La sicurezza sociale in Svizzera Informazioni per cittadini svizzeri o cittadini dei Paesi membri della CE residenti in Svizzera.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La sicurezza sociale in Svizzera Informazioni per cittadini svizzeri o cittadini dei Paesi membri della CE residenti in Svizzera."

Transcript

1 La sicurezza sociale in Svizzera Informazioni per cittadini svizzeri o cittadini dei Paesi membri della CE residenti in Svizzera. 1

2 2

3 La sicurezza sociale in Svizzera Informazioni per cittadini svizzeri o cittadini dei Paesi membri della CE residenti in Svizzera. 3

4 Abbreviazioni AD Assicurazione contro la disoccupazione AI Assicurazione invalidità AINF Assicurazione infortuni AMal Assicurazione malattie AVS Assicurazione per la vecchiaia e i superstiti CE Comunità Europea * CI Conto individuale HMO Health Maintenance Organization LAMal Legge sull assicurazione malattie PC Prestazioni complementari all AVS e all AI PP Previdenza professionale seco Segretariato di Stato dell economia SUVA Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni UFAS Ufficio federale delle assicurazioni sociali UFCL Ufficio federale delle costruzioni e della logistica * Nella lingua corrente viene usato anche il termine Unione Europea (UE). 4

5 Indice Pagina L accordo sulla libera circolazione (accordo sulla libera circolazione delle persone) 6 Il sistema di sicurezza sociale determinante 10 Le caratteristiche del sistema svizzero di sicurezza sociale 13 L assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS, primo pilastro) 17 L assicurazione invalidità (AI) 27 La previdenza professionale (PP, secondo pilastro) 34 La previdenza individuale (terzo pilastro) 40 L assicurazione malattie (AMal) 43 L assicurazione contro gli infortuni (AINF) 51 L assicurazione contro la disoccupazione (AD) 61 Gli assegni familiari 66 Indirizzi e siti Internet 70 5

6 L accordo sulla libera circolazione delle persone Cos è l accordo sulla libera circolazione? Una normativa sulla libera circolazione delle persone tra la Svizzera e la CE. Con l accordo sulla libera circolazione viene introdotta la libera circolazione delle persone tra la Svizzera e la CE mediante un apertura progressiva del mercato del lavoro. Questo diritto viene completato con il riconoscimento reciproco dei diplomi professionali e la coordinazione dei sistemi di sicurezza sociale. Stati membri della CE: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna (Regno Unito), Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia. 6

7 L accordo sulla libera circolazione delle persone Cosa implica l accordo nell ambito della previdenza sociale? La coordinazione dei vari sistemi nazionali di sicurezza sociale. L accordo sulla libera circolazione coordina i diversi sistemi nazionali di sicurezza sociale. Non comporta tuttavia alcuna uniformazione dei singoli sistemi. La struttura, il tipo e gli importi delle prestazioni previsti dalle assicurazioni sociali di ogni singolo Paese vengono mantenuti. Gli elementi principali dell accordo: uguaglianza di trattamento tra cittadini svizzeri e cittadini dei Paesi CE; riduzione o soppressione delle ripercussioni negative che il cambiamento di occupazione o di Paese di residenza può avere sulla protezione assicurativa. L accordo sulla libera circolazione in buona parte rimpiazza le convenzioni vigenti in materia di sicurezza sociale concluse tra la Svizzera e i singoli Paesi CE. Queste ultime continuano però ad essere applicabili alle persone toccate dall accordo, in particolare a quelle senza attività lucrativa e a quelle che non hanno né la cittadinanza svizzera né quella di un Paese CE. 7

8 L accordo sulla libera circolazione delle persone Quali sono i settori assicurativi interessati? Tutti i settori della sicurezza sociale fatta eccezione per l aiuto sociale. L accordo sulla libera circolazione si applica a tutte le disposizioni legali relative alla copertura assicurativa durante la vecchiaia, in caso d invalidità, per i superstiti, in caso di malattia e di maternità, in caso d infortuni professionali e di malattie professionali, in caso di disoccupazione, per le famiglie. L aiuto sociale non è compreso nell accordo. 8

9 L accordo sulla libera circolazione delle persone A quali persone si applica l accordo? Ai cittadini svizzeri o ai cittadini di un Paese CE che lavorano in un Paese CE o in Svizzera oppure si trasferiscono dalla Svizzera in un Paese CE o viceversa. L accordo riguarda le persone che esercitano o hanno esercitato un attività lucrativa (beneficiari di rendite, disoccupati); gli studenti e i loro familiari (solo per ciò che concerne l assicurazione malattie); i familiari o i superstiti di persone che esercitano o hanno esercitato un attività lucrativa, qualunque sia la loro nazionalità; gli apolidi e i rifugiati, a condizione che risiedano in Svizzera o in un Paese CE. Le persone senza attività lucrativa e quelle che non hanno né la cittadinanza svizzera né quella di un Paese CE (salvo se sono familiari o superstiti nel senso summenzionato) non sono toccate dall accordo. Per loro continuano a valere le convenzioni di sicurezza sociale stipulate tra la Svizzera e i singoli Paesi. Presso le casse di compensazione si ottengono ulteriori specifiche informazioni. 9

10 Il sistema di sicurezza sociale determinante A quale sistema di sicurezza sociale sono soggette le persone esercitanti un attività lucrativa? Di regola al sistema di sicurezza sociale di un solo Paese. Le persone che svolgono un attività lucrativa di regola sono soggette al sistema di sicurezza sociale di un solo Paese, anche se lavorano in più Paesi. Questo significa che devono versare i contributi assicurativi solo nel Paese in questione. A quale sistema assicurativo sono soggette le persone esercitanti un attività lucrativa in un solo Paese? Al sistema assicurativo del Paese in cui lavorano. I cittadini svizzeri e i cittadini di un Paese CE che esercitano un attività lucrativa in un solo Paese sono soggetti al sistema assicurativo di questo Paese - anche se risiedono in un altro Paese o se la sede dell azienda o del datore di lavoro si trova in un altro Paese. A quale sistema assicurativo sono soggette le persone esercitanti un attività lucrativa in più Paesi? Al sistema assicurativo del Paese in cui risiedono, a condizione di lavorarvi. I cittadini svizzeri e i cittadini di un Paese CE che esercitano un attività in più Paesi di regola sono soggetti al sistema assicurativo del Paese di residenza. Se non risiedono in alcuno dei Paesi in cui lavorano, sono soggetti al sistema assicurativo del Paese in cui svolgono l attività principale o nel quale si trova la sede principale del datore di lavoro. 10

11 Il sistema di sicurezza sociale determinante Eccezione Chi esercita simultaneamente un attività lucrativa indipendente in un Paese e una dipendente in un altro, nella maggior parte dei casi è soggetto all obbligo assicurativo in entrambi i Paesi. Questa regola si applica ad esempio ad una persona che svolge un attività indipendente in Svizzera e una dipendente in un Paese CE. A quale sistema assicurativo sono soggette le persone distaccate in Svizzera per un breve periodo da un azienda con sede in un Paese CE? Al sistema assicurativo vigente nel Paese CE in cui si trova la sede dell azienda. I cittadini svizzeri e i cittadini di un Paese CE distaccati temporaneamente in Svizzera da un azienda con sede in un Paese CE rimangono soggetti al sistema assicurativo vigente nello Stato in cui si trova la sede dell azienda, ma soltanto se il distacco non dura più di 12 mesi. Se il distacco dura più a lungo, l assicurazione può essere mantenuta su richiesta. Sono previste disposizioni particolari per il personale di aziende di trasporto internazionali, i marinai, i funzionari, il personale di ambasciate e consolati, i dipendenti di aziende che si trovano al confine tra la Svizzera e un Paese CE nonché per le persone prestanti servizio militare. 11

12 Il sistema di sicurezza sociale determinante Le persone senza attività lucrativa Per principio l accordo non si applica alle persone senza attività lucrativa, assoggettate al sistema assicurativo del Paese di residenza (vedi pagina 9). L assicurazione malattie costituisce un eccezione (vedi pagina 43). 12

13 Le caratteristiche del sistema svizzero di sicurezza sociale Cosa offre il sistema svizzero di sicurezza sociale? Protezione contro i rischi sociali. In Svizzera esiste una rete molto fitta di assicurazioni sociali che offre alle persone che ci vivono e ci lavorano e ai loro familiari un ampia protezione contro i rischi di cui non possono fronteggiare da soli le conseguenze finanziarie. Il sistema vigente offre una buona protezione. Com è suddiviso il sistema di sicurezza sociale? Consta di quattro settori. Il sistema svizzero di sicurezza sociale comprende quattro settori: la previdenza per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (sistema dei tre pilastri); la protezione contro i postumi di una malattia o di un infortunio; l assicurazione contro la disoccupazione; gli assegni familiari. La protezione offerta da queste assicurazioni consiste nel versamento di prestazioni quali rendite, indennità di perdita di guadagno o assegni familiari o nella copertura di spese dovute a malattia o infortunio. 13

14 Le caratteristiche del sistema svizzero di sicurezza sociale Il sistema dei tre pilastri La previdenza per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità poggia su tre pilastri: il primo pilastro, costituito dall assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (AVS/AI), è un assicurazione per tutta la popolazione e serve a coprire il fabbisogno vitale; il secondo pilastro è rappresentato dalla previdenza professionale (PP). Unitamente al primo pilastro, persegue l obiettivo di garantire il tenore di vita abituale; il terzo pilastro è costituito dalla previdenza individuale facoltativa. La previdenza per la vecchiaia, l invalidità e la morte La previdenza La previdenza La previdenza statale professionale individuale (AVS, AI) Obbligatoria Facoltativa Obbligatoria per chi per tutti esercita una professione * 1 pilastro 2 pilastro 3 pilastro * Tutti i salariati affiliati all AVS che percepiscono almeno un reddito minimo stabilito. 14

15 Le caratteristiche del sistema svizzero di sicurezza sociale Com è finanziato il sistema svizzero di sicurezza sociale? Mediante contributi sul reddito dell attività lucrativa, premi individuali e sussidi federali e cantonali. Le prestazioni dei singoli rami assicurativi vengono finanziate in primo luogo con contributi sul reddito dell attività lucrativa. Nell assicurazione malattie ogni assicurato versa un premio. Confederazione e Cantoni partecipano in misura diversa al finanziamento delle assicurazioni sociali (AVS/AI) oppure le finanziano totalmente (prestazioni complementari, PC) o aiutando le persone di modeste condizioni economiche a pagare i premi (riduzione dei premi nell assicurazione malattie). 15

16 Le caratteristiche del sistema svizzero di sicurezza sociale ll finanziamento delle assicurazioni sociali Forme di finanziamento Ramo delle assicurazioni sociali Assicurazione per la vecchiaia e i superstiti Assicurazione invalidità Previdenza professionale Assicurazione malattie Assicurazione contro gli infortuni Assicurazione contro la disoccupazione Assegni familiari Contributi di Premi Contributi di datori di lavoro e individuali Confederazione salariati (quote e Cantoni dei redditi delle attività lavorative) x x x x x x x x x x x 16

17 L assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS, primo pilastro) In generale Cos è l AVS? Un assicurazione che offre protezione versando prestazioni di vecchiaia o per superstiti. L assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS) rappresenta il pilastro più importante della previdenza sociale in Svizzera. L AVS deve coprire almeno in parte la diminuzione o la perdita del reddito proveniente da attività lucrativa in seguito a vecchiaia o decesso. Le casse di compensazione Le casse di compensazione sono competenti per la riscossione dei contributi e il versamento delle prestazioni dell AVS. Chi è affiliato all AVS? Tutti coloro che sono domiciliati in Svizzera o vi esercitano un attività lucrativa. L AVS è un assicurazione obbligatoria per tutte le persone domiciliate in Svizzera o che vi esercitano un attività lucrativa. 17

18 L assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS, primo pilastro) Contributi Chi paga i contributi AVS? Tutte le persone affiliate all AVS. Sono tenute a pagare i contributi tutte le persone affiliate all AVS, vale a dire tutti coloro che sono domiciliati in Svizzera o vi lavorano. Sono soggette all obbligo contributivo anche le persone sposate senza attività lucrativa. I loro contributi sono considerati pagati se il coniuge esercitante un attività lucrativa ha versato all AVS contributi pari almeno al doppio del contributo minimo. I datori di lavoro deducono dal salario i contributi dei dipendenti e li versano, unitamente ai propri contributi, alla cassa di compensazione. Quanto dura l obbligo contributivo? Dal 1 gennaio dell anno successivo a quello in cui si compiono i 17 anni fino all età pensionabile ordinaria. Le persone esercitanti un attività lucrativa devono versare contributi dal 1 gennaio dell anno successivo a quello in cui compiono i 17 anni fino al raggiungimento dell età ordinaria di pensionamento. Per gli assicurati che non esercitano un attività lucrativa l obbligo contributivo inizia il 1 gennaio dell anno successivo a quello in cui compiono i 20 anni. Anni di contribuzione mancanti possono comportare una riduzione delle prestazioni. 18

19 L assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS, primo pilastro) Contributi Come vengono calcolati i contributi AVS? Per le persone esercitanti un attività lucrativa in base al reddito e per le persone senza attività lucrativa in base alle loro condizioni economiche. In caso di attività lucrativa dipendente, i contributi vengono versati per metà ciascuno dai lavoratori e dai datori di lavoro. Il datore di lavoro è tenuto a versare il contributo complessivo direttamente alla cassa di compensazione. In caso di attività indipendente, la cassa di compensazione AVS fissa l importo in base al reddito proveniente dall attività lucrativa. Se il reddito annuo è inferiore a un determinato importo, il tasso contributivo è ridotto. I contributi degli assicurati che non esercitano un attività lucrativa sono calcolati in funzione della sostanza e del reddito conseguito sotto forma di rendite e vengono fissati dalla cassa di compensazione AVS. In ogni caso però bisogna versare un contributo minimo. Per ulteriori informazioni può essere consultata la tavola sinottica dei tassi, dei contributi e dei premi disponibile in francese e in tedesco sul sito Internet rubrica «Opuscoli informativi». Cos è il conto individuale? Funge da base per il calcolo delle rendite. Sul conto individuale (CI) vengono registrati tutti i redditi provenienti da attività lucrativa, i periodi di contribuzione e gli accrediti per compiti assistenziali, che costituiranno la base per il calcolo di una rendita di vecchiaia, per superstiti o d invalidità. Chi desiderasse verificare se la propria durata di contribuzione è completa o se il datore di lavoro ha versato i contributi dedotti alla cassa di compensazione può richiedere per iscritto un estratto del CI indicando il numero d assicurato. 19

20 L assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS, primo pilastro) Contributi Il certificato d assicurazione il numero d assicurato Al momento dell affiliazione all assicurazione tutte le persone tenute a versare i contributi ricevono un certificato d assicurazione personale contenente il numero personale dell assicurato e i numeri delle casse di compensazione AVS che ne tengono il conto individuale. Il certificato d assicurazione dev essere assolutamente conservato e presentato al datore di lavoro in caso di cambiamento d impiego o allegato alla richiesta di prestazioni AVS. 20

21 L assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS, primo pilastro) Prestazioni Quali prestazioni vengono fornite dall AVS? Rendite, assegni per grandi invalidi e mezzi ausiliari. Le rendite di vecchiaia e per superstiti e gli assegni per grandi invalidi costituiscono la maggior parte delle prestazioni dell AVS. Queste prestazioni vengono adeguate all evoluzione dei salari e dei prezzi. La rendita di vecchiaia Le persone che raggiungono l età di pensionamento hanno diritto a una rendita di vecchiaia. Fino al 2004 l età pensionabile delle donne è fissata a 63 anni, in seguito a 64 anni. Gli uomini raggiungono l età ordinaria di pensionamento a 65 anni. Chi desidera anticipare la propria rendita di vecchiaia di 1 o 2 anni rispetto all età ordinaria di pensionamento riceve una rendita ridotta. Chi ne rinvia la riscossione da 1 ad un massimo di 5 anni percepisce al contrario una rendita più elevata. La rendita per figli Le persone cui spetta una rendita di vecchiaia hanno diritto a una rendita per ogni figlio di età inferiore ai 18 anni o che non ha ancora terminato la formazione scolastica o professionale (ma solo fino al compimento dei 25 anni). 21

22 L assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS, primo pilastro) Prestazioni Il diritto a rendite di Stati CE Se una persona è stata assicurata in più Stati CE, riceve una rendita parziale da ogni Stato in cui è stata assicurata almeno per 1 anno. L importo della singola rendita è calcolato basandosi sul periodo di assicurazione compiuto in ciascun Stato. Se il periodo durante il quale una persona è stata assicurata in uno Stato non è sufficiente a darle diritto a una rendita, vengono presi in considerazione i periodi di assicurazione compiuti in altri Stati. In questo caso comunque l importo della rendita non beneficia di nessun aumento. L AVS fornisce anche le prestazioni seguenti: La rendita per vedove o vedovi Le vedove hanno diritto a una rendita vedovile se, al momento della morte del coniuge, hanno uno o più figli o hanno compiuto i 45 anni e sono state sposate per almeno 5 anni. Se una vedova si è sposata più volte, si tiene conto della durata complessiva dei diversi matrimoni. Le donne divorziate, il cui ex coniuge è deceduto, hanno diritto a una rendita vedovile se soddisfano determinate condizioni. Gli uomini la cui moglie o ex moglie è deceduta ricevono una rendita per vedovi fintanto che hanno figli di età inferiore ai 18 anni. 22

23 L assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS, primo pilastro) Prestazioni La rendita per orfani L AVS versa una rendita per orfani ai figli cui è morto il padre o la madre. In caso di decesso di entrambi i genitori vengono concesse due rendite per orfani. Il diritto a tale rendita si estingue quando l orfano compie i 18 anni o al termine della formazione, ma al più tardi a 25 anni compiuti. L assegno per grandi invalidi L assegno per grandi invalidi serve a coprire spese di assistenza particolari. Ne hanno diritto i beneficiari di rendite di vecchiaia o di prestazioni complementari con domicilio e dimora abituale in Svizzera se presentano un invalidità di grado elevato o medio e la grande invalidità dura ininterrottamente da almeno 1 anno. Mezzi ausiliari Mezzi ausiliari quali apparecchi acustici o carrozzelle permettono di ridurre o superare problemi che possono insorgere nella vecchiaia. L AVS versa contributi ai costi per diversi mezzi ausiliari consegnati a beneficiari di rendite di vecchiaia domiciliati in Svizzera. 23

24 L assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS, primo pilastro) Prestazioni In che modo gli assicurati possono far valere il proprio diritto a prestazioni? Rivolgendosi all ultima cassa di compensazione AVS cui hanno versato contributi. Chi vuole far valere il proprio diritto a una prestazione dell AVS deve inoltrare una richiesta. I moduli di richiesta sono disponibili presso le casse di compensazione. Chi ha diritto a prestazioni dell AVS? Le persone che hanno versato contributi all AVS. Hanno diritto a prestazioni le persone che presentano una durata di contribuzione di almeno 1 anno o il cui coniuge esercitante un attività lucrativa ha versato, durante almeno 1 anno in cui loro stesse erano assicurate, contributi pari al doppio del contributo minimo o alle quali possono essere conteggiati accrediti per compiti educativi o assistenziali. Per ciò che concerne le prestazioni per superstiti, queste condizioni devono essere adempiute dal coniuge deceduto. Quando inizia il diritto a una rendita di vecchiaia? Una volta raggiunta l età di pensionamento. Il diritto alla rendita di vecchiaia nasce il primo giorno del mese successivo a quello in cui è stata raggiunta l età pensionabile e si estingue alla fine del mese in cui l avente diritto è deceduto. 24

25 L assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS, primo pilastro) Prestazioni Consiglio pratico Si raccomanda d inoltrare la richiesta per la riscossione della rendita di vecchiaia 3 o 4 mesi prima del raggiungimento dell età di pensionamento. Le prestazioni vengono pagate retroattivamente soltanto per un periodo limitato. Come vengono calcolate le rendite AVS? In base alla durata di contribuzione e al reddito annuo. Il calcolo della rendita è determinato dagli elementi seguenti: anni di contribuzione computabili, reddito proveniente dall attività lucrativa, accrediti per compiti educativi o assistenziali. Chi presenta una durata di contribuzione completa ha diritto a una rendita completa. Se la durata di contribuzione è incompleta, viene versata una rendita parziale. I contributi versati ad assicurazioni pensioni estere e il periodo in cui questi sono stati versati non possono essere trasferiti all AVS né essere presi in considerazione in altro modo nell assicurazione svizzera. Gli accrediti per compiti educativi Questi accrediti costituiscono redditi fittizi di cui si tiene conto al momento del calcolo della rendita. Vengono computati agli assicurati per ogni anno in cui esercitano l autorità parentale su uno o più figli di età inferiore ai 16 anni. Corrispondono al triplo dell importo della rendita di vecchiaia annua minima al momento dell inizio del diritto alla rendita. Per le persone sposate l accredito viene diviso a metà tra i coniugi. 25

26 L assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS, primo pilastro) Prestazioni Gli accrediti per compiti assistenziali Anche questi accrediti sono redditi fittizi che vengono presi in considerazione al momento del calcolo della rendita. Ne hanno diritto le persone che si occupano di parenti bisognosi di cure e che vivono in comunione domestica con essi. Contrariamente a quanto avviene per gli accrediti per compiti educativi, gli assicurati devono far valere questo diritto ogni anno presso la cassa di compensazione cantonale. Per gli anni in cui sussiste contemporaneamente il diritto ad accrediti per compiti educativi non possono essere assegnati accrediti per compiti assistenziali. Cosa succede se le prestazioni AVS, compresi eventuali altri redditi, non bastano? Vengono versate prestazioni complementari (PC). Le PC vengono concesse se le rendite e gli altri redditi non sono sufficienti a coprire il fabbisogno vitale minimo. Vengono versate soltanto in Svizzera. A chi ci si può rivolgere per informazioni in merito all AVS? Alle casse di compensazione. Per ulteriori informazioni si vedano i promemoria disponibili presso le casse di compensazione. L elenco di tutte le casse di compensazione AVS figura sulle ultime pagine degli elenchi telefonici. 26

27 L assicurazione invalidità (AI) In generale Cos è l AI? È la «sorella dell AVS» L assicurazione svizzera per l invalidità (AI) è, come lo sono l AVS e l assicurazione malattie, un assicurazione obbligatoria. Il suo scopo è di garantire, in caso d invalidità, il sostentamento agli assicurati mediante provvedimenti d integrazione o prestazioni finanziarie. Chi è assicurato presso l AI? Tutte le persone che vivono o lavorano in Svizzera. Hanno l obbligo di assicurarsi presso l AI tutte le persone che abitano in Svizzera e tutte le persone che lavorano in Svizzera. L invalidità L AI definisce l invalidità in quanto incapacità al guadagno cagionata da un danno alla salute fisica, psichica o mentale, o come incapacità di svolgere le mansioni abituali (p. es. nell economia domestica). Questa incapacità deve sussistere in permanenza o per un lungo lasso di tempo (almeno 1 anno). È irrilevante se il danno sia presente già al momento della nascita o sia la conseguenza di una malattia o di un infortunio. 27

28 L assicurazione invalidità (AI) Contributi Come sono calcolati i contributi per l AI e chi è tenuto a versarli? Per l AI sussistono le stesse disposizioni valide per l AVS. Per l AI sussistono le stesse disposizioni valide per l AVS (vedi AVS, pagine 18 e19). 28

29 L assicurazione invalidità (AI) Prestazioni Secondo quale principio l AI fornisce le proprie prestazioni? L integrazione è prioritaria rispetto al versamento di una rendita. Il primo scopo dell assicurazione invalidità è di motivare persone invalide a provvedere parzialmente o totalmente al proprio sostentamento e vivere possibilmente in modo indipendente. I provvedimenti d integrazione stanno quindi al primo posto tra le prestazioni previste atte a migliorare in modo notevole e duraturo la capacità di guadagno o a mantenerla. Le persone invalide devono poter continuare a lavorare o a svolgere le proprie mansioni abituali (come ad es. nell economia domestica). La rendita d invalidità è considerata solo in seconda linea e viene corrisposta solamente quando i provvedimenti d integrazione non hanno sortito l effetto desiderato. Le persone invalide che dipendono dall aiuto di terze persone possono inoltre richiedere un assegno per grandi invalidi. Le prestazioni dell AI sono: i provvedimenti d integrazione, la rendita d invalidità, l assegno per grandi invalidi. 29

30 L assicurazione invalidità (AI) Prestazioni Cosa sono i provvedimenti d integrazione? Sono provvedimenti atti a migliorare in modo notevole e duraturo la capacità di guadagno. Perché possano continuare a lavorare o rimanere attive nel proprio ambito lavorativo, le persone invalide vengono sostenute dall AI mediante differenti provvedimenti d integrazione. I singoli provvedimenti d integrazione sono: i provvedimenti sanitari, le cure a domicilio, i provvedimenti professionali, i provvedimenti scolastici, i mezzi ausiliari, i sussidi d assistenza ai minorenni grandi invalidi, le indennità giornaliere e il rimborso per le spese di viaggio come prestazioni supplementari. in Svizzera. Provvedimenti d integrazione sono per principio corrisposti solo Quando le persone invalide ricevono una rendita d invalidità? Quando i provvedimenti d integrazione non hanno successo. Le rendite d invalidità vengono versate quando i provvedimenti d integrazione non raggiungono lo scopo prefissato o lo fanno solo parzialmente. Come viene calcolato il grado d invalidità di persone che esercitano un attività lucrativa? Secondo la perdita di guadagno, espressa in percentuale. Il grado d invalidità viene definito attraverso un confronto dei redditi (reddito precedente l invalidità rapportato al reddito dopo l insorgenza dell invalidità). 30

31 L assicurazione invalidità (AI) Prestazioni Come viene calcolata la rendita d invalidità? Secondo il grado d invalidità, la durata di contribuzione e il reddito. Per calcolare la rendita AI viene utilizzato lo stesso sistema previsto per il calcolo della rendita AVS (vedi AVS, pagina 25). Il grado d invalidità determina la rendita percepita da una persona invalida: Grado d invalidità in % Rendita quarto di rendita /3 * mezza rendita almeno 66 2 /3 rendita intera * per i casi di rigore economici anche tra il 40 e il 50%. Le persone invalide che, immediatamente prima dell insorgenza dell incapacità lavorativa, esercitavano un attività lucrativa hanno diritto, a certe condizioni, ad una rendita completiva AI per il coniuge. Il diritto ad una rendita per figli, sommata a quella d invalidità, sussiste per figlie e figli di età inferiore ai 18 anni o che non abbiano ancora terminato la loro formazione (e che non abbiano ancora compiuto i 25 anni). 31

32 L assicurazione invalidità (AI) Prestazioni Quando si ha diritto ad una rendita AI? Una volta esaminata la richiesta d invalidità. Per avere diritto ad una rendita AI una persona dev essere invalida e contare almeno 1 anno intero di contribuzione, oppure essere invalida dalla nascita o essere considerata come invalida precoce. Quando cessa il diritto ad una rendita AI? Al più tardi al raggiungimento dell età pensionabile. Il diritto a rendite AI si estingue quando le condizioni per le prestazioni non sono più soddisfatte o, in ogni caso, al momento in cui la persona assicurata raggiunge l età pensionabile ottenendo quindi il diritto ad una rendita di vecchiaia. Quando si ha diritto ad assegni per grandi invalidi? Quando lo svolgimento di atti ordinari della vita necessita un aiuto esterno. Assegni per grandi invalidi vengono concessi agli assicurati domiciliati e con dimora abituale in Svizzera che necessitino, per via della loro invalidità, dell aiuto permanente di terzi o di un assistenza personale per svolgere gli atti ordinari della vita. 32

33 L assicurazione invalidità (AI) Prestazioni In che modo gli assicurati possono far valere il proprio diritto alle prestazioni? Non v è prestazione senza annuncio. Perché possano ricevere prestazioni dall AI, gli assicurati devono annunciarsi presso l ufficio AI del Cantone di domicilio. I moduli di richiesta sono disponibili presso gli uffici AI, le casse di compensazione e le loro agenzie. È importante annunciarsi a tempo debito, soprattutto nel caso si dovesse delineare una lunga incapacità lavorativa. Non è consigliabile attendere fino all esaurimento delle prestazioni della cassa malati o dell assicurazione contro gli infortuni. Cosa succede se le prestazioni AI non risultano sufficienti? In questo caso vengono corrisposte prestazioni complementari. Le prestazioni complementari sono di aiuto quando le rendite, aggiunte al reddito rimanente, non sono sufficienti a coprire i costi esistenziali minimi. Le prestazioni complementari sono versate unicamente in Svizzera. Dove potete informarvi sull AI? Per informazioni gli uffici AI sono a Vostra disposizione. Ulteriori informazioni sono contenute nei promemoria disponibili presso gli uffici AI. Troverete gli indirizzi negli elenchi telefonici. 33

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro 2.07 Contributi Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La procedura di conteggio semplificata rientra nel quadro della legge federale concernente

Dettagli

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate

in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate 1.02 Stato al 1 luglio 2008 Splitting in caso di divorzio Osservazione preliminare 1 Le rendite di vecchiaia o d invalidità di persone divorziate devono essere calcolate tenendo conto di una divisione

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione ai costi «Frequently Asked Questions» (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione ai costi «Frequently Asked Questions» (FAQ) Dipartimento federale dell interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione assicurazione malattia e infortunio Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione

Dettagli

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione 2.08 Contributi Contributi all assicurazione contro la disoccupazione Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve L assicurazione contro la disoccupazione (AD) è un assicurazione sociale svizzera obbligatoria come

Dettagli

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

Vivere e lavorare in Europa

Vivere e lavorare in Europa Italienische Fassung Vivere e lavorare in Europa > Il diritto dell Unione europea > Lavorare in diversi Stati membri > Pagamento delle pensioni Größe: 100 % (bei A5 > 71%) Lavoro senza confini L Europa

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli

Rimborso delle spese di viaggio nell AI

Rimborso delle spese di viaggio nell AI 4.05 Stato al 1 gennaio 2008 Rimborso delle spese di viaggio nell AI In generale 1 L assicurazione invalidità (AI) rimborsa le spese di viaggio giudicate appropriate e necessarie all attuazione dei provvedimenti

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Nuovo numero AVS. Introduzione del nuovo numero AVS

Nuovo numero AVS. Introduzione del nuovo numero AVS Nuovo numero AVS Stato del progetto al 1 novembre 2007 Introduzione del nuovo numero AVS 1 L utilizzazione graduale del nuovo numero nell assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (AVS), nell assicurazione

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale Aggiornamento 2010 Disposizioni UE sulla sicurezza sociale I diritti di coloro che si spostano nell Unione europea ANNI di coordinamento UE in materia di sicurezza sociale Commissione europea Disposizioni

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Questa pubblicazione presenta

Questa pubblicazione presenta Un Quadro Un Quadro Questa pubblicazione presenta un quadro delle più importanti caratteristiche dei programmi Social Security, Supplemental Security Income (SSI) e Medicare. Potrete trovare informazioni

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Promemoria 21. Maggiore età

Promemoria 21. Maggiore età Promemoria 21 Molte persone in formazione compiono 18 anni durante la formazione professionale di base, diventando quindi maggiorenni. Questo comporta diversi cambiamenti a livello giuridico, sia per le

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

Swiss Life Flex Save Uno/Duo. Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia

Swiss Life Flex Save Uno/Duo. Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia Swiss Life Flex Save Uno/Duo Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia Approfittate di una moderna assicurazione di risparmio con prestazioni garantite e opportunità di rendimento Swiss Life Flex

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Vivere e lavorare in Italia

Vivere e lavorare in Italia Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali EURES - Italia Vivere e lavorare in Italia Una breve guida per cittadini EU interessati a trasferirsi in Italia Marzo 2010 VIVERE E LAVORARE IN ITALIA L Italia

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

1.06 Stato al 1 gennaio 2010

1.06 Stato al 1 gennaio 2010 1.06 Stato al 1 gennaio 2010 Armonizzazione dei registri I dati personali indicati sul nuovo certificato AVS sono corretti? Il nuovo certificato AVS 1 Con l introduzione del nuovo numero di assicurato

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

Visione chiara anche dei casi di malattia. Assicurazione per perdita di guadagno secondo la LAMal.

Visione chiara anche dei casi di malattia. Assicurazione per perdita di guadagno secondo la LAMal. Visione chiara anche dei casi di malattia. Assicurazione per perdita di guadagno secondo la LAMal. Da ora tutto sarà più semplice. Con Sympany. Sympany: l assicurazione simpaticamente diversa. Sympany

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS

3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS 3.07 Prestazioni dell AVS Apparecchi acustici dell AVS Stato al 1 gennaio 2015 In breve I beneficiari di rendite di vecchiaia e di prestazioni complementari all AVS/AI che risiedono in Svizzera e sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr)

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) 3.6. Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) del 22 giugno 2006 I. Disposizioni generali Art.

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli