RICORDI, DOCUMENTI E TESTIMONIANZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RICORDI, DOCUMENTI E TESTIMONIANZE"

Transcript

1 CAPITOLO VI RICORDI, DOCUMENTI E TESTIMONIANZE I ragazzi della scuola hanno potuto ascoltare la voce di chi c era e le parole dei familiari, arricchendosi così di informazioni, ricordi, emozioni vissute in prima persona dai protagonisti della Resistenza. Infatti, in diverse occasioni si sono organizzati incontri sia nella nostra scuola che presso l I.T. C. Blaise Pascal di Giaveno. Sono intervenuti gli ex-partigiani Michele Ficco, Filippo Gagliardi, Romano Bartolomeo (mancato alla fine del 2007) e le nipoti di Sergio De Vitis, Sig.ra Marina, Sig.ra Silvana (Pamina) e Sig.ra Gabriella. A tal proposito riportiamo qui di seguito l intervista realizzata dagli stessi alunni, che hanno dimostrato interesse e coinvolgimento nell ascoltare le parole commosse del partigiano Michele Ficco, autore del libro La gioventù che resta. Il partigiano Michele Ficco e le nipoti di De Vitis 6.1 SANGANO, SALA AGORÀ, VENERDÌ 23 FEBBRAIO 2007 Ragazzi: Ci potrebbe raccontare l episodio della Polveriera e del suo attacco? Partigiano: Innanzi tutto in Val Sangone c erano due polveriere: una a Sangano e una ad Avigliana. In quella di Sangano c era un presidio tedesco di 6-7, a volte anche di 10 soldati tedeschi, che sorvegliavano un deposito di munizioni. Quasi tutti i giorni arrivava un camion di Tedeschi a caricare le munizioni. Un giorno ne abbiamo sabotato uno; abbiamo sparato poi siamo scappati subito 44

2 perché sapevamo che arrivavano le autoblindo tedesche. Comunque l attacco alla Polveriera era avvenuto insieme ad altre azioni in Val Sangone, tutte dirette da Fassino, Falzone e Nicoletta. La mia brigata comandata da Cordero di Pamparato, detto Campana, aveva il compito di bloccare la strada sul ponte di Trana per salvaguardare quelli che contemporaneamente attaccavano la polveriera di Avigliana. Abbiamo messo tutti i vagoni del trenino della linea Torino Giaveno di traverso sulla strada. Verso le 17:00 sono arrivati i Tedeschi con le autoblindo. Giunti davanti ai vagone si sono fermati e non scendevano, perché avevano paura che ci fossero i partigiani, così si sono messi a sparare. Io ave - Gli allievi all Agorà vo fatto in modo di mettere un mio compagno di banda, ex sergente, su una collina in direzione del ponte con un fucile e una mitragliatrice. Il partigiano, quando ha sentito i Tedeschi sparare, ha aperto il fuoco, centrando subito qualcuno. Noi nel frattempo ci siamo potuti spostare nella strada di fianco per arrivare a Giaveno. I Tedeschi intanto avevano rimesso i vagoni del treno sulle rotaie, ma a questo punto stava diventando buio e nessuno attaccava di notte, neanche i Tedeschi, così si sono ritirati. Intanto si ritiravano anche i soldati che controllavano la polveriera di Avigliana dove, in quella occasione, è stato ferito Eugenio Fassino. R: Mentre voi bloccavate i trenini sul ponte di Trana, sapevate già che alla Polveriera c erano stati dei morti? P: Sì, lo sapevamo, ma non so chi ce l abbia detto; le informazioni molte volte ci arrivavano, non so come, forse qualche giovane mandato di corsa 45

3 ad avvertirci. R: Chi vi forniva le armi? P: Le armi si trovavano addosso ai soldati nemici e, ovviamente, quando uccidevamo prendevamo le armi del nemico. I soldati tedeschi erano molto timorosi, sapevano che in certe zone non dovevano avvicinarsi perché potevamo manomettere le loro munizioni. Sul trenino di Giaveno c era sempre qualcuno che saliva armato, con un mitra e qualche proiettile; mi ricordo di un ragazzo che era stato fermato sul trenino e l avevano portato in montagna nella mia brigata. Il ragazzo aveva molta paura perché quando ci portavano qualcuno noi dovevamo ucciderlo. Al pomeriggio era arrivato suo padre per cercarlo, supplicandoci di non ammazzarlo. Questo ragazzo mi era risultato simpatico, non so il perché, ma certe volte fra due persone si innesca qualcosa di positivo; così promisi al padre che non avrei ucciso suo figlio, ma l avrei messo a lavorare in cucina. Dopo aver fatto per un po di tempo l aiutante del nostro cuoco, si integrò nel gruppo, aiutandoci spesso negli attacchi. Era diventato un bravo partigiano. Dieci anni fa sono andato a trovare dei miei amici in un paesino e con loro sono andato al cimitero dove ho ritrovato la lapide di quel ragazzo. Mi sono veramente commosso! R: Conosceva personalmente De Vitis? P: Sì, l ho conosciuto, ma non benissimo; lui e la sua banda avevano la base verso la Maddalena, io invece sopra Cumiana, ai Morelli. Le uniche occasioni in cui ci potevamo incontrare erano le riunioni segrete dei vari gruppi. R: Perchè ha scelto di diventare Partigiano? P: Ho scelto di diventare partigiano per evadere alla chiamata della Repubblica 46

4 di Salò. Avevo già fatto un anno di servizio militare e per non ritornare ad arruolarmi non avevo altra scelta che entrare nelle bande partigiane. Come ho fatto?... Sono fuggito dalla caserma di Torino con la scusa di andare da mia madre per farmi accorciare i pantaloni della divisa, ma non sono più tornato. Ho preso il treno Torino-Giaveno, sono sceso vicino a Sangano e sono salito in montagna a far parte di una banda partigiana. R: A quale brigata apparteneva? P: All' inizio del movimento partigiano non esistevano brigate, ma solo gruppi armati di persone. Con il passare del tempo questi gruppi si ingrandirono sempre di più. I termini banda, brigata, divisione vennero usati solo successivamente per dare un' organizzazione chiara al movimento partigiano. Io appartenevo alla brigata Campana. R: Quali erano le condizioni di vita della sua brigata? P: Noi vivevamo in montagna: non era molto comodo dormire tra gli arbusti e i ricci, chi non era abituato e non sopportava l idea di dormire all aperto se ne andava. Io non potevo farlo perché come ho già detto ero scappato dalla caserma di Torino. R: Come si sentiva quando i suoi compagni morivano? P: Non potevi sentirti bene, quando un compagno o un caro amico moriva vicino a te! Ma tutti noi sapevamo perfettamente a cosa andavamo incontro e, come si dice, conoscevamo 47

5 i rischi del mestiere! Le azioni militari dei partigiani erano sempre rapide e ben studiate: bisognava colpire e scappare velocemente e se non si trovava una via di fuga, non si attaccava neppure. Questa era la prima regola delle bande! 6.2 R: Incontro alla scuola Media con i Partigiani Bartolomeo Romano e Filippo Gagliardi Voi conoscevate Sergio De Vitis? P: Sì lo conoscevamo. Io (Filippo Gagliardi) lo avevo conosciuto ai tempi dell Accademia, quando avevo 19 anni e pochi mesi dopo entrai a far parte della sua squadra. R: Ci potete raccontare cosa voleva dire essere all epoca un partigiano? P: Il periodo di guerra era duro per tutti, noi eravamo giovani e non tutti eravamo eroi. R: Cosa vuol dire esattamente con. non tutti eravamo eroi? P: Dovete sapere ragazzi che durante il fascismo, eravamo stati privati tutti delle nostre libertà, ma a volte questo non bastava a farci ribellare un po per paura, un po per comodità ma poi, dopo l armistizio dell 8 Settembre ci siamo ritrovati in una situazione strana, assurda, Italiani contro Tedeschi, ma, cosa ancora più grave, Italiani contro Italiani. Io quel giorno mi trovavo a Venaria R: pre Quindi vuol dirci che non semcombattevate per liberare l Italia dal nazi-fascismo? P: Non esattamente. All inizio, forse, molti di noi furono costretti ad ar48

6 ruolarsi nelle bande partigiane e diventare disertori, in quanto l alternativa era entrare a far parte dell esercito della Repubblica di Salò. Già questo era un atto eroico, poiché se si veniva presi ed arrestati si poteva essere condannati a morte. Ben presto però, anche per coloro che in principio si erano sentiti quasi obbligati a diventare partigiani, divenne una missione: la missione di sconfiggere il nemico e liberare gli Italiani dalla dittatura. R: Voi rischiavate sempre la vostra vita, non avevate paura? P: Sì, spesso. E a volte la paura ti salva la vita perché ti fa essere prudente. Sapeste quante volte fummo costretti a stare nascosti con il cuore in gola, nei fienili, tra le erbacce sulle montagne, trattenendo il respiro per timore che il nemico ci potesse sentire. R: Lei, Sig. Romano che ruolo aveva? P: Io ero autista. A quell epoca di autisti ne servivano, specie per il trasporto di partigiani e di armi da un luogo all altro. I trasferimenti erano molto rischiosi ma la popolazione ci aiutava. R: Potete raccontarci qualche episodio? P: Ad esempio una ditta di Cumiana ci ha prestato i camion e ci dava anche il grano per i partigiani. Con un camion della ditta Giustino hanno preso 32 prigionieri e li hanno portati a Forno. A Pontepietra c era Sergio che non voleva cedere allo scambio proposto dai Tedeschi. R: Quale messaggio vi sentite di darci? P: Il messaggio è quello forse più banale ma anche più importante: la guerra è una cosa brutta, tragica per chiunque. Purtroppo non ci sono vincitori, tutti soffrono in qualche maniera. Non bisogna mai dimenticare che il rispetto tra le persone e tra i popoli è il valore più grande di tutti. R: Grazie per tutto quello che ci avete raccontato. P: Grazie a voi per la voglia di conoscere e di sapere che dimostrate. In classe con il partigiano Bartolomeo Romano 49

7 Intervista a Maria De Vitis (sorella di Sergio De Vitis e staffetta partigiana) Pur non essendo inedita, in quanto la stessa testimonianza è reperibile presso l Ecomuseo di Coazze, visitato dai ragazzi il 27 Settembre 2007, ci è sembrato interessante riportare alcuni stralci dell intervista, soprattutto quello dove viene evidenziato l importante ruolo delle donne durante la Resistenza, e quelli dove vengono sottolineti i valori della libertà e della fratellanza e gli insegnamenti che i giovani possono trarre dalla conoscenza di quegli avvenimenti storici. I: A quale brigata apparteneva? M: Appartenevo alla 43 Divisione Autonoma Sergio De Vitis Brigata Sandro Magnone. I: Perché Lei ha deciso di diventare partigiana? M: La mia famiglia è stata subito perseguitata dai fascisti perché i miei genitori non condividevano le loro idee, né potevano accettare la peggiore delle forme di governo: la dittatura. Man mano che crescevo, nel mio animo aumentava il desiderio di libertà alimentato dallo studio dei classici commentati da mia madre, che aveva tutte le doti delle donne del Risorgimento. La Patria era seconda solo a Dio. Per riscattare tutta la vergogna di 20 anni di oppressione, di profonda ignoranza (libri distrutti, filosofi e scrittori banditi) l 8 Settembre, senza ombra di dubbio o di tentennamento, scegliemmo la via giusta: la ribellione; diventammo dei ribelli, ma per amor di Patria libera. La via giusta fu lastricata da sofferenze, rinunce, martìri, morte. Il 26 giugno 1944 morì anche mio fratello, Sergio De Vitis, dopo aver attaccato la Polveriera di Sangano. Lo stesso Sergio aveva rischiato di essere impiccato all età di due anni dai fascisti sul fascio di un ponte (emblema fascista). I: Perché? M: Figlio di antifascisti, era bello e sano, mentre il figlio del loro comandante, della stessa età, era molto meno dotato e con un difetto di pronuncia piuttosto grave. Cose da fantascienza, ma è proprio successo. I: Come nacque il movimento partigiano in Val Sangone? 50

8 M: L 8 Settembre trovò a Sarzana il Maggiore Luigi Milano, mio fratello Sergio, Nino Criscuolo, Carlo Asteggiano, tutti appartenenti al battaglione Valle. Battaglione Finestrelle - Battaglione Val Chisone (durante la guerra ogni battaglione alpino veniva raddoppiato con un Battaglione Valle. Finestrelle-Val Chisone, Pinerolo-Val Pellice). Dopo aver mandato liberi i soldati, distrussero le armi per non consegnarle ai Tedeschi. Nella scuola della Verna di Cumiana, che divenne il Distretto, si arruolavano i soldati sbandati che volevano fare qualcosa contro il dominio dei Tedeschi di Hitler. Proprio in questa zona, il 1 aprile 1944 avvenne un episodio raccapricciante: l eccidio di Cumiana; episodio inconcepibile per gli Italiani, ma che ci fece capire come i Tedeschi fossero privi di ogni senso morale, persino non mantenere la parola data quale ufficiale del grande III Reich. Fucilarono 51 ostaggi presi tra la popolazione: essi dovevano essere rilasciati due ore dopo, come convenuto, per lo scambio con 34 prigionieri fatti dai Partigiani durante il conflitto del 1 aprile. L eccidio avvenne il 3 aprile alle ore 14; lo scambio era stato fissato alle ore 18 [ ] I: Che cos è la guerra partigiana? M: E la guerra che si combatte tra gruppi di ribelli e una forma di dominio e di governo imposto con la forza delle armi e di leggi inique. In genere si combattono le dittature che sono tutte inique perché tolgono la dignità all uomo. Infatti tolgono la libertà di parola, di stampa, di credo religioso e politico, di movimento (non si poteva andare all estero se non con permessi speciali e visti), la libertà epistolare (vi era il controllo delle lettere, con il quale le notizie che non piacevano al regime venivano cancellate), di pietà verso il nemico (un compagno di Accademia di mio fratello fu espulso dalla stessa Accademia perché aveva scritto ad un suo carissimo amico belga, esprimendogli la sua comprensione per il dolore arrecatogli dall occupazione tedesca del Belgio. Nelle scuole si imparava l insegnamento della dottrina fascista; la gioventù veniva tenuta lontana il più possibile dalle famiglie con esercitazioni paramilitari e ginniche; si cercava di fare il lavaggio del cervello con discorsi, trasmissioni radio, gare di ogni tipo (battaglia del grano, etc); si cercava di ottenere informa- 51

9 zioni anche dai bambini più piccoli e più di una volta a causa delle loro innocenti affermazioni i padri finivano in galera. [ ] In Italia, inoltre, era dolorosissima perché il nemico erano anche i fratelli fascisti e noi non riuscivamo a dimenticarlo. Ricordo che Sergio diceva: I Tedeschi attaccateli sempre, ma ai fascisti rispondete solo se siete attaccati perché essi sono Italiani anche se sono dalla parte sbagliata. Non riusciva e non riuscivamo ad odiarli; ci facevano solo tanta rabbia e ci causavano tanto dolore: meglio dieci guerre normali che una guerra civile. I: Quale era la funzione delle donne partigiane? M: Nella nostra Divisione il concetto di donna partigiana combattente era diverso da quello di molte altre Divisioni. La donna poteva essere utilizzata molto più proficuamente che non armarla e tenerla in banda. Infatti restandone fuori nessuno pensava che fosse una combattente e poteva andare ad agire ove era necessario arrivare. Teneva i collegamenti tra la montagna, la pianura e la città; col CLN (Corpo di Libertà Nazionale), che non poteva essere raggiunto dagli uomini; cercava e si appoggiava agli specialisti di documenti falsi; impazziva per il timbro a fuoco tedesco, da noi battezzato l aquilotto, necessario perché i ragazzi potessero raggiungere i nascondigli quando, nel terribile inverno 44-45, non fu più possibile tenerli tutti in montagna a causa dei blocchi tedeschi in Coazze e dell ordine inglese di mandarli a casa fino alla primavera del 45. Dove erano le loro case? Avevamo partigiani di tutta Italia!! La donna partigiana trasportava le armi da un covo all altro, dalla città alla montagna e viceversa, secondo gli spostamenti dei ragazzi partigiani; passava davanti ai tantissimi blocchi tedeschi senza essere troppo notata (si passava nelle ore in cui gli operai arrivavano con l ultimo treno della sera); un uomo giovane non sarebbe mai passato. Addosso e nelle borse, che con tanta apparente disinvoltura e naturalezza portava al braccio, trasportava i documenti che, a pensarla con tanto ottimismo, le sarebbero costata la fucilazione in caso di fermo. Curava gli ammalati e trasportava i feriti nell ospedale di Giaveno, con l aiuto di altre donne della popolazione; cercava di procurare cibo quando le squadre volanti non potevano più agire e a spalle portava in montagna tutto ciò che la soli- 52

10 darietà della popolazione locale e degli sfollati offriva muovendosi e agendo tra un passaggio della pattuglia tedesca e l altro. Per fortuna i Tedeschi non cambiavano mai ore e tragitti; fossero stati fascisti le cose sarebbero state molto più difficili perché l italiano non è così ligio agli orari e alle tabelle di marcia, inoltre avrebbe pensato come noi e agito di conseguenza. La Partigiana teneva sempre occhio e orecchi aperti, non doveva sfuggirle nulla: osservare uomini, cose, movimenti, silenzi troppo profondi, immobilità eccessive, ascoltando discorsi, captando sguardi o gesti furtivi, tutto poteva significare la salvezza dei compagni di lotta o delle località prese di mira. Era la sorella, la confidente, la consolatrice degli animi maschili che tanto soffrivano nel vedere i loro amici martirizzati in modo orrendo, sepolti ancora vivi e ricoperti di pietre e nel non avere notizie delle famiglie, molte delle quali perseguitate e anche incarcerate. Andava a ritirare il denaro che alcuni industriali (come la Fiat) offrivano per poter dare uno stipendio a tutti i nostri uomini (900 Lire sia ai soldati che agli ufficiali) e quindi essere in grado di pagare il cibo consumato quando la squadra volante non poteva procurarlo. La fame vera è bruttissima, i combattenti devono mangiare almeno un po per tenersi in forze; c era il pericolo di diventare ladri per non morire di fame. Così con lo stipendio si risolse tutto. Non bisogna però dimenticare che la gente di Forno regalava sovente ai ragazzi polenta e latte o patate cotte sotto la cenere: che gente generosa, leale, fedele, povera di mezzi, ricca, però, di virtù! La partigiana era sempre in movimento, sempre a piedi, camminava da un coprifuoco all altro e non sentiva la stanchezza, né la fame nera che le contorceva lo stomaco se il suo andare era utile, necessario. Quanta neve e quanto ghiaccio furono calpestati dai suoi scarponi, che diventavano ogni giorno più logori e meno protettivi! Quanti tuffi nei mucchi di neve per sfuggire alle pallottole che le fischiavano intorno! Come si bloccava il cuore all apparire improvviso di una pattuglia tedesca, che con armi spianate, perlustrava la zona! Si ricomponeva il viso e assumeva un espressione di grande tranquillità, ma 53

11 dentro moriva perché se la frugavano [ ] I: Quale era il rapporto tra il clero e i partigiani? M: La maggior parte dei sacerdoti si misero spontaneamente dalla parte della Resistenza, anzi proprio il loro atteggiamento fu di esempio e sprone per la popolazione che da esso trasse forza e certezze. La loro opera la iniziarono immediatamente l 8 settembre 43 quando fu proclamato l armistizio incondizionato (il più terribile perché era senza condizioni da parte degli Italiani che si erano arresi) ed i soldati sbandati cercavano di raggiungere la proprie case o un rifugio sicuro per non essere catturati dai Tedeschi. I sacerdoti ospitavano già da tempo gli Ebrei perseguitati; con la Resistenza o- spitarono o misero in salvo i familiari dei Partigiani; assistevano e intervenivano nelle trattative per gli scambi di prigionieri; davano l assistenza spirituale ed accorrevano accanto ai moribondi, rischiando molte vote la vita; erano sempre in contatto con le bande e fornivano notizie importanti sul nemico. In tutta la Val Sangone vi furono sacerdoti molto coraggiosi e degni di gratitudine e di ricordo [ ] Più volte i tre sacerdoti furono presi in ostaggio e malmenati dai Tedeschi. [ ] Oltre i sacerdoti non è possibile dimenticare l opera altruistica e coraggiosa delle suore dell Ospedale di Giaveno. I partigiani feriti trovarono nel piccolo ospedale, dove i Repubblichini e i Tedeschi feriti venivano ricoverati, un nascondiglio sicuro e cure adeguate grazie all astuzia delle suore; infatti i fascisti venivano trattenuti nella corsia, mentre i Partigiani dovevano essere nascosti: venivano ospitati in rifugi sicuri, i cui usci venivano camuffati da mucchi di legna, da armadi dal doppio fondo. Un rifugio si trovava nella camera mortuaria, un altro nel pollaio, un altro nella cucina: tutti però erano puliti, dotati di luce, lettini, biancheria, cuscini, acqua, medicinali più utili e cibarie. Il controllo nazi-fascista era più terribile e minuzioso durante i rastrellamenti, perché i Tedeschi erano certi che i Partigiani feriti dovevano essere lì ricoverati, nascosti, curati da quelle sorridenti e dolcissime suorine. [.] Certo non si può contare quanti ragazzi devono la loro salvezza a queste suorine, che per il loro bene avevano imparato persino a dire grosse bugie e di ciò si dolevano con noi ragazze, che ci divertivamo un mondo nell ascoltarle. 54

12 Ricordo che, quando i ragazzi parlavano di quelle suore, lo facevano con tanta tenerezza, ammirazione e affetto. [ ] I: Mi chiedo quali insegnamenti possiamo trarre noi giovani da quei ragazzi? M: Moltissimi. Nessuno li aveva obbligati ad entrare nelle formazioni partigiane, avevano scelto tutti liberamente e con la stessa libertà si erano fermati fino alla fine o fino alla morte, perché tutti avevano capito che si doveva conquistare la libertà per la nostra Terra, per la nostra Gente. Questo ideale, questa consapevolezza fece affiorare in loro tante virtù dei padri. Pensa a tutti quelli che lavorarono e combatterono durante tutto il Risorgimento per liberare e unire l Italia I: Mi racconta alcuni episodi accaduti a lei e alla sua famiglia durante il periodo di guerra? M: Un primo racconto è Un austriaco per amico : Mia mamma Valeria, la mia bimba di un anno ed io siamo vive grazie ad un austriaco: l interprete dei Tedeschi che avevano messo il blocco a Coazze nella villa (la loro sede) all inizio del paese. Era giunta ai Tedeschi una lettera che denunciava la presenza della mamma, della sorella e della nipotina di Sergio in Coazze. L interprete austriaco traduceva la denuncia in modo diverso e tale da salvare la nostra vita. Disse ad una maestrina, che frequentava la villa, di avvertirci del pericolo che noi tre correvamo e di rassicurarci che lui ci avrebbe protette fino a quando era lì. Purtroppo all inizio di febbraio fu mandato in Val Susa. Ci fece avvisare la sera precedente: alle 4 del mattino noi tre scendemmo a Giaveno e prendemmo il trenino. A causa del ghiaccio partimmo solo alle 8, ma in tempo: alle 10 sei ufficiali tedeschi ci cercavano. Intanto il povero interprete veniva fucilato in Val Susa, perché il collega, che l aveva sostituito in Coazze, aveva tradotto la denuncia in modo esatto. Un altro episodio è quello di REGINALDA SANTACROCE: MAESTRINA GIOVANE, BELLA, SANA, RICCA DI IDEALI. I Tedeschi vennero a sapere che Reginalda era la fidanzata di Sergio e quindi 55

13 certamente sapeva dove egli fosse e quindi poteva dare loro informazioni. Fu prelevata al sabato e interrogata a lungo. Al suo silenzio e ai suoi dinieghi seguirono bastonate con nervo di bue. Più cresceva l ira dei Tedeschi di fronte a tanto coraggioso silenzio più aumentava la violenza delle bastonate, fin quando Reginalda svenne e non riuscirono a farla rinvenire: l abbandonarono nell aula. Si riprese il lunedì mattina sentendo un panno freddo sulla fronte. Chiamò mamma, mamma, ma le rispose una voce maschile: No mutter, no mutter, io amico, tedesco buono, amico. Tu signorina coraggiosa. Io ammirare molto. Io medico, volere guarire te, mia sorella. Brava tu non parlare, brava. Era un austriaco. Ancora un altro episodio: UN ALTRO INTERPRETE AUSTRIACO SALVA LA MAMMA DI SERGIO La mamma di Sergio insegnava a Frossasco e, tornando a casa dopo le lezioni, venne avvicinata da un interprete austriaco che l avvisò di scappare perché stavano arrivando i Tedeschi e i repubblichini per farla prigioniera. Ebbe appena il tempo di entrare in casa, prendere due piccole borse, già pronte per un eventuale fuga, uscire dal cancelletto del giardino, attiguo alla casa, mentre davanti al portone di ingresso i Tedeschi stavano già piazzando la mitragliatrice. Attraversò la strada e si rifugiò dalla sua amica che abitava nella casa di fronte. Fortunatamente i Tedeschi, non conoscendola personalmente, non poterono collegare quella donna con la mamma di Sergio. Nascosta dietro le persiane assistette allo scempio che fecero nella sua abitazione. 56

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Le chiedo il nome e cognome, se aveva un soprannome, quando è nato, quando e come ha deciso di fare il partigiano.

Le chiedo il nome e cognome, se aveva un soprannome, quando è nato, quando e come ha deciso di fare il partigiano. NICOLETTA GIULIO nato a Crotone nel 1921 - decduto a Torino il 23/06/2009 Intervista rilasciata da Nicoletta Giulio il 14 novembre 2003 presso il laboratorio d'informatica della succursale di Via Sestriere

Dettagli

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO

NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO NON ERA UNA DONNA ERA UN BANDITO Il giorno 16 aprile, noi della classe III H abbiamo avuto la possibilità di poter incontrare la professoressa Nadia Olivieri, dell Istituto della storia della Resistenza

Dettagli

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO

LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO LA GIORNATA DELLA MEMORIA: 27 GENNAIO Oggi, dieci febbraio 2010, nella classe quinta B, sono venuti due adulti che ci hanno portato e parlato della giornata della memoria. All'inizio si sono presentati:

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia

Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia Scuola elementare G. Pascoli - Biella Vaglio Classe IV - Insegnante: Delzoppo Silvia PAROLE VERBI amore armi assenza libertà crudeltà disperazione dolore egoismo fame fascisti guerra incoscienza innocenti

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA

Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA Siamo nel 1938 e la mia famiglia, composta da 5 persone (i miei genitori e noi tre figli), viveva come

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha

Pio Lando Di Stefano, un arzillo nonnino di novanta anni, ha vissuto gli orrori della seconda guerra Mondiale ed ha Libertà. Per capire il significato di questa parola, bisogna conoscere il significato della parola opposta: prigionia. Questo termine significa essere prigionieri, schiavi, servitori di un padrone. Non

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin Le donne occuparono un ruolo molto importante durante la seconda guerra mondiale. Prima

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

dal sito Lager e deportazione Le testimonianze: Anna Appia

dal sito Lager e deportazione Le testimonianze: Anna Appia Anna Appia Nata il 18.01.1921 a San Giovanni al Natisone (UD) Intervista del: 25.06.2000 A San Giovanni al Natisone (UD) TDL: n. 87 durata: 33 circa Arresto: 31.07.1944 a casa Carcerazione: a Gorizia Deportazione:

Dettagli

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri?

Come si chiama? E per le ragazze? Lo facevate volentieri? LEONE PIERINA nata a Rivoli il 22/08/1929 - deceduta ad Alpignano il 22/08/2009 Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Pierina Leone il 2 aprile 2003 presso il laboratorio di storia della

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

COME SI VIVEVA... ...DURANTE IL FASCISMO ...DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE. Intervista alla signora Agnese

COME SI VIVEVA... ...DURANTE IL FASCISMO ...DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE. Intervista alla signora Agnese COME SI VIVEVA......DURANTE IL FASCISMO...DURANTE LA SECONDA GUERRA MONDIALE Intervista alla signora Agnese " Cosa ricorda dell'inizio della guerra? Che cambiamento c'è stato nella vita di tutti i giorni?"

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Il Partigiano Pacifico

Il Partigiano Pacifico Il Partigiano Pacifico Zontone Pacifico (nome di battaglia Pacifico ), nato a Buia (Udine) il 31/10/1918, residente a Settimo Torinese, di professione tubista saldatore. Appartenente alla Guardia di Frontiera

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Augustin BAUDOUIN. Buongiorno a tutti ragazzi, non so se la vostra professoressa vi ha detto perché sono qui oggi?

Augustin BAUDOUIN. Buongiorno a tutti ragazzi, non so se la vostra professoressa vi ha detto perché sono qui oggi? Augustin BAUDOUIN Buongiorno a tutti ragazzi, non so se la vostra professoressa vi ha detto perché sono qui oggi? Vengo per parlare della vita nei campi di concentramento. Prima dovete sapere che i deportati

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

E si ricorda come si viveva durante la sua giovinezza, durante il Fascismo?

E si ricorda come si viveva durante la sua giovinezza, durante il Fascismo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Ginetta Paracca l 11 marzo 2003 presso la presidenza della Scuola Media "Primo Levi" di Cascine Vica - Rivoli (Torino) Intervistatrice: Prof.ssa Marina

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI

GRUPPO DI EBREI ADOTTATI GRUPPO DI EBREI ADOTTATI Il 15 giugno 2009, pranzai presso la Villa Immacolata a Torreglia (PD), nello stesso tavolo con la signora Alberoni Angelina detta Imelda di Vigodarzere. In quella circostanza

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Narrativa Aracne 187

Narrativa Aracne 187 Narrativa Aracne 187 morte di una madre di Alessio Nunnari Copyright mmxi ArACne editrice S.r.l. www.aracne editrice.it info@aracne editrice.it via raffaele Garofalo, 133/A-B 00173 roma (06) 93781065

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned

In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned In occasione della Giornata della Memoria, Green Cross Italia raccoglie le riflessioni del vicepresidente nazionale dell Aned Gli anni della persecuzione nazista Dario Venegoni li ha vissuti attraverso

Dettagli

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO

DISCORSO DEL MAGNIFICO RETTORE PROF.SSA CRISTIANA COMPAGNO CARNIA 1944. UN ESTATE DI LIBERTÀ INCONTRO SULL ESPERIENZA DELLA REPUBBLICA LIBERA DELLA CARNIA ALLA PRESENZA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA martedì 29 maggio 2012, ore 11 Aula Magna di Piazzale Kolbe

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015)

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO DEL SANTO PADRE FRANCESCO IN KENYA, UGANDA E NELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA (25-30 NOVEMBRE 2015) INCONTRO CON IL CLERO, I RELIGIOSI, LE RELIGIOSE ED I SEMINARISTI DISCORSO

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA 70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA A Ravenna, dal 7 al 21 novembre 2014, si è tenuta la mostra «AL TABÁCHI» per descrivere il ruolo delle donne durante la Seconda Guerra Mondiale e in particolare

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Trascrizione dell'intervista rilasciata da Laura De Fraia il 24 marzo 2006

Trascrizione dell'intervista rilasciata da Laura De Fraia il 24 marzo 2006 Trascrizione dell'intervista rilasciata da Laura De Fraia il 24 marzo 2006 Mi chiamo Laura De Fraia Sono nata a febbraio, il 24 del 27, 1927. Il mio nome di battaglia era Franca. Dunque, in casa mia si

Dettagli

ad un altro rito: la preparazione della donna al matrimonio attraverso la purificazione di un bagno di vapore. (marusca)

ad un altro rito: la preparazione della donna al matrimonio attraverso la purificazione di un bagno di vapore. (marusca) Il sacrificio al Sole è un vero e proprio rito di iniziazione, anche questo presente presso tutte le civiltà del passato e ancora presente tra noi in forme prevalentemente simboliche. Nel film si assiste

Dettagli

In memoria di Carlo Germani Babi e Dorino Mazza Rino

In memoria di Carlo Germani Babi e Dorino Mazza Rino In memoria di Carlo Germani Babi e Dorino Mazza Rino Due giovani Partigiani di Voghera caduti casualmente a Cantalupo Ligure nel corso del rastrellamento dell inverno 1944-1945. Raccolta iconografica e

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

Nota importante all'articolo!

Nota importante all'articolo! Nota importante all'articolo! In seguito alla pubblicazione della seguente intervista ci sono giunte diverse segnalazioni attendibili che, contrariamente a quanto lasciato intendere nell intervista stessa,

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L

SCUOLA SECONDARIA I GRADO Gen E. Baldassarre Trani A.S. 2014-2015. Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio. Gli alunni della 2^L SCUOLA SECONDARIA I GRADO "Gen E. Baldassarre" Trani A.S. 2014-2015 Il Dirigente Scolastico prof.ssa Gabriella Catacchio Gli alunni della 2^L La docente di lettere prof.ssa Alessandra de Robertis PRESENTANO

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Doc. 11 di Don Salvatore Conte

Doc. 11 di Don Salvatore Conte Doc. 11 LETTERE A NUCCIA di Don Salvatore Conte Taranto 19 / 12 / 1969 ho ricevuto la tua gradita lettera e ti ringrazio del ricordo e delle preghiere. Anche io sento il disagio della lontananza che mi

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli