ARRENDERSI O COMBATTERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARRENDERSI O COMBATTERE"

Transcript

1 CARLO PALUMBO ARRENDERSI O COMBATTERE VOLUME 1 La scelta della Divisione Acqui a Cefalonia e Corfù 1943 IN OCCASIONE DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO

2 Copyright 2013 Carlo Palumbo Tutti i diritti riservati / All rights reserved Versione pdf stampabile ISBN Impaginazione e copertina: Immagine di copertina: Archivio Renzo Apollonio Cartografia: Paola e Carlo Palumbo con la collaborazione di Alessandro Demaria, Clara Russo e Fabio Zaza dell Istituto Albe Steiner di Torino. Disegni: Camilla Baralis, Simone Boccuni, Sabrina Casu, Priscilla Choszcz Grippa e Clarissa Moretto del Primo Liceo Artistico di Torino CARLO PALUMBO Arrendersi o combattere. VOLUME 1 La scelta della Divisione Acqui a Cefalonia e Corfù. 1943

3 CARLO PALUMBO ARRENDERSI O COMBATTERE VOLUME 1 La scelta della Divisione Acqui a Cefalonia e Corfù 1943 In occasione del settantesimo anniversario Si ringrazia per la collaborazione:

4 SOMMARIO PREFAZIONE di Gianni Oliva pag. 7 PRESENTAZIONE di Giuseppe Bagni, Presidente nazionale CIDI pag. 9 INTRODUZIONE di Carlo Palumbo pag LASTRAGEDICEFALONIA E CORFÙ pag. 23 L eccezionalità di un evento, p. 23 Che cos è avvenuto nelle Isole Ionie nel settembre 1943?, p. 24 La sorte dei sopravvissuti, p MUSSOLINI E LA GUERRA PARALLELA: L ATTACCO ALLA GRECIA EL OCCUPAZIONE DI CEFALONIA E CORFÙ pag. 29 Le ragioni dell ingresso in guerra dell Italia, p. 29 Una guerra italiana che finisce male, p. 31 L attacco alla Grecia: una scelta avventata, p. 34 La resistenza greca e lo sbandamento italiano, p. 36 La Germania evita il disastro, p. 37 Una vittoria umiliante per l Italia, p. 38 L occupazione italo-tedesca, p. 41 Dopo Stalingrado, p. 42 Il cedimento italiano, p LA DIVISIONE ACQUI A CEFALONIA E CORFÙ pag. 47 Dall attacco alla Francia allo sbarco nelle Isole Ionie, p. 47 Quali forze costituivano la divisione Acqui?, p. 48 L Italia e le Isole Ioniche, p. 49 Due anni di occupazione: , p. 51 Tabella 1. Diario storico. Situazione della forza al 15 novembre Divisione Acqui, p. 54 La divisione si concentra a Cefalonia, p. 55 Soldati e ufficiali della divisione Acqui, p LACADUTADIMUSSOLINI E IL GOVERNO BADOGLIO pag. 64 Il Gran Consiglio del Fascismo del 24 luglio 1943, p. 64 Il 25 luglio e l arresto di Mussolini, p. 68 I primi provvedimenti, p. 70 La costituzione del nuovo governo, p. 74 I partiti antifascisti si riorganizzano, p. 76 La discussione sull armistizio, p L ARMISTIZIO DI CASSIBILE E L 8 SETTEMBRE pag. 80 L incontro di Tarvisio, p. 80 Tedeschi e alleati di fronte al problema «Italia», p. 81 Le trattative per l armistizio, p. 83 L annuncio dell armistizio, p. 86 Gli alleati e la campagna d Italia, p. 87 Lo sbarco alleato nell Italia continentale, p. 91 Inglesi e americani di fronte crollo italiano, p. 93 I tedeschi e l operazione Alarico, p LAFUGADELREEILREGNO DEL SUD pag. 101 Il governo e il re tra due fuochi, p. 101 La decisione del re di fuggire, p. 103 I rapporti tra gli alleati e il Regno del Sud: l «armistizio lungo», p. 107 La sorte dei

5 militari italiani prigionieri degli alleati, p. 113 La costituzione del Comitato di liberazione nazionale, p LA LIBERAZIONE DI MUSSOLINI E LA REPUBBLICA SOCIALE ITALIANA pag. 122 La prigionia e la liberazione di Mussolini, p. 122 La nascita della Repubblica sociale italiana e i rapporti con la Germania, p. 126 Il «Manifesto» di Verona, p. 131 L Italia centro-settentrionale sotto il dominio germanico, p L 8 SETTEMBRE E LA RESISTENZA DELLE FORZE ARMATE pag. 139 Le forze italiane e tedesche alla data dell armistizio, p. 139 L esercito italiano dopo l armistizio, p. 140 Per i tedeschi i soldati italiani sono «franchi tiratori», p. 144 La reazione delle forze italiane all estero all annuncio dell armistizio, p. 146 La situazione delle truppe italiane all estero, p. 148 Settori Venezia Giulia, Croazia e Dalmazia, p. 152 Settori Albania, Montenegro, Kossovo-Scutari, p. 153 Settore greco: ordini contraddittori e collaborazionismo del Comando italiano, p. 158 Comando superiore forze armate Egeo, p. 163 Un bilancio della resistenza italiana nei Balcani, p GLI INTERNATI MILITARI ITALIANI CATTURATI DAI TEDESCHI DOPO L 8 SETTEMBRE pag. 168 Quanti sono i militari italiani internati dai tedeschi?, p. 168 Perché «internati militari» e non «prigionieri di guerra»?, p. 169 Il trattamento subìto da ufficiali e soldati, p CARTOGRAFIA pag LA NOTIZIA DELL ARMISTIZIO A CEFALONIA E CORFÙ pag. 195 L atteggiamento dei greci, uno sguardo d insieme, p. 195 La dislocazione delle forze al momento dell armistizio, p. 197 Tabella 2. Dipendenze della divisione Acqui all 8 settembre 1943, p. 201 Tabella 3. Dipendenze tedesche a Cefalonia e Corfù settembre 1943, p. 202 Tabella 4. 33a divisione di fanteria Acqui e reparti collegati. Cefalonia (8 corpo d armata) e Corfù (26 corpo d armata), settembre 1943, p settembre. L annuncio dell armistizio, p settembre. L abbandono del nodo stradale di Kardakata, p settembre. Il Comando di Atene impone la cessione delle armi pesanti ai tedeschi, p L ULTIMATUM DEI TEDESCHI, LA RISPOSTA ITALIANA E LE TRATTATIVE pag. 220 Il 10 settembre arriva la richiesta tedesca di resa, p. 220 Il ruolo degli Alleati, p settembre. Il nuovo incontro con la missione inglese e la trattativa Barge-Gandin, p settembre. Le comunicazioni col Comando Supremo italiano. «Considerate le truppe tedesche come nemiche», p settembre. Di fronte agli ordini di Gandin, gli uomini della Acqui non vogliono cedere le armi, p settembre. Cresce la tensione tra italiani e tedeschi, p settembre. Le trattative continuano, p settembre. Per i tedeschi Gandin non controlla più la sua divisione, p settembre. La «consultazione» della divisione: la Acqui respinge l ultimatum tedesco, p settembre. La «notifica» di Gandin a Barge: per il Comando Supremo tedesco, p. 271 «Ribelli» o soldati?, p e 15 dicembre. Le trattative tra Barge e Gandin continuano, p. 275.

6 12 LA BATTAGLIA DI CEFALONIA pag. 279 Gli ultimi preparativi per la battaglia, p settembre. Baia di Argostoli, p settembre. La momentanea supremazia italiana, p settembre. Le battaglie di Kardakata e di ponte Kimonico-Divarata, p settembre. La battaglia di capo Munta, p settembre. Gli Alleati e la situazione nelle Isole Ionie, p settembre. La battaglia di Dilinata, p. 300 Tabella 5. Gli episodi censiti in Giraudi, La resistenza degli italiani all estero, in base ai luoghi dove sono stati rinvenuti resti di militari italiani uccisi nei giorni settembre, p. 306 Il comportamento dei militari italiani, p LA RAPPRESAGLIA TEDESCA pag settembre. Dopo la resa, p. 309 Le testimonianze della strage. Troianata, p settembre. La strage di San Teodoro, nei pressi della casetta rossa, p. 313 Tavola di Priscilla Choszcz Grippa, p. 314 Le ragioni della strage, p LALOTTAACORFÙ pag. 326 La situazione sull isola all 8 settembre, p settembre. La prima fase dello scontro, p settembre I combattimenti sull isola di Corfù, p LA VICENDA DEI SOPRAVVISSUTI pag. 353 Deportazione e internamento, p. 353 Il Raggruppamento banditi Acqui, p. 358 La liberazione di Cefalonia, p. 363 Il Servizio informazioni militare e l Ufficio storico dello Stato maggiore dell Esercito sui fatti di Cefalonia, p. 366 Il recupero dei resti dei caduti di Cefalonia, p L OCCASIONE PERDUTA DEI PROCESSI pag. 382 Processare i criminali di guerra, p. 382 Il Processo di Norimberga, p. 387 La Procura militare indaga, p. 390 La giustizia tedesca e quella italiana, p. 393 L armadio della vergogna, p IL DIBATTITO STORIOGRAFICO pag. 399 Dall immediato dopoguerra agli anni Novanta, p. 399 Intorno al Sessantesimo anniversario della strage, tra celebrazioni e spettacolarizzazione della memoria, p. 403 Le nuove fonti documentarie e il dibattito attuale: interpretazioni a confronto, p. 407 Conservazione della memoria e sviluppo della ricerca, p CONCLUSIONI. DALLA CRISI DEL FASCISMO ALLA REPUBBLICA DEMOCRATICA pag. 428 BIBLIOGRAFIA pag. 433 I LAVORI DEGLI STUDENTI DEL PRIMO LICEO ARTISTICO DI TORINO pag. 437

7 PREFAZIONE DI GIANNI OLIVA Strano destino quello della memoria di Cefalonia e Corfù, dove nel settembre 1943 la divisione Acqui rifiuta l ordine di disarmo della Wehrmacht e resiste per due settimane prima di essere sconfitta e decimata. Per molti anni è stata una pagina di storia dimenticata: nei primi decenni del dopoguerra, la storiografia privilegiava l esperienza di lotta delle formazioni partigiane, alle quali faceva risalire il monopolio identitario dell Italia democratica. Cefalonia e Corfù, esempi di resistenza da parte di forze regolari del Regio Esercito, risultavano dissonanti rispetto ad una «vulgata» che accomunava tutto il mondo militare nelle colpe dell 8 settembre. Verso la fine degli anni Sessanta, quando si è cominciato a parlare della divisione Acqui, il tono ha invece assunto i tratti dell agiografia ed ha evidenziato due aspetti «eroici»: da un lato il carattere spontaneo della lotta, con i soldati coinvolti dal comandante generale Antonio Gandin in un presunto referendum da cui sarebbe emersa la volontà della maggioranza di combattere; dall altro, la strage perpetrata dai Tedeschi su ordine esplicito di Berlino, con soldati e ufficiali uccisi in combattimento o fucilati dopo la resa perché «a Cefalonia non bisogna fare prigionieri». La ricerca più recente ha rivisitato i fatti di Cefalonia e Corfù con maggiore scrupolo scientifico, riconducendoli entro confini storicamente credibili. Il «referendum» è stata in realtà 7

8 una consultazione informale del comandante Gandin con gli ufficiali per verificare lo stato d animo delle truppe in una situazione di emergenza, dove bisognava «scegliere» senza informazioni su quanto stava accadendo in Italia e nello scacchiere greco-balcanico. L entità della strage, a sua volta, è stata parzialmente ridimensionata, pur assommando ai morti in combattimento e ai fucilati i soldati dispersi in mare per l affondamento delle imbarcazioni che li trasportavano verso i campi di prigionia. Nella direzione dell aggiornamento storiografico si muove anche questo nuovo lavoro di Carlo Palumbo, studioso di valore, che sa coniugare la passione civile con la serietà della ricerca: le fonti fotografiche e documentarie proposte a corredo della ricostruzione dei fatti sono un contributo prezioso per consegnare la resistenza della divisone Acqui ad una memoria consapevole. Le rivisitazioni sono infatti un occasione di verità che nulla tolgono al significato morale e simbolico dei fatti: a Cefalonia si è comunque «scelto» di resistere e si è pagato duramente per questa scelta, indipendentemente dalle modalità con cui la decisione è maturata e indipendentemente dalle proporzioni della repressione nazista. Da questo punto di vista, l esperienza della Acqui resta fondamentale nella storia del biennio e ben vengano approfondimenti come quello di Carlo Palumbo che ne arricchiscono la conoscenza al di fuori di qualsiasi tentazione retorica. 8

9 PRESENTAZIONE DI GIUSEPPE BAGNI Presidente nazionale CIDI Nella memoria pubblica la Seconda guerra mondiale resta impressa soprattutto a partire dall 8 settembre 1943, con i mesi di occupazione, i bombardamenti, le rappresaglie tedesche. Una memoria che predilige l immagine di italiani, sia civili sia soldati, vittime della guerra e dei tedeschi. Facciamo finire il conflitto con l insurrezione dei partigiani, con la Liberazione, con l entrata degli alleati nelle città del nord. Noi siamo dalla parte giusta, dalla parte del vincitore noi siamo con gli inglesi e con gli americani. Ma questa ricostruzione della nostra storia recente, seppur vera, è solo una parte della verità. Dalla nostra memoria collettiva è stato cancellato tutto ciò che contrasta con questa lettura autoconsolatoria, quella degli italiani «brava gente», vittime della storia e della cattiva sorte. La scuola non ha fatto nulla o quasi per colmare questa amnesia. Diversamente da quello che è accaduto in altri paesi, si pensi alla cultura e al cinema americano che hanno saputo rielaborare criticamente la tragedia del Vietnam, l Italia non ha mai voluto far luce sulla parte oscura e terribile della sua storia, non lo ha fatto con la sua politica coloniale in Africa, dalla Libia all Etiopia, non lo ha fatto con la sua partecipazione alla guerra mondiale. 9

10 Tra gli stati europei che hanno partecipato alla Seconda guerra mondiale, l Italia è il paese che più ha assunto ruoli opposti: è stato il principale alleato della Germania nazista, ha partecipato quindi all occupazione di territori e alla repressione in essi esercitata, e poi, dopo l armistizio, ha subìto l occupazione e la violenza tedesca. Militari e civili si sono trovati, dopo l 8 settembre 1943, di fronte alla scelta se collaborare col nuovo nemico, attendere la fine della guerra, oppure combattere. Nei Balcani e in Grecia questi ruoli sono esasperati e portano alle conseguenze più tragiche. La vicenda della divisione Acqui a Cefalonia e a Corfù rappresenta in forma essenziale e paradigmatica il contrasto tra questi ruoli e il dramma della scelta tra le differenti possibilità condizionate dalle molteplici spinte contraddittorie che determinano gli eventi: la posizione dei tedeschi e degli alleati, la fedeltà al governo del re o al fascismo, gli ordini dall alto e la volontà dei reparti. I soldati e gli ufficiali della divisione Acqui si trovarono a dover scegliere in una situazione difficilissima, senza notizie certe sulla situazione esistente in Italia e nei Balcani, senza conoscere le intenzioni degli anglo-americani, dei tedeschi, le capacità di azione di quello che restava del Regno d Italia, ridotto a una parte delle province pugliesi, con la flotta di Taranto impossibilitata a intervenire nelle Isole Ionie. Nonostante tutte queste contraddizioni, la vicenda dei nostri soldati a Cefalonia e a Corfù ha assunto negli ultimi anni un valore altamente simbolico, in particolare in occasione delle visite al monumento ai caduti a Cefalonia il 1 marzo 2001 e il 25 aprile Il presidente Carlo Azeglio Ciampi aveva infatti affermato: 10

11 «Decisero di non cedere le armi. Preferirono combattere e morire per la patria. Tennero fede al giuramento [ ]. La loro scelta consapevole fu il primo atto della Resistenza, di un Italia libera dal fascismo». E per il Presidente Giorgio Napolitano: «A Cefalonia si manifestò un impulso egualmente nobilissimo e destinato a dare i suoi frutti. Si può ben cogliere fuori di ogni mitizzazione un ponte ideale tra quell impulso e la successiva maturazione dello spirito della Resistenza». Il presente contributo tiene conto di questa realtà complessa, dell ambiguità del ruolo dei soldati italiani al di fuori del territorio nazionale e nelle Isole Ionie in particolare, truppe di occupazione fino all 8 settembre 1943, poi tra i primi protagonisti dell opposizione aperta ai reparti tedeschi, fino a pochi giorni prima nostri alleati sui vari fronti di guerra. Questo studio non presenta proposte semplificatorie e rifiuta di rinchiudersi in spiegazioni univoche e lineari. L analisi procede per cerchi concentrici, collocando gli avvenimenti di Cefalonia e di Corfù all interno dei differenti contesti politici e militari in cui agiscono soggetti che hanno logiche e interessi diversi: il conflitto tra Tedeschi e Nazioni Unite è l anello più ampio; la caduta di Mussolini e l azione del governo Badoglio, con gli italiani divisi su fronti opposti, costituisce invece l arena intermedia; la vicenda dei nostri militari al di fuori dei confini nazionali e la situazione nelle due isole come caso particolare, condizionato dai primi due contesti. La storia è del resto scienza dei contesti e la complessità è un elemento del contesto contemporaneo. È questa una lezione che l Autore, da molti anni insegnante negli istituti superiori 11

12 italiani, ha colto come aspetto essenziale della comunicazione storica nel rapporto con gli studenti e con i giovani, i principali destinatari di questo lavoro. La scuola deve infatti fare i conti con i rischi di perdita di memoria e di connessioni con il passato delle nuove generazioni, conseguenze queste dei fenomeni sociali di sradicamento, di crollo dei canali della memoria familiare, dei mutamenti nel contesto socio-politico degli ultimi decenni, in cui l orizzonte temporale si offusca e si appiattisce sul presente. Ma è necessario sfatare il luogo comune secondo cui i giovani sarebbero comunque privi di «memoria». La «lontananza emotiva dei giovani dalla storia» di cui spesso si parla, è cosa diversa dall assenza di memoria. Essa in effetti entra comunque in gioco per costituire i processi di identità sul piano individuale, sociale e collettivo. Essa si definisce rispetto allo spazio dell esperienza concreta dei giovani e all interno dell orizzonte di aspettative che individua paure, attese e speranze. Per questo è necessario che la storia riscopra la sua forza, che risiede nella capacità di rispondere a domande profonde e sentite e che possono essere coerenti con il modello di cittadino che entra in relazione con il mondo; per questo l educazione alla cittadinanza non può che essere una delle finalità dell insegnamento della storia, soprattutto quando la comprensione storica è problematizzazione, ricerca, valutazione del suo uso pubblico. A me sembra che questo studio aiuti a produrre senso per la capacità di rispondere a domande di questo tipo. Perché aiuta a comprendere le ragioni delle decisioni assunte settanta anni fa dai giovani e giovanissimi italiani che a Cefalonia e a Corfù fecero i conti con la propria vita e con le proprie spe- 12

13 ranze, assumendo su di sé la responsabilità di una scelta che metteva a rischio la propria sopravvivenza, pur di difendere quello che allora essi consideravano il proprio «onore» di soldati e quello di una patria lontana e desiderata a cui volevano assolutamente ritornare dopo due o tre anni di assenza. Allora le parole di Pertini, di Ciampi, di Napolitano, che in momenti diversi hanno rappresentato il nostro Paese nelle celebrazioni che si sono tenute a Cefalonia, acquistano un diverso significato, più profondo. Quei giovani anticipavano con la loro decisione quella che altre migliaia di cittadini faranno nei due anni successivi, dando vita a quella Resistenza che contribuirà alla sconfitta della Germania nazista e del Fascismo, permettendo la nascita della nostra democrazia. C è nella scelta di quei giovani la testimonianza di un travaglio delle coscienze che anticipa una delle eredità fondamentali della Resistenza che va oltre la lotta partigiana e l insurrezione finale dell aprile Essa rappresenta l inizio di un processo ampio e profondo che ha trasformato le mentalità, la vita, le azioni di milioni di italiani, militari e civili, che ha portato a rompere col controllo autoritario attuato dal ventennio fascista e ha aperto la strada alla vita democratica della Repubblica italiana. Un processo di cambiamento e di presa di coscienza, forse incompleto e parziale, ma certamente determinante per la sorte futura del Paese. Il tempo passato e la scomparsa dei protagonisti rischia di cancellare la memoria degli eventi che qui sono ricostruiti. La coscienza storica è necessaria per non riproporre le stesse scelte e gli stessi errori, ma anche per comprendere le origini della nostra Repubblica e della nostra Costituzione, che non possono essere interpretate al di fuori di quel contesto e di 13

14 quelle esperienze. La nostra Costituzione, entrata in vigore il primo gennaio 1948, frutto della guerra di Liberazione e dell accordo tra i partiti antifascisti, ha garantito per più di sessant anni un terreno comune di unità e di confronto democratico tra i cittadini e le forze politiche. Ha resistito a tensioni interne e internazionali anche dure e profonde, continuando a rappresentare il fondo di identità della cittadinanza italiana, nei valori, nell accettazione di diritti e doveri, nella cultura comune di convivenza e di civiltà. E questo è ciò che dobbiamo salvaguardare. Per noi e per la generazione che verrà. 14

15 INTRODUZIONE DI CARLO PALUMBO Il presente studio costituisce il coerente sviluppo di un precedente lavoro dal titolo Ritorno a Cefalonia e Corfù La scelta della divisione Acqui dopo l armistizio dell 8 settembre 1943, pubblicato nel 2003 grazie al patrocinio del Consiglio Regionale del Piemonte, in occasione del Sessantesimo anniversario delle tragiche vicende che avevano coinvolto, dopo l armistizio, i soldati della divisione Acqui e degli altri reparti di stanza nelle Isole Ionie. Erano poi venute altre ristampe, prima a cura della Provincia di Bergamo e del Comune di Lovere, poi col contributo della Provincia di Trento. Ad apprezzare il progetto erano state soprattutto le varie sezioni locali dell Associazione Nazionale Divisione Acqui, che avevano in molteplici occasioni richiesto anche la mostra fotografica e documentaria di cui il volume era il naturale complemento. Il mio interesse per quei fatti era nato in occasione di un viaggio di studio a Corfù e a Cefalonia organizzato dalla Regione Piemonte nel maggio 2002 e rivolto a un gruppo di studenti e insegnanti delle scuole medie superiori. In quell occasione avevo conosciuto diversi reduci che avevano combattuto in Grecia, in Albania e in Iugoslavia a partire dal In particolare vi era stato l incontro con Donatello Viglongo e con Mario Gelera, dell Associazione Nazionale Divisione Acqui, sezione Piemonte, ed era nata la proposta di lavorare 15

16 insieme per le celebrazioni che sarebbero state organizzate l anno successivo. Ci animava l idea che una collaborazione tra l Associazione e la scuola avrebbe potuto portare positivi risultati per le due realtà. Le associazioni combattentistiche hanno avuto, dopo la conclusione della guerra, il fondamentale compito di mantenere vivi i legami tra i reduci sopravvissuti e i familiari di quelli scomparsi e di trasmettere la memoria di quei fatti soprattutto in occasione delle celebrazioni periodiche su scala locale e nazionale. Tuttavia, il passare degli anni con la progressiva scomparsa dei testimoni diretti e la difficoltà sempre maggiore di coinvolgere nella riflessione su questi temi i soggetti non direttamente interessati, rischia oggi di spezzare il filo di quella memoria che ogni generazione deve trasmettere a quella successiva. Ma questo è uno dei compiti più importanti che la scuola come istituzione deve contribuire a realizzare. Le attività alle quali demmo vita assieme, in particolare una mostra fotografica sulla divisione Acqui e una serie di incontri e convegni, furono dedicate principalmente al mondo della scuola piemontese, agli adolescenti e ai giovani che non avevano conosciuto la tragedia della Seconda guerra mondiale di cui erano stati protagonisti o vittime gli uomini e le donne che avrebbero potuto essere i loro nonni o bisnonni. Era soprattutto un invito agli studenti a imparare da quegli eventi e a non dimenticare, perché la memoria del passato è importante per progettare il futuro e, anche se ormai può sembrare retorico, per avere meno scuse nel caso qualcuno volesse ripetere gli stessi errori. 16

17 A distanza di dieci anni ho voluto riprendere in mano il risultato di quel progetto. Molto è stato scritto nel frattempo. Sono usciti importanti contributi di storici accademici, di ricercatori, di giornalisti. L interesse di tanti studiosi per quanto avvenuto settant anni fa soprattutto nell isola di Cefalonia è dovuto sicuramente alla rilevanza di quella tragedia, che supera per numero di vittime altre ugualmente significative, dal rastrellamento del ghetto di Roma alla strage di Marzabotto. Inoltre, gli ultimi presidenti della Repubblica, prima Carlo Azeglio Ciampi nel 2001, poi Giorgio Napolitano nel 2007, nei loro viaggi sull isola hanno richiamato i nessi tra le scelte fatte dai soldati italiani dopo l 8 settembre, in particolare quelle della divisione Acqui, e la nascita della Resistenza italiana. L episodio della Acqui ha finito così per costituirsi come evento paradigmatico: questi soldati, decidendo consapevolmente il loro destino combattendo, avrebbero riaffermato l esistenza della Patria, compiendo il primo atto della Resistenza al nazifascismo. Per alcuni storici non ci sarebbe più molto da aggiungere su quanto avvenuto a Cefalonia nel settembre 1943, in realtà i sempre nuovi contributi dimostrano che non è ancora disponibile una verità condivisa su quegli eventi. Troppi sono i nodi da sciogliere sul piano storiografico e, considerato il vuoto incolmabile della documentazione disponibile, soprattutto da parte italiana, molti interrogativi rimarranno senza risposta. A cominciare dal numero delle vittime della carneficina di Cefalonia che è ormai impossibile definire con precisione, perché non esiste più il Diario di guerra della Divisione, andato distrutto nel corso della battaglia. Ma altri nodi interpretativi rimangono insoluti. Quali erano 17

18 le motivazioni e gli obiettivi del comandante della divisione, il generale Gandin? Quale fu il ruolo dei giovani capitani che portarono la divisione a rifiutare l ordine di disarmo tedesco? Per quali ragioni i tedeschi non fecero prigionieri a Cefalonia, non solo tra gli ufficiali, ma anche tra i sottufficiali e soprattutto tra i soldati combattenti, trasformando la resa della divisione nella più terribile strage di militari italiani dopo l armistizio? Le testimonianze italiane contrastano spesso con quelle tedesche su tutti questi aspetti appena ricordati, ma vi sono contraddizioni e giudizi differenti anche tra quelle italiane, rilasciate in epoche diverse e da reduci che avevano avuto ruoli differenti nel settembre 1943 e nei due anni successivi, alcuni collaborando con la resistenza greca o lavorando più o meno liberamente per la Repubblica sociale di Mussolini, altri sottoposti al dominio tedesco in varie forme. Anche i familiari dei caduti hanno assunto spesso posizioni contrastanti nel tentativo di difendere la memoria dei loro congiunti o di cercare le responsabilità della loro morte, attivando iniziative giudiziarie contro alcuni dei protagonisti sopravvissuti. Per tutte queste ragioni la riflessione sul piano storico è tutt altro che conclusa. Questo lavoro non presenta certamente contributi originali o soluzioni inattese, ma cerca di rendere conto delle ricerche svolte fino a questo momento, evidenziando le differenti interpretazioni di storici e ricercatori e i contraddittori punti di vista dei protagonisti e dei testimoni di allora, italiani, tedeschi e greci. Ho cercato di distinguere fatti e giudizi condivisi da quelli su cui ancora oggi si sviluppa il confronto, presentando le di- 18

19 verse valutazioni con la massima precisione e correttezza che mi è stata possibile raggiungere. Ciò non significa che io sia equidistante tra le differenti posizioni. Il decennio trascorso dai primi studi mi ha spinto a sviluppare alcune intuizioni che allora erano solo accennate, o a cambiare, in qualche caso, opinione. L obiettivo che mi sono proposto è di presentare a un pubblico non specialistico l intera questione, a settant anni di distanza da quei drammatici eventi. La ricostruzione dei fatti di Cefalonia e di Corfù è solo una parte dello studio; mi è sembrato altrettanto importante ricollocare gli avvenimenti nel contesto più ampio, geografico e storico delle vicende belliche che hanno visto protagonisti, assieme ai nostri militari, gli alleati, i tedeschi, i greci; sono anche trattate le scelte del fascismo italiano che portarono all invasione della Grecia e le ragioni del collasso italiano seguìto all armistizio dell 8 settembre Credo che questo sia il solo modo per dare un senso ai racconti e alle memorie individuali sulle vicende della divisione Acqui. Sul piano editoriale ho deciso, proprio per la natura non specialistica di questo contributo, di non appesantire la trattazione con il ricorso a note e a indicazioni bibliografiche puntuali. Le diverse interpretazioni sono in ogni caso sempre rintracciabili attraverso l indicazione dell autore e del titolo dell opera eventualmente citata. Per lo stesso motivo sono stati eliminati acronimi e abbreviazioni, non sempre immediatamente comprensibili per chi non è addentro alle trattazioni storiche e militari. Il contesto storico degli eventi presentati è stato richiamato 19

20 ogni volta che lo si è ritenuto necessario, anche correndo il rischio di incorrere in qualche ripetizione. La maggiore novità di questo contributo è però nel secondo volume, dedicato alla presentazione della documentazione fotografica oggi disponibile sulla divisione Acqui dal 1940 e sui reparti presenti nelle Isole Ionie tra il 1941 e il Già a partire dal 2002 si era deciso di riordinare una parte del Fondo Apollonio, che l Associazione Nazionale Divisione Acqui aveva consegnato nel luglio 2001 all Ufficio storico dello Stato maggiore dell Esercito. Grazie alla cortese disponibilità del dirigente dell Ufficio storico, avevo dato il via a una prima classificazione dei materiali fotografici del Fondo, conservati allora in due scatoloni, in un grande disordine. La sistemazione provvisoria, che era propedeutica all archiviazione vera e propria, teneva conto in massima parte dei criteri di organizzazione già impostati dallo stesso generale Renzo Apollonio, e aveva l obiettivo di rendere fruibile l archivio fotografico, recuperandone, a meno di correzioni e integrazioni, le didascalie dattiloscritte originali. Il lavoro di archiviazione sarà successivamente ripreso e portato a compimento a cura dell Istituto storico autonomo dei militari italiani all estero di Arezzo. La parte più significativa, circa 300 fotografie, era stata registrata e archiviata in formato elettronico e messa a disposizione dell Ufficio storico e dell Associazione. A questo primo nucleo si sono aggiunti altri fondi, provenienti da archivi privati di reduci o familiari di militari italiani e da archivi pubblici tedeschi. Nuove ricerche potranno integrare ulteriormente i materiali qui presentati, ma si tratta già ora di una assai consistente do- 20

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

Preliminari di guerra

Preliminari di guerra Preliminari di guerra Le vittorie diplomatiche di Hitler Marzo 1938. L Austria viene annessa al Reich (ANSCHLUSS) Questione dei Sudeti. Accordi di Monaco (29-30 settembre 1938) Entro il marzo 1939 tutta

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte GIAPPONE ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte 1913/1920 grande sviluppo industriale e urbano: occupazione mercato asiatico Con la pace: crisi economica, revanchismo.

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

II Guerra Mondiale CRONOLOGIA militare

II Guerra Mondiale CRONOLOGIA militare II Guerra Mondiale CRONOLOGIA militare 1931-1939 Gli eventi anticipatori 18 Settembre 1931 Il Giappone invade la Manciuria. Luglio 1936 La guerra civile spagnola (luglio 1936 - aprile 1939) 2 Ottobre 1935

Dettagli

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO CARNIA 1944. UN ESTATE DI LIBERTÀ INCONTRO SULL ESPERIENZA DELLA REPUBBLICA LIBERA DELLA CARNIA ALLA PRESENZA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA martedì 29 maggio 2012, ore 11 Aula Magna di Piazzale Kolbe

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi,

Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, le bombe su londra Nel 1940, la guerra è ormai in corso ovunque e gli scontri sono durissimi: attacchi, distruzioni, convogli affondati in mare, grandi e piccole nazioni già occupate. Insomma, il massacro

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

IL NAZISMO LE PREMESSE:

IL NAZISMO LE PREMESSE: IL NAZISMO LE PREMESSE: Dopo la Guerra la Germania si trovò in una condizione peggiore dell'italia. Le condizioni di Pace avevano cercato di umiliare la Nazione che era ritenuta responsabile della guerra,

Dettagli

Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA

Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA Siamo nel 1938 e la mia famiglia, composta da 5 persone (i miei genitori e noi tre figli), viveva come

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC)

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Tesi di Laurea: Per un archivio scolastico della memoria. Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Lorena Maugeri Indice PREMESSA pag.4 PARTE PRIMA: MIGRAZIONI pag.12 Cap. I.

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Il Giorno del Ricordo, ricorrenza nazionale di cui oggi celebriamo il decimo anniversario dell istituzione, ha contribuito a far conoscere la storia

Il Giorno del Ricordo, ricorrenza nazionale di cui oggi celebriamo il decimo anniversario dell istituzione, ha contribuito a far conoscere la storia Signor Presidente del Senato, Signor Prefetto, signora Presidente della Regione, Signor Sindaco di Trieste, Signori rappresentanti delle Associazioni degli esuli, gentili ospiti, la giornata odierna è

Dettagli

INDICE L AVVENTO DI HITLER IN GERMANIA

INDICE L AVVENTO DI HITLER IN GERMANIA INDICE L AVVENTO DI HITLER IN GERMANIA LA GUERRA DI SPAGNA LA SITUAZIONE DELL EUROPA PRIMA DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE IL PATTO D ACCIAIO L EUROPA SOTTO IL DOMINIO NAZISTA L INVASIONE DELLA FRANCIA L

Dettagli

Lo scontro fra la Grecia e la Persia

Lo scontro fra la Grecia e la Persia Lo scontro fra la Grecia e la Persia Un conflitto di civiltà Ø nel corso del VI secolo a. C. le città greche della costa occidentale dell Asia Minore (odierna Turchia) crescono in ricchezza e potenza,

Dettagli

CAPITOLO PRIMO LA NORVEGIA FRA GUERRA E DOPOGUERRA

CAPITOLO PRIMO LA NORVEGIA FRA GUERRA E DOPOGUERRA CAPITOLO PRIMO LA NORVEGIA FRA GUERRA E DOPOGUERRA Dal Mar Baltico al Circolo Artico vi era una zona che rivestiva grande importanza strategica tra le isole norvegesi e la terra ferma, in cui scorreva

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

Le guerre del V secolo

Le guerre del V secolo Le guerre del V secolo I Guerra Persiana (490) II Guerra Persiana (480-479) Guerra del Peloponneso (431-404) La prima guerra persiana Fonti importanti: Erodoto Studialo nelle note Eschilo (tragediografo),

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Storia, Cultura, Curiosità LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Servizio di Radiologia Fondazione Salvatore Maugeri, Lumezzane (BS) Con la scoperta dei raggi X e con il loro utilizzo in

Dettagli

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN Ho ricevuto queste foto da Angelo Granara che a sua volta le ha avute da suo nipote Enrico e quest ultimo dall Ambasciata Italiana in Eritrea. Senza indugi le

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

CEFALONIA ISOLA DELLA PACE

CEFALONIA ISOLA DELLA PACE MUSEO LABORATORIO CEFALONIA ISOLA DELLA PACE ARCHIVIO NAZIONALE RICORDO E PROGRESSO premessa Come ha affermato il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi in un discorso tenuto a Cefalonia il 1

Dettagli

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 Storia contemporanea Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 GIOLITTI 1892-93 1893 dimissioni scandalo Banca romana 1903-1905 1906-1907 1911-1914 GIOLITTI Liberale, abile e scrupoloso

Dettagli

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Diritto internazionale umanitario (DIU) Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Elena Castiglione Vds Roma Nord Istruttore DIU Monitore CRI Istruttore TI PS Che cosa è il Diritto Internazionale

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

SCHEDA FIGURE DEL MOVIMENTO OPERAIO PIETRO AMENDOLA

SCHEDA FIGURE DEL MOVIMENTO OPERAIO PIETRO AMENDOLA PIETRO AMENDOLA Pietro Amendola nasce a Roma il 26/10/1918, ultimo figlio di Giovanni Amendola, martire della Libertà, e di Eva Kuhn. Dopo la morte del padre avvenuta a causa dei postumi di un ennesimo

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

Il testo deve essere gestibile dall apprendente e compatibile con le sue esigenze comunicative. L obiettivo all interno della classe plurilingue

Il testo deve essere gestibile dall apprendente e compatibile con le sue esigenze comunicative. L obiettivo all interno della classe plurilingue Il testo deve essere gestibile dall apprendente e compatibile con le sue esigenze comunicative. L obiettivo all interno della classe plurilingue deve essere quello di rendere accessibile il testo a tutti

Dettagli

Partigiani e soldati: i compagni morti, i gesti, gli sguardi, la gioia

Partigiani e soldati: i compagni morti, i gesti, gli sguardi, la gioia Le Fotostorie Partigiani e soldati: i compagni morti, i gesti, gli sguardi, la gioia LE FOTOGRAFIE DEI PARTIGIANI, dei ragazzini, dei preti, dei popolani, delle donne e di tutti coloro che si battevano

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

L eccidio di Kos, ottobre 1943. Un buon libro su una tragedia dimenticata e qualche appunto su una vicenda minore

L eccidio di Kos, ottobre 1943. Un buon libro su una tragedia dimenticata e qualche appunto su una vicenda minore Per il 150 anniversario dell Unità d Italia, 65 della Repubblica e 64 della fondazione dell Istituto storico della Resistenza in Piemonte il 13 aprile 2011 si è tenuta a Torino, presso il Circolo degli

Dettagli

Prima Guerra Mondiale

Prima Guerra Mondiale Una produzione dduck Prima Guerra Mondiale Cosa sarebbe successo se l Italia di Giolitti fosse scesa in campo con la triplice alleanza? La Grande Guerra 1914 giugno 28 Assassinio dell arciduca Francesco

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

LA GRANDE GUERRA DUE IMPERI IN DIFFICOLTA : L IMPERO ASBURGICO E L IMPERO OTTOMANO

LA GRANDE GUERRA DUE IMPERI IN DIFFICOLTA : L IMPERO ASBURGICO E L IMPERO OTTOMANO LA GRANDE GUERRA DUE IMPERI IN DIFFICOLTA : L IMPERO ASBURGICO E L IMPERO OTTOMANO All inizio del Novecento, l IMPERO ASBURGICO è costituito come una doppia monarchia (austriaca ed ungherese) con in comune

Dettagli

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 Gli europei e le vacanze estive: abitudini e tendenze Sintesi della ricerca Anche quest anno l Istituto di Ricerca IPSOS ha realizzato per conto di Europ Assistance

Dettagli

Ricostruiamo la Escola Nova

Ricostruiamo la Escola Nova 1914-2014 Ricostruiamo la Escola Nova Progetto condiviso italo-catalano per un educazione alla pace Organizzatori: Con il supporto di: altramemoria.org Ricostruiamo la Escola Nova (1914-2014) Progetto

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina Imperialismo A partire dagli ultimi decenni dell'ottocento e fino alla Prima guerra mondiale, l'europa vive un periodo storico caratterizzato dal desiderio da parte di alcuni Stati del Vecchio continente

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

L ECCIDIO DI CEFALONIA IL SACRIFICIO DELLA DIVISIONE ACQUI

L ECCIDIO DI CEFALONIA IL SACRIFICIO DELLA DIVISIONE ACQUI L ECCIDIO DI CEFALONIA IL SACRIFICIO DELLA DIVISIONE ACQUI Gli italiani a Cefalonia Dopo l entrata in guerra dell Italia nel 1940 a fianco della Germania, Mussolini optò per l espansione della Gloriosa

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

KOS UNA TRAGEDIA DIMENTICATA

KOS UNA TRAGEDIA DIMENTICATA KOS UNA TRAGEDIA DIMENTICATA L`intero Dodecanneso, di cui Kos fa parte, viene strappato ai turchi durante la guerra Italo-Turca che l`occupavano dal 1523. Con il trattato di Losanna, del 1923, tutto il

Dettagli

Le trasformazioni degli anni '50 e '60

Le trasformazioni degli anni '50 e '60 Episodio 6 Le trasformazioni degli anni '50 e '60 Momenti di riflessione e Test di verifica Il secondo dopoguerra si apre nel segno di un profondo desiderio di pace e giustizia, evidenziati dalla nascita

Dettagli

PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870

PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870 PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870 A DESTRA, PALAZZO VENEZIA; IN FONDO, PALAZZETTO VENEZIA CHE SARA INTERAMENTE SMONTATO E RIMONTATO ALCUNE DECINE DI METRI PIU INDIETRO PER DARE SPAZIO

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione XIII Premessa alla terza edizione XV Premessa alla seconda edizione XVII Premessa alla prima edizione XIX Abbreviazioni 1 Elenco delle opere citate (con il

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Per un Italia rinnovata, nei valori dell Antifascismo, della Resistenza e della Costituzione

Per un Italia rinnovata, nei valori dell Antifascismo, della Resistenza e della Costituzione n. 61 25 gennaio / 1 febbraio 2013 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Appello dell ANPI per le elezioni del 24 e 25 febbraio Per un Italia rinnovata, nei valori dell Antifascismo, della Resistenza e della

Dettagli

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo.

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo. La Rivoluzione francese fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali, politici e culturali avvenuto tra il 1789 e il 1799, che segna il limite tra l'età moderna e l'età contemporanea nella storia francese.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

La mia scuola per la pace

La mia scuola per la pace La mia scuola per la pace Programma nazionale di educazione alla pace e ai diritti umani Anno scolastico 2005-2006 promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani e

Dettagli

La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.)

La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.) Lezione n. 2 La Spagna musulmana e la reconquista (VIII-XIII sec.) Fabrizio Alias L invasione araba della penisola iberica (al-andalus) 711. Invasione degli arabi nella penisola iberica 713. Conquista

Dettagli

219 a Seduta Pubblica

219 a Seduta Pubblica SENATO DELLA REPUBBLICA X I I I L E G I S L A T U R A Venerdì 11 Luglio 1997 alle ore 10 219 a Seduta Pubblica ORDINE DEL GIORNO Interpellanze e interrogazioni (testi allegati). TIPOGRAFIA DEL SENATO (1700)

Dettagli

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Guerre e rivolte del XVII secolo italiano 1613-1617 / Prima guerra del Monferrato: Savoia e Venezia contro Gonzaga e Spagna; Monferrato

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

DIALETTO E ITALIANO DALL UNITÀ A OGGI. Lezione del 16 ottobre 2014

DIALETTO E ITALIANO DALL UNITÀ A OGGI. Lezione del 16 ottobre 2014 DIALETTO E ITALIANO DALL UNITÀ A OGGI Lezione del 16 ottobre 2014 Nel 1861 la stragrande maggioranza della popolazione italiana si esprimeva ancora in dialetto. Politici e intellettuali si chiesero allora

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole

PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole PROGETTO GIORNALISMO PER BAMBINI E RAGAZZI Il progetto Giornalismo per bambini e ragazzi prevede l accostamento graduale dei bambini delle scuole elementari e medie alla lettura e alla comprensione del

Dettagli

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare?

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? di Alessandra Repetto Se la Camera di Commercio di Genova continua a svolgere il ruolo di osservatore sui mercati esteri è anche e soprattutto per

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 11 IL RISORGIMENTO A cura di Maurizio Cesca Il congresso di Vienna... 1 Le idee liberali... 2 Le società

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE DIVISIONE ACQUI

ASSOCIAZIONE NAZIONALE DIVISIONE ACQUI ASSOCIAZIONE NAZIONALE DIVISIONE ACQUI Presidente Nazionale Prof.ssa Graziella Bettini Via Della Robbia 11-52100 Arezzo e-mail graziella.v.bettini@alice.it Tel 057524354 Segreteria Generale - Luisa Caleffi

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

Napoleone Bonaparte. Prof. Stefano Facchini anno scolastico 2008-2009 Scuola media Marconi

Napoleone Bonaparte. Prof. Stefano Facchini anno scolastico 2008-2009 Scuola media Marconi Napoleone Bonaparte Grazie alla gloria conquistata sui campi di battaglia riesce a raggiungere il potere, fino a costituire il più vasto impero d Europa Prof. Stefano Facchini anno scolastico 2008-2009

Dettagli

Emissioni in tempo di guerra

Emissioni in tempo di guerra Emissioni in tempo di guerra Prima guerra mondiale Campo di concentramento dell Asinara I biglietti creati per la circolazione dei campi di prigionia ripetono le caratteristiche della carta moneta a corso

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel

La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel Il Tutore volontario... quasi un Microgarante Tutela e protezione La parola tutela è molto ricca di significati, e ha una storia molto lunga che affonda le sue radici nel diritto romano. In generale, nella

Dettagli

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Diritto Internazionale Umanitario Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone DIRITTO Insieme di regole esterne alla morale o alla religione che disciplinano i rapporti sociali NAZIONALE: insieme di norme

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli