Newsletter Bollettino Attività di comunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter Bollettino Attività di comunicazione"

Transcript

1 Newsletter Nell anno 2014 sono state inviate 53 newsletter per un totale di 261 notizie. Tra gli argomenti trattati: eventi ECM, eventi patrocinati dall Ordine e di rilevanza medica, la campagna Obiettivo Risarcimento, assicurazioni per rischio professionale, Pec, nuovo Codice Deontologico, ECM per i medici del lavoro, Libro Bianco, nuovo statuto Enpam, specializzandi, obbligo di POS, certificazione medica, certificazione sportiva, ricetta telematica, esenzioni, Ebola, nonché notizie di interesse medico e culturale. Bollettino Nel 2014 sono stati realizzati 4 bollettini, per un totale di circa 59 articoli. Tra le interviste: al dott. Paolo Crosignani (Direttore dell Unità Operativa Complessa Registro dei Tumori ed Epidemiologia Ambientale, Fondazione IRCCS Istituto dei Tumori Milano) sulla prevenzione, al Dott. Maurizio Maggiorotti (Presidente Associazione AMAMI) sulla malpractice, alla Dott.ssa Maria Gabriella Gentile (Primario emerito del Centro per la Cura dei Disturbi del Comportamento Alimentare) sulla nutrizione clinica, al Dott. Giuseppe Masera (Dipartimento di Pediatria dell Università di Milano-Bicocca) sui tumori in età pediatrica e la resilienza che generano nei bambini, al Prof. Ivan Cavicchi (Docente di Sociologia delle Organizzazioni Sanitarie e di Filosofia della Medicina all Università di Tor Vergata) sul ruolo del medico nella società odierna, al Prof. Gaetano Maria Fara (Professore Emerito di Igiene e Sanità Pubblica all Università Sapienza Roma) sulla nutrizione, al Prof. Vito Cagli (me dico e cultore di psicoanalisi, premio Musatti 2011) sulla medicina narrativa, alla dott.ssa Vittorina Zagonel (componente del C.S.S.) e all On. Beatrice Lorenzin (Ministro della Salute) sul Consiglio Superiore della Sanità. Due articoli sono stati dedicati ai luoghi simbolo della sanità milanese in particolare all Ospedale di Abbiategrasso, all Istituto Pio Albergo Trivulzio. Tre gli articoli pubblicati nella finestra sull odontoiatria: sul Global Burden of Disease (GBD) study, su Alimentazione e Odontoiatria e sulla semplificazione delle autorizzazioni per l apertura degli studi. Tra gli altri, articoli dedicati alla sigaretta elettronica, ai certificati per attività sportiva, alle criticità del pronto soccorso, alla chirurgia interdisciplinare, alla revisione legge regionale 33/09, all invalidità civile, alla prognosi, all etica medica attraverso il cinema, Ebola, Libro Bianco, fatturazione elettronica, calo dei camici rosa, fragilità nutrizionale, migranti e medici volontari. Inoltre, in una sorta di racconto a puntate, su ognuno dei 4 numeri del Bollettino del 2014 è stata tracciata la piccola storia dell Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano grazie alla sapiente ricerca del dott. Ugo Garbarini, Presidente Onorario dell Ordine. Attività di comunicazione Il Consiglio ha ravvisato la necessità di studiare delle strategie divulgative con l uso di mezzi comunicativi che consentano di raggiungere la più ampia fascia di utenza per dare visibilità e risonanza alle posizioni dell Ente a seguito di notizie ed eventi in ambito medico/sanitario. Si è giunti a questa conclusione anche in considerazione dei contenuti di una campagna pubblicitaria quale quella di Obiettivo risarcimento che, contenendo una indubbia ambiguità informativa, ingenerava ingiustificate aspettative nei cittadini e, gettando disdoro sull immagine professionale e umana del medico, impattava negativamente sul rapporto medico paziente. Come da mandato di Consiglio sono stati convocati dal Presidente i rappresentanti di quattro Agenzie di Comunicazione che avevano fatto pervenire delle offerte di collaborazione. L incarico è stato affidato poi affidato alla Società Metafora che nel corso dell anno ha compiuto un ottimo lavoro di comunicazione dando voce e risonanza con molta professionalità alle decisioni assunte dal Consiglio contribuendo sicuramente a migliorare significativamente l immagine dell Ente. L Ordine ha avuto visibilità su testate quali Corriere della Sera, La Repubblica, Il Giorno, le agenzia di stampa Adnkronos Salute e ANSA e altri quotidiani nonché su testate online; intervenendo su argomenti quali: campagna pubblicitaria Obiettivo risarcimento, obbligo di POS per i MMG, nuovo statuto ENPAM, autismo e vaccinazioni, istituzionalizzazione della specializzazione in medicina generale, ricambio generazionale negli ospedali, nuovo codice deontologico, valorizzazione dei giovani

2 professionisti, responsabilità civile sanitaria, certificazione di idoneità sportiva, test d ingresso alla specializzazione Diverse le interviste del Presidente dell Ordine su testate nazionali (Corriere della Sera, Il Giorno) e on line (Quotidianosanità) e in onda sul TG regionale e sul telegiornale online MD Digital in tema di malpractice, test ingresso specializzazione. Restyling Sito Web Dal 30 settembre è on line il nuovo sito web dell Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano. Realizzato attraverso il lavoro della Commissione Comunicazione con l'obbiettivo di offrire ai propri iscritti un rinnovato strumento di partecipazione alla vita dell Ente, semplice e funzionale alle esigenze degli utenti, pur conservando la natura di fonte ufficiale e affidabile. Sul nuovo sito troveranno posto, in uno spazio appositamente creato, anche le offerte vantaggiose per gli iscritti pervenute all Ente da varie Ditte o singoli professionisti. La Commissione all uopo costituita ha deciso di suddividere le proposte pervenute in 6 categorie Informatica Telefonia Elettronica / Assicurazioni Finanziarie Istituti Bancari / Consulenze professionali / Servizi alla Persona e all Azienda / Varie (Vacanze, Tempo libero, Hobbistica, Trasporti) / Esercizi Commerciali Aggiornamento Professionale e Formazione L attività è stata particolarmente intensa. Sono stati organizzati due corsi di Medical English destinati a 120 partecipanti opportunamente selezionati presso due Scuole qualificate, un Seminario sul cinema dal titolo Etica e Deontologia Medica: il cinema insegna, uno sulla Malpractice e uno sul Codice Deontologico. E continuata l attività della Scuola di Deontologia Medica ed Etica del Comportamento Professionale. Sono stati trattati i seguenti argomenti : La medicina come scienza e come arte Prof. Giorgio Cosmacini Il metodo clinico Prof. Claudio Rugarli Ascoltare e dialogare con l uomo e il paziente Dott. Alberto Scanni - La medicina dell evidenza Dott. Federico E. Perozziello La solitudine del medico Prof. Pasquale Spinelli Il rapporto tra colleghi Dott. Roberto Carlo Rossi/Dott. Ugo Garbarini Media e divulgazione scientifica Dott. Giangiacomo Schiavi Il protocollo Dott.ssa Marina Garassino - Medico Paziente tecnologia Dott. Ivan Cavicchi. Sono proseguiti inoltre i sabati di aggiornamento professionale con accreditamento ECM presso la sede convenzionata con il nostro Ordine (PIME) e in strutture ospedaliere pubbliche e private. Gli argomenti trattati da esperti qualificati hanno riguardato diverse tematiche mediche, Cure Palliative comprese. La frequenza è stata elevata così come il gradimento. Scelta fornitore Rassegna Stampa Il Consiglio ha ritenuto indilazionabile poter disporre di una Rassegna Stampa quotidiana sulle numerose notizie riguardanti la sanità che meritano attenzione ed eventuali riscontri o prese di posizione dell Ente. Il Presidente ha ricevuto a colloquio i rappresentanti delle seguenti Agenzie: WayPress srl - Data Stampa srl - Marketing Research Srl - Eco della Stampa spa - SIFA che hanno ampiamente presentato i servizi offerti e i costi praticati. Il Presidente ha provveduto ad illustrare le proposte al Consiglio che dopo aver valutato che le condizioni economiche richieste in relazione agli obblighi da assumere erano le più interessanti e vantaggiose per l Ente ha ritenuto di conferire alla Agenzia SIFA la fornitura di tale servizio per un incarico semestrale in considerazione della scadenza al 31/12/2014 del mandato elettivo. All agenzia è stato affidato l incarico di fornire una rassegna stampa quotidiana (8.30) che monitorasse la presenza dell Ordine sui media locali e nazionali (stampa cartacea, web, tv), nonché monitoraggio su tematiche quali Sanità Lombardia, Scenario Odontoiatria, Bioetica, Politica Sanitaria, Medicina & Farmacologia, New Economy & Sanità, Eventi & Cultura, Giurisprudenza.

3 INI-PEC Circolare Ministero dello Sviluppo Economico Nonostante l impegno profuso per cercare di salvare la PEC con una Circolare del Ministero dello Sviluppo Economico ha confermato il rifiuto dell inserimento di tale indirizzo in INI PEC. La motivazione addotta è che tale indirizzo consente solo il dialogo con la pubblica amministrazione e gli enti pubblici. Viceversa con l istituzione dell indice INI- PEC, che contiene l indice delle imprese e dei professionisti al quale tutti possono liberamente accedere, è necessario che il professionista si munisca di un indirizzo pec che consenta di dialogare con tutti e non solo con la pubblica amministrazione. La Circolare MISE e altre prese di posizione destano perplessità quando considerano i professionisti imprese individuali mentre i professionisti sono lavoratori esercenti una professione intellettuale disciplinata dall art del codice civile che prevede la necessità di iscrizione ad un albo presso un Ordine professionale. L Ente ha chiesto il parere del consulente legale il quale, pur ammettendo la possibilità di impugnare la circolare, ha sconsigliato di farlo in quanto il ricorso, difficile, impegnativo e costoso, avrebbe potuto non ottenere un esito vittorioso. E stato quindi necessario e indispensabile pubblicizzare la circolare MISE sul sito e contemporaneamente notiziare del fatto i Colleghi possessori di Caselle di Posta Elettronica Certificata per gli iscritti Le incomprensibili prese di posizione da parte della Pubblica Amministrazione nei confronti della propria Posta Elettronica Certificata governativa, nonché la sola mera presa d atto della problematica da parte della Federazione, hanno indotto il Consiglio a conferire mandato al Tesoriere ed all Area Giuridica Amministrativa, di prendere contatti con un gestore del servizio per poter dotare di valido indirizzo PEC quei Medici ed Odontoiatri (per lo più nuovi iscritti) muniti di posta governativa e, comunque, chiunque ne avesse fatto richiesta. Si decideva, allora, di aderire alla convenzione in essere tra la FNOMCeO e la Società Aruba PEC S.p.A., dopo averne dettagliatamente verificato il contenuto ed adeguato lo stesso alle necessità contingenti dell Ordine di Milano. L iniziativa ha sortito e continua a sortire grande entusiasmo tra gli iscritti: a fine novembre, e quindi in soli due mesi di attivazione dalla convenzione, le PEC attribuite da Aruba PEC S.p.A. in forza degli accordi assunti sono state già 685 ReGIndE Delega trasmissione PEC a FNOMCeO In ottemperanza a quanto disposto dal D.M. 44/2011, dal 30 giugno 2014 è entrato in vigore il procedimento civile telematico e, per l effetto, si è presentata la necessità in capo ai consulenti del Giudice di iscriversi al Registro Generale degli Indirizzi Elettronici (ReGIndE) per poter ricevere comunicazioni dal Tribunale e depositare gli atti nelle relative Cancellerie. Interessatosi per tempo, il Consiglio provvedeva a sollecitare la FNOMCeO perché desse delle indicazioni chiare e precise sui provvedimenti da adottare soprattutto a fronte di Autorità e Uffici assolutamente e manifestamente impreparati a recepire la svolta telematica. Dietro sollecitazione dell Ordine di Milano la Federazione curava di inviare direttamente al Ministero competente gli indirizzi PEC degli iscritti agli Ordini provinciali ed a mantenere, comunque, alta l attenzione sulla problematica, attesa l ammessa impossibilità del Ministero della Giustizia di ancora ben gestire la situazione. Acquisto unità immobiliare Via Lanzone, 31 Nel gennaio 2014 perveniva agli Uffici dell Ente una proposta di vendita di un unità immobiliare sita in Via Lanzone 31 e contigua alla attuale Sede dell Ordine. Conferito mandato al Tesoriere, al Consulente legale ed all Area Giuridica Amministrativa, di attuare una verifica sullo stato dell immobile, sulle eventuali opere di ristrutturazione da porre in essere nonché sul valore e sull andamento del mercato immobiliare, il Consiglio,

4 anche per far fronte a richieste di spazi recettivi avanzate sia dai Consiglieri che dal Personale, sulla scorta di quanto riferito dagli incaricati rifiutava la proposta avanzata con una adeguata controproposta che, accettata dai comproprietari dell appartamento, portava alla relativa stipula del contratto di compravendita, autorizzato dall assemblea generale degli Iscritti, in uno alla sottoscrizione del contratto di mutuo con ENPAM, anch esso autorizzato. Dal 23 ottobre 2014 l Ordine provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano è proprietario anche di questa nuova unità immobiliare. Collaborazione Onlus Terre des Hommes - Corso di formazione Diagnostica del Child Abuse and Neglect Si sono tenuti incontri con i rappresentanti della Fondazione Terre des Hommes, che promuove campagne di sensibilizzazione in difesa dei diritti dell infanzia ed è stato approntato un Vademecum per il pronto orientamento dei medici nella gestione dei casi di maltrattamento a danno di bambini. Il Vademecum è stato approvato anche dal Comune di Milano è stato presentato alla stampa il 5 febbraio In accordo con il Prof. Gianluca Vago, Rettore dell Università degli Studi di Milano, e con la partecipazione della Referente della Commissione Pari Opportunità si è studiata la possibilità di organizzare un Corso universitario di perfezionamento sulla diagnostica dei maltrattamenti sui minori e sulla violenza in famiglia, con il proposito di fornire una preparazione clinica il più possibile completa del fenomeno, delle modalità di presentazione dei casi di maltrattamento e delle norme di best practice assistenziale e giudiziaria. Dopo aver ottenuto il benestare dall Agenzia AGeNAS quanto alla collaborazione ed alla suddivisione di compiti e servizi tra Provider (OMCeOMI) e Partner (UNIMI), è stata redatta una Scrittura Privata volta a determinare e stabilire, in ossequio alla normativa vigente, le diverse funzioni attribuibili ed attribuite ai due Enti. E stato dato incarico all Ufficio ECM dell Ordine di verificare l esatta modalità di suddivisione dei crediti ECM per le due annualità interessate dal corso di formazione (2014/2015) per poter nell esattezza determinare la spesa per anno (e quindi riferibile a due distinti bilanci) per il Provider. Il Corso è stato presentato alla stampa il 24 settembre ed è iniziato il 14 novembre presso il Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute dell Università degli Studi di Milano. Linee Guida di Indirizzo e Coordinamento per la concessione del Link al Sito Il materiale pubblicato all'interno del sito se non diversamente specificato, è da intendersi protetto da Copyright, di proprietà esclusiva dell Ordine e protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d autore (L. 6 33/1941 e s.m.i.) nonché da quella relativa alla proprietà intellettuale. In assenza della specifica autorizzazione, ne è fatto divieto la riproduzione, la comunicazione, la messa a disposizione al pubblico, il noleggio, il prestito e la diffusione. Tutti i contenuti possono essere scaricati o utilizzati solo secondo le modalità previste dai diritti stessi e comunque non per uso commerciale.l Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano si impegna a porre ogni attenzione per garantire che le informazioni presenti sul sito siano accurate e complete in ogni loro parte, compatibilmente con le conoscenze disponibili al momento della pubblicazione, rifiutando qualsivoglia responsabilità afferente i contenuti di siti esterni ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti ipertestuali. L Ente si riserva il diritto di modificare i contenuti del sito in qualsiasi momento senza alcun preavviso. Per nessuna ragione l Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano potrà essere ritenuto responsabile dei danni di qualsiasi natura causati direttamente o indirettamente dall'accesso al sito, dall'incapacità o impossibilità di accedervi, dall'utilizzo delle notizie in esso contenute. Il link al sito è sottoposto alla preventiva autorizzazione dell'ente, che ne autorizza l utilizzo alle seguenti condizioni:

5 - il soggetto che intende inserire nel proprio sito il link al sito dell Ordine deve darne preventiva comunicazione all'ente inviando una richiesta tramite PEC all'indirizzo ed indicando i propri dati identificativi. Al medesimo indirizzo andranno comunicate tutte le variazioni riguardanti la pubblicazione del link (quali, ad esempio, la sua eliminazione). - il link non deve determinare nell'utente confusione circa la titolarità del sito e del titolare e deve essere effettuato in modo tale che il collegamento al sito avvenga in modo diretto alla prima pagina.l'ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano si riserva di revocare la propria autorizzazione in qualsiasi momento e in ogni caso la realizzazione di un link al sito costituisce integrale accettazione delle succitate regole. Incontro con il Presidente dell Ordine dei Commercialisti Come richiesto dal nostro Ente, l Ordine dei Commercialisti ha organizzato un incontro con esperti in materia di Studi di Settore allo scopo di programmare un Tavolo che serva da interfaccia con l Agenzia delle Entrate anche in occasione di incontri periodici di un Osservatorio Regionale per l adeguamento degli studi di settore a cui il nostro Ordine è chiamato a partecipare. Dal confronto con il Presidente e gli esperti dell Ordine Commercialisti è emersa la necessità di coinvolgere anche i Presidenti degli altri Ordini professionali per poter poi coinvolgere tutti gli iscritti tramite la distribuzione di un questionario sull argomento dopo averli sensibilizzati al problema tramite il sito, le newsletter ed eventuali eventi informativo culturali organizzati con l Ordine dei Commercialisti per informare e alfabetizzare gli iscritti in merito ai basilari rudimenti fiscali necessari allo svolgimento della professione. A richiesta del Presidente dei Commercialisti, il nostro Ordine ha delegato come proprio rappresentante per la Formazione il Dott. Alberto Scanni e la consulente fiscale Dott.ssa Eva Azzimonti per gli aspetti fiscali. Commemorazione del Dott. Roberto Anzalone Il 22 febbraio, giorno della nascita del Dott. Roberto Anzalone è stata apposta, all esterno della sala conferenze dell Ordine, la targa ricordo che il Consiglio aveva deliberato di dedicargli. Alla presenza dei familiari e di molti Colleghi, il Presidente dell Ordine, il Presidente onorario Dott. Ugo Garbarini e il Dott. Bruno Conti, per anni addetto stampa dell Ordine, hanno ricordato la figura del Collega Anzalone storico Presidente dell Ordine e dello Snami che ha molto combattuto per la difesa dei valori della professione ed ha sempre creduto nella necessità e nel dovere di difendere gli ideali della missione del medico. ENPAM Nel corso del 2014 è proseguita la puntuale azione dell Ordine di monitoraggio sulla attività gestionale del nostro ente previdenziale (ENPAM). O ltre alla consueta valutazione critica dei bilanci (consuntivo 2013 e di previsione 2015) il 2014 ha visto la nostra presa di posizione in merito alla riforma dello Statuto ENPAM. In questo, catalizzando sulle nostre posizioni anche una decina di altri Ordini, abbiamo formulato al CdA ENPAM la nostra proposta che prevedeva una drastica riduzione dei componenti sia del CdA che del Consiglio Nazionale con contemporanea riduzione dei compensi degli stessi e l inserimento in CdA di figure non mediche esperte dei vari settori di investimento. Si è proposta anche una modifica dell articolo 8 che riguarda le modalità di investimento del patrimonio, prevedendone una restrizione così da impedire investimenti speculativi non idonei ad un Ente previdenziale. Il 2014 è stato anche caratterizzato dalla nostra richiesta avanzata a COVIP per conoscere i risultati delle verifiche effettuate dall ente di controllo nei confronti dell ENPAM e, a fronte del diniego da parte di COVIP a fornirci tali dati, dal ricorso al TAR contro COVIP che, purtroppo, ha avuto esito negativo. In data 24 maggio si è tenuto un Convegno dal titolo Nuovo Statuto Enpam la parola agli iscritti cui hanno partecipato il Presidente Oliveti e Funzionari dell ENPAM

6 Codice di Deontologia Medica Numerosi sono stati gli incontri organizzati dall Ordine con esperti della materia riuniti in apposite Commissioni, numerosi sono stati i Consigli straordinari indetti per affrontare una problematica che, comunque, non aveva motivo di essere: l abrogazione del vecchio Codice di Deontologia Medica nonché l approvazione di una nuova versione dello stesso. Dopo lungo dissertare, dopo accorate comunicazioni inviate al Presidente Bianco ed a tutti i Presidenti di Ordine perché si fermassero a meditare sulla pericolosità di quanto stavano apprestandosi ad approvare, il Consiglio dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano riteneva non poter recepire né il nuovo Codice di Deontologia Medica, né la stesura del nuovo Giuramento d Ippocrate. Deliberava, anzi, di adire le Autorità competenti (T.A.R. Lazio) per veder considerata illegittima la disposizione finale del nuovo Codice di Deontologia Medica nel testo approvato e ratificato come comunicato, nonché il nuovo giuramento professionale e tutti gli atti presupposti, connessi e conseguenti siccome lesivi del proprio potere-dovere istituzionale. Articolo Corriere della Sera Medico di Famiglia scegliere con cura Sul Corriere della Sera del 15 febbraio 2014, nella rubrica Uso e consumo a firma Alessandro Luongo, è comparso un articolo nel quale si facevano rilevare le difficoltà nella ricerca di un nuovo medico di medicina generale, venivano citati i nominativi di alcuni sanitari che risultavano irreperibili, e al contempo, si evidenziava quanto fosse più facile e agevole reperire un sanitario esercitante la medicina di gruppo. L Ente ha provveduto immediatamente ad inviare una lettera di protesta al direttore del Corriere nella quale si precisava di ritenere non ammissibile la pagella dei buoni e dei cattivi redatta senza neppure sentire gli interessati e se ne richiedeva la pubblicazione a tutela della dignità e del decoro degli iscritti. La lettera è stata pubblicata sul Corriere di mercoledì 19 febbraio. Rinnovo tecnologico dei sistemi Server E stato deciso di abbandonare l opzione cloud-based poiché dal punto di vista tecnico-legale non vi erano sufficienti garanzie, né casi studio a cui riferirsi, relativamente al trattamento di dati sensibili in un contesto analogo a quello dell Ente. Il capitolato e i preventivi di spesa sono stati approvati dal Consiglio e il nuovo server è entrato in funzione nel mese di luglio. Il nuovo server offre performance superiori e una maggiore sicurezza ed efficienza con la conseguenza che gli applicativi quali Protocollo e Anagrafica, Posta elettronica e condivisione di file in rete hanno superato i problemi di lentezza che affliggevano il sistema specialmente nell ultimo anno. Il nuovo sistema di backup ha una incrementata capacità che potrà raggiungere 3 mesi di salvataggi contro le due settimane del sistema precedente. Implementazione piattaforma Newsletter Rivalutate le esigenze e preso atto dell inadeguatezza dell attuale piattaforma rispetto ai volumi di invio si è deciso di riconsiderare la proposta che una Ditta specializzata aveva presentato per trovare una soluzione rispondente alle esigenze di composizione e spedizione. Sono state richieste ad altri fornitori proposte tecnico/commerciali che comprendessero anche il servizio PEC per l invio massivo, ed è stato poi scelto dal mese di settembre l attuale fornitore che ha consentito una nuova impaginazione e ulteriori servizi di controllo dell invio delle Newsletter. Rinnovo tecnologico dei computer dei dipendenti I computer attualmente in uso sono decisamente obsoleti e, nonostante che le performance del nuovo server siano apprezzabili, possono alterare in negativo la percezione dell utente riguardo lo svolgimento delle quotidiane attività informatiche. Si è deciso di procedere

7 secondo un piano di adeguamento graduale - per gruppi - tenendo presente le esigenze correlate anche allo svolgimento delle operazioni elettorali. Abilitazione scientifica nazionale inserimento nell Albo Sono pervenute richieste da parte di iscritti di inserimento nell Albo dell acquisizione dell Abilitazione scientifica nazionale introdotta dall art. 16 della legge 30/12/2010 n. 240 quale nuova modalità di reclutamento del personale docente universitario. Tale modalità si basa sulla valutazione svolta da apposite Commissioni nazionali che attestano la qualificazione scientifica dei candidati attraverso la valutazione analitica dei titoli e delle pubblicazioni scientifiche, previa sintetica descrizione del contributo individuale alle attività di ricerca e sviluppo svolte dai candidati stessi. E stato richiesto parere alla FNOMCeO che ha precisato che, come previsto dall art. 16 ultimo comma della legge 240/2010, il conseguimento dell abilitazione scientifica nazionale non costituisce titolo di idoneità né dà alcun diritto relativamente al reclutamento in ruolo o alla promozione presso università al di fuori delle procedure previste dall art. 18. La Federazione ha specificato che pur non costituendo titolo di docenza tale abilitazione che ha durata quadriennale su richiesta dell interessato, potrà essere inserita nell Albo e nel certificato di iscrizione e sarà cura dell Ordine verificare la scadenza della stessa. La Federazione ha altresì comunicato di aver richiesto al MIUR informazioni sul valore legale dell abilitazione scientifica nazionale e specificato che ai fini dell inserimento nel flusso informatico FNOMCeO ENPAM saranno necessari ulteriori approfondimenti che ci verranno tempestivamente comunicati. Richiesta dell Università Vita-Salute San Raffaele Commissione Esami di Stato Il Rettore dell Università San Raffaele ha richiesto di indicare i componenti effettivi e supplenti della Commissione per gli Esami di Stato di abilitazione all esercizio della professione di Medico Chirurgo per l anno Sono stati confermati i nominativi già indicati nel 2013 e precisamente: Titolari: Dott.ri Costanzo GALA e Pietro MARINO Supplente: Dott.ssa Paola MOTTA. Richiesta dell Università degli Studi di Milano Commissione Paritetica attività didattiche Il Prof. Antonio CARRASSI Presidente del Comitato di Direzione provvisorio della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università degli Studi di Milano ha richiesto la riformulazione della composizione della Commissione Paritetica per lo svolgimento di attività didattiche integrative degli studenti del Corso di Laurea Magistrale della Facoltà di Medicina e Chirurgia. La Commissione nominata è la seguente: Titolari: Dott.ri Virginio BOSISIO, Farncesco CARELLI, Maria Grazia MANFREDI e Ugo TAMBORINI Supplenti: Dott.ri Rita CAMBIERI e Angelo IMPIDUGLIA. Richiesta dell Università degli Studi di Milano Commissione Esami di Stato il Consiglio ha nominato i componenti di designazione ordinistica nella Commissione Paritetica Università degli Studi/Ordine dei Medici per gli Esami di Stato di abilitazione all esercizio della professione di Medico Chirurgo per l anno 2014 e precisamente: Titolari: Dott.ri Luciana Maria BOVONE, Giovanni CAMPOLONGO, Maria Grazia MANFREDI, Roberto Carlo ROSSI, Maria Teresa ZOCCHI e Sergio CALATI Supplenti: Dott.ri Ezio MASTROPASQUA e Martino TRAPANI. Prestazioni di Medicina Legale eseguite da non iscritti all Albo

8 A seguito di quesiti giunti dagli iscritti è stato richiesto parere al consulente legale sulla legittimità di prestazioni di medicina legale eseguite da non iscritti all Albo. Il legale ha fornito un articolato parere con il quale, richiamando e trascrivendo norme di legge, dimostra come le prestazioni professionali di medicina legale possono essere espletate legittimamente solo da un laureato in medicina e chirurgia che abbia superato il relativo esame di Stato e sia regolarmente iscritto all Albo dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Chi violasse la normativa (art. 100 TULLS), può essere chiamato a risponderne ex art c.c. da chi da tale fatto ha subito danno e denunziato alla competente autorità giurisdizionale per violazione dell art. 348 c.p. e l Ordine potrebbe, in quel caso, costituirsi parte civile. Il parere è stato fatto proprio dal Consiglio e pubblicato sul sito ed inviato agli iscritti tramite Newsletter. Costituzione Parte Civile La Procura della Repubblica di Milano ha inviato un Decreto di citazione a giudizio emesso nei confronti di un odontotecnico e di una assistente alla poltrona per esercizio abusivo della professione di odontoiatra e di tecnico di radiologia. Nel decreto l Ordine viene citato quale parte offesa e quindi il Consiglio ha deliberato la costituzione in giudizio per richiedere il risarcimento dei danni. Medicina ad indirizzo estetico in ambito medico e in ambito odontoiatrico Il Consiglio ha analizzato e condiviso il lavoro fatto dalla Commissione per la Medicina ad indirizzo Estetico al fine di determinare all interno del Registro per la Medicina Estetica una chiara e precisa distinzione tra ambito medico ed ambito odontoiatrico allo scopo di evitare sovrapposizioni di ruoli tra medici ed odontoiatri. Il Consiglio ha quindi deliberato l istituzione di due distinti registri denominandoli uno Medicina ad indirizzo estetico ambito medico e l altro Medicina ad indirizzo estetico ambito odontoiatrico fissando i relativi requisiti pubblicizzati tramite il sito Internet ed il Bollettino dell Ordine, a partire da Luglio 2014, affinché tutti gli iscritti interessati possano inviare le relative domande di iscrizione Solleciti alla Procura della Repubblica per notizie penalmente rilevanti relative agli iscritti Purtroppo sempre più spesso l Ordine apprende da fonti di stampa notizie relative ai gravissimi comportamenti di medici chirurghi e/o odontoiatri che hanno portato all assunzione di provvedimenti cautelari ai quali dovrebbe conseguire l adozione di provvedimenti ordinistici che, senza una comunicazione della Magistratura non possono essere intrapresi. La mancanza di tali comunicazioni può avere come conseguenza anche la prescrizione dell azione disciplinare che avviene dopo cinque anni dalla data di definitività della sentenza. E stato richiesto un incontro istituzionale al Procuratore della Repubblica per discutere e risolvere queste criticità per un migliore espletamento delle reciproche funzioni istituzionali. Le stesse preoccupazioni sono state espresse in una nota inviata al Presidente del Tribunale di Milano, al Presidente della Corte di Appello e al Procuratore Generale presso la Corte di Appello richiedendo una migliore collaborazione istituzionale nel superiore interesse pubblico. Proposizione Bando di mobilità Area B A seguito delle dimissioni per pensionamento di una dipendente è stato proposto un Bando di mobilità volontaria tra Enti per la ricerca di personale tecnico informatico specializzato nella gestione di dati e implementazione di programmi in modo da soddisfare le attuali e non più prorogabili esigenze degli uffici. Dopo aver valutato i candidati nei tempi e con le modalità previste dal Bando è stato individuato il soggetto idoneo provvisto anche di nulla osta al trasferimento per mobilità intercompartimentale che potrà essere inserito nei ruoli dell Ente nel gennaio 2015.

9 Stampa Manuale Per capirsi: domande e risposte nelle varie lingue Sono sempre più frequenti le richieste di assistenza sanitaria da parte di popolazioni immigrate nel nostro Paese. Spesso le difficoltà linguistiche impediscono la comprensione di problematiche e sintomi dei pazienti che afferiscono agli ambulatori medici. Si è quindi sostenuta l iniziativa del Responsabile dell ECM che, dopo sollecitazioni pervenute anche da iscritti intervenuti a Convegni dell Ordine, che ha proposto la ristampa di un piccolo manuale, di facile e veloce utilizzo, che consente al medico di mostrare al paziente il quesito sanitario scritto nella lingua di origine. Il manuale è uno strumento di immediato utilizzo che consente al medico di mostrare al paziente il quesito scritto nella lingua di origine. Il tutto per formulare una corretta diagnosi e offrire un servizio esaustivo. Questa iniziativa potrà sicuramente aiutare concretamente i Colleghi nei rapporti con pazienti immigrati. Regione Lombardia Libro Bianco sullo sviluppo del Sistema Socio Sanitario in Lombardia Il contenuto del Libro Bianco è stato criticamente analizzato e sull argomento si sono confrontati i membri delle Commissioni Aspetti Deontologici della Professione, Rapporti Istituzionali e Tutela della Professione Medica e le peculiarità e criticità derivanti dalla sua applicazione sono state più volte dibattute in sede di Consiglio direttivo. Il Presidente, dopo confronto con il Consiglio, ha espresso considerazioni sull argomento che sono state riprese dagli organi di stampa e, le obiezioni e riflessioni del Consiglio sono state perfezionate in un parere inviato all Assessore alla Sanità Mario Mantovani, all Assessore al Welfare Cristina Cantù, al Direttore Generale della salute Walter Bergamaschi e al DG alla Famiglia Giovanni Daverio. Registro Unico delle Fatture Il DL 24 aprile 2014 n. 66 (convertito in legge il 18/6/2014) prevede che a decorrere dal 1 luglio 2014 le pubbliche amministrazioni adottano il registro unico delle fatture nel quale queste vengono annotate entro 10 gg. dal ricevimento. Il registro delle fatture costituisce parte integrante del sistema informativo contabile in modo da sistematizzare i diversi adempimenti. Gli uffici dell Ente, a partire dal 1 luglio hanno provveduto a predisporre il registro secondo lo schema previsto nel D.L. in modo da poterlo poi integrare con il nuovo programma di amministrazione e contabilità che verrà implementato nel prossimo anno. Pagamento provvisionale sentenza I Corte d Assise n. 16/2014 (Processo Santa Rita) Il Consulente legale dell Ente Avv. Enrico Pennasilico ha comunicato che l Istituto Clinico Città Studi ha provveduto al pagamento della provvisionale disposta in favore dell OMCeO Milano di ,00. Il Legale auspica di poter ottenere, entro quest anno o nei primi mesi del prossimo, da ICCS anche gli importi di cui al primo processo S. Rita ormai definito con sentenza passata in giudicato. Gli importi verranno destinati alla predisposizione di convegni e corsi di aggiornamento in ambito deontologico e della Scuola di Deontologia. Ciò potrà consentire la liberazione di tutti gli altri capitoli di spesa già destinati a tali scopi con una nuova possibile destinazione degli stessi. Elezioni rinnovo Organi istituzionali triennio Il 31 dicembre 2014 è l data di scadenza del mandato degli Organi Istituzionali e pertanto, entro tale data, gli stessi dovevano essere rinnovati per consentire il regolare funzionamento dell Ente. Le votazioni per legge, devono aver luogo in tre giorni consecutivi, dei quali uno festivo. E stata inviata una prima convocazione a tutti gli iscritti per il luglio ma non è stato raggiunto il quorum previsto di un terzo degli aventi diritto. Si è proceduto quindi

10 alla convocazione della seconda tornata elettorale per i giorni novembre dalle ore 9.00 alle ore Al termine delle tre giornate avevano votato: n iscritti per il rinnovo del Consiglio Direttivo; n. 846 iscritti per il rinnovo della Commissione Odontoiatri e n iscritti per il rinnovo del Collegio dei Revisori dei Conti. Emergenza profughi siriani La stampa quotidiana, nelle pagine dedicate alla cronaca di Milano, ha dato risalto all emergenza dei profughi Siriani che trovano rifugio anche e per lo più all interno della Stazione Centrale di Milano. Le scarse condizioni igieniche e sanitarie, il manifesto stato di degrado e di abbandono in cui i profughi (tra cui anziani, donne e bambini) sono lasciati nonché la palese incapacità delle Istituzioni nel gestire la situazione hanno preoccupato il Consiglio che, in rappresentanza dei Medici di Milano, ha stigmatizzato la chiusura ormai risalente nel tempo dell unico Ambulatorio aperto all interno della Stazione Centrale. Il Consiglio, in modo fattivo, ha inteso affiancare Terre des hommes e il Dott. Faustino Boioli, Presidente del Medici Volontari Italiani impegnato in prima persona nell affrontare questa emergenza dando risalto mediatico (tramite pubblicazione sul Sito istituzionale e Newsletter) alle gravi condizioni di disagio in cui versa il popolo Siriano ricoverato in Stazione Centrale ed aprendo una sorta di Sportello Virtuale per il Volontariato capace di raccogliere (ed eventualmente trasmetterli al Prof. Boioli) i nominativi dei Colleghi che si offriranno per portare assistenza sanitaria. Problematica afferente la pensione anticipata per motivi fisici e l esercizio della professione medica Prendendo spunto da una comunicazione mail inoltrata all Ente da un iscritto che, prepensionato ENPAM per motivi fisici, si rammaricava del fatto che gli fosse inibito l esercizio della professione medica, il Consiglio ha preso in esame la problematica per dare risposta a quei professionisti che, per cause non a loro imputabili, si trovano in simili condizioni. Si è costituita una Commissione ad hoc volta ad approfondire la materia e che possa predisporre un documento, da sottoporre poi alle parti interessate della problematica, con propositive alternative alle modalità attuali. Fanno parte di detta Commissione i Dottori Giuseppe Bonfiglio, Arnaldo Migliorini, Luigi Di Caprio, Ugo Giovanni Tamborini e Giacinto Valerio Brucoli. Espletamento di attività medico-legali da parte di professionisti iscritti all Albo dei Periti (Delibera n.) Il Consiglio è stato interessato da alcuni iscritti in merito alla condizione assolutamente indecorosa in cui i Colleghi, iscritti all Albo dei Periti, si trovano costretti ad operare in quanto, a fronte di incarichi ricevuti dall Autorità giudiziaria - per dettato normativo difficilmente rinunciabili - vi è un blocco nei pagamenti dei compensi, risalente almeno a 18 mesi e questo nonostante la manifesta esiguità degli onorari cui i Giudici fanno riferimento. Oltre all evidente indecorosità in cui il Medico si trova ad operare, si prospetta anche un possibile pericolo in capo alla comunità, che rischia di vedere impegnati in attività delicate e complesse Medici Chirurghi con poca o nessuna esperienza nel settore richiesto. Il Consiglio ha incaricato il Consigliere Migliorini per la redazione di un documento da inviare alle Autorità competenti ed agli organi di informazione per esporre la problematica e chiedere un intervento decisivo che dia il giusto riconoscimento e decoro alla professione Medica. Sanzione Antitrust nei confronti della Federazione L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha elevato una sanzione pecuniaria di ,00= nei confronti della FNOMCeO per aver posto in essere un intesa restrittiva della concorrenza mediante l adozione e diffusione del Codice di Deontologia Medica 2006 e

11 delle Linee Guida. Alla luce di tale provvedimento e considerato il mancato recepimento da parte dell Ordine di Milano del nuovo Codice Deontologico, il Consiglio ha interessato della problematica il Consulente Legale dell Ordine per esprimere un parere, suggerendo le linee comportamentali che l Ente potrebbe se condivise seguire, circa l applicabilità o meno dell art. 56 del Codice di Deontologia Medica del 2006 negli accertamenti in campo pubblicitario che spesso l Ordine è chiamato a svolgere. Il Parere fornito dal Consulente Legale è stato fatto proprio dal Consiglio del 27 novembre e la delibera assunta è stata portata a conoscenza degli iscritti tramite pubblicazione sul Bollettino e Newletter con una prefazione del Consigliere Segretario.

12 QUALCHE NUMERO SU ATTIVITA SVOLTE ANNO 2014 Iscrizioni Albo Medici n. 461 (tra cui n.14 cittadini comunitari e n. 18 extracomunitari e n. 1 per accordi reciprocità) Iscrizioni Albo Odontoiatri n. 62 (tra cui 4 di cittadini comunitari e n. 2 cittadini extracomunitari e n. 1 per accordi di reciprocità) ; Cancellazioni Albo Medici n. 279 di cui n. 95 per decesso n. 74 trasferimento ad altro Ordine provinciale n. 19 trasferimento residenza all estero n. 75 rinunce all iscrizione n. 15 morosità e irreperibilità n. 1 per radiazione dall Albo Cancellazioni Albo Odontoiatri n. 42 di cui n. 3 per decesso n.8 trasferimento ad altro Ordine provinciale n. 4 trasferimento residenza all estero n. 23 rinunce all iscrizione n. 4 morosità e irreperibilità Iscrizioni Elenco Psicoterapeuti n. 21 Conferme di laurea richieste n. 391 Casellario giudiziale e cronologico n. 810 Riunioni per Giuramento nuovi iscritti n. 13 (hanno prestato giuramento n. 388 Medici Chirurghi e n. 44 Odontoiatri) Dati protocollo in entrata n Dati protocollo in uscita n pervenute n inviate n PEC pervenute n (inclusi messaggi accettazione) PEC inviate n Comunicazioni Cambi indirizzo n. 911 Tesserini di iscrizione emessi (compresi i duplicati) n. 655 Certificati di iscrizione emessi (compresi attestati onorabilità professionale) n Certificati per uso adozione n. 72 Certificati on line richiesti tramite sito web n Attestati vari Dichiarazioni di specialità conseguite n. 306 Pass auto e vetrofanie rilasciati n Domande iscrizione STP n. 1 Riunioni di Consiglio n. 15 Riunioni di Commissione Medica n. 11 Riunioni Commissione Odontoiatri n. 23 (oltre n. 42 riunioni del mercoledì in cui i componenti la Commissione sono a disposizione dei Colleghi o del pubblico e all esame della documentazione assegnata) Riunione Collegio dei revisori dei Conti n. 7 Riunioni Commissioni ordinistiche n. 15

13 . Accessi del Presidente in sede n. 217 Appuntamenti fissati con il Presidente n. 87. Presenze del Presidente a Convegni, Congressi, Riunioni istituzionali n. 60 Documentazione protocollata ed assegnata all'ufficio del Presidente n convocazioni ex art. 39 n. 22 Accessi del Presidente CAO in sede n. 147 Documentazione protocollata ed assegnata all'ufficio del Presidente e alla Commissione Odontoiatri n. 402 (n. 162 esposti ) convocazioni ex art. 39 n. 45 Accessi del Vice Presidente in sede n. 120 Presenze del Vice Presidente a convegni e Congressi n. 29 Documentazione protocollata ed assegnata all'ufficio del Vice Presidente n. 232 (n.14 convocazioni ex art n. 116 colleghi ricevuti per consulenza ospedaliera - n. 56 consulenze telefoniche) Accessi del Consigliere Segretario in sede n. 75 Presenze del Consigliere Segretario a Convegni e riunioni in Regione Lombardia n. 15 Documentazione protocollata ed assegnata all'ufficio del Consigliere Segretario n. 298 (n.36 convocazioni a seguito di esposto) Accessi Consigliere Medicina Generale in sede n. 92 Documentazione protocollata ed assegnata all'ufficio del Consigliere Medicina Generale n. 237 (n. 70 convocazioni) Accessi del Tesoriere in sede n. 200 Procedimenti disciplinari celebrati Albo Medici : n. 22 Ricorsi presentati dai medici alla CCEPSS al termine del procedimento n. 5 Procedimenti disciplinari celebrati Albo Odontoiatri n. 18 Ricorsi presentati dagli odontoiatri alla CCEPSS al termine del procedimento n. 3 Controdeduzioni a ricorsi CCEPS n. 17 Costituzione in giudizio Corte di Cassazione n. 4 Medici convocati a seguito di esposti pervenuti n. 119 di cui n. 36 ex art. 39 Odontoiatri convocati ex art. a seguito di esposti. n. Patrocini concessi dal Consiglio per Corsi o Manifestazioni n. 75 Il Presidente o un Consigliere dell Ordine è sempre presente all inaugurazione dei Convegni patrocinati dall Ordine. Convegni residenziali ECM n. 38 per n. 366 crediti assegnati e un totale di n partecipanti

14 ENPAM Domande di pensione presentate e/o sussidi e/ o invalidità n. 201 Risposte a richieste informazioni protocollate in uscita n. 392 Casi esaminati dalla Commissione Invalidità n. 37 Area giuridica amministrativa Documentazione protocollata ed evasa n. 600 comprese riguardanti vari quesiti: Accesso agli atti amministrativi, Direzione Sanitaria, PEC, Problematiche generali inerenti la professione, procedimenti disciplinari. L area giuridica assiste la Commissione Medica in ogni fase del procedimento disciplinare. Pubblicità Sanitaria Documentazione protocollata ed evasa n. 180 di cui n. 46 richieste di pareri preventivi - n. 35 esposti - Aperture siti web n. 28 Convocazioni a seguito esposto n. 13 Presenze Consigliere Segretario per consulenze in materia di pubblicità sanitaria ai Colleghi n. 61 Iscrizione Registri Medicine non convenzionali Omotossicologia n. 6 ; Omeopatia n. 4 ; Agopuntura n.16 ; Fitoterapia 2 ; Omotossicologia n. 6 Consulenti esterni: appuntamenti fissati dal centralino dell Ordine Legale: n. 158 (oltre alle consulenze telefoniche) Fiscale: n. 212 (oltre alle consulenze telefoniche) Continuità assistenziale n. 23; Sportello giovani Medici n. 69; Sportello per il cittadino n. 65

15 Contabilità gestione quote iscritti Quote iscritte a Mav n , n. 19 pagate in sede, n. 774 altre modalità di pagamento Solleciti inviati a seguito di controllo pagamenti non effettuati: luglio 2014 per annualità 2013/14 n Posizioni di morosità risultanti per la quota 2012 n. 22 Posizioni di morosità risultanti per la quota 2013 n. 110 Posizioni di morosità risultanti per la quota 2014 n. 698 Sgravi quote n. 89 Visti equità rilasciati n. 45 di cui n. 11 dalla Commissione Medica e n. 34 dalla Commissione Odontoiatri

Compiti istituzionali dell'ordine:

Compiti istituzionali dell'ordine: ORDINE PROVINCIALE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI MASSA CARRARA CARTA DEI SERVIZI Cos è l Ordine dei Farmacisti e cosa fa L Ordine, a differenza delle altre organizzazioni fra farmacisti, è un Ente

Dettagli

PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI. Articolo 1 L Associazione

PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI. Articolo 1 L Associazione PEDAGOGSITI ED EDUCATORI ITALIANI ASSOCIATI Articolo 1 L Associazione E costituita l Associazione Professionale di Categoria, denominata Pedagogisti ed Educatori Italiani Associati (P.ED.I.AS.), di seguito

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA

CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA CARTA DEI SERVIZI DELL'ORDINE DEI FARMACISTI DI VENEZIA L Ordine dei farmacisti è un Ente pubblico non economico ausiliario dello Stato, sotto la vigilanza di alcuni Ministeri. Rappresenta tutti i farmacisti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato specialista, a norma dell articolo 9 della legge 31

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione

Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione 4 modulo Modelli organizzativi e governance dei fondi pensione Riferimento bibliografico: appendice del libro; Slide con la collaborazione di Stefano Castriglianò Ellegi consulenza Fondi pensione negoziali:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

Regolamento della Consulta del Volontariato

Regolamento della Consulta del Volontariato Comune di Fucecchio Regolamenti Regolamento della Consulta del Volontariato Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.36 del 12 maggio 2010 Art. 1 Obiettivi...1 Art. 2 - Funzioni...2 Art. 3 - Competenze

Dettagli

Federazione Sindacale Italiana Osteopati

Federazione Sindacale Italiana Osteopati Fe.S.I.Os. FEDERAZIONE SINDACALE ITALIANA OSTEOPATI Associazione no profit STATUTO ART.1- DENOMINAZIONE È costituita una Associazione denominata Federazione Sindacale - con la sigla Fe.S.I.Os.. Essa è

Dettagli

utilizzando esclusivamente una delle modalità di seguito specificate: mediante consegna diretta all Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri

utilizzando esclusivamente una delle modalità di seguito specificate: mediante consegna diretta all Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri PROVVEDIMENTO DEL 25 MARZO 2015 AVVISO DI MOBILITÀ AI SENSI DELL ART. 30 DEL D.LGS. 30/03/2001 N. 165 PER LA COPERTURA DI 1 POSTO A TEMPO PIENO E INDETERMINATO CON QUALIFICA DI DIRIGENTE DI PRIMA FASCIA

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

ORDINE DEI FARMACISTI DELLE PROVINCE DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA

ORDINE DEI FARMACISTI DELLE PROVINCE DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA ORDINE DEI FARMACISTI DELLE PROVINCE DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA Viale Piceno, 18-20129 Milano - Telefono 02/70102396 - Fax 02/76110653 http://www.ordinefarmacistimilano.it - E-Mail : info@ordinefarmacistimilano.it

Dettagli

Proposte per il Consiglio dell Ordine dei. Genova triennio 2015-2017

Proposte per il Consiglio dell Ordine dei. Genova triennio 2015-2017 Proposte per il Consiglio dell Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Genova triennio 2015-2017 a cura della Commissione Giovani Medici e Odontoiatri Premessa La Commissione Giovani Medici e Odontoiatri

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Costituzione e denominazione dell Associazione art. 1 E costituita una Associazione scientifico-culturale

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 02564/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 02564/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 02564/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento per il conferimento di Borse e Premi di studio nel campo della formazione con esclusione dei progetti comunitari o di internazionalizzazione Senato Accademico

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA ASSOCIAZIONE DELTA CHIAMA DELTA STATUTO Art. 1 Origine e sede Su iniziativa del Parco Regionale del Delta del Po Emilia Romagna, con la collaborazione della

Dettagli

$662&,$=,21(()$ (WLFD)LQDQ]DH$PELHQWH 67$7872

$662&,$=,21(()$ (WLFD)LQDQ]DH$PELHQWH 67$7872 $662&,$=,21(()$ (WLFD)LQDQ]DH$PELHQWH 67$7872 Costituzione e sede I signori comparenti convengono di costituire tra loro un associazione culturale di volontariato ONLUS sotto la denominazione E.F.A. (Etica,

Dettagli

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Napoli

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Napoli CARTA DEI SERVIZI Deliberata dal Consiglio deli Ordine nella seduta del 21 Maggio 2012 La Carta è lo strumento fondamentale con il quale si attua il principio di trasparenza ed è un documento che ogni

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1807/2015 ADOTTATA IN DATA 26/11/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1807/2015 ADOTTATA IN DATA 26/11/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1807/2015 ADOTTATA IN DATA 26/11/2015 OGGETTO: Rinnovo della convenzione con l Università degli studi di Milano - Bicocca per l utilizzo di strutture extrauniversitarie a favore della

Dettagli

STATUTO. Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica

STATUTO. Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica STATUTO Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica ARTICOLO 1 Costituzione E costituita l Associazione denominata Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica

Dettagli

STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE. Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.).

STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE. Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.). STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.). Art. 2 Sede L Associazione ha sede legale, segreteria organizzativa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI - AREA DIDATTICA - Bando per l ammissione al corso di laurea in SCIENZE DELL EDUCAZIONE (Classe L19)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI - AREA DIDATTICA - Bando per l ammissione al corso di laurea in SCIENZE DELL EDUCAZIONE (Classe L19) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI - AREA DIDATTICA - Bando per l ammissione al corso di laurea in SCIENZE DELL EDUCAZIONE (Classe L19) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 (All.1 D.R. n. 1828/2015) Art.1 (Disposizioni

Dettagli

BANDO A TEMA RICERCA DI BASE 2008 (Anno del centenario)

BANDO A TEMA RICERCA DI BASE 2008 (Anno del centenario) BANDO A TEMA RICERCA DI BASE 2008 (Anno del centenario) La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, nell ambito della propria attività istituzionale relativa al 2008, promuove un Bando a tema per il finanziamento

Dettagli

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma

Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma Consulenti del Lavoro Consiglio Nazionale dell Ordine Via Cristoforo Colombo, 456 00145 Roma Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria del Consulente del Lavoro per L Esercizio In Qualità Della

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO CNF DEL 13/7/2007 Articolo 1. Definizioni Nell ambito del presente atto: 1) per Regolamento

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in Giurisprudenza che intenda

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

Il Direttore Generale

Il Direttore Generale Il Direttore Generale Procedure conferimento incarico La nomina del Direttore Generale, ai sensi dell art. 1 D.L. 27 agosto 1994, n. 512 ss.mm.ii., avviene previo esperimento di pubblica selezione disposta

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE RELAZIONE SEMESTRALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2014-2016 PER LA TRASPARENZA

Dettagli

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE NEXTO Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10 Codice fiscale n. 97798460016 * * * * * * * * * * * * * * * * STATUTO DELL ASSOCIAZIONE come modificato dall Assemblea Straordinaria dei

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA 1 STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 La Federconsumatori di Pavia ha sede a Pavia in via G.Cavallini 9 Art. 2 La Federconsumatori di Pavia è una Associazione senza fini

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LATINA

ORDINE DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LATINA ORDINE DEI MEDICI-CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LATINA ADUNANZA N. 04/2008 DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 28/05/2008 DELIBERAZIONE N. 04/071 CRITERI E MODALITÀ PER L'INSERIMENTO DEI MEDICI

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari Statuto Approvato con Decreto AFAM n. 273 del 6 settembre 2004. TITOLO I - Principi generali Art. 1 - Definizioni e riferimenti 1. In attuazione dell art. 33 della Costituzione, vista la legge 21 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli

AZZURRA Associazione Malattie Rare O.N.L.U.S. ART. 1

AZZURRA Associazione Malattie Rare O.N.L.U.S. ART. 1 Esente da imposta di bollo e di registro ai sensi dell art. 8, c. 1 della L. 266/91 S T A T U T O AZZURRA Associazione Malattie Rare O.N.L.U.S. ART. 1 Denominazione - Sede Col nome di AZZURRA Associazione

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

AIFM Associazione Italiana di Fisica Medica REGOLAMENTO ASSOCIATIVO GENERALE (ai sensi dell art. 21 dello Statuto dell Associazione)

AIFM Associazione Italiana di Fisica Medica REGOLAMENTO ASSOCIATIVO GENERALE (ai sensi dell art. 21 dello Statuto dell Associazione) AIFM Associazione Italiana di Fisica Medica REGOLAMENTO ASSOCIATIVO GENERALE (ai sensi dell art. 21 dello Statuto dell Associazione) Commissioni Il Consiglio Direttivo provvede a costituire Commissioni

Dettagli

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna Università degli Studi di Cagliari Università degli Studi di Sassari STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE 1. Il Consorzio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n.44; VALUTATA l opportunità

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE

STATUTO DELLA FONDAZIONE STATUTO DELLA FONDAZIONE Art. 1 Scopi Tra i costituiti, che si sono proposti di dare un impulso vivo e concreto allo sviluppo dell Europa e dell unità politica europea, attraverso progetti di studio, di

Dettagli

Volontarinsieme-CSV Treviso Regolamento

Volontarinsieme-CSV Treviso Regolamento Volontarinsieme-CSV Treviso Regolamento TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 (Soci) Ciascun membro di Volontarinsieme-CSV Treviso che ha diritto al voto può rappresentare per delega in Assemblea al massimo

Dettagli

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale Regione Umbria - Consiglio Regionale XXIII Sessione Straordinaria Deliberazione n. 94 del 10 ottobre 2006 Legge Regionale Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli

ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE SEDE DI TRENTO DELLA PROVINCIA DI TRENTO

ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE SEDE DI TRENTO DELLA PROVINCIA DI TRENTO ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI TRENTO ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE SEDE DI TRENTO 8 LUGLIO 2011 PROTOCOLLO I.N.P.S. - ORDINE CONSULENTI DEL LAVORO DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

STATUTO. Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia. Art. 4) La fondazione si propone di promuovere studi ed analisi sui temi

STATUTO. Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia. Art. 4) La fondazione si propone di promuovere studi ed analisi sui temi STATUTO Art. 1) E costituita una fondazione denominata Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia Art. 2) La fondazione ha sede in Palermo, in Via Messina n. 15 Art. 3) La fondazione ha durata illimitata.

Dettagli

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A C O N S I G L I O G I U D I Z I A R I O REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11

Dettagli

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA

L anno il giorno.del mese di nella sede della Giunta Regionale della Campania TRA Protocollo di Intesa tra l'università degli Studi di Napoli "Federico II" e la Regione Campania per la formazione di laureandi dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie L anno il giorno.del mese

Dettagli

STATUTO della SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA

STATUTO della SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA STATUTO della SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA Art. 1 La SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA costituitasi in Milano nell anno 1953 è una Associazione scientifica. Art. 2 Scopi dell Associazione La Società

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

Tra. VISTO l art. 3 della Costituzione italiana in materia di uguaglianza e pari dignità fra tutti i cittadini;

Tra. VISTO l art. 3 della Costituzione italiana in materia di uguaglianza e pari dignità fra tutti i cittadini; PROTOCOLLO D INTESA TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA E L ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA (A.I.D.) per attività di promozione e sviluppo di studi e ricerche sui Disturbi Specifici d Apprendimento

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

DIRETTORE CENTRALE DELLE RISORSE ECONOMICHE E DEGLI AFFARI AMMINISTRATIVI Numero Tel. Ufficio 2688 Numero Fax Ufficio 3007 E-mail istituzionale

DIRETTORE CENTRALE DELLE RISORSE ECONOMICHE E DEGLI AFFARI AMMINISTRATIVI Numero Tel. Ufficio 2688 Numero Fax Ufficio 3007 E-mail istituzionale CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome MARTOCCIA ROSA MARIA Anno di nascita 1959 Qualifica DIRIGENTE I FASCIA Incarico attuale DIRETTORE CENTRALE DELLE RISORSE ECONOMICHE E DEGLI AFFARI

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del CONVENZIONE TRA L INAIL E L INPS PER L EROGAZIONE DELLA INDENNITA PER INABILITA TEMPORANEA ASSOLUTA DA INFORTUNIO SUL LAVORO, DA MALATTIA PROFESSIONALE E DA MALATTIA COMUNE NEI CASI DI DUBBIA COMPETENZA

Dettagli

CENTRO ANZIANI DI PORCIA

CENTRO ANZIANI DI PORCIA Centro anziani di Porcia Associazione di volontariato O.N.L.U.S Iscritto al n 930 del Registro del Volontariato F.V.G Decreto iscrizione n. 1574 del 23.04.2015 Via delle Risorgive, 3-33080 Porcia (PN)

Dettagli

STATUTO ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

STATUTO ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 STATUTO ARTICOLO 1 E costituita l associazione denominata: "CONSIGLIO ITALIANO PER I RIFUGIATI ONLUS". Il "C.I.R. ONLUS" identifica a tutti gli effetti l Associazione. L Associazione (di seguito nominata

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE INDICE GENERALE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Istituzione dell Albo Pretorio on-line Art. 3 - Finalità della pubblicazione

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Provvedimento d'urgenza n. 24/2015 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT - vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, ed in particolare

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Curriculum Vitae. Studio: Roma, 00195, Via Oslavia, 28 Tel. 06.3724418, 06.37512249, Fax 06.3700307 e-mail alessandro.morani@studiomorani.

Curriculum Vitae. Studio: Roma, 00195, Via Oslavia, 28 Tel. 06.3724418, 06.37512249, Fax 06.3700307 e-mail alessandro.morani@studiomorani. Curriculum Vitae Nome e Cognome: Alessandro Morani Luogo e data di nascita: Roma, 25 ottobre 1965 Stato civile: coniugato Professione: Dottore Commercialista Studio: Roma, 00195, Via Oslavia, 28 Tel. 06.3724418,

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010)

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) emanato con D.R. n. 192 del 27 febbraio 2014 INDICE Art. 1 Istituzione 2 Pag. Art. 2 Attribuzioni 2

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma Azienda con ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione COMITATO ETICO STATUTO COMITATO ETICO AZIENDA

Dettagli

STATUTO di ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA

STATUTO di ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA STATUTO di ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA ART. 1 Denominazione e sede E' costituita, ai sensi degli articoli 36 e seguenti dei Codice Civile, l'associazione culturale e sociale denominata "Training Management

Dettagli

Regione Lombardia AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI COMO. Via Pessina, 6-22100 Como

Regione Lombardia AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI COMO. Via Pessina, 6-22100 Como Regione Lombardia AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI COMO Via Pessina, 6-22100 Como In attuazione della deliberazione del Direttore Generale n. del è indetto CONCORSO PUBBLICO, per titoli ed esami,

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

Statuto Aggiornato 07 maggio 2011

Statuto Aggiornato 07 maggio 2011 CENTRO NAZIONALE PER IL VOLONTARIATO Studi ricerche e collegamento fra le Associazioni Statuto Aggiornato 07 maggio 2011 Art. 1 - COSTITUZIONE E' costituita l'associazione denominata "Centro Nazionale

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE Simple Function Point Association

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE Simple Function Point Association STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE Simple Function Point Association Art. 1 Denominazione E costituita l Associazione denominata Simple Function Point Association, che potrà anche essere individuata con la denominazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009)

CARTA DEI SERVIZI. (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA STRUTTURA PER L INTEGRAZIONE DEGLI STUDENTI DISABILI CARTA DEI SERVIZI (Approvata dal Comitato di Ateneo nella sua riunione del 25.06.2009) Art.1 - Principi e finalità

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1984/2014 ADOTTATA IN DATA 18/12/2014 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1984/2014 ADOTTATA IN DATA 18/12/2014 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1984/2014 ADOTTATA IN DATA 18/12/2014 OGGETTO: Rinnovo della convenzione con l Università degli studi di Milano - Bicocca per l utilizzo di strutture extrauniversitarie a favore della

Dettagli

17 MARZO 2016 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI

17 MARZO 2016 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI 17 MARZO 2016 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI COLLEGIO IPASVI PIACENZA RELAZIONE MORALE DELLA PRESIDENTE ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI 2016 Buongiorno a tutti e benvenuti A nome del Consiglio Direttivo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano DR/2015/3387 del 02/10/2015 Firmatari: MANFREDI Gaetano REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TITOLO I ART.

Dettagli

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente)

L ENPAM. (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L ENPAM (materiale tratto dal sito istituzionale online dell ente) L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza medici è fondazione senza scopo di lucro e con personalità giuridica di diritto privato;

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento. Regolamento del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile

Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento. Regolamento del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento Regolamento del Gruppo comunale volontari di Protezione Civile Approvato con Delibera di Consiglio comunale n. 9 del 11 marzo 2011 INDICE Premessa

Dettagli

ISTRUZIONI PER UN CORRETTO USO DEI TITOLI ACCADEMICI E DI CARRIERA

ISTRUZIONI PER UN CORRETTO USO DEI TITOLI ACCADEMICI E DI CARRIERA ISTRUZIONI PER UN CORRETTO USO DEI TITOLI ACCADEMICI E DI CARRIERA 1. DEONTOLOGIA MEDICA 1.1. Informazione sanitaria Nella comunicazione in materia sanitaria è sempre necessaria la massima cautela al fine

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO Emanato con D.R. n. 11632 del 05/12/2005 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Donatori di sangue liceo A.Vallisneri ART. 1- l Associazione di volontariato donatori di sangue liceo A.Vallisneri più avanti chiamata per brevità associazione,

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA Criteri per il conferimento di incarichi individuali con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa ed il conferimento di incarichi

Dettagli

L anno, il giorno del mese di, nella sede della Giunta Regionale della Campania, TRA

L anno, il giorno del mese di, nella sede della Giunta Regionale della Campania, TRA Protocollo d intesa tra l Università degli Studi di Salerno e la Regione Campania per la disciplina delle modalità di reciproca collaborazione per la formazione specialistica di area sanitaria L anno,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione Sede - Durata E costituita l Associazione di volontariato denominata Unione Samaritana ONLUS, con sede in Milano piazza Ospedale Maggiore 3, presso l Azienda

Dettagli