Resoconto del simposio. I luoghi della memoria nell area di confine. Dall autodescrizione nazionale all identità democratica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Resoconto del simposio. I luoghi della memoria nell area di confine. Dall autodescrizione nazionale all identità democratica"

Transcript

1 Resoconto del simposio I luoghi della memoria nell area di confine. Dall autodescrizione nazionale all identità democratica 5-8 luglio 2010 Trento / Rovereto

2 I musei della storia e i luoghi della memoria sono particolarmente cointeressati nella produzione e nel consolidamento di immagini storiche regionali, nazionali e transnazionali. Specificamente, il significato di tali luoghi della memoria storico-politica si manifesta risoluto in aree di confine molto discusse, poiché queste preservano storicamente le rivendicazioni di Paesi avversari. Con il cambiamento paradigmatico avviatosi per mezzo dell europeizzazione delle interpretazioni storiche, si offre per la didattica museale l opportunità di avvalersi dell educazione alla coscienza storica, la quale, se in passato determinava la limitazione di Paesi avversari, oggi collabora all abbattimento dell immagine del nemico, alla comprensione dell altro e alla costruzione di un consapevole concetto democratico di identità. Alla discussione sulle nuove pretese mosse ai contenuti trasmessi dai luoghi della memoria e alla didattica museale hanno partecipato a Trento venti scienziati, provenienti da Germania, Italia e Slovenia. Il simposio, promosso dall Ateneo Italo-Tedesco in collaborazione con il Ministero della Formazione e della Ricerca, ha illustrato attraverso relazioni, discussioni e visite ai musei i rapporti di tensione, ancora oggi percepibili, tra la cultura della memoria regionale, nazionale ed europea. Il luogo come concetto di autosinceramento culturale in relazione alle attribuzioni nazionali del sé e dell altro ha costituito il punto fondamentale della prima sezione. KARL-SIEGBERT REHBERG (Dresda), prendendo spunto dal concetto di spatial turn, si è dedicato alla costruzione proiettiva dei luoghi. Questi ha ripreso una tesi del sociologo di Costanza Bernhard Giesen, secondo il quale, a seguito dell olocausto, la tradizionale forma di pensiero con la sua retorica dell eroe è diventata obsoleta. Al suo posto è subentrata la commemorazione delle vittime sacrificate che, nell attuale società civile energicamente globalizzata, avrebbe perso, in un certo senso, il suo luogo concreto. Queste trasformazioni tese al mito del sacrificio si dimostrano palesi nel ricordo del Bombardamento di Dresda, dove l immagine di un incolpevole città scomparsa diventa contemporaneamente fonte dell instaurarsi di un identità locale e simbolo mondiale della distruzione. La successiva apparente riedificazione del centro storico di Dresda, grazie ai provvedimenti di ricostruzione presi, provoca tuttavia l estinzione del passato, poiché essa nasconde il luogo originario con un artefatto. Il concetto di luogo come riferimento alle affermazioni nazionali di egemonia è stato chiarito da CLAUDIA MÜLLER (Dresda) con l esempio del Culto della Romanità del periodo fascista che, attraverso il ritorno all antichità, tratteggia una linea di continuità fino al presente, con la pretesa di una futura risoluta unità egemonica. Nel dibattito degli intellettuali italiani sulla Germania auspicante simili aspirazioni imperiali, si dimostra emblematica la correlazione tra eterotipi e autostereotipi, sul modello di Georg Simmel, in cui l essenza della nazione straniera è messa in luce specificamente per dar rilievo alla propria superiorità nazionale. Ciò si chiarisce idealtipicamente nella contrapposizione, avviata negli anni trenta, tra unità romano-organica e frammentazione germanica, le quali vengono in fine sintetizzate nel concetto di civilizzazione romana. I differenti concetti nazionali dei due Stati sono sussunti in 2

3 Tagungsbericht: Erinnerungsorte im Grenzraum una metafora dell impero che rende obsoleta qualsiasi prospettiva di paragone nazionale. Questa contraddittoria legittimazione di una collaborazione è espressione di un evidente discrepanza tra costrutti nazionali idealizzati e pragmatica politicomilitare. Analogamente, PATRICK OSTERMANN (Dresda/Bonn) ha argomentato nel suo saggio il concetto catto-fascista di razza. Nel corso del riavvicinamento delle due potenze dell Asse, le leggi razziali, introdotte in Italia nel luglio del 1938, furono motivate come formalmente in accordo con la dottrina cattolica e, allo stesso tempo, intese indipendentemente dal modello tedesco della mera riduzione biologica e pagana alla discendenza sanguinea ariana. Ostermann ha costatato che il concetto di razza adempì per la propaganda italiana all estero un importante e paradossale doppia funzione: legittimò sia la pretesa di supremazia di entrambe le nazioni ariane, attraverso la diffamazione dei nemici dell Asse, sia l esclusiva pretesa di supremazia dell Italia all interno del nuovo ordine europeo nei confronti della Germania. Queste discrepanze nella percezione nazionale del sé e dell altro si sono rivelate emblematiche nell immagine della città di Bolzano, come ha illustrato HANNES OBERMAIR durante la visita al capoluogo sudtirolese. Piazza della Vittoria è un luogo simbolico, in cui si sono concentrate fino ad oggi rivendicazioni di validità sia in lingua italiana che tedesca. L Eurac offre, invece, un contrasto col passato non più esclusivamente di stampo nazionale. L internazionale centro di ricerca e formazione è sito nel Palazzo della Gioventù Italiana del Littorio e la sua moderna architettura esemplifica un innovativa via di comunicazione tra il passato ed il presente. La tensione tra la cultura della memoria regionale e nazionale e quella dell area oltreconfine è stata chiarita da GIUSEPPE FERRANDI (Trento) al Museo Storico del Trentino, situato sotto il Dos Trento all interno di due gallerie autostradali chiuse. Il museo mette in risalto l aspetto dell invenzione del territorio. Nella galleria bianca è previsto uno spazio dedicato alla didattica e ai workshops, così come alle mostre temporanee, adatto per allestimenti e discussioni. Nella galleria nera è, invece, allestita la mostra temporanea multimediale Storicamente ABC che racconta, sulla base di topoi presentati alfabeticamente, la giovane storia del Trentino. Ferrandi ha sottolineato che la posizione del museo della storia regionale, sito sotto il Mausoleo dedicato all irredentista Cesare Battisti, chiarisce la tensione tra le aspirazioni nazionalistiche e regionalistiche in quest area di confine e fa appello alla riflessione sul modo di raccontare e rappresentare la storia. 3

4 Se la prima sezione del simposio si è dedicata all area di confine italo-austriaca e alle controverse interpretazioni storiche di lingua tedesca e italiana, associate tra loro, la seguente sezione tematizza il dibattito storico italo-sloveno. JOŽE PIRJEVEC (Capodistria), nel suo controverso intervento sui monumenti ai partigiani sparsi nel territorio limitrofo a Trieste e Gorizia, ha trattato nello specifico le interpretazioni storiche italiane delle foibe. Dopo aver descritto lo sviluppo di Trieste da insignificante città costiera a importante centro di commercio multietnico, e dopo aver messo in discussione la sua successiva investitura di città italianissima, Pirjevec ha poi illustrato in modo dettagliato la lotta degli sloveni contro le forze irredentiste, fasciste e nazionalsocialiste. Oggi le varie storie della città si manifestano in una moltitudine di monumenti: da una parte i monumenti ai partigiani, dall altra, in negazione di essi, i monumenti commemorativi, eretti negli anni cinquanta, in ricordo delle foibe, le quali fino ad oggi hanno coerentemente conservato, attraverso un immagine deformante della storia, le tensioni contro i vicini slavi, al punto che sia il governo italiano sia la sua opposizione le hanno preservate secondo un interpretazione storica propriamente italiana. Il rapporto tra storia e politica è stato discusso, inoltre, da LUIGI CAJANI (Roma) nella sua perorazione in favore di una scissione dell educazione dalla politica. Cajani ha chiarito l inclinazione dello schieramento di centro-destra a impedire discussioni critiche politico-didattiche sui crimini di guerra fascisti. Si pensi che, fino alla fine degli anni novanta, i crimini di guerra commessi dagli italiani non erano menzionati nei libri di scuola di storia. Questi, ancora oggi, tematizzano, allo stesso modo, per molti aspetti in maniera deformante la storia del fascismo, dell occupazione e della lotta di liberazione nelle regioni occupate dagli italiani. In particolare, il caso Pirjevec e la polemica mossa intorno al suo libro Foibe hanno causato nuove restrizioni, motivate politicamente, alla rappresentazione e rielaborazione della storia. La chiara impronta di autoconsapevolezza nazionale delle linee di confine etiche è stata costatata da BORUT KLABJAN (Capodistria) con l esempio della commemorazione del Milite Ignoto. Klabjan ha esaminato la compartecipazione della popolazione slovena alle celebrazioni in territorio italiano del 1921 e ha dimostrato che gran parte della popolazione slovena attribuì alle celebrazioni un significato di commemorazione dei propri defunti, mostrando una certa indifferenza verso gli opposti significati italiani. Solo nelle "zone di contatto" italo-slovene, dove le celebrazioni avevano un carattere più spiccatamente nazionale, gli Sloveni evitarono di parteciparvi. Davanti a questi retroscena, una città di confine come Trieste mette il lavoro sulla memoria e cultura al riparo da particolari provocazioni. 4

5 Lo ha dimostrato FRANCESCO FAIT (Trieste), secondo l aspetto storicomuseografico, con gli esempi del Sacrario Oberdan, della Risiera di San Sabba e della Foiba di Basovizza, mettendo in luce la sacralizzazione e la munumentalizzazione come elementi portanti della commemorazione. Scopo è quello di raggiungere il pubblico sia a livello cognitivo sia emozionale: ecco allora immense strutture spaziali e una forte presenza di lastre commemorative ed epigrafi, così come una moltitudine di celebrazioni di diverso tipo, come mostre temporanee e permanenti, visite guidate, pubblicazioni e materiale informativo. Tuttavia, mancano come sempre, in queste manifestazioni storiche, elementi che mostrino una relazione tra il passato, il presente e il futuro. Questa tesi ha portato volontariamente alla terza tematica complessa del simposio, la didattica storica. ALFONS KENKMANN (Lipsia) ha affrontato il tema, sollevando la questione se sia possibile imparare dalla storia ed ha esternato un certo scetticismo nel tentativo di dare una risposta al quesito. In particolar modo, si è dedicato alla questione, cosa potrebbero effettivamente realizzare musei e monumenti? Il problema della storicizzazione si acuisce al presente, poiché la generazione dei testimoni dell epoca sta per scomparire. Fino agli anni ottanta le commemorazioni pertinenti con la dominazione nazionalsocialista erano organizzate per mezzo di rituali classici e routine. I monumenti, oggi, sono diventati piuttosto dei luoghi di lavoro e apprendimento, che hanno assunto una multimediale e multiprospettica prospettiva europea. Kenkmann ha costatato che tre sono le principali forme della memoria a disposizione della didattica storica: l iconizzazione, la costruzione della storia e l orientamento all azione. Egli avverte il pericolo di un discorso autoreferenziale nell onnipotenza del relazionare col presente e rifiuta la normalizzazione, promuovendo una storicizzazione della memoria che offra scelte di orientamento. Quale effetto educativo abbiano i luoghi della memoria sui suoi visitatori è la domanda posta durante il simposio da BERT PAMPEL. Pampel ha analizzato le finalità dei progetti scolastici in questi luoghi ed i risultati, ad essi conformi, dell indagine sulla partecipazione. I rapporti affettivi con la storia dovrebbero essere per gli studenti più importanti dei processi cognitivi di mediazione, i quali, a causa del ruolo determinante della prassi del ricordo in famiglia, raggiungono degli effetti ridotti. L aspettativa di una conversione di giovani estremisti non è soddisfatta. I luoghi della memoria non dovrebbero essere un semplicistico strumento di mediazione del sapere, né dovrebbero operare sull'opinione dei propri visitatori per il futuro. Semmai, dovrebbero offrire un luogo di dialogo e scambio. In relazione a quest argomento, CAMILLO ZADRA (Rovereto) e ANNA PISETTI (Rovereto) hanno presentato al Museo Storico Italiano della Guerra degli esempi di tentativi storico-didattici. Il museo, aperto nel 1925, è il risultato degli impegni della 5

6 comunità volti a ricordare la Prima Guerra Mondiale e a manifestare le rivendicazioni del dominio italiano sul territorio. La storia locale opera così alla mediazione della storia nazionale. Ne consegue un mutamento storico sulle collezioni e sale espositive. Nei suoi primi anni di vita, il museo era visitato prevalentemente da coloro che la Prima Guerra Mondiale l avevano vissuta. Al pubblico si offriva un atmosfera sacralizzata, povera di testi esplicativi. Oggi, il museo non è più un luogo di rievocazione della guerra. Agli occhi degli studenti, diventa esso stesso un documento storico, dove lo spazio espositivo, i cui cambienti non sono mutati nei suoi cinquant anni di esistenza, può essere apprezzato in sé come oggetto museale: un museo nel museo. Di fronte a questo, il Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto può essere denominato Museo della modernità classica, poiché, essendo posizionato in un area di confine, si confronta col problema dell identità anche a livello artistico, come ha fatto notare GABRIELLA BELLI (Rovereto). Il museo è uno dei più recenti cantieri culturali edificati in Italia negli ultimi vent anni e per questo ha, nel frattempo, conseguito significato a livello mondiale. Originariamente è sorto dagli archivi dei Futuristi trentini, la cui rielaborazione storico-didattica rappresenta ancora un punto fondamentale del lavoro museale. Si tratta, effettivamente, di un museo d arte, cui spetta la funzione di infondere l idea di identità, in quanto custode della cultura storica del Trentino. Anche l ultima sezione dedicata all europeizzazione dei significati storici ha dimostrato l effetto continuativo del modello di significato nazionale. CHRISTIANE LIERMANN (Lovegno di Menaggio) ha tematizzato il rapporto tedesco e quello italiano con la propria storia nazionale, da un punto di vista comparatistico. Mentre in Germania c è un consenso sociale diffuso circa la valutazione e l adeguamento storico del periodo nazista, in Italia i riferimenti al fascismo sono oltremodo politicizzati, poiché il fascismo è considerato un fenomeno principalmente nazionale, la cui dimensione europea è risolutamente trascurata. Nell interpretazione della Germania come unica responsabile della Guerra Civile del , il fascismo italiano e, soprattutto, l Italia del dopoguerra, la cui cultura della memoria si riallaccia prevalentemente alla tradizionale Resistenza antifascista, sono discolpati. MARTIN LIEPACH (Francoforte) si è dedicato agli stimoli suscitati nei musei in una città fortemente caratterizzata dal mutamento demografico e da un alto tasso di migrazione. Liepach ha tematizzato la città di Francoforte come area di confine, nella quale differenti culture si incontrano con gli interessi nazionali. Esemplificativa si dimostra la forte coscienza nazionale nel lavoro culturale della comunità italiana della 6

7 città, la quale sta tentando di erigere in Francoforte dei luoghi della memoria italiani. I musei storici e gli istituti della città hanno reagito a questa costruzione nazionale, abilmente a ritroso, con la ricerca di forme di assimilazione culturale, attraverso un progetto multiprospettico e transnazionale, la cui denominazione ufficiale porta il titolo Sulle tracce della storia della città di Francoforte. Il progetto ambisce a recepire la migrazione non come un caso eccezionale, bensì come un caso ordinario e ad esaminare il significato dei gruppi migratori nella prospettiva dello sviluppo della città. Lo scopo è, a dispetto di tutte le differenze, di unificare gli spazi e accorpare insieme tolleranza e conflitto. Lo stretto rapporto tra dominio e memoria è stato discusso da TOBIAS ARAND (Ludwigsburg), attraverso l approfondimento sul campo di battaglia di Woerth-en-Alsace. La regione, un tempo di dominio tedesco, in seguito di sovranità francese, dimostra, con l innalzamento, il mutamento e l abbattimento dei suoi monumenti e del loro significato, che oggi la memoria appartiene prevalentemente ai vincitori della battaglia. Il tentativo di entrambi i nemici di un tempo di far prevalere il proprio significato del campo di battaglia vorrebbe essere sostituito al presente da un progetto europeo, il quale prevede un comune istituto di ricerca. Si prenda nota che la realizzazione di tale progetto, sinora basata sugli interessi propri delle due istituzioni coinvolte, non ha ancora definitivamente preso piede. Il contributo finale di HANS HEISS (Bolzano), letto da HANNES OBERMAIR (Bolzano), ha ripreso i già citati conflitti etnici ed i momenti di attrito tra le popolazioni di lingua tedesca e italiana nel Sud Tirolo. Heiss è partito dal conseguimento del significato dei luoghi della memoria topici, nel quale la drammaturgia e l emozionalizzazione dell ambiente naturale aumentano la sacralizzazione delle dimensioni della memoria ed il quale offre spazio per la risoluzione di conflitti politici. La memoria del Sud Tirolo, divisa tra i gruppi linguistici, avanza con la singolare tutela della propria memoria. Tuttavia, oggi si aspira al riconoscimento reciproco delle culture della memoria, come dimostra il progetto delle diverse istituzioni culturali di Bolzano di rivalutare la città come percorso di uno scenario della memoria europeo. La discussione finale ha nuovamente chiarito che ad oggi le discussioni storiconazionali non sono state assolutamente superate. Al contrario, sono spesso ancora aperte o tacitamente portate avanti. I conflitti nelle aree di confine lo dimostrano più che chiaramente. Come sempre vale la tesi, secondo cui le comunità nazionali non sono il prodotto di una discendenza comune, bensì la conseguenza di costruzioni. Tuttavia, o proprio per questa ragione, esse continuano ad operare incessantemente. Il simposio ha dimostrato che il tempo delle immagini storico-nazionali, particolarmente nelle aree di confine, e della loro inarrestabile emozionalità è un tema sempre attuale, anche quando si tenti di sostituire tali immagini, non tanto con modelli 7

8 d interpretazione europei quanto più con modelli regionali. I musei storici in queste aree lavorano sostanzialmente con queste tensioni interpretative e, quando si allontanano dai modelli interpretativi nazionali, diventano laboratori che cooperano alla costruzione di nuovi modelli interpretativi. Sembrano, dunque, dover mantenere quella tensione di equilibrio tematizzata da Hans Joas, nella cui dinamica devono e- laborare un modus che sostenga l Europa unita. Dipl.-Soz. Claudia Müller Italien-Zentrum der TU Dresden 8

Percorsi di confine. Trieste / Gorizia / Nova Gorica Redipuglia / Caporetto

Percorsi di confine. Trieste / Gorizia / Nova Gorica Redipuglia / Caporetto Percorsi di confine Trieste / Gorizia / Nova Gorica Redipuglia / Caporetto Laboratori di storia a cielo aperto a.s. 2014-2015 Non semplici gite, ma percorsi alla scoperta dei luoghi della memoria e delle

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

Simbolismi Storici dell Architettura

Simbolismi Storici dell Architettura Simbolismi Storici dell Architettura Mariachiara Mongelli Facoltà di Architettura Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica Federico Petronzi Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISIS Carducci-Dante Trieste INDIRIZZI NUOVO ORDINAMENTO Liceo delle scienze umane Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Considerare l olocausto dal punto di vista dei diritti umani: il primo studio a livello di Unione europea sull istruzione

Dettagli

Comprendere e vivere il patrimonio in chiave interculturale, da eredità ricevuta a risorsa condivisa

Comprendere e vivere il patrimonio in chiave interculturale, da eredità ricevuta a risorsa condivisa Comprendere e vivere il patrimonio in chiave interculturale, da eredità ricevuta a risorsa condivisa Simona Bodo Convegno Il patrimonio risorsa per l educazione interculturale. La scuola, il museo, il

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

MUSEI DI CLASSE. Premessa

MUSEI DI CLASSE. Premessa MUSEI DI CLASSE Attività didattica per la scuola primaria e secondaria Premessa 1 La didattica museale acquista sempre maggiore importanza all interno delle attività ordinarie dei musei per la sua valenza

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 SEZIONE ARCHEOLOGICA ARTI E MESTIERI NELL EPOCA DI VESPASIANO scavo archeologico simulato, laboratorio numismatico, la scrittura degli antichi FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da definire in

Dettagli

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca

COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca MUSEO STORICO DELLA RESISTENZA Sant Anna di Stazzema COMUNE di STAZZEMA Medaglia d Oro al Valor Militare Provincia di Lucca PARCO NAZIONALE DELL A PACE Parco nazion Alla cortese attenzione di: Dirigenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA in materia di applicazione delle Tecnologie ICT per l Istruzione e la Cultura

PROTOCOLLO D INTESA in materia di applicazione delle Tecnologie ICT per l Istruzione e la Cultura Dipartimento per la Programmazione Ministeriale del Bilancio, delle Risorse Umane e dell Informazione Direzione Generale per i Sistemi Informativi PROTOCOLLO D INTESA in materia di applicazione delle Tecnologie

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

Le competenze dell asse storico-sociale

Le competenze dell asse storico-sociale CIDI di Milano Come valutare e certificare le competenze in uscita Le competenze dell asse storico-sociale i Marina Medi Istituto Zappa - Milano 20 gennaio 2011 Quali competenze? L insegnamento storico-sociale

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

203. Educande del Collegio delle Orsoline di Brunico, primi del Novecento, coll. privata

203. Educande del Collegio delle Orsoline di Brunico, primi del Novecento, coll. privata 85 10. foto di scuola La scuola rappresenta uno degli angoli di studio più documentati dalla fotografia. Nel corso del Novecento la scuola è diventata progressivamente un luogo frequentato da tutti e la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

Istituto Albert di Lanzo

Istituto Albert di Lanzo Istituto Albert di Lanzo Profilo Quadro orario Prospettive di studio e occupazionali Attività caratterizzanti Stage www.istituto-albert.it Profilo del Liceo Economico Sociale Gli studenti, a conclusione

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA PROGETTO RETETNA Anno Scolastico 2008/09-2009/10 Laboratorio di educazione scientifica suddiviso nei seguenti quattro percorsi: Trasformazioni Luce, colore,

Dettagli

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 L idea di Storia insegnata ha sicuramente subito profonde trasformazioni nel presente, sia per le mutazioni dello statuto epistemologico

Dettagli

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 superamento della conoscenza della storia legata al singolo evento e avvio alla

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Gestire un portfolio. Direttive. Anno di studio 2007/08 2 anno di studio

Gestire un portfolio. Direttive. Anno di studio 2007/08 2 anno di studio Reparto Formazione di pratica professionale Gestire un portfolio Direttive Anno di studio 2007/08 2 anno di studio Sommario 1. Introduzione 3 1.1 Storia del portfolio 3 1.2 Portfolio uno strumento d accompagnamento

Dettagli

a. Il museo Madre Alimentazione: fondo del bilancio ordinario regionale, fondi di origine europea, ricavi propri, sponsorizzazioni e partenariati

a. Il museo Madre Alimentazione: fondo del bilancio ordinario regionale, fondi di origine europea, ricavi propri, sponsorizzazioni e partenariati I CINQUE CERCHI Indirizzi strategici della Fondazione Donnaregina 2012-2014 Cerchio 1. STRATEGIA SU DIMENSIONE METROPOLITANA a. Il museo Madre Alimentazione: fondo del bilancio ordinario regionale, fondi

Dettagli

Nome del museo. Museion. Indirizzo. Via Dante 6, 39100 Bolzano. Tipologia di museo. Museo d arte moderna e contemporanea. Breve storia del museo

Nome del museo. Museion. Indirizzo. Via Dante 6, 39100 Bolzano. Tipologia di museo. Museo d arte moderna e contemporanea. Breve storia del museo Nome del museo Museion Indirizzo Via Dante 6, 39100 Bolzano Tipologia di museo Museo d arte moderna e contemporanea Breve storia del museo Colleziona e conserva Dal 1985 Museion ha creato una collezione

Dettagli

LABORATORIO NAZIONALE PER LA DIDATTICA DELLA STORIA col sostegno dell Ufficio Scolastico Provinciale di Bologna

LABORATORIO NAZIONALE PER LA DIDATTICA DELLA STORIA col sostegno dell Ufficio Scolastico Provinciale di Bologna SEMINARIO DI FORMAZIONE per l insegnamento di a cura di M. Rita Casarotti Liceo Ginnasio L. Ariosto, Ferrara e Francesco Monducci LANDIS, Bologna PRESENTAZIONE I recenti interventi legislativi in materia

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari- Settore Attività Socio-Culturali. Telefono 070/675.2420 070/675.2111 Fax 070/675.2998 E-mail acabras@amm.unica.

Università degli Studi di Cagliari- Settore Attività Socio-Culturali. Telefono 070/675.2420 070/675.2111 Fax 070/675.2998 E-mail acabras@amm.unica. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE AFFARI LEGALI SETTORE ATTIVITA SOCIO-CULTURALI Funzionario Responsabile: Angela Maria Cabras Tel 070 675.2420 Fax 070 675.2998 Ragione Sociale Università degli

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente si orienta con i linguaggi propri della cultura nelle

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO TR SCUOLA DELL INFANZIA ARTE PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO

ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO TR SCUOLA DELL INFANZIA ARTE PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO ISTITUTO COMPRENSIVO SAN VENANZO TR SCUOLA DELL INFANZIA ARTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO MACRO INDICATORI PRIMO ANNO SECONDO ANNO ULTIMO ANNO Esprimersi e comunicare 1. Sperimentare tecniche graficopittoriche

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Incontri d Arte CONTENUTI. 2 edizione La Botte

Incontri d Arte CONTENUTI. 2 edizione La Botte Incontri d Arte 2 edizione La Botte 05/08/2015 CONTENUTI La mostra itinerante Incontri d Arte La Botte è il racconto di come, duemila anni fa, la scoperta della botte sia stata cruciale per l espansione

Dettagli

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO Il 21 marzo si celebra la Giornata Internazionale per l Eliminazione della Discriminazione Razziale che rappresenta un occasione per chiunque di riprendere contatto con

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Soggiorni didattici in Trentino in occasione del Centenario della Grande Guerra

Soggiorni didattici in Trentino in occasione del Centenario della Grande Guerra Dalla Guerra alla Pace Soggiorni didattici in Trentino in occasione del Centenario della Grande Guerra Rovereto e Vallagarina Folgaria Lavarone e Luserna Trento Rovereto e Vallagarina Attraversata durante

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO

ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO ATTIVITÁ CARATTERIZZANTI IL NOSTRO ISTITUTO PROGETTO CONTINUITÀ: Prevede l attivazione di rapporti di collaborazione con le scuole primarie del territorio in cui è situata la scuola, finalizzati alla progettazione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI STORIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO Spunti di riflessione teorici e pratici a cura di Thomas Gilardi e Paolo Molinari Valori didattici, formativi e sociali dell

Dettagli

GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO

GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO ALLEGATO 3 Incontri con esperto del Comune di Terni Assessorato alla Cooperazione Internazionale- sugli Otto Obiettivi del Millennio GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO Proposta formativa educativa per le scuole

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Paciolo D Annunzio liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Sede 2 Sede: Via Alfieri 43036 Fidenza(PR) tel +039 0524 526102 www.paciolo-dannunzio.gov.it VISITE GUIDATE (su prenotazione) MICROSTAGE

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA

UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA UNIVERSITÀ PER STRANIERI DI SIENA FACOLTÀ DI LINGUA E CULTURA ITALIANA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN COMPETENZE TESTUALI PER L EDITORIA E I MEDIA DUE UOMINI E QUATTRO STRANIERI MEDIA E IMMIGRAZIONE

Dettagli

Origini del Museo LORETTA SECCHI *

Origini del Museo LORETTA SECCHI * Toccare la pittura. Percezione, cognizione ed interiorizzazione di forma e contenuto, attraverso l educazione estetica dedicata alle persone non vedenti ed ipovedenti LORETTA SECCHI * Origini del Museo

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

SINAGOGA E MUSEO EBRAICO DI FIRENZE OFFERTA DIDATTICA 2015-2016 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO

SINAGOGA E MUSEO EBRAICO DI FIRENZE OFFERTA DIDATTICA 2015-2016 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO SINAGOGA E MUSEO EBRAICO DI FIRENZE OFFERTA DIDATTICA 2015-2016 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO Dal 2012 lo staff didattico di CoopCulture della Sinagoga e Museo Ebraico di Firenze si occupa

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte

LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA. Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte Il Decreto legislativo 81/2008 Il TU sulla sicurezza prevede l inserimento in ogni attività scolastica di

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

Imparare Giocando - Mercurio

Imparare Giocando - Mercurio Sintesi Progetto Denominazione progetto: Imparare Giocando - Mercurio Responsabile di progetto: Cristina Bralia ITC Tosi Busto Arsizio (VA) Obiettivi La rete di scuole: Rete Mercurio. Premessa - Il progetto

Dettagli

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno Competenze storiche economiche e sociali 1 Le competenze storico-economiche e sociali:

Dettagli

Il curricolo geografico nella scuola primaria

Il curricolo geografico nella scuola primaria Il curricolo geografico nella scuola primaria 1 La crisi dell insegnamento della geografia in Italia Curricolare (la geografia come transdisciplina) Epistemologica (quale sia il vero obiettivo dell insegnamento

Dettagli

Didattica attiva con la LIM. Metodologie, strumenti e materiali per la Lavagna Interattiva Multimediale

Didattica attiva con la LIM. Metodologie, strumenti e materiali per la Lavagna Interattiva Multimediale Giovanni Bonaiuti, Didattica attiva con la LIM. Metodologie, strumenti e materiali per la Lavagna Interattiva Multimediale Trento, Erickson, 2009 di Angela Spinelli Nel 2005 prende avvio un progetto nazionale

Dettagli

CARTA ICOMOS DI ENAME

CARTA ICOMOS DI ENAME TERZA VERSIONE RIVEDUTA 5 Luglio 2005 CARTA ICOMOS DI ENAME PER L INTERPRETAZIONE DEI SITI DEL PATRIMONIO CULTURALE Preambolo Obiettivi Principi PREAMBOLO Cosi come la Carta di Venezia ha stabilito il

Dettagli

ISTITUTO STORICO DELLA RESISTENZA APUANA PERCORSI DIDATTICO-FORMATIVI A.S. 2013-2014

ISTITUTO STORICO DELLA RESISTENZA APUANA PERCORSI DIDATTICO-FORMATIVI A.S. 2013-2014 PERCORSI DIDATTICO-FORMATIVI A.S. 2013-2014 DESCRIZIONE Per l Anno Scolastico 2013-2014 l Istituto Storico della Resistenza Apuana ha attivato tre proposte di didattica della storia, individuando altrettante

Dettagli

PERCORSI DI LEGALITÀ...PER DARE SENSO AL FUTURO

PERCORSI DI LEGALITÀ...PER DARE SENSO AL FUTURO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Francavilla di Sicilia Via Napoli, 2 Francavilla di Sicilia(Me) Telefono 0942 981230 c.f.96005620834 c.u.ufal7m

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Progetto Cantieri aperti per la scuola di base

Progetto Cantieri aperti per la scuola di base Progetto Cantieri aperti per la scuola di base TRACCIA dell INTERVISTA Istituto. Note per la compilazione Le parti a sfondo grigio saranno affrontate durante l incontro tra mini staff di istituto e intervistatori.

Dettagli

Progettiamo il nostro viaggio di istruzione. Classi terze Secondaria di I grado Carducci

Progettiamo il nostro viaggio di istruzione. Classi terze Secondaria di I grado Carducci Progettiamo il nostro viaggio di istruzione Classi terze Secondaria di I grado Carducci Naturalmente la sperimentazione di cui sopra si è collocata sullo sfondo della formazione e del percorso di ricerca-azione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

L'Economia della Buona Vita

L'Economia della Buona Vita L'Economia della Buona Vita Un'intervista con il filosofo brasiliano Euclides André Mance di Anna Chiesura Dalla filosofia della liberazione all'elaborazione di un progetto alternativo alla società capitalistica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE G. MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. - SCIENTIFICO BROCCA CLASSICO - SOCIO PSICOPEDAGOGICO Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013

PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013 Istituto comprensivo Como-Prestino-Breccia Scuola secondaria di primo grado A.Moro Prestino Consiglio della classe 3 a B PIANO DI LAVORO ANNUALE a. s. 2012-2013 Presentazione della classe La classe 3 a

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Giovanni

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli