Sistema per il prelievo di sangue sottovuoto Per uso diagnostico in vitro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema per il prelievo di sangue sottovuoto Per uso diagnostico in vitro"

Transcript

1 Sistema per il prelievo di sangue sottovuoto Per uso diagnostico in vitro Utilizzo previsto: Le provette per il prelievo di sangue, i portaprovette e gli aghi VACUETTE sono usati nel loro insieme quale sistema per il prelievo di sangue venoso. Le provette VACUETTE sono utilizzate per il prelievo, il trasporto, la conservazione e il trattamento del sangue ai fini dell analisi del siero, del plasma o del sangue intero nel laboratorio clinico, per uso professionale. Descrizione del prodotto: Le provette VACUETTE sono realizzate in materiale plastico e dotate di vuoto precalibrato che rende esatto il volume di riempimento. Sono inoltre provviste di cappucci di sicurezza VACUETTE codificati mediante colore (vedere la seguente tabella). Le provette, le concentrazioni degli additivi, i volumi degli additivi liquidi e le relative tolleranze ammesse, così come il rapporto sangue/additivo, sono conformi ai requisiti e alle raccomandazioni dello standard internazionale ISO 6710 (EN 14820) Single-use containers for venous blood specimen collection (Contenitori monouso per il prelievo di campioni ematici venosi) e alle direttive CLSI (Clinical and Laboratory Standards Institute). La scelta dell'additivo dipende dal metodo analitico selezionato, specificato dal produttore dei reagenti e/o degli strumenti per mezzo dei quali si effettuano le analisi. Le provette sono sterili all interno. Codici dei colori dei tappi di sicurezza VACUETTE Descrizione Colore del tappo di sicurezza Colore dell anello interno Provette senza additivo Z nessun additivo bianco nero Provette per coagulazione 9NC Citrato di sodio per coagulazione al 3,2% azzurro nero 9NC Citrato di sodio per coagulazione al 3,8% azzurro nero CTAD azzurro giallo Provette per siero Z Attivatore coagulazione siero rosso nero Z Attivatore sep. coagulazione siero rosso giallo Z Attivatore coagulazione granuli siero rosso rosso Provette di eparina LH eparina di litio verde nero sep. LH eparina di litio verde giallo AH eparina di ammonio verde nero NH eparina di sodio verde nero Provette con EDTA (ematologia) K2E EDTA K2 (anche immunoematologia) lilla nero K3E EDTA K3 (anche immunoematologia) lilla nero Provette con EDTA (diagnostica molecolare, determinazione carica virale) K2E EDTA K2 lilla nero sep. K2E EDTA K2 lilla giallo Provette per glucosio FE fluoruro di sodio/edta (K2E/K3E) grigio nero FX Fluoruro di sodio/ossalato di potassio grigio nero LH eparina di litio e iodoacetato grigio nero FH fluoruro di sodio/eparina di sodio grigio nero GLUCOMEDICS grigio rosso Provetta per prove crociate Z attivatore coagulazione rosa nero K3E EDTA K3 rosa nero Provette per determinazione del gruppo sanguigno ACD-B giallo nero ACD-A giallo nero CPDA giallo nero Provetta per elementi in tracce NH eparina di sodio blu reale nero Z attivatore coagulazione blu reale nero Provette VES (980232) Provette per la determinazione dell'omocisteina Soluzione tamponata di sodio citrato/acido citrico bianco rosso (Le provette provviste di anello bianco interno indicano dei volumi di riempimento minori di 1 ml o 2 ml) Rev /7

2 Provette VACUETTE di coagulazione e provette VACUETTE CTAD Le provette VACUETTE di coagulazione contengono una soluzione tampone di trisodio citrato. Sono disponibili concentrazioni di citrato da 0,109 mol/l (3,2%) o 0,129 mol/l (3,8%). La scelta della concentrazione dipende dalle disposizioni dei laboratori. Il rapporto di miscelazione è di 1 parte di citrato e 9 parti di sangue. Le provette VACUETTE con CTAD contengono oltre alla soluzione tampone di citrato anche teofillina, adenosina e dipiridamolo. Le provette VACUETTE per coagulazione e CTAD sono utilizzate per le analisi di coagulazione. Provette VACUETTE per siero Le pareti interne di tutte le provette VACUETTE per siero sono provviste di un rivestimento in particelle di silice micronizzata che attivano la coagulazione quando la provetta viene capovolta delicatamente. Le provette VACUETTE per sep. siero contengono sul fondo un gel barriera. La densità relativa di questo materiale è compresa fra quella del coagulo di sangue e quella del siero. Durante la centrifugazione, il gel barriera transita fra il siero e il coagulo, formando una barriera stabile che separa il siero da fibrina e cellule. Il siero può essere aspirato direttamente dalla provetta per il prelievo, eliminando il bisogno del trasferimento in un altro contenitore. Le provette VACUETTE per siero con granuli contengono sul fondo piccole sfere di polistirolo. La densità relativa di questo granulato è compresa fra quella del coagulo di sangue e quella del siero. Durante la centrifugazione, il granulato si sposta in superficie, formando uno strato fra il siero e il coagulo di sangue. Le provette VACUETTE per siero sono usate per le determinazioni su siero nelle analisi di routine nel campo della chimica clinica (ormoni, sierologia, immunoematologia e TDM). I TDM sono stati in parte testati in provette con gel (per ulteriori dettagli vedere gli studi all'indirizzo Provette VACUETTE con eparina La parete interna della provetta è rivestita di eparina di litio, eparina di ammonio o eparina di sodio. L'eparina anticoagulante attiva le antitrombine, inibendo in questo modo la cascata coagulativa e producendo un campione di sangue intero/plasma, la qual cosa la rende ideale per analisi rapide e analisi del sangue in pazienti sottoposti a terapia anticoagulante. Le provette VACUETTE con sep. litio eparina contengono al loro interno un gel barriera. La densità relativa di questo materiale è compresa fra quella delle cellule ematiche e quella del plasma. Durante la centrifugazione il gel barriera si sposta verso l'alto fornendo una barriera stabile che separa il plasma dalle cellule. Il plasma può essere aspirato direttamente dalla provetta per il prelievo, eliminando il bisogno del trasferimento manuale ad un altro contenitore. Le provette VACUETTE con eparina sono usate per le determinazioni su plasma nelle analisi di routine nel campo della chimica. Le determinazioni di litio non devono essere effettuate in provette VACUETTE con litio eparina. Le determinazioni di ammonio non devono essere effettuate in provette VACUETTE con eparina di ammonio. Le determinazioni di sodio non devono essere effettuate in provette VACUETTE con eparina di sodio. Provette VACUETTE con EDTA Le provette VACUETTE con EDTA K2 sono utilizzate per le analisi dal sangue intero in ematologia. Le provette EDTA possono essere inoltre utilizzate anche per effettuare analisi di routine in campo immunoematologico (determinazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh, test per la ricerca di anticorpi) in laboratori di analisi e diagnostica molecolare. La parete interna della provetta è rivestita di EDTA K2 o EDTA K3. La provetta è disponibile anche con una soluzione liquida all'8% di EDTA. L EDTA lega gli ioni di calcio, inibendo in questo modo la cascata coagulativa. Lo striscio di sangue dovrebbe essere effettuato entro 3 ore dal prelievo. Le provette VACUETTE con EDTA sono adatte per effettuare analisi su sangue intero nei laboratori di ematologia clinica entro le 24 ore a temperatura ambiente. Le provette VACUETTE con sep. EDTA K2 sono adatte per analisi su plasma per la diagnostica molecolare e la determinazione della carica virale. Provette VACUETTE per glucosio Le provette VACUETTE per glucosio sono disponibili con vari additivi. Le provette contengono un anticoagulante e uno stabilizzatore. EDTA e fluoruro di sodio/ossalato di potassio e fluoruro di sodio/eparina di sodio e fluoruro di sodio/eparina di litio e eparina di litio/iodoacetato. Le provette VACUETTE per glucosio sono adatte per la determinazione della concentrazione di glucosio nel sangue entro le 48 ore. Fare riferimento alle istruzioni del kit di test per la provetta desiderata, in particolare per l'analisi del lattato Rev /7

3 Provette GLUCOMEDICS VACUETTE Le provette GLUCOMEDICS VACUETTE si usano per stabilizzare la concentrazione di glucosio in vivo nel sangue in toto e/o nel plasma per un massimo di 24 ore subito dopo il prelievo di sangue. Le provette GLUCOMEDICS VACUETTE sono sterili, monouso, in materiale plastico, sotto vuoto e dotate di tappi di sicurezza VACUETTE contenenti una miscela di additivo costituita da Na 2 EDTA, fluoruro di sodio, acido citrico e citrato di sodio. Per compensare la diluizione con l'additivo, i risultati vanno moltiplicati per un fattore di 1,16. In alcuni casi questo fattore può essere soggetto a fluttuazioni fisiologiche naturali. Provette VACUETTE per prove crociate Le provette VACUETTE per prove crociate sono disponibili in due versioni: un tipo di provetta contiene un attivatore di coagulazione utilizzato per prove crociate con siero, mentre l'altro tipo contiene EDTA K3 e si utilizza per prove crociate con sangue intero. Il campo di applicazione è il crossmatching. Provette VACUETTE per la determinazione del gruppo sanguigno Le provette VACUETTE per la determinazione del gruppo sanguigno sono disponibili con due soluzioni ACD (Acid Citrate Dextrose) in due formulazioni (ACD-A o ACD-B) oppure con una soluzione CPDA (Citrate Phosphate Dextrose Adenin). Le provette VACUETTE per la determinazione del gruppo sanguigno sono adatte per determinare il gruppo sanguigno oppure per la conservazione delle cellule. Le cellule all'interno delle provette sono stabili per una durata pari alla corrispondente sacca per plasma (con ACD di solito per 21 giorni a 4 C e CPDA per 35 giorni a 4 C) Provette VACUETTE per elementi in tracce Le provette VACUETTE per elementi in tracce contengono eparina sodica o attivatore di coagulazione e sono impiegate per la determinazione degli elementi in tracce. Limiti massimi di contaminazione per Provette VACUETTE per elementi in tracce con eparina sodica (ppb) Ag Argento < 1,0 *1 Mn Manganese < 1,0 *1 Al Alluminio < 2,6 Mo Molibdeno < 1,0 *1 As Arsenico < 1,0 *1 Ni Nichel < 1,0 *1 Ba Bario < 1,0 *1 Pb Piombo < 0,2 *1 Be Berillio < 1,0 *1 Se Selenio < 1,0 *1 Bi Bismuto < 1,3 Sb Antimonio < 1,0 *1 Cd Cadmio < 0,2 *1 Sn Stagno < 1,0 *1 Cr Cromo < 1,0 *1 Te Tellurio < 1,0 *1 Co Cobalto < 1,0 *1 Th Torio < 1,0 *1 Cu Rame < 1,0 *1 Tl Tallio < 0,2 *1 Hg Mercurio < 0,2 *1 U Uranio < 1,0 *1 I Iodio < 1,0 *1 Zn Zinco < 2,9 Li Litio < 1,0 *1 1 limite di rilevazione di ICP-MS Provette VACUETTE per la determinazione dell'omocisteina Le provette VACUETTE per la determinazione dell'omocisteina contengono una soluzione tamponata di sodio citrato/acido citrico (ph=4,2) che stabilizza l omocisteina in sangue intero. Durante il prelievo, assicurarsi del completo riempimento delle provette (fino alla tacca). Capovolgere delicatamente le provette 5-10 volte subito dopo il prelievo di sangue per ottenere una corretta miscelazione di additivo e sangue. Il risultato ottenuto dall analisi della concentrazione di omocisteina va quindi moltiplicato per il fattore di diluizione 1:11 per compensare la diluizione con citrato. In alcuni casi questo fattore può essere soggetto a fluttuazioni fisiologiche naturali. Non adatto per le analisi enzimatiche. Come hanno mostrato le valutazioni dell'assay, non c'è sempre compatibilità, pertanto verificare la compatibilità prima dell'utilizzo. In assenza di compatibilità, è possibile che i risultati dell'analisi siano falsi o non validi. Per ulteriori informazioni vedere la pagina - Rubrica Provette da omocisteina. Precauzioni/avvertenze per VACUETTE 1. Non utilizzare le provette in presenza di particelle estranee! 2. La manipolazione di campioni biologici e degli accessori taglienti per il prelievo di sangue (lancette pungidito, aghi, adattatori Luer e kit per il prelievo di sangue) deve essere effettuata osservando e rispettando le disposizioni e le procedure della struttura in cui si opera. 3. In caso di esposizione a campioni biologici (ad esempio, a seguito di puntura accidentale), sottoporsi ai controlli medici del caso, poiché i campioni biologici possono trasmettere HIV (AIDS), epatite virale o agenti patogeni ematici. 4. Per lo smaltimento degli accessori taglienti si dovranno utilizzare gli appositi contenitori per materiali a rischio biologico approvati. 5. Il trasferimento dei campioni di sangue da una siringa a una provetta non è raccomandato. L'ulteriore manipolazione di oggetti taglienti aumenta il rischio di lesione da puntura di ago. Inoltre c è il pericolo che Rev /7

4 premendo il pistoncino della siringa si generi un eccesso di pressione all interno della provetta provocando un apertura non intenzionale del tappo con potenziale esposizione al sangue. L'uso di una siringa per il trasferimento di sangue può inoltre causare un riempimento delle provette eccessivo o insufficiente, con conseguenti errori nelle concentrazioni degli additivi rispetto al sangue e risultati delle analisi potenzialmente errati. 6. Qualora il prelievo di sangue avvenga attraverso una linea endovenosa (IV), accertarsi che questa sia priva di soluzione IV prima di iniziare a riempire le provette di prelievo di sangue. Questo è essenziale per evitare dati di laboratorio errati dovuti a contaminazione da fluido IV 7. Non utilizzare provette contenenti litio iodoacetato le cui pareti interne presentino un velo giallo. 8. Tutti i conservanti e gli anticoagulanti liquidi sono incolore e trasparenti (eccezione: le provette CPDA contengono un liquido giallastro). Non utilizzare delle provette in cui l additivo abbia cambiato colore o contenga precipitati. 9. Non utilizzare le provette dopo la data di scadenza indicata. Conservazione Temperatura raccomandata per la conservazione: 4-25 C (40-77 F). NOTA: evitare l'esposizione alla luce diretta del sole. Il superamento della temperatura massima raccomandata per la conservazione può compromettere la qualità delle provette (p.es. perdita del vuoto, essiccazione degli additivi liquidi, modifica del colore, ecc.). Limitazioni 1. Per informazioni sui materiali di campionamento corretti, sul corretto stoccaggio e sulla stabilità, consultare le istruzioni per l'uso del kit di test del relativo analizzatore. 2. Il plasma-eparina deve essere separato entro 2 ore dalle componenti cellulari, tramite centrifugazione di provette con gel oppure tramite trasferimento del plasma in un contenitore secondario se non vengono utilizzate provette con gel. 3. In alcuni casi (ad esempio con i metodi enzimatici) la compatibilità dell'assay con le provette VACUETTE per la rilevazione di omocisteina non è garantita: verificare la compatibilità prima dell'utilizzo. In assenza di compatibilità dell'assay, è possibile che i risultati dell'analisi siano falsi o non validi. Per ulteriori informazioni vedere la pagina - Rubrica Provette da omocisteina. 4. Molti TDM sono stati già testati. Vedere gli studi alla pagina 5. Le determinazioni della vitamina D3 tramite HPLC non possono essere eseguite in modo illimitato in tutte le provette con gel. 6. Le provette da siero comuni non sono idonee per la determinazione degli elementi in tracce, come Ag, Al, As, Ba, Be, Cd, Cr, Co, Cu, Hg, I, Li, Mn, Mo, Ni, Pb, Se, Sb, Sn, Te, Th, Tl, U, Zn. Prelievo del campione e manipolazione LEGGERE ATTENTAMENTE IL SEGUENTE DOCUMENTO PRIMA DI EFFETTUARE IL PRELIEVO DEL SANGUE. Dispositivi necessari per il prelievo. Prima della puntura venosa assicurarsi che sia a portata di mano il seguente materiale: 1. tutte le provette necessarie, identificate per dimensione, volumi e additivi; 2. guanti monouso e dispositivi di protezione individuali; 3. etichette per l'identificazione sicura dei campioni dei pazienti; 4. aghi e porta aghi per prelievo di sangue; NOTA: gli aghi VACUETTE per il prelievo di sangue sono ideati appositamente per l uso in combinazione con porta aghi della Greiner Bio-One. L uso di porta aghi di altri produttori è soggetto alla responsabilità dell utente. 5. un batuffolo imbevuto di alcol per la detersione del sito; 6. laccio emostatico; 7. cerotto adesivo o bendaggio; 8. contenitore per l eliminazione sicura dei materiali usati. Sequenza raccomandata per il prelievo del sangue: (riferimenti: CLSI H3-A6) 1 provette per emocultura/senza additivi 2provette per la coagulazione* 3 siero/sep. siero 4 eparina/sep. eparina 5 EDTA 6 Glucosio 7 altri tipi di provette *Se estratta per prima, è idonea unicamente per gli esami di routine (cioè PT e aptt) NOTA: nei casi in cui non siano richieste provette per coltura ematica, GBO consiglia l'uso di provette senza additivi Rev /7

5 NOTA: per la sequenza del prelievo, rispettare sempre il protocollo della struttura in cui si opera. Impedimento di riflusso di sangue La maggior parte delle provette per il prelievo di sangue contiene additivi chimici. Pertanto è importante impedire un possibile riflusso dalla provetta, che potrebbe causare reazioni negative nel paziente. A questo scopo, adottare le seguenti precauzioni: 1. tenere il braccio del paziente disteso; 2. reggere la provetta con il tappo rivolto verso l alto; 3. non appena il sangue inizia a fluire nella provetta, rilasciare il laccio emostatico; 4. accertarsi che il contenuto della provetta non entri in contatto con il tappo o l'estremità dell'ago durante il prelievo venoso. Congelamento/scongelamento Tutte le provette con gel possono essere congelate a temperature inferiori a -70 C per un breve periodo di tempo (ad es. per il trasporto). Si raccomanda di conservare i campioni in frigorifero per 2 ore prima del congelamento. Congelare le provette in gel centrifugate in posizione verticale su rastrelliere metalliche aperte a -20 C per 2 ore. Le provette possono rimanere a una temperatura di -20 C o essere trasferite a -70 C. Si raccomanda lo scongelamento a temperatura ambiente o in frigorifero. Miscelare i campioni scrupolosamente prima dell'analisi. Per un plasma-eparina perfettamente pulito, i campioni scongelati devono essere frazionati e centrifugati. Per una conservazione a lungo termine si raccomanda l'uso di speciali criocontenitori. Si raccomanda agli utenti di adottare il proprio protocollo di congelamento. Altitudine elevata Per i prelievi ad altitudine elevata (1500 m/5000 ft) raccomandiamo provette apposite. Il vuoto in queste provette compensa la pressione esterna bassa. Tecnica di puntura venosa PER RIDURRE AL MINIMO IL PERICOLO DI ESPOSIZIONE, DURANTE LE PROCEDURE DI PUNTURA VENOSA E NEL MANEGGIARE LE PROVETTE PER IL PRELIEVO DI SANGUE, INDOSSARE I GUANTI. 1. Selezionare una o più provette appropriate per il campione richiesto. 2. Rimuovere la protezione al di sopra della sezione valvola dell'ago. 3. Infilare l'ago nel porta aghi. Assicurarsi che l'ago sia posizionato saldamente affinché non si sfili durante l'uso. 4. Applicare il laccio emostatico come necessario (max. 1 minuto) 5. Preparare il sito della puntura con un prodotto antisettico appropriato. NON TOCCARE CON LE MANI L'AREA DELLA PUNTURA VENOSA DOPO LA PULIZIA! 6. Tenere il braccio del paziente disteso. 7. Rimuovere il cappuccio dell'ago. Eseguire la puntura venosa CON IL BRACCIO DISTESO E IL TAPPO DELLA PROVETTA NELLA PARTE PIÙ ALTA. 8. Spingere la provetta nel supporto e sulla valvola dell'ago, perforando la membrana in gomma. Centrare le provette nel supporto durante la penetrazione del tappo, per evitare la penetrazione laterale e quindi una prematura perdita del vuoto. 9. RIMUOVERE IL LACCIO EMOSTATICO APPENA IL SANGUE APPARE NELLA PROVETTA. EVITARE CHE IL CONTENUTO DELLA PROVETTA ENTRI IN CONTATTO CON IL CAPPUCCIO O L'ESTREMITÀ DELL'AGO DURANTE LA PROCEDURA. Tenere sempre in posizione, premendo la provetta con il pollice per garantire la pressione negativa del vuoto. NOTA: talvolta è possibile che il sangue fuoriesca dalla cannula dell'ago. Attenersi alle precauzioni standard universalii per ridurre al minimo il pericolo di esposizione. In assenza di flusso di sangue nella provetta oppure se il flusso di sangue si blocca prima di raggiungere il livello di riempimento adeguato, per completare il prelievo in modo soddisfacente si raccomanda di procedere come segue: a) Spingere la provetta in avanti finché il tappo della provetta non sia penetrato interamente. Tenerlo sempre in posizione, premendo la provetta con il pollice per garantire la pressione negativa del vuoto. b) Verificare la posizione corretta dell ago nella vena. c) Se non dovesse iniziare il flusso di sangue, togliere la provetta e applicare una nuova provetta nel supporto. d) Se questa misura non dovesse portare a un esito positivo, rimuovere l ago e smaltirlo. Ripetere la procedura a partire dal punto Quando la provetta risulta completamente riempita e il flusso di sangue si blocca, sfilarla lentamente dal supporto. 11. Porre le provette successive nel supporto, perforando la membrana per avviare il flusso. Estrarre le provette senza additivi prima di quelle con additivi. Vedere la sequenza raccomandata per il prelievo del sangue Rev /7

6 12. Capovolgere delicatamente le provette subito dopo il prelievo di sangue per ottenere una corretta miscelazione di additivo e sangue. Capovolgere la provetta piena e poi riportarla in posizione diritta. In questo modo si ottiene un capovolgimento completo. NOTA: non agitare le provette. Una miscelazione troppo energica può causare la formazione di schiuma o emolisi. Al contrario, una miscelazione insufficiente o non tempestiva delle provette per siero può causare ritardi nella coagulazione. La miscelazione inadeguata delle provette contenenti anticoagulanti può condurre ad aggregazione piastrinica, coagulazione e/o risultati di esame errati. 13. Non appena il flusso di sangue nell'ultima provetta si interrompe, rimuovere la provetta ed estrarre l'ago dalla vena, applicando una pressione sul sito di puntura con un tampone sterile asciutto, fino all'arresto del sanguinamento. Una volta terminata la coagulazione, se lo si desidera, applicare una benda. NOTA: dopo il prelievo venoso, la parte superiore del cappuccio può contenere sangue residuo. Adottare le opportune precauzioni per la manipolazione delle provette, per evitare il contatto con il sangue. Un porta aghi contaminato da sangue è considerato pericoloso e deve essere smaltito immediatamente. 14. Smaltire l'ago usato insieme al porta aghi, utilizzando un dispositivo di smaltimento adeguato. NON REINSERIRE IL CAPPUCCIO! Questa operazione aumenta il rischio di ferite da aghi e l'esposizione al sangue. È responsabilità ultima del laboratorio verificare che il passaggio da una provetta all'altra non influenzi significativamente i risultati analitici ottenuti dai campioni dei pazienti. NOTA: mantenere le provette, quelle di siero in particolare, in posizione verticale. Centrifugazione Accertarsi che le provette siano inserite correttamente nell apposito sostegno per la centrifugazione; un posizionamento incompleto può causare il distacco del tappo di sicurezza VACUETTE dalla provetta. NOTA: le provette VACUETTE per siero devono essere centrifugate dopo un periodo di tempo pari a 30 minuti dal prelievo onde ridurre al minimo successive coagulazioni (formazione di fibrina) nel siero. Questo fatto può causare la contaminazione del dispositivo di analisi e una falsificazione dei risultati. La coagulazione del sangue di pazienti sottoposti a terapia anticoagulante o che presentino disturbi della coagulazione può richiedere tempi superiori ai 30 minuti. Lasciar coagulare completamente le provette per siero prima della centrifugazione. Tipo di provetta Provette VACUETTE per siero/con sep./con granuli Provette VACUETTE EDTA/con sep. Provette VACUETTE Eparina plasma/con sep. Provette VACUETTE per glucosio Provette VACUETTE per la determinazione dell'omocisteina Capovolgimenti (miscelazione) 5-10x Forza g raccomandata forza centrifuga relativa (rcf) Tempo (min) g g 10 Provette VACUETTE per coagulazione - Prove funzionali trombociti (PRP) 150 g 5 - Esami di routine (PPP) g x - Preparazione per plasma citrato per g 20 congelamento (PFP) Anche altre impostazioni di centrifugazione possono fornire una separazione accettabile. Le provette per plasma dovrebbero essere preferibilmente centrifugate a una forza g alta (ad es g). È compito del laboratorio valutare e convalidare questo (ad es. una forza g maggiore e/o tempi minori). Le barriere sono più stabili quando le provette sono centrifugate in appositi dispositivi con rotori oscillanti orizzontali piuttosto che a testata ad angolo fisso. Se il movimento del gel talvolta non è adeguato (specialmente a causa di un ematocrito >50%), si raccomanda di usare una forza g maggiore e un tempo di centrifugazione più prolungato. La centrifugazione dovrebbe essere effettuata in una centrifuga refrigerata. Temperature elevate possono avere ripercussioni negative sulle caratteristiche fisiche del gel. Idealmente l estrazione del siero o del plasma dovrebbe avvenire a temperature comprese fra 20 e 22 C. NOTA: Provette dovrebbero essere centrifugate non più tardi di 2 ore dopo il prelievo. Un contatto prolungato delle cellule di sangue con il siero o il plasma potrebbe causare una falsificazione dei risultati delle analisi, per cui è possibile che la centrifugazione debba avvenire prima, a seconda dell'analita. Non si raccomanda di ricentrifugare le provette con gel una volta formatasi la barriera. I detriti al di sotto della barriera potrebbero contaminare il supernatante Rev /7

7 Tappi VACUETTE Il sistema di prelievo di sangue VACUETTE è dotato di un particolare tappo di sicurezza che riduce al minimo la generazione di aerosol. Sono disponibili due sistemi di chiusura differenti a seconda delle dimensioni della provetta: Provette da 13 mm: Premium e non-ridged Le provette Premium sono dotate di tappo di sicurezza a vite VACUETTE. Rimuovere il tappo dalla provetta con movimento antiorario. Il tappo non può essere rimosso con una semplice manovra di trazione verso l alto. Anche le provette tipo non-ridged sono dotate di tappo di sicurezza a vite VACUETTE. Tuttavia, a causa dell'assenza di tacche sulle provette, il tappo può essere rimosso con un semplice movimento di trazione. Provette da 16 mm:tappo di sicurezza a scatto VACUETTE - rimuovere il tappo dalla provetta con un semplice movimento di trazione. Speciali tappi a scatto di sola PE sono disponibili per rincappucciare le provette per la conservazione. Smaltimento 1. Per il corretto smaltimento di materiale infettivo bisogna osservare e rispettare le linee guida generali e le disposizioni di legge riguardanti l igiene. 2. I guanti monouso riducono il rischio di infezioni. 3. Le provette contaminate o riempite di sangue devono essere smaltite in idonei contenitori di smaltimento per materiali a rischio biologico, che possono essere quindi autoclavati e inceneriti successivamente. 4. Lo smaltimento deve avvenire negli appositi impianti di incenerimento oppure per mezzo di trattamento in autoclave (sterilizzazione a vapore). Informazioni sulle etichette Numero articolo Lotto N.: numero di lotto Data di scadenza. Utilizzare entro la fine del mese indicato Sterilizzazione per irradiazione Non riutilizzare Rappresentante autorizzato nell'unione Europea Dispositivo per diagnosi in vitro Consultare le istruzioni per l'uso Produttore Limiti di temperatura Riferimenti: Standard ISO/EN/ANSI/AAMI ISO 6710 Single-use containers for venous blood specimen collection EN 14820:2004 Single-use containers for human venous blood specimen collection ISO Sterilisation of health care products Requirements for validation and routine control Radiation sterilisation Riferimenti: H1-A6 "Evacuated Tubes and Additives for Blood Specimen Collection- 6th Edition", Approved Standard H3-A6 "Procedures for the Collection of Diagnostic Blood Specimens by Venipuncture", Approved Standard-6th Edition H21-A5 "Collection, Transport, and Processing of Blood Specimens for Coagulation Testing and General Performance of Coagulation Assays", Approved Standard - 5th Edition H20-A2 Reference Leukocyte Differential Count (Proportional) and Evaluation of Instrumental Methods, Approved Standard - 2nd Edition. H26-A2 Performance Goals for the Internal Quality Control of Multichannel Hematology Analyzers, Approved Standard 2nd Edition. Lotto specifico del produttore; fare riferimento all'etichetta sulla confezione Greiner Bio-One GmbH Bad Hallerstr Kremsmünster Austria Rev /7

Prezzo Complessivo (iva esclusa, massimo 4 cifre decimali) Q x Pu. Prezzo Unitario in lettere. Prezzo Totale in lettere

Prezzo Complessivo (iva esclusa, massimo 4 cifre decimali) Q x Pu. Prezzo Unitario in lettere. Prezzo Totale in lettere VOCE PROVETTA con DIM mm. VOLUME ml. Base d'asta K3 EDTA 13x75 2.0 (±0,2) 0,08 2 K3 EDTA 13X 100 6.0 0,08 3 K3 EDTA 13x75 3-4 0,08 4 LITIO EPARINA 13X100 6.0 (±1) 0,08 LITIO EPARINA con gel 5 separatore

Dettagli

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI Informazioni importanti per Medici ed Ostetriche per la raccolta del sangue cordonale Questa è una procedura molto semplice,

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA LT 0 Pag. : 1 di 6 Redatta da: Giancarlo Paganico Verificata da: Giancarlo Paganico Approvato da: DUO COPIA N... N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA 1 2 3 4 5 Pag. : 2 di 6 INDICE 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

MACO BIOTECH. Sistemi di raccolta e lavorazione delle cellule staminali. Sangue da Cordone Ombelicale

MACO BIOTECH. Sistemi di raccolta e lavorazione delle cellule staminali. Sangue da Cordone Ombelicale MACO BIOTECH Sistemi di raccolta e lavorazione delle cellule staminali Sangue da Cordone Ombelicale MACO BIOTECH: SACCHE PER PRELIEVO DI SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Le cellule ematopoietiche, la loro

Dettagli

ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA ISTANZA

ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA ISTANZA FARMACIA XXXXXX del dott. XXXXXX Via xxxxx, xx xxxxxx yyyyyyy PROCEDURA 3 - ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA ISTANZA Rev. 0 del 04/03/2015 ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto D.P.I. (DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE) DPI cosa sono? DEFINIZIONE: per dispositivo di protezione individuale,

Dettagli

DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO. (E. Vuillard)

DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO. (E. Vuillard) DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO (E. Vuillard) La strategia delle Precauzioni Standard Sangue Liquidi e materiali biologici Tutte le - secrezioni - escrezioni, Cute lesa

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto RISCHIO BIOLOGICO DEFINIZIONE: Il rischio biologico è la possibilità di contrarre una malattia infettiva nel corso delle

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI.

1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. PAGINA 1 di 6 1 - ATTREZZATURE, ADDITIVI, MEZZI DI PROTEZIONE, ECC. NECESSARI. QUANTITA 1 Flacone acido solforico H 2 SO 4 (25%) (P.A.) 1 Flacone acido nitrico HNO 3 concentrato (65%) (SUPRAPUR x ANALISI

Dettagli

AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO

AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO Cateteri per arteria/vena ombelicale in poliuretano a lume singolo Argyle Codice prodotto Descrizione del prodotto 8888160325 CATETERE OMBELICALE IN URETANO DA 2,5

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

Lavorazione del latte

Lavorazione del latte Prodotti per Lavorazione del latte Il nostro assortimento di prodotti per Lavorazione del latte 3/16 Indice 1. Pulizia a circuito chiuso... 4 1 a) Circuito alcalino / Avvolgimenti. vagli e forme per formaggio...

Dettagli

Preparazione ed allestimento dei preparati citologici

Preparazione ed allestimento dei preparati citologici Preparazione ed allestimento dei preparati citologici Dr.ssa Ilaria Di Candia, DVM La citologia diagnostica (citopatologia) è l esame morfologico delle cellule prelevate da un tessuto. L utilità della

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

Prove di combustione

Prove di combustione Giornata Dimostrativa del Progetto BioTec Analisi delle tecniche di combustione e ricerca sui processi di produzione di biocombustibili da biomasse agro-forestali Prove di combustione Andrea Cristoforetti

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE

L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE IGIENE E SICUREZZA DEI CIRCUITI IDRICI DEI RIUNITI L ANELLO DEBOLE DEL CICLO DI STERILIZZAZIONE TRATTAMENTO E DISINFEZIONE ACQUE PERCHE TRATTARE E DISINFETTARE L ACQUA IN AMBITO ODONTOIATRICO? INFEZIONE

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

Maxwell 16 Blood DNA Purification System

Maxwell 16 Blood DNA Purification System Manuale Tecnico Maxwell 16 Blood DNA Purification System Attenzione maneggiare le cartucce con attenzione, le estremità dei sigilli possono essere taglienti. 2800 Woods Hollow Rd. Madison, WI USA Dispositivo

Dettagli

Dati tecnici Pressione (bar) : max. 10 Temperatura ( C) : max. 200 Volume campione (ml) : 150 / 250 / 500 / 1000

Dati tecnici Pressione (bar) : max. 10 Temperatura ( C) : max. 200 Volume campione (ml) : 150 / 250 / 500 / 1000 NEOTECHA Dispositivo di campionamento sicuro e affidabile, in grado di soddisfare le esigenze del settore chimico e farmaceutico. Caratteristiche Estrazione di campioni rappresentativi da reattori in condizioni

Dettagli

DSSD per Therapeutic Drug Monitoring e Farmacogenetica.

DSSD per Therapeutic Drug Monitoring e Farmacogenetica. Via Lessolo, 19-10153 TORINO Tel.011.8129005 - fax.011.5364575 e-mail : info@biomicron.it DSSD Dried Sample Spots Device for Low Cost Shipping (Laboratori Biomicron srl in collaborazione con Laboratorio

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

FLOVAC. contenitori monouso di raccolta per liquidi aspirati

FLOVAC. contenitori monouso di raccolta per liquidi aspirati FLOVAC contenitori monouso di raccolta per liquidi aspirati Sistema FLOVAC Generalità Il dispositivo FLOVAC viene utilizzato per la raccolta dei fluidi organici in aspirazione ed è stato progettato e costruito

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Per la purificazione del DNA genomico proveniente dai kit di prelievo Oragene e ORAcollect. Per le istruzioni

Dettagli

Guida all utilizzo dell autoiniettore. one.click è un dispositivo medico CE 0086. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso.

Guida all utilizzo dell autoiniettore. one.click è un dispositivo medico CE 0086. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso. Guida all utilizzo dell autoiniettore one.click è un dispositivo medico CE 0086. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso. Introduzione a one.click Questa è una guida sintetica all

Dettagli

SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO STERIDIAMOND BUSTE E ROTOLI

SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO STERIDIAMOND BUSTE E ROTOLI SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO STERIDIAMOND BUSTE E ROTOLI Mod. ST19 Rev. 2 Del 10.02.2009 Identificazione del Fabbricante ECS SRL Via XXV Aprile, 3 23854 Olginate (LC) Italia Identificazione del dispositivo

Dettagli

L emogasanalisi. L emogasanalisi. Modalità corretta di esecuzione del prelievo. Patrizia Ferrari CPSE U.O.Rianimazione e U.O.

L emogasanalisi. L emogasanalisi. Modalità corretta di esecuzione del prelievo. Patrizia Ferrari CPSE U.O.Rianimazione e U.O. L emogasanalisi Modalità corretta di esecuzione del prelievo Patrizia Ferrari CPSE U.O.Rianimazione e U.O.Terapia Intensiva L emogasanalisi E un prelievo di sangue arterioso attraverso il quale si analizzano

Dettagli

HELIX TEST ITALIANO HELIX TEST ISTRUZIONI PER L'USO. Since 1996 MEDICAL TRADING

HELIX TEST ITALIANO HELIX TEST ISTRUZIONI PER L'USO. Since 1996 MEDICAL TRADING Since 1996 MEDICAL TRADING ITALIANO I ISTRUZIONI PER L'USO Distributore Locale : MEDICAL TRADING S.R.L. Amministrazione / Administration / Administration / Verwaltung : Via F. Reina, 133 21047 - SARONNO

Dettagli

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING

DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING DALL ESTRAZIONE DEL DNA AL FINGERPRINTING SCOPO DELL'ATTIVITÀ Ciascuno studente estrae il proprio DNA da cellule della mucosa boccale. Quindi, mediante PCR, vengono amplificati frammenti corrispondenti

Dettagli

man uale utente Italiano Hoefer PR648 Slot Blot Manifold mu PR648-IM/Italian/Rev.F0/08-12

man uale utente Italiano Hoefer PR648 Slot Blot Manifold mu PR648-IM/Italian/Rev.F0/08-12 man uale utente Italiano Hoefer PR648 Slot Blot Manifold mu PR648-IM/Italian/Rev.F0/08-12 Indice Introduzione...1 Specificazioni...2 Procedura per l utilizzo standard del Hoefer PR648...3 Impostazione

Dettagli

STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE TERMICA E/O CHIMICA

STERILIZZAZIONE DECONTAMINAZIONE TERMICA E/O CHIMICA STERILIZZAZIONE La necessità di operare in un ambiente ambulatoriale protetto che garantisca la corretta sterilizzazione degli strumenti è un problema attuale e urgente. L odontoiatria è una branca operativa

Dettagli

GRAVIDANZA test. MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante.

GRAVIDANZA test. MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. GRAVIDANZA test MODALITA' DI RICHIESTA: Pazienti interni: tramite modulo interno prestampato. Pazienti esterni: tramite richiesta del medico curante. PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL'ESAME: Il paziente deve

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI Allegato 3 Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: Descrizione prodotto: : soluzioni di acqua

Dettagli

Linea Guida REV.2 Pag. 1/7

Linea Guida REV.2 Pag. 1/7 Linea Guida REV.2 Pag. 1/7 Rev Data Causale Verifica Approvazione Destinatari 0 20/10/2007 Prima emissione Comitato Infezioni Ospedaliere 1 06/09/2010 Aggiornamento Comitato Infezioni Ospedaliere 2 20/09/2012

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

grado di fornire i propri servizi Dal 1959 la ditta E.L.B.A., con grande tempestività su Emporio, Lingotto, Bronzo, tuffo il territorio nazionale,

grado di fornire i propri servizi Dal 1959 la ditta E.L.B.A., con grande tempestività su Emporio, Lingotto, Bronzo, tuffo il territorio nazionale, Dal 1959 la ditta E.L.B.A., Emporio, Lingotto, Bronzo, Alluminio, inizia la commercializzazione di barre in bronzo a colata continua nella 1 sede del centro cittadino, fornendo i grado di fornire i propri

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della L. 31-7-2002, n.179 L 11 settembre 2002 è stato pubblicato sulla

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PROCEDURALI. per la marcatura degli ELEMENTI DEL SANGUE

RACCOMANDAZIONI PROCEDURALI. per la marcatura degli ELEMENTI DEL SANGUE Associazione Italiana di Medicina Nucleare ed Imaging Molecolare RACCOMANDAZIONI PROCEDURALI per la marcatura degli ELEMENTI DEL SANGUE a cura del Gruppo di Studio Infezioni- Infiammazioni Estensori: Alberto

Dettagli

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3.

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3. FASE 2. identificare il processo che ha prodotto il rifiuto. L identificazione della tipologia del rifiuto permette di identificare le successive due cifre del codice: 01 02 rifiuti legati alle attività

Dettagli

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI Il primo passaggio per la maggior parte delle procedure che verranno trattate in questo corso consiste nell estrazione del DNA (e dell RNA) da materiale biologico, e nella sua purificazione mediante separazione

Dettagli

Sterilizzazione con buste per sterilizzazione PeelVue+ Linee guida e istruzioni di convalida. Supporto al QMS dello studio dentistico

Sterilizzazione con buste per sterilizzazione PeelVue+ Linee guida e istruzioni di convalida. Supporto al QMS dello studio dentistico Sterilizzazione con buste per sterilizzazione PeelVue+ Linee guida e istruzioni di convalida Supporto al QMS dello studio dentistico Sommario Pagina 1 Informazioni fondamentali 3 2 Preparazione 4 3 Riempimento

Dettagli

siringhe da laboratorio

siringhe da laboratorio siringhe da laboratorio Dal modello base ai modelli resistenti alla corrosione, questa linea di siringhe dedicate al laboratorio offre strumenti precisi ed affidabili. Progettata per una distribuzione

Dettagli

HELIX TEST SYSTEM. Dispositivo per la valutazione della capacità di penetrazione del vapore all interno di carichi cavi

HELIX TEST SYSTEM. Dispositivo per la valutazione della capacità di penetrazione del vapore all interno di carichi cavi HELIX TEST SYSTEM Dispositivo per la valutazione della capacità di penetrazione del vapore all interno di carichi cavi DOCUMENTAZIONE Schede tecniche illustrative Certificati B.S. Export S.r.l. Via A.

Dettagli

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE I GUANTI MONOUSO

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE I GUANTI MONOUSO OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE I GUANTI MONOUSO a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari

presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari Cos è il Food-Detective? E un test rapido per la rilevazione delle intolleranze alimentari E un test sicuro ed affidabile E un test che si esegue

Dettagli

Training per l'incannulazione

Training per l'incannulazione Training per l'incannulazione Per tutte le controindicazioni, avvertenze, precauzioni, eventi avversi e per istruzioni complete, consultare le istruzioni per l'uso. 00274 IT Rev F 12Set2014 Introduzione

Dettagli

Attenzione: le leggi federali degli Stati Uniti limitano la vendita di questo dispositivo da parte o su ordine di un medico

Attenzione: le leggi federali degli Stati Uniti limitano la vendita di questo dispositivo da parte o su ordine di un medico Set di tubi TS3 Codice prodotto: TS3 Attenzione: le leggi federali degli Stati Uniti limitano la vendita di questo dispositivo da parte o su ordine di un medico Descrizione del prodotto Il Set di tubi

Dettagli

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori

Istruzioni d uso. BAG Cycler Check. REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori Istruzioni d uso BAG Cycler Check REF 7104 (10 test) REF 71044 (4 test) Kit per la validazione dell uniformità della temperatura nei termociclatori pronto all uso, prealiquotato Indice 1. Descrizione del

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

SERVICE 2 3.0 08/2015-IT. MicroStop. Contenitori per sterilizzazione e accessori

SERVICE 2 3.0 08/2015-IT. MicroStop. Contenitori per sterilizzazione e accessori SERVICE 2 3.0 08/2015-IT MicroStop Contenitori per sterilizzazione e accessori Contenitori per sterilizzazione MicroStop Il ponte ideale tra sala operatoria, smaltimento, sterilizzazione e stoccaggio,

Dettagli

MISURE PRECAUZIONALI PER GLI OPERATORI SANITARI DI ODONTOIATRIA DA ADOTTARE NELLA MANIPOLAZIONE DI STRUMENTI ACUMINATI E/O TAGLIENTI

MISURE PRECAUZIONALI PER GLI OPERATORI SANITARI DI ODONTOIATRIA DA ADOTTARE NELLA MANIPOLAZIONE DI STRUMENTI ACUMINATI E/O TAGLIENTI MISURE PRECAUZIONALI PER GLI OPERATORI SANITARI DI ODONTOIATRIA DA ADOTTARE NELLA MANIPOLAZIONE DI STRUMENTI ACUMINATI E/O TAGLIENTI A - Infortunio durante l uso dello strumento B - Infortunio dopo l

Dettagli

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE LA DISINFEZIONE La lotta alle malattie infettive passa necessariamente dalle procedure di disinfezione Fulvio MARSILIO Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Teramo LA SCELTA Sul mercato

Dettagli

GESTIONE EMOCOMPONENTI AD USO NON TRASFUSIONALE TRASFUSIONALE.

GESTIONE EMOCOMPONENTI AD USO NON TRASFUSIONALE TRASFUSIONALE. REDAZIONE,,VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE APPROVAZIONE AUTORIZZAZION E EMISSIONE Dott. Gino Bernuzzi- Dirigente Medico U.O. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Dott Alessandro

Dettagli

Test Monofase Menopausa

Test Monofase Menopausa Test Monofase Menopausa MANUALE D USO ATTENZIONE: Gli operatori devono leggere e capire completamente questo manuale prima di utilizzare il prodotto. 0197 ITALIANO 2 PRINCIPIO La menopausa è la cessazione

Dettagli

Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6

Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6 VIRAGGI Sommario Finalità... 2 Viraggi ai solfuri... 2 Viraggi all'oro... 4 Viraggi ai ferrocianuri... 5 Viraggi - 1/6 Finalità Il viraggio è un trattamento per sostituire, in tutto o in parte, l'argento

Dettagli

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

NNKOMNM. =kìçîç=~=é~êíáêé=ç~w. áå`çêáë=km. fëíêìòáçåá=çdìëç. fí~äá~åç

NNKOMNM. =kìçîç=~=é~êíáêé=ç~w. áå`çêáë=km. fëíêìòáçåá=çdìëç. fí~äá~åç =kìçîç=~=é~êíáêé=ç~w NNKOMNM áå`çêáë=km fëíêìòáçåá=çdìëç fí~äá~åç Indice Sirona Dental Systems GmbH Indice 1 Dati tecnici... 3 2 Indicazioni per la lavorazione... 4 2.1 Lavorazione... 4 2.2 Rivestimento...

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi 1 - Analisi per la caratterizzazione energetica e chimico-fisica dei materiali 1.1 - Biomasse solide * 1 Umidità CEN/TS 14774 Ceneri a 550 C CEN/TS 14775 Potere

Dettagli

POLYMED CATALOGO 2013 RUBINETTI IN POLICARBONATO RAMPE - RACCORDI

POLYMED CATALOGO 2013 RUBINETTI IN POLICARBONATO RAMPE - RACCORDI CATALOGO 2013 RUBINETTI IN POLICARBONATO RAMPE - RACCORDI Informazioni di carattere generale CONFORMITA PRODOTTO I raccordi conici Luer sono conformi agli standard ISO 594-1 per siringhe, aghi ed altra

Dettagli

DESCRIZIONE LOTTO 0,77000 308,00

DESCRIZIONE LOTTO 0,77000 308,00 ALLEGATO A6 - Procedura aperta per l affidamento della fornitura biennale in somministrazione, prorogabile di un ulteriore anno, di dispositivi medici non aggiudicati da SO.RE.SA. - Importo biennale a

Dettagli

KIT A FOGLIO ILLUSTRATIVO SCHEDA DI SICUREZZA DEL MATERIALE

KIT A FOGLIO ILLUSTRATIVO SCHEDA DI SICUREZZA DEL MATERIALE DENSITY PLATELET GEL PRP/PRF DISPOSITIVO MEDICO PER L ODONTOIATRIA, MAXILLO FACCIALE, MEDICINA ESTETICA, CHIRURGIA ESTETICA, MEDICINA GENERALE, CHIRURGIA ORTOPEDICA, ORTOPEDIA, MEDICINA DELLO SPORT, DERMATOLOGIA,

Dettagli

Mercodia Ultrasensitive C-peptide ELISA

Mercodia Ultrasensitive C-peptide ELISA Mercodia Ultrasensitive C-peptide ELISA Instruzioni per l uso 10-1141-01 REAGENTI PER 96 RILEVAZIONI Per l uso diagnostico in vitro Prodotto da Mercodia AB, Sylveniusgatan 8A, SE-754 50 Uppsala, Svezia

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

Test delle urine multi-strisce (1-11 parametri)

Test delle urine multi-strisce (1-11 parametri) Test delle urine multi-strisce (1-11 parametri) PER USO PROFESSIONALE FOR PROFESSIONAL USE MANUALE D USO ATTENZIONE: Gli operatori devono leggere e capire completamente questo manuale prima di utilizzare

Dettagli

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi?

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? Dr Chimico Giuseppe Postorino Provincia di Reggio Calabria Reggio Calabria 30 maggio 2014 100 volume d affari dei servizi su base nazionale

Dettagli

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA

AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20. Marina Speri VERONA AZIENDA UNITÀ SANITARIA 20 Marina Speri VERONA LE FRODI ALIMENTARI IN UOVA E OVOPRODOTTI Rovigo, 5 giugno 2009 Alcuni dati del comparto PRODUZIONE 2008: 12 miliardi e 952 milioni di uova CONSUMO 2008 :

Dettagli

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1

Area igienico sanitaria. 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 Area igienico sanitaria 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 1 SALUTE SICUREZZA 12/02/2010 Corso OSS 2009/2010 Luca Cecchetto 2 Cosa intendiamo per sicurezza. Sicurezza: situazione certa e costante

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. PER ACCETTAZIONE Timbro della ditta e firma del Legale Rappresentante

CAPITOLATO TECNICO. PER ACCETTAZIONE Timbro della ditta e firma del Legale Rappresentante CAPITOLATO TECNICO GARA A PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN NOLEGGIO DI APPARECCHIATURE PER EMODIALISI E FORNITURA DEL RELATIVO MATERIALE DI CONSUMO 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE APPARECCHIATURE

Dettagli

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali

MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1. Estrazione dei microelementi totali METODI IX METODI DI DETERMINAZIONE DEI MICROELEMENTI E DEI METALLI PESANTI MICROELEMENTI CON TITOLO INFERIORE OD UGUALE AL 10% Metodo IX.1 Estrazione dei microelementi totali 1. Oggetto Il presente documento

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

OraSure Technologies, Inc. 1745 Eaton Avenue, Bethlehem, PA 18018-1799 Phone: (610) 882-1820 (800) 869-3538 (USA) Fax: (610) 882-1830 www.orasure.

OraSure Technologies, Inc. 1745 Eaton Avenue, Bethlehem, PA 18018-1799 Phone: (610) 882-1820 (800) 869-3538 (USA) Fax: (610) 882-1830 www.orasure. OraSure Technologies, Inc. 1745 Eaton Avenue, Bethlehem, PA 1818-1799 Phone: (61) 882-182 (8) 869-3538 (USA) Fax: (61) 882-183 www.orasure.com SALIVA ALCOHOL TEST Istruzioni sul prodotto per A15 Codice

Dettagli

DIABETE D I A B E T E S

DIABETE D I A B E T E S DIABETE D I A B E T E S Diabete 1 da 10 06/2011 DIABETE TEST & DIAGNOSTICA GLUCOMETRI 3 STRISCE DI CONTROLLO 4 SOLUZIONE DI CONTROLLO 4 PENNA PUNGIDITO 4 LANCETTE STERILI MONOUSO 5 LANCETTE DI SICUREZZA

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Trattare come prodotto potenzialmente infettivo.

Trattare come prodotto potenzialmente infettivo. ISTRUZIONI PER L USO VITROS Immunodiagnostic Products Confezione dei reagenti Anti-HIV 1+2 ahiv 124 1850 Impiego Per la valutazione qualitativa in vitro degli anticorpi diretti contro il virus dell immunodeficienza

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA CONSEGNARE ALLA DIREZIONE SANITARIA DELLA STRUTTURA IN CUI AVVIENE IL PARTO INDICE DEI CONTENUTI :

DOCUMENTAZIONE DA CONSEGNARE ALLA DIREZIONE SANITARIA DELLA STRUTTURA IN CUI AVVIENE IL PARTO INDICE DEI CONTENUTI : DOCUMENTAZIONE DA CONSEGNARE ALLA DIREZIONE SANITARIA DELLA STRUTTURA IN CUI AVVIENE IL PARTO INDICE DEI CONTENUTI : I. DESCRIZIONE E DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA CE 93/42/ CE DEL KIT DI

Dettagli

IL TRASPORTO E LA SPEDIZIONE IN SICUREZZA DI CAMPIONI BIOLOGICI

IL TRASPORTO E LA SPEDIZIONE IN SICUREZZA DI CAMPIONI BIOLOGICI IL TRASPORTO E LA SPEDIZIONE IN SICUREZZA DI CAMPIONI BIOLOGICI Con l'aumento di collaborazioni tra i laboratori, così come la tendenza verso la centralizzazione in un unico grande laboratorio per le analisi

Dettagli

competenze applicabili ai PoCT Il suo uso è sinergico con lo standard definito

competenze applicabili ai PoCT Il suo uso è sinergico con lo standard definito Congresso Nazionale Interdisciplinare Buona pratica clinica e ricerca scientifica nell urgenza-emergenza emergenza Innovazione tecnologica nell ambito della medicina d emergenza-urgenza Workshop: Le alterazioni

Dettagli

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO E al capitolato d'oneri ELENCO PREZZI LOTTO 1 Matrice Parametro

Dettagli

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE Infusione di liquidi Infusione rapidacontrollata Infusione controllata nelle 24h I sistemi di Infusione meccanica in uso sono: Pompa volumetrica Pompa elastomerica Pompa

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010

Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010 Studio Odontoiatrico Dott.Guido Gandini Via Zuretti,47/ B 20125 Milano Tel. 02 6686436 Milano,01/09/2010 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI : OGPRO07/d MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE

Dettagli

Il percorso di convalida nei servizi trasfusionali calabresi

Il percorso di convalida nei servizi trasfusionali calabresi La Medicina Trasfusionale verso l' Europa Crotone Sala Congressi Lido degli Scogli 9-10 Ottobre 2015 Il percorso di convalida nei servizi trasfusionali calabresi Dr. A.Trimarchi Simt Reggio Cal 8 Corso

Dettagli

MycXtra Kit di estrazione per DNA fungino

MycXtra Kit di estrazione per DNA fungino Per uso diagnostico in vitro: MycXtra MycXtra Kit di estrazione per DNA fungino REF 080-005 Uso previsto Il kit di estrazione per DNA fungino MycXtra è studiato per isolare e purificare il DNA fungino

Dettagli

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI CVC. Sonia Zamboni UOC Oncologia Medica

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI CVC. Sonia Zamboni UOC Oncologia Medica LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI CVC Sonia Zamboni UOC Oncologia Medica Negrar, 14 settembre 2015 Infusione Prelievi ematici Manutenzione Medicazione Educazione sanitaria INFUSIONI Il CVC va utilizzato

Dettagli

Heraenium P. Istruzioni per l uso

Heraenium P. Istruzioni per l uso Heraenium P Istruzioni per l uso A norma DIN EN ISO 9693 e tipo 5 a norma DIN EN ISO 22674 Heraenium P è una lega a base di cromo-cobalto per la realizzazione di corone e ponti con rivestimento in ceramica

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO. Art. n. 1 Oggetto e quantità della fornitura ALLEGATO A GARA PER LA FORNITURA IN SERVICE DI SISTEMI PER LA PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI E PER L ALLESTIMENTO DI REAZIONI DI PRE-PCR E POST-PCR SU PIATTAFORMA ROBOTIZZATA Azienda Ospedaliera di Padova

Dettagli

Introduzione. Il sistema Accu-Chek Aviva Connect. Perché è importante misurare la glicemia regolarmente? w AVVERTENZA

Introduzione. Il sistema Accu-Chek Aviva Connect. Perché è importante misurare la glicemia regolarmente? w AVVERTENZA Indice Introduzione...3 Capitolo 1: Il nuovo sistema...5 Capitolo 2: Controllo di funzionalità...13 Capitolo 3: Test della glicemia...19 Capitolo 4: Impostazioni del misuratore...29 Capitolo 5: Revisione

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

Pulizia, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti

Pulizia, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti Corso di formazione TATUAGGIO E PIERCING: ASPETTI DI IGIENE E SICUREZZA Pulizia, disinfezione e sterilizzazione degli strumenti Dott. Cagarelli Roberto Dipartimento sanità pubblica di Modena Modena, 22

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DI DISPOSITIVI MEDICI TAGLIENTI E PUNGENTI PER LA PREVENZIONE DELLE FERITE DA TAGLIO E DA PUNTA

UTILIZZO IN SICUREZZA DI DISPOSITIVI MEDICI TAGLIENTI E PUNGENTI PER LA PREVENZIONE DELLE FERITE DA TAGLIO E DA PUNTA Pag.1 PROCEDURA OPERATIVA MEDICI TAGLIENTI E PUNGENTI PER LA PREVENZIONE DELLE FERITE DA TAGLIO Pag.2 1. SCOPO Manipolazione e smaltimento in sicurezza dei dispositivi medici taglienti e pungenti e dei

Dettagli

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT)

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) A.I.A. n.124 del 09.12.2008 Relazione Annuale Gennaio Dicembre Data 28/01/14 Rev: 0 Pagina

Dettagli

LE LEGHE DI ALLUMINIO E LO SMALTO PORCELLANATO

LE LEGHE DI ALLUMINIO E LO SMALTO PORCELLANATO LE LEGHE DI ALLUMINIO E LO SMALTO PORCELLANATO Angelo Ferraro, Technical Customer Service Manager Novelis Italia Angelo.Ferraro@novelis.com Premessa In questi ultimi anni c è stato un forte interesse per

Dettagli

Aferesi Terapeutica. Art e Art Universal. Conoscere le terapie extracorporee selettive

Aferesi Terapeutica. Art e Art Universal. Conoscere le terapie extracorporee selettive Aferesi Terapeutica Art e Art Universal Conoscere le terapie extracorporee selettive Art Trattamenti possibili Aferesi di sangue intero (DALI ) Plasmaferesi selettiva con singole colonne adsorbenti entrambe

Dettagli