Italian Metaphor Database: una base di dati sulle metafore in italiano per sistemi di Trattamento Automatico del Linguaggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Italian Metaphor Database: una base di dati sulle metafore in italiano per sistemi di Trattamento Automatico del Linguaggio"

Transcript

1 Cresti, E. (a cura di) Prospettive nello studio del lessico italiano, Atti SILFI Firenze, FUP: Vol I, pp Italian Metaphor Database: una base di dati sulle metafore in italiano per sistemi di Trattamento Automatico del Linguaggio Antonietta Alonge Università di Perugia Abstract In questo lavoro si descrivono le caratteristiche principali dell Italian Metaphor Database, una base di dati in via di sviluppo presso l Università di Perugia. La base di dati contiene informazioni sulle metafore concettuali e sulle loro espressioni lessicali in italiano e viene sviluppata per essere utilizzata sia come base di conoscenza per sistemi di Trattamento Automatico del Linguaggio naturale (TAL), sia come risorsa per arricchire basi di dati lessicali esistenti. La ragione per cui si è deciso di sviluppare tale risorsa è che la maggior parte dei sistemi di TAL si deve confrontare con le espressioni metaforiche (frequentissime in ogni lingua naturale), ma, come è stato dimostrato in altri lavori, le risorse lessicali esistenti per l italiano non contengono, in relazione alle metafore, dati completi e coerenti, che siano derivati empiricamente ma anche organizzati e codificati in modo teoricamente motivato. Facendo riferimento alla teoria cognitivista della metafora, nella base di dati vengono codificate, tra le altre, informazioni relative alle metafore concettuali che hanno un espressione lessicale in italiano, insieme con le espressioni lessicali stesse (sia singole unità lessicali sia polirematiche); esempi delle metafore trovati in un corpus dell italiano; dati sulle espressioni delle metafore che non sono già codificate in ItalWordNet. 1. Introduzione Tradizionalmente la metafora è stata considerata come un uso deviante della lingua, tipico di generi quali la poesia o l oratoria politica. Verso la fine degli anni 70 dello scorso secolo linguisti, psicologi e filosofi cominciarono però ad evidenziare come la metafora pervada ogni forma di comunicazione linguistica, collegando tale fenomeno a fatti cognitivi. Lakoff e Johnson (1980), ad esempio, hanno dimostrato che la metafora è un dispositivo cognitivo centrale, usato per strutturare domini concettuali astratti i cosiddetti target domains delle metafore nei termini di domini concreti e più chiaramente delineati i cosiddetti source domains (e.g., i domini concettuali dell amore, delle difficoltà e della rabbia nei termini di viaggi, contenitori e calore rispettivamente). 1 Data l altissima frequenza delle espressioni metaforiche nelle lingue, la maggior parte dei sistemi di Trattamento Automatico del Linguaggio naturale (TAL) deve confrontarsi con esse prima o poi. Ciò nonostante, pochissimi sistemi esistenti sono in grado di trattare in modo specifico le espressioni metaforiche. Questi sono, in genere, sistemi knowledge-based, ossia sistemi che si basano su una rappresentazione della conoscenza relativa ai collegamenti convenzionali (mappature) tra espressioni 1 Per esempio, la mappatura concettuale tra il dominio sorgente del viaggio e il dominio d arrivo dell amore è espressa in frasi quali quelle che seguono: - Mario e Luisa sono ad un bivio nella loro relazione. - Questa relazione non va più avanti. - Le loro strade si stanno separando. Le difficoltà sono collegate a dei contenitori nelle frasi seguenti: - Come sono finito in questa situazione? - Adesso siamo nei guai. - Cerchiamo di tirarci fuori da questa situazione. Il dominio sorgente del calore è alla base del significato metaforico delle espressioni connesse con la rabbia nelle frasi che seguono: - Mi fai ribollire il sangue. - Ha il sangue caldo. - Si è scaldato immediatamente e ha preso ad urlare contro tutti. nei domini sorgente e le corrispondenti espressioni nei domini di arrivo (i domini metaforici). Chiaramente, le risorse lessicali contenenti dati ben strutturati e sistematici sulle metafore sono molto utili per questi sistemi, ma i dizionari e le basi di dati contenenti informazioni sul lessico dell italiano (ma lo stesso vale più in generale per altre lingue) non contengono molti dati sulle metafore, né tali dati sono generalmente coerenti; inoltre, queste risorse non consentono di estrarre agevolmente informazioni che possano essere usate dai sistemi per trattare la creatività linguistica connessa con il linguaggio metaforico, la possibilità, cioè, di creare metafore nuove, che gli interlocutori sono generalmente in grado di interpretare. Per rispondere all esigenza di basi di dati complete sul linguaggio metaforico per sistemi di TAL, in vari centri di ricerca sono in via di sviluppo risorse specifiche sulle metafore in varie lingue: ad esempio, la ATT Meta MetaBank Database (http://www.cs.bham.ac.uk/~jab/att- Meta/Databank) per l inglese o la Hamburg Metaphor Database (http://www1.unihamburg.de/metaphern/ index_en.html) per tedesco e francese. Nel presente lavoro si descrive una base di dati in via di elaborazione per l italiano presso l Università di Perugia: la Italian Metaphor Database (IMD). L idea di sviluppare una base di dati sulla metafora in italiano è nata in primo luogo come risposta all esigenza di avere uno strumento utilizzabile come punto di riferimento per integrare/arricchire risorse lessicali esistenti (quali, ad esempio, EuroWordNet ed ItalWordNet, basi di dati semantico-lessicali sviluppate su modello del WordNet di Princeton 2 ), ma anche come 2 WordNet è una base di dati elettronica sviluppata da G. Miller e i suoi collaboratori presso l Università di Princeton, a partire dal 1985, per riprodurre l organizzazione dei concetti nel lessico mentale dei parlanti dell inglese americano (http://www.cogsci.princeton.edu/~wn/w3wn.html; Fellbaum, 1998). EuroWordNet è invece una base di dati multilingue che contiene wordnet per diverse lingue europee, tra le quali l italiano (http://www.hum.uva.nl/~ewn/gwa.htm; Vossen, 1999). La risorsa sviluppata per l italiano nell ambito di EuroWordNet è stata poi adottata come nucleo di partenza nella

2 Antonietta Alonge eventuale risorsa per sistemi computazionali che prevedano un modulo separato di dati sulla metafora. Inoltre, tale base di dati può essere un utile strumento per studi di tipo teorico. Il lavoro è organizzato come segue: nel secondo paragrafo si richiamano alcuni aspetti centrali della teoria cognitivista della metafora, che sono alla base dell organizzazione dei dati nella IMD; nel terzo paragrafo vengono brevemente indicate alcune problematiche fondamentali connesse con lo sviluppo di sistemi di TAL creati per trattare le metafore e le soluzioni adottate nell ambito di alcuni progetti di ricerca; nel quarto paragrafo si descrivono le caratteristiche fondamentali della struttura e del contenuto della IMD e, infine, nelle conclusioni si fa riferimento al lavoro necessario per completare la base di dati. 2. Aspetti della teoria cognitivista della metafora Una delle direzioni di ricerca fondamentali nell ambito della Linguistica Cognitiva è quella che si è concentrata sull indagine dei meccanismi attraverso i quali concetti astratti si sviluppano a partire da concetti legati all esperienza percettiva/corporea. Questi meccanismi sarebbero principalmente metaforici. Come si è visto, la Linguistica Cognitiva considera la metafora non come fenomeno anomalo (qualcosa di eccezionale rispetto al linguaggio ordinario, una violazione delle normali regole semantiche che consente di creare espressioni d effetto), quanto piuttosto come strumento cognitivo che serve ad organizzare concetti non legati direttamente all esperienza corporea: metaphor is pervasive in everyday life, not just in language but in thought and action. Our ordinary conceptual system, in terms of which we both think and act, is fundamentally metaphorical in nature (Lakoff e Johnson, 1980: 3) Le espressioni metaforiche sono manifestazioni di strutture metaforiche presenti nella mente, che collegano sistematicamente un (concrete) source domain e un (abstract) target domain: the essence of metaphor is understanding and experiencing one kind of thing in terms of another (Lakoff e Johnson, 1980: 5). Quindi, se il linguaggio metaforico è stato tradizionalmente ritenuto il regno dell irregolarità, gli studi cognitivisti sulla metafora (oltre al lavoro già citato di Lakoff e Johnson, cfr., tra gli altri, Lakoff e Turner, 1989; Lakoff, 1988; Lakoff, 1993) hanno evidenziato l esistenza di regolarità semantico-concettuali nella sua organizzazione. creazione di un ampia base di dati (ItalWordNet), nell ambito di un progetto di ricerca italiano (SI-TAL, Sistema Integrato per il Trattamento Automatico del Linguaggio Naturale ) che ha visto collaborare allo sviluppo di risorse linguistiche e software per il trattamento automatico della lingua italiana diversi gruppi di ricerca (http://wnit.ilc.cnr.it; Roventini et al., 2003). Numerose espressioni metaforiche apparentemente scollegate l una dall altra possono in realtà essere ricondotte ad un unica metafora concettuale, la quale, tra l altro, è sempre motivata dall esperienza percettiva/corporea e mai casuale. L appropriatezza di questa prospettiva è dimostrata da diversi tipi di evidenze (Lakoff, 1998): a) generalizzazioni che governano la polisemia, cioè l uso delle parole con diversi significati collegati tra loro; b) generalizzazioni che governano i modelli di inferenze, cioè i casi in cui un modello di inferenza da un certo dominio concettuale viene usato per un altro dominio; c) generalizzazioni che governano il linguaggio metaforico della letteratura; d) generalizzazioni che governano i modelli di cambiamento semantico; e) gli esperimenti di psicolinguistica. Le metafore concettuali derivano, dunque, da esperienze sensomotorie (Lakoff e Johnson, 1999), la maggior parte delle quali è comune ad ogni essere umano, dal momento che esse sono determinate dal modo in cui il nostro corpo è strutturato, dal modo in cui percepiamo il mondo fisico, ecc. Quindi, esistono metafore universali, acquisite ed usate in modo per così dire inevitabile, le quali sono convenzionalizzate nelle lingue. In ogni caso, non tutte le metafore sono universali, ma una parte di esse è determinata culturalmente; inoltre, quando a conceptual metaphor is universal, its universality obtains at a generic level, while the same conceptual metaphor shows cultural variation at a specific level (Kövecses, 2002: 248) La prospettiva cognitivista della metafora comporta almeno due rilevanti implicazioni descrittive nel trattamento dei dati linguistici: (1) una volta stabilita una determinata mappatura tra domini concettuali, le espressioni linguistiche che caratterizzano un dominio saranno applicate anche all altro dominio; quindi, anche nella creazione estemporanea di nuove espressioni metaforiche verrà generalmente rispettata la regola di mappare elementi appartenenti a domini già convenzionalmente collegati. In altre parole, nuove estensioni metaforiche saranno possibili (e comprensibili per un interlocutore) per parole appartenenti ad uno stesso dominio sorgente di metafore concettuali convenzionali; (2) le espressioni metaforiche usate per riferirsi a un dominio possono essere applicate anche ad altri domini cui non sono state applicate ma cui sono potenzialmente applicabili. Altra conseguenza importante della teoria è che le espressioni idiomatiche, tradizionalmente considerate arbitrarie, sarebbero in larga parte motivate dallo stesso meccanismo di mappatura delle metafore; si parla cioè di metaphorical idioms (cfr. Casadei, 1996).

3 Italian Metaphor Database 3. La metafora nelle risorse linguistiche per il TAL Dal momento che la metafora è così pervasiva nel linguaggio, molti sistemi di TAL si trovano a doversi confrontare con essa prima o poi. Ciò nonostante, finora ben pochi sistemi sono stati disegnati in modo specifico per trattare le metafore convenzionali. Ancora più difficile, poi, è trovare sistemi in grado di confrontarsi con usi metaforici nuovi, creati on the fly (ma si veda KARMA, descritto in Narayanan, 1999; Feldman e Narayanan, 2004). I sistemi che trattano il linguaggio metaforico sono, in generale, sistemi knowledge-based, ossia sistemi che necessitano di una rappresentazione (di almeno una parte) dei collegamenti convenzionali tra espressioni nel dominio sorgente e espressioni metaforiche nel corrispondente dominio d arrivo. Questi sistemi necessitano quindi di una gran quantità di informazioni codificate in risorse lessicali specifiche o anche in risorse lessicali non finalizzate esclusivamente alla rappresentazione del linguaggio metaforico, ma che contengano dati codificati sistematicamente e coerentemente in relazione a tale linguaggio. Risorse di questo tipo, però, non sono generalmente disponibili e devono essere sviluppate ad hoc. Martin (1994), ad esempio, descrive il progetto MIDAS, nell ambito del quale è stato sviluppato un insieme di programmi finalizzati a rappresentare esplicitamente la conoscenza relativa a metafore convenzionali in inglese, applicare questa conoscenza per interpretare espressioni metaforiche e imparare anche nuove metafore eventualmente trovate nei testi. Martin spiega che l efficacia dell approccio per l interpretazione, la generazione e l acquisizione del linguaggio si è rivelata strettamente dipendente dalla quantità e qualità dei dati codificati nella base di dati a disposizione. Per questo motivo, nell ambito del progetto è stata sviluppata una base di dati MetaBank contenente informazione derivata empiricamente, ma motivata teoricamente (e in linea con l approccio cognitivista alla metafora), sulle metafore convenzionali in inglese. Anche nell ambito del progetto ATT-Meta (Barnden e Lee, 2002), finalizzato a sviluppare un sistema in grado di effettuare il ragionamento necessario per comprendere espressioni metaforiche, si sta sviluppando una base di dati sulle metafore in inglese, che viene confrontata con quella sviluppata a Berkeley da Lakoff e i suoi collaboratori (Master Metaphor List, Lakoff et al., 1991) 3, anche se contiene informazioni non presenti nella risorsa americana. Nei progetti menzionati è stato necessario sviluppare delle risorse ad hoc sulle metafore, poiché le risorse lessicali esistenti non contengono in genere informazioni sufficienti sul linguaggio metaforico, né, tantomeno, sui meccanismi che permettono ad un parlante di creare metafore nuove, comprensibili ai suoi interlocutori. La questione dei limiti delle risorse lessicali in relazione al modo di rappresentare il linguaggio figurato è stata trattata 3 Si veda la Conceptual Metaphor Homepage, dove la base di dati è interrogabile. in diversi lavori; in particolare Alonge e Castelli (2002a; 2002b; 2003), Lönneker (2003) e Alonge e Lönneker (2004) discutono i limiti di basi di dati quali WordNet e EuroWordNet o ItalWordNet a questo proposito, avanzando anche delle proposte per una codifica dell informazione sulla metafora che tenga conto dei risultati raggiunti nell ambito della Linguistica Cognitiva. Partendo dalle considerazioni esposte nei lavori dei quali si è appena detto, ricercatori dell Università di Amburgo hanno dato il via, nel 2002, ad un progetto finalizzato alla costruzione di una base di dati sulle metafore in tedesco e in francese (Hamburg Metaphor Database HMD Eilts e Lönneker, 2002 disponibile alla pagina web: index_en.html). Uno degli scopi del progetto è mostrare nello stesso tempo le potenzialità e i limiti di risorse lessicali esistenti (in particolare EuroWordNet) e basi di dati specifiche sulla metafora. 4. Italian Metaphor Database: struttura e contenuto La scelta tra il prevedere un modulo separato contenente informazioni sulla metafora e la possibilità di avere accesso ad un modulo nel quale le informazioni sulle espressioni letterali e quelle metaforiche siano integrate in un unica risorsa è strettamente legata alle caratteristiche del sistema computazionale sviluppato. La tendenza della ricerca a livello mondiale sembra però essere quella di sviluppare risorse lessicali nelle quali tutte le informazioni semantiche siano codificate e, soprattutto, in modo tale che questa codifica avvenga secondo delle linee-guida standardizzate che consentano il ri-utilizzo delle risorse per vari scopi (computazionali e non si vedano le ricerche condotte nell ambito dei progetti EAGLES - Expert Advisory Group for Language Engineering Standards e ISLE International Standards for Language Engineering 4 ). L idea di sviluppare una base di dati sulla metafora in italiano è nata in primo luogo come risposta all esigenza di avere uno strumento utilizzabile come punto di riferimento per integrare/arricchire le risorse lessicali esistenti (quali, ad esempio, EuroWordNet ed ItalWordNet), ma anche come eventuale risorsa per sistemi computazionali che prevedano un modulo separato di dati sulla metafora. Inoltre, tale base di dati può essere un utile strumento per studi di tipo teorico, considerato che le risorse simili esistenti contengono dati principalmente per l inglese (e, come si è detto, una base di dati simile è in via di sviluppo per il tedesco e il francese) Struttura della base di dati Partendo dai presupposti teorici e dalle considerazioni esposte, si è innanzi tutto deciso di strutturare la base di dati in modo tale da rendere possibile il recupero delle seguenti informazioni: 4 1. Metafore concettuali in italiano 2. Collegamenti (gerarchici) tra metafore Scopi e risultati dei due progetti sono descritti nel sito

4 Antonietta Alonge 3. Source Domain (SD) di una metafora 4. Collegamento del SD a varie ontologie di concetti top-level 5 5. Target Domain (TD) di una metafora 6. Collegamento del TD a varie ontologie di concetti top-level 7. Unità lessicali 8. Espressioni idiomatiche o multiwords 9. Eventuale presenza delle unità lessicali in ItalWordNet 10. Eventuale presenza delle espressioni idiomatiche o multiwords in ItalWordNet 11. Esempi da un corpus dell italiano 12. Collegamento ad altre basi di dati sulla metafora (in particolare a quella sviluppata per l americano a Berkeley) 13. Eventuali riferimenti a lavori specifici su metafore descritte. La base di dati viene sviluppata in modo tale che sarà possibile estrarre, tra le informazioni codificate, solo quelle che interessano Individuazione delle metafore concettuali Per individuare le metafore concettuali vengono adottate diverse strategie. In primo luogo, vengono valutate le metafore codificate per l inglese nella Berkeley Master Metaphor List (MML); come si è detto, molte metafore sono universali, così è possibile che buona parte delle metafore già codificate in quella base di dati abbia un corrispondente anche in italiano. D altra parte, poiché metafore universali possono avere una realizzazione in parte differente nelle singole lingue (cfr. sopra), è necessario talvolta analizzare un corpus dell italiano per verificare la presenza nella lingua di certe espressioni. Inoltre, nella MML vengono forniti solo alcuni esempi per ciascuna metafora (e non tutte le sue possibili realizzazioni), perciò il ricorso ad altre fonti (i.e., dizionari e un corpus dell italiano) diventa necessario per codificare tutte le (o almeno buona parte delle) espressioni lessicali di una metafora. Un altra strada per identificare le metafore dell italiano è quella di far riferimento a ricerche condotte sull italiano (in particolare, molto utile risulta il lavoro di Casadei, 1996). Una volta che una metafora viene individuata, è interessante valutarne anche eventuali rapporti con altre metafore. Finora, nella base di dati sono state codificate relazioni di opposizione (e.g., NOTO È AVANTI è in relazione con IGNOTO È DIETRO) e relazioni sottospecificate che necessitano di essere analizzate in modo più approfondito (e.g., la metafora ESPLICITO È VISIBILE è collegata a RENDERSI CONTO DELLA REALTÁ È VEDERE). Molti dati vengono codificati sia sulle espressioni lessicali di una metafora concettuale, sia su espressioni idiomatiche/multiwords collegate con la stessa metafora. 5 Un ontologia di concetti top-level è una gerarchia dei concetti fondamentali (idealmente universali), e delle loro proprietà. Gerarchie di questo tipo sono state sviluppate / sono in via di sviluppo in vari centri di ricerca nel mondo. Inoltre, anche WordNet e EuroWordNet contengono moduli di questo tipo. Quest ultimo tipo di informazione viene perlopiù tratta dal lavoro di Casadei (1996), nel quale espressioni idiomatiche sono state classificate come collegate con varie metafore. Così, ad esempio, sono state codificate molte espressioni idiomatiche connesse con la metafora CONTENTO È SU (cfr. Casadei, 1996: 148-9): - sentirsi su - avere il morale alto - non toccare terra dalla gioia - toccare il cielo con un dito - sentirsi al settimo cielo - andare in orbita - sentirsi giù - sentirsi a terra - avere il morale basso - avere il morale a terra - buttare giù - abbassare il morale - tirare su - alzare il morale - Infine, si è fatto un grosso lavoro di revisione dei dati contenuti in ItalWordNet, al fine di verificare quante e quali informazioni siano già state codificate sulle espressioni metaforiche, e raccogliere dati che, in futuro, potranno essere utilizzati per integrare quelli già codificati in ItalWordNet Dati codificati Al momento la base di dati contiene informazioni in relazione a 97 metafore concettuali, la maggior parte delle quali trova una corrispondenza nella base di dati di Berkeley. Il collegamento gerarchico tra metafore codificato nella nostra risorsa, però, non è sistematicamente presente nella base di dati americana. Allo stesso modo, mancano nella risorsa americana dati sistematici relativi alle unità lessicali e alle multiwords che si collegano con una metafora concettuale, codificati invece in modo regolare nella nostra base di dati. Non è stato invece possibile, finora, codificare informazioni relative ai punti 4., 6. e 13. di cui sopra, mentre le informazioni di cui al punto 11. sono state codificate solo occasionalmente; inoltre, è necessario completare il collegamento dei nostri dati con quelli contenuti in basi di dati sviluppate per altre lingue (di cui al punto 12.), dato che per il momento tale collegamento è stato effettuato solo con la base di dati americana (i.e., quella elaborata a Berkeley). 5. Conclusioni e lavoro futuro Sulla base di quanto illustrato fin qui, per il completamento della base di dati si prevede di: 1. codificare le restanti metafore concettuali (la base di dati di Berkeley, ad esempio, contiene informazioni in relazione a 207 metafore, quindi si dovranno valutare almeno tutte le metafore contenute in quella risorsa); 2. codificare le informazioni di cui ai punti 4., 6., 11., in parte 12., e 13. del par. precedente.

5 Italian Metaphor Database Al fine di realizzare il lavoro indicato ai punti 4. e 6., sarà necessario prendere in esame diverse Ontologie toplevel, e selezionare quella/e che più risponde/rispondono al requisito della ri-utilizzabilità, che deve caratterizzare l intera base di dati. Per quanto riguarda l inserimento di dati da un corpus dell italiano, si pensa di utilizzare l Italian Reference Corpus, sviluppato presso l Istituto di Linguistica Computazionale del C.N.R. di Pisa. In merito poi al punto 12., un approfondimento dell aspetto relativo alle corrispondenze tra metafore in varie lingue (necessario per codificare i collegamenti tra basi di dati diverse) assumerebbe una grossa rilevanza nell ottica di un possibile utilizzo della base di dati per varie applicazioni: da applicazioni nel settore computazionale che prevedono l esecuzione di tasks in campo multilingue (e.g., sviluppo di moduli per la traduzione automatica, cross-language information retrieval, sviluppo di software per l insegnamento/ apprendimento di lingue straniere, ecc.) ad applicazioni più immediate nel settore dell insegnamento delle lingue straniere, visto che la base di dati può essere vista anche come strumento da consultare direttamente nello studio/lavoro sulle lingue. 6. Riferimenti Alonge, A. e Castelli, M. (2002a). Metaphoric Expressions: an Analysis of Data from a Corpus and the ItalWordNet Database. In Proceedings of the 1st International WordNet Conference, Mysore, India, pp Alonge, A. e Castelli, M. (2002b). Which Way Should We Go? Metaphoric Expressions in Lexical Resources. In Proceedings of the 3rd International Conference on Language Resources and Evaluation, Las Palmas, Isole Canarie, Spagna, pp Alonge, A. e Castelli, M. (2003). Encoding Information on Metaphoric Expressions in WordNet-like Resources. In Proceedings of the Workshop on the Lexicon and Figurative Language - 41st Annual Meeting of the Association for Computational Linguistics, Sapporo, Giappone, pp Alonge, A. e B. Lönneker (2004). Metaphors in Wordnets: from Theory to Practice. In Proceedings of the 4 th International Conference on Language Resources and Evaluation, Lisbona, Portogallo, pp Alonge, A. (2006). The Italian Metaphor Database. In Proceedings of the 5 th International Conference on Language Resources and Evaluation, Genova, Italia. Barnden, J.A. e Lee, M.G. (2002). An Artificial Intelligence Approach to Metaphor Understanding. In T. Komendzinski (a cura di), Metaphor: A Multidisciplinary Approach, special issue, Theoria et Historia Scientiarum, 6, 1, pp Casadei, F. (1996). Metafore ed espressioni idiomatiche. Uno studio semantico sull italiano. Roma: Bulzoni. Eilts, C. e Lönneker, B. (2002). The Hamburg Metaphor Database. Metaphorik.de, 3, pp Feldman, J. e Narayanan, S. (2004). Embodied Meaning in a Neural Theory of Language. Brain and Language, 89, pp Fellbaum, C. (a cura di) (1998). WordNet: an Electronic Lexical Database. Cambridge, MA: MIT Press. Kövecses, Z. (2002). Metaphor. A Practical Introduction. New York: OUP. Lakoff, G. (1988). Teoria della metafora. In G. Lakoff e M. Johnson, Elementi di linguistica cognitiva. Urbino: Quattroventi, pp Teoria della metafora, in, Urbino, pp Lakoff, G. (1993). The Contemporary Theory of Metaphor. In A. Ortony (a cura di), Metaphor and Thought. Second Edition. New York: Cambridge University Press, pp Lakoff, G. e Johnson, M. (1980). Metaphors we Live by. Chicago: University of Chicago Press. Lakoff, G. e Johnson, M. (1999). Philosophy in the Flesh. The Embodied Mind and its Challenge to Western Thought. New York: Basic Books. Lakoff, G. e Turner, M. (1989). More than Cool Reason. Chicago: University of Chicago Press. Martin, J.H. (1994). MetaBank: a Knowledge-Base of Metaphoric Language Conventions. Computational Intelligence, 10, 2, pp Narayanan, S. (1999). Moving Right Along: a Computational Model of Metaphoric Reasoning about Events. In Proceedings of the National Conference on Artificial Intelligence AAAI-99, Orlando, Florida, pp Roventini, A., Alone, A., Bertagna, F., Calzolai, N., Cancila, J., Girardi, C., Magnini, B., Marinelli, R., Speranza, M. e Zampolli, A. (2003). ItalWordNet: Building a Large Semantic Database for the Automatic Treatment of Italian. In A. Zampolli et al. (a cura di), Computational Linguistics in Pisa, Special Issue, vol. XVI-XVII. Pisa: Giardini, pp Vossen, P. (a cura di) (1999). EuroWordNet General Document. EuroWordNet (LE2-4003, LE4-8328), Part A, Final Document. Consultabile al sito:

Lessico settoriale e lessico comune nell estrazione di terminologia specialistica da corpora di dominio

Lessico settoriale e lessico comune nell estrazione di terminologia specialistica da corpora di dominio Francesca Bonin Felice Dell Orletta* Simonetta Montemagni* Giulia Venturi* (*Istituto di Linguistica Computazionale Antonio Zampolli - ILC- CNR, Dipartimento di Informatica, Università di Pisa) Lessico

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

La Treebank sintattico-semantica dell italiano di SI-TAL: architettura, specifiche, risultati

La Treebank sintattico-semantica dell italiano di SI-TAL: architettura, specifiche, risultati La Treebank sintattico-semantica dell italiano di SI-TAL: architettura, specifiche, risultati Simonetta Montemagni 1 1 Istituto di Linguistica Computazionale - CNR / Consorzio Pisa Ricerche, Pisa, Italy

Dettagli

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Il termine indessicalità indica l onnipresente dipendenza dal contesto degli enunciati di qualunque lingua naturale, e comprende fenomeni diversissimi come

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione

Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale. Analisi esplorative di dati testualilezione Text mining ed analisi di dati codificati in linguaggio naturale Analisi esplorative di dati testualilezione 2 Le principali tecniche di analisi testuale Facendo riferimento alle tecniche di data mining,

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Digital Humanities 2015: Studi umanistici digitali globali (Global Digital Humanities)

Digital Humanities 2015: Studi umanistici digitali globali (Global Digital Humanities) Digital Humanities 2015: Studi umanistici digitali globali (Global Digital Humanities) I. Informazioni Generali L Alliance of Digital Humanities Organisations (ADHO) invita la proposta di abstracts per

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet

Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet scrivere in medicina Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet L emergere di Internet come fonte preziosa di informazioni, ha reso necessaria la definizione di alcune regole

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it L Informatica!2 Informatica Il termine informatica deriva dal francese Informatique Inform(ation

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRINCIPI INTERNAZIONALI DI CATALOGAZIONE. Introduzione

DICHIARAZIONE DI PRINCIPI INTERNAZIONALI DI CATALOGAZIONE. Introduzione DICHIARAZIONE DI PRINCIPI INTERNAZIONALI DI CATALOGAZIONE Introduzione La Dichiarazione di Principi comunemente nota come Principi di Parigi fu approvata dalla Conferenza internazionale sui principi di

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

* Cultura * Religione.

* Cultura * Religione. Ogni Paese è caratterizzato da tre fattori: * Lingua * Cultura * Religione. Le lingue del mondo Quante sono le lingue del mondo? Non c è una risposta precisa: si calcola che siano circa 6000 Questo numero

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA

UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER LA GESTIONE DEL PODCASTING E UNA SUA APPLICAZIONE ALLA DIDATTICA Alberto Betella, Marco Lazzari, "Un ambiente open source per la gestione del podcasting e una sua applicazione alla didattica", Didamatica 2007, Cesena, 10-12/5/2007 Abstract UN AMBIENTE OPEN SOURCE PER

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati Tipologie di pianificatori Pianificazione Intelligenza Artificiale e Agenti II modulo Pianificazione a ordinamento parziale (POP) (HTN) pianificazione logica (SatPlan) Pianificazione come ricerca su grafi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

{formazione, elisabetta.oliveri, rossella.scaioli}@itc.cnr.it. antonietta.folino@unical.it

{formazione, elisabetta.oliveri, rossella.scaioli}@itc.cnr.it. antonietta.folino@unical.it Terminologia, lessici specialistici e strutture tassonomiche nel dominio dell efficienza energetica e dell applicazione di fonti rinnovabili agli usi finali civili Elisabetta Oliveri 1, Concetta Baroniello

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli