Vi ringraziamo per la Vostra attenzione e aspettiamo le Vostre preziose osservazioni.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vi ringraziamo per la Vostra attenzione e aspettiamo le Vostre preziose osservazioni."

Transcript

1 "Professionalità per il terzo settore" OGGETTO: invio della newsletter mensile. Gentili Signore e Signori, l associazione Legale nel Sociale è stata lieta di ricevere così tanti positivi riscontri all invio del n. 01 della newsletter di giugno. Vi ringraziamo dell entusiasmo trasmessaci e dei complimenti, che fanno sempre molto piacere. Quindi sempre più fiduciosi di fare una cosa utile e di qualità vi inviamo il numero 02 della newsletter di luglio 2006 e augurandovi buone ferie estive vi diamo appuntamento per un numero doppio intorno alla metà di settembre Per info Vi ringraziamo per la Vostra attenzione e aspettiamo le Vostre preziose osservazioni. Cari saluti. Avv. Marco Carlizzi, Avv. Antonio Isoldi, Avv. Daria Polidoro, Dott. Paolo Giuliani, Avv. William Di Cicco, Avv. Raffaello Cotturone, Avv. Valentina Di Vincenzo, Avv. Elena Gloria, Avv. Emiliano Rossi, Avv. Camilo Zufelato, Dott. Simona Barbaliscia, Dott. Chiara Porta e Dott. Mirko Zilli. Newsletter n. 02 luglio 2006 IMPRESA DIRITTO ED ETICA COOPERATIVE: AGEVOLAZIONI FISCALI. Corte di Cassazione, Sezione tributaria, sentenza n del 17 febbraio La Corte ha deciso di attivare la particolare procedura prevista in ambito comunitario, chiedendo alla Commissione europea di verificare se una serie di agevolazioni fiscali previste dalla normativa italiana a favore delle società cooperative si configurino come aiuti di Stato, in quanto tali non consentiti dalla normativa comunitaria. Inoltre la Corte ha chiesto quali siano gli elementi in base ai quali valutare la loro compatibilità con il mercato comune. Una decisione negativa della Commissione in materia di aiuti di Stato avrebbe nell'ordinamento nazionale italiano, efficacia prevalente rispetto alla norma di diritto interno eventualmente risultante in conflitto. Nel mirino della Corte è finito un ampio spettro di

2 agevolazioni incluse quelle destinate alle cooperative operanti nel settore creditizio (le Banche Popolari). RESPONSABILITA' DEGLI ENTI E MISURE CAUTELARI. Corte Cassazione Sezione II penale sentenza n del 22 marzo Il giudice può disporre il sequestro preventivo dei beni nei confronti di una persona giuridica (nel caso particolare somme depositate sui conti correnti bancari intestati a una società) in base all'articolo 53 del decreto legislativo n. 231 / 2001 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, a norma dell art. 11 della L. 29 settembre 2000, n Per applicare la misura preventiva il giudice non deve verificare che vi sia pericolo per il trascorrere del tempo richiesto per lo svolgimento del processo (periculum in mora) né la presenza di gravi indizi di colpevolezza apparendo invece sufficiente l'astratta configurabilità dell'illecito penale nella condotta posta in essere da un soggetto riconducibile alla società medesima. Appaiono dunque non particolarmente rigorosi i vincoli quando il giudice si trovi ad applicare la misura cautelare contro una società (fonte "Il Sole 24 ore" del 28 maggio 2006). * * * CITTADINI EXTRACOMUNITARI (ASILO, RIFUGIO, SOGGIORNO, ESPULSIONE, NUOVI DIRITTI). ORDINE DI ALLONTANAMENTO E OBBLIGO DI MOTIVAZIONE. Corte di Cassazione, Sezione I penale sentenza 15 marzo 2006 n Perché sia configurabile il reato previsto dal Testo Unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell immigrazione e norme sulla condizione dello straniero (d.lvo. n. 286 / 1998) stranieri previsto a carico del cittadino extracomunitario che sebbene raggiunto dall'ordine del questore di lasciare il territorio nazionale, vi si trattenga senza giustificato motivo, è necessario che l'ordine sia motivato. Diversamente l'ordine va disapplicato e il reato non si configura. TRADUZIONE DEGLI ATTI DEL PROCESSO PENALE Tribunale penale di Bologna, Sezione riesame, ordinanza 11 maggio Quando, prima dell'emissione dell'ordinanza di custodia cautelare si accerta che l'indagato non conosce la lingua italiana, il g.i.p. ha l'obbligo di disporre la traduzione del provvedimento a pena di nullità insanabile rilevabile anche d'ufficio (artt. 178 lett. c e 180 c.p.p.). Il Tribunale ha richiamato il contenuto di due sentenze della Corte Costituzionale (n. 10 / 1993 e n. 64 / 1994) che hanno rilevato che l art. 143 c.p.p. impone che si proceda alla nomina dell interprete o del traduttore immediatamente alla constatazione della mancata conoscenza della lingua italiana da parte della persona nei cui confronti si procede. A conforto della propria pronuncia anche la sentenza della Corte di Cassazione n del 24 settembre 2003 che ha affermato che l art. 143 c.p.p. non possa non trovare applicazione anche per l ordinanza di custodia cautelare in carcere che per il suo contenuto e i suoi effetti rientra fra quegli atti per i quali a pieno titolo deve essere assicurata la pienezza del diritto di difesa considerato che l'indagato deve conoscere gli addebiti nella loro interezza (fonte Il Quotidiano giuridico IPSOA 29 maggio 2006). REVOCA PERMESSO DI SOGGIORNO E REATI IN MATERIA DI DIRITTO D'AUTORE.

3 La Corte Costituzionale con la sentenza n. 240 del 22 giugno 2006 ha respinto in quanto infondata la questione di legittimità costituzionale relativamente all'art. 26, comma 7 bis del decreto legislativo 25 luglio 1998 n. 286 (Testo Unico sull immigrazione e sulle condizioni dello straniero) nella parte in cui la disposizione stabilisce che in caso di condanna passata in giudicato per uno dei reati previsti dal Titolo III Capo III, Sezione II della legge n. 633 / 1941 relativi alla tutela del diritto d'autore e dagli articoli 473 (Contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi di opere dell'ingegno o di prodotti industriali) e 474 (Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi) del codice penale comporta la revoca del permesso di soggiorno rilasciato allo straniero e l'espulsione dello stesso con accompagnamento alla frontiera. Il giudizio nel cui ambito è stata sollevata la questione di legittimità costituzionale ha riguardato il caso di un cittadino extracomunitario titolare di permesso di soggiorno per motivi di lavoro autonomo condannato con sentenza divenuta irrevocabile, per il reato di cui all art. 171-ter, lettera b) della legge 22 aprile 1941, n. 633 sul diritto di autore, poiché trovato in possesso di centodiciannove musicassette, da altri abusivamente duplicate o riprodotte, destinate alla vendita (Fonte "Il Quotidiano giuridico" IPSOA del 23 giugno 2006). DIRITTI DELLA PERSONA * * * DANNO DA IRRAGIONEVOLE DURATA DEL PROCESSO E CONDOTTA DELLE PARTI Corte di Cassazione, Sezione I civile sentenza 13 aprile 2006 n Non ricorrono gli estremi per potere ottenere il risarcimento del danno non patrimoniale a causa della irragionevole durata del processo quando il giudice riscontri l'esistenza di elementi idonei ad escludere l'esistenza di un pregiudizio. Nel caso esaminato la durata del processo era da ricondurre alla condotta delle parti le quali si erano limitate a formulare richieste di rinvio, le parti inoltre avevano determinato l'estinzione del giudizio per inattività considerato che erano pervenute a una definizione del contenzioso a seguito di una transazione stragiudiziale. DIRITTO ALLA PENSIONE DEL TRANSESSUALE IN BASE AL SESSO ACQUISITO. Corte Europea dei diritti dell'uomo sentenza 23 maggio 2006 n Il Regno Unito ha violato l'art. 8 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo avendo negato a un transessuale divenuto donna il diritto alla pensione al raggiungimento dell'età prevista per il sesso femminile acquisito, dando prevalenza invece al sesso biologico. Dunque l età pensionabile a cui fare riferimento deve tenere conto del sesso del lavoratore al momento in cui questi presenta la domanda per il pensionamento e non di quello posseduto alla nascita e successivamente mutato. Negare il diritto alla pensione prevista per le donne al transessuale che ne faccia richiesta, giustificando il rifiuto col sesso biologico, viola il diritto di ogni individuo a non essere discriminato in ragione del sesso e configge con la normativa comunitaria. DIRITTO AL NOME E TARDIVO RICONOSCIMENTO PATERNO. Corte di Cassazione, Sezione I civile, sentenza 26 maggio 2006 n Il cognome nell'ordinamento giuridico italiano assolve sia alla funzione pubblicistica di tutela della famiglia consentendo ai suoi componenti di essere identificati come tali, sia ad una funzione privatistica quale strumento di identificazione della persona e connotato della sua identità personale. Nel caso di filiazione naturale, mancando una famiglia da tutelare, la funzione del cognome è principalmente privatistica nel senso precisato, ne consegue che nel caso di minore preventivamente riconosciuto

4 dalla madre, il giudice dovrà valutarne l'interesse in presenza di modificazione del cognome per successivo riconoscimento paterno, non solo verificando se dalla attribuzione del cognome del padre possa derivare un pregiudizio al minore per la cattiva reputazione del padre ma anche nel caso in cui il cognome della madre sia assurto ad autonomo segno distintivo della identità personale del minore stesso. AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO E INCAPACITA' Corte di Cassazione, Sezione I civile, sentenza 12 giugno 2006 n L'amministrazione di sostegno, figura introdotta nell'ordinamento dall'articolo 3 della legge n. 6 / 2004, ha lo scopo di offrire a chi si trovi nella impossibilità, anche parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi uno strumento flessibile di assistenza che ne sacrifichi nella minor misura possibile la capacità di agire. Si distingue dalla interdizione e dalla inabilitazione non già per il diverso e meno intenso grado di infermità a cui si riferisce quanto piuttosto alla maggiore idoneità di tale strumento di adeguarsi alle esigenze del soggetto. E' il giudice che deve valutare la conformità della misura alle suddette esigenze, tenuto conto del tipo di attività che deve essere compiuta per conto del beneficiario. Nel caso in questione la Cassazione ha chiarito che l'amministratore di sostegno può essere nominato anche in caso di soggetto completamente incapace. * * * FISCO CONTABILITA' PREVIDENZA E LAVORO COOPERATIVE A MUTUALITA' PREVALENTE E ACCERTAMENTI FISCALI Corte di Cassazione, Sezione Tributaria sentenza 6 marzo 2006 n L'amministrazione finanziaria può disconoscere le agevolazioni fiscali attribuite alle cooperative a mutualità prevalente, nel caso in cui accerti che la cooperativa costituisce invero una struttura che ha la finalità di coprire una attività imprenditoriale. Ove in possesso di elementi certi in merito alla vera natura dell'ente l'erario può superare la presunzione di spettanza delle agevolazioni fiscali riferita a dati formali e apparenti. DISCRIMINAZIONI BASATE SUL SESSO NELLA PROGRESSIONE DI CARRIERA Corte di Cassazione, Sez. Lavoro sentenza 18 maggio 2006 n Per i comportamenti discriminatori di carattere collettivo basati sul sesso l art. 4 della legge n. 125 / 1991 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna nel lavoro attribuisce ai lavoratori una tutela interdittiva che si basa su di un ordine del giudice al datore di lavoro di definire un piano di rimozione delle discriminazioni accertate. La legge di per sé però non comporta l attribuzione diretta e immediata al soggetto discriminato di una specifica progressione in carriera, per la cui tutela si richiama essenzialmente l'eliminazione del comportamento illegittimo adottato dal datore di lavoro. RIDUZIONE DEGLI ONERI SOCIALI PER LE ONLUS L'INPS corregge la propria precedente circolare n. 3 / 06 con la quale aveva interpretato l'art. 1, comma 361 della legge finanziaria per il La disposizione prevede infatti una riduzione dei contributi per le prestazioni temporanee (assegno per il nucleo familiare, malattia, maternità, cassa integrazione e indennità di disoccupazione), lo sconto si ottiene cominciando a ridurre la percentuale dei contributi per l'assegno al nucleo familiare (CUAF) se il contributo CUAF non è sufficiente a contenere lo sconto si passa a ridurre i contributi per le altre prestazioni temporanee (cominciando dai contributi per maternità e disoccupazione) in ogni caso non si può ridurre il contributo destinato al fondo di garanzia per il TFR.

5 La prima interpretazione dell'inps aveva sostenuto che se l'ente non era tenuto a versare il contributo CUAF lo sconto non potesse essere comunque applicato agli altri contributi per prestazioni temporanee, veniva così negato lo sconto a tutti quei datori esonerati dal versamento del contributo CUAF in quanto eroganti in proprio ai propri dipendenti i trattamenti di famiglia in misura non inferiore ai minimi di legge, tra questi soggetti rientrano anche le ONLUS. L'interpretazione è stata modificata recentemente e lo sconto sui contributi per le prestazioni temporanee diverse dagli assegni familiari è stata estesa con decorrenza dal 1 gennaio 2006 anche a quei soggetti come le ONLUS non tenute al versamento del contributo CUAF (fonte il Sole 24 ore 23 maggio 2006). DISABILITA' E AGEVOLAZIONI FISCALI PER L'ACQUISTO DI AUTOVETTURA Agenzia delle Entrate risoluzione 16 maggio 2006 n. 66 / E Il caso ha riguardato un genitore con due figli disabili fiscalmente a carico il quale ha proposto interpello all'autorità fiscale. Positiva la risposta dell'agenzia che ha riconosciuto spettanti le agevolazioni fiscali per l'acquisto delle autovetture per ciascuno dei figli disabili sostenute dal genitore del quale erano fiscalmente a carico. Le agevolazioni consistono in un'aliquota IVA ridotta e nella possibilità di fruire di una detrazione di imposta ai fini IRPEF pari al 19% della spesa sostenuta, la detrazione compete una sola volta nell'arco di quattro anni e nel limite di spesa di ,99 euro. RIFIUTO DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA E TUTELA DELLA SALUTE Corte di Cassazione, Sezione lavoro, sentenza n del 18 maggio E giustificato e quindi lecito il rifiuto del lavoratore dipendente a svolgere la propria prestazione lavorativa a causa delle condizioni di oggettiva insalubrità e pericolosità dell'ambiente di lavoro. La Cassazione ha applicato nel caso l'articolo 1460 del Codice Civile in base al quale nei contratti a prestazioni corrispettive ogni contraente si può rifiutare di adempiere la sua obbligazione se l'altra non adempie o non offre di adempiere la propria. In questo caso sul datore di lavoro fa carico in base all'articolo 2087 del Codice Civile l'obbligo di adottare in via preventiva tutte le misure più opportune per tutelare l'integrità fisica e morale del lavoratore. (Fonte "Il Sole 24 ore" del 12 giugno 2006). AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE ALLE COOPERATIVE PER I SOCI LAVORATORI DIPENDENTI L'INPS con la circolare n. 77 del 25 maggio 2006 ha rivisto il proprio orientamento negativo in merito alla concessione di agevolazioni contributive a favore delle cooperative di lavoro. La modifica della posizione avviene a seguito della pronuncia del Ministero del Lavoro a due interpelli. Il Ministero ha così ritenuto che possano accedere ai benefici contributivi previsti dall'art. 8, commi 2 e 4 della legge n. 223 / 1991 (agevolazioni contributive previste nel caso di assunzione a tempo determinato ovvero indeterminato di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità) e dall'art. 8, comma 9 della legge n. 407/1990 (abbattimento del 50% dei contributi previdenziali e assistenziali per trentasei mesi, nel caso di assunzione con contratto a tempo indeterminato di lavoratori disoccupati da almeno 24 mesi ovvero sospesi dal lavoro e beneficiari di trattamento straordinario di integrazione salariale da 24 mesi) anche le cooperative di lavoro con riferimento ai soci lavoratori con i quali, in base a quanto previsto dalla legge n. 142 / 2001 Revisione della legislazione in materia cooperativistica, con particolare riferimento alla posizione del socio lavoratore la cooperativa stessa stabilisca, successivamente all'instaurazione del rapporto associativo, un rapporto di lavoro subordinato finalizzato al raggiungimento dello scopo sociale.

6 LICENZIAMENTO E OFFESE RECIPROCHE Corte di Cassazione, Sezione lavoro, sentenza n del 25 maggio Il comportamento offensivo del dipendente nei confronti di un proprio superiore non può essere oggetto di sanzione quando costituisca reazione a un comportamento provocatorio dell'altro soggetto. Nel caso in questione un lavoratore aveva risposto con espressioni offensive a un proprio superiore che lo aveva però in precedenza offeso ledendolo nella sua dignità e personalità. Il comportamento altrimenti sanzionabile fino al licenziamento disciplinare è stato invece ritenuto lecito e quindi non perseguibile. CALL CENTER E CONTRATTO A PROGETTO Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale circolare n. 17 / 2006 del 14 giugno Il Ministro ha fornito indicazioni operative per l'attività ispettiva relativamente al lavoro svolto nei call center sotto forma di collaborazioni a progetto. In particolare si distingue tra due tipologie di prestazioni quella in bound nell'ambito della quale il lavoratore è tenuto a rispondere alle chiamate di terzi svolgendo una attività ordinaria di ricezione delle telefonate che presuppone un rapporto di lavoro subordinato; a tale tipologia si contrappone quella out bound in cui è il lavoratore il quale nell'ambito di una specifica e singola campagna è tenuto a effettuare chiamate all'utenza, in questo caso la durata della campagna costituisce il termine esterno che determina la lunghezza e giustifica la presenza di un progetto tipica appunto del relativo contratto di collaborazione. Associazione Legale nel Sociale c/o Studio Legale Isoldi Via Tibullo, Roma T e F Note legali. AVVISO A NORMA DELL'ARTICOLO 1 DEL DECRETO LEGGE 22 MARZO 2004, N.72, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI CON LEGGE 21 MAGGIO 2004, N.128 La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento presenti su questa Newsletter è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge. E' libera la citazione dell'opera a scopo scientifico e la riproduzione, anche parziale, ad uso didattico. *** INFORMATIVA A NORMA DELL'ARTICOLO 13 DEL CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003, N.196) I dati personali trattati sono esclusivamente costituiti dall'indirizzo di posta elettronica. Si intenderà rilasciato il consenso all utilizzo dall'interessato in mancanza di richiesta di cancellazione. I dati sono trattati con strumenti elettronici. Non sono trattati altri dati e non sono utilizzati cookies. Per l'esercizio dei diritti previsti dall'articolo 7 del Codice privacy è possibile scrivere La cancellazione del proprio indirizzo di posta elettronica dall'archivio e pertanto il rifiuto a ricevere la newsletter di Legale nel

7 Sociale può essere compiuto e manifestato direttamente dall'interessato cliccando rispondi a questa mail e inviando un messaggio con scritto cancella. Siamo comunque a disposizione per qualsiasi chiarimento.

LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE

LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE LAVORO, PRESTAZIONI SOCIALI E DISCRIMINAZIONE Padova, marzo 2013 Avv. Alberto Guariso www.studiodirittielavoro.it Qualche premessa: Parliamo della discriminazione non in senso di stigma sociale, ma di

Dettagli

Dalle Notizie in evidenza

Dalle Notizie in evidenza Dalle Notizie in evidenza Decreto legislativo 13 febbraio 2014 n. 12 Attuazione della direttiva 2011/51/UE che modifica la direttiva 2003/109/CE del Consiglio per estendere l ambito di applicazione ai

Dettagli

DICHIARAZIONI PER IMPRESE CONSORZIATE PER LE QUALI IL CONSORZIO DI CUI ALL ART. 34, COMMA 1, LETTERA B) D. LGS. 163/2006 HA DICHIARATO DI CONCORRERE

DICHIARAZIONI PER IMPRESE CONSORZIATE PER LE QUALI IL CONSORZIO DI CUI ALL ART. 34, COMMA 1, LETTERA B) D. LGS. 163/2006 HA DICHIARATO DI CONCORRERE Allegato 4 DICHIARAZIONI PER IMPRESE CONSORZIATE PER LE QUALI IL CONSORZIO DI CUI ALL ART. 34, COMMA 1, LETTERA B) D. LGS. 163/2006 HA DICHIARATO DI CONCORRERE Il sottoscritto nato il a in qualità di dell

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

Scheda A Domanda di partecipazione

Scheda A Domanda di partecipazione Procedura aperta per il servizio di tesoreria per il Consiglio regionale dell Abruzzo. CIG 6378273D60 La società rappresentata da nato a il residente a in C.F. in qualità di 1 denominazione/sede legale

Dettagli

SCHEDA SINTETICA "Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo" ART. 65, 66 LEGGE 448/1998

SCHEDA SINTETICA Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo ART. 65, 66 LEGGE 448/1998 SCHEDA SINTETICA "Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo" ART. 65, 66 LEGGE 448/1998 SCOPO E OBIETTIVO La legge in esame, in particolare l art. 65 e 66, concerne l erogazione di

Dettagli

Tutela e diritti dei passeggeri di voli aerei: negato imbarco, cancellazione, ritardo e sistemazione in classe superiore o inferiore

Tutela e diritti dei passeggeri di voli aerei: negato imbarco, cancellazione, ritardo e sistemazione in classe superiore o inferiore Abstract Tribunale Bologna 24.07.2007, n.7770 - ISSN 2239-7752 Tutela e diritti dei passeggeri di voli aerei: negato imbarco, cancellazione, ritardo e sistemazione in classe superiore o inferiore 09 maggio

Dettagli

I DIRITTI DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI

I DIRITTI DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI I DIRITTI DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI di Nazzarena Zorzella (avvocata di Bologna) Associazione per gli studi giuridici sull immigrazione (ASGI) Fonti Normative Principi per il trattamento dello

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per

Interruzione della gravidanza L interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, verificatasi durante i primi 90 giorni di gravidanza e per Congedo di maternità Estensione del divieto, interruzione della gravidanza, flessibilità del congedo di maternità, documentazione, trattamento economico e normativo, mobilità, prolungamento del diritto

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA relativa all assegnazione di locali di proprietà pubblica in Via Spina 11/2 - Bologna nel periodo 2012-16

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA relativa all assegnazione di locali di proprietà pubblica in Via Spina 11/2 - Bologna nel periodo 2012-16 ALLEGATO 2 (da inserire nella BUSTA A) AL COMUNE DI BOLOGNA QUARTIERE SAVENA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA relativa all assegnazione di locali di proprietà pubblica in Via Spina 11/2 - Bologna nel periodo

Dettagli

PERMESSO CE soggiornanti lungo periodo (art. 9 TU)

PERMESSO CE soggiornanti lungo periodo (art. 9 TU) PERMESSO CE soggiornanti lungo periodo (art. 9 TU) Lo straniero in possesso: - da almeno cinque anni, di un permesso di soggiorno valido - che ha reddito non inferiore all'assegno sociale annuo - di alloggio

Dettagli

volume d affari capitale sociale

volume d affari capitale sociale Modello A Stazione appaltante: Comune di Isernia Piazza Marconi 86170 Isernia (IS) OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER LA REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE EX SCUOLA COMUNALE IN LOCALITA

Dettagli

ORDINANZA N. 252 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Giuseppe TESAURO

ORDINANZA N. 252 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Giuseppe TESAURO ORDINANZA N. 252 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Giuseppe TESAURO Presidente - Paolo Maria NAPOLITANO Giudice - Giuseppe FRIGO

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

Allegato A all offerta preventivo

Allegato A all offerta preventivo Allegato A all offerta preventivo Al Comune di Montecchio Emilia piazza Repubblica, 1 42027 Montecchio Emilia (RE) OGGETTO: ISTANZA DI PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA APERTA PER L ASSEGNAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

PROCEDURA NEGOZIATA IN ECONOMIA PER L AFFIDAMENTO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER LA PROMOZIONE DELLA DONAZIONE DI ORGANI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

PROCEDURA NEGOZIATA IN ECONOMIA PER L AFFIDAMENTO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER LA PROMOZIONE DELLA DONAZIONE DI ORGANI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA PROCEDURA NEGOZIATA IN ECONOMIA PER L AFFIDAMENTO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER LA PROMOZIONE DELLA DONAZIONE DI ORGANI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (la presente dichiarazione, rilasciata anche ai sensi

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 46 e 47 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 46 e 47 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (Art. 46 e 47 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000) Il sottoscritto, nato a (prov. ) il e residente a in Via

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA E BENEFICI DELLA LEGGE 104 QUESITO (posto in data 26 marzo 2014) Sono un dirigente medico di sessanta anni, con trentacinque anni di anzianità. In seguito a gravi patologie mi è stata

Dettagli

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa;

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa; N. 00247/2013 REG.PROV.COLL. N. 01214/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Ministero dell ambiente e della tutela del territori e del mare

Ministero dell ambiente e della tutela del territori e del mare Ministero dell ambiente e della tutela del territori e del mare DIREZIONE GENERALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE, IL CLIMA E L ENERGIA ISTANZA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PER L ANALISI DELL IMPRONTA

Dettagli

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI

Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI Speed Date Previdenziale ASPI MINI ASPI I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

Foglio interno per l informazione agli iscritti

Foglio interno per l informazione agli iscritti Marzo 2008 In allegato inviamo copia della circolare n. 2/2008 emessa dalla Cassa Mutua Nazionale per il Personale delle Banche di Credito Cooperativo ed avente per oggetto Trattamento fiscale dei contributi

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni IMMIGRAZIONE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Campania Legge della Regione Campania 8 febbraio 2010, n. 6 recante Norme per l inclusione sociale, economica e culturale

Dettagli

Disabilità e Inidoneità Il punto di vista del lavoratore. Avv. Roberta Palotti. 22 Settembre 2015

Disabilità e Inidoneità Il punto di vista del lavoratore. Avv. Roberta Palotti. 22 Settembre 2015 Disabilità e Inidoneità Il punto di vista del lavoratore Avv. Roberta Palotti 1 22 Settembre 2015 Congedo ex art. 7, d.lgs. n. 119/2011 diritto ai lavoratori disabili - con invalidità superiore al 50%

Dettagli

Bando di gara per l affidamento dei servizi di comunicazione del palinsesto di Expo in città

Bando di gara per l affidamento dei servizi di comunicazione del palinsesto di Expo in città Bando di gara per l affidamento dei servizi di comunicazione del palinsesto di Expo in città MODELLO DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONI E DELL ATTO DI NOTORIETA DEI REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

ALLEGATO 2) CIG: Z5C0B3412A CUP: F79G13000370005

ALLEGATO 2) CIG: Z5C0B3412A CUP: F79G13000370005 ALLEGATO 2) DICHIARAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA MEDIANTE COTTIMO FIDUCIARIO PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO PER GLI STUDENTI PENDOLARI RESIDENTI NEL COMUNE DI

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze

Ministero dell'economia e delle Finanze n. 146762 Ministero dell'economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE GENERALE, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI Direzione del Personale IL CAPO DIPARTIMENTO VISTO il decreto legislativo 30 marzo

Dettagli

Corte Costituzionale Sentenza del 9 aprile 1969, n. 68

Corte Costituzionale Sentenza del 9 aprile 1969, n. 68 Corte Costituzionale Sentenza del 9 aprile 1969, n. 68 Ritenuto in fatto. - Con citazione del 21 settembre 1967 proposta col rito speciale delle controversie individuali di lavoro, M. C. conveniva in giudizio

Dettagli

La/Il sottoscritta/o inoltra istanza ai sensi del CAPO II, sezione I della legge regionale n. 45 del 2 agosto 2013, per:

La/Il sottoscritta/o inoltra istanza ai sensi del CAPO II, sezione I della legge regionale n. 45 del 2 agosto 2013, per: ALLEGATO A Legge regionale n. 45 del 2 agosto 2013 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale ISTANZA

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal Direttore del Dipartimento/Centro o Preside

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE A PROCEDURA APERTA (non soggetta ad autenticazione né ad imposta di bollo ai sensi della legge n.

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE A PROCEDURA APERTA (non soggetta ad autenticazione né ad imposta di bollo ai sensi della legge n. (modulo istanza di partecipazione Documento di cui al punto 17, lettera a del Bando) ISTANZA DI PARTECIPAZIONE A PROCEDURA APERTA (non soggetta ad autenticazione né ad imposta di bollo ai sensi della legge

Dettagli

- SCHEMA TIPO - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE A CORREDO DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA

- SCHEMA TIPO - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE A CORREDO DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA - SCHEMA TIPO - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE A CORREDO DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA All AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA Via S. Agostino, 7 67100 L AQUILA LAVORI DI SISTEMAZIONE

Dettagli

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir.

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir. RISOLUZIONE N. 153/E Roma, 11 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1,

Dettagli

OGGETTO: Legge 104/1992 art. 33 comma 3 (assistenza al parente con disabilità grave)

OGGETTO: Legge 104/1992 art. 33 comma 3 (assistenza al parente con disabilità grave) Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo S. Francesco di Paola - Messina OGGETTO: Legge 104/1992 art. 33 comma 3 (assistenza al parente con disabilità grave) Il/La sottoscritt nat a prov. ( ) il, qualifica

Dettagli

ALLEGATO N. 2 INOLTRA

ALLEGATO N. 2 INOLTRA Domanda di partecipazione alla gara per l affidamento in concessione del servizio di installazione e gestione di distributori automatici di bevande calde, fredde e alimenti preconfezionati presso l INGV

Dettagli

DATI RELATIVI AL/AI BAMBINO/I PER CUI SI RICHIEDE L ASSEGNO 1.COGNOME/NOME COD.FISCALE. FIGLIO NATURALE ADOTTIVO AFFIDATO ABBANDONATO dalla madre

DATI RELATIVI AL/AI BAMBINO/I PER CUI SI RICHIEDE L ASSEGNO 1.COGNOME/NOME COD.FISCALE. FIGLIO NATURALE ADOTTIVO AFFIDATO ABBANDONATO dalla madre Comune di Fabriano SETTORE SERVIZI AL CITTADI Ufficio Servizi Sociali Domanda per la richiesta dell assegno di maternità ai sensi dell art.66 della legge 448/98 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

DICHIARA. che l Impresa è iscritta nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio di.. per la seguente attività...

DICHIARA. che l Impresa è iscritta nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio di.. per la seguente attività... Modello Dich.WiFi Al Comune di Monza "GARA ESPLORATIVA PROGETTO WIFI MONZA" Il sottoscritto nato a il Codice Fiscale residente nel Comune di Provincia Stato Via/Piazza n. nella sua qualità di dell Impresa

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.

Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri. Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento. Alcune norme a tutela dei cittadini stranieri Fonti: rivista Diritto e Pratica del Lavoro, Altalex, Di Elle, www.ipsoa.it, www.parlamento.it 1 Soggiorno per motivi di protezione sociale. (Legge 6 marzo

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

MODELLO B AUTOCERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE

MODELLO B AUTOCERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE MODELLO B AUTOCERTIFICAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE Al Comune di Vittorio Veneto Piazza del Popolo, n. 14 31029 VITTORIO VENETO (TV) Oggetto: Procedura aperta per l affidamento della

Dettagli

OGGETTO: Procedura Aperta per affidamento servizi assicurativi patrimonio Alsia

OGGETTO: Procedura Aperta per affidamento servizi assicurativi patrimonio Alsia Spett.le ALSIA Viale Carlo Levi, 6 75100 MATERA OGGETTO: Procedura Aperta per affidamento servizi assicurativi patrimonio Alsia Codice CIG: 5729367736 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA DI GARA E

Dettagli

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI C O M U N E PROVINCIA D I S E N N O R I DI SASSARI ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI ASSEGNO DI MATERNITA' ANNO 2012 L assegno è stato istituito dall art.66 della legge n.448/98 con effetto dal 01.01.1999

Dettagli

C CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre 2007).

C CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre 2007). C CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,07 marzo 2008 OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima) N. 00018/2016 REG.PROV.COLL. N. 00651/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima) ha pronunciato la presente

Dettagli

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro

Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Legge 9 dicembre 1977, n. 903 (G.U. 17.12.1977 n. 343) Parità di trattamento tra uomini e donne in materia di lavoro Art. 1 1. E vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI E/O PRESTATORI DI SERVIZI

MODULO DI ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI E/O PRESTATORI DI SERVIZI MODULO DI ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI DICHIARAZIONE SOSTITU TIVA DI CERTIFICAZIO NE IL SOTTOSCRITTO/A IN QUALITÀ DI TITOLARE/LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA.... CON SEDE LEGALE IN PROVINCIA. VIA....

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO PROVINCIA DI COSENZA AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

COMUNE DI MENDICINO PROVINCIA DI COSENZA AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA CONNETTIVITA WIFI DI AREE DEL TERRITORIO COMUNALE DI MENDICINO OGGETTO DELLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE : Il Comune di Mendicino intende individuare

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONI DELL IMPRESA CONCORRENTE

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONI DELL IMPRESA CONCORRENTE 1 Progetto Città della Scienza 2.0: nuovi prodotti e servizi dell economia della conoscenza finanziato dal MIUR a valere sulle risorse del Fondo Integrativo Speciale per la Ricerca (FISR) Delibera CIPE

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE ISTANZA DI PARTECIPAZIONE MODELLO DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONI E DELL ATTO DI NOTORIETÀ (AI SENSI DEGLI ARTT.46 E 47 DEL D.P.R. N.445/2000), DA COMPILARE E SOTTOSCRIVERE DA PARTE DELL

Dettagli

Indice degli argomenti trattati:

Indice degli argomenti trattati: LE ADOZIONI E GLI ADEMPIMENTI DELL'UFFICIALE DI STATO CIVILE E ANAGRAFE. Donato Berloco Volume di circa 300 pagine Euro 36,00 (10% sconto abbonati Lo Stato Civile Italiano ) Sepel, Giugno 2011 Indice degli

Dettagli

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione p Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE PER L AMMINISTRAZIONE GENERALE E PER GLI UFFICI TERRITORIALI DEL GOVERNO Prot. n. M/2413/12 Roma, 7 agosto 2007 CIRCOLARE n. 30 - AI

Dettagli

Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Il sottoscritto nato il a in qualità di legale rappresentante dello studio associato ovvero di titolare dello studio professionale/ditta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 301/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 301/E QUESITO RISOLUZIONE N. 301/E Roma, 15 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di Interpello n. 954-787/2007 - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 INPS D.lgs. 21 aprile 1993,

Dettagli

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E

GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E GLI ACCORDI DEI CONIUGI IN SEDE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO E LE CONSEGUENZE SUL PIANO FISCALE. A CURA DELL AVV. RAFFAELLA DE VICO Premessa Diverse sono le questioni di rilevanza fiscale che possono sorgere

Dettagli

Esente da bollo ai sensi dell art. 37 - DPR 445/2000 OGGETTO: DOMANDA DI ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI FORNITORI E DEI PRESTATORI DI SERVIZI DI FIDUCIA

Esente da bollo ai sensi dell art. 37 - DPR 445/2000 OGGETTO: DOMANDA DI ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI FORNITORI E DEI PRESTATORI DI SERVIZI DI FIDUCIA Esente da bollo ai sensi dell art. 37 - DPR 445/2000 Spett.le Comunità Montana Alento Montestella Via Roma,1 palazzo Cagnano. 84050 Laureana Cilento (SA) Tel 0974 850511 fax 0974832498 Pec :posta@pec.alento-montestella.sa.it

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

TIPOLOGIA DI LICENZIAMENTO COSA PREVEDE il DECRETO DI ATTUAZIONE DEL JOBS ACT

TIPOLOGIA DI LICENZIAMENTO COSA PREVEDE il DECRETO DI ATTUAZIONE DEL JOBS ACT Scheda sul licenziamento nel contratto a tutele crescenti TIPOLOGIA DI LICENZIAMENTO COSA PREVEDE il DECRETO DI LICENZIAMENTO DISCRIMINATORIO, Reintegrazione: Il giudice, con la pronuncia NULLO E INTIMATO

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 26 giugno 2006

CIRCOLARE N. 25/E. Roma, 26 giugno 2006 CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 giugno 2006 OGGETTO: Trattamento fiscale delle prestazioni rese da fondi integrativi di previdenza costituiti presso gli enti di cui

Dettagli

DOMANDA DI PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge regionale 24 luglio 2007, n. 25 e regolamento regionale del 25 gennaio 2011, n. 1

DOMANDA DI PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge regionale 24 luglio 2007, n. 25 e regolamento regionale del 25 gennaio 2011, n. 1 Allegato 2) ZONA SOCIALE N. 6 DOMANDA DI PRESTITO SOCIALE D ONORE Legge regionale 24 luglio 2007, n. 25 e regolamento regionale del 25 gennaio 2011, n. 1 AL SINDACO DEL COMUNE DI Oggetto: DOMANDA DI PRESTITO

Dettagli

ALLEGATO B1 DICHIARA. Allega alla presente: - dichiarazioni di cui ai modelli C1 e D1; - curriculum professionale - documento di identità valido Firma

ALLEGATO B1 DICHIARA. Allega alla presente: - dichiarazioni di cui ai modelli C1 e D1; - curriculum professionale - documento di identità valido Firma ALLEGATO B1 MODELLO 1 - PROFESSIONISTA SINGOLO Al Comune di Todi UFFICIO PROTOCOLLO Piazza del Popolo 29/30, Todi 06059 Servizio VI Gestione del Territorio, Pianificazione e Sviluppo Economico OGGETTO:

Dettagli

ENTE CAPOFILA SAN GIORGIO DEL SANNIO AVVISO PUBBLICO

ENTE CAPOFILA SAN GIORGIO DEL SANNIO AVVISO PUBBLICO Prot. gen. N. 2918 del 23 febbraio 2015 ENTE CAPOFILA SAN GIORGIO DEL SANNIO AVVISO PUBBLICO ISTITUZIONE DI UN REGISTRO PUBBLICO DEL VOLONTARIATO SOCIALE NELL AMBITO DEL PROGETTO HOME CARE PREMIUM 2014

Dettagli

DICHIARAZIONE ex. Art. 38 D.Lgs. 163/06 e s.m.i. ai sensi del D.P.R. 445/2000

DICHIARAZIONE ex. Art. 38 D.Lgs. 163/06 e s.m.i. ai sensi del D.P.R. 445/2000 ALLEGATO 1 DICHIARAZIONE ex. Art. 38 D.Lgs. 163/06 e s.m.i. ai sensi del D.P.R. 445/2000 Spett.le Il sottoscritto..nato a... il residente in..alla_via..... C.F.: in qualita di...... dell Impresa......

Dettagli

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA [EAV Srl] [Oggetto: Manutenzione ordinaria delle opere edili delle officine/depositi ed i capolinea della divisione trasporto automobilistico di EAV

Dettagli

FAC-SIMILE DI DOMANDA PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DELLE IMPRESE DA INVITARE ALLE PROCEDURE DI COTTIMO FIDUCIARIO PER LAVORI PER L ANNO 2011

FAC-SIMILE DI DOMANDA PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DELLE IMPRESE DA INVITARE ALLE PROCEDURE DI COTTIMO FIDUCIARIO PER LAVORI PER L ANNO 2011 FAC-SIMILE DI DOMANDA PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DELLE IMPRESE DA INVITARE ALLE PROCEDURE DI COTTIMO FIDUCIARIO PER LAVORI PER L ANNO 2011 All Università degli Studi di Roma La Sapienza Rip. III Sett.

Dettagli

Appalto per l'affidamento del servizio mensa scolastica a favore degli alunni della scuola dell'infanzia.

Appalto per l'affidamento del servizio mensa scolastica a favore degli alunni della scuola dell'infanzia. IN CASO DI AVVALIMENTO DICHIARAZIONE DI IMPEGNO IMPRESA AUSILIARIA Al Comune di MANFREDONIA Appalto per l'affidamento del servizio mensa scolastica a favore degli alunni della scuola dell'infanzia. Il

Dettagli

Il/La sottoscritto/a inoltra istanza ai sensi del CAPO II, sezione I della legge regionale n. 45 del 2 agosto 2013, per:

Il/La sottoscritto/a inoltra istanza ai sensi del CAPO II, sezione I della legge regionale n. 45 del 2 agosto 2013, per: ALLEGATO C Legge regionale n. 45 del 2 agosto 2013 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale ISTANZA

Dettagli

Il sottoscritto.. nato il.. a... in qualità di. dell impresa... con sede in... codice fiscale. partita IVA n.. REA n.

Il sottoscritto.. nato il.. a... in qualità di. dell impresa... con sede in... codice fiscale. partita IVA n.. REA n. Marca da bollo ALLEGATO A Istituzione elenco delle Imprese e degli operatori professionali per l affidamento di forniture, lavori e servizi, a procedura negoziata ovvero in economia in relazione alle disposizioni

Dettagli

Domanda di iscrizione all albo fornitori per la sezione forniture di beni e servizi di cui all art. 125 del D. Lgs. 163/06.

Domanda di iscrizione all albo fornitori per la sezione forniture di beni e servizi di cui all art. 125 del D. Lgs. 163/06. Allegato B) Spett.le COMUNITA MONTANA DEL GEMONESE CANAL DEL FERRO E VALCANALE Via Pramollo 16 3016 Pontebba (UD) Inviare esclusivamente via PEC comunitamontana.gemonesecanaldelferrovalcanale@certgov.fvg.it,

Dettagli

Circolare Informativa n 16/2014

Circolare Informativa n 16/2014 Circolare Informativa n 16/2014 Cassa integrazione e compatibilità con lo svolgimento di attività lavorativa Casi di decadenza Pagina 1 di 6 INDICE Premessa pag. 3 1) Comunicazione preventiva pag. 3 2)

Dettagli

Avviso pubblico per la presentazione di progetti finanziati dal Fondo. Europeo per l Integrazione dei cittadini di Paesi terzi.

Avviso pubblico per la presentazione di progetti finanziati dal Fondo. Europeo per l Integrazione dei cittadini di Paesi terzi. Avviso pubblico per la presentazione di progetti finanziati dal Fondo Europeo per l Integrazione dei cittadini di Paesi terzi Annualità 2012 FAC SIMILE DOMANDA DI AMMISSIONE AL FINANZIAMENTO ED AUTODICHIARAZIONI

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO REVOCA DEI BENEFICI PREVISTI PER L ASSISTENZA DI UN CONGIUNTO DISABILE QUESITO (posto in data 27 giugno 2014) Sono un dirigente medico ospedaliero a tempo indeterminato. La mia Azienda mi ha

Dettagli

capitale sociale in durata della società data termine codice di attività OGGETTO SOCIALE:

capitale sociale in durata della società data termine codice di attività OGGETTO SOCIALE: MODELLO DI DICHIARAZIONE All AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO A.I.Po Ufficio Acquisti Via Garibaldi n. 75 43121 PARMA Oggetto: Iscrizione all Elenco degli operatori Economici per le forniture ed

Dettagli

Vi ringraziamo per la Vostra attenzione e aspettiamo le Vostre preziose osservazioni.

Vi ringraziamo per la Vostra attenzione e aspettiamo le Vostre preziose osservazioni. "Professionalità per il terzo settore" OGGETTO: proposta di invio della newsletter mensile. Gentili Signore e Signori, l associazione Legale nel Sociale è lieta di presentare il primo numero della newsletter

Dettagli

Pag. (Articoli estratti)... 175

Pag. (Articoli estratti)... 175 Normativa 1. Costituzione della Repubblica Italiana, approvata dall Assemblea Costituente il 22-12-1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato il 27-12-1947 ed entrata in vigore l 1-1-1948 (Articoli

Dettagli

Domanda per la richiesta dell assegno di maternità (ai sensi dell art.66 della legge 448/98)

Domanda per la richiesta dell assegno di maternità (ai sensi dell art.66 della legge 448/98) COMUNE DI IMPRUNETA (Provincia di Firenze) Servizio Affari Generali Ufficio Socio Educativo Domanda per la richiesta dell assegno di maternità (ai sensi dell art.66 della legge 448/98) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

Dettagli

Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero

Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero Profili fiscali dei rapporti di lavoro all estero Sonia Tripaldi Bologna, 15 maggio 2014 Indice degli argomenti La residenza fiscale dei lavoratori la disciplina prevista dal TUIR Analisi di alcuni documenti

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario MODELLO A Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA DI SELEZIONE DEI SOGGETTI A CUI AFFIDARE LE ATTIVITA DI INFORMAZIONE E ORIENTAMENTO PER LE

Dettagli

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di... DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO 1. Il sottoscritto/a. nato/a.. il..

Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di... DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO 1. Il sottoscritto/a. nato/a.. il.. Al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di... DOMANDA D AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO 1 Il sottoscritto/a nato/a.. il.. residente in (via). n.. CAP Città.. cittadinanza codice fiscale. n.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA.

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. OGGETTO: A -Legge n. 326/2003: disposizioni in materia di indennità di mobilità e di pensioni in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. B - Indennità di mobilità

Dettagli

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA

Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA Repubblica Italiana In Nome del Popolo Italiano Tribunale di Milano Sezione controversie di lavoro Nella persona della dott.ssa Giovanna Beccarini Crescenzi, in funzione di giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

ALLEGATO I AUTOCERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE UNICA RELATIVA AD APPALTO DI SERVIZI PER GESTIONE INFO-POINT. Il sottoscritto nato il.

ALLEGATO I AUTOCERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE UNICA RELATIVA AD APPALTO DI SERVIZI PER GESTIONE INFO-POINT. Il sottoscritto nato il. ALLEGATO I AUTOCERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE UNICA RELATIVA AD APPALTO DI SERVIZI PER GESTIONE INFO-POINT Il sottoscritto nato il a e residente a Via C.F. legale rappresentante dell Impresa /operatore economico

Dettagli

Risoluzione n. 78/E. Roma, 28 maggio 2004

Risoluzione n. 78/E. Roma, 28 maggio 2004 Risoluzione n. 78/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 maggio 2004 Oggetto: Richiesta di consulenza generica - deducibilità contributi versati al FASI da parte di contribuenti in pensione

Dettagli

ALLEGATO A); POSIZIONE ASSICURATIVA INAIL E RELATIVE VOCI DI RISCHIO;

ALLEGATO A); POSIZIONE ASSICURATIVA INAIL E RELATIVE VOCI DI RISCHIO; DIREZIONE GENERALE CENTRALE ORGANIZZAZIONE, PERSONALE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA SERVIZIO AMMINISTRAZIONE E GESTIONE IL RESPONSABILE ROVERSI ELENA TIPO ANNO NUMERO REG. PG/2015/52015 DEL 29/01/2015

Dettagli

DICHIARAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE

DICHIARAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE ALLEGATO A DICHIARAZIONI PER LA PARTECIPAZIONE Oggetto: Procedura aperta per il servizio di Tesoreria del Comune di Lezzeno (CO) per il periodo dal 01/01/2010 AL 31/12/2018 Il sottoscritto:.. Nato (luogo

Dettagli

Anno (indicare l anno di riferimento dell assunzione)

Anno (indicare l anno di riferimento dell assunzione) Allegato A Applicare marca da bollo da 14,62 (una ogni 4 pagine) Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà (artt. 46 e 47 del DPR.445/2000) DOMANDA DI AMMISSIONE AI FINANZIAMENTI

Dettagli