ARRENDERSI O COMBATTERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARRENDERSI O COMBATTERE"

Transcript

1 CARLO PALUMBO ARRENDERSI O COMBATTERE VOLUME 1 La scelta della Divisione Acqui a Cefalonia e Corfù 1943 IN OCCASIONE DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO

2 Copyright 2013 Carlo Palumbo Tutti i diritti riservati / All rights reserved Versione pdf stampabile ISBN Impaginazione e copertina: Immagine di copertina: Archivio Renzo Apollonio Cartografia: Paola e Carlo Palumbo con la collaborazione di Alessandro Demaria, Clara Russo e Fabio Zaza dell Istituto Albe Steiner di Torino. Disegni: Camilla Baralis, Simone Boccuni, Sabrina Casu, Priscilla Choszcz Grippa e Clarissa Moretto del Primo Liceo Artistico di Torino CARLO PALUMBO Arrendersi o combattere. VOLUME 1 La scelta della Divisione Acqui a Cefalonia e Corfù. 1943

3 CARLO PALUMBO ARRENDERSI O COMBATTERE VOLUME 1 La scelta della Divisione Acqui a Cefalonia e Corfù 1943 In occasione del settantesimo anniversario Si ringrazia per la collaborazione:

4 SOMMARIO PREFAZIONE di Gianni Oliva pag. 7 PRESENTAZIONE di Giuseppe Bagni, Presidente nazionale CIDI pag. 9 INTRODUZIONE di Carlo Palumbo pag LASTRAGEDICEFALONIA E CORFÙ pag. 23 L eccezionalità di un evento, p. 23 Che cos è avvenuto nelle Isole Ionie nel settembre 1943?, p. 24 La sorte dei sopravvissuti, p MUSSOLINI E LA GUERRA PARALLELA: L ATTACCO ALLA GRECIA EL OCCUPAZIONE DI CEFALONIA E CORFÙ pag. 29 Le ragioni dell ingresso in guerra dell Italia, p. 29 Una guerra italiana che finisce male, p. 31 L attacco alla Grecia: una scelta avventata, p. 34 La resistenza greca e lo sbandamento italiano, p. 36 La Germania evita il disastro, p. 37 Una vittoria umiliante per l Italia, p. 38 L occupazione italo-tedesca, p. 41 Dopo Stalingrado, p. 42 Il cedimento italiano, p LA DIVISIONE ACQUI A CEFALONIA E CORFÙ pag. 47 Dall attacco alla Francia allo sbarco nelle Isole Ionie, p. 47 Quali forze costituivano la divisione Acqui?, p. 48 L Italia e le Isole Ioniche, p. 49 Due anni di occupazione: , p. 51 Tabella 1. Diario storico. Situazione della forza al 15 novembre Divisione Acqui, p. 54 La divisione si concentra a Cefalonia, p. 55 Soldati e ufficiali della divisione Acqui, p LACADUTADIMUSSOLINI E IL GOVERNO BADOGLIO pag. 64 Il Gran Consiglio del Fascismo del 24 luglio 1943, p. 64 Il 25 luglio e l arresto di Mussolini, p. 68 I primi provvedimenti, p. 70 La costituzione del nuovo governo, p. 74 I partiti antifascisti si riorganizzano, p. 76 La discussione sull armistizio, p L ARMISTIZIO DI CASSIBILE E L 8 SETTEMBRE pag. 80 L incontro di Tarvisio, p. 80 Tedeschi e alleati di fronte al problema «Italia», p. 81 Le trattative per l armistizio, p. 83 L annuncio dell armistizio, p. 86 Gli alleati e la campagna d Italia, p. 87 Lo sbarco alleato nell Italia continentale, p. 91 Inglesi e americani di fronte crollo italiano, p. 93 I tedeschi e l operazione Alarico, p LAFUGADELREEILREGNO DEL SUD pag. 101 Il governo e il re tra due fuochi, p. 101 La decisione del re di fuggire, p. 103 I rapporti tra gli alleati e il Regno del Sud: l «armistizio lungo», p. 107 La sorte dei

5 militari italiani prigionieri degli alleati, p. 113 La costituzione del Comitato di liberazione nazionale, p LA LIBERAZIONE DI MUSSOLINI E LA REPUBBLICA SOCIALE ITALIANA pag. 122 La prigionia e la liberazione di Mussolini, p. 122 La nascita della Repubblica sociale italiana e i rapporti con la Germania, p. 126 Il «Manifesto» di Verona, p. 131 L Italia centro-settentrionale sotto il dominio germanico, p L 8 SETTEMBRE E LA RESISTENZA DELLE FORZE ARMATE pag. 139 Le forze italiane e tedesche alla data dell armistizio, p. 139 L esercito italiano dopo l armistizio, p. 140 Per i tedeschi i soldati italiani sono «franchi tiratori», p. 144 La reazione delle forze italiane all estero all annuncio dell armistizio, p. 146 La situazione delle truppe italiane all estero, p. 148 Settori Venezia Giulia, Croazia e Dalmazia, p. 152 Settori Albania, Montenegro, Kossovo-Scutari, p. 153 Settore greco: ordini contraddittori e collaborazionismo del Comando italiano, p. 158 Comando superiore forze armate Egeo, p. 163 Un bilancio della resistenza italiana nei Balcani, p GLI INTERNATI MILITARI ITALIANI CATTURATI DAI TEDESCHI DOPO L 8 SETTEMBRE pag. 168 Quanti sono i militari italiani internati dai tedeschi?, p. 168 Perché «internati militari» e non «prigionieri di guerra»?, p. 169 Il trattamento subìto da ufficiali e soldati, p CARTOGRAFIA pag LA NOTIZIA DELL ARMISTIZIO A CEFALONIA E CORFÙ pag. 195 L atteggiamento dei greci, uno sguardo d insieme, p. 195 La dislocazione delle forze al momento dell armistizio, p. 197 Tabella 2. Dipendenze della divisione Acqui all 8 settembre 1943, p. 201 Tabella 3. Dipendenze tedesche a Cefalonia e Corfù settembre 1943, p. 202 Tabella 4. 33a divisione di fanteria Acqui e reparti collegati. Cefalonia (8 corpo d armata) e Corfù (26 corpo d armata), settembre 1943, p settembre. L annuncio dell armistizio, p settembre. L abbandono del nodo stradale di Kardakata, p settembre. Il Comando di Atene impone la cessione delle armi pesanti ai tedeschi, p L ULTIMATUM DEI TEDESCHI, LA RISPOSTA ITALIANA E LE TRATTATIVE pag. 220 Il 10 settembre arriva la richiesta tedesca di resa, p. 220 Il ruolo degli Alleati, p settembre. Il nuovo incontro con la missione inglese e la trattativa Barge-Gandin, p settembre. Le comunicazioni col Comando Supremo italiano. «Considerate le truppe tedesche come nemiche», p settembre. Di fronte agli ordini di Gandin, gli uomini della Acqui non vogliono cedere le armi, p settembre. Cresce la tensione tra italiani e tedeschi, p settembre. Le trattative continuano, p settembre. Per i tedeschi Gandin non controlla più la sua divisione, p settembre. La «consultazione» della divisione: la Acqui respinge l ultimatum tedesco, p settembre. La «notifica» di Gandin a Barge: per il Comando Supremo tedesco, p. 271 «Ribelli» o soldati?, p e 15 dicembre. Le trattative tra Barge e Gandin continuano, p. 275.

6 12 LA BATTAGLIA DI CEFALONIA pag. 279 Gli ultimi preparativi per la battaglia, p settembre. Baia di Argostoli, p settembre. La momentanea supremazia italiana, p settembre. Le battaglie di Kardakata e di ponte Kimonico-Divarata, p settembre. La battaglia di capo Munta, p settembre. Gli Alleati e la situazione nelle Isole Ionie, p settembre. La battaglia di Dilinata, p. 300 Tabella 5. Gli episodi censiti in Giraudi, La resistenza degli italiani all estero, in base ai luoghi dove sono stati rinvenuti resti di militari italiani uccisi nei giorni settembre, p. 306 Il comportamento dei militari italiani, p LA RAPPRESAGLIA TEDESCA pag settembre. Dopo la resa, p. 309 Le testimonianze della strage. Troianata, p settembre. La strage di San Teodoro, nei pressi della casetta rossa, p. 313 Tavola di Priscilla Choszcz Grippa, p. 314 Le ragioni della strage, p LALOTTAACORFÙ pag. 326 La situazione sull isola all 8 settembre, p settembre. La prima fase dello scontro, p settembre I combattimenti sull isola di Corfù, p LA VICENDA DEI SOPRAVVISSUTI pag. 353 Deportazione e internamento, p. 353 Il Raggruppamento banditi Acqui, p. 358 La liberazione di Cefalonia, p. 363 Il Servizio informazioni militare e l Ufficio storico dello Stato maggiore dell Esercito sui fatti di Cefalonia, p. 366 Il recupero dei resti dei caduti di Cefalonia, p L OCCASIONE PERDUTA DEI PROCESSI pag. 382 Processare i criminali di guerra, p. 382 Il Processo di Norimberga, p. 387 La Procura militare indaga, p. 390 La giustizia tedesca e quella italiana, p. 393 L armadio della vergogna, p IL DIBATTITO STORIOGRAFICO pag. 399 Dall immediato dopoguerra agli anni Novanta, p. 399 Intorno al Sessantesimo anniversario della strage, tra celebrazioni e spettacolarizzazione della memoria, p. 403 Le nuove fonti documentarie e il dibattito attuale: interpretazioni a confronto, p. 407 Conservazione della memoria e sviluppo della ricerca, p CONCLUSIONI. DALLA CRISI DEL FASCISMO ALLA REPUBBLICA DEMOCRATICA pag. 428 BIBLIOGRAFIA pag. 433 I LAVORI DEGLI STUDENTI DEL PRIMO LICEO ARTISTICO DI TORINO pag. 437

7 PREFAZIONE DI GIANNI OLIVA Strano destino quello della memoria di Cefalonia e Corfù, dove nel settembre 1943 la divisione Acqui rifiuta l ordine di disarmo della Wehrmacht e resiste per due settimane prima di essere sconfitta e decimata. Per molti anni è stata una pagina di storia dimenticata: nei primi decenni del dopoguerra, la storiografia privilegiava l esperienza di lotta delle formazioni partigiane, alle quali faceva risalire il monopolio identitario dell Italia democratica. Cefalonia e Corfù, esempi di resistenza da parte di forze regolari del Regio Esercito, risultavano dissonanti rispetto ad una «vulgata» che accomunava tutto il mondo militare nelle colpe dell 8 settembre. Verso la fine degli anni Sessanta, quando si è cominciato a parlare della divisione Acqui, il tono ha invece assunto i tratti dell agiografia ed ha evidenziato due aspetti «eroici»: da un lato il carattere spontaneo della lotta, con i soldati coinvolti dal comandante generale Antonio Gandin in un presunto referendum da cui sarebbe emersa la volontà della maggioranza di combattere; dall altro, la strage perpetrata dai Tedeschi su ordine esplicito di Berlino, con soldati e ufficiali uccisi in combattimento o fucilati dopo la resa perché «a Cefalonia non bisogna fare prigionieri». La ricerca più recente ha rivisitato i fatti di Cefalonia e Corfù con maggiore scrupolo scientifico, riconducendoli entro confini storicamente credibili. Il «referendum» è stata in realtà 7

8 una consultazione informale del comandante Gandin con gli ufficiali per verificare lo stato d animo delle truppe in una situazione di emergenza, dove bisognava «scegliere» senza informazioni su quanto stava accadendo in Italia e nello scacchiere greco-balcanico. L entità della strage, a sua volta, è stata parzialmente ridimensionata, pur assommando ai morti in combattimento e ai fucilati i soldati dispersi in mare per l affondamento delle imbarcazioni che li trasportavano verso i campi di prigionia. Nella direzione dell aggiornamento storiografico si muove anche questo nuovo lavoro di Carlo Palumbo, studioso di valore, che sa coniugare la passione civile con la serietà della ricerca: le fonti fotografiche e documentarie proposte a corredo della ricostruzione dei fatti sono un contributo prezioso per consegnare la resistenza della divisone Acqui ad una memoria consapevole. Le rivisitazioni sono infatti un occasione di verità che nulla tolgono al significato morale e simbolico dei fatti: a Cefalonia si è comunque «scelto» di resistere e si è pagato duramente per questa scelta, indipendentemente dalle modalità con cui la decisione è maturata e indipendentemente dalle proporzioni della repressione nazista. Da questo punto di vista, l esperienza della Acqui resta fondamentale nella storia del biennio e ben vengano approfondimenti come quello di Carlo Palumbo che ne arricchiscono la conoscenza al di fuori di qualsiasi tentazione retorica. 8

9 PRESENTAZIONE DI GIUSEPPE BAGNI Presidente nazionale CIDI Nella memoria pubblica la Seconda guerra mondiale resta impressa soprattutto a partire dall 8 settembre 1943, con i mesi di occupazione, i bombardamenti, le rappresaglie tedesche. Una memoria che predilige l immagine di italiani, sia civili sia soldati, vittime della guerra e dei tedeschi. Facciamo finire il conflitto con l insurrezione dei partigiani, con la Liberazione, con l entrata degli alleati nelle città del nord. Noi siamo dalla parte giusta, dalla parte del vincitore noi siamo con gli inglesi e con gli americani. Ma questa ricostruzione della nostra storia recente, seppur vera, è solo una parte della verità. Dalla nostra memoria collettiva è stato cancellato tutto ciò che contrasta con questa lettura autoconsolatoria, quella degli italiani «brava gente», vittime della storia e della cattiva sorte. La scuola non ha fatto nulla o quasi per colmare questa amnesia. Diversamente da quello che è accaduto in altri paesi, si pensi alla cultura e al cinema americano che hanno saputo rielaborare criticamente la tragedia del Vietnam, l Italia non ha mai voluto far luce sulla parte oscura e terribile della sua storia, non lo ha fatto con la sua politica coloniale in Africa, dalla Libia all Etiopia, non lo ha fatto con la sua partecipazione alla guerra mondiale. 9

10 Tra gli stati europei che hanno partecipato alla Seconda guerra mondiale, l Italia è il paese che più ha assunto ruoli opposti: è stato il principale alleato della Germania nazista, ha partecipato quindi all occupazione di territori e alla repressione in essi esercitata, e poi, dopo l armistizio, ha subìto l occupazione e la violenza tedesca. Militari e civili si sono trovati, dopo l 8 settembre 1943, di fronte alla scelta se collaborare col nuovo nemico, attendere la fine della guerra, oppure combattere. Nei Balcani e in Grecia questi ruoli sono esasperati e portano alle conseguenze più tragiche. La vicenda della divisione Acqui a Cefalonia e a Corfù rappresenta in forma essenziale e paradigmatica il contrasto tra questi ruoli e il dramma della scelta tra le differenti possibilità condizionate dalle molteplici spinte contraddittorie che determinano gli eventi: la posizione dei tedeschi e degli alleati, la fedeltà al governo del re o al fascismo, gli ordini dall alto e la volontà dei reparti. I soldati e gli ufficiali della divisione Acqui si trovarono a dover scegliere in una situazione difficilissima, senza notizie certe sulla situazione esistente in Italia e nei Balcani, senza conoscere le intenzioni degli anglo-americani, dei tedeschi, le capacità di azione di quello che restava del Regno d Italia, ridotto a una parte delle province pugliesi, con la flotta di Taranto impossibilitata a intervenire nelle Isole Ionie. Nonostante tutte queste contraddizioni, la vicenda dei nostri soldati a Cefalonia e a Corfù ha assunto negli ultimi anni un valore altamente simbolico, in particolare in occasione delle visite al monumento ai caduti a Cefalonia il 1 marzo 2001 e il 25 aprile Il presidente Carlo Azeglio Ciampi aveva infatti affermato: 10

11 «Decisero di non cedere le armi. Preferirono combattere e morire per la patria. Tennero fede al giuramento [ ]. La loro scelta consapevole fu il primo atto della Resistenza, di un Italia libera dal fascismo». E per il Presidente Giorgio Napolitano: «A Cefalonia si manifestò un impulso egualmente nobilissimo e destinato a dare i suoi frutti. Si può ben cogliere fuori di ogni mitizzazione un ponte ideale tra quell impulso e la successiva maturazione dello spirito della Resistenza». Il presente contributo tiene conto di questa realtà complessa, dell ambiguità del ruolo dei soldati italiani al di fuori del territorio nazionale e nelle Isole Ionie in particolare, truppe di occupazione fino all 8 settembre 1943, poi tra i primi protagonisti dell opposizione aperta ai reparti tedeschi, fino a pochi giorni prima nostri alleati sui vari fronti di guerra. Questo studio non presenta proposte semplificatorie e rifiuta di rinchiudersi in spiegazioni univoche e lineari. L analisi procede per cerchi concentrici, collocando gli avvenimenti di Cefalonia e di Corfù all interno dei differenti contesti politici e militari in cui agiscono soggetti che hanno logiche e interessi diversi: il conflitto tra Tedeschi e Nazioni Unite è l anello più ampio; la caduta di Mussolini e l azione del governo Badoglio, con gli italiani divisi su fronti opposti, costituisce invece l arena intermedia; la vicenda dei nostri militari al di fuori dei confini nazionali e la situazione nelle due isole come caso particolare, condizionato dai primi due contesti. La storia è del resto scienza dei contesti e la complessità è un elemento del contesto contemporaneo. È questa una lezione che l Autore, da molti anni insegnante negli istituti superiori 11

12 italiani, ha colto come aspetto essenziale della comunicazione storica nel rapporto con gli studenti e con i giovani, i principali destinatari di questo lavoro. La scuola deve infatti fare i conti con i rischi di perdita di memoria e di connessioni con il passato delle nuove generazioni, conseguenze queste dei fenomeni sociali di sradicamento, di crollo dei canali della memoria familiare, dei mutamenti nel contesto socio-politico degli ultimi decenni, in cui l orizzonte temporale si offusca e si appiattisce sul presente. Ma è necessario sfatare il luogo comune secondo cui i giovani sarebbero comunque privi di «memoria». La «lontananza emotiva dei giovani dalla storia» di cui spesso si parla, è cosa diversa dall assenza di memoria. Essa in effetti entra comunque in gioco per costituire i processi di identità sul piano individuale, sociale e collettivo. Essa si definisce rispetto allo spazio dell esperienza concreta dei giovani e all interno dell orizzonte di aspettative che individua paure, attese e speranze. Per questo è necessario che la storia riscopra la sua forza, che risiede nella capacità di rispondere a domande profonde e sentite e che possono essere coerenti con il modello di cittadino che entra in relazione con il mondo; per questo l educazione alla cittadinanza non può che essere una delle finalità dell insegnamento della storia, soprattutto quando la comprensione storica è problematizzazione, ricerca, valutazione del suo uso pubblico. A me sembra che questo studio aiuti a produrre senso per la capacità di rispondere a domande di questo tipo. Perché aiuta a comprendere le ragioni delle decisioni assunte settanta anni fa dai giovani e giovanissimi italiani che a Cefalonia e a Corfù fecero i conti con la propria vita e con le proprie spe- 12

13 ranze, assumendo su di sé la responsabilità di una scelta che metteva a rischio la propria sopravvivenza, pur di difendere quello che allora essi consideravano il proprio «onore» di soldati e quello di una patria lontana e desiderata a cui volevano assolutamente ritornare dopo due o tre anni di assenza. Allora le parole di Pertini, di Ciampi, di Napolitano, che in momenti diversi hanno rappresentato il nostro Paese nelle celebrazioni che si sono tenute a Cefalonia, acquistano un diverso significato, più profondo. Quei giovani anticipavano con la loro decisione quella che altre migliaia di cittadini faranno nei due anni successivi, dando vita a quella Resistenza che contribuirà alla sconfitta della Germania nazista e del Fascismo, permettendo la nascita della nostra democrazia. C è nella scelta di quei giovani la testimonianza di un travaglio delle coscienze che anticipa una delle eredità fondamentali della Resistenza che va oltre la lotta partigiana e l insurrezione finale dell aprile Essa rappresenta l inizio di un processo ampio e profondo che ha trasformato le mentalità, la vita, le azioni di milioni di italiani, militari e civili, che ha portato a rompere col controllo autoritario attuato dal ventennio fascista e ha aperto la strada alla vita democratica della Repubblica italiana. Un processo di cambiamento e di presa di coscienza, forse incompleto e parziale, ma certamente determinante per la sorte futura del Paese. Il tempo passato e la scomparsa dei protagonisti rischia di cancellare la memoria degli eventi che qui sono ricostruiti. La coscienza storica è necessaria per non riproporre le stesse scelte e gli stessi errori, ma anche per comprendere le origini della nostra Repubblica e della nostra Costituzione, che non possono essere interpretate al di fuori di quel contesto e di 13

14 quelle esperienze. La nostra Costituzione, entrata in vigore il primo gennaio 1948, frutto della guerra di Liberazione e dell accordo tra i partiti antifascisti, ha garantito per più di sessant anni un terreno comune di unità e di confronto democratico tra i cittadini e le forze politiche. Ha resistito a tensioni interne e internazionali anche dure e profonde, continuando a rappresentare il fondo di identità della cittadinanza italiana, nei valori, nell accettazione di diritti e doveri, nella cultura comune di convivenza e di civiltà. E questo è ciò che dobbiamo salvaguardare. Per noi e per la generazione che verrà. 14

15 INTRODUZIONE DI CARLO PALUMBO Il presente studio costituisce il coerente sviluppo di un precedente lavoro dal titolo Ritorno a Cefalonia e Corfù La scelta della divisione Acqui dopo l armistizio dell 8 settembre 1943, pubblicato nel 2003 grazie al patrocinio del Consiglio Regionale del Piemonte, in occasione del Sessantesimo anniversario delle tragiche vicende che avevano coinvolto, dopo l armistizio, i soldati della divisione Acqui e degli altri reparti di stanza nelle Isole Ionie. Erano poi venute altre ristampe, prima a cura della Provincia di Bergamo e del Comune di Lovere, poi col contributo della Provincia di Trento. Ad apprezzare il progetto erano state soprattutto le varie sezioni locali dell Associazione Nazionale Divisione Acqui, che avevano in molteplici occasioni richiesto anche la mostra fotografica e documentaria di cui il volume era il naturale complemento. Il mio interesse per quei fatti era nato in occasione di un viaggio di studio a Corfù e a Cefalonia organizzato dalla Regione Piemonte nel maggio 2002 e rivolto a un gruppo di studenti e insegnanti delle scuole medie superiori. In quell occasione avevo conosciuto diversi reduci che avevano combattuto in Grecia, in Albania e in Iugoslavia a partire dal In particolare vi era stato l incontro con Donatello Viglongo e con Mario Gelera, dell Associazione Nazionale Divisione Acqui, sezione Piemonte, ed era nata la proposta di lavorare 15

16 insieme per le celebrazioni che sarebbero state organizzate l anno successivo. Ci animava l idea che una collaborazione tra l Associazione e la scuola avrebbe potuto portare positivi risultati per le due realtà. Le associazioni combattentistiche hanno avuto, dopo la conclusione della guerra, il fondamentale compito di mantenere vivi i legami tra i reduci sopravvissuti e i familiari di quelli scomparsi e di trasmettere la memoria di quei fatti soprattutto in occasione delle celebrazioni periodiche su scala locale e nazionale. Tuttavia, il passare degli anni con la progressiva scomparsa dei testimoni diretti e la difficoltà sempre maggiore di coinvolgere nella riflessione su questi temi i soggetti non direttamente interessati, rischia oggi di spezzare il filo di quella memoria che ogni generazione deve trasmettere a quella successiva. Ma questo è uno dei compiti più importanti che la scuola come istituzione deve contribuire a realizzare. Le attività alle quali demmo vita assieme, in particolare una mostra fotografica sulla divisione Acqui e una serie di incontri e convegni, furono dedicate principalmente al mondo della scuola piemontese, agli adolescenti e ai giovani che non avevano conosciuto la tragedia della Seconda guerra mondiale di cui erano stati protagonisti o vittime gli uomini e le donne che avrebbero potuto essere i loro nonni o bisnonni. Era soprattutto un invito agli studenti a imparare da quegli eventi e a non dimenticare, perché la memoria del passato è importante per progettare il futuro e, anche se ormai può sembrare retorico, per avere meno scuse nel caso qualcuno volesse ripetere gli stessi errori. 16

17 A distanza di dieci anni ho voluto riprendere in mano il risultato di quel progetto. Molto è stato scritto nel frattempo. Sono usciti importanti contributi di storici accademici, di ricercatori, di giornalisti. L interesse di tanti studiosi per quanto avvenuto settant anni fa soprattutto nell isola di Cefalonia è dovuto sicuramente alla rilevanza di quella tragedia, che supera per numero di vittime altre ugualmente significative, dal rastrellamento del ghetto di Roma alla strage di Marzabotto. Inoltre, gli ultimi presidenti della Repubblica, prima Carlo Azeglio Ciampi nel 2001, poi Giorgio Napolitano nel 2007, nei loro viaggi sull isola hanno richiamato i nessi tra le scelte fatte dai soldati italiani dopo l 8 settembre, in particolare quelle della divisione Acqui, e la nascita della Resistenza italiana. L episodio della Acqui ha finito così per costituirsi come evento paradigmatico: questi soldati, decidendo consapevolmente il loro destino combattendo, avrebbero riaffermato l esistenza della Patria, compiendo il primo atto della Resistenza al nazifascismo. Per alcuni storici non ci sarebbe più molto da aggiungere su quanto avvenuto a Cefalonia nel settembre 1943, in realtà i sempre nuovi contributi dimostrano che non è ancora disponibile una verità condivisa su quegli eventi. Troppi sono i nodi da sciogliere sul piano storiografico e, considerato il vuoto incolmabile della documentazione disponibile, soprattutto da parte italiana, molti interrogativi rimarranno senza risposta. A cominciare dal numero delle vittime della carneficina di Cefalonia che è ormai impossibile definire con precisione, perché non esiste più il Diario di guerra della Divisione, andato distrutto nel corso della battaglia. Ma altri nodi interpretativi rimangono insoluti. Quali erano 17

18 le motivazioni e gli obiettivi del comandante della divisione, il generale Gandin? Quale fu il ruolo dei giovani capitani che portarono la divisione a rifiutare l ordine di disarmo tedesco? Per quali ragioni i tedeschi non fecero prigionieri a Cefalonia, non solo tra gli ufficiali, ma anche tra i sottufficiali e soprattutto tra i soldati combattenti, trasformando la resa della divisione nella più terribile strage di militari italiani dopo l armistizio? Le testimonianze italiane contrastano spesso con quelle tedesche su tutti questi aspetti appena ricordati, ma vi sono contraddizioni e giudizi differenti anche tra quelle italiane, rilasciate in epoche diverse e da reduci che avevano avuto ruoli differenti nel settembre 1943 e nei due anni successivi, alcuni collaborando con la resistenza greca o lavorando più o meno liberamente per la Repubblica sociale di Mussolini, altri sottoposti al dominio tedesco in varie forme. Anche i familiari dei caduti hanno assunto spesso posizioni contrastanti nel tentativo di difendere la memoria dei loro congiunti o di cercare le responsabilità della loro morte, attivando iniziative giudiziarie contro alcuni dei protagonisti sopravvissuti. Per tutte queste ragioni la riflessione sul piano storico è tutt altro che conclusa. Questo lavoro non presenta certamente contributi originali o soluzioni inattese, ma cerca di rendere conto delle ricerche svolte fino a questo momento, evidenziando le differenti interpretazioni di storici e ricercatori e i contraddittori punti di vista dei protagonisti e dei testimoni di allora, italiani, tedeschi e greci. Ho cercato di distinguere fatti e giudizi condivisi da quelli su cui ancora oggi si sviluppa il confronto, presentando le di- 18

19 verse valutazioni con la massima precisione e correttezza che mi è stata possibile raggiungere. Ciò non significa che io sia equidistante tra le differenti posizioni. Il decennio trascorso dai primi studi mi ha spinto a sviluppare alcune intuizioni che allora erano solo accennate, o a cambiare, in qualche caso, opinione. L obiettivo che mi sono proposto è di presentare a un pubblico non specialistico l intera questione, a settant anni di distanza da quei drammatici eventi. La ricostruzione dei fatti di Cefalonia e di Corfù è solo una parte dello studio; mi è sembrato altrettanto importante ricollocare gli avvenimenti nel contesto più ampio, geografico e storico delle vicende belliche che hanno visto protagonisti, assieme ai nostri militari, gli alleati, i tedeschi, i greci; sono anche trattate le scelte del fascismo italiano che portarono all invasione della Grecia e le ragioni del collasso italiano seguìto all armistizio dell 8 settembre Credo che questo sia il solo modo per dare un senso ai racconti e alle memorie individuali sulle vicende della divisione Acqui. Sul piano editoriale ho deciso, proprio per la natura non specialistica di questo contributo, di non appesantire la trattazione con il ricorso a note e a indicazioni bibliografiche puntuali. Le diverse interpretazioni sono in ogni caso sempre rintracciabili attraverso l indicazione dell autore e del titolo dell opera eventualmente citata. Per lo stesso motivo sono stati eliminati acronimi e abbreviazioni, non sempre immediatamente comprensibili per chi non è addentro alle trattazioni storiche e militari. Il contesto storico degli eventi presentati è stato richiamato 19

20 ogni volta che lo si è ritenuto necessario, anche correndo il rischio di incorrere in qualche ripetizione. La maggiore novità di questo contributo è però nel secondo volume, dedicato alla presentazione della documentazione fotografica oggi disponibile sulla divisione Acqui dal 1940 e sui reparti presenti nelle Isole Ionie tra il 1941 e il Già a partire dal 2002 si era deciso di riordinare una parte del Fondo Apollonio, che l Associazione Nazionale Divisione Acqui aveva consegnato nel luglio 2001 all Ufficio storico dello Stato maggiore dell Esercito. Grazie alla cortese disponibilità del dirigente dell Ufficio storico, avevo dato il via a una prima classificazione dei materiali fotografici del Fondo, conservati allora in due scatoloni, in un grande disordine. La sistemazione provvisoria, che era propedeutica all archiviazione vera e propria, teneva conto in massima parte dei criteri di organizzazione già impostati dallo stesso generale Renzo Apollonio, e aveva l obiettivo di rendere fruibile l archivio fotografico, recuperandone, a meno di correzioni e integrazioni, le didascalie dattiloscritte originali. Il lavoro di archiviazione sarà successivamente ripreso e portato a compimento a cura dell Istituto storico autonomo dei militari italiani all estero di Arezzo. La parte più significativa, circa 300 fotografie, era stata registrata e archiviata in formato elettronico e messa a disposizione dell Ufficio storico e dell Associazione. A questo primo nucleo si sono aggiunti altri fondi, provenienti da archivi privati di reduci o familiari di militari italiani e da archivi pubblici tedeschi. Nuove ricerche potranno integrare ulteriormente i materiali qui presentati, ma si tratta già ora di una assai consistente do- 20

ARRENDERSI O COMBATTERE

ARRENDERSI O COMBATTERE CARLO PALUMBO ARRENDERSI O COMBATTERE VOLUME 1 La scelta della Divisione Acqui a Cefalonia e Corfù 1943 IN OCCASIONE DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO Copyright 2013 Carlo Palumbo Tutti i diritti riservati

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 settembre 1939 invasione della Polonia LA SECONDA GUERRA MONDIALE VERSO LA SECONDA GUERRA MONDIALE CRISI DEGLI ANNI 30 ISOLAZIONISMO AMERICANO AFFERMAZIONE DEL NAZISMO IN GERMANIA POLITICA ESTERA AGGRESSIVA

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945

La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 La Seconda Guerra Mondiale 1939-1945 A partire dal 1935 la Germania nazista di Hitler iniziò ad attuare la sua politica espansionistica, approfittando della debolezza e delle problematiche economiche di

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale 1939: l inizio del conflitto Il 1 settembre la Germania invade la Polonia che crolla dopo un mese. In base agli accordi, l URSS occupa la Polonia orientale, le repubbliche baltiche

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Progetto Le vie della Resistenza (1943-1945)

Progetto Le vie della Resistenza (1943-1945) Combattenti di Cefalonia, Corfù e isole greche, viale dentro il Parco XXV Aprile (lato Canaletto), v. scheda parco XXV Aprile del. 305 del 13/7/2005 a cura di Maria Cristina Mirabello I fatti in cui l'esercito

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

Preliminari di guerra

Preliminari di guerra Preliminari di guerra Le vittorie diplomatiche di Hitler Marzo 1938. L Austria viene annessa al Reich (ANSCHLUSS) Questione dei Sudeti. Accordi di Monaco (29-30 settembre 1938) Entro il marzo 1939 tutta

Dettagli

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore La Prima guerra mondiale Lezioni d'autore Carta dell Europa al 1914, da www.silab.it/storia L Europa del secondo Ottocento Periodo di pace, dalla guerra franco-tedesca del 1870 alla guerra 1914-1918. Modifiche

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo. LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi)

STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo. LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi) STORIA CLASSE V prof.ssa Midolo LA II GUERRA MONDIALE: i fatti bellici (lezione del prof. Marco Migliardi) Il piano di guerra tedesco: Hitler aveva già pronto il suo piano militare dopo aver invaso la

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

La strage di Cefalonia

La strage di Cefalonia La strage di Cefalonia (settembre 1943) Cefalonia è la più grande delle isole ioniche (781 Kmq). E' situata ad ovest del golfo di Patrasso (vedi cartina) e il suo territorio è prevalentemente montuoso.

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Storia, Educazione civica

Storia, Educazione civica Storia, Educazione civica del prof. Nappini Iacopo insegnante di Storia, Educazione Civica nella classe 5 sez. D Ore settimanali di lezione: 3 Totale annuale delle ore: 98 PROGRAMMA SVOLTO Programmazione

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa

PROGRAMMA DI STORIA. Il dopoguerra Crisi delle istituzioni liberali Tensioni sociali e malcontento Il mito della Rivoluzione russa Anno Scolastico 2013/2014 5^A Liceo Scientifico Tecnologico PROGRAMMA DI STORIA L Europa e il mondo di inizio 900: Guerre prima della guerra (Inglesi, Boeri, Russi e Giapponesi) La crisi marocchina Il

Dettagli

Era un treno di carne umana. matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale

Era un treno di carne umana. matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale Era un treno di carne umana matricola 80581 diario di un soldato italiano durante la seconda guerra mondiale Diego Fortunati ERA UN TRENO DI CARNE UMANA matricola 80581 diario di un soldato italiano durante

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 16 LA SECONDA GUERRA MONDIALE

Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 16 LA SECONDA GUERRA MONDIALE Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 16 LA SECONDA GUERRA MONDIALE A cura di Maurizio Cesca Dalla guerra-lampo alla guerra di logoramento (1939-1941)...

Dettagli

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte GIAPPONE ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte 1913/1920 grande sviluppo industriale e urbano: occupazione mercato asiatico Con la pace: crisi economica, revanchismo.

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO Il giorno 16 aprile, noi della classe III H abbiamo avuto la possibilità di poter incontrare la professoressa Nadia Olivieri, dell Istituto della storia della Resistenza

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Nella Germania in crisi Adolf Hitler, ispirandosi a Mussolini, prende il potere e

Nella Germania in crisi Adolf Hitler, ispirandosi a Mussolini, prende il potere e Capitolo 4: 1933-1945 La seconda guerra mondiale, la Resistenza, la Liberazione Nella Germania in crisi Adolf Hitler, ispirandosi a Mussolini, prende il potere e impone il nazismo, rafforzando in Europa

Dettagli

10 febbraio 2016 GIORNO DEL RICORDO. In memoria delle vittime delle Foibe

10 febbraio 2016 GIORNO DEL RICORDO. In memoria delle vittime delle Foibe 10 febbraio 2016 GIORNO DEL RICORDO In memoria delle vittime delle Foibe 10 febbraio 2016 GIORNO DEL RICORDO In memoria delle vittime delle Foibe Informazione, film e fiction, approfondimenti e testimonianze

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A

I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A I L G I O R N A L E B I B L I O T E C A S T O R I C A Renzo De Felice MUSSOLINI L ALLEATO 1. L Italia in guerra 1940-1943 Tomo secondo. Crisi e agonia del regime 1990 e 1996 Giulio Einaudi editore S.p.A.,

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

Servizio Assemblea. Al Signor Presidente della Giunta. Regionale della Campania. Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI. Ai Presidenti delle Commissioni

Servizio Assemblea. Al Signor Presidente della Giunta. Regionale della Campania. Via S. Lucia, n. 81 NAPOLI. Ai Presidenti delle Commissioni NAPOLI Prot.n. /Gen. Via S. Lucia, n. 81 Regionale della Campania ( Al Signor Presidente della Giunta Mod. 43 Napoli, o2oio Le stesse si esprimeranno nei modi e termini previsi dal Regolamento. VI e Il

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

Seconda guerra mondiale

Seconda guerra mondiale Seconda guerra mondiale La politica espansionistica di Hitler basata sul desiderio di unire tutti i popoli tedeschi (pangermanesimo), di dare alla razza ariana uno spazio vitale a est in cui vivere e la

Dettagli

II Guerra Mondiale CRONOLOGIA militare

II Guerra Mondiale CRONOLOGIA militare II Guerra Mondiale CRONOLOGIA militare 1931-1939 Gli eventi anticipatori 18 Settembre 1931 Il Giappone invade la Manciuria. Luglio 1936 La guerra civile spagnola (luglio 1936 - aprile 1939) 2 Ottobre 1935

Dettagli

L aggressione nazifascista all Europa

L aggressione nazifascista all Europa L aggressione nazifascista all Europa Carta Il fascismo in Europa Germania e Italia non sono un eccezione: tra gli anni 20 e 30 molti paesi europei conoscono governi autoritari: Austria (Dolfuss), Ungheria

Dettagli

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse

La Grande guerra dinamiche e problemi. 2. Le premesse La Grande guerra dinamiche e problemi 2. Le premesse Sarajevo 28 giugno 1914 La prima guerra mondiale, alla quale l Italia avrebbe partecipato dal 24 maggio 1915 con intensità crescente e verso la fine

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

Docente Rosanna Amadio

Docente Rosanna Amadio LICEO SCIENTIFICO STATALE NOMENTANO a.s. 2014-2015 Docente Rosanna Amadio PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA Classe 5 H UNIFICAZIONE DELLA GERMANIA E CROLLO DEL SECONDO IMPERO Declino del secondo Impero Verso

Dettagli

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO CARNIA 1944. UN ESTATE DI LIBERTÀ INCONTRO SULL ESPERIENZA DELLA REPUBBLICA LIBERA DELLA CARNIA ALLA PRESENZA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA martedì 29 maggio 2012, ore 11 Aula Magna di Piazzale Kolbe

Dettagli

Cosa furono il Fascismo e la Seconda Guerra Mondiale?

Cosa furono il Fascismo e la Seconda Guerra Mondiale? Cosa furono il Fascismo e la Seconda Guerra Mondiale? Indice generale - Obiettivi..p.1 - L ITALIA FASCISTA: LINEE GENERALI.p.2 - LA SECONDA GUERRA MONDIALE: LINEE GENERALI..p.6 - Bibliografia p.14 Obiettivi

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi,

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, le bombe su londra Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, distruzioni, convogli affondati in mare, grandi e piccole nazioni già occupate. Insomma, il massacro

Dettagli

Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante:Guastella Egizia

Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante:Guastella Egizia Liceo. T. L. Caro - Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe V F Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Il periodo storico che viene trattato in questa unità didattica va dagli inizi del V secolo a.c. alla fine del I secolo a.c. e riguarda la Grecia, la Macedonia

Dettagli

SECONDA GUERRA MONDIALE LA GUERRA LAMPO

SECONDA GUERRA MONDIALE LA GUERRA LAMPO SECONDA GUERRA MONDIALE ITALIA Patto tra Germania e URSS (Molotov Ribbentropp) Agosto 1939 L URSS, secondo il Patto, invade la Polonia da Est, i Paesi Baltici e la Finlandia L URSS si annette i Paesi baltici

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA SVOLTO VD. Conoscenze, abilità e competenze

SCHEDA PROGRAMMA SVOLTO VD. Conoscenze, abilità e competenze Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Lo scontro fra la Grecia e la Persia

Lo scontro fra la Grecia e la Persia Lo scontro fra la Grecia e la Persia Un conflitto di civiltà Ø nel corso del VI secolo a. C. le città greche della costa occidentale dell Asia Minore (odierna Turchia) crescono in ricchezza e potenza,

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870)

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Il Risorgimento : creare l'italia 1 Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Introduzione : Momento centrale della storia italiana perché è il momento della nascita ufficiale di un paese

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale La Germania Era l'ultima tra le potenze arrivate Per poter conquistare e mantenere le proprie colonie, potenzia l'esercito e la flotta più delle altre nazioni europee, che non

Dettagli

Ordigni esplosivi residuati bellici: intervista ad Amedeo Postiglione

Ordigni esplosivi residuati bellici: intervista ad Amedeo Postiglione Ordigni esplosivi residuati bellici: intervista ad Amedeo Postiglione di Giovanni Lafirenze Premessa La volontà di mantenere sempre alta l attenzione degli appassionati, e più in generale di tutte le persone

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

I. STORIA. s.i. D. Bambi ne (0-11) Civili Partigiani Renitenti Disertori Carabinieri Militari Sbandati 38 4

I. STORIA. s.i. D. Bambi ne (0-11) Civili Partigiani Renitenti Disertori Carabinieri Militari Sbandati 38 4 Episodio di Collelungo Vallerotonda 28-12-1943 Nome del compilatore: Tommaso Baris I. STORIA Località Comune Provincia Regione Collelungo Vallerotonda Frosinone Lazio Data iniziale: 28-12-1943 Data finale:

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85 Indice Prefazione... 1 1. Vietnam e Cina nella storia... 5 1.1. Origini della civiltà vietnamita... 5 1.2. Il Vietnam nel sistema sinocentrico... 9 1.3. La civiltà cinese in Vietnam e i primi tentativi

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA

PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA PROLOGHI SULLA GRANDE GUERRA di Angelo Fasolo L Italia si trovò spiazzata dallo scoppio della prima guerra mondiale. La triplice alleanza, nata il 20 maggio 1882, era un patto militare di carattere esclusivamente

Dettagli

Le guerre del V secolo

Le guerre del V secolo Le guerre del V secolo I Guerra Persiana (490) II Guerra Persiana (480-479) Guerra del Peloponneso (431-404) La prima guerra persiana Fonti importanti: Erodoto Studialo nelle note Eschilo (tragediografo),

Dettagli

Un ritorno durato sei anni, la storia di Mario Rossi

Un ritorno durato sei anni, la storia di Mario Rossi Quistellesi in guerra. Un ritorno durato sei anni, la storia di Mario Rossi Mario Rossi ce l ha fatta, uno dei pochi tra i tanti che partirono, ma lui era riuscito a tornare a casa, nella sua Quistello,

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned Gli anni della persecuzione nazista Dario Venegoni li ha vissuti attraverso

Dettagli

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN Ho ricevuto queste foto da Angelo Granara che a sua volta le ha avute da suo nipote Enrico e quest ultimo dall Ambasciata Italiana in Eritrea. Senza indugi le

Dettagli

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss

La Grande guerra. L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss La Grande guerra L Europa verso la guerra I principali fatti militari La rivoluzione in Russia e la nascita dell Urss Le cause della guerra Fattori internazionali: Conflitto economico e coloniale tra Germania

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000

Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Superficie: 331.689 km² Popolazione: 85.700.000 Il territorio del Vietnam Il Vietnam è uno stato del Sud-est Asiatico. Confina a nord con la Cina, a Ovest con il Laos e la Cambogia, a est e a sud si affaccia

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

Il Giorno del Ricordo, ricorrenza nazionale di cui oggi celebriamo il decimo anniversario dell istituzione, ha contribuito a far conoscere la storia

Il Giorno del Ricordo, ricorrenza nazionale di cui oggi celebriamo il decimo anniversario dell istituzione, ha contribuito a far conoscere la storia Signor Presidente del Senato, Signor Prefetto, signora Presidente della Regione, Signor Sindaco di Trieste, Signori rappresentanti delle Associazioni degli esuli, gentili ospiti, la giornata odierna è

Dettagli