottobosco di precarietà La possibilità di aprire o trasferire in Ticino imprese quasi a scatola chiusa (con personale e condizioni di lavoro attinte alla realtà d oltre confine) ha pure rimpolpato un sottobosco di attività ad elevata precarietà. Si tratta segnatamente di ditte appollaiate a ridosso della frontiera e perciò poco visibili, che impiegano soprattutto manodopera frontaliera. L apporto fornito al Ticino è insignificante se non persino controproducente. Il caso più emblematico è quello dei call center o perlomeno di una loro fetta. Per contrastare gli abusi ivi riscontrati, su proposta della Commissione tripartita il Consiglio di Stato ha decretato un contratto normale con salari minimi vincolanti. L impatto del provvedimento è tuttavia solo parziale poiché sono ancora numerose le infrazioni e gli espedienti messi in atto per aggirare i salari minimi. Una situazione analoga emerge nel campo della vendita telefonica di prodotti o servizi dove a un salario fisso particolarmente esiguo si sbandiera al personale la possibilità di ottenere provvigioni proporzionali al volume di merce venduta ma nei fatti difficilmente conseguibili. Guardarci dentro I nuovi insediamenti meritano di essere sottoposti a un più puntuale rilevamento e a una maggiore vigilanza. Possono infatti anch essi concorrere ad alimentare il degrado del mercato del lavoro, che l OCST ha già avuto modo di denunciare. Si rinnova perciò l appello all autorità cantonale, che ha colto questa esigenza, a volere varare alcuni elementi di osservazione e controllo che possano meglio incanalare il fenomeno. Si auspica segnatamente: l allestimento di modalità e strumenti di rilevamento che sfrutti i dati raccolti dall Ufficio delle imposte alla fonte; la raccolta di dati statistici e l attuazione di alcune analisi ad opera dell Ufficio cantonale di statistica; una linea di contatto e verifica della situazione occupazionale e delle condizioni lavorative nelle nuove imprese, che coinvolga in particolare l Ispettorato del lavoro e la Commissione tripartita. È parimenti opportuno che le nuove imprese abbiano a raggiungere i corpi associativi padronali. Ne deriverebbe un maggior legame con il territorio e le sue regole. Sarebbe pure agevolato il compito di preservare un funzionamento ordinato dei rami professionali. Tenendo presente che le società fiduciarie assumono sovente la consulenza delle nuove imprese e che i fiduciari stessi sono associati alla Camera di Commercio, è auspicabile che questa organizzazione possa impegnarsi nella direzione indicata.

3 4 settembre 2014 il Lavoro Sindacato Attualità 3 Ulteriore aumento della manodopera frontaliera Riequilibrare il mercato del lavoro MEINRADO ROIANI L a recente pubblicazione dei dati sulla manodopera frontaliera ha innescato un ampia ridda di valutazioni e commenti. Non poteva d altronde essere altrimenti se si considera che si è registrato un aumento consistente: circa unità rispetto al primo trimestre dell anno e quasi unità rispetto a un anno fa. Pressioni in ulteriore aumento Di fronte a queste cifre è inevitabile una prima costatazione. Flussi di queste dimensioni, che sono peraltro analoghi a quelli che si succedono invariabilmente da alcuni anni, sono tali da iniettare nel mercato del lavoro ulteriori fattori di distorsione. La consistenza e la rapidità dell incremento della manodopera è tale da rendere arduo un suo assorbimento fluido. Va perciò a gonfiare ulteriormente le pressioni occupazionali e salariali generate e alimentate dalla libera circolazione. Si accentua anche il grado di flessibilità e di precarietà del mercato del lavoro poiché una parte della crescita del numero di occupati rientra nella sfera delle forme atipiche di lavoro. Di chi la responsabilità? Chi fornisce una lettura strumentale dell evoluzione in atto ha buon gioco nello scaricare genericamente la responsabilità delle attuali distorsioni sul frontalierato. Niente di più errato e fuorviante. La responsabilità ricade sugli operatori economici locali che utilizzano in modo distorto e speculativo la libera circolazione. Distorto poiché, non riservando una attenzione specifica alla manodopera locale in una logica di complementarietà tra lavoratori indigeni e frontalieri, genera una concorrenza e competizione che è fonte di tensione e di rigetto. La votazione dello scorso febbraio sull iniziativa contro l immigrazione di massa è figlia evidente di questa situazione. Speculativo poiché si sfrutta il bisogno di lavorare della manodopera frontaliera imponendo livelli salariali al ribasso. Ne è evidentemente contagiato l intero mercato del lavoro mettendo a repentaglio i livelli salariali usuali (d altronde già inferiori alle medie nazionali) e conseguentemente il tenore di vita della popolazione locale. Un fenomeno sfuggente A incidere sulla traiettoria numerica del frontalierato è pure l insediamento di aziende (anche di piccole dimensioni e persino individuali) provenienti da oltre confine. Si tratta di operatori che fuggono i vincoli e i lacci che intralciano in patria il funzionamento aziendale per beneficiare di un contesto meno rigido e dotato di servizi efficienti. Questi insediamenti denotano sovente un basso tasso di capacità di integrazione nel territorio, finendo per costituire delle piccole «enclavi lombarde». I parametri retributivi e la cultura delle relazioni sindacali sono spesso lontane da quelle del territorio. Anche su questo versante non manca una parziale responsabilità interna. Chi (perlopiù studi legali e fiduciari) accompagna e consiglia queste ditte nell insediamento in Ticino non richiama adeguatamente la necessità che si conformino agli standard locali ed alla tradizione di dialogo sociale che vige nel Cantone. Un interesse comune È nell interesse indistinto di tutte le componenti di manodopera (locali e frontalieri) preservare un funzionamento ordinato del mercato del lavoro, che non sia terra di scorribande per avventurieri e speculatori (purtroppo in rapida diffusione). Lo è senza ombra di dubbio per la manodopera locale, che vede oggi deteriorarsi le condizioni di lavoro e retributive. Lo è per gli stessi frontalieri, talvolta troppo affrettatamente allettati dalle porte occupazionali che si sono spalancate; devono rendersi conto che in un mercato del lavoro disordinato e alla mercé di troppi filibustieri che oggi vi prosperano, saranno inevitabilmente esposti a pressioni, forme di sfruttamento e anche meccanismi di sostituzione. Governare il mercato del lavoro Una causa più generale che sta a monte dell odierna deriva è riconducibile all inadeguatezza del quadro contrattuale e legale svizzero rispetto al contesto di libera circolazione. Questo scollamento è tanto più carico di scompensi in Ticino per la maggiore esposizione della nostra regione alle ricadute del nuovo regime che regola la manodopera estera. Si impone perciò il rafforzamento delle norme che regolano le condizioni di lavoro e il funzionamento stesso del mercato del lavoro. Temi come la diffusione dei contratti collettivi di lavoro, il potenziamento delle misure di accompagnamento, la fissazione di salari minimi legali, l intensificazione dei controlli e delle sanzioni sono di stretta e impellente attualità. L OCST non può che ribadire gli appelli già lanciati e le proposte già formulate all indirizzo del padronato e dell autorità pubblica. Ulteriori sollecitazioni in questa direzione saranno avanzate nei prossimi giorni. Travail.Suisse È l ora degli aumenti salariali svizzera ha ritrovato nel 2014 un tasso di crescita apprezzabile. Inoltre, le prospettive per L economia l anno prossimo sono ancora migliori. I lavoratori in Svizzera hanno contribuito con impegno e flessibilità all uscita dalla crisi, per questo, Travail.Suisse chiede aumenti salariali del 2 %. L economia svizzera ha superato gli anni della crisi internazionale e si trova oggi, nuovamente, in una fase di crescita. La maggior parte dei settori dispone, ormai, di un margine di manovra importante per gratificare l importante contributo fornito dai lavoratori per superare la crisi. Prospettive positive per l economia svizzera La Seco, calcola per quest anno un tasso di crescita del 2 % e per il 2015 del 2,6 %. Per la Svizzera, il mercato interno, sostenuto dai consumi privati e dal settore dell edilizia, resta un pilone importante dell economia. In più, le prospettive sono in rialzo per l economia d esportazione. Il mercato del lavoro svizzero poggia su solide basi: la crescita dell impiego continua a progredire a ritmo moderato. È rallegrante costatare che, dalla fine del 2013, con gli alberghi, ristoranti e bar, il commercio al dettaglio e l industria, questa tendenza tocca dei settori che non avevano avuto crescita di impiego da molto tempo. Uno sviluppo economico positivo deve portare ad aumenti salariali adeguati Gli aumenti salariali negli ultimi 4 anni sono stati molto modesti. In ragione delle previsione economiche positive, gli aumenti salariali devono essere adeguati, anche per sostenere i consumi privati, che sono molto importanti per la congiuntura svizzera. Gli studi sui salari dei manager effettuati da Travail.Suisse mostrano che lo scarto tra salari è aumentato fortemente negli anni passati. Chi siede nei posti di responsabilità non ha esitato ad aumentare la propria fetta di torta, mentre i lavoratori dipendenti hanno ricevuto solo le briciole. Durante il dibattito della votazione sull iniziativa del salario minimo, i rappresentanti dell economia e i datori di lavoro hanno sempre sottolineato che i salari minimi andavano negoziati tra partner sociali. I datori di lavoro devono ora dar prova di questa volontà di migliorare i salari più bassi. È necessario, inoltre, focalizzarsi sui salari delle lavoratrici. Tocca ai datori di lavoro provare che l uguaglianza dei salari tra uomo e donna non è solo un paragrafo nella Costituzione, ma deve essere promossa in maniera attiva. Per Travail.Suisse, è chiaro che sono necessari degli aumenti salariali in busta paga, non dei bonus, infatti solo degli aumenti convenzionali garantiscono uno sviluppo duraturo dei salari e portano un consolidamento dei diritti al pensionamento. Inoltre, Travail.Suisse vuole degli aumenti salariali accordati a titolo generale e non individuale, perché tutti i lavoratori devono poter beneficiare della crescita economica.

4 4 Sindacato Attualità 4 settembre 2014 il Lavoro Inizio delle scuole Per una politica scolastica che liberi le potenzialità di allievi e docenti Tirare in accordi Migros per la famiglia GIANLUCA D ETTORRE* D urante l anno scolastico vedremo progredire sia l implementazione di Harmos in Ticino, sia l analisi parlamentare sulla Legge concernente l aggiornamento dei docenti, mentre a breve le urne si pronunceranno sull iniziativa «Aiutiamo le scuole comunali per il futuro dei nostri ragazzi»: tre appuntamenti che non mancheranno di incidere sull identità della scuola. Nell attuale contesto di ristrettezze economiche e di tagli ai servizi, spicca in particolare l aumento di una classe salariale per i docenti delle scuole comunali, che fa seguito all abrogazione della penalizzazione di due classi per i docenti cantonali neoassunti e alla nuova modalità di FESTA DELLA SCUOLA SÌ all iniziativa «Aiutiamo le scuole comunali» SABATO 20 SETTEMBRE ore Padiglione Conza, Lugano Apertura buvette e bancarelle delle associazioni Dibattito "Come migliorare la scuola dell'obbligo?" Teatro Confabula Poesie e musica: il poeta Fabio Pusterla dialoga con la cantante Rossella Cena multietnica Concerto e ballo con la Blue Night Big Band «formazione parallela alla professione» (PAP) per i docenti delle scuole medie e medio-superiori, tre conquiste frutto di anni di intense trattive e di confronti con il DECS e con la già Alta Scuola Pedagogica (ora SUPSI-DFA). L attività dell OCST-Docenti deve necessariamente articolarsi su più livelli, partendo dai rapporti privilegiati con i singoli docenti e con i collegi di istituto, autentico cuore pulsante del sistema, per rivolgersi poi alle autorità comunali, agli organi e uffici dipartimentali, fino al Consiglio di Stato, al Gran Consiglio e agli enti preposti alla formazione dei docenti (IUFFP, SUPSI-DFA, CDPE), senza dimenticare la gestione dei rapporti con le conferenze dei genitori (comunali e cantonale), con le associazioni magistrali e con le altre organizzazioni sindacali. La nostra azione è orientata da alcune certezze, da cui deriva la coerenza dei nostri interventi. Noi siamo coscienti di come davanti alle tensioni che attraversano l Unione Europea e la Svizzera, di fronte al disprezzo della vita umana e della pace praticato dai fondamentalisti islamici, in presenza del collasso di certi meccanismi finanziari e delle difficoltà nel far fronte ai nuovi fenomeni migratori o di pendolarismo, restano ben poche risorse alle quali attingere per recuperare serenità, fiducia e determinazione. Tuttavia sappiamo anche che i docenti continuano ad accogliere tutti i nostri figli per conoscerli, ne notano i pregi e i difetti, per potenziare i primi e correggere i secondi, introducono i nostri ragazzi al sapere, al territorio e nella società, ricevono nelle classi allievi provenienti da regioni e da culture diverse, senza censurare le varie appartenenze, ma presentando al contempo la nostra realtà con dignità e consapevolezza. Altro che invocare «iniezioni di fiducia per rilanciare i consumi e il mercato», i veri professionisti della fiducia sono proprio i docenti, essi sono tra i primi testimoni della fiducia, sempre più rara, nei giovani, essi sono i maggiori portatori della fiducia, altrettanto vacillante, nella realtà odierna e futura. Sono sempre gli insegnanti i primi a scommettere sulla possibilità di conciliare persone assai differenti tra loro in un progetto di convivenza pacifica e responsabile per costruire un mondo migliore. Come i docenti, così pure l economia e la politica dovrebbero ricominciare a rivolgersi all unica miniera inesauribile di cui disponiamo e necessitiamo, ovvero la crescita di persone solide, equilibrate, capaci di generare nuove idee e di rigenerare il nostro Cantone. È quindi con orgoglio che anche quest anno l OCST-Docenti si pone al servizio di tali persone e di tale progetto, continuando con impegno l attività sindacale verso altri obiettivi tesi alla promozione delle potenzialità di allievi e docenti. Auguri di buon anno scolastico a tutti! *Presidente del sindacato OCST-docenti N on è passata inosservata la decisione della società cooperativa Migros di introdurre alcuni significativi miglioramenti delle condizioni di lavoro per il personale. Congedo di maternità pagato con salario intero per 18 settimane, congedo pagato per il padre di tre settimane e pari diritti anche per i genitori adottivi e affidatari. Questo sostegno concreto ai genitori è una risposta alle sollecitazioni giunte dal mondo sindacale ma anche economico per favorire la famiglia, a dimostrazione che una politica attiva in favore della famiglia non è in contraddizione con gli obiettivi economici delle aziende. Se vogliamo provare a invertire la tendenza e creare migliori condizioni per aumentare la natalità dobbiamo agire con misure concrete. Migros (e altri grandi magazzini) ha d altra parte puntato sulle famiglie come target importante dal punto di vista commerciale. Ora riconosce che alla famiglia deve essere data un attenzione anche dal profilo delle condizioni lavorative. Sempre più madri lavorano, quasi sempre a tempo parziale e costituiscono con ciò un reddito essenziale per molte famiglie. Aiutarle concretamente al momento della nascita di figli o in caso di adozione o affidamento familiare è un segno di civiltà, secondo noi, molto importante per la società in cui viviamo. Il modello innovativo deciso da Migros potrebbe essere di esempio per altre aziende, in un momento in cui le politiche aziendali in favore della famiglia sembravano immobili dopo l entrata in vigore dell assicurazione maternità (che prevede il diritto minimo a 14 settimane di congedo retribuito all 80 per cento, molto inferiore rispetto alle prestazioni di maternità degli altri paesi europei). È essenziale che i partner sociali si impegnino per limitare l abbandono della professione da parte delle neo mamme introducendo condizioni di favore in particolare nei settori in cui la presenza di personale femminile è elevata. R.R.

5 4 settembre 2014 il Lavoro Benetton Bullismo imprenditoriale Sindacato Attualità 5 PAOLO LOCATELLI D a chi meno te lo aspetti, ecco servito il peggio. Il megastore Benetton in Piazza Dante a Lugano - gestito dalla Benverde SA di Villars-sur-Glâne (a sua volta saldamente subordinata alla proprietà del marchio Benetton di Ponzano Veneto in provincia di Treviso) - ha chiuso i battenti sabato 30 agosto Quasi metri quadrati di spazi vendita (quattro piani e un ampio magazzino) nel salotto buono di Lugano resteranno vuoti con tanto di oneroso affitto da sopportare per ancora due anni (fr al mese) in attesa di un improbabile subentrante. Più di 20 persone, esclusivamente cittadine svizzere o residenti in Ticino, che andranno a rimpolpare i dati statistici della disoccupazione alla difficile ricerca di un altro posto di lavoro. Il tutto nell assordante silenzio di chi, sprovvisto di argomenti e di sensibilità sociale, esalta la propria arroganza e il totale disprezzo dei più elementari diritti del personale. Il gruppo italiano Benetton in questi mesi si è sentito in dovere di comunicare solo attraverso gli organi di stampa «non abbiamo nulla a che vedere con i negozi in Svizzera»: un affermazione vera solo nella forma ma sfacciatamente arbitraria nella sostanza: un unico motore aziendale, installato ad arte su un rigagnolo di società apparentemente indipendenti. La società Benverde SA, che pende dalle labbra della proprietà trevigiana, ha evitato sistematicamente il confronto con il personale e il sindacato, spacciando strategie di continuità ridicole: l ultima in ordine cronologico, vede il marchio Benetton di Treviso pronto a rilevare direttamente la gestione del megastore di Piazza Dante, per un periodo limitato di sei, otto mesi a partire dal 1. ottobre Buffonate o, nella migliore delle ipotesi, dichiarazioni finalizzate a giustificare «i tempi supplementari» necessari per la ricerca di un subentrante degli spazi locati, magari con personale nuovo a costi più bassi. Il mancato coinvolgimento del personale in questa vicenda avrà quindi una coda giudiziaria. OCST invocherà dinnanzi alla lodevole Pretura di Lugano l abusività dei licenziamenti collettivi chiedendo un indennizzo di due mensilità. Un indennizzo che non renderà comunque completa giustizia al personale, anche perché, dinnanzi a comportamenti di bullismo imprenditoriale, prevarrà l amara constatazione di aver lavorato per anni per un datore di lavoro mosso solo da logiche economiche e sprezzante di uno dei più elementari diritti delle lavoratrici e dei lavoratori: la tutela della dignità personale e professionale. Il marchio Benetton ha veicolato campagne pubblicitarie a sfondo sociale molto aggressive, ma in casa propria sembra farsi un baffo dei diritti dei lavoratori. Che bella coerenza. Votazioni del 28 settembre Cassa malati unica: correggere ma non sovvertire il modello FAUSTO LEIDI sistema di assicurazione sociale malattia presenta certamente dei difetti che vanno corret- L attuale ti, ma non necessita una rivoluzione radicale della sua organizzazione. La LAMAL ha permesso di estendere a tutta la popolazione una rete solidale di copertura dei rischi malattia, garantendo a tutti l accesso a ottime prestazioni, senza privilegi: qualsiasi persona malata può accedere in tempi brevi alle cure di alta qualità che le sono necessarie. Invece di stravolgere il sistema, occorre migliorarlo ed in questo senso ben vengano gli stimoli derivanti anche da questa iniziativa. Sono necessari interventi che frenino la crescita dei costi, aumentino la trasparenza, migliorino la compensazione dei rischi e limitino la concorrenza distorta, solo sui buoni rischi. Stimolato dall iniziativa e da alcune mozioni, il Consiglio Federale ha proposto alcune modifiche di legge (approvazione del perfezionamento del sistema di compensazione dei rischi, disegno di legge sulla vigilanza sull assicurazione malattia,...) inoltre sono stati avviati dagli assicuratori altri interventi. Al contrario passare dalla pluralità di assicuratori sociali ad un unico ente monopolista priverebbe della libertà di scelta ora attuabile nell assicurazione obbligatoria. Una cassa senza concorrenti avrà meno incentivi a diminuire i costi. La sola trasformazione del sistema amministrativo creerà costi aggiuntivi, senza contare i posti di lavoro persi, le ristrutturazioni, le problematiche di passaggio per la separazione totale del settore assicurativo delle coperture complementari. Gli assicuratori utilizzano il 95% dei premi per pagare le prestazioni ospedaliere, mediche, i medicinali e le altre prestazioni sanitarie. Solo il 5% serve a coprire i propri costi amministrativi costituiti principalmente dai costi di personale per il controllo di oltre 80 milioni di fatture annue di ospedali, medici, ecc.. Una cassa nazionale unica i cui organi sono composti da rappresentanti della Confederazione, dei Cantoni, degli assicurati e dei fornitori di prestazioni sarà sottoposta a fortissimi influssi politici e si troverà in una situazione di conflitto di interessi nella negoziazione delle tariffe degli ospedali (gestiti dai Cantoni), dei medici e degli altri fornitori di prestazioni. Ciò può portare ad una paralisi nelle decisioni e la definizione di premi che non coprono i costi, con conseguente indebitamento del nuovo ente. Non mancano esempi esteri molto negativi in merito. D altra parte una cassa unica non frenerà l evoluzione dei premi perché i costi della salute (il 95% del premio) continueranno a salire: le persone vivono più a lungo, il progresso scientifico e medico ha un costo, le esigenze di consumo medico di tutti crescono. Per mantenere le promesse di fronte all aumento dei costi, la cassa unica potrebbe essere tentata ad imboccare la strada della riduzione delle prestazioni obbligatorie. Non è dunque una buona soluzione. Consapevoli che molto resta comunque da fare per migliorare il sistema. Il Comitato direttivo, nella seduta di martedì 2 settembre, dopo un intensa discussione, riconosce che è necessario cambiare in modo incisivo il sistema attuale, senza sovvertire il modello odierno perchè il cambiamento completo pone delle incognite rilevanti.

6 6 Sindacato Attualità 4 settembre 2014 il Lavoro Sindacato OCST funzionari di polizia Logistica e Masterplan: visioni e previsioni in Polizia cantonale ANDREA WEHRMÜLLER* L o scorso 19 agosto il Consiglio di Stato ha approvato il Masterplan per la logistica in Polizia. Possiamo dire che le intenzioni sono assai buone, ma come spesso abbiamo visto in passato molti bastoni sono stati infilati nelle ruote di questo carro. Basti pensare alla saga del Comando che ha dovuto attendere più di una generazione per poter vedere uno stabile degno di questo nome. Oggi però la musica sembra essere diversa ed in tal senso ci auguriamo che così continui fino al In ogni caso, al di là dei buoni propositi e delle visioni per il futuro della logistica, abbiamo dei pazienti urgenti da accudire. Un esempio? Il palazzo di giustizia di Lugano! In acronimo più conosciuto come PGL. Giusto per far capire a chi legge, cito un aneddoto accaduto al secondo piano di questo memorabile stabile realizzato dall emerito arch. Bruno Bossi nel lontano Una sera di qualche mese fa un dipendente rimasto a lavorare fino a tardi, viene sorpreso da un rumore di lamiera che proviene dal corridoio. Incuriosito esce a vedere e con grande sorpresa si accorge che un pannello del controsoffitto è caduto di moto proprio (?) e senza alcuna causa apparente. Per fortuna che nessun dipendente o libero utente stava passando, poiché se avesse ricevuto il pannello in testa di sicuro le luci blu (e non quelle di una pattuglia) sarebbero accorse. Il pannello in questione ha una dimensione di 3 metri x 50 centimetri ed è composto da lamiera pressofusa del peso di circa 3 chilogrammi. Immaginate la caduta da un altezza di quasi 3 metri sulla vostra testa... Per fortuna che questi episodi sono rari. Ma i segni del tempo si fanno sentire e il paziente PGL ha bisogno di urgenti cure. Nel comunicato si evince che il futuro comparto giudiziario rimarrà nel luganese, ma sorge spontanea la domanda in merito ai tempi di realizzazione di questo(i) stabili. Nel frattempo le soluzioni dovranno essere rapide ed oculate. Nella visione 2019 i nuovi comparti della riorganizzazione della Polizia cantonale la faranno da padrone. Il comparto di Mendrisio sarà cruciale per la sicurezza a sud del Ponte diga, anche perché oggi con il traffico che abbiamo è inimmaginabile avere dei centri logistici a Lugano per servire le regioni distanti come quella di Chiasso. Insomma tanti auguri per il futuro logistico della Polizia, ne avremo sicuramente bisogno. * presidente sindacato OCST funzionari di polizia Be smart work safe Grazie alla sicurezza sul lavoro è possibile avere il 100% di divertimento nel tempo libero Ogni anno apprendisti sono vittime di un infortunio sul lavoro Questo è il risultato presentato dalla Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera dell Ufficio federale di statistica (cifre 2013). Il rischio di essere vittime di un infortunio sul lavoro è sensibilmente maggiore fra i giovani apprendisti rispetto a quello che si osserva fra i lavoratori più esperti. BE SMART WORK SAFE si impegna affinché la sicurezza sul lavoro si diffonda come valore fra i giovani. Il dialogo diretto con i giovani porta il successo desiderato. L inesperienza e la disattenzione fanno sì che spesso i giovani apprendisti siano vittime di infortunio nello svolgimento di lavori tipici della routine di fabbrica e officina, come quelli di trapanatura, rettifica, smerigliatura, o fresatura e rettifica con l utilizzo di macchinari. La maggior parte degli apprendisti è vittima di infortuni durante classiche attività artigianali. Ferite a mani e occhi Le ferite più frequenti fra i giovani apprendisti sono ferite da taglio e fratture alle mani. Al secondo posto, si hanno poi ferite agli occhi provocate da schegge o liquidi venuti a contatto con gli occhi. Molte di queste ferite potrebbero essere evitate con il giusto comportamento, come per esempio indossare adeguati dispositivi di protezione. Il comportamento corretto sul lavoro permette di godersi al massimo il tempo libero Da un anno a questa parte la campagna di sensibilizzazione BE SMART WORK SAFE cerca di fare in modo che il tema della sicurezza sul lavoro diventi un argomento di interesse fra i giovani apprendisti fan su Facebook dimostrano il successo della campagna. Amici, sport, uscite questi e molti altri temi suscitano l interesse dei giovani molto più del tema della sicurezza sul lavoro. Spesso sembra quindi che le regole sul posto di lavoro siano dimenticate, così come lo è il corretto abbigliamento di protezione. BE SMART WORK SAFE s inserisce proprio qui. Attraverso i canali utilizzati dai giovani si intende dimostrare loro perché il comportamento corretto quando si lavora assicura la possibilità di godersi al massimo il tempo libero. Comunicare con successo con i giovani Per rivolgersi con successo al gruppo target dei giovani è necessario elaborare contenuti adatti ad esso. Per raggiungere questo scopo, è fondamentale scegliere lingua, canali e mezzi di comunicazione adatti ai giovani. Manifesti o spessi opuscoli da leggere non garantiscono più risultati, poiché i giovani molto raramente possono (o vogliono) entrare in contatto con tali mezzi di comunicazione. Al contrario, conviene rivolgersi direttamente ai giovani attraverso i canali da loro stessi utilizzati. BE SMART WORK SAFE coinvolge quindi attivamente i giovani attraverso i social network e il sito Web anche nel secondo anno della campagna. Tale intento viene perseguito, oltre che con le pagine web e Facebook, anche con due videoclip online. Inoltre, i dodici consigli BE SMART WORK SAFE sono stati trasformati in brevi video animati. Se i giovani apprendisti si atterranno a questi consigli, lavoreranno sicuri e si godranno pienamente il loro tempo libero.

7 4 settembre 2014 il Lavoro Sindacato Attualità 7 Disoccupazione Non rassegniamoci, si deve fare di più! RENATO RICCIARDI E siste una discordanza manifesta tra la disoccupazione rilevata dai dati statistici e quella percepita e vissuta dalla popolazione in Ticino. È evidente, direte, in qualsiasi fenomeno sociale o avvenimento: un conto è affidarsi all analisi fredda di indicatori e un altro è ascoltare le persone coinvolte in una situazione drammatica. Cosi è per chi vorrebbe un lavoro e incontra grandi difficoltà nel trovarlo. Torniamo ai dati sulla disoccupazione pubblicati e commentati negli scorsi giorni. Praticamente mono tono il giudizio dei media secondo cui «il Ticino si difende bene», vi sono «buoni segnali per il futuro» e «il tasso di disoccupazione è vicino al suo livello «incomprimibile»». Un ottimismo avvalorato dal dato complessivo nazionale che, secondo il parere di un autorevole economista, Yves Flückiger (che ricordiamo attento studioso del mondo del lavoro e della formazione), è vicino alla soglia di disoccupazione strutturale («incomprimibile» afferma Flückiger) per l economia svizzera. Già il concetto stesso fa rabbrividire. Anche se le opinioni degli economisti possono essere divergenti sul tema della piena occupazione in un economia globalizzata e riconoscendo che vedere diminuire il grado di disoccupazione è una cosa in sé positiva, non riesco a rallegrarmi per un evoluzione che rimane molto preoccupante e neppure mi rassegno. Dicevo all inizio di queste riflessioni che i numeri non esauriscono il dato di realtà. E la realtà mi conferma che molte famiglie ticinesi, con intensità forse diverse, fanno i conti con la difficoltà di trovare un posto di lavoro per un figlio, un parente o un amico. In luglio il tasso di disoccupazione in Ticino era del 3,7 per cento (rispetto al 2,9 svizzero), la media degli ultimi 12 mesi si attesta comunque al 4,4 per cento. Il numero di disoccupati è inferiore rispetto a un anno fa, ma i disoccupati della fascia di età anni sono quelli che sono diminuiti di meno (1 324 i giovani iscritti agli uffici di collocamento): a dimostrazione di come la prima entrata nel mondo del lavoro costituisca sempre uno scoglio per chi termina il percorso di formazione scolastica o professionale. Il numero di maggio della rivista DATI edita dall Ufficio di statistica torna con un interessante approfondimento sul tema dell occupazione giovanile. Opportunamente gli autori Moreno Brughelli e Oscar Gonzales ricordano lo shock provocato dall inasprimento della legge federale sull assicurazione disoccupazione del 2011 sostenuta dagli ambienti economici, che hanno dimenticato come qualche anno prima in piena recessione l economia nazionale aveva beneficiato degli effetti di questo ammortizzatore sociale per sostenere i redditi delle famiglie e di conseguenza la domanda interna. Lo studio osserva che prima di questa modifica legislativa la disoccupazione giovanile in Ticino aveva toccato punte dell 8,1 per cento per poi diminuire repentinamente al 5 per cento e assestarsi attorno al 6-7 per cento una volta applicate le ingiuste restrizioni per i giovani. Veniamo anche a sapere che dopo il 2011 il numero di giovani che esauriscono il diritto all indennità disoccupazione è raddoppiato passando da una media di 181 persone all anno a 378. Questo dato dimostra come il numero di giovani disoccupati va ben oltre quello delle persone che si sono annunciate agli uffici di collocamento. Nello studio dell U- STAT si stima che i giovani senza lavoro di età tra i 15 e i 24 anni siano 3 000, pari a un tasso del 16 per cento. Mentre, secondo una definizione più estesa, ma più aderente alla realtà, dell Organizzazione internazionale del lavoro, a questi giovani disoccupati se ne devono aggiungere altri mille in una condizione di sottoccupazione e di inattività. Fin qui l analisi dei dati statistici offre fasci di luce nuovi sulla situazione dell occupazione giovanile. Riguardo alle possibili soluzioni il sindacato OCST ha più volte indicato come sia urgente adottare delle contromisure agli effetti nefasti della riforma legislativa federale del 2011, in particolare in favore dei giovani. Anche il Consiglio di Stato deve adottare interventi più efficaci per integrare le lacune causate. Una grande responsabilità ricade inoltre sulle aziende, pronte nello scorso decennio ad approfittare dei vantaggi della libera circolazione. Esse sono interpellate e chiamate a una reale responsabilità sociale assumendo prioritariamente manodopera locale. Molti giovani ticinesi concludono in questo periodo la loro formazione scolastica e professionale. A fronte di un loro accresciuto livello di formazione, in particolare secondaria, sono confrontati con una maggiore precarietà nella transizione al mercato del lavoro. Questo è un messaggio importante che deve pervenire ai Consiglieri federali giunti qualche giorno fa in Ticino per incontrare la popolazione e conoscere i nostri problemi. I l Giornale del Popolo, Personale case anziani Assemblea cantonale sindacato OCST ha il piacere di invitarvi all Assemblea cantonale del personale delle case per anziani Martedì 16 settembre 2014 alle ore presso Segretariato OCST Lamone (Strada Cantonale Zona Ostarietta) Tema: situazione nelle case per anziani e applicazione del ROCA 2014 Alla fine della riunione siete cordialmente invitati alla cena; per motivi organizzativi vi invitiamo ad annunciarvi al Segretariato OCST della vostra regione. Sicuri di una vostra numerosa partecipazione, cogliamo l occasione per porgere i nostri migliori saluti. Info e iscrizioni Davina Fitas Marcella Palladino Carlo Vanoni Roberto Cefis

8 8 Sindacato Attualità 4 settembre 2014 il Lavoro Sicurezza sociale Spese per le prestazioni sociali in crescita Spese per le prestazioni sociali in crescita Stando ai nuovi risultati del Conto globale della sicurezza sociale (CGSS), tra il 2011 e il 2012 le spese per le prestazioni del sistema svizzero di sicurezza sociale sono aumentate del 4,1 %. Questo incremento corrisponde a 5,8 miliardi di franchi (ai prezzi del 2012). Sono aumentate in particolare le spese per le funzioni della sicurezza sociale malattia/cure sanitarie (+ 2,9 miliardi di franchi) e vecchiaia (+ 2,4 miliardi). I principali regimi del sistema svizzero di sicurezza sociale restano l AVS, la previdenza professionale e l assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. Evoluzione a prezzi costanti Nel 2012, le spese per le prestazioni sociali hanno raggiunto 147,4 miliardi di franchi (+ 4,1 % rispetto al 2011) e rappresentano il 90 % delle spese totali (162,9 miliardi). Il restante 10 % raggruppa spese amministrative e altre spese. Dal 1990, sia le spese per le prestazioni sociali sia le spese totali sono aumentate in media del 3,2 % circa all anno. Le entrate totali del 2012 ammontano a 188,9 miliardi, il che corrisponde a un incremento del 2,8 % rispetto al Dal 1990 sono aumentate in media del 2,4 % all anno. Evoluzione rispetto al PIL Per illustrare l importanza della sicurezza sociale in un Paese, le spese e le entrate possono essere espresse in percentuale del prodotto interno lordo (PIL). In Svizzera, le spese per le prestazioni sociali in percentuale del PIL superavano leggermente il 16 % nel 1990, dopodiché sono aumentate fino al 2004 per stabilizzarsi infine tra il %. Nel 2012 hanno totalizzato il 24,9 %. Le entrate totali sono invece passate dal 25,4 % del PIL nel 1990 al valore record del 31,9 % nel Funzioni della sicurezza sociale in Svizzera Nel 2012, l 82 % della totalità delle spese per le prestazioni sociali era destinato a coprire i rischi e i bisogni legati alla vecchiaia, alla malattia e all invalidità. Tra il 1990 e il 2012, la quota relativa di ogni funzione non ha subito variazioni radicali. Dal 1990 la funzione vecchiaia assorbe la quota più importante delle risorse. Nel 2012, le spese per le prestazioni sociali di questa funzione ammontavano a 63,1 miliardi di franchi e rappresentavano il 42,8 % del totale. Quasi il 95 % di queste prestazioni è finanziato dall AVS (54 %) e dalla previdenza professionale (41 %). Segue al secondo posto la funzione malattia/ cure sanitarie con il 28,9 % delle spese sociali nel In cifre assolute ciò corrisponde a 42,6 miliardi di franchi. L importanza di questa funzione è diminuita solo lievemente dal 1990 (29,7 %). L assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (52 %) e il finanziamento pubblico del sistema sanitario (26 %) garantiscono la maggior parte di queste prestazioni Le spese sociali per la funzione invalidità ammontavano a 14,7 miliardi e rappresentavano quindi il 10 % della totalità delle spese per le prestazioni. La quota di tali spese è progredita tra il 1990 e il 2004 per poi scendere nuovamente a partire dal 2008 con le revisioni dell AI. Nel 2012, il 47 % di queste prestazioni era a carico dell AI e il 16 % della previdenza professionale. Quantitativamente meno rilevante (3,4 % del totale), la funzione disoccupazione si contraddistingue per la sua evoluzione ciclica. A seguito della recessione del 2009, le spese per le prestazioni di questa funzione sono aumentate in termini reali del 63 % rispetto all anno precedente. Tra il 2010 e il 2011 sono diminuite del 27 % e tra il 2011 e il 2012 sono rimaste relativamente stabili (+5 % nonostante la nuova legge sulla disoccupazione che ha ridotto le prestazioni per molti). Le quote attribuite alle funzioni famiglia/figli e superstiti sono calate dal 1990 fino a raggiungere il 5,9 % nel 2012, mentre le quote delle funzioni esclusione sociale (2,6 %) e abitazione (0,5 %) sono rimaste relativamente stabili....e in Europa Nella media europea (UE-28) la ripartizione delle spese secondo le funzioni ricalca a grandi linee quella della Svizzera. Nel 2011, nell UE-28 le quote destinate alle funzioni della disoccupazione (5,6 %) e famiglia (8 %) erano tuttavia nettamente superiori. Le entrate finanziarie della sicurezza sociale a livello nazionale Le fonti di finanziamento del sistema di sicurezza sociale sono molteplici. Nel 2012, circa due terzi delle entrate totali (123,1 miliardi su un totale di 188,9) provenivano dai contributi sociali dei datori di lavoro e delle persone protette (salariati, lavoratori indipendenti, beneficiari di rendite e altri). Anche se la quota dei contributi sociali è rimasta pressoché stabile, tra il 1990 e il 2012 il contributo delle persone protette è aumentato di 3,7 punti percentuali. Ciò è dovuto principalmente all aumento dei

9 4 settembre 2014 il Lavoro Sindacato Attualità 9 premi netti dell assicurazione malattia. Il terzo restante delle entrate (65,8 miliardi) si suddivide tra i contributi pubblici e redditi da capitale. I contributi pubblici rappresentano il 24,4 % delle entrate totali. La quota finanziata dai tre livelli dello Stato federale (Confederazione, Cantoni e Comuni) è aumentata del 5 %, raggiungendo 46,1 miliardi di franchi nel Il 55 % di queste entrate (25,5 miliardi) proviene dalle imposte dirette dei Cantoni e Comuni, mentre il 45 % restante (20,7 miliardi) è assicurato dalla Confederazione sotto forma di imposte dirette e indirette. I redditi da capitale contribuiscono alle entrate nella misura del 9,8 %: essi provengono prevalentemente dal regime di previdenza professionale. Tra il 1990 e il 2012 la quota dei redditi da capitale è diminuita di 5 punti percentuali. e a livello internazionale In Europa, nel 2011 il finanziamento dei sistemi nazionali di sicurezza sociale si scostava nettamente da quello rilevato per la Svizzera. Da un lato, nell UE il peso dei contributi pubblici è molto più importante che in Svizzera (il 40,2 % nell UE contro il 24,3 % in Svizzera nel 2011). Anche la quota finanziata dai datori di lavoro è superiore (36,1 % contro il 29,9 % svizzero). Dall altro, in seno all Unione europea le persone protette finanziano solo il 20,1 % della sicurezza sociale contro il 34,9 % della Svizzera. Anche i redditi da capitale e le altre entrate in Europa (3,7 %) sono inferiori a quelli della Svizzera (10,9 %). Le funzioni della sicurezza sociale In Svizzera il sistema di sicurezza sociale copre un numero elevato di bisogni e protegge le economie domestiche e gli individui da numerosi rischi. Per ottenere un quadro chiaro e coerente, la totalità delle prestazioni sociali è ripartita tra le seguenti otto funzioni: malattia/ cure sanitarie, invalidità, vecchiaia, superstiti, famigli/figli, disoccupazione, abitazione ed esclusione sociale. Definizione di sicurezza sociale La sicurezza sociale comprende tutti gli interventi di enti pubblici e privati volti a finanziare gli oneri delle economie domestiche. Gli interventi sono presi in considerazione solo se soddisfano il criterio della solidarietà sociale, ossia se hanno un determinato effetto di ridistribuzione o se sono obbligatori per legge o per via di un contratto collettivo. Gli interventi devono inoltre coprire uno degli otto rischi e bisogni elencati sopra, nelle funzioni. AL VOLO Vertice sul frontalierato a Cannobio Si è tenuta lunedì 25 agosto a Cannobio una riunione riguardante le problematiche inerenti ai frontalieri. Tra i partecipanti erano presenti i sindaci del VCO ( Verbano Cusio Ossola ), il deputato a Roma Enrico Borghi del PD e il vicepresidente del Piemonte Aldo Reschigna. In rappresentanza dei lavoratori erano presenti Antonio Locatelli e Giorgio Zaniboni (frontalieri VCO), mentre per l OCST erano presenti Robertino Bay e Luca Camona. All ordine del giorno, vi è stata la richiesta del mantenimento delle attuali quote di ristorno per i comuni di frontiera, la reintroduzione della disoccupazione speciale (legge 147) e la questione della doppia imposizione per i frontalieri fuori fascia. Le tematiche saranno portate nuovamente a conoscenza più in dettaglio al Governo Italiano per il tramite dell Onorevole Borghi. Lo stesso deputato ha anche precisato come gli attuali accordi bilaterali fra Italia e Svizzera, spesso oggetto di dibattito e discussione, non sono «né contro nessuno, né penalizzanti», bensì «un percorso da fare insieme», riferendosi alla auspicata collaborazione fra le autorità dei due Paesi confinanti. Inoltre è stato deciso di organizzare, all interno del VCO, gli Stati Generali del frontalierato, al fine di tutelare maggiormente i lavoratori italiani. Il prossimo incontro è stato fissato per il 18 settembre a Verbania. Diplomati OSA, OSS e ACSS Si è svolta lunedì 25 agosto, in collaborazione con la Scuola cantonale degli operatori sociali SCOS di Mendrisio e con la Scuola specializzata per le professioni sanitarie e sociali SSPSS (per gli ACSS giovani), la cerimonia di consegna dei diplomi. Durante questa manifestazione, a cui ha assistito per l OCST Roberto Cefis, sono stati consegnati i primi Certificati federali di capacità ACSS. I premiati: per gli operatori sociosanitari Adina Pellegrini e Biljana Wellauer (nota finale 5.5); per gli operatori socioassistenziali specializzati nell assitenza alle persone disabili a Lara Trimboli (5.6) mentre per la specializzazione di assistenza all infanzia a Tiffany Jelmini (5.4); per gli addetti alle cure socioassistenziali ad Elena Laudato (5.6). La lista completa dei diplomati la trovate sul nostro sito, nella sezione «Sociosanitario» e guardando nel menù «in-formazione». L OCST augura a tutti un futuro professionale ricco di soddisfazioni.

10 Sindacato Formazione 10 4 settembre 2014 il Lavoro CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Via S. Balestra Lugano Tel Fax Altre sedi: Locarno/Bellinzona Mendrisio ff EDILIZIA/ARTIGIANATO Custode di immobili: dal 4 novembre, martedì e giovedì, , sabato e , 401 ore. Costo: fr (+ materiale didattico fr ). Gessatore Art. 33: da settembre 2014, venerdì , sabato e , 2 anni. Costo: fr AutoCAD 15 base - Lugano/Locarno: dal 22 settembre, lunedì e mercoledì, , 30 ore. Costo: soci fr , non soci fr ff MECCANICA CNC Macchine a controllo numerico - Bioggio: dall 8 settembre, lunedì, mercoledì e venerdì, , 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. ff INFORMATICA ECDL Start - Lugano: dal 16 settembre, lunedì e mercoledì, , 90 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Web creator - Lugano: dal 23 settembre, martedì e giovedì, , 220 ore. Costo: fr soci e non soci. Word 2013 base - Lugano: dal 22 settembre, lunedì e mercoledì, , 40 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Word 2013 avanzato - Lugano: dal 22 settembre, lunedì e mercoledì, , 40 ore. Costo: fr soci, fr non soci. ff LINGUE LOCARNO Italiano sul posto di lavoro A1 - Locarno: dal 22 settembre, lunedì e mercoledì, , 48 ore. Costo: fr Tedesco A1 (1. modulo) - Locarno: dal 23 settembre, martedì, , 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Inglese A1 (1. modulo) - Locarno: dal 29 settembre, lunedì, , 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. ff LINGUE LUGANO Italiano sul posto di lavoro A1/A2 - Lugano: dal 23 settembre, martedì e giovedì, , 48 ore. Costo: fr Inglese A1 (1. modulo) - Lugano: dal 25 settembre, giovedì, , 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Inglese A1 (2. modulo) - Lugano: dal 25 settembre, giovedì, , 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Inglese A2 (1. modulo) - Lugano: dal 7 ottobre, martedì, , 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Inglese B1 (1. modulo) - Lugano: dal 6 ottobre, lunedì, , 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Inglese (preparazione al PET) - Lugano: dal 16 settembre, martedì, , 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Inglese (preparazione al FCE) - Lugano: dal 22 settembre, lunedì, :00, 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Tedesco A1 (1. modulo) - Lugano: dal 23 settembre, martedì, , 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Tedesco A1 (2. modulo) - Lugano: dal 19 settembre, venerdì, , 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Tedesco A2 (1. modulo) - Lugano: dal 24 settembre, mercoledì, , 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Tedesco B1 (1. modulo) - Lugano: dal 2 ottobre, giovedì, , 48 ore. Costo: fr soci, fr non soci. ff LINGUE MENDRISIO Inglese per venditori B1 (1. modulo) - Mendrisio: dal 22 settembre, lunedì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Inglese per venditori A1 (1. modulo) - Mendrisio: dal 22 settembre, lunedì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Russo per venditori A1 (1. modulo) - Mendrisio: dal 22 settembre, lunedì e giovedì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Russo per venditori A1 (3. modulo) - Mendrisio: dal 23 settembre, martedì e venerdì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Tedesco per venditori A2 (2. modulo) - Mendrisio: dal 06 ottobre, lunedì e giovedì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Tedesco per venditori A1 (2. modulo) - Mendrisio: dal 04 novembre, martedì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. ff CONTABILITÀ Contabilità base - Lugano: dall 8 settembre, lunedì e mercoledì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Contabilità base - Mendrisio: dal 9 settembre, martedì e giovedì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Contabilità avanzata - Lugano: dal 13 ottobre, lunedì e mercoledì, , 30 ore. Costo: fr. Servizio traduzioni soci, fr non soci. Contabilità avanzata - Mendrisio: dal 14 ottobre, martedì e giovedì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Contabilità Banana - Lugano: dal 14 ottobre, martedì e giovedì, , 40 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Preparazione certificato cantonale di contabilità - Lugano: dal 24 novembre, lunedì, , 60 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Preparazione certificato cantonale di contabilità - Mendrisio: dal 26 novembre, mercoledì, , 60 ore. Costo: fr soci, fr non soci. ff VENDITA Tecnica della vendita - Mendrisio: dal 22 settembre, lunedì e mercoledì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Tecnica della vendita - Lugano: 4 giornate, settembre, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Allestimento vetrine - Mendrisio: dal 24 settembre, mercoledì e venerdì, , 30 ore. Costo: fr soci, fr non soci. ff COMMERCIO Corso segretariato: dal 15 settembre, lunedì e mercoledì, / , 192 ore. Costo: fr soci, fr non soci. Avete bisogno di un partner per i vostri lavori di traduzione? u Il nostro ufficio di traduzione attivo dal 1999 è in grado di fornire traduzioni in molte combinazioni di lingue in un ampia gamma di tipologie, che vanno dal manuale tecnico, al catalogo commerciale, al contratto d affari, all articolo di marketing, al testo scientifico o letterario, con particolare esperienza nei settori economicofinanziario, assicurativo, bancario, giuridico e delle nuove tecnologie. u Traduzioni accurate da e per le principali lingue, anche alfabeti non latini (arabo, cinese, russo, giapponese, ebraico, greco), per ogni esigenza e su qualsiasi supporto. u Traduzioni di documenti e certificati con possibilità di richiedere la nostra autentica in qualità di agenzia di traduzione riconosciuta dagli uffici comunali e cantonali. L utilizzo di sofisticate tecnologie e metodologie di controllo a salvaguardia della qualità ci consentono di garantire un adeguata accuratezza terminologica. Condizione di favore per gli associati OCST. Seguiteci su www. orma lingua.ch Lingua Sagl Info: FORMAT Lingua Sagl, via S. Balestra 21, CP 6216, 6901 Lugano tel , fax ,

11 4 settembre 2014 il Lavoro Sindacato Formazione 11 Corsi di lingue 2014/2015 Progettiamo la vostra formazione linguistica e gestiamo le vostre esigenze di traduzione P er sottolineare la pluriennale attività nei settori delle lingue e delle traduzioni, il Centro di Formazione Professionale dell OCST in collaborazione con la società di servizi linguistici FORMAT Lingua Sagl ha deciso di pubblicare un nuovo volantino con l obiettivo di presentare l offerta formativa e i servizi rivolti sia alle aziende, sia ai privati. I nostri corsi di lingue, individuali e collettivi, sono proposti a vari livelli secondo la scala del Portfolio Europeo delle Lingue (PEL) e strutturati per il raggiungimento di obiettivi differenziati in base alle specifiche esigenze dei partecipanti. Sono generalmente organizzati in moduli di 48 ore e si svolgono presso le nostre sedi con frequenza settimanale o bisettimanale, durante il giorno o in fascia serale. Prima dell inizio di ogni corso è previsto un test per rilevare le eventuali competenze linguistiche di partenza. Per le aziende progettiamo interventi formativi a favore dei collaboratori desiderosi di un aggiornamento linguistico legato al settore professionale di appartenenza oppure intenzionati a conseguire un diploma linguistico riconosciuto internazionalmente. In questo contesto sono previsti - anche presso le nostre sedi - corsi di preparazione agli esami linguistici promossi dall Università di Cambridge (inglese), dal Goethe-Institut (tedesco), dall Alliance Française (francese) e dall Università per stranieri di Siena (italiano per stranieri). Nei nostri Workshop tematici in inglese e tedesco, strutturati in modo da consentire ai partecipanti di imparare facendo, si acquisiscono invece competenze direttamente trasferibili nel proprio contesto lavorativo (Al telefono, , Presentazioni, Riunioni, Negoziazioni). Il corso di comunicazione multilingue per traduttori si rivolge a persone che già operano nel campo delle lingue e intendono perfezionare il loro livello professionale. Il corso è pensato per persone che conoscono e magari lavorano con la Svizzera tedesca e sono chiamate, spesso, a tradurre testi dal tedesco (o anche dall inglese) all italiano. Durante l estate sono previsti corsi intensivi di tedesco e inglese rivolti a studenti di ogni ordine e grado che intendono approfondire una o più lingue o rivederne i programmi studiati a scuola. Attenzione particolare è rivolta all aspetto comunicativo con simulazioni di situazioni della vita reale senza peraltro tralasciare la grammatica. Durante l anno scolastico offriamo invece lezioni di sostegno. L offerta comprende inoltre corsi intensivi di italiano per stranieri rivolti a coloro che provengono da fuori Cantone o che vi risiedono da poco tempo. Per quest ultima categoria di persone abbiamo predisposto un progetto denominato «L italiano sul posto di lavoro» rivolto proprio ai nuovi arrivati in Ticino che desiderano approfondire la conoscenza della lingua italiana nell ambito della propria attività lavorativa, in particolare nei seguenti settori: sociosanitario, edilizie, pulizie, logistica e ristorazione. A coloro che sono attivi nel settore della vendita offriamo la possibilità di seguire moduli di 30 ore nelle lingue tedesco, inglese e russo. Infine, il nostro servizio traduzioni offre traduzioni accurate di ogni tipo di documento o certificato in diverse combinazioni linguistiche con la possibilità di richiedere la nostra autentica riconosciuta dagli uffici comunali e cantonali. La nostra Segreteria è volentieri a disposizione per ulteriori informazioni o per fissare un appuntamento senza impegno: tel Sul nostro sito internet all indirizzo nella sezione «risorse» trovate tutti i nostri volantini scaricabili in formato pdf. PROGETTO MOSAICO La fragilità che è in noi D al libro di Eugenio Borgna «La fragilità che è in noi» per rammentarci della nostra dimensione umana così delicata e forte al tempo stesso. «La fragilità è un modo di essere emozionale ed esistenziale che vive del cammino misterioso che porta verso l interno, e che non si riconosce se non andando al di là dei comportamenti e scendendo negli abissi della nostra interiorità, e dell interiorità altrui. Ancora oggi si tende ingiustamente a guardare alla fragilità come a una forma di vita inutile e antisociale, e anzi malata, cha ha bisogno di cure, e che non merita nel migliore dei casi se non compassione; e non si sanno intravedere in essa le tracce incandescenti della sensibilità e della gentilezza, della timidezza e della tenerezza, della creatrice malinconia leopardiana. Certo, come la sofferenza passa, ma non passa mai l avere sofferto, così anche la fragilità è un esperienza umana che, quando nasce, non mai si spegne in vita, e che imprime alle cose che vengono fatte, alle parole che vengono dette, il sigillo della delicatezza e dell accoglienza, della comprensione e dell ascolto, dell intuizione dell indicibile che si nasconde nel dicibile. Sì, ci sono momenti in cui la presenza, o almeno la percezione, che ciascuno di noi ha della propria fragilità si accentua, o si inaridisce; ma in ogni caso dovremmo educarci a riconoscerla in noi ma soprattutto a riconoscerla negli altri da noi: un impegno etico, questo, al quale noi tutti siamo chiamati in vita.» Info Per info & commenti contattare il team Progetto Mosaico: Marina Bernardo Ciddio Emanuela Pigò Paolo Cicale Tel

12 12 Sindacato Storia 4 settembre 2014 il Lavoro Memorie nostre In ricordo di Monsignor Luigi Del-Pietro Sono passati ben trentasette anni dalla scomparsa di Monsignor Del-Pietro (29 agosto 1977) e anche all interno dell OCST sono ormai pochi quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerlo. Il solco tracciato da colui che è stato il nostro segretario cantonale per ben 48 anni, il suo insegnamento, la sua azione, sono ancora oggi i cardini su cui si basa l attività dell OCST. L o ricordiamo con alcuni stralci tratti dal volume «Una vita per la giustizia» antologia di scritti presentati da Franco Biffi, dal saggio introduttivo: [...] Il tradizionalista «sui generis» Le origini montanare e contadine lo fanno essere un tradizionalista alla maniera con cui lo fu quello «scocciatore» di papa Giovanni III. Don Del-Pietro fu certo tradizionalista nel senso di quell abbarbicarsi alla roccia che consente le scalate di sesto grado o i balzi da una parete all altra: ma si tratta in genere di «performance» che avvengono lontano dallo sguardo corto e dallo zampettare convulso di certi opportunisti che si considerano moderni o avanzati solo perché sono degli sradicati portati dal vento delle mode. La sua fervida e così intellettualmente e moralmente armata battaglia per il superamento delle malefatte del capitalismo attraverso la riorganizzazione corporativa potrà sembrare nostalgia di antichi ordinamenti giuridici, politici e sociali che, sotto la guida della Chiesa, avevano forgiato le libertà popolari; ma chi legga e guardi con serenità di giudizio quel programma, si renderà conto che esso è tutto percorso da una fremente ricerca di equilibri sempre nuovi e più umani. Era il tradizionalista che in tema di scuola, ad esempio, faceva convivere l attaccamento a impostazioni che sembravano fuori dal tempo e le proposte meno scontate per il tempo in cui erano formulate (prolungamento dell età scolastica, abolizione delle scuole di tirocinio, creazione dell università ticinese...). Era il tradizionalista che faticava a digerire il concetto di libertà religiosa e di laicità dello Stato adottato dal Concilio Vaticano II, e che nella controversia che lacerò la comunità ticinese negli anni cinquanta a proposito dell insegnamento della religione nella scuola pubblica assunse posizioni che oggi nessuno potrebbe contestare. Era il tradizionalista che invocava la rifondazione della Svizzera perchè il popolo ne potesse finalmente diventare il protagonista. Era il tradizionalista che ha sempre rifiutato di lasciarsi fossilizzare, ma che riprendeva libertà di movimento quando e come voleva sia nel campo teorico sia in quello operativo, come lo attestano i discorsi dei suoi ultimi dieci anni di vita....era il tradizionalista pronto a rinunciare all uso delle armi classiche della lotta operaia, purchè lo Stato abbandonasse... il tradizionale gesto di Pilato. Era il tradizionalista che suggerisce alcune istituzioni che oggi ogni progressista si mette quale fiore all occhiello (l Ente Ospedaliero, ad esempio). Una mente aperta a ogni novità Leggendone gli scritti e seguendone l azione multiforme, si ha modo di constatare la disponibilità di Don Del-Pietro ad accettare il dato nuovo, tanto in campo teorico quanto dal profilo pratico. [...] ebbe intuizioni di mutamenti incisivi e di passaggi epocali: ad esempio il preannuncio (nel 1942) della crisi del petrolio o della devastazione ecologica o della reazione nei confronti della dilapidazione dei capitali; il presagio del ruolo sociale e politico della donna; la previsione della fine degli Stati considerati società perfette o dell avvento della sovranità limitata; l auspicio d un governo internazionale con strutture giuridiche ben precise e adeguati mezzi per garantire il progresso economico perchè, come la pace, anche la prosperità è indivisibile. Prevede lo sviluppo dell automazione; accetta senza paura la cibernetica e sprona a prepararsi a nuove professioni (discorsi degli anni 65-70). Accetta l idea di una programmazione economica e la difende. È tra i pionieri (anni cinquanta) del lancio delle iniziative volte a dare strutture politiche oltre che giuridiche all aspirazione e alla partecipazione. Più volte si è accennato allo spirito di innovazione che egli cerca d insufflare nel piuttosto anchilosato mondo politico-economico ticinese, richiamando lo Stato a esercitare il suo diritto di prendere in mano le fonti energetiche per farle diventare fonti di occupazione, di espansione, di riequilibrio delle condizioni di vita delle generazioni presenti, preparando anche un miglior assetto per le future. Il lavoratore Attraverso gli scritti e le cronache si riesce a farsi una certa idea del tipo di lavoratore che fu Don Del-Pietro e del tipo di lavoro da lui svolto. Il lavoratore: entusiasta e appassionato (lo ammetteva col candore del fanciullo nella bella intervista a Illustrazione Ticinese: «mi reco ogni mattina in ufficio con l incanto della prima volta»). Instancabile, aveva una capacità di lavoro rara e invidiabile: ignorava la giornata di otto ore, la settimana di cinque giorni, le serate in pantofole in poltrona. Poteva dedicarsi alle attività richiedenti concentrazione, sforzo intellettuale, elasticità di riflessi nel bel mezzo d un ristorante, viaggiando in treno o in macchina, subito dopo aver trangugiato il pranzo o la cena. I tipi di lavoro variavano alternandosi: dallo scrivere articoli (per tre lustri scrisse praticamente da solo tutto il giornale) al correggere le bozze; dall andare e tornare a piedi (nei primi cinque anni; in macchina da solo, poi) ogni sera nei principali paesi del Luganese, all esame minuzioso della contabilità del signor De Giorgi; dal ricevere per ore e ore uomini e donne, giovani e vecchi, svizzeri ed esteri e ascoltarne le richieste, le lamentele, i bisogni. (In un discorso confidò «devo confessare che la gioia più grande la provo quando uno entra nel mio ufficio e mi dice: non sapevo a chi rivolgermi e ho pensato che lei era la sola persona che mi avrebbe ascoltato...») al fare anticamera alla Camera di commercio, o alla sede degli Impresari Costruttori, o fuori dallo studio di qualche «avvocatone»: dal chinarsi, di notte sulla Somma di San Tommaso o sul Trattato di scienze delle finanze di Einaudi o sui Principi di Keynes o sulle statistiche della «Vie économique» per essere pronto, l indomani, a sostenere con appropriati argomenti dottrinali e precisa conoscenza di circostanze il punto di vista dell Organizzazione o suo, a seconda dei casi, dall esame di tutti i progetti e avamprogetti di leggi e disposizioni federali e cantonali su qualsivoglia settore di politica economica, finanziaria, tributaria, alla stesura d un emendamento per il Concilio Vaticano II e così via. [...] L uomo della riconoscenza e della fedeltà...passionale e riconoscente; fedele alla Chiesa, quella ticinese anzitutto; alla dottrina sociale; al movimento; al dovere quotidiano; agli amici, da cui tuttavia non esita a staccarsi se gli dan modo di dubitare della loro lealtà, e soprattutto alla causa della classe lavoratrice». Commemorazione L OCST ha ricordato il compianto segretario cantonale Mons. Luigi Del-Pietro con una Santa Messa celebrata a Calpiogna mercoledì 27 agosto e con la visita nel piccolo cimitero del paese.

13 4 settembre 2014 il Lavoro Lavoro Opportunità 13 In internet CERCO collaboratori Inserzione Ditta CRUNA SA Fabbrica Abiti da lavoro e professionali Via Milano Chiasso CERCA PER SUBITO ADDETTE AL CUCITO a macchine industriali (esperte nell'attaccare colli, tasche, cerniere, fare orli, ecc. sulla macchina lineare, chiudere fianchi, spalle, gambe, maniche, ecc. sulla macchina tagliacuci). Età massima 43 anni. Solo idonee telefonare per appuntamento e colloquio: , primo pomeriggio. consulente (Real Estate Asset and Portfolio Management) per Società svizzera attiva nella realizzazione di soluzioni software per l Asset ed il Portfoliomanagement d immobili per la sede di Lugano-Agno. Requisiti: titolo di studio universitario nel campo dell Informatica/Informatica applicata all economia (Università o Politecnico), interesse nei settori finanza e gestione immobiliare; conoscenza tedesco o inglese. Candidature: tel. +41(0) Per le posizioni seguenti curriculum a: operatore pressofusione, con esperienza di circa 5 anni nel settore zama o alluminio, diploma o qualifica meccanica, competenza, capacità di lavorare autonomamente, persona concreta e volenterosa. Lavoro su 3 turni. Sede di lavoro: Mendrisiotto. responsabile di produzione, diploma tecnico di perito, per reparto estrusione attivo a ciclo continuo. Compiti: gestione contatto con fornitori; supervisione consegne, lancio in produzione e supervisione monitoraggio dei processi e risoluzione eventuali disguidi. Azienda del Mendrisiotto. operatori su macchine transfer azienda Mendrisiotto, giovani laureandi/neolaureati per esperienza lavorativa estiva nei fine settimana a giornata. Consulta le posizioni attive sul nuovo sito Una nuova opportunità professionale ti sta aspettando! Numerose posizioni aperte su Foglio Ufficiale N. 66 del 19 agosto operaio qualificato, Municipio Capriasca. Capitolato d'oneri presso Cancelleria o Scadenza: 18 settembre, ore 10. Foglio Ufficiale N. 67 del 22 agosto collaboratore/trice amministrativo/a a tempo parziale Settore tecnico-opere pubbliche Municipio Giubiasco. Capitolato: Cancelleria comunale tel ; www. giubiasco.ch Scadenza: 8 settembre ore 17. operatore/trice profilassi dentaria, CH, esperienza. Delegazione scolastica consortile Maroggia/Melano, CP 211, 6818 Melano. Scadenza: un/a contabile/assistente di direzione Fondazione Casa San Rocco, via Chiesa 5, 6834 Morbio Inferiore. Info: dir. Gaffuri tel segretaria/o per servizio consulenza. Lega ticinese contro il cancro, piazza Nosetto 3, 6500 Bellinzona. Bando: Foglio Ufficiale N. 68 del 26 agosto operaio comunale a tempo pieno Municipio Alto Malcantone. Bando: tel X X operaio comunale al 50% Municipio Mezzovico-Vira, Piaza du Buteghin 8. CH o permesso domicilio. Scadenza: 12 settembre. operaio comunale Municipio Terre di Pedemonte, 6652 Tegna. Scadenza: 29 settembre. Info: tel CERCO lavoro signora, badante giorno e notte, zona Leventina e Bellinzonese, tel cuoco, cameriere, esperienza pluriennale, disponibilità immediata. Tel parrucchiera finita, esperienza decennale. aiuto contabile, impiegato amministrativo, anche part-time, permesso B, certificato cantonale, tel venditore, impiegato o spazzacamino. Lingue: italiano, tedesco; francese e inglese (scolastici). Tel tata, governante in famiglia privata. signora libera da impegni familiari, con esperienza per impiego presso anziani (giorno e notte). Tel muratore, cartongessista con esperienza, permesso B, automunito, ev. altri lavori. Tel parrucchiere (AFC) ragazzo 22 anni. Tel colf a tempo pieno, affidabile, seria, esperienza ventennale, 45.enne, impiegata, assistente, segretaria, ottima conoscenza inglese e francese, pluriennale esperienza lavorativa. signora referenziata, 40 anni, ausiliaria pulizie, aiuto cucina, dama compagnia, part-time. Tel panettiere, ev. altri lavori, anche a turni. Tel part-time commessa, aiuto domestico, baby sitter, assistenza anziani. Permesso, zona Mendrisiotto. Tel uomo 45, CH, automunito, impiego al mattino 4.00/9.00 per consegne, caffetteria o altro. Tel custode d'immobili con esperienza, referenze, full o part-time. Zona Luganese. Tel segretaria, impiegata, centralinista, parttime, zona Luganese. Conoscenza lingue D-F-E-S. Tel geometra assistente cantiere, esperienza, qualsiasi lavoro, manutenzioni, giardinaggio, pulizie, magazziniere, autista. Tel pittore 24.enne, CH, con diploma, automunito. Tel cuoco/gerente, con esperienza, zona Luganese. Tel operaio edile, esperienza pluriennale, guida autocarri, trax, escavatori cingolati e gommati. Opere di giardinaggio e manovalanza varia. Patenti: B e BE, C e CE, D1 e D1E. Tel saldatore di filo e elettrodi,esperienza decennale. badante o aiuto cuoca, tel commessa, esperienza pluriennale, zona Luganese. Tel pedicure, manicure, smalto semipermanen- Pubblichiamo inserzioni solo per soci e abbonati, gratuite te, servizio domicilio. Zona Locarnese. Tel chef di rang, barman e cameriere, CH, con esperienza, zona Luganese, tel stiro a domicilio, zona Taverne. Tel elettricista di montaggio, automunito, residente. Tel assistente domiciliare per anziani, signora operatrice socio assistenziale, qualifica ASA, esperta, zona Mendisio e dintorni. Tel impiegata commercio/receptonist, Sottoceneri e Bellinzonese, max 50%, ottimo PC, lingua madre tedesca, I,F,E,ES. Esperienza: fiduciaria, immobiliare, albergo, industria. Tel ; baby sitter, lavori domestici, full o part-time. Permesso. Zona Luganese. Tel coll. domestica, cassiera, cameriera (part-time) con esperienza, 40.enne, nubile. Zona Chiasso e dintorni. Tel enne, aiuto cuoco, pizzaiolo o lavapiatti. Tel falegname, qualifica disegnatore e elaboratore mobili, permesso G, zona Sottoceneri. Tel coll. domestica, badante, esperienza. Permesso B. Lingua madre Polacca, I 90%, Russo 50%, Ingl. 50%. Part-time, notturni, finesettimana, zona Mendrisio. custode di immobili, aiuto domestico, pulizie, zona Luganese, aiuto domestico anche a ore, signora 40enne. Zona Sottoceneri. Tel operaio edile, esperienza, conoscenza D, tel falegname, parchettista,18 anni esperienza, diplomato in CH. Tel pizzaiolo e aiuto cuoco, con esperienza. Tel falegname, esperienza 25 anni, arredamento su misura, uso macchinari. Tel segretaria (laureata), esperienza in studi professionali, buona conoscenza PC, madrelingua italiana e conoscenza francese, tel signora come lavapiatti/aiuto cucina, tel pedicure diplomata ticinese, servizio domicilio Mendrisiotto e Basso Luganese. Tel custode, esperto e affidabile, zona Lugano o limitrofe, ev. pulizie portinerie, no appartamento. Tel signora permesso B, badante, coll. domestica, con esperienza. Tel coll. domestica, referenziata, zona Lugano- Mendrisio. Tel impiegata, dieci anni esperienza come impiegata contabile, o ev. operaia. Tel signora CH, cameriera, anche nel Luganese, tel autista patente B/C con esperienza, ev. escavatorista, betonierista, manovale. Tel cuoco esperto, da subito, tel gessatore esperto, decorazioni lavori vari carton gesso. Tel diplomata 43 enne full time, impiegata, segretaria, centralino, front e back office, esperienza, conoscenza base Ingl,F. Zona Chiasso. Tel o segretaria, aiuto contabile (30-40%), (laureata in economia) buone conoscenze PC, Ingl. e F, D discreto, nel Luganese. Tel aiuto cucina, lavapiatti, CH, part time. Zona Luganese o Malcantone. Tel

14 14 Sindacato Interprofessionale - Pagine a cura di Sabine 4 settembre Hunger 2014 il Lavoro Primera pensionada FAR de Syna Una súper aventura! La seguridad y la salud de sus dependen de Julia. Por eso durante la entrevista su mirada estaba siempre fijada en los rieles. Desde hace 13 años Julia Thurnherr trabaja como encargada de seguridad en la Gleisag. Que esté nevando o que haya sol, ella está parada en algún lugar de Suiza observando el trafico ferroviario. Ella es la primera mujer afiliada a Syna que se beneficia de una jubilación flexible FAR. COLETTE KALT* S obre Julia Thurnherr cuelgan las líneas eléctricas de contacto que llevan una tensión de voltios, a su derecha está trabajando una excavadora de 32 toneladas, a su izquierda otra excavadora más pequeña y de repente muy cerca de ella pasa el tren de la «Appenzeller Bahn» y en la otra dirección pasa otro tren dos minutos después. El maquinista hace señas con la mano diciendo «hola». Un poquito antes ella ha emitido un toque de alarma soplando una bocina. Los hombres de la construcción se detienen por un instante y esperan hasta que puedan seguir su labor al lado de los rieles. Julia tiene un trabajo de mucha responsabilidad. Protege la vida de los demás y una distracción podría tener consecuencias fatales. Bien abrigada, la cara bronceada, está en su puesto desde las siete de una mañana lluviosa y fría de primavera suiza. «Estoy al aire libre desde la madrugada hasta la noche. Me gusta eso. Somos resistentes a la intemperie» - se ríe, pero en ningún momento aparta su vista de las vías. Cuenta: «Cuando yo comencé solo era la tercera o la cuarta mujer que trabajaba de encargada de seguridad ferroviaria». Fuerte e independiente Teniendo ya 47 años le tocaba tener que buscar un trabajo. El anuncio «se busca encargada de seguridad» le llamaba la atención de inmediato. «Estaba contenta que me dieran el empleo a pesar de ya no ser tan joven. Pronto van a ser 14 años que estoy en esto y me sigue gustando. Una súper aventura!» Viaja por todo el país y trabaja en todos los cantones. Esto también le gusta. Le informaron de la posibilidad de la jubilación flexible cuando empezó en este puesto. En ese entonces todavía parecía muy lejos esa posibilidad. Solo importaba tener un trabajo, una situación económicamente estable. «Yo tenía 8 Y desde temprana edad teníamos que trabajar para llevar algo de dinero a casa. Era inimaginable que las niñas hiciéramos un aprendizaje. Eso no es necesario, nos decían. Con 28 años me casé y tuve tres hijas. Con mi marido tuvimos un negocio proprio pero cuando el se enfermó tuvimos que dejarlo» resume su historia. Sus hijas todavía estaban en el colegio cuando por obligación ella se convirtió en la que trae el pan a casa. Hasta encontrar el empleo en los trenes tenía cinco o seis trabajos a la vez y en cada uno ganaba menos de la mínima obligatoria para tener que cotizar en la caja de pensiones. La suerte típica de las mujeres. Pero con el empleo nuevo, Julia pudo ir dejando estos trabajos pequeños y llegar a Foto: Colette Kalt trabajar 100% en la seguridad ferroviaria. «Una aventura!» Para empezar tuvo que pasar por una formación interna de diez días para aprender todo el dispositivo de seguridad. Al principio tenía que aprobar un examen cada dos años y hoy cada tres años. Solo que aprueban pueden ejercer el trabajo. Una nueva etapa de la vida «Por estar enfermo mi marido se alegra mucho cuando llego a casa. Eso me hizo considerar la jubilación flexible. Pero no me jubilo del todo, seguiré trabajando 40 porciento y me jubilo por 60 porciento.» Sin la enfermedad de su marido aún no estaría pensando en jubilarse. «Aun no tengo Siempre le he dicho a mis hijas que se esperen a tener hasta que yo me jubile para tener tiempo para Vamos a ver si ya voy a ser abuela». Mientras tanto se alegra de un nuevo campo de construcción en Bonaduz. Tiene un recorrido de una hora para llegar al trabajo, no le molesta para nada. Siempre ha sido madrugadora, lo que ha cambiado es que hoy se acuesta más temprano. «Quizás es por la edad» - dice y se ríe a carcajadas. *responsable de comunicación y campañas Formazione Obiettivi del corso: Il corso è rivolto a tutti coloro i quali hanno poca dimestichezza con l uso del Computer e vogliono imparare ad usarlo in modo spedito e disinvolto. Si apprenderanno i principi di base del suo funzionamento al fine di poterlo adoperare in modo utile e intelligente. Orari e frequenza: 2 volte a settimana (Lu/Mer), dalle alle (45 min. a lezione) Ottobre: Novembre: Dicembre: Luogo: Syna, Albulastrasse 55, 8048 Zürich Costo del corso: CHF per i soci Syna, CHF per i non soci Programma del corso: Introduzione al PC, mouse e tastiera Funzionalità di un PC / Utilizzo del mouse / Pratica di scrittura con la tastiera Invio e ricezione di Introduzione a Word Creazione, progettazione e stampa di documenti Internet Funzionamento del browsers e competenze di base Masterizzazione CD Primo approccio con il masterizzatore e introduzione ai vari software di masterizzazione Informazioni e iscrizioni: Syna, Albulastrasse 55, 8048 Zürich Tel

15 4 settembre 2014 il Lavoro - Pagina a cura di Rogério Sampaio Sindacato Interprofessionale 15 Formação no país de origem Cursos de formação em Espanha e Portugal N o próximo ano serão realizados cursos de formação em espanhol e português para trabalhadores da construção em Espanha e Portugal. O objectivo é fazer com que os participantes conheçam métodos, matérias de construção suíços e ganharem mais confiança. Os estaleiros de construção suíços sem trabalhadores de Espanha e Portugal com uma autorização de residência à curto prazo seria impensável. A fim de promover seu desenvolvimento profissional, a Associação dos Empreiteiros Suíços (AES) nos meses de inverno promovem cursos de formação contínua nos países dos trabalhadores. Os participantes comprometem-se após frequentar o curso voltar à trabalhar para seus empregadores. Eles têm direito segundo o Contrato Nacional de Trabalho (CNT) a um contrato de trabalho para A frequência dos cursos também é vantajosa financeiramente: Concluindo o curso com sucesso, têm direito conforme o (CNT08 ) a classe salarial A. Pré-requisitos e conteúdo do curso Pelo menos 6 meses de pratica nos estaleiros de construção suíço, conforme os regulamentos suíços do fundo Parifonds. Conhecimento suficiente da língua materna (falada e escrita). Curso Básico de cofragem, base de alvenaria, base de drenos / Canalizações e eixos. Leitura de planos e segurança no trabalho são expressamente incluídos em todos os blocos do curso. Duração Os cursos de formação realizam-se à partir de 5 Janeiro de 2015 até 27 de Fevereiro de Para as empresas de construção afiliadas no Parifonds a frequência de curso é grátis. Local do curso em Espanha Centro de Formação da Fundação Laboral da construção Arteixo em La Coruna (www. galicia.fundacionlaboral. org). Locais dos cursos em Portugal Centros de formação profissional de Avioso CICCOPN no Porto (www. ciccopn.pt) e CENFIC no Prior Velho, perto de Lisboa (www.cenfic.pt). Data de encerramento das inscrições sexta-feira 07 Novembro Formulário de inscrição e mais informações estão na página homepage na «News». A inscrição deve ser autorizada pelo empregador. O curso pode ser frequentado apenas uma vez. Por cada empresa serão seleccionados dois candidatos. Informações pelo: Sra. PRAXEDIS Stadler Tel Ausbildung Kursziele: Der Kurs eignet sich für Teilnehmende, die noch keine oder wenig Erfahrung mit dem Computer haben. Sie werden die Grundlagen der Bedienung und der Anwendung eines Computers kennenlernen. Am Ende des Kurses werden sie in der Lage sein, den Computer als Hilfsmittel sinnvoll einzusetzen. Unterrichtszeiten: 2 x in der Woche (Mo/Mi), bis Uhr (45 min. pro Lektion) Oktober: November: Dezember: Ort: Syna, Albulastrasse 55, 8048 Zürich Kurskosten: CHF für Syna-Mitglieder, CHF für Nichtmitglieder Kursprogramm: Umgang mit PC, Maus und Tastatur Wie funktioniert ein PC / Benutzung der Maus / Sicherer Umgang mit der Tastatur Versenden & Empfangen von s Erste Schritte Word Erstellen, Gestalten und Drucken von Dokumenten Internet Basiswissen und sichere Bedienung des Browsers CD Brennen Erst Umgang mit dem CD- Brenner und der Brennsoftware Informationen und Anmeldungen: Syna, Albulastrasse 55, 8048 Zürich Tel ,

16 16 4 settembre 2014 il Lavoro Appunti Fogli al vento d estate e non Bentornati dopo la pausa redazionale ai soci di GenerazionePiù ed a tutti i lettori delle nostre pagine. MARIA LUISA DELCÒ Tempo di festival e di Expo 2015 In questi giorni si è appena aperta la 71.esima Mostra del cinema di Venezia e si sono spenti i riflettori sul festival di Locarno. Molto si è detto e scritto, non solo di film, non è il caso di ripetersi, ma credo che forse il saggio sia stato chi non è apparso. Forse maturando negli anni migliorano sia l uomo sia l artista. Un altro «invito estivo», questo all Università della sapienza di Roma, ha fatto parlare di sè: nientemeno che il prof.... Schettino invitato a tenere una lectio magistralis sugli abbandoni delle navi quando sta suonando la musica del praghese Smetana o meglio il suo pezzo famoso «la Moldava». Prendiamola con ironia senza dimenticare la tragicità dei fatti. Un altro invito particolare è toccato ai Bronzi di Riace per partire dal Museo nazionale di Reggio Calabria e risalire verso il Nord, a Milano, per fare bella mostra all Expo 2015, anch essa oggetto di «trasparenti modi di fare». Per il momento la direzione del museo di Reggio ha declinato l invito per diverse ragioni, con o senza Sgarbi. Anche la nostra Rete 2 radiofonica ha toccato il tema e ha intervistato il neo direttore, 50.enne ticinese, del Museo delle antichità di Basilea. Una delle sue ragioni per il no al trasporto dei Bronzi, il fatto che lo scopo non è un evento significativo artistico, da museo a museo, ma una carellata di quanto l Italia può offrire al mondo. Per fortuna c è ancora chi risponde con senso a richieste di facciata. Cellulari e dipendenze, quali emozioni? Chi scrive era a Milano, alla Messa in Duomo in una passata domenica con prelati, liturgia parte in latino, parte in italiano, con sermone di 7 minuti con tre oggetti pregnanti senza inutili ripetizioni, momento di emozioni anche per l interno del capolavoro gotico illuminato dal sole che entrava dalle vetrate. Al termine della Comunione, un signore sul distinto-sportivo, in età di GenerazionePiù, riceve l ostia, percorre la navata centrale e si mette al cellulare ovviamente non col silenzioso. Prontamente uno dei «Guardiani» del Duomo lo fa uscire e una giovane signora gli chiede se desidera pure una brioche con cappuccino Altro momento di forte emozione al termine di un concerto alle Settimane musicali di Stresa, dove un direttore di fama mondiale ha regalato un ora e mezza di estratti corali e solistici dal Guglielmo Tell di Rossini, chiudendo con il finale dell opera che è da brivido e che ricorda la nascita della nostra Patria, anche se parliamo di miti e leggende. Oltre alla forza della musica, le parole di solisti e coro: Per gli italiani, il 1951 si apre con la prima edizione del Festival della canzone di Sanremo, vinta da Nilla Pizzi con Grazie dei fiori, e si chiude, tragicamente, con l alluvione del Polesine. (Dalla presentazione dell edizione restaurata nel 2010) «Tutto cangia, il ciel si abbella! L aria è pura! (ndr dalla dominazione austriaca) Il dì è raggiante! La natura è lieta anch ella! Può allo sguardo un solo istante or nuovo mondo rivelare! Di tuo regno fia l avvento! Libertà!» Uno scroscio di applausi, ma non un attimo di silenzio e poi tutti in piedi ancora in sala - ad accendere e «avere il controllo» sulle news Chissà se almeno la giuria che dovrà scegliere il nuovo salmo/inno svizzero si ricorderà di Rossini? Speriamo che almeno della parola LI- BERTÀ ne tenga conto. Attività Al via una nuova stagione C ome potete vedere dalle pagine che seguono, il Centro diurno riapre a pieno regime, procedono gli appuntamenti con conferenze su diversi temi, con i corsi di informatica, con i viaggi autunnali sia organizzati dal segretariato cantonale (anche in collaborazione con altre associazioni che operano nel Cantone) sia dall ottimo lavoro delle nostre cinque sezioni regionali. Non dimentichiamo il lavoro che stiamo facendo per preparare il Vademecum 2014 che uscirà come d abitudine a novembre con un altro interessante tema legato al rapporto tra generazioni, alle età della vita che assumono altre connotazioni nella nostra società e a quanto possiamo «tramandare» ai giovani. Grazie a tutti i collaboratori nei diversi ambiti, ai tanti volontari, a voi lettori e a chi seguirà le nostre iniziative. M.L.D.

17 4 settembre 2014 il Lavoro 17 DOCUPASS le mie disposizioni anticipate Dalle direttive del paziente fino al testamento P ro Senectute propone un dossier completo per tutti i documenti previdenziali personali. Un occasione che ognuno dovrebbe cogliere per mettere su carta i propri desideri per i casi d emergenza. Perché un DOCUPASS? Per far rispettare i propri desideri In caso di perdita della capacità di discernimento in seguito a infortunio, malattia, demenza senile o al momento della morte, il DOCUPASS è la base inconfutabile per ogni azione e intervento di terzi rispettoso dei desideri della persona. Direttive chiare Il DOCUPASS è di grande aiuto per parenti e personale specializzato se devono prendere gravi decisioni per una persona che ha perso la capacità di discernimento. Nuova base legale Il DOCUPASS è in linea con il nuovo Diritto di protezione degli adulti. Le nuove basi legali, valide dal , richiedono l adeguamento di tutti i documenti previdenziali stilati in precedenza. Certezze e sicurezza Pro Senectute ha elaborato il DOCU- PASS assieme a specialisti dei settori medicina, diritto e etica. Il dossier considera tutti i punti necessari per assicurare la miglior protezione possibile del diritto all autodeterminazione delle persone. Per ogni età Il DOCUPASS serve a ogni età perché in ogni momento della vita si può perdere la capacità di discernimento o morire. Duraturo e flessibile Il DOCUPASS comprende diversi documenti che si possono compilare anche in momenti diversi in funzione delle esigenze personali. Per eventuali modifiche, i singoli formulari sono ottenibili anche separatamente. Oriana Staffiero, assistente sociale presso Pro Senectute, spiegherà di cosa si tratta martedì 23 settembre 2014 dalle alle presso il Centro diurno di Lugano. I partecipanti otterranno anche informazioni sui diversi servizi di Pro Senectute. Prevenzione Training della memoria M ilioni di impulsi arrivano al nostro cervello. La ripetizione, l utilizzo strumentale dei cinque sensi, la visualizzazione con i loci (luoghi), l associazione per analogia, l organizzazione con parole, numeri e immagini soccorrono la nostra memoria se sfruttati in modo strategico nel quotidiano. Piccoli trucchi per poter allenare la nostra memoria e organizzarci meglio anche nelle attività più semplici. 5 lezioni, giovedì dalle alle , 9, 16, 23 e 30 ottobre Costo fr materiale incluso. Il corso è gestito dalla docente signora E. Dürler per conto di Pro Senectute Ticino e Moesano. Info: Vitina o Marco, tel Corsi di informatica 2014 in collaborazione con Utilizzo del PC e basi di Word fr , 7 lezioni, mercoledì, Obiettivi: sapersi destreggiare con mouse e tastiera e gestire con proprietà l ambiente Windows, i file e le cartelle, essere in grado di scrivere una semplice lettera. Locarno mercoledì 10 e 24 settembre, 1, 8, 15, 22 e 29 ottobre Lugano mercoledì 5, 12, 19 e 26 novembre, 3, 10 e 17 dicembre Corso Internet fr , 6 lezioni, martedì Obiettivi: usare Internet quale fonte di informazioni e quale risorsa per interagire. Locarno 16, 23 e 30 settembre, 7, 14 e 28 ottobre Lugano 4, 11, 18 e 25 novembre, 2 e 9 dicembre Corso speciale: utilizzo dei tablet Imparare cosa sono i tablet. Distinguere i modelli presenti sul mercato (e le loro differenze), le loro principali funzioni e applicazioni per un utilizzo sicuro con la rete internet. Insegnante: prof. Daniele Raffa. Costo: fr lezioni, giovedì 11, 18 e 25 settembre dalle ore 9 alle 11 a Lugano. Pedoni e automobilisti dopo i 60 anni Conferenza con la Polizia Cantonale Si riceveranno informazioni sulle peculiarità stradali (leggi, difficoltà...) sia come pedoni che come conducenti. Giovedì 20 novembre, ore Centro diurno Lugano Lunedì 24 novembre, ore Sede Pro Senectute Muralto iscrizioni: GenerazionePiù-Anziani OCST, Segretariato cantonale, Via B. Lambertenghi 1, 6901 Lugano. Tel

18 18 4 settembre 2014 il Lavoro Agenda Centro Diurno Film in compagnia, ogni 1 martedì del mese. Il film viene proiettato su schermo gigante a partire dalle ore Al termine una piccola merenda offerta. «An parlum insema» ogni mercoledì dalle alle in un ambiente familiare ci si ritrova per il gruppo di parola «quattro chiacchiere in compagnia». Pomeriggio... gioco delle carte e altro... tutti i giorni ma in particolare ogni mercoledì pomeriggio giochiamo insieme, a partire dalle ore Il Centro accoglie chi desidera passare del tempo insieme sfidandosi a carte, dama, scacchi, memory e altro ancora. Materiale a disposizione. Ginnastica dolce per gli «over 60» in collaborazione con Pro Senectute. Esercizi di equilibrio, rinforzo muscolare, allenamento della memoria, ecc. (in prevalenza da seduti). Ogni mercoledì dal 17 settembre, dalle 9.45 alle Costo: fr per l attività regolare; gratis per i beneficiari della PC all AVS (presentare i documenti richiesti). Monitrice: Rosa Minotti (iscrizioni sul posto). Info: Segretariato Pro Senectute tel Atelier cucina e aperitivo: speciale dolci... e non solo. Siete abili in cucina e disponibili a condividere le vostre preziose ricette? Vi aspettiamo ogni primo venerdì del mese dalle alle al Centro diurno per preparare deliziosi cake, torte, biscotti, leccornie salate. E sempre ogni primo venerdì del mese aperitivo dalle alle Tel , Vitina o Marco. English time dal 9 ottobre ogni giovedì dalle ore alle Corso base (principianti) Obiettivo è apprendere le basi della lingua con particolare attenzione alle espressioni di uso quotidiano e nelle situazioni (viaggi, ecc.) Gruppo conversazione. Gli incontri si svolgono in inglese. Gli argomenti per la conversazione e le discussioni verranno concordati fra docente e partecipanti. Partecipazione ai costi: franchi 5.- per lezione. Per entrambi i corsi una lezione a settimana durante il periodo scolastico. Docente: Janet Harrison. Interessati contattare Vitina o Marco. Coloriamo la pace Per la 2.a edizione dell evento transfrontaliero «In Cammino per la pace» del 4 ottobre proponiamo la realizzazione di bandierine legate ai temi del Cammino e del 4 World Forum per la Pace dal titolo «La Famiglia e il contesto sociale nel Mondo: dagli anni 60 ad oggi». Le bandierine saranno usate durante il Cammino del 4 ottobre e per una mostra itinerante (dall 8 al 10 novembre all USI, Palazzo dei Congressi e altre location del luganese). Per realizzarle ci incontriamo giornalmente. Contattare Vitina o Marco. Mostra fotografica «Riti e Culture dell acqua» di Stefano Crivelli al Centro diurno. Maggiori dettagli sul nostro sito. Centro diurno Addio solitudine, pranziamo insieme!» D esiderate pranzare in compagnia? Nel nostro Centro diurno avete la possibilità di farlo a soli 12.- franchi più bibite. I pasti, preparati dall Albergo Ceresio, comprendono sempre un primo, un secondo e un dessert. Il menu viene regolarmente pubblicato al nostro albo e sul nostro sito Internet Iscrizioni: entro le ore del giorno precedente. Per la giornata di lunedì Perdita uditiva dell anziano, come viverla serenamente «Sento ma non capisco tutto» La frase vi è familiare? Vi capita spesso di capire una parola per un altra (Parigi per Tamigi)? Per spiegare questo problema e conoscere le soluzioni pratiche, GenerazionePiù in collaborazione con l Associazione Ticinese Deboli d Udito (ATiDU) propone un incontro l iscrizione va fatta entro il sabato precedente, ore Il pranzo viene servito alle Non volete mangiare da soli al domicilio e spendere poco? Portate il vostro pasto da casa e consumatelo da noi in compagnia (utilizzo del forno normale e microonde possibile). Interessati e per l iscrizione al pranzo contattare Vitina o Marco, telefono martedì 16 settembre dalle Centro diurno - Lugano Daremo informazioni utili a migliorare le condizioni dell ascolto. Acqua Fitness al Parco Maraini in collaborazione con Pro Senectute Esercizi di ginnastica dolce in acqua bassa. Lezioni adatte a tutti. Per donne e uomini dai 60 anni. 2 lezioni di prova! A partire dal 10 settembre: martedì mercoledì e giovedì , venerdì presso la piscina del Parco Maraini. Costo: CHF quota attività Pro Senectute Sport + abbonamento piscina CHF 10.00/entrata Monitrice: Claudia Righetti (iscrizioni sul posto) Informazioni: Segretariato di Pro Senectute, telefono

19 4 settembre 2014 il Lavoro 19 Viaggi e soggiorni Gita gastronomica culturale - San Daniele del Friuli, Cividale e Lazise dal 23 al 25 settembre. Prezzo: fr camera doppia. Suppl. singola: fr Il prezzo può variare a dipendenza degli iscritti. Compreso: viaggio, albergo, entrate/ guida locale, pasti e bibite, mance. Minimo partecipanti: 25. Anticipo alla preiscrizione fr Abano Soggiorno termale dal 9 al 16 novembre. Pensione completa (bibite escluse), piscine termali, idromassaggio, cascate cervicali, sauna, bagno turco e docce emozionali, accappatoio, serata di gala con aperitivo, serata danzante, uscite organizzate. Costo: fr supplemento singola fr Iscrizioni da subito. Agenda attività ricreative Bellinzona Venerdì 12 e 26 settembre, e 10 ottobre, Coro, ore Centro Vita Serena a Giubiasco. Venerdì 19 settembre, pomeriggio visita Museo Lottigna e spuntino al grotto Milani a Ludiano. Ritrovo ore piazzale Mercato Coperto di Giubiasco. Iscrizioni a Tatiana entro il 14 settembre. Tel o Venerdì 17 ottobre, nel pomeriggio visita redazione Corriere del Ticino a Muzzano. Segue merenda al Centro diurno di Lugano. Mercoledì 29 ottobre, animazione Coro, ore Casa Anziani Aranda, Giubiasco. Venerdì 7 novembre, Tombola e castagnata, ore 14.00, ristorante San Giobbe, Giubiasco. Locarno Giovedì 25 settembre, gita a Sondrio con visita guidata. Pranzo al ristorante Cerere. Menu: antipasto misto valtellinese, pizzoccheri, manzo ai funghi porcini, contorno, torta, acqua, vino e caffè. Nel pomeriggio visita cantina Negri a Chiuro e degustazione. Costo fr Roma da Papa Francesco dal 22 al 26 novembre. Costo: fr tutto compreso. Suppl. singola fr Assicurazione annull.to: fr Programma: 22 novembre bus per Milano Centrale e treno Freccia Rossa. 23 novembre: S. Messa Basilica di San Pietro. Visita guidata della città. 24 novembre: visita guidata al «Celio» e a diverse chiese. Passeggiata ai giardini Villa Celimontana. Pomeriggio visita guidata all interno del Colosseo. 25 novembre: visita guidata Musei Vaticani e Basilica di San Pietro. Pomeriggio visite individuali. 26 novembre: in San Pietro, Udienza con Papa Francesco (se in sede) e S. Messa chiesa guardie Svizzere. Pranzo e rientro in Ticino. Info e iscrizioni: segretariato cantonale Lugano, tel (non soci fr ). Iscrizioni: telefono Partenze: 6.30 Posteggi Manor Ascona-6.35 carrozzeria Moderna Stazione Socar (ex Esso Monzeglio) Kursaal Locarno Minusio Piazza Tenero Piazza. Martedì 21 ottobre, Castagnata e Tombola. Lugano Giovedì 18 settembre, gita in Leventina, visita Centrale controllo traffico ferroviario a Pollegio, Museo Leventina a Giornico e Caseificio del Gottardo ad Airolo. Costo fr Iscrizioni: tel entro il Giovedì 23 ottobre, ore Maccheronata gratuita nonni-nipotini, salone Cosmo, Massagno (sotto il cinema Lux). Ore S. Messa chiesa parrocchiale di Massagno, pranzo con gli allievi della Scuola dell infanzia, Tombola e lotteria, merenda. Iscrizioni: tel entro il 15 ottobre. Comunicare la disponibilità a offrire dolci (torte, biscotti o altro). Giovedì 13 novembre, ore Conferenza: «San Giovanni Bosco ieri, oggi e sempre». Salone OCST Lugano. Conferenza aperta a tutti. Al termine merenda e due giri di tombola. Film in compagnia Piccolo Mondo antico D opo la visita a Villa Fogazzaro, affacciata sulla sponda italiana del Lago di Lugano, a Oria Valsolda, antica dimora estiva dello scrittore Antonio Fogazzaro, vi invitiamo alla proiezione del film Piccolo Mondo antico. Martedì 7 ottobre, alle ore presso il Centro diurno a Lugano La trama - Franco Maironi (M. Serato), patriota e fervido cattolico, sposa - nella Lombardia austriaca intorno al Luisa Rigey (A. Valli) contro il volere della nonna austriacante (A. Dondini) che minaccia di diseredarlo, e si sistema a Oria, sul lago di Lugano, in casa di uno zio. Nasce Ombretta che pochi anni dopo annega. È una durissima prova per i due genitori. Luisa s indurisce nel dolore, Franco, sorretto dalla fede, si dà all azione patriottica. Oppressa dai rimorsi, la nonna si ravvede. Dal romanzo (1895) del vicentino A. Fogazzaro, sceneggiato con M. Bonfantini, E. Cecchi e A. Lattuada, regia M. Soldati. Tratto da Mendrisio Martedì 16 settembre, ore pomeriggio al Museo dei fossili a Meride. Ritrovo sul posto. Costo: fr. 8.- ingresso museo. Iscrizioni: tel entro l 8 settembre. Mercoledì 15 ottobre, Coro, ore 14.30, Torriani 1 e 2 di Mendrisio. Giovedì 16 ottobre, ore visita all azienda Chicco d Oro di Balerna. Ritrovo direttamente allo stabilimento in via Motta 2. Iscrizione obbligatoria: tel entro il 10 ottobre. Giovedì 6 novembre, ore Assemblea e castagnata (castagne + panna) Oratorio di Ligornetto. Tre Valli Giovedì 18 settembre, passeggiata passo Susten, Brünig, Sachseln, Messa San Nicolao della Flüe, pranzo.costo fr (non soci fr. 90.-). Iscrizioni: tel , entro il 12 settembre. Giovedì 16 ottobre, gita a Bergamo Alta e a Sotto il Monte con visita al museo e alla casa natale di Papa Giovanni III. Costo fr (non soci fr ). Martedì 18 novembre, ore Assemblea e castagnata, ristorante pizzeria alla Birreria, Faido.

20 20 Info Balcani Pagina a cura di Slavko Bojanic 4 settembre 2014 il Lavoro Nezavisni stav Pravda za bh. štediše ZORICA DRAGOVIĆ J ako je mali broj onih koji su mogli da povjeruju u to da će bh. štediše čiji je novac prije rata u bivšoj Jugoslaviji ostao zarobljen na računima slovenačke Ljubljanske i Invest banke iz Srbije ikada dočekati dan pravde. U to da će ikada svoju mukom sticanu ušteđevinu iz ovih banaka dobiti, odavno je prestao da vjeruje i veliki broj samih štediša. Ogorčeni zbog učinjene im nepravde, sve veći broj njih se zatvorio u kuće, živeći od malih penzija, prikovani uz televizore, ojađeni i uglavnom sami. Kroz niz godina oni su postajali ljudi na koje se kao na poluludake na ulici pokazuje prstom i o kojima se po komšiluku priča kako su «zaboga malo otišli na živcima od kada im je propala mukom sticana štednja u Ljubljanskoj banci». Vrijeme je prolazilo, agonija je trajala, a pravde za štediše nije bilo ni na vidiku. Slovenija i Srbija su im u poslijeratnom periodu osporile svako pravo na ušteđeni novac, a sporovi koje su njihovi zastupnici za povrat ovog novca vodili pred sudovima postali su beskrajni. I tako prođoše 23 godine, a zastupnici onih najupornijih i neumoljivih bh. štediša koji nisu digli ruke od prava na povrat svog novca stigoše i do krajnje instance za odbranu prava u Evropi, u sam Strazbur! A tamo, u Evropskom sudu za ljudska prava se desilo nešto što javnost regije smatra omanjim čudom. Sud u Strazburu nalaže Sloveniji i Srbiji da moraju isplatiti godinama diskriminisane bh. štediše, i to sve po pravdi i slovu zakona, sav ušteđeni novac sa pripadajućim zateznim kamata. Desila se presuda koje je mnoge odgovorne u Sloveniji i Srbiji iz stojećeg sasjekla u sjedeći stav. Desila se presuda zbog koje su mnoge bh. štediše ovih dana popile lijek za srce. Desila se pravda zbog koje su mnogi ovih dana u BiH pomisli da ona ipak postoji. Region Potpisana Deklaraciju o nestalim osobama Predsjednici četiri zemlje regiona, Crne Gore Filip Vujanović, Hrvatske Ivo Josipović, Srbije Tomislav Nikolić i predsjedavajući Predsjedništva Bosne i Hercegovine Bakir Izetbegović, potpisali su u Mostaru Deklaraciju čiji je cilj uspješniji proces traganja za osobama nestalim tokom proteklog rata, ali i ranijih ratova na području bivše Jugoslavije. RTCG D eklaracija o ulozi države u procesu rješavanja pitanja nestalih osoba usljed oružanog sukoba i povreda ljudskih prava potpisana je na Regionalnoj konferenciji o nestalim osobama. Ona će biti snažan podstrek pronalaženju nestalih na području bivše Jugoslavije i poruka svijetu da taj problem treba da se rješava na odgovoran i efikasan način. Deklaracija naglašava primarnu odgovornost državnih tijela u radu na pitanju nestalih i potrebu da se obezbijedi da mehanizmi i metode koje se koriste, poštuju ljudska prava i principe vladavine zakona.konferenciji su, kako je najavljeno, prisustvovale porodice nestalih, uključujući članove regionalne koordinacije asocijacija porodica iz bivše Jugoslavije, kao i predsjedavajući Međunarodne komisije za nestala lica Tom Miler, predstavnik OEBSa Žerar Študman, predstavnik EU Peter Sorensen, predsjednik Regionalnog koordinacionog odbora porodica nestalih na zapadnom Balkanu Ljiljana Alvir i predstavnik Ujedinjenih nacija.prema podacima Međunarodnoj komisiji za nestale osobe, u ratovima na području bivše Jugoslavije nestalo je oko osoba od čega je najveći broj, oko , nestalo u BiH. Na području Foto: anadolija BiH se trenutno traga za još više od 8.000, a od kraja rata do danas je pronađeno više od osoba.

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli