PER UNA DIDATTICA DELLA SCRITTURA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PER UNA DIDATTICA DELLA SCRITTURA."

Transcript

1 PER UNA DIDATTICA DELLA SCRITTURA. RIFLESSIONI ED ESPERIENZE SUI PROCESSI DI PRODUZIONE SCRITTA IN LINGUA TEDESCA Augusto Carli, Franca Quartapelle Il presente contributo descrive ad ampi tratti un itinerario didattico sul processo di scrittura. Le riflessioni e le proposte che vengono qui esposte, scaturiscono da osservazioni e valutazioni compiute in contesti di insegnamento/ pprendimento di scuola media superiore (biennio e triennio) e di università in facoltà di vario indirizzo, come si dirà oltre. Si è dell opinione che le osservazioni e le tecniche indicate, anche se aderenti a contenuti esperienziali di italofoni adulti che apprendono il tedesco, siano applicabili in contesti didattici diversi e per l apprendimento di altre lingue, con obiettivi di formazione adeguati ai bisogni e alle particolarità del gruppo di apprendenti, purché vengano soddisfatte analoghe condizioni di finalità. Preme chiarire che dalla seguente proposta vengono esclusi due campi che, per la loro peculiarità, richiedono ben diversi approcci teorici e ulteriori forme applicativo-esercitative; essi sono: a) l insegnamento della scrittura nelle prime fasi dello sviluppo cognitivo; b) la scrittura finalizzata all apprezzamento di carattere estetico-creativo (come, ad esempio obiettivi afferenti al Kreatives Schreiben, Schöpfel, 1992). Come si comprenderà dalle considerazioni che seguiranno, la preoccupazione centrale della nostra proposta teorico-applicativa è rivolta all apprendimento di quei processi di scrittura che vengano indotti e sostenuti da attività di studio o, con anglicismo ormai comune alla letteratura del settore, per scopi accademici, oltre che, parzialmente, per scopi professionali. 1. PREMESSE TEORICHE Dai più recenti studi, peraltro non così numerosi 1, condotti sulla scrittura come modalità di utilizzo della lingua straniera in ambiti accademici si evince, da un lato, la complessità e la non linearità del processo e, dall altro, la necessità di inserire nell istanza didattica, tradizionalmente rivolta al prodotto, una 1 Per una recente informazione generale sullo stato dell arte cfr. Péry-Woodley, 1991, pp ; per quanto riguarda la ricerca di lingua tedesca sui processi di scrittura in L2 (e in parte anche in L1) cfr. Müller, 1990; Börner e Vogel, 1992; Portmann,

2 controbilanciante analisi, e conseguente pianificazione, delle varie fasi del processo. Ciò con l intento di sceverare i processi sottostanti alle scelte linguistico-concettuali di chi scrive. Nell azione scrittoria i processi mentali sembrano oscillare costantemente fra diverse fasi che vanno dalla messa a fuoco degli scopi e delle forme alla prescrittura, alla scrittura per tentativi che conduce a nuove prospettive mentali, fino alla revisione finale. Questi processi non sono peculiari della sola acquisizione della lingua nativa (Poggi, 1987; Zucchermaglio, 1991), ma anche dell apprendimento della lingua straniera (Krings, 1989). Infatti, indipendentemente dalla lingua, la loro matrice evolutiva sembra essere piuttosto legata a differenti fasi dello sviluppo cognitivo. In soggetti adulti la scrittura mobilita una complessa e intricata combinazione di singole abilità tattiche e strategiche che vanno dalla capacità di organizzare il contenuto, a quella di utilizzare i pertinenti accorgimenti retorici fino al posizionamento di certi marcatori di superficie atti a guidare l interpretazione del lettore nella costruzione del significato sociale, l intertestualità. I vari tipi di conoscenza, che contribuiscono alla produzione di testi coerenti, rientrano generalmente in tre diverse competenze: sociale, cognitiva e testuale, e il rapporto che le unisce è di natura interattiva. È opportuno precisare subito che le indicazioni ricavate dalle ricerche sinora condotte, e confermate in parte anche dai nostri dati, si muovono lungo due principali coordinate: quella della provvisorietà e parzialità dei dati teorici e quella della sperimentalità e revisione delle applicazioni possibili. L impianto teorico qui proposto è sostenuto da alcuni principi programmatici che si desidera premettere con la seguente succinta enunciazione: 1. Considerare la scrittura in funzione del prodotto d arrivo si rivela necessariamente inefficace ai fini di un apprendimento in cui l incremento qualitativo scaturisce da connessioni di sequenze e da sinergie di singole fasi; si rivela altresì irrispettoso dello sviluppo cognitivo dell apprendente e inaffidabile sia nella pianificazione/valutazione del progresso che nella definizione quantitativa e qualitativa dei parametri e delle norme di raggiungimento delle abilità. La didattica dei prodotti fa, infatti, inevitabilmente coincidere il raggiungimento degli obiettivi con la verifica dei medesimi. Essi sono formulati in termini di predefinite forme di scrittura (la lettera, il riassunto, l interpretazione, la composizione, ecc.) senza che vengano ricondotte né a reali situazioni comunicative né a precisi generi testuali, bensì piuttosto a diversi tipi e modi di rappresentare una data realtà; pertanto essi sfuggono a una precisa descrizione delle sottostanti tecniche e strategie. Si instaura così inevitabilmente un circolo vizioso in cui il prodotto d arrivo è meta dell insegnamento e, al contempo, verifica dell apprendimento, senza che ciò implichi consapevolezza delle caratteristiche testuali. È forse proprio per effetto di questa impasse che la didattica tradizionale della scrittura è così proclive a negare l insegnabilità/apprendibilità delle abilità scrittorie, 2

3 considerandole piuttosto come capacità misteriose, ingenerate da doti o attitudini «naturali e spontanee» Alla difficoltà di risalire ai processi partendo dai prodotti il cui rapporto ovviamente non è di biunivoca corrispondenza si cerca di ovviare con una didattica ripartita su tre differenti livelli di analisi della lingua del discente, intesa come varietà di apprendimento: a) un microlivello, costituito dai dati linguistici di superficie in cui è preponderante l'attenzione verso i singoli fenomeni morfosintattici e lessicosemantici (il cosiddetto piano tattico); b) un mediolivello, costituito fondamentalmente dai processi di strutturazione del pensiero che, a loro volta, condizionano le strategie di organizzazione del testo attraverso un apparecchiatura di segni linguistici come i marcatori testuali; essi svolgono un importante funzione sia a livello cognitivo che sociale e testuale; linguisticamente si manifestano attraverso connettivi intra- e interfrastici, espressioni formulaiche di apertura, di architettura, di svolgimento, di transizione e di chiusura (il cosiddetto piano strategico); c) un macrolivello, costituito dalle macrofunzioni sociali della scrittura, in quanto atto del comunicare, guidato da considerazioni sulle condizioni pragmatiche e sugli scopi con cui il testo viene prodotto; a ciò si aggiungono le circostanze culturali e situazionali dettate dal quadro che unisce il produttore col ricettore (questo è propriamente il piano ego-dinamico). 3. Può essere determinante valorizzare, nei processi di produzione scritta, la relazione, che sembra essere molto forte fra la lingua nativa e la lingua straniera; per Friedlander (1990) essa è talmente condizionante da avere valore predittivo. Ciò ha trovato parziale riscontro anche in alcuni dei nostri risultati. In soggetti bilingui dell Alto Adige/Südtirol 3, confrontati con compiti di scrittura per scopi accademici quali la condensazione, la ricapitolazione e il commento critico su testi e temi di vario disciplinare le modalità di scrittura hanno rivelato un travaso, spesso inconsapevole, da una lingua all altra. Più precisamente, si è riscontrata un ampia correlazione nel medio- e macrolivello per le tecniche di strutturazione delle singole parti e, soprattutto, nel loro legame attraverso connettivi intra- e interfrastici, ritualizzazioni di apertura e di chiusura, segnalazione degli assi tematici e del loro rapporto gerarchicostrutturale, parentetizzazione, digressione ed esemplificazione, utilizzo di marcatori di intertestualità. Le divergenze fra L1 e L2 nel microlivello, cioè 2 Per una puntuale critica alla tradizionale didattica della scrittura cfr. Portmann, 1991, pp Durante l anno accademico si è data la possibilità di monitorare la produzione scritta di un gruppo di otto studentesse sudtirolesi della Facoltà di Lingue e letterature straniere dell Università di Verona. In tutti gli otto soggetti le forme di bilinguismo rientravano in quello composito, ma con dominanza e forte sbilanciamento per la tedescofonia. I risultati verranno presentati e discussi in un'apposita pubblicazione sul fenomeno di code-switching. 3

4 quello morfosintattico-lessicale, sono le più appariscenti a livello di parola e di frase, ma hanno scarsissima incidenza sulla qualità del testo 4. Tutte queste considerazioni ci spingono a prevedere, all interno del percorso didattico, un apposita congiunzione fra lingua nativa e lingua straniera costituita dalla consapevolizzazione dei processi e delle strategie che organizzano tutti gli aspetti linguistici, cognitivi e sociali. 4. In connessione col punto precedente compiti cosiddetti liberi-creativi (ad esempio la composizione, il saggio) non si oppongono a compiti guidatimanipolativi (ad esempio la ricodificazione di testi, la traduzione). Dietro questa dicotomia si nasconde spesso una conclusione affrettata che vede nei compiti manipolativi un effetto condizionante, o addirittura inibente, sul processo di strutturazione linguistico-concettuale in L2. Abbiamo riscontrato che la manipolazione non solo non frena la scrittura libera, ma andando anzi a favorire la consapevolizzazione delle particolarità della L2 in contrasto/ onfronto con quelle della L1 è un utile elemento della didattica della scrittura come processo (cfr. anche Krings, 1992). 5. Una didattica della scrittura, lungi dal centrarsi sul raggiungimento di canoni testuali fissi e predefiniti, focalizza piuttosto la sua riflessione sul concetto di «variazione della scrittura» in conformità con la varietà e la variazione degli scopi, degli argomenti, dei generi e degli interattanti. Ciò consente peraltro di evitare i due pericoli di segno opposto: a) la scrittura come raggiungimento prescrittivo di modelli standardizzati con la funzione di testo passe-partout; b) la scrittura come atto individuale, creativo e unico in opposizione quindi a ogni intervento di pianificazione didattica. 6. L obiettivo delle esercitazioni di attività scrittoria risulta composto essenzialmente dalle seguenti parti: a) fornire agli apprendenti delle autentiche opportunità di scrittura in cui realizzare ipotesi (o tratti significativi di esse) sul funzionamento della lingua (elicitazione della competenza); b) verificare e valutare i nodi significativi di tali ipotesi onde soddisfare negli apprendenti il bisogno di sicurezza in situazioni di performanza; c) innestare sulle ipotesi consolidate nuove e ulteriori opportunità di scrittura dando così di nuovo inizio al microciclo introdotto da (a). 4 Le analisi sulle interferenze italiano-tedesco (e viceversa) sinora compiute insistono sul microlivello, cfr. Putzer s.d.; Brandmair Dallera, 1984; Forer, 1986; Jung, La preoccupazione strutturale è in tutte queste analisi così preponderante da escludere totalmente l aspetto procedurale. In una proficua integrazione dei due aspetti è tanto più necessario evidenziare il concetto di «strategia» visto che il microlivello va legato al medio- e al macrolivello. Nella istanza didattica la strategia (di comunicazione e di apprendimento) va collocata nell importantissima nozione di «sapere linguistico», inteso anche come sapere metacognitivo del discente; cfr. sprachliches Wissen nel significato di Kohn, 1990, pp

5 Partiamo dall assunto che la scrittura costituisca per l apprendente una preziosa opportunità per percepire più consapevolmente i problemi individuali e peculiari nell'utilizzo della L2. L esplicitazione di tali problemi indica, d altro canto, un processo di elaborazione della L2 che non può essere semplicisticamente considerato in termini di prestazione esatta o errata, bensì piuttosto come indicatore di svariate sovrapposizioni o di più ipotesi sul funzionamento della lingua d arrivo. Un analisi delle ipotesi equivale a un analisi dei processi. Ciò induce a una presa di coscienza delle varie fasi e delle singole procedure del proprio apprendimento. Per questo motivo le strategie metacognitive, riferite all apprendimento in sé, sono altrettanto importanti quanto quelle cognitive L organizzazione delle attività si realizza secondo un percorso articolato nelle seguenti fasi: a) messa a fuoco del compito, nei suoi aspetti di forma e di contenuto; b) stesura schematica per argomenti/punti secondo un rapporto gerarchico; c) confronto e discussione degli schemi; d) prima stesura; e) correzione e discussione individuale della prima stesura; f) revisione definitiva. Questi sette punti costituiscono il piano d appoggio in senso orizzontale delle scelte operative (teorico-pratiche) dell intero percorso didattico. Verrà ora specificata la loro organizzazione e strutturazione in senso verticale. 2. AMBITI E ATTIVITÀ DEL PERCORSO DIDATTICO A monte del percorso sono state individuate le principali attività legate ai processi di scrittura. Le scelte sono state effettuate sulla base di finalità e obiettivi strettamente congiunti con l insegnamento/apprendimento linguistico globale e per i quali ci è sembrata prioritaria la considerazione di specificità quali: - la loro giustificazione all interno del modello generale di formazione; - la loro possibilità di espansione e sviluppo; - la loro interconnessione con il rimanente programma di insegnamento linguistico e con quello di altre discipline del curricolo. Sulla base di queste considerazioni abbiamo preso in esame i seguenti quattro ambiti di attività 6 : a) attività di parlato monologico, e in parte anche dialogico, miranti a una produzione linguistica molto pianificata e sorvegliata e aventi, per questo 5 Per una esauriente trattazione dell'elemento metacognitivo in riferimento alle strategie di apprendimento linguistico cfr. Kohn, 1990, pp Anche se formulate in modo diverso, si sono rivelate nella sostanza molto simili a quelle proposte da Portmann, 1991, pp. 459 ss. 5

6 stesso motivo, uno scarto minimo di tensione fra formulazione orale e formulazione scritta; b) attività di transcodificazione da un genere testuale all altro e dall orale allo scritto (e viceversa) miranti a evidenziare le differenti procedure nella rappresentazione della realtà e rientranti comunque nel genere della prosa fattuale (Sachprosa); c) attività di riscrittura-scrittura di tipo ludico-immaginativo-fantastico (preletterario); d) attività di scrittura esplicitamente per scopi professionali e accademici, miranti alla consapevolizzazione delle varietà funzionali-contestuali della prosa di studio: dallo stile scientifico a quello didattico a quello divulgativo. Poiché le attività più frequentemente esercitate sia in ricerche e applicazioni sperimentali ( ) sia in attività didattiche in ambito scolastico risultano quelle indicate ai punti (a), (b) e (d), sarà su queste che si concentreranno ora le nostre osservazioni Attività di produzione orale/scritta pianificata Per quanto attiene a queste attività, le prestazioni linguistiche (sia orali che scritte) previste hanno innanzitutto la caratteristica comune di mettere a fuoco i tratti dipendenti dalla forma (tratti linguistici), quelli dipendenti dalla funzione (tratti pragmatico-testuali-discorsivi) e quelli dipendenti dal «quadro» comunicativo, cioè i partecipanti più l occasione e la scena (tratti sociolinguistici). In ciò rientrano generi e tipi testuali sia monologici che dialogici, mono- e polifrastici, mono- e polifunzionali, mono- e politematici, con presenza o assenza di routine (di apertura, di chiusura, di organizzazione interna predeterminata o prevedibile, di connessione interfrastica e intertestuale). In quanto ai domini sociali a cui possono fare riferimento, essi sono rappresentati da un ampia gamma che va dal pubblico-istituzionaletransazionale al privato-ricreativo. La scelta dei domini sociali non può essere predeterminata, ma va invece effettuata sulla base della rilevanza all interno dello specifico percorso didattico. Nel nostro caso (insegnamento ad adulti) è stato privilegiato il dominio sociale pubblico-transazionale dei servizi (ad esempio mezzi di trasporto) e quello ricreativo (ad esempio viaggi e relazioni personali). Dall analisi incrociata dei tre diversi tipi di tratti sopra elencati (linguistici, pragmatico-testuali-discorsivi, sociolinguistici) è emersa la priorità per i seguenti tipi testuali corrispondenti a diversi eventi comunicativi: a) testi di tipo conversazionale-socializzante; b) testi di tipo informativo-descrittivo; c) testi di tipo direttivo; d) testi di tipo direttivo-operativo. Come precedentemente affermato, il requisito indispensabile per queste produzioni linguistiche consiste in una sorvegliata pianificazione del discorso. È, infatti, in base a questo requisito che la tensione fra codice orale e codice 6

7 scritto diventa minima, se non addirittura inesistente, almeno dal punto di vista della testura interna (la Textpartitur di Weinrich). Valgano come esemplificazioni di quanto si sta affermando i seguenti brevi spezzoni: a) testo monologico orale di tipo socializzante, quale può essere il saluto del capitano ai passeggeri dell'aereo: Guten Tag, meine Damen und Herren, Captain X Y und seine Crew heißen Sie willkommen an Bord der Maschine Z... 7 b) testo informativo-descrittivo, ad esempio il discorso di una guida turistica: Der Hauptbahnhof befindet sich in unmittelbarer Nähe der Altstadt. Sobald die Reisenden die Bahnhofshalle verlassen haben, befinden sie sich auf dem Bahnhofsplatz, der... 8 c) testo direttivo, al quale si ricorre per indicare percorsi: Sie gehen zuerst immer geradeaus bis zum Domplatz, dann müssen Sie die erste Straße links rein biegen und nach ungefähr 200 Meter sehen Sie auf Ihrer rechten Seite... 9 d) testo direttivo-operativo del tipo «istruzioni per l uso»: 1. Strecke und Straßenbahnlinie eingeben 2. Münzen in Höhe des entsprechenden Betrags einwerfen 3. Beträg bestatigen 10 Detto solo incidentalmente, i testi direttivi-operativi orali possono essere, ovviamente, diversissimi da un testo scritto; si osservi il seguente spezzone, in cui le istruzioni per l'uso vengono date a voce: - Und wie macht man das? - Ganz einfach! Man schmeißt zuerst eine Mark in die Maschine rein, dann drückt man auf die entsprechende Wählscheibe... so! und dann «Buon giorno, signore e signori, il capitano X Y e l'equipaggio vi danno il benvenuto a bordo dell'aereo...». 8 «La stazione si trova nelle immediate vicinanze della città vecchia. Appena fuori dell'atrio i viaggiatori si troveranno in piazza della stazione...». 9 «Vada prima sempre dritto fino in piazza del Duomo, poi prenda la prima strada a sinistra e dopo circa 200 metri vedrà alla Sua destra...». 10 «1. Selezionare il percorso e la linea tranviaria. 2. Inserire monete fino a raggiungere l'importo richiesto. 3. Confermare». 11 «E come si fa? «È molto semplice. Prima si mette un marco, poi si preme sul disco corrispondente... cosi. E poi...». 7

8 Qui la lingua si avvale di forme verbali finite e di elementi linguistici tipici del parlato, oltre che di un lessico più approssimativo perché l interazione avviene tra locutori dai ruoli poco istituzionalizzati e meno routinizzati. Negli script che tendono a forte convenzionalizzazione, quindi fortemente prevedibili, la lingua assume un carattere transazionale che elimina dall oralità il carattere interazionale. Queste attività hanno una loro giustificazione nell'alta interscambiabilità di testi orali e scritti. Allargando l ottica ad altri domini sociali, e con uno spostamento di tendenza prospettica dall oggettività alla soggettività, si possono includere attività di produzione orale e scritta che richiedono di: - riportare ad ampi tratti lo svolgimento di un avvenimento; - analizzare i motivi che hanno spinto qualcuno ad agire in un determinato modo; - illustrare l opinione di qualcuno mettendo in risalto i principali aspetti di dissenso con la propria; - spiegare i termini o i punti essenziali di una discussione, di un film, di una trasmissione televisiva; - assumere una posizione personale verso qualcosa; - motivare una scelta di gusto personale (perché si apprezza o si disprezza qualcosa). Il tratto comune a queste attività, come mette in evidenza Portmann (1991, pp ), è che si tratta di Sachverhaltsdarstellungen, cioè modi di presentare fatti, avvenimenti, opinioni che pur potendo essere anche estremamente personali, sottostanno a strategie di oggettivizzazione. Nella loro forma più semplice e condensata, corrispondono a un unica frase. Ma quand anche assumano le forme più complesse, non presentano differenze di testura interna e di script così macroscopiche fra modalità orale e modalità scritta. La produzione sorvegliata presenta, infatti, un tale grado di pianificazione da rendere interscambiabili l orale e lo scritto. Proprio perché rappresentano delle fasi di transizione fra i due codici, le attività sopra indicate vanno considerate nella loro potenziale funzione di introduzione e propedeuticità alla scrittura Procedure di tipo informativo, perlocutivo, argomentativo Nelle attività raggruppate sotto questo punto i produttori e i ricettori dei testi sono consapevoli dei loro ruoli interscambiabili: il ricettore è potenzialmente il produttore. A queste condizioni anche le attività orali e scritte con carattere di soggettività di cui al punto precedente possono rientrare tra queste procedure 8

9 comunicative. Esse hanno spesso la scuola come luogo della comunicazione e sono principalmente di tre tipi 12 : - procedure di tipo informativo (descrivere, illustrare, riportare, raccontare); - procedure di tipo perlocutivo (sollecitare/esortare qualcuno ad agire verbalmente o non verbalmente); - procedure di tipo argomentativo (illustrare le cause dei problemi, argomentare, discutere, dissertare, problematizzare e valutare) Procedure di tipo informativo Il tratto comune alle procedure di tipo informativo è la loro enfasi sulla concretezza oggettuale di presentazione che va a condizionare le singole fasi di elaborazione del prodotto, costringendo il produttore a un atteggiamento di sachbetonte Information (cfr. Michel, 1988, pp. 57 ss.) centrato sull oggetto dell informazione, anche quando è lecito o auspicabile esprimere emozioni, opinioni e valutazioni di carattere personale. Valgano come esempi i seguenti spezzoni: - relazione su una conferenza internazionale Berichten: Internationale Konferenz Am soundsovielten fand in Berlin eine internationale sprachwissenschaftliche Konferenz zum Thema «Fachtextsorten» statt. Die Konferenz wurde vom Institut... organisiert descrizione di uno strumento in uso nell edilizia: la livella Beschreiben: Die Wasserwaage Die Wasserwaage ist ein Messgerät, das im Bauwesen benötigt wird. Damit kann man genau die Waagerechte und die Senkrechte bestimmen esposizione di avvenimenti o esperienze Schildern: Erster Schnee in Venedig Eine Woche in der Lagune und ein Wetter, wie es wetterwendischer zwischen 15 Grad plus und 1 Grad minus kaum sein kann. Der Empfang bei Sonnenschein Particolarmente preziose a questo proposito sono state le indicazioni di carattere teorico e applicativo del gruppo di lavoro di Lipsia, cfr. Michel «Il giorno x a Berlino ha avuto luogo un congresso internazionale di linguistica sul tema "Tipologie di testi settoriali". Il congresso è stato organizzato dall istituto...». 14 «La livella è uno strumento di misura che viene usato nell edilizia per determinare il piano orizzontale e la perpendicolare». 15 «Una settimana nella laguna con un tempo mutevole al massimo, con oscillazioni tra più 15 gradi e meno uno. Accolti da un sole raggiante...». 9

10 - narrazione di esperienze personali Erzählen: Mein Erlebnis beim Schwimmen Am Sonnabend war ich mit meiner Mutti schwimmen. Da haben wir uns zuerst umgezogen. Dann haben wir uns abgeduscht. Danach sind wir reingegangen Come si può rilevare dai brevi esempi, alla base del processo di scrittura, in questo ambito, è fondamentale l individuazione del piano di azione che, a sua volta, condiziona la scelta della opportuna strategia di comunicazione. Pertanto la strategia in questo compito assume un valore sia concettuale che linguistico. Come si è detto, per il loro puntare sulla sachbetonte Information come principale piano d azione, le procedure informative qui indicate rappresentano un estensione delle procedure elencate al punto precedente Procedure di tipo perlocutivo Le procedure di tipo perlocutivo, nei loro precipitati linguistici, sono riconoscibili da strategie e strutture che indicano generalmente la tendenza a influenzare 1 agire e il comportamento verbale e non-verbale dell interlocutore. Si contraddistinguono per i loro indicatori di esortazione, sollecitazione, richiesta, appello, comando e simili. I campi di applicazione coprono una gamma che va dagli slogan intesi non soltanto nella loro valenza mercantile-pubblicitaria, ma anche nella loro forma di stereotipi, frasi fatte, feste Wendungen, reali o inventate 17 a testi scientifici di tipo regolativo, dove il grado di persuasività della consegna o dell istruzione va a correlarsi con la strategia di autorevolezza che traspare dal testo. A illustrazione di tutto ciò valgano i seguenti brevi esempi: - Slogan Berlin ist eine Reise wert! München: Weltstadt mit Herz! Deutsch? Ja, bitte! Damit Sie Ihre Lernfortschritte besser kontrollieren können tragen Sie ständig eine Mini-Fernsehkamera bei sich! Dick ist wieder in.. essen Sie «McDonald's Pommes Frites»! «Esperienze legate al nuoto. Sabato sono andato a nuotare con mia mamma. Ci siamo cambiati, poi abbiamo fatto la doccia, e poi siamo entrati...». 17 Cfr. Carli e De Meo, 1990, pp «Berlino vale un viaggio.» «Monaco: la metropoli che ha un cuore.» «Tedesco? sì, grazie.» «Per poter controllare meglio i progressi che fai nello studio porta sempre una piccola telecamera con te.» 10

11 - Fascette di novità editoriali Welches Nachschlagewerk benötigt eine Familie mit schulpflichtigen Kindern zu Hause? Kinderreallexikon von..., natürlich! 19 - Consigli/pareri/istruzioni (Si pensi a generi tipo «risposte a lettere dei lettori» o «i consigli dell esperto»). Un esempio, i suggerimenti per acquisire la tecnica di prendere appunti: Zur Technik des Mitschreibens in der Schule. Die Technik des Mitschreibens setzt das richtige Mithören voraus. Wenn der Schüler einer zusammenhängenden sprachlichen Äußerung zuhört, gebührt dem Verstehen eindeutig der Vorrang. Damit ist richtiges «produktives» Zuhören schöpferische Arbeit. Bevor der Mitschreibende eine erste Notiz schreibt, muss er vielmehr erst den «roten Faden» erkennen Il piano di azione per questo tipo di procedure comunicative è costituito fondamentalmente dall intenzione di produrre effetti su sentimenti, pensieri, azioni del ricettore. Le procedure possono variare in assenza o presenza di determinati tratti distintivi che secondo Michel (1988, p. 87) sono soprattutto dei seguenti tipi: - grado di vincolo per il ricettore (basso/alto); - utilità per uno o più ricettori (individuale/generalizzata); - grado di determinatezza (o vaghezza) nel suggerire razione da compiere - (molto determinato/molto vago); - grado d'incidenza sulla motivazione del ricettore (alto/basso). Le combinazioni fra il piano di azione e la variazione dei tratti distintivi costituiscono un ambito molto vasto da cui poter attingere per definire le procedure comunicative da esercitare con il gruppo di apprendenti. Poiché l elemento metacognitivo, come precedentemente affermato, è parte integrante delle attività che sostengono i processi di scrittura, è necessario prevedere delle apposite fasi, a inizio o a intervalli delle singole attività, secondo le specificità del compito, in cui le sequenze dei processi vengano «Grasso è bello... Mangiate le patatine fritte di MacDonald's.» 19 «Qual è l opera di consultazione di cui ha bisogno una famiglia con bambini in età scolare? Ma certo... l'enciclopedia pratica per ragazzi...». 20 «In merito alla tecnica del prendere appunti a scuola. Premessa alla tecnica del prendere appunti è un ascolto corretto. Ascoltando un enunciazione coesa, lo studente dà indubbiamente priorità alla comprensione. In questo modo il vero ascolto «produttivo» diviene un attività creativa. Prima di cominciare a prendere il primo appunto lo scrivente deve riconoscere il filo conduttore...». 11

12 consapevolizzate. Una breve illustrazione delle attività metacognitive, per il tipo di procedure e di testi in questione, potrebbe avere il seguente andamento: 1. Per affrontare 1 architettura e la sequenza logico-contenutistica di questo testo valuta la necessità di un introduzione. - In caso affermativo, quale concreto scopo vuoi raggiungere con l introduzione? - Quanto deve essere ampia? - 2. A tuo avviso, quale o quali intenzioni devi necessariamente mettere in evidenza dopo! introduzione? - Deve trattarsi in tutti i casi di formulazione esplicita o può essere anche implicita? 3. Quale percorso intendi scegliere fra l introduzione e la formulazione / trattazione del problema? - È opportuno mantenere un atteggiamento oggettivo/soggettivo? Perché? - Che tipo di vincolo (e quale grado di vincolo) vuoi instaurare col lettore? - Per conferire credibilità/autorevolezza ai tuoi consigli/ richieste/ appelli/ sollecitazioni/ suggerimenti su che cosa in particolare vuoi fare leva? 4. Chiediti, se in questo caso specifico, sia più/meno opportuno terminare con una conclusione. - In caso affermativo, che carattere le vuoi conferire? Ad esempio un carattere di conseguenza logica, di deduzione più o meno implicita, un richiamo globale, un enumerazione in sequenza di tutti i punti che hai toccato? - Che forma le vuoi assegnare? Telegrafica/programmatica/di suggerimento/ cauta...? - Ovviamente di diverso formato sarà l attività metacognitiva che faccia emergere la diversa organizzazione del discorso per le procedure precedentemente trattate e per quelle che andremo a trattare ora Procedure di tipo argomentativo La grammatica dell'argomentare (Lo Cascio, 1991) si avvale di strategie e di strutture che, malgrado la loro vasta proteiformità, sono imbrigliabili in determinati profili testuali. L argomentazione stricto sensu è essenzialmente volta a chiarire un determinato problema di rilevanza sociale o individuale sulla cui soluzione o conoscenza già esistono, a vario titolo e modo, opinioni/ 12

13 prove certe o incerte. La chiarificazione di un problema è sicuramente un processo cognitivo, ma nel momento stesso in cui si esteriorizza, avvalendosi della cooperazione sociale, assume una valenza intersoggettiva. In questo senso l argomentazione non può astrarre dal destinatario. Va detto che l argomentazione non è costituita da un solo piano d azione, ma ne può assumere diversi col variare delle intenzioni comunicative; queste possono essere riconducibili ad almeno tre: - la discussione finalizzata alla ricerca dei punti chiave del problema (Erörterung); - l argomentazione finalizzata alla creazione di nuovi e diversi modi di comprendere/risolvere un determinato problema (Argumentation); - la valutazione relativa sia alla qualità del ragionamento e validità degli argomenti sia alla qualità di come un atto argomentativo si è svolto (secondo le condizioni esterne) (wertende Beurteilung). Nelle nostre applicazioni si fa soprattutto riferimento a procedure di Erörterung e di Argumentation dapprima come esercitazioni di oralità e, in graduale successione, di scrittura su temi di vario disciplinare scolastico. Per questo stesso motivo esse sono risultate in parziale sovrapposizione con le attività di scrittura per scopi di studio che andremo subito a illustrare Attività di scrittura per scopi di studio Alla base di queste attività sono state prese in considerazione le procedure che solitamente rientrano nella tipologia di abilità di studio. In particolare, gli argomenti alla base delle attività sono stati individuati fra le discipline con cui gli studenti si trovavano maggiormente a confronto in quel determinato momento dell'apprendimento o fra le discipline caratterizzanti dell'area prescelta. Per gli studenti sia di scuola secondaria superiore sia universitari le attività hanno toccato argomenti afferenti al disciplinare linguistico (sociolinguistico e glottodidattica), sociologico ed economico-politico 21. Per le strategie di scrittura sono state contemplate le particolarità di elaborazione testuale relativamente ai seguenti tipi di testi: - testi ricapitolativi (riassunti e condensazioni di testi orali o scritti); - testi riespositivi (Nacherzählung); testi commentativi; - testi interpretativi (sulla base di dati di forma e di contenuto); - testi valutativi (comparazioni, riflessioni e valutazioni di/su argomenti noti). 21 Nel all Università di Trento sono state condotte esperienze con un gruppo di studenti della Facoltà di Economia e commercio per i quali il tedesco è disciplina triennale, e con un gruppo di 6 studenti di 3 facoltà/corsi di laurea diversi (Lettere, Sociologia, Economia politica). Nel 1992/93 le osservazioni sono state condotte su un gruppo molto ampio (47 studenti) dell Università di Venezia (Facoltà di Economia) e su due gruppi (uno di 16 e uno di 9) della Facoltà di Lingue di Verona. Le acquisizioni più significative sui processi di scrittura in studenti universitari sono state favorite nell ultimo anno accademico ( ) a Venezia e a Verona, poiché il primo anno di osservazione (a Trento) è servito soprattutto a sistematizzare i materiali e i metodi di raccolta dati e di valutazione. 13

14 Sul piano linguistico-concettuale essi mostrano un vincolo con i temi dell insegnamento disciplinare. Da ciò consegue che i piani di azione assumono la cogenza, la «oggettività» e la pianificazione controllata delle esposizioni fatte nel nome e nel rispetto del testo originale. Il testo d arrivo (testo secondario) non può, infatti, essere prodotto (e valutato) autonomamente, bensì in considerazione e in funzione della resa del testo di partenza (testo primario). Il grado della condensazione testuale (in termini di righe, di frasi o di parole) non può essere prestabilito separatamente dalla funzione che il testo secondario si trova a svolgere. A funzioni indicative o informative o analitiche o critiche corrisponderanno diversi gradi di concentrazione e differenti strategie ricapitolative 22. Nello svolgimento di queste attività si devono fare i conti con due diversi ordini di problemi: a) generalmente gli apprendenti dispongono di conoscenze intuitive, ingenue, o comunque prescientifiche, della funzione legata alla riduzione di un testo; attività quali il «riassunto», in L1 o in L2, sono una pratica scolastica molto frequente e diffusa; ciononostante la consapevolezza dei tratti distintivi del riassunto solitamente si dimostra inconsistente, poco rilevante, o spesso anche deviante, soprattutto all'inizio del percorso; b) contrariamente all opinione molto diffusa che identifica la quintessenza delle strategie di sintesi nel «riassunto», queste sono invece presenti in numerosi altri generi testuali (compendio, sommario, estratto/abstract, sinossi, ecc.), fra l altro di grande rilievo per le abilità di studio; questi, oltre a non venire spesso ben identificati dagli apprendenti, presentano una diversa connotazione culturale in L1 e in L2. Ad esempio, in paesi tedescofoni, al centro delle attività di studio, si trovano molto frequentemente generi testuali come Kurzfassung, Auszug / Exzerpt, Resümee / Zusammenfassung, gekürztes Dokument, Besprechung / Rezension, Annotation, Überblick, Inhaltsangabe, Konspekt, ecc. con significati divergenti da cultura a cultura. Si pensi, ad esempio, anche ai termini inglesi di summary, abridgment, résumé, epitome, survey e altri che possono, in certa misura, corrispondere a Zusammenfassung; esistono inoltre particolari stili scolastici che non trovano un unico riscontro in tutte le culture: in Francia è diffusa la distinzione fra résumé informatif, résumé indicatif, résumé des conclusions, résumé synthétique, résumé critique. Per le considerazioni esposte, all inizio di questo segmento di percorso, si è imposta come obiettivo operativo di base l'acquisizione di una sufficiente chiarezza di tipo metatestuale. Si è scelto di partire dalle indicazioni metatestuali in lingua tedesca per avviare sia l'analisi intertestuale (ricerca dei tratti formali e funzionali per generi e tipi) che interlinguistica (rilevazione di simmetrie e dissimmetrie fra L1 e L2). Per ragioni di sintesi si rinuncia qui all'illustrazione delle singole fasi per giungere all'enunciazione dei principali risultati: 22 A questo proposito cfr. la esauriente trattazione che ne fa Kretzenbacher, 1990, pp. 22 ss. 14

15 - non esiste per i generi ricapitolativi un unico prototipo, bensì vari modelli di riferimento; - la configurazione dei modelli dipende sommamente dai tratti funzionalicontestuali; - i testi ricapitolativi applicati ad ambiti disciplinari presentano una variazione di modelli secondo le diverse funzioni comunicative: si va da modelli per scopi di informazione scientifica a quelli per scopi didattici e infine a quelli per scopi divulgativi o di consumo dell informazione; ad esempio: una recensione fatta da uno studioso può assumere almeno tre diversi piani di azione (e quindi strategie e strutture proprie) a seconda che sia rivolta o alla comunità scientifica o a studenti o a un allargato pubblico indifferenziato. 3. VALUTAZIONI E PROSPETTIVE Passando ora al versante dell apprendimento, ci sembra necessario fare un esposizione sommaria dei tipi di difficoltà che gli apprendenti incontrano più frequentemente nei processi di scrittura. In generale essi ci sembrano riconducibili a tre differenti ordini di cause Condizionamento delle conoscenze linguistiche generali I processi di scrittura rappresentano per l'apprendente il modo più diretto per evidenziare problemi e lacune nelle conoscenze di base, sia per quanto riguarda il lessico che l'apparato strutturale. Se l input linguistico non ha ancora raggiunto una tale rappresentatività con cui l apprendente possa aver verificato le sue ipotesi sul funzionamento della lingua, è difficile che la sua prestazione vada al di là di incerti tentativi di produzione frastica. Quand anche egli giunga a un apparente produzione testuale, si troverà a costruire un testo che non obbedisce alla sua pianificazione concettuale. La scarsità e la rudimentalità dei mezzi a disposizione vanno a condizionare non soltanto le scelte linguistiche, ma anche quelle concettuali. Come esempio di questo tipo di difficoltà, valga il seguente caso: Gruppo di apprendenti: Studenti del II anno della Facoltà di Economia e commercio con apprendimento scolastico (medio) della lingua di 5 anni. Compito: Sulla base di letture sui sistemi economici dell economia di mercato (Marktwirtschaft) e di quella pianificata (Planwirtschaft) e dopo commenti e discussioni a più riprese in L1 e L2, l attività di scrittura consiste nell enumerazione selettiva di vantaggi e svantaggi della sola economia pianificata. Come titolo: Vor- und Nachteile der Planwirtschaft. Tempo a disposizione: min. 15

16 Il compito viene così svolto dalla studentessa A. B. (il testo è trascritto fedelmente): Jeder Gesellschaft plant jahrlich ihre Wirtschaft auch in Europa und das ist eine Lichtseite aber für die Geplantewirtschaft sind nicht wichtig die Wunsche und Ziele der Bevölkerung. In der Marktwirtschaft die Wünschen werden von Bevölkerung mit der Hilfe der Werbung bestimmt. In der Marktwirtschaft beherrscht den Spiel von Angebot und Nachfrage sondern in PWgesellschaft das gibt es nicht. Hier der Staat wirkt nur manchmal in dem Spiel ein um die Schwachen zu schützen. In der Planwirtschaft den Bedarf der Leute ist von den Staat festgesetzt 23. Ciò che è fondamentale notare in questa prestazione astraendo ora da una dettagliata analisi della morfosintassi e delle interferenze con la L1 è che l esecuzione del compito è completamente subordinata ai ricordi che l apprendente ha di un testo letto. Qui il piano d azione era costituito da una comparazione critica fra i due sistemi economici, mentre la consegna del compito, escludendo la comparazione, andava a polarizzare l attenzione sull enumerazione di tratti caratteristici di un solo sistema, quello della «Economia di piano». La studentessa, non avendo ancora sviluppato dei mezzi linguistici inter- e transfrastici, rinuncia alla pianificazione concettuale richiesta dal compito e tenta di ripescare dalla memoria la lingua del testo primario; inevitabilmente vengono espresse le sole procedure confrontative. I processi mnestici, a loro volta, mostrano evidenti carenze, dipendendo anch essi dal volume e dalla qualità della conoscenza linguistica generale: più sviluppata è la conoscenza di base e più articolati sono i processi mnestici Qualità delle conoscenze testuali e metatestuali Come precedentemente affermato, e in coincidenza con i risultati di parecchi studi (Börner, 1989; Börner e Vogel, 1992; Portmann, 1991), è assai frequente che gli apprendenti di una L2 non dispongano nemmeno nella L1 di esplicite conoscenze testuali e metatestuali. Ciò non fa meraviglia poiché la capacità scrittoria in L1 si sviluppa in tempi molto più lunghi e in modi spesso più reiterati che in L2; pertanto in L1 i processi imitativi finiscono col prevalere su quelli cognitivi. Ai fini di un apprendimento della scrittura in L2, basato in 23 Titolo del compito: «Vantaggi e svantaggi dell economia pianificata». Il testo della studentessa, che presenta errori formali di vario genere, si concentra sulle differenze tra economia pianificata, in cui la programmazione non si baserebbe su desideri e aspirazioni della popolazione, e economia di mercato, in cui i desideri della popolazione verrebbero determinati dalla pubblicità. Allo Stato, nell economia di mercato, attribuirebbe la funzione di aiutare i più deboli, in quella pianificata invece quella di determinare i bisogni della gente. 16

17 misura preponderante sui processi, la mancata consapevolizzazione delle particolarità testuali diventa cruciale. In un approccio orientato ai processi, e non soltanto ai prodotti, è infatti irrinunciabile l'esplicito riferimento alle preconoscenze dell'apprendente e alla sua capacità di essere consapevole degli scopi e delle opportune strategie per raggiungerli. Durante le applicazioni ed esercitazioni del percorso sopra indicato, si è ripetutamente presentata la necessità di insistere sulla consapevolezza testuale e metatestuale relativamente a: - conoscere e saper costruire dei modelli testuali (Textaufbaumuster) osservando determinate regolarità di strutturazione e pianificazione interna: suddivisione testuale, paragrafazione, strutturazione in ordine a precise gerarchie concettuali, costruzione-revisione-definizione dei piani di azione, ma anche conoscenze di ordine generale sulle conseguenze che un determinato modello può avere sul lettore, ecc.; - conoscere e saper utilizzare le tecniche di coerenza testuale, all interno di singoli paragrafi e per singoli passaggi; qui è indispensabile la conoscenza non solo dei connettivi intra- e interfrastici (a cui si è fatto precedentemente cenno), ma anche delle particelle modali, oltre che dei mezzi linguistici con cui viene formulata la causalità, la temporalità, la sequenzialità, ecc.; - uso di tecniche espositive secondo i vari punti di osservazione «perspektivierende Techniken», secondo la terminologia di Portmann, 1991, p. 470); questi importanti accorgimenti possono essere di natura testuale (discorso indiretto, uso di tratti valutativi per connotare il proprio pensiero o quello altrui), ma anche metatestuale come 1 orientamento da dare allettare nel comprendere il messaggio, ecc.; - conoscere le funzioni più importanti, oltre che dei tratti funzionalicontestuali ripartiti secondo le tecniche del parlato e dello scritto, e in funzione del destinatario (commento a un particolare tema / avvenimento destinato a un pubblico di specialisti o a un pubblico indifferenziato di lettori). Come esemplificazione, valga la seguente breve analisi: Gruppo di apprendenti: Studenti del IV anno della Facoltà di Lingue e letterature straniere. Compito: Nell ambito di esercitazioni per la Erörterung/Argumentation su un tema precedentemente trattato (Chaosforschung), gli apprendenti devono redigere un breve testo compilativo indicante le varie teorie e i principali punti di vista. I destinatari del testo sono studenti della Chaosforschung. Tempo a disposizione: 45 min. Il testo, peraltro molto breve, dello studente S.M. dà al compito la seguente soluzione: Die Erkenntnisse der Chaostheorie haben Einzug in die verschiedensten Wissenschaftszweige. Im «Chaos» glaubt man den 17

18 lang herbeigesehnten Gegenpol des kühlen kartesianischen Paradigmas gefunden zu haben das nicht unbedingt zur Freude der Mathematiker: man wehrt sich gegen voreilige Schlüsse. Der Begriff «Chaos» ist mathematisch klar definiert. Herauszufinden, unter welchen Voraussetzungen ein nichtlineares System chaotisches Verhalten zeigt, ist für die Mathematiker harte Knochenarbeit 24. Risulta chiara la forma condensativa anche troppo! che è data sia da strategie lessicali (nominalizzazioni) che sintattiche (ellissi). Malgrado la linearità e correttezza della morfologia, il compito non è stato opportunamente affrontato con le conoscenze testuali e metatestuali richieste. Il risultato è, infatti, molto prossimo a un testo giornalistico-divulgativo (compendio introduttivo o Vorspann) con funzione semmai di introdurre il lettore non specialista in problematiche che verranno svolte nel prosieguo dell esposizione. L andamento del testo, cioè il piano d azione, è quello di creare nel lettore interrogativi e aspettative (tratto comune della stampa divulgativa), non di esporre i termini di un problema con un taglio di «esposizione oggettiva» (sachbetonte Darstellung) in riferimento alla comunicazione per scopi scientifici Conoscenze metacognitive La metacognizione è qui intesa come abilità trasversale, non legata quindi al solo apprendimento linguistico, bensì a tutto il disciplinare scolastico (ed estendibile al dominio extrascolastico e a contesti sociali). Viene inoltre qui considerata per le sue connessioni con le abilità di studio, con l'imparare a imparare, con la capacità di riflessione polarizzata a certe attività, esperienze e processi come ad esempio la scrittura al fine di comprendere e stabilire connessioni tra i fatti e anche come capacità di autoregolazione nell esecuzione di determinate procedure (cfr. Ligorio, 1993). Le conoscenze e le esperienze metacognitive legate alla scrittura riguardano, secondo noi, due ordini di problemi: a) le specificità generali dello scrivere in sé, in quanto attività cognitiva diversa dal parlato che richiede strategie e procedure peculiari; b) le specifiche conoscenze che l apprendente ha dei due sistemi linguistici nell uso della scrittura; si sa, infatti, che la L1 e la L2 presentano differenti modalità scrittorie, anche se si scrive sullo stesso identico contenuto e per i medesimi scopi. Si ritiene indispensabile che durante il processo di acquisizione della capacità scrittoria gli apprendenti si rendano gradualmente conto di questi due ordini di problemi. In quanto al primo, non è infrequente il caso di apprendenti che verso la scrittura in L2 hanno le stesse aspettative che in L1. Questo dà 24 Il testo dello studente ravvisa nel «caos» l'agognata scoperta del polo che si contrappone al paradigma cartesiano e indica le implicazioni che tale scoperta ha per i matematici. 18

19 prontamente adito a frustrazioni soprattutto in chi è abituato a una scrittura rapida e immediata in L1, cosa difficilmente possibile in L2. È inoltre abbastanza diffuso, anche in apprendenti adulti, l impiego di un lessico non completamente interiorizzato e di costrutti sintattici a volte molto involuti, conseguenza dell intenzione di precisare vincoli o limiti e prevenire obiezioni, di rendere comunque conto di tutta la complessità considerata secondo modalità che si dominano nella L1 ma che nella L2 si «ingarbugliano». D altra parte c è molto spesso un atteggiamento ingenuo nei confronti della parola scritta dettato dal principio del «mi suona bene/questa parola non mi suona...». Questo criterio di selezione, per così dire intuitiva, non è affatto da sottovalutare, ma non è affidabile: valido nella L1, esso viene molto spesso trasposto nella L2, dove la meno lunga frequentazione non può aver innescato lo stesso tipo di sensazioni/intuizioni. In attinenza con le conoscenze ed esperienze metacognitive, andrebbe anche valutata la diversa incidenza degli stili culturali in L1 e L2. Come si sa, l esposizione, l argomentazione, la problematizzazione, ecc., pur sottostando a infinite varietà e variazioni individuali, seguono determinati stili culturali come effetto di un habitus mentale che si è consolidato nel tempo in una determinata area culturale. Lavorando proprio sui processi di scrittura, salta molto spesso agli occhi che i singoli piani di azione e i mezzi linguistici in L2 e in L1 non vengono sottoposti solo al vaglio della lingua, bensì anche a una determinata cosmovisione e a premesse non linguistiche che scaturiscono dal contesto culturale globalmente inteso. Valga, anche a questo proposito, un esempio per tutti. Nei piani e negli script afferenti alla discussione e all argomentazione in ambito accademico italiano quando si tratta di generalizzare un problema, o parte di esso, per giungere a conclusioni provvisorie, è assai frequente che l argomentante si identifichi con il gruppo che sostiene la sua tesi, passando rapidamente dalla prima persona singolare a quella plurale. Ciò accade soprattutto in presenza di almeno due condizioni: - il canale dell argomentazione-discussione è orale e l argomentante si rivolge a più di un destinatario; - il piano d azione è guidato da un intenzione più o meno dichiaratamente didattica. Per esempio, professore di Economia politica rivolto a un uditorio di studenti: Se si guarda ora allo schema di Rostow, vediamo che al primo posto c è una società cosiddetta primitiva; immediatamente in posizione successiva ci accorgiamo che... È sicuramente per effetto di consolidati stili culturali che le strategie della L1 vengono, spesso inconsapevolmente, trasposte in L2. Ad esempio, sul tema dei sistemi economici precedentemente menzionato, nella scrittura in L2 molti apprendenti evitano costruzioni impersonali o passive e, non rispettando i canoni, generalizzano l uso della prima persona plurale: 19

20 Unter den Vorteilen einer Planwirtschaft liegt zuerst die Tatsache, daß derjenige, der die Befugnis zur Planung hat, alle Probleme eines Landes global betrachten kann. [...] Wenn wir die Nachteile betrachten wollen... (Studente T. D.) Wir haben verschiedene Vorteile und Nachteile. (Studente M.F.) Als Vorteile sehen wir zuerst... (Studente E. D. M.) Die Nachteile können wir folgendermaßen aufzühlen:... (Studentessa V. C.) CONCLUSIONI Dalle esperienze sinora raccolte in ambito universitario e scolastico-superiore ci sembra di poter concludere che le attività per lo sviluppo dei processi di scrittura, indipendentemente dal modello didattico impiegato, vanno programmate secondo i principi della funzionalità comunicativa della scrittura e della continuità dell apprendimento. L applicazione del primo principio dà l opportunità al discente (e anche al docente) di comprendere la reale portata del messaggio da codificare, allontanandosi quindi da viete concezioni di palestra di scrittura. Il recupero della scrittura finalizzata alle attività di studio risponde a reali opportunità di utilizzo del codice scritto già durante l apprendimento della lingua. La ricodificazione di un testo per altre finalità comunicative favorisce l acquisizione di abilità che possono rispondere a esigenze di tipo professionale. Il principio della continuità va invece a garantire uno sviluppo integrato della scrittura assieme al progresso delle altre capacità. Come si è cercato di illustrare, la scrittura chiama in causa molteplici e compositi processi che non possono essere pianificati episodicamente, ma che devono necessariamente rientrare in un quadro generale. Le attività descritte, alla base del percorso didattico, si inseriscono in tre diverse aree di utilizzo della scrittura: - il dominio professionale; - il dominio pubblico-istituzionale; - il dominio privato-personale. A prescindere dalla scrittura creativa, poco presente nel nostro modello e pochissimo contemplata dalle attività descritte, si ritiene che nel fuoco del percorso trovino adeguato posizionamento i seguenti tre tipi fondamentali di scrittura: 25 Nell annunciare i vantaggi dell economia pianificata si introduce un verbo che, pur essendo comprensibile, non è correttamente riferibile al soggetto. Il passaggio successivo introduce osservazioni sugli svantaggi dell economia di mercato ricorrendo a una poco tedesca formulazione con la prima persona plurale. 26 Anche questi altri tre studenti avviano il discorso sui vantaggi o quello sugli svantaggi con una frase introduttiva che ha per soggetto la prima persona plurale. 20

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli

Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli Obiettivi formativi e competenze di Ermanno Puricelli Questo articolo è apparso sul n.11 della rivista SCUOLA E DIDATTICA del 15 febbraio 2003; viene riprodotto sul nostro sito per gentile concessione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE

DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE LEZIONE: DAI SAPERI ALLE COMPETENZE PROF.SSA ANGELA ELIA Indice 1 DAI SAPERI ALLE DISCIPLINE ----------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LE COMPETENZE

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli