V sez. -C-- a.s

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V sez. -C-- a.s. 2014-15"

Transcript

1 Liceo Scientifico Statale Leonardo Da Vinci Via Arecco, Genova Tel Fax e m a i l : l i c e o l e o d a v i n c t i n. i t e m a i l c e r t i f i c a t a : g e p s p e c. i s t r u z i o n e. i t Documento del Consiglio della classe V sez. -C-- a.s C Classe V C 1

2 INDICE Consiglio di classe. Docenti... 3 Obiettivi educativi e culturali... 4 Cronistoria della classe... 5 Presentazione della classe... 5 Simulazioni prove d esame... 6 Ulteriori precisazioni didattiche... 7 Eventuali percorsi interdisciplinari e/o per classi parallele... 7 Eventuali attività extracurricolari e/o parascolastiche... 7 Firme dei Docenti... 8 Documenti individuali dei Docenti Italiano... 9 Latino Inglese Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze Disegno, Storia dell arte, Laboratorio imamgine Educazione fisica ALLEGATI Programmi delle singole discipline Testi delle simulazioni prove d esame somministrate durante l a.s. Griglie di valutazione utilizzate e/o proposte C Classe V C 2

3 CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTI Italiano Latino Inglese Storia Filosofia Scienze Matematica Fisica Disegno Educazione fisica MATERIA DOCENTE Prof. Tiziana Salvatori Prof. Tiziana Salvatori Prof. Ottavia Parodi Prof. Guido Bonomi Prof. Guido Bonomi Prof. Fortunata Masulli Prof. Luciano Grosso Prof. Luciano Grosso Prof. Giovanna Bringiotti Prof. Daniela Senarega Nella seduta del Consiglio di Classe del 2 febbraio 2015 sono stati designati commissari interni i sottoelencati docenti: MATERIA ITALIANO E LATINO SCIENZE DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. T : SALVATORI Prof. F. MASULLI Prof. G. BRINGIOTTI DOCENTE C Classe V C 3

4 OBIETTIVI EDUCATIVI OBIETTIVI Apertura al pluralismo, alla tolleranza, al rispetto per le posizioni degli altri La quasi totalità degli studenti x Gran parte degli studenti Raggiunti da Circa la metà degli studenti Una piccola parte degli studenti Rispetto per sé, per gli altri e per l ambiente, derivante dalla consapevolezza dei propri diritti e dei propri doveri x Disponibilità a una cooperazione costruttiva volta a rendere l individuo parte integrante di gruppi che si formano per raggiungere obiettivi comuni x Messa a fuoco delle attitudini personali e presa di coscienza delle proprie oggettive potenzialità x OBIETTIVI CULTURALI Acquisizione di un metodo di studio produttivo ed applicabile nei più diversi contesti, che favorisca una responsabile autonomia operativa La quasi totalità degli studenti Gran parte degli studenti Raggiunti da Circa la metà degli studenti Una piccola parte degli studenti x Potenziamento della capacità comunicativa mediante l'uso e lo studio di svariati linguaggi e tecniche di comunicazione: parola orale e scritta, lingua straniera, linguaggi figurativi e simbolici, linguaggi disciplinari specifici, nuove tecnologie x Consolidamento di procedimenti logici induttivi e deduttivi entro cui ordinare il pensiero con coerenza x Potenziamento delle capacità di attuare procedimenti di analisi e di sintesi, di distinguere, definire, collegare x Potenziamento della capacità di memorizzare legata al procedimento logico; sviluppo del senso della memoria storica attraverso la conoscenza del passato rapportandosi ad esso e raffrontandolo al presente x Acquisizione di una certa sensibilità e interesse alle problematiche culturali proposte e, in genere, a tutte le manifestazioni che contribuiscono allo sviluppo del pensiero e della civiltà dell uomo x Per ciò che riguarda gli obiettivi e i contenuti specifici delle singole discipline si rinvia alle successive Schede analitiche e ai programmi allegati C Classe V C 4

5 CRONISTORIA DELLA CLASSE CLASSE ISCRITTI SCRUTINATI PROMOSSI/ AMMESSI NON PROMOSSI/ NON AMMESSI III IV NOTE PRESENTAZIONE DELLA CLASSE OSSERVAZIONI DIDATTICHE E DISCIPLINARI La classe ha risposto in modo non sempre soddisfacente alle sollecitazioni culturali, la maggioranza si è dimostrata poco aperta al dialogo educativo e scarsamente interessata agli argomenti delle singole discipline. Tuttavia qualche studente, nel corso degli ultimi tre anni, ha compiuto un lodevole percorso di maturazione che lo ha portato ad acquisire senso di responsabilità nei confronti del lavoro svolto in classe e a casa. C Classe V C 5

6 SIMULAZIONE PROVE D ESAME DATA DI SVOLGIMENTO TIPOLOGIA DI PROVA DISCIPLINE COINVOLTE 13 maggio 2015 PRIMA PROVA ITALIANO 6 ORE 22 aprile 2015 SECONDA PROVA MATEMATICA 6 ORE 19/12/2014 TERZA PROVA Inglese, fisica, scienze, filosofia, storia dell arte 14 maggio 2015 TERZA PROVA Inglese, fisica, scienze, storia, latino TEMPO CONCESSO 3 ORE 3 ORE NOTE VARIE ULTERIORI ANNOTAZIONI E PRECISAZIONI RELATIVE ALLE SIMULAZIONI C Classe V C 6

7 ULTERIORI PRECISAZIONI DIDATTICHE Eventuali percorsi interdisciplinari e/o per classi parallele Eventuali attività extracurricolari e/o parascolastiche Il 20 novembre 2014 la classe si è recata a visitare il Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera, mentre il 29 aprile del 2015 la mostra sull Espressionismo tedesco a Palazzo Ducale. Ha partecipato poi ad alcuni eventi organizzati durante la sesta edizione de La Storia In Piazza. Inoltre alcuni studenti hanno seguito stage organizzati dall Università di Genova durante la prima settimana di marzo. Un alunno, grazie all ottimo profitto ottenuto nel primo quadrimestre, è stato selezionato per partecipare nel mese di maggio a un pellegrinaggio ai Lager nazisti organizzato dall A.N.E.D. in collaborazione con la Città metropolitana di Genova. C Classe V C 7

8 FIRME DEI DOCENTI Docente Prof. BONOMI GUIDO Firma Prof. BRINGIOTTI GIOVANNA Prof. GROSSO LUCIANO Prof. MASULLI FORTUNATA Prof. PARODI OTTAVIA Prof. SALVATORI TIZIANA Prof. SENAREGA DANIELA Genova, 7 maggio C Classe V C 8

9 SCHEDA ANALITICA: ITALIANO Prof. Tiziana Salvatori OBIETTIVI 1. Potenziamento delle capacità di coordinamento logico-critico, ai fini del raggiungimento di un organica assimilazione dei contenuti. 2. Potenziamentodelle capacità di esposizione corretta sul piano morfo-sintattico e lessicale, sia riguardo alla produzione scritta sia al colloquio. 3. Lettura e analisi ragionata dei fondamentali testi di autore, con rimandi a letterature straniere e con l ausilio di elementi di teoria letteraria. 4. Approfondimento critico, anche in senso inter e pluridisciplionare, dei fenomeni letterari. 5. Apertura all analisi e alla discussione ragionata di problematiche di attualità METODOLOGIE E STRUMENTI DIDATTICI Si è tentato di portare a compimento un percorso avviato in terza liceo e finalizzato all acquisizione di un metodo di studio proficuo, fondato non su un meccanico apprendimento di contenuti, ma su un assimilazione consapevole e sorretta da validi strumenti critici. Per questo è stato privilegiato un insegnamento atto a potenziare le capacità logiche più che a cogliere i dati meramente informativi. Lo studio letterario, per quanto è stato possibile, si è basato principalmente sulla lettura diretta, sia pure antologica, delle opere più rappresentative, con la dovuta attenzione all analisi testuale, condotta sulla scorta delle metodologie oggi più accreditate. Inoltre i collegamenti interdisciplinari, sebbene non frequenti, hanno avuto come scopo la graduale preparazione alle prove scritte e al colloquio TIPOLOGIE DI VERIFICA 1: Tracce di temi nella formulazione tradizionale 2. Tracce da sviluppare sotto forma di saggio breve o di articolo di giornale 3. Analisi guidata di testi poetici e in prosa 4. Questionari scritti volti a verificare il livello di comprensione dei romanzi letti integralmente 5. Colloqui individuali CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Per le prove scritte 1. Aderenza all enunciato 2. Conoscenza dei contenuti culturali 3. Capacità di organizzazione logica del pensiero C Classe V C 9

10 4. Correttezza morfosintattica e lessicale 5. Capacità di giudizio e di rielaborazione Per le prove orali: 1. Padronanza dei contenuti culturali 2. Chiarezza concettuale e chiarezza espositiva 3. Capacità di rielaborazione critica 4. NOTE SUL LAVORO SVOLTO E SULLA PREPARAZIONE DELLA CLASSE Il lavoro è stato svolto in modo regolare e i programmi sono stati in genere realizzati secondo le previsioni iniziali. La classe ha tuttavia risposto debolmente alle sollecitazioni culturali, pochi alunni si sono dimostrati aperti al dialogo educativo mentre i più si sono rivelati scarsamente interessati e impegnati. Il giudizio complessivo sulla preparazione della classe non può perciò essere soddisfacente, pur fatta salva l eccezione di qualche studente che nel corso degli ultimi tre anni ha compiuto un percorso più che accettabile di maturazione e che attualmente denota senso di responsabilità nei confronti delle dinamiche del gruppo classe e delle attività svolte a scuola e a casa CONTENUTI Documento del Consiglio di classe V C Materia: Italiano Scheda analitica Prof.ssa: Tiziana Salvatori Documento del Consiglio di classe V C Materia: Italiano Scheda analitica Prof.ssa: Tiziana Salvatori TESTO IN ADOZIONE:Il piacere dei testi di Baldi- Giusso. Ed. Paravia C Classe V C 10

11 GIACOMO LEOPARDI: la vita e le opere CANTI ( ) OPERETTE MORALI Ultimo canto di Saffo L infinito La sera del dì di festa Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di Tristano e di un amico Cantico del gallo silvestre LO ZIBALDONE DI PENSIERI: La teoria del piacere La doppia visione Parole poetiche CANTI ( ) A Silvia Canto notturno di un pastore errante dell Asia La quiete dopo la tempesta Il sabato del villaggio IL CICLO DI ASPASIA ( )A se stesso CANTI ( ) La ginestra ( vv.1-157; vv ) LA CRISI DEL ROMANTICISMO E LA SCAPIGLIATURA. EMILIO PRAGA Preludio ( da Penombra ) NATURALISMO E POSITIVISMO IL REALISMO FRANCESE E.ZOLA E IL ROMANZO SPERIMENTALE G. FLAUBERT I sogni romantici di Emma ( da Madame Bovary ) E. e J. DE GONCOURT Un manifesto del naturalismo IL VERISMO ITALIANO GIOVANNI VERGA I MALAVOGLIA lettura integrale VITA DEI CAMPI Rosso Malpelo La lupa Fantasticheria NOVELLE RUSTICANE Libertà C Classe V C 11

12 GIOSUE CARDUCCI Vita e opere RIME NUOVE Il comune rustico ODI BARBARE Alla stazione in una mattina d autunno IL DECADENTISMO IN EUROPA. La poetica del Simbolismo. Simbolismo europeo e decadentismo italiano C. BAUDELAIRE Corrispondenze L albatro GIOVANNI PASCOLI la vita e le opere MYRICAE X Agosto L assiuolo Novembre Arano CANTI DI CASTELVECCHIIO Il gelsomino notturno PRIMI POEMETTI Digitale purpurea PENSIERI E DISCORSI Il fanciullino GABRIELE D ANNUNZIO la vita e le opere IL PIACERE ALCYONE Un ritratto allo specchio: Andrea Sperelli ed Elena Muti La sera fiesolana La pioggia nel pineto IL NOVECENTO: GLI ORIENTAMENTI CULTURALI DAL PRIMO NOVECENTO AGLI ANNI VENTI LE AVANGUARDIE LETTERARIE IN ITALIA. LE PRIME RIVISTE FIORENTINE ( Il Leonardo, Hermes, La Voce, Solaria ) I CREPUSCOLARI GUIDO GOZZANO La signorina Felicita ovvero La Felicità Totò Merumeni IL FUTURISMO FILIPPO TOMMASO MARINETTI Il primo manifesto del Futurismo C Classe V C 12

13 Manifesto tecnico della letteratura futurista ALDO PALAZZESCHI LUIGI PIRANDELLO L UMORISMO E lasciatemi divertire! la vita e le opere Un arte che scompone il reale IL FU MATTIA PASCAL lettura integrale NOVELLE PER UN ANNO Il treno ha fischiato Ciaula scopre la luna ITALO SVEVO la vita e le opere LA COSCIENZA DI ZENO lettura integrale IL NOVECENTO: ORIENTAMENTI CULTURALI DAGLI ANNI VENTI AGLI ANNI CINQUANTA GIUSEPPE UNGARETTI la vita e le opere L ALLEGRIA IL DOLORE In memoria San Martino del Carso Veglia I fiumi Soldati Non gridate più EUGENIO MONTALE OSSI DI SEPPIA LE OCCASIONI la vita e le opere Meriggiare pallido e assorto (in fotocopia) Non chiederci la parola Spesso il male di vivere ho incontrato I limoni Cigola la carrucola nel pozzo La casa dei doganieri Non recidere, forbice, quel volto Dora Markus LA BUFERA ED ALTRO La primavera hitleriana UMBERTO SABA : IL CANZONIERE la vita e le opere La capra Città vecchia Teatro degli Artigianelli C Classe V C 13

14 SALVATORE QUASIMODO: la vita e le opere ACQUE E TERRE: Vento a Tindari Alle fronde dei salici Ed è subito sera IL NOVECENTO : gli orientamenti della cultura dal secondo dopoguerra ai giorni nostri Il PARADISO di DANTE ALIGHIERI Lettura dei seguenti canti: I (vv.13-33), III, VI, XI, XII (vv.1-120), XV, XVII, XXVII, 1-39). XXXIII (vv. Genova, 7/05/201 C Classe V C 14

15 Scheda Analitica Materia: Latino Prof.ssa: Tiziana Salvatori Obiettivi 1. Ripasso delle strutture sintattiche fondamentali 2. Corretta e ragionata interpretazione dei passi d autore 3. Conoscenza delle linee fondamentali di sviluppo della letteratura latina, con il supporto di letture antologiche e con riferimento agli influssi sulla lingua e sulla letteratura italiana Argomenti e contenuti espressi in forma analitica SINTASSI Riepilogo della sintassi del verbo Riepilogo e completamento dello studio della sintassi del periodo Libro di testo: L ETA DEI GIULIO-CLAUDI FEDRO : la vita e le opere ( In traduzione italiana :Il lupo e l agnello, Il corvo e le Penne del pavone, La volpe e l uva, La rana scoppiata e il bue ) SENECA: la vita e le opere LUCANO : la vita e le opere PERSIO : la vita e le opere PETRONIO: la vita e le opere MARZIALE: la vita e le opere QUINTILIANO:la vita e le opere C Classe V C 15

16 L ETA DI TRAIANO TACITO: la vita e le opere GIOVENALE: la vita e le opere L ETA DI ADRIANO APULEIO: la vita e le opere LA LETTERATURA CRISTIANA L APOLOGETICA TERTULLIANO: la vita e le opere LA PATRISTICA S.AGOSTINO SENECA Traduzione di EP. AD LUCILIUM: XLVII TACITO Lettura in traduzione italiana: Annales proemio Criteri e modalità di svolgimento del programma C Classe V C 16

17 Nello svolgimento del programma è stata privilegiata un impostazione metodologica di tipo critico, più che meramente informativa, e si è cercato di dar rilievo ad autori e ad opere che offrissero maggiori opportunità di collegamento e di confronto sul piano tematico e stilistico Tipologie di verifica 1. Traduzione di un testo di autore latino 2. Questionario di letteratura latina 3. Colloqui individuali Criteri e modalità di costruzione e di presentazione delle prove 1. Proposta di un testo in latino più o meno lungo da tradurre in classe con la guida dell insegnante e con la partecipazione di tutti gli studenti non solo all esercizio di traduzione, ma anche di analisi stilistica Criteri di correzione e di valutazione delle prove C Classe V C 17

18 SCRITTO 1: Grado di comprensione del significato del testo 2. Capacità di individuazione e interpretazione delle strutture morfosintattiche 3. Capacità di utilizzare adeguate strutture della lingua italiana per rendere la sostanza e lo spirito del testo latino 4. Capacità di analisi contenutistico-stilistica e di confronto critico ORALE 1. Padronanza dei contenuti 2. Chiarezza concettuale e correttezza espositiva 3. Capacità di rielaborazione critica Note circa i contatti e le decisioni prese per la costruzione di prove comuni di classi parallele Non è stato possibile realizzare prove comuni per il latino scritto Allegati: testo della terza prova Note sul lavoro svolto e sulla preparazione della classe La classe ha seguito una parabola discendente dal primo al terzo anno sia per quanto concerne l impegno, molto discontinuo per non pochi alunni, sia per l interesse e la partecipazione, scarsi nella maggioranza dei casi. Gli studenti dotati di buone capacità non si sono dimostrati in grado di fungere da traino per gli altri, ma si sono a loro volta uniformati verso il basso. Nel complesso la convinzione generale di dover studiare una disciplina ostica ma inutile ha legittimato dal punto di vista dei più una inadeguata attenzione alla materia e ha fatto sì che la conoscenza del latino sia diventata approssimativa e superficiale.da segnalare inoltre l abitudine di alcuni studenti a collezionare numerosi ritardi e assenze Genova, 7/05/2015 Firma C Classe V C 18

19 MATERIA: Inglese TESTO USATO: B.De Luca,D.J.Ellis P.Pace,S.Ranzoli "Words that Speak" vol 1 e 2 ed. Loescher DOCENTE: Prof.ssa: Ottavia Parodi Obiettivi 1. Imparare a leggere, capire un testo letterario in inglese, individuandone i concetti chiave. 2. Identificare i fattori socio-culturali impliciti nel testo e collegarlo al proprio contesto letterario. 3. Trattare oralmente argomenti letterali con particolare riferimento alle letture svolte. 4. Imparare a leggere e capire testi di vario genere e rielaborarne il contenuto in modo sintetico. Argomenti e contenuti espressi in forma analitica THE ROMANTIC AGE ( ) pp S.T. Coleridge The Rime of the Ancient Mariner Text one pp Text two pp William Wordsworth Composed upon Westminster Bridge p. 201 I Wandered Lonely as a Cloud p. 262 The Solitary Reaper pp My Heart Leaps Up p. 296 Jane Austen An extract from "Pride and Prejudice" pp Mary Shelley An extract from Frankestein p. 297 P.B. Shelley Ode to the West Wind pp John Keats Ode on a Grecian Urn pp C Classe V C 19

20 THE VICTORIAN AGE ( ) pp Charles Dickens An extract from "Oliver Twist" pp An extract from "Nicholas Nickleby" pp An extract from "Hard Times" pp R.L.Stevenson An extract from "The Strange Case of Dr Jekyll and Mr Hyde" pp R.Kipling The Mission of the Colonizer Lispeth pp Oscar Wilde An extract from "The Importance of Being Earnest" Two extracts from The Picture of Dorian Gray pp. pp G. B. Shaw Pygmalion Text one pp TH THE FIRST HALF OF THE 20 CENTURY pp E. M. Forster An extract from "A Passage to India" pp A Room with a View An extract from "A Room with a View" Virginia Wolf An extract from "To the Lighthouse" pp Mrs Dalloway An extract from "Mrs Dalloway" pp J. Joyce C Classe V C 20

21 Eveline pp (vol. 1) Criteri e modalità di svolgimento del programma Il programma è stato svolto seguendo uno dei percorsi didattici suggeriti dal libro di testo e cioè partendo dall analisi del testo per giungere, al contesto storico e/o letterario. Ciascun testo è stato analizzato sulla base di attività svolte a facilitare allo studente la comprensione dei contenuti, dei temi e degli aspetti stilistici e a guidarlo nell organizzare i dati e le osservazioni personali, potenziando la capacità di usare la lingua straniera. Sono stati trattati alcuni fra gli autori più significativi degli ultimi due secoli e rappresentativi dei vari generi letterari. Tipologie di verifica Comprensione e rielaborazione di testi letterali Trattazione sintetica di argomenti inerenti al programma di letteratura Colloquio su argomenti letterali e discussione dei testi letti Sintesi di brani letterari Criteri e modalità di costruzione e di presentazione delle prove Le prove sono state costruite sulla base del lavoro in classe e/o secondo i criteri stabiliti per la terza prova d esame, quindi stabilendo un numero limitato di righe per la trattazione degli argomenti. Criteri di correzione e di valutazione delle prove I parametri di riferimento sono stati i seguenti: Fluency nell uso della lingua Correttezza ortografica C Classe V C 21

22 Correttezza grammaticale Uso di lessico appropriato Contenuto pertinente alle richieste Note sul lavoro svolto e sulla preparazione della classe Conosco gli alunni, rispettosi ed educati, fin da quando frequentavano la classe seconda e, come avviene in ogni percorso didattico, qualcuno non è riuscito a proseguire, mentre qualcun altro si è aggiunto nel corso degli anni. Non si può certo riassumere in poche righe il lavoro svolto in quattro anni, ma mi auguro di aver fatto amare la materia e di aver suscitato in questi ragazzi interessi, curiosità di leggere un testo, piacere di vedere un film in lingua originale e di apprezzarne non solo la lingua, ma anche i temi, i contenuti e i valori proposti. Quando è stato possibile,inoltre, ho letto loro versi "importanti"o anche semplici frasi presi da opere appartenenti non solo alla letteratura inglese, ma anche a quella italiana e talvolta francese. Sono state anche ascoltate, in classe, alcune canzoni, poche, ma particolarmente significative o perché appartenenti ad una determinata epoca o per i temi contenuti in esse. La trattazione degli argomenti del programma ha sempre preso spunto dalla lettura e dalla discussione dei testi letterari e si è sviluppata attraverso confronti tra le varie tematiche, anche a livello interdisciplinare. Non è stato sempre possibile approfondire o ampliare il programma, soprattutto per le difficoltà di un certo numero di alunni nel raggiungere gli obiettivi proposti, talvolta anche quelli minimi. E' doveroso da parte mia, inoltre, precisare che il programma relativo al Novecento è particolarmente limitato a causa dell'assenza personale dovuta a motivi di salute. Tuttavia, spero che i ragazzi più attenti e partecipi, nonché sensibili, abbiano capito il mio intento di dar loro la possibilità di venire a conoscenza di contenuti davvero belli e sempre attuali, soprattutto dal punto di vista umano. Alcuni alunni, seppur costantemente sollecitati, hanno preso parte allo svolgimento delle lezioni in modo attivo e serio al lavoro svolto; altri, invece, hanno contribuito solo in modo marginale,talvolta discontinuo. Pochi, inoltre, non sono riusciti a colmare certe lacune per motivi diversi, quali per esempio, scarsa applicazione allo studio e/o frequenza incostante. Pertanto, il livello di preparazione raggiunto varia a seconda delle competenze linguistiche acquisite,della frequenza e dell'impegno. L'impegno,in particolare,ha inciso positivamente sulla valutazione finale di un cospicuo numero di alunni che hanno dimostrato, nell'arco dei quattro anni, serietà, responsabilità, diligenza davvero lodevoli. Genova, Firma C Classe V C 22

23 SCHEDA ANALITICA: Filosofia Prof. Guido Bonomi OBIETTIVI 1- saper individuare le tematiche fondamentali di ogni argomento 2- saper interpretare un testo filosofico, contestualizzando i concetti più importanti 3- saper operare confronti tra i diversi argomenti per cogliere l evolversi del pensiero anche in relazione all ambito culturale di riferimento 4- saper rielaborare in modo personale, con lessico appropriato, oralmente ed eventualmente per iscritto, i contenuti chiavi presenti negli argomenti oggetto di discussione. 5- saper argomentare in maniera razionale CONTENUTI Si veda il programma allegato METODOLOGIE E STRUMENTI DIDATTICI Il programma è stato affrontato attraverso lezioni frontali seguite da discussioni, commenti, approcci a diverse linee interpretative. Testo adottato La filosofia Abbagnano-Fornero vol.-3a-3b ed.paravia TIPOLOGIE DI VERIFICA Questionari scritti sul modello della terza prova dell Esame di Stato Colloqui orali CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Aspetti formali: ordine, chiarezza concettuale, utilizzo di un lessico appropriato Aspetti sostanziali: conoscenze, pertinenza, coerenza e capacità di argomentazione logica NOTE SUL LAVORO SVOLTO E SULLA PREPARAZIONE DELLA CLASSE La classe ha sempre partecipato in modo attivo all attività didattica,mostrando un buon livello di interesse. L impegno nello studio individuale è stato,nel complesso soddisfacente e gli obiettivi individuati in sede di programmazione didattico-educativa risultano,nel complesso perseguiti. C Classe V C 23

24 SCHEDA ANALITICA: STORIA Prof. GUIDO BONOMI OBIETTIVI 1- Saper delineare l evoluzione degli eventi 2- Saper riconoscere gli elementi peculiari e la logica di una struttura sociale 3- Saper individuare le cause che ingenerano trasformazioni e cambiamenti 4- Saper porre in relazione le trasformazioni economiche, sociali e politiche 5- Saper utilizzare un lessico appropriato 6- Saper argomentare in maniera razionale CONTENUTI Si veda il programma allegato METODOLOGIE E STRUMENTI DIDATTICI Il programma è stato affrontato attraverso lezioni frontali seguite da discussioni, commenti, approcci a diverse linee interpretative. Testo adottato Nuovo profili storici vol. 3, Giardina- Sabbatucci-Vidotto TIPOLOGIE DI VERIFICA Questionari scritti sul modello della terza prova dell Esame di Stato Colloqui orali CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Aspetti formali: ordine, chiarezza concettuale, utilizzo di un lessico appropriato Aspetti sostanziali: conoscenze, pertinenza e coerenza NOTE SUL LAVORO SVOLTO E SULLA PREPARAZIONE DELLA CLASSE La classe ha sempre partecipato in modo attivo all attività didattica,mostrando un buon livello di interesse e ponendosi in modo critico nei confronti degli argomenti trattati. L impegno nello studio individuale è stato,nel complesso soddisfacente e gli obiettivi individuati in sede di programmazione didattico-educativa risultano,nel complesso perseguiti. C Classe V C 24

25 PROGRAMMA DI STORIA A.S. 2014/2015 5C Prof. GUIDO BONOMI L età di Giolitti La crisi di fine secolo- la svolta liberale il decollo industriale la questione meridionale-i governi Giolitti e le riforme -il giolittismo e i suoi critici-la politica estera,il nazionalismo-la guerra di Libia la crisi del sistema giolittiano La Grande Guerra( ) Cause e responsabilità-lo scoppio del conflitto- la guerra di trincea - l'intervento italiano- 1917:l'anno della svolta- l'epilogo della guerra- la conferenza di pace- la Società delle Nazioni La rivoluzione in Russia Da febbraio a ottobre-la rivoluzione d ottobre- dittatura e guerra civile dal comunismo di guerra alla Nep la Terza Internazionale -da Lenin a Stalin:il socialismo in un paese solo. L eredità della Grande Guerra in Europa Il biennio rosso in Europa -rivoluzione e reazione in Germania la repubblica di Weimar Il dopoguerra in Italia e l avvento del fascismo I problemi del dopoguerra- il biennio rosso- la nascita del fascismo e la marcia su Roma le elezioni del il delitto Matteotti le leggi fascistissime - la fascistizzazione della società-la politica economica e la politica estera di Mussolini La grande crisi:economia e società negli anni 30 Gli Stati Uniti e il crollo del 1929-Roosevelt e il New deal- il nuovo ruolo dello stato Totalitarismi e democrazie L avvento del nazismo-il Terzo reich-l Unione Sovietica e l industrializzazione forzata- lo stalinismo-i fronti popolari-la guerra di Spagna-l Europa verso la C Classe V C 25

26 catastrofe La seconda guerra mondiale La guerra lampo- l'europa sotto il dominio tedesco- l'italia entra in guerra- la battaglia di Inghilterra - il piano Barbarossa - Giappone e USA in guerra- la riscossa degli alleati e la loro vittoria- gli incontri di Yalta - l'atomica sul Giappone la fine del conflitto La guerra fredda La fine della grande alleanza-la divisione dell Europa - l Unione Sovietica e le democrazie popolari -guerra fredda e coesistenza pacifica - il 1956 e la crisi ungherese La nascita di Israele e la questione palestinese Dall'Italia fascista all'italia repubblicana La caduta del fascismo -La resistenza- la Repubblica di Salò- i difficili equilibri dopo la liberazione- la Costituente- la Costituzione del 1948 e la nascita della Repubblica Italiana- le elezioni del 1948 e il trionfo della Democrazia Cristiana- la collocazione internazionale dell'italia il miracolo economico- la crisi del centrismo- la nascita del " centro sinistra " C Classe V C 26

27 PROGRAMMA DI FILOSOFIA A.S. 2014/2015 Prof. GUIDO BONOMI 5 C L idealismo romantico tedesco e il dibattito sulla cosa in sé Fichte 1. l infinità dell io 2. la Dottrina della scienza e i suoi tre principi 3. la struttura dialettica dell io 4. la dottrina della conoscenza 5. la dottrina morale e il primato della ragion pratica 6. il pensiero politico Hegel: 1. i capisaldi del sistema: - finito e infinito- ragione e realtà la funzione della filosofia 2. il sistema hegeliano: Idea-Natura-Spirito 3. la dialettica 4. la Fenomenologia dello spirito e i suoi tre momenti; alcune figure della Fenomenologia: signoria e servitù la coscienza infelice 5. l Enciclopedia delle scienze filosofiche: - l oggetto della logica - il punto di partenza della logica: essere - nulla - divenire - la natura come estrinsecazione spazio-temporale dell idea - la filosofia dello spirito: spirito soggettivo spirito oggettivo spirito assoluto 6. la filosofia della storia La Destra e la Sinistra hegeliana : caratteri generali Feuerbach 1. il rovesciamento dei rapporti di predicazione 2. la critica alla religione 3. la critica a Hegel 4. il materialismo naturalista e la prospettiva del filantropismo ateo Marx 1. la critica al misticismo logicodi Hegel 2. la critica dello Stato moderno e del liberalismo 3. la critica dell economia borghese e la problematica dell alienazione 4. il distacco da Feuerbach e l interpretazione della religione in chiave sociale C Classe V C 27

28 5. la concezione materialistica della storia 6. il Manifesto del partito comunista 7. Il capitale: merce, lavoro e plusvalore 8. la rivoluzione e la dittatura del proletariato 9. le fasi della futura società comunista Schopenhauer 1. Il velo di Maya 2. la volontà come noumeno 3. dall essenza del mio corpo all essenza del mondo 4. caratteri e manifestazioni della volontà di vivere 5. il pessimismo 6. le vie della liberazione dal dolore Kierkegaard 1. l esistenza come possibilità e fede 2. gli stadi dell esistenza 3. l angoscia 4. disperazione e fede Caratteri generali e contesto storico del positivismo europeo. A.Comte 1. la legge dei tre stadi e la classificazione delle scienze 2. la sociologia Dilthey 1. le scienze dello spirito e la teoria del comprendere storico 2. la differenza tra spiegare e comprendere Nietzsche 1. le caratteristiche del pensiero e della scrittura 2. il periodo giovanile : tragedia e filosofia 3. il periodo illuministico : la morte di Dio e la fine delle illusioni metafisiche 4. il periodo di Zarathustra: il superuomo e l eterno ritorno 5. l ultimo Nietzsche: il crepuscolo degli idoli etico-religiosi e la tra svalutazione dei valori,la volontà di potenza, il nichilismo e il suo superamento, il prospettivismo La reazione anti-positivistica e caratteri generali dello spiritualismo C Classe V C 28

29 Bergson 1. tempo e durata 2. la libertà come cifra della vita dello spirito 3. intuizione e intelligenza La rivoluzione psicoanalitica: Freud 1. dagli studi sull isteria alla psicoanalisi 2. la realtà dell inconscio e le vie per accedervi 3. la scomposizione psicoanalitica della personalità 4. i sogni, gli atti mancati e i sintomi nevrotici 5. la teoria della sessualità e il complesso edipico 6. la religione e la civiltà L esistenzialismo: caratteri generali Sartre 1. Immaginazione e fenomenologia 2. L essere e il nulla 3. L esistenzialismo come umanismo 4. Il confronto con il marxismo Il neopositivismo K.R. Popper 1. Popper e il neopositivismo 2. la riabilitazione della filosofia 3. il principio della demarcazione e il principio di falsificabilità 4. le asserzioni base e la precarietà della scienza 5. la critica epistemologica al marxismo e alla psicoanalisi 6. scienza e verità C Classe V C 29

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1

Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Che cos è che non va? Enrico Persico, Il Giornale di Fisica, 1, (1956), 64-67. 1 Mi dica almeno qualcosa sulle onde elettromagnetiche. La candidata, che poco fa non aveva saputo dire perché i fili della

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli