I.S.I.S. Giulio Natta 5 C LST A.S. 2013/14 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.S.I.S. Giulio Natta 5 C LST A.S. 2013/14 1"

Transcript

1 A cura di: Balsamo Melissa 1

2 PREMESSA Ho scelto come argomento della mia tesina la mutagenesi ambientale, perché approfondendo i miei studi sulla biologia, ho ritenuto particolarmente interessante la scienza che indaga le conseguenze dell inquinamento ambientale sull uomo. Durante la mia ricerca ho constatato che l avidità di potere e di ricchezza delle persone ha superato qualsiasi limite, anche quello di arricchirsi a discapito della salute. Ho trovato molti dati allarmanti riguardo questo problema, per esempio, secondo le stime di Paolo Crosignani, epidemiologo dell Istituto dei tumori di Milano, nel capoluogo lombardo, dei circa 900 tumori al polmone all anno, più di 200 sono da attribuire alle polveri generate dal traffico e dai riscaldamenti. Il rapporto più allarmante è stato presentato l anno scorso dall Ufficio ambientale dell Organizzazione mondiale della sanità di Roma, che nelle 13 città più grandi d Italia circa 8 mila morti all anno sono causati dagli effetti cronici dell inquinamento atmosferico, di cui una parte non irrilevante viene giocata dai tumori ai polmoni (750 casi all anno), alle vie respiratorie e leucemie da benzene e linfomi. Proprio per questi elementi ho deciso di focalizzare parte delle mie indagini sulle conseguenze dell inquinamento ambientale sull uomo, tema non trattato adeguatamente dai mass media. Tramite la mia tesina voglio spiegare il concetto di mutagenesi ambientale, da quando è nata e di cosa si occupa; inoltre vorrei mettere in evidenza come i primi segnali di mutagenesi si siano sviluppati nella Prima Guerra Mondiale. Infine esplicherò le cause e le conseguenze dell inquinamento ambientale sul DNA e in generale sul corpo umano. 2

3 INDICE CAPITOLO 1: NASCITA E STORIA DELLA MUTAGENESI AMBIENTALE CAPITOLO 2: TRACCE DELLA MUTAGENESI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE CAPITOLO 3: IL DNA E LE MUTAZIONI CAPITOLO 4: LE CAUSE DELLE MUTAZIONI INDOTTE CAPITOLO 5: LE CAUSE DELLE MUTAZIONI SPONTANEE CAPITOLO 6: LE CONSEGUENZE SUL CORPO UMANO CAPITOLO 7: TESTIMONIANZE CONCRETE DELLA MUTAGENESI CONCLUSIONE SITOGRAFIA E BIBLIOGRAFIA 3

4 NASCITA E STORIA DELLA MUTAGENESI AMBIENTALE La mutagenesi ambientale nasce all inizio del 1900 con la scoperta della genetica moderna. Attualmente la si può trovare in diversi ambiti scientifici quali: Medicina, Ecologia, Chimica e Fisica. Tale disciplina si occupa di meccanismi molecolari e biochimici responsabili di mutazioni spontanee nel DNA che sono prodotte da agenti chimici o fisici. Le conseguenze mutagene di questi agenti erano già state ipotizzate alla fine dell'ottocento grazie a Thomas Hunt Morgan ed in seguito avvalorate da numerosi esperimenti fatti sul moscerino della frutta Drosophila melanogaster. In seguito al riconoscimento di un numero crescente di sostanze mutagene si resero sempre più necessari provvedimenti per il controllo di queste sostanze. Un contributo importante per lo sviluppo di questa scienza è dato da Charlotte Auerbach. Lei iniziò i suoi studi con la mutagenesi chimica per poi approdare a quella ambientale. Nel 1914, anno di inizio della prima guerra mondiale, i farmacologi individuarono una strana somiglianza tra le ustioni prodotte dalle radiazioni X e dal gas mostarda (meglio noto come solfuro di dicloroetile). Per spiegare le ustioni provocate dai raggi X si giunse alla conclusione che questi influenzassero la mitosi e quindi che potesse condurre a lesioni cromosomiche. Da qui si ipotizzò che le conseguenze sull uomo del gas asfissiante fossero dovute dalle stesse cause dei raggi X. La Auerbach, sfruttando questa ipotesi, decise di attuare un esperimento: somministrò un induzione di alleli letali recessivi in una Drosophila ottenendo una mutazione compresa tra il 7% e il 24%. Da qui poté concludere che le mutazioni prodotte da agenti chimici erano principalmente indotte su organismi pluricellulari, aventi più di un patrimonio genetico, mentre quelle indotte dalle radiazioni ionizzanti erano whole-body (tutto il corpo). Inoltre le mutazioni puntiformi e cromosomiche si manifestarono in percentuali differenti: dopo il trattamento chimico la percentuale di mutazioni indotte fu altissima rispetto al trattamento con radizioni ionizzanti. Nel del 1973 il batteriologo Bruce Ames utilizzò Salmonella typhimurium come base di un esame, che consisteva nel misurare quantitativamente le capacità mutagene delle sostanze chimiche. Il test venne denominato con il nome del suo scopritore ed emerse un importante coincidenza: spesso, le sostanze dotate di capacità mutagene sono anche quelle note per le loro capacità cancerogene. Da qui si fondò la base per lo studio sui tumori. 4

5 TRACCE DELLA MUTAGENESI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE La Prima Guerra mondiale iniziò il 28 giugno 1914 a Sarajevo a causa dello studente Serbo-Bosniaco Gavrillo Princip, che uccise l arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono. Tutt ora non sono chiare le responsabilità serbe riguardanti l assassinio, ma la risposta austriaca arrivò prontamente. Il 23 luglio 1914 l Austria inviò alla Serbia una nota di proteste che prevedeva: La fine della propaganda antiaustriaca L arresto dei sospettati Partecipazione dei propri poliziotti alle indagini. Nonostante la Serbia accettò le richieste austriache, il 28 luglio 1914 la guerra fu inevitabile; a causa di ciò molte potenze europee si schierarono con le proprie fazioni stabilitesi precedentemente. In particolare il 30 luglio la Russia, protettrice serba ordinò la mobilitazione generale attuata in seguito anche dalla Germania e dall Austria-Ungheria. Il 1 agosto la Russia dichiarò guerra agli imperi centrali, mentre il 3 agosto la Germania dichiarò guerra alla Francia. Il 4 agosto fu la volta della Gran Bretagna che entrò in guerra a fianco della Francia e della Russia.Gli schieramenti furono così segnati: da una parte la Triplice Alleanza formata da: Germania, impero Austro-Ungarico ed Italia, dall altra la Triplice Intesa costituita da: Francia, Gran Bretagna e Russia. I fronti di combattimento furono principalmente due: quello occidentale che vedeva i tedeschi contro i francesi ed inglesi ed in seguito nel 1917 anche gli americani; quello orientale che vedeva gli imperi centrali contro Russia e Serbia. La guerra iniziò sulla zona occidentale dove la Germania per evitare di combattere su due fronti diversi, attaccò la Francia approfittando della lentezza russa. Il piano di Schlieffen, capo di stato maggiore tedesco, prevedeva il passaggio dell esercito dagli Stati neutrali Belgio e Lussemburgo, violando il diritto internazionale. Una volta stabilitosi la linea militare, questa prevedeva 800 chilometri di trincee, dalla Manica alla Svizzera, trasformandosi in una guerra di logoramento. Anche sul fronte orientale l iniziativa fu tedesca, registrando due vittorie sull esercito russo; a loro volta i russi ebbero la meglio sugli austriaci in Galizia. Dopo molte offensive su ogni fronte, fino alla fine del 1916, nessuno dei due schieramenti in campo aveva ottenuto vittorie decisive. 5

6 Oltre alle nazioni sopra citate, nel 1914 entrò in guerra il Giappone a fianco dell Intesa, mentre a sostegno della Triplice Alleanza accorse l impero Ottomano. Solo nel 1915 l Italia prese parte al conflitto, schierandosi a fianco di Francia e Inghilterra, poiché il 26 aprile 1915 firmò il trattato di Londra che sanciva l impegno ad entrare in guerra nell arco di un mese; nel caso di vittoria della guerra, da parte della Triplice Intesa, sarebbero stati ceduti: Trentino Alto Adige, Trieste, Istria (ad eccezione di Fiume), Dalmazia, Valonia (Albania) e le isole del Dodecaneso. Contemporaneamente con l Italia si schierò anche la Bulgaria al fianco della Russia. Infine nel 1917 accorsero altri alleati dell Intesa: USA, Grecia e Cina. Il Giappone condusse una guerra indipendentemente dalle altre. Infatti occupò alcune isole del Pacifico già di dominio tedesco e la concessione cinese (aree della Cina in cui erano presenti degli insediamenti delle principali potenze). Durante il periodo della Grande Guerra si poté individuare un numero di morti molto elevato; infatti tra il 1914 ed il 1918 i decessi risultarono essere circa 9 milioni, con circa 40 milioni i feriti. I simboli della morte di massa sono diversi: le trincee furono scavate nel fango e vennero recintate con il filo spinato. I soldati erano costretti a conviverci fino al raggiungimento dell obiettivo militare, implicando delle condizioni di sopravvivenza estreme, portatrici dell esasperazione psicologica e fisica. Un altro simbolo fu l efficienza tecnologica delle armi: l artiglieria aveva il potenziale distruttivo più alto. Infine con lo sviluppo della chimica, vennero introdotte nuove armi come gli esplosivi ad alto potenziale ed i gas tossici. Con l introduzione di queste nuove armi chimiche si individuarono delle mutazioni genetiche sull uomo. Il 22 aprile 1915, sul fronte occidentale, i tedeschi utilizzarono un gas tossico, in particolare il solfuro di dicloroetile. Questo gas è oggi noto con il nome di gas mostarda o iprite, dalla località colpita per prima, Ypres. Queste armi chimiche provocano una morte lenta e dolorosa, oppure gravi mutilazioni, come la cecità. Durante la Prima Guerra Mondiale furono sintetizzati moltissimi altri gas tossici contenenti cloro, quali il fosgene e il difosgene (1915, dai tedeschi), il cloroacetone (1916, dagli alleati), la cloropicrina e le cloroarsine (1917, dai tedeschi). In particolare furono utilizzati 4 categorie di gas: i lacrimogeni, gli starnutenti, gli irritanti dell`apparato respiratorio e gli ulceranti. 6

7 LACRIMOGENI Benzil bromide: tedesco; primo uso marzo 1915; Bromacetone: usato da alleati e austriaci; moderatamente persistente; asfissiante in concentrazione elevata; introdotto nel 1916; Dibromoetiletilchetone: usato da tedeschi e austriaci; letale se concentrato; introdotto nel 1916 Etiliodoacetato: britannico; alta persistenza; gli effetti terminano fuori dall'area contaminata; introdotto nel 1916; Monobromoetiletilchetone: tedesco e austriaco; potentissimo; moderatamente persistente; asfissiante in concentrazione elevata; introdotto nel 1916; Xililbromuro: tedesco; potente; introdotto nel STARNUTENTI Difenilcloroarsina: tedesco; consisteva in una polvere finissima capace di penetrare le maschere antigas, dispersa tramite proiettili di artiglieria; in concentrazione provocava conati di vomito e potenti mal di testa; noto come "Croce Blu", introdotto nel 1917; Difenilcianoarsina: tedesco; potentissimo; identiche caratteristiche rispetto al precedente, che sostituì all'interno dei proiettili "Croce Blu"; Etildicloroarsina: tedesco; noto come "Croce Gialla I" e più tardi come "Croce Verde III", introdotto nel marzo IRRITANTI DELL APPARATO RESPIRATORIO Arsenicotricloruro: Alleato; miscela basata sul cianogeno; immediatamente mortale se concentrato, altrimenti incapacitante; causa vertigini, malditesta, dolori polmonari, ma nessun effetto permanente; disperso tramite proiettili d'artiglieria; introdotto nel 1916; Clorina: usato sia da alleati che dai tedeschi; irrorato tramite bombole; con l'umidità formava acido cloridrico; causava vomito e se concetrato poteva provocare la morte per spasmi della laringe; introdotto nel 1915; Cloroformio: Alleato; miscela basata sul cianogeno; immediatamente mortale se concentrato, altrimenti incapacitante; causa vertigini, mal di testa, dolori polmonari, ma nessun effetto permanente; disperso tramite proiettili d'artiglieria; introdotto nel 1916; Cloromethil cloroformato: impiegato da alleati e tedeschi; disperso da proiettili di artiglieria; introdotto nel 1915; 7

8 Cloropicrin: usato sia da alleati che da tedeschi; potentissimo; utilizzabile sia tramite bombole che tramite proiettili, ma in particolare con questi ultimi in congiunzione con altri gas; noto come "Croce Verde I", introdotto nel 1916; Cloruro di stagno: austriaco; miscela basata sul cianogeno; immediatamente mortale se concentrato, altrimenti incapacitante; causa vertigini, malditesta, dolori polmonari, ma nessun effetto permanente; introdotto nel 1916; Diclorometiletere: tedesco; introdotto nel 1918; Idrogeno cianuro: Alleato; miscela basata sul cianogeno; immediatamente mortale se concentrato, altrimenti incapacitante; causa vertigini, mal di testa, dolori polmonari, ma nessun effetto permanente; disperso tramite proiettili d'artiglieria; introdotto nel 1916; Fosgene (carbonil cloruro): usato da alleati e tedeschi; potentissimo; pericoloso in particolare per i suoi effetti ritardati che causavano una morte improvvisa anche 48 ore dopo l'esposizione e spesso la vittima non realizzava neppure di essere stata sottoposta al gas; irrorato da bombole in congiunzione con la Chlorine e da proiettili d'artiglieria da sola; introdotta nel 1915; Cloruro di stannio: Alleato; miscela basata sul cianogeno; immediatamente mortale se concentrato, altrimenti incapacitante; causa vertigini, mal di testa, dolori polmonari, ma nessun effetto permanente; disperso tramite proiettili d'artiglieria; introdotto nel 1916; Triclorometilcloroformato (difosgene): alleato e tedesco; stessi effetti del fosgene; disperso da proiettili d'artiglieria di solito in combinazione con altri gas; introdotto nel ULCERANTI Diclorometilsolfuro (gas mostarda o iprite): usato da alleati, tedeschi e austriaci; noto anche come "Croce Gialla"; uno dei gas più efficaci, benché ufficialmente i suoi effetti non venissero considerati letali; provoca vesciche e ustioni sulla pelle, anche attraverso i vestiti, causando cecità (normalmente temporanea) e se inalato la morte, bruciando l'apparato respiratorio; diffuso tramite proiettili d'artiglieria; persisteva anche diversi giorni in ideali condizioni climatiche; introdotto nel Sono giunte a noi delle testimonianze scritte riguardo gli orrori che accaddero durante la Grande Guerra. Un esempio è dato da Giuseppe Ungaretti che scrisse Veglia, appartenente alla silloge L Allegria, composta da due strofe irregolari formate da versi liberi. 8

9 Cima Quattro il 23 dicembre 1915 Un'intera nottata buttato vicino a un compagno massacrato con la sua bocca digrignata volta al plenilunio con la congestione delle sue mani penetrata nel mio silenzio ho scritto lettere piene d'amore Non sono mai stato tanto attaccato alla vita Un altra toccante testimonianza è fornita dal poeta inglese Wilfred Owen, attraverso la poesia Dulce et Decorum Est. Bent double, like old beggars under sacks, Knock-kneed, coughing like hags, we cursed through sludge, Till on the haunting flares we turned our backs And towards our distant rest began to trudge. Men marched asleep. Many had lost their boots But limped on, blood-shod. All went lame; all blind; Drunk with fatigue; deaf even to the hoots Of tired, outstripped Five-Nines that dropped behind. Gas! Gas! Quick, boys! An ecstasy of fumbling, Fitting the clumsy helmets just in time; But someone still was yelling out and stumbling And flound ring like a man in fire or lime... Dim, through the misty panes and thick green light, As under a green sea, I saw him drowning. In all my dreams, before my helpless sight, He plunges at me, guttering, choking, drowning. If in some smothering dreams you too could pace Behind the wagon that we flung him in, And watch the white eyes writhing in his face, His hanging face, like a devil s sick of sin; If you could hear, at every jolt, the blood Come gargling from the froth-corrupted lungs, 9

10 IL DNA E LE MUTAZIONI Obscene as cancer, bitter as the cud Of vile, incurable sores on innocent tongues, My friend, you would not tell with such high zest To children ardent for some desperate glory, The old Lie: Dulce et decorum est Pro patria mori. Le cellule sono in grado di sintetizzare proteine solo se dispongono di precise informazioni. Queste informazioni sono codificate dagli acidi nucleici e servono per individuare la corretta sequenza di amminoacidi nelle proteine da sintetizzare. Negli organismi sono presenti due diversi acidi nucleici: l acido ribonucleico (RNA) e l acido deossiribonucleico (DNA); quest ultimo insieme alle proteine compongono il cromosoma eucariote. L RNA è formato dallo zucchero ribosio, mentre il DNA dal deossiribosio. Entrambi si formano mediante reazioni di condensazione che conferisce loro la proprietà di esser lineari. Gli acidi nucleici sono formati da lunghe catene di nucleotidi, che a loro volta sono formati da un gruppo fosfato, uno zucchero a cinque atomi di carbonio ed una base azotata. Il gruppo fosfato (PO 4 3- ) è uno ione dell acido fosforico con proprietà acide. Lo zucchero può essere un monosaccaride del ribosio o il deossiribosio, al quale manca un atomo di ossigeno. La base azotata quindi contiene azoto ed ha proprietà basiche. Esistono 5 diverse basi azotate: adenina (A), guanina (G), citosina (C), uracile (U), timina (T). Esistono due tipi di basi azotate: le purine (formate da una struttura a due anelli) e le pirimidine, ad un solo anello. Della prima fanno parte adenina (A) e guanina (G), mentre della seconda fanno parte la citosina (C) e la timina (T). Timina ed adenina sono complementari tra loro: si possono legare mediante un doppio legame idrogeno, mentre guanina e citosina sono a loro volta correlati mediante tre legami idrogeno. Inoltre ogni base azotata forma un legame covalente con la molecola di zucchero nel tratto di montante adiacente ad esso. Una tripletta di basi azotate forma un codone : ognuno di questi codifica per un determinato amminoacido, che è l unità fondamentale di una proteina. Il DNA è formato da due filamenti di nucleotidi avvolti a spirale portatori del messaggio genetico. Le informazioni sono organizzate in geni e vengono ereditate dai genitori. 10

11 I nucleosomi sono le unità fondamentali di condensazione della cromatina e sono formati da un unità di DNA e da 8 istoni, che sono proteine specifiche. In aggiunta i nucleosomi si strutturano in polinucleosomi. Essi si condensano ulteriormente in nucleofilamenti, che si associano in anse su una struttura polisaccaridica, detta Scaffold, che costituisce proprio lo scheletro del cromosoma. Le mutazioni Nel 1901 Hugo de Vries fu il primo ad introdurre il termine mutazione genetica, definendola come variazioni di carattere di un organismo. Nel 1927 il termine mutazione cambiò significato e venne inteso come modifica stabile ed ereditabile nella sequenza nucleotidica di un genoma o più generalmente di materiale genetico (sia DNA che RNA) dovuta ad agenti esterni o al caso, ma non alla ricombinazione genetica. Esistono diversi tipi di mutazioni: geniche (o puntiformi), cromosomiche (comprendono la mutazione del numero di cromosomi o la mutazione di struttura) e genomiche. Inoltre possono essere classificate in vari modi in base: all origine, al tipo di cellule colpite, agli effetti e alla dimensione della regione colpita. GENICHE o PUNTIFORMI Una mutazione genica è una mutazione che altera un singolo gene del corpo umano. Può essere suddivisa in: sostituzione SILENTE o STESSO-SENSO: questa mutazione è causata dal logoramento del codice. Essa avviene quando la sostituzione di un singolo nucleotide provoca la sostituzione di una tripletta con un altra diversa, ma che codifica per lo stesso amminoacido. MIS-SENSO: avviene a causa della degenerazione del codice, quando si ha la sostituzione di una tripletta con un altra codificante per una amminoacido diverso. NON-SENSO: quando una tripletta che codifica per un amminoacido viene sostituita con una sequenza di stop. Comporta la perdita di uno o più amminoacidi della proteina matura. Questo tipo di modifica può non avere effetti sul fenotipo, ma l accumulo di mutazioni in siti specifici possono determinare l evento canceroso. 11

12 Inserzione Le inserzioni comportano l aggiunta di nucleotidi ad un certo livello della sequenza del DNA. Se l inserzione avviene tra basi che fanno parte di triplette codificanti del gene (quelle che poi saranno tradotte in amminoacidi), si possono avere due diverse conseguenze: una prende il nome di frameshift, cioè lo slittamento delle basi nel sistema di lettura per l inserzione di una o più basi all interno della sequenza nucleotidica. L altra conseguenza si verifica quando viene inserita una base all interno della sequenza nucleotidica e questa permette la codifica di un amminoacido più lungo. Inversione Si ha quando una regione del DNA appartenente ad un gene si stacca e si reinserisce in maniera inversa e produce dei gravi effetti fenotipici. CROMOSOMICHE Questa mutazione colpisce la struttura dei cromosomi sovvertendola per regioni di DNA più o meno ampie. Può essere suddivisa in: Delezione La perdita di un segmento cromosomico implica la perdita di tutte le informazioni presenti sulla parte deleta del DNA. Inversione Rottura e reinserimento in una parte errata di un segmento di cromosoma. Questo può portare alla formazioni di gameti anormali (durante il crossing-over). Può causare una selezione prenatale del feto (aborto, malformazioni). Inserzione Inserzione di un frammento cromosomico all interno di un altro cromosoma. Duplicazione Indica la presenza di un segmento cromosomico duplicato, implicando la copia dei geni presenti sul quella frazione. 12

13 Traslocazione Trasferimento di un segmento cromosomico su un altro cromosoma. Se la traslocazione avviene da un cromosoma ad un altro, allora è detta traslocazione non reciproca, mentre è detta reciproca se avviene lo scambio tra due cromosomi non omologhi. GENOMICHE Questa mutazione avviene quando non si rispetta la corretta distribuzione numerica dei cromosomi durante la meiosi o la mitosi o durante la fase iniziale dello sviluppo dell individuo. Può essere suddivisa in: Poliploida quando il numero di cromosomi è un multiplo del numero aploide (23 nell uomo) comporta l aberrazione letale nell uomo. Aneuploida il numero di cromosomi è diverso dal numero aploide. 13

14 LE CAUSE DELLE MUTAZIONI INDOTTE Gli agenti mutageni che causano mutazioni indotte, possono essere suddivisi in: agenti fisici, come le radiazioni (raggi X o raggi UV) e agenti chimici, che sono analoghi delle basi azotate, gli agenti modificanti delle basi o gli agenti intercalanti. I mutageni fisici sono costituiti dalle radiazioni, che possono alterare la configurazione elettronica degli atomi, che costituiscono il DNA. I mutageni chimici, invece, presentano delle elevate affinità con le basi azotate, alle quali si legano e compromettono il corretto appaiamento delle eliche di DNA. MUTAGENI CHIMICI Gli agenti mutageni chimici agiscono in maniera differente: quelli analoghi alle basi azotate sostituiscono fisicamente le basi durante la replicazione del DNA, in seguito cambiano conformazione in modo da modificare le loro proprietà di accoppiamento. Gli agenti che modificano le basi attuano cambiamenti chimici alterando le proprietà di accoppiamento. Entrambi gli agenti danno origine a sostituzione. Le mutazioni frameshift sono provocate dagli agenti intercalanti, che vengono inseriti tra le basi durante la replicazione. Le conseguenze possono essere l inserzione o la delezione delle singole coppie di basi. Gli agenti chimici e le mutazioni del DNA indotte da essi possono essere una conseguenza dell azione dell inquinamento chimico dell uomo. 14

15 L inquinamento chimico può derivare da diversi fattori ambientali, quali l incendio di foreste o boschi, ma la maggior parte della contaminazione dell ambiente deriva dall attività umana. Aria: i processi di combustione, in particolare i combustibili fossili, materiale organico ed inorganico, rappresentano le principali fonti di inquinamento. Le emissioni più importanti derivano dalle fabbriche, impianti di riscaldamento domestico ed inceneritori. Nell aria vengono immessi principalmente Benzeni, idrocarburi policiclici aromatici (IPA) ed i loro nitroderivati. Questi costituisono i principali agenti genotossici. Acqua: l inquinamento con possibile attività mutagena/cancerogena è spesso correlata alle acque superficiali, inquinante dai reflussi industriali. Le acque profonde invece spesso mostrano la presenza di insetticidi e concimazione organica ed inorganica. Inoltre è stata dimostrata l eventuale presenza di sottoprodotti genotossici dati dall interazione tra disinfettanti e basi di cloro. Suolo: la contaminazione del suolo è causata dall acqua proveniente da corsi già precedentemente inquinati e dall utilizzo di compost o ammendanti contenenti mutageni del metabolismo. Inoltre vengono usati composti chimici come atrazina e i suoi derivati quali erbicidi, anticrittogamici e i cardammati, composti organo-stannici e insetticidi quali il DDT o idrocarburi alogenati. Ambiente confinato: è meno studiato rispetto all ambiente esterno, ma hanno lo stesso un notevole peso sugli effetti umani: in particolare i piani abitativi più vicini al suolo nonché le strade ad alto traffico. Un esempio sono i materiali utilizzati per la tinteggiatura di pareti o il fumo sprigionato dalla cottura di determinati cibi, il fumo da sigarette, comporta l emissione di agenti mutageni come gli IPA (idrocarburi policiclici aromatici). Alimentazione: alcuni mutageni ambientali naturali sono prodotti dalle piante per autodifesa. Questi risultano essere dannosi per l uomo sia per le linee somatiche che germinali. Sono stati individuati potenti mutageni nel latte, nei muschi e nelle leguminose. Additivi alimentari e processo di cottura: sono quattro i gruppi importanti portatori delle sostanze cancerogene. 1. I composti N-nitroso: sono i più potenti agenti mutageni presenti nel campo alimentare (almeno su esperimenti basati su animali). Questi vengono usati per la conservazione dei cibi e l uomo tutt ora risulta essere meno esposto a questi agenti. 15

16 2. IPA: gli idrocarburi policiclici aromatici vengono prodotti quando un cibo, in particolare la carne, è a contatto con una fiamma libera. Questo scaturisce una reazione di pirolisi dei grassi formando questi composti. Inoltre questi composti sono presenti su una grande quantità di verdura, causato dall inquinamento atmosferico e dall affumicatura di carne e pesce. 3. Ammine eterocicliche AEC: questi mutageni sono causati dai diversi metodi di cottura della carne. Quando viene riscaldata i precursori dell AEC migrano verso la superficie generando reazioni di condensazione e ciclizzazione. 4. Il quarto gruppo riguarda agenti aromatizzanti, coloranti e spezie che possono esser presenti in molti cibi. Circa il 15% di queste sostanze sembrano essere mutageni a causa della formazione di radicali liberi. Altre sostanze invece sono risultate essere inibitori della cancerogenesi come la salsa di soia fermentata, la salsa wasabi o la curcumina dietetica. Esistono nei composti aromatici inibitori e promotori della funzione cancerogena delle cellule a tal punto da risultare difficile la corretta classificazione. Metalli pesanti: a causa dell inquinamento ambientale vengono rilasciati nell aria alcuni metalli pesanti nocivi per l uomo. Di questi metalli fanno parte: arsenico, cromo, nichel e cadmio. Questi in particolare sono la causa del cancro occupazionale insieme al cobalto e composti inorganici del piombo. È noto come questi metalli possano interferire direttamente o indirettamente con i processi di ricombinazione omologa oppure inibendo il processo di riparazione del DNA. A livello genomico invece, la genotossicità del Cr si manifesta come mutazione genica o come lesioni del DNA, mentre dal punto di vista cellulare può portare all arresto del normale ciclo cellulare, apoptosi e/o trasformazione neoplastica. Fumo di tabacco: la composizione chimica del fumo dipende da molti fattori come il tipo di filtro, la composizione del tabacco e la tipologia di sigarette. Quando viene fumato del tabacco vengono introdotte all interno dell organismo sostanze mutagene individuabili tramite l analisi delle urine e del sangue. Queste sostanze ( nitrosammine, idrazina, acido cianidrico, formaldeide, IPA) possono oltre che provocare il cancro, possono introdursi nelle pareti cellulari degli organi sessuali aumentando la possibilità di riscontrare nella prole malformazioni o morte perinatale. 16

17 MUTAGENI FISICI Le radiazioni si dividono in onde elettromagnetiche (caratterizzate da un campo elettrico e che in un dato punto variano ciclicamente) ed in onde corpuscolari (dalla definizione di energia quantistica, dove le onde sono formate da particelle dette fotoni). Per far avvenire un interazione tra radiazioni e materia, quest ultima deve assorbire la sua energia tramite un meccanismo di eccitazione o ionizzazione. Il primo avviene solo quando il valore della radiazione è minore di 12 ev (radiazione non ionizzante). Il meccanismo di eccitazione degli elettroni consiste nel somministrare energia tale a tal punto da far transitare da un livello energetico ad un altro elettrone. È un processo reversibile e non provoca alcun cambiamento di stabilità al nucleo. La ionizzazione avviene solo quando l energia supera i 12 ev di potenza. Questo processo consiste nel somministrare un valore tale di energia da causare la perdita di uno o più elettroni, detti anche elettroni primari. Gli elettroni strappati se dotati di energia, tale da poter ionizzare gli atomi adiacenti, danno luogo ad una ionizzazione secondaria. Le radiazioni ionizzanti possono interagire direttamente o indirettamente con la materia. La prima consiste nella ionizzazione degli atomi del DNA, prima causa principale di conseguenze dannose, per esempio: le radiazioni α e β. 17

18 L azione indiretta consiste nell interazione tra radiazioni ed altro materiale biologico che non hanno a che fare col DNA. Tramite l emissione di elettroni secondari, si potrebbe determinare la ionizzazione del materiale ereditario modificandolo. Le radiazioni ionizzanti (con una lunghezza d onda compresa tra 10-8 e in poi) comprendono la luce ultravioletta (raggi UV), i raggi gamma ed infine la radiazione secondaria di quota. Esse penetrano all interno dei tessuti con una notevole profondità. Durante il loro percorso collidono con altri atomi, provocando il rilascio degli elettroni, implicando la formazione di ioni positivi. Questo processo viene ripetuto per ogni atomo che incontra la radiazione durante il suo percorso, formando così un cono di ioni attraverso il tessuto vivente. Le radiazioni ionizzanti possono provocare rotture cromosomiche e quindi ri-arrangiamenti cromosomici o mutazioni puntiformi. I raggi UV inducono la formazione di dimeri di timina adiacenti del DNA modificandone la conformazione a elica. Questa distorsione è possibile ripararla mediante fotoreattivazione e escissione. LE CAUSE DELLE MUTAZIONI SPONTANEE Nell uomo la mutazione spontanea può assumere diversi significati a seconda che si consideri una cellula della linea somatica o germinale. Le prime cellule si moltiplicano esclusivamente per mitosi e compongono il soma del corpo, quindi dando vita ai tessuti dell organismo. Esse sono destinate ad invecchiare ed a morire, al contrario delle cellule germinali, che hanno il compito di attuare tutti i processi di riproduzione cellulare. Linea somatica: il rischio di accumulare mutazioni aumenta con l invecchiamento della cellula, anche se le mutazioni non hanno effetti sull individuo in quanto possono insorgere sui genomi non codificanti. Se insorgessero a livello di cellule importanti e portassero alla morte della cellula, risulterebbe la morte di una singola cellula all interno dell organismo e quindi privo di importanza patologica. Nel momento in cui però la cellula ha proprietà neoplastiche, dato che il processo di cancerosi nasce dall accumulo di mutazioni in geni specifici, si avrà la formazione di un tumore maligno. Questo evento può richiedere anche diversi anni per manifestarsi e la probabilità di manifestare un tumore insorge con l avanzamento dell età dell individuo. Linea germinale: l insorgenza di mutazioni geniche nella linea germinale è correlata con l età dei genitori, in particolare dall età del padre. Con l avanzare degli anni avviene un processo di degrado negli spermatozoi, aumentando la probabilità che a fecondare un ovulo sia uno spermatozoo non sano. L età materna entra in gioco durante le mutazioni cromosomiche. Con il passare del tempo c è più probabilità che 18

19 l ovulo possa contenere un cromosoma X in più o in meno generando mutazioni dei gameti. Una parte delle mutazioni spontanee può esser attribuita a delle cause esogene (presenza di agenti mutageni nell ambiente), mentre la restante parte può essere attribuita a fattori endogeni correlati a processi fisico-chimico. Cause chimiche: può succedere che durante la replicazione possano insorgere mutazioni dovute alla tautomerizzazione delle basi. Queste si possono trovare con ri-arrangiamenti di protoni ed elettroni. Questo è dovuto allo spostamento di atomi di idrogeno o doppi legami che possono portare ad appaiamenti errati, causa di mutazioni. Esistono alterazioni spontanee nelle basi: depurinazione, depirimidinazione e deamminazione. Le molecole d acqua danno idrolisi dei legami glicosidici del DNA originando siti abasici AP (apurinici o apirimidinici). Nelle cellule metabolicamente attive la forma del DNA è quella completamente idratata, quindi aumentan il rischio che vada in contro o a depurinazione o a depirimidinazione. La deamminazione invece consiste nel cambiamento nucleotidico del DNA. Questo porta l errato appaiamento: avendo una coppia G:C T:A si originano per processo di deamminazione rispettivamente ipoxantina, xantina e uracile. Dato che l uracile è soggetto ad enzimi di riparazione (uracilglicosilasi) non desta preoccupazioni per mutazioni varie, mentre la deamminazione della 5-metilcitosina porta a transizioni durante la replicazione, generando appaiamenti sbagliati C T. Altri errori possono presentarsi nella sintesi o nella replicazione del DNA sempre dovuti ad appaiamenti errati di basi non individuati e non riparati, oppure durante la metabolizzazione di amminoacidi o zuccheri che possono dar vita ad agenti mutageni endogeni. 19

20 CONSEGUENZE SUL CORPO UMANO Le conseguenze degli agenti mutageni sono indipendenti dal metabolismo o dalla complessità cellulare dell organismo esposto. Per quanto riguarda le conseguenze, invece, non è possibile distinguere con sicurezza la loro natura. Mutageni fisici L interazione tra cellula e radiazione può avvenire solo se quest ultima colpisce la cellula. I cambiamenti biologici avvenuti per causa fisica si manifestano solo dopo un certo periodo di latenza (periodo di tempo che può variare da ore ad anni). Un esempio è il cancro indotto: si manifesta quando le radiazioni colpiscono la linea germinale (adibite alla riproduzione di cellule) manifestando il cancro nelle generazioni successive. I fattori che possono essere messi in relazione sono vari, per esempio il tipo di radiazione o il tipo di cellule e la velocità con cui queste si dividono. Gli effetti sul materiale biologico sono stati individuati sia a livello molecolare (DNA, mrna) sia a livello cellulare intaccando le membrane, il citoplasma e il nucleo. Si distinguono due tipi di effetti a seconda che le radiazioni inducano eccitazione elettronica o ionizzazione. I raggi UV appartengono al primo gruppo (lunghezza d onda (λ)= 260nm), che portano una dimerizzazione delle due timine adiacenti sullo stesso filamento di DNA provocando la formazione di legami covalenti o anelli di ciclo butano. Le radiazioni ionizzanti appartengono alla seconda categoria, queste provocano il distacco o l eliminazione di basi azotate con la conseguente formazione di siti apirimidinici o apurinici attraverso reazioni con radicali liberi. Nelle cellule batteriche, se questo errore non fosse modificato porterebbe alla morte dell organismo, mentre negli organismi superiori come i mammiferi porterebbe alla mutazione genica nel DNA. Esistono altri tipi di lesioni del DNA indotte da agenti fisici quali: a singolo filamento (SSB), a doppio filamento (DSB) e legami incrociati. Le prime avvengono in seguito alle rotture a singolo filamento causate dall idrolisi del legame fosfodiesterico e all eliminazione di un gruppo fosfato attraverso una reazione radicalica (OH ). Il DNA subisce un numero di lesioni SSB pari alla quantità di radiazione somministrata. La rottura DBS è la più letale in quanto causa morte cellulare, aberrazioni cromosomiche ed infine il cancro; inoltre il suo meccanismo di riparazione risulta essere molto complesso. Queste lesioni si possono verificare sia per azione diretta che indiretta delle radiazioni. Come citato in precedenza il DNA subisce un numero di lesione pari alla quantità di radiazione somministrata, quindi raddoppiando la 20

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Radiodays. Elio e le Storie Tese

Radiodays. Elio e le Storie Tese Radiodays Elio e le Storie Tese EFFETTI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI SULL UOMO Elio Giroletti Dip. Fisica nucleare e teorica, Università di Pavia Ist. Naz. di Fisica Nucleare Sez. Pavia elio.giroletti@pv.infn.it

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi:

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: Riferimenti ISS: Protocollo N. 32074-23/06/2009 Criteri

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo -

Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo - Università degli Studi di Napoli Federico II Dottorato in Biologia Avanzata - 22 ciclo - Effetti citogenetici indotti in cellule umane da ioni pesanti relativistici Candidata: Diana Pignalosa Tutor: Prof.

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione Stime di rischio stocastico e detrimento sanitario G. Trenta, AIRM, Roma L IPOTESI PORTANTE: LNT Ancorché ci siano riconosciute eccezioni, per i

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli