Quaderni di Biblos STORIA 32/11

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quaderni di Biblos STORIA 32/11"

Transcript

1 Quaderni di Biblos STORIA 32/11

2 bianca

3 Unione dei Comuni Udhja e Rashkiwf'BtLSA Italia, Albania, Arbéreshè fra le due guerre mondiali Italia, Shqipèria, Arbéreshè rnidis dy luftavet botèrore Atti del convegno (Mezzojuso, 28 novembre 2010) Presentazione e cura di FRANCESCO LKONCINI Palermo 2013 PITTI EDIZIONI

4 Questo volume è staio pubblicato con il sostegno finanziario dì: Regione siciliana Assessorato dei Beni Culturali e dell'identità siciliana 2013 Unione dei Comuni Udhja e Basbfe/uef BESA

5 INDICE Presentanone p. 7 Francesco Leoncini, L'Albania come parte dell^aropa centrale p. 11 Viro Scalia, Un ponte oltre l'adriatico p. 23 Antonio D'Alessandri, }M problematica nascita dello Stato albanese e il contributo di Anse!mo l^orecchio p. 53 Alberto Basciani, Preparando l'annessione. La politica culturale italiana in Albania negli anni di Zog (/ ) p. 83 Francesco Guida, // regno di re '/.og visto dalla documenta- *ione diplomatica italiana ( ) p. 105 Eugenio Bucciol, II perché di una mostra p. 119

6 bianca

7 Presentazione Come veneziano sono particolarmente lieto di curare la pubblicazione dei contributi al Convegno organizzato nel Castello di Mezzojuso (Palermo) in occasione dell'esposizione della Mostra fotografica «Albania, fronte dimenticato della grande guerra». Debbo ricordare che questa manifestazione ebbe l'alto patrocinio del Presidente della Repubblica e un Comitato d'onore assai prestigioso e comprendente un ampio spettro di istituzioni e associazioni. Esso venne promosso dall'unione dei Comuni Udhja e ftasbkivet BESA, Comune di Mezzojuso, Associazione Italiana Studi Sud Est Europeo (AISSEE) - Roma, Centro di Documenta/ione Storica sulla Grande Guerra (CEDOS Grande Guerra) - San Polo di Pi ave (Tre vi so), di cui mi onoro di essere presidente. È stata un'occasione di assoluto rilievo per il confronto e il dibattito tra autorevoli studiosi di varia provenienza e forma- Presidenza del Senato delln Repubblica, Presidenza della Camera dei Deputati, Ministero per i rapporti con le Regioni e per la Coesione Territoriale, Presiden/a Assemblea Regionale Siciliana, Presidenza della Giunta di Governo Regionale, Assessorato Regionale Beni Culturali e dell'identità Siciliana, Provincia Regionale di Palermo, Comuni di: Nicosia (Enna) e Biancavilla (Catania), Ambasciata della Repubblica d'albania, Università: Coscnza, Palermo, Roma Tre, Gì' l-'oscan Yene/ia, Facoltà teologica di Sicilia, Conferenza Episcopale Italiana, Kparchia di Piana degli Albanesi, Hparchia di Lungro, Badia Greca di Grottafcrrata. 7

8 zione culturale e, soprattutto, per sviluppare quelle sinergie tra Nord e Sud d'italia che forze stolide e immemori vorrebbero in qualche modo fiaccare. E la storia albanese aiuta a ricollegare eventi ed esperienze che ebbero il loro baricentro lungo tutta la Penisola. A ragione Eugenio Vaina de Fava, l'ardimentoso cattolico democratico e mazziniano, che inaugura la Collana «La Giovine Europa» promossa da Umberto Zanotti Bianco (Giorgio D'Acandia) con il suo Albania che nasce (Battiate, Catania 1914) ricorda che «Fin dai primordii del secolo XIII, quando i mari d'oriente si riaprono all'europa, [...] fu Venezia la prima potenza occidentale che nutrì rapporti costanti coir Albania» e «quanto di essa, lingua, arte e costumi, si propagò durevolmente in Albania non fu come l'impronta romana segnato direttamente dall'artiglio, ma trasudò piuttosto all'interno insensibilmente, per effetto de' continui scambi che avevan luogo nei mercati costieri.» (pp ). Ovviamente non vanno dimenticate le gesta di Skanderbcg nel Regno di Napoli, la solenne accoglienza che ebbe a Roma come strenuo soldato di Cristo. Indubbiamente gli insediamenti albanesi in Calabria, Sicilia, Puglia e Molise costituirono quella salda testa di ponte che legò indissolubilmente l'italia alla storia del vicino popolo d'oltreadriatico e nell'allora «asburgica» Trieste si svolse nel marzo 1913 il Congresso albanese nel quale si confrontarono per la prima volta i diversi esponenti del movimento nazionale. Riconosciuto lo Stato indipendente in quello stesso anno, il governo italiano non si discostò da una condotta puramente strumentale nel trattare i problemi geopolitici dell'area balcani- Oltre agli autori dei saggi di questo volume hanno partecipalo all'incontro Francesco Alamari (Università della Calabria) e Mattco Mandala (Università di Palermo). 8

9 ca, vale a dire in funzione di quelli che potevano apparire i suoi interessi «di potenza». Il Patto di Londra stabilì subito lo smembramento del neonato Stato albanese e in tal modo non vennero tenute in alcuna considerazione le spinte a favore del riscatto delle nazionalità, che invece animavano le correnti interventiste di origine risorgimentale. Queste ebbero un fugace protagonismo con il Congresso di Roma dell'aprile 1918, che chiamò a raccolta i rappresentanti dei popoli soggetti ali'austria-ungheria e segnò una svolta di breve durata nella rigida e contraddittoria politica sonniniana. L'approccio accortamente mercantile e pragmatico che era stato alla base della presenza veneziana in Adriatico venne comunque definitivamente abbandonato. Venezia, marzo 2013

10 10

11 FRANCESCO LHONCINI ' L'Albania come parte dell'europa centrale È innanzitutto necessario abbandonare il termine «Balcani» per indicare l'area compresa tra la catena dei Carpazi orientali e i mari Adriatico, Egeo e Nero, e questo non tanto per il vezzo di introdurre nuove terminologie o nuove definizioni quanto piuttosto perché tale connotazione appare sempre più obsoleta e fortemente fuorviante. Essa sembra evocare in maniera pressoché esclusiva sventure, immani tragedie, inarrestabili scontri etnici, divisioni ancestrali, come se altre regioni d'europa fossero state immuni nel corso dei secoli e nella storia più recente da eventi che abbiano profondamente e negativamente segnato la vita degli uomini per motivi sociali, ideologici, religiosi o di razza, fossero state esenti da eccidi, localismi e nazionalismi esasperati, precarietà di vita, feroci contrapposizioni. Basterebbe pensare alla stona delle nostre città, l'una contro l'altra armate, e al loro stesso interno divise in agguerrite fazioni pronte a lotte furibonde, tanto da ridurre la Penisola italiana per secoli sotto il dominio straniero, e constatare come ancora oggi una consistente forza politica riproponga divisioni e secessioni. Ma tanti altri luoghi e popoli d'europa sono stati segnati da sanguinosissimi scontri e da persecuzioni, spesso molto più che negli stessi «Balcani», la Russia dei pogrom, la Spagna della guer- Unìversità Ca' Foscari Venezia. 11

12 ra civile, la Germania e la Polonia dei campi di concentramento e di sterminio, i milioni di persone espulse dalle loro regioni di residenza dopo la Seconda guerra mondiale, e come non ricordare il secolare conflitto tra francesi e tedeschi, conclusosi solo negli anni '60 del secolo scorso grazie a due personalità di eccezionale rilievo quali Charles De Gaulle e Konrad Adenaucr. I «Balcani» non sono dunque da considerarsi come qualcosa di oscuro e tribale, una sorta di Halb-Asien, di «quasi Asia», conficcata in Europa> priva di connotati «civili», ììaìkan in fin dei conti è un nome geografico. Eppure anche i socialisti tedeschi del XIX secolo consideravano «spazzatura di popoli» (l-'ò/kerabfiillé) le genti che abitavano quella regione.' Abbiamo assistito a una vera e propria criminalizzazione delle popolazioni balcaniche, considerate, come tutte quelle che stanno al di là della linea ideale Berlino-Tricste-Otranto, europei di serie B e nella fattispecie anche di serie C, perché descritte più aggressive e brutali.* Ci si è tra l'altro dimenticati che il nazionalismo è nato a Ovest e che il virus ha contagiato successivamente la parte centrale e orientale del Continente. Gabriele D'Annunzio contrapponeva la 'venezianità' alla barbarie degli slavi, che chiamava 'uscocchi'. A sua volta il grande storico della romanità Thcodor Mommsen incitava i tedeschi d'austria a spaccare il cranio ai cechi, apostoli della barbarie. II fatto è che l'europa, come ricorda la studiosa «iugoslava» ' Cfr. M. TODOKOYA, Immaginando i Bakarii, Argo, Lecce 2002, p. 63. " Appare assai utile a questo proposito l'epilogo On Vìa/enee del volume di MAUK MA/OVKK, The Balkans, Phocnix Press, London 2001, pp dove tra l'altro si legge: «thè wartìme slave Itihour camp ai Maiithausen induated (bai thè Austrìans dìd noi bave mucb io learn from Bosnian Serbi about violente. [...] // uws, afler ali, neither thè peoples of thè Ba/kuns nor tìmr r/ilen wiio give birlb tu I he (ìulug, thè extermination camp or thè Terror. Wehrmacht soldiers - no! io mcntion other Nu^i agenàes killeil jar more peopìe in thè Ralkans tlhin mere killedby thcm.ti (p. 129). 12

13 Rada Ivekovic, si è sempre definita in forma binaria, dove l'europa dell'ovest intende considerarsi come il «tutto»: Essa sì è sempre autodeterminata nella sua sroria ridcfinendo le proprie frontiere verso l'est e infine verso l'asia». Di conseguenza, questo Altro non le si rivela come cosoggetto, ma turt'al più come vuoto, come assenza oppure come una realtà che al massimo l'europa, quella dell'ovest, può solo colonizzare, educare, omologare a se stessa. L'Albania partecipa di questo carattere di subalternità che ha coinvolto tutto lo spazio che va dal Baltico all'egeo e che si situa tra la Germania e la Russia. È questo il complesso di territori e nazioni che deve essere definito come P^uropa centrale superando così la distinzione assai limitativa tra una Mìtteleuropa di stampo germamco-asburgico, collocata in un contesto che appare già «Occidente», e quindi più vicina a quella che si ritiene essere la fonte stessa della civiltà, e i Balcani, intesi come un inesauribile focolaio di crisi. L'insieme di paesi e popoli inseriti in questo lungo segmento geostonco ha vissuto in realtà nel corso dei secoli un'esperienza comune che li identifica a tutt'oggi in maniera unitaria, quella cioè di essere un'«area di competizione e di contrattazione» tra le grandi potenze. Esso è stato la «frontiera» di conquista e di scontro dell'impero bizantino, dell'impero germanico, della Repubblica di Venezia, dei mongoli, dell'impero ottomano, della Svezia, della Russia, quando questa si sostituì alla Svezia come grande potenza del Nord, del Papato. Si tratta perciò di popolazioni che sono state per lo più sfruttate e strumentalizzate secondo scopi e finalità estranee ai loro interessi oppure abbandonate a se stesse in momenti cruciali della loro storia. Così avvenne nel 1938 a Monaco per la Cecoslovacchia e successivamente a Jalta nel 1945 e ancora, balcanizzazione della ragione, Mamfestolibn, Roma 1995, p

14 dopo l'89, quando il ruolo di quello che un tempo la pubblicistica sui Balcani definiva il «Tribunale dell'occidente» e che ora potremmo individuare nella diarchia franco-tedesca e nella Nato, è stato di assoluto rilievo nel condizionare gli eventi. In un mio recente saggio intitolato l^i questione dei Sudeti e la questione del Kosovo: conflitti etnici e strategie internazionali * concludevo affermando che, sulla base di quanto era avvenuto in quelle regioni nell938enell999, le strategie delle grandi potenze sono di gran lunga estranee alla conclamata difesa dei diritti delle popolazioni minoritarìe e in entrambi Ì casi hanno avuto come conseguenza la fine di una convivenza secolare. Appare pertanto del tutto riduttivo e costituisce una banale perpetuazione di luoghi comuni, che purtroppo si sono sedimentati in larga parte della storiografia, considerare l'ottocento come il secolo dei nazionalismi in Europa centrale e addebitare alla conflittualità interna ai Balcani e alla irresponsabilità di gruppi «terroristici» lo scoppio del primo conflitto mondiale." Potremmo invece più correttamente parlare di autodifesa na^iona- 4 In Si-AVI A, XYI(2007) 3, pp Ora pubblicato anche in: Assimilalone, integrazione, esclusione e reazione etnica, a cura di A. Pavaii e G. Girando, voi. Il, Editura Muzeului Jàrii Crisunlor, Oradea 2012, pp s Ivi, p È il caso dì stigmatizzare il titolo del volume collettaneo Balcani A.l!e orìgini di un secolo di conflitti [Beit, Trieste 2009] curato da Al.BKKTO BASCIAN] e ANTONIO D'ALESSANDRI, che addirittura sembra far risalire tutte le disgrazie dell'europa del Novecento a quella dannata regione, ancora prima del '14! Nella premessa i curatori sostengono: «Dopo il 1908 questa 'barbara e selvaggia''periferia si avviava a diventare la 'polveriera d'europa', capace di mandare in crisi il vecchio ordine politico e quel collaudato sistema di balancc of power secondo cui i cambiamenti erano diretti esclusivamente dal concerto delle tradizionali grandi potente, a volle pacificamente, a volte con ti ricorso alla guerra» (pp. 7-8). I7- esattamente il contrario, sono le grandi potenze che condizionano pesantemente gli eventi nell'europa centro- 14

15 le e di rinascita nazionale per i popoli soggetti ai quattro grandi imperi dell'area, vale a dire l'austro-ungarico, l'ottomano, il russo e il germanico, e che si stavano emancipando cercando forme di autonomia o addirittura ottenendo una limitata indipendenza. Ambienti culturali italiani di stampo mazziniano furono particolarmente sensibili a questi movimenti. Ho già ricordato nella Presentanone la Collana «La Giovine Kuropa», che iniziava le sue pubblicazioni presso l'editore Francesco Battiate) di Catania proprio con una monografia dedicata all'albania. Scopo della collezione, si affermava nella quarta di copertina, è quello di dare una visione completa delle vere condizioni delle nazionalità oppresse, di rivelarne le aspirazioni, studiando tutte le possibilità delle loro realizzazioni. A riprova dell'impegno con il quale si era affrontato il compito si precisava: La compilazione affidata a uomini di progresso e di fede, sarà condotta con metodo dì sincerità e serietà assoluta: la lettura dei volumi sarà perciò utile non solo a quelli che credono nella vittoria finale del principio di nazionalità, ma anche a coloro i quali, pur seguendo il criterio di equilìbrio che guida l'attuale polìtica internazionale, non possono tuttavia ignorare quelle correnti sotterranee che costituiscono la ragione ultima dei più grandi avvenimenti della vita dei popoli. L'anno dopo vi apparve quella monografia del triestino Giani Stuparich su LM nazione cìyca, che restò per mezzo secolo in Italia uno dei pochi elementi di riferimento sull'argomento, ristampata nel 1922 presso l'editore Ricciardi di Napoli, quando ormai era nata la Cecoslovacchia, e ancora nel 1969 da Longanesi, all'indomani della Primavera di Praga, con una prefazione di Vittorio Frosini. È la Germania la potenza dinamica che rompe l'equilibrio post napoleonico. Noi siamo abituati ormai alla concezione di Hobsbawm del «secolo breve», se invece cerchiamo di allargare 15

16 un po' di più la dimensione del XX secolo e andiamo a vedere le radici del «secolo breve» troviamo come il fattore di rottura dell'equilibrio internazionale, vale a dire l'ordine stabilito al Congresso di Vienna, sia stata l'unificazione tedesca. È questa il detonatore di tutti gli sviluppi successivi. Trattasi quindi di un secolo lungo ( ). Con l'unificazione la Germania diventa una grande potenza al centro dell'europa e costituisce il vero polo di attrazione e di destabilizzazione. Ciò determina tutta una serie di contraccolpi specie nei confronti dell'austria- Unghcria, la quale dopo lo scioglimento del Deutscher Burnì viene sospinta sempre più verso l'area centro-meridionale (i Balcani) fino a entrare in rotta di collisione con l'elemento serbo. Non era stato del resto un mistero per nessuno che al momento di congedare Bismarck, Guglielmo II avesse indicato per il proprio paese l'obiettivo di diventare una potenza di rango mondiale: Weltpolitìk aìs Aufgabe, Weltmacht als Zie/, flotte ah Instrument (Politica mondiale come compito, potenza mondiale come traguardo, flotta come strumento). In questo quadro l'austria-ungheria con i suoi territori balcanici e addatici avrebbe assunto il ruolo di ponte verso l'asia e l'africa. Alla base di tutto ciò c'era la creazione di un compatto nucleo territoriale sotto dominio tedesco comprendente le regioni circostanti. Quest'ultimo progetto venne ripreso e rilanciato nel settembre del 1914 dal cancelliere Bethmann Hollwcg quale scopo immediato della guerra e fu ampiamente sviluppato da Friedrich Naumann nel suo studio pubblicato a Berlino l'anno successivo e intitolato, per l'appunto, Mittekuropa. Una delle tante varianti di quel Drang nach Osten che ha caratterizzato la storia tedesca. È questo il quadro di riferimento all'interno del quale devono essere valutate le vicende dell'europa centro-meridionale, in particolare a partire da quel Congresso di Berlino del 1878 con il quale Bismarck aveva aperto la strada alla penetrazione au- 16

17 striaca nella regione permettendo l'occupazione della Bosnia e del Sangiaccato di Novi Pazar, cosa che dava la possibilità di impedire un rapporto diretto tra Serbia e Montcnegro e un accesso serbo al mare. L'annessione della Bosnia nel 1908 conferma questa direttrice'1 e sottolinea la connivenza del governo di Vienna con la strategia geopolitica tedesca che si stava dispiegando lungo la linea Berlino-Baghdad. Masaryk osserva tra l'altro come l'imperatore Guglielmo, seguendo le orme di Federico il Grande, meridionale cff- M. Gu-NNY, The Balkans Nationalism, \\"ar and thè Great Powers, Granfa Books, London In particolare vi si precisa a proposito dello scoppio del conflitto: «Tbegreatpowers seemed lo bave ali bui lost their ability fo cajole thè Balkan States ìnto serving esternai interests on thè peninsula. The Balkans were noi thè poivder keg, ai' i s so ofìen belìeved: thè metaphoris inaccurate. They vere rnerely thè powder traìlthat thè great poii'ers tbemselves had laìd. Thepmvder keg mas Europe.» (p. 243) 7 Nel suo scritto del 1915 dal titolo Danubio - Adriatico Sa IMO SJ.ATAI'KR osservava: «Ala la grandezza di Bismarck sta, come tutti sanno, nell'avere riconciliato l'austria proprio facendole compiere verso i Balcani la funzione tedesca eh 'essaprima aveva in Italia, [...] Bisognava trovare una nuova strada di espansione in ricamino dell'italiana e una nuova base dì equilibrio interno, in compenso della Germania perduta, Ea strada d'espansione furono gli slavi meridionali, la nuora base di governo fu la compartecipazione al potere dei magari». Scritti politici, ii cura di G. STU l'aliici I, Mondadon, Milano 1954, pp IVI, p. 309: «...non è affatto t'ero, come in generale si crede in Italia, che l'abbandono del Sangiaccato di \ot>ì - Bazar da parte dell'austria all'epoca della definitiva annessione della Bosnìa sia stata una nera rinuncia alla Serbia e a Salonicco, dovuta alla diplomazia italiana: il Sangiaccato in realtà non importava niente alla monarchici da quando il suo slato maggiore aveva dichiarato eh 'esso militarmente era una trappola e che l'unica via d'invasione della Serbia non poteva essere che la valle del I 'ardar», " Particolare attenzione dedica a questo tema TOMAS GAKRICUf- MAS Ali YK nella prima parte del suo volume La Nuova Europa, il punto di vista slavo, a cura e con introduzione di I1'. Ll-X)N(.tNi, Kdiziom Studio Tesi, Pordcnone - Padova 1997 [ora distribuito dalle Udizioni Mediterranee di Roma], pp Egli scrisse questa sua opera programmatica nella temperie della guerra, ma le sue analisi si rivelarono fondate anche alla luce della successiva documentazione. Cfr. pure S. Sl.ATAPHK, Scritti, cit., / ^i rivoluzione politica europea: la Germania verso %v;w,pp

18 inaugurò un'attiva politica filo turca. La Grecia, la Romania, la Bulgaria, l'albania e perfino il Montenegro furono governati da dinastie e da principesse germanìchc. L'esercito turco fu affidato a istruttori prussiani. Da parte sua Slatapcr mette in evidenza che se l'austria fosse riuscita a tenere la penisola balcanica da Odessa a Salonicco, la Bulgaria, la Rumenia e la stessa Grecia diventavano sue appendici polìtiche, senza parlare dell'albania, inesistente di fronte a un tale enorme dominio. Che il Congresso di Berlino avesse segnato un inequivocabile spartiacque per i destini della regione centro-meridionale lo aveva subito capito un acuto studioso e uomo politico italiano Attilio Brunialti, vissuto tra il 1849 e il 1920, professore di diritto costituzionale e deputato per ben nove legislature. Egli dedica alle problematiche trattate in quella circostanza e alle soluzioni che ne erano scaturite cinque articoli pubblicati su la «Nuova Antologia» tra il 1879 e il 1881 e vede nell'affidamento della Bosnia-Erzegovina all'amministrazione austro-ungarica i segni di un grande mutamento nelle relazioni internazionali. L'avanzata austro-ungarica verso sud-est, la incipiente eclissi della Russia, hanno aperto una nuova fase della questione d'oriente: il problema non è più la Turchia in Europa, ma piuttosto l'egemonia dell'austria-ungheria nei Balcani. " E il maestro elementare Giuseppe Lo lacono di Contessa Entellina (Palermo), recatosi a svolgere il suo lavoro in Albania dal 1914 al 1920, avrebbe dovuto constatare appena arrivato che L'Austria tradendo il sentimento del popolo albanese, tradendo "'Ivi.pp " S. Sl.ATAPr.K, Scritti, cit., p * Cfr. M. Dot; o, il apri ti àpio di nazionalità» nei Balcani dopo il Congresso di Berlino, seconda uno scrittore italiano del tempii, in II). Storie balcanidie. Popoli e itati nella transizione alla modernità. Libreria Ktlitnce Goriziana, Gonxi;i 1999, pp , qui p

19 gl'impegni presi con l'italia, cominciava a considerare l'albania come una regione facente parte della duplice Monarchia. L'Albania è dunque insenta a pieno titolo nell'europa centrale, e le sue vicende, in particolare quelle documentate in questa mostra fotografica, ' la cui esposizione costituisce occasione del convegno, vanno riconsiderate proprio in questa nuova dimensione che accomuna il Nord e il Sud di quella che potremmo chiamare la Terza Europa. Non a caso nel 1939 si ebbero analoghi episodi di aggressione imperialista: allorché Hitler occupò la Boemia, immediatamente dopo Mussolini incorporò lo Stato adriatico. Da parte sua la Gran Bretagna da tempo considerava la Mitteleuropa alla stregua di uno spazio coloniale tedesco (German ìndia) mentre già con il Patto di Londra l'italia aveva dimostrato di avere poco rispetto per l'integrità di quel paese che solo un paio d'anni prima aveva contribuito a creare assieme all'austria. Quell'accordo prevedeva la sostanziale spartizione dell'albania. Ancora una volta le grandi potenze intervenivano in maniera pesante e arbitraria sul tessuto dell'«altra Europa». Abbandoniamo pertanto i luoghi comuni, come quello dei «nazionalismi esasperati», la cui fucina sarebbe nei «Balcani», e parliamo piuttosto di «manipolazione dei nazionalismi», o di movimenti di riscatto nazionale che subiscono una radicalizza- 11 G. Lo lacono, l^ltalia in Albania ( ). Saggio introduttivo e cura di Yito Scalili, Unione dei Comuni BESA, Palermo 2010, p. 48. La mostra «Albania, fronte dimenticato della grande guerra», curata da Eugenio Buccio! è stata presentata in diverse città del Veneto, all'archivio di Stato di Vienna nel 2003 e alla Galleria Nazionale di Tirana nel 2(105. Appartiene al Centro di Documentazione Storica sulla Grande Guerra di S. Polo di Piave (Treviso) Mo ripreso in questo contributo alcune idee espresse nella presentazione al catalogo edito da «nuova dimensione», Portogruaro (Venezia),

20 zione ad opera di fattori esterni, di autocoscienza nazionale che talvolta sì esprime in forme estreme e disperate proprio in seguito alle decisioni dei protagonisti della scena internazionale. Un esempio eloquente ci viene offerto proprio riguardo a quest'area dal saggio dello studioso serbo Vojislav Pavlovic nel già citato volume Balcani 1908, sul tema «Le reazioni interne in Bosnia-Erzegovina di fronte all'annessione del 1908». " L'Autore ricorda come quella Mìada Bosna [Giovane Bosnial dalle cui file uscirà Gavrilo Princip, l'attentatore di Sarajevo a Francesco Perdonando, fosse nata dall'inasprimento della situazione politica dovuto all'annessione stessa, mentre inizialmente si erano formate delle associazioni di stampo letterario e di impegno sociale tra gli studenti del liceo di Mostar. Esse guardavano a Mazzini, ai socialisti russi ma soprattutto si avvalevano degli insegnamenti di Tomàs Masaryk, che dalla sua cattedra di filosofìa dell'università di Praga sviluppava tutta una azione volta a favorire il rinnovamento culturale degli slavi del sud e la loro reciproca integrazione. L'attività di questi gruppi, al quale appartenne anche Ivo Andric, futuro diplomatico e scrittore, premio Nobel, mirava innanzitutto a combattere l'analfabetismo, di cui era afflitta la stragrande maggioranza della popolazione. Ma questa prima fase di tipo gradualistico fu interrotta proprio dall'operazione condotta dall'austria che determinò nel movimento una svolta e un'accelerazione in senso nazionalistico. A ragione lo scrittore polacco di origine lituana Czeslaw Milosz, in un'intervista dell'89, prendendo spunto dal Patto Molotov-Ilibbentrop afferma che " Pp RgH si rifa, trii l'altro, al classico volume di VLADIMIR Dl-Dl- K, II groviglio htikanìco e Sarajevo, pubblicato in Italia da Mondadori,

21 Questa brutale spartizione di altri operata da due potenti stati, [gli] permette di definire cos'è l'europa del Centro. Sono tutti quei paesi che furono oggetto di prevaricazione. 16 L'Albania ha condiviso questo destino. '' Cfr. P. U. DlNl, Inanello baltico. Profilo delle nazioni ha/fiche Lituania, Lettonia, Estonia, Marietti, Genova 1991, p

22 22 bianca

23 Vl'I'O SCALIA Un ponte oltre l'adriatico /. Gli arheresbe e la questione albanese ( /3) Nella seconda metà dell'ottocento il lento tramonto dell'impero ottomano trasformò la regione balcanica nel terreno di scontro della politica di potenza dei maggiori stati europei e fece emergere all'interno della questione orientale la questione nazionale albanese. Il risorgimento dei popoli balcanici, accompagnato dalla ricerca delle origini storiche nazionali, si scontrava però con la frammentazione territoriale e religiosa delle appartenenze etnico-linguistiche. Il ruolo attivo svolto dalle potenze europee in competizione tra di loro portò alla nascita di stati indipendenti. Il Congresso di Berlino del 1878 confermò l'indipendenza serba e riconobbe come stati sovrani il Montenegro e la Romania. In quell'occasione un Comitato per la difesa dei diritti della nazionalità albanese (l^ega di Pri-yen) inviò un memorandum ai congressisti contro l'eventuale perdita di territori a favore dei nuovi vicini. La definizione dei nuovi confini, a danno di quello che si riteneva essere l'antico territorio d'albania, innescò il risorgimento della nazione albanese (la Rjlindjà} cui partecipò in maniera decisiva un movimento politico-culturale nato tra gli albanesi della diaspora. Come ha scritto E. Hòsch, A.rberesh di Piana dej>li Albanesi, ha conseguito il dottorato di ricerca all'università di Catania. Attualmente insegna nei licci. 23

24 durante la diaspora al dì fuori dell'ambirò di potere ottomano [...] queste élite colte si erano votate alla missione del risveglio e della liberazione dei loro compatrioti oppressi. In particolare, furono gli ambienti intellettuali italo-albanesi o arbéreshè (calabresi e siculi) a contribuire alla genesi della coscienza shqiptara contro le influenze greche, slave ed austriache, tramite giornali e riviste, comitati e società, e una produzione letteraria di notevole pregio, mentre gli albanesi continuarono a chiedere al sultano la concessione di ampie forme di autonomia amministrativa e quelle riforme spesso promesse e mai mantenute. In Italia le aspirazioni all'indipendenza trovarono un attento interlocutore in Francesco Crispi, lo statista italo-albanese che già nel 1879 aveva posto l'accento sulla reciprocità di interessi tra le due sponde dell'adriatico: la storia vi prova, fin da tempi memorabili, la frequenza e la ripetizione delle emigrazioni ed immigrazioni fra le due penìsole, dall'italiana alla balcanica e dalla balcanica all'italiana. [...] Ragioni politiche, ragioni di interesse economico esìgono che il nostro Governo non abbandoni la questione orientale e non la lasci risolvere senza esercitarvi la sua influenza." In effetti non erano solo ragioni sentimentali a spingere Crispi negli anni successivi a difendere l'esistenza di uno stato albanese indipendente; piuttosto era la difesa degli interessi italiani che muoveva la sua azione di governo sia contro la politica russa di espansione nei Balcani, tramite la Serbia (slavizzazione), per il predominio nel Mediterraneo sia contro i tentativi di annessione da parte dell'austria. Il controllo del porto di Valona da parte di quest'ultima avrebbe trasformato l'adriatico in un mare austria- ' E. Mosci I, Storia dei Balcani, II Mulino, Bologna, 2006, p. 51. " Discorso alla Camera dei Deputati, 3 febbraio 1879, cit. in S. l'mtkorrv MANDALA, Italia e Albania. L'opera degli italo-albanesi, Supremazìa Fascista, Roma-Palermo, 1940, pp

25 co e l'albania in un'altra tappa del suo ìn-orientamento, costituendo una minaccia permanente alla sfera di influenza dell'italia. Guerra diplomatica e intrighi internazionali, controllo di traffici commerciali e iniziative per orientare l'opinione pubblica, agitazioni e manifestazioni nelle colonie, propaganda religiosa e apertura di scuole, costituivano gli strumenti di cui le potenze si servivano per ridisegnare la carta politica dei Balcani. Ma non sempre gli intellettuali arbereshé furono d'accordo sui mezzi e sui tempi più appropriati per raggiungere l'indipendenza albanese, come dimostra il contrasto nel 1896 tra il poeta siculo-albanese Giuseppe Schirò, fautore della rivolta in armi contro la tirannia della me^aìuna^ e il presidente della Società nazionale albanese d'italia, il calabro-albanese Anselmo Lorecchio, che riteneva precoce una rivoluzione nella Shqipèria suscitata dall'esterno. Era a questi personaggi, assieme allo scrittore Girolamo De Rada, che la stampa internazionale di fine secolo attribuiva il risveglio della coscienza nazionale albanese. Il The Globe di Londra scriveva nel febbraio del 1898 che la principale spinta al movimento albanese si ebbe in Italia da parte degli Albanesi che ivi abitano, cui andava aggiunto il ruolo della colonia albanese di Bucarest. Questo ceto intellettuale della diaspora, discendente dagli albanesi rifugiatisi nell'italia meridionale e in Sicilia al tempo dell'avanzata turca (XIV-XV secolo) e della resistenza organizzata dal principe albanese Giorgio Kastriota Skandcrbeg, non coltivava soltanto un vago amore verso una lontana patria di origine Si vedano le due posizioni in GlUSKl'Pl-: ScHlRù, Gli Albanesi e la Q Balcanica (ed. or. Napoli 1904) ora in Ini-M, Opere, a cura di M. Mandala, voi. IX, Rubbettino, Soveria Mannelli (Garantirò), 1998, pp Cit. in Gu:s]-:]>H' Sci MRÒ, (*./i Albanesi e la Questione Balcanica, cit, p Il Borsen ^eitung di Berlino nello stesso anno scriveva: «è dall'italia che fu gittata la scintilla della propaganda nazionale in Albania», IVI. 25

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

INTERVENTO ON. BERGAMINI

INTERVENTO ON. BERGAMINI Informativa urgente del Governo sul trattamento riservato ai migranti nel Centro di soccorso e di prima accoglienza di Lampedusa, come emerso in un recente filmato trasmesso dalla RAI 21 dicembre 2013

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

LA GRANDE GUERRA sui media

LA GRANDE GUERRA sui media LA GRANDE GUERRA sui media 1 IL CENTRO http://ilcentro.gelocal.it/pescara/cronaca/2015/11/21/news/marini-la-grande-guerra-e-il-terrorismo- 1.12485624 Il CENTRO 22 novembre 2015 2 Il Messaggero 22 novembre

Dettagli

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina Imperialismo A partire dagli ultimi decenni dell'ottocento e fino alla Prima guerra mondiale, l'europa vive un periodo storico caratterizzato dal desiderio da parte di alcuni Stati del Vecchio continente

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Risorgimento e Unità d'italia

Risorgimento e Unità d'italia Risorgimento e Unità d'italia Il Risorgimento è il periodo in cui i territori italiani ottengono nuovamente l'unità nazionale che l'italia aveva perso con la caduta dell'impero romano. Durante il Risorgimento

Dettagli

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870)

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Il Risorgimento : creare l'italia 1 Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Introduzione : Momento centrale della storia italiana perché è il momento della nascita ufficiale di un paese

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale La Germania Era l'ultima tra le potenze arrivate Per poter conquistare e mantenere le proprie colonie, potenzia l'esercito e la flotta più delle altre nazioni europee, che non

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica ALICE SALOMON Samantha & Jessica come assistenti sociali siamo uniti nella certezza che il mondo non potrà essere riformato, che non potrà essere liberato da tutte le sue attuali sofferenze fino a quando

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

Simbolismi Storici dell Architettura

Simbolismi Storici dell Architettura Simbolismi Storici dell Architettura Mariachiara Mongelli Facoltà di Architettura Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica Federico Petronzi Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea

Dettagli

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi alla Conferenza Internazionale Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Padova, 15 giugno 2007 1 Il servizio civile come celebrazione del 50 dei trattati

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

La quotidianità di Giorgio

La quotidianità di Giorgio Giorgio La Pira La Storia Nella vita di Giorgio La Pira, spicca l'eccezionale personalità di un uomo ispirato dalla vocazione, votato alla pace e alla fratellanza, che seppe coniugare gli ideali del cattolicesimo

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO 1 PERCHÉ CONOSCERE L ITALIANO È UN PLUSVALORE? 2 Italiano lingua del cuore Feten Fradi - esperta comunicazione audiovisiva Copeam La mia esperienza personale

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA Credo che sia molto importante parlare di formazione degli insegnanti in generale ed in particolare credo che sia importante fare un confronto tra la nostra situazione

Dettagli

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani Alle radici della questione balcanica 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani L impero ottomano L impero turco ottomano raggiunge la sua massima espansione

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA Documento Assemblea 27 marzo 2003 INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA II Rapporto a cura

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Gli studi del cristianesimo in Cina

Gli studi del cristianesimo in Cina Gli studi del cristianesimo in Cina Gli studi del cristianesimo in Cina costituiscono sia un tema vecchio che un orrizonte assai nuovo. Essi hanno percorso le due ultime dinastie dei Ming e dei Qing come

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O L Impero Ottomano Massima espansione (1683) L Impero nel 1914 La

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti'

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Merate Hanno deciso di condividere con studenti, professori, amici e parenti

Dettagli

Le linee ferroviarie di Trieste

Le linee ferroviarie di Trieste Le linee ferroviarie di Trieste Trieste è da sempre una città porto cosmopolita, ricca di scambi, di afflussi di merci e di commercianti da tutto il Mediterraneo: basti pensare che fino a 5 anni fa era

Dettagli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli Proprietà letteraria riservata 1998 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07132-1 Prima edizione Rizzoli 1998 Seconda edizione BUR Storia giugno 2014 Seguici su: Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook:

Dettagli

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa

Il comportamento degli. italiani nei confronti degli. immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa Il comportamento degli italiani nei confronti degli immigrati. (seconda parte) Dalla Torre Laura Lisa 1 Dati Caritas. Nella parte di tesina che segue mi occuperò prima di una serie di dati raccolti dalla

Dettagli

Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore Mondi migranti

Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore Mondi migranti Maurizio Ambrosini, Università di Milano, Direttore Mondi migranti La regolazione dell immigrazione: un gioco complesso La spinta dell economia (e delle famiglie) Le resistenze della politica Gli interessi

Dettagli

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari

La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia: un percorso in cerca di conclusione di Alessandra Ferrari La validazione degli apprendimenti in Italia disegna un panorama molto variegato con differenze marcate

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

«Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013

«Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013 «Andemm all Domm» Milano 13 aprile 2013 Eminenza, Signore e Signori rappresentanti delle autorità pubbliche, Signore e Signori membri e protagonisti delle comunità educative delle Scuole Cattoliche e di

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO L OSSERVATORIO 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO 3 Febbraio 2014 E un Europa sospesa tra l essere minaccia e rappresentare

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

MILANO 20 Luglio 2013 ALBANIA 100 Anni di Nazione Divisa Il trattato di Londra, 1913

MILANO 20 Luglio 2013 ALBANIA 100 Anni di Nazione Divisa Il trattato di Londra, 1913 MILANO 20 Luglio 2013 ALBANIA 100 Anni di Nazione Divisa Il trattato di Londra, 1913 Il discorso di Darling Ismail Vlora è discendente del padre fondatore dello stato albanese Ismail Bey Vlora. "Memorandum

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul.

L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò la città di Bisanzio, l'attuale Istambul. Il territorio dell'impero Romano d'oriente prima delle conquiste di Giustiniano L'impero alla morte dell'imperatore nel 565 L'Impero Romano d'oriente sopravvisse fino al 1453, quando Maometto II conquistò

Dettagli

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa).

L età comunale può essere suddivisa in due periodi: inizi del Trecento); 1378 circa). L età comunale può essere suddivisa in due periodi: 1. periodod affermazione daffermazione(da metà XII secolo agli inizi del Trecento); 2. periodo di crisi (dai primi decenni del Trecento al 1378 circa).

Dettagli