Documento del 15 maggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del 15 maggio"

Transcript

1 Documento del 15 maggio a.s. 2011/2012 Classe 5 a sez. D Liceo Linguistico

2 Indice PAG 3 Documento del Consiglio di Classe PROGRAMMI 8 Religione 8 Tedesco 10 Educazione Motoria 11 Inglese 13 Latino 13 Filosofia 14 Matematica 16 Tedesco 16 Storia 17 Italiano 18 Francese RELAZIONI 21 Filosofia 22 Matematica 25 Tedesco 25 Italiano 26 Storia 27 Francese 29 Inglese 30 Latino 31 Religione 34 Tedesco 35 Educazione Motoria 2

3 Documento del Consiglio di Classe Coordinatore: Tambosco Ornella INDICE 1 - Presentazione sintetica della classe 2 - Continuità didattica nel triennio 3 - Profilo finale della classe 4 Compresenza 5 - Obiettivi educativi, formativi e trasversali 6 - Interventi didattici educativi effettuati (sostegno, recupero e potenziamento) 7 - Attività extra - para - intercurricolari effettivamente svolte 8 - Adesione della classe alle iniziative della scuola 9 - Metodologie didattiche attuate e strumenti 10 - Modalità di verifica dell apprendimento 11 - Simulazione di terza prova (eventuali indicatori per correzione prove) 1 - Presentazione sintetica della classe 1 - Presentazione sintetica della classe La classe, composta da ventidue allievi (quattro maschi e diciotto femmine, tutti provenienti dalla classe 4DL ad eccezione di una nuova allieva, precedentemente iscritta in altro istituto) ha seguito un regolare corso di studi ottenendo buoni risultati; nei primi tre anni, infatti, non sono stati assegnati debiti formativi. Nel complesso gli alunni hanno dimostrato interesse e costanza nello studio rispondendo positivamente alle sollecitazioni degli insegnanti e presentando talvolta approfondimenti personali di alto livello. Durante il quarto e il quinto anno, per un esiguo numero di allievi, si sono registrate alcune difficoltà, in particolare, in matematica e in filosofia. I rapporti interpersonali sono stati in generale sereni, a parte qualche momento di incomprensione probabilmente dovuto a una certa competitività e alla presenza di problemi individuali non sempre noti al gruppo classe. 2 - Continuità didattica nel triennio DOCENTE MATERIA CONTINUITÀ DIDATTICA ALMARAZ LILIANA LINGUA e CIVILTA INGLESE (1) Triennio BONUTTI EMANUELE LATINO Classe quinta CERDINI MARFILIUS LINGUA E CIVILTA TEDESCA (3) Classe quarta e quinta MICHAEL HEINRICH CLAUDIC NICOLE MARIE CONVERSAZIONE FRANCESE Triennio HÉLÈNE DE PAOLI LOREDANA CONVERSAZIONE INGLESE Classe quarta e quinta DEL GOBBO OSCAR FILOSOFIA Triennio DEL MONDO SIMONE RELIGIONE Triennio IMBRIANI LAURA EDUCAZIONE MOTORIA Triennio BLOSS SUSANNE CONVERSAZIONE TEDESCO Classe quinta MULLER BARBARA LUISE (supplente dal 15/01 al 15/03) RUSSO ALESSANDRA STORIA - ITALIANO Triennio TAMBOSCO ORNELLA LINGUA E CIVILTA FRANCESE (2) Triennio TRENTIN PAOLO MATEMATICA Triennio 3

4 3 - Profilo finale della classe La classe dimostra di aver raggiunto un livello di profitto più che buono e di aver conseguito le mete educative fissate dalla programmazione del Consiglio di classe. Un gruppetto ha raggiunto un ottimo livello; solo un numero esiguo di allievi ha dimostrato un impegno discontinuo, che non sempre ha consentito loro di superare i limiti di una preparazione frammentaria. Nei rapporti interpersonali le sporadiche difficoltà relazionali non hanno tuttavia mai compromesso il lavoro collettivo e la collaborazione fra compagni e con i docenti. 4 Compresenza A.S Discipline: Inglese e Matematica Titolo del percorso: Elementi di matematica e Newton A.S Discipline: Latino e Tedesco Titolo del percorso: Passi scelti da Germania di Tacito, un percorso di grammatica comparata. A.S Discipline: Storia e Tedesco Titolo del percorso: La storia del Novecento attraverso le fonti e i documenti. 5 - Obiettivi educativi, formativi e trasversali Il consiglio di classe fa proprie le seguenti finalità formative del POF dell Istituto: - Educazione all autonomia intellettuale e alla responsabilità civile ed etica; - Acquisizione di strumenti di lettura critica della realtà culturale e sociale; - Accrescimento delle capacità razionali di analisi, sintesi e interpretazione di fatti e idee; - Sviluppo e potenziamento della comunicazione in ogni forma e a tutti i livelli; - Attenzione a cogliere gli aspetti innovativi delle singole discipline e a privilegiare soluzioni di tipo pluridisciplinare e interdisciplinare; - Promozione di competenze di tipo progettuale; - Riconoscimento da parte degli allievi della propria identità culturale tramite il dialogo interculturale e l educazione al rispetto dell altro nella civile convivenza; - Educazione ai valori di partecipazione, condivisione e solidarietà e ad un corretto rapporto con l ambiente; - Educazione alla salute. Coerentemente con tali finalità, il Consiglio definisce le competenze che intende potenziare tenendo conto dei risultati già acquisiti negli anni precedenti: COMPETENZE TRASVERSALI - Potenziare le proprie conoscenze anche attraverso approfondimenti individuali come via per un arricchimento personale; - Potenziare i propri punti di forza e superare i propri punti deboli elaborando strategie adeguate; - Potenziare l efficacia del proprio metodo di studio utilizzando strategie metacognitive idonee al proprio stile cognitivo; - Potenziare la capacità di leggere la realtà sapendo interpretare in modo critico le diverse fonti di informazione; - Rinforzare la padronanza dei linguaggi specifici nelle varie discipline; - Essere in grado di stabilire confronti e collegamenti fra le varie discipline. Esiti del percorso educativo: Alcuni allievi hanno raggiunto livelli molto elevati di competenze, espressione di un lavoro costante di potenziamento conseguito anche attraverso un impegno nello studio individuale; un gruppo numeroso si attesta su livelli più che buoni mentre uno molto ristretto raggiunge a fatica esiti di piena sufficienza in tutte le discipline. RELAZIONARSI E COMUNICARE 4

5 - Rispettare le regole dell Istituto e del contratto formativo; - Rispettare le regole di una buona convivenza sociale; - Rispettare e capire le diversità culturali e sociali impegnandosi attivamente nella promozione della cittadinanza scolastica per giungere ad un contesto più globale; - Potenziare il senso di cooperazione e mutuo aiuto. Esiti del percorso educativo: Nel complesso gli allievi hanno dimostrato di saper adottare comportamenti corretti anche durante il viaggio di istruzione e in tutte le altre occasioni in cui hanno partecipato ad attività integrative (visite d istruzione, conferenze e iniziative sul territorio). La trattazione di argomenti e problemi legati alla cittadinanza attiva, lo studio e l approfondimento del tema dell emigrazione e di tematiche affini ha costituito un occasione utile all incontro con le problematiche storico - culturali in una dimensione più ampia. LIVELLO MEDIO RAGGIUNTO: PI? CHE BUONO. 6 - Interventi didattici educativi effettuati (sostegno, recupero e potenziamento) Attività di recupero: Disciplina: Tedesco N. ore: 6 Disciplina: Matematica N. ore: Attività extra - para - intercurricolari effettivamente svolte Viaggio di istruzione a Barcellona Visita al cimitero di guerra britannico di Adegliacco (Tavagnacco-Udine) Visita al Centro di prima accoglienza E. Balducci. Spettacolo The Importance of Being Earnest di Oscar Wilde Visione di film in lingua inglese: Lord of the flies Spettacolo presentato dal Théâtre français de Rome Les Sans-papiers Lezioni con gli esperti (videoproiezioni): Dacia Maraini racconta Gustave Flaubert Valerio Magrelli racconta Charles Baudelaire Maurizio Ferraris racconta Marcel Proust Roberto Saviano racconta Albert Camus Spettacolo teatrale I giovani nel Risorgimento Visione di film in lingua italiana: La masseria delle allodole Anni spezzati Una giornata particolare El Alamein I piccoli maestri Approfondimento sul tema della psicanalisi con un laureando dell Università di Bologna. Conferenza presso l Università degli studi di Udine: Dante in Giappone. 8 - Adesione della classe alle iniziative della scuola - Progetto Cittadinanza e Costituzione : visita alla Risiera di San Sabba e alla foiba di Basovizza. - Attività di orientamento 5

6 - Tre incontri sull Europa. - Scuola aperta. 9 - Metodologie didattiche attuate e strumenti Le linee metodologiche seguite sono state condivise a livello di consiglio di classe e non si sono limitate a trattare contenuti disciplinari bensì a sviluppare competenze interdisciplinari. Si è privilegiata la lezione dialogata e la problematizzazione degli argomenti di studio, al fine di promuovere la capacità argomentativa degli allievi e il riferimento alle fonti. Ogni insegnante ha cercato, per quanto possibile, di creare collegamenti con le altre discipline per rendere l apprendimento più omogeneo Modalità di verifica dell apprendimento I docenti, in accordo con il contratto formativo, hanno condiviso l esigenza di valutare come elemento importante nell acquisizione delle conoscenze degli alunni, il loro perdurare nel tempo come espressione di un apprendimento non mnemonico. La valutazione dei risultati del processo formativo ha tenuto conto dell andamento complessivo del percorso di apprendimento che, partendo dalla situazione iniziale di ogni singolo allievo e dei differenti stili cognitivi, ne abbia rilevato i progressi e ne abbia registrato gli esiti nell arco dell intero anno scolastico. La progettazione dei percorsi ha previsto tipologie diversificate di verifiche, sia formative che sommative, allo scopo di valutare l andamento del processo di apprendimento sia in itinere che alla conclusione dell intero itinerario didattico. La valutazione di fine quadrimestre è stata formulata su un numero di almeno tre verifiche scritte (per le discipline che richiedono la valutazione degli scritti) e due orali, in cui è stata sempre prevista la spiegazione dei risultati, sono state fornite indicazioni per la correzione e l autocorrezione degli errori. Per monitorare le conoscenze, le abilità e le competenze acquisite dagli allievi durante l anno scolastico sono stati utilizzati tutti gli strumenti utili quali prove pratiche, strutturate, semistrutturate, a domande aperte nonché colloqui e relazioni Simulazione di terza prova (eventuali indicatori per correzione prove) Valutazione in 15/15. Sono state effettuate due simulazioni della terza prova d esame, rispettivamente in data 7 dicembre 2011 e in data 3 aprile Prima simulazione: Tipologia A (Trattazione sintetica di argomenti) Tempo concesso: 3 ore Allieve della classe: n. 22 Presenti:n.22. Discipline coinvolte: Inglese (voto medio: 11), Filosofia (voto medio:10), Tedesco (voto medio:10,5) Latino (voto medio: 12,6). La valutazione complessiva per allievo ha prodotto il seguente risultato: - voto più basso attribuito: 9 - voto più alto attribuito: 13,5 - punteggio medio: 11 Seconda simulazione: Tipologia B (Domande a risposta singola) Tempo concesso: 3 ore Allieve della classe: n. 22 Presenti:n.22. Discipline coinvolte: Francese(voto medio: 11,5), Storia (voto medio: 11,2), Filosofia(voto medio: 11,2) Matematica(voto medio: 11,5). La valutazione complessiva per allievo ha prodotto il seguente risultato: - voto più basso attribuito: 8 6

7 - voto più alto attribuito: 14 - punteggio medio: 11,5 INDICATORI CORREZIONE TERZA PROVA TIPOLOGIA A e B: TABELLA VALUTAZIONE TERZA PROVA CONOSCENZE (conoscenza specifica degli argomenti richiesti) Punteggio massimo:6 ESPRESSIONE (padronanza della lingua e proprietà di linguaggio disciplinare) Punteggio massimo:4 RIELABORAZIONE LOGICA, CAPACITA DI SINTESI E CAPACITA CRITICHE Punteggio massimo:5 Udine, 10/05/2012 Numerose lacune Contenuti essenziali dell argomento Conoscenza approfondita dell argomento Espressione impropria e scorretta Espressione complessivamente corretta e precisa Espressione appropriata e specifica Rielaborazione e sintesi carente Rielaborazione logica semplice, lineare e ordinata Rielaborazione logica articolata e precisa Punti 1-2 Punti: 3-4 Punti:5-6 Punti 1 Punti: 2-3 Punti:4 Punti 1 Punti: 2-3 Punti:4-5 f.to la Coordinatrice di Classe Ornella Tambosco 7

8 Programma di Religione Docente: Del Mondo Simone Contenuti disciplinari analitici Unità tematica: L ETICA ECONOMICA La globalizzazione Global, no-global, new-global, glocal La globalizzazione dell informazione e della musica Il commercio equo e solidale Due esempi: il commercio delle banane e del caffè Le multinazionali Unità tematica: TEOLOGIA E SHOAH: DIO E IL MALE Il concetto di Dio dopo Auschwitz: Hans Jonas Liana Millu Elie Wiesel Hannah Arendt Art Spiegelman Gulag e lager (Anne Applenbaum) Unità tematica: RELIGIONI E TERRORISMO Unità tematica: EUTANASIA e TESTAMENTO BIOLOGICO Dal 15 maggio 2012: l eutanasia e il testamento biologico f.to Del Mondo Simone Firma degli studenti rappresentanti di classe: Programma di Tedesco Docente: Cerdini Marfilius M. Heinrich Contenuti disciplinari analitici PROGRAMMA SVOLTO (fino al 4 maggio 2012) TEDESCO III LINGUA 1 quadrimestre: Aufklärung: Lessing Nathan der Weise Sturm und Drang: Goethe Die Leiden des jungen Werthers Klassik: Goethe Wilhelm Meisters Lehrjahre Mignon Philine (in fotocopie) Romantik: Novalis Erste Hymne an die Nacht Heinrich von Ofterdingen 8

9 Zwischen Romantik und Realismus Heine Lyrisches Intermezzo Das Fräulein stand am Meere Die schlesischen Weber Realismus Fontane Effi Briest Dekadenz T. Mann Tonio Kröger Der Tod in Venedig Expressionismus Heym Der Gott der Stadt Trakl Abendland 2 quadrimestre: Expressionismus Kafka Die Verwandlung Exilliteratur Brecht Leben des Galilei Der Krieg, der kommen wird Nachkriegsliteratur Borchert Draußen vor der Tür Die drei dunklen Könige Böll Bekenntnis zur Trümmerliteratur Ansichten eins Clowns Schweiz und Österreich Dürrenmatt Die Physiker (i seguenti punti si tratteranno dopo il 7 maggio fino alla fine delle lezioni) Frisch Der Andorranische Jude Bachmann Entfremdung DDR Biermann Berlin Wolf Der geteilte Himmel Nach der Wende Akyün Einmal Hans mit scharfer Soße Franck Lagerfeuer Il programma di letteratura è sempre stato arricchito dalla lettura dei capitoli riguardanti la biografia degli autori e del contesto storico-culturale con particolare riferimento alla storia dell arte (pittura) dal classicismo fino all espressionismo per favorire la connessione tra letteratura e arte. Parte del programma costituisce anche l argomento delle ore di compresenza con storia scelto per quest anno: La storia del 900 con particolare attenzione all Italia e alla Germania. Per quanto riguarda gli argomenti di conversazione si allega il programma della docente prof.ssa SUSANNE BLOSS: PROGRAMMA SVOLTO 9

10 III LINGUA (CONVERSAZIONE IN LINGUA TEDESCA) Prof.ssa Susanne Bloss - Über Filme sprechen; Vokabelarbeit; declinazione dell aggettivo; - Visione Kurzfilme Gregors Erfindung + Kritik: riflessione, riassunto orale con fotocopia und Rollenspiele; - Viaggio d istruzione: über eine Reise sprechen; Präteritum und Perfekt; - Lettura articolo tratto da Presse und Sprache : Luftgitarre /Lesestrategien; riassunto e discussione; - politica: l immagine dell Italia nella stampa tedesca; riassunto e discussione; - Lettura articolo tratto da Presse und Sprache : Junge Europäer /Lesestrategien; riassunto e discussione; - Silvestertraditionen im Vergleich; conversazione con il congiuntivo II; - Lettura articolo : Kolibri oder Schnecke /Lesestrategien; riassunto e discussione; - Lettura articolo tratto da Missbrauchte und verzweckte Zeit /Lesestrategien; riassunto e discussione; interrogazione sull articolo; - Kreativität: conversazione e discussione; - Joachim Gauck: der neue Bundespräsident: Leben und politische Einstellung; fotocopia, lettura e comprensione e conseguente dibattito; - Wiedervereinigung Deutschlands: informazioni, conversazione e discussione; - Ostalgie: Was ist das? : informazioni, conversazione e discussione; - visione film Goodbye Lenin! con didattizazione e conversazione; - argomenti previsti dopo il 15 maggio: - Lettura articolo tratto da Presse und Sprache : Zwischen Heimat und Hoffnung: Arbeitsemigration heute /Lesestrategien; riassunto e discussione; - Lettura articolo tratto da Presse und Sprache : Endlich angekommen: Arbeitsemigranten und ihre Abschlüsse /Lesestrategien; riassunto e discussione; Udine, 04/05/ 2012 f.to Cerdini Marfilius M. Heinrich Firma degli studenti rappresentanti di classe: Programma di Educazione Motoria Docente: Imbriani Laura Contenuti disciplinari analitici I e II QUADRIMESTRE ATTIVITA PRATICA 10

11 Esercizi a corpo libero per il potenziamento fisiologico: - corsa prolungata per il miglioramento della capacità cardio - respiratoria; - esercizi a carico naturale per la tonificazione muscolare; - andature ginniche; - esercizi di mobilizzazione articolare (slanci, circonduzioni, oscillazioni sui tre piani fondamentali), stretching. - esercizi per il controllo segmentario eseguiti in varietà di ampiezza e di ritmo; - quadro svedese: prese e traslocazioni; - spalliera: combinazione di esercizi mobilizzanti e tonificanti; - piccoli attrezzi: con palla e cerchi esercizi per la coordinazione oculo-manuale e destrezza; con la funicella saltelli e andature, anche combinati in un percorso, per la coordinazione dinamica generale; - torneo di badminton; - pallavolo: esercizi di perfezionamento e gioco ARGOMENTI TEORICI f.to Imbriani Laura Firma degli studenti rappresentanti di classe: Programma di Inglese Docente: Almaraz Liliana Contenuti disciplinari analitici TESTO: NEW LITERARY LINKS VOL. 3 Il programma preventivo di ottobre ha subito un lieve cambiamento in corso d anno in quanto il percorso didattico faceva protendere verso altri autori rispetto a quelli precedentemente considerati. Tuttavia questo si è verificato in soli due occasioni vedi la scelta di Yeats anziché Eliot. Il tema centrale che si è affrontato analizzando i vari autori è stato quello del DOPPIO ossia la dualità dell individuo come rappresentazione della dualità nella storia dell umanità. L argomento interdisciplinare delle migrazioni è stato affrontato partendo dall analisi del fenomeno dei grandi esodi verso gli stati uniti sul finire dell 800, per concludersi con lo studio delle migrazioni oggi. A conclusione del percorso, i ragazzi hanno fatto visita al centro di prima accoglienza E. Balducci dove hanno intervistato gli ospiti utilizzando la lingua inglese e quella francese. Gli argomenti di ZOOMING IN ON TEXT, il testo in loro adozione per il potenziamento della scrittura, sono stati vari e hanno riguardato soprattutto la descrizione e la narrazione di eventi. Si è proseguiti anche con il testo di WORD SKILLS, dedicato al potenziamento lessicale, approfondendo il lessico specifico relativo a istituzioni e mondo accademico. 11

12 CONTENUTI SPECIFICI (suddivisi per quadrimestre) Nel corso del PRIMO QUADRIMESTRE The Victorian Age: The age of empire E. A. Poe: The Oval Portrait; William Wilson C. Dickens: Hard Times; Oliver Twist; Nicholas Nickelby Emily Bronte: Wuthering Heights (testo integrale) Emily Dickinson: There is a Solitude of Space; Good Morning Midnight; A Bird Came Down the Walk; Because I Could Not Stop for Death R.L. Stevenson: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr Hyde; O. Wilde: The Importance of Being Earnest( Testo integrale) The Portrait of Dorian Gray Nel corso del SECONDO QUADRIMESTRE The Age of Modernism: A time of war J. Conrad: Heart of Darkness (testo integrale) J. Joyce: From Dubliners:The Dead; Evelyn A. Huxley: Brave New World (Testo integrale) W. Golding: Lord of the Flies (Testo integrale) War Poets: Wilfred Owen: Dolce et Decorum Est Rupert Brooke: The Soldier Siegfried Sassoon: Survivors W.B. Yeats: The Second Coming A. Huxley: Brave New World (Testo integrale) Nel mese di maggio si intende proseguire con i seguenti autori e testi Contemporary times: The post war world Don Delillo: White Noise Wole Soyinka: Telephone Conversation Durante l ora di conversazione con l insegnante di madrelingua sono stati affrontati argomenti di civiltà e di attualità con l ausilio di fotocopie di articoli di giornale e la visione di video con la postazione mobile. Udine, f.to Almaraz Liliana Firma degli studenti rappresentanti di classe:

13 Programma di Latino Docente: Bonutti Emanuele Contenuti disciplinari analitici Premessa Rispetto al programma preventivato, sono stati apportati cambiamenti. Tali cambiamenti sono stati compiuti per venire incontro alle esigenze della classe, in un ottica pluridisciplinare: si è cercato di frequentare autori e testi che maggiormente abbiano influenzato la letteratura del 900 italiana ed europea. Contenuti disciplinari analitici: Premessa metodologica: per ogni autore menzionato nel programma, sono state analizzate la sua biografia, il suo pensiero, il contesto storico e i contenuti delle opere principali da lui scritte. I testi trattati in latino trovano a fianco la sigla (LAT.); altrimenti i testi sono stati analizzati nella traduzione in italiano. Seneca Premessa sulla filosofia stoica e il suo sviluppo a Roma; lettere a Lucilio: 1 a (Paragrafo 1 in LAT), 2 a, 7 a, 47 a. Ovidio Premessa sulla poesia elegiaca a Roma; dagli Amores: I 9, 1-8(Amore e Guerra) (LAT); I 9, (Soldati che diventano amanti); dall Ars Amatoria: I (Tecniche di seduzione ai giochi circensi); dalle Heroides 3, 1-22 (Briseide scrive ad Achille); dalle Metamorfosi: Proemio (LAT.); I (Apollo e Dafne); X (Pigmalione). Orazio Dalle Odi: 9 dal libro I (Del domani non darti pensiero); 11 dal libro I (Carpe Diem) (LAT.); dalle Satire: IX ; II (6, 59-76); X (tutte tratte dal libro I). Petronio Dal Satyricon: 31, 1-11; 32-34; 6-10 (L inizio della cena e l apparizione di Trimalcione); 37 (Ritratto di Fortunata); (Una fabula Milesia: la matrona di Efeso). Apuleio Dalle Metamorfosi: III (La Metamorfosi di Lucio in asino); V (Psiche contempla Amore addormentato); Da svolgere dopo il 15 di maggio: Metamorfosi XII 5-6 (Iside appare in sogno a Lucio) Metri analizzati Esametro; distico elegiaco; asclepiadei maggiori. La guerra civile spagnola Breve intervento sulla guerra civile spagnola, in preparazione alla visita di studio a Barcellona. f.to Bonutti Emanuele Firma degli studenti rappresentanti di classe: Programma di Filosofia Docente: Del Gobbo Oscar 13

14 Contenuti disciplinari analitici I QUADRIMESTRE - Dal criticismo all idealismo: Il dibattito sulla cosa in sé ; l idealismo romantico tedesco (caratteri generali). - J.G. Fichte: l infinità dell Io; la Dottrina della scienza e i suoi tre principi; la dottrina della conoscenza e la dottrina morale; la filosofia politica e i Discorsi alla nazione tedesca. - F.W.J. Schelling: il concetto dell Assoluto e la teoria dell arte. - G.W.F. Hegel: i capisaldi del Sistema e la dialettica; la Fenomenologia dello Spirito: struttura, significato e analisi delle principali figure della coscienza; la Logica e la filosofia della Natura (senso generale e concetti fondamentali); la filosofia dello Spirito: soggettivo, oggettivo, assoluto; la filosofia della storia e le teorie politiche. - L. Feuerbach: Destra e Sinistra hegeliane; il rovesciamento dei rapporti di predicazione e la critica ad Hegel; l alienazione religiosa; umanismo e filantropismo: la filosofia dell avvenire. - K. Marx: la critica ad Hegel e il distacco da Feuerbach; i limiti del liberalismo e l ideale di una democrazia sostanziale ; la critica dell economia borghese capitalistica e la problematica dell alienazione nei Manoscritti; la concezione materialistica della storia; la sintesi del Manifesto; Il Capitale; la rivoluzione e la dittatura del proletariato; le fasi della futura società comunista. II QUADRIMESTRE - A. Schopenhauer: le radici culturali del sistema; Il mondo come volontà e rappresentazione: il velo di Maya e la volontà di vivere ; il pessimismo e la critica delle varie forme di ottimismo (cosmico, sociale, storico); le vie di liberazione dal dolore: arte, etica, ascesi. - S. Kierkegaard: il rifiuto dell hegelismo; l esistenza come possibilità e singolarità; gli stadi dell esistenza; l angoscia e la disperazione; la fede. - Il Positivismo: caratteri generali; A. Comte: la legge dei tre stadi e la classificazione delle scienze, la sociologia e la sociocrazia; H. Spencer: la dottrina dell Inconoscibile, la teoria dell evoluzione, sociologia e politica. - F. Nietzsche Il periodo giovanile: la Nascita della tragedia e la seconda Inattuale; il periodo illuministico : il metodo critico-genealogico e l autosoppressione della morale ; lo Zarathustra e la filosofia del meriggio : la morte di Dio, il superuomo, la volontà di potenza, l eterno ritorno; l ultimo Nietzsche: la trasvalutazione dei valori, il problema del nichilismo e del suo superamento. - S. Freud Gli studi sull isteria; sintomi, sogni ed atti mancati; le due topiche ; la teoria della sessualità e il complesso edipico; la teoria delle pulsioni; religione e civiltà. - H. Bergson Caratteri generali dello spiritualismo; durata reale e libertà; materia e memoria; l evoluzione creatrice: slancio vitale, istinto, intelligenza e intuizione; società, morale e religione. Programma di Matematica Docente: Trentin Paolo Contenuti disciplinari analitici Le funzioni. Insiemi numerici limitati e illimitati. 14 f.to Del Gobbo Oscar Firma degli studenti rappresentanti di classe:......

15 Intervalli: vari tipi di intervalli. Intorni: intorno completo, intorno destro e sinistro, intorno circolare, intorno di infinito. Definizione di funzione, dominio, codominio, immagine. Classificazione delle funzioni matematiche Le funzioni numeriche e matematiche, variabile dipendente e variabile indipendente. Rappresentazioni analitiche di una funzione Grafico di una funzione. Determinazione del dominio e del codominio di una funzione dal grafico Grafici delle funzioni elementari Funzioni pari e dispari. Le funzioni periodiche. Funzioni crescenti e decrescenti in senso stretto ed in senso lato: funzioni monotone. Campo d esistenza di una funzione. La ricerca del campo di esistenza delle funzioni: polinomiali intere, polinomiali fratte Limiti. Limite finito di una funzione per x tendente ad un valore finito. Limite finito per x tendente all infinito Asintoti orizzontali, destri e sinistri Limite infinito per x tendente ad un valore finito Asintoti verticali, destri e sinistri Limite infinito per x tendente all infinito. Limite destro e limite sinistro. Algebra dei limiti Enunciati dei teoremi sul calcolo dei limiti (limiti della somma, differenza, prodotto e quoziente) Calcolo dei limiti delle funzioni razionali intere e fratte anche in presenza di forme di indecisione del tipo o 0 0. Funzioni continue Funzioni continue: definizioni, continuità in un punto, continuità in un intervallo. Esempi di continuità di alcune funzioni elementari: la funzione costante e la funzione variabile indipendente. I punti di discontinuità di prima, seconda e terza specie di una funzione. Derivate. Il rapporto incrementale ed il suo significato geometrico. Definizione di derivata e significato geometrico della derivata. Punti stazionari. Punti di non derivabilità: interpretazione geometrica. Enunciato del teorema sulla continuità delle funzioni derivabili. Derivate fondamentali. Enunciato dei teoremi sulla derivata di somma e sottrazione di funzioni. Enunciato dei teoremi sulla derivata del prodotto e quoziente di funzioni. Determinazione dei punti stazionari. Teorema di Lagrange e sue conseguenze Studio di una funzione. Dominio delle funzioni algebriche razionali intere e fratte Classificazione dei punti di discontinuità Determinazione del segno della funzione Ricerca degli asintoti: verticali, orizzontali, obliqui. Determinazione degli asintoti verticali orizzontali ed obliqui. Derivata, punti stazionari, segno della derivata, intervalli di crescenza e decrescenza Minimi e massimi relativi Grafico della funzione, cenni alla classificazione dei flessi Dal grafico di una funzione alle sue caratteristiche o Il dominio della funzione rappresentata o Le intersezioni con gli assi o Gli intervalli in cui la funzione è positiva e negativa o I limiti agli estremi del dominio e le equazioni degli asintoti o I punti di minimo e di massimo relativi 15 f.to Trentin Paolo Firma degli studenti rappresentanti di classe:......

16 Programma di Tedesco Docente: Bloss Susanne Contenuti disciplinari analitici Programma di tedesco conversazione svolto a.s. 2011/2012 Ins. Susanne Bloss Tedesco 3^Lingua Classe: 5^DL - Metodo: lettura in lingua straniera; - Über Filme sprechen; Vokabelarbeit; declinazione dell aggettivo; - Visione Kurzfilme Gregors Erfindung + Kritik: riflessione, riassunto orale con fotocopia und Rollenspiele; - Viaggio d istruzione: über eine Reise sprechen; Präteritum und Perfekt; - Lettura articolo tratto da Presse und Sprache : Luftgitarre /Lesestrategien; riassunto e discussione; - politica: l immagine dell Italia nella stampa tedesca; riassunto e discussione; - Lettura articolo tratto da Presse und Sprache : Junge Europäer /Lesestrategien; riassunto e discussione; - Silvestertraditionen im Vergleich; conversazione con il congiuntivo II; - Lettura articolo : Kolibri oder Schnecke /Lesestrategien; riassunto e discussione; - Lettura articolo tratto da Missbrauchte und verzweckte Zeit /Lesestrategien; riassunto e discussione; interrogazione sull articolo; - Kreativität: conversazione e discussione; - Joachim Gauck: der neue Bundespräsident: Leben und politische Einstellung; fotocopia, lettura e comprensione e conseguente dibattito; - Wiedervereinigung Deutschlands: informazioni, conversazione e discussione; - Ostalgie: Was ist das? : informazioni, conversazione e discussione; - visione film Goodbye Lenin! con didattizazione e conversazione; - argomenti previsti dopo il 15 maggio: - Lettura articolo tratto da Presse und Sprache : Zwischen Heimat und Hoffnung: Arbeitsemigration heute /Lesestrategien; riassunto e discussione; - Lettura articolo tratto da Presse und Sprache : Endlich angekommen: Arbeitsemigranten und ihre Abschlüsse /Lesestrategien; riassunto e discussione; Udine, 3 maggio Firma (Susanne Bloss) Programma di Storia Docente: Russo Alessandra 16 f.to Bloss Susanne Firma degli studenti rappresentanti di classe: Contenuti disciplinari analitici L età dell Imperialismo e il dominio coloniale europeo (Caratteri generali). Cap. 1 - Società, economia e cultura tra XIX e XX secolo(caratteri generali). Cap. 2 - Le potenze europee alla vigilia della prima guerra mondiale, i paesi extraeuropei (caratteri generali). Cap. 4 - L Italia giolittiana Cap. 5 - La prima guerra mondiale Cap. 6 - La rivoluzione russa Cap. 7 - Il dopoguerra Cap. 8 - Gli anni Venti negli Stati Uniti e in Europa. Cap. 9 - Il dopoguerra e il fascismo in Italia Cap I totalitarismi degli anni Trenta Cap La guerra che torna Cap Asia, Africa e America Latina fra la Prima e la Seconda guerra mondiale Cap Dalla guerra europea alla guerra mondiale (approfondimento sulla Shoah). Cap La guerra in Italia (approfondimento sulla guerra di Liberazione in Friuli) Modulo di Cittadinanza e Costituzione: Dalle macerie della guerra nasce la Costituzione. Scenari La guerra fredda e il bipolarismo USA-URSS

17 La decolonizzazione L attività di compresenza con tedesco ha consentito di affrontare alcuni argomenti nella prospettiva interdisciplinare e ha favorito gli approfondimenti dei seguenti temi storici: Letteratura e guerra: un percorso sulla poesia e la grande guerra. La Germania di Weimar: aspetti della cultura e dell arte. La crisi finanziaria del primo dopoguerra. I totalitarismi e la propaganda. L Anchluss Il processo di Norimberga La Germania divisa, il Muro di Berlino. Programma di Italiano Docente: Russo Alessandra Contenuti disciplinari analitici 17 f.to Russo Alessandra Firma degli studenti rappresentanti di classe: Giacomo Leopardi: Lettere, La prigione di Recanati: noia e rabbia Canti: All Italia, Ultimo canto di Saffo, L infinito, La sera del dì di festa, A Silvia, La quiete dopo la tempesta, Il sabato del villaggio, Canto notturno di un pastore errante dell Asia, Il passero solitario. Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese, Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere. Zibaldone: Rimembranze, Piacere e illusioni, La teoria del piacere e l infinito La letteratura dell Italia unita: Edmondo De Amicis, da Cuore: La piccola vedetta lombarda, Franti cacciato dalla scuola. La paraletteratura : Carolina Invernizio, Il bacio di una morta, Emilio Salgari, I pirati della Malesia. La Scapigliatura: caratteri generali. Camillo Boito, da Senso, L inizio della relazione. Iginio Ugo Tarchetti, da Fosca, Una relazione malata. Emilio De Marchi, da Demetrio Pianelli, Il primo colloquio con Beatrice Il Naturalismo francese Edmond e Jules de Goncourt,Prefazione a Germinie Lacerteux. Émile Zola, Il romanzo sperimentale. Il Verismo Giovanni Verga: da Vita dei campi, Rosso Malpelo, La lupa, Cavalleria rusticana. Da Novelle rusticane: La roba, Libertà. I Malavoglia: lettura integrale dell opera Da Mastro don Gesualdo: Avete tanti denari, e vi date l anima al diavolo! Allorché finalmente Gesualdo arrivò alla Canziria, La morte di Don Gesualdo. Federico de Roberto, da I Viceré, la storia è una monotona ripetizione. Il Decadentismo (caratteri generali) Charles Baudelaire, da I fiori del male, L albatro, Corrispondenze A. Rimbaud: Vocali, Lettera del Veggente P. Verlaine: Ars poetica, Languore

18 J. K. Huysmans: A ritroso Giovanni Pascoli, da Myricae, Patria, Arano, X Agosto, L assiuolo. da Canti di Castelvecchio: L uccellino del freddo, Nebbia, Il gelsomino notturno. Da Poemetti: Digitale purpurea, Italy Da Le Prose: E dentro di noi un fanciullino, La grande proletaria si è mossa. Gabriele D Annunzio: da Canto novo, Preludio, In faccia alla vecchia scrostata rossiccia muraglia : Il piacere (lettura integrale) Brani tratti dai romanzi: L innocente, Poema paradisiaco, Il fuoco Laudi, Alcyone, La sera fiesolana, La pioggia nel pineto, I pastori Da Il Notturno, Il cadavere di Miraglia I futuristi, Filippo Tommaso Marinetti, Manifesto del Futurismo, Manifesto tecnico della letteratura futurista. Luigi Pirandello: da Il fu Mattia Pascal, Uno strappo nel cielo di carta, Io e l ombra mia. Da Uno, nessuno e centomila, Mia moglie e il mio naso, Non conclude. Da Quaderni di Serafino Gubbio operatore, Una mano che gira la manovella Novelle per un anno, Il treno ha fischiato Da Enrico IV, Pazzo? Ora sì e per sempre Italo Svevo: da Una vita, La lezione del gabbiano Da Senilità, L inizio della relazione, Realtà e sogno La coscienza di Zeno (lettura integrale dell opera) Percorso sulla poesia Giuseppe Ungaretti: da L allegria, Fratelli, Sono una creatura, I fiumi, San Martino del Carso da Il dolore, Non gridate più. Eugenio Montale: da Ossi di seppia, I limoni, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di viver da Le occasioni, Non recidere forbice quel volto. Da La bufera e altro, L anguilla Letteratura, ideologia e industria culturale: il contesto storico Il Neorealismo Primo Levi: Se questo è un uomo (lettura integrale) Un autore a scelta: Italo Calvino (lettura di due opere a scelta) Cesare Pavese (lettura di due opere a scelta) Dante Alighieri: Commedia, Paradiso, canto I, III, VI, XVII, XXXIII. f.to Russo Alessandra Firma degli studenti rappresentanti di classe: Programma di Francese Docente: Tambosco Ornella, Claudic Nicole Marie-Helene Contenuti disciplinari analitici 18

19 N ORE SETTIMANALI: 4 ore di cui una in compresenza con la docente di conversazione. Dal testo in adozione De fil en aiguille 2 di S.Doveri e R.Jeannine: 1. LE ROMANTISME - Contesto storico - Caratteristiche Chateaubriand: vita e opere - Le vague des passions Lamartine : vita e opere - Le lac V. Hugo : vita e opere - Demain, dès l aube - Fonction du poète Le mal du siècle L homme et la nature L homme et Dieu La fonction du poète et de la poésie 2. LE ROMAN DU RÉEL - Contesto storico - Caratteristiche H. De Balzac : vita e opere - Eugénie Grandet: lettura integrale dell opera in francese Flaubert : vita e opere - Madame Bovary: visione del film in francese Zola: vita e opere L alcool tratto dall Assommoire La déchéance tratto dall Assommoire LA POÉSIE DE LA MODERNITÉ- LE SYMBOLISME - Contesto storico - Caratteristiche Baudelaire : vita e opere - Spleen - Correspondances - Le serpent qui danse - Parfum exotique - L aube spirituelle - Que diras-tu ce soir - L Albatros - Un hémisphère dans une chevelure Verlaine : vita e opere 19

20 - Art poétique - Chanson d automne Rimbaud : vita e opere - Le dormeur du val - Voyelles Dal testo in adozione De fil en aiguille 3 di S.Doveri e R.Jeannine: 4. LE TEMPS DES TRANSGRESSIONS - Contesto storico - Caratteristiche Apollinaire: vita e opere - Zone tratto da Alcools - La Tour tratto da Calligrammes - La cravate tratto da Calligrammes - La montre tratto da Calligrammes Proust: vita e opere - La madeleine tratto da Du côté de chez Swann - Le drame du coucher da Du côté de chez Swann 5.LE TEMPS DES ENGAGEMENTS : - Contesto storico - Caratteristiche Paul Eluard: vita e opere - Matines - Liberté - Courage La guerre et les chanteurs : - Chant des partisans - Le déserteur de Boris Vian Albert Camus: vita e opere L étranger: lettura integrale dell opera in francese 6.APRÈS LA DEUXIÈME GUERRE MONDIALE : RÉFLEXION SUR LA CONDITION HUMAINE : - Contesto storico - Caratteristiche Le théâtre de l absurde : (si prevede di completare entro la fine dell anno scolastico) Samuel Beckett: vita e opere En attendant Godot lettura integrale dell opera in francese 7.L ÉMANCIPATION FÉMININE Simone de Beauvoir: vita e opere (si prevede di completare entro la fine dell anno scolastico) - On ne naît pas femme, on le devient tratto da Le deuxième sexe CONTENUTI dell attività in compresenza con la conversatrice: 20

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli