Ing. Mariagrazia Dotoli Controllo non Lineare NO (3 CFU) Analisi del Piano delle Fasi IL PIANO DELLE FASI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ing. Mariagrazia Dotoli Controllo non Lineare NO (3 CFU) Analisi del Piano delle Fasi IL PIANO DELLE FASI"

Transcript

1 IL PIANO DELLE FASI La tecnica di analisi del piano delle fasi è un metodo grafico molto diffuso per lo studio dei sistemi non lineari del secondo ordine. L idea di base consiste nel risolvere graficamente l equazione di stato del sistema piuttosto che determinarne una soluzione analitica. Il metodo fornisce una famiglia di traiettorie del moto del sistema (corrispondenti a diverse condizioni iniziali) nello spazio di stato, che è un piano ed è detto piano delle fasi. Tali traiettorie permettono di visualizzare i pattern di movimento del sistema, fornendo delle informazioni qualitative sul comportamento dello stesso e in definitiva sulla sua stabilità. I vantaggi di questo metodo sono diversi. In primo luogo esso è un metodo grafico, dunque non richiede la soluzione analitica dell equazione differenziale che descrive la dinamica del sistema. Inoltre tale metodo è applicabile a qualsiasi tipo di sistema non lineare del secondo ordine, in particolare anche a sistemi contenenti non linearità hard. Ancora, molti sistemi non lineari possono essere efficacemente approssimati con una dinamica del secondo ordine, pertanto la tecnica di analisi del piano delle fasi è applicabile a svariate tipologie di sistemi. Lo svantaggio principale del metodo risiede nel fatto che esso è applicabile unicamente ai sistemi del secondo ordine (o al massimo del primo ordine), poiché lo studio grafico di sistemi di ordine superiore presenta complessità computazionale e grafica elevate. RITRATTO DI FASE (QUADRO DI STATO) Il metodo del piano delle fasi permette di studiare graficamente un generico sistema del secondo ordine autonomo (ovvero con equazione di stato non dipendente esplicitamente dalla variabile tempo), descritto dalle equazioni: o anche, in termini vettoriali, ( ) ( ) x (t) = f x (t),x (t) x (t) = f x (t),x (t) ( (t)) x (t) = f x, (), () Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente

2 dove x (t) e x (t) sono le variabili di stato del sistema e f e f sono due funzioni non lineari dello stato x(t)=[x (t) x (t)] T. Inoltre nella () si è posto f=[f f ] T. È interessante notare che il generico sistema non lineare avente stato x(t) di dimensione n e non autonomo descritto dall equazione ( (t),t) x (t) = f x, (3) può essere facilmente trasformato in un sistema autonomo introducendo la variabile di stato x n+ (t)=t, ovvero definendo un nuovo vettore di stato x*(t)=[x(t) T x n+ (t)] T = =[x (t) x n (t) t] T, ottenendo così le equazioni di stato: ( x* ) x (t) = f (t)... x n(t) = f n (t) x n+ (t) = ( x* ). (4) Pertanto il generico sistema non autonomo del primo ordine è trasformabile in un sistema autonomo del secondo ordine, cui è applicabile il metodo del piano delle fasi. Si consideri dunque il generico sistema (). Geometricamente, lo spazio di stato del sistema () è interpretabile come un piano nelle coordinate x e x, detto piano delle fasi o piano di stato. Dato un vettore di condizioni iniziali x()=x, la () ammette una soluzione x(t). Al variare della variabile tempo da a +, la soluzione x(t) può essere rappresentata come una curva nel piano delle fasi. Tale curva è detta traiettoria o orbita. Una famiglia di traiettorie nel piano delle fasi corrispondenti a varie condizioni iniziali è detta ritratto di fase (o quadro di stato) del sistema. Osserviamo inoltre che il sistema scritto nella sua forma vettoriale () può essere interpretato considerando f(x) come un campo vettoriale nel piano di stato, anche detto campo delle direzioni. In altre parole, ad ogni punto x=(x,x ) nel piano è possibile associare un vettore f(x). Pertanto, per ciascun punto x=(x,x ) del piano il vettore f(x) è rappresentato graficamente come un segmento orientato che parte dal punto stesso e giunge nel punto x+f(x). In genere l ampiezza del vettore che individua il campo delle Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente

3 direzioni viene rappresentata con un segmento direttamente proporzionale al valore della norma fx ( ) = f ( x) + f ( x. ) È interessante notare che la pendenza della generica traiettoria del sistema () si ottiene dividendo la seconda equazione delle () per la prima: ( ) ( ) dx f x,x =. (5) dx f x,x Pertanto il campo vettoriale f(x)=(f (x),f (x)) nel generico punto x del piano di stato ha la stessa pendenza della traiettoria in tale punto, ovvero è tangente alla traiettoria. Ne consegue che è teoricamente possibile, costruendo il diagramma del campo delle direzioni per ciascun punto del piano delle fasi, determinare la traiettoria a partire da un generico punto x, ovvero determinare graficamente la soluzione della () data una generica condizione iniziale, semplicemente congiungendo punto per punto le frecce che rappresentano il campo vettoriale. In particolare, il pacchetto software pplane (scaricabile dal web all indirizzo è un diffusissimo toolbox gratuito del Matlab, sviluppato dai ricercatori della Rice University di Houston, dedicato all analisi dei sistemi non lineari autonomi del secondo ordine con il metodo del piano delle fasi e permette di tracciare il campo vettoriale f(x) associato al sistema. Dato il sistema: ESEMPIO x(t) = x (t), (6) x (t) = x (t) si ha f(x)=(x,x ), quindi nel punto x=(,) si ottiene f(x)=(,) e il campo delle direzioni nel punto x è rappresentato da un vettore che parte da tale punto ed è diretto verso il punto x+f(x)=(,)+(,)=(3,). Ripetendo tale operazione per ogni punto del piano di stato, si ottiene il diagramma del campo vettoriale rappresentato nella figura successiva (ottenuta con il pacchetto software pplane). Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 3

4 4 3 f(x)+x=(3,) x=(,) y Abbiamo visto che la famiglia di tutte le traiettorie o curve soluzioni dell equazione di stato nel piano delle fasi è detta ritratto di fase del sistema. La figura successiva mostra il ritratto di fase insieme al campo vettoriale dell esempio considerato. 4 3 y Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 4

5 ESEMPIO Sia dato il sistema massa molla privo di attrito in figura. x(t) k= m= L equazione di stato del sistema è l equazione differenziale del secondo ordine lineare tempo invariante: x(t) + x(t) =, (7) ovvero, scegliendo lo stato x = [ x T x] = [ x x ] T, il sistema è descritto in una forma analoga alla () come segue: x(t) = x (t), (8) x (t) = x (t) che ha evidentemente un unico punto di equilibrio nell origine. Trasformando secondo Laplace la (7) con condizione iniziale T T x() = x () x () = x() x() = x ] T si ottiene: [ ] [ ] [ s x(t) = x cost sx(s) sx + X(s) = X(s) = x s + x(t), (9) = x sint che fornisce la soluzione analitica della (7). Sommando i quadrati delle (9) si elimina la variabile tempo, ottenendo:. () x + x = x Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 5

6 La () descrive l equazione della traiettoria del sistema nel piano delle fasi nota la condizione iniziale. È facile dedurre che la () individua nel piano di stato una circonferenza di raggio x e centro nell origine. A seconda della condizione iniziale, si ottengono cerchi di raggio differente. Tracciando tali cerchi nel piano delle fasi, si ottiene il ritratto di fase del sistema. Si osserva che l orientamento di tali cerchi è orario, poiché la variabile x(t) è inizialmente negativa nelle (9). L efficacia del ritratto di fase consiste nel fatto che dal tracciamento dello stesso è possibile comprendere il comportamento del sistema in risposta a diverse condizioni iniziali. Nel presente esempio è evidente che le traiettorie non convergono nell origine né divergono all infinito. Esse invece circondano l origine, indicando la natura semplicemente stabile del sistema (infatti nella (7) è assente il coefficiente di smorzamento dovuto all attrito). Nel caso del precedente esempio, invece, le traiettorie erano tutte divergenti all infinito, mostrando, in particolare, che il punto di equilibrio (,) è instabile. Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 6

7 PUNTI SINGOLARI Un importante concetto nell analisi del piano delle fasi è quello di punto singolare. Un punto singolare è un punto di equilibrio nel piano delle fasi. Come è noto, poiché un punto di equilibrio è definito come un punto nel quale il sistema può rimanere in quiete indefinitamente, in esso si ha x =, pertanto i punti di equilibrio del generico sistema () sono le soluzioni del sistema di equazioni: ( ) ( ) f x (t),x (t) =. () f x (t),x (t) = Se il particolare sistema del tipo () considerato è lineare, allora è noto che esso ammette al massimo un punto di equilibrio isolato (ovvero le () hanno o un unica soluzione o un insieme continuo di infinite soluzioni o punti singolari, come nel caso del sistema x(t) + x(t) =, che ha infiniti punti di equilibrio descritti dall asse reale x = ). Diversamente dai sistemi lineari, i sistemi non lineari possono invece presentare più punti singolari isolati, come nell esempio seguente. ESEMPIO Sia il sistema descritto dall equazione di stato Scegliendo lo stato x = x x = x x alla () come segue: x(t) +.6x(t) + 3x(t) + x (t) =. () T [ ] [ ] T x (t) = x (t). (3) x (t) = 3x (t) x (t).6x (t) I punti di equilibrio sono le due soluzioni del sistema:, il sistema è descritto in una forma analoga Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 7

8 4 y 3 - Traiettorie convergenti Punto di equilibrio instabile Punto di equilibrio stabile All'infinito Traiettorie divergenti x = (x,x ) = (,). (4) 3x x = (x,x ) = ( 3,) Il ritratto di fase del sistema () mostra che le traiettorie nelle vicinanze dei due punti singolari hanno natura diversa. In particolare, le traiettorie convergono nel punto (,) mentre divergono dal punto (-3,). Il motivo per cui i punti di equilibrio di un sistema non lineare del secondo ordine sono detti punti singolari deriva dal fatto che per un generico sistema espresso dalle () la pendenza della generica traiettoria si ottiene, come si è anticipato, dividendo la seconda equazione delle () per la prima: ( ) ( ) dx f x,x =. (5) dx f x,x Se le funzioni f (x,x ) e f (x,x ) sono definite propriamente, ovvero assumono ciascuna un singolo valore nel generico punto x=(x,x ), allora la (5) definisce un unico valore per la pendenza della generica traiettoria (ovvero le traiettorie non si intersecano) per tutti i punti del piano delle fasi, eccetto che per i punti di equilibrio, per i quali la (5) degenera ad un valore di pendenza indeterminato pari a /. Ne consegue che in un punto di equilibrio (e solo in un punto con tali caratteristiche) possono intersecarsi Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 8

9 infinite traiettorie differenti, come si è visto nell esempio precedente. L indeterminatezza della pendenza in tale punto fa sì che i punti di equilibrio si dicano singolari. Evidentemente, i punti singolari costituiscono degli importanti elementi caratteristici del ritratto di fase. L esame di tale punti può fornire molte informazioni sulle proprietà del sistema. In particolare, nel caso dei sistemi lineari la stabilità è univocamente determinata dalla natura dei punti di equilibrio. Invece, nel caso dei sistemi non lineari, le caratteristiche di stabilità dei punti singolari del sistema possono essere differenti (si veda l esempio precedente, in cui è facile individuare un punto di equilibrio stabile ed uno instabile), inoltre nel ritratto di fase possono essere presenti delle traiettorie periodiche, ovvero dei cicli limite. RITRATTO DI FASE DEI SISTEMI DEL PRIMO ORDINE Sebbene il metodo del piano delle fasi sia rivolto principalmente all analisi dei sistemi del secondo ordine, esso può essere utilizzato anche per analizzare il generico sistema non lineare del primo ordine autonomo descritto dall equazione: x(t) + f(x(t)) = x(t) = f(x(t)). (6) È facile osservare che, nel caso particolare di sistema di ordine uno del tipo (6), la traiettoria nel piano (x,x )=(x, x ) è unica: infatti la (6) ammette un unico valore di x(t) per x(t) fissato ed un unico valore di x(t) per x( t) fissato qualsiasi sia la condizione iniziale. Pertanto è possibile analizzare con il metodo del piano delle fasi anche un sistema del secondo ordine semplicemente tracciando nel piano (x,x ) la curva x =-f(x ) (la quale comprende tutte le traiettorie possibili del sistema, inclusi i punti di equilibrio), determinando le intersezioni di tale curva con l asse delle ordinate (le quali rappresentano evidentemente i punti di equilibrio del sistema, in cui vale x = ovvero f(x )=) e quindi individuando la direzione delle traiettorie sulla base della relazione (6) definita dal sistema dato. Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 9

10 4 3 y - Punto di equilibrio instabile Punto di equilibrio stabile Punto di equilibrio instabile ESEMPIO Sia il sistema 3. (7) x(t) = 4x(t) + x (t) Il sistema presenta tre punti singolari, che sono le soluzioni dell equazione: xe = 3 4x + x = xe =+. (8) xe = 3 Il ritratto di fase del sistema consiste in un unica traiettoria passante per tali punti, come mostrato nella figura successiva, che rappresenta la curva (7). Le frecce in figura denotano la direzione del moto: se il segno della variabile x è positivo (negativo) nel generico punto della traiettoria, allora la freccia che indica la direzione del moto nel punto è rivolta a destra (sinistra) del punto stesso poiché un valore positivo (negativo) di x indica che x aumenta (diminuisce). Ad esempio, nel punto x= della traiettoria per la (7) si ha x =-3, quindi la traiettoria passa per il punto Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente

11 (,-3) ed essendo x negativo la direzione del moto è verso sinistra, ovvero verso il punto di equilibrio x=. Evidentemente, dal tracciamento della direzione della traiettoria nel ritratto di fase si deduce che il punto x= è un punto di equilibrio stabile, mentre gli altri due punti singolari sono instabili. COSTRUZIONE DEL RITRATTO DI FASE I moderni strumenti informatici permettono di rappresentare agevolmente il ritratto di fase di un generico sistema del tipo () attraverso la soluzione numerica delle equazioni di stato. Esistono molti pacchetti software per l analisi del piano delle fasi: come anticipato, uno dei più diffusi in ambiente Matlab è pplane. Come nel caso degli strumenti di analisi dei sistemi di controllo lineare (si pensi al luogo delle radici) è comunque di interesse pratico comprendere come costruire le traiettorie nel piano delle fasi. Esistono molti metodi pratici per il tracciamento del ritratto di fase. Nel seguito ne descriviamo due tra i più diffusi: il cosiddetto metodo analitico e il metodo delle isocline. Il primo metodo richiede la soluzione analitica delle equazioni differenziali che descrivono il sistema, pertanto è utile nella risoluzione dei sistemi lineari a tratti (ovvero descritti da un diverso modello lineare per ciascun range di funzionamento del sistema), nei quali è possibile determinare il ritratto di fase semplicemente combinando i diversi ritratti di fase dei differenti sottosistemi lineari che descrivono il sistema nel rispettivo range. Il metodo delle isocline, invece, è una tecnica grafica che può essere applicata a sistemi non lineari modellati da equazioni differenziali non risolubili analiticamente, che ricadono nel caso più comune. In generale, entrambi i metodi richiedono i seguenti passi:. calcolo degli eventuali punti singolari e se possibile delle loro caratteristiche di stabilità con il metodo della linearizzazione del sistema intorno a tali punti;. eventuale tracciamento del campo vettoriale f(x) nell area di interesse; 3. applicazione del metodo prescelto (metodo analitico o metodo delle isocline); 4. individuazione dei possibili cicli limite; 5. tracciamento di alcune possibili traiettorie. Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente

12 IL METODO ANALITICO Il metodo analitico comprende due tecniche alternative, entrambe ugualmente valide. Una prima tecnica consiste nel risolvere le () per determinare le variabili di stato in funzione del tempo, che in generale si scrivono: x (t) = g (t) x (t) = g (t) (9) e quindi nell eliminare la variabile tempo dalle (9) per ottenere la generica traiettoria del sistema, la quale può a questo punto essere tracciata nel piano di stato al variare della condizione iniziale. Un secondo metodo consiste invece nell integrare l equazione: ( ) ( ) dx f x,x = () dx f x,x in modo da determinare direttamente la relazione tra le variabili x e x e dunque l equazione della generica traiettoria. ESEMPIO Si consideri nuovamente il sistema massa-molla privo di attrito descritto dall equazione: x(t) + x(t) =. () Determiniamo il ritratto di fase del sistema utilizzando la prima tecnica analitica. Poiché dx dx dx dx si ha x = = = x la () si può riscrivere come segue: dt dx dt dx dx x x xdx xdx dx + = + =. () Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente

13 Integrando questa equazione con condizione iniziale ha: T [ ] [ x() = x() x() = x ] T si x x x x x xdx + xdx = + = x + x = x x. (3) Si ottiene il risultato, già determinato in precedenza, che le traiettorie del sistema nel piano delle fasi individuano delle circonferenze di raggio x e centro nell origine al variare della condizione iniziale. Utilizziamo ora la seconda tecnica analitica. Scegliendo lo stato x = [ x T x] = [ x x ] T, il sistema è descritto in una forma analoga alla () come segue: x(t) = x (t). (4) x (t) = x (t) Per le (4), la () si scrive per questo sistema: dx dx x = xdx + xdx = (5) x che è del tutto identica alla () se si sostituisce x fornisce l equazione delle traiettorie (3). = x e x = x e dunque integrata ESEMPIO La figura successiva mostra il sistema di controllo di un semplice modello di satellite. Il satellite è descritto da una inerzia (unitaria) rotazionale controllata da una coppia di propulsori che forniscono o una coppia costante positiva pari a +U o una coppia uguale ed opposta di valore U. L obiettivo del sistema di controllo è mantenere l antenna del satellite ad un angolo zero (il valore del riferimento è nullo) attraverso un opportuna azione dei propulsori. Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 3

14 propulsori satellite θ d = + - U -U u s θ s θ Si tratta evidentemente di un sistema non lineare, descritto dalle equazioni: θ (t) = u(t), U se θ(t)> u(t) =,(6) + U se θ (t)< dove la prima equazione modella il satellite e la seconda i propulsori, tenendo conto che l ingresso di questi ultimi è la variabile errore sulla posizione angolare θ d (t)-θ(t)=-θ(t). Pertanto la seconda delle (6) indica che i propulsori fanno ruotare il satellite in senso antiorario (orario) se la posizione angolare è positiva (negativa), ovvero in senso opposto al valore corrente della posizione angolare, in modo da tentare di annullarla e dunque raggiungere l obiettivo del controllo. La (6) descrive un sistema lineare a tratti. Il primo sottosistema si ottiene per θ< ed è espresso dall equazione: Scegliendo lo stato [ ] T θ = U. (7) x = x x = θ θ, questo sottosistema è descritto in una forma analoga alla () come segue: T x(t) = x (t). (8) x (t) = U Dalle (8), la () si scrive per questo sottosistema: Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 4

15 dx dx U = xdx = Udx θ dθ= Udθ. (9) x Integrando questa equazione con condizione iniziale T [ ] [ x() = x () x () = θ() θ () = θ T ] T si ha: θ θ θ θdθ= U dθ = U( θ θ) θ = Uθ+ c θ (3) dove c =-Uθ è una costante. Come è noto, la (3) descrive una parabola con asse orizzontale avente vertice sull asse delle ascisse in c,, asse coincidente con lo U stesso asse delle ascisse e fuoco a destra del vertice sullo stesso asse. Il ritratto di fase per questa parte del sistema è rappresentato nella figura successiva (tracciata per U=). 4 3 y In modo del tutto analogo al caso precedente è possibile determinare il ritratto di fase del secondo sottosistema, che si ottiene per θ> ed è descritto dall equazione: Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 5

16 θ = U. (3) L equazione che descrive le traiettorie del sistema vale: θ θ dθ= Udθ = U( θ θ) θ = Uθ c (3) Come è noto, la (3) descrive una parabola con asse orizzontale avente vertice sull asse delle ascisse in c,, asse coincidente con lo stesso asse delle ascisse e fuoco a U destra del vertice sullo stesso asse. Il ritratto di fase per questa seconda parte del sistema è rappresentato nella figura successiva (tracciata per U=). 4 3 y Combinando i due precedenti ritratti di fase si ottiene il ritratto di fase complessivo del sistema, mostrato nella figura successiva. Si osserva che l asse verticale è una linea di switching, perché l azione di controllo e quindi le traiettorie di fase variano quando lo stato del sistema si trova su tale retta. Inoltre, le orbite sono periodiche. In altre parole il satellite, a parte il caso di angolo iniziale nullo (che è evidentemente un punto di Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 6

17 equilibrio del sistema), oscilla con moto periodico intorno all origine del piano delle fasi sotto l azione dei propulsori. Dall osservazione del ritratto di fase del sistema si conclude che quest ultimo è marginalmente stabile, similmente a quanto visto per il sistema massa-molla discusso in precedenza. 3 Traiettorie paraboliche x x - - u=+u u=-u Linea di switching In definitiva si conclude che la legge di controllo considerata non è efficace nel controllare a zero le traiettorie del sistema. È possibile invece mostrare (si veda il testo Slotine e Li, 99) come tale legge di controllo sia efficace se nell anello di controllo si inserisce, prima del regolatore dato dalla saturazione, un giroscopio. IL METODO DELLE ISOCLINE Questo metodo di tracciamento del ritratto di fase si basa sulla determinazione delle isocline. Sia un generico sistema non lineare nella forma (). Abbiamo visto che la pendenza della traiettoria passante per il generico punto x=(x,x ) del piano delle fasi si ottiene dividendo la seconda equazione delle () per la prima, come nella (6). Una isoclina è definita come il luogo dei punti del piano di stato per i quali passano traiettorie con la stessa pendenza. Pertanto la generica isoclina di pendenza c si ottiene dalla relazione: Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 7

18 ( ) ( ) dx f x,x = = c (33) dx f x,x e dunque è la curva descritta dall equazione ( ) ( ) f x,x = cf x,x. (34) Nel metodo delle isocline il ritratto di fase di un sistema del tipo () viene generato in due passi. Nel primo passo si determina con la (34) la generica isoclina, ovvero il campo vettoriale delle direzioni delle tangenti alle traiettorie. Nel secondo step, le traiettorie sono individuate sulla base del campo vettoriale di tali direzioni. In altre parole, si disegnano le curve (34) al variare di c nel piano di stato. Inoltre su ciascuna di tali curve si disegna per ogni punto un piccolo segmento di pendenza c. Pertanto, i segmenti disegnati sui punti di ciascuna isoclina sono paralleli tra loro ed individuano la direzione c della traiettoria passante per tali punti. Questa procedura è ripetuta finché non si ottiene un numero di isocline sufficienti a riempire il piano delle fasi. Quindi, a partire dal generico punto x del piano di stato, è possibile costruire la traiettoria che si diparte da esso muovendosi, nella direzione dei piccoli segmenti, da una isoclina all altra. Evidentemente il metodo è approssimato, in quanto si assume che le pendenze delle tangenti alle traiettorie siano costanti localmente. Per questo motivo, nelle regioni in cui la pendenza varia rapidamente è consigliabile tracciare più isocline. 6 c= c=/ c= c=-/ c=- 4 c= c=- y c=inf c=inf Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 8

19 ESEMPIO Si consideri ancora il sistema massa - molla privo di attrito. La (34) si scrive in questo caso: x= cx x = x, (35) c pertanto le isocline sono tutte le rette passanti per l origine aventi pendenza -/c. Utilizzando il metodo delle isocline si ottiene il ritratto di fase, già determinato in precedenza, tracciato nella figura precedente. ESEMPIO Si consideri l oscillatore di Van der Pol nel caso m=k= e c=.: x(t) +.(x (t) )x(t) + x(t) =. (36) [ ] [ Scegliendo lo stato x = x x = x x alla () come segue: T ] T, il sistema è descritto in una forma analoga x(t) = x (t), (37) x (t) =.(x (t) )x (t) x (t) pertanto le isocline sono descritte dall equazione dx.(x )x x = = c, (38) dx x ovvero sono le curve descritte dall equazione Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 9

20 .(x )x + x cx =. (39) Utilizzando il metodo delle isocline si ottiene il ritratto di fase nella figura successiva. Si osserva che, oltre al punto di equilibrio (instabile) nell origine, nel ritratto di fase del sistema è presente una traiettoria chiusa che descrive un ciclo limite. Inoltre le traiettorie che partono da punti all interno o all esterno di tale orbita periodica convergono a tale curva, che dunque individua un ciclo limite stabile. 6 4 y - traiettoria isoclina ciclo limite stabile Punto di equilibrio instabile Inoltre la figura successiva rappresenta il ritratto di fase di tale sistema completo di traiettorie e di ciclo limite ottenuto con il software pplane: è evidente che il punto di equilibrio origine è instabile ma le traiettorie che si dipartono dall intorno di tale punto non divergono, bensì tendono al ciclo limite stabile. Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente

21 4 3 y ESEMPIO Si consideri il pendolo semplice privo di attrito, descritto dalle equazioni: x(t) = x (t) g x (t) = sinx (t), L (4) dove g è l accelerazione di gravità e L la lunghezza del pendolo. Il pendolo può ruotare liberamente nel piano verticale, e l angolo x rappresenta l angolo di deviazione della fune dalla verticale: a quest ultima corrisponde un angolo x =, mentre si suppongono angoli positivi per deviazioni a destra della stessa. Inoltre la variabile di stato x individua la velocità angolare del pendolo. Le isocline sono definite dall equazione: g sin x = =, (4) dx L c dx x Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente

22 ovvero sono le curve descritte dall equazione x g = sinx. (4) cl La figura precedente mostra le isocline del sistema nel caso L=g ed una traiettoria, che come si vede è periodica (infatti in assenza di attrito il pendolo oscilla intorno al punto di equilibrio basso). Si osservi che in questo caso il ritratto di fase non presenta cicli limite, poiché un ciclo limite è una traiettoria periodica isolata, mentre in questo quadro di stato le traiettorie sono infinite e contigue. ANALISI DEL PIANO DELLE FASI PER SISTEMI LINEARI In questo paragrafo si descrive la tecnica di analisi del piano delle fasi per i sistemi autonomi del secondo ordine lineari. Vengono mostrati i particolari pattern di movimento tipici dei sistemi lineari, in modo da agevolare la successiva comprensione del metodo del piano delle fasi per i sistemi non lineari autonomi del secondo ordine. Infatti un sistema siffatto si comporta in modo simile ad un sistema lineare nell intorno di un punto di equilibrio. Il generico sistema lineare autonomo del secondo ordine si scrive come segue: Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente

23 o anche, in forma esplicita: x (t) = Ax(t). (43) x (t) = ax (t) + ax (t). (44) x (t) = a x (t) + a x (t) Ponendo a zero le derivate nelle (44) si verifica facilmente che l unico punto di equilibrio del sistema è l origine del piano di stato (x,x )=(,) nell ipotesi che A sia non singolare. Determiniamo ora gli autovalori del sistema. Il polinomio caratteristico vale: ovvero Quindi l equazione caratteristica si scrive: p(s) = si A, (45) s a a p(s) =. (46) a s a (s a )(s a ) aa = (47) ovvero: s (a + a )s aa =. (48) Pertanto ponendo a = a a b = a a + a a (49) si ha l equazione caratteristica del sistema: Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 3

24 s + as+ b=. (5) La soluzione della (5) fornisce i due autovalori del sistema: λ = / a± a 4b. (5) È noto che l evoluzione del sistema è descritta dalla relazione: ovvero x(t)=e At x() (5) λt λt x(t) = ke + ke se λ λ λt λt x (t) = k' e + k' e se λ λ. (53) λt λt x(t) = ke + kte se λ = λ λt λt x (t) = k' e + k' te se λ = λ A seconda della disposizione degli autovalori del sistema nel piano di Gauss, si distinguono i seguenti casi:. λ e λ sono entrambi reali ed hanno lo stesso segno (positivo o negativo): l origine è un nodo, stabile (instabile) se entrambi gli autovalori sono negativi (positivi).. λ e λ sono entrambi reali ed hanno segno opposto: l origine è un punto di sella, instabile poiché un autovalore è positivo. 3. λ e λ sono complessi e coniugati con parte reale non nulla (positiva o negativa): l origine è un fuoco, stabile (instabile) se gli autovalori hanno parte reale negativa (positiva). 4. λ e λ sono immaginari puri: l origine è un punto di centro e il sistema è marginalmente stabile. Copyright Mariagrazia Dotoli. L autore garantisce il permesso per la riproduzione e la distribuzione del presente 4

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0

LUOGO DELLE RADICI. G(s) H(s) 1+KG(s)H(s)=0 LUOGO DELLE RADICI Il progetto accurato di un sistema di controllo richiede la conoscenza dei poli del sistema in anello chiuso e dell influenza che su di essi hanno le variazioni dei più importanti parametri

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni:

6) f(x, y) = xy 1 log(5 2x 2y) x + y. 2x x 2 y 2 z 2 x 2 + y 2 + z 2 x Esercizio 2. Studiare gli insiemi di livello delle seguenti funzioni: FUNZIONI IN PIÙ VARIABILI 1. Esercizi Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni, specificando se si tratta di un insieme aperto o chiuso: 1) f(x, ) = log(x x ) ) f(x, ) = x + 3) f(x,

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi dei sistemi dinamici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Analisi dei

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi armonica e metodi grafici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. Analisi

Dettagli

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012

Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 2011/2012 Analisi Matematica 2 per Matematica Esempi di compiti, primo semestre 211/212 Ricordare: una funzione lipschitziana tra spazi metrici manda insiemi limitati in insiemi limitati; se il dominio di una funzione

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26

Teoria in sintesi 10. Attività di sportello 1, 24 - Attività di sportello 2, 24 - Verifica conclusiva, 25. Teoria in sintesi 26 Indice L attività di recupero 6 Funzioni Teoria in sintesi 0 Obiettivo Ricerca del dominio e del codominio di funzioni note Obiettivo Ricerca del dominio di funzioni algebriche; scrittura del dominio Obiettivo

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è:

b) Il luogo degli estremanti in forma cartesiana è: Soluzione della simulazione di prova del 9/5/ PROBLEMA È data la funzione di equazione: k f( ). a) Determinare i valori di k per cui la funzione ammette punti di massimo e minimo relativi. b) Scrivere

Dettagli

Algebra Lineare e Geometria

Algebra Lineare e Geometria Algebra Lineare e Geometria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 2013-2014 Prova d esame del 16/06/2014. 1) a) Determinare la matrice associata all applicazione lineare T : R 3 R 4 definita da

Dettagli

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x

Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: e x. per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1 < x FUNZIONI Esercizio 1 Studiare la funzione f(x) = ln ( ) x e disegnarne il grafico. x 1 Esercizio 2 Si consideri la funzione f definita dalle seguenti condizioni: { e x per x 1 f(x) = α x + e 1 per 1

Dettagli

Esempi di funzione. Scheda Tre

Esempi di funzione. Scheda Tre Scheda Tre Funzioni Consideriamo una legge f che associa ad un elemento di un insieme X al più un elemento di un insieme Y; diciamo che f è una funzione, X è l insieme di partenza e X l insieme di arrivo.

Dettagli

Geometria analitica di base (prima parte)

Geometria analitica di base (prima parte) SAPERE Al termine di questo capitolo, avrai appreso: come fissare un sistema di riferimento cartesiano ortogonale il significato di equazione di una retta il significato di coefficiente angolare di una

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione:

Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: Verso l'esame di Stato Definisci il Campo di Esistenza ( Dominio) di una funzione reale di variabile reale e, quindi, determinalo per la funzione: y ln 5 6 7 8 9 0 Rappresenta il campo di esistenza determinato

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Esame di Geometria (Prof. F. Tovena) Argomenti: Proprietà di nucleo e immagine di una applicazione lineare. dim V = dim

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Fondamenti di Controlli Automatici - A.A. 7/8 4 Dicembre 7 - Esercizi Compito A Nr. Nome: Nr. Mat. Firma: a) Determinare la trasformata di Laplace X i (s) dei seguenti segnali temporali x i (t): x (t)

Dettagli

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili

Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili Massimi e minimi vincolati di funzioni in due variabili I risultati principali della teoria dell ottimizzazione, il Teorema di Fermat in due variabili e il Test dell hessiana, si applicano esclusivamente

Dettagli

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO

LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO LA FUNZIONE DI TRASFERIMENTO Può essere espressa sia nel dominio della s che nel dominio della j Definizione nel dominio della s. è riferita ai soli sistemi con un ingresso ed un uscita 2. ha per oggetto

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI MATEMATICA TRIENNIO CORSO TURISTICO, AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Obiettivi del triennio: ; elaborando opportune soluzioni; 3) utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica

Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Universita degli Studi di Roma Tor Vergata Facolta di Ingegneria Elettronica Terzo Appello del corso di Geometria e Algebra II Parte - Docente F. Flamini, Roma, 7/09/2007 SVOLGIMENTO COMPITO III APPELLO

Dettagli

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione

Diagrammi di Bode. I Diagrammi di Bode sono due: 1) il diagramma delle ampiezze rappresenta α = ln G(jω) in funzione 0.0. 3.2 Diagrammi di Bode Possibili rappresentazioni grafiche della funzione di risposta armonica F (ω) = G(jω) sono: i Diagrammi di Bode, i Diagrammi di Nyquist e i Diagrammi di Nichols. I Diagrammi

Dettagli

Studio del grafico di una funzione reale

Studio del grafico di una funzione reale Capitolo 1 Studio del grafico di una funzione reale Questo testo è una guida per lo studio del grafico di una funzione. Non è un testo completo ma solo una bozza che servirà agli studenti per arrivare

Dettagli

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola

Analisi 2. Argomenti. Raffaele D. Facendola Analisi 2 Argomenti Successioni di funzioni Definizione Convergenza puntuale Proprietà della convergenza puntuale Convergenza uniforme Continuità e limitatezza Teorema della continuità del limite Teorema

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica...

1 Grafico di una funzione reale 1. 2 Funzioni elementari 2 2.1 Funzione potenza... 2 2.2 Funzione esponenziale... 3 2.3 Funzione logaritmica... UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica Funzioni reali di variabile reale Indice Grafico di una funzione reale 2 Funzioni elementari 2 2. Funzione potenza................................................

Dettagli

Stabilità di Lyapunov

Stabilità di Lyapunov Stabilità di Lyapunov Flaviano Battelli Dipartimento di Scienze Matematiche Università Politecnica delle Marche Ancona Introduzione. In queste note presentiamo i primi elementi della teoria della stabilità

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale

Corso di Analisi Matematica. Funzioni reali di variabile reale a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Funzioni reali di variabile reale Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I

Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Corso di Laurea in Ingegneria Civile Analisi Matematica I Lezioni A.A. 2003/2004, prof. G. Stefani primo semiperiodo 22/9/03-8/11/03 Testo consigliato: Robert A. Adams - Calcolo differenziale 1 - Casa

Dettagli

I appello - 26 Gennaio 2007

I appello - 26 Gennaio 2007 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Informatica e delle Telecom. A.A.006/007 I appello - 6 Gennaio 007 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. (N.B. il quesito teorico è obbligatorio)

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA

PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA Simulazione 01/15 ANNO SCOLASTICO 01/15 PROBLEMI TRADIZIONALI SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO PER IL LICEO SCIENTIFICO Il candidato risolva uno dei due problemi Problema 1 Nella

Dettagli

1 Appunti a cura di prof.ssa MINA Maria Letizia integrati e pubblicati in data 12/10/10

1 Appunti a cura di prof.ssa MINA Maria Letizia integrati e pubblicati in data 12/10/10 FUNZIONE OMOGRAFICA ASINTOTO VERTICALE: ASINTOTO ORIZZONTALE: 1 abbiamo verificato che, applicando all iperbole equilatera base, la dilatazione verticale di coefficiente 7 e la traslazione di vettore di

Dettagli

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2.

DOMINIO E LIMITI. Esercizio 3 Studiare gli insiemi di livello della funzione f, nei seguenti casi: 1) f(x,y) = y2 x 2 + y 2. FUNZIONI DI DUE VARIABILI 1 DOMINIO E LIMITI Domini e disequazioni in due variabili. Insiemi di livello. Elementi di topologia (insiemi aperti, chiusi, limitati, convessi, connessi per archi; punti di

Dettagli

Rette e curve, piani e superfici

Rette e curve, piani e superfici Rette e curve piani e superfici ) dicembre 2 Scopo di questo articolo è solo quello di proporre uno schema riepilogativo che metta in luce le caratteristiche essenziali delle equazioni di rette e curve

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2001 Sessione suppletiva ESME DI STT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINMENT 1 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e dei 1 quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEM 1 Si consideri la funzione reale

Dettagli

Criteri di stabilità (ver. 1.2)

Criteri di stabilità (ver. 1.2) Criteri di stabilità (ver. 1.2) 1 1.1 Il concetto di stabilità Il concetto di stabilità è piuttosto generale e può essere definito in diversi contesti. Per i problemi di interesse nell area dei controlli

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI

LE FUNZIONI A DUE VARIABILI Capitolo I LE FUNZIONI A DUE VARIABILI In questo primo capitolo introduciamo alcune definizioni di base delle funzioni reali a due variabili reali. Nel seguito R denoterà l insieme dei numeri reali mentre

Dettagli

I.I.S. "MARGHERITA DI SAVOIA" a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA classe I BL Numeri naturali L insieme dei numeri naturali e le quattro operazioni aritmetiche. Le potenze. Espressioni. Divisibilità, numeri primi. M.C.D. e m.c.m. Numeri interi relativi L insieme dei

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Coordinate Cartesiane nel Piano

Coordinate Cartesiane nel Piano Coordinate Cartesiane nel Piano O = (0,0) origine degli assi ascissa, y ordinata sistemi monometrici: stessa unità di misura sui due assi, y sistemi dimetrici: unità di misura diverse sui due assi (spesso

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

Il sistema di Rossler

Il sistema di Rossler Il sistema di Rossler Il sistema di Rossler è considerato il più semplice sistema di terzo ordine a tempo continuo capace di manifestare comportamenti di tipo caotico. = = + (1) = + Questo sistema presenta

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0

LEZIONE 23. Esempio 23.1.3. Si consideri la matrice (si veda l Esempio 22.2.5) A = 1 2 2 3 3 0 LEZIONE 23 231 Diagonalizzazione di matrici Abbiamo visto nella precedente lezione che, in generale, non è immediato che, data una matrice A k n,n con k = R, C, esista sempre una base costituita da suoi

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica I

Esercizi di Analisi Matematica I Esercizi di Analisi Matematica I Andrea Corli e Alessia Ascanelli gennaio 9 Indice Introduzione iii Nozioni preliminari. Fattoriali e binomiali..................................... Progressioni..........................................

Dettagli

Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria

Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Esercizi di riepilogo Matematica II Corso di Laurea in Ottica ed Optometria Esercizio 1 Testo Sia F F 1 x,y),f x,y)) ) x 1 x y + 1 x, y 1 x y + 1 y un campo vettoriale. 1. Si determini il dominio in cui

Dettagli

Funzioni reali di più variabili reali

Funzioni reali di più variabili reali Funzioni reali di più variabili reali Generalità. Indichiamo con R n il prodotto cartesiano di R per sé stesso, n volte: R n = {(, 2,, n ) ;! R,, n!r}. Quando n = 2 oppure n = 3 indicheremo le coordinate

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 Sessione straordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 3 Sessione straordinaria Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA È assegnata

Dettagli

Diagonalizzazione di matrici e applicazioni lineari

Diagonalizzazione di matrici e applicazioni lineari CAPITOLO 9 Diagonalizzazione di matrici e applicazioni lineari Esercizio 9.1. Verificare che v = (1, 0, 0, 1) è autovettore dell applicazione lineare T così definita T(x 1,x 2,x 3,x 4 ) = (2x 1 2x 3, x

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1

SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 SIMULAZIONE TEST ESAME - 1 1. Il dominio della funzione f(x) = log (x2 + 1)(4 x 2 ) (x 2 2x + 1) è: (a) ( 2, 2) (b) ( 2, 1) (1, 2) (c) (, 2) (2, + ) (d) [ 2, 1) (1, 2] (e) R \{1} 2. La funzione f : R R

Dettagli

SOLUZIONI D = (-1,+ ).

SOLUZIONI D = (-1,+ ). SOLUZIONI. Data la funzione f() ( ) ln( ) a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli intervalli in cui f() risulta positiva e quelli in cui risulta negativa c) determina le eventuali intersezioni

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

4. Funzioni elementari

4. Funzioni elementari ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

a) Il campo di esistenza di f(x) è dato da 2x 0, ovvero x 0. Il grafico di f(x) è quello di una iperbole -1 1

a) Il campo di esistenza di f(x) è dato da 2x 0, ovvero x 0. Il grafico di f(x) è quello di una iperbole -1 1 LE FUNZIONI EALI DI VAIABILE EALE Soluzioni di quesiti e problemi estratti dal Corso Base Blu di Matematica volume 5 Q[] Sono date le due funzioni: ) = e g() = - se - se = - Determina il campo di esistenza

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI

FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI FONDAMENTI DI AUTOMATICA / CONTROLLI AUTOMATICI Guida alla soluzione degli esercizi d esame Dott. Ing. Marcello Bonfè Esercizi sulla scomposizione di modelli nello spazio degli stati: Gli esercizi nei

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

Le derivate versione 4

Le derivate versione 4 Le derivate versione 4 Roberto Boggiani 2 luglio 2003 Riciami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo ce dati due punti del piano A(x, y ) e B(x 2, y 2 ) con x x 2 la retta

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana

( a ) ( ) ( Circuiti elettrici in corrente alternata. I numeri complessi. I numeri complessi in rappresentazione cartesiana I numeri complessi I numeri complessi in rappresentazione cartesiana Un numero complesso a è una coppia ordinata di numeri reali che possono essere pensati come coordinate di un punto nel piano P(a,a,

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso Prof. Bruno Picasso LEZIONI: Introduzione al corso. Introduzione ai sistemi dinamici. I sistemi dinamici come sistemi di equazioni differenziali; variabili

Dettagli

Note di matematica per microeconomia

Note di matematica per microeconomia Note di matematica per microeconomia Luigi Balletta Funzioni di una variabile (richiami) Una funzione di variabile reale ha come insieme di partenza un sottoinsieme di R e come insieme di arrivo un sottoinsieme

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

La spirale iperbolica: Fu descritta per la prima volta da Pierre Varignon (1654-1722). L equazione, espressa in coordinate polari, è del tipo:

La spirale iperbolica: Fu descritta per la prima volta da Pierre Varignon (1654-1722). L equazione, espressa in coordinate polari, è del tipo: Esistono delle forme geometriche che sono in grado, per complessi fattori psicologici non del tutto chiariti, di comunicarci un senso d equilibrio, di gradimento e di benessere. Tra queste analizzeremo

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

I appello - 24 Marzo 2006

I appello - 24 Marzo 2006 Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ing. Energetica e Gestionale A.A.2005/2006 I appello - 24 Marzo 2006 Risolvere gli esercizi motivando tutte le risposte. I.) Studiare la convergenza puntuale,

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE

LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE LEZIONI DI ALGEBRA LINEARE PER LE APPLICAZIONI FINANZIARIE FLAVIO ANGELINI Sommario Queste note hanno lo scopo di indicare a studenti di Economia interessati alla finanza quantitativa i concetti essenziali

Dettagli