STUDI DI SETTORE: IL BENE STRUMENTALE NEI QUADRI G E F

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDI DI SETTORE: IL BENE STRUMENTALE NEI QUADRI G E F"

Transcript

1 STUDI DI SETTORE: IL BENE STRUMENTALE NEI QUADRI G E F a cura del Dott. Gigliotti Nella compilazione dei dati contabili degli studi di settore (quadro G e F), i beni strumentali devono essere indicati: al lordo degli ammortamenti; ragguagliando il loro valore al periodo di giorni di effettivo possesso. Vediamo come avviene la compilazione dei righi in questione. Quadri F e G Nei quadri F e G del modello studi di settore devono essere indicati gli: elementi contabili necessari per l applicazione dello studio di settore. Si ricorda che i soggetti che determinano il reddito con criteri forfetari non devono indicare i dati contabili richiesti nei suddetti quadri. I soggetti che, pur potendosi avvalere della contabilità semplificata e determinare il reddito ai sensi dell art. 66 del T.U.I.R., hanno optato per il regime ordinario, devono barrare la casella Contabilità ordinaria per opzione. Nel rigo F29, campo 1, deve essere indicato il valore dei beni strumentali dato dal: il costo storico, comprensivo degli oneri accessori di diretta imputazione degli eventuali contributi di terzi, dei beni materiali e immateriali, escluso l avviamento, ammortizzabili ai sensi degli artt. 64, 102, 102bis e 103 del T.U.I.R., da indicare 1

2 nel registro dei beni ammortizzabili nel libro degli inventari ovvero nel registro degli acquisti tenuto ai fini IVA. Nota bene Il costo deve essere indicato al lordo degli ammortamenti, considerando le eventuali rivalutazioni a norma di legge effettuate prima dell entrata in vigore delle disposizioni di cui agli artt. da 10 a 16 della legge 21 novembre 2000, n il costo di acquisto sostenuto dal concedente per i beni acquisiti in dipendenza di contratti di locazione finanziaria, al netto dell imposta sul valore aggiunto. A tal fine, non assume alcun rilievo il prezzo di riscatto, anche successivamente all esercizio dell opzione di acquisto. il valore normale al momento dell immissione nell attività dei beni acquisiti in comodato ovvero in dipendenza di contratti di locazione non finanziaria. In caso di affitto o usufrutto d azienda, va considerato il valore attribuito ai beni strumentali nell atto di affitto o di costituzione in usufrutto o, in mancanza, il loro valore normale determinato con riferimento al momento di stipula dell atto. Anche nel rigo G14 campo 1 deve essere indicato l ammontare complessivo del valore dei beni strumentali. 2

3 Ai fini della determinazione di tale voce deve essere considerato: il costo storico, comprensivo degli oneri accessori di diretta imputazione, dei beni ammortizzabili ai sensi dell art. 54, commi 2, 3 e 3- bis, del TUIR, al lordo degli ammortamenti; Nota bene Il costo deve essere indicato al lordo degli ammortamenti. il costo di acquisto sostenuto dal concedente per i beni acquisiti in dipendenza di contratti di locazione finanziaria. A tal fine non assume alcun rilievo il prezzo di riscatto, anche successivamente all esercizio dell opzione di acquisto; il valore normale, al momento dell immissione nell attività, dei beni acquisiti in comodato ovvero in dipendenza di contratto di locazione non finanziaria. Ragguaglio al periodo di possesso Fino all anno d imposta 2006, ai fini della determinazione del valore dei beni strumentali, bisognava fare riferimento ai beni esistenti alla data del 31 dicembre, ovvero alla chiusura del periodo d imposta se l impresa aveva un esercizio a cavallo di due anni solari. Pertanto, ad esempio, un bene acquistato il 30 dicembre doveva essere indicato per intero nel valore dei beni strumentali, mentre un bene venduto il 29 dicembre non entrava nel computo del valore da indicare in dichiarazione, con il 3

4 paradosso che nella stima dei ricavi dell impresa partecipava solo il primo bene (che non era entrato nel ciclo produttivo dell impresa), mentre il secondo bene, che aveva contribuito alla produzione, non concorreva alla stima dei ricavi. Tale situazione era stata spesso contestata sia dai contribuenti che dalle Associazioni di categoria in sede di Commissione degli Esperti. Dall anno d imposta 2007 tale anomalia è stata corretta introducendo il criterio della proporzionalità, per cui il valore dei beni strumentali posseduti per una parte dell anno andrà determinato in rapporto ai giorni di effettivo possesso degli stessi. Quindi un bene strumentale acquistato il 1 settembre andrà valutato indicando i 122/365 del valore, mentre un bene venduto il 30 novembre andrà valutato indicando i 334/365 del costo storico. Esempio: Un impresa in data 31 marzo vende un macchinario dal costo storico di , mentre il 1 novembre la stessa impresa acquista un macchinario dal costo di Nel rigo F29 andrà indicata la somma dei 90/365 di (pari a ) e dei 61/365 di (pari a ). Il valore totale da indicare sarà pari a: = Periodo d imposta diverso da 12 mesi In caso di attività per un periodo diverso da 12 mesi, ad esempio, a causa di cessazione e inizio dell'attività entro 6 mesi, mera prosecuzione dell'attività o di periodo d'imposta diverso da 12 mesi, il valore dei beni strumentali deve determinarsi calcolando il prodotto tra il valore del bene e il rapporto tra i giorni di possesso dello stesso e i giorni di esercizio dell'attività. Giorni possesso del bene Valore beni ammortizzabili = valore del bene X Giorni d esercizio attività 4

5 Esempio Un contribuente: il 31 marzo cessa l attività e il 1 settembre la inizia nuovamente (212 giorni di attività); il 2 dicembre acquista un bene del valore di euro Il valore del bene da indicare alla voce valore dei beni strumentali Rigo F29 sarà pari a Euro 170 [ 1.200*(30/212) ]. Beni completamente ammortizzati Come sopra indicato, il valore dei beni ammortizzabili deve essere indicato al costo storico al lordo del fondo ammortamento, pertanto, tra i cespiti devono essere indicati anche i beni completamente ammortizzati. Tuttavia, le istruzioni precisano che può non essere indicato il valore del bene nel momento in cui lo stesso non viene più utilizzato nell esercizio d impresa e non vengono dedotte le relative quote di ammortamento. Al riguardo si consiglia: se il cespite è fuori uso e si pensa che non verrà più utilizzato nel processo produttivo, di alienarlo in modo che non appaia nel registro beni ammortizzabili; la presenza del bene nel registro presuppone il suo utilizzo; se il bene: non è stato utilizzato per il solo periodo di imposta 2007; non si sono dedotte le relative quote d ammortamento e, pertanto, il valore non è stato indicato ai fini degli studi di settore; ma si pensa di riutilizzare il bene per i periodi di imposta successivi si deve essere in grado di dimostrare che l inutilizzo è stato temporaneo; 5

6 in ogni caso a seguito di ispezioni da parte dell Amministrazione Finanziaria, se il bene inutilizzato risulta presente in azienda, per vincere la presunzione dell utilizzo si deve poter dimostrare l inutilizzabilità (per esempio, un computer in disuso presuppone che non sia collegato con la corrente). Pertanto: il bene utilizzato ancorché completamente ammortizzato rientra nel computo del valore dei beni ammortizzabili; il bene inutilizzato, di cui si può dimostrare il disuso, non rientra nel computo del valore dei beni ammortizzabili. Dott. Antonio Gigliotti 17 Giugno

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Società di persone

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Società di persone genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Società di persone 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2011 PERIODO D IMPOSTA 2010 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Generazione Studi di Settore e Parametri. da Contabilità e Cespiti

Generazione Studi di Settore e Parametri. da Contabilità e Cespiti Nota Salvatempo Contabilità 14.09 23 maggio 2016 Generazione Studi di Settore e Parametri da Contabilità e Cespiti Il riporto dei dati dalla contabilità/cespiti viene effettuato nel modello degli Studi

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento

730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 33 21.04.2016 Il reddito d impresa nel quadro G del modello Unico/PF Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Persone Fisiche Il quadro

Dettagli

IMMOBILI E SCORPORO AREA

IMMOBILI E SCORPORO AREA IMMOBILI E SCORPORO AREA La destinazione del fondo pregresso a cura del dott. Gigliotti Antonio Con l approvazione del D.L. 118 del 2 agosto 2007 il legislatore ha previsto che per lo scorporo del terreno

Dettagli

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Cessione di azienda o di ramo d'azienda - parte pratica

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Cessione di azienda o di ramo d'azienda - parte pratica Operazioni straordinarie Parte fiscale - Cessione di azienda o di ramo d'azienda - parte pratica L'operazione di cessione di azienda può determinare il sorgere, in capo al soggetto cedente, di una plusvalenza

Dettagli

Deducibilità degli ammortamenti e dei canoni leasing relativi agli immobili

Deducibilità degli ammortamenti e dei canoni leasing relativi agli immobili Deducibilità degli ammortamenti e dei canoni leasing relativi agli immobili Articolo 36, comma 7, del D.L. n.223/2006 Ai fini del calcolo delle quote di ammortamento deducibili il costo complessivo dei

Dettagli

Studi di settore: news nella compilazione

Studi di settore: news nella compilazione Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 21 16.06.2014 Studi di settore: news nella compilazione Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Adeguamento L'Agenzia delle Entrate

Dettagli

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale

Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Strumenti e Materiali - Economia Aziendale Esercitazioni in preparazione all Esame di Stato ESERCITAZIONE 5 reddito fiscale e calcolo dell Ires a cura di Daniela Lucarelli La Bergami s.p.a presenta il

Dettagli

INDEDUCIBILITA AMMORTAMENTO DEI TERRENI

INDEDUCIBILITA AMMORTAMENTO DEI TERRENI INDEDUCIBILITA AMMORTAMENTO DEI TERRENI Il DL 223/2006 ha introdotto il principio secondo il quale non è deducibile dal reddito d impresa il costo dell immobile per la parte relativa al terreno sul quale

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 20 28.05.2014 La rateizzazione delle plusvalenze Aspetti contabili e fiscali Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Scritture contabili Le plusvalenze

Dettagli

Ex minimi e studi di settore

Ex minimi e studi di settore Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 175 18.06.2015 Ex minimi e studi di settore Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Modelli I soggetti che dal 2014 sono fuoriusciti del regime

Dettagli

Anno 2014 N.RF199. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2014 N.RF199. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2014 N.RF199 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO AFFITTO DI AZIENDA NEGLI STUDI DI SETTORE RIFERIMENTI ISTRUZIONI PARTE GENERALE; CM 20/2014 CIRCOLARE

Dettagli

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO

IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO IL NUOVO FORFAIT - AGGIORNAMENTO ENTRATA IN VIGORE DAL 1.1.2015 È IL REGIME NATURALE PER COLORO CHE RISPETTANO LE CONDIZIONI 1 2 3 4 Limiti di ricavi o compensi Limite del volume degli investimenti Limite

Dettagli

Legge di stabilità 2016 Maxiammortamento beni strumentali (autovetture)

Legge di stabilità 2016 Maxiammortamento beni strumentali (autovetture) Legge di stabilità 2016 Maxiammortamento beni strumentali (autovetture) Al fine di stimolare gli investimenti da parte delle imprese e dei professionisti, la Legge di Stabilità 2016 ha introdotto la possibilità

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Roma, 28/02/2016 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti:

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: CIRCOLARE N. 20 DEL 1/12/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: PRONTO IL CODICE TRIBUTO PER L UTILIZZO DEL CREDITO DI IMPOSTA TREMONTI QUATER PAG. 2 IN SINTESI: Recentemente

Dettagli

Regime forfetario 2016 e requisiti di accesso: facciamo chiarezza

Regime forfetario 2016 e requisiti di accesso: facciamo chiarezza Regime forfetario 2016 e requisiti di accesso: facciamo chiarezza L Agenzia delle Entrate con la circolare n. 10/E del 4 aprile 2016 ha fornito importanti chiarimenti in tema di regime forfetario (di cui

Dettagli

Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial

Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial Il Punto sull Iva Dichiarazione Iva 2009: il regime dei minimi a cura di Ennio Vial Introduzione Nel corso del presente intervento, esamineremo le modalità di compilazione della dichiarazione Iva, relativamente

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata. Immobilizzazioni materiali

Ragioneria Generale e Applicata. Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali 1 Caratteri economico-aziendali Fattori produttivi materiali ad utilità pluriennale Strumentali alla produzione di reddito Realizzo prevalentemente indiretto Se soggetti a logorio

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale 04 4.0.00 - Sviluppo di progetti immobiliari senza costruzione 4.99.0 - Lottizzazione dei terreni connessa con l urbanizzazione 68.0.00 - Compravendita di beni immobili effettuata su beni propri 68.0.0

Dettagli

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) Come noto, l art. 5, Ddl della legge Finanziaria 2017, prevede: la modifica dell art. 66, TUIR, per effetto della quale, a decorrere dall 1.1.2017,

Dettagli

Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali. Dr. Nicola Forte

Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali. Dr. Nicola Forte Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali Dr. Nicola Forte Roma, 8 marzo 2017 1 Legge di Bilancio 2017 e Decreti collegati Il regime di cassa; l IRI; Novità Iva 2 Fonti Normative Legge

Dettagli

ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni

ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni genzia ntrate 2014 PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni MODELLO DEI DATI RILEVANTI AI FINI DELL APPLICAZIONE

Dettagli

PER L ESTROMISSIONE DEGLI IMMOBILI VALE IL COMPORTAMENTO CONCLUDENTE

PER L ESTROMISSIONE DEGLI IMMOBILI VALE IL COMPORTAMENTO CONCLUDENTE PER L ESTROMISSIONE DEGLI IMMOBILI VALE IL COMPORTAMENTO CONCLUDENTE a cura di Antonio Gigliotti L estromissione agevolata dell immobile da parte dell imprenditore individuale prevista dalla Finanziaria

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi

,00 3 Altre attività soggette a studi 07 Modello WM9U 7.59.0 - Commercio al dettaglio di mobili per la casa 7.59.9 - Commercio al dettaglio di articoli in legno, sughero, vimini e articoli in plastica per uso domestico barrare la casella corrispondente

Dettagli

Studi di settore Sommario

Studi di settore Sommario Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO 1.1. Contribuenti soggetti agli studi e contribuenti esclusi 1.2. Contribuenti che dichiarano ricavi o compensi superiori a euro 5.164.569 1.3. Inizio e cessazione dell attività

Dettagli

9.2 Adempimenti per l accesso al nuovo regime forfetario

9.2 Adempimenti per l accesso al nuovo regime forfetario 33 9 NUOVO REGIME FORFETARIO DEI CONTRIBUENTI PERSONE FISICHE ESERCENTI ATTIVITA D IMPRESA, ARTI O PROFESSIONI 9.1 Accesso da parte dei contribuenti minimi Un contribuente che esercita l attività di imbianchino

Dettagli

VIETATA L ESTROMISSIONE DELL IMMOBILE A DESTINAZIONE ABITATIVA

VIETATA L ESTROMISSIONE DELL IMMOBILE A DESTINAZIONE ABITATIVA VIETATA L ESTROMISSIONE DELL IMMOBILE A DESTINAZIONE ABITATIVA a cura Dott. Antonio Gigliotti Nella Risoluzione n. 280 del 4 luglio 2008 l Agenzia delle Entrate ha chiarito che l immobile a destinazione

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Caratteri economico-aziendali Beni di uso durevole strumentali alla produzione del reddito Se soggetti a logorio tecnico-economico partecipano alla formazione del reddito attraverso

Dettagli

ntrate PERIODO D IMPOSTA 2010 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni

ntrate PERIODO D IMPOSTA 2010 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni genzia ntrate 2011 PERIODO D IMPOSTA 2010 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni MODELLO DEI DATI RILEVANTI AI FINI DELL APPLICAZIONE

Dettagli

Lo studio di settore VG52U è stato approvato con decreto ministeriale del 28 dicembre 2012.

Lo studio di settore VG52U è stato approvato con decreto ministeriale del 28 dicembre 2012. 1. GENERALITÀ Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore VG52U deve essere compilato con riferimento al periodo d imposta 2013 e deve essere utilizzato

Dettagli

UNICO 2016: LE CAUSE DI ESCLUSIONE DAGLI STUDI DI SETTORE

UNICO 2016: LE CAUSE DI ESCLUSIONE DAGLI STUDI DI SETTORE UNICO 2016: LE CAUSE DI ESCLUSIONE DAGLI STUDI DI SETTORE di Celeste Vivenzi Premessa Al fine di una corretta compilazione del modello Unico 2016 è necessario sottolineare che le cause di esclusione si

Dettagli

Studi di settore: casi e questioni

Studi di settore: casi e questioni Studi di settore: casi e questioni a cura del dott. Antonio Gigliotti Tenuto conto delle continue e numerose novità relative agli studi di settore che si sono susseguite in questi ultimi mesi analizziamo

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale 03 4.0.00 - Sviluppo di progetti immobiliari senza costruzione 4.99.0 - Lottizzazione dei terreni connessa con l urbanizzazione 68.0.00 - Compravendita di beni immobili effettuata su beni propri 68.0.0

Dettagli

I SUPER AMMORTAMENTI. Santa Croce sull Arno, lì 03 Febbraio A TUTTI I NOSTRI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 4/2016

I SUPER AMMORTAMENTI. Santa Croce sull Arno, lì 03 Febbraio A TUTTI I NOSTRI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 4/2016 Santa Croce sull Arno, lì 03 Febbraio 2016. A TUTTI I NOSTRI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 4/2016 I SUPER AMMORTAMENTI La presente circolare analizza il nuovo sgravio fiscale per chi investe in macchinari,

Dettagli

Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite

Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite Esercitazione: la determinazione della base imponibile e delle imposte corrente, anticipate e differite Al 31/12/2008 la Alfa S.p.A., società che opera nel settore industriale, presenta, tra gli altri,

Dettagli

PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri. Esercenti attività d impresa

PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri. Esercenti attività d impresa AGENZIA DELLE ENTRATE PERIODO D IMPOSTA 2002 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti attività d impresa 2003 329 MODELLO DEI DATI RILEVANTI AI

Dettagli

Riparazione di prodotti elettronici di consumo audio e video Riparazione di elettrodomestici e di articoli per la casa

Riparazione di prodotti elettronici di consumo audio e video Riparazione di elettrodomestici e di articoli per la casa 04 95..00 - Riparazione di prodotti elettronici di consumo audio e video 95..0 - Riparazione di elettrodomestici e di articoli per la casa barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente

Dettagli

Studi di settore e cause di esclusione: il nuovo codice 5 sul frontespizio per la cessazione senza inizio entro sei mesi

Studi di settore e cause di esclusione: il nuovo codice 5 sul frontespizio per la cessazione senza inizio entro sei mesi Studi di settore e cause di esclusione: il nuovo codice 5 sul frontespizio per la cessazione senza inizio entro sei mesi a cura di Antonio Gigliotti Tra le novità degli studi di settore, versione 2009,

Dettagli

Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO... 7

Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO... 7 Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO... 7 1.1. Contribuenti soggetti agli studi e contribuenti esclusi... 7 1.2. Contribuenti che dichiarano ricavi o compensi superiori a euro 5.164.569... 7 1.3. Inizio e cessazione

Dettagli

#1064 Riporto cespiti in Dichiarazioni Fiscali (Raccordo cespiti, Verifica Operatività-Società di comodo, Spese di manutenzione e Maxi ammortamento)

#1064 Riporto cespiti in Dichiarazioni Fiscali (Raccordo cespiti, Verifica Operatività-Società di comodo, Spese di manutenzione e Maxi ammortamento) Suite Contabile Fiscale #1064 Riporto cespiti in Dichiarazioni Fiscali (Raccordo cespiti, Verifica Operatività-Società di comodo, Spese di manutenzione e Maxi ammortamento) Il modulo cespiti mette a disposizione

Dettagli

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone L IRAP Relatore: dott. Francesco Barone IRAP PER I SOGGETTI IRES La base imponibile è data dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art. 2425 c.c. con

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009 CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 luglio 2009 OGGETTO: Articolo 1, commi 50 e 51 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 Modifiche alla determinazione della base imponibile

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale 0 4.0.00 - Sviluppo di progetti immobiliari senza costruzione 4.99.0 - Lottizzazione dei terreni connessa con l urbanizzazione 68.0.00 - Compravendita di beni immobili effettuata su beni propri 68.0.0

Dettagli

UNICO Modello WK02U. ntrate. genzia. Bozza 5/05. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività

UNICO Modello WK02U. ntrate. genzia. Bozza 5/05. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività 71.12.10 - Attività degli studi di ingegneria DOMICILIO FISCALE Comune Provincia ALTRE ATTIVITÀ Lavoro dipendente a tempo pieno o a tempo parziale Pensionato Altre attività professionali e/o di impresa

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata I. Immobilizzazioni materiali

Ragioneria Generale e Applicata I. Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali Caratteri economico-aziendali Beni di uso durevole strumentali alla produzione del reddito Se soggetti a logorio tecnico economico partecipano alla

Dettagli

ACQUISIZIONE DI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI

ACQUISIZIONE DI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI ACQUISIZIONE DI IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI E IMMATERIALI o Acquisto di immobilizzazioni materiali oacquisizione delle immobilizzazioni immateriali o Il processo di ammortamento o La dismissione delle immobilizzazioni

Dettagli

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA Incontro di studio 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione Lunedì 12 dicembre 2011 Referente: Leila Farfan Approfondimenti interpretazioni

Dettagli

Forfettari: la gestione delle rimanenze

Forfettari: la gestione delle rimanenze Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 86 13.03.2015 Forfettari: la gestione delle rimanenze Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti

Dettagli

RELAZIONE TRA VALUTAZIONI CIVILISTICHE E FISCALI, LA FISCALITÀ DIFFERITA. Rif. dispensa

RELAZIONE TRA VALUTAZIONI CIVILISTICHE E FISCALI, LA FISCALITÀ DIFFERITA. Rif. dispensa RELAZIONE TRA VALUTAZIONI CIVILISTICHE E FISCALI, LA FISCALITÀ DIFFERITA Rif. dispensa 1. Le valutazioni di bilancio nel Codice Civile Sono prioritariamente individuati dall art 2426 del Codice Civile

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2004 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni 2005 ö 294 ö MODELLO DEI DATI RILEVANTI AI FINI

Dettagli

iscritte al costo di acquisto o di produzione, comprensivo degli oneri accessori di diretta imputazione, assoggettate ad ammortamento 33%

iscritte al costo di acquisto o di produzione, comprensivo degli oneri accessori di diretta imputazione, assoggettate ad ammortamento 33% Immobilizzazioni immateriali iscritte al costo storico di acquisizione o produzione, al netto degli ammortamenti Azienda Servizi Val iscritte al costo storico di Non sono presenti acquisizione ed esposte

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 65 03.03.2016 Regime forfettario e quadro RS Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi A cura di Pasquale Pirone Fanno il

Dettagli

FONDO UNICO REGIONALE DI INGEGNERIA FINANZIARIA

FONDO UNICO REGIONALE DI INGEGNERIA FINANZIARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI POR CALABRIA FESR 2007/2013 Asse VII Sistemi Produttivi Obiettivo Specifico 7.1

Dettagli

UNICO Modello VK20U. ntrate. genzia. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività

UNICO Modello VK20U. ntrate. genzia. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività 86.90.30 - Attività svolta da psicologi DATI ANAGRAFICI Comune Provincia ALTRE ATTIVITÀ Lavoro dipendente a tempo pieno o a tempo parziale Pensionato Altre attività professionali e/o d'impresa ALTRI DATI

Dettagli

ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE. dott. Carlo Cappelluti

ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE. dott. Carlo Cappelluti ESEMPI DI COMPILAZIONE QUADRO RF UNICO E CALCOLO IMPOSTE dott. Carlo Cappelluti LA SOCIETA ALFA SRL RILEVA, AL 31 DICEMBRE 2014, UN RISULTATO PRE-IMPOSTE PARI AD EURO 52.400 SI PROVVEDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE RISERVATO AI NUOVI E VECCHI CONTRIBUENTI MINIMI

TRATTAMENTO FISCALE RISERVATO AI NUOVI E VECCHI CONTRIBUENTI MINIMI TRATTAMENTO FISCALE RISERVATO AI NUOVI E VECCHI CONTRIBUENTI MINIMI a cura del Dott. Vito SARACINO e Revisore Contabile in Bitonto (BA) Il Decreto Legge del 06 luglio 2011 n. 98, pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici

Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici 009 47.99.0 - Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici DOMICILIO FISCALE Comune Provincia = inizio di attività entro sei mesi dalla data di cessazione nel corso dello stesso periodo d

Dettagli

APPUNTI DI RAGIONERIA

APPUNTI DI RAGIONERIA Università La Sapienza sede di Latina Facoltà di Economia Cattedra di RAGIONERIA a.a. 2013-2014 APPUNTI DI RAGIONERIA Dispensa n. 4: Immobilizzazioni materiali Il presente materiale è di ausilio alla didattica

Dettagli

barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni)

barrare la casella corrispondente al codice di attività prevalente (vedere istruzioni) 07 77..00 - Noleggio di autovetture ed autoveicoli leggeri 77..00 - Noleggio di autocarri e di altri veicoli pesanti 77.9.0 - Noleggio di altri mezzi di trasporto terrestri 77.9.9 - Noleggio di container

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. Caratteri economico-aziendali

IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI. Caratteri economico-aziendali IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Caratteri economico-aziendali Beni di uso durevole strumentali alla produzione del reddito Se soggetti a logorio tecnico-economico partecipano alla formazione del reddito attraverso

Dettagli

Circolare dell'agenzia delle Entrate (CIR) n. 38/E del 12 giugno 2007

Circolare dell'agenzia delle Entrate (CIR) n. 38/E del 12 giugno 2007 Circolare dell'agenzia delle Entrate (CIR) n. 38/E del 12 giugno 2007 ALLEGATO 4 Ulteriori precisazioni in merito alla corretta applicazione degli indicatori di normalità economica di cui al comma 14 della

Dettagli

LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE OPERAZIONI DI LEASING SECONDO IL CODICE CIVILE POST-RIFORMA E I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI

LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE OPERAZIONI DI LEASING SECONDO IL CODICE CIVILE POST-RIFORMA E I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE OPERAZIONI DI LEASING SECONDO IL CODICE CIVILE POST-RIFORMA E I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI DISCIPLINA TRIBUTARIA DEL CONTRATTO DI LEASING La disciplina civilistica, nonostante

Dettagli

Regime dei Minimi 2015: per i professionisti una doppia opzione

Regime dei Minimi 2015: per i professionisti una doppia opzione Regime dei Minimi 2015: per i professionisti una doppia opzione Per l anno 2015, i professionisti che rispettino determinati requisiti hanno la facoltà di scegliere tra due distinti regimi fiscali agevolati.

Dettagli

Fiscal News. N. 362 Del 16/11/2017

Fiscal News. N. 362 Del 16/11/2017 A cura della Redazione Noleggio autovetture full service da parte di imprese e professionisti Il trattamento fiscale del noleggio di autovetture full service da parte di imprese e professionisti Categoria:

Dettagli

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Il presente approfondimento

Dettagli

L AMMORTAMENTO DEL FABBRICATO PERDE IL TERRENO

L AMMORTAMENTO DEL FABBRICATO PERDE IL TERRENO L AMMORTAMENTO DEL FABBRICATO PERDE IL TERRENO 1) E indeducibile la quota parte relativa al terreno incorporata nel costo complessivo del fabbricato strumentale. 2) Il costo del terreno è pari al maggiore

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI o Classificazione secondo codice civile o Il caso del leasing ocriteri di valutazione secondo codice civile e principi contabili nazionali oammortamenti, rivalutazione e svalutazione

Dettagli

Cod. Civ., articoli 2424-bis; 2426 e 2427 D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, articoli 102, 110 e 164

Cod. Civ., articoli 2424-bis; 2426 e 2427 D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, articoli 102, 110 e 164 UNICO SP: il maxi-ammortamento per gli investimenti in beni strumentali di Paolo Monarca e Paola Zanaboni - Dottori commercialisti in Milano, Studio Tarantino Cremona Monarca ADEMPIMENTO " NOVITÀ FISCO

Dettagli

COLLEGIO DEI COSTRUTTORI EDILI DELLA PROVINCIA DI PADOVA Codice Fiscale

COLLEGIO DEI COSTRUTTORI EDILI DELLA PROVINCIA DI PADOVA Codice Fiscale COLLEGIO DEI COSTRUTTORI EDILI DELLA PROVINCIA DI PADOVA Codice Fiscale 80031160288 Prot. n. 386 circ. n. 136 Padova, 23 maggio 2001 Piazza De Gasperi, 45/A tel. 049-666273/299 fax 049-8754369 E mail:

Dettagli

Secondarie,00. ,00 Altre attività soggette a studi Altre attività non soggette a studi Aggi o ricavi fissi Ricavi,00

Secondarie,00. ,00 Altre attività soggette a studi Altre attività non soggette a studi Aggi o ricavi fissi Ricavi,00 0..60 - Riparazione e manutenzione di trattori agricoli DOMICILIO FISCALE QUADRO A Personale addetto all attività A0 A0 A0 A0 A05 A06 A07 A08 Comune = inizio di attività entro sei mesi dalla data di cessazione

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE Avv. Giampaolo Foresi Direzione Servizi Tributari CESSIONE DI AZIENDA IMPOSTE SUI REDDITI

Dettagli

Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici

Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici 03 47.99.0 - Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici DOMICILIO FISCALE Comune Provincia = inizio di attività entro sei mesi dalla data di cessazione nel corso dello stesso periodo d imposta;

Dettagli

N. 37. Studi di settore I codici delle diverse cause di esclusione. Premessa. Cause di esclusione.

N. 37. Studi di settore I codici delle diverse cause di esclusione. Premessa. Cause di esclusione. a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it N. 37 04.06.2010 Categoria Sottocategoria Studi di settore I codici delle diverse cause di esclusione Studi di settore Cause di esclusione In presenza di

Dettagli

Decreto ministeriale del 13 febbraio Gazzetta Ufficiale del 15 febbraio 1992, n. 38

Decreto ministeriale del 13 febbraio Gazzetta Ufficiale del 15 febbraio 1992, n. 38 Decreto ministeriale del 13 febbraio 1992 Gazzetta Ufficiale del 15 febbraio 1992, n. 38 Modalità di attuazione delle disposizioni tributarie in materia di rivalutazione di beni immobili delle imprese.

Dettagli

bozza_14_01_2016 ISTRUZIONI PARTE GENERALE ntrate genzia PERIODO D IMPOSTA 2015

bozza_14_01_2016 ISTRUZIONI PARTE GENERALE ntrate genzia PERIODO D IMPOSTA 2015 genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2015 2016 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore ISTRUZIONI PARTE GENERALE 1. PREMESSA Nella presente Parte generale

Dettagli

San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche

San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche Reddito d impresa L art. 29, in particolare, specifica che è considerato reddito d impresa quello conseguente allo svolgimento di attività artigianali,

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2015 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere all Agenzia delle Entrate la Comunicazione

Dettagli

Deduzione delle spese relative a più esercizi Art. 108, comma 1, del TUIR

Deduzione delle spese relative a più esercizi Art. 108, comma 1, del TUIR Deduzione delle spese relative a più esercizi Art. 108, comma 1, del TUIR Le spese relative a studi e ricerche sono deducibili nell esercizio in cui sono state sostenute ovvero in quote costanti nell esercizio

Dettagli

Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale.

Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale. 1. GENERALITÀ Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore WG34U va compilato con riferimento al periodo d imposta 2016 e deve essere utilizzato

Dettagli

4 Maggio Corso Novità Fiscali 2016

4 Maggio Corso Novità Fiscali 2016 4 Maggio 2016 Corso Novità Fiscali 2016 1 Argomenti del Corso «Novità Fiscali 2016» Credito d'imposta IRAP (art.1,co.21, Legge n.190/2014) Agevolazione "Super-ammortamento" (Legge di Stabilità 2016) Gestione

Dettagli

Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri

Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri AGENZIA DELLE ENTRATE 2002 Predisposto in due versioni: LIRE COLORE VERDE COLORE AZZURRO PERIODO D IMPOSTA 2001 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti

Dettagli

Le modifiche in tema di superammortamento e il nuovo iperammortammento. Udine 3/2/2017 Giancarlo Cirinei

Le modifiche in tema di superammortamento e il nuovo iperammortammento. Udine 3/2/2017 Giancarlo Cirinei Le modifiche in tema di superammortamento e il nuovo iperammortammento Udine 3/2/2017 Giancarlo Cirinei (art. 1, commi 91-94 della l. n. 208/2015) Incremento del costo dei beni strumentali: +40% investimenti

Dettagli

bozza 13/06/2012 UNICO 2012 Modello VK05U ntrate genzia Studi di settore QUADRO A Personale addetto all attività

bozza 13/06/2012 UNICO 2012 Modello VK05U ntrate genzia Studi di settore QUADRO A Personale addetto all attività DOMICILIO FISCALE ALTRE ATTIVITÀ ALTRI DATI QUADRO A Personale addetto all attività QUADRO B Unità locale destinata all esercizio dell attività B00 B01 B02 B03 B04 B05 B06 69.20.11 - Servizi forniti da

Dettagli

IL PROCESSO DI REVISIONE Procedure di revisione in merito a Immobilizzazioni materiali ed immateriali

IL PROCESSO DI REVISIONE Procedure di revisione in merito a Immobilizzazioni materiali ed immateriali IL PROCESSO DI REVISIONE Procedure di revisione in merito a Immobilizzazioni materiali ed immateriali Università di Roma - Facoltà di Economia Corso di Revisione Aziendale - anno 2014-2015 Prof. Umile

Dettagli

B R B G D E 4 7 M 1 4 M K. 21 VENETO Dichiarazione BRBGDE47M14M048K BARBON EGIDIO VILLORBA TV M048 VIA GUIZZE N TIPO DI DICHIARAZIONE

B R B G D E 4 7 M 1 4 M K. 21 VENETO Dichiarazione BRBGDE47M14M048K BARBON EGIDIO VILLORBA TV M048 VIA GUIZZE N TIPO DI DICHIARAZIONE CODICE FISCALE B R B G D E M M 0 K TIPO DI DICHIARAZIONE CODICE REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA Correttiva nei termini Dichiarazione integrativa a favore REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA VENETO Dichiarazione

Dettagli

Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale.

Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale. 1. GENERALITÀ Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore WD34U deve essere compilato con riferimento al periodo d imposta 2014 e deve essere utilizzato

Dettagli

Amministrazione di condomini e gestione di beni immobili per conto terzi Servizi integrati di gestione agli edifici

Amministrazione di condomini e gestione di beni immobili per conto terzi Servizi integrati di gestione agli edifici 0 Modello VK6U 68.3.00 - Amministrazione di condomini e gestione di beni immobili per conto terzi 8.0.00 - Servizi integrati di gestione agli edifici barrare la casella corrispondente al codice di attività

Dettagli

Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento

Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento 47.78.40 - Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento Imprese multiattività QUADRO A Personale addetto all'attività = inizio di attività entro sei mesi dalla data di cessazione

Dettagli

Economia Aziendale. L ammortamento e la vendita dei cespiti. Il costo dei fattori produttivi a fecondità ripetuta

Economia Aziendale. L ammortamento e la vendita dei cespiti. Il costo dei fattori produttivi a fecondità ripetuta Lezione n.18 Economia Aziendale L ammortamento e la vendita dei cespiti www.fargroup.eu Il costo dei fattori produttivi a fecondità ripetuta Contribuiscono a realizzare la produzione di più esercizi 01.01.n

Dettagli

ntrate PERIODO D IMPOSTA 2015 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni

ntrate PERIODO D IMPOSTA 2015 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni genzia ntrate 2016 PERIODO D IMPOSTA 2015 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri Esercenti arti e professioni MODELLO DEI DATI RILEVANTI AI FINI DELL APPLICAZIONE

Dettagli

Approvazione dei modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri da utilizzare per il periodo d imposta 2000.

Approvazione dei modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri da utilizzare per il periodo d imposta 2000. Approvazione dei modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dei parametri da utilizzare per il periodo d imposta 2000. 855 856 857 Roma, 28 marzo 2001 Il direttore: ROMANO

Dettagli

14.13.20 - Sartoria e confezione su misura di abbigliamento esterno

14.13.20 - Sartoria e confezione su misura di abbigliamento esterno 0 Modello VD6U 4..0 - Sartoria e confezione su misura di abbigliamento esterno QUADRO B Unità locali destinate all esercizio dell attività A04 A05 A06 A0 A A A A4 A5 A6 A7 B00 B0 B0 B0 B04 B05 B06 B07

Dettagli

Scorporo aree: implicazioni fiscali

Scorporo aree: implicazioni fiscali Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 144 07.05.2015 Scorporo aree: implicazioni fiscali Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Società di capitali Ai fini del calcolo delle

Dettagli

Estromissione agevolata: per il perfezionamento dell operazione c è tempo fino al

Estromissione agevolata: per il perfezionamento dell operazione c è tempo fino al CIRCOLARE A.F. N. 70 del 16 Maggio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Estromissione agevolata: per il perfezionamento dell operazione c è tempo fino al 31.05.2017 Premessa Con la legge n. 232 del 11.12.2016

Dettagli

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Napoli, 18 Gennaio 2017 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 1/2017 RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA La Legge di

Dettagli

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Risoluzione del 30/11/2010 n. 123 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Interpello ai sensi dellarticolo 11 della legge n. 212 del 2000 Riportabilità delle perdite dei contribuenti minimi

Dettagli

Regimi IVA particolari. Gestione. Contribuenti Minimi. Gecom Multi

Regimi IVA particolari. Gestione. Contribuenti Minimi. Gecom Multi Regimi IVA particolari Gestione Gecom Multi Gestione Gestione Per gestire queste casistiche è necessario indicare in Gesarc Gestione Archivio Ditte Dati relativi all attività (pag.2) è necessario indicare

Dettagli

UNICO Modello WK05U. ntrate. genzia. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività

UNICO Modello WK05U. ntrate. genzia. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività 69.0. - Servizi forniti da dottori commercialisti 69.0. - Servizi forniti da ragionieri e periti commerciali 69.0.30 - Attività dei consulenti del lavoro barrare la casella corrispondente al codice di

Dettagli